II. Le scelte organizzative delle imprese nel contesto internazionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II. Le scelte organizzative delle imprese nel contesto internazionale"

Transcript

1 II. Le scelte organizzative delle imprese nel contesto internazionale

2 Obiettivo Analisi degli effetti delle scelte strategiche sulla organizzazione delle imprese che operano in un contesto globalizzato. 2

3 3

4 Da dove vengono le diverse componenti? Boeing 787 (Head 2007)

5 Boeing 787: la rete produttiva (Head 2007) Wings (MHI, Japan) Titanium forgings (Russia) Boeing Final Assembly Boeing Everett, WA Landing gear (Messier, France) Horiz. Stabil. (Alenia, Italy) Flaps (Boeing Australia) Tail fins (Boeing, Frederickson, WA) Fuselage (Spirit AS, Kansas)

6 Esempi di centralizzazione (Head 2007) Centralizzazione domestica: Boeing aerei commerciali assemblaggio in U.S. (prevalentemente a Seattle) Airbus aerei commerciali assemblaggio in EU (prevalentemente a Toulouse) Centralizzazione all estero: Mattel: bambole Barbie (2 impianti in China + in Malaysia + in Indonesia.) Matsushita (dal 200 anasonic): TV (Malaysia)

7 Nestle, the Replicator (Head 2007) 254,000 dipendenti in 508 impianti in 85 paesi (2002 Management Report) Area Sales Factories Employees Americas 40% 32% 4% Europe 40% 4% 34% (Switz.) (.6%) (.8%) (2.6%) Asia, Africa & Oceania 20% 27% 25%

8 Le scelte delle imprese nel contesto internazionale. Obiettivo: comprendere, con l aiuto dei contributi analitici dell Organizzazione Industriale, il legame tra organizzazione interna dell impresa e scelte strategiche, condotte nel contesto internazionale. Questi contributi ci consentiranno anche di interpretare alcune regolarità empiriche che caratterizzano gli scambi. La comprensione delle decisioni, assunte a livello micro, è rilevante, a livello macro, per capire come funziona il sistema economico a livello aggregato. 8

9 Le scelte delle imprese nel contesto internazionale. 2 Il problema organizzativo che affrontiamo e che viene normalmente escluso dall analisi, si occupa delle decisioni di come realizzare un prodotto ovvero: - dove localizzare le diverse fasi del processo produttivo; - quali soggetti e quale capitale occupare; - se produrre i beni all interno dell impresa o fare outsourcing di alcune componenti. I contributi analitici che consideriamo non comprendono gli studi multiproduct. 9

10 Le scelte delle imprese nel contesto internazionale. 3 Cercheremo di rispondere ad alcune domande: - Quali imprese servono il mercato estero? - Come lo servono: - esportazioni o FDI? - Come organizzano la produzione: - integrazione o outsourcing? - Come viene fatta l eventuale integrazione: - nel paese d origine o con FDI? 0

11 Le scelte delle imprese nel contesto internazionale. 4 I dati sugli scambi internazionali sono numerosi e disponibili. Così come sono numerose le ricerche empiriche che portano a rilevare alcuni tratti significativi. Il volume degli scambi internazionali, come quota sull'output complessivo, è quadruplicato negli ultimi 40 anni; Le multinazionali (MNE) hanno un ruolo crescente negli scambi: sono il 30% delle esportazioni e il 40% delle importazioni dei paesi sviluppati. Gli scambi avvengono prevalentemente tra: - paesi che hanno dimensioni simili (40% tra paesi Ue e tra UE e USA); - all interno degli stessi settori industriali. - la maggior parte degli scambi relativo a beni manufatti (solo il 20% circa è relativo ai servizi gli scambi di materie prime hanno un peso limitato); I prodotti che hanno una domanda più elevata in un paese tendono a essere maggiormente esportati.

12 Le scelte delle imprese nel contesto internazionale. 5 Struttura regionale delle esportazioni manufatturiere, per grandi regioni, Origin\destination North America Europe Japan World North America Europe Japan World Source: World Trade Organization (2006, Table III.3 and Table III.70), in billions of U.S.dollars. 2

13 Le teorie del commercio internazionale. I modelli tradizionali, che cercano di spiegare le ragioni dell esistenza del commercio tra paesi, sono ricondotti a Ricardo e a Hecksher-Ohlin. I due schemi vengono sviluppati nel XIX e nel XX secolo e sono strettamente collegati al contesto della loro epoca. Il primo (Ricardo) spiega i flussi internazionali sulla base delle differenze di produttività del lavoro tra i diversi paesi. Il secondo (H-O) fa riferimento alle differenze nelle dotazioni dei fattori produttivi, ovvero alla diversa disponibilità delle risorse del paese come L, T e K. 3

14 Le teorie del commercio internazionale. 2 Il modello di Ricardo, ipotizza un solo fattore (lavoro), l assenza di mobilità dei fattori tra paesi e mercati concorrenziali. Lo schema, considerando le produttività relative come fonte di vantaggi comparati, prevede la direzione dei flussi di scambio ma non la loro dimensione. Inoltre, lo schema non è abbastanza generale per analizzare il caso di molti paesi e molti settori, a meno di immaginare che ogni paesi produca un bene a un costo comparato inferiore agli altri. 4

15 Le teorie del commercio internazionale. 3 Il modello di H-O generalizza quello di Ricardo con l introduzione di più fattori ma mantiene le ipotesi di immobilità internazionale dei fattori e di concorrenza perfetta. Lo scambio tra paesi, che porta alle specializzazioni produttive, avviene quando c è diversità nel costo dei fattori (legata alla loro dotazione o abbondanza relativa) e nell intensità fattoriale. I due schemi sono stati utilizzati per interpretare problemi come i vantaggi degli scambi, i conflitti di interesse tra i diversi gruppi, l apertura dei mercati e il loro rilievo per la crescita economica, il ruolo delle politiche commerciali. 5

16 New Trade Theory. I contributi recenti, introducendo le scelte organizzative all interno dei modelli del commercio internazionale, mostrano come le previsioni di quei modelli possono essere significativamente modificate. Ad esempio, ripartendo la catena del valore di un impresa su più paesi si modificano gli effetti previsti dall integrazione commerciale sulla remunerazione relativa dei fattori, sia nelle economie sviluppate che in quelle meno sviluppate. I modelli tradizionali concentravano l attenzione sugli scambi tra settori e ponevano poca attenzione al ruolo della domanda Le analisi più recenti sottolineano, inoltre, che le forze che strutturano la domanda interna strutturano anche il commercio internazionale. 6

17 New Trade Theory. 2 Si abbandona l ipotesi della concorrenza perfetta e si considerano: - rendimenti di scala crescenti esterni o interni a seconda che si consideri l intera industria o la singola impresa; - eterogeneità delle imprese. Prima affronteremo il problema delle imprese eterogenee e successivamente quello della loro struttura: - integrazione o outsourcing. Saranno possibili quattro forme organizzative: Integrazione all interno Outsourcing all interno Integrazione all estero (FDI) Outsourcing all estero 7

18 Modello di Melitz. Il modello di Melitz (2003), fondamentale per tutta la letteratura successiva (cfr. Ottaviano, 2008), porta alla conclusione che: solo poche imprese, le più grandi e più produttive, esportano. Gli esiti del modello dipendono dall interazione tra i diversi livelli di produttività delle imprese e i costi fissi per l esportazione (es. costi di distribuzione e servizio all estero che crescono con il numero dei paesi in cui si esporta). Il modello non consente di spiegare l outsourcing. In questo caso occorrono ipotesi sulla specificità di alcuni fattori oggetto di contrattazione incompleta N.B.: La formulazione del modello è quella presentata da Helpman (2006) in: Trade, FDI, and the Organization of Firms su Journal of Economic Literature vol. 44, n.3. (sul sito web del corso). 8

19 Modello di Melitz. 2 Consideriamo un industria in cui operano n imprese che realizzano un bene differenziato. La funzione di domanda dell impresa è: x Ap Dove x è la quantità; p è il prezzo; A è il livello della domanda, considerato endogeno per l industria ma esogeno per l impresa e 0 è l elasticità della domanda che è costante con da cui ɛ > NB.: La funzione di domanda deriva da una funzione di utilità n U che presenta elasticità di sostituzione costante (CES - Constant Elasticity of Substitution). x 9

20 Modello di Melitz. 3 La produzione, indipendentemente dalla scala, richiede l impiego di un ammontare fisso di risorse: f D. L impresa conoscerà la sua produttività solo dopo essere entrata sul mercato e avere sostenuto i costi fissi (evidenza empirica). La funzione di costo comprende pertanto due componenti: costi variabili e costi fissi. I costi fissi sono legati all ammontare delle risorse impiegate f D. Dato il costo unitario delle risorse c, i costi fissi sono: c f D I costi variabili unitari sono: c/θ e dipendono dal livello di produttività θ dell impresa. N.B.: Quando l impresa entra nell industria non sa se avrà successo. 20

21 Modello di Melitz. 4 L impresa fissa il prezzo che massimizza il suo profitto: Sostituendo a x la sua espressione otteniamo: Dalla FOC si ottiene: da cui: e infine il prezzo di equilibrio: D cf x c x p D D cf Ap c Ap cf Ap c Ap p c p p c p p 2 ˆ c p 0 p A c p A p p A c p A

22 Modello di Melitz. 5 che sostituito nella funzione di profitto, ricavata in precedenza, porta a: Dopo qualche passaggio: Per semplificare la rappresentazione grafica, poniamo: e poiché il profitto diventa: D D cf c A c c A cf Ap c p A ˆ ˆ D D cf c A cf c c A ˆ B c A 22 D D D cf c c A cf c c c A cf c c c A ˆ

23 Il profitto diventa: Modello di Melitz. 6 (a) ˆ B se π 0 allora cf D Ciò significa che l impresa deve fare profitti per restare sul mercato, che i profitti sono in funzione della produttività e che le imprese con produttività più elevata fanno profitti più alti. cf D B π ˆ B cf D B cf D B -cf D D cf D B Θ = θ ɛ- 23

24 Modello di Melitz. 7 Le imprese con livelli di produttività inferiori a Θ D non producono perché i costi fissi non sono coperti e π < 0. Conoscendo la funzione di distribuzione della produttività G(Θ) è possibile individuare la quota delle imprese che servono il mercato interno come quota delle imprese con produttività: Θ > Θ D. NB.: La quota delle imprese attive cresce al decrescere dei costi fissi (cf D ) e al crescere di B (che tiene conto di grandezze come la domanda aggregata del sistema) 24

25 ESPORTAZIONI Modello di Melitz. 8 Supponiamo ora che le imprese possano servire il mercato estero nel paese ( l ) dove la domanda dell impresa è: Vale a dire che l elasticità della domanda è la medesima ma può cambiare il livello di della domanda (A) legata al livello del reddito. x A p La funzione di costo deve avere: - una componente relativa ai costi fissi aggiuntivi per servire il mercato estero: c f X (costi fissi di esportazione) - una componente che tiene conto del costo unitario variabile aggiuntivo (es.: trasporti, assicurazioni, differenze linguistiche e legali.): c per τ > 25

26 Modello di Melitz. 9 L ipotesi di Melitz, oltre a quella dei costi aggiuntivi per l esportazione, è che solamente le imprese attive sul mercato interno (Θ > Θ D ) possono servire i mercati esteri facendo profitti aggiuntivi espressi da: c ˆ X A cf X che tiene conto dei costi e dei livelli di domanda diversi. Ponendo: A c B e si ottiene un espressione del profitto analoga a quella relativa al mercato interno: X ˆ B cf X Le imprese sono attive sul mercato estero solo se cf X B ˆ X 0 ovvero se: 26

27 Modello di Melitz. 0 Ricordando che, come in precedenza, ciò che conta è la produttività e non l identità dell impresa, possiamo riscrivere il profitto: ˆ X B cf x L inclinazione della funzione: Ipotizzando, per semplicità che (cfr. Helpman, p.594) X X e riportarla in grafico. ovvero che i livelli di domanda dei due paesi siano uguali, allora anche B B ˆ A Poiché τ > e ɛ > possiamo confrontare l inclinazione delle due funzioni: B B Ciò significa che l inclinazione della funzione dell impresa che esporta è minore di quella che produce per l interno. A B 27

28 Modello di Melitz. cf D cf X ˆ D B cf D π ˆ X B cf X B B - cf D = - cf X D cf X B X Θ = θ ɛ- 28

29 Modello di Melitz. 2 Per individuare la quota delle imprese che esportano, possiamo ipotizzare che i costi fissi per l esportazione siano positivi e uguali ( f D = f X >0 ). In questo caso l intercetta delle due funzioni viene a coincidere. Dalla figura precedente rileviamo allora che le imprese con: Θ < Θ D presentano una bassa produttività e chiudono; Θ > Θ x fanno profitti sia sul mercato interno che esportando; Θ X > Θ > Θ D fanno profitti solo fornendo il mercato interno. Le imprese più produttive sono quelle che esportano. Inoltre, poiché una produttività più alta porta a minori costi marginali, la riduzione dei prezzi che ne consegue consente alle imprese più produttive di vendere di più sul mercato interno e all estero: le imprese che esportano sono anche le più grandi. Questi due tratti rilevanti trovano riscontro nella realtà. 29

30 Modello di Melitz. 3 In generale, la quota delle imprese che esportano dipende dalla posizione di Θ X sull asse delle ascisse. Più a destra si colloca Θ X, più elevato deve essere il livello di produttività delle imprese che esportano (e minore sarà la loro quota sul totale delle imprese). ˆ B cf D π ˆ X B cf X B B -cf D D cf X B X Θ = θ ɛ- - cf X 30

31 Modello di Melitz. 4 Poiché Θ X dipende direttamente dai costi fissi e variabili e inversamente dalla dimensione della domanda del mercato di esportazione, il numero delle imprese che esportano presenta una correlazione diretta con la dimensione del mercato estero e inversa con il livello dei costi di esportazione. In particolare, l aumento del numero delle imprese è legato alla diminuzione dei costi τ (ruolo delle liberalizzazioni tariffarie e slittamento a sinistra di Θ X ). Il modello si presta ad estensioni. Ad esempio considerando più paesi con dimensioni della domanda diverse. In questo caso si rileva una correlazione diretta tra le dimensioni dei mercati di esportazione e il numero delle imprese che esportano. 3

32 Modello di Melitz. 5 Conclusioni. Le imprese che esportano sono quelle più produttive (sono imprese eterogenee in base all ipotesi della diversa produttività). Anche i paesi dove si esporta sono eterogenei (ad esempio presentano livelli di domanda diversi). Se l analisi viene condotta tenendo conto dell incompletezza contrattuale, il sistema di protezione legale degli scambi assume un ruolo rilevante. In particolare possiamo distinguere i beni in: - beni che richiedono input per i quali esistono mercati sviluppati; - beni taylor-made per i quali i mercati non esistono. Il ruolo della protezione legale è importante soprattutto nei confronti di questi ultimi. NB.: il modello ci fa capire che l apertura al commercio internazionale favorisce la produttività media, legata alla riallocazione delle risorse tra le imprese, ma questa riallocazione dipende dalle caratteristiche del mercato del lavoro. 32

33 Esportare o investire all estero. Le imprese possono servire il mercato estero anche investendo direttamente nei paesi di esportazione. L impresa diventa in questo caso una multinazionale (MNE - Multinational Entreprise). Il modello di Melitz può essere esteso per analizzare il caso dei FDI (Foreign Direct Investment). L analisi è condotta con riferimento ai FDI orizzontali, ovvero quando le sussidiarie forniscono il mercato locale del paese ospitante. Si hanno FDI verticali quando le sussidiarie creano valore aggiunto per prodotti che non sono necessariamente destinati al paese ospitante. 33

34 Source: WTO, Trade statistics; UNCTAD, World Investment Report 34

35 Mondo: flussi di investimenti diretti esteri per aree di destinazione, (valori in miliardi USD) 35

36 FDI: USA, UK e Giappone La quota della Cina sui FDI mondiali è passata dal % in 99 al 6% circa nel

37 Foreign Direct Investment. Supponiamo che un impresa voglia fornire un mercato estero tramite FDI. I profitti da FDI dell impresa sono, in analogia al caso precedente, dati da: Da questa espressione si ottengono i prezzi di equilibrio: Il profitto si può riscrivere: Posto, come in precedenza: Se l impresa sarà attiva sul mercato estero mediante FDI. Ciò significa che: 37 I I cf x c x p p c p ˆ c A B I I I I cf B 0 I I I B cf I I cf c A

38 Foreign Direct Investment.2 Confronto tra Export e FDI Il confronto è tra i profitti. Solo se: X I l impresa diventa MNE. Ovvero: X I B I B cf cf I X B I cf B I cf X Non possiamo ordinare in modo univoco le due grandezze perché esiste un trade-off tra concentrazione (tutti gli impianti nello stesso paese) e vicinanza ( tra mercato domestico ed estero). 38

39 Foreign Direct Investment.3 In termini economici ciò significa che occorre confrontare le perdite di economie di scala che si determinano in seguito alla duplicazione degli impianti all estero (come scelta di FDI) espresse dalla relazione: f X < f I e i minori costi variabili di trasporto in caso di FDI: c c Le indicazioni che emergono e che potrebbero essere oggetto di analisi empirica: - Il rapporto tra il fatturato prodotto all interno e destinato all esportazione e il fatturato prodotto all estero dalle affiliate è più elevato nelle industrie con costi fissi e/o variabili (iceberg costs) più elevati; - Il rapporto diminuisce al crescere della dimensione del mercato da servire e della sua domanda. 39

40 Foreign Direct Investment. 4 Quali imprese decidono di servire il mercato estero mediante FDI? Confrontiamo le diverse funzioni di profitto, considerate finora, e introduciamo alcune ipotesi semplificatrici: B B B I c c - e ovvero il livello della domanda è lo stesso nei diversi paesi; f f f esistono economie di scala. I x D Ne consegue che, solo le imprese più produttive scelgono di servire il mercato estero tramite FDI e vale la relazione: D X I 40

41 Foreign Direct Investment. 5 Quali imprese decidono di servire il mercato estero mediante FDI? π ˆ D I ˆ X - cf D - cf X D B X B I B I Θ = θ ɛ- - cf I 4

42 Foreign Direct Investment.6 Considerazioni: - Le imprese con produttività più bassa, che si collocano alla sinistra di D (ovvero Θ < Θ D ), fanno perdite e lasciano il settore. - Le imprese con produttività: Θ D < Θ < Θ X servono solo il mercato interno. - Le imprese con produttività: Θ X < Θ < Θ I esportano e servono il mercato interno. - Le imprese con produttività: Θ > Θ I investono in FDI e servono il mercato interno. Se ne deduce che le MNE hanno una produttività più elevata delle imprese che esportano. Queste, a loro volta, hanno una produttività maggiore delle imprese che servono solo il mercato interno. 42

43 Foreign Direct Investment.7 L analisi empirica consente di cogliere altri tratti rilevanti: - Le MNE più produttive dispongono di un numero elevato di affiliate in diversi paesi. - I paesi con reddito più elevato sono più attraenti per le MNE sia perché presentano costi più bassi per FDI, sia perché presentano una domanda più elevata. Nella realtà le imprese perseguono delle strategie complesse di integrazione che comportano la scelta di FDI sia orizzontali che verticali. Questa consiste nel frammentare la produzione distribuendo le diverse fasi del processo tra i paesi ospitanti e il paese d origine (H - Home). Ad esempio le sussidiarie importano prodotti intermedi da H e vendono i prodotti finiti nel paese ospitante, ma possono anche esportare prodotti finiti in H o in altri paesi sia alle loro affiliate che ad altre imprese. 43

44 Strategie di integrazione. Consideriamo un modello semplificato, che unisce le caratteristiche del modello di Melitz (eterogeneità delle imprese) i e due tipi di FDI, che consente di analizzare le scelte compiute dalle imprese per servire il mercato. Introduciamo alcune ipotesi: 3 paesi: 2 al Nord e al Sud; la funzione di domanda dell impresa -esima del paese i è la consueta: x i i A ( p ) dove i N S 2N Nei paesi del Nord vi sono n imprese che producono beni differenziati. Ogni impresa ha una funzione di produzione (concava e con rendimenti di scala costanti) : dove i y F m, a m è il bene intermedio a è l assemblaggio L elasticità di sostituzione tra m e a è inferiore a. A A e A A S Ogni merce può dunque essere prodotta con diverse combinazioni di assemblaggio e prodotti intermedi 44

45 Strategie di integrazione. 2 Entrambi sono prodotti con un input più costoso al Nord (es. lavoro) cn c S per cui è più vantaggioso localizzare l attività al Sud in assenza di altri costi. Semplifichiamo ulteriormente l analisi ipotizzando che: non ci sono costi fissi di entrata (f D ); non ci sono costi fissi di esportazione (f X ); τ= i costi iceberg sono nulli. Tuttavia per comprendere le scelte di localizzazione è ragionevole pensare che un impresa che localizza entrambe le attività al Nord non sostiene costi, mentre sostiene il costo g se localizza la produzione e il costo f se localizza l assemblaggio in un altro paese. Considerando il suo livello di produttività, l impresa può seguire quattro possibili strategie, corrispondenti alle aree illustrate nella figura che segue. 45

46 Strategie di integrazione. 3 Supponendo di mantenere fisso il costo ( f ) di assemblaggio e consideriamo lo spazio dove si collocano le imprese dato dalle produttività sulle ascisse e dai costi di produrre all estero ( g ) sulle ordinate: g H, S H, H S, S A C S, H Θ 46

47 Strategie di integrazione. 4 Consideriamo alcune scelte delle imprese in presenza di livelli diversi di ( g ): Livelli bassi: le imprese meno produttive (A) svolgono entrambe le attività in H, non fanno FDI; le imprese con livelli intermedi di Θ come (C ) scelgono di produrre a Sud e di assemblare in H con parziale FDI; le imprese con Θ elevato decidono di svolgere entrambe le attività al Sud. Ciò significa che le imprese meno produttive svolgono tutte le attività in H ed esportano il prodotto al Sud o nell altro paese al Nord, mentre quelle più produttive fanno FDI totale e il prodotto finale viene esportato nei 2 paesi al Nord. IL Sud fa da piattaforma per esportare nel resto del mondo. 47

48 Strategie di integrazione. 5 Livelli intermedi. Vi sono solo due strategie ottimali: Le imprese con bassa Θ svolgono tutte le attività in H; Le imprese con alta Θ svolgono tutte le attività al Sud. Livelli elevati. Vi sono ancora tre strategie: Le imprese con bassa Θ svolgono tutte le attività in H; Le imprese con alta Θ svolgono tutte le attività al Sud; Le imprese con Θ intermedia producono in H e assemblano al Sud dove (f ) è rimasto costante. La figura mostra anche che per una data distribuzione di Θ la quota delle imprese che fanno tutto in H cresce con l aumentare dei costi (g) mentre il numero delle imprese che fanno tutto al Sud diminuisce con il diminuire di (g).

49 Offshoring e outsourcing. Si cercherà ora di analizzare congiuntamente le scelte organizzative delle imprese (in/out) con quelle relative alla localizzazione (offshore/inshore). Si tratta di affrontare l analisi delle scelte di internalizzare/esternalizzare nel contesto dell analisi dei FDI. In precedenza avevamo considerato la possibilità che le imprese producessero beni intermedi, li assemblassero e vendessero i prodotti finiti in H o all estero. Non si era considerata la possibilità che i beni intermedi potessero essere acquistati anche da imprese non affiliate oltre a quelle affiliate. Si tratta di una decisione rilevante ai fini della definizione della forma organizzativa e investe sia la scelta di produrre beni intermedi che di assemblarli in H o all estero. 49

50 Offshoring e outsourcing. 2 Queste scelte sono rilevanti per comprendere l andamento delle esportazioni e dei FDI caratterizzato da due fatti: Un aumento del flusso di beni e servizi intermedi dalle imprese non affiliate, in H o all estero, in seguito all introduzione di nuove tecnologie: CAD (Computer - Aided - Design) e CAM (Computer Aided _ Manufacturing). Ciò, in presenza di mutamenti istituzionali del mercato del lavoro, ha favorito lo sviluppo dell outsourcing (acquisto di input o servizi da un impresa non affiliata). Un aumento dell acquisizione di input da paesi esteri sia con l outsourcing che tramite le imprese affiliate (FDI). 50

51 Offshoring e outsourcing. 3 Le scelte sono tra: (A) integrarsi o non integrarsi (B) all estero o in H. Ci sono quattro alternative possibili: Home (Onshore) Offshore Outsourcing Integration Dove si colloca un impresa? 5

52 Offshoring e outsourcing. 4 Dove si colloca un impresa? I modelli interpretativi sono diversi: a. Analisi basata sull approccio dei costi di transazione, per definire i confini dell impresa; b. Analisi sulla base di incentivi manageriali all internalizzazione; c. Analisi basata sull approccio dei diritti di proprietà che si fonda sulla teoria dei contratti incompleti. Consideriamo quest ultimo modello seguendo i contributi di Helpman, Grossman e Antràs che sembrano cogliere meglio alcuni fatti stilizzati. 52

53 Offshoring e outsourcing. 5 In particolare questo modello aiuta a comprendere perché:. La frazione di scambio intrafirm sullo scambio totale è correlato positivamente con l intensità fattoriale, rapporto capitale/lavoro (K/L) delle diverse industrie negli USA e il K/L dei paesi da cui gli USA importano. 2. Le differenze nei sistemi legali tra i diversi paesi generano dei vantaggi comparati che influenzano i pattern of trade. 3. Data l ipotesi di livelli di produttività diversi tra imprese dello stesso settore, prevalgano forme alternative di organizzazione della produzione internazionale in funzione delle caratteristiche settoriali e dei modelli di scambio. Il trade-off di base è relativo ai costi e ai benefici dell internalizzazione. 53

54 Offshoring e outsourcing. 6 Supponiamo che un prodotto, che può essere realizzato internamente o scambiato, abbia le caratteristiche taylor-made e non standard. Ciò significa che le caratteristiche di questo prodotto, quando è oggetto di scambio, sono così complesse da non poter essere definite per via contrattuale ed è possibile definire il prezzo solo dopo che è stato realizzato il prodotto. Di conseguenza il contratto sulla base del quale viene definito lo scambio, non potendo specificare i requisiti, non può essere vincolato al giudizio di un tribunale (no enforceable in a court of law.) N.B.: Nella realtà questo tipo di beni genera un surplus più elevato e ciò è rilevante ai fini dell analisi dell efficienza. 54

55 Offshoring e outsourcing. 7 Seguendo Helpman, immaginiamo che un soggetto (F) possiede la tecnologia e le conoscenze per produrre un bene intermedio (head-quarter services - h) che solo lui può fornire. Per produrre il bene finale occorrono 2 beni intermedi: (h) ; (m) che può essere prodotto da un soggetto (S) che opera fuori dall impresa. Il costo per produrre il bene intermedio m è (c). Si tratta di un sunk cost e non viene considerato rilevante al momento dell accordo, ma è rilevante al momento della decisione di produrre il bene intermedio. 55

56 Offshoring e outsourcing. 8 I caso: Il produttore F non raggiunge un accordo con S, di conseguenza non utilizza l input intermedio taylor-made bensì un bene intermedio standard che ottiene da un produttore di beni intermedi standard e realizza un profitto pari a : π o 0 [outside option di F] In assenza di accordo S vende il prodotto intermedio e ottiene: σ o > 0 [outside option di S] che sarà tanto più basso tanto più specializzato è il prodotto intermedio (vicino alle esigenze di F). Se nessuno, oltre a F, può usarlo allora: σ o = 0. 56

57 Offshoring e outsourcing. 9 II caso: Se F e S raggiungono un accordo sul prezzo del bene intermedio taylor-made. F fa un profitto pari a: π > π o Poiché c è un sunk cost, allora S cercherà di ottenere una parte del surplus che si genera dall accordo. Immaginiamo di modellare un gioco a 2 stadi. - Nel primo stadio, F decide se produrre il bene intermedio e se non lo fa quali caratteristiche richiedere al fornitore S. - Nel secondo stadio, S fornisce il prodotto e si contratta sul pagamento. 57

58 Offshoring e outsourcing. 0 Risolviamo il gioco partendo dal secondo stadio, ovvero dalla contrattazione finale sapendo che, in base all ipotesi di Nash bargaining solution, i soggetti hanno, rispettivamente, un potere negoziale β [F] e -β [S] dove 0, Se F e S dispongono di informazioni complete, riescono anche a trovare un accordo vantaggioso per entrambi. Posto P S il prezzo pagato al fornitore, il payoff per F è: π P S e il payoff per S è: P S. I due payoff sono il risultato dell esercizio del potere negoziale che ha portato i due contraenti a ripartirsi il surplus totale che è pari a: Ovvero π al netto delle outside options dei due contraenti. 58

59 Offshoring e outsourcing. Possiamo riscrivere il payoff di F come: P S e il payoff di S: P S 0 ) ( 0 0 Naturalmente S deve avere prodotto l input intermedio e ciò avviene se: P S c N.B.: L integrazione verticale è più probabile (quindi meno probabile che S fornisca il bene t-m) tanto più è: elevato il valore di β, che corrisponde ad un potere negoziale maggiore da parte di F, tale da indurre S a non fornire beni t-m; elevata specificità del bene intermedio (σ 0 piccolo). Anche in questo caso S è indotto a non fornire il bene intermedio t-m; ampia la scelta delle alternative possibili (π 0 è elevato). 59

60 Offshoring e outsourcing. 2 La scelta tra outsourcing e integrazione è influenzata in modo significativo dagli incentivi che F vuole lasciare a S e che sono legati all intensità fattoriale contrattuale (Helpman p.609). Non si tratta della quantità di fattori richiesta per ottenere un prodotto (come nella definizione di intensità fattoriale), ma della quantità di fattore intermedio che è sotto il controllo finale e diretto di F. Ciò significa che, in quest ultimo caso, F avrà meno problemi di agenzia rispetto al caso di fornitura da parte di S. N.B.: Le due intensità fattoriale sono correlate. 60

61 Contratti incompleti e scelte delle imprese*. Consideriamo un industria con prodotti differenziati. La funzione di domanda della singola impresa è: x Ap da cui La funzione di produzione dell impresa è una Cobb-Douglas, dove entrano due fattori che sono prodotti con il lavoro: h = head-quarters services, realizzati solo dall impresa ; m = prodotto intermedio che può essere realizzato da un fornitore all interno o all esterno dell impresa. x h m x con dove 0 < η < è l intensità fattoriale. Ovvero, al crescere di η cresce l impiego di h nella produzione. A N.B.: L internalizzazione è relativa solo al fattore m. p 6

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione *

Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione * PAROLE CHIAVE Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione * Giorgio Barba Navaretti ** Università di Milano e Centro Studi Luca d Agliano, Milano Le multinazionali (MNE) svolgono un ruolo fondamentale

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs)

COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) COSTI DI TRANSIZIONE (Switching costs) Spesso la tecnologia dell informazione assume la forma di un sistema, ovvero un insieme di componenti che hanno valore quando funzionano insieme. Per esempio, hardware

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Convessità e derivabilità

Convessità e derivabilità Convessità e derivabilità Definizione 1 (convessità per funzioni derivabili) Sia f : (a, b) R derivabile su (a, b). Diremo che f è convessa o concava su (a, b) se per ogni 0 (a,b) il grafico di f sta tutto

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0

FUNZIONI CONVESSE. + e x 0 FUNZIONI CONVESSE Sia I un intervallo aperto di R (limitato o illimitato) e sia f(x) una funzione definita in I. Dato x 0 I, la retta r passante per il punto P 0 (x 0, f(x 0 )) di equazione y = f(x 0 )

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli