Dott. IJW' Luisi / I~~G NTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dott. IJW' Luisi / I~~G NTE"

Transcript

1 ba AO~.PROVNCA D BAR Poizia Provinciae, Protezione Civie e Ambiente PG de 9/07202 Fusso: U8cita PROVNCA D BAR Servizio Poizia Provinciae, Protezione Civie e Ambiente C.so Sonnino n.85 =Bari 7026 Te. 080/ Fa 080/54288 A.n. (trasmissione er osta eettronica) e,.c. Sett.e Ecosud s.r.,. via degi Ebanisti BAR REGONE PUGLA Assessorato a'ecoogia Settore Gestione Rifiuti e Bonifiche V.e Dee Magnoie ZJ. e ENAP MODUGNO Sezione Regionae Abo - mrese Gestione Rifiuti c/o CAMERA D COMMERCO 7000BAR A'ARPA - PUGLA- D.A.P. BAR Oberdan 8/E 7000BAR COMUNE di 7000 BAR A.U.S.L.BA 7000 BAR Sezione Nuceo Seciae Poizia Provinciae SEDE A sig. Presidente - A sig. Assessore A'Ecoogia ed Ambiente A sig. Assessore Attuazione de Programma Trasarenza e Legaità - errei. A Sig. Presidente Commissione Consiiare Ambiente e Rifiuti it Amministrazione Provinciae SEDE OGGETTO: DLgs. n. 52/2006 art Ditta ECOLSUD s.r... Richiesta arovazione rogettuae ed autorizzazione a'esercizio di un imianto er e oerazioni R2 ed R 3 di rifiuti ericoosi e non ericoosi in agro di Bari - zona artigianae AS - via degi Ebanisti 7, Si notifica, ad ogni conseguente effetto, a 09/07/202, concernente 'oggetto, determinazione igenziae n. 582 de j / Ft ~~G NTE Dott. JW' Luisi

2 SERV.~rZ(): Poizia Provinciaie, Proiezione Ctviie e Af?)j:teEtrte L'4.TTç=~ }D~fR~t}E\~ZP;..--_- i.,e \f...)~:~.. o 9 tue. 202 Prcme~ o! che!~e!str&t8.~ vigore de D.L.~.!G52/06 reativo ae "Norme in materia amoientae" disciina, aa arte 0, titoo, cao P/:; r'a:rov22lg:ie dei rogetti e 'autorizzazione aa reaizzazione d-eg~imianti di smatimento e di recuero dei rifhrd; ehe tae a.tti'vii ai sensi de'art. 96 ce~d~lgs. E. 52/06 è esressarneate demandata aue F:egi'JE!.L~savo quanto disosto dai'art. 77!, CO. 2 deio stesso. D.Lgs. n, 52/06 che, revedendo che e stesse adeguino i risettivi ordinamenti entro un anno da'entrata in vigore deo stesso D.Lgs.~ fa save e strribuzioni di funzioni deegate ù trasferite grconferite dae eg oni a.e Province; c~e a Regione Pugia con L~R, L. 7 de4/06ig7 art. 6 CO. 3~.h.~conçTQate ~ deega ae Province tiehe funzioni ccncernenti i riascio, ne risetto dei temi e dee modaetà. definite daa normativa comunìtaria nazionae d~ settore vigente, dee autorizzszioni er ia reaizzezione e er a gestione ei imianti d~ SE2hth7.tBi"tO o di recuero di rtuti, anche ericoosi, ivi comresi gi imiav.."ti di mcers,:;:rmaento rifiuti, già deegate ai sensi dea L~R. r/~30/36 e àei'artico~o 23 deia L.R. n07/gq; efue e suodette funzioni -assano essere sicuramente ricornrese nea iù amnia categoria dehe funzioai asnministrative reviste Géi.r'srt. 9 creè D.Lgs. 267/0Q, i! qiae revede che ae Province s~r-tetg:fi~ ::;atre, e ft~t7~gti8.fì.;:;,inistiati""\<'"6 ci hit~;ess6rovinciae reative '~arorgatizz:2zioeie aeho sn.atimento dei tifi~.2.ti 8: iveo orovinciae. ~." TSicr. eb:e 2:.[~iriZ.n ECC~LST_TDs.r... ', con sede egae ed cerativa m BE::-i - zona artigianae AS- via. degi Ebanisti 7, egaìmense rsresenteta r~ sig. Giorgio Piccininni, nato 8. Bitonto i 2//974~ con istanza de 9/04/205 in rti s.t.3450 de~ 9/04/20 e successive integrazioni, ha chieste, ai sensi deh~a7t. \;!!=E:~t~;~~~~i,~~':E:~~E'~;i,~;:;~~ ~i~~~~~ ;cr~:c~;~~;:?;:'~i~!~:;:~~~~;,j~e~~:~a~~ ~:::T~:O;~~iS:~ seciai ericccsi) e (33,5= tonn./eanue di rifh.s.-t seciai n.on ericoosi); ~7Ì tg cimei Comitato Tecnico Provinciae- e art. 5 dea L.F~~D..30i86-, ne2- s3dù.4~ de 27/Q72(t ~ha e

3 ... SEi?VTZEO: Protezione Poizia.J;.?:J!ro.'inciae:; Civie 2 A;'~t[;'ier'.té N. o 9 LUG. 202 OGGETTO: D.Lgs. n. 52/2006 art Ditta ECOLSuu s.r... Richiesta arovazione rogettuae ed autorizzazione a'esercizio di un imianto er e oerazioni R.2ed F~3 di rifiuti ericoosi te non ericoosi in agro di E-ari - zona artigianae AS - via degi Ebanisti 7. Preraesso: che r'eutrsta in vigore de! D.L-,~~;o52/06 reativo 2.He"Norme in materia ambientse" Qisciih-;~8a. arte V, titoo ~ cao \', È~8.rovazioTe dei rogetti e 'autorizzazione aa reaizzazione degi imianti di smatimento e di recuero dei rifiuti; cae tae attività ai sensi de'art. 96 de D.L.gs. L 52/06 è esressamente demandata ae Regioni, savo quanto disosto da'art.. 77:,cc. 2 deo ~t.esso D.Lgs.!. 52/06 che, revedendo che Ìe stesse adeguino i risettivi ordiaamenti en'ltoun anno da'entrata i;r~vigore deo stesso D.L.gsr~ fa save e anribuzioni ce funzioni deega.te o trasferite gir conferite dde R...egior.i a:.hepro-vince; cfuie 2.:t~egionePugia CO! L~P,- i. 7 de ~4i06/G7 art. 6 cc. 3=_ha coafennato m. deega ae Pi"CYVCe dee funzioni concernenti H riascio, ne risetto dei temi e aee modaità definite daa normativa comunitaria e nazionae di settore vigente, oeìe att~;)rtazioni er a reaizzazione e P;;" a gestione di imiar{~i di smahimentc D d recuero di rifiuti, anche ericoosi, rvr comresi gu imiaati di incenerimento rifiuti, già deegate ai sensi dea L.P,- t.='30/86 e de.'articoo 23 dea ~.R. rro7/08; càe e s'i3d.dette funzioni 0S5030 essere sicuramente ricomrese nea iù 8H8categorie deiie funzioni amministrative reviste da'art. 9 dei D'Lgs, 267/0G~i quae revede che ae Province settano, fra ìe atre, e funzioni E~m.mDistrativedi interesse rovinciae reative "a'organizzezione -ieho sraatimentc dei rifiuti a E~ieH.Gs-cfviczJe. rhtté Vr ECC::LSt!J s.r... ~~:;CGn sede ~egaeed oerativa i Bari - zona ertigisnae AS - via d:.:g!i Ebanisti 7, egamente rsreseatsta dai sig. Giorgio PicciDTUÌ~, nato 8. Bitonto i 2//974, con. istanza de 9/04/20:: in arti a &.3450 de 9/04/20 e successive irriegrazioni, ha chiesto, ai sensi de "art. 208 de D.Lgs.~. 52!v6~ Farovazioe rogettuae ed autorizzazione a'esercizio di un ~:-~i&:t0er e oerazioni R 2 scambio éi rifiuti er sottcori ad una dee onerazioai indicate nei numi da R a :_J ed P:. 3 messa m riserva di rifiuti er sottoori a-una dee oerazioni indicate nei unti d~ R a R2~ in agro di!i~~- :-=Z~~~;if~~~~:;!~~~i~ii=~a~ ~ 3P~~;~!;~~~O~O~~~~;;5 T~:~ ~:~~~~! :.~~&~~~: ~~Co~~~;~6_, rassegnato E rorio arere favorevoe, con rescrizioni, 2'h.t:~er-\ieEtoroosto ~ iie2- sedutade27!o7/20, ha

4 ~~[nc \ Rfn W'h.t non. ~. ~~"-:. Pertcces! P~r~rOtOS. _., fj,u;:>~tità... -~~- Q~antrta,' -- ;;r~codice CER atri soventi organici, souzioni 00 ozo: r'l. - v~\.. z, di avaggio ed acque madri \ i ì... '" atrì soìventì orzamci, SO!UZOm.. r!ì"'" '! _._. À t-! ~.!LV~ dì ìavaggìo tu. acque maun N ç~~ ''9 ~ ~-J ~ f.i ~ QJ f CJ E'!.,... ~ w =' ~.- t'-) ~ ~,.." ~ ~ ('~,f.:j ~ rkw,"" ~.-.", ~~ ~ ~ "'"" """ ~ < Z0 Zu 5002 NP!imbaaggi in astica X j 20 )'}ff\ L.=V 5005 NP mbaaggi in materiaiccmosìtt.! 20! NP mbaaggì in vetro X X 20 im~o~~gg!.u;etahid CGnt~neTti 50 P i" SOWJ. -o:rgse~encoos.e 2«:» X X ~ad e~e~~i~arr:riant? Ji comr~si i \ i rn(~;ai.'ji-:;r2-ri..?! n~occ-;:f,n.a. \i? io-ri ~ -L ~\_'~_'~_~_"~_~_4 _~~_~_ ~_r.~_'_p_~~_"~_'v_a~_~_<~,~_"~_,~_. ~ ~ \~,--~-;f~ 3

5 ! '...vvl.t...t...v ~,;)~,'n '', i f 6023 " "i""'r>..."~r.,.,r-~!~~i-r.,,,-,. ~-r....,::?-c"'- aa.!. t:l. ua!.'->._ ç! -h.h uso contenenti rcs o da essi '-_!,-"",..! o""'...l. ~!-- ~~ d--n-.n. ]._ CG,-i!i..d.ffi!ìa.e; crver ;:,ca y.ùca!c di cui aa voce adareo::hiat.re fuori uso, i ~. -,..,. contenenti corofuorocarburì. ncsc, HFC \ _! aareccnìature é' " rucn uso, contenenti comonenti ericoosi diversi da quei dìcui ae voci e \ / i n~,...,..... _ov5uj i NP ~~mo:::.~,~:~co!:si da aai eccmature comnonenti -rimnc~i da r~n~ossi ruon uso ~~~~r~~~hi~~~_~~-i~~ri. Uso, \crversi da quei di CU aa voce 6025 ".... '.' 'rinun "- "--- _... orzamci - W --"-_'::'J contenenti '---~-'- \ sostanze ericoose rifiuti organici, diversi da quei [ NP di cui aa voce > oartene H. a. iombo " ' 57 5i ì r~ arrre oatrerìe eu accumuratort 267 ', '" r Q oggetn ua ragno eccen..o 0' '.i o '.,i ) \,ar L anatomiche ed organi incuse e sacche er i asma e 250 e riserve di sangue (tranne 8 003) - ~ ' '"-Lo., ' '.' rifiuti che devono essere raccoti \' w = ', X recauzioni articoari er *... t:.. evitare mreziom 0(»0 4

6 i i 8004 NP 8006, P 8007 NP 8008 P '8009 NP -QrOn\..UV.;...t'U NP ' D J ~ t::.,~ D J NP i "o0... F Lv _.:);:) NP P rifiuti che non devono essere raccoti e smatiti aicando nrecauzion n... i..; r»oa... i De'" evitare ìnfezìon [es, bende, ingessature, enzuoa, ìndumentì monouso, assorbenti igienici)!'""'_ o..uu..;.u... _Q..o:. _t... v s: L-t. r., ,. h. sostanze cmrmcne ertcorose (} contenenti sostanze ericoose sostanze chimiche diverse da quee di cui aa voce medicinai cìtotossìcì e cito stati ci oggetti da tagio[eccetto ' ).. rifiuti che devono essere raccoti e smatiti aicando recauzioni articoari er evitare infezioni rifiuti che non devono essere raccoti e smatiti aicando recauzioni articoari er evitare infezioni sostanze chimiche ericoose o - - L i con Lenenti SOStanze ericorose '..'... J mecncman COmSSC cito stati ci tubi fuorescenti ed atri rifiuti contenenti mercurio medicinai citostatìcì e cìtotossìcì e medicinai diversi da quei di cui aa voce aarecchìature eettriche ed eettroniche fuori uso, diverse da quee di cui aa voce e 20023, contenenti comonenti ericoosi

7 ! NP aarecchìature eettriche ed t...'",. eiett<omche ruon uso, mverse " 'ì"'" ' U...:. r.'? nh"", 0rP ~o;;...e.~.l _ "'-"i. u_ ' ~.. cr.': '"A ('; ~! -!,-: ---'iich.... LoU '0L 2; e S )ìa Ditta n ECOLSUD s.r...", dur-ante t'esercizio de'attività autorizzata, è tenuta a'osservanza dei seguenti obbighi: a) risettare e norme generai di sicurezza; b 'T., (P" "\.,.. '''''''; ) rovveaere a a messa m. nserva v:-...:;j uei rnml er sottceori ad une dee oeraziom t. L"i--. ~ - _ " - ~ indicate ai unti da R a R2 de'at "C" a D.Lgs. n. 52/2006; c) risettare, in materia di. imbaaggi di cui a codice 50000, i titoo T daa arte LV de D.Lgs. n. 52/2006; d) escudere, con riferimento a codice 2000UO, i rifiuti soidi urbani ed assimiabii da commercio, industria ed istituzioni incusi i rifiuti dea raccota differenziata, se ed in quanto rientranti nea escusiva cometenza obbigatoria dei Comuni; e) f) a) 0/ indicare negi sazi destinati, a tioogia dei rifiuti steccati; esorre i cartei con e norme di rimo soccorso;. irnitsre C mesi sei a durata massima deo stoccaggio, con effetto daa data di assunzioneìn carico dei rifiuti; i,..'\ osservare er]. rìrìun '~'..i ' samtan _e rnsosszrom ~ D"" 25&.' t 0. cm a J...:.. U. : cei '5'07/200". Je di T' autonzzare,3- durata massima di. stoccaggio di giorni cinque, COT effetto daa data di assunzione in carico dei rifiuti; i) comunicare a'amministrazioneprovinciae gi imianti di recuero finae dei rifiuti steccati; j) osservare ogni atra norma, con articoare riferimento a quee in materia di igiene, ambiente e territorio; e) OSS~Jare tutte e disosizioni di cui a'art. n. 78, COTiTa 2~ nonché de~i artt, n, 87!, i. 88, T. 89 e n. 90 de D.Lgs. n. 52/2006; ) effettuare e comunicazioni ai sensi dea egge 25/94, i. 70; m) quaora i carico di rifiuti sia resinto, i gestore deve comunicaro aa Provincia entro e non otre 24. ore, trasmettendo fotocoia dei formuari di identificazione; ~n) effettuare eriodici interventi di dìsìnfestazione de'intero stabiimentc, con frequenza ameno settimanae nei eriodo estivo; o) non effettuare acuna oerazione che ossa configurarsi come "eiminazione mediante incenerimento, trattamento chimico o stoccaggio i terra" dei rifiuti seciai ericoosi reviste da'art. 78, de D.Lgs. i. 52/2006; ) osservare e disosizioni reviste daa arte :m: de testo unico ambientae.52/06 in materia di tutea dee acque da'inquinamento; q) garantire, in ogni caso, a sussistenza dee condizioni reviste da'art. n,de DLgs ; r) ademiere aei obbighi tutti di cui a resente rovvedimento autorizzatorio, ena à comminatoria dee sanzioni di cui a'art. g dea L.R. n. 3D986 ed a'art. 256, de D'Lgs; n. 52/2006; 4) di obbigare, a Ditta "ECOLSUD s.r...", a trasmettere, rima de'entrata in esercizio de'attività di gestione de'imianto a seguente documentazione e avvenuto ademimento dee condizioni formuate daa ASL 3A con nota U. 398/9 de 9/08/20; autorizzazione ao smatimento dee acque meteoriche, ai sensi dei D.Lgs.rr.52f06; reazione di coaudo e/o di fine avori merito ae strutture, oere ed aestìmenti funzionai con attestazione di conformità agi eaborati rogettuai acquisiti agi atti; accettazione, da arte de Servizio Ambiente e Rifiuti dea. Provincia, dee garanzie finanziarie restate m. conformità a regoamento regionae n. E/2007 er t'imorto di ,50 i cui beneficiario deve essere ' Amministrazione Provinciae di Bari; 6

8 5) C!2 riservarsi i'adozicne di eventuai rovvedimenti integrativi e/d modifìcstivi de resente at~o in diendenza di disosizioni esicative e regoamenteri attt.:ztive de citato D...gs. ~L 52 Q; 03i04/2006; 6) di dare atto che, ai sensi e er gi effetti dei comraa 2!, art. 208~dei D'Lgs, T.. 52/2;aG6~ r~u:tori7.7&tione riiescista C0E!i resente 2.~c!,:i~T~Gvsbie ~i sensi deo stesso D.Lg2. L 52/2Gt.:;}~re:;té: veica. er a durata 6.asni dieci, a. decorrere r~$;s~~ta di avvio deì'esercizic; 7) si ritiene fui save e autorizzazioni, e rescrizioni e a vigianza di comet-enza. deo Stato, dea Regione, ne! Comune o di aitri srrti, derrv2ti. daa egisazione vigente i SEterif.. cii tg:=3:i deh~j~~bie2te!idea saute ubb-ica ed urbanistiche; g) di notificare i resente rovvedimento aa Regione Pugia Assessorate a' Ecoogia - Settore Gestione ~jfi;.!.-ti e BG:iT2=r:e, ~i~p~~ ~giia D..::~.F. ci Eari, EH~ Sezione rtegi0~ae dei'~!:.ib0gestori Ambientaìi, &t Cozaene d Bari, -a Senr:ZG di 9ienç; 6 Sanità Pubbica. de'.:~.u.s..l. B-\ cometente er territorio, E. Dirigente dea "Poizia" Provinciae" dea Provincia di Bari ed aa Ditta interessata ~.y di recisare, ai sensi de'art. 3!) comma 4 deìa L. 24/90, che avverso a resente determinazione ~ ossibie resentare ricorso dinanzi a Tribunse Amministrativo Regionae entra 60 giorni daa iena conoscenza, ovvero in aternativa ricorso straordinario dinanzi a Presidente dea Reubbica entro 20 giorni daa iena conoscenza; O.) di dare atto che a resente determinazione non da uogo ad imegno di sesa. O C J L""" th, '0 = " Bari, t

9 RACCOMANDATA A.R. PROVNCA D BAR Servizio "Ambiente, Protezione Civie e Poizia Provinciae" C.so Sonnino n Bari 702 Te. 080/ Fa 080/54288 _ba AOO PROVNCA D BAR Poizia Provinciae, Protezione Civie e Ambiente PG de 2/05/203 Fusso: Uscita Sett.e ECOLSUD s.r., z. a. AS - via degi Ebanisti MODUGNO Oggetto: D.Lgs. n.52/2006. Garanzie finanziarie reative ae attività di smatimento e di recuero di rifiuti. Ademimenti. Con riferimento aa nota de 22/03/203 si rende atto dea trasmissione dea oizza fideiussoria n de 2/03/203 emessa da Eba Assicurazioni S..A. - Agenzia Urbano - Bari de'imorto di ,50= e, ne contemo, si invita codesta Ditta a trasmettere, entro i termine di 20 giorni daa data di ricezione dea resente, ena a sosensione de 'attività, garanzie finanziarie ne risetto dee condizioni e modaità reviste da Regoamento Regionae n. 8/ aegato A e C - da adattarsi a caso concreto. Tenuto conto che er effetto di quanto sora e sua base di quanto stabiito aegato B de regoamento regionae n. 8/2007, e uteriori garanzie finanziarie determinate er 'attività in questione, ammontano er un totae comessivo di ,00= e come di seguito secificato : (.3,OO X Tonn. di R.S.N.P.) = ,00=; (.25,OO X.953 Tonn. di R.S.P.) = ,00==; Totae ,00=; Distinti sauti

10 RACCOMANDATA A.R. PROVNCA D BAR Servizio "Ambiente, Protezione Civie e Poizia Provinciae" C.so Sonnino n Bari 702 Te. 080/ Fa 080/54288 _ba AOO PROVNCA D BAR Poizia Provinciae, Protezione Civie e Ambiente PG de 04/06/203 Fusso: Uscita Sett.e ECOLSUD S.r.. z. a. AS - via degi Ebanisti MODUGNO Oggetto: D.Lgs. n.52/2006. Garanzie finanziarie reative ae attività di smatimento e di recuero di rifiuti. Ademimenti. Con riferimento aa nota de 28/05/203, si comunica che e garanzie finanziarie restate a favore di questa Amministrazione, giusta oizza n emessa da Eba Assicurazioni S..A. er 'imorto comessivo di.6.80,50, sono state accettate e, ertanto, 'autorizzazione osseduta è vaida ed efficace. Distinti sauti

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

Roma, 18 settembre 2014. Claai

Roma, 18 settembre 2014. Claai .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014 N PAP-01410-2014 Si attesta che il resente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 09/12/2014 al 24/12/2014 L'incaricato della ubblicazione GENNARO COLASURDO COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale er le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO Anno Accademico

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 adempimenti di inizio anno 15 lunedì C.di C. 3AG 13.30 14.15 programmazione - visite studio - varie solo docenti 15 lunedì C.di

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Tecnico Cirina Sergio NUMERAZIONE GENERALE N. 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 in data 29/10/2013 OGGETTO: CIG: Z660B2D707 LIQUIDAZIONE ACCONTO FATTURA

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Flowchart della procedura in materia di accesso agli atti

Flowchart della procedura in materia di accesso agli atti RICEZIONE ISTANZA Flowchart della procedura in materia di accesso agli atti 30 gg. (salvo sospens. per integraz. docum.) Richiesta integrazione Ricezione integrazione Comunicazione accoglimento accesso

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA - Industria aimentare in compesso - Industria

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

VERBALE DI DETERMINA

VERBALE DI DETERMINA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA SARDEGNA "G. Pegreffi" SASSARI VERBALE DI DETERMINA N. 116 del 20/02/2013 OGGETTO: Autorizzazione preventivo per il trasloco dell'oevr - CIG Z49089DEFB L'anno

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

catalogo generale SPAZZATRICI AND URBAN POWER SWEEPERS PROFESSIONAL E URBANE

catalogo generale SPAZZATRICI AND URBAN POWER SWEEPERS PROFESSIONAL E URBANE cataogo generae genera cataogue SPAZZATRICI PROFESSIONALI E URBANE PROFESSIONAL AND URBAN POWER SWEEPERS Operatore a terra Wak behind modes SM Spazzatrice manuae a spinta Manua pushing sweeper con a soa

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli