DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE EDUCATIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE EDUCATIVE"

Transcript

1 Istituto Superiore "G. Magnaghi" Viale G. Romagnosi Salsomaggiore Terme (PR) Professionale dei Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Tecnico Turistico DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA DIDATTICHE EDUCATIVE ESAMI DI STATO A.S. 2014/2015 CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V. / B. ENOGASTRONOMIA SALA/VENDITA 1

2 IL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA MATEMATICA INGLESE FRANCESE DIRITTO E TECNICHE A SCIENZA DEGLI ALIMENTI ENOGASTRONOMIA CUCINA ENOGASTRNOMIA SALA / VENDITA SCIENZE MOTORIE RELIGIONE CATTOLICA SOSTEGNO SOSTEGNO SOSTEGNO SOSTEGNO SOSTEGNO PROF.SSA ZONI CLEMENTINA PROF.SSA ZONI CLEMENTINA PROF. SSA COVI CIRA PROF. SSA SALVONI FRANCA MARIA MARTINA PROF.SSA ANISETTO ARIANNA PROF.SSA POLI ANTONELLA PROF. CASTELLANO MARIO SALVATORE PROF. SCAGNELLI PIERLUIGI PROF.STRANGI ANTONINO PROF.BIANCHI GUIDO (suppl. BIASETTI ANDREA) PROF. CATTANI MARZIO PROF.SSA GIORGIA DE MITRI PROF.SSA CRISTINA MORONI PROF.SSA AURORA GALIMI PROF.SSA SONIA MANSANTI PROF ANGELO AIMONE IL DIRIGENTE SCOLASTICO PROFSSA RABAIOTTI LUCIANA SALSOMAGGIORE TERME 15/05/2015 2

3 PROFILI PROFESSIONALI Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera L indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze tecniche, economiche e normative nelle filiere dell enogastronomia e dell ospitalità alberghiera. L identità dell indirizzo punta a sviluppare la massima sinergia tra i servizi di ospitalità e di accoglienza e i servizi enogastronomici attraverso la progettazione e l organizzazione di eventi per valorizzare il patrimonio delle risorse ambientali, artistiche, culturali, artigianali del territorio e la tipicità dei prodotti enogastronomici. La qualità del servizio è strettamente congiunta all utilizzo e all ottimizzazione delle nuove tecnologie nell ambito della produzione, dell erogazione, della gestione del servizio, della comunicazione, della vendita e del marketing di settore. Per rispondere alle esigenze del settore turistico e ai fabbisogni formativi degli studenti, il profilo generale è orientato e declinato in tre distinte articolazioni: Enogastronomia, Servizi di sala e di vendita e Accoglienza turistica. A garanzia della coerenza della formazione rispetto alla filiera di riferimento e di una stretta correlazione tra le articolazioni, alcune discipline (per esempio, scienza e cultura dell alimentazione) sono presenti - come filo conduttore - in tutte le aree di indirizzo delle articolazioni, seppure con un monte ore annuale di lezioni differenziato rispetto alla professionalità specifica sviluppata. Nell articolazione Enogastronomia gli studenti acquisiscono competenze che consentono loro di intervenire nella valorizzazione, produzione, trasformazione, conservazione e presentazione dei prodotti enogastronomici; di operare nel sistema produttivo promuovendo la tipicità delle tradizioni locali, nazionali e internazionali applicando le normative su sicurezza, trasparenza e tracciabilità; di individuare le nuove tendenze enogastronomiche. L articolazione Enogastronomia è ulteriormente declinata, per rispondere in modo più flessibile e personalizzato ai progetti professionali di ciascuno, nell opzione Prodotti dolciari artigianali e industriali. Le peculiari e principali competenze specifiche dell opzione sono: agire nel sistema di qualità relativo alla filiera produttiva delle produzioni industriali e artigianali dolciarie e da forno; valorizzare e promuovere le tradizioni locali, nazionali e internazionali delle produzioni industriali e artigianali dolciarie e da forno, individuando le nuove tendenze di filiera; applicare le normative vigenti, nazionali e internazionali, in fatto di sicurezza, trasparenza e tracciabilità dei prodotti. Nell articolazione Servizi di sala e di vendita gli studenti acquisiscono competenze che li mettono in grado di svolgere attività operative e gestionali in relazione all amministrazione, produzione, organizzazione, erogazione e vendita di prodotti e servizi enogastronomici; di interpretare lo sviluppo delle filiere enogastronomiche per adeguare la produzione e la vendita in relazione alla richiesta dei mercati e della clientela; di valorizzare i prodotti tipici locali, interagendo con il cliente per trasformare il momento della ristorazione e della degustazione in un evento culturale. Nell articolazione Accoglienza turistica vengono acquisite le competenze per intervenire nell organizzazione e nella gestione delle attività di ricevimento delle strutture turistico - alberghiere, in relazione alla domanda stagionale e alle diverse esigenze della clientela. Particolare attenzione è riservata alle strategie di commercializzazione dei servizi e di promozione di prodotti enogastronomici che valorizzino le risorse e la cultura del territorio nel mercato internazionale, attraverso l uso delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione. Il profilo risulta altresì arricchito in tutte le articolazioni dal percorso di Alternanza Scuola- Lavoro seguito. 3

4 LA CLASSE LA CLASSE RISULTA DISOMOGENEA SIA PER QUANTO RIGUARDA LE CONOSCENZE CHE LE COMPETENZE NELLE SPECIFICHE DISCIPLINE, CON DIVERSI LIVELLI DI AT- TITUDINE, DI INTERESSE E DI APPLICAZIONE. GLI OBIETTIVI DIDATTICI SONO STATI RAGGIUNTI DALLA MAGGIOR PARTE DEGLI STUDENTI CON UN LIVELLO SUFFI- CIENTE E SI EVIDENZIANO ALCUNI CASI BUONI. IN- TELLETTIVE, LO STUDIO E L IMPEGNO NON SONO STATI COSTANTI. LA CLASSE E COMPOSTA DA 16 STUDENTI DI CUI 10 MASCHI E 6 FEMMINE, DUE D.A., UNA D.S.A. E CINQUE STRANIERI. NEL CORSO DELL ANDATA MODIFICANDO- SI A CAUSA DEL DECESSO DI UN COMPAGNO CHE ERA IL PRINCIPALE SOSTENITORE DEL GRUPPO CLASSE. ALLA CLASSE QUARTA SI SONO AGGIUNTI DUE RIPETENTI CHE SI SONO INSERITI BENE NEL NUOVO GRUPPO, INSTAURANDO RELAZIONI POSITIVE. * DOCUMENTO ALLEGATO PER GLI ALUNNI D.S.A. I DOCUMENTI PER I D.A. SONO UN ALLEGATO RISERVATO DEPOSITATO PRESSO L UFFICIO ALUNNI. 4

5 ELENCO DEGLI ALUNNI FREQUENTANTI LA CLASSE V.B.SALA VENDITA AKA ARNAUD FRANCK STEPHANE CAMERA EMMANUELE CARBAJAL MIRAVAL JAZMIN CELINDA DELLA CRUZ CHYARAH AITANA AMBER FANUNZA MICHAEL GALESCU MIHAIL GJONI XHILIBERTO LEVINTA COSTANTIN MONTANARI SIMONA PEDERZANI ANDREA PEDERZANI SILVIA REGA GRETA SAVINETTI EMANUELE TEMPRE MARIA LUISA ZIMBALATTI GIUSEPPE PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROVENIENTE DALLA IV.B SALA PROMOSSI SENZA DEBITO PROMOSSI CON DEI DEBITI 5 5 ESPERIENZE DI ALTERNANZA SCUOLA / LAVORO A PARTIRE DAL TERZO ANNO SCOLASTICO GLI ALUNNI HANNO PARTECIPATO AD ATTIVITA DI FORMAZIONE E DI ISTRUZIONE PROFESSIONALE, IN BASE ALLA QUALE LA FORMAZIONE DI TERZA AREA PROFESSIONALIZZANTE HA SEGUITO UNA NUOVA TIPOLOGIA DI ALTERNANZA SCUOLA /LAVORO. I PERCORSI FORMATIVI SI SONO SVOLTI PREVALENTEMENTE NEL PERIODO DI MAGGIO E GIUGNO. LA CLASSE HA PARTECIPATO AD ALCUNE USCITE DIDATTICHE CON VISITA A E- XPO 2015 MILANO, AL MUSEO DEI FRATELLI CERVI A GATTATICO ( RE ). INOLTRE HA ADERITO AL PROGETTO FIXO, ALL ORIENTAMENTO IN USCITA, AD INCONTRI IN ISTITUTO CON DOCENTI UNIVERSITARI E DELL ALMA DI COLORNO, AL CORSO SULLA SICUREZZA 5

6 ELENCO DEGLI ALUNNI CHE HANNO PARTECIPATO ALL ALTERNANZA SCUOLA /LAVORO CON RELATIVA VALUTAZIONE FINALE AKA ARNAUD FRANCK STEPHANE OTTIMO OSTERIA DEI 36 PARMA SVOLTO CON REGOLARITA CAMERA EMMA- NUELE OTTIMO GRAND HOTEL DE LA VILLE PARMA SVOLTO CON REGOLARITA CARBAJAL MIRA- VAL JAZMIN CELIN- DA SUFFICIENTE BAR PARSIFAL PARMA SVOLTO CON REGOLARITA DELLA CRUZ CHYA- RAH AITANA AMBER OTTIMO BAR GELATERIA BA- RABASCHI CORTE- MAGGIORE PC SVOLTO CON REGOLARITA FANUNZA MICHAEL SUFFICIENTE HOTEL SOLE BUSSETO PR GALESCU MIHAIL BUONO TRATTORIA IL COR- TILE PARMA GJONI XHILIBERTO SUFFICIENTE MOVIDA CAFE PARMA SVOLTO CON REGOLARITA SVOLTO CON REGOLARITA SVOLTO CON REGOLARITA LEVINTA COSTAN- TIN SUFFICIENTE SVOLTO CON REGOLARITA MONTANARI SIMO- NA OTTIMO HOTEL LE RUOTE ROVELETO DI CADEO PC SVOLTO CON REGOLARITA PEDERZANI AN- DREA BUONO BAREN BAR FIDENZA SVOLTO CON REGOLARITA PEDERZANI SILVIA BUONO BAREN BAR FIDENZA REGA GRETA BUONO TRATTORIA SCARI- CA ALBERI DI VIGATTO PARMA SVOLTO CON REGOLARITA SVOLTO CON REGOLARITA SAVINETTI EMA- NUELE OTTIMO AGRITURISMO IL POGGIO CARDINALE ANCORANO (PC) SVOLTO CON REGOLARITA TEMPRE MARIA LUI- SA BUONO BAR CENTRALE BUSSETO SVOLTO CON REGOLARITA ZIMBALATTI GIU- SEPPE BUONO MISTRLINO OFFICINA CAFFE PARMA SVOLTO CON REGOLARITA 6

7 PERMANENZA DEL CORPO DOCENTE. NEL PASSAGGIO DAL TRIENNIO AL BIENNIO POST-QUALIFICA VI E STATO UN CAMBIO QUASI TOTALE DEI DOCENTI AD ESCLUSIONE DELL INSEGNANTE DI LIN- GUA INGLESE, DI SALA/BAR. DALLA QUARTA ALLA QUINTA IL TURNOVER HA INTERESSATO I DOCENTI DI LIN- GUA FRANCESE E DI RELIGIONE PARTECIPAZIONE E COMPORTAMENTO GLI ALUNNI SI SONO DIMOSTRATI, TRANNE IN RARI CASI, CAPACI DI TENERE UN COMPORTAMENTO IMPRONTATO ALLA CORRETTEZZA SIA CON I COMPAGNI CHE CON I DOCENTI. NON PER TUTTI È MATURATA LA CAPACITÀ DI RISPETTARE LA PUNTUALITÀ E DI DAR FINALMENTE LUOGO, DOPO INFINITI RICHIAMI, A UNA FREQUENZA SE NON ASSIDUA ALMENO DI ACCETTABILE REGOLARITÀ. LA PARTE- CIPAZIONE AL LAVORO SCOLASTICO È STATA GLOBALMENTE BUONA, SALVO QUALCHE CASO PECULIARE. 7

8 GIUDIZIO DI MATEMATICA DELLA CLASSE IL GRUPPO CLASSE COSTITUITO DA 15 ELEMENTI HA EVIDENZIATO DIFFERENTI LIVELLI DI APPRENDIMENTO E RENDIMENTO SCOLASTICO. UN NUMERO RISTRETTO DI ALUNNI HA MOSTRATO NOTEVOLE INTERESSE E BUON ORIENTAMENTO NELLA DISCIPLINA RIUSCENDO A MATURARE PIENAMENTE LE COMPETENZE DISCIPLINARI PROGRAMMATE. PER CONTRO ALTRI PUR AVENDO RAGGIUNTO RISULTATI POSITIVI NELLO SCRITTO EVIDENZIANO UNA CERTA FRAGILITÀ ESPOSITIVA DOVUTA ANCHE ALLA MARCATA PRESENZA DI ALUNNI STRANIERI. NELLA CLASSE SONO BEN INSERITE UN ALUNNA DA E DUE ALUNNE DSA CHE SEGUITE DAI RISPETTIVI DOCENTI DI SOSTEGNO SONO RIUSCITE A CONSEGUIRE GLI OBIETTIVI DIDATTICI PROGRAMMATI. IMPEGNO E METODO DI STUDIO L IMPEGNO È PERALCUNI E STATO PROTESO A METTERE A BUON FRUTTO IL LA- VORO D AULA, IMPEGNANDOSI NEL DIALOGO EDUCATIVO E FORMATIVO, E A CONSOLIDARE GLI APPRENDIMENTI NEL LAVORO PERSONALE EXTRA-AULA,PER ALTRI LE LACUNE PREGRESSE NON SONO STATE DEL TUTTO COLMATE. PER ALCUNI LA PROPENSIONE ALLE ASSENZE E LO SCARSO IMPEGNO DOMESTICO HANNO OSTACOLATO SIA IL CONSOLIDAMENTO DI UN PIÙ ADEGUATO METODO DI STUDIO CHE IL CONSEGUIMENTO DI RISULTATI SEMPRE IN LINEA CON LE REALI CAPACITÀ SCOLASTICHE. A DISCOLPA DI QUESTI ALUNNI, MA SOLO PARZIALE, BISOGNA DIRE CHE QUASI TUTTA LA CLASSE È IMPEGNATA IN ATTIVITÀ LAVORA- TIVE CHE, SE DA UN LATO FACILITERANNO UN INSERIMENTO PIÙ VELOCE E SOD- DISFACENTE NEL MERCATO DEL LAVORO, DALL ALTRO ASSORBONO MOLTE E- NERGIE. LIVELLI DI APPRENDIMENTO IL LIVELLO MEDIO DI PREPARAZIONE È SUFFICIENTE SOLO PER QUALCUNO PERSI- STONO LACUNE PREGRESSE CHE AVREBBERO RICHIESTO UN IMPEGNO PIÙ CO- STANTE NEL BIENNIO POST-QUALIFICA PER ESSERE SANATE. ALCUNI STUDENTI PRESENTANO VALUTAZIONI DI BUONO LIVELLO DIFFUSE, ALMENO, IN RELAZIONE AD ALCUNE DISCIPLINE. 8

9 ATTIVITA IN PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO LE DISCIPLINE OGGETTO DELLA I E DELLA II PROVA E QUELLE CHE POTREBBERO ESSERE INTERESSATE DALLA III SONO STATE OGGETTO DI ATTIVITÀ DI SIMULA- ZIONE. ANCHE LE VERIFICHE PROPOSTE IN CORSO D ANNO SONO SPESSO STATE MODULATE SECONDO LE TIPOLOGIE PREVISTE NELL ESAME DI STATO. A BREVE VERRÀ SIMULATO ANCHE IL COLLOQUIO. ATTIVITA INTEGRATIVE E COMPLEMENTARI PER QUESTO TIPO DI INIZIATIVE GLI STUDENTI HANNO MOSTRATO IMPEGNO E PARTECIPAZIONE ADEGUATI OBIETTIVI TRASVERSALI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI Educare al rispetto delle regole di vita scolastica ponendosi in modo corretto nei confronti degli altri RISULTATO MEDIO RAGGIUNTO Essere disponibile all ascolto TALVOLTA NON RAGGIUNTO Abituare a una frequenza costante e proficua Saper pianificare il proprio impegno di lavoro DA POCHI NON RAGGIUNTO non RAGGIUNTO Rispettare l ambiente e le suppellettili scolastiche RAGGIUNTO Accettare e valorizzare le peculiarità di ciascuno TALVOLTA NON RAGGIUNTO OBIETTIVI COGNITIVI RISULTATO Comprendere testi di vario genere ed ambito RAGGIUNTO Esprimersi in modo abbastanza chiaro e corretto utilizzando il linguaggio specifico delle varie discipline quasi RAGGIUNTO Applicare la capacità di autovalutazione QUASI SEMPRE RAGGIUNTO Sviluppare le abilità nel lavoro di gruppo, in particolar modo nelle discipline professionali RAGGIUNTO 9

10 STRATEGIE ADOTTATE PER IL CONSEGUIMENTO DEGLI OBIETTIVI TRASVERSALI Educare al rispetto del Regolamento scolastico e delle scadenze Mantenere la massima trasparenza nella programmazione e nei criteri di valutazione Rispettare lo stile cognitivo dello studente Utilizzare l errore come occasione di apprendimento Privilegiare, nel limite del possibile, lo svolgimento di argomenti interdisciplinari Sollecitare l uso della terminologia disciplinare specifica Diversificare le metodologie di svolgimento delle lezioni, organizzare attività di recupero, rendere trasparenti gli esiti delle valutazioni, assegnare lavori personali ed esigere il rispetto delle scadenze Utilizzare il lavoro di gruppo nelle discipline ed attività in cui questo possa risultare proficuo CRITERI DI VALUTAZIONE LIVELLO ASSOLUTAMENTE INSUFFICIENTE VOTI 1-2 IMPEGNO E MOTIVAZIONE ALLO STUDIO L allievo non svolge compiti assegnati e si distrae in classe. (lavoro svolto a casa, approfondimento, svolgimento compiti assegnati) AUTONOMIA DI LAVORO (capacità di individuare le proprie difficoltà e di organizzare il lavoro per superarle) L allievo non è consapevole delle proprie difficoltà e non sa organizzare il lavoro per superarle. ACQUISIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI SPECIFICI L allievo non ha acquisito gli elementi fondamentali della disciplina. (valutazione in base alle prove scritte, pratiche, orali) LIVELLO GRAVEMENTE INSUFFICIENTE VOTI 3-4 IMPEGNO E MOTIVAZIONE ALLO STUDIO L allievo raramente svolge i compiti assegnati; si distrae in classe. (lavoro svolto a casa, approfondimento, svolgimento compiti assegnati) AUTONOMIA DI LAVORO (capacità di individuare le proprie difficoltà e di organizzare il lavoro per superarle) L allievo è limitatamente consapevole delle proprie difficoltà e raramente è in grado di organizzare il lavoro per superarle. ACQUISIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI SPECIFICI (valutazione in base alle prove scritte, pratiche, orali) L allievo ha acquisito solo in parte gli elementi fondamentali della disciplina. 10

11 LIVELLO INSUFFICIENTE VOTO 5 IMPEGNO E MOTIVAZIONE ALLO STUDIO (lavoro svolto a casa, approfondimento, svolgimento compiti assegnati) L allievo non sempre svolge i compiti assegnati, a volte si distrae in classe. AUTONOMIA DI LAVORO (capacità di individuare le proprie difficoltà e di organizzare il lavoro per superarle) L allievo è parzialmente consapevole delle proprie difficoltà e non sempre sa organizzare il lavoro per superarle. ACQUISIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI SPECIFICI (valutazione in base alle prove scritte, pratiche, orali) L allievo ha acquisito alcuni degli elementi fondamentali della disciplina ed è in grado di applicarli saltuariamente. LIVELLO SUFFICIENTE VOTO 6 IMPEGNO E MOTIVAZIONE ALLO STUDIO (lavoro svolto a casa, approfondimento, svolgimento compiti assegnati) L allievo solitamente svolge i compiti assegnati ed è motivato a quanto proposto. AUTONOMIA DI LAVORO (capacità di individuare le proprie difficoltà e di organizzare il lavoro per superarle) L allievo sa quali sono le proprie difficoltà ed organizza conseguentemente il proprio lavoro. ACQUISIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI SPECIFICI L allievo ha acquisito i contenuti minimi delle discipline. (valutazione in base alle prove scritte, pratiche, orali) LIVELLO DISCRETO VOTO 7 IMPEGNO E MOTIVAZIONE ALLO STUDIO (lavoro svolto a casa, approfondimento, svolgimento compiti assegnati) L allievo è costante nello svolgimento delle consegne domestiche ed è attento in classe. AUTONOMIA DI LAVORO (capacità di individuare le proprie difficoltà e di organizzare il lavoro per superarle) L allievo elabora in modo autonomo le sue conoscenze e sa effettuare analisi sufficienti. ACQUISIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI SPECIFICI L allievo ha acquisito conoscenze discrete che applica in modo adeguato. (valutazione in base alle prove scritte, pratiche, orali) 11

12 LIVELLO BUONO VOTO 8 IMPEGNO E MOTIVAZIONE ALLO STUDIO (lavoro svolto a casa, approfondimento, svolgimento compiti assegnati) L allievo diligentemente svolge le consegne assegnate e si impegna nell approfondimento. AUTONOMIA DI LAVORO (capacità di individuare le proprie difficoltà e di organizzare il lavoro per superarle) L allievo sa effettuare sintesi corrette e rielabora in modo personale le conoscenze. ACQUISIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI SPECIFICI (valutazione in base alle prove scritte, pratiche, orali) L allievo possiede conoscenze complete che gli permettono di eseguire verifiche sempre corrette. LIVELLO OTTIMO-ECCELLENTE VOTO 9-10 IMPEGNO E MOTIVAZIONE ALLO STUDIO (lavoro svolto a casa, approfondimento, svolgimento compiti assegnati) L allievo è attivo nell eseguire le consegne, è sempre propositivo ed interessato. AUTONOMIA DI LAVORO (capacità di individuare le proprie difficoltà e di organizzare il lavoro per superarle) L allievo è in grado di effettuare sintesi corrette ed approfondite e di organizzare il proprio lavoro. ACQUISIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI SPECIFICI (valutazione in base alle prove scritte, pratiche, orali) L allievo possiede conoscenze approfondite ed articolate che sa sempre utilizzare proficuamente e rielaborare. 12

13 CREDITI FORMATIVI Le caratteristiche formali e sostanziali richieste per i crediti formativi sono quelle indicate dal D.M. 49/2000 ovvero le esperienze acquisite fuori dalla scuola in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona e alla crescita umana, alle attività culturali, artistiche, ricreative, al lavoro, al volontariato e allo sport. Il Collegio dei docenti ha ritenuto il parametro temporale, per la sua oggettiva rilevazione, un utile indicatore della qualità dei crediti formativi, deliberando i requisiti temporali così come vengono esplicitati nella seguente tabella. I crediti formativi hanno dato luogo al riconoscimento di 1 punto di credito all interno della fascia di appartenenza, fermo restando il principio del suo non superamento. I crediti formativi validati alle tipologie e ai requisiti temporali indicati nella relativa tabella<<tipologia dei crediti formativi>> che segue. 13

14 TIPOLOGIA Crediti formativi/attività complementari REQUISITI Attività culturali ALMENO 20 ORE Attività ricreative artistiche Attività lavorative nel proprio settore di studio 1 ANNO 60 GG Esperienze di formazione e aggiornamento professionalizzante nel proprio settore di studio ALMENO 20 ORE (corsi, incontri, etc ) Impegno ambientale 1 ANNO volontariato solidarietà cooperazione 1 ANNO meriti sportivi (attività agonistica a livello nazionale/provinciale/regionale quando, a giudizio del docente Di SCIENZE MORORIE, il livello dello studente, che dipende anche dai numeri di praticanti di una certa disciplina, evidenzi in maniera indiscutibile dei meriti). 1 ANNO 14

15 Gli eventuali argomenti asteriscati saranno svolti dopo il 15 maggio. PROVA DI LINGUA STRANIERA INGLESE-TIPOLOGIA B+C READING COMPREHENSION THE TRANSFORMATION OF FOOD THE WORLD OF FOOD HAS UNDERGONE A TRANSFORMATION ON BOTH SIDES OF THE ATLANTIC IN THE PAST TWO DECADES. THE FOOD AND RESTAURANT INDUS- TRY IS EXPERIENCING UNPRECEDENTED GROWTH, WHILE FOOD ON TV IS MORE POPULAR THAN EVER BEFORE WITH THE RISE OF CELEBRITY CHEFS. AS A RESULT, CHEFS ALSO NEED TO KNOW EXACTLY WHERE FOOD COMES FROM AND HOW TO PREPARE IT. WHILE IN THE PAST CHEFS MERELY PREPARED FOOD, NOW THEY TELL US ABOUT THE ORIGINS AND HISTORY OF THE FOOD THEY COOK. NOWADAYS WHEN THEY TALK ABOUT LOCAL, REGIONAL AND ETHNIC FLAVOURS IT S BE- CAUSE THEY KNOW WHERE THE FOOD IS FROM AND HAVE A THOROUGH UNDER- STANDING OF THE CULINARY CULTURE. EVEN ORDINARY FOOD LOVERS SHOULD THINK ABOUT THEIR LOCAL, CULINARY HERITAGE, VISIT THE LOCAL FARMER S MARKET TO KNOW MORE ABOUT THE HISTORY OF THEIR LOCAL FOOD. DIG DEEP- ER INTO THE HISTORY OF YOUR LOCAL FOOD AND YOU ARE SURE TO FIND SOME AMAZING STORIES TIPOLOGIA C QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA PER OGNI QUESITO ESISTE UNA SOLA RISPOSTA CORRETTA. OGNI RISPOSTA COR- RETTA VIENE VALUTATA 1,5 PUNTI. 1 FOOD AND COOKING HAVE CHANGED IN. A EUROPE B AMERICA C MOST OF THE WORLD D ASIA 2 WHAT DOES THE WRITER SAY ABOUT CELEBRITY CHEFS? A THEY ORIGINATED IN THE USA B THERE ARE NOT MANY OF THEM C THEY KNOW MORE ABOUT THE FOOD THEY COOK D THEY JUST COOK FOOD 3 WHAT DOES HE SAY ABOUT FOOD LOVERS? 15

16 A THEY SHOULD BE MORE AWARE OF THE FOOD THEY RE COOKING B THEY SHOULDN T READ MORE BOOKS ABOUT FOOD C THEY SHOULDN T BUY FOOD AT LOCAL MARKETS D THEY SHOULD TRY ETHNIC FOOD 4 WHAT SUGGESTIONS DOES THE WRITER GIVE? A TO GO TO YOUR LOCAL LIBRARY B TO HAVE MORE DINNER PARTIES C TO LEARN MORE FROM LOCAL SOURCES D TO DO A HISTORY COURSE TIPOLOGIA B QUESITI A RISPOSTA APERTA OGNI RISPOSTA VIENE VALUTATA 4,5 PUNTI 5 WHICH IS THE MOST IMPORTANT TRNSFORMATION ABOUT THE WORLD OF FOOD? HOW IMPORTANT ARE CELEBRITY CHEFS AND THE SLOW FOOD MOVEMENT IN THIS TRANSFORMATION?

17 PROVA DI LINGUA STRANIERA INGLESE-Tipologia B+C CANDIDATO: CLASSE: DATA: READING COMPREHENSION THE TRANSFORMATION OF FOOD The world of food has undergone a transformation on both sides of the Atlantic in the past two decades. The food and restaurant industry is experiencing unprecedented growth, while food on TV is more popular than ever before with the rise of celebrity chefs. As a result, chefs also need to know exactly where food comes from and how to prepare it. While in the past chefs merely prepared food, now they tell us about the origins and history of the food they cook. Nowadays when they talk about local, regional and ethnic flavours it s because they know where the food is from and have a thorough understanding of the culinary culture. Even ordinary food lovers should think about their local, culinary heritage, visit the local farmer s market to know more about the history of their local food. Dig deeper into the history of your local food and you are sure to find some amazing stories! TIPOLOGIA C QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA Per ogni quesito esiste una sola risposta corretta. 1 FOOD AND COOKING HAVE CHANGED IN. A Europe B America C Most of the world 2 WHAT DOES THE WRITER SAY ABOUT CELEBRITY CHEFS? A They originated in the USA B There are not many of them C They know more about the food they cook 3 WHAT DOES HE SAY ABOUT FOOD LOVERS? A they should be more aware of the food they re cooking B They shouldn t read more books about food C They shouldn t buy food at local markets 17

18 4 WHAT SUGGESTIONS DOES THE WRITER GIVE? A To go to your local library B To have more dinner parties C To learn more from local sources TIPOLOGIA B QUESITI A RISPOSTA APERTA 5 WHICH IS THE MOST IMPORTANT TRNSFORMATION ABOUT THE WORLD OF FOOD?

19 NAME CLASS SURNAME ORGANIC OR NOT? The principles of organic food are that it is produced without using chemicals such as herbicides or pesticides and with producers working with nature, rather than dominating it. Consideration is also given to animal welfare, avoiding pollution and maintaining existing landscape and wildlife. Organic groceries, like ready meals and sauces, are allowed to have a small percentage of non-organic ingredients in them, so read the label before you buy. You won t necessarily notice a difference in taste between every organic food compared with non organic, but you can be assured that the food is grown in an environmentally- friendly way. Organic food is more expensive than non-organic because it s produced less intensively. There s not enough UK- produced organic food- around 70% is imported. It s costly for farmers to convert to organic production, and it takes three years to get fully certified. Family Circle 19

20 Segna con una crocetta la risposta corretta: 1 MANY PEOPLE AREN T SURE: a. If it s good for their health to eat organic food. b. If it s worth spending more money on organic food. c. If it s dangerous for their health. 2 PRODUCTS ARE CERTIFIED AS ORGANIC: a. If pesticides aren t used. b. If herbicides are used. c. If the taste is good. 3 ORGANIC GROCERIES: a. Cannot be certified. b. Do not have any labels. c. Can contain a small percentage of non-organic ingredients. 4 UK PRODUCE: a. Only 30% of the organic food needed. b. Only 70% of the organic food needed. c. Enough organic food. (OGNI RISPOSTA CORRETTA VIENE VALUTATA 1,5 PUNTI) 20

21 Rispondi alle domande utilizzando le righe a disposizione: 5 Which are the advantages and disadvantages of organic food? 6 Which are the advantages and disadvantages of GMOs? (OGNI RISPOSTA CORRETTA VIENE VALUTATA 4,5 PUNTI) 21

22 NAME SURNAME CLASS ORGANIC OR NOT? The principles of organic food are that it is produced without using chemicals such as herbicides or pesticides and with producers working with nature, rather than dominating it. Consideration is also given to animal welfare, avoiding pollution and maintaining existing landscape and wildlife. Organic groceries, like ready meals and sauces, are allowed to have a small percentage of nonorganic ingredients in them, so read the label before you buy. You won t necessarily notice a difference in taste between every organic food compared with non organic, but you can be assured that the food is grown in an environmentally- friendly way. Organic food is more expensive than non-organic because it s produced less intensively. There s not enough UK- produced organic food- around 70% is imported. It s costly for farmers to convert to organic production, and it takes three years to get fully certified. Circle Family Segna con una crocetta la risposta corretta: 1 MANY PEOPLE SURE: a. If it s good for their health to eat organic food. b. If it s worth spending more money on organic food. c. If it s dangerous for their health. d. If pesticides can be used. 2 PRODUCTS ARE CERTIFIED AS ORGANIC: a. If pesticides aren t used. b. If herbicides are used. c. If the taste is good. d. After ten years. 22

23 3 ORGANIC GROCERIES: a. Cannot be certified. b. Do not have any labels. c. Can contain a small percentage of non-organic ingredients. d. Can contain a large percentage of non-organic ingredients. 4 UK PRODUCE: a. Only 30% of the organic food needed. b. Only 70% of the organic food needed. c. Enough organic food d. More than the food needed. (OGNI RISPOSTA CORRETTA VIENE VALUTATA 1,5 PUNTI) 23

24 Rispondi alle domande utilizzando le righe a disposizione: 5 Which are the advantages and disadvantages of organic food? 6 Which are the advantages and disadvantages of GMOs? (OGNI RISPOSTA CORRETTA VIENE VALUTATA 4,5 PUNTI) 24

25 Istituto Superiore "G. Magnaghi" Viale G. Romagnosi Salsomaggiore Terme (PR) Professionale dei Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Tecnico Turistico SIMULAZIONE DI TERZA PROVA DISCIPLINA NELLA CLASSE 5 A ENOGATRONOMIA SALA/VENDITA COGNOME.. DATA 26/03/15 1) IL DECANTER USATO PER: A. OSSIGENARE IL VINO B. FAVORIRE LO SVILUPPO DEI BOUQUET CARATERISTICO C. PER OSSIGENARE I VINI BIANCHI D. TUTTE LE OPERAZIONI SONO CORRETTE. /1,5 2) GLI STRUMENTI NECESSARI PER LA CUCINA IN SALA VENGONO APPRONTATI : A. SUL CARRELLO B. SUL TAVOLO DEL CLIENTE C. LONTANO DAL TAVOLO DEL CLIENTE D. DELLA CUCINA. /1,5 3) LE TENSOSTRUTTURE SERVONO PER: A. DECORARE LA SALA B. CREARE OMBRA C. COMPLETARE UN BUFFET D. TRASPORTARE CIBO /1,5 25

26 4) LA SVINITURA : A. AVVIENE DOPO LA FERMENTAZIONE ALCOLICA B. SERVE PER ELIMINARE I RASPI C. DURA 10 GIORNI D. DURA PIU DI 20 GIORNI. /1,5 QUALI SONO LE PRINCIPALI REGOLE DI COTTURA USATI IN SALA.? 5) /4,5 6) CHE CARBONICA NEL VINO? /4, 26

27 Istituto Superiore "G. Magnaghi" Viale G. Romagnosi Salsomaggiore Terme (PR) Professionale dei Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Tecnico Turistico SIMULAZIONE DI TERZA PROVA DISCIPLINA NELLA CLASSE 5 B ENOGATRONOMIA SALA/VENDITA NOME. COGNOME. DATA.. 1. Il brandy è un distillato di: A. di vinacce. B. di cereali. C. di frutta. D. di vino. /1,5 2. Lo stirrer : A. è uno strumento utile a decorare. B. Serve a disporre le decorazioni. C. è speciale cucchiaio a manico lungo. D. Serve per afferrare cubetti di ghiaccio. /1,5 3. Individua una regola di base per la stesura del menu. A. Deve soddisfare le aspettative del ristorante. B. Deve indurre a chiedere consigli. C. deve essere capace di stimolare la curiosità D. Deve riportare il minor numero di ingredienti. /1,5 27

28 4. Fanno parte della tipologia di menu concordato. A. i menu turistici. B. i menu degustazione. C. i menu a tema. D. i menu per banchetti. /1,5 5. Che cas e una cucina satellite. /4,5 6. quando un sommelier dice che questo vino e armonico cosa intende?. /4,5 28

29 Istituto Superiore "G. Magnaghi" Viale G. Romagnoli Salsomaggiore Terme (PR) Professionale dei Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Tecnico Turistico SIMULAZIONE DI TERZA PROVA DISCIPLINA NELLA CLASSE 5 B ENOGATRONOMIA SALA/VENDITA NOME.. COGNOME DATA 06/05/15 1. Il bicchiere per il brandy è: A. in vetro temperato. B. fornito di manico C. il ballon. /1,5 2. La cioccolata si ottiene per : A. percolazione. B. macerazione. C. decozione. /1,5 3. Il pupitre è: A. un contenitore di acciaio. B. uno sciroppo particolare C. un cavalletto di legno. /1,5 4. La coppa e indicata per servire : A. i vini rossi. B. gli spumanti dolci. C. lo champagne. /1,5 29

30 5. quali sono le caratteristiche di una buona cantina? /4,5 6. quali sono gli strumenti barman? /4,5 30

31 Istituto Superiore "G. Magnaghi" Viale G. Romagnoli Salsomaggiore Terme (PR) Professionale dei Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Tecnico Turistico SIMULAZIONE DI TERZA PROVA DISCIPLINA SALA/VENDITA COGNOME... NO- 1. LA LINGUA PERCEPISCE IL DOLCE : A. NELLA PARTE CENTRALE. B. SUI PORDI ANTERIORI E POSTERIORI. C. SULLA PUNTA DELLA LINGUA. /1,5 2. IL COPERTO PER MENU ALLA CARTE: A. DETTO ANCHE COPERTO BASE. B. COSTITUITO DA POCHI ELEMENTI. C. COMPLETATO AL MOMENTO DEL SERVIZIO. /1,5 3.IL CESTELLO PORTA USATO PER: A. RAFFREDDARE IL VINO O MANTENERLO FREDDO. B. IMPEDIRE AI SEDIMENTI DI TORNARE IN SOSPENSIONE NEL VINO. C. FAVORIRE IL BOUQUET CARATTERISTICO. / LA TAVOLA ROTONDA : A. NON SFRUTTA BENE LO SPAZIO B. COMPRENDE MASSIMO 10 COPERTI C. VIENE PREFERITA NEGLI INCONTRI DI STATO /1,5 31

32 5. COME SI CLASSIFICANO, SECONDO LA LEGGE ITALIANA,GLI SPUMANTI? /4,5 6. QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DELLA LISTA DELLE VIVANDE? /4,5 32

33 SIMULAZIONE DI TERZA PROVA DIRITTO E TECNICA AMMINISTRATIVA AZIENDALE CLASSE VB SALA/BAR DATA 06/05/2015 CANDIDATO Scegli la risposta che ritieni esatta 1) Il business plan è: A) Un piano dei finanziamenti necessari B) Un documento contenente le entrate e le uscite C) Un documento che presenta le linee di sviluppo di un nuovo progetto imprenditoriale 2) Il business plan viene preparato: A) Quando si vuole chiedere un finanziamento B) In occasione di nuove assunzioni di personale C) Quando si vuole avviare un nuovo progetto imprenditoriale 3) Il business plan deve contenere le informazioni per: A) Valutare la convenienza economica e finanziaria di un progetto B) Individuare i clienti dell azienda C) Individuare i progetti della concorrenza 4) Il business plan trae origine: A) Dalla richiesta di un aumento della retribuzione da parte dei dipendenti B) Dal desiderio delle banche di offrire prestiti C) Da un idea imprenditoriale (Ogni risposta corretta viene valutata punti 1,5) 33

34 Rispondi alle domande utilizzando lo spazio a disposizione 5) Cosa si intende per piano d impresa 6) In che cosa consiste l analisi SWOT (Ogni risposta corretta viene valutata punti 4,5) PUNTEGGIO OTTENUTO: 34

35 IISS "G. MAGNAGHI"- SALSOMAGGIORE TERME (PR) SECONDA SIMULAZIONE MATEMATICA TERZA PROVA 06/05/2015 CANDIDATO/A IL CANDIDATO SVOLGA I SEGUENTI QUESITI INDICANDO SUL FOGLIO I PROCE- DIMENTI DI CALCOLO RITENUTI NECESSARI. QUESITO 1 :Data la funzione y =, dopo averne indicato il dominio, determina in quali intervalli la funzione è crescente e in quali è decrescente. QUESITO 2 : Data la funzione, calcola il dominio, le intersezioni con gli assi cartesiani e l'intervallo in cui il segno della funzione è negativo. INDICARE LA RISPOSTA ESATTA TRA LE QUATTRO PROPOSTE. NON SONO AMMES- SE CORREZIONI. 3) 4) 5) La funzione 6)La funzione 35

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

Guida all esame di Stato

Guida all esame di Stato Sommario 1. Come si svolge l esame di Stato 1.1 Ammissione e credito scolastico 1.2 La terza prova 1.3 Il colloquio 1.4 Il voto finale 2. Come preparare l esame di Stato Guida all esame di Stato 1. Come

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI SERVIZI DI SALA E DI VENDITA I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre tre diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ACCOGLIENZA TURISTICA Nell articolazione dell ENOGASTRONOMIA, il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DEL DOCENTE Prof. Materia: L.O.G.S.R. Classe 5 RISTORAZIONE sez. Anno scolastico: 2011/2012 SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE Conoscenze n. Competenze / Capacità n. Espressione

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera A. Vespucci Via Valvassori Peroni 8-20133 Milano - Tel. 02.7610162

Dettagli

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI

I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI I CORSI DI STUDIO I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto offre quattro diversi profili professionali: ENOGASTRONOMIA CUCINA SERVIZI DI SALA E DI VENDITA ENOGASTRONOMIA PROD. DOLCIARI ARTIGIANALI E INDUSTRIALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

ALLEGATI DEL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2014 ANNO SCOLASTICO 2013 /2014. CLASSE 5BR Tecnico dei servizi della Ristorazione

ALLEGATI DEL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2014 ANNO SCOLASTICO 2013 /2014. CLASSE 5BR Tecnico dei servizi della Ristorazione ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CHINO CHINI Via Caiani - 5003 Borgo San Lorenzo (FI) Tel. 055.8459.68 - Fax 055.8495.131 Sito Web: www.chinochini.it - E-mail: chinochini@tin.it - PEC FIIS0300N@PEC.ISTRUZIONE.IT

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A.

INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi e le eventuali opzioni, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che,

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

Programmazione modulare classi IV^ sez. A a.s 2013/2014 Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera - indirizzo servizi di sala e vendita

Programmazione modulare classi IV^ sez. A a.s 2013/2014 Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera - indirizzo servizi di sala e vendita Programmazione modulare classi IV^ sez. A a.s 2013/2014 Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera - indirizzo servizi di sala e vendita I moduli e le unità didattiche si riferiscono al libro

Dettagli

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 ESAME DI STATO: Documento del consiglio di classe Ammissione e giudizio di ammissione Credito scolastico e formativo La commissione Le prove d esame La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

AREA PROFESSIONALIZZANTE RELAZIONE FINALE

AREA PROFESSIONALIZZANTE RELAZIONE FINALE AREA PROFESSIONALIZZANTE RELAZIONE FINALE 11 maggio 2015 Il progetto dell area professionalizzante della classe 5^ serale di alternanza scuola/lavoro si è sviluppato con stage gestiti in modo personalizzato

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE. ISTITUTO PROFESSIONALE Settore Servizi

INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE. ISTITUTO PROFESSIONALE Settore Servizi INDIRIZZI DI STUDI NUOVO ORDINAMENTO Settore Servizi SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA SERVIZI COMMERCIALI 1-2 Articolazioni 1-2 SERVIZI di ENOGASTRO- NOMIA SERVIZI di SALA e VEN-

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa secondo biennio

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa secondo biennio Istituto Professionale di Stato per i Servizi per l Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Aurelio Saffi Firenze DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera

Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ha specifiche competenze tecniche,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Laboratorio enogastronomia settore sala e vendita c/510 ANNO SCOLASTICO 2014 /2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Laboratorio enogastronomia settore sala e vendita c/510 ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE Laboratorio enogastronomia settore sala e vendita c/510 ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 CLASSE: QUARTA PROFESSIONALE ARTICOLAZIONE ENOGASTRONOMIA DOCENTI: Barbuto Gaetano; Esposito Giuseppe;

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO GRAFICO PUBBLICITARIO Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe 4 sezione S Data di approvazione 26/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-002 Rev.: 3 Data:

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CLASSE

IL CONSIGLIO DI CLASSE Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO XXV APRILE Via Gramsci, 2-4 6 01033 CIVITA CASTELLANA (VT) Tel. 0761513060 Fax. 0761513362

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione DALLA SCUOLA AL LAVORO (ALTERNANZA) Compito prodotto Realizzare una relazione tecnica sulla ALTERNANZA Competenze mirate assi culturali cittadinanza professionali Asse dei linguaggi -Individuare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde ALLEGATO2 VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde Impegno a) Negativo Non rispetta le scadenze Non esegue

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE G. MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. - SCIENTIFICO BROCCA CLASSICO - SOCIO PSICOPEDAGOGICO Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX

Dettagli

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa quinto anno

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa quinto anno Istituto Professionale di Stato per i Servizi per l Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Aurelio Saffi Firenze DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

I. P. C. LUCIANO TANDOI

I. P. C. LUCIANO TANDOI I. P. C. LUCIANO TANDOI ISTRUZIONE PROFESSIONALE STATALE Corso quinquennale per Tecnico dei Servizi Commerciali Primo Biennio (classi Prime e Seconde) Secondo Biennio (classi Terze e Quarte) Monoennio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA - DIDATTICA Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera - indirizzo servizi di sala e vendita

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA - DIDATTICA Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera - indirizzo servizi di sala e vendita Istituto d Istruzione Superiore CHINO CHINI Corso Matteotti, 233-50032 Borgo San Lorenzo (Fi) Tel. 055-8459268 Fax 055-8495131 Sito Web: www.chinochini.it E-mail: chino chini@tin.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi Disciplina: INFORMATICA Classe: 3C AFM A.S. 2014/15 Docente: prof. Alessandra Antoniazzi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 20 alunni ed è mista. La classe si è presentata

Dettagli

ALBERGHIERO COME PIANIFICARE LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE

ALBERGHIERO COME PIANIFICARE LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE ALBERGHIERO COME PIANIFICARE LA VERIFICA E LA VALUTAZIONE 1-Partire dal quadri di Risultati di apprendimento in uscita indicati per la propria disciplina 2-Individuare quale/quali risultati possono essere

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

Sommario. Istituto Professionale Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Fratelli Pieroni

Sommario. Istituto Professionale Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Fratelli Pieroni Sommario Istituto Professionale Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera Fratelli Pieroni Istruzione Professionale e Istruzione e Formazione Professionale (I.eF.P.) Biennio comune ENOGASTRONOMIA

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

BIENNIO POST-QUALIFICA (classe quarta e quinta) DIPLOMA DI MATURITA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI RISTORATIVI

BIENNIO POST-QUALIFICA (classe quarta e quinta) DIPLOMA DI MATURITA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI RISTORATIVI BIENNIO POST-QUALIFICA (classe quarta e quinta) Il nuovo corso post-qualifica è finalizzato alla specializzazione nel settore e si integra con il sistema di formazione professionale regionale. La terza

Dettagli

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili La valutazione degli alunni disabili, intesa sia come verifica dei risultati, sia come valutazione dei processi

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe 4 sezione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

Anno scolastico 2012/2013. MATERIA : Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi

Anno scolastico 2012/2013. MATERIA : Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi ISTITUTO STATALE D'ISTRUZIONE SUPERIORE IPSSAR S.MARTA E AGGREGATO IPSSCT G.BRANCA PESARO Strada delle Marche, 1 61100 Pesaro Tel. 0721/37221 Fax 0721/31924 C.F. n.80005210416 http://www.alberghieropesaro.it

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A.

LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A. LA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA I.P.S.E.O.O.A. Al fine di facilitare la scelta dell indirizzo di studi, il nostro Istituto ha predisposto il seguente prospetto che, partendo dalla scelta effettuata già in

Dettagli

Nuovi profili e quadri orario - Settore Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Profilo

Nuovi profili e quadri orario - Settore Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Profilo Nuovi profili e quadri orario - Settore Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Profilo Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo "Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera"

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA Istituto Professionale settore Servizi Servizi per l'enogastronomia e l'ospitalità Alberghiera L'indirizzo prevede

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA a.s. 2010-2011 Docenti : Margherita Lucchi, Luciana Beretti, Cristina Lanzini, Maria Giuliana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

TECNICO DI SALA E BAR

TECNICO DI SALA E BAR PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI SALA E BAR 113 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente in grado

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010

SCHEDA PROGRAMMAZIONE CONSIGLI DI CLASSE. CLASSE 5A igea ANNO SCOLASTICO 2009/2010 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE via Y. DE BEGNAC, 6-00055 Ladispoli (RM) Distretto Scolastico 30 - codice meccanografico

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione LA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Per assicurare una omogeneità, equità e trasparenza della valutazione da parte dei Consigli di Classe, in sede di scrutinio, nel rispetto del principio della libertà

Dettagli