DOSSIER Martedì, 04 novembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOSSIER Martedì, 04 novembre 2014"

Transcript

1 DOSSIER Martedì, 04 novembre 2014

2 DOSSIER Martedì, 04 novembre novembre 04/11/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 11 CONFCOMMERCIO: «CARPI A TAVOLA, UN SUCCESSO» 1 04/11/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 16 Sconto sulla Tari a chi rinuncia alle slot machine 2 04/11/2014 Pagina 21 Turismo, il distretto si allea con Modena e si prepara all' Expo 3 03/11/2014 Sassuolo2000 Carpi a Tavola: un successo che fa bene alla città 5 02/11/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 7 Federalberghi, Faenza confermato presidente 6 02/11/2014 Pagina 11 Esselunga non fa accordi: ha tenuto aperto 7 02/11/2014 Pagina 14 Corsi di cucina organizzati da Confcommercio 8 01/11/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 16 Prezzi al consumo, costano di più frutta, ortaggi e cioccolato 9 01/11/2014 Pagina 10 Controlli nei circoli Multe a 3 locali per 10 mila euro 10 31/10/2014 Sassuolo2000 Fiva Confcommercio: "il Mercato ambulante di Carpi diventi fattore di... 11

3 4 novembre 2014 Pagina 11 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Dicono di noi CONFCOMMERCIO: «CARPI A TAVOLA, UN SUCCESSO» «E' con viva soddisfazione che salutiamo il grande successo di Carpi a Tavola. L' invasione di persone della piazza nel corso del weekend dimostra, una volta di più, che manifestazioni di questo tipo, imperniate sulla valorizzazione di eccellenze enogastronomiche, catturano l' attenzione di un pubblico sempre più numeroso, con evidenti riflessi positivi sulla vitalità di Carpi e del suo centro». Lo dichiara Confcommercio Fam di Carpi, che ora auspica lo stesso successo per 'Cioccolato in Piazza' in programma il prossimo weekend. 1

4 4 novembre 2014 Pagina 16 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Il Resto del Carlino Modena PAVULLO LOTTA ALLE LUDOPATIE, IL COMUNE SOSTIENE BAR E TABACCHERIE. Sconto sulla Tari a chi rinuncia alle slot machine PAVULLO IL Comune di Pavullo ha istituito un fondo di 5mila euro che consentirà di concedere una riduzione sulla Tari, la tassa sui rifiuti, ai bar e alle tabaccherie del territorio comunale che non ospitano al loro interno slotmachine o che abbiano provveduto alla loro rimozione nel corso dell' anno. L' Amministrazione comunale, attenta ai gravi rischi che derivano dall' abuso del gioco d' azzardo, da oltre un anno ha intrapreso un percorso istituzionale e di sensibilizzazione verso i cittadini, aderendo al 'Manifesto dei Sindaci contro il gioco d' azzardo', organizzando una raccolta firme, che si è aggiunta a quelle del resto d' Italia, per promuovere una legge di iniziativa popolare che regolamenti il fenomeno e facendo propria la legge regionale. «Il tutto è stato attuato con l' intento? come sottolinea l' assessore al Commercio Katia Salsi? di prevenire e ridurre la dipendenza dal gioco patologico. L' introduzione dell' agevolazione Tari, intende incentivare quegli esercenti che hanno deciso di dire no al gioco d' azzardo, compiendo un gesto dal grande valore etico e morale». La riduzione della tassa sui rifiuti è prevista nella misura del 30%, calcolata sulla tariffa della classe di appartenenza. Nel caso in cui le domande pervenute eccedano la possibilità di applicare la riduzione del 30%, questa sarà diminuita in modo proporzionale, per garantirne la copertura con l' importo stanziato. Il modello di adesione per ottenere la riduzione Tari tramite autocertificazione, scaricabile dal sito Internet raggiungibile dalla home page del sito istituzionale del Comune, dovrà essere inviato, entro il prossimo 30 novembre, con le seguenti modalità: a mezzo Posta Elettronica Certificata all' indirizzo del comune; tramite fax al numero o consegnato a mano presso l' Ufficio Protocollo del Comune di Pavullo, in piazza Montecuccoli 1. g.p. 2

5 4 novembre 2014 Pagina 21 Turismo, il distretto si allea con Modena e si prepara all' Expo Formigine, Fiorano e Maranello hanno sottoscritto un patto per dare vita a tour che possano valorizzare tutta l' area Da alcuni anni i Comuni di Fiorano, Formigine e Maranello hanno dato il via a un piano di valorizzazione turistica del territorio, attraverso numerose attività di promozione ma anche di formazione degli operatori commerciali e di tutti coloro che potenzialmente potrebbero trovarsi ad accogliere turisti. L'attività, che in questo caso ha come capofila il Comune di Maranello, per intuibili ragioni legate alla presenza della galleria e dei luoghi della Ferrari, vede come partner di primaria importanza il Comune di Modena, col quale è stata recentemente sottoscritta una nuova convenzione, per la fine del 2014 e per il 2015, nella quella sono previste nuove iniziative e potenziamento di quelle esistenti. Iniziativa quanto mai mirata, visto che nel 2015 le potenzialità garantite dall'expo di Milano riguardano anche questi territori, sicuramente Maranello ma di riflesso anche quelli vicini. E' nei piani di quella che viene definita la Città distretto del resto, l'elaborazione di pacchetti unitari che includano tutti i Comuni del territorio e in futuro forse anche quelli reggiani. Fondamento delle attività formative e promozionali, è il progetto Benvenuto turista arrivato ormai alla quinta edizione: non riguarda solo gli operatori commerciali del distretto ma anche quelli di Modena eventualmente interessati, visto che a Modena arriva la maggior parte dei visitatori che poi si dirigono a Maranello e dintorni e che da Modena partono i trasporti pubblici esistenti e le navette che in diverse occasioni, a titolo pubblico o privato, sono state istituite verso i territori del distretto ceramico. Benvenuto turista include corsi di inglese, corsi di storia del territorio, illustrazione delle aue principali attrattive, attività di formazione all'accoglienza turistica, che in un territorio non esattamente vocato a questo tipo di frequentazione,non sono scontate. Dal lato della valorizzazione turistica vera e propria include invece l'istituzione di visite guidate programmate per tutte le principali attrattive di Sassuolo, Fiorano, Formigine e Maranello. Il Comune di Modena entra nell' accordo attraverso il sostegno ai progetti e la loro diffusione anche presso gli operatori del capoluogo; come città ospitante alcune delle iniziative corsistiche; con un contributo di circa 18mila euro in due anni per la partecipazione a questi progetti. A guidare il progetto è Maranello, che oltre a organizzare le iniziative si occuperà di integrare la app Maranello e dintorni già esistente e a ripubblicare il depliant promozionale Benvenuti a Modena, già elaborato nelle precedenti edizioni dell'iniziativa, che a fasi alterne ha comunque raccolto numerose Continua > 3

6 4 novembre 2014 Pagina 21 < Segue adesioni, arrivando a formare ormai un centinaio di operatori. 4

7 3 novembre 2014 Sassuolo2000 Dicono di noi Carpi a Tavola: un successo che fa bene alla città "E' con viva soddisfazione che salutiamo il grande successo di Carpi a Tavola. L' invasione di persone della piazza nel corso del week end dimostra, una volta di più, che manifestazioni di questo tipo, imperniate sulla valorizzazione di eccellenze enogastronomiche, catturano l' attenzione di un pubblico sempre più numeroso, con evidenti riflessi positivi sulla vitalità di Carpi e del suo centro, e complessivamente sugli esercizi commerciali del centro storico". Così si esprime Confcommercio Fam di Carpi in merito a Carpi a Tavola, la manifestazione dedicata all' enogastronomia svoltosi lo scorso week end e che ha compiuto 15 anni. "Va poi sottolineato che quest' anno precisa l' Associazione c' è stata una sinergia molto positiva tra gli stand di Carpi a Tavola e gli esercizi commerciali e questo ha contribuito a rendere ancora più viva la piazza ed a proiettare un' immagine decisamente positiva della città ai tanti visitatori accorsi". "L' auspicio conclude Confcommercio è che il successo di Carpi a Tavola sia bissato il prossimo week end, in occasione di Cioccolato in Piazza, la fiera con cui artigiani e cioccolatieri provenienti da tutta Italia invaderanno la città".! Start WP. 5

8 2 novembre 2014 Pagina 7 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Dicono di noi Federalberghi, Faenza confermato presidente AMEDEO Faenza è stato confermato Presidente di Federalberghi Confcommercio, la federazione degli albergatori modenesi. Sarà affiancato dal nuovo consiglio direttivo, così composto: Riccardo Pisani, Andrea Ruozzi, Patrizia Burchi, Simona Nardini, Santiago De Tommaso, Marcello Masi. «Dobbiamo sempre più lavorare perché il turismo assurga a fattore di crescita dell' economia del nostro territorio puntualizza Faenza puntando sulla qualificazione e l' innovazione dell' offerta, sulla programmazione di eventi ed iniziative e sul superamento dell' attuale frammentazione nelle attività di promozione e commercializzazione turistica. Come sosteniamo da tempo, vanno incentivati gli investimenti tesi ad ammodernare le strutture e c' è bisogno di abbattere costi impropri, come quelli della burocrazia, che comprimono la capacità di investire da parte dell' imprenditoria locale. Sarà importante riprendere in mano il tema della tassa di soggiorno, perché sono convinto che la cattiva pubblicità che genera produca un danno economico ben più importante dei magri introiti per le casse dei comuni». 6

9 2 novembre 2014 Pagina 11 Esselunga non fa accordi: ha tenuto aperto Patto di chiusura rispettato da chi lo aveva sottoscritto. Filcams ribadisce: «Servono regole nuove» L' impegno alla non apertura che gli operatori della grande distribuzione si erano imposti è stato rispettato. Ieri, festività di Ognissanti, centri commerciali e supermercati hanno tenuto chiusi i propri negozi (oggi però saranno aperti). Ad aprire è stato chi a quel patto non aveva aderito, quindi non si sentiva in obbligo di rispettarlo. Il supermercato Esselunga di via Morane ha tenuto aperto regolarmente dalle 9 alle 21. Come hanno sempre fatto in occasioni di festività come quella odierna. «Tutto come previsto commenta Fiorella Prodi segretaria di categoria della Filcams Cgil E appunto per questo rinnoviamo con forza il nostro impegno a far sì che si arrivi a una regolamentazione che riduca notevolmente le aperture nei giorni festivi che, oggi come oggi, hanno l' unico risultato di complicare notevolmente la vita ai lavoratori e alle lavoratrici, oltre che favorire il precariato, ma certo non incrementano nè i posti di lavoro nè il volume di affari. Chi fa acquisti in un giorno di festa, certo non tornerà nello stesso luogo all' indomani per spendere ancora. Ricordo che siamo in piena contrazione dei consumi e le famiglie ci pensano bene prima di spendere». Come uscire da questa situazione? «Come abbiamo ripetuto anche in questi giorni è ormai indispensabile rivedere l' attuale liberalizzazione degli orari del commercio spiega prodi E possibilmente impedire che a livello nazionale avanzi il disegno di legge di Pd e M5s che addirittura peggiora le cose. Occorre una normativa che dia facoltà alle regioni, di concerto con le singole province, di concordare il tema delle aperture. Ecco perché abbiamo chiesto un incontro con il sindaco per estendere sul territorio provinciale il rispetto della chiusura nelle festività civili e religiose». Si spera che Muzzarelli possa «allargare il perimetro della discussione e degli interlocutori, recuperando l' esclusione dei rappresentanti dei lavoratori, registrata nell' incontro del 13 ottobre a Modena». 7

10 2 novembre 2014 Pagina 14 Dicono di noi Corsi di cucina organizzati da Confcommercio Una serata dedicata alla tradizione modenese in vista delle prossime feste natalizie. Questo il tema della serata organizzata da Iscom Formazione mercoledì a partire dalle 20 fino alle 23 per cimentarsi nella preparazione dei dolci tipici modenesi con la guida dell' esperto pasticcere e panettiere Ilio Berselli. Questi i temi trattati: bensone vuoto e con marmellata di amarene, tortelli al forno con mostarda e castagne, amaretti di Modena, torta celtica, budino estense bianco e al cioccolato, panone di Natale. Contemporaneamente, la stessa Iscom organizza un altro corso per diventare cuoco, e poi magari chef. Per chi ha questa ambizione c' è l' opportunità del corso di cucina professionale (a pagamento), concepito da Iscom Formazione Modena per apprendere le tecniche di base, l' utilizzo delle strumentazioni, le nozioni di sicurezza e igiene,. Un corso che partirà lunedì nel Laboratorio Angelo Po di via Piave 125 (sede della Confcommercio). Si tratta di trenta lezioni, 150 ore di aula e la possibilità per i più promettenti di fare uno stage. 8

11 1 novembre 2014 Pagina 16 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Il Resto del Carlino Modena Prezzi al consumo, costano di più frutta, ortaggi e cioccolato L' ufficio statistica rileva un incremento mensile dello 0,2% della spesa. L' INDICE dei prezzi al consumo per l' intera collettività (Nic), calcolato nel mese di ottobre 2014 dal servizio Statistica del Comune di Modena, non ha fatto registrare alcuna variazione su base tendenziale annua, ma una variazione di + 0,2 per cento su base congiunturale rispetto al mese di settembre. Secondo i dati del mese rilevati per le 12 divisioni prese in esame, quelle risultate invariate sono due (ma con diminuzioni e aumenti al proprio interno), sette quelle in aumento e tre quelle in calo. La diminuzione congiunturale più alta ( 0,7%) si è registrata alla divisione 'Trasporti' per il calo dei prezzi di ricambi e accessori per mezzi di trasporto, carburanti, manutenzione e riparazione mezzi di trasporto, trasporto passeggeri su rotaia, aereo e marittimo (a rilevazione nazionale), mentre sono risultate in aumento automobili, motocicli e ciclomotori (rilevazione Istat), biciclette e servizi per mezzi di trasporto. All' opposto, la più alta variazione positiva (+ 1,8 %) è stata calcolata per la divisione 'Istruzione', in particolare per l' aumento dell' istruzione universitaria (rilevata dall' Istat) e dei corsi di istruzione e formazione. Variazione positiva consistente anche per 'Servizi ricettivi e di ristorazione' (+ 1,5 %), dove sono risultati in aumento pizzerie, bar e servizi alloggio. Più 1,3 % è, invece, l' incremento per 'Abitazione, acqua, elettricità, combustibili': l' aumento riscontrato nella divisione è dovuto all' energia elettrica e al gas di rete, mentre diminuiscono gli affitti delle abitazioni, i servizi riparazione casa e il gasolio da riscaldamento. Invariata nel mese in esame la divisione 'Prodotti alimentari e bevande analcoliche', ma al suo interno ha avuto sia diminuzioni per pane e cereali, caffè, carni, pesce, latte, formaggi e uova, sia aumenti su olii, frutta, ortaggi, cioccolato, confetture e bevande analcoliche. Analogamente è risultata invariata la divisione 'Altri beni e servizi', ma anche qui si sono avuti aumenti per oreficeria e prodotti per la cura della persona, compensati dalle diminuzioni degli apparecchi elettrici per la cura della persona. In crescita dello 0,5 % la divisione 'Comunicazioni', mentre 'Bevande alcoliche e tabacchi' cresce dello 0,4 % per gli aumenti di alcolici, vini e birre. Identica la crescita (+ 0,2 %) sia per 'Abbigliamento e calzature', sia per 'Mobili, articoli e servizi per la casa'. In calo anche nell' ultimo mese ( 0,3 %) 'Ricreazione, spettacolo e cultura'. La divisione 'Servizi sanitari e salute', infine, è risultata in lieve calo ( 0,1 %), per i prodotti farmaceutici e i servizi dentistici ma sono in aumento al gli apparecchi terapeutici. 9

12 1 novembre 2014 Pagina 10 Controlli nei circoli Multe a 3 locali per 10 mila euro Pochi frequentatori e situazioni tranquille, ciononostante sono fioccate sanzioni per 10mila 516 euro in totale. Si tratta dei controlli che la polizia municipale ha svolto nella serata di giovedì scorso in locali e circoli di diverse zone della città. Il servizio serale, che ha impegnato il Nucleo problematiche del territorio e la polizia commerciale, si è svolto senza problemi particolari, in una serata di scarsa frequentazione dei locali, anche nelle zone della "movida" alla Pomposa. I controlli fuori dal centro storico hanno portato alle sanzioni in tre circoli. In un caso per mancanza della relazione di impatto acustico (516 euro). Un altro circolo è stato sanzionato per 5mila euro perché non aveva presentato la Scia (segnalazione certificata di inizio attività). Al terzo circolo (altra sanzione da 5mila euro) è stato contestato di non esercitare controlli di merito sulle entrate e rilasciare la tessera associativa all' ingresso senza formalità. I controlli della polizia municipale hanno riguardato anche i livelli del suono, il rispetto delle ordinanze sull' alcol e il rispetto della capienza fissata per i locali. 10

13 31 ottobre 2014 Sassuolo2000 Dicono di noi Fiva Confcommercio: "il Mercato ambulante di Carpi diventi fattore di attrattività commerciale e turistica" "Siamo soddisfatti della realizzazione del Forum 1344 e intenzionati a migliorare il mercato ambulante settimanale per il rilancio della categoria e dell' intero centro storico. Perché il mercato ambulante di Carpi ha le potenzialità per diventare un punto di attrazione di compratori e visitatori da tutta la provincia e non solo". Così si esprime in una nota Alberto Dugoni, presidente provinciale di Fiva Confcommercio la federazione dei commercianti ambulanti della provincia di Modena in merito al ritorno di banchi di generi alimentari nel mercato carpigiano per iniziativa di 8 operatori. "Il mercato di Carpi prosegue Dugoni ha luogo in un contesto storico di rara bellezza, è ben collegato dalla viabilità stradale e anche ferroviaria, ha attorno a sé ha esercizi commerciali di assoluta qualità: ci sono insomma tutti gli ingredienti perché divenga anche un fattore di attrattività turistica per la città". Gli fa eco Massimo Fontanarosa, direttore della sede Confcommercio di Carpi: "Da un punto di vista della cittadinanza l' interesse a frequentare un mercato ambulante si misura su diversi fattori: oltre alla varietà di scelta, all' accessibilità e alla sicurezza del mercato, la qualità dei prodotti e il piacere di stare all' aperto. Da questo punto di vista il rilancio del settore alimentare è quasi un passo dovuto, per il quale ci siamo spesi su tutti i tavoli. Ora le priorità sono l' accelerazione della messa in sicurezza e l' animazione urbana. C' è molto da fare e molto da lavorare, ma per fronteggiare la crisi un atteggiamento pro attivo è l' unica salvezza: aspettare che le cose migliorino stando con le mani in mano non è nel nostro dna".! Start WP. 11

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Politiche Economiche e Sport INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo le disposizioni e norme tecniche

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizi al cittadino e Pari Opportunità Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Economia, Promozione della città e servizi al cittadino INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA DIPA DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPAR DIPARTIMENTO XV VI U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPARTIMENTO

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI COMUNE DI TERNI INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI Luglio 2010 I dati e le informazioni riportati di seguito sono stati validati dalla Commissione Comunale

Dettagli

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica Anticipazione del mese di GENNAIO 2015 Indice Prezzi al consumo per l intera collettività - Catanzaro Nel mese

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 16 settembre 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 16 giugno 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 15 gennaio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 16 aprile 2010 Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 16 giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 14 luglio 2010 Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 12 agosto 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

CITTA DI TRIESTE INDICI PROVVISORI DEI PREZZI AL CONSUMO NOVEMBRE 2013

CITTA DI TRIESTE INDICI PROVVISORI DEI PREZZI AL CONSUMO NOVEMBRE 2013 Trieste, 29 novembre 2013 AREA RISORSE UMANE E SERVIZI AL CITTADINO Ufficio Statistica e Toponomastica CITTA DI TRIESTE INDICI PROVVISORI DEI PREZZI AL CONSUMO NOVEMBRE 2013 Nel mese di NOVEMBRE 2013 la

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 23 febbraio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi Direzione Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica

Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi Direzione Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi Direzione Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA MESE: GENNAIO 2014 ANTICIPAZIONE PROVVISORIA

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 settembre 2013 Settembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di settembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 gennaio 2014 Dicembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

COMPLESSIVO -0.5-0.2

COMPLESSIVO -0.5-0.2 Comune di Pistoia - Indice locale dei Prezzi al Consumo per l'intera Collettività Nazionale - Aprile 2015 Codice Descrizione Variazioni % anno prec. mese prec. COMPLESSIVO -0.5-0.2 1 Prodotti alimentari

Dettagli

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100 Riso 1.064 Pane 13.504 Pasta 5.808 Cereali e farine 590 Pasticceria 4.905 Biscotti dolci 2.742 Biscotti salati 1.709 Alimenti dietetici 374 Altri cereali e piatti pronti 2.505 Carne bovina fresca 18.572

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC)

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) 16 giugno 2011 Maggio 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di maggio, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 febbraio 2015 Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI DICEMBRE 2014 (dati provvisori)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 3 Febbraio 2015 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 3 Febbraio 2015 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI GENNAIO 2015 (dati provvisori)

Dettagli

FEBBRAIO 2010. > BEVANDE ALCOLICHE E TABACCHI lieve diminuzione dei vini parzialmente compensata dagli aumenti di liquori e birre.

FEBBRAIO 2010. > BEVANDE ALCOLICHE E TABACCHI lieve diminuzione dei vini parzialmente compensata dagli aumenti di liquori e birre. L'Ufficio Statistica del Comune di Modena ha provveduto a calcolare le variazioni percentuali dei prezzi al consumo per l' intera collettivita' nazionale (NIC) relative ai prezzi rilevati secondo le disposizioni

Dettagli

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010 Le tendenze dell inflazione a Bologna nel Febbraio 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura L inflazione

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 23 febbraio 2011 Gennaio 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi A partire dai dati di gennaio 2011, la base di riferimento dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) e

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 16 Dicembre 2009 La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 A novembre, il tasso di inflazione, misurato sulla base dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, è salito

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Settembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Dicembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 16 novembre 2011 Ottobre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di ottobre, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30

COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30 COMUNE DI PADOVA COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30 Anticipazione degli indici provvisori dei prezzi al consumo del Mese di Gennaio 2004 VARIAZIONI PERCENTUALI DEGLI INDICI N.I.C. ( Intera Collettività

Dettagli

Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 12 settembre 2013 Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di agosto 2013, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,4%

Dettagli

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del mese di FEBBRAIO 2003

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del mese di FEBBRAIO 2003 COMUNE DI BOLZANO RIPARTIZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE Ufficio Programmazione, Statistica e Tempi della Città STADTGEMEINDE BOZEN ABTEILUNG FÜR PLANUNG UND PROGRAMMIERUNG Amt für Planung, Statistik

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 13 luglio 2012 Giugno 2012 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di giugno, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Anticipazione dell indice dei prezzi al consumo LUGLIO 2003

COMUNICATO STAMPA. Anticipazione dell indice dei prezzi al consumo LUGLIO 2003 Comune di Novara SERVIZIO STATISTICA COMUNICATO STAMPA Anticipazione dell indice dei prezzi al consumo LUGLIO 2003 Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo Seduta del

Dettagli

I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna. Presentazione principali risultati

I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna. Presentazione principali risultati I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna Presentazione principali risultati Modena 12 Febbraio 2015 Metodo di analisi e obiettivi Utilizzare dati

Dettagli

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo: LUGLIO 2002 Il Comune di Novara comunica che effettuata la rilevazione nel mese di luglio, gli indici

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

COMUNE DI PARMA Ufficio Statistica

COMUNE DI PARMA Ufficio Statistica COMUNE DI PARMA Ufficio Statistica ANTICIPAZIONE PROVVISORIA DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA (NIC) DELLA CITTA DI PARMA AGOSTO 2014 In seguito alle rilevazioni condotte dagli

Dettagli

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché?

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? 1 L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? La crisi che ormai da alcuni anni sta sconvolgendo la nostra economia ed il nostro lavoro ha colpito più di altri, alcuni comparti, caratterizzati dalla presenza

Dettagli

Benvenuto turista : conoscere il territorio e informare

Benvenuto turista : conoscere il territorio e informare Benvenuto turista : conoscere il territorio e informare Il Palazzo Ducale di Modena e il castello di Spezzano o quello di Formigine; il Duomo e il sito Unesco di piazza Grande e il lambrusco; il Museo

Dettagli

14 ottobre 2015. INDICE GENERALE NIC Settembre 2014-settembre 2015, variazioni percentuali congiunturali

14 ottobre 2015. INDICE GENERALE NIC Settembre 2014-settembre 2015, variazioni percentuali congiunturali 14 ottobre 2015 Settembre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di settembre 2015 l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello

Dettagli

Città di Palermo Ufficio Statistica PREZZI INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ NAZIONALE DATI DEFINITIVI N 2

Città di Palermo Ufficio Statistica PREZZI INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ NAZIONALE DATI DEFINITIVI N 2 Città di Ufficio Statistica PREZZI INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ NAZIONALE DATI DEFINITIVI N 2 FEBBRAIO 2006 Sindaco: Assessore al Bilancio, Risorse finanziarie, Servizi informatici

Dettagli

A proposito di Prezzi al consumo Novembre 2014

A proposito di Prezzi al consumo Novembre 2014 NOTA INFORMATIVA UFFICIO STATISTICA Lecco, 12 dicembre 2014 A proposito di Prezzi al consumo Novembre 2014 Leggermente positiva l inflazione a Lecco (+0,2%); ma torna in territorio negativo la variazione

Dettagli

Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 13 maggio 2015 Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di aprile 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % su

Dettagli

Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 15 giugno 2015 Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di maggio 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % sia

Dettagli

14 aprile 2015. INDICE GENERALE NIC Marzo 2014-marzo 2015, variazioni percentuali congiunturali

14 aprile 2015. INDICE GENERALE NIC Marzo 2014-marzo 2015, variazioni percentuali congiunturali 14 aprile 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di marzo 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % su base

Dettagli

CATEGORIA DATA ARTICOLO TITOLO PAGINA

CATEGORIA DATA ARTICOLO TITOLO PAGINA INDICE CATEGORIA DATA ARTICOLO TITOLO PAGINA Il Messaggero Terni Il Messaggero Terni 08/01/2015 Il dicembre nero del commercio «Mai così male» Il Messaggero Terni 29/12/2014 Acqua e rifiuti Confesercenti

Dettagli

LIBERALIZZAZIONI E MERCATO: PROSPETTIVE DELL INFORMAZIONE

LIBERALIZZAZIONI E MERCATO: PROSPETTIVE DELL INFORMAZIONE LIBERALIZZAZIONI E MERCATO: PROSPETTIVE DELL INFORMAZIONE Allarme prezzi e osservatori: l esperienza della Provincia di Rovigo Rosalba Sterzi Il dibattito sui prezzi e il progetto Istat/Provincia di Rovigo

Dettagli

COMUNE DI PARMA Ufficio Statistica

COMUNE DI PARMA Ufficio Statistica COMUNE DI PARMA Ufficio Statistica ANTICIPAZIONE PROVVISORIA DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA (NIC) DELLA CITTA DI PARMA FEBBRAIO 2015 In seguito alle rilevazioni condotte dagli

Dettagli

11 agosto 2015. INDICE GENERALE NIC Luglio 2014-luglio 2015, variazioni percentuali congiunturali

11 agosto 2015. INDICE GENERALE NIC Luglio 2014-luglio 2015, variazioni percentuali congiunturali 11 agosto 2015 Luglio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di luglio 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello %

Dettagli

OSSERVATORIO DEI PREZZI

OSSERVATORIO DEI PREZZI Comune di Genova Direzione Statistica OSSERVATORIO DEI PREZZI I primi nove mesi del 2012 Direzione Statistica Piazzale Mazzini,3 Tel: 0105579008 Fax: 0105579000 E-mail: statistica@comune.genova.it Sito

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Il Nuovo Giornale di Modena. Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi

Il Nuovo Giornale di Modena. Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi Il Nuovo Giornale di Modena Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo, più presenze da febbraio in poi Appennino Modena, stagione in chiaroscuro. La neve condiziona il turismo,

Dettagli

INDICE del CAPITOLO TABELLE GRAFICI GLOSSARIO. Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2012

INDICE del CAPITOLO TABELLE GRAFICI GLOSSARIO. Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2012 L'inflazione a Udine (misurata dal NIC, ovvero l'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività) per il 2012 è, in media d'anno, di +3,3%; il dato è in crescita rispetto al 2011 (+2,7%) e di poco

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. APRILE - MAGGIO 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

DOSSIER Sabato, 04 luglio 2015

DOSSIER Sabato, 04 luglio 2015 DOSSIER Sabato, 04 luglio 2015 DOSSIER Sabato, 04 luglio 2015 Articoli 04/07/2015 Gazzetta di Modena Pagina 12 Negozi, oggi il via ai saldi: «Valgono 30 milioni» 1 04/07/2015 Il Resto del Carlino (ed.

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO

ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO VIII DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO COMMERCIALE ARTIGIANALE E TURISTICO Servizio Polizia Amministrativa REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTIVITA DI "BED & BREAKFAST" ART. 1 FINALITA In armonia con gli indirizzi

Dettagli

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 14 gennaio 2015 Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di dicembre 2014, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, fa registrare

Dettagli

L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale

L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale In Italia l inflazione media annua per l anno 2006 si è attestata intorno al 2,1%, un risultato peggiore rispetto al 2005 quando il valore medio

Dettagli

Bolzano la città più cara, Napoli la più economica

Bolzano la città più cara, Napoli la più economica ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE per la promozione della cultura economica Le differenze nel livello dei prezzi al consumo tra i capoluoghi delle regioni italiane Anno 2009 In questa nota si presentano i

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 27 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 27 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Venerdì, 27 giugno 2014 26/06/2014 Emilianet 27/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 17 27/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 13 27/06/2014 La Nuova Prima Pagina

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Ufficio Prezzi. L'inflazione a Padova nel 2014

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Ufficio Prezzi. L'inflazione a Padova nel 2014 Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Ufficio Prezzi L'inflazione a Padova nel 2014 Introduzione La rilevazione dei prezzi al consumo a Padova Il calcolo dell inflazione (aumento

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Numero 3 Maggio 2005 I CONSUMI DELLE FAMIGLIE IN LOMBARDIA Primo obiettivo dell indagine sui consumi delle famiglie, condotta dall Istituto nazionale di Statistica,

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 14 gennaio 2015 Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di dicembre 2014, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, fa registrare

Dettagli

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre:

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre: IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO Con l adesione al Patto mi impegno a: - Promuovere la cultura autodisciplinare e dell etica di mercato monitorando e garantendo la qualità dei servizi;

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di Bergamo

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

SISTAN PROVINCIA DI RAVENNA

SISTAN PROVINCIA DI RAVENNA SISTAN PROVINCIA DI RAVENNA Provincia di Ravenna - Servizio Statistica L'EFFETTO SULLA CRESCITA DELLE LIBERALIZZAZIONI Febbraio 2012 Elaborazione a cura del Servizio Statistica: Dott. Paolo Montanari 1

Dettagli

Spese alimentari. pane e cereali 15% dolci e drogheria 14% carni 24%

Spese alimentari. pane e cereali 15% dolci e drogheria 14% carni 24% Come e quanto si spende sotto la Mole Aumentano le spese necessarie e diminuiscono quelle accessorie: abitazione e trasporti assorbono oltre la metà delle spese non alimentari, mentre tengono le spese

Dettagli

DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015

DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015 DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015 DOSSIER Giovedì, 26 marzo 2015 23 26 marzo 2015 26/03/2015 Gazzetta di Modena Pagina 9 Confcommercio: le opportunità del franchising 1 26/03/2015 La Nuova Prima Pagina Pagina

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 09 luglio 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 09 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 09 luglio 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 09 luglio 2015 09/07/2015 Gazzetta di Modena Pagina 16 Saldi, una partenza col freno a mano: «Colpa del caldo» 1 09/07/2015 Il Resto del Carlino

Dettagli

COMUNE DI ACQUI TERME

COMUNE DI ACQUI TERME COMUNE DI ACQUI TERME CORSO DI ITALIANO PER RUSSI IMPARA L ITALIANO AD ACQUI TERME L Italia intrattiene con la Russia un partenariato basato su interdipendenza e interessi comuni. Negli ultimi anni le

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. GENNAIO - FEBBRAIO 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei

Dettagli

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica. L'inflazione a Padova nel 2012

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica. L'inflazione a Padova nel 2012 Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica L'inflazione a Padova nel 2012 Introduzione La rilevazione dei prezzi al consumo a Padova Il calcolo dell inflazione (aumento del costo della

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Diritto dei cittadini: potere d acquisto, prezzi e tariffe, paniere e soggetti deboli

Diritto dei cittadini: potere d acquisto, prezzi e tariffe, paniere e soggetti deboli Federconsumatori di Milano Provincia di Milano Istituto di Ricerche Economiche e Sociali - CGIL Diritto dei cittadini: potere d acquisto, prezzi e tariffe, paniere e soggetti deboli Ruolo attivo delle

Dettagli

Bologna e Firenze: due città a confronto. Luglio 2005

Bologna e Firenze: due città a confronto. Luglio 2005 Luglio 2005 Il territorio, l'ambiente e il clima e : Indice Il territorio L'ambiente e la climatologia Il profilo demografico della popolazione La popolazione residente e le famiglie Il movimento naturale

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA

IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER CENTO I COSTI DELLA POLITICA: LA LOMBARDIA E LA REGIONE PIU VIRTUOSA Lombardia Libera Bollettino a cura del Gruppo Lega Nord in Regione Lombardia (Fonti utilizzate: agenzia di stampa Lombardia Notizie e sito web Regione Lombardia) IL CONSIGLIO REGIONALE TAGLIA DEL 50 PER

Dettagli

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento

i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento roma 23 giugno 2009 i consumi e le nuove scelte e forme di indebitamento Chiara Fornasari riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività

Dettagli

CONFESERCENTI Martedì, 01 settembre 2015

CONFESERCENTI Martedì, 01 settembre 2015 CONFESERCENTI Martedì, 01 settembre 2015 CONFESERCENTI Martedì, 01 settembre 2015 01/09/2015 Gazzetta di Modena Pagina 7 GABRIELLA CERAMI L' inflazione resta al palo Su le vendite al dettaglio 1 01/09/2015

Dettagli

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015

ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 ORDINANZA N 247 DEL 07-07-2015 Oggetto: DETERMINAZIONE DELL ORARIO DI ESERCIZIO PER LE ATTIVITA DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, COMMERCIO SU AREA PUBBLICA, SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

Dettagli

CONFESERCENTI Martedì, 10 marzo 2015

CONFESERCENTI Martedì, 10 marzo 2015 CONFESERCENTI Martedì, 10 marzo 2015 CONFESERCENTI Martedì, 10 marzo 2015 10/03/2015 Gazzetta di Modena Pagina 10 «Rifiuti, leggi scoordinate» 1 10/03/2015 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 «Siamo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA IN OCCASIONE DI SAGRE E FESTE PATROCINATE DAL COMUNE Approvato con delibera consiliare n. 26 del 4 maggio 2015 1 INDICE Art. 1 - Oggetto... Pag.

Dettagli

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro)

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro) Il quadro macroeconomico Il fatturato del sistema sportivo italiano può essere valutato nel 2001 in circa 31,6 miliardi di euro. Tale cifra rappresenta la somma di quanto è speso dalle famiglie italiane,

Dettagli

Alberghi a rilento per Expo

Alberghi a rilento per Expo 05-03-2015 1 / 2 domenica24 casa24 moda24 food24 motori24 job24 stream24 viaggi24 salute24 shopping24 radio24 altri Cerca Accedi How To Spend It NEW! Professioni e Imprese24 Business School ed eventi Milano

Dettagli