Sarah Butler, Edward Tse e John Jullens Le strategie di impresa in un economia più matura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sarah Butler, Edward Tse e John Jullens Le strategie di impresa in un economia più matura"

Transcript

1 Sarah Butler, Edward Tse e John Jullens Le strategie di impresa in un economia più matura Il rallentamento della crescita e il passaggio a un nuovo modello di sviluppo spingono le grandi multinazionali a chiedersi se la Cina offra ancora garanzie di sviluppo e come ridefinire strategie e modelli di business. A ciò si somma l emergere di competitor cinesi. Ma la Cina offre ancora enormi opportunità di business a lungo termine mentre si avvia a una crescita più sostenibile. Sarah Butler, Edward Tse e John Jullens sono rispettivamente direttore generale, presidente e partner della società di consulenza Booz & Company in Cina. Questa analisi si concentra sul quadro economico della Cina e soprattutto sul suo impatto sulle scelte delle imprese attive nel paese, a partire dall esperienza sul campo del senior team di Booz & Company e di qualificati consulenti esterni. La tesi di fondo è che nonostante il rallentamento della crescita dovuto in parte al contesto macroeconomico globale, ma anche alle politiche adottate dal governo per favorire uno sviluppo più sostenibile il paese offra ancora enormi opportunità di business. Si tratta di un mercato strategico, con un ruolo chiave nello scacchiere competitivo globale, e destinato a diventare sempre più importante. Le strategie degli investitori, tuttavia, devono essere profondamente ripensate. In tutti i settori economici è in atto un processo di maturazione che comporta cambiamenti strutturali. Alcuni comparti come l industria hi-tech, della sanità e dei servizi continuano a espandersi a ritmi vertiginosi; altri, come l immobiliare e l industria pesante, registrano una crescita più lenta o addirittura negativa. Domanda e offerta si spostano verso le regioni centro-occidentali del paese, e gli imprenditori devono prestare maggiore attenzione alle sempre più diversificate esigenze dei consumatori e alle dinamiche della concorrenza a livello regionale, con quel che ne consegue in termini di foot-

2 print geografico e modello di go-to-market. Inoltre, con il progressivo rafforzamento delle imprese cinesi le grandi multinazionali si vedono sempre più spesso minacciate da questi nuovi competitor orientali: innovatori del segmento mid-market che producono beni industriali e sono in grado di ottenere performance migliori sia in patria sia all estero, giocando spesso in casa delle multinazionali. Anche gli imprenditori cinesi, tuttavia, devono affrontare una serie di sfide per cercare nuove opportunità di crescita e sviluppare le capacità necessarie per coglierle, dentro e fuori i confini nazionali. LO SCENARIO DI UNA CRESCITA PIÙ SOSTENIBILE. Il rallentamento del tasso di crescita dell economia cinese sceso al 7,5% nel secondo trimestre del 2013 ha creato una situazione di grande incertezza tra gli osservatori. Da un lato ci sono gli scenari pessimistici prospettati dagli analisti che annunciano un hard landing, una brusca frenata dell economia e il collasso delle banche cinesi sotto il peso dei debiti insoluti; a preoccupare sono gli indicatori (come il Purchasing Managers Index) che annunciano un calo della produzione manifatturiera, oltre all eccesso di capacità produttiva, al crollo dei prezzi delle materie prime e ad alcuni dati di input come quelli relativi ai consumi energetici. Dall altro, abbiamo previsioni ottimistiche secondo cui le misure di stimolo varate dal governo apriranno la strada a una solida ripresa. In Cina come nel resto del mondo, la comunità è spaccata tra orsi (i pessimisti) e tori (gli ottimisti). In questa cornice di incertezza complice il peso, nelle proiezioni a breve termine, delle dinamiche settoriali occorre analizzare i fattori in gioco nei diversi scenari per individuare la risposta strategica più efficace. Le misure adottate dal governo per ridurre l inflazione e raffreddare il mercato immobiliare hanno ben funzionato: ora l obiettivo da perseguire è quello di una crescita sostenibile. Tuttavia, i mercati di esportazione nei paesi industriali (specialmente quelli europei) sono e probabilmente resteranno deboli, per cui negli anni a venire la Cina dovrà puntare sulla domanda interna come principale motore di sviluppo. Come dimostra l esperienza di altri paesi che hanno compiuto lo stesso iter, la transizione a un sistema basato sui consumi interni è difficile da realizzare, poiché richiede un costante impegno sul fronte politico e un lungo processo di riforme strutturali. Gli interventi proposti finora sono vari. A fine luglio del 2012, il governo cinese ha annunciato il ricorso alla leva finanziaria, agli sgravi fiscali e al credito bancario per sostenere l economia. Al tempo stesso, tuttavia, le autorità di Pechino hanno confermato l obiettivo di raffreddare il mercato immobiliare e contenere l inflazione per rea- 65

3 66 lizzare il necessario cambiamento strutturale del sistema economico. Alla fine dello stesso anno si è assistito a uno storico avvicendamento ai vertici del potere cinese, ma il processo di graduale transizione rimane all ordine del giorno. Gli imprenditori non dovrebbero sottovalutare la capacità reattiva del governo cinese. L abilità dimostrata da Pechino nel tenere sotto controllo i tassi d interesse, domare l inflazione e mantenere al tempo stesso un ritmo di crescita ben superiore rispetto a quello registrato dalle principali potenze economiche mondiali non può che rassicurare in questo senso. La Cina vanta una lunga tradizione di efficienza. E nonostante le grandi sfide che è chiamata ad affrontare, un soft landing dell economia rimane la prospettiva più probabile. La crescita dell export è in calo dal 2011, ma in compenso si registra una ripresa delle vendite al dettaglio e un forte incremento dei salari reali sia nelle aree urbane che in quelle rurali, con evidenti benefici sul piano della domanda e dei consumi interni. I timori di un crollo del tasso di crescita sono immotivati. Negli anni a venire la Cina rimarrà un gigante dell economia globale, ma per una serie di ragioni non tornerà ai tassi di crescita a due cifre degli ultimi trent anni, per il semplice motivo che l economia cinese sta progressivamente maturando. Dopo il boom degli anni della globalizzazione, favorito dall apertura al libero mercato dei primi anni Ottanta e soprattutto dopo l adesione all Organizzazione mondiale del Commercio la Cina si avvia ora a una crescita sostenibile nel lungo periodo, passando dall industria manifatturiera a basso costo alla produzione di beni a più alto valore Figura Indicatori della domanda per consumi in Cina Variazione percentuale dato destagionalizzato 24% 22% 20% 18% 16% Investimenti fissi Vendite al dettaglio 14% aprile 11 luglio 11 ottobre 11 gennaio 12 aprile 12 luglio 12 Fonte: National Bureau of Standards, J.P. Morgan; Global Economic Briefing, July 2012, di Raghuram Rajan, professore alla Booth School of Business dell Università di Chicago.

4 aggiunto. Tutto ciò garantirà, a sua volta, un miglioramento della qualità della vita e delle condizioni economiche della popolazione. Il governo non ha ancora portato a termine questo auspicato cambiamento strutturale del sistema economico, ma l obiettivo di lungo termine resta indubbiamente quello di una crescita sostenibile che si accompagni a un rafforzamento del sistema sanitario, dell istruzione e della previdenza sociale, a una più equa distribuzione della ricchezza 67 e a una maggiore tutela dell ambiente. La transizione a un economia imperniata non più sulle esportazioni ma sui consumi interni sarà favorita dal sempre più rapido processo di urbanizzazione e dallo sviluppo delle regioni centro-occidentali del paese. Dopo anni di investimenti, si cominciano a vedere ora i primi frutti, con la nascita di importanti poli tecnologici e industriali come Chongqing, Chengdu e Xi an. Nelle more di tale cambiamento, la crescita annua si attesterà su un tasso a una sola cifra, scendendo probabilmente di diversi punti percentuali rispetto al dato medio degli ultimi trent anni, pari al 10%. Non si tratta certo di una frenata disastrosa; ma le % imprese dovranno necessariamente rivedere le loro strategie. Invece di preoccuparsi per i tassi di crescita nel breve periodo, i manager dovrebbero sforzarsi di comprendere in che modo i cambiamenti strutturali ridefiniranno i rapporti di forza tra le potenze economiche mondiali, individuando le risorse e gli strumenti necessari per affrontare questa sfida Butler Tse-ita 63.indd 67 17/12/

5 68 LE PROSPETTIVE PER LE IMPRESE. Le multinazionali dovrebbero guardare al futuro su due orizzonti temporali distinti: uno a breve (6-9 mesi) e l altro a mediolungo termine. Nel corso del 2012, molte imprese cinesi specialmente nelle regioni costiere hanno registrato un rallentamento della crescita. La portata della flessione dipende dal tipo di prodotti o servizi offerti. I settori più colpiti sono quelli legati alla filiera immobiliare: nel 2011, per esempio, le vendite di macchinari per l edilizia hanno registrato un tasso di crescita negativo, e nel 2012 la Caterpillar ha annunciato un calo degli utili nel mercato cinese. Anche il settore dell auto ha subito un forte ridimensionamento, dovuto in parte alla saturazione del mercato ma anche a una serie di iniziative del governo, tra cui l imposizione di un tetto alle immatricolazioni di nuovi veicoli, in città come Pechino, al fine di ridurre il traffico e l inquinamento ambientale. L industria informatica, viceversa, è stata molto meno penalizzata: il tasso di crescita dei ricavi del settore, pari al 29,3% nella prima metà del 2011, ha segnato l anno successivo un calo di appena 3,1 punti percentuali. Lo scenario a breve termine. Anche i primi mesi del 2013 hanno visto importanti cambiamenti sul versante della domanda. Gli imprenditori si aspettano in generale che se la situazione dovesse peggiorare le autorità di Pechino adotteranno nuove misure di stimolo all economia. I manager impegnati sul campo sono convinti che il governo abbia ancora la volontà e la possibilità di garantire un soft landing attraverso gli investimenti infrastrutturali, i controlli sui movimenti di capitale, i tassi d interesse e i tassi di cambio e altri strumenti di politica macroeconomica. Molti dirigenti cinesi di alto livello, in particolare, sottolineano l importanza di conciliare l obiettivo di una crescita sostenibile con una riduzione dell inflazione, un miglioramento dei livelli di occupazione e una minore sperequazione dei redditi. Ai loro occhi un nuovo pacchetto di stimoli all economia, ancorché meno incisivo di quello adottato nel 2008, permetterebbe di limitare gli effetti negativi a cascata della crisi che scuote l Europa, e non solo. Persino gli imprenditori pessimisti sul breve termine guardano con fiducia agli anni a venire, specialmente confrontando la situazione della Cina con quella di altri paesi del mondo. Le imprese devono seguire l evoluzione della domanda e rispondere di conseguenza, soprattutto se vivono il cambiamento in prima persona. Nel settore della logistica, per esempio, sia le multinazionali che le aziende cinesi assistono a una concentrazione della domanda nelle città dell entroterra. Di conseguenza, devono adeguarsi sia in termini di footprint geografico che di modello operativo, potenziando i collegamenti tra le regioni centro-occidentali e il resto del paese e dando vita

6 a network su scala nazionale. Gli imprenditori stranieri possono trarre vantaggio dalle partnership con gli operatori cinesi, accelerando la strategia di sviluppo e colmando le proprie lacune in termini di capacità e raggio d azione, purché dotati degli strumenti opportuni. Anche le imprese del settore dei beni industriali e di consumo fanno i conti con il progressivo spostamento della domanda verso le regioni centrali del paese. Il che può offrire loro l opportunità di conquistare una posizione di vantaggio rispetto ai competitor, affermandosi come leader di mercato grazie anche allo sviluppo del brand e della distribuzione. Booz & Company presta servizi di consulenza a molte imprese che, entrate nel mercato cinese seguendo un approccio piramidale, ora desiderano espandere il proprio business oltre i confini delle città principali. La loro strategia prende il nome di xia chen (discesa) e mira a rafforzare e ampliare i canali di vendita per accedere ai mercati delle città minori. Perché ciò sia possibile, tuttavia, spesso occorre ridefinire il modello di go-to-market e la value proposition per il cliente (e ripensare le soluzioni good enough). In questo senso i canali digitali, come l e-commerce e i social media, racchiudono un enorme potenziale di crescita. L execution rimane un fattore indispensabile per il successo di tali strategie, e le imprese devono essere sempre più orientate alla crescita, mettendo al centro la massimizzazione dei ricavi e del profitto. L investimento sui talenti è tuttora la priorità numero uno per la maggior parte delle aziende. Data la forte carenza di manager e dirigenti esperti e preparati, attrarre, trattenere e valorizzare le persone giuste rimane la sfida più impegnativa per gli imprenditori che mirano a crescere in tempi rapidi. Un obiettivo, quest ultimo, che presuppone una leadership adeguata e un modello operativo che permetta di conciliare flessibilità e versatilità a livello locale con una gestione efficiente su scala globale. Lo scenario a medio-lungo termine. Alla luce della maturazione e dei cambiamenti strutturali in atto in molti settori cui si aggiungono le nuove e sempre più complesse esigenze dei consumatori nel medio-lungo termine sarà necessaria una strategia più articolata per essere presenti sul mercato cinese. Lo studio condotto nel 2012 da Booz & Company in collaborazione con l American Chamber of Commerce di Shanghai sulle strategie di mercato in Cina ha messo in luce due modelli di consumo distinti (uno incentrato sul valore, l altro sulla scelta ), con i quali devono fare i conti sia le multinazionali sia le imprese cinesi, e quattro condizioni essenziali per essere competitivi. La buona notizia è che si assiste alla nascita di una classe di consumatori disposti a pagare di più in cambio di una miglio- 69

7 70 re qualità, più fedeli al brand e sempre più interessati alla customer experience e ai servizi offerti, oltre che al prodotto in sé. Quella cattiva è che il fascino del brand straniero, tradizionalmente associato alla superiorità tecnologica e a una migliore qualità, non è più sufficiente per affermarsi sul mercato. Le multinazionali si trovano sempre più spesso a competere con imprese cinesi che vantano a loro volta brand importanti, standard qualitativi elevati e tecnologie sempre più (o altrettanto) sofisticate. Si deve dunque comprendere a fondo il contesto cinese, e in particolare il processo di trasformazione in virtù del quale le imprese locali acquisiscono gli strumenti necessari per imporsi sui loro competitor. Molti imprenditori cinesi stanno focalizzando l attenzione sulle strategie di sviluppo, sia in patria che all estero. Nella maggior parte dei casi, la sfida è quella di scalare la catena del valore aggiunto senza rinunciare ai costi contenuti, alla flessibilità e allo spirito imprenditoriale che hanno permesso ai migliori di affermarsi in un mercato così difficile. Si tratta generalmente di imprese che hanno conosciuto una crescita vertiginosa, con un sistema decisionale verticistico e centralizzato. Per continuare a espandersi devono ora ripensare il proprio modello operativo, trovando un equilibrio tra le attività decisionali e di controllo a livello centrale e quelle a livello locale; adottare processi gestionali più lineari e coerenti; far fronte alle complessità legate al maggior numero di clienti, prodotti e aree di mercato; e gestire i passaggi generazionali. In altri casi è più impellente la necessità di colmare gravi lacune in termini di performance e gettare le basi di una crescita sostenibile nel lungo periodo. Le imprese cinesi sono ancora a corto di know-how, soprattutto nell ambito del branding e del marketing; ma le multinazionali dovrebbero tenere d occhio tutte quelle aziende che, invece di limitarsi a copiare, si stanno affermando come competitor seri e innovativi. Dalla China Innovation Survey condotta nel 2012 da Booz & Company in collaborazione con le Camere di Commercio del Benelux e di Wenzhou e la China Europe International Business School (ceibs), risulta che molte imprese cinesi hanno già abbandonato il modello shanzhai (cioè di contraffazione) per adottare quello dei need seekers (caratterizzato da una maggiore attenzione alle esigenze dei consumatori), rinunciando così a essere dei semplici fast followers. Il 45% dei manager di multinazionali interpellati ha dichiarato che i competitor cinesi vantano almeno le loro stesse capacità in termini di innovazione. Uno dei principali obiettivi dei leader cinesi lo sviluppo di un economia basata sull innovazione si sta a quanto pare concretizzando. Con investimenti sempre più importanti in ricerca e sviluppo, il governo e le imprese nazionali e straniere cercano

8 di conquistare posizioni di vantaggio in un mercato vasto, competitivo e in rapida trasformazione come quello cinese. In molti casi, le aziende in questione sono ancora ben lontane dall aver acquisito una capacità di innovazione end-to-end che faccia veramente la differenza, ma le potenzialità sono notevoli e si registrano continui progressi. Le conclusioni della China Innovation Survey sono confermate da uno studio di Booz & Company su una nuova categoria di competitor cinesi: gli innovatori del mid-market. Le attività di business-to-business in settori come quello della produzione di macchinari e attrezzature ne sono un esempio: per la prima volta, si sono create tutte le condizioni favorevoli al loro successo. Avendo la possibilità di accedere a un mercato immenso come quello cinese, questi imprenditori hanno approfittato del boom degli investimenti in infrastrutture e dell enorme disponibilità di manodopera a basso costo a tutti i livelli per lanciare un ampia gamma di prodotti altamente tecnologici a prezzi contenuti, gettando le basi per un espansione globale. Gli innovatori del mid-market cinesi riusciranno a farsi strada a livello globale con molta più facilità rispetto ai loro predecessori giapponesi e coreani: il mondo è ormai molto più piatto e, grazie all outsourcing, all offshoring e alla modularizzazione dei processi produttivi, non hanno bisogno di sviluppare competenze lungo l intera catena del valore aggiunto; inoltre, possono attingere talenti e servizi professionali dal mercato globale. Con ogni probabilità, dunque, i beni industriali cinesi, al pari di altre categorie di prodotti, si affermeranno sui mercati internazionali. Ma la concorrenza cinese non è circoscritta agli operatori business-to-business e del mid-market. Nel settore business-to-consumer i principali punti di forza delle aziende cinesi sono la dinamicità e la versatilità, che permettono di soddisfare le richieste del cliente con soluzioni su misura, adattandosi alla continua evoluzione delle sue esigenze e dei suoi gusti. Si nota inoltre un più forte spirito d innovazione e una maggiore propensione a sperimentare e correre rischi per sviluppare prodotti di successo grazie anche a buone reti di vendita e distribuzione a una clientela che dal mid-market e dai circuiti commerciali secondari si sta progressivamente allargando alle fasce più alte del mercato. Le grandi multinazionali dovranno quindi affrontare una serie di sfide impegnative. I requisiti di prodotto e le soglie di prezzo spesso non consentono alle imprese a dimensione internazionale di procedere a semplici operazioni di decontenting: il good enough non sempre è sufficiente, e prendere scorciatoie o mettere in secondo piano la qualità significa andare incontro a problemi a livello di compliance e brand reputation. Nella maggior parte dei casi esse non avranno altra scelta, per raccogliere la 71

9 72 sfida dell innovazione e tentare di affermarsi sul mid-market cinese, che sviluppare prodotti, capacità e risorse localizzati. Solo così potranno tener testa ai loro competitor nei mercati emergenti. L affacciarsi sulla scena mondiale dei nuovi e agguerriti competitor cinesi esige una risposta chiara da parte delle imprese occidentali, sia in Cina sia sempre di più nei loro stessi mercati nazionali. Non si deve pensare, però, che le aziende cinesi siano invincibili. La crisi economica di questi ultimi anni è stata per molte di esse un brusco risveglio alla realtà. L intero settore dell energia solare, per esempio, attraversa una crisi profonda. Sany Heavy Industry, il più grosso produttore cinese di macchinari per l edilizia fino a pochi mesi fa considerato una minaccia potenzialmente letale per colossi come Caterpillar e Komatsu ha cominciato a licenziare a causa del crollo delle vendite nel mercato nazionale. E le performance di molte industrie a controllo statale sono nettamente peggiorate. Queste ultime sono anche esposte a forti pressioni: sempre più spesso si pretende che garantiscano gli stessi margini di profitto delle società commerciali private e pubbliche. La priorità assoluta non è più essere grandi (zuo da, zuo qiang) ma i migliori, e garantire risultati ottimali (zuo qiang, zuo you). LA RISPOSTA STRATEGICA: LE QUATTRO OPZIONI. A seconda del loro posizionamento sul mercato e nel settore in cui operano, le multinazionali possono adottare quattro principali linee d azione: Double down. Molte imprese hanno acquisito posizioni di forza (soprattutto nelle regioni costiere o nelle città maggiori), ma registrano uno spostamento della domanda (principalmente verso l entroterra o le città minori) e ne anticipano gli effetti. In qualche caso, sfruttano l opportunità di adottare strategie di mercato aggressive con il pricing, per esempio per mettere sotto pressione la concorrenza. Spesso hanno anche l opportunità di affermarsi come leader di mercato (in particolare attraverso il potenziamento di brand e distribuzione), ma devono adattare il loro modello e le proprie capacità alle esigenze della clientela dei nuovi mercati. Reposition. Le aziende alle prese con una radicale trasformazione della domanda nel settore della logistica, per esempio devono reagire in modo efficace e tempestivo. Il cambiamento investe sia le multinazionali sia le imprese cinesi, che devono di conseguenza adattare il proprio modello di business. In qualche caso occorre definire una nuova strategia d azione per affermarsi sul mercato, in sintonia con la mentalità cinese, e sviluppare le capacità e le competenze necessarie alla sua applicazione.

10 Wait and see. Le multinazionali che possono permettersi una strategia attendista valutano l opportunità di un approccio più cauto. Si tratta di aziende in grado di conquistare quote di mercato in qualsiasi situazione grazie alla capacità di innovazione e/o alla forza del brand. Ma finiscono quasi sempre per prendere l iniziativa, spinti dal desiderio di espandersi più rapidamente o su pressioni del quartier generale. Pull back. Le imprese in una posizione debole e con poche possibilità di affermarsi sul mercato dovranno compiere scelte più drastiche in termini di strategia di portafoglio e aree/modalità d azione. Tra le opzioni possibili, c è sicuramente un ruolo strategico per le partnership, così da poter sfruttare i punti di forza dei soci orientali, e una rifocalizzazione sulle attività che consentono un utilizzo ottimale delle risorse attuali. In qualche caso, sarà necessario intervenire radicalmente sui fattori di costo per aumentare la redditività. Al di là di queste risposte immediate, le imprese che vogliano restare o entrare nel mercato cinese dovranno definire una chiara strategia globale, che integri i tanti vantaggi competitivi del modello cinese nelle loro attività a livello internazionale, in modo tale da ottenere performance migliori sia in Cina sia nel resto del mondo. I loro manager dovranno progressivamente trasferire in Cina le attività a più alto valore aggiunto tra cui quelle di r&s e di sviluppo del prodotto pur mantenendo una struttura globale e sfruttando le capacità che ne derivano. Tali attività potranno dare un contributo fondamentale alla loro espansione sul mercato internazionale, fornendo le competenze necessarie per le produzioni a basso costo e il processo di reverse innovation. Nonostante il rallentamento del tasso di crescita dell economia cinese e le perduranti incertezze sul suo ritmo di sviluppo futuro, la Cina offre ancora enormi opportunità di business a lungo termine per numerose multinazionali, in quanto mercato chiave nel quadro di una strategia integrata globale. La linea d azione può variare a seconda delle circostanze, ma l obiettivo principale rimane lo stesso: imboccare la via di uno sviluppo sistematico e duraturo. 73

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro. Rapporto Finale

Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro. Rapporto Finale Dal valore delle competenze, nuove opportunità per rimettere in moto il lavoro Rapporto Finale Roma, febbraio 2014 INDICE Executive Summary 1 Parte prima I risultati dell indagine sulle imprese 11 1.

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0

Second Opinion. Business reliability and values creation. November 2013 Second Opinion. rel 2.0 Second Opinion Business reliability and values creation November 2013 Second Opinion. rel 2.0 A differenza e di altri documenti, ou i,pepaaii preparati in precedenza, pee e questo va inteso esclusivamente

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli