Agenda 1/30/2011. Farmacovigilanza in Quintiles. Uno sguardo a Quintiles globale: i servizi di Farmacovigilanza. Farmacovigilanza negli studi clinici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agenda 1/30/2011. Farmacovigilanza in Quintiles. Uno sguardo a Quintiles globale: i servizi di Farmacovigilanza. Farmacovigilanza negli studi clinici"

Transcript

1 Farmacovigilanza in Quintiles Katia Lazzati Site Start Up Manager Roma Agenda Uno sguardo a Quintiles globale: i servizi di Farmacovigilanza Farmacovigilanza negli studi clinici Basi legali SAE/SUSAR Flusso di processi e descrizione step Attività di Quintiles Italia Farmacovigilanza Post-Marketing Basi legali Flusso di processi e descrizione step Attività di Quintiles Italia 2 1

2 Farmacovigilanza: uno sguardo Collocazione Staff Farmacovigilanza Q: 134 RTP, USA 20 Buenos Aires, Argentina 80 Dublino, Irlanda 49 Basilea, Svizzera 18 Singapore 5 Centurion, Sud Africa 175 Bangalore, India 5 Tokyo, Giappone Competenza linguistica Mantenimento di database regolatori Processi standardizzati Operatività costante (diversi fusi orari) Competenza Globale Italia è sotto la responsabilità dell ufficio di Dublino 3 Lifecycle Safety Quintiles offre al cliente un servizio che va dallo sviluppo clinico del farmaco fino alla sorveglianza post-marketing in un servizio chiamato LifeCycle Safety. Test Preliminari Fase II Fase III Approvazione Regolatoria Lancio del Prodotto Marketing Generico PreC PI PII PIII Reg Sviluppo Commercializzazione LifeCycle Safety 4 2

3 Farmacovigilanza negli studi clinici Basi legali SAE/SUSAR (Serious Adverse Event/Suspected Unexpected Seriuous Adverse Reaction): Decreto Ministeriale 15/07/1997 Recepimento ICH/GCP EU Directive 2001/20/CE EU Guidance on reports (Apr 2006) ITA: D.Lgs 211/2003 Concetti Chiave: Evento: Evento Medico indesiderato in un paziente, in un partecipante ad uno Studio Clinico non necessariamente correlato all IMP (Investigational Medicinal Product) Reazione: Evento Medico con nesso di causalità con IMP Inatteso :(Unexpected): non in linea con le informazioni note (IDB, SmPC) Serietà: (Seriousness): morte, pericolo di vita, ospedalizzazione, disabilità/incapacità, anomalie congenite/difetti alla nascita Criteri minimi: Contenuto (per es. IMP, dati soggetto codificati, serietà, atteso, in relazione al farmaco, fonte della segnalazione, informazioni amministrative (sponsor, progetto...)) Chi informare: Autorità Regolatorie/Comitati Etici/Sperimentatori Tempistiche: Forma velocizzata (expedited) o aggiornamenti periodici (line listing, report annuali di sicurezza) 5 Farmacovigilanza negli studi clinici Lo SPONSOR è responsabile del monitoraggio continuo della valutazione di sicurezza dell IMP. Lo SPONSOR è responsabile della pronta notifica di eventi che possono avere impatto sulla salute dei soggetti. L attività di monitoraggio e notifica eventi può essere delegata a CRO (Contract Research Organization) 6 3

4 Farmacovigilanza negli studi clinici: Parti Coinvolte Pazienti Sperimentatori Comitati Etici Autorità Regolatorie Commissioni Monitoraggio Dati di Sicurezza (Data Safety Monitoring Boards) Aziende Farmaceutiche e Rappresentanti (CRO) 7 Farmacovigilanza negli studi clinici: Componenti chiave della regolamentazione Notifica Evento Avverso a Sponsor Responsabilità della Farmacovigilanza Reporting immediato dei SUSARs (UADEs: Unanticipated Adverse Device Effect) Reporting annuale delle reazioni avverse (e effetti avversi al device) Raccolta tempestiva dati: Record e notifica Appropriata valutazione casi: Completezza, serietà, relazione con IMP(device), atteso/inatteso Report expedited e annuale 8 4

5 Farmacovigilanza negli studi clinici: Flusso di un SAE/SUSAR Ricevimento Validazione Triage Revisione Data Entry e Codifica Narrativa Generazione Report Revisione Medica Revisione/ Controllo Qualità Report Queries 9 Farmacovigilanza negli studi clinici: Flusso di un SAE/SUSAR Ricevimento Evento verificatosi al centro viene trasmesso con modalità progetto e Sponsor specifiche, entro 24 h dall avvenuta conoscenza, all ufficio di Farmacovigilanza (o delegato) Definizione stato se report iniziale o follow up Assemblata cartella con dati preliminari su progetto, centro e paziente Validazione Controllo criteri validità (nesso con farmaco, reporter identificabile, paziente identificabile) 10 5

6 Farmacovigilanza negli studi clinici: Flusso di un SAE/SUSAR Triage Identificazione eventi che devono esser e riportati e relativa priorità Serietà evento (definizioni ICH/GCP) Relazione con il farmaco Non atteso (IDB/RCP(Riassunto Caratteristiche del Prodotto)) Revisione Controllo accuratezza e consistenza dati Controllo completezza ed eventuale richiesta di follow up presso il centro (queries) Controllo del verbatim vs diagnosi primaria 11 Farmacovigilanza negli studi clinici: Flusso di un SAE/SUSAR Data Entry e Codifica Popolamento cartella dell evento con assegnazione di un numero univoco associato al caso riportato Popolamento informazioni di follow up se presenti (verifica vs requisiti Sponsor e Progetto specifici) Codifica in accordo a MedDRA, WHO, Linee guida progetto Prioritizzazione degli eventi (impatto su line listing) Narrativa In accordo ai fac-simile del progetto se presenti o direttamente sul database di farmacovigilanza 12 6

7 Farmacovigilanza negli studi clinici: Flusso di un SAE/SUSAR Controllo di Qualità Controllo indipendente sugli step precedenti: Validazione e identificazione requisiti regolatori Contenuto Narrativa Queries Campi popolati nel database di Farmacovigilanza Codifica Lettere/Report generati Include controllo di: Triage, Contenuto Narrativa, Fonti, Codifica, Queries Revisione Medica Medical Advisor: Assicura che il caso sia corretto dal punto di vista medico, suggerisce cambiamenti, richiede queries addizionali se necessario 13 Farmacovigilanza negli studi clinici: Flusso di un SAE/SUSAR Invio report Distribuzione report a Sponsor: MedWatch, CIOMS I, narrativa, fonti, ecc. Modifica report su richiesta Sponsor Distribuzione report alle parti in accordo agli obblighi contrattuali (requisiti legislativi ed esigenze progetto/sponsor) Chiusura del Caso Revisione casi incompleti ad intervalli regolari: Richiesta informazioni (follow up) Determinare se tutte le informazioni richieste sono state ricevute Il caso è considerato chiuso quando non ci si attendono ulteriori dati 14 7

8 Farmacovigilanza negli studi clinici: Flusso di un SAE/SUSAR Riconciliazione Dati Step strettamente collegato, ma non propriamente appartenente a Farmacovigilanza. I dati raccolti nel database di sicurezza sono confrontati, ad intervalli regolari e concordati con lo Sponsor, con i dati del database clinico. Le discrepanze sono evidenziate e queries generate per la risoluzione. 15 Farmacovigilanza negli studi clinici: Flusso di un SUSAR (Triage) Se l evento è Serio (Serious) Correlato al farmaco (Related) Inatteso (unexpected) è eleggibile per reporting velocizzato (expedited) 16 8

9 Farmacovigilanza negli studi clinici: Expedited reporting SUSAR Requisiti Europei 2001/20/CE e EU Guidance Apr 2006 SUSAR fatali o che mettano in pericolo la vita del paziente: Non più tardi di 7 giorni di calendario dal momento in cui lo Sponsor ne viene a conoscenza. Follow up se necessario entro 8 giorni di calendario. SUSAR non fatali e che non mettono in pericolo la vita del paziente: Non più tardi di 15 giorni di calendario dal momento in cui lo Sponsor ne viene a conoscenza. Follow up se necessario (non specifica scadenza indicata. Appena possibile) L informazione va riportata (registrata e notificata) a: Autorità Competenti Interessate Comitati Etici Interessati L informazione va notificata a: Sperimentatori interessati I requisiti minimi del SUSAR sono contenuti nella ICH E2B (M), in ogni caso il formato può variare purchè contenga le informazioni di base: Identificato il farmaco sperimentale (IMP) Identificato il soggetto (dati protetti per privacy) L evento corrisponda ai requisiti del SUSAR Informazioni amministrative (es. Codice Sponsor) Informazioni su Progetto (es. Codice, EudraCT) 17 Farmacovigilanza negli studi clinici: Expedited reporting SUSAR Requisiti Europei SUSAR reporting recepito in diversi Paesi con legislazione locale. Q accorda modalità e tempi in accordo alla legislazione locale e alle specifiche esigenze di progetto/sponsor Requisiti locali sono catturati nel Database di Farmacovigilanza (Q Regulatory Database) aggiornato almeno 2 volte l anno e al rilascio di ogni aggiornamento legislativo locale. Esempi di diversi requisiti in diversi Paesi: Paese Tipo di Report Tempistica Local SUSAR 7/15 dd Foreign SUSAR 6 monthly Italia Cross Report 6 monthly Other Safety data Annual Safety Report Periodic Report 6 monthly Local SUSAR 7/15 dd Foreign SUSAR 7/15 dd Germania Cross Report 7/15 dd Other Safety data Annual Safety Report Periodic Report Not required Local SUSAR 7/15 dd Foreign SUSAR 6 monthly Francia Cross Report 6 monthly Other Safety data Annual Safety Report Periodic Report 6 monthly Local SUSAR 7/15 dd Foreign SUSAR 7/15 dd Olanda Cross Report 6 monthly Other Safety data Annual Safety Report Periodic Report 6 monthly Local SUSAR 7/15 dd Foreign SUSAR 6 monthly Regno Cross Report 6 monthly Unito Other Safety data Annual Safety Report Periodic Report 6 monthly 18 9

10 Farmacovigilanza negli studi clinici: Quintiles Italia Studi Locali e Internazionali Entro 24 h dall avvenuta conoscenza il centro trasmette il SAE alla Farmacovigilanza Quintiles se delegata o Sponsor. I CRA ricevono formazione per il riconoscimento e grading di SAE e successivamente svolgono formazione e affiancamento presso il centro. I CRA seguono e supportano il centro per la risposta alle queries ai SAE generate dalla Farmacovigilanza Quintiles se delegata, o Sponsor. Studi Internazionali La Farmacovigilanza Quintiles ha sede a Dublino. Studi Locali Comunicazione SAE a seconda del progetto/sponsor può essere delegata a Q Italia (Milano) che immediatamente trasmette a Farmacovigilanza Sponsor (rispetto requisito delle 24h) Dipartimento di Data Management per la Riconciliazione tra database clinico e database di Farmacovigilanza (Sponsor). Modalità stabilite a seconda degli accordi con lo Sponsor. 19 Farmacovigilanza post-marketing Basi legali : 2001/83/CE 2003/94/CE EU Regulation 276/2004 D.Lgs 219 del 24/04/2006 Concetti Chiave: Evento Avverso Evento Medico indesiderato in un paziente, in un partecipante ad uno Studio Clinico o un consumatore, a cui sia stato somministrato un Prodotto. L evento non deve necessariamente avere un nesso causale con il trattamento o l uso. Reclamo Espressione di insoddisfazione riguardante le proprietà fisiche, la condizione, l etichettatura, la confezione del Prodotto. Criteri di gravità sovrapponibili a quelli propri degli studi clinici (morte, pericolo di vita, ospedalizzazione, disabilità/incapacità, anomalie congenite/difetti alla nascita). Criteri di evento atteso/non atteso: riferibili più al fatto che l evento sia o meno già stato descritto, piuttosto che alle proprietà farmacologiche del prodotto stesso. Controllo verso Riassunto Caratteristiche Prodotto (RCP) e foglietto illustrativo). Le fonti possono essere: operatori sanitari, consumatori, pazienti (studi clinici postmarketing)

11 Farmacovigilanza post-marketing: Flusso di una Segnalazione Ricevimento Validazione Triage Revisione Data Entry e Codifica Narrativa Generazione Report Revisione Medica Revisione/ Controllo Qualità Report Queries 21 Farmacovigilanza post-marketing: Flusso di una Segnalazione Validazione Criteri Validità: Reporter identificabile Paziente identificabile Reazione avversa Farmaco identificabile L importanza dell identificazione del reporter: Evita duplicazioni dei casi Evidenzia eventuali frodi Facilita attività di follow up 22 11

12 Farmacovigilanza post-marketing: Flusso di una Segnalazione Triage Identificazione eventi che devono esser e riportati e relativa priorità: Gravità evento (definizioni ICH E2D) Relazione col prodotto (in EU si valuta la relazione sempre, in US sempre correlato se segnalazione spontanea) Atteso/Non atteso (RCP, foglietto illustrativo. Per classi di farmaci controllare informazioni per la classe e considerare inatteso l evento non specificatamente descritto per il prodotto) Listato: Company Core Safety Information (CCSI). Non è un riferimento per valutare se la reazione è attesa o meno, piuttosto è un dato che consente di gestire i report periodici 23 Farmacovigilanza post-marketing: Flusso di una Segnalazione Revisione Revisione del caso per consistenza, accuratezza e completezza Follow up se criteri minimi non sono presenti o se necessarie ulteriori informazioni (generazione queries) Tutti i contatti vengono tracciati (database e/o contact report) Data Entry e Codifica Inserimento caso in database: Assegnazione numero ID unico (generato dal sistema) per ogni caso iniziale Inserimento numero ID in database regolatori (es.- Autorità Regolatorie, EudraVigilance, etc.) Assegnazione codici in accordo a Dizionari medici, MedDRA, WHO 24 12

13 Farmacovigilanza post-marketing: Flusso di una Segnalazione Narrativa Preparata in accordo a fac-simile specifici per eventi gravi e non gravi Solitamente i casi gravi richiedono maggiori dettagli rispetto ai non gravi Narrativa per gli studi clinici post-marketing di solito richiede maggiori informazioni rispetto a segnalazioni spontanee Controllo Qualità Un secondo revisore verifica che le informazioni per ogni evento siano corrette in termini di accuratezza dei campi compilati, codifca termini, accuratezza della narrativa, accuratezza report generati (es. CIOMS, MedWatch), rivede le queries e i follow up e se necesario ritorna al primo revisore dei dati per le correzioni. 25 Farmacovigilanza post-marketing: Flusso di una Segnalazione Revisione Medica Un Medical Advisor rivede in ultima analisi il caso e controlla completezza, consistenza e accuratezza medica delle informazioni, rivede la valutazione fatta in sede di triage e la codifica medica e dei farmaci, rivede le queries/commenti ed interviene con raccomandazioni ulteriori. Se richiesto fornisce nesso di causalità. Allerta il titolare di AIC o Persona Qualificata (QP) di Farmacovigilanza di possibili suggerimenti per cambiamenti per etichetta, foglio illustrativo Revisione Finale e Inoltro Se necessario si effettua una revisione medica finale prima di distribuire il report a QP di Farmacovigilanza, titolare di ACI e altri partner (o altri contraenti se richiesto) Invio alle autorità regolatorie (normativa EU e locale tracciata nel database di Farmacovigilanza) I casi si inoltrano alle agenzie regolatorie/ema tramite il database EudraVigilance (EVPM) 26 13

14 Farmacovigilanza post-marketing: Flusso di una Segnalazione Follow Up Richiesto in caso di queries per informazioni mancanti o incomplete. Le queries sono tracciate nel database e allo stesso modo i follow up effettuati (telefono, fax, ). Il titolare di AIC deve dimostrare di avere fatto tutti i tentativi possibili per recuperare le informazioni richieste. 27 Farmacovigilanza post-marketing: Flusso di una Segnalazione Se l evento è Grave (Serious) Correlato al farmaco (Related) Inatteso (unexpected) è eleggibile per reporting velocizzato (expedited) Comunemente la tempistica è di 15 giorni di calendario Se Paesi hanno requisiti differenti, questo viene tracciato nel database di Farmacovigilanza Il Giorno 0 è la data in cui il titolare dell autorizzazione o un delegato viene a conoscenza dell AE/ADR (evento avverso/reazione avversa al farmaco) che contenga i criteri minimi per un caso valido. Tempistica indicata si applica a caso iniziale e suo follow up

15 Farmacovigilanza post-marketing: Quintiles Italia Quintiles Commercial Srl promuove specialità medicinali in co-promozione con altre aziende. Quintiles Commercial Srl è responsabile dei comportamenti e delle azioni dei propri informatori scientifici del farmaco (ISF) nel momento in cui vengono a conoscenza di Eventi Avversi (EA) che riguardano i prodotti oggetto di contratto. Ogni contratto con Sponsor prevede una sezione dedicata alle disposizioni in materia di Farmacovigilanza, nella quale devono essere specificati i nominativi dei Responsabili rispettivamente per il Cliente e per Quintiles, i tempi entro cui Quintiles è obbligata a trasferire le informazioni relative ad EA al Cliente e le modalità di tale trasferimento. Quintiles commercial riceve una formazione specifica da ogni singolo Cliente, in particolar modo orientata a comprendere quali modelli utilizzare per trasferire le informazioni relative ad EA. 29 Farmacovigilanza post-marketing: Quintiles Italia Nei progetti di co-promozione, Quintiles Commercial Srl è responsabile della gestione dei propri ISF e delle relazioni che gli stessi stabiliscono con i medici e gli altri operatori sanitari. Nel caso di segnalazione di reazione avversa il responsabile della farmacovigilanza di Quintiles Srl ha il compito di inoltrare la segnalazione al responsabile della farmacovigilanza dell Azienda titolare di AIC nel tempo più breve possibile dalla notifica di ricezione della stessa (24h/3 gg di calendario) Gli ISF devono conservare sempre in borsa alcune copie della Scheda Unica di Segnalazione di Sospetta Reazione Avversa (ADR) Quintiles Commercial Srl non si sostituisce al responsabile della farmacovigilanza dell azienda titolare di AIC

16 Farmacovigilanza in Quintiles 31 16

FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE

FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE FARMACOVIGILANZA NELLE E SPERIMENTAZIONI CLINICHE 1. Documenti di riferimento Direttiva Europea 2001/20/CE Decreto legislativo n 211 del 24 giugno 2003 Linee guida per la Buona Pratica Clinica (I.C.H.

Dettagli

MODALITA DI TRASMISSIONE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE

MODALITA DI TRASMISSIONE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DEL CRO DI AVIANO Approvato nella seduta del 11 dicembre 2013 MODALITA DI TRASMISSIONE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE 1 COME RICHIEDERE

Dettagli

Convalida di sistemi per la farmacovigilanza: : l esperienzal Zambon

Convalida di sistemi per la farmacovigilanza: : l esperienzal Zambon Convalida di sistemi per la farmacovigilanza: : l esperienzal Zambon Anna Piccolboni - Gianluigi Moroni ZAMBON GROUP S.p.A. Giorgio Civaroli CTP System The strength of innovation ZAMBON GROUP S.p.A. Fondata

Dettagli

MODALITA DI TRASMISSIONE AL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE DI TUTTE LE TIPOLOGIE DI SPERIMENTAZIONI CLINICHE

MODALITA DI TRASMISSIONE AL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DELLE RICHIESTE DI VALUTAZIONE DI TUTTE LE TIPOLOGIE DI SPERIMENTAZIONI CLINICHE ALLEGATO AL REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DEL CRO DI AVIANO Approvato nella seduta del 3 settembre 2015 MODALITA DI TRASMISSIONE AL COMITATO ETICO INDIPENDENTE DELLE RICHIESTE

Dettagli

Il Promotore di studi no-profit

Il Promotore di studi no-profit Il Promotore di studi no-profit La fattibilità e gli obblighi regolatori Alberto De Marchi Quintiles Spa Bergamo, 4 Giugno 2014 Copyright 2013 Quintiles L ambito di ricerca Settore Pubblico Settore Privato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE Art. 1 - SCOPO...2 Art. 2 - CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Art. 3 - DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 Art. 4 - PROCEDURE E RESPONSABILITA...5 Art.

Dettagli

La gestione degli eventi avversi nelle sperimentazioni cliniche

La gestione degli eventi avversi nelle sperimentazioni cliniche Definizione di evento avverso La gestione degli eventi avversi nelle sperimentazioni cliniche La definizione di evento avverso (AE) e di evento avverso serio (SAE) è riportata nelle normative (GCP), nei

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

FAQ per la gestione delle segnalazioni nell ambito della Rete Nazionale di Farmacovigilanza

FAQ per la gestione delle segnalazioni nell ambito della Rete Nazionale di Farmacovigilanza Aggiornamento marzo 2014 FAQ per la gestione delle segnalazioni nell ambito della Rete Nazionale di Farmacovigilanza Il 2 luglio 2012 è entrato in vigore il Regolamento (UE) n. 1235/2010, il 10 luglio

Dettagli

Piano d azione per l allineamento schede ADR Registri Farmaci sottoposti a Monitoraggio Rete Nazionale Farmacovigilanza

Piano d azione per l allineamento schede ADR Registri Farmaci sottoposti a Monitoraggio Rete Nazionale Farmacovigilanza Piano d azione per l allineamento schede ADR Registri Farmaci sottoposti a Monitoraggio Rete Nazionale Farmacovigilanza Ufficio Ricerca e Sperimentazione Clinica Coordinamento Registri Farmaci sottoposti

Dettagli

L esperienza al servizio della ricerca. Contract Research Organisation

L esperienza al servizio della ricerca. Contract Research Organisation L esperienza al servizio della ricerca Contract Research Organisation Bioikòs Farma è una Contract Research Organisation (CRO), che dal 1993 si occupa di studi clinici di fase e osservazionali in diverse

Dettagli

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN)

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Firenze 26 Settembre 2014 Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Regolamento (UE) n. 536/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, sulla

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Gestione del farmaco sperimentale Santina Fasani, GMO Country Head Novartis Oncologia Italia Università degli Studi di Firenze, 26 settembre

Dettagli

D I P A R T I M E N T O di FORMAZIONE CONTINUA

D I P A R T I M E N T O di FORMAZIONE CONTINUA D I P A R T I M E N T O di FORMAZIONE CONTINUA EXECUTIVE MASTER IN MONITORAGGIO DELLA RICERCA CLINICA Per il conseguimento della qualifica di Clinical Research Associate Direzione scientifica: Dr.ssa Irene

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI AREA SCIENZE DELLA VITA E DELLA SALUTE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI AREA SCIENZE DELLA VITA E DELLA SALUTE UNIVERTÀ DEGLI STUDI DI VERONA Livello I MASTER UNIVERTARIO IN FARMACOVIGILANZA E DISCIPLINE REGOLATORIE DEL FARMACO (V edizione) - A.A. 0/5 Durata Annuale CFU 0 ( anno) Lingua italiano e inglese Percentuale

Dettagli

GCP. Le Figure. Ruolo, interazioni e responsabilità SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR

GCP. Le Figure. Ruolo, interazioni e responsabilità SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR GCP Ruolo, interazioni e responsabilità Le Figure SPONSOR SPERIMENTATORE MONITOR Ruoli Sponsor: individuo o organizzazione che inizia, dirige e/o finanzia uno studio Monitor: persona designata dallo Sponsor,

Dettagli

QUALITY ASSURANCE E FARMACOVIGILANZA. PARTE II Quality Assurance in Pharmacovigilance (ii)

QUALITY ASSURANCE E FARMACOVIGILANZA. PARTE II Quality Assurance in Pharmacovigilance (ii) RASSEGNA QUALITY ASSURANCE E FARMACOVIGILANZA. PARTE II Quality Assurance in Pharmacovigilance (ii) Gianfranco De Carli Consulente di Farmacovigilanza e QA Auditor Keywords Pharmacovigilance QA Quality

Dettagli

La mente è. come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein

La mente è. come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein HIPPOCRATES RESEARCH Hippocrates Research (HR) è una Contract Research Organization che fa capo ad Hippocrates Group. Oltre che

Dettagli

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA MEDICALSTAR Via S. Gregorio, 12 20124 MILANO Tel. 02 29404825 www.medicalstar.it info@medicalstar.it Perché i Quaderni I Quaderni sono

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza, Italia.

Università Cattolica del Sacro Cuore Piacenza, Italia. Marcello Bricchi Indirizzo: PIAZZALE GRAMSCI N 6 MILANO Tel: 0039 3496923975 Data di Nascita: 01-10-1976 Nazionalità: Italiana Email: marcello.bricchi@libero.it FORMAZIONE 2006 Laurea in Biotecnologie

Dettagli

Sistema Gestione dei Rischi

Sistema Gestione dei Rischi Sistema Gestione dei Rischi Applicazioni in Farmacovigilanza Annamaria Paparella Quality Assurance Manager General Management Takeda Italia Farmaceutici S.p.A Congresso GIQAR 4-5 Giugno 2009 Rischio e

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

CONVENZIONE. Singolarmente anche indicati come la Parte e collettivamente come le Parti

CONVENZIONE. Singolarmente anche indicati come la Parte e collettivamente come le Parti CONVENZIONE TRA Gilead Sciences Srl, con sede legale in Milano Via Marostica n. 1 C.F. e P.I. 11187430159, REA 1443643, in persona del suo legale rappresentante p.t., Dott.ssa Rita Cataldo, munito degli

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino In corso la procedura di attivazione da parte degli organi accademici di competenza, al termine della quale potrà essere pubblicato il bando nel sito di Ateneo nell ambito dell offerta formativa 2014-2015.

Dettagli

Segreteria del Comitato Etico Indipendente. Settore Gestione Amministrativa Sperimentazioni Cliniche. Carta dei Servizi

Segreteria del Comitato Etico Indipendente. Settore Gestione Amministrativa Sperimentazioni Cliniche. Carta dei Servizi Segreteria del Comitato Etico Indipendente Settore Gestione Amministrativa Sperimentazioni Cliniche Carta dei Servizi Pag. 2 di 14 INDICE 1. Premessa 3 2. Mission 3 3. Il team 3 4. Il Comitato Etico Indipendente

Dettagli

Master in FARMACOVIGILANZA

Master in FARMACOVIGILANZA MAFV Master in FARMACOVIGILANZA anno accademico 2011-2012 L impatto dei social media sulla farmacovigilanza Michele Marco Palma, Marco Piolini Sanofi Aventis S.p.A, Pharmacovigilance Department, Milano

Dettagli

Guida per l utilizzo dei rapporti online fornisce

Guida per l utilizzo dei rapporti online fornisce Protezione della salute dei pazienti La presente guida per l utilizzo dei rapporti online fornisce informazioni sui campi di dati, sul formato, sulla corretta interpretazione e sulle funzionalità delle

Dettagli

ATTIVITA DI UN COMITATO ETICO. Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor Milano

ATTIVITA DI UN COMITATO ETICO. Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor Milano ATTIVITA DI UN COMITATO ETICO Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor Milano Cos è un Comitato Etico Definizione: un organismo indipendente, composto da

Dettagli

Farmacovigilanza Veterinaria

Farmacovigilanza Veterinaria Farmacovigilanza Centro Regionale della Campania Dr.ssa Silvia Cappiello(Phd,DVM) 1. La Farmacovigilanza Che cosa è la farmacovigilanza La parola farmacovigilanza deriva dal greco Pharmakon (veleno-medicina)

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE STANDARD

PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA STANDARD OPERATING PROCEDURES (SOPs) SERVIZIO RICERCA E SVILUPPO CLINICO 1 ABBREVIAZIONI 3 GLOSSARIO 4 SOP 1 Organizzazione e programmazione

Dettagli

La mente è. come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein

La mente è. come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre. Albert Einstein HIPPOCRATES RESEARCH Hippocrates Research è una Contract Research Organization che fa capo ad Hippocrates Group. Questo comprende:

Dettagli

LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI. Negrar (VR), 29 aprile 2014

LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI. Negrar (VR), 29 aprile 2014 LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI Il ruolo del ClinicalMonitor Paolo Primiero Vicepresidente Assomonitor Docente a contratto Università di Roma Tor Vergata Negrar (VR), 29 aprile 2014 Definizione

Dettagli

Impatto della nuova normativa europea di farmacovigilanza sugli studi osservazionali

Impatto della nuova normativa europea di farmacovigilanza sugli studi osservazionali Impatto della nuova normativa europea di farmacovigilanza sugli studi osservazionali Reporting rules Matteo Laurita Longo 1 GdL Farmacovigilanza «Ernesto Montagna» Riferimenti Regolamento 1235/2010 in

Dettagli

Master in FARMACOVIGILANZA

Master in FARMACOVIGILANZA MAFV Master in FARMACOVIGILANZA anno accademico 2011-2012 VALUTAZIONE DELLA QUALITà DEGLI INDIVIDUAL CASE SAFETY REPORT NELLA RETE NAZIONALE DI FARMACOVIGILANZA Evaluation of the ICRS quality in the Italian

Dettagli

La Qualità del clinical trial. M. Primula Leone Clinical Operations Director-GSK Bergamo, 10 giugno 2014

La Qualità del clinical trial. M. Primula Leone Clinical Operations Director-GSK Bergamo, 10 giugno 2014 La Qualità del clinical trial M. Primula Leone Clinical Operations Director-GSK Bergamo, 10 giugno 2014 Agenda Qualità: definizione GCP: definizione GCP: scopo e principi GCP: ruoli e responsabilità GCP:

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

Si scrive INFORMAZIONE SCIENTIFICA ma si legge PUBBLICITÀ, ovvero come interpretare e applicare il TITOLO VIII

Si scrive INFORMAZIONE SCIENTIFICA ma si legge PUBBLICITÀ, ovvero come interpretare e applicare il TITOLO VIII Si scrive INFORMAZIONE SCIENTIFICA ma si legge PUBBLICITÀ, ovvero come interpretare e applicare il TITOLO VIII Gruppo Regolatorio AFI Milano Lia Bevilacqua Attilio Sarzi Sartori AGENDA Introduzione Scopo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

Master in FARMACOVIGILANZA

Master in FARMACOVIGILANZA MAFV Master in FARMACOVIGILANZA anno accademico 2012-2013 DRUG SAFETY NEL FARMACO GENERICO: UN METODO INNOVATIVO FINALIZZATO ALLA COSTITUZIONE DI UN EFFICIENTE SISTEMA DI FARMACOVIGILANZA Drug safety in

Dettagli

giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 4430 del 28.12.2006 pag. 1/68

giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. 4430 del 28.12.2006 pag. 1/68 ALLEGATO B Dgr n. 4430 del 28.12.2006 pag. 1/68 Linee guida relative all esecuzione delle sperimentazioni cliniche dei medicinali, con particolare riferimento a quelle ai fini del miglioramento della pratica

Dettagli

Obiettivi formativi specifici e funzioni anche in relazione al particolare settore occupazionale al quale si riferiscono.

Obiettivi formativi specifici e funzioni anche in relazione al particolare settore occupazionale al quale si riferiscono. Livello: II CFU: 60 MASTER IN FARMACOVIGILANZA E DISCIPLINE REGOLATORIE DEL FARMACO A.A. 00-0 Direttore del corso: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/Dipartimento Velo Giampaolo Prof. Ordinario

Dettagli

La sperimentazione clinica con dispositivi medici

La sperimentazione clinica con dispositivi medici Raccolta ed utilizzo dei dati di performance e di safety del dispositivo medico, nelle fasi pre-marketing e post-marketing 10 e 11 giugno 2014 Sconto Early Bird di 100 euro per iscrizioni entro il 27/05/2014

Dettagli

Il Project Management nel Drug Development come meccanismo organizzativo tra Casa Farmaceutica, Clinical Research Organization e Strutture Sanitarie

Il Project Management nel Drug Development come meccanismo organizzativo tra Casa Farmaceutica, Clinical Research Organization e Strutture Sanitarie Il Project Management nel Drug Development come meccanismo organizzativo tra Casa Farmaceutica, Clinical Research Organization e Strutture Sanitarie "GESTIRE, INNOVARE, CURARE. Esperienze di Project Management

Dettagli

Enrica Morra S.C. Ematologia, A.O. Niguarda Ca Granda Milano

Enrica Morra S.C. Ematologia, A.O. Niguarda Ca Granda Milano Enrica Morra S.C. Ematologia, A.O. Niguarda Ca Granda Milano 1 Lo sviluppo clinico di un farmaco Processo essenziale nell ambito della cura delle malattie. Attività complessa, che nell ultimo secolo è

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

La sperimentazione clinica con dispositivi medici

La sperimentazione clinica con dispositivi medici Raccolta ed utilizzo dei dati di performance e di safety del dispositivo medico, nelle fasi pre-marketing e post-marketing Nuova data 13 aprile 2015 10 marzo e 13 aprile 2015 - Milano Sconto Early Bird

Dettagli

La Farmacovigilanza e la Normativa Italiana. Dott. Pietro Giuffrida

La Farmacovigilanza e la Normativa Italiana. Dott. Pietro Giuffrida La Farmacovigilanza e la Normativa Italiana Dott. Pietro Giuffrida La Talidomide attorno al 1950 fu impiegata nel trattamento di disturbi del primo trimestre di gravidanza tipo ansia o nausea, usata in

Dettagli

Definizione di segnale

Definizione di segnale Signal detection Laura Sottosanti Ugo Moretti Definizione di segnale Information that arises from one or multiple sources (including observations and experiments), which suggests a new potentially causal

Dettagli

I DISPOSITIVI MEDICI

I DISPOSITIVI MEDICI I DISPOSITIVI MEDICI STUDI CLINICI Dott. Ing. Elena Venturelli Merc s.r.l. ww.merc21.it 1 RINGRAZIAMENTI D o t t. s s a C a r o l i n a G u a l t i e r i U. O. E n d o s c o p i a D i g e s t i v a C h

Dettagli

Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici

Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici Congresso Nazionale GIQAR 2012 - Torino Audit a studi clinici in cui si utilizzano sistemi elettronici Romina Zanier Computerised System Validation Specialist SIGMA-TAU ecrf electronic Case Report Form

Dettagli

CAMPUS NEUROMED IDEE PER LA CRESCITA DEL MANAGEMENT NELLA SANITA. (Maggio-Novembre 2013) in collaborazione con

CAMPUS NEUROMED IDEE PER LA CRESCITA DEL MANAGEMENT NELLA SANITA. (Maggio-Novembre 2013) in collaborazione con in collaborazione con IDEE PER LA CRESCITA DEL MANAGEMENT NELLA SANITA CAMPUS NEUROMED (Maggio-Novembre 2013) in collaborazione con Aree di intervento Destinatari - Dipendenti di strutture sanitarie pubbliche

Dettagli

La banca dati EUDAMED nella nuova direttiva e i rapporti con il RDM

La banca dati EUDAMED nella nuova direttiva e i rapporti con il RDM La banca dati EUDAMED nella nuova direttiva e i rapporti con il RDM Claudia Biffoli Ministero della Salute Direzione Generale del Sistema Informativo II Conferenza Nazionale sui Dispositivi medici Sessione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI MACRO AREA SCIENZE DELLA VITA E DELLA SALUTE AREA DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE DIDATTICA E SERVIZI AGLI STUDENTI MACRO AREA SCIENZE DELLA VITA E DELLA SALUTE AREA DI MEDICINA E CHIRURGIA MASTER UNIVERTARIO IN FARMACOVIGILANZA E DISCIPLINE REGOLATORIE DEL FARMACO A.A. 01/1 Livello I ANAGRAFICA DEL CORSO - A Durata Annuale CFU 60 (1 anno) Lingua Italiano - Inglese Percentuale di frequenza

Dettagli

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013 Regolamento dell iter aziendale relativo agli studi osservazionali, alle sperimentazioni cliniche, alle iniziative di ricerca assimilabili, istituzione del Clinical Trial Center (C.T.C.) ed individuazione

Dettagli

NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE

NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE NUOVI MODELLI DI RICERCA CLINICA NEL CONTESTO INTERNAZIONALE L UFFICIO RICERCHE CLINICHE E LE SPERIMENTAZIONE CLINICHE NELL IRCCS OSPEDALE SAN RAFFAELE Elisabetta Riva Ufficio Ricerche Cliniche IRCCS Ospedale

Dettagli

Milano, 09.09.2014 Gruppo di lavoro internazionale AssoSubaMed. Assobiomedica STEFANIA MARIANI

Milano, 09.09.2014 Gruppo di lavoro internazionale AssoSubaMed. Assobiomedica STEFANIA MARIANI Esportare dispositivi medici a base di sostanze, opportunità e rischi presentazione delle Procedure e requisiti per la di dispositivi medici a base di sostanze in diversi Paesi extraeuropei Milano, 09.09.2014

Dettagli

AFI 10-11-12 GIUGNO 2009

AFI 10-11-12 GIUGNO 2009 AFI 10-11-12 GIUGNO 2009 TERZIARIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE DEL FARMACO NEI PAESI EXTRA E.U. VANTAGGI E CRITICITA Presentazione: Andrea Capocchi 1 COUNTRY FOCUS - Esclusione dei Paesi: Usa Canada Australia

Dettagli

L Incident Reporting

L Incident Reporting ESPERIENZE IN TEMA DI RISK MANAGEMENT METODOLOGIA, STRUMENTI,, APPLICAZIONI L Incident Reporting Dott. Antonio Maria Pinna Clinical Risk Manager ASL 3 Nuoro Il sistema di incident reporting: cos è L incident

Dettagli

Roma,, 28 febbraio 2011

Roma,, 28 febbraio 2011 Roma,, 28 febbraio 2011 Ricerca e Sperimentazione Clinica N...RSC/20698/P Risposta al Foglio del... N... Ai referenti dell Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica (OsSC) di: Promotori CRO

Dettagli

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE 1 Ufficio di Segreteria tecnico-scientifica del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica delle Province di Verona e

Dettagli

Il ruolo di AIFA nella Ricerca Clinica. Luca Pani DG@aifa.gov.it

Il ruolo di AIFA nella Ricerca Clinica. Luca Pani DG@aifa.gov.it Il ruolo di AIFA nella Ricerca Clinica Luca Pani DG@aifa.gov.it Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono personali e non possono essere considerate o citate

Dettagli

Percorso formativo in Drug Regulatory Affairs

Percorso formativo in Drug Regulatory Affairs Percorso formativo in Drug Regulatory Affairs 7, 8 e 9 Ottobre 2014 - Milano Obiettivo del corso Il corso intende fornire ai partecipanti un quadro completo e sintetico dei principali aspetti che regolano

Dettagli

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl.

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Indagini cliniche con dispositivi medici

Indagini cliniche con dispositivi medici Semplificare l accesso alla sperimentazione clinica e realizzazione dell osservatorio nazionale delle indagini cliniche post-market Indagini cliniche con dispositivi medici Aggiornamenti e novità Dott.ssa

Dettagli

Il nostro obiettivo è offrire la migliore soluzione alle vostre esigenze

Il nostro obiettivo è offrire la migliore soluzione alle vostre esigenze Consulenze Il nostro obiettivo è offrire la migliore soluzione alle vostre esigenze Cosmetica Italia, tramite Unipro Servizi s.r.l., risponde alle esigenze e alle richieste delle aziende e del mercato,

Dettagli

OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità

OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità Corso sull Osservatorio Nazionale sulla Sperimentazione Clinica dei Medicinali (OsSC) rivolto ai Comitati Etici OsSC Il sistema, flussi informativi e funzionalità Federica Ronchetti Bologna, 12, 13, 19,

Dettagli

OsSC Corso Formazione Normativa e processo

OsSC Corso Formazione Normativa e processo OsSC Corso Formazione Normativa e processo Paola Aita, Antonio Galluccio, Raffaella Maione Febbraio Aprile 2014 Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa presentazione sono

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Aspetti legali, assicurativi e privacy nelle sperimentazioni cliniche Francesco Mazza Direttore Legale, Fiscale e Rapporti con le Associazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica della Provincia di Rovigo Azienda ULSS 18 Rovigo Azienda ULSS 19 Adria REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA COMITATO ETICO PROVINCIALE

Dettagli

Gli strumenti di gestione del rischio

Gli strumenti di gestione del rischio Gli strumenti di gestione del rischio Patrizio Di Denia Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna patrizio.didenia@ior.it 19 Novembre 2008 Sappiamo che. Gestione del rischio Individuazione del rischio Incident

Dettagli

e medicale Servizi di traduzione per l industria farmaceutica Visitate il nostro sito web: http://www.pharmatrad.com

e medicale Servizi di traduzione per l industria farmaceutica Visitate il nostro sito web: http://www.pharmatrad.com e medicale Servizi di traduzione per l industria farmaceutica Visitate il nostro sito web: http://www.pharmatrad.com Chiariamo le idee: chi NON siamo e cosa NON facciamo PharmaTrad NON è un agenzia di

Dettagli

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE

DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE DEFINITION, STRUCTURE, CONTENT, USE AND IMPACTS OF ELECTRONIC HEALTH RECORDS: A REVIEW OF THE RESEARCH LITERATURE Kristiina Hayrinen, Kaija Saranto, Pirkko Nykanen. International Journal of Medical Infomratics

Dettagli

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE

LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE LINEE GUIDA E MODULISTICA PER LA RICHIESTA DI VALUTAZIONE DI RICERCHE BIOMEDICHE 1 Ufficio di Segreteria tecnico-scientifica del Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica delle Province di Verona e

Dettagli

Procedure per la presentazione di una richiesta di valutazione di Studio clinico con Dispositivi medici Commerciale

Procedure per la presentazione di una richiesta di valutazione di Studio clinico con Dispositivi medici Commerciale Procedure per la presentazione di una richiesta di valutazione di Studio clinico con Dispositivi medici Commerciale Il fabbricante di dispositivi medici non muniti di marcatura CE e destinati a sperimentazioni

Dettagli

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Il concetto di market access ed i suoi quattro elementi base Il ruolo dell Health Technology Assessmemt

Dettagli

Domande e risposte sulle misure pratiche di transizione per l'applicazione della legislazione farmacovigilanza

Domande e risposte sulle misure pratiche di transizione per l'applicazione della legislazione farmacovigilanza 27 July 2012 EMA/228816/2012 v.2 Patient Health Protection Domande e risposte sulle misure pratiche di transizione per l'applicazione della legislazione farmacovigilanza Introduzione Questo documento di

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA L Università degli Studi di Camerino, Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA Anno accademico 2012/2013 VISTO lo Statuto, emanato con Decreto Rettorale n. 148 del 25 febbraio

Dettagli

A1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - PROFIT

A1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - PROFIT A1. SPERIMENTAZIONE CLINICA DEI MEDICINALI - PROFIT Comitato Etico per la Ricerca Biomedica delle Province di Chieti e di Pescara ELENCO DEI DOCUMENTI RICHIESTI 1. Eventuale atto di delega ad una CRO,

Dettagli

Master in FARMACOVIGILANZA

Master in FARMACOVIGILANZA Angolo del master MAFV Master in FARMACOVIGILANZA anno accademico 2011-2012 La qualità in Farmacovigilanza nella nuova legislazione e la gestione secondo qualità della notifica delle segnalazioni di reazioni

Dettagli

Come realizzare la Valutazione Clinica dei Dispositivi Medici. in linea con le normative ICH/GCP e ISO. 2 giorni di approfondimento specifico per:

Come realizzare la Valutazione Clinica dei Dispositivi Medici. in linea con le normative ICH/GCP e ISO. 2 giorni di approfondimento specifico per: 2 giorni di approfondimento specifico per: Preparare il protocollo di sperimentazione clinica e conoscere ruoli e responsabilità dei soggetti coinvolti Procedere ad una ricerca per i mercati internazionali

Dettagli

Vademecum dell Informatore Scientifico del Farmaco Parte I

Vademecum dell Informatore Scientifico del Farmaco Parte I Centro Studi Federisf Vademecum dell Informatore Scientifico del Farmaco Parte I Manuale pratico per il professionista del farmaco Aspetti legislativi contrattuali, normativi e sindacali IV Edizione Gennaio

Dettagli

EORTC EUROPEAN ORGANISATION FOR RESEARCH AND TREATMENT OF CANCER GRUPPO DI STUDIO TECNICI RADIOTERAPISTI

EORTC EUROPEAN ORGANISATION FOR RESEARCH AND TREATMENT OF CANCER GRUPPO DI STUDIO TECNICI RADIOTERAPISTI EORTC EUROPEAN ORGANISATION FOR RESEARCH AND TREATMENT OF CANCER GRUPPO DI STUDIO TECNICI RADIOTERAPISTI LINEE GUIDA PER TECNICI RADIOTERAPISTI SULLA GESTIONE DI STUDI CLINICI CONTROLLATI CON RADIOTERAPIA

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS L Università degli Studi di Camerino, Anno accademico 2013/2014 VISTO lo Statuto, emanato

Dettagli

Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio clinico e accreditamento Dott. Dario Seghezzi

Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio clinico e accreditamento Dott. Dario Seghezzi RISK MANAGEMENT IN OSPEDALE Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio 1 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale 2 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 HEALTHCARE Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA

REGOLAMENTO DEL COMITATO ETICO PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA Comitato Etico per la Sperimentazione Clinica della Provincia di Venezia e IRCCS San Camillo Azienda ULSS 12 Veneziana Azienda ULSS 13 Dolo Mirano Azienda ULSS 10 San Donà Portogruaro Azienda ULSS 14 Chioggia

Dettagli

USO SICURO DEI FARMACI NEL TERRITORIO

USO SICURO DEI FARMACI NEL TERRITORIO Al servizio di gente unica USO SICURO DEI FARMACI NEL TERRITORIO GRUPPO DI LAVORO REGIONALE SULLA SICUREZZA DELLA GESTIONE DEL FARMACO NELLE STRUTTURE TERRITORIALI UDINE 9 ottobre 2014 Premesse metodologiche

Dettagli

Registrazioni e approvazioni. internazionali

Registrazioni e approvazioni. internazionali Registrazioni L obiettivo di Thema è ottenere per i suoi Clienti le richieste dalle normative in tempi brevi. Thema come azienda delegata dai propri Clienti si interfaccia con le più importanti autorità

Dettagli

Il ruolo dei Centri di Riferimento Regionale per la farmacovigilanza: l esperienza della Campania

Il ruolo dei Centri di Riferimento Regionale per la farmacovigilanza: l esperienza della Campania RASSEGNA Il ruolo dei Centri di Riferimento Regionale per la farmacovigilanza: l esperienza della Campania Annalisa Capuano 1 *, Mariapina Gallo 1, Concetta Rafaniello 1, Margherita De Florio 2, Francesco

Dettagli

Nuovo regolamento Europeo delle Sperimentazioni Cliniche: what sgoingon?

Nuovo regolamento Europeo delle Sperimentazioni Cliniche: what sgoingon? Nuovo regolamento Europeo delle Sperimentazioni Cliniche: what sgoingon? Celeste Cagnazzo Clinical Research Coordinator Ufficio Studi Clinici IRCCS Candiolo OGGI:DIRETTIVA 2001/20/CE DOMANI:REGOLAMENTO

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE Tale massimale si applica indipendentemente dalla forma degli aiuti o dall obiettivo perseguito. 2. Per gli aiuti concessi sotto la vigenza della regolamentazione de minimis di cui alla determinazione

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Rapporto sul programma di farmacovigilanza attiva finanziato attraverso i fondi regionali disponibili per gli anni 2008 e 2009

Rapporto sul programma di farmacovigilanza attiva finanziato attraverso i fondi regionali disponibili per gli anni 2008 e 2009 Rapporto Fondi Regionali FV_Prima Parte 09/09/13 10.42 Pagina 1 Rapporto sul programma di farmacovigilanza attiva finanziato attraverso i fondi regionali disponibili per gli anni 2008 e 2009 Rapporto Fondi

Dettagli

Risk Management in pratica

Risk Management in pratica Risk Management in pratica Raffaele Di Marzo I 50 anni di SSFA e la ricerca clinica in Italia Roma, 1 aprile 2014 1 Risk Management: Case study Risk Mangement-Tracking tool Uno strumento pratico aziendale

Dettagli

LA VALUTAZIONE CLINICA E IL RUOLO DEI COMITATI ETICI

LA VALUTAZIONE CLINICA E IL RUOLO DEI COMITATI ETICI II CONFERENZA NAZIONALE SUI DISPOSITIVI MEDICI Direttiva 47/07 Monitoraggio e controllo dei costi LA VALUTAZIONE CLINICA E IL RUOLO DEI COMITATI ETICI Giacomo Chiabrando Segreteria Tecnico-Scientifica

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

MAXER CONSULTING: PROFILO E AREE DI COMPETENZA. www.maxerconsulting.com. Luglio 2015

MAXER CONSULTING: PROFILO E AREE DI COMPETENZA. www.maxerconsulting.com. Luglio 2015 MAXER CONSULTING: PROFILO E AREE DI COMPETENZA www.maxerconsulting.com Luglio 2015 INDICE Profilo Aree di competenza Pharma Specific Comunicazione Process & Change Management Progetti identitari Programmi

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

Corso di Laurea Magistrale in Farmacia Universita degli Studi di Milano Corso di Laurea Magistrale in Farmacia Aspetti di economia e marketing dei medicinali e medicinali generici - Modulo: Medicinali generici Prof. Andrea Gazzaniga Il Mercato

Dettagli