indirizzo SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "indirizzo SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI"

Transcript

1 I.I.S. TECNICO-PROFESSIONALE SPOLETO Documento del Consiglio di Classe Esami di Stato conclusivi del corso di studi indirizzo SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Classe 5 a sezione C a. s. 04/05

2 PRESENTAZIONE.... Profilo professionale.... Quadro orario del triennio.... Composizione del Consiglio di Classe....4 Composizione e presentazione della classe... 4 OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO Area storico linguistica Area tecnico scientifica... 5 PERCORSO FORMATIVO Programmi svolti e scansione temporale Metodologie e strumenti Attività svolte....4 Stage....5 Attività di orientamento....6 Visite guidate e di istruzione....7 Crediti Formativi... 4 VALUTAZIONI E VERIFICHE Tipologie di prove Griglia di valutazione Griglia di valutazione del comportamento degli studenti Griglia di valutazione della prima prova scritta Griglia di valutazione della seconda prova scritta Griglia di valutazione della prova orale Preparazione alla terza prova... 4 ALLEGATI. Testo della simulazione della prima prova scritta svolta il 6/0/05.. Testo della simulazione della seconda prova svolta il 9/0/05, (prevista una seconda simulazione nel mese di maggio).. Testi delle simulazioni della terza prova svolte il 4//04, 0/0/05, /05/05.

3 PRESENTAZIONE. Profilo professionale SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI è un articolazione dell indirizzo Amministrazione, finanze e marketing, ed ha come obiettivo la formazione di persone capaci di muoversi in ambiente economico-aziendale automatizzato, di assumere decisioni consapevoli e comportamenti flessibili. A tal fine il percorso si caratterizza per l uso integrato del laboratorio di informatica, essenziale per sviluppare un metodo centrato sulla progettazione e sulla abitudine a lavorare insieme. Le ore in laboratorio sono in compresenza con l insegnante Tecnico-Pratico. Per il triennio è previsto il corso CISCO, leader mondiale per la gestione delle reti informatiche. Il diploma consente l accesso a qualunque percorso universitario e all attività professionale lavorativa sia nella Pubblica Amministrazione che nel privato; l iscrizione direttamente, senza sostenere alcun esame, alla Camera di Commercio; l impiego nel settore bancario, nelle aziende del Terziario in generale, nelle aziende Industriali,Turistiche e Commerciali, nel settore dell Informatica e nella scuola come Insegnante.. Quadro orario del triennio Discipline del piano di studi III IV V Religione Lingua e Letteratura Italiana Storia Lingua Inglese Lingua Francese Matematica Informatica 4 () 5 () 5 () Diritto Economia Politica Pubblica Economia Aziendale Scienze Motorie e Sportive Totale ore settimanali ( ) Ore di laboratorio in compresenza con l insegnante tecnico- pratico.. Composizione del Consiglio di Classe DOCENTE MATERIA CONTINUITA DIDATTICA Boni Maria Rita Religione III, IV, V Barulli Nicoletta Italiano II, III, IV, V Barulli Nicoletta Storia II, III, IV, V Befani Michela Inglese IV, V Angelini Rosella Matematica IV, V Sabatini Maria Letizia Informatica IV, V Conti Angelo Diritto V Conti Angelo Economia Politica Pubblica V Scarabottini Mauro Economia Aziendale IV,V Massi Roberta Scienze Motorie e Sportive V Mariotti Danilo Lab. Informatica Gestionale III, IV, V Coordinatrice: Prof.ssa ROSELLA ANGELINI

4 .4 Composizione e presentazione della classe ALIMENTI BIANCHI BUCCIOLI CARLINI CELESTI CIPRIANI CURTI DA RIVA DE SANTIS DESIDERI DI DIO EL HAMDOUNI FALCHI FRASCARELLI GINEVRI HRUSHKOSVKYY LATINI LEONI LUZZI MAZZOLI MONTANI PINCANELLI SALSI TULLI ZANELLI MICHELE LUDOVICO EDOARDO LORENZO ANDREA SARA CRISTIAN ALESSIO CAMILLA NICOLÒ IRENE SAMIRA ALESSIO SAMUELE TANYA ARTEM MICHELE PAMELA FEDERICO MARIA ALESSIO ANDREA SARAH FILIPPO ANTONIO MICHELE SIMONE PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe V sez. C SIA (Sistemi Informativi Aziendali) risulta composta da 5 alunni, 7 femmine e 8 maschi, di cui 5 ripetono la classe quinta per la seconda volta non essendo stati ammessi lo scorso a.s. a sostenere l esame di Stato. La maggior parte degli allievi ha compiuto regolarmente il percorso formativo scolastico. La classe si presenta eterogenea per partecipazione, interesse e comportamento. Tale atteggiamento ha condizionato per alcuni alunni la possibilità di raggiungere risultati scolastici accettabili. Le continue sollecitazioni e i vari stimoli da parte dei docenti hanno comunque permesso al gruppo-classe di conseguire una preparazione complessivamente discreta. Alcuni alunni si sono impegnati in modo responsabile, altri invece, a causa delle assenze ripetute, di un impegno superficiale e di una partecipazione discontinua e poco attiva, hanno acquisito conoscenze e competenze non sempre adeguate agli obiettivi stabiliti dal consiglio di classe. Il consiglio di classe evidenzia la presenza di alcune eccellenze. 4

5 OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO Il C.d.C., tenuto conto del P.O.F., delle decisioni del Collegio e delle indicazioni emerse dalle riunioni per materie ha individuato le seguenti finalità, perseguite in tutte le attività scolastiche: interpretare in modo sistematico strutture e dinamiche del contesto in cui l'allievo opera; effettuare scelte e prendere decisioni ricercando ed assumendo le informazioni opportune; utilizzare i contenuti tecnici e culturali come strumenti di conoscenza della realtà; maturare una opportuna scelta post-diploma. In particolare, il lavoro didattico si è incentrato su 4 obiettivi, mediamente raggiunti dal gruppo classe: consolidare e sviluppare le abilità linguistiche ed espressive; saper usare le conoscenze acquisite; saper analizzare e collegare le conoscenze; saper discutere e/o risolvere un problema; Ciascun insegnante ha perseguito tali obiettivi in relazione a quelli della propria disciplina.. Area storico linguistica Nell'area storico linguistica sono stati perseguiti e mediamente raggiunti i seguenti obiettivi: conoscere e comprendere nei loro lineamenti principali le realtà storiche e linguistiche, le esperienze culturali e le tematiche proposte; acquisire rispetto ai contenuti considerati competenze di analisi e di organizzazione concettuale che possano essere trasferite anche ad altri casi e situazioni; sviluppare capacità di valutazione critica personale, anche per orientarsi nel presente e formulare giudizi sulla propria realtà sociale culturale; migliorare la padronanza del mezzo linguistico nella produzione orale e scritta.. Area tecnico scientifica Nell'area tecnico scientifica sono stati perseguiti e mediamente raggiunti i seguenti obiettivi: utilizzare modelli, concetti, principi, criteri e procedimenti per affrontare e risolvere problemi; verificare ed analizzare i risultati ottenuti; descrivere fenomeni e analizzare diagrammi. 5

6 PERCORSO FORMATIVO. Programmi svolti e scansione temporale Il C.d.C. assume come riferimento i contenuti dei programmi delle singole discipline allegati al presente documento, che fanno parte integrante del progetto formativo. Sono di seguito indicate, anche in forma aggregata, le aree di riferimento concettuale delle singole materie. Materia ITALIANO PROF. NICOLETTA BARULLI Libro di testo: Periodo Baldi- Giussi, L attualità della letteratura, Ed, Paravia Contenuti Quadrimestre LEOPARDI L evoluzione del pensiero leopardiano: pessimismo personale, storico, cosmico, agonistico. L infinito e il nulla, l intervento sul Conciliatore, la polemica con il gabinetto Viesseux. Analisi testuale Zibaldone: Pensiero del 0 giugno 88: La donna di 6 anni e quella di 0 anni Pensiero dell 8 gennaio 8: La concezione del piacere I Piccoli Idilli: l infinito Alla luna La sera del dì di festa Le Operette morali: Dialogo della natura e di un Islandese Dialogo del Gallo silvestre Dialogo di Plotino e Porfirio Dialogo di un folletto e di uno gnomo Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere Dialogo di Tristano e di un amico Canti Pisano-recanatesi: A Silvia La quiete dopo la tempesta Il sabato del villaggio Il passero solitario Il canto notturno di un pastore errante dell Asia Ciclo di Aspasia: A se stesso La Ginestra: lettura integrale Modulo A IMPRESSIONISMO E IMPERSONALITÀ: LA REALTA FOTOGRAFATA Visione ed analisi delle seguenti opere artistiche Polizza da Volpedo: Il Quarto Stato, La Fiumana. Degas: La stiratrice, L assenzio. Monet: La cattedrale di Rouen, Il ponte di Waterloo. Manet: Olympia. La Scapigliatura: caratteri generali. Il Positivismo:genesi storica e filosofica,caratteri e contenuti. Naturalismo e Verismo a confronto. GIOVANNI VERGA. I Romanzi mondani,la lezione del naturalismo,il passaggio al Verismo e alle nuove tecniche stilistiche. Analisi del testo Fantasticheria. Lettera a Paolo Verdura. Prefazione all Amante di Gramigna. I Malavoglia:contenuti e tematiche. Analisi del testo Prefazione L Addio di Ntoni, cap. XV Mastro Don Gesualdo: contenuti e tematiche. 6

7 Analisi del testo La morte di Mastro Don Gesualdo parte III, cap.i Novelle: Libertà- Rosso Malpelo Modulo B ALLA RICERCA DELL ESPRESSIONE SOGGETTIVA Visione ed analisi delle seguenti opere artistiche Matisse: La stanza rossa, La danza. Kirchner: Marcella. Klimt: L abbraccio, Il Bacio, L attesa, Ritratto di Adele. Decadentismo: Genesi storica e filosofica,simbolismo,estetismo, superomismo. Il poeta veggente. Analisi del testo Baudelaire: Corrispondenze Albatros GIOVANNI PASCOLI Tra sperimentazione ed ossessione. La poetica del fanciullino. Critica linguistica di Contini. Lettura ed analisi metrica,sintattica e ritmica: Analisi del testo Myricae:Arano, X Agosto, L Assiuolo, Novembre, Lavandare Canti di Castelvecchio: Nebbia, Il gelsomino notturno, La mia sera. Discorso di Barga: La grande proletaria si è mossa GABRIELE D ANNUNZIO Prime esperienze poetiche. Fase veristica: Le Novelle della Pescara L Estetismo: Il Piacere Ripiegamento interiore nella fase solare: l Poema Paradisiaco e i Romanzi della Terza via. Il Superomismo attraverso i romanzi: Il Trionfo della morte, Le Vergini delle Rocce, Il Fuoco. Il Panismo nelle Laudi del cielo, del mare, della terra e degli eroi. Analisi del testo Il Piacere:Il ritratto di Andrea Sperelli Alcyone: La sera fiesolana, La pioggia nel pineto, I pastori, Stabat nuda Aestas in parallelo con Alba di Rimbaud. Modulo C LE AVANGUARDIE Visione Delle seguenti opere artistiche Balla: Velocità astratta, Dinamismo di un cane al guinzaglio, La marcia su Roma. Boccioni: La città che sale. CREPUSCOLARISMO: Intimismo e Patetismo Analisi del testo Corazzino; Desolazione di un povero poeta sentimentale Gozzano: La Signorina Felicita I-III-VI-VIII FUTURISMO: Avanguardia a carattere internazionale Palazzeschi: lasciatemi divertire Quadrimestre Modulo D l INTROSPEZIONE PSICOLOGICA Visione delle seguenti opere artistiche Munch: Il Grido, L angoscia. De Chirico: Le muse inquietanti,l incertezza del poeta. Magritte: Golconde, Le fils de l homme, Le mal du pays. LUIGI PIRANDELLO La poetica, l uomo e il personaggio, l umorismo, il teatro nel teatro. Analisi del testo L umorismo: L arte che scompone il reale. Il Fu Mattia Pascal: Uno strappo nel cielo di carta, La lanterninosofia. Uno, nessuno e centomila: Il naso, I,. Novelle: Il treno ha fischiato Riferimenti generali a Enrico IV, Sei personaggi in cerca d autore. 7

8 ITALO SVEVO Il vizio della letteratura,la cultura mitteleuropea. Una Vita e Senilità: Caratteri generali, La Coscienza di Zeno: Struttura,contenuti e tematiche. Analisi del testo Una Vita: Le ali del gabbiano. La Coscienza di Zeno: Prefazione, Preambolo, La salute malata di Augusta, La vita è inquinata alle radici. Modulo E LA POESIA DI FRONTE AL DRAMMA DELLA GUERRA E AL MAL DU SIECLE. Visione delle seguenti opere artistiche. Picasso: Guernica, Donna che piange, Bevitrice d assenzio. Bauhaus ERMETISMO: Caratteri generali. GIUSEPPE UNGARETTI Da uomo di pena a uomo di fede, l itinerario poetico ed umano. Analisi del testo Allegria di naufragi: Veglia, Stasera, Fratelli, Sono una creatura, I fiumi, San Martino del Carso,Mattina,Dannazione, Pellegrinaggio, In memoria, Soldati, Italia Il dolore: Non gridate più SALVATORE QUASIMODO Rapporto con la Sicilia, dal disimpegno alla denuncia della responsabilità degli uomini. Analisi del testo Acque e terre: Vento a Tindari, Ed è subito sera. Con il piede straniero sopra il cuore: Alle fronde dei salici. Uomo del mio tempo EUGENIO MONTALE Un itinerario poetico al di sopra degli schematismi,il male di vivere,ilvarco,la teologia negativa. Analisi del testo Ossi di seppia: I limoni, Non chiederci la parola, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato, Cigola la carrucola nel pozzo. Falsetto Occasioni: Non recidere forbice quel volto,la casa dei doganieri Satura: Ho sceso dandoti il braccio, Piove, Il raschino. UMBERTO SABA Trieste,la moglie la psicoanalisi. Analisi del testo Canzoniere: Trieste,Sera di febbraio,ulisse,amai,a mia Moglie, Città vecchia 944: Teatro degli Artigianelli Modulo F IL ROMANZO Caratteri generali della narrativa fino ai giorni nostri. Riferimenti peculiari a Pasolini e Calvino Le mal dusiecle: l inettitudine ovvero l indifferenza MORAVIA: Gli Indifferenti La Sicilia:la regione del silenzio e della perfezione consapevole TOMASI DI LAMPEDUSA: Il Gattopardo Le trame segrete della mafia e della politica. SCIASCIA: Il giorno della civetta,l affaire Moro. La borghesia mascherata. SCHNITZLER: Doppio sogno. La tecnologia: un mostro da abbattere. ORWELL: 984. SCIASCIA: La Scomparsa di Majorana. ANALISI DEI SEGUENTI CANTI DEL PARADISO: I-VI-XXXIII 8

9 Materia STORIA PROF. SSA NICOLETTA BARULLI Libro di testo Periodo Feltri- Bertazzoni, La torre ed il pedone, ed. Sei Contenuti Quadrimestre Modulo A Il decollo industriale italiano nell età giolittiana, la politica interna, la politica estera, il pendolarismo. Economia mondiale e contrasti imperialistici all inizio del 900. Il clima politico, culturale,sociale,economico e militare che genera la Prima guerra mondiale. Critica storiografica: Il 900: Caratteri e definizioni, Ortega y Gasset, Hobsbawn. Età giolittiana: Salvemini. Modulo B Tappe fondamentali e caratteristiche della Prima guerra mondiale. Le conseguenze della guerra:i trattati di pace e punizione della Germania. La rivoluzione Bolscevica: La Russia fra feudalesimo e capitalismo. Guerra civile e comunismo di guerra. La NEP. L Italia nell immediato dopoguerra: Dal liberalismo al fascismo. Ultimo ministero Giolitti. La marcia su Roma. Quadrimestre Modulo C Il regime fascista: La normalizzazione, il totalitarismo, il regime e la Chiesa, la politica economicosociale, la politica estera. Egemonia U.S.A., la crisi del 99 e il New Deal. Il nazismo: La Germania nell immediato dopoguerra, il piano Dawes, l avvento del nazismo. Lo stalinismo: Il triumvirato e la dichiarazione del trotzkismo, i piani quinquennali, lo stalinismo:un totalitarismo perfetto. Hitler e Mussolini verso la guerra. La guerra civile spagnola: Francisco Franco al potere. Le cause della seconda guerra mondiale. Le tappe fondamentali. La fine di Hitler e Mussolini. La Resistenza in Italia. Critica storiografica: Totalitarismo: Friedrich-Brzezinski, Arendt Modulo D L egemonia U.S.A., U.R.S.S.: L ONU, la NATO, il Patto di Varsavia, il Comecon. Zone di influenza: guerra fredda. La rinascita della Germania. Strategia U.S.A.: il piano Marshall. La guerra di Corea e la rinascita del Giappone. La guerra del Vietnam. La guerra del Golfo. L America latina: le rivolte a Cuba e in Cile. Kennedysmo e destalinizzazione. La Chiesa e il mondo contemporaneo. Decolonizzazione e Neocolonialismo. Rivoluzione cinese. Undici settembre. Questione arabo- israeliana. Modulo E La Repubblica italiana: La Costituzione,confronto con lo Statuto albertino, i partiti politici. Gli anni 50-60: Il centrismo, la crisi del centrismo, il governo Moro. Gli anni 60: Apertura alle sinistre moderate. Il 68, il femminismo, la riforma scolastica, il Boom economico. Gli anni 70: Le stragi di Stato. Gli anni 80:Il pentapartito, il socialismo. Lo scandalo Gladio. I problemi ambientali. Tangentopoli, Mani pulite. 9

10 La seconda Repubblica: I nuovi partiti politici. Cenni ai governi Ciampi, Berlusconi, Dini, Prodi. La Mafia: Genesi, struttura, collusione con il potere Modulo F Dall URSS al CSI Terza e quarta rivoluzione industriale Il caso della Jugoslavia Materia LINGUA INGLESE PROF. MICHELA BEFANI Libri di testo - FlaviaBentini con B.Richardson e V.Vaugham, In Business, Pearson Longman: - Maria Grazia Bellino, I-Tech, ESP New Series EDISCO: Periodo Contenuti Quadrimestre BUSINESS THEORY UNIT 4 TRASPORT Transport Transport modes Forwarding agents Insurance Packing Transport documents The international road consignment note The air waybill The bill of lading BUSINESS THEORY UNIT 5 BANKING Banking services to business Accessible banking Methods of payment BUSINESS THEORY UNIT 5 BANKING Banking services to business Accessible banking Methods of payment BUSINESS THEORY UNIT 8 GREEN ECONOMY What is fair trade? Microfinance Ethical banking Ethical investment Quadrimestre BUSINESS THEORY UNIT 9 GLOBALISATION What is globalisation? Advantages and disadvantages of globalisation Economic globalisation Outsourcing and offshoring BUSINESS COMMUNICATION UNIT BUSINESS COMMUNICATION JOB APPLICATIONS The job interview The application process The Europass curriculum vitae The cover letter 0

11 MODULE UNIT THE INTERNET The Internet Internet: Organisation and control Internet services Surfing the Net On-line shopping PC protections when on-line MODULE 4 UNIT NETWORKS Types of computer networks Network configurations

12 Materia MATEMATICA PROF. ROSELLA ANGELINI Libro di testo Periodo Marzia Re Fraschini, Gabriella Grazzi,Claudia Spezia MATEMATICA applicazioni economiche per la classe 5 Ed. ATLAS Contenuti Quadrimestre U.D.: STUDIO E GRAFICI DI FUNZIONI REALI (razionali intere e fratte) Studio del dominio; studio della simmetricità rispetto all origine o all asse delle ordinate; intersezioni con gli assi; ricerca dei valori positivi di y nell ambito del dominio; ricerca di asintoti; studio della derivata prima della funzione; informazioni sull andamento della funzione (crescenza, decrescenza, minimi, massimi); studio della derivata seconda della funzione; informazioni sulla concavità e sui punti di flesso; rappresentazione grafica della funzione sul piano cartesiano. U.D.: FASCI DI CURVE E DISEQUAZIONI La retta e sua rappresentazione grafica, rette parallele e perpendicolari, fasci di rette; le coniche: equazione generale e rappresentazione grafica; fasci di coniche; disequazioni in due variabili lineari e non lineari; i sistemi di disequazioni. U.D.: FUNZIONI REALI DI DUE O PIU VARIABILI REALI Definizione di funzione reale di due variabili; dominio; linee di livello; concetto di limite e di continuità; derivate parziali (concetto e calcolo); derivate successive; Teorema di Schwarz (enunciato); definizione di massimi e minimi liberi e vincolati; ricerca di massimi e minimi liberi: metodo delle linee di livello e delle derivate; ricerca dei massimi e minimi vincolati: metodo elementare. Quadrimestre U.D.4: STATISTICA DESCRITTIVA Indagine statistica e sue fasi; rappresentazioni grafiche; indici di posizione centrale; indici di variabilità; rapporti statistici e numeri indici. U.D.5: RICERCA OPERATIVA: Problemi di scelta Scopi e fasi della ricerca operativa; modelli matematici; funzioni economiche: costo, ricavo e utile; problemi di scelta in condizioni di certezza con effetti immediati: problemi di scelta nel caso continuo; problemi di scelta nel caso discreto; problemi di scelta tra due o più alternative; scelta in condizioni di certezza con effetti differiti:gli investimenti; criterio dell attualizzazione; criterio del tasso effettivo di impiego. U.D.6: RICERCA OPERATIVA: Programmazione lineare Caratteristiche generali; problemi di P.L. in due variabili: metodo grafico.

13 Materia ECONOMIA AZIENDALE PROF. SCARABOTTINI MAURO Libro di testo Periodo Nuovo Domani in Azienda Astolfi, Barale, Ricci Tramontana Editore Contenuti º Quadrimestre Le operazioni relative ai beni strumentali Le immobilizzazioni materiali L acquisizione delle immobilizzazioni materiali (acquisto, costruzioni in economia, apporto, leasing) Costi incrementativi e costi di manutenzione e riparazione La dismissione Il rinnovo Le immobilizzazioni immateriali Il contratto di leasing La dismissione dei beni strumentali: plusvalenze e minusvalenze Le operazioni relative al personale dipendente Le scritture di chiusura Le scritture di completamento Le scritture di rettifica (rimanenze di magazzino, risconti, ammortamento, rischi e oneri, svalutazione dei crediti) Le scritture di riclassificazione dei conti Scritture di riepilogo e chiusura Il sistema informativo di Bilancio Il bilancio d esercizio La funzione informativa del bilancio La normativa sul bilancio Le componenti del bilancio I criteri di valutazione La revisione contabile del bilancio L analisi di bilancio L interpretazione del bilancio Le analisi di bilancio Lo stato patrimoniale riclassificato I margini della struttura patrimoniale Il conto economico riclassificato L analisi per indici Gli indici di bilancio L analisi della redditività L analisi della produttività L analisi patrimoniale L analisi finanziaria Schema di sintesi per il coordinamento degli indici di bilancio L analisi per flussi I flussi finanziari e i flussi economici Le fonti e gli impieghi Il rendiconto finanziario delle variazioni del patrimonio circolante netto º Quadrimestre La redazione del bilancio con dati a scelta L imposizione fiscale in ambito aziendale Le imposte indirette e dirette Il concetto tributario di reddito d impresa I principi su cui si fonda il reddito fiscale La svalutazione fiscale dei crediti

14 La valutazione fiscale delle rimanenze Gli ammortamenti fiscali delle immobilizzazioni Le spese di manutenzione e riparazione La deducibilità fiscale dei canoni di leasing Il trattamento fiscale delle plusvalenze La base imponibile IRAP Il reddito imponibile La dichiarazione dei redditi Il versamento delle imposte dirette La liquidazione delle imposte nei soggetti IRPEF e nei soggetti IRES La contabilità gestionale Il sistema informativo direzionale La contabilità gestionale La classificazione dei costi Diagramma di redditività e break evenanalysis La contabilità gestionale a costi diretti (directcosting) La contabilità gestionale a costi pieni (full costing) Il metodo ABC (cenni) L imputazione su base unica aziendale L imputazione su base multipla I centri di costo La localizzazione dei costi I costi congiunti I costi standard La contabilità gestionale e le decisioni aziendali L utilizzo dei costi per l analisi differenziale Programmazione, controllo e reporting Pianificazione, programmazione, controllo Il controllo di gestione Il budget Il budget economico e patrimoniale L analisi degli scostamenti Il reporting (cenni) Il business plan I prodotti bancari per le imprese (cenni) Le banche nel sistema finanziario Il rapporto banca impresa L istruttoria di Fido 4

15 Materia DIRITTO PROF. CONTI ANGELO Libro di testo Periodo Diritto Pubblico - Autori: G. Zagrebelsky G. Oberto G. Stalla C. Trucco - Casa Editrice: Le Monnier Contenuti º Quadrimestre Diritto Privato e Diritto Pubblico, in particolare Diritto Costituzionale. Lo Stato: Definizione. Gli elementi costitutivi dello Stato: Il Popolo. Il Territorio. La Sovranità. La piramide relativa alla Gerarchia delle Fonti. La Costituzione della Repubblica Italiana: Caratteri Fondamentali. Parallelo tra Costituzione e Statuto Albertino. Articolo della Costituzione - la Democrazia. giugno l Assemblea Costituente e la Commissione dei 75. Articolo della Costituzione - i diritti inviolabili e i doveri inderogabili dell uomo. Articolo della Costituzione - il principio di Uguaglianza. Articolo 7, 8, 0 della Costituzione - rapporti tra lo Stato e le confessioni religiose. Articolo della Costituzione - il diritto-dovere all istruzione. Le Forme di Stato e le Forme di Governo. Il Parlamento: Caratteri, composizione, sede. Iter Legislativo. Proposta di legge. Esame e approvazione. Promulgazione. Pubblicazione. Il procedimento aggravato. Le prerogative dei parlamentari. Rapporti tra Parlamento e Governo. Ipotesi di seduta comune del Parlamento. º Quadrimestre Il Governo: caratteri, formazione, sede. I Decreti Governativi. Mozione e Questione di Fiducia. Il Presidente della Repubblica: Elezione, requisiti, funzioni, responsabilità. La messa in stato d accusa del Presidente della Repubblica. La Magistratura: Funzione, Competenze. I Principi che regolano l attività della Magistratura. I gradi del giudizio e ricorso in Cassazione. La Corte Costituzionale: composizione, funzioni. Il Decentramento amministrativo: le Regioni. 5

16 Materia ECONOMIA POLITICA PUBBLICA PROF. CONTI ANGELO Libro di testo Economi Pubblica: una questione di scelte. Autori: S. Crocetti, M. Cernesi Casa Editrice: Tramontana Periodo Contenuti Quadrimestre Economia privata ed economia pubblica. Il Welfare State: origine, caratteri fondamentali, crisi, riforme. I Beni patrimoniali dello Stato: Il Demanio e il Patrimonio. Le Imprese Pubbliche: definizione e classificazione. Le Spese Pubbliche: Definizione, presupposti, connotati fondamentali. La classificazione delle spese pubbliche. Le Entrate Pubbliche: definizione e classificazione. I Prezzi. Le Imposte: definizione ed elementi costitutivi. I soggetti dell imposizione e il Fiscal Drag. La classificazione delle Imposte. Gli effetti economico-giuridici dell imposta. Quadrimestre Il Bilancio dello Stato: definizione, funzioni, tipologie. I principi che regolano il Bilancio. La politica di Bilancio. Il Documento di Programmazione economico-finanziario. La relazione revisionale e programmatica del Governo al Parlamento. La Legge Finanziaria (articolo 8 della Costituzione). Le leggi accompagnatorie della Finanziaria. Il Bilancio di Previsione. Il Bilancio annuale: Struttura. Il Bilancio pluriennale. La sessione di Bilancio. L esercizio provvisorio del Bilancio. Il Controllo del Bilancio e gli organi che lo esercitano. Il Sistema Tributario: Definizione. La riforma del 97. La riforma del 00. 6

17 Materia INFORMATICA PROF. MARIA LETIZIA SABATINI Libro di testo A.Lorenzi, E.Cavalli Progettazione dei database, linguaggio SQL, Dati in rete - Atlas ; A. Lorenzi, E.Cavalli Informatica per sistemi informativi aziendali Atlas ; Periodo Contenuti Quadrimestre Su slide, documento e appunti : Linguaggio HTML: <HEAD>, <BODY>, <TITLE> La formattazione : <H>..<Hn>,<I>, <B>, <U>, <P>, <BR> Parametri di body: BGCOLOR, BACKGROUND Parametri di FONT: SIZE; COLOR, FACE colori RGB, link interni alla pagina e link esterni <A HREF>, liste, tabelle, parametri ROWSPAN, COLSPAN Elementi multimediali :inserimento di immagini < IMG SRC> I frame Libro di testo: Progettazione dei database, linguaggio SQL e dati in rete Sviluppo del progetto informatico La scomposizione funzionale Il flusso dei dati Modellazione dei dati (ripasso) Il modello E/R L entità, l associazione, gli attributi Le associazioni tra entità: :, :N, N:M Regole di lettura Esempi di modellazione di dati Progettazione delle basi di dati, modello relazionale (ripasso) I concetti fondamentali del modello relazionale Le regole di derivazione dallo schema E-R allo schema logico relazionale Il linguaggio SQL (ripasso) Il comando SELECT Le operazioni relazionali nel linguaggio SQL Le funzioni di aggregazione: funzione COUNT, SUM, AVG, MIN, MAX Ordinamenti e raggruppamenti: ORDER BY, GROUP BY Condizioni sui raggruppamenti: clausola HAVING Esempi con uso del linguaggio SQL Quadrimestre Dati in rete e pagine ASP Web server e ambiente di lavoro Le pagine ASP e la tecnologia ASP.Net (escluso XML) Richiami sul linguaggio Visual Basic Gli oggetti delle pagine ASP.NET fino pag.8 ma esclusa pag.78 Tecnologia ADO.NET ( su appunti) 7

18 Libro di testo: Informatica e reti per i sistemi informativi aziendali Capitolo. Reti e protocolli Aspetti evolutivi delle reti I servizi per gli utenti e le aziende I modelli client/server e peer to peer (*materiale on line) Regole per il trasferimento dei dati (simplex, half duplex, full duplex) Classificazione delle reti per estensione (LAN, WAN, Internet) (*materiale on line) Classificazione delle reti in base alla topologia (bus, maglia, anello, stella) Tecniche di commutazione Architetture di rete I modelli di riferimento per le reti modello ISO/OSI Mezzi trasmissivi e dispositivi di rete : doppino telefonico, fibra ottica, wireless Il modello TCP/IP indirizzi IPV4 e IPV6 i livelli applicativi nel modello TCP/IP Internet Indirizzi Internet e DNS Ip statico, dinamico e dominio Capitolo. Servizi di rete per l azienda e la Pubblica amministrazione Le reti aziendali Intranet ed extranet Il cloudcomputing Tecnologie di rete per la comunicazione Siti web aziendali Mobile marketing e social marketing La sicurezza delle reti la crittografia per la sicurezza dei dati Chiave simmetrica e chiave asimmetrica La firma digitale L e-government Gli strumenti e le tecnologie per l amministrazione digitale La docente di informatica ha seguito il corso di formazione linguistica che si è concluso il /0/05 e che è propedeutico a quello specifico di metodologia di insegnamento CLIL, ancora da effettuarsi. Stante pertanto la mancanza di adeguate basi metodologiche CLIL, la docente di informatica non ha ritenuto opportuno svolgere moduli della propria materia in lingua inglese durante l'anno scolastico in corso. 8

19 Materia Libro di testo Periodo EDUCAZIONE FISICA PROF. MASSI ROBERTA Studenti Informati -Manuale di scienze motorie- B. Balboni A. Dispenza / Il Capitello Contenuti Quadrimestre Il riscaldamento. Lo stretching. La mobilità articolare della colonna. Le capacità condizionali: la forza degli arti inferiori. Giochi di squadra: esercitazioni su alcuni fondamentali individuali e di squadra e applicazione in partita (pallavolo, basket, calcetto). Quadrimestre Esercitazioni pratiche a corpo libero con l uso di grandi o piccoli attrezzi. Circuiti, percorsi, lavoro a stazioni. La coordinazione oculo manuale. Il badminton: regolamento e gioco. Le capacità condizionali: la velocità. Effetti dell attività fisica sui diversi apparati. Materia Libro di testo Periodo INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA PROF. BONI MARIA RITA Confronti - Percorsi di riflessione di cultura religiosa per il triennio della scuola superiore. Autori: Michele Contadini- Alessandra Marcuccini- Anna Paola Cardinali. Contenuti Quadrimestre L etica e i valori del Cristianesimo: la coscienza, la legge, la libertà. La coscienza umana. I nuovi movimenti religiosi. Il Sinodo: cosa è, perché l apertura dei lavori, chiusura del Sinodo. La Chiesa nell età moderna. Il Concilio Vaticano II. La Chiesa nel sociale. Solidarietà e finalità dei progetti solidali: Caritas, Unicef. L uomo e la ricchezza. Le relazioni: pace, solidarietà e mondialità. Quadrimestre La quantità e la qualità del tempo nella vita di ogni essere umano. Il tempo e la storia. La mondialità: interculturalità, multiculturalità. Noi e lo straniero. Le religioni new age. Le relazioni: pace, solidarietà e mondialità. Isis e l attentato a Parigi. La pace: cosa è la pace, il pacifismo, i cristiani e la pace,la giornata mondiale della pace. La libertà religiosa. 9

20 . Metodologie e strumenti I metodi sono stati molteplici e la scelta di uno o più di essi è stata sempre legata all'obiettivo da raggiungere, al contenuto da trasmettere, alla specificità dei singoli alunni. Per perseguire gli obiettivi prefissati, all'interno delle singole discipline sono utilizzate le seguenti modalità di lavoro: MATERIA METODOLOGIE Lezione Frontale Lezione Dialogata Dibattito in classe Eserc. indiv. in classe/lab Eserc. a gruppi in classe/lab Relazioni su ricerche individ. e collettive Problemsol ving Attività di recupero ITA X X X X STO X X X X ING X X X X MAT X X X X X X INFORM. X X X X X X X DIRITTO X X X X X X X SC. D. F. X X X X X X X EC. AZ. X X X X X X X X ED. FI. X X X REL. X X Strumenti adoperati, oltre al libro di testo: MATERIA STRUMENTI Lavagna Registratore audio Proiettore Video/film Dispense Aula Fotocopie Computer elettroniche multimediale Italiano e Storia X Inglese X X X Matematica X X X X X Informatica X X X X X X Dir. S.d.F. X X Econ. Az. X X X X X X Ed. Fisica X Religione X X Lavagna Luminosa 0

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli