PIRELLI RE Bilancio di Sostenibilità building the future. Bilancio di Sostenibilità 2008

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIRELLI RE Bilancio di Sostenibilità 2008. building the future. Bilancio di Sostenibilità 2008"

Transcript

1 PIRELLI RE Bilancio di Sostenibilità 2008 building the future Bilancio di Sostenibilità 2008

2 INDICE DEI CONTENUTI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 INDICE DEI CONTENUTI 1 1. PREMESSA METODOLOGICA 2. PIRELLI RE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE 3. DIMENSIONE ECONOMICA 4. DIMENSIONE AMBIENTALE 5. DIMENSIONE SOCIALE 6. TAVOLE RIASSUNTIVE 7. LETTERA DI ATTESTAZIONE 8. GLOSSARIO

3 2 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008

4 PREMESSA METODOLOGICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ PREMESSA METODOLOGICA Il Bilancio di Sostenibilità di Pirelli RE, giunto alla quarta edizione, vuole essere piena espressione della cultura aziendale fondata sull integrazione delle scelte economiche con quelle di natura ambientale e sociale, secondo l approccio Triple Bottom Line. 3 Il rapporto è stato redatto ispirandosi alle Sustainability Reporting Guidelines della Global Reporting Initiative (GRI), l analisi della performance sostenibile si basa su un set di Key Performance Indicators (KPIs) sviluppati in base agli indicatori GRI (aggiornati G3). Per le dimensioni economica e sociale sono stati utilizzati anche i Principi di Rendicontazione del Bilancio Sociale redatti dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale del Ministero Italiano del Lavoro e delle Politiche Sociali. Il perimetro di rendicontazione annuale è il medesimo del consolidato di Gruppo. Nella redazione di questo capitolo ci si è concentrati su ciò che si è ritenuto essere di maggior interesse per il lettore, tenendo conto dei differenti stakeholder interessati e mostrando la Responsabilità di Pirelli RE in modo essenziale, senza enfatizzare i traguardi raggiunti, rendicontando in modo trasparente circa le eventuali criticità emerse e dando evidenza e spiegazione dell evoluzione 2008 di quanto rendicondato nel Il presente rapporto da quest anno include l Attestazione di parte terza. Per chiarimenti e approfondimenti su quanto rendicontato di seguito, si rinvia ai Contatti pubblicati nella sezione Sostenibilità del sito

5 4 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008

6 PIRELLI RE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 PIRELLI RE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE 5

7 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 PIRELLI RE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE 2. PIRELLI RE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE 6 PROFILO DEL GRUPPO Attiva in Italia, Germania e Polonia, Pirelli RE (Gruppo Pirelli & C. SpA) è uno dei principali player nel settore immobiliare in Europa. L azienda è quotata alla Borsa di Milano dal Pirelli RE è una real estate fund & asset management company che acquisisce, valorizza e gestisce patrimoni immobiliari di elevato profi lo qualitativo, attraverso partnership con primari investitori internazionali, cui partecipa con una quota di minoranza. La struttura organizzativa basata su aree geografi che - Italia, Germania e Polonia - e business unit specializzate per tipologia di prodotto è in grado di coniugare conoscenza dei mercati geografi ci e know-how specialistico nei diversi segmenti. IDENTIFICAZIONE DEGLI STAKEHOLDER E APPROCCIO ADOTTATO Pirelli RE adotta un approccio multi-stakeholder, ovvero persegue una crescita sostenibile e duratura basata quanto più possibile sull equo contemperamento degli interessi e delle aspettative di tutti coloro che interagiscono con l azienda, in particolare: - Ambiente; - Azionisti e Finanziatori; - Risorse Umane; - Clienti; - Fornitori; - Istituzioni; - Comunità esterna. Molteplici sono le iniziative, le attività, gli strumenti di dialogo ed i progetti di interesse specifi co delle categorie di stakeholder sopra menzionate. Di tutto ciò si è trattato diffusamente nei paragrafi a ciò dedicati all interno del presente bilancio, cui si rinvia per i relativi approfondimenti. GOVERNANCE SOSTENIBILE Per Pirelli RE significa integrazione della sostenibilita nei vari aspetti e ambiti della gestione aziendale. Questo si traduce, tra l altro, nella mappatura, nel controllo e nella gestione sostenibile dei rischi connessi all attività aziendale. MISSION Essere leader nel settore immobiliare attraverso innovazione, qualità sostenibile e costante sviluppo delle competenze, creando valore per l azienda, l ambiente e la comunità. Gli obiettivi strategici sono: - innovare prodotti e servizi per una risposta qualitativa ai bisogni degli investitori, degli utilizzatori e della collettività; - divenire un polo di aggregazione per la gestione di patrimoni immobiliari, attraverso il proprio know-how specialistico; - creare cultura avanzata contribuendo all evoluzione strutturale del settore immobiliare. La mission del Gruppo Pirelli RE è messa a disposizione della Comunità Esterna mediante pubblicazione nella sezione Società del sito internet Pirelli RE (www.pirellire.com).

8 PIRELLI RE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 VISION 7 Pirelli RE applica la Politica per la Salute, la Sicurezza sul Lavoro, l Ambiente e la Responsabilità Sociale, emanata dal Gruppo Pirelli nel Essa recita, in particolare: Il Gruppo Pirelli sostiene e rispetta la protezione dei diritti dell uomo internazionalmente affermati, si impegna ad applicare il codice etico approvato dal Consiglio di Amministrazione, al miglioramento continuo degli aspetti sociali, etici, ambientali, di salute e di sicurezza sul lavoro. Pirelli considera la protezione dell integrità, della salute e del benessere dei propri dipendenti e dell ambiente come uno dei bisogni primari che deve essere rispettato nell organizzazione delle proprie attività. Pirelli si attiene al principio dello Sviluppo Sostenibile e decide di metterlo in pratica. La Politica citata è messa a disposizione della Comunità Esterna mediante pubblicazione nella sezione Sostenibilità del sito internet del Gruppo Pirelli (www.pirelli.com). MODELLO DI SOSTENIBILITÀ ADOTTATO: IL GLOBAL COMPACT DELLE NAZIONI UNITE Il Modello di Sostenibilità di Pirelli RE è basato sui principi ONU del Global Compact, cui il Gruppo Pirelli aderisce formalmente dall ottobre Il Global Compact richiede alle imprese di implementare e supportare, all interno della propria sfera di influenza, dieci principi base nell area dei diritti umani, degli standard lavorativi, dell ambiente e della lotta alla corruzione. Si tratta di principi condivisi universalmente, derivati dalla Dichiarazione universale dei Diritti dell Uomo, dalla Dichiarazione dell Organizzazione Internazionale del Lavoro sui Principi e i Diritti Fondamentali nel Lavoro, dalla Dichiarazione di Rio sull Ambiente e lo Sviluppo e dalla Convenzione delle Nazioni Unite contro la Corruzione. I DOCUMENTI DELLA SOSTENIBILITÀ I Valori e il Codice Etico Pirelli RE impronta la propria attività interna ed esterna al rispetto dei principi contenuti ne I Valori e il Codice Etico del Gruppo Pirelli, nel convincimento che l etica nella conduzione degli affari sia da perseguirsi congiuntamente al successo dell impresa. Il Documento è stato capillarmente comunicato a tutti i lavoratori ed è disponibile sul sito intranet aziendale. Nel Codice Etico sono rappresentati i principi generali (trasparenza, correttezza e lealtà) cui si ispira lo svolgimento e la conduzione degli affari, gli obiettivi ed i valori su cui si basa l attività d impresa, con specifico riferimento ai principali stakeholder con i quali l azienda si trova quotidianamente ad interagire. I nove articoli del Codice Etico non vengono riportati nel presente paragrafo, in quanto espressamente richiamati nel prosieguo del bilancio in apertura dei paragrafi sostanzialmente connessi ad ognuno di essi. Il Codice Etico è messo a disposizione della Comunità Esterna mediante pubblicazione nella sezione Corporate Social Responsibility del sito internet di Pirelli RE (www.pirellire.com). La Politica per la Salute, la Sicurezza sul Lavoro, l Ambiente e la Responsabilità Sociale La Politica emessa dal Gruppo Pirelli nel giugno del 2004 ha ulteriormente incrementato il corretto equilibrio tra sostenibilità e sviluppo economico all interno di Pirelli RE. Pirelli RE considera la protezione dell integrità, della salute e del benessere dei propri dipendenti e dell ambiente come uno dei bisogni primari che devono essere rispettati nell organizzazione delle

9 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 PIRELLI RE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE 8 proprie attività e si attiene al principio dello Sviluppo Sostenibile, impegnandosi ad ottemperare, tra gli altri, ai seguenti principi espressi nella Politica: - governare le proprie attività adottando Sistemi di Gestione relativi a salute, sicurezza sul lavoro, ambiente e responsabilità sociale in conformità con gli standard internazionali; - comunicare e diffondere le informazioni riguardo a salute, sicurezza sul lavoro, ambiente e responsabilità sociale agli stakeholder interni ed esterni, collaborando attivamente con gli organismi accademici e legislativi nazionali e internazionali; - utilizzare responsabilmente le risorse con l obiettivo di raggiungere uno sviluppo sostenibile che rispetti l ambiente e i diritti delle generazioni future; - assicurare pari opportunità e libertà d associazione, promuovendo lo sviluppo di ciascun individuo; - stabilire e mantenere attive le procedure necessarie per valutare e selezionare fornitori e subfornitori sulla base del loro impegno nel campo della responsabilità sociale e ambientale; - coinvolgere tutti i livelli dell organizzazione e tutti i dipendenti del Gruppo assicurando che responsabilità e procedure operative siano definite con precisione, appropriatamente comunicate e recepite. La politica citata è stata comunicata a tutti i lavoratori ed è messa a disposizione della Comunità Esterna mediante pubblicazione nella sezione Corporate Social Responsibility del sito internet di Pirelli RE (www.pirellire.com). La Dichiarazione di Gruppo sulle Pari Opportunità L impegno che Pirelli RE riserva al rispetto delle Pari Opportunità sul luogo di lavoro trova forte espressione nella Dichiarazione del Gruppo sulle Pari Opportunità, recentemente emanata dal Gruppo Pirelli. Al fine di rendere operativa la tutela delle Pari Opportunità, Pirelli RE ha messo a disposizione della propria Comunità Interna a Procedura di Segnalazione e Tutela delle Pari Opportunità, di cui si veda approfondimento nel capitolo Dimensione Sociale, paragrafo Pari Opportunità. Il Documento è stato comunicato a tutti i lavoratori ed è messo a disposizione della Comunità Esterna mediante pubblicazione nella sezione Sostenibilità del sito internet del Gruppo Pirelli (www.pirelli.com). STRUMENTI OPERATIVI DELLA SOSTENIBILITÀ CORPORATE GOVERNANCE (1) Per corporate governance si intende l insieme di regole imposte dalla legge o autonomamente adottate da una società e protese ad assicurare agli investitori un adeguata tutela da parte di coloro che sono tenuti a gestire la società. Da Emilio Girino Dizionario della Finanza, Ipsoa (2) La redazione è stata elaborata uniformando l impostazione secondo il Format sperimentale per la Relazione sul Governo Societario, predisposto da Borsa Italiana, ai sensi degli artt.123 bis TUF, 89 bis Regolamento Emittenti Consob e dell art. IA.2.6 delle Istruzioni al Regolamento di Borsa. (3) Versione redatta nel 1999 e successivamente aggiornata nel luglio 2002 e nel marzo In quanto società quotata sul mercato telematico azionario di Borsa Italiana e in coerenza con il tradizionale allineamento del Gruppo Pirelli alle best practice in materia di corporate governance, Pirelli RE ha posto particolare attenzione all implementazione di un avanzato sistema di regole di governo societario e allo sviluppo della comunicazione con tutti i propri azionisti improntata a criteri di trasparenza e completezza. Con riferimento all esercizio 2008 il Gruppo Pirelli ha redatto la Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari (di seguito Relazione sulla Corporate Governance ) 1, in conformità a quanto previsto dall art. 123-bis del Testo Unico della Finanza, dall art. 89-bis del Regolamento Emittenti Consob e dalle Istruzioni al Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana 2. La Relazione è disponibile in versione completa sul sito internet Sin dal 2002, subito dopo la quotazione, Pirelli RE ha aderito al Codice di Autodisciplina redatto a cura del Comitato per la Corporate Governance delle Società Quotate 3. Successivamente la Società ha altresì adottato integralmente il nuovo Codice di Autodisciplina, edizione marzo 2006, fornendo al mercato la relativa comunicazione.

10 PIRELLI RE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 Nel loro complesso, la concreta implementazione ed attuazione dei provvedimenti connessi all adozione del Codice di Autodisciplina sono finalizzate a promuovere correttezza, trasparenza ed efficienza dell operato gestionale, migliorando le relazioni tra proprietà e organi gestionali e tra azionisti di maggioranza e azionisti di minoranza, essendo la tutela delle minoranze centrale nella disciplina della corporate governance, nonché ad assicurare uno sviluppo ed una crescita sostenibili in un ottica di lungo periodo, nell interesse di tutti gli stakeholder. 9 Sin dal 2004, Pirelli RE ha approvato una serie di modifiche statutarie volte a favorire una sempre maggiore partecipazione di tutti gli azionisti alla vita sociale e alle decisioni strategiche, introducendo tra l altro il meccanismo del voto di lista anche per la nomina degli amministratori, come già per i sindaci, e adottando un Regolamento Assembleare per disciplinare l ordinato e funzionale svolgimento delle assemblee. Con riferimento alla gestione di operazioni con parti correlate, Pirelli RE ha adottato nel corso del 2007 criteri più rigorosi, rendendo più stringente la specifica procedura adottata, che è operativa dal luglio La relativa documentazione è disponibile in versione completa sul sito internet Per ogni dettaglio relativo al complessivo sistema di corporate governance si fa rinvio alla Relazione annuale di Corporate Governance disponibile, oltre che nel fascicolo di bilancio 2008, sul Sito internet all indirizzo Quanto ai rapporti con i propri azionisti, Pirelli RE si è distinta per le pratiche e gli strumenti di comunicazione rivolti agli azionisti di minoranza, testimoniando ancora una volta la tensione innovativa e la proattività rivolte allo sviluppo di un dialogo diretto con i propri shareholder. Pirelli RE, infatti, insieme al Gruppo Pirelli, è stata la prima società quotata in Italia a predisporre uno strumento informativo dedicato esclusivamente all azionista retail: la Guida dell Azionista, redatta in base all esperienza delle best practice internazionali, rappresenta un benchmark di riferimento per le aziende quotate in Italia che intendono comunicare direttamente al proprio azionariato. Quale ideale prosecuzione della Guida dell Azionista, Pirelli RE pubblica periodicamente sul proprio sito internet una newsletter dedicata all azionista retail, attraverso cui si informano i piccoli investitori circa le attività, le iniziative e le novità dell azienda, i fatti di rilievo, l andamento del business e i risultati di periodo, le strategie industriali e finanziarie. LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA La Governance della Corporate Social Responsibility trova il proprio fondamento organizzativo nello Steering Commettee Corporate Social Responsibility, organismo di alto livello nominato all inizio del 2004 dal Presidente del Gruppo Pirelli ed avente responsabilità di indirizzo e presidio dell evoluzione della CSR nell ambito del Gruppo Pirelli. La struttura organizzativa CSR si compone quindi di un Direttore HSE&CSR di Gruppo e di un CSR Manager di Gruppo, responsabili a livello del Gruppo Pirelli, dei Referenti CSR di Settore (uno per ogni settore del Gruppo) e di Società (uno per ogni affiliata del Gruppo). Nel 2005 il Gruppo Pirelli ha inoltre nominato uno Steering Committee Equal Opportunities, organismo di alto livello di cui fa parte anche Pirelli RE, avente responsabilità di indirizzo e presidio dei piani aziendali in tema di Pari Opportunità. Contestualmente ha nominato un Equal Opportunities Manager di Gruppo. al fine di guidare l implementazione operativa del Progetto Pari Opportunità all interno del Gruppo Pirelli, di perseguire un maggiore equilibrio organizzativo e di monitorare l evoluzione delle Pari Opportunità presso tutte le Affiliate. La struttura è stata quindi completata con la nomina degli Equal Opportunities Managers di Paese, responsabili dell indirizzo e del monitoraggio dell evoluzione delle Equal Opportunities a livello locale.

11 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 PIRELLI RE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE 10 La Norma Operativa sulla Corporate Social Responsibility La Norma (emessa il 16 settembre 2006) descrive, ordina e disciplina le modalità di gestione interna delle attività connesse alla Corporate Social Responsibility, con particolare attenzione ai ruoli ed alle responsabilità delle funzioni coinvolte, al processo operativo di pianificazione e controllo, al processo di generazione del Bilancio di Sostenibilità ed alla gestione dell informativa CSR verso l esterno del Gruppo. All interno di tale norma, in particolare, è stata formalizzata la piena integrazione della CSR nella struttura di bilancio, come si evince dal seguente estratto:...il ciclo di pianifi cazione e controllo della CSR segue le logiche ed il calendario di pianifi cazione e di consuntivazione del Reporting di Gruppo. I Sistemi di Gestione Applicati e gli Standard di Riferimento In applicazione del primo principio della Politica per la Salute, la Sicurezza sul Lavoro, l Ambiente e la Responsabilità Sociale, Pirelli RE si avvale di specifici Sistemi di Gestione per migliorare la qualità, l efficacia e l efficienza dei propri processi, perseguendo un ulteriore riduzione degli impatti sulla salute dei dipendenti, sulle condizioni di sicurezza del lavoro e sull ambiente esterno. ISO 9001 Tutte le Società di Service Provider di Pirelli RE dispongono di un Sistema di Gestione per la Qualità. A partire dal 1999 le società hanno conseguito la certificazione di tale Sistema secondo la norma ISO ISO Le Società Pirelli RE Facility Management e Ingest Facility, che hanno fatto parte del Gruppo fi no a dicembre 2008, hanno operato in conformità ad un Sistema di Gestione Ambientale, certificato a fronte dei requisiti dello standard ISO SA8000 Lo standard internazionale SA8000 nel 2004 è stato ufficialmente definito dal Gruppo Pirelli come strumento di riferimento per la gestione della Corporate Social Responsibility. Sistema di gestione CSR-DM Nel corso del 2007 il Gruppo Pirelli ha lavorato allo sviluppo del CSR-DM (CSR Data Management), nuovo sistema IT per la gestione e la consuntivazione delle informazioni relative alla CSR. Il sistema, già utilizzato nel 2007 in via sperimentale, nel 2008 è stato perfezionato ed utizzato per la raccolta e la consuntivazione degli indicatori di sostenibilità al 31/12/2008. GLI INDICI DI SOSTENIBILITÀ Pirelli RE fa parte dell universo investibile Axia con un rating pari ad A++, tra i più alti nella scala di valutazione di Axia Financial Research. Si precisa inoltre che il Gruppo Pirelli fa a sua volta parte degli indici Dow Jones Sustainability STOXX, Dow Jones Sustainability World, FTSE Global e Europe, ASPI Eurozone, Axia Ethical Index, Axia Csr Index, nonché dell universo investibile di Axia Euro Ethical Index e di Axia Euro Csr Index, Kempen/SNS Socially Responsible Universe. Nel 2008 e per il secondo anno il Gruppo Pirelli è inoltre stato dichiarato Leader Mondiale di sostenibilità per il settore Autoparts and Tyre in base alle valutazioni di SAM Group (analisti Valutatori per gli indici Dow Jones), oltrechè Gold Class Company, all interno del prestigioso Sustainability Yearbook, redatto da SAM Group e PwC.

12 LA DIMENSIONE ECONOMICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 DIMENSIONE ECONOMICA 11 Il modo migliore di predire il futuro è inventarlo Alan Curtis Kay

13 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 LA DIMENSIONE ECONOMICA 3. DIMENSIONE ECONOMICA 12 La Società intende contribuire al benessere economico e alla crescita delle comunità nella quale si trova a operare attraverso l erogazione di servizi effi cienti e tecnologicamente avanzati. Codice Etico, art. 5 - Comunità Il 23 dicembre 2008, Intesa Sanpaolo e Pirelli RE hanno ceduto a Manutencoop FM le rispettive partecipazioni in Pirelli RE Integrated Facility Management BV ( P.RE.I.F.M. BV ), Joint Venture paritetica nel facility e project management. Le attività svolte da PREIFM SpA (controllata al 100% da P.RE.I.F.M. BV), riguardano la fornitura di servizi di project management e di facility management sia a società e fondi gestiti dal Gruppo Pirelli Re che a terzi. Nello specifi co PREIFM SpA è tra le società leader in Italia e uno dei principali operatori europei nell ambito dei predetti servizi di facility e project management. Pirelli RE ha successivamente valutato positivamente la cessione dell intera partecipazione nelle attività di facility management. Tale valutazione ha tenuto conto del processo di rifocalizzazione delle attività internazionali del Gruppo Pirelli RE, delle tendenze evolutive del settore immobiliare e della recente situazione di diffi coltà dei mercati fi nanziari. La società al momento della cessione comprendeva circa dipendenti. In funzione di tale cessione, classifi cata in bilancio come discontinued operation i dati del 2008 non includono ricavi e costi di tale attività. VALORE AGGIUNTO Per Valore Aggiunto si intende la ricchezza prodotta nel periodo, calcolata come differenza fra i ricavi generati ed i costi esterni sostenuti nell esercizio. Il Valore Aggiunto permette di esprimere in termini monetari le relazioni esistenti tra Pirelli RE ed i principali portatori di interesse, puntando l attenzione sul sistema socio-economico in cui la società opera, esemplificato nello schema seguente: CLIENTI RICAVI COSTI FORNITORI VALORE AGGIUNTO GLOBALE Dipendenti Pubblica Amministrazione Finanziatori Azionisti Azienda Comunità Esterna Retribuzioni Quote TFR Provvidenze aziendali Oneri sociali Imposte e Tasse Oneri Finanziari Dividendi Ammortamenti Accantonamenti Utili non distribuiti Liberalità Esterne

14 LA DIMENSIONE ECONOMICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 Nell esercizio 2008 Pirelli RE ha creato valore aggiunto lordo per complessivi 169,7 milioni di euro escludendo le svalutazioni di immobili effettuate nel 2008 per 135,8 milioni di euro. 13 Al fi ne di remunerare gli Stakeholders oltre al valore aggiunto creato, l azienda ha dovuto attingere alle proprie riserve per 47,7 milioni di euro. In particolare, nel corso del 2008, il personale è stato remunerato per complessivi 159,6 milioni di euro (la riduzione rispetto al 2007 è legata alla cessione delle partecipazioni in Pirelli RE Integrated Facility Management), il capitale di credito per 50,9 milioni di euro, la Pubblica Amministrazione per 4,5 milioni di euro (imposte e tasse) e sono stati erogati contributi e donazioni per 2,4 milioni di euro. 2008* DISTRIBUZIONE DEL VALORE AGGIUNTO ( /mln) VA % VA % VA % VALORE AGGIUNTO GLOBALE LORDO 169,7 458,6 376,7 A - Remunerazione del personale** (159,6) 34,8% (179,9) 39,2% (129,4) 34,3% B - Remunerazione della Pubblica Amministrazione*** (4,5) 1,0% (37,8) 8,2% (54,2) 14,4% C - Remunerazione del capitale di credito (50,9) 11,1% (64,6) 14,1% (18,4) 4,9% D - Remunerazione del capitale di rischio - 0,0% (85,1) 18,6% (87,3) 23,2% E - Remunerazione dell azienda**** 47,7 (10,4%) (87,2) 19,0% (84,0) 22,3% F - Liberalità esterne (2,4) 0,5% (4,1) 0,9% (3,4) 0,9% * Il Valore Aggiunto Globale Lordo per il 2008 è stato calcolato non considerando Svalutazioni di immobili per 135,8 milioni di euro. ** Il valore include anche il costo per lavoro interinale. *** La voce include imposte dirette, indirette oltre a tasse varie. **** Ottenuta dal risultato consolidato per il quale non è prevista la distribuzione oltre che dagli ammortamenti. Nella seguente tabella sono infi ne indicati i contributi e le donazioni erogati da Pirelli RE nel 2008, suddivisi per tipologia e confrontabili con gli esercizi precedenti. La riduzione dei contributi è legata al diffi cile scenario economico in cui l azienda opera. SETTORE DI INTERVENTO ( /mln) CONTRIBUTO 2008 CONTRIBUTO 2007 CONTRIBUTO 2006 Cultura 1,4 2,8 2,1 Education 0,5 0,3 0,3 Ricerca / Innovazione 0,1 0,2 0 Solidarietà / Volontariato 0,3 0,3 0,4 Sport 0,1 0,3 0,3 Altro 0,0 0,1 0,3 Totale 2,4 4,1 3,4 Si rinvia al capitolo Dimensione Sociale per l approfondimento descrittivo delle principali azioni correlate alle erogazioni sopra indicate. Le società del Gruppo, infi ne, non erogano contributi, vantaggi o altre utilità ai partiti politici e alle organizzazioni sindacali dei lavoratori, né ai loro rappresentanti o candidati, fermo il rispetto della normativa applicabile. (estratto da art. 5 - Comunità, Codice Etico).

15 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 LA DIMENSIONE ECONOMICA 14 AZIONISTI La Società si impegna a garantire parità di trattamento a tutte le categorie di azionisti, evitando comportamenti preferenziali. I reciproci vantaggi derivanti dall appartenenza a un gruppo di imprese vengono perseguiti nel rispetto delle normative applicabili e dell interesse autonomo di ciascuna società alla creazione di valore. Codice Etico, art. 3 - Azionisti CAPITALE SOCIALE E AZIONARIATO A fine 2008 il numero di azioni emesse di Pirelli RE era di n , di cui n detenute come azioni proprie (2,8%). Sempre al 31 dicembre 2008, l azionista di maggioranza di Pirelli RE è Pirelli & C. SpA con una quota del 56,5%, seguito da Alony Hetz proprietario di una quota pari al 3,7%, Deutsche Bank con il 2,0%, e il Executive Deputy Chairman Carlo Alessandro Puri Negri con il 2,4%. Il resto del flottante, pari al 32,6% risulta essere detenuto in gran parte da investitori istituzionali con il 26,6%, di cui la maggioranza esteri (22,0%); la componente retail risulta essere invece di circa il 6,0%. AZIONISTI PIRELLI RE Pirelli & C. SpA 56,5% fonte: sito Consob Alony Hetz 3,7% Deutsche Bank 2,0% Executive Deputy Chairman 2,4% Treasury Shares 2,8% Free Float 32,6% QUOTAZIONI E CAPITALIZZAZIONE Prezzo di riferimento al 31/12/2008 4,05 Prezzo di riferimento massimo dell anno ,52 Prezzo di riferimento minimo dell anno ,44 Capitalizzazione borsistica al 31/12/ ,7 mln Dividendo per azione pagato nel ,06 Dalla quotazione, avvenuta nel giugno 2002, e fino a circa metà del 2007, la performance del titolo Pirelli RE è stata superiore a quella degli indici italiani di riferimento Mib 30 e Midex. La situazione congiunturale molto negativa dei mercati, che ha penalizzato fortemente i titoli del settore immobiliare, ha portato successivamente alla seconda metà dell anno ad una performance negativa di Pirelli RE. Nel seguito è riportato l andamento del titolo Pirelli RE e degli indici di riferimento, dalla quotazione della società a fine 2008.

16 LA DIMENSIONE ECONOMICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 ANDAMENTO DEL TITOLO BORSISTICO PIRELLI RE E DEGLI INDICI MIDEX E MIB 30 PIRELLI RE MIDEX MIB RAPPORTI CON GLI AZIONISTI fonte: Bloomberg E primario interesse di Pirelli RE instaurare e mantenere un dialogo costante con i suoi azionisti e con gli investitori istituzionali. La Società promuove una politica attiva di comunicazione con gli investitori istituzionali tramite un programma di Investor Relations. Alla funzione Investor Relations è affidato il compito di organizzare nel corso dell anno presentazioni dal vivo o tramite conference call in occasione della pubblicazione periodica dei risultati del gruppo o di altri eventi che richiedano comunicazione diretta al mercato. L attività di relazione con gli investitori si è tradotta nel 2008, tra le altre cose, in: - partecipazioni attive a 3 conferenze promosse da istituzioni finanziarie; - 3 conference call con investitori ed analisti per commentare l andamento del semestre e i risultati di fine anno; - 10 roadshow nelle principali piazze finanziarie (Milano, Londra, Parigi, New York, Amsterdam, Bruxelles, Zurigo). A fine 2008, i brokers che hanno copertura sul titolo Pirelli RE sono 10, di cui 3 stranieri. Il target price medio indicato dai brokers nei loro ultimi report 2008 è 5,7 euro. ANALYSTS COVERAGE AL 31 DICEMBRE 2008 BROKER ANALYST TARGET PRICE LAST REPORT 2008 Banca Leonardo Filippo Faccenda 6,4 29/12/2008 Banca Aletti Alessandro La Scalia 7,3 13/10/2008 CAI Cheuvreux Francesca Ferragina 4,5 29/12/2008 Centrobanca Oriana Cardani 4,8 31/10/2008 Equita Sim Martino De Ambroggi 5,8 11/11/2008 Intermonte Securities Alberto Villa 3,7 06/11/2008 JP Morgan Harm Meijer 4,5 30/10/2008 Mediobanca Simonetta Chiriotti 12,1 27/10/2008 Merrill Lynch Bernd Stahli 4,0 04/11/2008 Citigroup Marianna Primiceri 4,3 05/11/2008 fonte: sito internet Pirelli RE Nel mese di febbraio 2009 è stato presentato il Piano Industriale del Gruppo Pirelli che ha fi ssato le nuove linee guida e i target per l intero Gruppo. Per quanto riguarda Pirelli RE, il Piano prevede di proseguire il processo di riorganizzazione già avviato nel 2008, e di adottare una serie di misure per il turnaround fi nanziario, tra cui un aumento di capitale da 400 milioni di euro. L attività di Investor Relation nel corso dei primi mesi del 2009 sarà quindi rivolta principalmente alla ricerca di potenziali investitori interessati a sottoscrivere il suddetto aumento di capitale. Continuerà inoltre l abituale attività informativa e di aggiornamento verso gli attuali azionisti e gli analisti di settore.

17 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 LA DIMENSIONE ECONOMICA 16 CLIENTI La Società persegue l eccellenza e la competitività nel mercato, offrendo ai propri clienti servizi di qualità, che rispondano in maniera effi ciente alle loro esigenze. Codice Etico, art. 2 - Obiettivi e Valori La Società fonda l eccellenza dei prodotti e servizi offerti sull attenzione alla clientela e sulla disponibilità a soddisfarne le richieste. L obiettivo perseguito è quello di garantire una risposta immediata, qualifi cata e competente alle esigenze dei clienti, informando i propri comportamenti a correttezza, cortesia e collaborazione. Codice Etico, art. 4 - Clienti Pirelli RE opera sul mercato secondo un modello che vede una forte integrazione tra due componenti di attività: - Investment: attività di investimento nei diversi segmenti del mercato immobiliare, cui partecipa come partner di alcuni tra i maggiori operatori finanziari internazionali; - Asset Management & Service Provider: la gestione attiva e strategica di investimenti e l erogazione di tutti i servizi immobiliari specialistici per soddisfare sia la domanda di mercato sia la richiesta interna. La peculiarità di questo modello consiste nella capacità di esaltare la centralità del cliente rispetto ad un catalogo servizi completo ed esaustivo: le necessità del cliente vengono esaminate attraverso una visione globale e sinergica dell offerta al fine di fornire un supporto specializzato ed efficace per la valorizzazione degli asset e per una moderna gestione del patrimonio. La tabella mostra la dimensione clienti di Pirelli RE in termini di suddivisione del fatturato per aree geografiche: AREA GEOGRAFICA (% SUL VALORE TOTALE DEL FATTURATO)* ITALIA 64,82% 76,15% 84,83% GERMANIA 17,01% 14,07% 2,38% POLONIA 18,17% 9,79% 12,79% * Il fatturato consolidato include sia i ricavi per le attività di Service Provider e Asset Management che ricavi da cessioni di immobili effettuate tramite società consolidate al 100%. In particolare nel 2008 in Polonia è stata effettuata una transazione per oltre 60 milioni di euro che ha inciso signifi cativamente sulla suddivisione del fatturato per area geografi ca.

18 LA DIMENSIONE ECONOMICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ CONSERVARE L ARTE E LA NATURA SIGNIFICA VIVERLA RESPONSABILMENTE Accanto al FAI Pirelli RE collabora con il FAI, il Fondo Ambiente Italiano, la principale fondazione italiana senza scopo di lucro che dal 1975 opera per difendere il patrimonio artistico e ambientale italiano e per restituire alla collettività tesori d arte e natura. Obiettivo del FAI è promuovere una cultura di rispetto della natura, della storia e delle tradizioni del nostro Paese, nella convinzione che conoscere sia il primo passo per imparare ad apprezzare, e dunque a difendere, un patrimonio che è parte delle nostre radici e della nostra identità. (Particolare di Villa Necchi Campiglio - Milano)

19 BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 LA DIMENSIONE ECONOMICA 18 (1) Gli asset gestiti sono espressi al valore di mercato secondo le perizie dei valutatori indipendenti ad eccezione dei non performing loans che sono valutati a book value. Per quanto riguarda l attività di Asset Management i clienti di Pirelli RE sono costituiti da fondi e società proprietari di immobili e non performing loan nei quali la Società coinveste con quote di minoranza. Gli asset gestiti 1, al contrario del 2007, sono attualmente allocati prevalentemente all estero confermando il trend di espansione che si è registrato nell ultimo triennio passando dal 14% di immobili gestiti all estero nel 2006 al 51% del MARKET VALUE ,3 mld MARKET VALUE ,0 mld Real Estate 15,4 Real Estate 12,6 NPL 1,9 NPL 2,4 DI CUI REAL ESTATE DI CUI REAL ESTATE Germania 7,6 Germania 3,4 Italia 7,6 Italia 8,9 Polonia 0,2 Polonia 0,3 In qualità di Service Provider la Società fornisce sia a clienti esterni sia a clienti interni a Pirelli RE una gamma completa di servizi specialistici connessi alle diverse fasi del ciclo immobiliare. Le attività, che seguono la logica di internazionalizzazione del Gruppo, riguardano sia clienti privati che clienti pubblici e vengono svolte sia direttamente, sia tramite il network dei punti vendita in franchising.

20 LA DIMENSIONE ECONOMICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2008 Per poter competere ed operare a pieno titolo sul mercato dei clienti pubblici (sia della Pubblica Amministrazione Locale che Centrale) Pirelli RE Property ha conseguito diverse certificazioni rilasciate dalle Società Organismi di Attestazione (SOA) a comprova della capacità di sostenere anche gli appalti pubblici più impegnativi. 19 I clienti nell ambito del network sono costituiti dalle Agenzie affiliate presenti su tutto il territorio nazionale. I titolari delle Agenzie sono liberi imprenditori che operano nel settore immobiliare, con il supporto dei servizi forniti da Pirelli RE Agency. Come riportato anche nel Codice Etico gli impegni nei confronti dei clienti sono improntati a: - massima trasparenza e correttezza; - elevati standard dei servizi offerti; - spirito di partnership; - attenzione al livello di soddisfazione dei clienti. L obiettivo perseguito è quello di garantire una risposta immediata, qualifi cata e competente alle esigenze dei clienti, basando i propri comportamenti su correttezza, cortesia e collaborazione. L interazione e il dialogo con i clienti avviene attraverso diversi canali e strumenti: - le strutture di vendita, dirette ed indirette, operanti sul territorio e gestite nell ambito della funzione Commerciale e Marketing; - le strutture operative deputate ad erogare il servizio al cliente; - il call center; - le analisi di customer satisfaction. Particolare rilevanza assumono le indagini di customer satisfaction* che consentono ai clienti di esprimere liberamente le proprie valutazioni ed il proprio livello di soddisfazione rispetto alle aspettative ed agli impegni contrattuali sottoscritti. * Le statistiche si riferiscono ai clienti delle sole società italiane. Tali indagini vengono svolte semestralmente intervistando complessivamente più di 210 clienti del Gruppo così da poter monitorare nel tempo l andamento del livello di soddisfazione. Di seguito una tabella esplicativa: 1 SEMESTRE 2008 AGENCY PROPERTY FACILITY TOTALE CLIENTI SEGNALATI CLIENTI INTERVISTATI CLIENTI SEGNALATI CLIENTI INTERVISTATI Le modalità di conduzione dei sondaggi prevedono che il 50% del campione sia intervistato personalmente con il metodo face to face e che per il rimanente 50% le interviste avvengano telefonicamente.

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%)

COMUNICATO STAMPA RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 47,3 MLN DI EURO (+22%) COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 31 MARZO 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA E RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI IN FORTE CRESCITA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * :

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 GIUGNO 2006: + 17% UTILE NETTO CONSOLIDATO RICAVI AGGREGATI: 1.706,2 MLN DI EURO, SOSTANZIALMENTE IN LINEA CON L ANNO PRECEDENTE RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility

Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility Il Caso Enel Università degli studi di Verona - Facoltà di Economia Verona, 15 dicembre 2006 Pierluigi Orati CSR Assistant, Enel Spa Le Basi

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004

La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004 ! VPRI-040617-IsLucc-P1 La Responsabilità Etico-Sociale Intervento di Isidoro Lucciola Milano, 17 giugno 2004 VPRI-040617-IsLucc-P2 Premessa Caratteristiche del Bilancio di Sostenibilità La predisposizione

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 23.12.2104 ORDINE DI SERVIZIO n. 33/14 AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Con riferimento all Ordine di Servizio n. 26 del 19.11.2014, si provvede a definire l articolazione della funzione AMMINISTRAZIONE,

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

AZIONISTI. L importanza di un informazione corretta verso tutti

AZIONISTI. L importanza di un informazione corretta verso tutti L importanza di un informazione corretta verso tutti STRATEGIA Le società del Gruppo sono consapevoli dell importanza che un informazione corretta sulle proprie attività riveste per il mercato finanziario,

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi)

CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) CODICE DI AUTODISCIPLINA (aspetti generali - sintesi) Codice di autodisciplina Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina approvato nel marzo 2006 dal Comitato per la corporate governance

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Milano, 21 marzo 2012. Azioni ambientali di UBI BANCA e CDP

Milano, 21 marzo 2012. Azioni ambientali di UBI BANCA e CDP Azioni ambientali di UBI BANCA e CDP INDICE Strategia aziendale in materia di clima La policy ambientale e il codice etico La loro applicazione Il programma energetico Le opportunità derivanti da CDP 2

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO DAL CDA IL PROGETTO DI BILANCIO 2005: IN FORTE CRESCITA TUTTI I PRINCIPALI INDICATORI

COMUNICATO STAMPA APPROVATO DAL CDA IL PROGETTO DI BILANCIO 2005: IN FORTE CRESCITA TUTTI I PRINCIPALI INDICATORI COMUNICATO STAMPA APPROVATO DAL CDA IL PROGETTO DI BILANCIO 2005: IN FORTE CRESCITA TUTTI I PRINCIPALI INDICATORI RICAVI AGGREGATI: 3.507,2 MLN DI EURO, +29% (2.714 MLN NEL 2004) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006

Piano di Impresa 2006 2009. Marzo 2006 Piano di Impresa 2006 2009 Marzo 2006 Ferservizi: Portafoglio servizi e volumi gestiti Consuntivo 2005 Acquisti di Gruppo Volume transato Ristorazione 214 M 12,7 milioni di pasti Servizi Amministrativi

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it IL CONSORZIO STABILE Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni Agoraa.it indice Cos è un consorzio pag. 4 Il Consorzio Stabile Agoraa pag. 5 Valori pag. 6 Servizi pag. 8 Vantaggi pag.

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

GUIDA PER L INFORMAZIONE AL MERCATO

GUIDA PER L INFORMAZIONE AL MERCATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 PERIODO: II TRIMESTRE

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

Programma triennale. per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A.

Programma triennale. per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A. Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) di ACAM ACQUE S.p.A. 2015 2017 Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data n. 28/09/2015 con determinazione dell Amministratore

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa

Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Requisiti minimi per un Percorso di Responsabilità Sociale d Impresa Il presente documento riporta gli Indicatori per la Responsabilità Sociale d Impresa, individuati dal Comitato Tecnico Operativo e approvati

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ai sensi dell articolo 114 d.lgs. 58/1998 OFFERTA PUBBLICA DI SCAMBIO SU AZIONI ORDINARIE KME GROUP S.P.A. E INTEK S.P.A. In data odierna i Consigli di Amministrazione di KME

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA INWIT: APPROVATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 Principali risultati al 30 giugno 2015 della neocostituita Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. RICAVI:

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Un impegno comune per la crescita

Un impegno comune per la crescita Un impegno comune per la crescita Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria proseguono la collaborazione avviata con l Accordo del luglio 2009, rinnovata nel 2010, e condividono una linea d azione

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Tavola Rotonda CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Mauro Cicchinè,, Presidente Dexia Crediop S.p.A. Milano 14 Luglio 2005 Capitalismo Sostenibile e CSR fra globale e locale : dai

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE

IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE IL RUOLO DELLE ESCO NEGLI INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA PRESSO LE IMPRESE Dott. Ing. Andrea Papageorgiou, Direttore Generale Bryo S.p.A Giovedì 2 Ottobre 2014 AEPI Industrie Srl Imola In collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013.

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. COMUNICATO STAMPA NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. Ricavi Operativi Consolidati pari a 15,1 milioni di Euro, +10% rispetto al primo trimestre 2012. EBITDA*

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Raccomandazione n. DIE/0061944 Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Premessa I principi contabili internazionali IAS/IFRS

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato L esperienza del Rapporto Annuale Integrato Angelo Bettinzoli Amministratore Delegato Sabaf S.p.A. Roma, 24 ottobre 2006 Chi è Sabaf Sabaf è il principale produttore mondiale di componenti per apparecchi

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Valore Cedola x 5-11/2014 A chi si rivolge info Prodotto è un Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un rendimento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

Newsletter per gli Azionisti 1 trimestre 2015

Newsletter per gli Azionisti 1 trimestre 2015 Newsletter per gli Azionisti 1 trimestre 2015 Gentili Azionisti, vi inviamo la newsletter interamente dedicata agli investitori privati di DeA Capital, relativa al primo trimestre 2015. Vi ricordiamo che

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

Comunicato Stampa. Be: i risultati al 31 marzo confermano il trend di crescita Ricavi operativi + 20%, EBIT +28%, Utile ante imposte +66%

Comunicato Stampa. Be: i risultati al 31 marzo confermano il trend di crescita Ricavi operativi + 20%, EBIT +28%, Utile ante imposte +66% Be: i risultati al 31 marzo confermano il trend di crescita Ricavi operativi + 20%, EBIT +28%, Utile ante imposte +66% RICAVI OPERATIVI pari a Euro 24,7 milioni, +20,4% (Euro 20,5 milioni al 31.03.2014)

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

Gli stakeholder Fornitori

Gli stakeholder Fornitori Gli stakeholder Fornitori Fornitori Trasparenza, imparzialità, correttezza e presidio dei principi di sostenibilità sono alla base delle attività di approvvigionamento dei beni e dei servizi aziendali.

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Mediolanum Gestione Fondi S.G.R.p.A Sintesi della Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Edizione del giugno 2014 PREMESSA

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani

INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE. Docente: Prof. Massimo Mariani INTRODUZIONE ALLA FINANZA AZIENDALE Docente: Prof. Massimo Mariani SOMMARIO La creazione del valore Che cos è la finanza aziendale Obiettivi degli stakeholders Massimizzazione del valore Massimizzazione

Dettagli

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI

Offerta al pubblico di RAIFFPLANET. Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Offerta al pubblico di RAIFFPLANET Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI Raiffplanet Prudente Raiffplanet Equilibrata Raiffplanet Aggressiva (Mod. V 70REGFI-0311

Dettagli

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo)

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) AIFI ASSOCIAZIONE ITALIANA DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) Indice LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PRESENTE

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG)

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) PROGETTO DI CONSULENZA DIREZIONALE Obiettivo principale: Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) Data / / Nome azienda Sede Legale Premessa: In relazione agli obiettivi emersi nel corso dell incontro

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Centro di competenze qualificate in ambito servizi di valutazione immobiliare

Centro di competenze qualificate in ambito servizi di valutazione immobiliare Centro di competenze qualificate in ambito servizi di valutazione immobiliare La partnership Ribes e Nomisma Ribes ha avviato nel corso del 2010 la predisposizione di un nuovo Piano Industriale con l obiettivo

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing 1. Premessa In coerenza con quanto stabilito dal Regolamento dei Mercati organizzati gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A. il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli