ANNA CASTALDO ANDREANA CHIAPPONE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE A CURA DELLE RESPONSABILI DELL AMBITO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNA CASTALDO ANDREANA CHIAPPONE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE A CURA DELLE RESPONSABILI DELL AMBITO"

Transcript

1 a.s.2013/2014 INGLESE A CURA DELLE RESPONSABILI DELL AMBITO ANNA CASTALDO ANDREANA CHIAPPONE

2 Bisogni ed intenti: Secondo quanto indicato dalla CM 89/2012, l ambito disciplinare di Inglese delibera che negli scrutini intermedi delle classi prime, seconde e terze la valutazione dei risultati raggiunti sia formulata mediante voto scritto ed orale. Inoltre si stabilisce che: 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero in itinere e una verifica finale che accerti l eventuale recupero avvenuto, tale recupero può essere attuato alla fine di uno o più moduli a seconda delle necessità del docente e della classe. 2. Le ore di insegnamento non devono essere accorpate in quanto superare l unità giornaliera non è didatticamente funzionale ed affatica le classi. 3. Le verifiche vengono adattate di volta in volta alle possibilità di apprendimento delle singole classi e pertanto non sono funzionali alle attività di sportello. Inoltre nei testi utilizzati ci sono tanti esercizi per poter recuperare gli alunni negli incontri individuali o nel piccolo gruppo. 4. L Istituto organizzi dei corsi per l acquisizione delle certificazioni di Lingua Inglese relative ai livelli B1 e B2 del Quadro Comune di Riferimento Linguistico affinché gli alunni possano prepararsi al meglio per l inserimento universitario e nel mondo del lavoro. 5. Per poter ottenere migliori risultati nelle competenze orali nel normale orario scolastico ed offrire maggiori possibilità di esposizione alle varietà di accento sarebbe necessario essere affiancati da docenti-lettori di Conversazione di Lingua Inglese. 6. Gli argomenti e le competenze dei Saperi Imprenscindibili, precisando che ai fini dei Corsi di Recupero di Agosto e relativi Esami Finali Scritti si terranno in considerazione solo i contenuti linguistici basati sul livello B1. Pertanto i corsi di Recupero di potranno prevedere accorpamenti alunni provenienti da classi di diversi indirizzi. Per gli Esami Orali si terrà conto dei contenuti dell ambiente di specializzazione. 7. Che le verifiche scritte possano essere somministrate senza preavviso essendo esse soltanto una delle prove della valutazione scritta e pertanto equiparate alle prove di verifica orale. 8. Che per le valutazioni del primo trimestre viene mantenuta la distinzione tra scritto ed orale. FIRMA DEI DOCENTI: C. F

3 PROGRAMMAZIONE PER AMBITO DISCIPLINARE: INGLESE ORDINE DI SCUOLA : Professionale INDIRIZZO: Servizi Commerciali Informatico CLASSI: Prime MODULO N. 1 Presentarsi, entrare in relazione con altre persone, parlare dei propri studi L alunno deve sapersi presentare, rivolgersi ad altre persone, parlare della propria carriera scolastica Conoscenze: lessico su personal identification, relations with other people, education Contenuti: strutture relative a present simple (be, have, verbs), dimostrativi, Wh-/Yes-No questions, pronomi personali, possessivi, plurali, possessive case, can, quantificatori, time prepositions, avverbi di frequenza, like Capacità: sapersi presentare, rivolgersi ad altre persone, parlare della propria carriera scolastica TEMPI

4 Settembre Ottobre METODOLOGIA (per I&FP privilegiare didattica laboratoriale) Percorso eclettico che fonde gli apporti più significativi del metodo situazionale,funzionale e strutturale, partendo da un approccio comunicativo senza tralasciare la grammatica e l acquisizione del lessico. Si curerà anche il codice scritto in quanto sono essenziali per una competenza comunicativa sulle quattro abilità di base. TESTO DI COMPITO E MODALITÀ DI VERIFICA La verifica formativa verrà attuata attraverso testi oggettivi, colloqui orali, correzione di esercizi esposizione e relazione scritta, lavori di gruppo,. La verifica sommativa verrà attuata attraverso test oggettivi, colloqui orali, esposizioni e relazioni scritte.svolgimento di esercizi. La valutazione si avvarrà sia di procedure sistematiche e continue ( griglie di osservazione ecc) sia con momenti più formalizzanti con prove di tipo oggettivo e soggettivo) Verifiche di controllo in itinere non seguite da valutazioni formali in quanto utili per verificare la comprensione e per poter programmare eventuali interventi di rinforzo. Le verifiche orali terranno conto della proprietà lessicale, dell uso di funzioni e strutture, della qualità della pronuncia,della comprensione orale, nonché dei contenuti storico letterari ed artistici affrontati. Le verifiche scritte terranno conto del grado di interesse ed impegno, dei livelli conseguiti in ciascuna abilità. MODULO N. 2 Parlare della vita quotidiana, dello sport, di cibi e bevande

5 Saper parlare della vita quotidiana, dello sport, di cibi e bevande Conoscenze:Lessico su daily life, sport, food and drinks Contenuti: Strutture relative imperativi, present continuous, past simple Capacità: Saper parlare della vita quotidiana, dello sport, di cibi e bevande Novembre Dicembre Tempi MODULO N. 3 Parlare di reati, posti e luoghi, arti e mestieri

6 Saper parlare di reati, posti e luoghi, arti e mestieri Conoscenze: Lessico su crimes, places and buildings, work and jobs Contenuti: Strutture relative a past simple, would, could, nomi numerabili e non, comparativi, superlativi,past continuous, place prepositions, have to/must, should Capacità: Saper parlare di reati, posti e luoghi, arti e mestieri Gennaio Febbraio Marzo TEMPI MODULO N. 4

7 Parlare del tempo atmosferico, sentimenti, opinioni ed esperienze personali, trasporto Saper parlare del tempo atmosferico, sentimenti, opinioni ed esperienze personali, trasporto Conoscenze: Lessico su weather, personal feelings, opinions and experiences, transport Contenuti:Strutture relative a be going to, future con will e present continuous, may/might, first conditional, compounds of every-no-some-any, present perfect Capacità: Saper parlare del tempo atmosferico, sentimenti, opinioni ed esperienze personali, trasporto TEMPI Aprile Maggio

8 PROGRAMMAZIONE PER AMBITO DISCIPLINARE: INGLESE ORDINE DI SCUOLA : Professionale INDIRIZZO: Servizi Commerciali Informatico CLASSI: Seconde MODULO N. 1 Parlare di hobby e tempo libero, istruzione, paesi, abitazioni Saper parlare di hobby e tempo libero, istruzione, paesi, abitazioni Conoscenze: Lessico su hobbies and leisure, free time, education, countries, houses and home Contenuti: Strutture relative a past continuous, futures, present perfect, duration form Capacità: Saper parlare di hobby e tempo libero, istruzione, paesi, abitazioni

9 TEMPI Settembre Ottobre METODOLOGIA (per I&FP privilegiare didattica laboratoriale) Percorso eclettico che fonde gli apporti più significativi del metodo situazionale,funzionale e strutturale, partendo da un approccio comunicativo senza tralasciare la grammatica e l acquisizione del lessico. Si curerà anche il codice scritto in quanto sono essenziali per una competenza comunicativa sulle quattro abilità di base. TESTO DI COMPITO E MODALITÀ DI VERIFICA La verifica formativa verrà attuata attraverso testi oggettivi, colloqui orali, correzione di esercizi esposizione e relazione scritta, lavori di gruppo,. La verifica sommativa verrà attuata attraverso test oggettivi, colloqui orali, esposizioni e relazioni scritte.svolgimento di esercizi. La valutazione si avvarrà sia di procedure sistematiche e continue ( griglie di osservazione ecc) sia con momenti più formalizzanti con prove di tipo oggettivo e soggettivo) Verifiche di controllo in itinere non seguite da valutazioni formali in quanto utili per verificare la comprensione e per poter programmare eventuali interventi di rinforzo. Le verifiche orali terranno conto della proprietà lessicale, dell uso di funzioni e strutture, della qualità della pronuncia,della comprensione orale, nonché dei contenuti storico letterari ed artistici affrontati. Le verifiche scritte terranno conto del grado di interesse ed impegno, dei livelli conseguiti in ciascuna abilità. MODULO N. 2 Parlare di salute, medicine, esercizio fisico, abiti

10 Saper parlare di salute, medicine, esercizio fisico, abiti. Conoscenze: Lessico su health, medicine,exercise, clothes Contenuti: Strutture relative a infinitive di purpose, relative clauses, ought to/had better, have to: past future Capacità: Saper parlare di salute, medicine, esercizio fisico, abiti Tempi Novembre Dicembre MODULO N. 3

11 Parlare di intrattenimento, media, sentimenti personali, scienza e tecnologia, ambiente Saper parlare di intrattenimento, media, sentimenti personali, scienza e tecnologia, ambiente Conoscenze: Lessico su entairnment, media, personal feelings, science, technology, environment Contenuti: Strutture relative a passive, pronomi riflessivi, second conditional, past perfect simple, comparative of adverbs, reported statements, questions, speech Capacità: Saper parlare di intrattenimento, media, sentimenti personali, scienza e tecnologia, ambiente TEMPI Gennaio Febbraio Marzo

12 MODULO N. 4 Interagire socialmente Saper interagire socialmente Conoscenze: Lessico su social interaction Contenuti: Strutture relative a commands, requests, gerund, third conditional, wish, question tags, used to, be able to Capacità: Saper interagire socialmente

13 TEMPI Aprile Maggio Compiling a European CV PROGRAMMAZIONE PER AMBITO DISCIPLINARE: INGLESE ORDINE DI SCUOLA : Professionale INDIRIZZO: Servizi Commerciali Informatico CLASSI: Terze con I&FP MODULO N. 1 Parlare del proprio stile di vita

14 Saper parlare del proprio stile di vita Conoscenze: Lessico su daily life, relations with other people Contenuti: B2 Strutture relative a present present e continuous: altri usi, verbi di stato Capacità: Saper parlare del proprio stile di vita TEMPI Settembre Ottobre METODOLOGIA (per I&FP privilegiare didattica laboratoriale) Percorso eclettico che fonde gli apporti più significativi del metodo situazionale,funzionale e strutturale, partendo da un approccio comunicativo senza tralasciare la grammatica e l acquisizione del lessico. Si curerà anche il codice scritto in quanto sono essenziali per una competenza comunicativa sulle quattro abilità di base. TESTO DI COMPITO La verifica formativa verrà attuata attraverso testi oggettivi, colloqui orali, correzione di esercizi esposizione e relazione scritta, lavori di gruppo,. La verifica sommativa verrà attuata attraverso test

15 E MODALITÀ DI VERIFICA oggettivi, colloqui orali, esposizioni e relazioni scritte.svolgimento di esercizi. La valutazione si avvarrà sia di procedure sistematiche e continue ( griglie di osservazione ecc) sia con momenti più formalizzanti con prove di tipo oggettivo e soggettivo) Verifiche di controllo in itinere non seguite da valutazioni formali in quanto utili per verificare la comprensione e per poter programmare eventuali interventi di rinforzo. Le verifiche orali terranno conto della proprietà lessicale, dell uso di funzioni e strutture, della qualità della pronuncia,della comprensione orale, nonché dei contenuti storico letterari ed artistici affrontati. Le verifiche scritte terranno conto del grado di interesse ed impegno, dei livelli conseguiti in ciascuna abilità. MODULO N. 2 Parlare di sentimenti e opinioni ed interagire socialmente Saper parlare di sentimenti e opinioni ed interagire socialmente Conoscenze: Lessico su Personal feelings, opinions and experiences, social interaction Contenuti: B2 Strutture relative a past perfect simple e continuous

16 Capacità: Saper parlare di sentimenti e opinioni ed interagire socialmente Novembre Dicembre Tempi MODULO N. 3 Parlare del proprio aspetto fisico e di shopping Saper parlare del proprio aspetto fisico e di shopping Conoscenze: Lessico su pesonal identification, shopping

17 Contenuti: B2 Strutture relative a present perfect continuous vs simple Capacità: Saper parlare del proprio aspetto fisico e di shopping Gennaio Febbraio Marzo TEMPI MODULO N. 4 Parlare di viaggi e vacanze Saper parlare di viaggi e vacanze

18 Conoscenze: Lessico su travel, holidays Contenuti: B2 Strutture relative a future continuous, perfect and in the past Capacità: Saper parlare di viaggi e vacanze TEMPI Aprile Maggio Per la programmazione I&FP vengono scelti per 1 UF La gestione della comunicazione e delle informazioni. Fasi principali della catena di distribuzione dei prodotti e del mercato. Introduction to commerce and trade Home trade Channels of distribution Retail organizations 1 UF Linguaggio specific e principali funzioni comunicative, lessico e la fraseologia utilizzate in particolare modo per accogliere un cliente o un visitatore straniero

19 Telephone convervations Face-to-face communication Routine conversations Presentations 1 UF Lessico, funzioni, strutture per presentare in modo semplice ma completo la propria azienda (storia, mercato, organigramma,ecc) Business organizations Sole trader Partnerships Limited companies Cooperatives Franchises Internal organization of a company In the office 4 UF Le attrezzature di ufficio. I principali mezzi di comunicazione. Information technology in the section of productions E-commerce Text messages (SMS) Faxes Business letters Business letter layout

20 Elements of a business letter Reports Telephone conversations 1UF La gestione della comunicazione e delle informazioni. I soggetti coinvolti in una transazione commerciale scritta e le loro funzioni. I diversi tipi di comunicazione commerciale scritta e le loro funzioni. Advertisements Advertising strategies The power of words More about words in advertisements Sales letters Compiling a European CV PROGRAMMAZIONE PER AMBITO DISCIPLINARE: INGLESE ORDINE DI SCUOLA : Professionale INDIRIZZO: Servizi Commerciali Informatico CLASSI: Quarte (Programmazione linguistica + specifica) MODULO N. 1 Parlare di festività e tradizioni Parlare della produzione e del commercio internazionale

21 Saper parlare di festività e tradizioni Saper parlare della produzione e del commercio internazionale Conoscenze: Lessico su holidays, the production process, factors and sectors of production, International trade, and the Balance of Payments, Restrictions on international trade, international trade organizations Contenuti: B2 Strutture relative a question tags, verbi + to o ing, be used, make, let, get, verbi di percezione Capacità: Saper parlare di festività e tradizioni Saper parlare della produzione e del commercio internazionale TEMPI Settembre Ottobre METODOLOGIA (per I&FP privilegiare didattica laboratoriale) Percorso eclettico che fonde gli apporti più significativi del metodo situazionale,funzionale e strutturale, partendo da un approccio comunicativo senza tralasciare la grammatica e l acquisizione del lessico. Si curerà anche il codice scritto in quanto sono essenziali per una competenza comunicativa sulle quattro abilità di base.

22 TESTO DI COMPITO E MODALITÀ DI VERIFICA La verifica formativa verrà attuata attraverso testi oggettivi, colloqui orali, correzione di esercizi esposizione e relazione scritta, lavori di gruppo,. La verifica sommativa verrà attuata attraverso test oggettivi, colloqui orali, esposizioni e relazioni scritte.svolgimento di esercizi. La valutazione si avvarrà sia di procedure sistematiche e continue ( griglie di osservazione ecc) sia con momenti più formalizzanti con prove di tipo oggettivo e soggettivo) Verifiche di controllo in itinere non seguite da valutazioni formali in quanto utili per verificare la comprensione e per poter programmare eventuali interventi di rinforzo. Le verifiche orali terranno conto della proprietà lessicale, dell uso di funzioni e strutture, della qualità della pronuncia,della comprensione orale, nonché dei contenuti storico letterari ed artistici affrontati. Le verifiche scritte terranno conto del grado di interesse ed impegno, dei livelli conseguiti in ciascuna abilità. MODULO N. 2 Parlare di mode e tendenze Comunicare nel mondo degli affari Saper parlare di mode e tendenze Saper comunicare nel mondo degli affari Conoscenze: Lessico su shopping, the growth of business, outsourcing and offshoring, the labour market, business communication ( , test messages SMS, faxes, business letters, reports)

23 graphs and charts, the language used to describe trends Contenuti: B2 Strutture relative a could, be able to, managed to, need, supposizioni Capacità: Saper parlare di mode e tendenze Saper comunicare nel mondo degli affari Novembre Dicembre Tempi MODULO N. 3 Richiedere in forma scritta ed orale Saper richiedere in forma scritta ed orale

24 Conoscenze: Lessico su enquiries, telephone enquiries Contenuti: B2 Strutture relative a nomi sempre plurali, collettivi, composti, pronomi riflessivi, both, either, neither, all, everything, every, each Capacità: Saper richiedere in forma scritta ed orale Gennaio Febbraio Marzo TEMPI MODULO N. 4 Ordinare in forma scritta ed orale

25 Saper ordinare in forma scritta ed orale Conoscenze: Lessico su orders, replies to orders, orders on the phone Contenuti: B2 Inversione della frase, non-defining relative clauses, -ing form e infiniti, connettivi Capacità: Saper ordinare in forma scritta ed orale TEMPI Aprile Maggio

26 PROGRAMMAZIONE PER AMBITO DISCIPLINARE: INGLESE ORDINE DI SCUOLA : Professionale INDIRIZZO: Servizi Commerciali Informatico CLASSI: Quinte (Programmazione linguistica + specifica) MODULO N. 1 Parlare di mestieri e professioni Parlare di termini e documenti del commercio internazionale Saper parlare di mestieri e professioni Saper parlare di termini e documenti del commercio internazionale Conoscenze: Lessico su works, jobs, foreign trades terms, incoterms, the commercial invoice, other types of invoice Contenuti: B2 relative ad altre espressioni di tempo e di stato, espressioni che si confondono Capacità: Saper parlare di mestieri e professioni Saper parlare di termini e documenti del commercio internazionale

27 TEMPI Settembre Ottobre METODOLOGIA (per I&FP privilegiare didattica laboratoriale) Percorso eclettico che fonde gli apporti più significativi del metodo situazionale,funzionale e strutturale, partendo da un approccio comunicativo senza tralasciare la grammatica e l acquisizione del lessico. Si curerà anche il codice scritto in quanto sono essenziali per una competenza comunicativa sulle quattro abilità di base. TESTO DI COMPITO E MODALITÀ DI VERIFICA La verifica formativa verrà attuata attraverso testi oggettivi, colloqui orali, correzione di esercizi esposizione e relazione scritta, lavori di gruppo,. La verifica sommativa verrà attuata attraverso test oggettivi, colloqui orali, esposizioni e relazioni scritte.svolgimento di esercizi. La valutazione si avvarrà sia di procedure sistematiche e continue ( griglie di osservazione ecc) sia con momenti più formalizzanti con prove di tipo oggettivo e soggettivo) Verifiche di controllo in itinere non seguite da valutazioni formali in quanto utili per verificare la comprensione e per poter programmare eventuali interventi di rinforzo. Le verifiche orali terranno conto della proprietà lessicale, dell uso di funzioni e strutture, della qualità della pronuncia,della comprensione orale, nonché dei contenuti storico letterari ed artistici affrontati. Le verifiche scritte terranno conto del grado di interesse ed impegno, dei livelli conseguiti in ciascuna abilità. MODULO N. 2 Parlare di economia e finanza Parlare di assicurazioni, trasporti, imballaggi, banche Saper parlare di economia e finanza Saper parlare di assicurazioni, trasporti, imballaggi, banche.

28 Conoscenze: Lessico su services, insurance, tran sport, packing, banking Contenuti: B2 Strutture relative a comparativo e superlativo di minoranza, like, as, as if, as though Capacità: Saper parlare di economia e finanza Saper parlare di assicurazioni, trasporti, imballaggi, banche Novembre Dicembre Tempi MODULO N. 3 Compilare un CV europeo Comunicare l invio di documenti e merci in forma scritta ed orale

29 Saper ompilare un CV europeo Saper comunicare l invio di documenti e merci in forma scritta ed orale Conoscenze: Lessico su European CV, advice of dispatch and replies, notifying despatch on the phone Contenuti: B2 Strutture relative a periodo ipotetico di terzo tipo, wish Capacità: Saper compilare un CV europeo Saper comunicare l invio di documenti e merci in forma scritta ed orale Gennaio Febbraio Marzo TEMPI MODULO N. 4 Richiedere pagamenti in forma scritta ed orale

30 Saper richiedere pagamenti in forma scritta ed orale Conoscenze: Lessico su requests of payment, talking about late payments Contenuti: B2 Strutture relative a verbi nel discorso indiretto, have/get something done, need + ing/infinito passivo Capacità: Saper richiedere pagamenti in forma scritta ed orale TEMPI Aprile Maggio

31 Tabelle di valutazione delle competenze Le seguenti tabelle di valutazione delle competenze sono di riferimento e possono essere modificate a seconda del variare della difficoltà delle prove. Comprensione della lingua scritta VOTO: 10/9 Lo studente dimostra un'ottima comprensione del testo e di aver capito perfettamente la sua funzione. Comprende quasi tutte le informazioni specifiche richieste e non commette errori né imprecisioni nell esecuzione delle risposte. (92%= 9, > 92%=10) VOTO: 8 Lo studente dimostra una buona comprensione del testo e di aver capito bene la sua funzione. Comprende molte informazioni specifiche richieste (almeno 84%) Non commette gravi errori linguistici nell esecuzione delle risposte ma solo qualche imprecisione. VOTO: 7 Lo studente dimostra una buona comprensione del testo e di aver capito abbastanza bene la sua funzione. Comprende una buona parte delle informazioni specifiche richieste (almeno 77%). Commette qualche errore linguistico nell esecuzione delle risposte. VOTO: 6 Nonostante qualche incertezza lo studente dimostra una comprensione essenziale del testo. Comprende parzialmente le informazioni specifiche richieste (almeno 70%). Non commette molti errori gravi nell esecuzione delle risposte VOTO: 5 Lo studente dimostra alcune incertezze nella comprensione del testo e di non aver capito bene la sua funzione. Comprende circa 58% delle informazioni specifiche richieste. Commette errori gravi nell'esecuzione delle risposte. VOTO: 4 Lo studente dimostra parecchie incertezze nella comprensione del testo e di aver capito poco la sua funzione. Comprende solo alcune delle informazioni specifiche richieste (circa 46%). Commette spesso errori gravi nell esecuzione delle risposte.

32 VOTO: 3/2/1 Lo studente dimostra una minima/nessuna comprensione del testo. Comprende pochissimo/niente delle informazioni specifiche richieste. Si esprime in modo scorretto e incomprensibile nell'esecuzione delle risposte. (34% o inferiore) Produzione nella lingua orale VOTO: 10/9 Lo studente si esprime con ottima pronuncia ed intonazione. La forma e il lessico usati sono complessi, variati e quasi sempre appropriati senza gravi errori o imprecisioni linguistiche. Lo studente interagisce in modo disinvolto con coerenza ed autonomia dimostrando un'ottima capacità comunicativa. Espone e sviluppa i concetti e i contenuti in maniera molto dettagliata arricchendoli in modo personale. Ricorda quasi tutte le informazioni richieste riguardanti l' argomento trattato. VOTO: 8 Lo studente si esprime con buona pronuncia ed intonazione e qualche lieve imprecisione di forma o di lessico. Usa vocaboli in modo appropriato ed abbastanza variato con strutture complesse dimostrando una buona capacità comunicativa. Il linguaggio è scorrevole. Espone e sviluppa i concetti e i contenuti in maniera precisa con qualche dettaglio personale. Ricorda quasi tutte le informazioni richieste riguardanti l'argomento trattato. VOTO: 7 Lo studente si esprime con discreta pronuncia ed intonazione con qualche errore grammaticale (e/o lessicale) che non pregiudica la comprensione. Tenta di usare strutture complesse e vocaboli nuovi ma non sempre in modo appropriato. Il linguaggio è abbastanza scorrevole. Lo studente espone e sviluppa i concetti e i contenuti in maniera completa e ricorda molte informazioni specifiche richieste riguardanti l'argomento trattato. VOTO: 6 Lo studente si esprime con qualche imprecisione di pronuncia e/o di intonazione e alcuni errori di forma o di lessico che talvolta rendono la comprensione un po' difficile. Tenta di usare nuovi vocaboli ma le strutture sono spesso semplici. La scorrevolezza dei linguaggio è accettabile. Lo studente espone e sviluppa i concetti e i contenuti in maniera succinta, e ricorda l'essenziale delle informazioni specifiche richieste riguardanti l'argomento trattato. VOTO: 5 Lo studente si esprime con qualche problema di pronuncia e di intonazione e con errori di forma o di lessico che rendono la comprensione difficile. Usa vocaboli essenziali c strutture semplici ma non sempre in modo appropriato. Interagisce con esitazioni che rendono il linguaggio poco scorrevole. Espone e sviluppa i concetti e i contenuti in maniera scadente. Ricorda solo alcune informazioni specifiche richieste riguardanti l argomento trattato.

33 VOTO: 4 Lo studente si esprime con pronuncia e intonazione difficoltose, strutture e vocaboli non appropriati e spesso scorretti. Interagisce con molte esitazioni. Espone i concetti e i contenuti in maniera molto scadente. Ricorda pochissime informazioni specifiche richieste riguardanti l'argomento trattato. VOTO: 3/2/1 Lo studente si esprime in modo completamente scorretto o incomprensibile. Non sa usare gli elementi formali della lingua e interagisce solo raramente limitandosi a parole isolate. Non riesce ad esporre i concetti e i contenuti e non ricorda le informazioni specifiche richieste riguardanti l 'argomento trattato. Produzione nella lingua scritta VOTO: 10/9 Lo studente si esprime per iscritto con molte forme complesse, lessico e contenuti quasi sempre appropriati, variati e senza errori gravi. Rispetta perfettamente le caratteristiche di coerenza e di coesione. Non commette errori di ortografia o di punteggiatura. Adopera un'ottima organizzazione del testo anche in funzione dello scopo. Espone e sviluppa i concetti e i contenuti in maniera dettagliata arricchendoli in modo personale. Dimostra un'ottima capacità di selezionare e di parafrasare i concetti principali e di stilizzare sinonimi e connettori. VOTO: 8 Lo studente si esprime per iscritto con molte forme complesse, lessico e contenuti appropriati, variati. Commette qualche imprecisione grammaticale e/o lessicale che non oscura il significato e rari errori minori di ortografia o di punteggiatura. Rispetta bene le caratteristiche di coerenza e di coesione. Non commette errori di ortografia o di punteggiatura. Adopera una buona organizzazione del testo anche in funzione dello scopo. Espone e sviluppa i concetti e i contenuti in maniera precisa con qualche dettaglio personale. Buona capacità di selezionare e di parafrasare i concetti principali e di utilizzare sinonimi e connettori. VOTO: 7 Lo studente si esprime per iscritto con alcune forme complesse, lessico e contenuti appropriati e abbastanza variati. Commette qualche errore grammaticale e/o lessicale che non pregiudica la comprensione e alcuni errori d'ortografia e di punteggiatura. Rispetta abbastanza bene le caratteristiche di coerenza e di coesione. Adopera una discreta organizzazione del testo anche in funzione dello scopo. Espone e sviluppa i concetti e i contenuti in maniera completa con qualche dettaglio personale. Discreta capacità di selezionare e di parafrasare i concetti principali e di utilizzare sinonimi e connettori.

34 VOTO: 6 Lo studente si esprime per iscritto usando spesso forme semplici. Il lessico e il contenuto non sono sempre appropriati. Ci sono parecchi errori di ortografia, di grammatica e di punteggiatura, ma non ostacolano sempre la comprensione. Rispetta abbastanza le caratteristiche di coerenza e di coesione e dimostra una parziale capacità di organizzare un testo. Espone e sviluppa i concetti e i contenuti in maniera succinta. Parziale capacità di selezionare e di parafrasare i concetti principali e di utilizzare sinonimi e connettori. VOTO: 5 Lo studente si esprime per iscritto usando forme semplici e con parecchi errori grammaticali e lessicali che talvolta rendono la comprensione difficile. Usa vocaboli essenziali ma non sempre in modo appropriato. Ci sono errori di ortografia e di punteggiatura. Non rispetta sempre le caratteristiche di coerenza e di coesione dimostrando una limitata capacità di organizzare un testo. Espone e sviluppa i concetti e i contenuti in maniera scadente. Limitata capacità di selezionare e di parafrasare i concetti principali e di utilizzare sinonimi e connettori. VOTO: 4 Lo studente si esprime per iscritto con molti errori grammaticali e lessicali che rendono la comprensione difficile. Usa pochi vocaboli e in modo inappropriato con numerosi errori di ortografia e di punteggiatura. Non rispetta le caratteristiche di coerenza e di coesione dimostrando una mancata capacità di organizzare un testo e di ottenere uno scopo. Espone i concetti e i contenuti in maniera molto scadente. Mancata capacità di selezionare e di parafrasare i concetti principali e di utilizzare sinonimi e connettori. VOTO: 3/2/1 Lo studente si esprime in modo completamente scorretto o incomprensibile. Manca contenuto o non è pertinente alla richiesta. Non riesce ad organizzare un testo. Grave mancanza di capacità di selezionare e di parafrasare i concetti principali e di utilizzare sinonimi e connettori. Conoscenza ed uso delle strutture/funzioni/lessico VOTO: 10/9 Lo studente dimostra un'ottima conoscenza morfosintattica della lingua. Impiega e riutilizza con proprietà grammaticale ed efficacia comunicativa le funzioni linguistiche affrontate (92% - 100%) VOTO: 8

35 Lo studente dimostra una buona conoscenza morfosintattica della lingua. Impiega e riutilizza con proprietà grammaticale ed efficacia comunicativa quasi tutte le funzioni linguistiche affrontate (84%) VOTO: 7 In genere lo studente dimostra una discreta conoscenza morfosintattica della lingua. Impiega e riutilizza con proprietà grammaticale ed efficacia comunicativa una buona parte delle funzioni linguistiche affrontate (77%) VOTO: 6 Lo studente dimostra una sufficiente conoscenza morfosintattica della lingua. Impiega e riutilizza in parte, e con discreta proprietà grammaticale ed efficacia comunicativa, le principali funzioni linguistiche affrontate. (70%) VOTO: 5 Lo studente conosce alcune delle strutture/funzioni linguistiche più comuni che tuttavia non è sempre in grado di riutilizzare bene. (58%) VOTO: 4 Lo studente conosce poche delle strutture/funzioni linguistiche più comuni che tuttavia non è in grado di utilizzare. (46%) VOTO: 3/2/1 Lo studente dimostra una conoscenza molto scadente delle strutture/funzioni linguistiche più comuni. Non è in grado di utilizzarle. (34%=3, 20% =2, < 20%= 1)

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

PROGRAMMA 1^B TURISTICO

PROGRAMMA 1^B TURISTICO PROGRAMMA 1^B TURISTICO CONTENUTI DISCIPLINARI ( suddivisi in moduli e unità didattiche ): Libro di testo in adozione: Paul Radley NETWORK CONCISE Student s book & Workbook Ed. Oxford. La parte iniziale

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Esami orali Trinity in inglese

Esami orali Trinity in inglese Esami orali Trinity in inglese (Graded Examinations in Spoken English - GESE) Syllabus 2010-2013 Questi titoli in inglese come lingua straniera si riferiscono ai livelli compresi tra A1 e C2 del Quadro

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Liceo scientifico A. Einstein

Liceo scientifico A. Einstein Liceo scientifico A. Einstein Cervignano del Friuli CLASSE 1^ALSA PROGRAMMA DIDATTICO MODULI REALIZZATI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Prof.ssa Marilena Beltramini Anno scolastico 2013-2014 PROGRAMMA

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione

PAI Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Quadro o comune europeo di riferimento per le lingue:

Quadro o comune europeo di riferimento per le lingue: Quadro o comune europeo di riferimento per le lingue: apprendimento insegnamento valutazione Cap. 3 I Livelli comuni di riferimento 3.1 CRITERI PER I DESCRITTORI DEI LIVELLI COMUNI DI RIFERIMENTO Uno degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI

RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI RICONOSCIMENTO DEI CREDITI E ACCOGLIENZA PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI MODULARI PER ADULTI Procedure e Strumentario per il riconoscimento dei crediti Prova sul Campo 2012 Il gruppo di lavoro Ricreare

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano

Prove di valutazione delle competenze linguistiche in italiano Comune di Modena Settore Istruzione Il volume presenta i materiali che documentano tre diverse esperienze, realizzate nelle scuole se- condarie di I grado di Modena nell ambito di azioni e progetti per

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

C O R S I FORMATIVI & CREATIVI

C O R S I FORMATIVI & CREATIVI La Pro Loco Brignano Gera d Adda con il patrocinio dell Amministrazione Comunale in collaborazione con l Istituto Comprensivo Mastri Caravaggini organizza i seguenti Corsi formativi e creativi: AREA INFORMATICA

Dettagli

Leggette attentamente le informazioni seguenti prima di compilare il modello di CV proposto.

Leggette attentamente le informazioni seguenti prima di compilare il modello di CV proposto. Istruzioni per l uso del curriculum vitae Europass (http://europass.cedefop.europa.eu) Introduzione La redazione del curriculum vitae è una tappa importante in ogni ricerca d impiego o formazione. Il CV

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli