Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow)"

Transcript

1 Ma l innovazione porta risultati? (il dilemma trend / cash flow) Assemblea Assogiocattoli 27 maggio 2010 Antonio Fossati Managing Partner RDS Consulting Università Pavia 1

2 2

3 REMAP YOUR SALES RESHAPE YOUR KNOWLEDGE RESTART YOUR FINANCE Creazione e sviluppo reti distributive Formazione e coaching Ristrutturazione economicofinanziaria di aziende - Creazione reti franchising - Aumento performances di vendita - Sviluppo paesi esteri (Cina, Turchia, Brasile) - Formazione in aula - Online - Finanziata - Consolidamento cash flow - Ristrutturazione debito - Piani finanziari con banche /private equity 3

4 4

5 Innovazione distributiva Investimenti Stock exchange Cambio /$ Video Abercrombie & Fitch 5

6 Innovazione distributiva Investimenti - MARKET CUBE DEL INNOVAZIONE DISTRIBUTIVA - Format o Concept Store o Monobrand o Società miste (investment sharing) o Joint venture di scopo (multistore International country) o Partnership focalizzate (visual, store, product) o Alliance marketing o CoBranding (trasversale) o Corner / Shop in Shop o Move Shop o Traffic Shop o Visual Box o Merchandising o Identity o Product o Authentity o Advertising o Country web o Loyalty Web 2.0 o Teenage Blog / Fidelity / Cross Sales o Focus Group / Test o CoBranding o Retail / Local marketing Store Aggregazioni Cloud Marketing 6

7 Opzioni di format Alto Flagship Franchising Shop in shop Livello di controllo Corner Monobrand in gestione Multibrand Basso Indiretto Diretto Gestione 7

8 Opzioni di web 2.0 8

9 Aggregazioni Format Cloud Marketing o Investimenti o Controllo o Visibilità o Investimenti o Cash Flow o Margine/Prezzi o Investimenti o Scenario medio termine o Community Awareness 9

10 La distribuzione: produce fatturato e cash flow Modelli distributivi Ebit Fatturato Generazione Cash Flow Innovazione dell offerta Investimenti Equilibrio Finanziario Quote di mercato 10

11 Obiettivo Shareholder Modelli distributivi Fatturato Generazione Cash Flow Sostenibilità Economico Patrimoniale Investimenti Equilibrio Finanziario Sostenibilità Finanziaria Enterprise Value 11

12 Alfa, pur presentando ricavi in crescita, assiste nel 2010 ad un ulteriore crollo della redditività, bruciando cassa a livello operativo per circa il dieci percento del fatturato Evoluzione degli economics Alfa Milioni di Euro, Percento ESEMPIO ,7 104,0 Ricavi Variazione Assoluta 16, 6 CAGR 9,1% 90 87, , ,0 0,4 (0,4) (3,4) (3,0) (8,2) (4,5) (10,1) EBITDA EBIT Risultato netto -7,0-7,8-18,7 n.s. FCFO n.d. (9,9) (9,0) 12

13 Alfa presenta una struttura di costo non sostenibile; nel 2010 pesa l incremento delle spese di pubblicità e promozione e la riduzione della produttività; il capitale circolante appare con margini di miglioramento Albero del ROI Alfa Percento, Numero ESEMPIO Acquisti/Ricavi ROI ROS EBITDA/Ricavi Servizi/Ricavi Ammortamenti/Ricavi Personale/Ricavi* Oneri div. gest/ricavi Incremento spese promozionali per ~4 p.p. nel 2003 Il numero addetti passa da 317 a 502 (+26%); il fatturato per addetto cala del 9% Ricavi/Cap. investito Ricavi/CCN Ricavi/imm. nette Giorni incasso da clienti Giorni pagamento fornitori Giorni magazzino * Il numero degli addetti passa da 317 nel 2001, a 390 e quindi 502 nel 2003 (+26%); il fatturato per addetto cala del 9% nello stesso periodo 13

14 Di conseguenza, il debito è cresciuto fino a livelli elevati Evoluzione Posizione Finanziaria Netta Milioni di Euro ESEMPIO (25,4) (4,0) (29,4) (9,2) (38,6) Posizione al 31/12/01 Assorbimento di cassa 2002 Posizione al 31/12/02 Assorbimento di cassa 2003 Posizione al 31/12/03 Debt/Equity 1,5 1,5 3,4 14

15 Il Tableau de bord è uno strumento per indirizzare l azienda verso la massimizzazione del suo valore; questo obiettivo guida l identificazione dei value driver e dei KPI Articolazione Logica del Tableau de Bord ILLUSTRATIVO Value Driver (o Fattori Critici di Successo) KPI Vendite Vendite da prodotti consolidati Numerosità e share of wallet clienti chiave Produttività della struttura commerciale Soddisfazione del cliente Livello di servizio Valore dell impresa Free cash flow Risultato operativo + - Variazione del capitale circolante netto - Investimenti fissi netti Costi operativi Crediti da clienti Debiti verso fornitori Nuovi investimenti Disinvestimenti Vendite da nuovi prodotti Costi diretti produzione Altri costi indiretti Nuovi prodotti sviluppati Time to market Acquisto materiali e servizi diretti Utilizzo della capacità produttiva Qualità interna Efficienza delle strutture indirette Make or buy Attività di sviluppo (R&S, formazione,commerciale, ecc.) Qualità e turnover del personale Giorni di credito concessi ai clienti Giorni di credito ottenuti dai fornitori Interventi di sostituzione e mantenimento Azioni per l espansione e lo sviluppo Sostituzioni di attività esistenti Cessioni e uscita da mercati serviti I Key Performance Indicators (KPI) permettono di misurare i value driver ed identificare le attività che ne determinano il valore 16

16 Struttura del Tableau de Bord Indice Struttura EDIZIONE PROTOTIPO ANNO 1999 Gennaio Febbraio Marzo Tableau de Bord Aprile Maggio Giugno Luglio Sintesi per la Direzione Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre 1. INDICE Sezione Capitolo Tavola Codice Asa L.I. 1.1 Quadro di sintesi - Risultati economici SD Determinanti della performance SD Investimenti SD Attività su tematiche specifiche SD Principali progetti - Principali progetti SD Performance complessiva - Conto economico SD Ricavi da traffico lordi SD Ricavi da traffico per modalità SD Ricavi da traffico per i principali clienti SD Altri ricavi SD Costi prestazioni interne SD Costi prestazioni interne per componenti SD Determinanti della performance - Programmazione orario SD Volumi di traffico complessivi SD Volumi di traffico per modalità SD Volumi di traffico e produzione industriale SD Carri caricati ed entrati carichi SD Prezzo medio (resa) per modalità SD Rinnovo accordi particolari SD Situazione accordi particolari principali clienti SD Produzione di trenikm SD C.E. MOL Situazione Interventi attivati Responsabile Ricavi caratteristici netti Altri ricavi Costi Sintesi per la Direzione Aggiornato a: 1/1999 Livello di criticità Risultati economici Sezione: Capitolo: Codice Tavola: Frequenza: Quadro SD Mensile di sintesi -Saldo negativo previsto a fine 98 pari a -290Mdi, vs.-302 nel 1997 e -110 del bdg 98. Il risultato inferiore bdg al deriva da ricavi inferiori dell 8,8%, a fronte di maggiori costi dello 0,9% -Ricavi caratteristici netti pari a 1.451Mld inferiori di 153,6Mld (-9,6%) rispetto a 1.605Mld di budget per effetto di minori ricavi netti da traffico per 116Mld minori ricavi da poste per 37,6Mld -In particolare scostamento lo dei ricavi da traffico netti è dovuto a 76Mdl di sovrastimainiziale dell obiettivo di ricavi da traffico lordi 40Mld di minori ricavi netti da traffico (risultante da 61Mld di minori ricavi lordi e 21 miliardi di minori ristorni) per l effetto congiunto di -Previsti prezzi medi per il superiori Mld, all obiettivo -3,7Mld vs. a 97e fronte -8,3Mld di minori vs budget volumi venduti Tableau de Bord Aggiornato a: 12/1998 Treni Km circolati/trenikm programmati (%) 81% 97% 94% 78% 76% 78% 76% 69% 75% 79% 77% 76% Critico Nella norma Sezione: Capitolo: Codice Tavola: Frequenza: Programmazione Progettazione OF-001 Mensile Offerta orario gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic cumulato media 80% 89% Obiettivo piano Executive Summary Sintesi risultati Correttivi/azioni previste e loro responsabili Tavole degli indicatori In forma grafica Tableau de Bord Situazione investimenti Sezione: Capitolo: Codice Tavola: Frequenza: Investimenti IN-001 Trimestrale Aggiornato a: 12/1998 Contabilizzato Valore del alla data/ progetto a Fondi validati Finanziato al Contabilizzato Contabilizzato finanziato al finire strategicamente* Referente** alla data*** nell'anno**** referente Tipologie di investimento (Milioni di lire) (Milioni di lire) (Milioni di lire) (Milioni di lire) (Milioni di lire) (%) a b c = b/a % Tipo 1 (Infrastruttura) Potenziamento impianti interm % - Sviluppo traffico tradizionale % Tipo 2 (Materiale Rotabile) % - Acquisto carri % - Acquisto locomotori Revamping Tipo % - Mantenimento in efficienza % - Manutenzione ciclica % - Potenziamento impianti interm % - Sviluppo traffico tradizionale % Altri progetti Totale % In forma tabellare * Fondi assegnati complessivamente al progetto ** Fondi nella disponibilità del referente alla data ***Valore contabilizzato cumulato relativo all'intero progetto (include anche gli importi contabilizzati nel passato) ****Valore contabilizzato nell'anno in corso (include solo gli importi contabilizzati nell'anno) Responsabile: Ing. Coso 17

17 grazie Antonio Fossati Managing Partner 18

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff:

B. MAPPA STRATEGICA. Progetti: Vantaggi/obiettivi: Clienti: Processi da implementare: Staff: BUSINESS PLAN SOCIETA XYZ Maggio 2014 Aprile 2017 A. ASPIRAZIONI, SETTORE, STRATEGIE E OPPORTUNITA La società ha sede nella città di Scutari, in Albania ed opera nel settore calzaturiero, nello specifico

Dettagli

Gruppo Mondadori Risultati FY14

Gruppo Mondadori Risultati FY14 Gruppo Mondadori Risultati FY14 Presentazione alla comunità finanziaria Milano, 12 Marzo 2015 Agenda Highlights FY14 Focus sulle Aree di Business Risultati FY14 Priorità e Outlook FY 2015 2 Highlights

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi

Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Business Plan 3 anni Società di persone, Professioniti e Autonomi Le attività da svolgere per la realizzazione del Business Plan da parte del sono le seguenti: 1. Inserimento del resoconto dell'anno 2.

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

- Salumificio - Business plan

- Salumificio - Business plan - Salumificio - Business plan (tabelle) 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria 2009-2012... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale... 6 c. Analisi finanziaria...

Dettagli

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali

Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali Corso di Business Planning e Start Up Imprese Multimediali A.A. 2013-2014 Prof. Attilio Bruni Corso di Laurea in Comunicazione d Impresa, Marketing e Nuovi Media Il modello finanziario e il bilancio previsionale

Dettagli

Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo

Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo Budget e Cash flow Agenzie di Viaggi e Turismo E un software dedicato alla categoria che, oltre a tutte le elaborazioni de Budget e Cash-Flow elabora una serie di prospetti che aiutano l Azienda a determinare

Dettagli

IL GRUPPO TELECOM ITALIA

IL GRUPPO TELECOM ITALIA highlights 24 >> bilancio 24 highlights IL GRUPPO TELECOM ITALIA Ricavi (milioni di euro) Margine operativo lordo (milioni di euro) Risultato operativo (milioni di euro) 4. 3. 31.48 3.85 31.237 15. 14.15

Dettagli

La nuova Guida al Sistema di controllo di gestione

La nuova Guida al Sistema di controllo di gestione La nuova Guida al Sistema di controllo di gestione Il controllo di gestione in azienda: le nuove linee guida di Borsa Italiana come possibile modello di riferimento Workshop Pianificazione e Controllo

Dettagli

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile.

Valorizzare. in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. 78 Valorizzare in modo corretto tutte le attività d impresa, creando valore per gli azionisti attraverso una gestione trasparente e responsabile. FINMECCANICA BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2011 performance

Dettagli

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA

BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA I manuali di Budgetonline.it BUDGET E CASH FLOW: LA GUIDA DEFINITIVA 1 SEZIONE 1: LO SCHEMA OPERATIVO La tecnologia più utilizzata perché universalmente conosciuta e praticata è certamente rappresentata

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

Area Studi Mediobanca Top Moda Italia e Aziende Moda Italia 2009-2013

Area Studi Mediobanca Top Moda Italia e Aziende Moda Italia 2009-2013 Area Studi Mediobanca Top Moda e Aziende Moda 2009-2013 Quadro del settore Il giro d affari mondiale della moda (beni di lusso per la persona) è stimato nel 2013 in circa 218 mld. di euro. 1 Il 2013 ha

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI COMUNICATO STAMPA YOOX S.P.A.: L ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Parte ordinaria: Approva il Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2013 Approva la prima sezione della Relazione sulla Remunerazione Approva il

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

Gruppo Mondadori Risultati 1Q15

Gruppo Mondadori Risultati 1Q15 Gruppo Mondadori Risultati 1Q15 Investor Presentation Conference call 12 Maggio 2015 Agenda Highlights 1Q15 Risultati 1Q15 Focus sulle Aree di Business Outlook FY 2015 2 Highlights 1Q15 ( m) RICAVI 2015

Dettagli

GOVERNO E GESTIONE DELL IMPRESA. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners Relatore Mirco Galeri

GOVERNO E GESTIONE DELL IMPRESA. Studio Coda Zabetta, Mongiardini & Partners Relatore Mirco Galeri GOVERNO E GESTIONE DELL IMPRESA L adozione di metodi, sistemi e tecniche di pianificazione e controllo è uno degli elementi che marca la differenza tra una gestione PROATTIVA ed una REATTIVA dell azienda.

Dettagli

Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso

Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso Valutazione d azienda con il metodo dei multipli: analisi di un caso responsabile operazioni di merchant banking DALLA TEORIA ALLA PRASSI LA VALUTAZIONE AL SERVIZIO DEL PROCESSO NEGOZIALE COMPRATORE VENDITORE

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA: 915,1 MLN DI EURO, SOSTANZIALMENTE IN LINEA CON L ANNO PRECEDENTE

COMUNICATO STAMPA RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA: 915,1 MLN DI EURO, SOSTANZIALMENTE IN LINEA CON L ANNO PRECEDENTE COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2006: IN ATTESA DELLA PIENA APPLICAZIONE DELLA NUOVA NORMATIVA FISCALE (1 OTTOBRE 2006) RALLENTA L ATTIVITÀ DEL TERZO TRIMESTRE RICAVI AGGREGATI

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

BOLOGNA. Calendario corsi (data di avvio) www.cspmi.it. Date di avvio. N. corso. N. corso DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA

BOLOGNA. Calendario corsi (data di avvio) www.cspmi.it. Date di avvio. N. corso. N. corso DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA Calendario corsi (data di avvio) BOLOGNA 8 DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA Modello di organizzazione e gestione della responsabilità di impresa ex D. Lgs. 1/01 Strumenti di valutazione delle performances

Dettagli

La prospettiva di mercato: da crescita a produttività

La prospettiva di mercato: da crescita a produttività Moda & Lusso La prospettiva di mercato: da crescita a produttività 13 Novembre 2015 La crescita? Una passeggiata Lusso: crescita della domanda pari a 70mld solo negli ultimi 5 anni, il 30% della domanda

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione)

Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) Executive Program Finanza aziendale e Controllo di Gestione (IV edizione) OBIETTIVI E COMPETENZE La finanza aziendale sta diventando sempre di più uno strumento fondamentale per la crescita delle imprese,

Dettagli

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013 Fact - pack mercato Vita marzo 2013 OBIETTIVI Fornire una visione sintetica dei numeri chiave del mercato vita in Italia attraverso analisi e rappresentazioni grafiche Dare un quadro riassuntivo e indicazioni,

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

IL GRUPPO TELECOM ITALIA MEDIA

IL GRUPPO TELECOM ITALIA MEDIA highlights >> bilancio highlights IL GRUPPO TELECOM ITALIA MEDIA Ricavi ricostruiti MOL ricostruito 75 15 11,6 577,4 594,6 5 5-5 25-15 -25-27,9-35 Personale (n teste) 2.7 2.284 1.8 2.29 Risultato operativo

Dettagli

Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei»

Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei» Posizione e prospettive di FCA nella competizione mondiale Presentazione della ricerca «Il settore Automotive nei principali paesi Europei» Daniele Chiari Head of Product Planning and Institutional Relations

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ

POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ MC-linkoggi è un operatore di Telecomunicazioni la cui mission è quella di fornire servizi dati, telefonia, internet e data center di eccellenza. INTERNET La sua attività è

Dettagli

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo

Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE. La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Business School Seminario CRISI E INTERNAZIONALIZZAZIONE La finanza di impresa nell ottica della riorganizzazione finanziaria e del sostegno allo sviluppo Dott. FRANCO VASELLI Siena, 22 Novembre 2012 CRISI

Dettagli

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18 ESER. POL AGEN. POL RAMO POL NUM. POL. ESER. SIN AGEN. SIN. NUM. SIN RAMO SIN. ISPETTORATO DATA AVVENIM. DATA CHIUSURATIPO DEN. TIPO CHIUSTP RESP ASSICURATO PREVENTIVO PAGATO DA RECUPERARE 2007 1467 130

Dettagli

Calendario corsi (data di avvio)

Calendario corsi (data di avvio) Calendario corsi (data di avvio) forlì - cesena 8 DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA Principi di Project management per l ottimizzazione dei tempi e dei costi di progetto Tecniche operative per la costruzione

Dettagli

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys

Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Le local italiane e il settore idrico. Gli investimenti e le performance delle imprese Alessandro Marangoni Chief Executive Officer Althesys Audizione nella 2 Conferenza Nazionale sulla Regolazione dei

Dettagli

Multichannel Analytics

Multichannel Analytics Multichannel Analytics Ottimizzare gli investimenti in comunicazione, digitale e non, per la massimizzazione delle vendite quando il customer journey si conclude off line. Multichannel Marketing TV Radio

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione

Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione Contribuenti Scadenza Denominazione Descrizione 10-gen colf e badanti (4^ trimestre anno precedente) contributi Inail (4^ rata anno precedente) 16-gen coltivatori e (PC/CF) (4^ rata anno precedente) e

Dettagli

IL CONTROLLO FINANZIARIO A DISTANZA. CONSULENZA DI DIREZIONE www.gestio.it

IL CONTROLLO FINANZIARIO A DISTANZA. CONSULENZA DI DIREZIONE www.gestio.it IL CONTROLLO FINANZIARIO A DISTANZA 1 SOMMARIO LA FASE INIZIALE DEL PROGETTO ESTERO : STRATEGIA, RUOLI, RAPPORTI CASA MADRE- CONTROLLATE L ANALISI E LA DEFINIZIONE DEL REPORT PACKAGE LE PROCEDURE, LE TEMPISTICHE,

Dettagli

Balanced Scorecard. Il caso di un impresa farmaceutica BSC DIV. FARMACEUTICA: MAPPA STRATEGICA. BSC globale. BSC settore attività/divisione

Balanced Scorecard. Il caso di un impresa farmaceutica BSC DIV. FARMACEUTICA: MAPPA STRATEGICA. BSC globale. BSC settore attività/divisione Balanced Scorecard Il caso di un impresa farmaceutica BSC globale BSC settore attività/divisione BSC unità business (stabilimento) BSC individuali (quadri e dirigenti) BSC DIV. FARMACEUTICA: MAPPA STRATEGICA

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile

MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile MC-link: Andamento di business 1 Q 2013 Dati di provenienza gestionale, pertanto non soggetti a revisione contabile 1 gen-10 feb-10 mar-10 apr-10 mag-10 giu-10 lug-10 ago-10 set-10 ott-10 nov-10 dic-10

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario Gli indici di bilancio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie

Dettagli

BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015

BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 BANZAI: IL CDA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2015 Ricavi 1H15 in crescita del +23% (Euro 99,7 milioni vs Euro 81,2 milioni nel 1H14), rispetto al +13% 1 registrato nell 1H14 vs 1H13 o +25% i Ricavi

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Sales & Marketing 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca

Dettagli

Linea Azionaria. Avvertenza

Linea Azionaria. Avvertenza Avvertenza Si allegano le schede relative alle analoghe LInee di Gestioni di CFO SIM, come elemento di continuità gestoria alle nuove Linee di Gestione Elite di CFO GESTIONI FIDUCIARIE Capitale Sociale

Dettagli

I RAPPORTI CON I MERCATI FINANZIARI. Carta d identità al 31 dicembre 2010

I RAPPORTI CON I MERCATI FINANZIARI. Carta d identità al 31 dicembre 2010 I RAPPORTI CON I MERCATI FINANZIARI Consideriamo la credibilità riconosciutaci dai mercati finanziari uno degli asset portanti per sostenere lo sviluppo dell Azienda. Operiamo nella massima trasparenza

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Newsletter per gli Azionisti 3 Trimestre 2012

Newsletter per gli Azionisti 3 Trimestre 2012 Newsletter per gli Azionisti 3 Trimestre Gentili Azionisti, vi inviamo la newsletter interamente dedicata agli investitori privati di DeA Capital, relativa al terzo trimestre. Vi ricordiamo che siamo sempre

Dettagli

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI

GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI GLI STRUMENTI DI COPERTURA DEI RISCHI IN DERIVATI: ASPETTI TECNICI E LEGALI Ing. Andrea Zadra Milano, 11 Maggio 2010 Agenda Coperture Strumenti Derivati: utilizzo improprio e problematiche diffuse 2 Coperture

Dettagli

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA

IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE FIRENZE, 6 FEBBRAIO 2014 DOTT. EMILIO PASQUETTI IL RISCHIO DI LIQUIDITÀ E GLI STRUMENTI PER LA SUA GESTIONE Sommario 1. Quadro macroeconomico

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

MASTER IN PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER IN PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE master DI approfondimento Master in 6 incontri a numero chiuso (disposizione a banchi) MASTER IN PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Progettare e gestire un sistema di controllo di gestione a supporto

Dettagli

Stefano Perboni. CEO Gruppo Opengate. Road Show Nuovo Mercato. Palazzo Mezzanotte. 20 Novembre 2002

Stefano Perboni. CEO Gruppo Opengate. Road Show Nuovo Mercato. Palazzo Mezzanotte. 20 Novembre 2002 Road Show Nuovo Mercato Stefano Perboni CEO Gruppo Opengate Palazzo Mezzanotte 20 Novembre 2002 1 Crescita e consolidamento 3 anni di quotazione Presenza in piu settori 3 anni di quotazione 989 (+92%)

Dettagli

Business Planning Claudio Gigli

Business Planning Claudio Gigli Business Planning Claudio Gigli 23 SETTEMBRE 213 Obiettivi del seminario 1. Illustrare logica, contenuti, struttura di un business plan 2. Condividere 3 casi concreti 3. Affrontare con i partecipanti del

Dettagli

Duplice finalità Interna Esterna

Duplice finalità Interna Esterna Business Plan Cos è? Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato a definire un idea imprenditoriale in termini di tempistica, fattibilità concreta, opportunità economica e compatibilità finanziaria

Dettagli

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI

Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI Divisione Ricerche Claudio Dematté Small & Medium Enterprises Knowledge center Osservatorio sulla competitività delle PMI 10 luglio 2014 Premessa L Osservatorio OPMI, promosso dal Knowledge Center di SDA

Dettagli

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006

RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 RELAZIONE SULL ANDAMENTO DEL GRUPPO GEOX NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2006 Geox S.p.A. Sede in Biadene di Montebelluna (TV) - Via Feltrina Centro 16 Capitale Sociale euro 25.884.400 = int. versato Codice fiscale

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing SALARY SURVEY 2015 Sales & Marketing Sales & Marketing Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it Sales & Marketing Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi

Dettagli

La gestione della tesoreria anticipata. mercoledì 4 giugno 14

La gestione della tesoreria anticipata. mercoledì 4 giugno 14 La gestione della tesoreria anticipata Da Basilea 2 a Basilea 3 Credit Crunch! Ad oggi i rapporti con le banche rappresentano un area di criticità per le aziende. Con l avvicinarsi di Basilea 3 lo scenario

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

La carta bancomat a misura di cliente Laura Torre Responsabile Ufficio Sistemi di Pagamento

La carta bancomat a misura di cliente Laura Torre Responsabile Ufficio Sistemi di Pagamento La carta bancomat a misura di cliente Laura Torre Responsabile Ufficio Sistemi di Pagamento ABI Convegno Carte 2007 Martedì, 27 novembre 2007 Il Gruppo Carige oggi Fondazione CR Genova e Imperia CNCE Assicurazioni

Dettagli

XaaS, anything as a Service, la nuova frontiera dell IT

XaaS, anything as a Service, la nuova frontiera dell IT XaaS, anything as a Service, la nuova frontiera dell IT Cloud Day 8 Ottobre 2014 Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT Ing. Filpa Paolo XaaS Anything as a Service IAAS Infrastructure as a Service PAAS

Dettagli

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo

Memorandum sul Sistema di controllo di gestione. Format esemplificativo Memorandum sul Sistema di di gestione Format esemplificativo Settembre 2011 Borsa Italiana S.p.A. Tutti i diritti riservati. Ai sensi della legge sui diritti d autore e del codice civile è vietata la riproduzione

Dettagli

SPECIALE FONDI INTERNI - EUROQUOTA MARZO 15

SPECIALE FONDI INTERNI - EUROQUOTA MARZO 15 mar-14 apr-14 mag-14 lug-14 ago-14 ott-14 nov-14 gen-15 feb-15 mar-12 giu-12 set-12 dic-12 mar-13 giu-13 set-13 dic-13 mar-14 Categoria Fondo Prodotti assicurativi legati al Fondo Obiettivo Asset Allocation

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la Normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa. Elena Desiderio Senior Product Marketing Manager

Le aziende siciliane secondo la Normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa. Elena Desiderio Senior Product Marketing Manager Le aziende siciliane secondo la Normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa Elena Desiderio Senior Product Marketing Manager Caratteristiche del campione analizzato Numerosità : 16.036 società

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 18 CARICHE SOCIALI Consiglio di Amministrazione: (per l esercizio 2010) Presidente Consiglieri Giovanni TOSO Nicola NATALI Sergio VITELLI * *

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Nuova Interfaccia grafica. Al passo con i tempi. Interagisce e Informa

Nuova Interfaccia grafica. Al passo con i tempi. Interagisce e Informa Nuova Interfaccia grafica Al passo con i tempi Interagisce e Informa Interfaccia Grafica stile toolbar Il nuovo menù integra e completa la classica facilità di utilizzo Nuova Interfaccia grafica Nuovo

Dettagli

Sostenibilità e servizi in farmacia

Sostenibilità e servizi in farmacia Milano, 22 Aprile 2013 Università Commerciale L. Bocconi Stefano Casati Andrea Misticoni Michele Popolo Angelica Vallarino Gancia Agenda 1 2 3 4 Introduzione Analisi e Market Overview Linee di sviluppo

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE

CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Fabrizio loiacono CRESCERE IN SICILIA CON PRIVATE EQUITY E MINI BOND: QUALI OPPORTUNITA PER LE IMPRESE Selezione, ingresso e gestione del partner nella prospettiva dell imprenditore: un caso di successo

Dettagli

I progetti prendono forma. Milano, 13 novembre 2000

I progetti prendono forma. Milano, 13 novembre 2000 I progetti prendono forma Milano, 13 novembre 2000 1 Dott. Massimo PROSDOCIMI Banca Commerciale Italiana Struttura dell offerta Ing. Giuseppe MORFINO Presidente Profilo del Gruppo Ing. Luigi VISCONTI Amministratore

Dettagli

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 1

MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 1 MONCLER S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 1 MONCLER: RICAVI IN CRESCITA DEL 18% A TASSI DI CAMBIO COSTANTI Ricavi Consolidati: Euro

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre 2008

La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre 2008 Roma, 17 febbraio 2009 La bilancia dei pagamenti dell'italia a dicembre BILANCIA DEI PAGAMENTI SINTETICA (milioni di euro) dicembre 2007 dicembre 12 mesi terminanti a 12 mesi terminanti a dicembre 2007

Dettagli

Denominazione Società. Business Plan

Denominazione Società. Business Plan Denominazione Società Business Plan 20 20 Analisi effettuata il XX.XX.XX A cura di: Schema di Business Plan Università degli Studi di Trento Sommario del Business Plan 0. NO DISCLOSURE E DISCLAIMER...3

Dettagli

Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato

Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato Credit management: organizzare al meglio il processo di recupero crediti Livello avanzato TEMATICA: Gestione aziendale Amministrazione Sviluppare un modello decisionale attraverso il coordinamento delle

Dettagli

Pianificare approvvigionamenti e scorte

Pianificare approvvigionamenti e scorte di Andrea Martinelli, Andrea Bacchetti Pianificare approvvigionamenti e scorte In questa e nelle prossime pagine si descrive la progettazione di uno strumento informativo in grado di supportare il processo

Dettagli

Transfer Pricing Conference

Transfer Pricing Conference Economic Consulting Transfer Pricing Conference Carlo Scarpa, NERA Roma Sébastien Gonnet, NERA Paris Marta Petrucci, NERA Roma Pordenone, 4 dicembre 2013 www.nera.com 1. Trend recenti 2011 NERA Economic

Dettagli

Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion. CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012

Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion. CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012 Al via i primi investimenti: Metroweb e Kedrion CONFERENZA STAMPA - Milano, 28 maggio 2012 1 Indice Investimenti approvati dal CDA pag. 3 Profilo di FSI pag. 5 Mercato di riferimento pag. 9 APPENDICE:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009 COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEBRE 2009 PRIMI NOVE MESI DEL 2009 IN LINEA CON LE GUIDANCE DI AGOSTO, NONOSTANTE IL CONTESTO NEGATIVO DI MERCATO. LA MARGINALITA

Dettagli

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo Corso di specializzazione TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE Percorso formativo Moduli propedeutici ELEMENTI DI OFFICE AUTOMATION Foglio elettronico Presentazione multimediale Servizi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Il modello di business divisionalizzato delle banche e la contestuale

Dettagli

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager

Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager Comparto della SICAV irlandese Hedge Invest International Funds PLC, Hedge Invest SGR ricopre il ruolo di Investment Manager per la quale Report Via Vittor Pisani 22-20124 Milano tel. +39 02 667441 - fax.

Dettagli

Come leggere la Centrale Rischi Banca d'italia. BANCA D'ITALIA - CENTRALE DEI RISCHI 21111111111 PAG. 1 Filiale: MILANO SEDE

Come leggere la Centrale Rischi Banca d'italia. BANCA D'ITALIA - CENTRALE DEI RISCHI 21111111111 PAG. 1 Filiale: MILANO SEDE BANCA D'ITALIA - CENTRALE DEI RISCHI 21111111111 PAG. 1 DATI ANAGRAFICI E DI RISCHIO PRESENTI NEGLI ARCHIVI DELLA CENTRALE DEI RISCHI (ELABORAZIONE DEL 05-08-2010-15.58 ) FOGLIO DEI DATI ANAGRAFICI Denominazione:

Dettagli

In un contesto in continuo mutamento sono ancora utili la pianificazione strategica ed il budget? Api Verona 14 Novembre 2012

In un contesto in continuo mutamento sono ancora utili la pianificazione strategica ed il budget? Api Verona 14 Novembre 2012 In un contesto in continuo mutamento sono ancora utili la pianificazione strategica ed il budget? Api Verona 14 Novembre 2012 1 Programma di lavoro Cos è il budget Quali sono le criticità del budget in

Dettagli

Sviluppare le imprese nel mondo con il Business Format Franchising

Sviluppare le imprese nel mondo con il Business Format Franchising 1 MISSION 2 Sviluppare le imprese nel mondo con il Business Format Franchising Competenze specialistiche Network di relazioni internazionali Strumenti di matching e informativi Soluzioni innovative e prodotti

Dettagli

Il ruolo del credito per favorire l integrazione

Il ruolo del credito per favorire l integrazione Il ruolo del credito per favorire l integrazione Corrado Piazzalunga Direttore Regione Commerciale Ovest Forte di Bard, 26 settembre 2008 AGENDA Le caratteristiche delle imprese italiane: struttura finanziaria

Dettagli

COMMERCIALISTA 2.0 FINANZA AZIENDALE

COMMERCIALISTA 2.0 FINANZA AZIENDALE Associazione di categoria Master di 5 mezze giornate COMMERCIALISTA 2.0 Master di 5 mezze giornate FINANZA AZIENDALE ACF - EUROCONFERENCE Usufruendo dell offerta combinata in omaggio un tablet Fujitsu

Dettagli

SALARY SURVEY 2014. Retail. Specialists in retail recruitment www.michaelpage.it. Retail

SALARY SURVEY 2014. Retail. Specialists in retail recruitment www.michaelpage.it. Retail SALARY SURVEY 2014 Specialists in retail recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2014 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2014. Michael

Dettagli

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures

Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Strategie operative con i futures sull'indice S&P/MIB e gli IDEM Stock Futures Roberto Del Conte Borsa Italiana Spa 7 Maggio 2004 Milano Trading Online Expo Contenuti I contratti Futures Idem Stock Futures

Dettagli

La redazione del Piano Industriale. Indice e contenuti

La redazione del Piano Industriale. Indice e contenuti La redazione del Piano Industriale Indice e contenuti Ai lavori hanno partecipato (Marzo 2013): Borsa Italiana S.p.A. - Nunzio Visciano (Head Equity Market Listing) - Andrea Scremin (Manager Equity Market

Dettagli

Company Profile. www.valuelab.it

Company Profile. www.valuelab.it Company Profile www.valuelab.it 1 Profilo VALUE LAB è una innovativa società di consulenza di management e IT solutions specializzata in Marketing, Vendite e Retail. Aiutiamo le Aziende di produzione,

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli