SINTESI DEL PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di I Grado Barrili Paganini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINTESI DEL PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di I Grado Barrili Paganini"

Transcript

1 Istituto Comprensivo ALBARO Via Montezovetto, GENOVA - Tel Fax Cod. Fisc. n Scuola Primaria Brignole Sale Scuola Primaria Richeri Scuola Primaria Sauro Scuola Secondaria di I Grado Barrili Paganini CTP SINTESI DEL PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di I Grado Barrili Paganini Anno scolastico

2

3 SINTESI DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA L Istituto Comprensivo Albaro nasce quale nuova configurazione giuridica il 1 settembre 2012 per effetto del piano di dimensionamento regionale delle Istituzioni scolastiche definito con delibera della G. R. Liguria n 31 del 20/12/2011 e n 1 del 31/01/2012 ai sensi dell art.19 comma 4 della L. 111 del 15/7/2011. Esso comprende le Scuole Primarie Brignole Sale, S.Richeri, N.Sauro, la Scuola Secondaria Barrili Paganini e il Centro Territoriale Permanente (CTP) per l educazione degli adulti. Il presente documento intende informare i genitori su quanto la scuola secondaria Barrili Paganini offre alla propria utenza in relazione alla proposta formativa ed alle modalità dei rapporti scuola/famiglia, allo scopo di instaurare una collaborazione proficua ed attiva in grado di rendere il servizio sempre più efficiente e rispondente alle aspettative. Nell elaborare questo documento si è fatto riferimento al Piano dell Offerta Formativa dell IC Albaro, al quale si rimanda integralmente per una conoscenza più dettagliata degli obiettivi educativi e didattici dell Istituto, delle attività programmate e dei progetti di cui si prevede la realizzazione. Dal progetto d Istituto derivano i piani di lavoro dei Consigli di Classe e dei singoli docenti che declinano, nella realtà delle classi e delle discipline, le finalità dell'offerta formativa, educativa e didattica. La scuola ed il contesto La Scuola Secondaria di 1 Grado Barrili Paganini nasce nel 2003 dalla fusione di due Istituti genovesi espressione di due distinte realtà scolastiche. Per consentire all utenza di usufruire di una più ampia offerta formativa, ne sono state conservate le caratteristiche e l identità culturale e organizzativa, istituendo all interno della Scuola la sezione musicale (delibera Collegio Docenti del 28/06/02). La Scuola Barrili Paganini è situata in via Monte Zovetto n 7, nel quartiere residenziale di Albaro, in un complesso scolastico che comprende anche la Scuola dell'infanzia Comunale e la Scuola primaria Brignole Sale, con le quali condivide un ampio cortile interno. Il territorio in cui sorge la scuola è ben servito dai mezzi di trasporto ed è dotato di ampi spazi verdi e di impianti sportivi. L edificio, di cinque piani, ha tre ingressi, due scale interne ed è dotato di un ascensore che consente il superamento delle barriere architettoniche. L ampio cortile è utilizzato per attività ludiche e ginniche ed è luogo di passaggio per l entrata e l uscita degli alunni; per l attività sportiva si dispone anche di due locali adeguatamente attrezzati a palestra. L istituto offre continuità ambientale agli alunni del quartiere ma è frequentato anche da studenti provenienti da altre zone che apprezzano la sua tradizione di scuola in grado di garantire una buona formazione educativa e didattica e una molteplicità di attività e di progetti che diversificano ed arricchiscono l offerta formativa. La scuola opera in un contesto socio - culturale ed economico molto vario, ma il bacino di utenza tradizionale, il quartiere di Albaro, è costituito in prevalenza da famiglie attente al percorso formativo e culturale dei figli. Infatti quasi tutti gli alunni, dopo il completamento di questo ciclo scolastico, proseguono gli studi nelle scuole superiori, prevalentemente nei licei. Si ritiene pertanto fondamentale offrire una preparazione adeguata ad affrontare percorsi di studio impegnativi, senza peraltro dimenticare che la finalità dell azione educativa è promuovere lo sviluppo armonico della personalità di ogni alunno.

4 A questo proposito la scuola è in grado di rispondere ai bisogni formativi ed alle effettive potenzialità individuali dei ragazzi normodotati, ma anche di chi è diversamente abile, di chi presenta disturbi specifici di apprendimento, nonché degli alunni stranieri che ancora non hanno una buona padronanza della lingua italiana. La scuola è inoltre sede del Centro Territoriale per adulti del Medio Levante (CTP), che propone diversi corsi finalizzati alla formazione di base, all orientamento verso il mondo del lavoro e al rafforzamento delle conoscenze già acquisite. La Sezione Musicale conserva la sua specificità formativa attraverso una convenzione triennale stipulata con il Conservatorio di Musica N. Paganini, situato in Via Albaro. Le classi della sezione musicale hanno un bacino di utenza più ampio, poiché accolgono allievi provenienti da varie zone della città ed anche da fuori Genova. La suddetta sezione segue una programmazione specifica e si avvale di un orario strutturato in modo da consentire ai ragazzi lo studio della musica senza trascurare il programma scolastico ministeriale. Tali classi accolgono sia gli studenti ammessi al Conservatorio che frequentano, come previsto dalla suddetta convenzione, le lezioni di solfeggio e parte delle lezioni di strumento presso la sede del Conservatorio stesso all'interno dell orario scolastico, sia gli studenti che, pur non avendo superato l' esame di ammissione al Conservatorio, desiderano approfondire la propria cultura musicale ed avvicinarsi allo studio di uno strumento. Per questi ultimi è prevista la frequenza sia delle attività corali presso il Conservatorio, sia dei corsi musicali teorico pratici tenuti da docenti e tirocinanti segnalati dal Conservatorio stesso. Al termine di questo percorso didattico gli studenti conseguono una preparazione di base solida ed approfondita che consente loro di accedere a qualsiasi tipo di scuola superiore, oltre ad una metodologia di lavoro adatta a proseguire gli studi musicali. Va infine ricordato che la scuola partecipa attivamente alla vita culturale genovese non solo nell ambito musicale, ma anche in quello artistico: gli alunni, infatti, durante l anno scolastico, seguono spettacoli teatrali, partecipano a concorsi, visitano mostre, assistono a rappresentazioni di opere liriche e, a volte, nelle opere stesse, fungono da comparse e cantano nei cori. Caratteristiche strutturali e strumenti di cui dispone la scuola secondaria di 1 grado Barrili Paganini 26 aule (di cui 5 dotate di LIM) 2 aule video 2 laboratori informatici (di cui 1 dotato di LIM) 1 laboratorio di scienze 1 biblioteca per gli alunni 1 aula per il sostegno 1 locale per corsi di strumento 2 locali attrezzati a palestra 2 salette per ricevimento parenti 1 sala docenti a pian terreno 12 servizi igienici 5 locali occupati dagli uffici di Presidenza, di Segreteria e collaboratore/fiduciario. I laboratori multimediali e di informatica sono così composti: 15 computer Windows XP per gli alunni 1 PC per l insegnante 1 stampante inkjet colori 1 stampante laser BN 1 scanner Laboratorio inferiore- piano terra 15 computer Windows XP per gli alunni

5 1 PC per l insegnante 1 stampante inkjet colori 1 stampante laser BN 1 scanner 1 LIM L Istituto ha il collegamento in rete LAN di tutti i computer della scuola e ad Internet con router ADSL 2Mb La scuola è dotata di una postazione informatica per ogni classe collegabile alla rete LAN per mezzo di Access Point (collegamento senza cavi). L aula video è dotata di proiettore multimediale. Tutti i computer sono collegati fra loro in rete didattica e ad internet. La scuola dispone di n 3 fotocopiatrici a disposizi one dei docenti. Annualmente apposite commissioni lavorano per rinnovare gli strumenti didattici dei laboratori, gli audiovisivi e le dotazioni librarie per gli alunni. Tutte le attrezzature di cui la scuola è dotata sono utilizzate sia dagli studenti come strumenti di comunicazione e di lavoro, sia dal personale docente come valido ausilio didattico; grazie anche al supporto di insegnanti qualificati, consentono l'attuazione di alcuni progetti contenuti nel P.O.F. e migliorano l efficienza del lavoro amministrativo degli uffici. Norme di sicurezza In ottemperanza a quanto disposto dalle normative vigenti sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (D.L. n 81/2008), è istituito in ambito scolastico il Se rvizio di Prevenzione e Protezione, presieduto dal Dirigente Scolastico in qualità di Datore di Lavoro e coordinato dal Responsabile del suddetto servizio interno (R.S.P.P.). Sulla base delle evidenze del Documento di Valutazione dei Rischi, è annualmente nominato il Medico Competente per gli adempimenti previsti dal D.L. 81/2008. E operativo un piano di evacuazione dall edificio in caso di incendio, sisma, eventi idrogeologici. Il Collegio dei Docenti ha inoltre approntato un codice di comportamento degli alunni che comprende norme espressamente mirate a prevenire situazioni di pericolo durante la loro permanenza a scuola. Tutto il personale della scuola è impegnato ad esercitare un attenta vigilanza sugli alunni, al fine di prevenire comportamenti che possano esporre maggiormente a potenziali situazioni di rischio (entrata, uscita, permanenza nel cortile durante le ore di lezione o nei momenti ricreativi). In ogni aula è affissa copia delle norme di comportamento degli alunni, delle norme per l evacuazione dall edificio e della planimetria con l indicazione delle vie di fuga. Il piano di evacuazione è regolarmente effettuato due volte nel corso di ogni anno scolastico. Privacy Nella scuola vengono attuate tutte le norme previste dal D.L. n.196/2003 per il trattamento dei dati personali degli alunni e delle loro famiglie. I suddetti dati sono trattati esclusivamente per le finalità istituzionali della scuola e il trattamento è improntato a principi di trasparenza e tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati. Particolari tutele sono adottate per la conservazione e il trattamento dei dati sensibili. Modalità di iscrizione alla Scuola Secondaria di I grado L iscrizione alla Scuola Secondaria è effettuata on line a cura delle famiglie secondo le modalità e i tempi annualmente stabiliti dal M.I.U.R.. Gli Uffici Amministrativi e lo Staff dirigenziale offrono costante supporto tecnico, informativo e di consulenza ai fini del buon esito delle procedure di iscrizione. I genitori degli alunni sono tenuti ad esprimere le seguenti opzioni relative al tempo scuola e alla scelta della seconda lingua comunitaria:

6 Tempo normale Settimana corta h , dal lunedì al sabato. Intervallo: h Lingua straniera: Inglese 2^ lingua straniera: Spagnolo h , dal lunedì al venerdì, con due intervalli. Lingua straniera: Inglese 2^ lingua straniera: Francese, Spagnolo, o Inglese potenziato Settimana corta h , dal lunedì al venerdì, con due rientri pomeridiani: h e h Mensa e dopo mensa h (con contributo annuo di.150 oltre al pagamento del buono pasto) Lingua straniera: Inglese 2^ lingua straniera: Francese. Sezioni musicali Paganini tempo normale, h dal lunedì al sabato. Orario strutturato in modo da consentire la frequenza del Conservatorio Paganini. Lingua straniera: Inglese 2^ lingua straniera: Francese Nel periodo che verrà indicato, orientativamente entro il mese di aprile, dovrà essere presentata domanda di iscrizione al Conservatorio per sostenere gli esami attitudinali. Sono comunque accolti anche gli alunni che non superano gli esami e che desiderano approfondire la propria cultura musicale e/o avvicinarsi allo studio di uno strumento. I genitori, oltre al tempo scuola e alla seconda lingua comunitaria, all atto dell iscrizione potranno anche richiedere: - la stessa sezione frequentata da eventuali fratelli nei tre anni scolastici precedenti; - il nominativo di un solo compagno (con il vincolo della espressa reciprocità). Insegnamento della religione cattolica Al momento dell iscrizione i genitori sono tenuti ad esercitare il diritto di avvalersi o di non avvalersi dell insegnamento della Religione Cattolica. Nel caso di opzione negativa, i genitori dovranno scegliere, prima dell inizio delle lezioni, fra le seguenti opzioni: studio assistito o individuale; ingresso posticipato o uscita anticipata di un ora, in caso di collocazione oraria della R.C. alla prima o all ultima ora; attività alternativa su progetto deliberato a inizio anno dal Collegio dei Docenti. Il diritto di avvalersi o di non avvalersi dell insegnamento della Religione Cattolica. può essere variato annualmente entro il termine dell iscrizione non d ufficio (mese di febbraio, entro la data stabilita dal Ministero) a valere per l anno scolastico successivo. Norme di comportamento degli alunni Gli operatori si impegnano a instaurare con gli alunni un dialogo aperto, sereno e costruttivo, teso al convincimento, evitando qualsiasi forma di intimidazione o di punizione mortificante. Gli Organi Collegiali competenti predispongono il Regolamento degli alunni, ed il Patto formativo dove sono precisate dettagliatamente le norme che regolano la vita della comunità scolastica alle quali gli alunni devono attenersi scrupolosamente. Tali documenti, letti e commentati con gli insegnanti, sono affissi in ogni aula. Con i genitori e con l alunno la Scuola stipula e sottoscrive un Patto di Corresponsabilità in cui ognuna delle parti si assume precisi impegni in relazione al percorso formativo attuato.

7 Vigilanza sugli alunni La scuola Barrili-Paganini garantisce agli alunni e alle famiglie la continuità e la regolarità del servizio e si adopera affinché, nelle ore di permanenza nell Istituto, sia assicurata adeguata assistenza. Il dovere di sorveglianza degli alunni e la comune responsabilità da parte del personale docente e dei collaboratori scolastici si estendono a tutto il periodo in cui gli stessi alunni si trovano a scuola oppure fuori dall edificio scolastico, in occasioni di visite guidate, viaggi di istruzione o partecipazione ad attività sportive. Durante le ore di attività extracurricolari o nei momenti di interscuola valgono le stesse norme di vigilanza. In occasione di Assemblee sindacali del personale scolastico, le famiglie sono preventivamente avvertite, tramite comunicazione scritta, della sospensione dell attività didattica per gli alunni i cui insegnanti partecipano a tali Assemblee. In caso di sciopero, il Dirigente Scolastico, come precisato dalla normativa vigente in materia, provvede affinché le famiglie siano preventivamente informate, mediante avviso sul libretto personale, dell impossibilità per la Scuola di assicurare il regolare svolgimento dell attività didattica e un adeguata sorveglianza degli alunni. I Docenti controllano, tramite verifica della firma dei genitori, che le suddette informazioni siano puntualmente recepite dalle famiglie. In caso di uscita anticipata concessa dal Dirigente su richiesta scritta dei genitori, i medesimi dovranno presentarsi personalmente a ritirare i figli; in caso di impossibilità, è ammessa delega scritta, con esibizione di un documento di identità dell incaricato di cui si tratterrà copia. Attività collegiali Le linee dell azione educativa e didattica, gli obiettivi e le strategie, i criteri di valutazione sono definiti dal Collegio dei Docenti; lo stesso inoltre, nell ambito della propria autonomia, promuove la sperimentazione di progetti che diversificano l offerta formativa. I Consigli di Classe delineano il percorso formativo della classe, adeguando gli interventi operativi, organizzano attività interdisciplinari e transdisciplinari di educazione all affettività/orientamento, alla salute, ambientale, alimentare e stradale, inseriscono nella programmazione le attività integrative che meglio corrispondono alle esigenze didattiche, attivano iniziative di recupero, potenziamento, sostegno. Rapporti scuola famiglia Il rapporto scuola-famiglia costituisce un momento importante del contratto formativo e si basa sulla convinzione della necessità che si instauri una collaborazione costruttiva, ispirata al dialogo e a criteri di trasparenza. A tale scopo è necessario che i genitori siano adeguatamente informati sull intero percorso educativo e didattico, sugli obiettivi, le strategie e gli strumenti di verifica e valutazione, sull apprendimento e sui risultati conseguiti, anche allo scopo di intervenire nei modi e nei tempi opportuni qualora si verificassero situazioni di difficoltà e/o di disagio individuali. La scuola offre pertanto numerose occasioni di conoscenza e di partecipazione: nel corso della prima Riunione Informativa (mese di settembre) sono garantite le principali forme di accoglienza e informazione; nel corso del primo incontro collegiale per l elezione dei rappresentanti dei genitori nei Consigli di Classe, sono date informazioni sulle linee generali della programmazione educativa e didattica; con i genitori rappresentanti di classe, durante i Consigli di Classe nei quali è prevista la loro partecipazione, si esamina la situazione della classe, illustrando lo svolgimento della programmazione e discutendo eventuali problematiche; si presenta il piano annuale relativo alle visite didattiche ed ai viaggi di istruzione per il quale è acquisito parere obbligatorio; ogni docente stabilisce un ora alla settimana per ricevere singolarmente i genitori e ne dà comunicazione alla famiglia tramite il libretto di corrispondenza; l elenco completo degli orari di ricevimento è affisso nell atrio della scuola, i colloqui sono sospesi in prossimità degli scrutini quadrimestrali;

8 sono previsti due incontri pomeridiani tra i singoli docenti e i genitori che, per ragioni di lavoro, hanno difficoltà ad attenersi al calendario dei ricevimenti; gli insegnanti sono disponibili, in casi eccezionali, a ricevere i genitori, previo appuntamento, in momenti diversi da quelli comunicati; le famiglie vengono costantemente informate dei risultati delle verifiche scritte e orali che vengono trascritti sul libretto personale. La scuola predispone annualmente il calendario dei Consigli di classe che viene comunicato per iscritto ai rappresentanti eletti. I genitori degli alunni hanno diritto di riunirsi in Assemblea nei locali della scuola secondo le modalità previste dagli articoli 12 e 15 del Testo Unico del 16 aprile 1994, n,297. L' assemblea, che può essere di classe, di sezione o di scuola, necessita dell'autorizzazione del Capo di Istituto e si svolge fuori dall'orario delle lezioni. Libri di testo La scelta dei libri di testo è di esclusiva e diretta competenza dei docenti, in quanto attiene alla loro professionalità; l adozione di un testo è fondata su criteri di validità dei contenuti culturali, di chiarezza espositiva, di ricchezza dell apparato iconico e del costo. I rappresentanti di classe sono chiamati a esprimere, nell ambito del Consiglio di classe, parere obbligatorio in merito all adozione. Il piano dell'offerta formativa In base alla Legge sull autonomia scolastica, il Collegio dei Docenti elabora la progettazione dell Offerta Formativa nel rispetto delle finalità, dei traguardi per lo sviluppo delle competenze, degli obiettivi di apprendimento posti dalle Indicazioni per il curricolo. Il Piano dell Offerta Formativa recepisce i principi e le linee metodologiche della programmazione educativa e didattica che hanno caratterizzato positivamente le esperienze sin qui svolte e promuove negli studenti la capacità di dar senso alla varietà delle loro esperienze al fine di ridurne la frammentazione ed il carattere episodico. Le finalità dell azione educativa sono: fornire a ciascuno, attraverso proposte diversificate, lo spazio nel quale possa trovare motivazioni personali allo studio, in base agli interessi e alle attitudini personali; favorire la realizzazione di un ambiente di apprendimento accogliente e stimolante; fornire gli strumenti culturali e metodologici che permettano lo sviluppo delle abilità di base e delle competenze per orientarsi nel mondo in cui si vive; creare un contesto idoneo a promuovere apprendimenti significativi e a garantire il successo formativo di tutti gli alunni; favorire il rafforzamento delle conoscenze acquisite attraverso proposte diversificate; aiutare a porsi con atteggiamento critico di fronte alla realtà e dare significato alle proprie esperienze; utilizzare in modo ottimale gli strumenti operativi; attuare interventi adeguati e personalizzati per favorire l integrazione delle diversità e una didattica inclusiva; istituire un più stretto rapporto col territorio e con le istituzioni in esso operanti; valorizzare le professionalità di chi opera nella scuola e favorire la libertà d insegnamento e il diritto all apprendimento da parte degli alunni. Dell offerta formativa, oltre alle normali attività di insegnamento curricolari, fanno parte: le attività di rafforzamento le attività extracurricolari le attività sportive le attività integrative i progetti. Considerate le esigenze dell utenza e le richieste espresse dalle famiglie, la scuola ha deciso di privilegiare i settori: della comunicazione attraverso il rafforzamento e potenziamento della lingua italiana e delle lingue straniere comunitarie; delle nuove tecnologie informatiche;

9 delle conoscenze e delle attività musicali; della pratica motoria. Attività di rafforzamento e Italiano per stranieri (L2) Si tratta di attività gratuite organizzate dalla scuola, in orario scolastico o extrascolastico, di frequenza obbligatoria se scelte, soggette a monitoraggio e valutazione: Rafforzamento in itinere di italiano, matematica e lingua inglese su indicazione degli insegnanti di classe, volto a colmare le lacune della preparazione di base e migliorare la capacità di seguire il regolare svolgimento delle lezioni. I corsi, di norma, si svolgono da fine novembre ad aprile. Italiano per stranieri sostiene l apprendimento della lingua italiana degli alunni di recente immigrazione. Attività extracurricolari Si tratta di attività pomeridiane organizzate dalla scuola con il contributo economico delle famiglie: Corsi per il potenziamento delle lingue comunitarie:si propongono di offrire occasioni per usare la lingua straniera in contesti comunicativi soprattutto orali e di contribuire all acquisizione delle competenze necessarie al conseguimento di certificazioni europee: Trinity College per la lingua inglese, DELF Scolaire Niveau per il francese La scuola è sede autorizzata per gli esami di inglese del Trinity College of London. Avviamento allo studio della lingua latina (classi seconde e terze): rafforza la riflessione sulle strutture grammaticali e sintattiche della lingua italiana e propone un approccio graduale e consapevole allo studio del latino. Corso di robotica : è finalizzato alla costruzione di macchine mobili in grado di interagire con l ambiente esterno Potenziamento delle abilità logiche mira a sviluppare capacità logico-matematiche in preparazione al concorso matematico Kangourou e alle Competizioni di informatica- Olimpiadi di problem solving. Corso di scacchi fornisce agli alunni occasioni e strumenti per sviluppare i propri interessi e le proprie attitudini in campo logico e nell attuazione di strategie risolutive. Avviamento/potenziamento dello studio di uno strumento musicale: gli alunni, seguiti da insegnanti qualificati, potranno iniziare o approfondire lo studio del pianoforte e della chitarra. Corso di fumetto fornisce agli alunni occasioni e strumenti per sviluppare i propri interessi e le proprie attitudini in campo grafico. Corso di disegno dal vero fornisce agli alunni occasioni e strumenti per sviluppare i propri interessi e le proprie attitudini in campo grafico-pittorico Corso di giornalismo fornisce agli alunni occasioni e strumenti per sviluppare i propri interessi e le proprie attitudini in campo letterario. Attività di studio assistito aiuta chi ne fa richiesta nello studio individuale e nell esecuzione dei compiti assegnati. Gruppo sportivo scolastico Avvia alla pratica sportiva e prepara gli allievi ai fini della partecipazione ai campionati studenteschi e ai tornei sportivi promossi da vari Enti. La preparazione atletica si svolge presso la scuola e presso il campo sportivo di Villa Gentile. Attività integrative: Si tratta di iniziative complementari alle attività istituzionali della scuola, effettuate per esigenze didattiche, come opportunità di conoscenza e approfondimento: visite a musei, mostre, partecipazione a manifestazioni culturali, a spettacoli teatrali e cinematografici, in orario curricolare o, a discrezione degli insegnanti, al pomeriggio o alla sera; viaggi di istruzione in Italia e all estero;

10 scambi di corrispondenza con coetanei in lingua inglese, francese o spagnola; partecipazione ad iniziative proposte da vari Enti culturali, Università, organizzazioni Onlus. PROGETTI P.O.F. PER MACRO-AREE MACRO-AREA PROGETTO ATTIVITA A - SVILUPPO LETTURA E SCRITTURA Biblioteca -Aggiornamento e catalogazione dei testi (Sc. Primaria/Secondaria) -Attività di prestito informatizzato con diverse modalità (Sc. Primaria/Secondaria) -Partecipazione a concorsi esterni e interni, iniziative MIUR ed eventuali incontri con autori e/o illustratori della narrativa contemporanea (Sc. Primaria/Secondaria) -Mostra del libro e mostramercato (Sc. Primaria/Secondaria) -Attività di animazione alla lettura (Sc. Primaria) B - POTENZIAMENTO CONVIVENZA CIVILE C - CONTINUITA E ORIENTAMENTO Potenziamento convivenza civile Educazione stradale Orientamento Continuità - Ed. alla legalità (Sc. Primaria/Secondaria) - Incontri con la Polizia di Stato (Sc. Secondaria) - Adolescenti insieme (spazio d ascolto) (Sc. Secondaria) - Primo soccorso (progetto regionale) (Sc. Primaria/Secondaria) - Sicurezza nella navigazione in internet e uso corretto e consapevole del cellulare (Sc. Secondaria) - Rigiocattolo (Sc. Primaria/Secondaria) -ABEO (vendita uova di Pasqua) (Sc. Primaria/Secondaria) - Raccolta generi alimentari (Sc. Primaria/Secondaria) -Iniziative benefiche (in collaborazione con il Lion s Club) (Sc. Primaria/Secondaria) Progetto in collaborazione con Municipio/Comando Vigili Urbani (Sc. Primaria/Secondaria) -Laboratori alunni sc.infanzia/primaria 1 anno

11 D TEATRO, MUSICA E ATTIVITA ESPRESSIVE E- LOGICA, INFORMATICA E SCIENZE Teatro Paganini sezioni musicali convenzione Conservatorio Logica matematica Ortosauro (Sc. Primaria) Educazione alla salute (Sc. Secondaria) Scacchi (Sc. Primaria) -Collaborazione sc.primaria/secondaria -Laboratorio Informatica -Laboratorio Scientifico -Cineforum -Progetto lingua 2: drammatizzazione -Orientamento alla scelta della scuola superiore (Sc. Secondaria) -Potenziamento linguistico -Progetto logica -Viaggi e racconti - Approccio al teatro (Ass.ne Elicona) (Sc. Primaria) - Teatriamo (Sc. Primaria) - Ragazzi all Opera (Sc. Primaria/Secondaria) - Mus-e (Sc. Primaria) - Diffusione della pratica musicale nella Sc. Primaria - Canto corale (Sc. Primaria) - Kangourou della matematica (Sc. Secondaria) - Rally matematico (Sc. Primaria) - Dipendenze - Educazione alimentare F ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Gruppo H /DSA /BES Rafforzamento Ita.-Mat.- Ing (Sc. Secondaria) Rafforzamento e integrazione (L2) (Sc. Secondaria) Accoglienza e integrazione stranieri ((Sc. Primaria) Scuola Primaria - Colloqui con psicologi, esperti e famiglie -Integrazione ore di sostegno -Partecipazione al GLI Scuola Secondaria -Colloqui con psicologi, esperti e famiglie -Partecipazione al GLI

12 G - PROGETTI EXTRA SCOLASTICI Istruzione Domiciliare (Sc. Primaria/Secondaria) Attività extra scolastiche Sc.Secondaria -C.S.S. (Atletica leggera) - Corsi di Inglese (1-5 livello) - Corsi di Inglese (livello avanzato) - Corsi di Francese - Corsi di avviamento alla lingua latina - Corsi di potenziamento logicomatematico - Corso di fumetto - Laboratorio di giornalismo - Corso di disegno dal vero Still life - Corso di robotica - Corso di chitarra - Corso di scacchi Sc.Primaria - Corso di Inglese (1 e 2 livello) - Attività sportive in convenzione con BIELLE - Corsi di strumento musicale - Torneo Ravano - Vela (in orario curricolare) H- PROGETTI FUNZIONALI ATTIVITA AGGIUNTIVE ALL INSEGNAMENTO Salvaguardia della base dell Offerta Formativa Visite guidate (sc.primaria) Visite guidate (Sc.Secondaria) Scuola Primaria Scuola Secondaria Accoglienza e integrazione La scuola, con tutte le sue componenti, è particolarmente tesa a favorire l accoglienza di genitori ed alunni ed è parimenti impegnata nell inserimento e nell integrazione degli alunni con bisogni educativi speciali, che si trovano in situazioni di particolare difficoltà, anche temporanea, degli alunni stranieri, e degli alunni diversamente abili o con disturbi specifici di apprendimento. La lettura delle schede di valutazione finale della scuola primaria permette una prima, seppur parziale, informazione sui bisogni formativi dell alunno. Le prove d ingresso, somministrate a partire dalla seconda settimana di scuola, forniscono una conoscenza del grado di possesso delle abilità di base in italiano e matematica allo scopo di formulare una programmazione adeguata alla classe e di predisporre eventuali interventi di recupero/potenziamento. I risultati di tali prove non incidono sulla valutazione quadrimestrale. Il progetto Continuità con la scuola primaria consente un confronto su metodi e contenuti tra gli insegnanti dei due ordini di scuole per rendere quanto più possibile graduale il passaggio dei ragazzi alla prima classe della scuola secondaria. La strutturazione di un curricolo verticale per le discipline previste dalle Indicazioni Nazionali consente lo sviluppo longitudinale delle stesse, nell ottica del conseguimento di traguardi e competenze.

13 Il progetto Attività di rafforzamento alunni stranieri, rivolto agli alunni stranieri presenti nella scuola, è mirato a favorire l inserimento socio-relazionale, prevenire insuccessi scolastici e forme di dispersione ed emarginazione attraverso il miglioramento della competenza comunicativa in lingua italiana. I corsi sono tenuti in orario scolastico e l attività didattica è regolarmente monitorata e valutata. Valutazione del servizio A partire dall Anno Scolastico 2013/2014 e con azioni graduali stabilite dal MIUR, il servizio scolastico viene valutato dal Sistema Nazionale di Valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione (S.N.V.), come regolamentato dal DPR 80/2013. A livello di Istituto è costituito il Nucleo di autovalutazione nelle figure professionali che compongono lo staff di direzione, cui è conferito specifico incarico per la parte di competenza. Il protocollo di valutazione si articola nelle seguenti fasi: a) autovalutazione dell' istituzione scolastica; b) valutazione esterna; c) definizioni delle azioni di miglioramento; d) rendicontazione sociale. Rapporti dell utenza con i servizi amministrativi L Istituto, avvalendosi del sito web e dell informatizzazione di quasi tutti i servizi, oltre ad una razionale dislocazione degli Uffici, garantisce standard di qualità più favorevoli rispetto ai minimi indicati dalle disposizioni generali, riducendo i tempi delle procedure e assicurando la più ampia e completa informazione. Apparecchi telefonici dislocati ai piani, in Segreteria e in Presidenza e un servizio di citofono, consentono sia le comunicazioni interne che quelle con l'esterno. All'ingresso agiscono operatori competenti a fornire prime informazioni. Tutte le componenti scolastiche dispongono di spazi riservati alle proprie comunicazioni. Orario di apertura della scuola dalle ore 7,30 alle ore 21,00 dal lunedì al venerdì; dalle ore 7,30 alle 13,30 il sabato. Orario di apertura dell Ufficio di segreteria al pubblico L orario di apertura al pubblico è regolato come segue: periodi in cui si svolge l attività didattica dal lunedì al sabato: martedì: periodi di sospensione dell attività didattica (vacanze natalizie e pasquali, mesi di luglio, agosto e settembre fino alla data di inizio delle lezioni) la segreteria osserva la chiusura prefestiva e il solo orario antimeridiano di ricevimento del pubblico. Colloqui con la Dirigenza possono essere richiesti per particolari motivazioni previo appuntamento telefonico; al fine di garantire la massima capacità di ascolto delle esigenze delle famiglie, è conferito all insegnante vicaria specifico incarico di gestione diretta dei rapporti scuola-famiglia.

14 Appunti

15

16 INCONTRI GENITORI CLASSI V PRESSO AULA POLIFUNZIONALE BRIGNOLE SALE LUNEDI 9 DICEMBRE 2013 ore genitori alunni del comprensivo I.C. Albaro GIOVEDI 12 DICEMBRE 2013 ore genitori alunni di altri Istituti OPEN DAY PRESSO LA SEDE DELLA SCUOLA SECONDARIA 11 GENNAIO 2014 ORE 9,00 12,00 18 GENNAIO 2014 ORE 9,00 12,00

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE Gentili genitori entro il 28 febbraio dovete provvedere alla iscrizione dei Vostri figli alla classe successiva. Al momento della iscrizione le famiglie sono chiamate a versare alcune tasse ministeriali

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli