Lezione 2. Globalizzazione e outsourcing

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 2. Globalizzazione e outsourcing"

Transcript

1 Lezione 2 Globalizzazione e outsourcing

2 Introduzione La crescente integrazione dei mercati mondiali si è accompagnata negli ultimi decenni alla disintegrazione dei processi produttivi: alcune fasi della produzione manifatturiera e alcuni servizi sono delocalizzati all estero e sono combinati con quelli realizzati internamente. Questo fenomeno è stato identificato in numerosi modi dagli economisti: Krugman (1996) parla di slicing the value chain, Leamer (1996) preferisce il termine delocalization, Deardorff (2005) usa il termine fragmentation. E ancora numerose altre definizioni sono state utilizzate in letteratura: production sharing, globalized production, offshoring, outsourcing, etc.

3 Introduzione Alcuni economisti distinguono le tipologie di delocalizzazione a seconda della proprietà: si parla di vertical FDI o intra-firm trade o, talvolta, di offshoring quando la proprietà è della multinazionale che delocalizza; si parla di international outsourcing o arm s length trade quando la proprietà è dell impresa estera. Già a partire dalla metà degli anni 60 erano stati istituiti programmi di delocalizzazione produttiva dagli USA in Messico (Maquilladora) sotto un regime tariffario favorevole. E già negli anni 70 le imprese tedesche effettuavano delocalizzazioni produttive nell Asia orientale nel settore tessile. Tuttavia, è negli anni 80 che il fenomeno diventa consistente soprattutto per USA e Giappone.

4

5 Introduzione

6 Introduzione Mentre negli anni con il termine outsourcing si faceva riferimento soprattutto alla delocalizzazione di fasi produttive relative a beni fisici, negli anni recenti il termine si riferisce soprattutto al commercio internazionale di servizi: per esempio, call center delocalizzati a Bangalore per servire utenti di New York, radiografie trasmesse digitalmente da Boston per essere lette a Bombay, etc. Le nuove tecnologie informatiche e della comunicazione permettono di rendere tradable servizi che non lo erano in precedenza.

7 Introduzione Nella presente lezione, dopo un chiarimento sulla definizione di outsourcing secondo il WTO, passeremo a considerare alcuni schemi analitici che descrivono i possibli effetti dell outsourcing sul reddito nazionale, sui salari e sulla distribuzione del reddito. Inizialmente analizzeremo modelli come quello di Bhagwati et al. (2004) in cui l outsourcing (inteso come offshore trade in arm s length service ) può essere studiato come un semplice fenomeno di commercio internazionale e, pertanto, illustrato secondo gli schemi standard della teoria del commercio internazionale. Successivamente passeremo a considerare lo schema analitico di Baldwin che, basandosi su Blinder (2006) e Grossman, Rossi-Hansberg (2006), parla di un nuovo paradigma interpretativo associato all outsourcing che va al di là degli schemi standard della teoria del commercio internazionale

8 Piano della lezione La definizione di outsourcing secondo il WTO Outsourcing e teoria standard del commercio internazionale nello schema di Bhagwati et al. (2004) Outsourcing: un nuovo paradigma interpretativo? L analisi di Baldwin (2007)

9 La definizione di outsourcing secondo il WTO Il WTO distingue 4 modalità in cui i servizi possono essere commerciati internazionalmente. Modalità 1. Il commercio in servizi consiste in uno scambio a distanza in cui il fornitore e l acquirente restano nelle proprie sedi (arm s length trade). Le ICT hanno contribuito molto a questo tipo di scambio. Lo scambio può avvenire tra imprese (call center, back office, programmazione di software, contabilità, etc.) oppure tra fornitori individuali (architetti, designer, consulenti, etc) e consumatori (o imprese) Modalità 2. Il commercio in servizi consiste in uno scambio in cui l acquirente raggiunge la sede del fornitore. Esempi: il turismo, le cure mediche fornite a pazienti stranieri, l istruzione fornita a studenti stranieri.

10 La definizione di outsourcing secondo il WTO Modalità 3. Il fornitore stabilisce una presenza commerciale nel paese straniero sede dell acquirente. Questa offerta di servizi implica un elemento di IDE, sia pur in forma limitata. Esempi: banche e assicurazioni. Modalità 4. Il commercio in servizi consiste in uno scambio in cui il fornitore raggiunge la sede dell acquirente. Esempi: costruzioni, attività di consulenza, cure mediche portate nel paese straniero, istruzione portata nel paese straniero. Questo tipo di scambio comporta un emigrazione temporanea. Paradossalmente, nelle trattative in sede GATT (WTO dopo) la modalità 1 risultò essere la meno controversa al contrario della 3 e 4. I paesi avanzati spingevano per favorire la presenza commerciale all estero (modalità 3), mentre si opponevano alla presenza straniera attraverso la modalità 4. L attitudine dei paesi meno avanzati era opposta.

11 La definizione di outsourcing secondo il WTO Attualmente, la maggior parte degli economisti si riferisce alla modalità 1 quando parla di outsourcing. Tuttavia, nel dibattito pubblico (non solo accademico) sugli effetti dell outsourcing su salari e occupazione spesso si includono indiscriminatamente nella modalità 1 le importazioni di componenti da parte delle imprese manifatturiere o gli IDE. Ma questo è scorretto e crea confusione nella comprensione del fenomeno. Nel modello di Bhagwati et al., che ci apprestiamo a considerare, l outsourcing consiste strettamente nella modalità 1 secondo la definizione WTO che abbiamo riportato.

12 Il modello di Bhagwati, Panagariya e Srinivasan (2004) Come si è detto, nel modello di BPS gli effetti dell outsourcing sono analizzati secondo l approccio della teoria standard del commercio internazionale. Secondo quest ultima, l analisi procede guardando agli effetti del passaggio dall autarchia al free trade in termini di: 1) incremento del reddito nazionale di ciascuna nazione; 2) cambiamento nella distribuzione del reddito (dato che l analisi è di lungo periodo e presuppone il pieno impiego, l aggiustamento dei prezzi dei fattori necessario a garantire la piena occupazione ha effetti sulla distribuzione dei redditi). Lo stesso approccio è seguito nel modello che segue.

13 Il modello di Bhagwati, Panagariya e Srinivasan (2004) Tre versioni del modello sono presentate. 1. Un unico bene e due fattori di produzione (K e L). 2. Due beni e tre fattori (due specifici rispettivamente alla produzione di ciascun bene, K e L un, e il terzo usato in entrambe le produzioni, L sk ) 3. Tre beni e due fattori: i beni 1 e 2 sono tradable, il bene 3 è un servizio inizialmente non tradable.

14 Vantaggi dell outsourcing nel modello a un bene La versione 1 E chiaro che inizialmente, con un unico bene, non c è scopo per il commercio internazionale. Ma l opportunità dell outsourcing apre la possibilità di commerciare i servizi del lavoro per la produzione del bene finale. In questo caso, il modello conduce in modo non ambiguo ad un incremento di welfare con i consueti effetti redistributivi tra i fattori. La versione 1 del modello è riportata nel grafico che segue. La curva MP L rappresenta la produttività marginale del lavoro (si assumono rendimenti decrescenti). La dotazione di lavoro è L 0 e W 0 rappresenta il salario reale iniziale. In questo caso, il monte salari è dato dall area del rettangolo 0W 0 E 0 L 0. Il rendimento del capitale è dato dall area al di sotto della curva MP L e al di sopra della linea W 0 E 0

15 Vantaggi dell outsourcing nel modello a un bene

16 Vantaggi dell outsourcing nel modello a un bene (1) Supponiamo che un innovazione tecnologica permetta all economia di acquistare elettronicamente all estero i servizi del lavoro al salario W. L economia continua ad impiegare la stessa dotazione di lavoro domestico L 0 ma ad un salario più basso, W. Inoltre, l economia acquisterà lavoro estero nella misura di L 0 L pagando il rettangolo L 0 L E R. Il lavoro domestico riceve in aggregato 0L 0 RW e il capitale l area al di sotto della curva MP L e al disopra della linea orizzontale W E. Pertanto, Il reddito complessivo del paese crescerà di un ammontare pari all area E 0 RE : questo è l incremento totale di welfare dovuto all outsourcing. Ovviamente vi saranno effetti redistributivi con i lavoratori penalizzati in termini del rettangolo W 0 E 0 RW, e i capitalisti avvantaggiati in termini dell area W 0 E 0 E W.

17 Il modello di Bhagwati, Panagariya e Srinivasan (2004) Nella seconda versione si considerano due beni e tre fattori (due specifici rispettivamente alla produzione di ciascun bene, K e L un, e il terzo usato in entrambe le produzioni, L sk ). Inizialmente, il modello prevede lo scambio internazionale convenzionale di beni a prezzi mondiali fissi. Successivamente, subentra l outsourcing e anche in questo caso il welfare aggregato aumenta ma con effetti redistributivi tra i fattori.

18 Vantaggi dell outsourcing in presenza di commercio (2) Il secondo modello è a fattori specifici: il settore che produce il bene import-competing utilizza lavoro unskilled come fattore specifico, mentre il settore esportatore utilizza il capitale come fattore specifico. Il lavoro skilled è il fattore comune utilizzato in entrambe le produzioni. Nella figura che segue, vediamo che in corrispondenza dell equilibrio iniziale di free trade (senza outsourcing) l asse rappresenta la dotazione domestica di lavoro skilled. Le curve VMPL 1 e VMPL 2 rappresentano il valore del prodotto marginale del lavoro skilled nelle due produzioni. L allocazione di equilibrio del lavoro skilled si ha in corrispondenza di S 0 dove il salario è lo stesso nelle due produzioni ed è pari a R 0. Il PIL è misurato dalla somma delle aree al di sotto delle due curve VMPL fino al punto S 0.

19 Vantaggi dell outsourcing in presenza di commercio (2)

20 Vantaggi dell outsourcing in presenza di commercio (2) Supponiamo ora che un innovazione tecnologica permetta di fare outsourcing in termini di lavoro skilled. I servizi di quest ultimo verranno importati al salario R. In corrispondenza di questo nuovo salario, vi sarà un eccesso di domanda di lavoro skilled pari a GE. Questa domanda verrà soddisfatta con l outsourcing che espande l offerta di lavoro skilled di in modo che = GE. Nel nuovo equilibrio il settore 1 impiegherà S 0 S di lavoro importato e il settore 2 la quantità S S. L outsourcing genera un aumento del reddito nazionale. Quest ultimo è misurato in termini di area al di sotto delle curve VMPL. Confrontando le aree prima e dopo l outsourcing, è facile verificare che l incremento di reddito è dato dalla somma delle due aree E 0 FE (settore 1) e ABE (settore 2). Per quanto riguarda gli effetti redistributivi, sotto l ipotesi di rendimenti decrescenti, l incremento nell uso del lavoro skilled genererà un incremento del salario degli unskilled e un aumento del rendimento del capitale.

21 Vantaggi dell outsourcing in presenza di commercio (2) L outsourcing è dunque benefico in termini aggregati se si fa l ipotesi del paese piccolo. Se però si assume che il paese è abbastanza grande da influenzare i prezzi internazionali, l effetto aggiuntivo sulle ragioni di scambio potrebbe contrastare o esaltare l incremento di welfare generato dall outsourcing. Se per esempio l outsourcing permette di aumentare l offerta del bene esportato al di sopra della domanda mondiale, si determinerà un deterioramento delle ragioni di scambio che eroderà i vantaggi dell outsourcing. Se invece l outsourcing permette di espandere l output del bene import-competing, si ridurrà la domanda di importazioni determinando un miglioramento delle ragioni di scambio che si andrà ad aggiungere ai vantaggi dell outsourcing

22 Modello 3: entrambi i fattori guadagnano dall outsourcing Nella terza versione del modello, si considerano tre beni e due fattori. Inizialmente, due beni sono tradable e il terzo è non tradable. Successivamente il bene non tradable diventa tradable on line ed è importato ad un prezzo più basso. In questo caso, l outsourcing conduce ad un incremento di welfare per entrambi i fattori. La versione 3 del modello di BPS, come si è detto, è a tre beni e due fattori: i beni 1 e 2 sono tradable, il bene 3 è un servizio non tradable. Il paese è piccolo e produce entrambi i due beni tradable ai prezzi internazionali. La concorrenza perfetta assicura che il costo unitario (che è funzione dei prezzi dei due fattori) sia uguale al prezzo internazionale per ciascuno dei due beni. Finché i prezzi dei beni sono fissi (esogenamente determinati), anche i prezzi dei fattori saranno fissi. Questo implica che anche il costo unitario del bene 3 è ugualmente fissato, implicando una curva di offerta orizzontale.

23 Modello 3: entrambi i fattori guadagnano dall outsourcing Supponiamo che il bene 3 diventi tradable ed è acquistabile all estero ad un prezzo più basso di quello praticato all interno. L offerta domestica del bene 3 scomparirà del tutto e i fattori produttivi saranno assorbiti nei settori 1 e 2. Le remunerazioni dei fattori in termini dei prezzi dei beni 1 e 2 rimarranno immutate, ma aumenteranno in termini del bene 3, dato che il prezzo di questo bene è diminuito. In questo modello, dunque, entrambi i fattori traggono vantaggio dall outsourcing. Il messaggio generale del modello di BPS è che l offshoring ha effetti generalmente positivi per l economia.

24 Outsourcing: un nuovo paradigma interpretativo? Recentemente alcuni eminenti economisti dell Università di Princenton, (Grossman, Blinder) hanno fatto notare che la globalizzazione è entrata in una fase nuova e del tutto differente da quella precedente, tanto da richiedere un nuovo paradigma per essere interpretata. I titoli degli articoli di questi due autori sull argomento sono emblematici: Grossman et al. (2006) The rise of Offshoring: it s Not Wine for Cloth Anymore, Blinder (2006), Offshoring: the Next Industrial Revolution? Baldwin (2007), passando in rassegna i nuovi contributi che cercano di offrire una nuova chiave interpretativa delle tendenze recenti dei processi di internazionalizzazione, pone a confronto vecchio e nuovo paradigma della globalizzazione contribuendo a chiarirne le differenze.

25 Outsourcing: un nuovo paradigma interpretativo? Nella prima fase della globalizzazione (che include le due ondate che conosciamo), la riduzione dei costi di trasporto ha posto fine alla necessità di produrre i beni vicino ai luoghi di consumo. Nella seconda fase, la rapida caduta dei costi di comunicazione e di coordinamento ha permesso di porre fine alla necessità di concentrare spazialmente tutte le fasi di produzione di un bene. Più recentemente, la separazione spaziale ha riguardato i servizi. Quindi non solo la frammentazione delle fabbriche ma anche degli uffici. Mentre la teoria standard del commercio internazionale è il vecchio paradigma che serve a spiegare la prima fase della globalizzazione, un nuovo paradigma è necessario per comprendere la seconda fase

26 Outsourcing: un nuovo paradigma interpretativo? Nel primo paradigma interpretativo, l unità di analisi era il settore e le imprese all interno di esso. Il commercio internazionale favoriva alcune imprese e danneggiava altre. Poiché la maggior parte delle imprese appartenenti ad un settore erano accomunate dalla stessa sorte, anche il tipo di lavoro utilizzato più intensivamente nel settore seguiva la stessa sorte delle imprese e del settore e quindi l accorpamento di questo tipo di lavoro (per esempio, skilled vs unskilled) in un unico aggregato era utile dal punto di vista analitico per valutare gli effetti redistributivi del commercio internazionale. Nella seconda fase della globalizzazione, la competizione non è tanto tra imprese o settori ma è tra task (mansioni, compiti) all interno dell impresa. Questa circostanza altera sostanzialmente l approccio analitico precedente

27 T

28

29 Il vecchio paradigma Il vecchio paradigma si concentra, dunque, sui settori (non sui task) e sul costo declinante dei beni commerciabili (non delle idee). Il grafico che segue mostra la logica del vecchio paradigma. L asse delle ordinate mostra i settori dell UE ordinati secondo il vantaggio comparato in ordine decrescente: i settori di vantaggio comparato sono più a sinistra, quelli meno competitivi sono a destra. La curva A mostra la produttività delle imprese UE. Il settore borderline is z : in questo settore, il differenziale di produttività dell UE nei confronti del Sud del mondo compensa esattamente il differenziale salariale (la curva A incrocia la retta del differenziale salariale). Pertanto, i settori a sinistra di z sono settori forti dell UE (in termini di prezzo, qualità, etc.) perché il differenziale di produttività più che compensa il differenziale salariale; i settori a destra sono quelli più deboli per il motivo opposto.

30

31 Il vecchio paradigma Se consideriamo i costi di trasporto, il costo dei prodotti UE sui mercati del Sud è maggiore; questa circostanza fa spostare a sinistra la curva A (che diventa Aτ): adesso in corrispondenza di z il Sud è più competitivo perché il differenziale di produttività UE non riesce a compensare il differenziale salariale. Allora il settore borderline con costi di trasporto per l UE diventa z x. I costo di trasporto hanno lo stesso effetto sulla competitività del Sud sui mercati UE: in questo caso, la A slitta verso destra e diventa A/τ e il settore borderline con costi di trasporto per il Sud diventa z m. E evidente che i settori compresi tra z x e z m non saranno commerciati perché in questi settori l UE sul suo mercato interno è più competitiva del Sud ma è meno competitiva sui mercati del Sud.

32 Il vecchio paradigma Con la caduta dei costi di trasporto, il settore borderline dell UE slitta a destra e così aumenteranno le esportazioni nei settori da z x a z. Il settore borderline del Sud slitterà a sinistra e quindi le produzioni UE in questi settori prima non tradable saranno rimpiazzate dalle importazioni dal Sud (il Sud esporterà nei settori da z m a z ). In conclusione, se la competizione internazionale avviene tra settori e se i costi di trasporto subiscono un calo generalizzato comune a tutti i settori, i settori vincenti saranno quelli che erano comunque di vantaggio comparato fin dall inizio e i lavoratori vincenti saranno quelli che lavorano più intensivamente nei settori vincenti. L opposto accade per i settori declinanti e per i lavoratori di questi settori. E la storia raccontata dalla teoria standard del commercio internazionale.

33 Il vecchio paradigma Le implicazioni di policy associate al vecchio paradigma nel caso dell UE sono chiare: se la liberalizzazione commerciale avvantaggia i settori di vantaggio comparato (nel caso UE, quelli più skill intensive) allora le misure di politica economica devono puntare ad un upgrading nel livello di istruzione della forza lavoro (Società dell informazione). La tabella che segue mostra che ad ogni livello di skill, nel caso della Germania Ovest, i task routinari seguono un trend decrescente. I sostenitori del vecchio paradigma interpreterebbero allora questa evidenza empirica come un inequivocabile upgrading nel livello di skill della forza lavoro e come un suggerimento a implementare politiche che accrescano il livello di skill della forza lavoro in futuro. Quando dal vecchio paradigma si passa al nuovo paradigma queste certezze in termini di policy sono meno chiare.

34 Politiche economiche basate sul vecchio paradigma Sulla base del vecchio paradigma un buon politico deve destinare risorse pubbliche verso i settori vincenti. Ad es. l Agenda di Lisbona ha posto una forte enfasi sulla società dell informazione e sulla economia della conoscenza. La forza lavoro delle economie europee dovrebbe spostarsi verso attività che richiedono più capitale umano e maggiore capacità di analisi.

35

36 Vecchio e nuovo paradigma

37 Il nuovo paradigma Il diagramma che segue è molto simile a quello precedente, solo che adesso la competizione in Europa avviene tra task e non tra settori. Sull asse delle ascisse sono riportati i task ordinati in ordine decrescente secondo il vantaggio comparato (i task più competitivi sono a sinistra). E chiaro che il diagramma riporta una situazione diversa da quella precedente in quanto l elevata specializzazione in un task non coincide con il vantaggio comparato di un settore (in quanto lo stesso task può essere impiegato in settori disparati). Rispetto al diagramma precedente, vi è un altra differenza sostanziale: gli avanzamenti nelle ICT riducono i costi di trasferimento di alcuni task ma non di altri (la riduzione dei costi non è generalizzata come nel caso precedente)

38

39 Il nuovo paradigma Nella figura, questa non generalizzazione del calo dei costi di trasferimento dei task è rappresentata da una retta A che non trasla in modo regolare: alcuni task (come il punto 1) iniziano ad essere esportati mentre altri iniziano ad essere importati (punto 2). Alcuni task dell UE hanno un grosso calo nei costi di trasferimento ma non un forte incremento di produttività: il Sud, nonostante il forte calo nei costi di trasferimento, mantiene un vantaggio nel task 3 prima e dopo la riduzione dei costi. Nella figura, il cambiamento nel costo di trasferimento dei task sembra arbitrario e questo è intenzionale.

40 Quale politica economica basata sul nuovo paradigma? In conclusione, per Baldwin (2007) in base al nuovo paradigma vi sono 3 aspetti da considerare: 1. È più difficile prevedere chi vince e chi perde dalla globalizzazione (e dunque le mansioni che vincono e quelle che perdono). 2. Il fenomeno è improvviso. Vi sono interazioni complesse all interno delle fabbriche che producono variazioni repentine. 3. Interessa gli individui, non più le imprese o i settori.

41 Quale politica economica basata sul nuovo paradigma? La globalizzazione continuerà in futuro. Ma la direzione e la natura del cambiamento sono difficili da prevedere. Es. alcune mansioni per la loro natura sono del tutto chiuse alla competizione internazionale (es. il commesso). Le indicazioni di policy: 1. promuovere flessibilità e riequilibrio. 2. In futuro assumerà molta importanza la natura del welfare state. La delocalizzazione può essere molto interessante per le imprese con mercati del lavoro fortemente regolamentati, come quelli UE. E importante che si favoriscano sistemi di welfare che proteggano i lavoratori non il lavoro, che contengano le perdite derivanti dalla globalizzazione con assicurazioni e programmi di riqualificazione.

Lezione 2. Globalizzazione e outsourcing

Lezione 2. Globalizzazione e outsourcing Lezione 2 Globalizzazione e outsourcing Introduzione La crescente integrazione dei mercati mondiali si è accompagnata negli ultimi decenni alla disintegrazione dei processi produttivi: alcune fasi della

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Effetti sulla distribuzione del reddito

Effetti sulla distribuzione del reddito Sanna-Randaccio Lezione 17 Frammentazione della produzione a livello internazionale e commercio di beni intermedi Cosa è la frammentazione della produzione (offshore outsourcing) Cosa indicano i dati Perché

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

Globalizzazione come mobilità. internazionale dei fattori produttivi e

Globalizzazione come mobilità. internazionale dei fattori produttivi e Globalizzazione come mobilità internazionale dei fattori produttivi e della produzione 2008 1 Movimenti internazionali dei fattori produttivi e della produzione Capitale Investimenti diretti esteri (IDE):

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-4 La distribuzione del salario -Applicazioni di politica economica: perché è aumentata la disuguaglianza salariale? 1 Perché sono aumentate le disuguaglianze? L aumento

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

CAPITOLO XII. La migrazione

CAPITOLO XII. La migrazione CAPITOLO XII La migrazione Analizzare il problema della migrazione da una prospettiva economica La decisione se migrare o meno viene analizzata con lo schema domanda / offerta, sia per la migrazione qualificata

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo CAPITOLO XXI Crescita e sviluppo L obiettivo è di integrare alcuni aspetti della nuova teoria della crescita con quelli del paradigma dello sviluppo umano Considereremo le relazioni tra il capitale umano,

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

CAPITOLO V. L economia politica del commercio internazionale

CAPITOLO V. L economia politica del commercio internazionale CAPITOLO V L economia politica del commercio internazionale Se ci sono vantaggi dal commercio internazionale, perché spesso vi sono forti opposizioni ad un maggiore grado di apertura? Estenderemo il modello

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 3 La domanda di lavoro - 1 Ampliamo la teoria ipotizzando che ci siano molti tipi differenti di lavoratori (i.e. specializzati, non specializzati) e molti tipi differenti

Dettagli

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007

Crescita in economia aperta. Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 Crescita in economia aperta Vedi capitolo 11 del volume di David Weil, Crescita economica, Hoepli, 2007 1 Globalizzazione= riduzione della rilevanza economica dei confini nazionali (in contrapposizione

Dettagli

Il modello di Heckscher-Ohlin

Il modello di Heckscher-Ohlin Il modello di Heckscher-Ohlin Esempio UE e India UE esporta microchip e importa T-shirt India importa microchip ed esporta T-shirt Secondo la teoria dei costi comparati, l UE ha una tecnologia superiore

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici*

Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici* Il Commercio Internazionale: nuove evidenze e sviluppi teorici* Nicola D. Coniglio (1,2) (1) Dip.to di Scienze Economiche - Università degli Studi di Bari (Italy); (2) NHH Norwegian School of Economics

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima La

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

Capitolo sette. Investimenti diretti esteri. Investimenti diretti esteri nell economia mondiale

Capitolo sette. Investimenti diretti esteri. Investimenti diretti esteri nell economia mondiale EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sette Investimenti diretti esteri Investimenti diretti esteri nell economia mondiale 7-3 Il flusso di IDE è l ammontare di investimenti esteri realizzati in un dato

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia

Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Semplificazioni, principali definizioni e obiettivi della macroeconomia Lezione 1 Lezione 1 Economia Politica - Macroeconomia 1 Semplificazioni della macro Il livello di aggregazione è molto più spinto

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

LA MOBILITÀ INTERNAZIONALE DEL LAVORO E DEL CAPITALE. Sommario. Sommario

LA MOBILITÀ INTERNAZIONALE DEL LAVORO E DEL CAPITALE. Sommario. Sommario LA MOBILITÀ INTERNAZIONALE DEL LAVORO E DEL CAPITALE 5 1 La mobilità internazionale del lavoro 2 La mobilità internazionale del capitale 3 I guadagni dai flussi di lavoro e di capitale 4 Conclusioni Sommario

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Esercitazione di Economia Internazionale Tutor Dottor Matteo Cati Indice:

Esercitazione di Economia Internazionale Tutor Dottor Matteo Cati Indice: Esercitazione di Economia Internazionale Tutor Dottor Matteo Cati Indice: Capitolo 2: Domande a Scelta Multipla pag. 2 Capitolo 5: Domande a Scelta Multipla pag. 6 Capitolo 7: Domande a Scelta Multipla.pag.

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

Economia Internazionale. Movimento internazionale dei fattori

Economia Internazionale. Movimento internazionale dei fattori Economia Internazionale Movimento internazionale dei fattori Adalgiso Amendola adamendola@unisa.it Organizzazione del capitolo Introduzione La mobilità internazionale del lavoro I prestiti internazionali

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLA CRESCITA E DELLO SVILUPPO REGIONALE

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

LE TEORIE ECONOMICHE

LE TEORIE ECONOMICHE L INTERNAZIONALIZZAZIONE NELLE TEORIE ECONOMICHE Barbara Francioni LE TEORIE ECONOMICHE Teorie del commercio internazionale Teorie degli investimenti diretti all estero LE TEORIE DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

Economia industriale e settori produttivi

Economia industriale e settori produttivi Economia industriale e settori produttivi Paradigma strutture comportamenti performance Si consolida negli anni 50 Alcuni studi empirici hanno mostrato come in qeusto schema le differenze nelle strutture

Dettagli

L OUTSOURCING DI BENI E SERVIZI. Sommario. Sommario. Introduzione

L OUTSOURCING DI BENI E SERVIZI. Sommario. Sommario. Introduzione 7 L OUTSOURCING DI BENI E SERVIZI 1 Un modello di outsourcing 2 I guadagni dall outsourcing 3 L outsourcing di servizi 4 Conclusioni Sommario Introduzione Un modello di outsourcing La catena del valore

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS

Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 5: Gli investimenti e la scheda IS Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Comovimento di C e Y -Italia

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO 1-1. Quante ore allocherà un individuo alle attività di tempo libero se le sue curve di indifferenza tra consumo e beni sono concave verso l origine? Il lavoratore o lavorerà

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese italiane

Internazionalizzazione delle imprese italiane Internazionalizzazione delle imprese italiane Le caratteristiche strutturali delle imprese internazionalizzate e le reazioni alla crisi commento SERGIO DE NARDIS --- Banca d Italia 27 febbraio 2014 Quadro

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato

Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato. Il vantaggio comparato Il vantaggio comparato Nel giorno di San Valentino la domanda statunitense di rose è di circa 10 milioni. Coltivare rose negli Stati Uniti d inverno è difficile. E necessario l uso di serre riscaldate.

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

La liberalizzazione dei servizi sanitari

La liberalizzazione dei servizi sanitari La liberalizzazione dei servizi sanitari INTRODURRE PRINCIPI E REGOLE ISPIRATE ALLA SUSSIDIARIETÀ PUÒ ESSERE DI GRANDE AIUTO NELL AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ ECONOMICA, POLITICA E SOCIALE DELLA GESTIONE

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Lezione 25: Gli investimenti e la

Lezione 25: Gli investimenti e la Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 25: Gli investimenti e la scheda IS Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza Comovimento di Ce Y -Italia 1. C è un chiaro comovimento tra fluttuazioni

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano - L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni 1 L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni La forma del profilo età guadagni

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Imprese multinazionali e outsourcing

Imprese multinazionali e outsourcing Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 9 (a) L outsourcing di beni e servizi 1 Imprese multinazionali e outsourcing Gli investimenti diretti all estero rappresentano quegli investimenti in cui

Dettagli

Silvio Beretta, L India, la globalizzazione, gli altri e noi

Silvio Beretta, L India, la globalizzazione, gli altri e noi Silvio Beretta, L India, la globalizzazione, gli altri e noi 1) L intervento che svolgerò è anch esso, come quelli di chi mi ha preceduto, interno al tema generale globalizzazione. E inizio con il sottolineare

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

1996: il prezzo salì a $5.00 per bushel con contestazioni sui vecchi contratti

1996: il prezzo salì a $5.00 per bushel con contestazioni sui vecchi contratti MICRO ECONOMIA Analisi della Domanda e dell Offerta 1. Motivazioni 2. Definizione di Mercati Competitivi 3. La Funzione di Domanda di Mercato 4. La Funzione di Offerta di Mercato 5. Equilibrio e sue caratteristiche

Dettagli

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni. Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 5 (BAG cap. 3) Il mercato dei beni Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1 Interazione tra produzione, reddito e domanda Variazione della domanda di beni Variazione della

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Capitolo 7 La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Sulla base del rapporto export - PIL gli USA sono un economia quasi chiusa: Stato Export/Pil % USA 10 GERMANIA 32 G.B. 25 BELGIO 73 LUSSEMBURGO

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 30 Il mercato dei beni in un economia aperta Prof. Gianmaria Martini La domanda aggregata In un economia aperta la domanda

Dettagli