Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Scuola secondaria di primo grado. Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Scuola secondaria di primo grado. Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale"

Transcript

1 Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2011 / 2012 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classe: 2 Sez. C Prof.: Carolina Busnelli Materia: Arte e Immagine 1 Titolo dell unità didattica / di apprendimento / modulo programmato Osservare e Percepire Descrizione sommaria dei contenuti Consolidare l abilità di Osservare con attenzione agli aspetti della realtà Il volume e il chiaroscuro Percepire e rappresentare la profondità spaziale attraverso gli indici di profondità e le regole prospettiche, prima intuitive successivamente strutturate Utilizzare alcuni codici visuali in modo espressivo : il colore - funzione espressiva e comunicativa Intero anno scolastico 2 Il linguaggio visivo e i suoi codici Produzione e rielaborazione lo spazio prospettiva centrale nella realtà la composizione proporzioni tra i piani e sfondo - luci e ombre, sperimentare con diverse tecniche il fumetto produzione di un elaborato con interdisciplinarietà alla lingua inglese. settembre-dicembre gennaio -giugno 3 Le tecniche Utilizzare in modo corretto alcune tecniche, materiali e strumenti Le matite, le matite colorate - i toni e i segni I pennarelli - brillantezza e versatilità settembre-giugno 1/23

2 4 5 L arte nei secoli - lettura e comprensione : conoscere le opere d arte e la loro tutela L arte nei secoli : l arte nell Alto Medioevo, Romanico Le tempere - scomponibilità, capacità coprente, corposità Mosaico e tecniche di manipolazione dei materiali. Riconoscere le diverse modalità di rappresentazione dello spazio nell arte Individuare il valore espressivo o simbolico della figura umana nell opera d arte Conoscere i caratteri storico-artistici fondamentali del periodo considerato Architettura, scultura, pittura, lettura di alcune opere. La città medioevale, le vie dei Pellegrini e i monasteri. ottobre giugno novembre - dicembre 6 L arte nei secoli : il Gotico Architettura, scultura, pittura, lettura di alcune opere. febbraio-marzo 7 L arte nei secoli : il I Quattrocento Architettura, scultura, pittura, lettura di alcune opere. aprile 8 L arte nei secoli : il II Quattrocento Architettura, scultura, pittura, lettura di alcune opere. maggio 9 L arte nei secoli : il Cinquecento Architettura, scultura, pittura, lettura di alcune opere. maggio - giugno Per i contenuti, le modalità più specifiche, i riferimenti ai documenti nazionali, finalità e obiettivi si vedano le schede relative alle singole unità Saronno, Firma del Dirigente Scolastico Firma dell insegnante.... Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2011 / 2012 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classe: 2 Sez. C 2/23

3 Prof.: Materia: Emiliano Bertin Geografia Titolo dell unità didattica / di apprendimento / modulo programmato 1 L Europa: dal mosaico di culture all Unione Europea 2 Regione Iberica 3 Regione Francese, Benelux e Isole Britanniche Descrizione sommaria dei contenuti L Europa delle culture o lingue o religioni o aree di tensione L Unione Europea o la Dichiarazione Schuman (1950): un Europa in cerca di pace o dalla CECA all UE o i Paesi membri o istituzioni e funzioni dell UE Spagna Portogallo Andorra Francia Belgio Lussemburgo Paesi Bassi Gran Bretagna Irlanda settembre-ottobre ottobre novembre 3/23

4 4 Regione Scandinava e Baltica 5 Regione germanica 6 Regione Centro-Orientale e Danubiana 7 Regione Russa 8 Regione Adriatica 9 Mediterraneo Orientale Danimarca Finlandia Svezia Norvegia Islanda Lituania Lettonia Estonia Germania Austria Svizzera Polonia Rep. Ceca Slovacchia Ungheria Romania Bulgaria Russia Ucraina Bielorussia Moldova Slovenia Croazia Serbia Montenegro Kosovo Bosnia-Erzegovina Macedonia Albania Grecia Turchia Cipro Malta dicembre gennaio febbraio marzo aprile maggio Per i contenuti, le modalità più specifiche, i riferimenti ai documenti nazionali, finalità e obiettivi si vedano le schede relative alle singole unità 4/23

5 Saronno, Firma del Dirigente Scolastico Firma dell insegnante.... Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2011 / 2012 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classe: 2 Sez. A Prof.: Claudia Crespi Materia: Inglese 1 Titolo dell unità didattica / di apprendimento / modulo programmato Vocabulary (Modulo trasversale) Units 6-8 High Spirits 1 e High Spirits 2 Descrizione sommaria dei contenuti Implemento delle seguenti aree lessicali: Sports Tempo libero Abbigliamento Aspetto fisico Musica Professioni Cinema Mezzi di trasporto Cibi e bevande Luoghi pubblici Faccende domestiche Strumenti: Libro di testo, fotocopie, video e appunti Nel corso dell intero anno scolastico 5/23

6 2 3 4 Grammar (Modulo trasversale) Units 6-8 High Spirits 1 e High Spirits 2 Functions (Modulo trasversale) Units 6-8 High Spirits 1 e High Spirits 2 Culture (Modulo trasversale) Units 6-8 High Spirits 1 e High Spirits 2 Studio e applicazione delle seguenti strutture linguistiche e grammaticali: Simple Present (forma negativa, interrogativa, risposte brevi) Wh- questions Pronomi personali complemento Can Imperativo Present continuous Pronomi possessivi Avverbi di modo Simple past Present continuous per esprimere azioni future Countable e uncountable nouns Some ed any A lot of / much / many / a little / a few Compounds: some / any / no / every Must / have to Strumenti: Libro di testo, fotocopie e appunti Sviluppo delle seguenti funzioni comunicative: Parlare di gusti e preferenze Proporre attività nel tempo libero Esprimere abilità Interagire nei negozi Fare richieste e chiedere permessi Esprimere accordo o disaccordo Scusarsi Raccontare esperienze passate Chiedere e dare informazioni stradali Chiedere il permesso di fare qualcosa Strumenti: Libro di testo, fotocopie e appunti Letture di approfondimento, che accompagnano le diverse unità didattiche del libro di testo e che permettono l acquisizione di contenuti culturali e di civiltà dei paesi di lingua inglese con alcuni collegamenti interdisciplinari (storia, geografia, arte e immagine): School in Britain What do British teenagers do in their free time? British teenagers and money The USA A history of popular music Emergency services in the USA Nel corso dell intero anno scolastico Nel corso dell intero anno scolastico Nel corso dell intero anno scolastico 6/23

7 It all started with a mouse! Blast off! Hard Rock Café Strumenti: Libro di testo Le letture saranno anche utilizzate per avviare gli studenti alla reading comprehension. Per i contenuti, le modalità più specifiche, i riferimenti ai documenti nazionali, finalità e obiettivi si vedano le schede relative alle singole unità. Saronno, Firma del Dirigente Scolastico Firma dell insegnante.... Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2011 / 2012 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classe: Prof.: Materia: II C Amodeo Marina italiano Titolo dell unità didattica / di apprendimento / modulo programmato Descrizione sommaria dei contenuti 1 Amici! - la lettera, il diario, l autobiografia - caratteristiche e elementi fissi della tipologia testuale - letture antologiche - guida alla produzione scritta settembre - ottobre 2 - storia del genere e caratteristiche novembre - dicembre 7/23

8 Il racconto giallo - lettura e analisi di alcuni racconti tratti dall antologia - lettura in classe di A. C. Doyle, Il mastino dei Baskerville - visione guidata di alcuni film (Piramide di paura, Delitto sul Nilo, Istantanea di un delitto, Sherlock Holmes..) - la funzione della stampa - la struttura del quotidiano 3 Saper leggere un quotidiano - caratteristiche testuali della cronaca - lettura di articoli e confronto in classe - visita alla redazione del Corriere della sera - ripasso degli strumenti formali del poeta: metrica, suoni delle 4 Leggere e capire una poesia parole, rime, versi e strofe - Paesaggi e sentimenti: ascolto e lettura di testi poetici - Visione del film Il postino - com è costruito il romanzo d avventura, struttura e tecnica 5 Il romanzo d avventura narrativa - lettura in classe del romanzo di formazione di N. Ammaniti, Io non ho paura e visione del film gennaio - febbraio marzo-aprile maggio Itinerari di letteratura 6 7 Educazione linguistica e testuale 8 Il verbo S. Francesco d Assisi, Il Cantico delle creature Dante, La Divina Commedia: la selva, Caronte, Paolo e Francesca, Ulisse, la visione di Dio F. Petrarca, Chiare, fresche e dolci acque, Solo e pensoso G. Boccaccio, Il Decameron L. Ariosto, L Orlando furioso C. Goldoni, La locandiera - attività di esposizione orale - prendere appunti - attività di produzione scritta: lettera e diario cronaca tema riassunto parafrasi - come progettare i vari tipi di testo - esercizi di scrittura guidati - ripasso dei modi e dei tempi, dei verbi transitivi e intransitivi, della forma attiva e passiva tutto l anno gennaio - febbraio tutto l anno 8/23

9 9 Sintassi della frase - la forma riflessiva - i verbi servili e fraseologici - i verbi impersonali - i verbi irregolari - l analisi logica della frase semplice: il gruppo del soggetto il gruppo del predicato (predicato verbale/nominale; verbi servili, fraseologici, copulativi) i complementi diretti i principali complementi indiretti tutto l anno Per i contenuti, le modalità più specifiche, i riferimenti ai documenti nazionali, finalità e obiettivi si vedano le schede relative alle singole unità Saronno, Firma del Dirigente Scolastico Firma dell insegnante.... Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2011 / /23

10 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classe: 2 Sez. C Prof.: Manuela Landonio Materia: Scienze Matematiche Titolo dell unità didattica / di apprendimento / modulo programmato Descrizione sommaria dei contenuti ARITMETICA 1a La frazione come numero razionale Ripresa degli argomenti: le operazioni con i numeri razionali. Risoluzione di espressioni con numeri razionali. Le potenze di frazioni. Settembre Ottobre - Novembre 2a Frazioni e numeri decimali 3a La radice quadrata Numeri decimali limitati e periodici; dal numero decimale alla frazione generatrice corrispondente e viceversa. L estrazione di radice quadrata: uso delle tavole numeriche e della calcolatrice. Radice quadrata esatta e approssimata. Dicembre - Gennaio Gennaio - Febbraio 4a Rapporti e proporzioni. La proporzionalità. Le funzioni. Rapporto tra grandezze omogenee e non omogenee. Proporzioni e loro proprietà. Grandezze direttamente e inversamente proporzionali. Rappresentazione cartesiana di funzioni. Problemi del tre semplice. Marzo Aprile-Maggio 10/23

11 GEOMETRIA 1b I triangoli e i quadrilateri 2b Il calcolo delle aree 3b Teorema di Pitagora Ripresa dei triangoli. I quadrilateri: classificazione e loro proprietà. Calcolo del perimetro. Equivalenza di figure piane. Calcolo dell area dei poligoni. Risoluzione di problemi di crescente difficoltà. Enunciato del Teorema di Pitagora. Applicazione del teorema a diverse figure geometriche. Risoluzione di problemi di crescente difficoltà. Settembre Ottobre-Novembre Dicembre Gennaio- Febbraio Marzo - Aprile 4b Le coordinate cartesiane. Indagini e grafici. Le trasformazioni geometriche. Studio di figure nel piano cartesiano. Il rilevamento dei dati. Diversi tipi di rappresentazione grafica. Congruenza e isometria. Traslazione, rotazione e simmetria assiale. Cenni alla similitudine. Maggio Saronno, Firma del Dirigente Scolastico Firma dell insegnante.... Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2011 / /23

12 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classe: 2 Sez. C Prof.: Maurizio Bazzoni Materia: Musica Titolo dell unità didattica / di apprendimento / modulo programmato 1 Ripasso delle melodie dell anno precedente 2 3 Studio degli strumenti musicali Studio del flauto dolce 4 Riconoscere il timbro degli strumenti 5 Le proprietà del suono 6 Le voci e i vari tipi di coro 7 Cenni di storia della musica del 1400, 1500, 1600 Descrizione sommaria dei contenuti Si ripasseranno le melodie studiate l anno precedente, in modo che tutti possano ben ricordare le problematiche dell ecuzione strumentale, ed eventualmente colmare qualche lacuna. Si introdurrà l alunno a conoscere e a suddividere i vari strumenti in famiglie. Si esamineranno gli aspetti caratteristici di ogni strumento e come viene prodotto il suono o il rumore. Si continua lo studio del flauto, imperniato quest anno allo studio degli inni nazionali delle principali nazioni europee, alla storia del nostro inno nazionale, alle melodie natalizie, ed altre melodie medievali e moderne. Attraverso ascolti mirati il ragazzo sarà in grado di poter capire tramite ascolto, quale strumento musicale sta suonando Si studieranno le varie proprietà del suono: altezza, intensità, timbro, con riferimenti agli Hertz, ai decibel e all inquinamento acustico. Mediante ascolti guidati i ragazzi riusciranno a distinguere le voci dei soprani, mezzo soprani, contralti, tenori, baritoni e bassi. Si ascolteranno anche i vari tipi di cori: a cappella con strumenti e concertante Si studierà a grandi linee la musica polifonica in Italia e in Francia, i Fiamminghi, la scuola Romana e Veneziana, il corale, il melodramma, l oratorio, la musica strumentale Settembre Ottobre e mesi seguenti Da ottobre in poi Gennaio Novembre Marzo Febbraio Per i contenuti, le modalità più specifiche, i riferimenti ai documenti nazionali, finalità e obiettivi si vedano le schede relative alle singole unità 12/23

13 Saronno, 1 ottobre 2011 Firma del Dirigente Scolastico Firma dell insegnante.... Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2011 \ 2012 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classe: 2 Sez. C Prof.: Massimo Lago Materia: religione Titolo dell unità didattica / di apprendimento / modulo programmato Descrizione sommaria dei contenuti e dei metodi 1 La Pasqua di Gesù In questa unità didattica gli alunni saranno guidati all'incontro con il principale avvenimento della fede cristiana: la Pasqua Settembre-Novembre 2 3 La Chiesa delle origini Il Vangelo unisce l'europa In questa unità didattica gli alunni verranno introdotti alla conoscenza della Chiesa delle origini, della sua struttura e della sua diffusione. Si analizzeranno anche alcuni testi tratti dal libro degli Atti degli Apostoli In questa unità di apprendimento gli alunni saranno guidati alla comprensione dell'importanza del cristianesimo nel processo di unificazione dell'europa. In particolare verrà proposto un'attività di ricerca di gruppo sul fenomeno del monachesimo nel medioevo Novembre-Gennaio Febbraio-Marzo 13/23

14 4 La Chiesa e il mondo contemporaneo Questa unità di apprendimento avrà come tema centrale la Chiesa nei rapporti con il mondo contemporaneo. In particolare verrà svolto un approfondimento sul concilio Vaticano II Aprile-Giugno Per i contenuti, le modalità più specifiche, i riferimenti ai documenti nazionali, finalità e obiettivi si vedano le schede di progettazione didattica relative alle singole unità Saronno, 16 settembre 2011 Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2011 / 2012 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classe: 2 Sez. C Prof.: Manuela Landonio Materia: Scienze Chimiche, Fisiche e Naturali Titolo dell unità didattica / di apprendimento / modulo programmato 1 Le trasformazioni della materia e la struttura dell atomo Descrizione sommaria dei contenuti Le trasformazioni chimiche e fisiche. I miscugli omogenei e eterogenei. Tecniche di separazione delle sostanze. La materia è formata da atomi. Composti e elementi. Molecole e atomi. Acidi, basi e sali. Settembre - Ottobre 14/23

15 2 L organismo e la sua organizzazione. I principi nutritivi e l alimentazione. L apparato digerente 3 L apparato respiratorio 4 L apparato circolatorio 5 L apparato locomotore La struttura generale del corpo umano. I principi alimentari:carboidrati, grassi, proteine, vitamine e sali minerali. Fabbisogno energetico e nutrizione. Il tubo digerente e le ghiandole annesse. Bocca, faringe, esofago, stomaco e intestino. Le trasformazioni del cibo: frammentazione meccanica, la digestione, l assorbimento, l espulsione delle sostanze di scarto. Fegato e pancreas: secrezioni ed enzimi. Il percorso dell aria: bocca o naso, faringe, laringe, trachea, bronchi, polmoni. La respirazione esterna ed interna, l inspirazione e l espirazione, lo scambio di gas negli alveoli. Gli inquinanti dell aria e il fumo. Le vie del sangue: arterie, vene e capillari. Il cuore e il ciclo cardiaco. Le componenti del sangue: globuli rossi, globuli bianchi, piastrine e il plasma. Il sistema linfatico. L apparato scheletrico: il tessuto osseo. Le articolazioni e i vari tipi di ossa. L apparato muscolare: il tessuto muscolare. La contrazione del muscolo scheletrico: fibre e filamenti. Novembre-Dicembre- Gennaio Gennaio - Febbraio Febbraio - Marzo Marzo -Aprile 6 Il sistema immunitario L immunità naturale e l immunità specifica. La memoria immunitaria. Le allergie. I gruppi sanguinei. Maggio Saronno, Firma del Dirigente Scolastico Firma dell insegnante.... Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2011 / /23

16 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Prof.: Sergio bernareggi Classe: 2 Sez. C Materia: Scienze motorie... Titolo dell unità didattica/di apprendimento/modulo programmato Socializzazione 1 Resistenza organica Flessibilità Coordinazione generale 2 Flessibilità Conoscenza corpo Educazione stradale Economia del movimento 3 Gestione degli spazi Gioco sport Educazione stradale Coordinazione generale 4 Collaborazione per un fine comune Presa di coscienza lav.muscolare Educazione stradale Coordinazione oculo manuale Mobilità articolare 5 Gioco sport Burocrazia Unita di apprendimento Conoscenza sport di squadra Studio elementari regole sports 6 Il ritmo Atletica leggera Conoscenza capacità condizionali Uintà di apprendimento Descrizione sommaria dei contenuti Rivisitazione regole e norme comportamento Corsa lenta Norme generali di applicazione Esercizi di controllo del corpo e lateralità,tests Stretching statico e dinamico Lettura libro Lezioni teoriche in classe Percorsi Lavori a gruppi,tests Avvicinamento alla pallamano senza palleggio Lezioni teoriche in classe Trecce,percorsi in palestra,tests Giocosport,tutti contro tutti Esercitazioni a carico naturale Lezioni teoriche in classe Esecuzione di movimenti complessi mano dx,sx-prese- Esercizi da svolgere singolarmente Libera il campo Valutazioni 1 quadrimestre Approccio corretto alla attività sportiva Rugby,basket.Ricerca del gesto tecnico.fondamentali di attacco.test Indicazioni generali Il concetto di marcia,le battute. Tecnica del salto in lungo La velocità Approccio corretto all attività sportiva Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio Febbraio 16/23

17 7 Conoscenza sport di squadra Atletica leggera Giocosport Conoscenza capacità condizionali Unità di apprendimento Rugby,basket.Ricerca del gesto tecnico.fondamentali di difesa.test Staffette,partenze dai blocchi.test Palla contro palla Mobilità ed equilibrio Utilizzo giornate settimana bianca Marzo 8 Espressione corporea Atletica leggera Creazione semplici esercizi aerobici 80 metri piani,lancio pallina Lancio del peso Aprile Linguaggio del corpo 9 Atletica leggera Giocosport Burocrazia 10 Giocosport Giochi all aperto Esercitazioni Salto in lungo, Sparviero,Touch rugby.beach ultimate Valutazioni 2 quadrimestre Minitornei di fine anno Lanci : freesbe,vortex,palle rugby.racchettoni.badminton Maggio Giugno Per i contenuti, le modalità più specifiche, i riferimenti ai documenti nazionali, finalità e obiettivi si vedano le schede di progettazione didattica relativa alle singole unità Saronno Firma dell insegnante Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Sergio Bernareggi Anno scolastico 2011 / 2012 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classe: 2 Sez. C 17/23

18 Prof.: Materia: Alessandra Bottino Seconda Lingua Comunitaria (Spagnolo) Titolo dell unità didattica / di apprendimento / modulo programmato Contenuti grammaticali: Descrizione sommaria dei contenuti Ir y venir (verbi) Llevar y traer (verbi) En, a, por (preposizioni) De (preposizioni) Con, hacia, desde, hasta (preposizioni) 1 En marcha! Contenuti funzionali: Medios de transporte Preguntar y dar indicaciones en la calle Preguntar y dar la dirección Contenuti lessicali: Medios de transporte Direcciones settembre-ottobre 2 Qué moreno estás! Contenuti grammaticali: Ser + adjetivo Estar + adjetivo Ser y estar Pretérito perfecto de indicativo Contenuti funzionali: Describir el aspecto físico Hablar del pasado reciente ottobre-novembre Contenuti lessicali: Partes del cuerpo Aspecto físico 3 Una experiencia inolvidable Contenuti grammaticali: Participios irregulares novembre-dicembre 18/23

19 Uso del pretérito perfecto Ya, todavia no Contenuti funzionali: Hablar de experiencia realizadas y por realizar y comentarlas Contenuti lessicali: Ocio (cine, música, baile) Deporte 4 Todo era más lento Contenuti grammaticali: Imperfecto de indicativo (verbos regulares e irregulares) Uso del imperfecto Comparativos (regulares ye irregulares) Contenuti funzionali: Hablar de hábitos del pasado Expresar comparaciones gennaio-febbraio Contenuti lessicali: Adjetivos para comparar objetos y personas 5 Una ciudad organizada 6 Vamos de compras Contenuti grammaticali: Tener que + infinitivo Poder/No Poder + infinitivo Ser/No ser necesario + infinitivo Contenuti funzionali: Describir una ciudad Comprender información sobre el horario, el día y el precio de la entrada de monumentos y edificios de interés Contenuti lessicali: Lugares públicos en la ciudad comparar la vida en el campo y en la ciudad Contenuti culturali: La ciudad damero Contenuti grammaticali: Verbo querer en las fórmulas de cortesía Posición y orden de pronombres de objeto directo e indirecto Contenuti funzionali: Hablar y comprender información en las tiendas y comercios marzo-aprile aprile-maggio 19/23

20 Contar desde 100 hasta el millón Comprender un recibo de compra Expresar precios Contenuti lessicali: Tiendas Números de 100 al millón Envases, pesos y medidas 7 El hombre del tiempo 8 Qué le regalaste? Contenuti culturali: Dos mercados: el Rastro de Madrid y la Boquería de Barcelona Contenuti grammaticali: Futuro simple de indicativo (regular e irregular) Indefinidos (alguien, algo, nadie, nada) Contenuti funzionali: Hablar del tiempo meteorológico Describir geográficamente un territorio Contenuti lessicali: Geografía y climas de España Contenuti grammaticali: Pretérito indefinido de indicativo (verbos regulares) Contraste entre el pretérito indefinido y el pretérito perfecto Contraste entre los interrogativos qué /cuál Contenuti funzionali: Describir objetos y hablar de su utilidad Hablar de acciones pasadas en un período de tiempo concluido Contenuti lessicali: Poesía en forma de pájaro (J.E. Eielson) aprile-maggio Giugno Per i contenuti, le modalità più specifiche, i riferimenti ai documenti nazionali, finalità e obiettivi si vedano le schede relative alle singole unità Saronno, Firma del Dirigente Scolastico Firma dell insegnante /23

