la memoria figurativa ROBERTO VENTURI ( ) edizioni aab

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la memoria figurativa ROBERTO VENTURI (1846-1883) edizioni aab"

Transcript

1 la memoria figurativa ROBERTO VENTURI ( ) 185 edizioni aab

2 COMUNE DI BRESCIA CIVICI MUSEI D ARTE E STORIA PROVINCIA DI BRESCIA ASSOCIAZIONE ARTISTI BRESCIANI la memoria figurativa ROBERTO VENTURI ( ) mostra a cura di Luigi Capretti e Francesco De Leonardis 185 aab edizioni aab - vicolo delle stelle 4 - brescia dal 3 dicembre 2011 all 11 gennaio 2012 orario feriale e festivo lunedì chiuso

3

4 SAGGI

5

6 Roberto Venturi, il sogno di un arte colta e popolare, moderna e vera Francesco De Leonardis La formazione artistica di Roberto Venturi fu tutta milanese e sfugge pertanto ai parametri che, usualmente, si applicano agli artisti bresciani della seconda metà dell Ottocento e che comportavano, in un obbligato percorso a tappe, la frequenza alla Scuola Comunale di Disegno, la partecipazione al concorso per la pensione del Legato Brozzoni, l iscrizione ad un Accademia di Belle Arti in un altra città e, almeno per i più dotati, la scelta di un trasferimento lontano da Brescia, dove migliori erano le opportunità professionali. Venturi, nascendo milanese e morendo bresciano, seguì una via diversa. All incontrario. Poco sappiamo dei suoi primi studi, che, a giudicare dallo stile dei suoi scritti e delle buone condizioni economiche della famiglia, non furono certo superficiali e lo portarono ad essere persona colta, amante della letteratura e del teatro; né sappiamo come maturò in lui la decisione di dare seguito alla sua vocazione artistica iscrivendosi alla Regia Accademia di Brera. Non si conoscono aneddoti né eventi emblematici. Certamente però la formazione ricevuta a Brera lo segnò profondamente, tanto che alla lezione lì ricevuta restò fedele per tutta la sua pur breve vita. Venturi arrivò in Accademia nel 1860 e vi rimase, per dieci anni, fino al 1870, quando concluse il suo percorso conquistando la medaglia d oro al concorso triennale di pittura con il quadro Giovanni Bellini, fingendosi un nobile veneto, si fa ritrarre dal pittore Antonello da Messina onde potere così scoprire la nuova maniera di dipingere ad olio, che quell artista aveva appreso da Giovanni da Bruges (cat. n. 15). Il tema era stato estratto a sorte da una quaterna di titoli di argomento storico; al concorso si erano iscritti anche Enrico Cattaneo e Francesco Didioni, che non si presentarono però alla prova. Venturi, seguito da Hayez e Bertini, lavorò con impegno e, alla fine, gli esaminatori lo ritennero meritevole del premio, che consisteva nella commissione di un opera, da parte della stessa Accademia, retribuita con la somma di duemila lire. Era il riconoscimento ufficiale delle qualità e dei meriti del giovane artista e un incoraggiamento a progredire negli studi. Gli anni in cui Venturi frequenta Brera sono assai importanti per l istituzione milanese che, nel 1859, dopo l annessione della Lombardia allo stato sabaudo, si era svincolata dalla dipendenza giuridica dall Accademia di Vienna e, nel novembre 1860, aveva avuto un nuovo regolamento. Era previsto che gli allievi seguissero per tre anni i corsi di Ornato e Figura per acquisire le abilità del disegno e frequentassero poi la Sala delle statue e dei gessi e la Scuola di 5

7 Giovanni Bellini, fingendosi un nobile veneto, si fa ritrarre dal pittore Antonello da Messina onde potere così scoprire la nuova maniera di dipingere ad olio, che quell artista aveva appreso da Giovanni da Bruges (cat. n. 15). La fotografia è pubblicata su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Anatomia, passando infine ai corsi superiori con la possibilità di scegliere tra vari indirizzi. Venturi decise per il corso di Pittura di storia tenuto da Giuseppe Bertini ( ), che era stato chiamato ad affiancare il vecchio Francesco Hayez, avendo come allievi tutti i principali pittori della generazione postunitaria, tra cui si possono ricordare Tranquillo Cremona, Daniele Ranzoni, Angelo Morbelli, Ludovico Pogliaghi, Cesare Tallone, Giuseppe Pelizza da Volpedo, Giovanni Segantini, Achille Beltrame, Antonio Barzaghi Cattaneo, Pietro Michis, Alessandro Rinaldi, Luigi Rossi e Adolfo Feragutti Visconti. Nella gerarchia accademica dei generi la pittura di storia era posta sul gradino più elevato, superiore alla pittura di paesaggio e al ritratto, e Bertini ne era ritenuto un esponente autorevole che aveva preso le mosse dal tardo romanticismo di Hayez, ma stava approdando ad un cauto aggiornamento nel senso di una maggiore adesione al vero, con aperture a tematiche sociali e ad una pittura di storia capace di affrontare anche temi contemporanei derivati dall epopea risorgimentale. Bertini fu fondamentale nella formazione di Roberto Venturi e gli trasmise metodo di lavoro e concezione dell arte 1. (1) Un ampia documentazione sugli artisti bresciani che hanno frequentato l Accademia di Brera è nei tre volumi pubblicati dall Aref: R. FERRARI ( a cura di), Vado a Brera. Artisti, 6

8 Di questi anni di studio ci resta un consistente nucleo di disegni e di bozzetti, sparsi in collezioni private bresciane e perlopiù provenienti dai materiali conservati dalla figlia Ada, attraverso cui si evidenzia il percorso formativo seguito dall artista. Sono studi di prospettiva, copie di statue antiche, studi di nudo tutti rigorosamente maschili, perché a Brera nella Scuola di Nudo non era ancora prevista la presenza di modelle, copie e schizzi di dipinti rinascimentali, che ci dicono dell acquisizione di un metodo di lavoro meticoloso, fondato sul disegno e sulla attenzione al dettaglio realistico. Nella realizzazione delle opere più impegnative che vennero esposte a Brera nel 1870, il Michelangelo davanti alle porte del Ghiberti a Firenze (cat. n. 14) e il Giovanni Bellini, Venturi parte da un idea che viene tradotta in un rapido schizzo, esegue una serie di studi che riguardano le espressioni e le pose dei personaggi, utilizza anche fotografie (nel caso del Michelangelo un immagine fotografica della porta bronzea del Battistero di Firenze), realizza bozzetti per sottoporre a verifica l intonazione cromatica, modifica e corregge procedendo alla costruzione del quadro attraverso l assemblaggio di materiali vari. È il metodo che si apprendeva in accademia e che faceva del pittore - come diceva Carducci a proposito del poeta - «un grande artiere, / che al mestiere / fece i muscoli d acciaio», ovvero una sorta di fabbro, capace di recuperare e legare insieme metalli diversi e di forgiarli in nuove forme. Venturi seguì sempre poi con scrupolo gli insegnamenti appresi. Ce ne rendiamo conto anche attraverso le puntuali notizie contenute nelle lettere che inviò da Milano a Carlo Manziana tra il 1871 e il 1875, quando il carteggio s interruppe in seguito al trasferimento dell artista a Brescia 2. Lo vediamo nel racconto che fa all amico del tortuoso percorso di Gabinetto della Pinacoteca Tosio a Brescia (cat. n. 18), presentato una prima volta a Milano nel 1871 all Esposizione di Brera e, in seguito, più volte rimaneggiato fino a diventare Confidenza nel 1874 (cat. n. 50), e anche nei numerosi ripensamenti che accompagnano la realizzazione di L Innominato (cat. n. 28). Dalle lettere emergono talvolta anche particolari curiosi, come la difficoltà di trovare un autentica veste di frate domenicano che gli serve per La partenza di Fanfulla dal convento di San Marco (cat. n. 61); chiede allora all amico di informarsi presso lo zio di Francesco Rovetta, commerciante di stoffe, «se la tonaca deve opere, generi, acquirenti nelle Esposizioni dell 800 dell Accademia di Brera, Brescia, 2008; R. FERRARI, S. IACOBELLI, M. PENOCCHIO (a cura di), Verso l arte. Artisti bresciani a Brera nell 800, Brescia, 2009 e R. FERRARI (a cura di), La geografia dei sistemi dell arte nella Lombardia ottocentesca, Brescia, (2) Alcune lettere erano state pubblicate già nel 1936 da Nicodemi in Lettere del pittore Roberto Venturi a Carlo Manziana, in Commentari dell Ateneo di Brescia per l anno 1935, Brescia, 1936, pp , ma l intero carteggio è stato ora trascritto da Luigi Capretti in occasione di questa mostra. 7

9 essere di lanetta leggera o pesante» 3 ; o come la richiesta di avere, tramite Carlo Manziana, il piccolo dipinto in cui Francesco Rovetta aveva raffigurato la finestra del suo studio che sappiamo venne poi ripresa nel Violoncellista (cat. n. 64) e in Cimarosa (cat. n. 69) 4. Quello del dare e avere tra Venturi, Manziana e Rovetta è, del resto, un nodo difficile da sciogliere, perché tra i tre ci fu un rapporto artistico molto stretto con continui scambi di idee, di suggerimenti e di notizie: Venturi aveva dalla sua gli studi accademici e il professionismo, Rovetta e Manziana erano dilettanti che dedicavano alla pittura il tempo lasciato libero dalle loro imprese commerciali, ma è certo che Venturi non disdegnava attingere al loro consiglio e considerava le loro opere dei modelli. Non c è infatti solo La finestra dello studio a stabilire una tangenza tra le opere di Rovetta e quelle di Venturi, ma anche il paesaggio del Lago di Ledro (cat. n. 32), il Pittorello (cat. n. 47) e Socrate (cat. n. 48) sono presenti nei cataloghi di entrambi gli artisti. Per quanto riguarda il Lago di Ledro sappiamo che nel 1873 Francesco Rovetta era stato con Giovan Battista Ferrari a dipingere nella valle trentina, ma anche Venturi aveva fatto vacanze in Tirolo ed è difficile rispondere allora alla domanda: «chi è stato il primo?». La produzione di Venturi non è ampia, la brevità della sua vita concentra tutto il suo operare in meno di due ventenni. Il fare grande del quadro di storia restò il suo obiettivo di sempre, declinato in una serie di bozzetti e in tele di grande formato. I soggetti gli venivano, perlopiù, dal romanzo storico: da Manzoni e da Massimo d Azeglio, in particolare. Da I Promessi Sposi trasse nel 1872 un Innominato (cat. n. 28), commissionatagli dall Accademia dopo la vittoria al concorso del 1870, che, nella struttura compositiva, sembra dipendere dall Innominato di Andrea Gastaldi, un quadro del 1866 acquistato dal Comune di Torino che il nostro poteva conoscere. L opera è un passo avanti in direzione verista rispetto alla lezione stilistica di Bertini e rivela l interesse di Venturi nel rendere gli effetti di luce, qui, come in altre opere successive, proveniente da una finestra laterale di ascendenza neofiamminga. In più occasioni s ispirò invece a Niccolò de Lapi ovvero i Palleschi e i Piagnoni, il romanzo medieval-patriottico ambientato durante l assedio di Firenze del 1530, pubblicato da d Azeglio nel 1841 dopo il successo dell Ettore Fieramosca, in cui viene fatto rivivere il fortunato personaggio di Bartolomeo da Lodi, detto Fanfulla, che era stato tra i cavalieri della disfida di Barletta e che è presentato dall autore come un uomo astuto e guascone, gran bevitore, ma coraggioso. Oltre al piccolo dipinto databile intorno al 1875, poco più che un bozzetto, con Niccolò de Lapi (cat. n. 59), in cui Niccolò è raffigurato pensoso e dolente (3) Lettera a Carlo Manziana, 22 luglio (4) Lettera a Carlo Manziana, 6 maggio

10 La partenza di Fanfulla dal convento di San Marco (cat. n. 61) mentre piange l imminente perdita della libertà, dopo aver dato l addio ai figli che sono andati a combattere per la difesa della Repubblica fiorentina, Venturi realizzò due grandi tele che hanno per protagonista il simpatico Fanfulla. La prima, portata nel 1877 all Esposizione nazionale di Belle Arti di Napoli, dove fu premiata, rappresenta La partenza di Fanfulla dal convento di San Marco (cat. n. 61). È attualmente dispersa, ma la si conosce attraverso una fotografia d epoca 5 ; Francesco Netti ne parla recensendo l esposizione napoletana su «L Illustrazione Italiana»: «Il gruppo principale è pieno di vita. Fanfulla, colla sua faccia ossuta, e la sua bocca sdentata, conserva ancora la sua fisionomia di frate sotto l armatura, di una forbitezza dubbia, e troppo larga per la sua persona dimagrita. Sta a cavallo sul suo vecchio ronzino, scarno e scorticato sulle sporgenze delle ossa, e stringe la mano ai suoi confratelli domenicani, che lo circondano con un aria tra il comico e l amichevole. Aggiungete a ciò delle figure piene di carattere, dei tipi ben studiati, come quello che prende tabacco al primo piano, e il frate cieco, che si avanza battendo la terra col bastone» 6. Massimo d Azeglio, nel romanzo, aveva immaginato che Fanfulla, dopo le avventure narrate nell Ettore Fieramosca, si fosse ritirato come converso nel convento domenicano di San Marco a Firenze e che, nel momento di massimo pericolo per la Repubblica, avesse ripreso le armi con il consenso dei suoi confra- (5) Una copia è ancora tra i materiali di lavoro dell artista conservati presso gli eredi; la fotografia fu pubblicata inoltre sull «Illustrazione Bresciana», anno I, n. 14, 1 giugno 1903, p. 3. (6) F. NETTI, Esposizione Artistica Italiana a Napoli. Note d arte. Dieci altri pittori, in «L Illustrazione Italiana», anno IV, 2 semestre, 1877, p

11 telli. La tematica patriottica, sottesa all episodio, si era però stemperata con il trascorrere del tempo, l Italia era ormai fatta e Roma ne era da anni la capitale; Venturi riprese la scena declinandola in una chiave comica, come già notava Netti: il protagonista e i suoi comprimari gli offrirono l occasione di allineare una vivace galleria di ritratti studiati dal vero 7, ma tipizzati quasi al limite della caricatura. Il secondo, più impegnativo, spunto dal Niccolò de Lapi è rappresentato da Fanfulla al sacco di Roma (cat. n. 84), una tela di grandi dimensioni completata dopo una lunga elaborazione nel 1880, quando fu presentata alla IV Esposizione Nazionale di Belle Arti di Torino. Nel romanzo l episodio è contenuto in un flashback in cui si rievocano le trascorse imprese di Fanfulla e d Azeglio narra il provvidenziale intervento del cavaliere che, ridestandosi dalla solita ubriacatura, entra nella chiesa di San Giovanni dei Fiorentini, dove i suoi compagni d arme stanno allegramente gozzovigliando e, avendo catturato un cardinale, lo stanno minacciando di morte per farsi rivelare dove ha nascosto un tesoro. Fanfulla si erge con le braccia alzate nel presbiterio, e, con un suo grido, impedisce che il poveraccio venga ucciso. Anche in questo caso Venturi mette in campo la sua vena comica per realizzare una composizione ricca di dettagli, in cui si dimostra propenso ad una mise en scène teatrale, ben orchestrata nella disposizione, sui diversi piani, delle molteplici azioni che compiono i personaggi e molto attenta, al suo solito, alla verità dell ambientazione e degli oggetti disposti in abbondanza sulla scena. Il teatro e in particolare il melodramma erano, del resto, la sua passione insieme alla pittura. Nel quadro vediamo un agitata gozzoviglia che ha in primo piano, sui gradini dell altare, il cadavere di un frate, prono e di traverso, e i cinque malandrini alle prese con il cardinale, in camicia da notte, terrorizzato; più indietro, presso le balaustre, compare Fanfulla; sul fondo, alcuni soldati s intrattengono con donnine discinte, mentre altri, saliti su un pulpito, fanno scempio degli arredi liturgici. Sparsi sul pavimento ci sono libri, candelabri, spade, pugnali, croci, calici, pistole, fucili, un turibolo e un reliquiario, tappeti, piatti e boccali di peltro, un icona mariana e un fiasco di vino: trovarobato teatrale che al sempre acido Modesto Faustini dava l idea di qualcosa di slegato «nella quantità degli oggetti dipinti troppo separatamente, e disposti quasi a guisa di negozio di antiquariato» 8. Accanto alla storia c è la pittura di genere, con la quale Venturi si collocò nel solco di una maniera, efficacemente mercantile, che rispondeva ai gusti biedermeier del pubblico borghese, proponendo quadri (7) Assai interessante, a questo proposito, è il preparatorio Studio di frati (cat. n. 60), in collezione privata a Brescia. (8) M.F.[AUSTINI], Alla prima esposizione artistica internazionale di belle arti in Roma. Impressioni d un artista. VI, in «La Provincia di Brescia», 12 febbraio

12 di piccolo formato, adatti a case modeste, con soggetti di facile presa: giochi di bimbi, frati e suore, scene d osteria d un fiamminghismo neobarocco, suonatori rococò, esotiche odalische, damine e paggetti. Lo stesso Venturi era consapevole che non era certo questa la strada che la pittura doveva percorrere verso la modernità e lo aveva detto a chiare lettere in un articolo, pubblicato su «La Sentinella Bresciana» nel 1879, il primo di una serie di tre dedicata all Esposizione di Brera, in cui, cogliendo la contraddizione sottesa all operare artistico contemporaneo, arrivava però ad una giustificazione: «Io, disceso nei bassi fondi dell arte scriveva posso, con tutta cognizione di causa, affermare che l artista sarebbe sempre disposto, dispostissimo ad applicare il suo progresso tecnico-morale alla così detta arte seria, nobile, maestosa; ma, dopo tutto, ha bisogno morale e materiale di vendere ecco la gran parola! E perciò stuzzica il pubblico, lo attira col vischio, mette la pania, agita lo specchietto, fa ballare la civetta o, con altre parole, cerca i soggettini attraenti e di dimensioni modeste che possono stare nelle salette a manger dei moderni eleganti; si guarda dal riprodurre cose che possano turbare la digestione agli epicurei, cerca di usufruire dei costumi che ha fatto fare pel quadro antecedente, si tiene lontano dalle intonazioni scure in causa di questi benedetti locali moderni che hanno finestre tanto piccole e che attutiscono la luce fin troppo scarsa. Ecco lo scudo d Achille contro le accuse di coloro che, non vedendo, per mancanza di volontà o di genio, il reale, l indiscutibile progresso dell arte, vi andranno sussurrando all orecchio che questi parti faticosi dei giovani ingegni si riducono ai soliti bimbi che piangono, ai soliti mandolinatori che strimpellano, alle solite odalische dalle babbucce. Non nego che buona parte degli artisti esponenti siano imitatori. Basta che un artista originale abbia scovata una così detta trovata, ed eccoti intorno all alveare uno sciame di api a succhiarne l essenza e concepirne una quantità di derivazioni, ma lo fanno quasi sempre per mancanza di mezzi e quando la trovata è nel campo poco dispendioso; ed allora torno alla mia asserzione primitiva e finalmente concludo: la causa di tutto ciò è l incoraggiamento del pubblico o forse più ancora l ambiente del periodo sociale in cui viviamo. Ma questi tempi chi li generò? Non gli artisti al certo. E il pubblico nemmeno!» 9. Consapevole di operare per il mercato, in stato di necessità, Roberto Venturi nella sua produzione dedica uno spazio quantitativamente importante agli interni conventuali, con l ancor giovanile Monaca al pozzo (cat. n. 10) vibrante d ombra e di luce, e ai musicanti barocchetti riproposti nella serie del Violoncellista (cat. n. 64), del Cimarosa (cat. n. 69) e della Serenata di Cimarosa, nota anche con il titolo di Mandolinata (cat. n. 70), dove i suonatori sono collocati (9) R. VENTURI, L Esposizione a Brera I, in «La Sentinella Bresciana», 24 settembre

13 in uno stanzone presso una finestra da cui spiove la luce secondo un modello probabilmente ricavato da Messonier, ammiratissimo tanto da Venturi quanto dai suoi amici Rovetta e Manziana, che lo consideravano un maestro della realtà 10. E rientrano in questo ambito anche il giovinetto del Ritratto in costume del Settecento (cat. n. 46), la scontata scena d atelier di La pittrice (cat. n. 49), che ci è nota attraverso una fotografia d epoca conservata tra i materiali dell artista presso gli eredi, la sensuale Baccante (cat. n. 77) e Il pittorello (cat. n. 47). Rilievo diverso hanno invece La lettera, esposta dall autore anche con il titolo Una buona notizia e Confidenza (cat. n. 50), e Si aspetta udienza (La vecchia Pretura; cat. n. 100), due opere eseguite a distanza di tempo, la prima nel 1874 e la seconda nel 1882, che sono accomunate però dall idea di calare le figure in un ambientazione reale, riprodotta sulla tela con atteggiamento analitico e documentario. La prima rappresenta due giovani donne che leggono insieme una lettera all interno di un ambiente neoclassico che riproduce esattamente la Sala ovale dell appartamento disegnato da Vantini in Palazzo Tosio, dove, in quegli anni, ancora aveva sede la Pinacoteca Tosio con le collezioni donate dal conte Paolo Tosio alla città. Molto attento ai dettagli d arredo, Venturi ci fa vedere uno dei grandi vasi giapponesi collocati nelle quattro nicchie circolari e, oltre la porta, nel contiguo Gabinetto ottagonale, il famoso busto di Eleonora d Este di Canova. Era, del resto, affezionato a questa sala che già in precedenza, nel 1871, aveva voluto dipingere nel Gabinetto della Pinacoteca Tosio a Brescia (cat. n. 18), un quadro, oggi disperso, in cui al posto delle due lettrici vi era una giovane che si esercitava nel disegno di una statua 11, e, nuovamente nel 1879, chiese alla Direzione della Pinacoteca Tosio l autorizzazione per «poter ristudiare il fondo del Gabinetto ovato per una replica del quadretto Pettegolezzi femminili», che non sappiamo se fu poi effettivamente realizzato 12. L altro ambiente che Venturi riprodusse con atteggiamento fotografico è il salone cinquecentesco di Palazzo Avogadro, affrescato da Lattanzio Gambara. Lo fece in un quadro di sapore verista che ci mostra gente in attesa nel salone da cui si accedeva all aula della Pretura, ospitata fino agli inizi del Novecento nel palazzo: ci sono il vecchio usciere, un carabiniere che sta portando via un condannato, avvocati attorniati dai clienti, due donne intente alla lettura e qualcuno che, per ingannare il tempo, osserva le figure dipinte sulle pareti. Non c è comunque dramma; Venturi non ama alzare la voce né ha intenti di denuncia; gli piace, piuttosto, raccontare con un tono basso e quasi con parteci- (10) Nel 1879, alla mostra organizzata dall Associazione Arte in Famiglia a Palazzo Bargnani, Venturi aveva presentato, tra l altro, uno Studio sopra un quadro di Meissonier (cat. n. 74), di cui non si conosce l ubicazione attuale. (11) Lettera a Carlo Manziana, 29 luglio (12) AMAS, Cartella 9, Museo Patrio, lettera del 4 aprile

14 pazione affettiva i piccoli eventi quotidiani di persone comuni, capitate quasi per caso in uno spazio reso solenne dall arte del passato. Accanto a queste due tele vanno ricordati alcuni disegni, eseguiti con matita a punta fine dal tratto sottile, con vedute di Brescia, in cui ritroviamo la stessa attitudine all indagine dello spazio architettonico, che col trascorrere del tempo sono diventati documenti preziosi del volto storico della città. Di Venturi si conoscono numerosi disegni che, per la maggior parte, La pittrice (cat. n. 49) sono studi fatti in preparazione di dipinti a olio; ma c è un gruppo di fogli, dispersi in diverse collezioni e probabilmente provenienti da uno stesso album, che hanno compiutezza in sé. Vi sono raffigurati, in immagini nitide e precise, monumenti e vedute: la fontana della Pallata (cat. n. XXXXVIII), la facciata della chiesa di San Francesco (cat. n. XXXXIX), il campanile del monastero dei Santi Cosma e Damiano (cat. n. L), il Castello visto da Pontalto (cat. n. LI), il Tiro a segno alla Pusterla (cat. n. LII). Il capitolo, quantitativamente maggiore, nella produzione di Venturi è però quello dei ritratti, in cui, insieme a una notevole capacità di introspezione psicologica, l artista mostra la volontà di innovare la tradizione adottando inquadrature anticonvenzionali, dall alto verso il basso ad esempio, ed una pennellata che, pur mantenendosi sempre al di qua delle dissolvenze scapigliate, si fa moderna e si sfrangia nei tocchi di colore rapidi, nell improvviso rilevarsi di un bianco intriso di luce che emerge da un colletto di pizzo, dalla manica di una camicia o dall abito da sera di una dama adagiata su un sofà. Maestro, anche in questo ambito, era stato per lui Giuseppe Bertini, che nel ritratto, messa da parte ogni eredità purista, aveva percorso la strada della definizione realistica dei moti dell animo, facendo i conti con la fotografia, ma per raggiungere un espressività che oltrepassava quella della tecnica fotografica. Venturi disdegnò tanto il ritratto ambientato quanto la collocazione del personaggio in spazi naturali aperti. Scelse fondi scuri, appena mossi dai decori delle tappezzerie, accomodò spesso i suoi soggetti sul seggiolone barocco su cui aveva fatto sedere L Innominato, li investì con luci di taglio e rivolse loro il suo sguardo malinconico. Ci sono nei ritratti un assorta serietà e un patetismo sottile, manca il sorriso. Non ci si riferisce qui alle prove più ufficiali come il Ritratto del dottor Felice Benedini 13

15 (cat. n. 71) o l elegante Ritratto della contessa Paolina Calegari Torri (cat. n. 86), ma ai ritratti nati nell intimità della famiglia o nella cerchia ristretta degli amici. Nell Autoritratto (cat. n. 11) e nel Ritratto di Carlo Manziana da giovane (cat. n. 12), databili intorno al 1870, non vediamo alcunché della scanzonata personalità dei due amici quale emerge vivacissima dalle lettere, ma un espressione pensierosa e, nell Autoritratto, già carica di consapevoli cupi presagi. Nello splendido ritratto di Annunciata Benedetti, moglie di Carlo Manziana (cat. n. 42), Venturi scelse un impaginazione classica e concentrò l attenzione sul volto della donna, luminoso e compunto; al contrario, nel Ritratto della moglie (cat. n. 44), che avrebbe dovuto essere, nelle intenzioni dell artista, un pendant del precedente e che però ha il carattere del non finito, raggiunse risultati assai moderni inquadrando la figura dall alto e avvolgendola in una luce fioca e densa d ombra, così che la donna, nerovestita ed esangue, sembra risucchiata nel fondo, fino quasi a scomparire. E c è infine la serie dei ritratti delle sue bambine eseguiti alla soglia degli anni Ottanta, atto d amore di un padre che si accingeva al definitivo congedo. Non molto praticato il paesaggio, al quale Venturi sembra essersi dedicato, in particolare, dopo il suo ritorno a Brescia, forse sullo stimolo di un ambiente siamo ormai negli anni Ottanta del secolo più favorevole a questo genere che al fare grande della pittura di storia. Del primo periodo milanese conosciamo infatti solo due prove: il Pescarenico. Lago di Lecco (cat. n. 24) e il Lago di Ledro (cat. n. 32), in cui l interesse dell artista si appunta prevalentemente sullo studio degli effetti di luce sulla superficie dell acqua lacustre. In Pescarenico, quasi un abbozzo fatto di pennellate rapide e larghe, la luce crepuscolare e le nubi che solcano il cielo creano un effetto notturno dove cielo, acqua e montagne si confondono in un grigiore plumbeo e la barchetta che solca silenziosa il lago sarà la suggestione del luogo sembra evocare atmosfere manzoniane, quasi un addio monti se non fosse per la scia di fumo che esce dalla ciminiera di un lontano battello a vapore. Agli ultimi anni va collocato invece un gruppo di opere in cui Venturi si avvicina al paesaggio bresciano e ce ne dà un interpretazione originale. Sono Rustico (cat. n. 95), Il mulino (cat. n. 96), Pecore al pascolo (Paesaggio invernale) (cat. n. 97), Veduta del Castello dalla Conchiglia (Veduta del Ronco) (cat. n. 98), Paesaggio di case sul lago d Iseo (cat. n. 105) e Angelus (Pastore con le pecore davanti ad una santella; cat. n. 109), ai quali andrebbero aggiunti pochi altri titoli di opere note nella letteratura, ma attualmente di ubicazione ignota 13. A caratterizzare il paesaggismo di Venturi sono la luce fredda e cristallina che spegne le (13) Sono Case rustiche (olio su tela, 37 x 28 cm; cat. n. 110) e Ponte Alto (olio su tela, 50 x 71 cm; cat. n. 111) che figurano nel catalogo della Mostra della pittura bresciana dell Ottocento del 1934, p

16 ombre, la cromia chiara, le stesure compatte di colore, il sentimento, al solito, melanconico. Seppur attraverso questo numero limitato di prove, la sua lezione non passò inosservata tanto che se ne può ritrovare traccia in Lombardi e nella prima produzione di Bertolotti. Non è possibile tuttavia comprendere a pieno il ruolo e l influenza che Roberto Venturi ha esercitato nell ambiente artistico bresciano se non si ricordano altri aspetti della sua attività e, in particolare, l incoraggiamento a costituire, nel 1876, l Associazione Arte in Famiglia, modellata sull esempio della Famiglia Artistica milanese, di cui Venturi aveva fatto parte e che era sorta nel 1873, grazie alla volontà di Vespasiano Bignami, con il fine di offrire ai giovani artisti un aiuto mutualistico, fuori dall Accademia, organizzando mostre, corsi, occasioni d incontro, ma anche attività d intrattenimento e momenti conviviali. A Brescia Arte in Famiglia ebbe il merito di promuovere mostre che consentivano di far conoscere al pubblico il lavoro degli artisti e di favorire la nascita di un mercato dell arte, di gestire una scuola di disegno di figura e studio del modello, di facilitare rapporti di amicizia e di confronto tra gli artisti bresciani. Non meno importante fu il ruolo esercitato da Venturi come critico d arte. Lo si vede nei molti riferimenti alle vicende artistiche milanesi contenuti nelle lettere a Carlo Manziana (in particolare nella lettera in cui dà conto della Seconda Esposizione Nazionale di Brera 14 ), nelle due serie di articoli sull Esposizione nazionale delle Belle Arti del 1877 a Napoli e sull Esposizione di Brera del 1879 pubblicate su «La Sentinella Bresciana» 15 e nell intervento Considerazioni sul gusto pittorico de nostri tempi, tenuto nel 1883 all Ateneo 16. Va detto che Venturi non è il solo degli artisti bresciani a recensire mostre nazionali, inviando ampi resoconti che i quotidiani locali pubblicavano a puntate. Lo fecero anche Modesto Faustini su «La Provincia», nel 1877 dall Esposizione di Napoli e nel 1883 dall Esposizio- (14) Lettera a Carlo Manziana, 5 agosto 1872, pubblicata in G. NICODEMI, Lettere del pittore Roberto Venturi a Carlo Manziana, in Commentari dell Ateneo di Brescia per l anno 1935, Brescia, 1936, pp (15) R. VENTURI, L esposizione artistica, in «La Sentinella Bresciana», 29 aprile R. VENTURI, L esposizione artistica di Napoli, in «La Sentinella Bresciana», 5 maggio R. VENTURI, L esposizione artistica di Napoli, in «La Sentinella Bresciana», 7 maggio R. VENTURI, L esposizione artistica di Napoli, in «La Sentinella Bresciana», 9 maggio R. VENTURI, L esposizione artistica di Napoli, in «La Sentinella Bresciana», maggio R. VENTURI, L Esposizione a Brera I, in «La Sentinella Bresciana», 24 settembre R. VENTURI, L Esposizione a Brera II, in «La Sentinella Bresciana», 25 settembre R. VENTURI, L Esposizione a Brera III, in «La Sentinella Bresciana», 26 settembre (16) R. VENTURI, Considerazioni sul gusto pittorico de nostri tempi, in Commentari dell Ateneo di Brescia per l anno 1883, Brescia, 1883, pp

17 ne Internazionale di Roma 17, e Cesare Bertolotti che, sempre su «La Provincia», si occupò nel 1884 dell Esposizione d arte contemporanea di Torino 18 ; nasceva infatti in quegli anni nell ambito della stampa nazionale una critica d arte militante, gestita in prima persona dagli stessi artisti, che trovava modo di far sentire la propria voce soprattutto in occasione delle esposizioni nazionali, nate, dopo il 1861, per superare il chiuso regionalismo degli anni precedenti e favorire la nascita di una nuova arte capace Roberto Venturi di esprimere, in senso unitario, le aspirazioni del paese. Roberto Venturi, in questi suoi interventi, si rivelò persona colta e informata, che sapeva usare una scrittura chiara e vivace per sostenere posizioni nette in cui non è difficile ritrovare le linee di tendenza del suo operare artistico. Il suo impegno di critico era tenuto in considerazione, come risulta anche dalle parole di Gaetano Fornasini nella commemorazione funebre dell artista: «Critico sagace, egli portava nei giudizi d arte una rara sottigliezza ed una originalità di punto di vista, che fanno lamentare non si sia più di proposito applicato a tale studio. Ragionevole ammiratore degli antichi, difendeva strenuamente l arte moderna in quanto essa ha di veramente grande e nuovo nel sentimento della forma e nella poesia del colore: e sdegnavasi contro chi non vede che decadenza nella pittura, laddove vi si riscontrano i segni palesi di un vitale rinascimento» 19. Di particolare interesse è il discorso con cui Venturi intervenne all adunanza del 18 marzo 1883 dell Ateneo, pubblicato poi, in sintesi, sui Commentari dell Ateneo di Brescia di quell anno. Il tema era vasto e impegnativo. Venturi, presentando infatti ai soci le sue Considerazioni sul gusto pittorico de nostri tempi, si chiedeva per quali ragioni «l arte moderna con tutte le sue manifestazioni di verismo intimo e pro- (17) Modesto Faustini inviò a «La Provincia» sette articoli da Napoli, pubblicati dal 28 maggio al 16 giugno, e quindici articoli da Roma, pubblicati dall 1 febbraio al 9 aprile (18) Di Cesare Bertolotti «La Provincia» pubblicò 15 articoli dal 22 luglio al 28 ottobre (19) G. FORNASINI, Commemorazione funebre, in «La Sentinella Bresciana», 7 maggio 1883, pubblicata anche in In memoria di Roberto Venturi, Brescia,

18 fondo [ ] ormai accettata come indiscutibile segno di progresso dal fior fiore della cittadinanza e dai migliori pubblicisti non è medesimamente accettata dal grosso pubblico?» Al grande pubblico italiano rimproverava di andare in solluchero davanti ai soggetti leziosi, al bozzettismo manierato, e di «torcere il viso o per lo meno curarsi assai poco di un bel pezzo di vero, rude e possente, che dia una nota forte e originale e robusta, e costringa a pensare». Il suo ideale era dunque quello di un arte realistica e impegnata che veniva individuata in Francia, con scelte che forse oggi non condivideremmo, nei soggetti popolari e quotidiani di Courbet, negli esotismi truculenti di Henry Regnault, nel lavoro nei campi di Jules Breton, nelle scene di vita paesana e rurale di Jules Bastien-Lepage. Citava inoltre, per la pittura di storia, la rappresentazione scrupolosa della vita militare di Meissonier lodando la piccola tela, oggi al Museo d Orsay, che raffigura La campagna di Francia 1814, «perché nessun pittore antico seppe con egual verità esprimere e que cavalli, dalle cui nari per la faticosa ritirata vedi uscire a larghe ondate la vita, e il dispetto, lo sconforto, la stanchezza de componenti il seguito del vinto conquistatore»; Meissonier gli serviva inoltre per difendere l uso da parte dei pittori del processo fotografico che consentiva di cogliere al volo gesti e movimenti istantanei: «è opinione del volgo falsa che la fotografia uccida la pittura: alla quale neppure i ritratti essa rapì. Li rapì ai pittori mediocri, non ai valenti, non all arte». Tra gli italiani parlava di Michetti, per il quale aveva mostrato entusiasmo già in occasione della mostra di Napoli del 1877, dove era stato esposto Una processione del Corpus Domini: «Michetti! Egli è un mago, uno stregone. Il suo quadro è un mistero, è una fantasmagoria. Al primo vederlo fa pensare ad un sogno; vi passate una mano sugli occhi. Credete di vedere, Dio sa, che buggerio. Noti che non c è ombra di tutto ciò che è prammatica per pretendere un buon quadro. Non effetto di chiaroscuro, non ombre portate, mancanza di piani; ma c è una trovata tanto originale, un colore tanto raffinatamente fine, una stramberia tanto pittorica da far ricordare o per meglio dire dimenticare le più belle cose del compianto Fortuny» 20. Ricordava Domenico Morelli, che fu tra i primi da noi ad utilizzare modelli realistici all interno di quadri di soggetto storico, Bernardo Celentano, ammirando il suo I dieci che si recano al Consiglio, Federico Faruffini, un artista con cui ebbe molta affinità 21. In conclusione, auspicando che l Italia potesse (20) R. VENTURI, L esposizione artistica, in «La Sentinella Bresciana», 29 aprile (21) Lo sottolineano in occasione della Mostra della pittura bresciana dell Ottocento, nel 1934, Enrico Somarè: «Il suo temperamento ha qualche analogia col temperamento di Federico Faruffini: vi si nota una foga e una fierezza similari, un impeto corrispondente, la stessa inclinazione a rompere il chiaroscuro con una bella botta di colore» (E. SOMARÈ, La mostra della pittura bresciana dell Ottocento, in «Brescia», a. VI, aprile 1934, p. 15) e Gior- 17

19 riprendere nell arte il posto che le spettava, Venturi confidava in un progetto di stampo riformista: «ristaurata la pubblica ricchezza, dato maggiore svolgimento alla istruzione letteraria e alla critica artistica, abolite le tasse sulle pinacoteche e sui musei, assodato l ordinamento politico e allontanati i pericoli delle perturbazioni sociali, rese frequenti le pubbliche mostre, si potrà indirizzare il popolo a quel maggior gusto dell arte ch esso già palesò nell epoca di Pericle in Grecia e nel millecinquecento in Italia». Era il suo testamento spirituale. Di lì a poche settimane, il 5 maggio 1883, la tisi pose fine alla sua breve vita. Roberto Venturi era stato sulla scena dell arte per un quindicennio appena. Troppo poco forse per esprimere appieno le sue potenzialità, ma non per lasciarci il segno forte del suo valore ed il sogno di un arte colta e popolare, moderna e vera. gio Nicodemi, che parla di Venturi: «intento a ricercare le interpretazioni della tecnica moderna nel quadro storico con uno spirito affine a quello di Faruffini» (G. NICODEMI, La pittura bresciana dell Ottocento, in «Emporium», vol. 80, n. 475, 1934, p. 39). 18

20 BIOGRAFIA Luigi Capretti Roberto Venturi nacque a Milano il 25 aprile 1846 dal bresciano Gaetano e dalla comasca Carolina Faroni. Il padre, di benestante famiglia borghese, ad altro ramo della quale appartennero personaggi di un certo rilievo (come il naturalista Carlo Antonio, mecenate dell Istituto Musicale che prese il suo nome), si era trasferito a Milano per motivi di lavoro, probabilmente intorno al 1840, e là morì nel A Brescia comunque la famiglia conservava casa, parentela e amicizie. Il figlio Roberto rimase, sia come uomo che come artista, diviso a metà tra Milano e Brescia. A Milano visse fino a 29 anni. Là ebbe luogo interamente la sua formazione artistica: ebbe modo di frequentare l Accademia di Brera 2 precocemente e per lunghi anni e di completare gli studi nel 1870 sotto la guida del professor Giuseppe Bertini, rinomato interprete della pittura di soggetto storico, che continuò a seguirlo anche negli anni successivi. Ebbe come compagni di corsi il bresciano Bortolo Schermini ( ) e il gardesano Andrea Fossati ( ). Negli Roberto Venturi con gli amici Manziana (1871) stessi anni a Brera studiavano Modesto Faustini e Achille Glisenti, con i quali restò legato da uno strano rapporto in cui si alternarono reciproca stima, gelosia, collaborazione, elogi e critiche maligne. Lungo tutti gli anni di studio (dal 1863 al 1874) espose nelle annuali mostre di Brera 3, riportando diversi premi, a cominciare dalla medaglia di rame del 1863 per lo Studio del portico che cinge il Lazzaretto. Come allievo dell Accademia partecipò al concorso triennale bandito nell anno 1870, sviluppando il tema assegnato: Giovanni Bellini, fingendosi un nobile veneto, si fa ritrarre dal pittore Antonello da Messina onde potere così scoprire la nuova maniera di dipingere ad olio, che quell artista aveva appreso da Giovanni da Bruges. Il saggio eseguito gli valse il premio di lire; inoltre gli fu (1) Comune di Brescia, Anagrafe Storica. (2) Accademia di Brera, Registri di iscrizione. (3) M.P.[ENOCCHIO], Roberto Venturi in Verso l arte. Artisti bresciani a Brera nell 800 (a cura di R. FERRARI, S. IACOBELLI, M. PENOCCHIO), Brescia, 2009, pp

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE 13 15 febbraio 2015 www.bolzano-bozen.it Anche quest anno, dal 13 al 15 febbraio, Bolzano festeggia San Valentino con gli appuntamenti de I Luoghi dell Amore, un viaggio

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli