Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.unioncameredelveneto.eu www.eurosportelloveneto.it www.regione.veneto.it"

Transcript

1

2 This report illustrates an innovative methodology for territorial development planning developed under the REDECON Project financed by INTERREG III B CADSES. Il presente rapporto illustra una metodologia innovativa per la pianificazione dello sviluppo territoriale elaborata nell ambito del Progetto REDECON finanziato dall Iniziativa Comunitaria INTERREG III B CADSES. The Italian Ministry for Infrastructures - Interreg division, Department of spatial Development, Personal and Generals Affairs - is the Managing Authority of the initiative INTERREG III B CADSES. L autorità di gestione dell iniziativa INTERREG III B CADSES è il Ministero Italiano delle Infrastrutture - Dipartimento per il coordinamento dello sviluppo del Territorio, per le Politiche del personale ed i servizi generali. For more information on the CADSES programme: Per maggiori informazioni sul programma CADSES: Reproduction is authorised for non-commercial purposes quoting the sources. The volume is available on request at Unioncamere del Veneto - Eurosportello and in electronic version on the website Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con la citazione della fonte. Il volume è disponibile su richiesta presso Unioncamere del Veneto - Eurosportello e in formato elettronico sul sito internet Edited by/a cura di: Gian Angelo Bellati, direttore di Unioncamere del Veneto Luigi Crimì, Regione Veneto Paolo Menegazzo, Regione Veneto Gilberto Dall Agata, Sistemi Operativi srl Alessandro Meggiato, Sistemi Operativi srl Federico Zannantonio Sistemi Operativi srl Whith the contribution of/con il contributo di : Paola Bartolini, Patrizia Mastropaolo, Marco Mobrici, (Emilia Romagna Region), Davide Tiberini, (Centro Regionale per la Cooperazione Artigiana), Franco Migliorini, Hans Schuschnig; (Federal Government of Carinthia), Udo Tarmann (Entwicklungsagentur Kärnten Gmbh), Roman Dangl (Amt der NÖ Landesregierung Abteilung Gesamtverkehrsangelegenheiten), Martina Luzar (Ministry of Transport of the Republic of Slovenia), Beno Mesarec, (University of Maribor), Primoz Kranjec, (Prometni Institut Ljubljana d.o.o. Emil Rojnić, Edo Cetina Istrian Development Agency), Roland Beier (IPE GmbH). Acknowledgements/ Si ringrazia per la collaborazione: Donato Bedin, Unioncamere del Veneto Roberta Lazzari, Unioncamere del Veneto Moreno Stocco, Unioncamere del Veneto Maria Flavia Di Noto, Unioncamere del Veneto Laura Monego, Regione Veneto Graphics by/progetto grafico: Marco Nani, per officinadisisifo Printing by/stampa: Linea Grafica (Castelfranco Veneto TV) Print run/tiratura: 500 copie

3 The REDECON project Il progetto REDECON The Project REDECON 5D050 was approved within the European Initiatives INTERREG III B CADSES by the Steering Committee on May The duration of the project is from June 2006 to June The transnational partnership is composed by the following partners. Il progetto europeo REDECON 5D050 è stato approvato nell ambito del programma INTERREG III B CADSES con lo Steering Committee di maggio Le attività sono iniziate a giugno 2006 e si concluderanno entro giugno La partnership transnazionale è composta dai seguenti partners. Regional Association of Chamber of Commerce of Veneto Region Via delle Industrie, 19/D Edificio Lybra 0175 Venezia Margheara Phone Fax Contact Person: Roberta Lazzari Regione Veneto Logistics Unit Calle Priuli Cannaregio, Venezia Phone Fax Contact Person: Paolo Menegazzo Emilia Romagna Region Road Infrastructures & Intermodality Dept. Viale Aldo Moro, Bologna Phone: Fax Contact Person: Rino Rosini Centro Regionale per la Cooperazione Artigiana Via Fratelli Bandiera, Venezia - Marghera Phone: Fax: Contact Person: Davide Tiberini Federal Government of Carinthia - Miesstalerstrasse 1, A Klagenfurt Phone: Fax Contact Person: Albert Kreiner Entwicklungsagentur Kärnten Gmbh Primoschgasse, A Klagenfurt Phone: Fax: Contact Person: Udo Tarmann Amt der NÖ Landesregierung Abteilung Gesamtverkehrsangelegenheiten Haus 16/Zimmer 15 Landhausplatz 1, A 109 St. Pölten Phone: Fax: Contact Person: Roman Dangl Ministry of Transport of the Republic of Slovenia European and other Funds Office Langusova, Ljubljana Phone: Fax: Contact Person: Martina Luzar University of Maribor Faculty of Civil Engineering Centre for Mobility Management Smetanova Maribor Phone: Fax: Contact Person: Beno Mesarec Prometni Institut Ljubljana d.o.o. Traffic Tecnology - Infastructure & IT Kolodvorska, Ljubljana Phone: Fax: institut.si Contact Person: Primoz Kranjec Istrian Development Agency Mletčka Pula Phone: Fax:

4 Presentation Presentazione Spatial planning is a crucial element for regional economic development, as it influences those contextual factors that are the foundation for the competitiveness of firms. In particular, regional transport policies become relevant for their capacity for improving territorial accessibility, widening the range of opportunities available to people and enterprises. In an international context characterised by rapid changes in territorial assets and the fading of national borders, there is the necessity to share, also at international level, the methodologies and tools for analysis and evaluation. The REDECON Project REgional DEvelopment along COrridors and Nodes deals directly with these themes by developing an instrument for the representation, analysis and evaluation of the territory able to highlight the relevance of the various development factors by adopting an approach that reflects the peculiarities of the different economic sectors and overcomes of administrative borders. Veneto Region s participation in the REDECON Project has been prominent in the creation of an outstanding and homogenous information base, shared with the other regions of the northern Adriatic area involved in the Project, which allows to develop of benchmarking analyses of the regional territory and, above all, provides a reference tool for a common approach to the evaluation of territorial and transport policies, such as, e.g,, the Trans-European Networks strategic framework (TENs). In addition, the Veneto Region has carried out an in depth pilot study of all the aspects driving settlement and localization of knowledge intensive business advanced services and logistics, namely those sectors that can give an essential contribution for keeping our Region to successfully compete in the global market and in which Veneto Region still has a great potential for development. La pianificazione del territorio è un elemento determinante per lo sviluppo economico regionale poiché incide su quei fattori di contesto che stanno alla base della competitività delle imprese. In particolare, le politiche di trasporto regionale acquistano rilievo in questo senso per la loro capacità di migliorare i livelli di accessibilità del territorio, allargando lo spettro delle opportunità a disposizione delle persone e delle imprese, manifatturiere e di servizio. In un quadro internazionale che vede mutare velocemente gli assetti territoriali ed i confini nazionali appaiono sempre più sfumati, si impone l esigenza di condividere, anche a livello internazionale, delle metodologie e degli strumenti di approfondimento analitico e di valutazione. Il Progetto REDECON REgional DEvelopment along COrridors and Nodes entra direttamente in queste tematiche sviluppando uno strumento di rappresentazione, analisi e valutazione del territorio in grado di cogliere la rilevanza dei diversi fattori di sviluppo, con un approccio che evidenzia le specificità dei vari settori economici e supera i confini amministrativi. La partecipazione della Regione Veneto nel Progetto REDECON è stata prominente per la creazione di una significativa base informativa, omogenea e condivisa con le Regioni dell alto Adriatico coinvolte nel Progetto, che permette di sviluppare analisi di benchmarking del territorio regionale e, soprattutto, costituisce un riferimento per una valutazione di politiche territoriali e di trasporto, come, ad esempio, il quadro strategico delle Reti Trans-Europee (TENs). Inoltre, la Regione Veneto ha condotto uno studio pilota approfondito su tutti gli aspetti che riguardano l insediamento e la localizzazione di servizi avanzati alle imprese e di servizi di logistica, settori che possono offrire un contributo essenziale affinché la nostra regione continui ad essere competitiva nel mercato globale e nei quali il Veneto presenta ancora importanti potenzialità di sviluppo. Renato Chisso Councillor for Mobility and Infrastructure Policies Renato Chisso Assessore alle Politiche della Mobilità e Infrastrutture 6 7

5 Preface Prefazione The REDECON (REgional DEvelopment along COrridors and Nodes) Project, financed within the INTER- REG IIIB CADSES Programme, thanks to the close cooperation with the other 10 European partners, (among which Veneto and Emilia Romagna Regions, important Slovenian and Croatian public institutions and associations of small enterprises such as CRACA), has allowed to define and to test an innovative methodology for territorial development planning that can be used at different geographical scales (from the macro-regional, to the regional and sub-regional). The methodology developed during the carrying out of the project, is inspired by previous studies and researches that have been concretely implemented in several Austrian regions. In a context of continue and dynamic regional economic development, generated by European Union enlargement and the globalisation of production, the consolidation of an innovative methodology for territorial planning shared at international level, which allows the study of the socioeconomic features in relation to the infrastructural endowment and firms localization choices, represent a key factor to support Public Administrations, who plan and manage the territory, and enterprises, namely those actors that derive their development factors from the territory. In fact, besides being a powerful tool for representing the socioeconomic components of a regional territory, the methodology developed by the REDECON Project also provides indications on the territorial relevance of these development factors, which differ according to the type of enterprise. The REDECON Project will, for example, make it possible to identify the areas most suited to the development of knowledge intensive services, to optimize some of the logistic and transport processes within production clusters, or to optimize public transport services. It will, moreover, be possible to evaluate territorial development plans: for example, the measurement of some of the impacts related to infrastructural policies, such as the change in accessibility due to the construction of a new road or rather a new railway. Il Progetto REDECON (REgional DEvelopment along COrridors and Nodes), finanziato nell ambito del Programma INTERREG IIIB CADSES, grazie alla stretta collaborazione con altri 10 partner Europei, (fra cui la Regione del Veneto e la Regione Emilia Romagna, importanti istituzioni pubbliche della Slovenia e della Croazia nonché associazioni di piccole imprese quali il CRA- CA), ha consentito di definire e testare una metodologia innovativa per la pianificazione dello sviluppo territoriale utilizzabile a diverse scale geografiche (dalla scala macroregionale, alla scala regionale, alla scala sub-regionale). La metodologia che sta alla base dello strumento che abbiamo sviluppato si ispira a precedenti studi e ricerche che hanno trovato concreta implementazione in diverse regioni austriache. In un contesto di continua evoluzione dello sviluppo economico macroregionale legata all unificazione europea e alla globalizzazione della produzione, la messa a punto di una metodologia innovativa e condivisa a livello internazionale per la pianificazione dello sviluppo territoriale, che permette lo studio dei caratteri del sistema economico e produttivo in relazione al sistema insediativo ed infrastrutturale, può costituire un valido supporto sia per le amministrazioni, ovvero chi il territorio lo pianifica e lo gestisce, sia per le imprese, ovvero quegli attori che nel territorio trovano i propri fattori di sviluppo. La metodologia sviluppata in REDECON, infatti, oltre ad essere un potente strumento di rappresentazione territoriale nelle sue componenti socioeconomiche, fornisce anche indicazioni circa la rilevanza o meno sul territorio di questi fattori di sviluppo, che sono differenti per tipo di impresa. Attraverso il Progetto REDECON sarà possibile ad esempio individuare le aree che più si prestano allo sviluppo di attività di servizio alle imprese, ottimizzare alcune fasi della logistica e del trasporto all interno di aree produttive, oppure ottimizzare i servizi di trasporto pubblico. Sarà inoltre possibile effettuare valutazioni nell ambito degli strumenti di programmazione (piani territoriali): ad esempio misurare alcuni impatti di una politica infrastrutturale, come la variazione di accessibilità dovuta ad una nuova strada, piuttosto che a una ferrovia. It is the task of administrators and public decision makers to adopt the most suitable tools supporting the spatial planning, which are able of revealing the true meaning of neighbouring areas integration even and above all belonging to different states permitting the ex ante evaluation, the monitoring and the ex post evaluation of regional development policies, devoted to reserve and to foster the competitive capacity of our enterprises. Enterprises must realise that, to improve territorial factors are more and more important to reinforce their competitiveness on international markets: for example, access to high quality services is just one of those elements that are rapidly becoming key development factors. Enterprises too, therefore, stand in need of a greater knowledge of the more complex components of the territory. From this point of view, REDECON aims at being a tool for the evaluation of territorial marketing strategies at the municipal, provincial, regional and supra regional scale, which allows enterprises to exploit the development factors and the strong points of the territory, so as to increase their capacity of competing on the European level. Through this Project, Unioncamere Veneto, has tried to support its primary interlocutors, namely the enterprises, by providing public administrators with the necessary instruments to: to improve access to infrastructures, the complexity of which undergoes continuous growth and in which immaterial networks become more and more important; to improve relations between the structure of settlement and firms emerging needs for competing; to increase economic potential, by promoting synergies between production firms and service activities thanks to their relative proximity. Gian Angelo Bellati The Director Association of Chambers of Commerce of Veneto Region Agli amministratori e decisori pubblici spetta dunque l adozione di idonei strumenti di pianificazione territoriale, in grado di integrare tra loro zone limitrofe appartenenti a Stati diversi, permettendo la valutazione ex ante, il monitoraggio e la valutazione ex post delle politiche di sviluppo territoriale necessarie per continuare a rendere competitive le nostre imprese. Le imprese devono prendere consapevolezza che, per migliorare le loro prestazioni competitive nel mercato internazionale, le componenti territoriali sono sempre più importanti: ad esempio l accessibilità a servizi di qualità è solo uno degli elementi che emergono con forza come fattori di sviluppo. Anche il mondo delle imprese quindi necessita di conoscere il territorio nelle sue componenti più complesse. REDECON si propone in quest ottica come strumento di valutazione di strategie di marketing territoriale a scala comunale, provinciale, regionale e sovra regionale, che permette alle imprese di imparare a sfruttare i fattori di sviluppo presenti sul territorio e le situazioni di eccellenza, al fine di accrescere la competitività a livello europeo. Unioncamere Veneto, con questo progetto, ha voluto contribuire ad agevolare le imprese, che costituiscono i suoi primi interlocutori, fornendo agli amministratori pubblici gli strumenti necessari a: migliorare l accessibilità al sistema delle infrastrutture, la cui complessità è in continua crescita, in cui sempre più pesano le reti immateriali; migliorare le relazioni tra il sistema insediativo e le nuove esigenze di competitività de mondo economico; accrescere il potenziale economico innescando sinergie dovute alla compresenza e prossimità tra insediamenti produttivi e relativi servizi. Gian Angelo Bellati Direttore Unioncamere del Veneto 8 9

6 TOWARDS A BOTTOM-UP VISION OF THE EUROPEAN TERRITORY VERSO UNA VISIONE BOTTOM-UP DEL TERRITORIO EUROPEO DRIVING FACTORS FOR SPATIAL DEVELOPMENT FATTORI-GUIDA DELLO SVILUPPO REGIONALE LA NECCESSITÀ DI NUOVI STRUMENTI THE REDECON METHODOLOGY LA METODOLOGIA RENDECON 1.1 THE TRANSNATIONAL DIMENSION P FIRMS CLUSTERING: DEMAND TYPES P.21.1 THE REDECON-ERRAM EXPERIENCE AS A TEST FOR SPATIAL PLANNING P SPATIAL PLANNING AS TOOL FOR SUSTAINABLE ECONOMICDEVELOPMENT P THE TRANS-FRONTIER DIMENSION THE REGIONAL/LOCAL DIMENSION P.16 P DRIVING FACTORS FOR FIRMS AND TERRITORIAL DEVELOPMENT P.2.2 REDECON DEVELOPMENT: MACRO REGIONAL APPROACH P development of macro activity location quality indicators.1.2 selection of demand types for macro regional application.1. specific weights of indicators used for testing the methodology on transregional level.1.4 results of application THEORETIC APPROACH ACCESIBILITY BASED GRID MODEL FOR SPATIAL ANALYSIS (REDECON) LESSON LEARNED FROM APPLYING THE METODOLOGY P.85 P.86 P.89. REDECON DEVELOPMENT: THE REGIONAL APPROACH P Carinthia.2.2 Niederösterreich.2. Slovenia.2.4 Veneto.2.5 Emilia - Romagna.4 REDECON DEVELOPMENT: PILOT PROJECT IMPLEMNTATION P.59 LIST OF FIGURES LIST OF TABLES BIBLIOGRAPHY P.94 P.95 P Veneto - Advanced services to firm and logistic services.2.2 Slovenia - Public trasport.2. Emilia - Romagna - Freight transports DEVELOPMENT POTENTIAL OF THE REDECON TOOL P.81

7 TOWARDS A BOTTOM-UP VISION OF THE EUROPEAN TERRITORY VERSO UNA VISIONE BOTTOM-UP DEL TERRITORIO EUROPEO

8 The European dimension of the territorial transformation processes is the direct effect of the unification of internal markets and the abolition of frontiers: indeed, this assumption lies behind many of the premises and consequences regarding the spatial transformations taking place on the continent, its regions and its cities. Each transformation involves opportunities and risks that can give rise to new imbalances or add to existing ones. The European Commission has promoted a number of policies to sustain socioeconomic cohesion, but it is only recently that it has drawn attention to the theme of territorial cohesion, as a necessary complement to the definition of policies sustaining economic development, mobility of people and goods and environmental protection. However, it is the task of each country, region, city and in general of territorial communities, to interpret new market possibilities, to use community support tools and to adopt operational schemes to adjust to current changes. It is necessary therefore, to interpret the European notion of territory moving from the bottom, namely from the local, urban and regional situations, which face old and new phenomena, although within a broader picture of variables and opportunities. Experience shows that these processes can take the form either of concentration or de-concentration of investments, population, settlements, infrastructures and whatever modifies the dynamism of the territory. From a macro-regional point of view, the accessibility seems to be the factor that best summarizes the dynamics of territorial transformations, however, this holds just as an initial approach, since there are many other factors that determine new localization processes, been equal the infrastructural endowment. It is therefore the task of the decision making process to implement the most suitable tools to identify the combination of factors that can drive the development and which policies must be developed to adress processes in the right direction. In other words, it is necessary to develop new forms of knowledge or to update current forms on the basis La dimensione europea dei processi di trasformazione territoriale è un effetto diretto della unificazione del mercato interno e dell abolizione delle frontiere: dentro questi assunti sono racchiuse molte delle premesse e delle conseguenze che riguardano le trasformazioni spaziali in atto nel continente, nelle sue regioni e nelle sue città. Ogni trasformazione comporta opportunità e rischi che possono essere l origine di squilibri che si aggiungono a quelli esistenti o che si determinano in modo nuovo. La Commissione europea ha messo in atto molte politiche a sostegno della coesione socio-economica e solo più di recente ha richiamato l attenzione sul tema della coesione spaziale, come necessario complemento delle politiche di sostegno dello sviluppo, di miglioramento della circolazione e di protezione dell ambiente. Ma è compito dei singoli Paesi, regioni, città e delle comunità territoriali in genere interpretare le possibilità nuove del mercato, utilizzare gli strumenti comunitari di sostegno e dotarsi di schemi operativi adeguati ai cambiamenti in corso. Occorre in sostanza interpretare la nozione europea di territorio partendo dal basso, dalle realtà locali, urbane e regionali, che si trovano a fronteggiare fenomeni vecchi e nuovi ma dentro un contesto allargato di variabili e di opportunità. L esperienza ci evidenzia come tali processi possano essere nel segno della concentrazione o della deconcentrazione di investimenti, popolazione, insediamenti, infrastrutture e quanto altro modifica gli assetti mutevoli e sempre dinamici del territorio. In una visione macroregionale, l accessibilità sembra essere il fattore che meglio riassume la dinamica delle trasformazioni territoriali, tuttavia questo vale solo come primo approccio, dato che sono molti altri i fattori che determinano i nuovi processi di localizzazione, a parità di infrastrutture esistenti. È compito quindi del processo decisionale dotarsi degli strumenti idonei a comprendere quale sia il mix dei fattori che possono trainare lo sviluppo e quali politiche sia necessario sviluppare per indirizzare i processi nella direzione desiderata. Occorre, in altri termini, sviluppare nuove forme di of the changes taking place, with the awareness that national borders no longer form the containers for processes of territorial transformation. The aim of the REDECON (REgional DEvelopment along COrridors and Nodes) project, financed within the INTERREG IIIB CADSES Programme, was to operate in this direction applying a common methodology of territorial analysis of a particular geographic area of the European territory in which the three scales that concern the territorial transformations are clearly present; this geographic area is situated between the Western Alps, the upper Adriatic Sea and the middle Danubian plain. In this area the new dimensions, the trans-national and the trans-frontier, are well represented in a particularly significant test of the changes affecting traditional local structures: the regions and their cities. In this perspective, the concept of a Europe made up of regions is clearly perceivable, as the suitable dimension for analysing the transformations taking place within the geographically significant quadrants of the European continent. 1.1 THE TRANS-NATIONAL DIMENSION Although the trans-national dimension overlooks some territorial details, it allows for a good comparison between the elements that mostly characterise a territory on the European scale: settlement density, the features of existing urban networks and their interconnection, the existence and size of metropolitan consolidation processes, the dominant specializations of production, the role of infrastructures in determining accessibility levels, the efficiency of mobility within each subsystem and the potential for the creation of wider territorial systems on a supranational scale based on the collaboration-competition principle. Basically, these are the parameters by which each European quadrant can evaluate its own rank and potentiality, to obtain indications on which common actions can improve the its competitiveness of the territory in the new enlarged context of trade, relations and investments. The trans-national dynamics of a territory can not be modified at the local scale, but nevertheless they have to be understood and interpreted in order to favour those choices that on a regional/local scale work towards reinforcing the wider territorial system to which they belong, making it more competitive in the long term. In particular, the theme clearly emerging is that of external accessibility that is, with regard to the con- conoscenza o aggiornare quelle esistenti alla luce dei cambiamenti in atto, con la consapevolezza che non sono più i confini nazionali a disegnare i contenitori dentro cui avvengono i processi di trasformazione dei territori. Il Progetto REDECON (REgional DEvelopment along COrridors and Nodes), finanziato nell ambito del Programma INTERREG IIIB CADSES, ha inteso operare in questa direzione applicando una metodologia comune di analisi del territorio ad un area geografica in cui sono chiaramente presenti le tre scale che interessano le trasformazioni territoriali di un particolare quadrante europeo: quello posto tra l Arco alpino orientale, l Alto Adriatico e la media pianura danubiana. Qui ritroviamo ben rappresentate le nuove dimensioni, quella transnazionale e quella transfrontaliera, in un test particolarmente significativo di cambiamenti che incidono sulle tradizionali strutture locali: le regioni con le loro città. In questa prospettiva si percepisce chiaramente lo stesso concetto di Europa delle regioni, come dimensione idonea per analizzare le trasformazioni che operano all interno di quadranti geograficamente significativi del continente europeo. 1.1 LA DIMENSIONE TRANSNAZIONALE La dimensione transnazionale, nonostante trascuri alcuni dettagli territoriali, consente assai bene di confrontare gli elementi che maggiormente caratterizzano il territorio alla scala europea: la densità degli insediamenti, i caratteri delle reti urbane esistenti e il loro livello di interconnessione, l esistenza e la dimensione dei processi di consolidamento metropolitano e le specializzazioni produttive dominanti, il ruolo delle infrastrutture nel determinare i livelli di accessibilità, oltre all efficienza della mobilità all interno dei singoli sottosistemi ed il potenziale per la creazione di più vasti sistemi a scala sovranazionale, basati sul principio della collaborazionecompetizione. Si tratta, in sostanza, dei parametri su cui misurare il rango e le potenzialità del quadrante europeo di appartenenza, per trarre indicazioni per comprendere quali azioni comuni possono migliorare la competitività del territorio nel nuovo contesto allargato di scambi, relazioni, investimenti. Le dinamiche transnazionali di un territorio non sono aspetti che possano essere modificati alla scala locale, ma sono per certo dinamiche che vanno comprese e interpretate per favorire quelle scelte che alla scala regionale/locale vanno nella direzione di rafforzare il sistema di appartenenza, per renderlo a lungo termine più competitivo. 1 TOWARDS A BOTTOM UP VISION OF THE EU TERRITORY 14 15

9 tinent - on which depends one of the decisive conditions for the development: that of being part of a network in order to guarantee the highest opportunities for making relationships to local actors or those who can be potentially attracted, namely investors and qualified workers. At the same time, emerged the issue of the mobility at the local scale, as quality of the daily service rendered to the community of operators and residents. 1.2 THE TRANS-FRONTIER DIMENSION In the trans-frontier dimension the novelty of territorial openness is more perceivable, due to the greater impact that changes in the normative framework can produce as a consequence of geographical contiguity: goods, services and labour markets - traditionally separated from the territorial point of view by legislative, technological, linguistic and cultural barriers - can introduce new significant local dynamics - in prices, relative advantages and behaviours - the greater the differences that come into contact and the reactions that can be produced. Territorial structures may not register relevant variations in the short term, but undoubtedly the new flows that arise and the new networks of relations that are created are destined to influence existing settings, triggering new processes whose reasons and necessities must be understood. In particular, within this extended picture of localization factors that can impact on several sectors of the economy (from production to consumption), the decision making system must adapt to the presence of new actors that can influence local dynamics in a heretofore unknown manner. At the same time the problem arises of connecting several infrastructure networks that appear weak because of morphological and historical reasons consolidated in various ways, but which are undergoing a development strategy to cope with the new emerging demand for mobility and accessibility. Many sectors - from urban and territorial planning, from trade, to industry and tourism - need to adjust their strategies in the light of those aspects that could be considered problematic, but which should instead be seen as new opportunities to be interpreted. In particolare, emerge con chiarezza il tema della accessibilità esterna, quella continentale, da cui dipende una delle condizioni decisive per lo sviluppo: porsi in rete e garantire un massimo di opportunità di relazioni agli attori locali o a quelli potenzialmente attraibili, sotto forma di investimenti e di occupazione qualificata. Al tempo stesso emerge il tema della mobilità locale, come qualità del servizio quotidiano reso alla comunità degli operatori e dei residenti. 1.2 LA DIMENSIONE TRANSFRONTALIERA Nella dimensione transfrontaliera l apertura territoriale appare assai più percepibile per il maggiore impatto che le modifiche normative possono produrre come conseguenza della contiguità geografica: mercati di beni, servizi e lavoro - tradizionalmente tra loro separati da barriere normative, tecnologiche, linguistiche e culturali - possono introdurre nuove significative dinamiche locali sui prezzi, sulle convenienze e sui comportamenti, quanto più sensibili sono le differenze che vengono a contatto e le reazioni che possono prodursi. Nel breve periodo le strutture territoriali possono non registrare variazioni significative, ma certamente i nuovi flussi che si instaurano e le reti di relazioni che si creano sono destinati ad influenzare gli assetti preesistenti, innescando nuovi processi di cui occorre comprendere le ragioni e le necessità. In particolare, il sistema decisionale deve adeguarsi alla presenza di nuovi attori che possono influire sulle dinamiche locali con modalità in precedenza sconosciute, nel quadro di una dinamica allargata di fattori di localizzazione che possono influenzare molti settori dell economia, dalla produzione al consumo. Al tempo stesso si pone il problema di connettere molte reti infrastrutturali deboli per ragioni morfologiche e storiche consolidatesi in vario modo, ma soggette a una revisione di strategia di sviluppo sulla base di un modo nuovo di formarsi della domanda di mobilità ed accessibilità. Dalla pianificazione urbana a quella territoriale, dal commercio all industria e al turismo, molti settori sono chiamati ad aggiornare le loro strategie, alla luce di quegli elementi che possono presentarsi come aspetti critici, ma che vanno invece considerati come nuove opportunità da interpretare. 1. THE REGIONAL/LOCAL DIMENSION Since it is a consolidated experience of governmental practice, the regional/local dimension would appear to be the most structured and less sensitive to the novelty of borders openness, or at least it should be that capable of circumscribing its most significant effects with greater ease, especially if it is remote from the abolished national frontiers. In reality, within these contexts exhibit many of the factors that daily work towards change, but in such a measure as to be scarcely perceivable in the short term dynamics and difficult to modify in the long term. Hence the need to have suitable instruments to monitor situations for picking up the most interesting aspects, namely tendencies, which must be appropriately interpreted because they represent factors that render transformations significant and perceptible to the decision makers. Most of the relevant actions and policies that influence the economic and spatial transformation of a territory are formed at the regional/local scale. At this scale also differences between territories or parts of them are generated in terms of concentration and deconcentration dynamics. In short, the majority of elaborated information refers to this dimension in order to render each decision influencing the relationship between the community and its decision makers sound and significant. It is at this regional/ local scale that the added value of the elaborations that represent spatial transformations and measure peculiarities and differences of territorial systems - which make contact for purposes of trade, integration, cooperation and competition should be exploited. As the theatre of the transformations broadens, therefore, it is necessary to expand the tools that describe these transformations, in order to render more visible that which normally does not appear and to make decision makers more sensitive. An instrument such as REDECON can be used to favour the extended and documented dialogue between regional and national set-ups with different traditions, but which are unified within the same territorial quadrant as members of a common European territory and, therefore, are destined to interact intensely in the future. 1. LA DIMENSIONE REGIONALE/LOCALE In quanto esperienza consolidata di ogni pratica di governo, quella regionale/locale parrebbe la componente più strutturata e meno sensibile alle novità dell apertura dei confini, o quantomeno quella in grado di circoscriverne più agevolmente gli effetti significativi, soprattutto se posta a distanza dalle barriere statali soppresse. In realtà, proprio dentro questi contesti ritroviamo molti dei fattori che quotidianamente operano per il cambiamento, ma in una misura difficilmente percepibile nelle dinamiche di breve periodo e difficilmente modificabile nel lungo termine. Di qui la necessità di disporre di adeguati strumenti di monitoraggio delle situazioni per poterne cogliere gli aspetti che più interessano, cioè le tendenze, quelle che vanno interpretate in modo appropriato perché rappresentano i fattori che rendono le trasformazioni percepibili e dunque significative per i decisori interessati. È alla scala regionale/locale che prendono forma le più rilevanti azioni e politiche che influenzano le trasformazioni del territorio in tutte le sue componenti, economiche e spaziali. Ed è sempre a questa scala che si determinano le differenze tra territori, o tra parti di uno stesso territorio, nelle dinamiche di concentrazione-deconcentrazione. In sostanza, è a questa scala che si indirizza la maggior parte delle informazioni elaborate per rendere fondata e significativa ogni decisione destinata ad influenzare il rapporto tra la comunità insediata e i decisori deputati ad assumere le decisioni che la riguardano. È qui che dovrebbe venire sfruttato al meglio il valore aggiunto delle elaborazioni che rappresentano le trasformazioni spaziali e misurano le peculiarità e le differenze dei sistemi territoriali che entrano in contatto, per ragioni di scambio e di integrazione, di cooperazione o di competizione. Con l allargarsi del teatro delle trasformazioni occorre perciò aumentare gli strumenti che queste descrivono, per rendere meglio visibile ciò che normalmente non appare e per rendere più sensibile chi normalmente è chiamato a decidere. Uno strumento come REDECON si presta a favorire un dialogo allargato e documentato tra realtà regionali e nazionali con tradizioni diverse, ma riunite dentro un medesimo quadrante di appartenenza al comune territorio europeo e, per questo, destinate nel futuro a interagire più intensamente tra loro. 1 TOWARDS A BOTTOM-UP VISION OF THE EUROPEAN TERRITORY 16 17

10 DRIVING FACTORS FOR REGIONAL DEVELOPMENT I FATTORI-GUIDA DELLO SVILUPPO REGIONALE

11 REDECON starts from the knowledge on fundamental factors for enterprises development to offer an interpretation of the economic space (from the single municipality to the trans-national macro regions), which on the one hand enables the public decision maker to identify the strengths and the weaknesses of the territory and, on the other, it supplies enterprises with detailed informative framework that supports the decisional processes by highlighting the opportunities and limits relative to territorial characteristics. We can affirm that REDECON implements a bottom-up approach: the analysis of the economic space and the definition of territorial development policies emerge from the comprehension of the needs and behaviours of the economic actors, namely the enterprises, which are naturally devoted to sustain the growth process of any geographical area. Basically, REDECON finds its origins in the microeconomic theory of firms: the territorial dynamics are analysed, interpreted and evaluated focusing on the factors that influence the utility function, namely the profit, of firms acting, either directly or indirectly, on revenues and costs. Market Potential, adequate labour force availability, social capital stock in the territorial context, supporting public policies and environmental restrictions Il Progetto REDECON prende le mosse dalla conoscenza dei fattori che sono determinanti allo sviluppo delle imprese per giungere ad un interpretazione dello spazio economico (da un comune fino a macro aree transnazionali) che, da un lato, offre al decisore pubblico la possibilità di identificare i punti di forza e debolezza del territorio e, dall altro, restituisce alle imprese un quadro cognitivo dettagliato che ne supporta i processi decisionali mettendo in evidenza opportunità e vincoli al proprio sviluppo che un determinato territorio offre loro. Si può dunque sostenere che REDECON implementa un approccio di tipo bottom-up : la lettura dello spazio economico e la definizione di politiche di sviluppo territoriale prendono corpo dalla comprensione delle esigenze, dei bisogni e dei comportamenti di quei agenti economici, le imprese, che sono naturalmente deputati a dar corso ed a sostenere i processi di crescita economica di una qualsivoglia area geografica. In sostanza, REDECON affonda le sue radici nella teoria microeconomica dell impresa: le dinamiche territoriali sono analizzate, interpretate e valutate ponendo la lente di ingrandimento sui fattori che influenzano la funzione di utilità, cioè il profitto, delle aziende agendo, direttamente o indirettamente, sui ricavi e sui costi aziendali. Potenziale di mercato, disponibilità di un adeguata forza lavoro, are seen in function of the diverse needs of the entrepreneurial world. More specifically, the methodological approach of REDECON can be summarised using (for detailed description of the methodology please see chap. 4) the scheme represented in the previous figure. Moving from a classification of firms according to those characteristics that lead to different choices in term of growth and localization strategies, the key factors (indicators) of the economic performances are identified for each of the selected types of firms. This allows the development of a qualitative representation of the analysed territory that can be underlined through a clusterization process. The territorial quality profiles are then correlated to the specific needs of the complex entrepreneurial world, giving in this way more force to the concept of Activity Location Quality (ALQ) on which REDECON is based: the qualitative assessment of the territory is differentiated with respect to the identified typologies of firms. In this way, on the one hand, it is possible to obtain information about the territorial structure of regional development that could be used by public actors to define, ex-ante evaluate, monitor and ex-post evaluate effective policies for the achievement of specific spatial planning objectives. Thanks to this information, public actors can also promote the potentialities of the territory to the utmost. On the other hand, firms, according to their specific needs, can profit from a schematic representation of geographical space, where the most propitious external conditions for growth and expansion can be identified. From this perspective, it appears particularly useful to implement REDECON in a broad territorial context that overcomes regional and national borders. dotazione di capitale sociale del contesto territoriale di riferimento politiche pubbliche di supporto e vincoli ambientali vengono letti in funzione delle diverse esigenze espresse dal variegato tessuto imprenditoriale. In modo più specifico, l approccio metodologico di REDECON può essere sintetizzato (per una più approfondita descrizione della metodologia si rinvia il lettore all apposito capitolo) ricorrendo allo schema riportato. Dalla discriminazione delle imprese rispetto a caratteristiche che danno luogo ad una differenziazione dei processi decisionali di sviluppo o localizzativi, vengono specificati i fattori chiave (indicatori) delle performance aziendali per le diverse tipologie di imprese individuate. Ciò permette una rappresentazione qualitativa del territorio oggetto di studio che può essere evidenziata attraverso un processo di clusterizzazione. Successivamente, i profili qualitativi del territorio vengono posti in relazione con le peculiari esigenze espresse dal complesso mondo imprenditoriale, dando così sostanza al concetto di Activity Location Quality (ALQ) sul quale è imperniato REDECON: la lettura qualitativa del territorio si differenzia cioè per le diverse tipologie di impresa individuate. In tal modo, da un lato, diviene possibile ricavare informazioni sulla struttura dello sviluppo territoriale che possono essere utilizzate dagli organi pubblici preposti per definire, valutare ex-ante, monitorare e valutare ex-post politiche efficaci per il raggiungimento di precisi obiettivi di pianificazione territoriale, ma anche per promuovere al meglio le potenzialità del territorio. Dall altro, le imprese, in relazione ai propri specifici bisogni, possono giovarsi di una schematica rappresentazione dello spazio geografico ove sono riscontrabili le condizioni esterne più favorevoli per sostenere processi di crescita ed espansione. Particolarmente utile da questo punto di vista appare la possibilità di implementare REDECON su ampi contesti territoriali che travalicano i confini regionali o nazionali. 2 DRIVING FACTORS FOR REGIONAL DEVELOPMENT 2.1 FIRM CLUSTERING: DEMAND TYPES 2.1 RAGGRUPPAMENTO DELLE IMPRESE: TIPOLOGIE DI DOMANDA F1 Logical structure of the REDECON tool. F1 Struttura logica dello strumento REDECON. Enterprises have individual specific preferences for selecting a location in order to either relocalise or expand their activity. Nevertheless, it is evident that enterprises require locations with appropriate characteristics to be able to meet the challenges of a modern market economy. For instance, all other factors being equal, enterprises tend to look for locations where they can pay lower labour costs. Le decisioni delle imprese di rilocalizzarsi o di espandere la propria attività si basano su un insieme di preferenze specificamente determinate. Tuttavia, è evidente che le imprese hanno bisogno di aree di insediamento con determinate caratteristiche per essere in grado di affrontare le sfide di una moderna economia di mercato. Per esempio, a parità di fattori, le imprese tendono a cercare zone dove il costo del lavoro è minore

12 As stated above, enterprises preferences as regards locations can be derived from understanding the needs firms have when expanding their activity: that is, firms requirements reveal the factors influencing the enterprises location/development decisions. Even if, from the point of view of enterprises, there is no unique way of addressing the location selection problem, it is possible to gather pieces of information on firms behaviour from the literature. First of all, it appears that when dealing with the localisation issue it becomes essential to distinguish among different types of firms (i.e. demand types in REDECON methodology). A useful classification of firms, which has been adopted in REDECON, allows for the clustering of enterprises according to elements: sector/sub-sector of activity: each economic sector has specific needs that are relevant to identify suitable locations; areas of activity: enterprises have different location preferences whether they focus on the local/regional market or whether they participate in a supra-regional/international/global market. Therefore, demand types need to be distinguish with respect to the market size; enterprise functions: over a certain size each enterprise tries to optimise its network of locations from the view of its individual functions. Location preferences may differ within enterprises in the same sub-sector on the basis of whether they are seeking a location for procurement/production, administration and distribution. This type of classification allows to group out all relevant types of enterprises for which the location selection decision can be reasonably considered similar; that is, depending on the same factors. Generally speaking (for more details refer to the methodology chapter), it can be observed that: differentiation among sectors of activity is essential. Industrial sectors are linked to a good and efficient transport systems, while tertiary services are more concerned with labour force issues and quality of life aspect; the distinction between regional and supra-regional market orientation accounts for the fact that regional firms are mainly interested in having a high nearby client potential, while for the enterprises with a wider range of action, the importance of the presence of transport infrastructures become key factors for making decision on localization and development; when dealing with large size enterprises, like multi- Come già menzionato, le preferenze delle imprese per quanto riguarda la localizzazione si possono identificare attraverso la comprensione delle esigenze delle imprese in fase di espansione delle loro attività: in altre parole, le necessità delle aziende rivelano i fattori che influenzano le loro decisioni di localizzazione/sviluppo. Anche se dal punto di vista delle imprese, non esiste un unico modo di affrontare il problema di selezione della localizzazione, è tuttavia possibile ricavare utili informazioni sul comportamento delle imprese da una revisione della letteratura. In primo luogo, quando si tratta della localizzazione delle imprese, è essenziale distinguerle in varie tipologie (cioè nella metodologia REDECON, tipologie di domanda). REDECON adotta un utile classificazione che permette il raggruppamento delle imprese sulla base di elementi: settore/sotto-settore di attività: ogni settore economico ha delle esigenze specifiche che diventano rilevanti nella identificazione di localizzazioni adeguate; aree di attività: le imprese hanno preferenze diverse a seconda che operino nel mercato locale/ regionale o nei mercati sovra-regionali/internazionali/globali. Quindi, l individuazione delle tipologie di domanda deve contemplare la discriminazione delle aziende rispetto l estensione del mercato di riferimento; attività delle imprese: al di sopra di una certa dimensione ogni impresa cerca di ottimizzare la propria rete di localizzazioni a seconda delle attività svolte dalle diverse unità funzionali. Le preferenze di localizzazione divergono anche tra imprese dello stesso sotto-settore a seconda della funzione, per esempio approvvigionamento/produzione, amministrazione o distribuzione. Questo tipo di classificazione permette di accorpare tutte le tipologie più rilevanti di azienda per le quali le decisioni sulla scelta di localizzazione possono essere considerate simili; cioè dipende dagli stessi fattori. In genere (per maggiori dettagli si veda il capitolo sulla metodologia) si può osservare che: la differenziazione tra settori di attività è essenziale. i settori industriali sono fortemente legati al funzionamento del sistema dei trasporti efficiente, mentre il settore del terziario è più interessato agli aspetti connessi alla forza lavoro e alla qualità della vita; la distinzione tra orientamento al mercato regionale o sovra-regionale assume rilevanza in quanto le aziende, per così dire, regionali tendono ad essere principalmente interessate ad avere un alto potenziale di clienti nelle vicinanze, mentre per le imprese che ope- national companies, with several operating units, location quality requirement profiles differ depending on the actual function to be carried out by the specific unit. For example, procurement and production functions need availability of raw materials and good accessibility to transport infrastructures. On the other hand, headquarters look for highly qualified personnel and the necessity to set up in areas with high living standards. In conclusion, it is important to underline that in spite of the possibility of identifying 26 different demand types, REDECON has only been tested for five of them. 2.2 DRIVING FACTORS FOR FIRMS AND TERRITORIAL DEVELOPMENT Firms development is driven by a variety of factors both internal and external to the firms themselves. Besides, firms tend to localise where they can find the most suitable conditions for developing their business. Therefore, the knowledge of factors that influence firm performance can be used to understand which qualities or attributes of the territory are relevant in either to favour the birth of new firms or firms development. Clearly, given the heterogeneous character of the entrepreneurial world, it can reasonably be expected that firms preferences for a specific location be various and non-homogenous. Therefore, for a comparison over many different enterprises it is necessary to create a standardised set of indicators that can fruitfully represent factors determining firms location/development decisions (i.e. the total number of indicators would depict the quality profiles of locations). In other words, these indicators should be able to explain the preferences of individual types of enterprises, but they should also be clearly distinguishable, or better not correlated, to avoid both erroneous interpretations and statistical errors. Within REDECON the indicators, which reflect preferences of demand types (i.e. firms), are sorted into several thematic groups that have been identified according to the main literature on firms localization. These refer to factors that directly affect firm performance either acting on increasing turnover or reducing production costs. In particular, REDECON makes use of the following groups of indicators: rano a più ampio raggio la presenza di infrastrutture di trasporto diventa un fattore importante nelle decisioni riguardanti la localizzazione e lo sviluppo; nel caso di grandi imprese, come le multinazionali, con diverse unità operative, le esigenze in termini di profili di qualità localizzativa sono diversi a seconda della funzione dell unità specifica. Per esempio, le funzioni di approvvigionamento e produzione necessitano della disponibilità di materie prime e di una buona accessibilità alle infrastrutture di trasporto. Dall altro canto, le sedi centrali hanno bisogno di personale altamente qualificato e la necessità di collocarsi in aree con un elevato tenore di vita. In conclusione, è importante sottolineare che nonostante la possibilità di identificare 26 tipologie di domanda diverse, REDECON è stato testato solo su 5 di esse. 2.2 FATTORI GUIDA DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE E DEL TERRITORIO Lo sviluppo delle imprese è guidato da una moltitudine di fattori, sia interni che esterni alle imprese stesse. Inoltre, le aziende tendono a localizzarsi nelle aree dove trovano le condizioni più idonee per lo sviluppo delle loro attività. Quindi, la conoscenza dei fattori che influenzano le loro performance può essere impiegata per comprendere quali sono le caratteristiche del territorio rilevanti per favorire sia la nascita di nuove imprese sia lo sviluppo di quelle esistenti. Ovviamente, dato il carattere eterogeneo del mondo imprenditoriale, è da aspettarsi che le preferenze per una localizzazione specifica siano varie e disomogenee. Per poter quindi confrontare molte imprese diverse è necessario generare un insieme di indicatori standard che possano utilmente rappresentare i fattori che determinano le decisioni riguardanti la localizzazione/sviluppo (il complesso di tali indicatori definisce i profili di qualità delle diverse localizzazioni). In altre parole, questi indicatori dovrebbero essere in grado di spiegare le preferenze di ogni tipologia di impresa, ma dovrebbero anche essere chiaramente distinguibili, o meglio non correlati tra loro, per evitare erronee interpretazioni o errori statistici. Nel caso di REDECON, gli indicatori, che riflettono le preferenze delle tipologia di domanda (cioè le imprese), sono accorpati secondo vari gruppi tematici identificati tramite l analisi della letteratura sulle scelte localizzative delle imprese. Questi gruppi si riferiscono a fattori che influiscono direttamente sulle prestazioni dell impresa, sia tramite l aumento del fatturato sia riducendo i costi di produzione. In particolare, REDECON utilizza i seguenti gruppi di indicatori: 2 DRIVING FACTORS FOR REGIONAL DEVELOPMENT 22 2

13 client potential (sales market): for all sales oriented demand types that are focused on the local market the available client potential at a location is essential for economic success; work force potential (quality, critical mass): of general importance for all demand types this indicates the available work force potential, both in terms of quantity and quality (e.g. educational level); accessibility (road, rail, air, sea, waterway): for all demand types acting in supra-regional, international or global markets the accessibility of locations and proximity to top quality transport systems play a vital role; economic structure: for industry related services, the economic structure of a certain location - in terms of quantity, quality and variety of firms - is essential. Furthermore, a high economic variety can be attractive as a supply pool for big production companies with international markets; land price: important for industrial firms requiring much space for production and storage; availability of specific infrastructures: for some demand types availability of specific social infrastructures - such as railway stations, technology centres or universities - is essential when selecting a location; synergies and competition potential: enterprises at an industrial location can be regarded as potential for synergies as well as competition. This potential is important for suppliers and industry related services because they maintain economic relations with surrounding enterprises; financial framework: all kinds of supporting frameworks, especially those improving the economic situation and innovations are essential; restrictions: these describe areas that can not be exploited for industrial/commercial settlements purposes, such as natural reserves. The presence of these factors can either reduce the industrial suitability or eliminate it completely. mercato potenziale (vendite): per tutte le tipologie di domanda orientate alla vendita e che fanno riferimento al mercato locale, il potenziale di mercato associabile ad ogni singola localizzazione diviene un fondamentale fattore per il successo dell impresa; forza lavoro potenziale (qualità, quantità): di importanza generale per tutte le tipologie di domanda, questo fattore indica il potenziale di forza lavoro disponibile nelle vicinanze di una determinata localizzazione, sia in termini di quantità che di qualità (es. livello d istruzione); accessibilità (stradale, ferroviaria, aerea, via mare, corsi d acqua): per tutte le tipologie di domanda che agiscono sui mercati sovra-regionali, internazionali o globali, l accessibilità e la vicinanza ad infrastrutture di trasporto di alta qualità sono di fondamentale rilievo; struttura economica: per i servizi alle imprese, la struttura economica di una determinata area - in termini di quantità, qualità e varietà di imprese presenti - è fondamentale. Inoltre, un elevata biodiversità economica costituisce un importante attrattore per le grandi aziende industriali che operano sui mercati internazionali; prezzi dei terreni: importante per le imprese industriali che necessitano di ampi spazi per la produzione e per lo stoccaggio; disponibilità di infrastrutture speciali: per alcune tipologie di domanda la disponibilità di infrastrutture pubbliche specifiche - come stazioni ferroviarie, centri di ricerca ed innovazione ed università - è fondamentale nella scelta della localizzazione; sinergie e competizione potenziale: le imprese presenti in un area offrono un potenziale di sviluppo grazie alle sinergie che si possono sviluppare ed alla competizione che si viene a creare. Questo potenziale è importante per le aziende che svolgono funzioni di fornitura ad altre imprese e per i servizi alle imprese poiché mantengono strette relazioni con le imprese circostanti; nally, work force potential (i.e. quantity and quality of available work force) becomes rather significant when considering the three most important groups of indicators. It has to be stressed that these general considerations derive from a very heterogeneous picture that underlines substantial behavioural differences among the various typologies of demand types. In genere, la struttura delle preferenze delle imprese adottata da REDECON assegna maggiore importanza ai gruppi tematici denominati sinergie e competizione e accessibilità. Infatti, considerando una struttura complessiva di 2 tipologie di domanda, sinergie e competizione è il fattore di localizzazione/sviluppo più importante. Tuttavia, considerando anche le preferenze classificate al primo o secondo posto, l accessibilità diventa il fattore più rilevante. Anche la disponibilità di infrastrutture speciali è importante in questo caso. Infine, il potenziale di forza lavoro (la quantità e la qualità della forza lavoro disponibile) diventa piuttosto significativo quando si prendono in considerazione i tre gruppi di indicatori più importanti. Deve però essere evidenziato il fatto che queste considerazioni di carattere generale derivano da un quadro molto eterogeneo che mostra differenze sostanziali di comportamento tra le varie tipologie di domanda. 2 DRIVING FACTORS FOR REGIONAL DEVELOPMENT The structure of firms preferences adopted by RE- DECON assigns greater importance to the thematic groups identified as synergies and competition and accessibility. Indeed, considering an overall framework made of 2 typologies of demand types, it appears that synergies and competition is the most important localisation/development factor. However, considering preferences that are ranked either first or second, accessibility becomes the most relevant one. Availability of special infrastructures is also important in this case. Fi- struttura finanziaria: sono importanti fattori di sviluppo tutte le misure di sostegno alle imprese, specialmente quelle che supportano la crescita economica e favoriscono i processi innovativi; restrizioni: queste descrivono le aree in cui esistono dei vincoli alla creazione di nuovi insediamenti industriali/commerciali, per esempio le riserve naturali. La presenza di questi fattori può ridurre l idoneità o rendere completamente inadatta un area allo sviluppo industriale e/o commerciale. F2 Relative importance of thematic groups of preferences on firms location decisions. F2 Importanza relativa dei gruppi di preferenza sulle scelte localizzative delle imprese

14 LA NECESSITÀ DI NUOVI STRUMENTI 26 27

15 .1 THE REDECON EXPERIENCE AS A TEST FOR SPATIAL PLANNING REDECON has permitted the definition and testing of an innovative methodology for territorial development planning on different geographical scales (macro-regional, regional and sub-regional). The methodology is based on a series of previous studies and researches, which have been concretely implemented in various Austrian regions (ERRAM project). The originality of REDECON s methodological approach lies in its ability to identify a set of territorial and/or investment allocation factors which highlight the qualitative aspects influencing the localisation of economic activities, through the definition of quality profiles, known as ALQ (Activity Location Quality). The REDECON tool is based on a particular Territorial Information System (GIS), integrated with a mobility simulation model. The applicative testing of project was carried out on three different geographical territorial scales and in three different regional contexts in order to obtain empiric verifications that document the reliability and flexibility of this tool with reference to the chosen applications. The first situation, the macro-regional one, encompasses the entire experimentation area albeit with some spatial discontinuity, the theme is related to the concept of European territory with a comparative bottom-up approach. It intends to describe the similarities and differences among the national and regional territories starting from the same set of indicators in order to describe the chosen contexts. In other words, it focuses on the differences and opportunities that neighbouring territories of different countries and regions, have in terms of infrastructure accessibility according to the settlement demands of a similar group of activities. This test is applied to a sort of virtual macro region located between the North Adriatic, Eastern Alps and middle Danubian plain..1 L ESPERIENZA DI REDECON COME TEST PER LA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE REDECON ha consentito di definire e testare una metodologia innovativa per la pianificazione dello sviluppo territoriale a diverse scale geografiche (macro-regionale, regionale e sub-regionale). La metodologia si ispira a precedenti studi e ricerche che hanno trovato concreta implementazione in diverse regioni austriache (progetto ERRAM). L originalità dell approccio metodologico proposto da REDECON risiede nella sua capacità di individuare un insieme di fattori di sviluppo territoriale e/o di allocazione degli investimenti che evidenziano gli aspetti qualitativi che influiscono sulla localizzazione delle attività economiche, attraverso la definizione di profili di idoneità, detti ALQ (Activity Location Quality). Lo strumento REDECON si basa su un particolare Sistema Informativo Territoriale (GIS), integrato con un modello di simulazione della mobilità. La verifica applicativa di REDECON è stato condotta su tre scale geografiche territoriali differenti e in tre contesti regionali diversi, in modo da ottenere verifiche empiriche che documentano l affidabilità e la flessibilità di questo strumento in riferimento alle applicazioni scelte. La prima situazione, quella macro-regionale, copre l intera area di sperimentazione: sebbene con una misura di discontinuità spaziale, il tema è relativo al concetto di territorio europeo con un approccio comparativo bottom-up. L intenzione è di descrivere le similitudini e le differenze tra i territori nazionali e regionali partendo dallo stesso set di indicatori, per rappresentare i contesti, in altre parole, focalizzare sulle differenze e le opportunità tra territori contigui appartenenti a Regioni e Paesi diversi, in termini di accessibilità alle infrastrutture a seconda della domanda insediativa di un gruppo di attività simili. Questa verifica è stata applicata ad una sorta di macro-regione virtuale situata tra il nord Adriatico, le In the second case, the test aims at verifying the methodological structure of REDECON at the regional scale, in the regions covered by the project partnership. It is a more homogenous test, both for the database and technological development, in which it is possible to recognize the ductility of this tool in relation to the theme and the contexts. The third case refers to the sub-regional application on a more circumscribed territory and theme and relates to sectors which are the project partner are most interested. These are the so called pilot tests, the result of an applicative interest strictly linked to a specific and circumscribed context: a simplified but realistic view of differences in the central area of Veneto Region in terms of settlement attraction for the advanced services for enterprises and logistics companies; a development of the local passenger transport theme in a low density area in the Eastern part of Slovenia; a small urban scale application for the logistics development potentiality in the case of Emilia - Romagna Region. These tests are not exhaustive but surely varied and that has permitted the measurement of the applicative efficiency of REDECON approach..2 REDECON DEVELOPMENT: MACRO REGIONAL APPROACH The test of the REDECON methodology on a supra-regional scale aims at describing the entire area covered by the project at a single territorial level. It is thus possible to compare the different regions both in terms of the evaluation indicators, and in terms of location quality profiles for different types of settlement demand. In the following paragraphs are a synthesis of the main results, the indicators used for the test, the types of localisation demand considered, together with the system of weights used to define the ALQ profiles..2.1 Development of macro activity location quality indicators The project partners agreed to a common set of indicators selected from the list of indicators used in Regional applications, by choosing those indicators related to accessibility. The following table lists these indicators and the following Figures show some of the indicators used in the macro regional application. Alpi orientali e la media pianura Danubiana. Nel secondo caso, il test ha come obiettivo la verifica della struttura metodologica di REDECON su scala regionale, nelle regioni facenti parte del partenariato del progetto. È un test più omogeneo, sia in termini di base dati utilizzate, sia in termini di sviluppo tecnologico, in cui è possibile riconoscere la duttilità di questo strumento in relazione ai diversi contesti. Il terzo caso si riferisce all applicazione sub-regionale, che riguarda territori e tematiche più circoscritti, in cui i partner del progetto sono più interessati. Questi sono i cosiddetti test pilota, il risultato di un applicazione strettamente connessa ad un contesto specifico e limitato: è una visione semplificata ma realista delle differenze interne all area centrale della Regione Veneto in termini di attrattività di insediamento per servizi avanzati alle imprese e i servizi logistici; lo sviluppo della tematica del trasporto locale passeggeri in un area a bassa densità nella Slovenia orientale; infine un applicazione su piccola scala urbana per lo sviluppo del potenziale logistico nella Regione Emilia Romagna. Queste verifiche non sono esaustive, ma sono sicuramente varie e hanno inoltre permesso di misurare l efficenza applicativa dell approccio REDECON..2 LO SVILUPPO DI REDECON: APPROCCIO MACRO- REGIONALE Il test della metodologia REDECON a scala sovraregionale è finalizzato a rappresentare l intera area interessata dal progetto ad un unico livello territoriale. È così possibile comparare le diverse Regioni sia rispetto agli indicatori di valutazione, sia rispetto ai profili di qualità localizzativa per differenti tipologie di domanda di insediamento. Nei paragrafi che seguono sono sinteticamente riportati i risultati principali, gli indicatori utilizzati per il test, le tipologie di domanda di localizzazione considerate, nonché il sistema di pesi utilizzato nella definizione dei profili ALQ (Activity Location Quality)..2.1 Lo sviluppo di indicatori di qualità localizzativa per le macro attività I partner del progetto hanno concordato un insieme comune di indicatori, selezionati dalla lista utilizzata nelle applicazioni regionali, scegliendo quegli indicatori relativi all accessibilità. La tabella e le figure riportate in seguito mostrano alcuni degli indicatori utilizzati nell applicazione macro-regionale

16 F Travel time to the nearest Motorway intersection. F Tempi di percorrenza al più vicino nodo autostradale. F4 Travel time to the nearest international airport. F4 Tempi di percorrenza al più vicino aeroporto internazionale. F5 Travel time to the nearest sea port. F5 Tempi di percorrenza al porto più vicino. T1 List of indicators and matches with input variables. T1 Lista di indicatori e corrispettive variabili di input. 0 1

17 .2.2 Selection of demand types for macro regional application Twenty three demand types were defined from the existing literature and previous studies, as well as from regional development practice. From this total of 2 demand types 11 were selected for use in the macro regional application1. Only supra-regional areas of activity were taken into consideration. The following description depicts the different types/sub-types whilst preferences are reflected by the allocation of indicator weights. Production of raw materials supra-regional procurement/production Demand types from this group usually deal with the production of raw materials and their processing. Typical examples are chemical industry, paper and pulp production and metal-working. Within this group there are activities which require transport and distribution, such as refining, sorting etc. Therefore, locations are usually selected near the origins of the raw materials. Thus the availability of raw materials is essential for this group. Production of raw materials supra-regional distribution Distribution units usually have similar location quality profiles as wholesale distributors. However, they are usually part of a big enterprise, and distribution is responsible for contacts with clients and retailers to sell their company s goods and services. Production involving perishable goods supra-regional procurement/production This group is different because unlike other producers it has special requirements. Usually these are enterprises that produce foodstuffs and beverages on a large scale. Their production sites are close to agricultural areas or at important junctions of the transport network near regional centres. Modern technology (e.g. freezing) has reduced the necessity to be close to the origins of the raw materials. Despite automatisation, a work force is still required, sufficient energy and water supplies being essential as well. 1 1 For a complete description of the types of settlement demand, see: REDECON Project, Deliverable 4: Location quality profiles at a regional level, Per un descrizione completa delle tipologie di domanda insediativa, si rimanda a «REDECON Project, Deliverable 4: Location quality profiles at a regional level», Selezione della tipologia di domanda per le applicazioni macro regionali Sono state definite 2 tipologie di domanda tratte dalla letteratura, dalla ricerca, e dall esperienza di sviluppo regionale. Di queste ne sono state selezionate 11 per il test a livello macro-regionale 1. Sono state prese in considerazione solo le aree di attività sovra-regionali. Qui di seguito vengono illustrate le tipologie/sottotipologie di domanda considerate, le cui preferenze si traducono nell allocazione dei pesi. Produzione di materie prime sovra-regionale approvvigionamento/produzione Le tipologie di domanda appartenenti a questo gruppo riguardano solitamente la produzione di materie prime e la loro lavorazione. Esempi tipici sono l industria chimica, l industria della carta e l industria metallurgica. In questo gruppo esistono attività che necessitano delle attività di trasporto e distribuzione, come il raffinamento, lo smistamento, ecc. Quindi, le localizzazioni sono preferibilmente nelle vicinanze delle origini delle materie prime. La disponibilità di materie prime è dunque, essenziale per questo gruppo. Produzione di materie prime sovra-regionale distribuzione Le unità di distribuzione presentano generalmente profili di qualità localizzativa simili a quelli dei distributori all ingrosso. Tuttavia, di norma fanno parte di grosse aziende, e la distribuzione è responsabile dei contatti con i clienti e venditori al dettaglio per la vendita di beni e servizi. Produzione di merci deperibili sovra-regionale approvvigionamento/produzione Questo gruppo si distingue perché contrariamente agli altri ha dei requisiti particolari. Normalmente queste imprese producono generi alimentari e bevande su larga scala. Le loro sedi di produzione si trovano nei pressi di aree agricole o vicino a nodi importanti della rete di trasporto, nei pressi di centri regionali. La tecnologia moderna (es. il surgelamento) ha ridotto la necessità di essere vicino all origine delle materie prime. Nonostante l automatizzazione, la disponibilità di forza lavoro rimane un esigenza importante, così come la disponibilità di energia e acqua sufficiente. Industrie High Tech sovra-regionale approvvigionamento/produzione La produzione con un alto tasso di innovazione ha bisogno della vicinanza di centri per la ricerca e lo sviluppo. Di solito si tratta di piccole aziende nate come spin-off delle università aventi un numero limitato di prodotti altamente specializzati. Tuttavia, il gruppo comprende anche alcune grandi aziende, per esempio, nella industria chimica e biotecnica. Hanno l esigenza di una forza lavo- High technology Industries supra-regional procurement/production Within this group production with a high rate of innovation requires research and development facilities. Usually these are small companies as spin-offs from universities which have only a limited number of highly specialised products in their portfolio. But there are also big enterprises, for example in the chemical or biotechnical industry. This requires a work force with a high education level for development but also a cheap work force for production. High technology Industries supra-regional distribution Access to transport networks is necessary not in terms of costs reduction but in terms of speed. Therefore, airports and motorways are more important than seaports and railways. Labour intensive production supra-regional procurement/production Enterprises from this sector belong to the textile and clothes industry, leather ware production etc. Because of restrictions within the production process they still require a large workforce so that the availability of a cheap and less educated workforce is essential. In addition they require access to transport infrastructures as with other production enterprises. Labour intensive production supra-regional distribution Enterprises from this sector belong to the textile and clothes industry, leather ware production etc. Because of restrictions within the production process they still require a large workforce so that the availability of a cheap and less educated workforce is essential. In addition they require access to transport infrastructures as with other production enterprises. Mixed type Production supra-regional procurement/production This group contains all the enterprises from the production sector that cannot be integrated in any of the other groups described above. These are enterprises from the plastics industry, publishing houses, furniture industry etc. Like other enterprises belonging to the production industry they are organised in automatised production plants, but they also need manual handling by a work force with the whole range of educational skills. They also require prefabricated materials and machinery. Mixed type Production supra-regional distribution The bigger enterprises from the mixed type look for optimal locations for each functional entity of their company. Therefore these functions have to be looked ro altamente qualificata per lo sviluppo, ma anche di una forza lavoro a basso costo per la produzione. Industrie High Tech - sovra-regionale distribuzione L accessibilità alle reti di trasporto è necessaria non in termini di costo, ma in termini di velocità. Quindi, gli aeroporti e la rete autostradale rivestono più importanza dei porti marittimi e della rete ferroviaria. Produzione a largo uso di mano d opera sovra-regionale approvvigionamento/produzione Le imprese di questo settore appartengono all industria tessile e dell abbigliamento, la lavorazione del cuoio, la produzione, ecc. Dati i vincoli ai processi produttivi, continuano ad avere bisogno di molta forza lavoro, quindi la disponibilità di personale a basso costo e con scarso livello di istruzione è fondamentale. Inoltre, hanno necessità di accesso alle infrastrutture di trasporto allo stesso modo delle altre imprese produttive. Produzione a largo uso di mano d opera sovra-regionale distribuzione A differenza dell approvvigionamento, le unità di distribuzione sono orientate al cliente. Cercano la vicinanza di servizi di distribuzione e solitamente si trovano vicini alla sede principale. Nelle grandi imprese la distribuzione è localizzata in modo da ottimizzare i contatti con i clienti. Produzione di beni misti sovra-regionale approvvigionamento /produzione Questo gruppo comprende tutte le imprese del settore produttivo che non possono essere integrate negli altri gruppi descritti in precedenza. Si tratta di imprese dell industria della plastica, case editrici, l industria del mobile, ecc. Come le altre imprese appartenenti all industria della produzione hanno impianti di produzione automatizzati, ma necessitano anche della lavorazione manuale da parte di una forza lavoro proveniente da tutti i livelli di istruzione. Necessitano anche di materiale prefabbricato e di macchinari. Produzione di beni misti sovra-regionale distribuzione Le imprese più grandi incluse nella tipologia mista ricercano localizzazioni ottimali per ogni entità funzionale della azienda. Queste funzioni devono quindi essere considerate separatamente nella definizione della qualità localizzativa. In altre parole, i parcheggi, l accessibilità stradale e i cluster con un mix specifico di settori sono i fattori che influenzano la localizzazione della distribuzione. Inoltre, anche l immagine dell area viene presa in considerazione. Il sostegno finanziario da parte degli enti pubblici potrebbe essere rilevante in funzione della natura del prodotto. 2

18 at separately when defining location quality. Therefore car parks, good accessibility by car and clusters with a specific mix of sectors are factors influencing location planning of distributors. Also the image of a location is usually taken into consideration. Financial support from public bodies for export can also be important depending on the nature of the product. Wholesale trade - supra-regional distribution Wholesale covers the sale without further refining of new and used goods to retailers, commercial users and public entities or to other wholesale traders. They actually own the goods at least for a short period, in contrast to brokers, therefore the latter are not in this group, but are part of industry related services. Wholesale traders require storage facilities and logistics infrastructures, therefore they require good access to transport networks. The markets of wholesale traders may differ completely, ranging from local to global markets. So in some cases proximity to retailers and regional centres is essential. The purchasing power around a location also influences the selection of a specific site, whilst the availability of a work force is less important. Goods transport - supra-regional other functions Enterprises of the goods transport sector usually use road, rail, air and waterway networks, sometimes they also rent vehicles and drivers. They also offer a limited number of services around railway stations, airports and seaports as well as storage. Therefore, they need location quality profiles similar to those of wholesale traders. The most important issue, however, is the access to the transport infrastructure. Therefore such enterprises often look for network nodes and intermodal hubs. Unlike wholesale traders, transport companies do not need to be located near big centres. Their locations need to be optimised in respect to the distance to their clients. Land prices are also important if the enterprise offers storage facilities. Commercio all ingrosso - sovra-regionale distribuzione Il commercio all ingrosso è la vendita a dettaglianti, utenze commerciali e enti pubblici, o ad altri commercianti all ingrosso di merce nuova o usata senza ulteriore raffinamento. I commercianti all ingrosso sono proprietari delle merci, almeno per un breve periodo di tempo, in confronto agli intermediari, quest ultimi dunque non sono inclusi in questo gruppo, ma fanno parte del gruppo dei servizi all industria. I commercianti all ingrosso hanno bisogno di magazzini di stoccaggio e di infrastrutture logistiche, quindi di un ottimo accesso alle reti di trasporto. I mercati dei commercianti all ingrosso possono essere completamente diversi, dai mercati locali ai mercati globali. In alcuni casi, quindi, la prossimità alle attività di commercio al dettaglio e alle aree urbane è indispensabile. Il potere di acquisto presente in un area influenza significativamente la selezione di una localizzazione specifica, mentre la disponibilità di una forza lavoro risulta essere meno importante. Trasporto merci - sovra-regionale altre funzioni Le imprese del settore del trasporto merci usano generalmente le reti stradali, ferroviarie, gli aerei e la navigazione, alcune volte noleggiano veicoli e conducenti. Inoltre, offrono un numero limitato di servizi nei dintorni delle stazioni ferroviarie, degli aeroporti e dei porti marittimi e anche servizi di magazzinaggio. Pertanto, hanno profili di qualità localizzativa simili a quelli dei commercianti all ingrosso. La questione più importante, tuttavia, è l accesso alle infrastrutture di trasporto. Queste imprese, di conseguenza, spesso ricercano aree vicine ai nodi di trasporto e agli hub intermodali. A differenza dei commercianti all ingrosso, le aziende di trasporto non hanno l esigenza di essere nelle vicinanze dei grossi centri. Le loro localizzazioni devono essere ottimizzate in considerazione della distanza dai loro clienti. Sono importanti anche i prezzi dei terreni, nel caso in cui l impresa offra servizi di magazzinaggio. reflect its importance for each specific demand type. The weights in the ERRAM process were found by applying values from a Delphi survey and by testing the results. These results were not always considered optimal at first, but further fine tuning of the weight values led to those shown in the table. risultati non sono sempre stati considerati ottimali, ma una successiva messa a punto dei valori dei pesi ha portato ai risultati espressi nella tabella..2. Specific weights of indicators used for testing the methodology on trans-regional level The application of a system of weights to the values assumed by the indicators allows the articulation of the territory on the basis of homogenous quality profiles for the localisation of economic activities, differentiated on the basis of the same 2. The weights used in the regional applications have been used as a basis to assign the weights for the trans-regional level. With the indicators being limited to variables based on accessibility data, only one group of indicators has been used so that there was no need to assign weights to different indicator groups. Each weight value has been chosen in such a way as to.2. Pesi degli indicatori usati per testare la metodologia a livello trans-regionale I pesi usati nelle applicazioni regionali sono stati utilizzati come base per l assegnazione dei pesi a livello trans-regionale 2. Dato che gli indicatori erano limitati alle variabili basate sui dati sull accessibilità, è stato usato un solo gruppo di indicatori affinché non ci fosse bisogno di assegnare pesi a gruppi di indicatori diversi. Ogni valore di peso è stato scelto in modo da riflettere l importanza di ogni tipologia di domanda specifica. I pesi usati per ERRAM sono stati individuati applicando i valori derivanti dall indagine Delphi, e verificando successivamente i risultati. Inizialmente questi T2 Weights for trans-regional application. T2 Pesi per l applicazione trans-regionale. 2 The methodology for assigning and applying weights has 2 La metodologia per la definizione dei pesi è descritta nel been described in detail in «REDECON Project, Deliverable dettaglio in «REDECON Project, Deliverable 4: Location 4: Location quality profiles at regional level» quality profiles at regional level»

19 .2.4 Results of application As described above, the trans-regional application focuses on accessibility data. The 11 demand types selected from a total of 2 are all from the supra-regional area of activity and concentrate on types dealing with either procurement/production or distribution, whilst administrative entities have been omitted. The results are given as points ranging from 0 to 100 with 100 being the best qualification. The comparison of the 11 demand types reveals that allocation quality is quite different. For raw materials (production and distribution) the accessibility of the motorway and main railway networks is essential, therefore areas near to and far from the sea have a similar quality. By contrast production of perishable goods requires access to sea ports and therefore the areas near the sea have a better quality. Motorway and sea port access is most important for high tech industries and the figures reflect this quite well. With sea ports being particular important for freight distribution the reason why Niederösterreich has less good results for this demand type is obvious. Labour intensive production/distribution has similar accessibility requirements as raw materials production/distribution and so the location quality results are similar to these types. Mixed types require access to motorways and sea ports and so the areas along the shores of the Adriatic Sea have the best location quality. Wholesale trade requires access to sea ports as well as to airports and supra-regional centres, and so the port areas which are often supra-regional centres as well have the best results. Goods transport requires good accessibility to motorways, main railways and airports while sea and river ports are less important. Therefore the location quality in Niederösterreich and Carinthia has similar levels as in the Italian regions and in Slovenia. in Slovenia.. REDECON DEVELOPMENT: THE REGIONAL APPROACH The objective of the regional applications is to test the REDECON methodology at a territorial level for which the available databases are richer and contain a greater quantity of detail. The approaches described below have different layouts, on the basis of the availability of data, previous experience and the different aims of the various.2.4 Risultati dell applicazione Come già descritto in precedenza, l applicazione trans-regionale si concentra sui dati di accessibilità. Le 11 tipologie di domanda selezionate da un totale di 2 derivano tutte da aree di attività sovra-regionale e si concentrano sulle tipologie riguardanti l approvvigionamento/ produzione o la distribuzione, mentre sono stati omessi gli enti amministrativi. I risultati sono stati normalizzati in forma di punteggio da 0 a 100, la migliore qualifica corrisponde al valore 100. Il confronto tra le 11 tipologie di domanda rivela che esistono sostanziali differenze nelle relative qualità delle localizzazioni. Per le materie prime (produzione e distribuzione) l accessibilità alle principali reti autostradali e ferroviarie è fondamentale, quindi sia le aree vicine che quelle distanti dal mare registrano valori simili. La produzione di merci deperibili, invece, richiede la vicinanza ai porti marittimi e quindi le aree vicino al mare hanno una qualità migliore. L accesso alla rete autostradale e ai porti marittimi è il fattore più importante per le industrie high tech e i valori riflettono questa preferenza. Data la grande importanza assegnata ai porti marittimi per la distribuzione delle merci, appare ovvio che la regione Niederösterreich non risulti particolarmente idonea all insediamento di questa tipologia di attività. La produzione/distribuzione a largo impiego di mano d opera ha requisiti di accessibilità simili alla produzione/distribuzione di materie prime, dunque i risultati della qualità localizzativa per queste tipologie sono analoghi. Le tipologie miste richiedono l accesso alla rete autostradale ed ai porti marittimi, perciò le aree lungo le coste dell Adriatico hanno la qualità localizzativa migliore. Il commercio all ingrosso richiede l accesso ai porti marittimi cosi come agli aeroporti ed ai centri sovra-regionali, di conseguenza le aree portuali, che sono spesso anche centri sovra-regionali, mostrano i risultati migliori. Il trasporto merci richiede una buona accessibilità alla rete autostradale, alla rete ferroviaria e agli aeroporti, mentre i porti marittimi e fluviali rivestono una minore importanza. Pertanto, la qualità localizzativa di Niederösterreich e della Carinzia hanno livelli analoghi alle Regioni italiane e alla Slovenia.. LO SVILUPPO REDECON: L APPROCCIO REGIONALE Raw materials production High tech production Mixed type production F6 Overview of all 11 demand types. Raw materials distribution High tech distribution Mixed type distribution F6 Panoramica delle 11 tipologie di domanda. Le applicazioni regionali sono finalizzate a testare la metodologia REDECON ad un livello territoriale in cui le basi informative disponibili sono più ricche e di maggior dettaglio. Gli approcci qui presentati seguono impostazioni differenti, in base alla disponibilità di dati, ad esperienze pregresse, e agli obiettivi dei diversi Partproject Partners. In the Austrian case the results were subjected to validation through a comparison with the results of a previous application of ERRAM, the methodology on which REDECON is based. The tests related to Slovenia and Emilia Romagna Regione, though carried out according to quite different approaches, have led to a comparison between territorial profiles and the current economic activity settlement logic. Finally, in the Veneto territory a verification of the structure of weights and indicators was carried out using statistical methods. perishable goods production Labour intensive production wholesale trade distribution Labour intensive distribution goods transport ners di progetto. Nel caso austriaco i risultati ottenuti dal modello REDECON sono stati sottoposti ad una validazione attraverso il confronto con i risultati di una precedente applicazione di ERRAM, metodologia che sta alla base di REDECON. I test relativi alla Slovenia e all Emilia Romagna, seppur con approcci piuttosto differenti, hanno portato ad un confronto tra i profili territoriali e le logiche insediative attuali delle attività economiche. Infine, sul territorio Veneto si è proceduto ad una verifica con metodi statistici della struttura degli indicatori e dei pesi. For a more detailed account of REDECON s regional applications, see: «REDECON Project, Deliverable 5: Summary of main results of the regional application of ALQ methodology» Per una lettura più dettagliata delle applicazioni regionali di REDECON, si veda: «REDECON Project, Deliverable 5: Summary of main results of the regional application of ALQ methodology»

20 ..1 Niederösterreich..1 Niederösterreich..1.1 ERRAM: a tool for location quality assessment The ERRAM methodology had been developed to obtain a tool for spatial planning which enables sustainable economic development. In order to specify homogenous areas without considering municipality boundaries, grid cells were selected as units. The result of the application are areas of high potential for attracting new commerce and industries which can be developed within a short time since possible conflicts have already been considered in the model. The following figure gives an overview on stakeholders and applications of the methodology. Location quality was assessed from both the enterprises point of view and the spatial planning view. If a location was suitable from both views, it is fine. If regional planning considers a location unsuitable, it is omitted. A special case is constituted by those locations which are suitable from the spatial planning point of view, but not from the view of enterprises. ERRAM is an ideal tool, for these cases, to assess the deficits of a location and to define measures to overcome these deficits. The figure below shows the application of the ERRAM model in spatial planning. In this way the ERRAM tool has been used for spatial planning in the region of Niederösterreich ERRAM levels of application ERRAM compares location quality within an area of investigation, usually a region, by means of a ranking. ERRAM does not deliver absolute values which could be compared to areas beyond the area of investigation, F7 ERRAM applications and stakeholders. F7 Applicazioni ERRAM e stakeholders ERRAM: uno strumento per la valutazione della qualità localizzativa La metodologia ERRAM è stata sviluppata per ottenere uno strumento per la pianificazione territoriale che supporti uno sviluppo economico sostenibile. Per rendere possibile la classificazione in aree omogenee senza dover tenere in considerazione i confini amministrativi, sono state selezionate come unità territoriali le celle di una griglia. Il risultato dell applicazione è l identificazione di aree ad alto potenziale di attrazione per nuove industrie e commercio che possono essere sviluppate a breve termine, dato che il modello prende già in considerazione possibili incompatibilità. La figura seguente mostra una panoramica degli stakeholders e della applicazione della metodologia. La qualità localizzativa è stata valutata sia dal punto di vista delle imprese sia dal punto di vista della pianificazione territoriale. Se la localizzazione è idonea da ambedue i punti di vista, la cella viene considerata idonea. Se la localizzazione è inadeguata in termini di pianificazione territoriale, viene omessa. Un caso particolare è costituito da quelle localizzazioni che risultano adeguate dal punto di vista della pianificazione territoriale, ma non dal punto di vista delle imprese. In questi casi ERRAM diventa lo strumento ideale, per la valutazione dei deficit di qualità del territorio alla localizzazione delle imprese e per definire le misure per superare tali deficit. La figura seguente illustra l applicazione del modello ERRAM per la pianificazione territoriale. Lo strumento ERRAM è stato utilizzato a questo scopo per nella regione della Niederösterreich. F8 ERRAM as a spatial planning tool. F8 ERRAM come strumento di pianificazione territoriale. therefore, it compares location quality on a meso level with levels for ERRAM (not REDECON!) being defined as follows from the demand point of view: Macro level: Search for a Region for a new location; Meso level: Search of localisation of area or municipality within a Region; Micro level: Search for a specific piece of land within an area or municipality for a new location. For the micro level defined above the indicator model does not deliver suitable results, since this selection is mostly based on local factors. The RE- DECON methodology omits the ERRAM micro level. The ERRAM meso level is now regarded as the REDECON micro level, whilst the macro level definition in ERRAM and REDECON is the same as that used for the comparison of regions. Concerning the macro level a ranking has been established for the entire REDECON area...1. Results of the REDECON application on regional level The regional application in Niederösterreich was used to investigate the differences between the original ERRAM..1.2 Livelli di applicazione ERRAM ERRAM compara la qualità localizzativa all interno dell area di indagine, generalmente una Regione, attraverso una graduatoria. ERRAM non fornisce valori assoluti che potrebbero fornire un confronto con aree oltre a quella di indagine. Pertanto, ERRAM raffronta la qualità localizzativa all interno del area di indagine. I livelli per ER- RAM (non REDECON!) vengono definiti dal punto di vista della domanda nel seguente modo: Livello Macro: ricerca di una Regione per una nuova localizzazione; Livello Meso: ricerca della localizzazione in una zona o comune interni a una Regione; Livello Micro: ricerca di un appezzamento di terreno specifico per una nuova localizzazione all interno di un area o di un comune. Il modello degli indicatori non fornisce risultati adeguati per il micro livello definito sopra, dato che questa selezione è basata principalmente su fattori locali. La metodologia REDECON omette il micro livello ERRAM. Il meso livello ERRAM viene considerato come il micro livello in REDECON, mentre la definizione del macro livello in ERRAM e REDECON è la stessa usata per il confronto fra Regioni. Per quanto riguarda il macro livello 8 9

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione To: Agenti che partecipano al BSP Italia Date: 28 Ottobre 2015 Explore Our Products Subject: Addebito diretto SEPA B2B Informazione importante sulla procedura Gentili Agenti, Con riferimento alla procedura

Dettagli

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group)

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) Opportunità di finanziamento europee per la Ricerca e lo Sviluppo - The New EU Framework Programme for Research and Innovation- Horizon 2014-2020 and LIFE opportunities

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Liberi di... Immediately takes care of the client, creating a special feeling since the first meeting aimed to investigate the customer needs.

Liberi di... Immediately takes care of the client, creating a special feeling since the first meeting aimed to investigate the customer needs. Liberi di... Il rapporto tra la Immediately ed i propri clienti nasce dal feeling, dalla complicità che si crea in una prima fase di analisi e d individuazione dei risultati da raggiungere. La libertà

Dettagli

[Definizione di Logistica Industriale]

[Definizione di Logistica Industriale] [Definizione di Logistica Industriale] Il processo di pianificazione, implementazione e controllo di un efficiente ed efficace flusso e immagazzinamento di materie prime, semilavorati, prodotti finiti

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Corso di studio: 3035 - ECONOMIA AZIENDALE Anno regolamento:

Dettagli

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014

Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT. Incontro del 22 luglio 2014 Gruppo di lavoro 1 Metadati e RNDT Incontro del 1 Piano di lavoro 1. Condivisione nuova versione guide operative RNDT 2. Revisione regole tecniche RNDT (allegati 1 e 2 del Decreto 10 novembre 2011) a)

Dettagli

pacorini forwarding spa

pacorini forwarding spa pacorini forwarding spa Pacorini Silocaf of New Orleans Inc. Pacorini Forwarding Spa nasce a Genova nel 2003 come punto di riferimento dell area forwarding e general cargo all interno del Gruppo Pacorini.

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

QUESTIONNAIRE GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS

QUESTIONNAIRE GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS MountEE - mountee: Energy efficient and sustainable building in European municipalities in mountain regions IEE/11/007/SI2.615937 QUESTIONNAIRE GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS REGIONAL STRATEGIES AND

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

SOLUZIONI PER IL FUTURO

SOLUZIONI PER IL FUTURO SOLUZIONI PER IL FUTURO Alta tecnologia al vostro servizio Alta affidabilità e Sicurezza Sede legale e operativa: Via Bologna, 9 04012 CISTERNA DI LATINA Tel. 06/96871088 Fax 06/96884109 www.mariniimpianti.it

Dettagli

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA

TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA TAVOLO DEGLI ENTI LOCALI PER IL CLIMA 22 novembre VERSO LA STRATEGIA NAZIONALE DI ADATTAMENTO Responsabilità di Governo e competenze dei territori Sala Palazzo Bologna Senato della Repubblica Via di S.

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION TEAM BADIALI CONSULTING CORPORATE FINANCE TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION "contribuire al successo dei nostri clienti attraverso servizi di consulenza di alta qualitá" "to contribute to

Dettagli

PROGETTO parte di Programma Strategico

PROGETTO parte di Programma Strategico ALLEGATO B1 PROGETTO parte di Programma Strategico FORM 1 FORM 1 General information about the project INSTITUTION PRESENTING THE STRATEGIC PROGRAM (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE): TITLE OF THE

Dettagli

01 safety leader. FONDAZIONE LHS Little Leaders in Safety

01 safety leader. FONDAZIONE LHS Little Leaders in Safety 01 safety leader FONDAZIONE LHS Little Leaders in Safety ( Progettualità e concretezza, passione e impegno ( La Fondazione LHS nasce con lo scopo di produrre conoscenza e proporre strumenti di intervento

Dettagli

GstarCAD 2010 Features

GstarCAD 2010 Features GstarCAD 2010 Features Unrivaled Compatibility with AutoCAD-Without data loss&re-learning cost Support AutoCAD R2.5~2010 GstarCAD 2010 uses the latest ODA library and can open AutoCAD R2.5~2010 DWG file.

Dettagli

Prima Giornata InFormativa Progetto BioTTasa. Area della Ricerca del CNR - Via G. Amendola,122/O Bari, 22 maggio 2014

Prima Giornata InFormativa Progetto BioTTasa. Area della Ricerca del CNR - Via G. Amendola,122/O Bari, 22 maggio 2014 Prima Giornata InFormativa Progetto BioTTasa Area della Ricerca del CNR - Via G. Amendola,122/O Bari, 22 maggio 2014 Il TT nella dimensione europea Francesco S. Donadio Progetto Finanziato dal Ministero

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione. Ammortizzatori sociali in deroga

Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione. Ammortizzatori sociali in deroga Regione Campania Assessorato al Lavoro e alla Formazione Ammortizzatori sociali in deroga With the 2008 agreement and successive settlements aimed at coping with the crisis, the so-called Income Support

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT

BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT BUSINESS DEVELOPMENT MANAGEMENT 1 Sviluppare competenze nel Singolo e nel Gruppo 2 Creare Sistemi per la gestione delle attività del Singolo nel Gruppo 3 Innescare dinamiche

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks?

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks? Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity In un clima economico in cui ogni azienda si trova di fronte alla necessità di razionalizzare le proprie risorse e di massimizzare

Dettagli

Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619

Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619 Eco Terra s.r.l. Registered Office: SS 264 km 30 +760 Loc Triflisco 81041 BELLONA (CE) administrative offices: Via Magenta, 17 P.IVA: IT 02435610619 REA: 150762 81031 AVERSA (CE) ph. / fax: +39 081 19257920

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

TRANSFORMation Dialogue

TRANSFORMation Dialogue TRANSFORMation Dialogue Genova 16 & 17.06.2014 Smart cities Horizon2020 e oltre Simona Costa IL CONTESTO: perché le città? ~70%della popolazione europea ~70%di concentrazione di consumo energetico ~75%gas

Dettagli

User Guide Guglielmo SmartClient

User Guide Guglielmo SmartClient User Guide Guglielmo SmartClient User Guide - Guglielmo SmartClient Version: 1.0 Guglielmo All rights reserved. All trademarks and logos referenced herein belong to their respective companies. -2- 1. Introduction

Dettagli

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Giornata Erasmus 2011 Monitoraggio del rapporto Università e Impresa Roma, 17 febbraio 2011 This project has been funded with support

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

Imprenditorialità giovanile e sviluppo locale nell Europa dell Est. Seminario

Imprenditorialità giovanile e sviluppo locale nell Europa dell Est. Seminario Seminario Imprenditorialità giovanile e sviluppo locale nell Europa dell Est Con il patrocinio della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Milano, venerdì 27 gennaio 2006 Palazzo delle Stelline

Dettagli

Andrea-Cornelia Riedel

Andrea-Cornelia Riedel EUROSTUDENT III La dimensione sociale nel processo di Bologna Il contributo di EUROSTUDENT, il suo ruolo e le prossime tappe HIS, EUROSTUDENT-coordinamento 12 Novembre 2008 Roma, Italia 1 L Indice 1. La

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

Customer satisfaction and the development of commercial services

Customer satisfaction and the development of commercial services Customer satisfaction and the development of commercial services Survey 2014 Federica Crudeli San Donato Milanese, 27 May 2014 snamretegas.it Shippers day Snam Rete Gas meets the market 2 Agenda Customer

Dettagli

Pianificare un progetto: team, valutazione, disseminazione,

Pianificare un progetto: team, valutazione, disseminazione, Pianificare un progetto: team, valutazione, disseminazione, ecc. OBIETTIVI SECONDA PARTE 1) Comprendere le principali implicazioni organizzative di un progetto PH 2) Imparare ad organizzare le attività

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE "BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI"

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI Atti assembleari IX LEGISLATURA Commissioni DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E DI REGOLAMENTO PROVVEDIMENTI E RELAZIONI DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA

Dettagli

La Commissione invoca nuove forme di organizzazione del lavoro basate sulla partecipazione

La Commissione invoca nuove forme di organizzazione del lavoro basate sulla partecipazione IP/97/303 Bruxelles, 16 aprile 1997 La Commissione invoca nuove forme di organizzazione del lavoro basate sulla partecipazione La Commissione europea ha adottato oggi un Libro verde sul tema dell'organizzazione

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

INTERNATIONAL BUSINESS. Prof. Claudio F. Fava IL PROGRAMMA

INTERNATIONAL BUSINESS. Prof. Claudio F. Fava IL PROGRAMMA INTERNATIONAL BUSINESS Prof. Claudio F. Fava IL PROGRAMMA 1. SIGNIFICATO DELLA GLOBALIZZAZIONE Parte prima Attrezzature Analisi degli attrezzi da lavoro per affrontare le varie problematiche della Globalizzazione.

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale

L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale L impresa sociale come fattore trainante di innovazione sociale Social enterprise as a driving factor of social innovation Giornata di studio / Study Day Martedì 19 maggio 2015 Aula Magna SUPSI Trevano

Dettagli

Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea ICT PSP Come presentare una proposta. Daniela Mercurio. Punto di Contatto Nazionale ICT PSP

Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea ICT PSP Come presentare una proposta. Daniela Mercurio. Punto di Contatto Nazionale ICT PSP APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea ICT PSP Come presentare una proposta Daniela Mercurio Punto di Contatto Nazionale ICT PSP Università degli studi Tor Vergata, 12 Luglio 2007 Argomenti

Dettagli

Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti

Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti Le politiche e la normativa Europea sulle Energie Rinnovabili e Carbon Neutrality: sfide e opportunità Antonio Ballarin Denti Fondazione Lombardia per l Ambiente Milano, 26 giugno 2014 Emissioni annuali

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012 Testi del Syllabus Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

ACCESSORI MODA IN PELLE

ACCESSORI MODA IN PELLE ACCESSORI MODA IN PELLE LEMIE S.p.a. Azienda - Company Produzione - Manufacturing Stile - Style Prodotto - Product Marchi - Brands 5 9 13 15 17 AZIENDA - COMPANY LEMIE nasce negli anni settanta come

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per

COMUNICATO STAMPA. Conversano, 10 luglio 2014. Prosegue Windows of the World, la rubrica di Master ideata per COMUNICATO STAMPA Conversano, 10 luglio 2014 Dott. Pietro D Onghia Ufficio Stampa Master m. 328 4259547 t 080 4959823 f 080 4959030 www.masteritaly.com ufficiostampa@masteritaly.com Master s.r.l. Master

Dettagli

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese ELTeach Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese Porta a risultati quantificabili e genera dati non ricavabili dalle sessioni di formazione faccia a faccia

Dettagli

ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007)

ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007) ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007) PROJECT DOCUMENT FORMAT EXECUTIVE SUMMARY Project title Sistemi Innovativi e di Ricerca per la Salvaguardia

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO A STEP FORWARD IN THE EVOLUTION Projecta Engineering developed in Sassuolo, in constant contact with the most

Dettagli

The project is co-funded by the European Union, Instrument for Pre-Accession Assistance

The project is co-funded by the European Union, Instrument for Pre-Accession Assistance The project is co-funded by the European Union, Instrument for Pre-Accession Assistance 1 2 Durata del progetto: 33 mesi Budget di progetto: 1.356.944,88 Duration of the project: 33 months Total budget:

Dettagli

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors Censimento e monitoraggio dei consumi energetici e comportamento dei cittadini Controllo Energetico dei Consumi degli Edifici Monitoraggio

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Testi del Syllabus Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Anno offerta: Insegnamento: Corso di studio: Anno regolamento: 2014 CFU: Settore: Tipo attività: 2014/2015 1005960 - PROGRAMMAZIONE, CONTROLLO

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

for European Business

for European Business The Globalization Challenges for European Business November 2-3, 2006 Bocconi University Via Bocconi, 8 - Milan Room N03 Organized by: Claudio Dematté Research Division Foreword In the last five years,

Dettagli

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO

NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO SHOWROOM NUOVA APERTURA PER GIORGETTI STUDIO NEW OPENING FOR GIORGETTI STUDIO a cura di Valentina Dalla Costa Quando si dice un azienda che guarda al futuro. Giorgetti è un eccellenza storica del Made

Dettagli

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Economic Evaluation of Upstream Technology Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Massimo Antonelli Alberto F. Marsala Nicola De Blasio Giorgio Vicini Vincenzo Di Giulio Paolo Boi Dean Cecil Bahr Lorenzo

Dettagli

COMPANY PROFILE. tecnomulipast.com

COMPANY PROFILE. tecnomulipast.com COMPANY PROFILE tecnomulipast.com PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE IMPIANTI INDUSTRIALI DAL 1999 Design and manufacture of industrial systems since 1999 Keep the faith on progress that is always right even

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035. Insegnamento: 1005205 - SOCIAL MEDIA MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035. Insegnamento: 1005205 - SOCIAL MEDIA MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1005205 - SOCIAL MEDIA MARKETING Corso di studio: 5007 - TRADE MARKETING E STRATEGIE COMMERCIALI Anno

Dettagli

arte e personalità nel punto vendita

arte e personalità nel punto vendita arte e personalità nel punto vendita profilo aziendale company profile Venus è una società di consulenza specializzata nel settore marketing e retailing. Dal 1993 l obiettivo è divulgare la conoscenza

Dettagli

MORE IS BETTER. SALONE INTERNAZIONALE DEL MOBILE 2013 CONTRACT DIVISION

MORE IS BETTER. SALONE INTERNAZIONALE DEL MOBILE 2013 CONTRACT DIVISION MORE IS BETTER. SALONE INTERNAZIONALE DEL MOBILE 2013 CONTRACT DIVISION _3 CHATEAU D AX TORNA AL SALONE INTERNAZIONALE DEL MOBILE DI MILANO 2013 PRESENTANDO MORE IS BETTER, UN NUOVO CONCETTO DI VIVERE

Dettagli

ABSTRACT. In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica,

ABSTRACT. In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica, ABSTRACT In informatica, con il termine cloud computing, in italiano nube informatica, si sule indicare una complessa gamma di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio offerto

Dettagli

Smart Specialisation e Horizon 2020

Smart Specialisation e Horizon 2020 Smart Specialisation e Horizon 2020 Napoli, 2 Febbraio 2013 Giuseppe Ruotolo DG Ricerca e Innovazione Unità Policy Che relazione tra R&D e crescita? 2 Europa 2020-5 obiettivi OCCUPAZIONE 75% of the population

Dettagli

Seeking brain. find Italy

Seeking brain. find Italy Seeking brain find Italy braininitaly Our challenge - la nostra sfida To promote the Italian circle of international production chains, while enhancing aspects of creativity, identity, and even cultural

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

Strategia macro-regionale EUSALP

Strategia macro-regionale EUSALP Strategia macro-regionale EUSALP Roberta Negriolli Regione Lombardia 11 maggio 2015 Regione Emilia-Romagna Sala 20 Maggio 2012 Viale della Fiera 8, Bologna INDICE 1. Cos è una Strategia Macroregionale

Dettagli

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino

CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino CONVENZIONE DELLE ALPI Trattato internazionale per lo sviluppo sostenibile del territorio alpino Un trattato per il territorio 1.Ambito di applicazione geografico* 2.Partecipazione attiva degli enti territoriali

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Analisi statistica di propagazione di campo elettromagnetico in ambiente urbano. Relatori:

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A1_1 V2.2 Ingegneria del Software Il contesto industriale del software Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile

Dettagli