21 Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2011 / 2012 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classe: 2 Sez. C Prof.: Emiliano Bertin Materia: Storia Titolo dell unità didattica / di apprendimento / modulo programmato 1 El Siglo de Oro (sec. XVI) 2 Le Grand Siècle (sec. XVI) 3 L età dei Lumi (sec. XVII) 4 Italia e Europa nel primo Ottocento 5 Italia e Europa nel secondo Ottocento Descrizione sommaria dei contenuti Il Rinascimento La scoperta del Nuovo Mondo e gli imperi coloniali I nuovi protagonisti: Spagna, Francia, Inghilterra L Italia terra di conquista Riforma, Controriforma e Riforma Cattolica Gli equilibri della politica europea Tra assolutismo e parlamentarismo La rivoluzione scientifica Gli equilibri della politica europea L Illuminismo L indipendenza americana La Rivoluzione francese Napoleone La prima rivoluzione industriale La Restaurazione e i moti liberali L unità d Italia La seconda rivoluzione industriale L Italia postunitaria Gli equilibri della politica europea e mondiale settembre-ottobre novembre-dicembre gennaio-febbraio marzo-aprile maggio 21/23

22 Per i contenuti, le modalità più specifiche, i riferimenti ai documenti nazionali, finalità e obiettivi si vedano le schede relative alle singole unità Saronno, Firma del Dirigente Scolastico Firma dell insegnante.... Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2011 / 2012 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classe:Seconda Prof.:Ilaria Sgarzi Sez. C Materia: Tecnologia Titolo dell unità didattica / di apprendimento / modulo programmato 1 Disegno, Progetto e Realizzazione Descrizione sommaria dei contenuti Il disegno come strumento di progetto e costruzione dell oggetto/spazio Progetto e realizzazione di oggetti/spazi semplici e relativa restituzione grafica in proiezione ortogonale Novembre-Dicembre 2 Disegno e Rappresentazione Introduzione alla geometria descrittiva Costruzione tridimensionale di triedro e rappresentazione ortogonale di un solido su triedro di riferimento Proiezioni mongiane: proiezioni ortogonali di solidi semplici e di gruppi di solidi Sviluppo di solidi e costruzione di solidi in cartoncino Rilievo e rappresentazione dell oggetto/spazio Scale di rappresentazione (attività in collaborazione con i docenti di matematica) Nel corso dell intero anno scolastico 22/23

23 3 Disegno, Design e Progettazione d interni Rappresentazione prospettica, assonometrica e in proiezione ortogonale dell oggetto/spazio Progettazione di uno spazio architettonico. Studio planimetrico e rendering tridimensionale (Google Sketch Up) Gennaio-Maggio 4 Educazione alimentare Attività in collaborazione con i docenti di scienze: Educazione al consumo consapevole e informato Relazione tra potere mediatico e diseducazione alimentare Junk food e obesità come piaga sociale Fame nel mondo Imballaggi, etichette e sicurezza alimentare Conservazione degli alimenti. Gli additivi chimici Alimenti O.G.M. e prodotti BIO Marzo-Maggio Per i contenuti, le modalità, i riferimenti ai documenti nazionali, finalità e obiettivi si vedano le schede di progettazione didattica relative alle singole unità Saronno, 19 settembre 2011 Firma del Dirigente Scolastico Firma dell insegnante /23

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Nuove tecnologie per l inclusione

Nuove tecnologie per l inclusione Nuove tecnologie per l inclusione Sviluppi e opportunità per i paesi europei EUROPEAN AGENCY for S p e c ia l N e e d s a n d I n c lus i ve Ed u cati o n NUOVE TECNOLOGIE PER L INCLUSIONE Sviluppi e

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

L Europa in 12 lezioni. di Pascal Fontaine

L Europa in 12 lezioni. di Pascal Fontaine L Europa in 12 lezioni di Pascal Fontaine Potete trovare questo opuscolo e altre chiare e brevi spiegazioni sull Unione europea sul sito ec.europa.eu/publications/ Commissione europea Direzione generale

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli