Km Zero e Farmer s Market Aspetti economici e sociali in alcune esperienze internazionali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Km Zero e Farmer s Market Aspetti economici e sociali in alcune esperienze internazionali"

Transcript

1 Km Zero e Farmer s Market Aspetti economici e sociali in alcune esperienze internazionali Torino, 7 ottobre 2009 Federico Boario Conservatoire des Cuisines Méditerranéennes Conservatoria del Nord Ovest - Torino

2 La Conservatoria del Nord Ovest La Conservatoria del Nord Ovest fa parte del Conservatoire des Cuisines Mèditerranéennes, un network di organismi pubblici e privati che operano in paesi mediterranei: Italia, Cipro, Francia, Grecia, Spagna, Algeria, Israele, Libano, Marocco, Palestina, Tunisia, Turchia

3 Agricoltura Agricoltura No No OGM OGM Cibo Cibo tradizionale tradizionale Nuovi Nuovi alimenti alimenti Ambiente Ambiente Prodotti Prodotti biologici biologici Artigianato Artigianato Turismo Turismo sostenibile sostenibile Tradizione Tradizione Storia Storia Cultura Cultura del del Territorio Territorio Sviluppo Sviluppo Sociale Sociale Immigrati Immigrati Welfare Welfare Conservatoria Conservatoria del del Nord Nord Ovest Ovest Mercati Mercati alimentari alimentari Farmer s Farmer s Markets Markets Emporion Emporion

4 Tendenze nella ricerca del cibo Si è più convinti che il cibo sia alla base della salute e del prolungamento di vita: - attenzione alle materie prime e alla filiera - ricerca di cibo buono che faccia bene - ricerca di un elevato rapporto prezzo~qualità - desiderio di conoscenza dell impresa agricola nel suo complesso

5 All'acquisto controlla provenienza, origine e produzione? Non so ; 8% Mai; 6% Spesso; 28% Raramente; 22% Talvolta; 36% Sì = 64% Ispo/ACNielsen CRA per Indicod

6 Km Zero & Farmer s Market Rappresentano l evoluzione dei mercati alimentari Consentono di limitare i passaggi e garantire la tracciabilità Sono differenziati nella finalità Km Zero ridurre i costi della logistica e l impatto ambientale Farmer s Market portare il contadino a diretto contatto con il cliente

7 Km Zero - Wal-Mart

8 Km Zero Contenimento dei costi 2008 Wal-Mart sceglie il Local in 38 centri di distribuzione e punti di vendita In cinque mesi si risparmiano litri di carburante e in totale 1,5 milioni di US$ La Grande Distribuzione USA propone alle imprese agricole di essere ospitate all interno dei grandi ipermercati per aumentare il servizio ai consumatori

9

10 Km Zero Consumatore in cascina 1) - Acquisti diretti presso l impresa agricola risparmio economico conoscenza diretta del produttore e delle pratiche risparmio energetico opinabile 2) GAS Gruppi di acquisto solidale risparmio economico conoscenza diretta del produttore e delle pratiche risparmio energetico necessità di coordinare gli acquisti

11 Assortimento Ampiezza e Profondità Acquisto in Cascina

12 GDO

13 L assortimento nella GDO è ampio ma non profondo il consumatore non ha scelta sceglie per lui qualcuno distante dal territorio il prezzo è calmierato dai mercati su strada

14 Nella GDO la frutta piace se ha una marcia in più si ricerca la frutta di marca il locale e il tipico hanno limitate opportunità si preferisce il bello si vendono soprattutto le marche

15 Farmer s market e GDO Farmer s market rapporto diretto conoscenza del produttore o di chi ha scelto per noi assortimento ampio e profondo limitazioni di orari GDO venditore anonimo il compratore è lontano da noi e dal territorio assortimento ampio manca la profondità orari funzionali a chi lavora

16 Motivazioni dell acquisto diretto Qualita & freschezza 70% Conoscenza del produttore 43% Genuinità & sicurezza 19% Convenienza 14%

17 Il Farmer s Market Rapporto diretto fra produttore e consumatore La cascina in città: la faccia del contadino Servizio e qualità dei prodotti Convenienza

18 USA + 301% in 15 anni USA - Farmer's Markets

19 51 Green Markets a New York Union Square

20 New York Union Square

21 NY - Union Square + WholeFoodsMarket

22 il farmer s market è una attività economica che ricopre un ruolo molto importante per l agricoltore contribuisce alla qualità della vita consente la reperibilità a prezzi accettabili dei prodotti locali e tipici contribuisce al lavoro femminile e al secondo lavoro nella famiglia

23 nei farmer s markets la qualità organolettica e fiduciaria è scontata la qualità è globale Consentono - percezione del prodotto - faccia del produttore Salonicco Mercato Centrale

24 Risparmio il 58% degli utenti si accontenta del 10% > 50% 3% 30% ~ 50% 11% 10% ~ 30% 29% < 10% 29% Niente 29%

25 Nel Regno Unito dal 1991 il vantaggio principale è che incasso il prezzo al dettaglio, mentre se vendessi a un grossista prenderei la metà o il 40% perché anche quelli della catena commerciale devono avere il loro margine... Peter Clarke - Kingcup Farm Buckingamshire 20 miglia da Londra 16/11/2008

26 Nel Regno Unito dal 1991 Moglie - Non mi dispiace pagare la qualità se è buona.. E la maggior parte dei prodotti che compriamo qui e sempre di qualità eccellente... Marito - Questi mercati non sono certo un modo di risparmiare però i prodotti sono tutti freschi e gustosissimi... Famiglia del Regno Unito 16/11/2008

27 Verde Irlanda Qui sai da dove viene la roba che mangi, non è poco. E tutta produzione locale e di stagione E ti senti ecologista! Coppia giovane David Llewellyn Contadino Il mio margine di guadagno sul prezzo di produzione è del 50%, quando vendo direttamente al mercato. Il mio fatturato è attorno ai 250 mila euro l anno

28 Lyon Farmer s market Place Carnot apertura mercoledì 16:00 ~ 20:00 30 ~ 40 banchi solo produttori con propri prodotti di stagione 2 anni di ricerca

29 Aix-en-Province: un ibrido circa 60 banchi, la maggioranza di contadini prezzi medio ~ alti

30 Marqt Amsterdam & Haarlem 15 cooperative agricole locali servizio simile al supermercato margine concordato

31 Budapest Fhérvari Farmer s Market

32 Budapest Fhérvari Farmer s Market 2 supermercati 80 negozi 280 banchi di contadini il contadino non ha obbligo di presenza tutti i giorni e può recarsi al mercato anche solo quando la sua produzione lo consente il plateatico è di 3,00 uro al giorno

33 Budapest Fhérvari Farmer s Market

34 Budapest Fhérvari Farmer s Market integrazione con il supermercato

35 Farmer s market non deve necessariamente dare più convenienza riduce i costi di filiera lascia valore aggiunto al mondo agricolo si basa soprattutto sulla qualità qualifica il mercato ha orari scomodi

36 Farmer s Market ~ Direct Marketing Il Farmer s Market è uno strumento di marketing diretto verso il consumatore che contribuisce all accesso al mercato delle piccole e medie imprese agricole aiutandole a competere contro i grandi mass supermarkets e gli altri canali di distribuzione controllati dalle grandi imprese di ingrosso occorre aiutare lo sviluppo di organizzazioni per il marketing diretto agricolo a livello locale, regionale e anche nazionale

37 Per concludere è ora che riconosciamo al contadino una retribuzione equa non solo per i prodotti che coltiva ma soprattutto per il contributo indispensabile che attuando pratiche corrette dà alla qualità della vita e alla conservazione dell ambiente Grazie per l attenzione Conservatoire des Cuisines Méditerranéennes Conservatoria del Nord Ovest Via G.B. De La Salle, 17 - Torino

COMMERCIALIZZAZIONE E MARKETING DEI PRODOTTI BIOLOGICI. Adattato E-Learning PROGETTO GREENFOOD 2010-1-ES1-LEO05-20948

COMMERCIALIZZAZIONE E MARKETING DEI PRODOTTI BIOLOGICI. Adattato E-Learning PROGETTO GREENFOOD 2010-1-ES1-LEO05-20948 COMMERCIALIZZAZIONE E MARKETING DEI PRODOTTI BIOLOGICI Adattato E-Learning PROGETTO GREENFOOD 2010-1-ES1-LEO05-20948 INDICE INTRODUZIONE... 3 Unità didattica 3.1 Strategie di Marketing per i prodotti biologici...

Dettagli

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari il ruolo della moderna distribuzione commerciale agro-alimentare struttura e dinamiche della distribuzione commerciale agro-alimentare implicazioni

Dettagli

Le strategie di marketing

Le strategie di marketing Le strategie di marketing 1 Ipotizzare Secondo te, quali sono gli scopi principali del marketing? Parlane con un compagno. Leggere Ora leggi il testo e verifica le tue ipotesi. Il mercato di riferimento

Dettagli

La filiera corta Un approccio responsabile al consumo tra tradizione e innovazione

La filiera corta Un approccio responsabile al consumo tra tradizione e innovazione NUTRIRE IL PIANETA Ciclo di seminari verso EXPO 2015 CIBO, AMBIENTE E STILI DI VITA La filiera corta Un approccio responsabile al consumo tra tradizione e innovazione Sabrina Giuca Istituto Nazionale di

Dettagli

LO SVILUPPO DEI FARMERS MARKET COME CANALE DISTRIBUTIVO: ANALISI E PROSPETTIVE FUTURE

LO SVILUPPO DEI FARMERS MARKET COME CANALE DISTRIBUTIVO: ANALISI E PROSPETTIVE FUTURE LO SVILUPPO DEI FARMERS MARKET COME CANALE DISTRIBUTIVO: ANALISI E PROSPETTIVE FUTURE GIOVANNI PEIRA, VALERIA BUGNI, ALESSANDRO BONADONNA Dipartimento di Scienze Merceologiche, Università degli Studi di

Dettagli

Presentazione La filiera corta

Presentazione La filiera corta Presentazione La filiera corta Un progetto di marketing agroalimentare Prof. Gervasio Antonelli a cura di: Riccardo Piras, Giulia Santi, Luca Mosciatti Facoltà di Economia, Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi Evento organizzato da: In collaborazione con: LE FINALITÀ CONOSCITIVE DEL CONTRIBUTO DI NOMISMA PER L OSSERVATORIO

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB)

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB) Nutrire il pianeta, energia per la vita Expo 2015 Sarà l'occasione anche per ripensare e riacquistare i vecchi saperi e sapori legati ai mestieri del cibo e dell'accoglienza. Includerà tutto ciò che riguarda

Dettagli

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Bologna 12 15 settembre 2015 MERCATO DEI PRODOTTI BIOLOGICI Introduzione Il mercato dei prodotti biologici in

Dettagli

Treno Verde 2015. A.A.A. #tipicongusto cercasi

Treno Verde 2015. A.A.A. #tipicongusto cercasi Treno Verde 2015 Un edizione tutta speciale quella del Treno Verde 2015: dal 18 febbraio all 11 aprile, 15 tappe dalla Sicilia alla Lombardia per raccogliere e portare a Expo Milano, l esposizione universale

Dettagli

Spiga & Madia Campagna 2009-10 dal partenariato locale tra produttori e consumatori, nuovo modelli di comunità

Spiga & Madia Campagna 2009-10 dal partenariato locale tra produttori e consumatori, nuovo modelli di comunità Spiga & Madia Campagna 2009-10 dal partenariato locale tra produttori e consumatori, nuovo modelli di comunità CATENA DEL VALORE DELLE PRODUZIONI AGRICOLE (Stati Uniti d America 2001) Materie prime Lavoro

Dettagli

Ecommerce. di Gianluca Diegoli. 1. Alcune leggende da sfatare

Ecommerce. di Gianluca Diegoli. 1. Alcune leggende da sfatare 7 Ecommerce di Gianluca Diegoli 1. Alcune leggende da sfatare Si pensa spesso, da parte di un imprenditore, all ecommerce come a una panacea per un fatturato stagnante, o peggio come un arma magica che

Dettagli

Le 100 idee dei milanesi sulla Food Policy

Le 100 idee dei milanesi sulla Food Policy Le 100 idee dei milanesi sulla Food Policy Il percorso di consultazione sulla Food Policy è cominciato a marzo 2015. Ci sono stati incontri con esponenti del terzo settore, di aziende e start-up del cibo,

Dettagli

NEWS LETTER n 1. Piano Formativo Alimentare i Valori. E-commerce: una nuova prospettiva. In passato. Ad oggi

NEWS LETTER n 1. Piano Formativo Alimentare i Valori. E-commerce: una nuova prospettiva. In passato. Ad oggi Piano Formativo Alimentare i Valori NEWS LETTER n 1 E-commerce: una nuova prospettiva A cura di Guido Pomato Qualche spunto normativo In passato Circolare n. 3487/c del 1 giugno 2000 : Ministero dell industria,

Dettagli

ACQUISTI INTELLIGENTI

ACQUISTI INTELLIGENTI ACQUISTI INTELLIGENTI UN ACQUISTO INTELLIGENTE Un consumo moderato è più ecologico di un consumo esagerato anche se i prodotti sono ecologici ed etichettati. Ciò detto, SONO DA PREFERIRE prodotti e servizi

Dettagli

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA

VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA VADEMECUM PRODUZIONE BIOLOGICA INDICE PREMESSA LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO REQUISITI DA RISPETTARE CARATTERISTICHE DELLA QUALITÀ BIOLOGICA CONVERTIRSI AL BIOLOGICO VENDERE E COMPRARE 2 PREMESSA All interno

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

TESTO MODIFICATO. Art. 1- Finalità. può anche essere lasciato così. Art 2 - Definizioni

TESTO MODIFICATO. Art. 1- Finalità. può anche essere lasciato così. Art 2 - Definizioni ART. 4. (Vendita dei prodotti di qualità a chilometro zero provenienti da filiera corta). 1. I comuni possono riservare ai coltivatori diretti la vendita diretta di prodotti agricoli, ai sensi dell articolo

Dettagli

Casi studio: consumare

Casi studio: consumare Casi studio: consumare Dinner at your door Restaurant day Gnammo Disharing The big lunch Home Food (Le Cesarine) Dinner co-op Cosa bolle in pentola Munchery Local Food Lab Dabbawala www.dinneratyourdoor.com

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

Soluzione per la deumidificazione delle serre

Soluzione per la deumidificazione delle serre Soluzione per la deumidificazione delle serre Perché ti serve DryGair? Prezzi dell energia elevati Durante l ultimo decennio, i prezzi dell energia sono aumentati rapidamente. Questi prezzi elevati hanno

Dettagli

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo 1 IL RILANCIO DELLA DOMANDA Roberto Ravazzoni, CERMES Bocconi Scenari economici e prospettive per i consumi Assemblea Annuale Indicod Teatro Manzoni Milano,

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COSTITUZIONE E LA PROMOZIONE DELLA FILIERA CORTA BIOLOGICA

LINEE GUIDA PER LA COSTITUZIONE E LA PROMOZIONE DELLA FILIERA CORTA BIOLOGICA LINEE GUIDA PER LA COSTITUZIONE E LA PROMOZIONE DELLA FILIERA CORTA BIOLOGICA INDICE Scopo.. 3 Premessa.......3 La filiera e gli strumenti di vendita... 4 La vendita in azienda: I Farmers market. 4 Food

Dettagli

ROMA NEL PIATTO Con la qualità è possibile risparmiare

ROMA NEL PIATTO Con la qualità è possibile risparmiare ROMA NEL PIATTO Con la qualità è possibile risparmiare UN PO DI STORIA 1997 Protocollo di Kyoto sul Riscaldamento Globale 1995 Tim Lang (Professore della City University di Londra) conia il termine food

Dettagli

TOSCANA IL GUSTO SI RACCONTA IN UNA TERRA DI POESIA

TOSCANA IL GUSTO SI RACCONTA IN UNA TERRA DI POESIA Franchising TOSCANA IL GUSTO SI RACCONTA IN UNA TERRA DI POESIA 2 Indice P a g. Presentazione 5 Esperienza 7 Metodo 9 Garanzia della qualità 9 F r e s c h e z z a d e i p r o d o t t i 11 Utilizzo del

Dettagli

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA 2 I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA I MERCATI SONO UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELLA RIGENERAZIONE URBANA, DI STILI DI VITA SOSTENIBILI, DELL OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ NELLE CITTÀ.

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese

Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese Azioni di Economia Solidale verso il Distretto maceratese I prezzi non dovrebbero essere fissati al livello più basso possibile, ma a quello sufficiente per fornire ai produttori degli standard adeguati

Dettagli

Attività C.1.1. Attività C.1.1

Attività C.1.1. Attività C.1.1 Attività C.1.1 Attività C.1.1 Realizzazione di una indagine sullo stato dell'arte sulla legge e l'attuazione di procedure di qualità in campo economico euro-mediterraneo. Progetto AgroMed Quality Parte

Dettagli

MERCATO AGRICOLO E NON SOLO

MERCATO AGRICOLO E NON SOLO MERCATO AGRICOLO E NON SOLO L'ORGANIZZATRICE Alla signorina Alessandra, appartenente al gruppo di volontari del mercato agricolo, al quale prendono parte una quindicina di produttori, abbiamo posto le

Dettagli

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton

L organizzazione delle filiere biologiche italiane. Roberto Pinton L organizzazione delle filiere biologiche italiane Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2 associazioni

Dettagli

Macerata, 2 Dicembre 2005. benvenuti. Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere. Benvenuti!!

Macerata, 2 Dicembre 2005. benvenuti. Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere. Benvenuti!! benvenuti Le strategie di crescita per il settore della calzatura: l interpretazione di Manas e Alfiere Benvenuti!! 1 in diversi casi l attività agricola mezzadrile precedentemente condotta dalle famiglie

Dettagli

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 Chi siamo La GECA Global Consulting è una società di consulenza internazionale, costituita a

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA Incoming operatori esteri al CIBUS 2014 Parma 5-8maggio 2014 Questa indagine è stata realizzata dall ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione

Dettagli

IN CAMPO LA SCIENZA. Organizzato da. Sponsor del concorso

IN CAMPO LA SCIENZA. Organizzato da. Sponsor del concorso Organizzato da LA SCIENZA Sponsor del concorso MILANO, 29 30 NOVEMBRE 2012 1 giornata: sessione di lavoro presso la sede di Espansione Galleria Meravigli 2 giornata: premiazione Palazzo Isimbardi Corso

Dettagli

BACCALAURÉAT TECHNOLOGIQUE

BACCALAURÉAT TECHNOLOGIQUE BACCALAURÉAT TECHNOLOGIQUE SESSION 2014 ITALIEN LANGUE VIVANTE 1 Séries STI2D, STD2A, STL, ST2S : 2 heures coefficient 2 Série STMG : 2 heures coefficient 3 L'usage des dictionnaires et des calculatrices

Dettagli

G i o v a n n i L e o n i. Agrivillaggio. Cos'è? Come si fa? 1 www.agrivillaggio.com

G i o v a n n i L e o n i. Agrivillaggio. Cos'è? Come si fa? 1 www.agrivillaggio.com G i o v a n n i L e o n i Agrivillaggio Cos'è? Come si fa? 1 Cara amica, caro amico, Se stai leggendo questo rapporto è perché hai a cuore il tuo vivere bene a anche quello delle prossime generazioni.

Dettagli

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita -

CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - CERTIFICAZIONE NEL SETTORE AGROALIMENTARE -Qualita - - Sicurezza - - Tracciabilita - LA FIDUCIA DEL CONSUMATORE NEI CONFRONTI DEL COMPARTO PRODUTTIVO SI E NOTEVOLMENTE RIDOTTA NEGLI ULTIMI ANNI Industrializzazione

Dettagli

Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo. Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona

Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo. Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona Quali particolarità per il Distributore? Il ciclo economico Produzione

Dettagli

Carta di qualità per la rete d imprese

Carta di qualità per la rete d imprese Carta di qualità per la rete d imprese L esposizione internazionale EXPO è un opportunità unica ed irripetibile per l economia dei nostri comuni che da secoli sono protagonisti nella produzione del patrimonio

Dettagli

di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management

di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management SETTORE AGROALIMENTARE: ANALISI SWOT PER I PRODOTTI DI QUALITA di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management Nei Paesi sviluppati l alimentazione ha perso, in parte, il suo significato

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari. Sintesi dei risultati di ricerca

STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari. Sintesi dei risultati di ricerca STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari Sintesi dei risultati di ricerca SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA L Osservatorio Nazionale sulla salute della

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol.

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol. La storia e la teoria economica ci insegnano che il superamento della povertà in ambito agricolo è legato dalla capacità dei produttori di operare su una scala che consenta l accesso a mercati più ampi

Dettagli

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati La nuova qualità nel settore delle carni Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati Roberta Moruzzo Dipartimento di Produzioni Animali, Università di Pisa robemoru@vet.unipi.it

Dettagli

Le politiche alimentari nelle aree metropolitane e periurbane: : auspici e possibilità per il consumatore responsabile

Le politiche alimentari nelle aree metropolitane e periurbane: : auspici e possibilità per il consumatore responsabile Ripensare al futuro dell alimentazione nelle realtà montane Le politiche alimentari nelle aree metropolitane e periurbane: : auspici e possibilità per il consumatore responsabile I progetti della Provincia

Dettagli

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA

IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA In collaborazione con A cura di Evento organizzato da IL BIO IN CIFRE OSSERVATORIO SANA 2013 A CURA DI NOMISMA OSSERVATORIO SANA il contributo di Nomisma Il Bio in cifre Consumer Survey Retail Survey strumento

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Marcella Pedroni Fiere di Parma Spa Confindustria Palermo, 16 aprile 2014 L Industria Alimentare Italiana Consuntivo 2013 Fatturato

Dettagli

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA ADEM LAB- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA Silvia Bellini Università degli Studi di

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c

Dettagli

C.so Sempione, 264-20028 San Vittore Olona (MI) Tel. Milano, 0331.51.20.20 Marzo Fax 2005 0331.42.47.77 e-mail: duediligence@erif.it www.erif.

C.so Sempione, 264-20028 San Vittore Olona (MI) Tel. Milano, 0331.51.20.20 Marzo Fax 2005 0331.42.47.77 e-mail: duediligence@erif.it www.erif. C.so Sempione, 264-20028 San Vittore Olona (MI) Tel. Milano, 0331.51.20.20 Marzo Fax 2005 0331.42.47.77 e-mail: duediligence@erif.it www.erif.it 1 EXPO 2015: Cos è e Quale Tema COS E : Esposizione mondiale

Dettagli

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, nata e promossa nel 2004 dall associazione internazionale Slow Food con la collaborazione delle regioni

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

- 1 reference coded [1,94% Coverage]

<Documents\bo_min_3_F_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,94% Coverage] - 1 reference coded [1,94% Coverage] Reference 1-1,94% Coverage Spesso andiamo al cinese, prendiamo il cibo da asporto, è raro che andiamo fuori a mangiare, anzi quando

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze Attività produttive Artigianato e Agricoltura Questo progetto si pone quattro diversi obiettivi: OBIETTIVO 1: Implementare un modello di economia

Dettagli

I Volti del Consumo. Il consumo nella decrescita. Settima settimana

I Volti del Consumo. Il consumo nella decrescita. Settima settimana I Volti del Consumo Il consumo nella decrescita Settima settimana Come accostarci.. 1. Il consumo di massa: trend 2. Consumo e stili di vita: gruppi sociali 3. Il consumo: ponte tra produzione e smaltimento

Dettagli

INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC

INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC Sala Falck Assolombarda 6 Febbraio 2012 CONVEGNO La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità

Dettagli

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 CLIENTI AMBIENTE COMUNITÀ

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 CLIENTI AMBIENTE COMUNITÀ BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ANNO 2013 Collaboratori AMBIENTE CLIENTI COMUNITÀ indicatori di sintesi 2013 COLLABORATORI - INDICATORI DI SINTESI 2013 Δ 2013/2012 Profilo Collaboratori (n.) 9.266-2,3% Contratti

Dettagli

< G. TECILLA > < BIO > il il contatto tra domanda e offerta: un progetto di piattaforma e-commerce per il il mercato del biologico

< G. TECILLA > < BIO > il il contatto tra domanda e offerta: un progetto di piattaforma e-commerce per il il mercato del biologico 1 il il contatto tra domanda e offerta: un progetto di piattaforma e-commerce per il il mercato del biologico Punto sul mercato bio 2 Il mercato del biologico è in continua crescita sia in Italia che in

Dettagli

Intervista ad Alberto Berton 30

Intervista ad Alberto Berton 30 Intervista ad Alberto Berton 30 Alberto Berton, nato a Milano nel 1969, laureato in Economia Politica presso l Università Bocconi di Milano, discutendo la tesi intitolata: La riflessione epistemologica

Dettagli

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton

Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze. Roberto Pinton Il mercato globale dei prodotti biologici: situazione e tendenze Roberto Pinton Federazione unitaria interprofessionale Fondata nel 1992 35 associazioni nazionali o regionali di agricoltori biologici 2

Dettagli

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione

I principali temi. Crescita dimensionale. Reti d impresa e altre forme di alleanza. Innovazione e ricerca. Capitale umano e formazione I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale umano e formazione Internazionalizzazione: Esportazioni Investimenti diretti esteri Efficienza

Dettagli

JOB PROFILE G L O S S A R I O CAPO REPARTO. tratto da. www.isfol.it/orientaonline

JOB PROFILE G L O S S A R I O CAPO REPARTO. tratto da. www.isfol.it/orientaonline G L O S S A R I O JOB PROFILE CAPO REPARTO tratto da www.isfol.it/orientaonline CAPO REPARTO Il Capo reparto è il responsabile del settore di vendita a lui assegnato. I suoi compiti variano in base all

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi gli

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

I NUMERI DEL BIG BANG DIGITALE

I NUMERI DEL BIG BANG DIGITALE I NUMERI DEL BIG BANG DIGITALE Stiamo vivendo un Big Bang digitale, che si sta sviluppando, evolvendo, e crescendo ogni secondo che passa. Nel 2012 più di 2.3 milliardi di persone erano presenti su Internet.

Dettagli

Report Ufficio Stampa La Scienza in Campo Milano, 30 novembre 2012. Claudia Ceroni, Ufficio Stampa Email: c.ceroni@clickutility.it Tel: 345 3275496

Report Ufficio Stampa La Scienza in Campo Milano, 30 novembre 2012. Claudia Ceroni, Ufficio Stampa Email: c.ceroni@clickutility.it Tel: 345 3275496 Report Ufficio Stampa La Scienza in Campo Milano, 30 novembre 2012 Claudia Ceroni, Ufficio Stampa Email: c.ceroni@clickutility.it Tel: 345 3275496 Articoli di Stampa cartacei Segnalazioni online Durante

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D

il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in C O R E A D E L S U D 1 C o r e a d e l S u d G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a B

Dettagli

Trasporto di Qualità per Alimenti Sicuri

Trasporto di Qualità per Alimenti Sicuri 25/26/27 Settembre 2015 Con il Patrocinio di Food n Motion è il primo evento nel panorama nazionale delle manifestazioni legate al food&beverage che parla di cibo trattando uno degli anelli vitali della

Dettagli

Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori. Marzo 2011

Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori. Marzo 2011 Sicurezza alimentare. La percezione dei consumatori Marzo 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso, età, area di residenza

Dettagli

Nuovi modelli di produzione e consumo

Nuovi modelli di produzione e consumo Nuovi modelli di produzione e consumo Francesco Bertolini Francesco.bertolini@unibocconi.it Una crisi senza precedenti La crisi che stiamo attraversando ha caratteristiche che la rendono, nella percezione

Dettagli

Progetto di legge n. 83/9^

Progetto di legge n. 83/9^ Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Progetto di legge n. 83/9^ Norme per il sostegno dei gruppi di acquisto solidale (GAS), dei gruppi organizzati per la domanda offerta, e la promozione

Dettagli

Workshop 13 aprile 2011, Roma. Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società. Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA

Workshop 13 aprile 2011, Roma. Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società. Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA Workshop 13 aprile 2011, Roma Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società RISULTATI DEL PROGETTO FILIERA CORTA Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA Il progetto Filiere corte

Dettagli

Il soggetto interessato, con sede legale in, codice fiscale o partita IVA, dichiara

Il soggetto interessato, con sede legale in, codice fiscale o partita IVA, dichiara ALLEGATO A AUTOCERTIFICAZIONE DELLA QUALIFICA DI CLIENTE IDONEO DA PARTE DEI SOGGETTI DI CUI ALL ARTICOLO 14, COMMA 1, LETTERA a), DEL DECRETO LEGISLATIVO 16 MARZO 1999, N.79 dichiara ai fini del riconoscimento

Dettagli

LUSSEMBURGO Il contesto economico ed

LUSSEMBURGO Il contesto economico ed LUSSEMBURGO Il contesto economico ed il mercato agroalimentare Dott.ssa Luisa Castelli Segretario Generale CAMERA DI COMMERCIO ITALO-LUSSEMBURGHESE Roma, 3 marzo 2011 LUSSEMBURGO: posizione strategica

Dettagli

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO

SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO SALONE EUROMEDITERRANEO DEL BUON CIBO E DEL BUON VINO 29-30 NOVEMBRE - 1 DICEMBRE 2014 CENTRO LE CIMINIERE - CATANIA www.expofoodandwine.com LE STRADE LA STRADA DEL VINO Area dedicata alle aziende vitivinicole,

Dettagli

Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi

Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi Analisi strategica di Esselunga s.p.a. Angela Laura Ficili, Federica Biondi, Sara Galli, Ivan Ialonardi STORIA 1957: nasce a Milano, da un idea di Bernardo Caprotti e Nelson Rockfeller, il primo negozio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL MERCATO AGRICOLO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL MERCATO AGRICOLO COMUNE DI BASALUZZO Provincia di ALESSANDRIA MERCATO CONTADINO DELLE TERRE DI BIS LUCUS REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL MERCATO AGRICOLO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 09 marzo

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

Realizzazione di uno studio per la costituzione e la promozione della rete filiera corta

Realizzazione di uno studio per la costituzione e la promozione della rete filiera corta Realizzazione di uno studio per la costituzione e la promozione della rete filiera corta La presente pubblicazione è stata curata da Ager S.r.l. (società di ricerca e consulenza della Coldiretti) per

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Progetto Este Farms. Prodotti agroalimentari toscani di alta qualità nella GDO statunitense Matthew Battaglia, 10 giugno 2015

Progetto Este Farms. Prodotti agroalimentari toscani di alta qualità nella GDO statunitense Matthew Battaglia, 10 giugno 2015 Progetto Este Farms Prodotti agroalimentari toscani di alta qualità nella GDO statunitense Matthew Battaglia, 10 giugno 2015 Chi siamo: PromoFirenze e Este Farms PromoFirenze è l Azienda Speciale della

Dettagli

Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali

Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali 17 luglio 2013 Auditorium Biagio Alba, via G. Ribotta. ROMA La federazione Italiana Produttori Piante

Dettagli

GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 1

GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 1 GIACOMO BRUNO NETWORK MARKETING 3X PARTE 1 I 18 Segreti per Avere Successo nel Multi-Level Marketing 2 Titolo NETWORK MARKETING 3X Autore Giacomo Bruno Editore Bruno Editore Sito internet http://www.brunoeditore.it

Dettagli

SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI

SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI SCELTA DEI CANALI DISTRIBUTIVI NEI MERCATI ESTERI Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it L IMPORTANZA DELLA VARIABILE DISTRIBUTIVA È CRESCENTE, SOPRATTUTTO

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

16 DICEMBRE 2008. Sinergie per una corretta alimentazione

16 DICEMBRE 2008. Sinergie per una corretta alimentazione 16 DICEMBRE 2008 Sinergie per una corretta alimentazione Le competenze del Mipaaf Il Mipaaf ha tra le sue competenze la promozione e lo sviluppo delle politiche alimentari nazionali. In particolare il

Dettagli

JOB PROFILE G L O S S A R I O ADDETTO ALLE VENDITE. tratto da. www.isfol.it/orientaonline

JOB PROFILE G L O S S A R I O ADDETTO ALLE VENDITE. tratto da. www.isfol.it/orientaonline G L O S S A R I O JOB PROFILE ADDETTO ALLE VENDITE tratto da www.isfol.it/orientaonline ADDETTO ALLE VENDITE L Addetto alle vendite è una figura che assiste ed orienta i clienti nelle operazioni di acquisto.

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO Distribuzione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Case Study

Dettagli

L utenza Internet nei cinque grandi paesi europei Profili per sesso, età e frequenza di connessione

L utenza Internet nei cinque grandi paesi europei Profili per sesso, età e frequenza di connessione L utenza Internet nei cinque grandi paesi europei Profili per sesso, età e frequenza di connessione Uomini 54% Donne 46% 18-24 anni 18% 25-34 anni 25% 35-44 anni 23% 45-54 anni 18% 55+ anni 16% Bassa frequenza

Dettagli

Orientamento dei consumi ed educazione alimentare:

Orientamento dei consumi ed educazione alimentare: Bruxelles, 23.11.2007 Orientamento dei consumi ed educazione alimentare: - una strada da percorrere - TRENTINI Luciano - presidente presidente AREFLH - direttore CSO 1 Il quadro di contesto 2 L Organizzazione

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Differenziazione del prodotto Differenziazione

Dettagli

C11968 - COOP CENTRO ITALIA/GRANDI MAGAZZINI SUPERCONTI-SUPERCONTI SUPERMERCATI TERNI- SUPERCONTI SERVICE Provvedimento n. 25294

C11968 - COOP CENTRO ITALIA/GRANDI MAGAZZINI SUPERCONTI-SUPERCONTI SUPERMERCATI TERNI- SUPERCONTI SERVICE Provvedimento n. 25294 C11968 - COOP CENTRO ITALIA/GRANDI MAGAZZINI SUPERCONTI-SUPERCONTI SUPERMERCATI TERNI- SUPERCONTI SERVICE Provvedimento n. 25294 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del

Dettagli