ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA E LICEALE Galileo Galilei DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA E LICEALE Galileo Galilei DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA E LICEALE Galileo Galilei DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZ A INDIRIZZO AFM COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE MATERIE ITALIANO STORIA PRIMA LINGUA STRANIERA SECONDA LINGUA STRANIERA MATEMATICA ECONOMIA AZIENDALE DIRITTO SCIENZA DELLE FINANZE EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE DOCENTI Barbara Corti Barbara Corti Antonella Avvisati Franca Fei (francese) Linda Izzo (spagnolo) Emanuela Briccolani Rosella Santianni Milena Brath Milena Brath Grifoni Marco Mario Rigacci PROFILO DELL INDIRIZZO

2 Il ragioniere a indirizzo AFM, oltre ad avere elaborato una cultura generale, ha acquisito conoscenze specifiche sui processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo e contabile; sa rilevare i fenomeni aziendali e interpretare i più significativi documenti. Grazie alla capacità di analizzare le situazioni, di rappresentare in modo efficace i dati elaborati e di documentare significativamente il proprio lavoro, può partecipare alle scelte aziendali e, in ogni caso, favorire i diversi processi decisionali. Inoltre sa riconoscere le nuove istanze e affronta i cambiamenti aggiornandosi e ristrutturando le proprie competenze anche in forma di autoapprendimento. Si distingue, infine, per la competenza linguisticoespressiva in una seconda lingua (francese o spagnolo) oltre all inglese ; il futuro operatore economico sarà in grado di comprendere le dinamiche che caratterizzano il mercato europeo e quello internazionale arricchendo la propria professionalità. QUADRO ORARIO DEL TRIENNIO AFM MATERIE Religione Ore settimanali 3 anno 4 anno 5 anno Lingua e letteratura italiana Storia Prima lingua straniera 3* 3* 3* Seconda lingua straniera 3* 3* 3* Matematica Economia aziendale Informatica 2 2 Diritto Economia politica 3 2 Scienza delle finanze 3 Educazione fisica TOTALE ORE * Alcune delle ore sono eseguite negli specifici laboratori

3 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE a) STORIA DEL TRIENNIO IN NUMERI n promossi alla classe n inseriti (da altra scuola, sezione o ripetenti) Totale iniziale n ritirati durante l'anno Classe terza 26 7 Classe quarta Classe quinta OBIETTIVI TRASVERSALI CONCORDATI DAL CONSIGLIO IN FASE DI PROGRAMMAZIONE INIZIALE, RELATIVI A CONOSCENZE, COMPETENZE E ABILITA' 1. Leggere redigere ed interpretare testi e documenti 2. Elaborare dati e rappresentarli in modo efficace per favorire processi decisionali 3. Documentare adeguatamente il proprio lavoro 4. Comunicare efficacemente usando appropriati linguaggi tecnici 5. Analizzare situazioni e rappresentarle con modelli funzionali ai problemi da risolvere 6. Interpretare strutture e dinamiche del contesto in cui si opera 7. Effettuare scelte e prendere decisioni ricercando ed assumendo le informazioni opportune SCALA DI VALUTAZIONE APPROVATA IN SEDE DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE Obiettivi Conoscenze Voto Non raggiunti Inesistenti o scarse 1-3 Solo alcuni parzialmente Lacunose e frammentarie 4 raggiunti Solo parzialmente raggiunti Superficiali 5 Mediamente raggiunti Sufficienti 6 Pienamente raggiunti Approfondite 7-8 Totalmente raggiunti con rielaborazione personale Complete e approfondite 9-10

4 ALTRI FATTORI CONSIDERATI NELLE VALUTAZIONI PERIODICHE E FINALI 1. Interesse 2. Applicazione allo studio 3. Partecipazione 4. Percorso evolutivo rispetto ai livelli iniziali 5. Serietà nel mantenere gli impegni 6. Miglioramento rilevato dopo la frequenza di eventuali corsi di recupero 7. Superamento debiti formativi RELAZIONE FINALE DELLA CLASSE La classe V AFM, come evidenziato dal precedente schema, ha visto il ritiro anticipato di alcuni allievi nel corso del terzo e quarto anno. Di conseguenza i sedici ragazzi che sono arrivati al quinto anno hanno, in generale, sempre lavorato per raggiungere gli obiettivi richiesti nelle diverse discipline. All interno della classe è possibile distinguere un gruppo che ha ottenuto risultati nel complesso discreti e in alcuni casi buoni. Un secondo gruppo è costituito da allievi che hanno raggiunto risultati più che sufficienti e inoltre è presente un esiguo gruppo di studenti che, attraverso un impegno costante, ha ottenuto un sufficiente livello di preparazione. Gli alunni sono responsabili nello studio, ma hanno qualche difficoltà nell affrontare le diverse tematiche in modo critico e autonomo. La loro applicazione è mirata alle verifiche e non dettata da interessi più profondi nei confronti delle discipline. Il comportamento è sempre stato corretto e adeguato alle diverse situazioni. Nella classe è presente un alunno DSA. ATTIVITA' CURRICULARI ED ETRACURRICULARI VISITE GUIDATE La classe nel mese di maggio ha visitato l EPO di Milano. Visita al Palazzo di Giustizia per assistere all udienza del processo Il Forteto e successivo incontro con il capo della Procura. Al cinema Odeon per vedere il film Il giovane favoloso sulla vita di Leopardi.

5 il gruppo di francese ha assistito all Istituto Francese ad un docufilm sulla Prima guerra Mondiale e al teatro Puccini ad uno spettacolo in lingua. VIAGGI DI ISTRUZIONE La classe non ha effettuato il viaggio di istruzione CONFERENZE 1) lezione presso il nostro Istituto della Dott.ssa Guttadauro del Tribunale di Firenze sul Diritto di Famiglia. 2) intervento presso il nostro Istituto del sostituto procuratore antimafia Squillace Greco. 3) Vari incontri di orientamento universitario e al lavoro con rappresentanti dell Esercito e la Scuola di Scienze Aziendali. 4) La classe ha partecipato al progetto Scuola- Università di Firenze in continuità compilando un test di orientamento alla fine del quarto anno per autovalutare, consolidare e verificare le proprie conoscenze in relazione alla preparazione richiesta per i diversi corsi di studio. Il risultato ottenuto, sintetizzato per classe e raffrontato con la media dell Istituto, è allegato al documento. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO:STAGE La classe ha partecipato al progetto di alternanza al termine della classe quarta per 4 settimane dal 26/05/2014 al 20/06/2014. ALTRE ATTIVITA 1) Un gruppo di ragazzi (Grazzini, Mihai, Conte, Mannini e Pestelli) ha partecipato alla competizione di politica monetaria Generation uro Students Award promosso dalla Banca Centrale Europea. 2) La classe ha partecipato al concorso promosso da ANDE. I ragazzi hanno seguito tre lezioni di ambito economico europeo tenute da Docenti universitari in orario pomeridiano in preparazione ad una prova scritta sui temi trattati. L alunna Ginevra Pestelli è risultata tra le vincitrici nella Provincia. 3) Per quanto riguarda le certificazioni di lingua inglese cinque alunni hanno conseguito la certificazione PET (Baroncelli,Donatini,Mihai,Pampaloni,Pestelli) e due alunni (Baroncelli,Pampaloni) stanno frequentando il corso per l'esame FCE che si svolgerà nei prossimi giorni. 4) Per quanto riguarda le certificazioni di lingua Francese, Baroncelli e Pampaloni hanno conseguito la certificazione DELF B1, mentre per la lingua

6 Spagnola Conte, Tozzi, Grazzini, Pestelli hanno conseguito il DELE liv.b1 nel 2012 e Mannini liv.b2 (2014) e Bigiotti A2 nel ) Nel corso del quarto anno cinque ragazzi (Conte, Grazzini, Mihai, Pestelli e Tozzi) hanno partecipato al concorso Crea la tua impresa -Business Game dell Università Carlo Cattaneo-LIUC. Dopo aver superato le selezioni a distanza, il gruppo ha partecipato alla fase finale presso l Università, classificandosi al quinto posto a livello nazionale. 6) L alunna Mihai Andreea ha partecipato alla Gara Nazionale IGEA che si è svolta nel mese di maggio del 2014 a Ciriè (Torino). 7) Sono state effettuate alcune lezioni CLIL con insegnante di madrelingua inglese nell ambito della disciplina dell Economia Aziendale su Banking, Strategic Planning, Bond e analisi di un caso aziendale. SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA 1 e 2 PROVA Il consiglio di classe ha ritenuto opportuno effettuare delle simulazioni di prima e seconda prova secondo le modalità riportate nel seguente quadro riepilogativo: Data di svolgimento Tempo assegnato Prima /seconda prova 27 maggio ore Seconda prova SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA 3 PROVA Il consiglio di classe, tenuto conto dei programmi ministeriali dell'indirizzo che non sempre permettono significativi legami concettuali fra le varie discipline, ha ritenuto opportuno effettuare esempi di terza prova basati sul criterio della multidisciplinarietà per le difficoltà oggettive inerenti una effettiva interdisciplinarietà. La tipologia scelta è la B: quattro materie oggetto di prova con tre quesiti a risposta aperta per ciascuna disciplina. La prova di lingua straniera : Inglese e Francese/Spagnolo E stato consentito l uso di dizionari (Inglese e Italiano), calcolatrice scientifica non programmabile, codice civile.. Di seguito è riportato il quadro riepilogativo delle prove:

7 Data di svolgimento Tempo assegnato Materie coinvolte nella prova Tipologia 14/02/ ore e 30 minuti Matematica,Inglese,Diritt o e Storia 09/04/ ore e 30 minuti Scienza delle Finanze,Matematica, Inglese e seconda lingua Il Consiglio di Classe B B Barbara Corti Docenti Antonella Avvisati Franca Fei Emanuela Briccolani Linda Izzo Rosella Santianni Milena Brath Marco Grifoni Mario Rigacci I Rappresentanti degli studenti Alunni Grazzini Sirio Tozzi Lorenzo Firma Firma Allegati 1. Schede individuali dei docenti 2. Testi delle simulazioni delle tre prove scritte 3. Griglie di valutazione delle tre prove scritte. Firenze, lì 14 maggio 2015

8 SCHEDE INDIVIDUALI DEI DOCENTI SCHEDA INDIVIDUALE DI CIASCUN DOCENTE

9 MATERIA: ITALIANO DOCENTE: BARBARA CORTI LIBRO DI TESTO: BALDI, GIUSSO, RAZETTI L ATTUALITA DELLA LETTERATURA, VOL. III ED. PARAVIA ALTRI SUSSIDI DIDATTICI: DISPENSE LABORATORI AUDIOVISIVI SOFTWARE ALTRO OBIETTIVI DISCIPLINARI ARGOMENTI SVOLTI CONOSCENZA DELLE CORRENTI LETTERARIE E DEGLI AUTORI TRATTATI; CONOSCENZA DEI TESTI PRESI IN ESAME E ANALISI DI QUESTI ULTIMI; ESPRESSIONE LOGICA, CORRETTA ED APPROPRIATA SIA NEGLI ELABORATI SCRITTI CHE NELL ESPOSIZIONE ORALE; CAPACITA DI SINTESI; CAPACITA DI FORMULARE GIUDIZI CRITICI MOTIVATI. MODULI MODULO 1 IL ROMANTICISMO E MANZONI MODULO 2 LEOPARDI MODULO 3 POSITIVISMO, NATURALISMO E VERISMO: VERGA MODULO 4 IL DECADENTISMO: PASCOLI E D ANNUNZIO MODULO 5 PIRANDELLO E SVEVO MODULO 6 FUTURISMO E CREPUSCOLARISMO MODULO 7 SABA E UNGARETTI

10 METODOLOGIE DIDATTICHE LEZIONE FRONTALE LEZIONE GUIDATA LAVORO DI GRUPPO RICERCA INDIVIDUALE RICERCA DI GRUPPO ALTRO (specificare) STRUMENTI LIBRO DI TESTO DISPENSE LABORATORIO AUDIOVISIVI SOFTWARE (specificare) ALTRO (specificare) TIPOLOGIA VERIFICHE STRUTTURATE SEMISTRUTTURATE APERTE ALTRO (specificare) OSSERVAZIONI DATA FIRMA SCHEDA INDIVIDUALE DI CIASCUN DOCENTE

11 MATERIA: STORIA DOCENTE: BARBARA CORTI LIBRO DI TESTO: FELTRI, BERTAZZONI, NERI I GIORNI E LE IDEE VOL.3, ED. SEI ALTRI SUSSIDI DIDATTICI: DISPENSE LABORATORI AUDIOVISIVI SOFTWARE ALTRO ARGOMENTI SVOLTI OBIETTIVI: 1. POSSEDERE CONOSCENZE STORICHE RELATIVE AGLI ARGOMENTI TRATTATI 2. CAPACITA DI COMPRENDERE I VARI FATTI STORICI 3. CAPACITA DI STABILIRE RELAZIONI TRA GLI EVENTI 4. CAPACITA DI ANALISI, SINTESI ED ESPOSIZIONE 5. RELAZIONE TRA STORIA ED ALTRE DISCIPLINE MODULO 1: L UNIFICAZIONE ITALIANA: DALLA SECONDA GUERRA D INDIPENDENZA ALLA PROCLAMAZIONE DEL REGNO D ITALIA MODULO 2: IL GOVERNO DELLA DESTRA E DELLA SINISTRA STORICA MODULO 3: L ETA CRISPINA MODULO 4: L ETA GIOLITTIANA MODULO 5: LA PRIMA GUERRA MONDIALE MODULO 6: LA RIVOLUZIONE RUSSA E IL TOTALITARISMO IN EUROPA (ITALIA, GERMANIA E UNIONE SOVIETICA) MODULO 7: LA CRISI DEL 1929 NEGLI STATI UNITI E IL NEW DEAL MODULO 8: LA SECONDA GUERRA MONDIALE E LA RESISTENZA

12 METODOLOGIE DIDATTICHE LEZIONE FRONTALE LEZIONE GUIDATA LAVORO DI GRUPPO RICERCA INDIVIDUALE RICERCA DI GRUPPO ALTRO (specificare) STRUMENTI LIBRO DI TESTO DISPENSE LABORATORIO AUDIOVISIVI SOFTWARE (specificare) ALTRO (specificare) TIPOLOGIA VERIFICHE STRUTTURATE SEMISTRUTTURATE APERTE ALTRO (specificare) OSSERVAZIONI DATA FIRMA SCHEDA INDIVIDUALE DI CIASCUN DOCENTE

13 MATERIA INGLESE DOCENTE ANTONELLA AVVISATI LIBRO DI TESTO IN BUSINESS di BENTINI,RICHARDSON,VAUGHAM (PEARSON/LONGMAN) ALTRI SUSSIDI DIDATTICI: DISPENSE LABORATORI AUDIOVISIVI SOFTWARE OBIETTIVI DISCIPLINARI ARGOMENTI SVOLTI COMPRENDERE MESSAGGI DI ARGOMENTO SOCIO-CULTURALE, ECONOMICO AZIENDALE E PUBBLICITARIO; ESPORRE IN MODO APPROPRIATO ARGOMENTI DI CARATTERE GENERALE; RELAZIONARE, DOCUMENTARE USANDO UN LINGUAGGIO ADEGUATO SU ARGOMENTI RELATIVI ALL INDIRIZZO DI STUDI E SU ASPETTI SOCIO-CULTURALI DELLA LINGUA INGLESE E DEI PAESI ANGLOFONI; PRODURRE TEST I DI VARIO TIPO RELATIVI ALL INDIRIZZO DI STUDI MODULI MODULO 1 REVISIONE PRINCIPALI STRUTTURE GRAMMATICALI E FUNZIONI COMUNICATIVE THE MERCHANT OF VENICE READING SHAKESPEARE (BLACK CAT-STEP4 B2) MODULO 2 BUSINESS THEORY: COMMERCE AND E-COMMERCE: CHANNELS OF DISTRIBUTION;THE FOUR FACTORS OF PRODUCTION; THE THREE SECTORS OF PRODUCTION; THE CHAIN OF PRODUCTION; TYPES OF ECONOMY; THE INTERNET REVOLUTION; E- COMMERCE; TYPES OF ONLINE BUSINESS ACTIVITIES. BUSINESS ORGANISATION: THE ORGANISATION OF BUSINESS; FRANCHISING; THE GROWTH OF BUSINESS; MULTINATIONALS

14 INTERNATIONAL TRADE: THE BALANCE OF TRADE/OF PAYMENT; CONTROLLING FOREIGN TRADE; TRADING BLOCS; DOCUMENTS IN INTERNATIONAL TRADE; INCOTERMS TRANSPORT: TRANSPORT MODES; FORWARDING AGENTS; INSURANCE; PACKING; TRANSPORT DOCUMENTS. BANKING BANKING SERVICES TO BUSINESSES; ACCESSIBLE BANKING; METHODS OF PAYMENT FINANCE: THE STOCK ECHANGE; WHO OPERATES ON THE STOCK ECHANGE? MARKETING AND ADVERTISING: MARKETING; MARKET RESEARCH; THE MARKETING MI; ONLINE MARKETING; ADVERTISING; THE POWER OF ADVERTISING; TRADE FAIRS GREEN ECONOMY: WHAT IS FAIR TRADE? MICROFINANCE GLOBALISATION: WHAT IS GLOBALISATION? ADVANTAGES/DISADVANTAGES OF GLOBALISATION; ECONOMIC GLOBALISATION; OUTSOURCING,OFFSHORING. MODULO 3 BUSINESS COMMUNICATION ENQUIRIES AND REPLIES ORDERS AND REPLIES COMPLAINTS MODULO 4 CULTURAL PROFILES: THE HISTORY OF THE ENGLISH LANGUAGE PEOPLE AND HISTORY: THE INDUSTRIAL REVOLUTION, THE BRITISH EMPIRE,

15 BRITAIN SINCE 1930 GOVERNMENT AND POLITICS: THE U.K. GOVERNMENT MODULO 5 LETTURE SU ARGOMENTI DI CIVILTA, CULTURA E MARKETING FILM IN LINGUA METODOLOGIE DIDATTICHE LEZIONE FRONTALE LEZIONE GUIDATA LAVORO DI GRUPPO RICERCA INDIVIDUALE RICERCA DI GRUPPO ALTRO (specificare) STRUMENTI LIBRO DI TESTO DISPENSE LABORATORIO AUDIOVISIVI SOFTWARE (specificare) ALTRO TIPOLOGIA VERIFICHE STRUTTURATE SEMISTRUTTURATE APERTE ALTRO (specificare) DATA FIRMA 15 MAGGIO 2015 ANTONELLA AVVISATI SCHEDA INDIVIDUALE DI CIASCUN DOCENTE MATERIA DOCENTE LINGUA FRANCESE FRANCA FEI

16 LIBRI DI TESTO : F. PONZI, CARNET CULTURE, LANG ED. PARODI, VALLACCO, LES AFFAIRES, ENTREPRISE ET CIVILISATION, TREVISINI ED. ALTRI SUSSIDI DIDATTICI: DISPENSE LABORATORI AUDIOVISIVI SOFTWARE ALTRO : FOTOCOPIE DA ALTRI TESTI, DA DOCUMENTI AUTENTICI, DA ARTICOLI DI GIORNALE OBIETTIVI : ARGOMENTI SVOLTI PER QUANTO RIGUARDA LA PARTE COMMERCIALE, GLI ALUNNI CONOSCONO LE TECNICHE, IL LESSICO E I CONTENUTI DELLA CORRISPONDENZA COMMERCIALE, SONO IN GRADO DI COMPORRE LETTERE COMMERCIALI DI VARIO TIPO, DI TRADURRE ANCHE SIMULTANEAMENTE LE TIPOLOGIE DI LETTERE PIU COMUNI, CONOSCONO I CONTENUTI FONDAMENTALI DELLA TEORIA COMMERCIALE RELATIVA AI VARI TIPI DI CORRISPONDENZA SVOLTA, SONO IN GRADO DI LEGGERE E RIFERIRE DI ARGOMENTI, LETTURE O ARTICOLI DI CARATTERE COMMERCIALE. RIGUARDO AL PROGRAMMA DI CIVILTA, ESSI SONO IN GRADO DI COMPRENDERE DOCUMENTI DI VARIA NATURA (ANCHE ARTICOLI TRATTI DA QUOTIDIANI O ALTRI DOCUMENTI AUTENTICI), DI RIFERIRNE I CONTENUTI E DI ESPRIMERE SEMPLICI PARERI PERSONALI IN MODO CORRETTO. SONO INOLTRE IN GRADO DI PRODURRE TESTI ARGOMENTATIVI SEMPLICI SU TEMATICHE E ARGOMENTI DI CIVILTA, STORIA, LETTERATURA TRATTATI DURANTE L ANNO. MODULO 1 COMMERCE: LA COMMANDE COMMANDE D ESSAI, COMMANDE, COMMANDE PAR MEL, ACCUSE DE RECEPTION MODULO 2 COMMERCE: LA MODIFICATION DE LA COMMANDE DEMANDE DE MODIFICATION DE LA PART DU FOURNISSEUR, DEMANDE DE MODIFICATION DE LA PART DU CLIENT, LA REPONSE DU FOURNISSEUR A UNE DEMANDE DE MODIFICATION DE LA PART DU CLIENT, LA REPONSE DU CLIENT A UNE DEMANDE DE MODIFICATION DE LA PART DU FOURNISSEUR. MODULO 3 COMMERCE: L ANNULATION

17 LA DEMANDE D ANNULATION PARTIELLE OU TOTALE, LA REPONSE POSITIVE OU NEGATIVE A UNE DEMANDE D ANNULATION MODULO 4 COMMERCE :LES SOCIETES LES ENTREPRISES, LES TYPES DE SOCIETES,LES PME,L ENTREPRENEUR,LE CHEF D ENTREPRISE, LE CAPITAL,LE CHIFFRE D AFFAIRES, L IMPOT SUR LES SOCIETES, LA FAILLITE. MODULO 5 COMMERCE: LE COMMERCE COMMERCE INTERIEUR E T ETERIEUR,IMPORTATIONS ET EPORTATIONS,LES DROITS DE DOUANE,LE COMMERCE EQUITABLE,LA MONDIAISATION, LE COMMERCE DE GROS, DE DEMI GROS ET DE DETAIL, LE E -COMMERCE MODULO 6 COMMERCE: LES TRANSPORTS LES DIFFERENTS TYPES DE TRANSPORT : ROUTIER, AERIEN, MARITIME, FERROVIAIRE. LES DOCUMENTS ACCOMPAGNANT LA MARCHANDISE, LES DIFFERENTS TYPES DE REDUCTIONS, L EMBALLAGE, LA TVA. MODULO 7 COMMERCE.. DOCUMENTS AUTHENTIQUES LARS OLOFSSON, L HISTOIRE DE LA GRANDE DISRIBUTION, LA MULTINATIONALE DANONE. MODULO 8 CIVILISATION: LA FRANCE MODERNE LA FRANCE DANS L UNION EUROPEENNE, LES ETAPES DE L UNION DES ANNEES 50 AU TRAITE DE LISBONNE, LES INSTITUTIONS, LE CHEMIN VERS LA MONNAIE UNIQUE, LES PROGRAMMES DE MOBILITE POUR LES JEUNES. MODULO 9 CIVILISATION : LA POPULATION LA POPULATION FRANCAISE: TENDENCES DEMOGRAPHIQUES, L IMMIGRATION, LES VAGUES MIGRATOIRES AU COURS DU I SIECLE MODULO 10 CIVILISATION: L HISTOIRE DE LA FRANCE AU SIECLE L EPOPEE NAPOLEONIENNE, LA MONARCHIE DE JUILLET, LA DEUIEME REPUBLIQUE DE 1848, LE SECOND EMPIRE, LA TROISIEME REPUBLIQUE, LA COMMUNE DE PARIS, LES REFORMES SOCIALES DE LA CONSTITUTION DE 1875, LA PREMIERE GUERRE MONDIALE, LE FRONT POPULAIRE, LA DEUIEME GUERRE MONDIALE, LA QUATRIEME REPUBLIQUE, LA PERTE DES COLONIES APRES LA DEUIEME GUERRE. MODULO 11

18 CIVILISATION : LES INSTITUTIONS FRANCAISES. LA CINQUIEME REPUBLIQUE, LES PRESIDENTS DE LA CINQUIEME REPUBLIQUE, LES PARTIS POLITIQUES, LE SYSTEME ELECTORAL A LA FRANCAISE. MODULO 12 LITTERATURE CHARLES BAUDELAIRE POETE MAUDIT. LA VIE, LES OEUVRES, ANALYSE DU POEME L INVITATION AU VOYAGE. LE ROMAN REALISTE DU I SIECLE : MADAME BOVARY DE G. FLAUBERT. LE ROMA DE LA DEUIEME MOITIE DU SIECLE : DU NATURALISME DES FRERES DE GONCOURT AU ROMAN EPERIMENTAL DE ZOLA : GERMINAL DE E. ZOLA. LA LITTERATURE FRANCOPHONE AU SIECLE. TAHAR BEN JELLOUN, LES YEU BAISSES.. METODOLOGIE DIDATTICHE LEZIONE FRONTALE LEZIONE GUIDATA LAVORO DI GRUPPO RICERCA INDIVIDUALE RICERCA DI GRUPPO ALTRO (specificare) STRUMENTI LIBRO DI TESTO DISPENSE LABORATORIO AUDIOVISIVI SOFTWARE (specificare) ALTRO (specificare) TIPOLOGIA VERIFICHE STRUTTURATE SEMISTRUTTURATE APERTE ALTRO (specificare) OSSERVAZIONI DATA FIRMA FIRENZE, 14 MAGGIO 2015 SCHEDA INDIVIDUALE DI CIASCUN DOCENTE MATERIA Lingua e civiltà spagnola

19 DOCENTE Prof.ssa Linda Izzo LIBRI DI TESTO L. Pierozzi, Una vuelta por la cultura hispana, Ed. Zanichelli, 2011 M. D Ascanio, A. Fasoli, Com.com Comunicación y comercio, Ed. CLITT, 2009 ALTRI SUSSIDI DIDATTICI: DISPENSE Materiale fotocopiato su: la figura del re Juan Carlos I de Borbón; la ley de extranjería española actual; il discorso di Gabriel García Márquez alla consegna del premio Nobel nel 1986; il ruolo della donna durante il Franquismo; Poema n 20 di Pablo Neruda. ARGOMENTI SVOLTI OBIETTIVI DISCIPLINARI - Gli alunni sono in grado di parlare in lingua della storia della UE dalle origini ai giorni nostri, mettendo il luce il ruolo che ha avuto la Spagna nel processo e i cambiamenti che l ingresso nella UE ha determinato nel paese oggetto di studio. - Sanno utilizzare il lessico specifico e la microlingua atta a descrivere le istituzioni europee e sono capaci di esprimere la propria opinione in proposito al tema in oggetto. - Sono in grado di illustrare il periodo della dittatura franquista, in particolare sono capaci di argomentare sul ruolo della donna sapendo porre in parallelo la situazione della società spagnola di allora con la attuale. - Sono in grado di ripercorrere il processo di cambiamento della Spagna, dal momento della transición fino all attualità, utilizzando un lessico appropriato e adeguato nel riferirsi alle attuali istituzioni politiche spagnole. - Gli alunni sono inoltre in grado di ripercorrere le vicende storiche e civili dell America Latina. Dal punto di vista commerciale gli alunni sono in grado di comprendere e redigere in lingua tipologie semplici di lettere commerciali; sanno parlare con un lessico tecnico e specifico delle varie tipologie di imprese e delle banche e delle principali operazioni bancarie. MODULI La historia de la Unión Europea; las istituciones europeas; España y la UE. La Constitución Española; las comunidades autónomas; España desde 1975 hasta 2008; cambios de la sociedad entre 1975 y 2008; la producción agropecuaria en España; los productos ganaderos; la silvicultura; la pesca; la industria; la energía; los transportes; el AVE; el turismo. El franquismo; la Sección Femenina de la Falange. La Transición. España hoy: El mundo político actual: la figura del Rey, el Gobierno y los partidos políticos.; el terrorismo en España: ETA; el 11-M. La economía: el desarrollo económico, la crisis del siglo I; la inmigración en España; nuevos y viejos valores en la sociedad española; los jóvenes en España. Imágenes de España: la gastonomía española; las tapas. El centro y el oeste: Madrid; los museos madrileños; las dos Castillas; Extremadura; fiestas y folclore; literatura. La emigración italiana a Latinoamérica; Italia, un país de inmigración; los países hispanoamericanos, problemática económica y social.. El mundo hispano; el español de América; la literatura hispanoamericana; Poema n 20 de Pablo Neruda; el discurso de Gabriel García Márquez en 1986, al entrega del Premio Nobel; el arte en Hispanoamérica; los cuadros de Frida Kahlo.

20 Historia de Hispanoamérica: las civilizaciones precolombinas; los conquistadores; independentistas y revolucionarios; entre dictatores y políticos. Viaje por Hispanoamérica: Centroamérica y Caribe. La empresa; el empresario; el organigrama de una empresa; las sociedades mercantiles; las cooperativas; las multinacionales; las ONG. El banco; el sistema europeo; bancos centrales; el Banco Central.; formas de pago. METODOLOGIE DIDATTICHE LEZIONE FRONTALE LEZIONE GUIDATA LAVORO DI GRUPPO RICERCA INDIVIDUALE RICERCA DI GRUPPO ALTRO (specificare) STRUMENTI LIBRO DI TESTO DISPENSE LABORATORIO AUDIOVISIVI SOFTWARE (specificare) ALTRO (specificare) TIPOLOGIA VERIFICHE STRUTTURATE SEMISTRUTTURATE APERTE ALTRO (specificare) DATA FIRMA SCHEDA INDIVIDUALE DI CIASCUN DOCENTE MATERIA Matematica Applicata DOCENTE Briccolani Emanuela LIBRO DI TESTO: Bergamini-Trifone Barozzi Matematica.rosso Zanichelli

21 ALTRI SUSSIDI DIDATTICI: DISPENSE LABORATORI AUDIOVISIVI SOFTWARE ALTRO ARGOMENTI SVOLTI OBIETTIVI DISCIPLINARI Sviluppare le capacità del ragionamento coerente e argomentato Sviluppare la capacità di individuare la procedura più significativa nella soluzione dei problemi Favorire la maturazione dei processi di astrazione e di formazione dei concetti Sviluppare le capacità di valutazione personale MODULI ANALISI INFINITESIMALE Funzioni reali di due o più variabili reali. Dominio. Linee di livello. Derivate parziali prime e successive. Massimi e minimi relativi liberi : definizione e loro ricerca. Massimi e minimi condizionati : definizione e loro ricerca. Massimi e minimi assoluti : definizione e loro ricerca in regioni piane chiuse e limitate. RICERCA OPERATIVA Scopi e metodi della ricerca operativa. Problemi di scelta.problema delle scorte. Programmazione lineare per funzioni di due variabili o riconducibili a due : metodo grafico. METODOLOGIE DIDATTICHE LEZIONE FRONTALE LEZIONE GUIDATA LAVORO DI GRUPPO RICERCA INDIVIDUALE RICERCA DI GRUPPO ALTRO (specificare) STRUMENTI LIBRO DI TESTO DISPENSE LABORATORIO AUDIOVISIVI SOFTWARE (specificare) ALTRO (specificare) TIPOLOGIA VERIFICHE STRUTTURATE SEMISTRUTTURATE APERTE ALTRO ( prove orali finalizzate alla verifica e al potenziamento delle competenze espositive, e due simulazioni della

22 terza prova)) OSSERVAZIONI STANDARD MINIMI DI APPRENDIMENTO IN TERMINI DI CONOSCENZE E COMPETENZE CONCORDATI NELLE RIUNIONI DI COORDINAMENTO DISCIPLINARE, DA RAGGIUNGERE AL TERMINE DELL ANNO SCOLASTICO PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA SUFFFICIENZA Possedere una conoscenza completa ma non approfondita dell Analisi matematica relativa a funzioni algebriche di due variabili e dei concetti base della Ricerca Operativa e, in particolare, della Programmazione lineare Saper applicare senza errori le conoscenze in compiti semplici: o Determinare il dominio di una funzione di due variabili o Trovare i massimi e i minimi relativi di una funzione di due variabili o Trovare i massimi e i minimi vincolati, con vincoli espressi da un equazione, di una funzione di due variabili o Risolvere problemi di scelta in condizioni di certezza con effetti immediati o Risolvere semplici problemi di programmazione lineare in due o più variabili con il metodo grafico Saper sintetizzare le conoscenze solo con una opportuna guida GRIGLIE DI MISURAZIONE PER LA CORREZIONE DEI COMPITI SCRITTI Per la costruzione della griglia di misurazione che porta all attribuzione del voto agli elaborati, poiché ogni compito di matematica è strutturato in vari esercizi e comunque anche un unico esercizio può essere articolato in più parti, saranno seguiti i seguenti criteri: ad ogni esercizio(o ad ogni articolazione dell'esercizio stesso) corrisponde un punteggio che tiene conto dell acquisizione delle conoscenze, della capacità applicativa e della correttezza dei calcoli svolti determinato il punteggio totale, per l'assegnazione del voto si considera la seguente tabella percentuale 0% 15% 30% 45% 60% 75% 85% 95% 100% voto Tabella ripresa dal verbale del 11 Settembre 2014 relativo alla riunione di Dipartimento DATA FIRMA SCHEDA INDIVIDUALE DI CIASCUN DOCENTE MATERIA ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE ROSELLA SANTIANNI LIBRO DI TESTO :Astolfi,Barale, Ricci ENTRIAMO IN AZIENDA OGGI VOL.3 Edizione TRAMONTANA

23 ALTRI SUSSIDI DIDATTICI: LIM E SOFTWARE ALTRO Lettura del quotidiano economico in classe. Lezioni CLIL con l ausilio di insegnante di madre lingua. OBIETTIVI Sviluppo delle capacità di analisi di problemi concreti inerenti alla gestione aziendale Sviluppo delle capacità di passare dall analisi di problemi concreti alla concettualizzazione. Acquisizione delle capacità di analizzare criticamente i documenti contabili. Sviluppo delle capacità di effettuare collegamenti operativi con altre discipline tecnicoprofessionali MODULO 1 ARGOMENTI SVOLTI Aziende industriali: Contabilità generale, scritture di assestamento e di chiusura. Bilanci aziendali. Impostazione del Bilancio con dati a scelta. Analisi per indici. Analisi per flussi. Analisi del bilancio socioambientale. MODULO 2 Fiscalità d impresa: Imposizione fiscale in ambito aziendale. MODULO 3 Contabilità gestionale nelle aziende industriali: Metodi di calcolo dei costi. Costi e scelte aziendali. MODULO 4 Strategie,pianificazione e programmazione aziendale: Strategie aziendali. Pianificazione e controllo di gestione. Business plan e marketing plan. MODULO 5 Prodotti bancari per le imprese Finanziamenti a breve termine. Finanziamenti a medio/lungo termine e di capitale di rischio METODI E TECNICHE DI INSEGNAMENTO LEZIONE FRONTALE LEZIONE GUIDATA

24 STRUMENTI DI VERIFICA PROVA SEMISTRUTTURATA PROVA NON STRUTTURATA DATA Firenze, 14 maggio 2015 FIRMA Rosella Santianni SCHEDA INDIVIDUALE DI CIASCUN DOCENTE MATERIA: DOCENTE SCIENZA DELLE FINANZE MILENA BRATH

25 LIBRO DI TESTO POMA,Finanaza pubblica.principato ALTRI SUSSIDI DIDATTICI: E stata utilizzata la Costituzione, ma anche si è ricorso alla lettura dei quotidiani ed a fonti reperite sul Web. Per argomenti di attualità ed approfondimenti è stata proposta la visione di CD e di fotocopie tratte da libri diversi da quello in adozione OBIETTIVI DISCIPLINARI ARGOMENTI SVOLTI - Saper analizzare I diversi fenomeni finanziari - Esprimersi in un linguaggio economico adeguato - Saper usare le fonti - Saper collegare le nozioni acquisite con la realtà economica italiana ed europea - Avere un approccio critico nello studio della disciplina MODULI Scienza delle finanze: definizione I soggetti del settore pubblico Le principali teorie finanziarie: Le teorie economiche del decentramento Le ragioni politiche favorevoli al decentramento Il principio di sussidiarietà La spesa pubblica La spesa per la sicurezza sociale Le entrate pubbliche Le imprese pubbliche e le privatizzazioni La finanza straordinaria e il debito pubblico Le imposte I criteri di ripartizione del carico tributario Le teorie economiche La teoria della capacità contributiva Gli effetti economici delle imposte I principi giuridici e amministrativi delle imposte Bilancio pubblico I bilanci pubblici I principi del bilancio Le classificazioni del bilancio La struttura del bilancio dello stato Gli altri documenti economici La formazione, l approvazione e il controllo del bilancio L evoluzione storica dell ordinamento tributario italiano Le imposte dirette: l IRPEF Le imposte dirette: l IRES e l'iva

26 METODOLOGIE DIDATTICHE LEZIONE FRONTALE LEZIONE GUIDATA LAVORO DI GRUPPO RICERCA INDIVIDUALE RICERCA DI GRUPPO ALTRO (specificare) STRUMENTI LIBRO DI TESTO DISPENSE LABORATORIO AUDIOVISIVI SOFTWARE (specificare) ALTRO (specificare) Schemi e mappe concettuali fornite dalla docente,quotidiani e materiale tratto da testi diversi da quello in adozione TIPOLOGIA VERIFICHE STRUTTURATE SEMISTRUTTURATE APERTE ALTRO (specificare) OSSERVAZIONI La classe ha raggiunto per la quasi totalità buoni livelli di apprendimento anche se risulta ancora un po troppo condizionata a schemi di lavoro strettamente legati alle verifiche più che all acquisizione di un sapere critico. L impegno è sempre stato serio e puntuale. DATA FIRMA 10 maggio 2015 Milena Brath SCHEDA INDIVIDUALE DI CIASCUN DOCENTE MATERIA: DOCENTE DIRITTO MILENA BRATH LIBRO DI TESTO Bobbio,Gliozzi,Lenti,STATO, Scuola &Azienda ALTRI SUSSIDI DIDATTICI:

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it

SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO. TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it SCUOLA DI LINGUE A CHIAVARI VIA NINO BIXIO 29 INT.7 2 PIANO TEL. 0185 364823 CELL. 3493341416 www.nel-blu.it infonelblu@libero.it NEL BLU I NOSTRI SERVIZI: - Corsi aziendali - Traduzioni - Traduzioni con

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa

ED.FISICA Il doping. STORIA Gli anni 20 negli Usa SCIENZE La genetica ED.FISICA Il doping TECNOLOGIA L automobile e la Ford ED.ARTIST. Il cubismo e Braque STORIA Gli anni 20 negli Usa GEOGRAFIA Gli Usa ITALIANO Il Decadentis mo e Svevo INGLESE ED.MUSICA

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. 26329/2015 Selezione pubblica per l assunzione a tempo indeterminato di 892 unità per la terza area funzionale, fascia retributiva

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli