MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE MONTEZEMOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE MONTEZEMOLO"

Transcript

1 MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE MONTEZEMOLO VIA A. DI BONAIUTO, ROMA Scuola primaria Padre Lais _ Tre Fontane Tintoretto Scuola secondaria di primo grado G. Montezemolo Tel Fax Tel. Dirigenza Sito : PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2013/2014 La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre. Albert Einstein

2 Dirigente Scolastico Prof. Franco Cavalieri Il Piano dell Offerta Formativa (POF), che ogni scuola elabora nell ambito della propria autonomia, ne rappresenta l identità culturale, progettuale e pedagogica. Il Collegio dei Docenti delibera gli aspetti formativi, didattici e pedagogici nel rispetto del dettato costituzionale e delle indicazioni ministeriali. Il Consiglio d Istituto delibera le finalità generali, gli aspetti organizzativi dello stesso. finanziari e Nel POF sono contenute tutte le informazioni utili per capire le modalità di gestione della scuola e il pensiero pedagogico che ne ispira l azione educativa-didattica. Il Piano dell Offerta Formativa dell Istituto "G. Montezemolo" è stato elaborato nel rispetto del quadro normativo di riferimento e delle peculiarità dei due ordini di scuola, focalizzando l attenzione sull apprendimento e sulle processualità, dopo aver eseguito l analisi del contesto, dei bisogni formativi e delle risorse, umane e non, interne ed esterne alla scuola. Documenti integrativi del POF sono il regolamento d Istituto che detta le regole della scuola e gli allegati relativi a specifiche aree di intervento. Il POF può essere consultato presso gli uffici scolastici e sul sito web della scuola all indirizzo:

3 INDICE PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA FISIONOMIA DELL ISTITUTO ARTICOLAZIONE PLESSI DELL ISTITUTO A. ANALISI DEL CONTESTO: BISOGNI-RISORSE Territorio Bisogni educativi e formativi Risorse Allegato 1 Addetti gestione emergenza Allegato 2 Personale Docente della scuola primaria Allegato 3Personale Docente della scuola secondaria di primo grado Allegato 4 Personale non docente B. DIREZIONE ED ORGANIZZAZIONE Allegato 5 Aree funzioni strumentali C. OFFERTA FORMATIVA LINEE GUIDA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE: SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Allegato 8 :Traguardi delle competenze del Primo ciclo Allegato 10- Progetti Scuola Secondaria di primo grado Orientamento scolastico e Progetto Educativo- Didattico PREVENZIONE DEI DISAGI E RECUPERO DEGLI SVANTAGGI Attività di accoglienza ed integrazione alunni stranieri VISITE GUIDATE - VIAGGI DI ISTRUZIONE LA VALUTAZIONE La valutazione del profitto Tabella di corrispondenza tra voto e giudizio Modalità di Verifica Allegato22- Pagellino Scuola Secondaria La valutazione del comportamento nella scuola secondaria di primo grado: Criteri di attribuzione del voto di comportamento Allegato23- Griglia di valutazione del comportamento - descrittori INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA E MATERIA ALTERNATIVA ALL I.R.C L identità disciplinare dell Insegnamento della Religione Cattolica, impartito nel pieno rispetto della libertà di coscienza degli alunni e inserito didatticamente nelle finalità della scuola, rimarca il ruolo che il confronto esplicito con la dimensione religiosa dell esperienza umana svolge per la piena formazione della persona, riconoscendo il valore della cultura religiosa in genere e i principi del cattolicesimo come facenti parte del patrimonio storico del popolo italiano Gli allegati sono consultabili nella cartella Montezemolo allegati - 3 -

4 FISIONOMIA DELL ISTITUTO ARTICOLAZIONE PLESSI DELL ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE MONTEZEMOLO Via Andrea di Bonaiuto, Roma Telefono: Fax: Codice Meccanografico: RMIC83000Q Sede Montezemolo di Via Andrea di Bonaiuto, Roma Scuola secondaria di primo grado Alunni classi, di cui 15 a tempo normale, 3 a indirizzo musicale e 3 a tempo prolungato Tempo normale - Orario lezioni dal Lunedì al Venerdì: 8.00/14.00 Indirizzo musicale- Orario lezioni- dal Lunedì al Venerdì:8.00/ h solfeggio, 1h strumento(pomeridiano) Tempo Prolungato - Orario lezioni Lunedì, Martedì, Giovedì: 8.00/16.00 Mercoledì e Venerdì: 8.00/15.00 E la sede centrale dell Istituto. Ospita gli uffici amministrativi (Dirigente Scolastico e Segreteria) e 7 sezioni di scuola secondaria di I grado. E articolata in: spazi esterni (cortili, aree verdi, alloggio ex custode), piano terra (uffici, aule, aula magna, palestra, mensa), primo piano (aule, laboratorio informatica, biblioteca alunni, laboratori, aule di sostegno)

5 Scuola primaria Tintoretto - Via Andrea del Castagno, Roma tel. e fax Cod.Mecc. RMEE83002V Alunni classi a tempo pieno Orario lezioni scuola primaria Tintoretto ore Sede Tintoretto La sede ospita 5 classi di scuola primaria e sezioni della scuola dell infanzia comunale Il Caleidoscopio. E articolata in : spazi esterni ( cortili, aree verdi, alloggio ex custode), piano terra (aule scuola dell infanzia comunale, cucina e mensa), primo piano ( aule scuola primaria, laboratorio informatico)

6 Scuola TRE FONTANE - Via del Tintoretto, Roma tel. e fax Cod.Mecc.RMEE83003X Scuola primaria: alunni classi 10 tempo pieno orario lezioni scuola primaria Tre Fontane ore Sede anche di Scuola secondaria di primo grado Alunni classi a tempo normale (corso C-D-L) Tempo normale - Orario lezioni dal Lunedì al Venerdì: 8.00/14.00 Sede Tre Fontane E articolata in: spazi esterni (cortili, aree verdi, alloggio ex custode), piano terra (10 classi scuola primaria,, palestra, cucina e mensa, laboratorio informatico scuola secondaria di I grado e laboratorio informatico scuola primaria), primo piano (aule 9 classi scuola secondaria di I grado, biblioteca, laboratorio di scienze e aula di Arte e di Musica). Nell edificio inoltre è presente la scuola dell infanzia comunale Gessetti colorati

7 Scuola primaria "PADRE LAIS" - Via di Padre Lais, Roma tel. e fax Cod. Mecc.RMEE83001T Alunni 426- classi 18, di cui 6 a tempo normale e 12 a tempo pieno Orario lezioni scuola primaria Padre Lais ore (tempo pieno) Ore dal lunedì al giovedì e il venerdì (tempo normale) Ore con un rientro settimanale ore (tempo normale) Sede Padre Lais La sede ospita 18 classi della scuola primaria e 6 classi della scuola dell infanzia comunale Piccoli Esploratori. E articolata: in spazi esterni (cortili, aree verdi, campo attrezzato per attività motorie e giochi da esterno, alloggio ex custode), piano terra ( palestra, cucina e mensa, aule scuola dell infanzia comunale), primo piano (aule scuola primaria), secondo piano (aule scuola primaria, laboratorio informatico, biblioteca, aula-teatro)

8 Padre Lais:27 ore settimanali ORGANIZZAZIONE ORARIA SCUOLA PRIMARIA Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Padre Lais:30 ore settimanali:(preferenza subordinata alla disponibilità di organico della scuola) + un rientro Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Padre Lais- Tintoretto- Tre Fontane: Tempo pieno:(preferenza subordinata alla disponibilità di organico della scuola) Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì ORGANIZZAZIONE ORARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CORSI A B F* G I** TEMPO SCUOLA ORDINARIO ORE CORSI C L TEMPO SCUOLA ORDINARIO ORE CORSO D TEMPO SCUOLA ORDINARIO ORE CORSO E INDIRIZZO MUSICALE ORE h Solfeggio +1h Strumento (pomeridiano) CORSO H TEMPO PROLUNGATO LUN-MAR-GIO:ORE MER-VEN: ORE INGLESE- SPAGNOLO SEDE MONTEZEMOLO *Attività di orientamento informaticopreparazione curricolare per esami ECDL ** Attività di orientamento scientificotecnologico INGLESE- SPAGNOLO SEDE TRE FONTANE INGLESE-FRANCESE SEDE TRE FONTANE INGLESE- FRANCESE SEDE MONTEZEMOLO INGLESE- FRANCESE SEDE MONTEZEMOLO (preferenza oraria subordinata alla disponibilità di organico della scuola) - 8 -

9 ORARIO RICEVIMENTO Orario di ricevimento del Dirigente (su appuntamento): Lun/Ven dalle 9 alle 11 presso la sede di Via A. di Bonaiuto, 16. Merc. dalle 9 alle 11 presso la sede di Via del Tintoretto 371 Orario di ricevimento della Segreteria (presso la Scuola Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16) ORARIO ANTIMERIDIANO Segreteria per il personale e Segreteria per gli alunni lunedì giovedì ORARIO POMERIDIANO Segreteria per il personale e Segreteria per gli alunni martedì I docenti ricevono in giornate ed orari definiti all inizio dell anno scolastico secondo un calendario che viene esposto nell atrio della scuola e pubblicato sul sito istituzionale:

10 Cenni storici L Istituto Comprensivo, costituitosi il 1^ settembre 2000, è stato intitolato a Giuseppe Montezemolo, colonnello dell Esercito Italiano, attivo nella resistenza partigiana, fucilato nel 1944, alle Fosse Ardeatine. Medaglia d oro al valor militare rappresenta una testimonianza di vita vissuta al servizio dei valori di libertà e democrazia sui quali è fondata la Costituzione della Repubblica Italiana. A. ANALISI DEL CONTESTO: BISOGNI-RISORSE Territorio L Istituto Comprensivo Statale Giuseppe Montezemolo via di Bonaiuto 16, è situato nell VIII municipio, quartiere Tre Fontane - Ottavo Colle (zona Laurentina, Tintoretto-Serafico) con una popolazione di circa abitanti, La struttura della popolazione condivide in gran parte le caratteristiche del centro cittadino che vede molte famiglie mononucleari (45,1%), per lo più costituite da persone anziane (le persone in età superiore ai 65 anni costituiscono il 24,7% del totale), da molte famiglie senza figli (il 61,2%).Sono in aumento gli stranieri. Il tenore di vita nel quartiere, secondo gli indicatori ISTAT è buono ed abbastanza elevato, si registra nel contempo l aumento della presenza di stranieri, in particolare di asiatici, rendendone più eterogeneo il profilo sociale. Le famiglie, nelle quali in genere lavorano entrambi i genitori, non fanno mancare ai loro figli opportunità formative, prevalentemente turistiche e sportive e demandano alla scuola quelle relative alla crescita umana e culturale, manifestando notevoli aspettative nei suoi riguardi. Gli alunni che frequentano l Istituto Comprensivo Montezemolo provengono sia dal distretto che da fuori distretto, da scuole statali e private. Sono presenti anche, soprattutto nella scuola primaria, numerosi alunni stranieri ed extracomunitari. Le famiglie richiedono prevalentemente il tempo pieno nella scuola primaria ( con il sabato libero), il tempo normale nella scuola secondaria di primo grado (dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle

11 ore ed il sabato libero). Il territorio gode di spazi verdi sia condominiali che pubblici e di infrastrutture sportive e culturali. Numerose sono le imprese di produzione, le società di servizi e le istituzioni esistenti nel quartiere: AGIP, ENI, JIFAD, Società di informatica, agenzie turistiche e molte banche. Le due Parrocchie offrono ai ragazzi le proprie strutture, campi di calcetto e di basket e altri spazi dove è consentito loro di riunirsi e socializzare. Indicatori Per individuare i bisogni dell utenza sono stati utilizzati i seguenti indicatori di contesto: indicatori demografici (rilevazioni statistiche della circoscrizione) indagine sugli esiti scolastici dei licenziati dalla scuola secondaria di primo grado, iscritti negli istituti secondari di secondo grado; coerenza degli esiti col giudizio dato alla fine del ciclo individuazione delle ripetenze (archivio scolastico) titolo di studio dei genitori reddito medio della popolazione del territorio In tale contesto, i ragazzi del nostro territorio, rivelano bisogni formativi ed educativi che il Progetto Educativo del nostro Istituto intende soddisfare attraverso: Bisogni educativi e formativi La raccolta dei dati e la successiva analisi degli stessi, ha posto in evidenza bisogni formativi degli studenti : sollecitare la curiosità, il gusto e il piacere della ricerca e della scoperta; dare senso alla varietà delle loro esperienze, acquisendo quindi anche strumenti per saper effettuare scelte;

12 percepire il lavoro come espressione, valorizzazione e sperimentazione di sé,come esercizio di autonomia, responsabilità, operatività, progettualità, rigore metodologico per mezzo di una didattica modulare e individualizzata; formarsi come cittadino dell Italia, dell Europa e del mondo; mirare al successo formativo curando le singole attitudini; acquisire una valida metodologia di studio e di ricerca; valorizzare le eccellenze e garantire l equità; Bisogni del personale docente creare le condizioni per una partecipazione attiva dei soggetti interessati all attuazione del POF; attivare forme di verifica/valutazione dei risultati raggiunti e della qualità del servizio; creare modelli di lavoro organizzativi efficienti; avere occasioni di aggiornamento mirato; incrementare occasioni di coordinamento didattico; costruire un rapporto di apertura e di collaborazione tra scuola e territorio. Bisogni delle famiglie garantire un ambiente sicuro e rispettoso; organizzare una struttura oraria funzionale; dare opportunità di sostegno e confronto nell azione educativa; favorire percorsi di eccellenza e di recupero

13 Risorse Nella prospettiva di ampliamento dell offerta formativa si intendono attivare tutte le risorse di cui l amministrazione dispone. Nella valutazione delle risorse saranno considerati quindi non solo i bisogni e le potenzialità degli studenti, ma anche la creatività professionale dei docenti, il supporto del personale non docente e la collaborazione dei genitori per una nuova gestione dell azione educativa. Risorse strutturali e spazi: Tutti i plessi occupano edifici relativamente moderni, dotati di aule spaziose e luminose, con servizi igienici adeguati per numero e con ampi giardini. Ambiente di lavoro La Direzione, convinta che il processo verso la sicurezza e la salute negli ambienti di lavoro debba essere patrimonio collettivo e influisca in maniera spesso determinante sulla qualità del servizio erogato, in applicazione del D. Lgs. 81/08 ed in linea con le più recenti metodologie di valutazione dei rischi, ha elaborato un sistema di gestione della sicurezza negli ambienti di lavoro. Riferimenti adottati per la valutazione dei rischi Per la valutazione delle condizioni di salute e sicurezza degli ambienti di lavoro e dei rischi lavorativi la scuola si avvale di un Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione esterno (RSPP) affinchè venga garantito a studenti e lavoratori quanto richiesto dalle norme di riferimento di seguito elencate: normative vigenti, precedenti al D. Lgs. 626/94, non abrogate; D.Lgs. n.81/08; Accordo Stato/Regioni. Almeno ogni anno il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) viene aggiornato sulla base delle segnalazioni e ricognizioni effettuate e la dirigenza provvede ad organizzare due prove di esodo

14 SICUREZZA Per ogni plesso sono stati formati per la mansione di ASPP: Padre Lais Tre Fontane Tintoretto Montezemolo de Rosa Angela Creatura Angela Pietrucci Manuela Allegato 1 Addetti gestione emergenza Risorse strumentali: tutti i plessi sono dotati di laboratori di informatica, linguistici, biblioteche, palestre. Nell istituto sono presenti complessivamente 30 LIM. Risorse finanziarie: finanziamenti dal MIUR e da Enti Locali; economie provenienti dalla gestione della mensa. Risorse provenienti dalle famiglie per i progetti con personale esterno all istituzione scolastica. Risorse professionali interne Personale docente e non docente alunni Risorse professionali esterne Enti locali Università Associazioni no-profit L Istituto G. Montezemolo ritiene che la gestione delle risorse umane sia un elemento di rilevanza strategica per la soddisfazione degli utenti e per l assicurazione della qualità del servizio ed il suo miglioramento continuo

15 Assegnazione dei ruoli alle risorse umane La maggior parte dei ruoli e delle funzioni nella scuola sono direttamente stabiliti da leggi dello Stato e dai Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro. Pertanto, il DS e il DSGA, ciascuno per quanto di propria competenza e nell ambito della discrezionalità gestionale consentita dalle norme di riferimento, assegnano al personale funzioni e ruoli individuati all interno dell organizzazione dell Istituto, sulla base di: competenze certificate; esperienza professionali; capacità operative; conseguimento degli obiettivi; capacità relazionali e di coinvolgimento; valutazione dei carichi di lavoro. A ciascuna risorsa umana vengono attribuiti uno o più ruoli, in coerenza con il profilo professionale individuato nell atto di nomina o di assegnazione. Allegato 2 Personale Docente della scuola primaria Allegato 3Personale Docente della scuola secondaria di primo grado Allegato 4 Personale non docente

16 B. DIREZIONE ED ORGANIZZAZIONE Organigramma Dirigente Scolastico Prof. Franco Cavalieri DSGA Michelina D Onofrio Collaboratore Vicario Sonia Schirato Referenti plessi Funzioni strumentali I C Montezemolo Isabella Bartoloni POF - DIDATTICA UTILIZZO NUOVE TECNOLOGIE USCITE- SPAZI CONTINUITA - ORIENTAMENTO ATTIVITA DI SOSTEGNO Padre Lais Angela de Rosa Cecilia Damiani Gaspare Adamo Cristina Biancone Antonella Conforti Alina Vecchione Tintoretto Fiamma Nucci Angela de Rosa Letizia La Placa Consiglia Topa Pina De Cicco Adriana Esposito Tre Fontane Consiglia Topa Elda Scarsella Anna Micela

17 Le Funzioni Strumentali I docenti che svolgono questo ruolo affiancano il D.S. nel compito di promuovere nella scuola quelle risorse individuali e sociali atte a sviluppare competenze, abilità, saperi e fanno parte dello staff di Presidenza. Allegato 5 Aree funzioni strumentali

18 C. OFFERTA FORMATIVA LINEE GUIDA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA La progettazione del Piano dell Offerta Formativa tiene conto dell organico d Istituto, nell esercizio dell autonomia didattica e organizzativa prevista dal D.P.R. 89/2009 secondo i criteri indicati nella C.M.31/2012, organizza attività educativodidattiche unitarie finalizzate al raggiungimento dei traguardi delle competenze presenti nelle Indicazioni per il Curricolo. LINEE GENERALI La finalità generale della scuola è lo sviluppo armonico e integrale della persona, all interno dei principi della Costituzione italiana e della tradizione culturale europea. Tutto ciò avviene attraverso la promozione della conoscenza, nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità individuali, con il coinvolgimento attivo degli studenti e delle famiglie. Coerentemente con il documento delle Indicazioni Nazionali, la nostra scuola elabora la programmazione didattica annuale individuando percorsi di apprendimento aperti alla interdisciplinarietà. Lo sviluppo di tali percorsi è stato pensato tenendo conto della continuità verticale tra i tre ordini di studi, la Scuola dell Infanzia, la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado e, in tale contesto, della progressività degli apprendimenti. Il curricolo si articola attraverso i campi d esperienza nella scuola dell Infanzia e attraverso le discipline, articolate in obiettivi d apprendimento, della Scuola Primaria e Secondaria di primo grado. L'Istituto Comprensivo assolve la funzione di garantire il corretto passaggio da un livello scolastico al suo successivo e di rendere più efficace il conseguimento degli obiettivi che sono determinanti per il raggiungimento delle competenze previste dalle Indicazioni. Le indicazioni nazionali per il curriculo individuano 4 diversi aspetti entro i quali si sviluppano le nostre attività didattico-educative. Il senso dell esperienza educativa che tende a favorire nell alunno la percezione delle proprie potenzialità e risorse che comporti una capacità di naturale attivazione delle stesse promuovendo quel senso di responsabilità che si traduce nel fare bene il proprio lavoro e nel portarlo a termine, nell avere cura di sé, degli oggetti e degli ambienti che si frequentano. Ma anche avere cura dei

19 rapporti personali sollecitando il riconoscimento della dignità della persona ed il rispetto reciproco L alfabetizzazione culturale di base non si limita alla alfabetizzazione strumentale del leggere, scrivere, far di conto, ma si estrinseca anche attraverso l acquisizione dei linguaggi e dei codici che costituiscono la struttura della nostra cultura. Tutto ciò al fine di porre il giovane individuo nelle condizioni di riconoscere e gestire in maniera organica tutte quelle informazioni che la nostra società liquida fornisce spesso disordinatamente e frammentariamente. L organizzazione e lo sviluppo di un adeguato ambiente di apprendimento, inteso a nostro avviso, non soltanto come fornitura ed utilizzo flessibile di spazi e locali attrezzati per specifiche discipline, ma anche come ambiente/clima sociale entro cui il ragazzo, comprendendo e rispettando le regole e sentendosi a proprio agio, possa entrare in relazione positiva con il personale scolastico e con i compagni per favorire modalità di impegno e studio collaborative, arrivando a capire che la interazione, la cooperazione e il confronto rappresentano forme privilegiate di apprendimento. Così facendo, favorendo la consapevolezza che una cittadinanza scolastica attiva e collaborativa ha senso anche garantendo risultati produttivi, il giovane compie il primo passo verso il suo futuro inserimento come cittadino di quel macroorganismo che è la società civile e potrà comprendere e fare propri con naturalezza i valori sanciti e tutelati nella Costituzione Italiana. Allegato 6 Regolamento d Istituto Allegato 7 Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria

20 L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE: SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO Le Indicazioni, nel rispetto e nella valorizzazione dell autonomia delle Istituzioni scolastiche, costituiscono il quadro di riferimento per la progettazione curricolare, processo attraverso il quale si sviluppano e organizzano la ricerca e l innovazione educativa. Il curricolo si articola attraverso le discipline e delinea, con particolare attenzione alla continuità, il percorso educativo nel primo ciclo d istruzione di otto anni, un arco di tempo fondamentale per l apprendimento e per la costruzione dell identità degli alunni, nel quale si pongono le basi e si sviluppano le competenze. La finalità del primo ciclo è la promozione del pieno sviluppo della persona, per realizzare ciò la scuola concorre al miglioramento della qualità del sistema di istruzione promuovendo la pratica consapevole della cittadinanza attiva e l acquisizione degli alfabeti di base della cultura. Nella scuola del primo ciclo la progettazione didattica promuove l organizzazione degli apprendimenti in maniera progressivamente orientata ai saperi disciplinari e consente inoltre, attraverso il raggruppamento delle discipline in aree, connessioni fra i saperi disciplinari e la collaborazione fra i docenti. I saperi costituiscono il tessuto per la costruzione apprendimento e sono articolati in: di percorsi di Conoscenze (sono l insieme di fatti, principi, teorie e pratiche, relative a un settore di studio o di lavoro; le conoscenze sono descritte come teoriche e/o pratiche); Abilità (indicano le capacità di applicare conoscenze e di usare know-how per portare a termine compiti e risolvere problemi; le abilità sono descritte come cognitive nell uso del pensiero logico, intuitivo e creativo e pratiche che implicano l abilità manuale e l uso di metodi, materiali e strumenti); Competenze (indicano la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e/o personale; le competenze sono descritte in termine di responsabilità e autonomia). La scuola si costituisce come un ambiente idoneo a promuovere apprendimenti significativi e a garantire il successo formativo per tutti gli studenti:

21 Valorizzando l esperienza e le conoscenze degli alunni, per ancorarvi nuovi contenuti; attuando interventi adeguati nei riguardi delle diversità, per fare in modo che non diventino disuguaglianze; favorendo l esplorazione e la scoperta, al fine di promuovere il gusto per la ricerca di nuove conoscenze; incoraggiando l apprendimento collaborativo; promuovendo la consapevolezza del proprio modo di apprendere, al fine di imparare ad imparare ; realizzando attività didattiche in forma di laboratorio, per favorire l operatività e allo stesso tempo il dialogo e la riflessione su quello che si fa. Traguardi per lo sviluppo delle competenze Al termine della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado, per tutte le discipline, vengono individuati traguardi per lo sviluppo delle competenze. Tali traguardi sono posti al termine dei più significativi snodi del percorso curriculare fino a quattordici anni. Obiettivi di apprendimento delle competenze Gli obiettivi di apprendimento sono definiti in relazione a quanto riportato nelle Indicazioni Nazionali (settembre 2012) e sono organizzati in relazione ai periodi didattici individuati al termine del terzo e del quinto anno della scuola primaria e al termine del terzo anno della scuola secondaria di primo grado. Il compito specifico del primo ciclo è quello di promuovere l alfabetizzazione di base attraverso l acquisizione dei linguaggi simbolici che costituiscono la struttura della nostra cultura, in un orizzonte allargato alle altre culture con cui conviviamo

22 La scuola primaria La scuola primaria mira all acquisizione degli apprendimenti di base, come primo esercizio dei diritti costituzionali. Agli alunni che la frequentano viene offerta l opportunità di sviluppare le dimensioni cognitive, emotive, affettive, sociali, corporee, etiche e religiose, e di acquisire i saperi irrinunciabili. Essa si pone come scuola formativa che, attraverso gli alfabeti delle discipline, permette di esercitare differenti potenzialità di pensiero, ponendo così le premesse per lo sviluppo del pensiero riflessivo e critico. Per questa via si aspira a formare cittadini consapevoli e responsabili a tutti i livelli, da quello locale a quello europeo. La scuola secondaria di primo grado La scuola secondaria di primo grado rappresenta la fase in cui si realizza l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà e come modalità di conoscenza, interpretazione e rappresentazione del mondo. Le discipline vanno presentate come chiavi interpretative. Le esperienze interdisciplinari sono finalizzate a trovare interconnessioni e raccordi fra le indispensabili conoscenze disciplinari e a formulare in modo adeguato i problemi complessi posti dalla condizione umana nel mondo odierno e dallo stesso sapere. Nella scuola secondaria di primo grado vengono favorite una più approfondita padronanza delle discipline e una articolata organizzazione delle conoscenze, nella prospettiva della elaborazione di un sapere integrato. Le competenze sviluppate nell ambito delle singole discipline concorrono a loro volta alla promozione di competenze più ampie e trasversali. E compito specifico del Primo ciclo scolastico porre le basi per l esercizio della cittadinanza attiva. L educazione alla Cittadinanza e Costituzione è promossa attraverso una consapevole conoscenza dei principi fondamentali della Costituzione e attraverso esperienze significative, consente di apprendere il concreto prendersi cura di se stessi, degli altri e dell ambiente, favorisce atteggiamenti cooperativi e collaborativi attraverso forme di cooperazione e di solidarietà per lo sviluppo di un adesione consapevole a valori condivisi

23 Profilo dello studente Nell ambito del costante processo di elaborazione e verifica dei propri obiettivi e nell attento confronto con gli altri sistemi scolastici europei, le Indicazioni nazionali intendono promuovere e consolidare le competenze culturali basilari e irrinunciabili tese a sviluppare progressivamente, nel corso della vita, le competenze-chiave europee. Tali competenze-chiave possono essere riassunte nelle 4 aree culturali, all interno delle quali la programmazione curricolare trova il suo sviluppo: Area linguistica Area matematica, scientifica-tecnologica Area storica, socio-culturale Area artistica, espressiva e corporea A tale fine è nostro obiettivo che al termine del percorso di istruzione obbligatorio l alunno abbia sensibilizzato le seguenti competenze: Imparare ad imparare Progettare Comunicare Collaborare e partecipare Agire in modo autonomo e responsabile Risolvere problemi Individuare collegamenti e relazioni Acquisire, interpretare ed elaborare l informazione. Tali competenze fanno riferimento al quadro delle competenze-chiave per l apprendimento permanente definite dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell Unione europea che rappresentano il traguardo verso cui tendere l azione educativa e didattica della scuola affinché ciascun individuo sia in possesso di: Capacità di comunicazione nella madrelingua; Capacità di comunicazione nelle lingue straniere; competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia; competenza digitale; imparare a imparare; competenze sociali e civiche; spirito di iniziativa e imprenditorialità;

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli