Sarah Butler, Edward Tse e John Jullens Le strategie di impresa in un economia più matura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sarah Butler, Edward Tse e John Jullens Le strategie di impresa in un economia più matura"

Transcript

1 Sarah Butler, Edward Tse e John Jullens Le strategie di impresa in un economia più matura Il rallentamento della crescita e il passaggio a un nuovo modello di sviluppo spingono le grandi multinazionali a chiedersi se la Cina offra ancora garanzie di sviluppo e come ridefinire strategie e modelli di business. A ciò si somma l emergere di competitor cinesi. Ma la Cina offre ancora enormi opportunità di business a lungo termine mentre si avvia a una crescita più sostenibile. Sarah Butler, Edward Tse e John Jullens sono rispettivamente direttore generale, presidente e partner della società di consulenza Booz & Company in Cina. Questa analisi si concentra sul quadro economico della Cina e soprattutto sul suo impatto sulle scelte delle imprese attive nel paese, a partire dall esperienza sul campo del senior team di Booz & Company e di qualificati consulenti esterni. La tesi di fondo è che nonostante il rallentamento della crescita dovuto in parte al contesto macroeconomico globale, ma anche alle politiche adottate dal governo per favorire uno sviluppo più sostenibile il paese offra ancora enormi opportunità di business. Si tratta di un mercato strategico, con un ruolo chiave nello scacchiere competitivo globale, e destinato a diventare sempre più importante. Le strategie degli investitori, tuttavia, devono essere profondamente ripensate. In tutti i settori economici è in atto un processo di maturazione che comporta cambiamenti strutturali. Alcuni comparti come l industria hi-tech, della sanità e dei servizi continuano a espandersi a ritmi vertiginosi; altri, come l immobiliare e l industria pesante, registrano una crescita più lenta o addirittura negativa. Domanda e offerta si spostano verso le regioni centro-occidentali del paese, e gli imprenditori devono prestare maggiore attenzione alle sempre più diversificate esigenze dei consumatori e alle dinamiche della concorrenza a livello regionale, con quel che ne consegue in termini di foot-

2 print geografico e modello di go-to-market. Inoltre, con il progressivo rafforzamento delle imprese cinesi le grandi multinazionali si vedono sempre più spesso minacciate da questi nuovi competitor orientali: innovatori del segmento mid-market che producono beni industriali e sono in grado di ottenere performance migliori sia in patria sia all estero, giocando spesso in casa delle multinazionali. Anche gli imprenditori cinesi, tuttavia, devono affrontare una serie di sfide per cercare nuove opportunità di crescita e sviluppare le capacità necessarie per coglierle, dentro e fuori i confini nazionali. LO SCENARIO DI UNA CRESCITA PIÙ SOSTENIBILE. Il rallentamento del tasso di crescita dell economia cinese sceso al 7,5% nel secondo trimestre del 2013 ha creato una situazione di grande incertezza tra gli osservatori. Da un lato ci sono gli scenari pessimistici prospettati dagli analisti che annunciano un hard landing, una brusca frenata dell economia e il collasso delle banche cinesi sotto il peso dei debiti insoluti; a preoccupare sono gli indicatori (come il Purchasing Managers Index) che annunciano un calo della produzione manifatturiera, oltre all eccesso di capacità produttiva, al crollo dei prezzi delle materie prime e ad alcuni dati di input come quelli relativi ai consumi energetici. Dall altro, abbiamo previsioni ottimistiche secondo cui le misure di stimolo varate dal governo apriranno la strada a una solida ripresa. In Cina come nel resto del mondo, la comunità è spaccata tra orsi (i pessimisti) e tori (gli ottimisti). In questa cornice di incertezza complice il peso, nelle proiezioni a breve termine, delle dinamiche settoriali occorre analizzare i fattori in gioco nei diversi scenari per individuare la risposta strategica più efficace. Le misure adottate dal governo per ridurre l inflazione e raffreddare il mercato immobiliare hanno ben funzionato: ora l obiettivo da perseguire è quello di una crescita sostenibile. Tuttavia, i mercati di esportazione nei paesi industriali (specialmente quelli europei) sono e probabilmente resteranno deboli, per cui negli anni a venire la Cina dovrà puntare sulla domanda interna come principale motore di sviluppo. Come dimostra l esperienza di altri paesi che hanno compiuto lo stesso iter, la transizione a un sistema basato sui consumi interni è difficile da realizzare, poiché richiede un costante impegno sul fronte politico e un lungo processo di riforme strutturali. Gli interventi proposti finora sono vari. A fine luglio del 2012, il governo cinese ha annunciato il ricorso alla leva finanziaria, agli sgravi fiscali e al credito bancario per sostenere l economia. Al tempo stesso, tuttavia, le autorità di Pechino hanno confermato l obiettivo di raffreddare il mercato immobiliare e contenere l inflazione per rea- 65

3 66 lizzare il necessario cambiamento strutturale del sistema economico. Alla fine dello stesso anno si è assistito a uno storico avvicendamento ai vertici del potere cinese, ma il processo di graduale transizione rimane all ordine del giorno. Gli imprenditori non dovrebbero sottovalutare la capacità reattiva del governo cinese. L abilità dimostrata da Pechino nel tenere sotto controllo i tassi d interesse, domare l inflazione e mantenere al tempo stesso un ritmo di crescita ben superiore rispetto a quello registrato dalle principali potenze economiche mondiali non può che rassicurare in questo senso. La Cina vanta una lunga tradizione di efficienza. E nonostante le grandi sfide che è chiamata ad affrontare, un soft landing dell economia rimane la prospettiva più probabile. La crescita dell export è in calo dal 2011, ma in compenso si registra una ripresa delle vendite al dettaglio e un forte incremento dei salari reali sia nelle aree urbane che in quelle rurali, con evidenti benefici sul piano della domanda e dei consumi interni. I timori di un crollo del tasso di crescita sono immotivati. Negli anni a venire la Cina rimarrà un gigante dell economia globale, ma per una serie di ragioni non tornerà ai tassi di crescita a due cifre degli ultimi trent anni, per il semplice motivo che l economia cinese sta progressivamente maturando. Dopo il boom degli anni della globalizzazione, favorito dall apertura al libero mercato dei primi anni Ottanta e soprattutto dopo l adesione all Organizzazione mondiale del Commercio la Cina si avvia ora a una crescita sostenibile nel lungo periodo, passando dall industria manifatturiera a basso costo alla produzione di beni a più alto valore Figura Indicatori della domanda per consumi in Cina Variazione percentuale dato destagionalizzato 24% 22% 20% 18% 16% Investimenti fissi Vendite al dettaglio 14% aprile 11 luglio 11 ottobre 11 gennaio 12 aprile 12 luglio 12 Fonte: National Bureau of Standards, J.P. Morgan; Global Economic Briefing, July 2012, di Raghuram Rajan, professore alla Booth School of Business dell Università di Chicago.

4 aggiunto. Tutto ciò garantirà, a sua volta, un miglioramento della qualità della vita e delle condizioni economiche della popolazione. Il governo non ha ancora portato a termine questo auspicato cambiamento strutturale del sistema economico, ma l obiettivo di lungo termine resta indubbiamente quello di una crescita sostenibile che si accompagni a un rafforzamento del sistema sanitario, dell istruzione e della previdenza sociale, a una più equa distribuzione della ricchezza 67 e a una maggiore tutela dell ambiente. La transizione a un economia imperniata non più sulle esportazioni ma sui consumi interni sarà favorita dal sempre più rapido processo di urbanizzazione e dallo sviluppo delle regioni centro-occidentali del paese. Dopo anni di investimenti, si cominciano a vedere ora i primi frutti, con la nascita di importanti poli tecnologici e industriali come Chongqing, Chengdu e Xi an. Nelle more di tale cambiamento, la crescita annua si attesterà su un tasso a una sola cifra, scendendo probabilmente di diversi punti percentuali rispetto al dato medio degli ultimi trent anni, pari al 10%. Non si tratta certo di una frenata disastrosa; ma le % imprese dovranno necessariamente rivedere le loro strategie. Invece di preoccuparsi per i tassi di crescita nel breve periodo, i manager dovrebbero sforzarsi di comprendere in che modo i cambiamenti strutturali ridefiniranno i rapporti di forza tra le potenze economiche mondiali, individuando le risorse e gli strumenti necessari per affrontare questa sfida Butler Tse-ita 63.indd 67 17/12/

5 68 LE PROSPETTIVE PER LE IMPRESE. Le multinazionali dovrebbero guardare al futuro su due orizzonti temporali distinti: uno a breve (6-9 mesi) e l altro a mediolungo termine. Nel corso del 2012, molte imprese cinesi specialmente nelle regioni costiere hanno registrato un rallentamento della crescita. La portata della flessione dipende dal tipo di prodotti o servizi offerti. I settori più colpiti sono quelli legati alla filiera immobiliare: nel 2011, per esempio, le vendite di macchinari per l edilizia hanno registrato un tasso di crescita negativo, e nel 2012 la Caterpillar ha annunciato un calo degli utili nel mercato cinese. Anche il settore dell auto ha subito un forte ridimensionamento, dovuto in parte alla saturazione del mercato ma anche a una serie di iniziative del governo, tra cui l imposizione di un tetto alle immatricolazioni di nuovi veicoli, in città come Pechino, al fine di ridurre il traffico e l inquinamento ambientale. L industria informatica, viceversa, è stata molto meno penalizzata: il tasso di crescita dei ricavi del settore, pari al 29,3% nella prima metà del 2011, ha segnato l anno successivo un calo di appena 3,1 punti percentuali. Lo scenario a breve termine. Anche i primi mesi del 2013 hanno visto importanti cambiamenti sul versante della domanda. Gli imprenditori si aspettano in generale che se la situazione dovesse peggiorare le autorità di Pechino adotteranno nuove misure di stimolo all economia. I manager impegnati sul campo sono convinti che il governo abbia ancora la volontà e la possibilità di garantire un soft landing attraverso gli investimenti infrastrutturali, i controlli sui movimenti di capitale, i tassi d interesse e i tassi di cambio e altri strumenti di politica macroeconomica. Molti dirigenti cinesi di alto livello, in particolare, sottolineano l importanza di conciliare l obiettivo di una crescita sostenibile con una riduzione dell inflazione, un miglioramento dei livelli di occupazione e una minore sperequazione dei redditi. Ai loro occhi un nuovo pacchetto di stimoli all economia, ancorché meno incisivo di quello adottato nel 2008, permetterebbe di limitare gli effetti negativi a cascata della crisi che scuote l Europa, e non solo. Persino gli imprenditori pessimisti sul breve termine guardano con fiducia agli anni a venire, specialmente confrontando la situazione della Cina con quella di altri paesi del mondo. Le imprese devono seguire l evoluzione della domanda e rispondere di conseguenza, soprattutto se vivono il cambiamento in prima persona. Nel settore della logistica, per esempio, sia le multinazionali che le aziende cinesi assistono a una concentrazione della domanda nelle città dell entroterra. Di conseguenza, devono adeguarsi sia in termini di footprint geografico che di modello operativo, potenziando i collegamenti tra le regioni centro-occidentali e il resto del paese e dando vita

6 a network su scala nazionale. Gli imprenditori stranieri possono trarre vantaggio dalle partnership con gli operatori cinesi, accelerando la strategia di sviluppo e colmando le proprie lacune in termini di capacità e raggio d azione, purché dotati degli strumenti opportuni. Anche le imprese del settore dei beni industriali e di consumo fanno i conti con il progressivo spostamento della domanda verso le regioni centrali del paese. Il che può offrire loro l opportunità di conquistare una posizione di vantaggio rispetto ai competitor, affermandosi come leader di mercato grazie anche allo sviluppo del brand e della distribuzione. Booz & Company presta servizi di consulenza a molte imprese che, entrate nel mercato cinese seguendo un approccio piramidale, ora desiderano espandere il proprio business oltre i confini delle città principali. La loro strategia prende il nome di xia chen (discesa) e mira a rafforzare e ampliare i canali di vendita per accedere ai mercati delle città minori. Perché ciò sia possibile, tuttavia, spesso occorre ridefinire il modello di go-to-market e la value proposition per il cliente (e ripensare le soluzioni good enough). In questo senso i canali digitali, come l e-commerce e i social media, racchiudono un enorme potenziale di crescita. L execution rimane un fattore indispensabile per il successo di tali strategie, e le imprese devono essere sempre più orientate alla crescita, mettendo al centro la massimizzazione dei ricavi e del profitto. L investimento sui talenti è tuttora la priorità numero uno per la maggior parte delle aziende. Data la forte carenza di manager e dirigenti esperti e preparati, attrarre, trattenere e valorizzare le persone giuste rimane la sfida più impegnativa per gli imprenditori che mirano a crescere in tempi rapidi. Un obiettivo, quest ultimo, che presuppone una leadership adeguata e un modello operativo che permetta di conciliare flessibilità e versatilità a livello locale con una gestione efficiente su scala globale. Lo scenario a medio-lungo termine. Alla luce della maturazione e dei cambiamenti strutturali in atto in molti settori cui si aggiungono le nuove e sempre più complesse esigenze dei consumatori nel medio-lungo termine sarà necessaria una strategia più articolata per essere presenti sul mercato cinese. Lo studio condotto nel 2012 da Booz & Company in collaborazione con l American Chamber of Commerce di Shanghai sulle strategie di mercato in Cina ha messo in luce due modelli di consumo distinti (uno incentrato sul valore, l altro sulla scelta ), con i quali devono fare i conti sia le multinazionali sia le imprese cinesi, e quattro condizioni essenziali per essere competitivi. La buona notizia è che si assiste alla nascita di una classe di consumatori disposti a pagare di più in cambio di una miglio- 69

7 70 re qualità, più fedeli al brand e sempre più interessati alla customer experience e ai servizi offerti, oltre che al prodotto in sé. Quella cattiva è che il fascino del brand straniero, tradizionalmente associato alla superiorità tecnologica e a una migliore qualità, non è più sufficiente per affermarsi sul mercato. Le multinazionali si trovano sempre più spesso a competere con imprese cinesi che vantano a loro volta brand importanti, standard qualitativi elevati e tecnologie sempre più (o altrettanto) sofisticate. Si deve dunque comprendere a fondo il contesto cinese, e in particolare il processo di trasformazione in virtù del quale le imprese locali acquisiscono gli strumenti necessari per imporsi sui loro competitor. Molti imprenditori cinesi stanno focalizzando l attenzione sulle strategie di sviluppo, sia in patria che all estero. Nella maggior parte dei casi, la sfida è quella di scalare la catena del valore aggiunto senza rinunciare ai costi contenuti, alla flessibilità e allo spirito imprenditoriale che hanno permesso ai migliori di affermarsi in un mercato così difficile. Si tratta generalmente di imprese che hanno conosciuto una crescita vertiginosa, con un sistema decisionale verticistico e centralizzato. Per continuare a espandersi devono ora ripensare il proprio modello operativo, trovando un equilibrio tra le attività decisionali e di controllo a livello centrale e quelle a livello locale; adottare processi gestionali più lineari e coerenti; far fronte alle complessità legate al maggior numero di clienti, prodotti e aree di mercato; e gestire i passaggi generazionali. In altri casi è più impellente la necessità di colmare gravi lacune in termini di performance e gettare le basi di una crescita sostenibile nel lungo periodo. Le imprese cinesi sono ancora a corto di know-how, soprattutto nell ambito del branding e del marketing; ma le multinazionali dovrebbero tenere d occhio tutte quelle aziende che, invece di limitarsi a copiare, si stanno affermando come competitor seri e innovativi. Dalla China Innovation Survey condotta nel 2012 da Booz & Company in collaborazione con le Camere di Commercio del Benelux e di Wenzhou e la China Europe International Business School (ceibs), risulta che molte imprese cinesi hanno già abbandonato il modello shanzhai (cioè di contraffazione) per adottare quello dei need seekers (caratterizzato da una maggiore attenzione alle esigenze dei consumatori), rinunciando così a essere dei semplici fast followers. Il 45% dei manager di multinazionali interpellati ha dichiarato che i competitor cinesi vantano almeno le loro stesse capacità in termini di innovazione. Uno dei principali obiettivi dei leader cinesi lo sviluppo di un economia basata sull innovazione si sta a quanto pare concretizzando. Con investimenti sempre più importanti in ricerca e sviluppo, il governo e le imprese nazionali e straniere cercano

8 di conquistare posizioni di vantaggio in un mercato vasto, competitivo e in rapida trasformazione come quello cinese. In molti casi, le aziende in questione sono ancora ben lontane dall aver acquisito una capacità di innovazione end-to-end che faccia veramente la differenza, ma le potenzialità sono notevoli e si registrano continui progressi. Le conclusioni della China Innovation Survey sono confermate da uno studio di Booz & Company su una nuova categoria di competitor cinesi: gli innovatori del mid-market. Le attività di business-to-business in settori come quello della produzione di macchinari e attrezzature ne sono un esempio: per la prima volta, si sono create tutte le condizioni favorevoli al loro successo. Avendo la possibilità di accedere a un mercato immenso come quello cinese, questi imprenditori hanno approfittato del boom degli investimenti in infrastrutture e dell enorme disponibilità di manodopera a basso costo a tutti i livelli per lanciare un ampia gamma di prodotti altamente tecnologici a prezzi contenuti, gettando le basi per un espansione globale. Gli innovatori del mid-market cinesi riusciranno a farsi strada a livello globale con molta più facilità rispetto ai loro predecessori giapponesi e coreani: il mondo è ormai molto più piatto e, grazie all outsourcing, all offshoring e alla modularizzazione dei processi produttivi, non hanno bisogno di sviluppare competenze lungo l intera catena del valore aggiunto; inoltre, possono attingere talenti e servizi professionali dal mercato globale. Con ogni probabilità, dunque, i beni industriali cinesi, al pari di altre categorie di prodotti, si affermeranno sui mercati internazionali. Ma la concorrenza cinese non è circoscritta agli operatori business-to-business e del mid-market. Nel settore business-to-consumer i principali punti di forza delle aziende cinesi sono la dinamicità e la versatilità, che permettono di soddisfare le richieste del cliente con soluzioni su misura, adattandosi alla continua evoluzione delle sue esigenze e dei suoi gusti. Si nota inoltre un più forte spirito d innovazione e una maggiore propensione a sperimentare e correre rischi per sviluppare prodotti di successo grazie anche a buone reti di vendita e distribuzione a una clientela che dal mid-market e dai circuiti commerciali secondari si sta progressivamente allargando alle fasce più alte del mercato. Le grandi multinazionali dovranno quindi affrontare una serie di sfide impegnative. I requisiti di prodotto e le soglie di prezzo spesso non consentono alle imprese a dimensione internazionale di procedere a semplici operazioni di decontenting: il good enough non sempre è sufficiente, e prendere scorciatoie o mettere in secondo piano la qualità significa andare incontro a problemi a livello di compliance e brand reputation. Nella maggior parte dei casi esse non avranno altra scelta, per raccogliere la 71

9 72 sfida dell innovazione e tentare di affermarsi sul mid-market cinese, che sviluppare prodotti, capacità e risorse localizzati. Solo così potranno tener testa ai loro competitor nei mercati emergenti. L affacciarsi sulla scena mondiale dei nuovi e agguerriti competitor cinesi esige una risposta chiara da parte delle imprese occidentali, sia in Cina sia sempre di più nei loro stessi mercati nazionali. Non si deve pensare, però, che le aziende cinesi siano invincibili. La crisi economica di questi ultimi anni è stata per molte di esse un brusco risveglio alla realtà. L intero settore dell energia solare, per esempio, attraversa una crisi profonda. Sany Heavy Industry, il più grosso produttore cinese di macchinari per l edilizia fino a pochi mesi fa considerato una minaccia potenzialmente letale per colossi come Caterpillar e Komatsu ha cominciato a licenziare a causa del crollo delle vendite nel mercato nazionale. E le performance di molte industrie a controllo statale sono nettamente peggiorate. Queste ultime sono anche esposte a forti pressioni: sempre più spesso si pretende che garantiscano gli stessi margini di profitto delle società commerciali private e pubbliche. La priorità assoluta non è più essere grandi (zuo da, zuo qiang) ma i migliori, e garantire risultati ottimali (zuo qiang, zuo you). LA RISPOSTA STRATEGICA: LE QUATTRO OPZIONI. A seconda del loro posizionamento sul mercato e nel settore in cui operano, le multinazionali possono adottare quattro principali linee d azione: Double down. Molte imprese hanno acquisito posizioni di forza (soprattutto nelle regioni costiere o nelle città maggiori), ma registrano uno spostamento della domanda (principalmente verso l entroterra o le città minori) e ne anticipano gli effetti. In qualche caso, sfruttano l opportunità di adottare strategie di mercato aggressive con il pricing, per esempio per mettere sotto pressione la concorrenza. Spesso hanno anche l opportunità di affermarsi come leader di mercato (in particolare attraverso il potenziamento di brand e distribuzione), ma devono adattare il loro modello e le proprie capacità alle esigenze della clientela dei nuovi mercati. Reposition. Le aziende alle prese con una radicale trasformazione della domanda nel settore della logistica, per esempio devono reagire in modo efficace e tempestivo. Il cambiamento investe sia le multinazionali sia le imprese cinesi, che devono di conseguenza adattare il proprio modello di business. In qualche caso occorre definire una nuova strategia d azione per affermarsi sul mercato, in sintonia con la mentalità cinese, e sviluppare le capacità e le competenze necessarie alla sua applicazione.

10 Wait and see. Le multinazionali che possono permettersi una strategia attendista valutano l opportunità di un approccio più cauto. Si tratta di aziende in grado di conquistare quote di mercato in qualsiasi situazione grazie alla capacità di innovazione e/o alla forza del brand. Ma finiscono quasi sempre per prendere l iniziativa, spinti dal desiderio di espandersi più rapidamente o su pressioni del quartier generale. Pull back. Le imprese in una posizione debole e con poche possibilità di affermarsi sul mercato dovranno compiere scelte più drastiche in termini di strategia di portafoglio e aree/modalità d azione. Tra le opzioni possibili, c è sicuramente un ruolo strategico per le partnership, così da poter sfruttare i punti di forza dei soci orientali, e una rifocalizzazione sulle attività che consentono un utilizzo ottimale delle risorse attuali. In qualche caso, sarà necessario intervenire radicalmente sui fattori di costo per aumentare la redditività. Al di là di queste risposte immediate, le imprese che vogliano restare o entrare nel mercato cinese dovranno definire una chiara strategia globale, che integri i tanti vantaggi competitivi del modello cinese nelle loro attività a livello internazionale, in modo tale da ottenere performance migliori sia in Cina sia nel resto del mondo. I loro manager dovranno progressivamente trasferire in Cina le attività a più alto valore aggiunto tra cui quelle di r&s e di sviluppo del prodotto pur mantenendo una struttura globale e sfruttando le capacità che ne derivano. Tali attività potranno dare un contributo fondamentale alla loro espansione sul mercato internazionale, fornendo le competenze necessarie per le produzioni a basso costo e il processo di reverse innovation. Nonostante il rallentamento del tasso di crescita dell economia cinese e le perduranti incertezze sul suo ritmo di sviluppo futuro, la Cina offre ancora enormi opportunità di business a lungo termine per numerose multinazionali, in quanto mercato chiave nel quadro di una strategia integrata globale. La linea d azione può variare a seconda delle circostanze, ma l obiettivo principale rimane lo stesso: imboccare la via di uno sviluppo sistematico e duraturo. 73

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Economia Aziendale. Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli. Nº matricola: 708079

Economia Aziendale. Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli. Nº matricola: 708079 Economia Aziendale Samsung, crollano del 60% gli utili sull offensiva di Apple e dei produttori cinesi. Carlo Alberto Bottaioli Nº matricola: 708079 Corso A-D 2014-2015 Fonte: IL SOLE 24 ORE: http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-10-07/

Dettagli

Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine

Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine Tel. 011/5690291 - Fax 011/5690247 - N verde gratuito 800.300.368 info@knetproject.com - www.knetproject.com

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi

Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Convegno Nazionale Intermediari Assicurativi Le giornate professionali Milano, 1 febbraio 2013 Quali prospettive per le collaborazioni fra intermediari assicurativi Risultati della ricerca IAMA Fabio Orsi

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di

FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di FACTORING E PROBLEMATICHE RELATIVE AL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE Gentili Signore, Egregi Signori, ringrazio gli organizzatori di questo convegno per avermi dato l opportunità di esprimere, come imprenditore

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte Trade Commercio in Counterfeit di merci contraffatte and e di merci Pirated usurpative: Goods MaPPinG UNA MAPPA The DELL IMPATTO economic ECONOMICO impact Aprile 2016 SINTESI Questo studio analizza l impatto

Dettagli

LA DELOCALIZZAZIONE DI ATTIVITÁ PRODUTTIVE IN. SERBIA: ANDAMENTO E CONSEGUENZE (quarta parte)

LA DELOCALIZZAZIONE DI ATTIVITÁ PRODUTTIVE IN. SERBIA: ANDAMENTO E CONSEGUENZE (quarta parte) LA DELOCALIZZAZIONE DI ATTIVITÁ PRODUTTIVE IN SERBIA: ANDAMENTO E CONSEGUENZE (quarta parte) WWW.PECOB.EU MARZO 2013 Pagina 1 di 6 La serbia continua ad attrarre investimenti esteri da tutto il mondo ed

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno.

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SETTIMO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 214 CON 46.5 AZIENDE ANALIZZATE protagonisti della ripresa: già nel biennio 213-14

Dettagli

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Comunicazione per le Aziende LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS G. Pellicelli

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese?

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Torino, 14 aprile 2006 Indice Considerazioni iniziali...p.3 La non crescita...p.5 In concreto, cosa si può fare?...p.6 Considerazioni

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Outlook finanziario dell agricoltura europea

Outlook finanziario dell agricoltura europea Gian Luca Bagnara Outlook finanziario dell agricoltura europea I prezzi agricoli hanno colpito i titoli dei giornali negli ultimi cinque anni a causa della loro volatilità. Tuttavia, questa volatilità

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

No Export..No Party!

No Export..No Party! I nuovi voucher per l internazionalizzazione e la figura del Temporary Export Manager No Export..No Party! Scegliere i mercati, pianificare e realizzare le azioni per rafforzare il business estero FAREXPORT

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

PICCOLA? MEDIA? GRANDE!

PICCOLA? MEDIA? GRANDE! PICCOLA? MEDIA? GRANDE! UNA NUOVA REALTÀ PER LE IMPRESE Il mondo odierno è sempre più guidato dall innovazione, dall importanza delle nuove idee e dallo spirito di iniziativa richiesti dalla moltitudine

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013.

Introduzione. Si prevede che Internet of Everything generi almeno 613 miliardi di dollari di profitti aziendali globali nell'arco del 2013. Internet of Everything (IoE) I 10 risultati principali del sondaggio IoE Value Index di Cisco, condotto su un campione di 7.500 responsabili aziendali in 12 paesi Joseph Bradley Jeff Loucks Andy Noronha

Dettagli

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007

Cross Cultural Management Il caso India. Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano. Napoli, 15 gennaio 2007 Cross Cultural Management Il caso India Presentazione allo Stoa Villa Campolieto - Ercolano Napoli, 15 gennaio 2007 Relatore: Giovanni De Filippis 1 IL caso India La Fiat e l India L India per Fiat Auto

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Il seguente report è stato realizzato da Physeon, sintetizzando i rapporti cinesi che ci sono pervenuti in lingua inglese ed è da considerarsi

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le

Aree di inserimento I percorsi di carriera: tante le opportunità quante le ACCENTURE SPA Profilo Azienda Accenture è un'azienda globale di Consulenza Direzionale, Servizi Tecnologici e Outsourcing che conta circa 323 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Quello che

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L Ordine degli architetti di Varese è interessato a sviluppare a) un ciclo di incontri di formazione sulle tematiche dell internazionalizzazione da offrire

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

Analisi sulla presenza industriale italiana e la sua localizzazione

Analisi sulla presenza industriale italiana e la sua localizzazione Analisi sulla presenza industriale italiana e la sua localizzazione Franco Cutrupia Presidente Camera di Commercio Italiana in Cina Presidente Savio Shandong Textile Machinery Co., Ltd Camera di Commercio

Dettagli

Il prodotto. Il ciclo di vita del prodotto

Il prodotto. Il ciclo di vita del prodotto Il prodotto Il ciclo di vita del prodotto La fase di introduzione di un nuovo prodotto La fase di introduzione: caratteristiche fase in cui il nuovo prodotto fa il suo ingresso nel mercato. Il volume delle

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

Titolo della presentazione

Titolo della presentazione Titolo della presentazione Antonio Valente L INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA. LA SCELTA DEL MERCATO ESTERO ADATTO AL PROPRIO CORE BUSINESS LE STRATEGIE DI SVILUPPO SUL TERRITORIO INDICE Abstract Analisi

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli