ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO RINO MOLARI Via Felice Orsini, Santarcangelo di Romagna (RN) ESAME DI STATO A.S. 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE CLASSE QUINTA SEZ. C Corso A.F.M. 1

2 RELAZIONE SULLA CLASSE 5^ C del C.d.C. La classe 5^ C è formata da nove Studentesse e da quindici Studenti. Nel corso del triennio ci sono stati alcuni inserimenti: nel quarto anno di corso quattro studenti si sono aggiunti al gruppo del terzo anno mentre una studentessa si è inserita durante il corrente anno scolastico. Per quanto riguarda l attività didattica, questa è stata ostacolata frequentemente da azioni di disturbo, disinteresse piuttosto diffuso, attenzione inadeguata, alto livello di assenteismo alle lezioni; tali comportamenti hanno reso il lavoro dei docenti faticoso, poco gratificante e meno efficace in relazione a potenzialità e aspettative. Il Consiglio di Classe ha, in più occasioni, operato interventi tesi a migliorare il clima di classe, attraverso il dialogo, la ricerca di condivisione dei principi sui quali rifondare, ogni volta, le modalità più idonee per comportamenti e apprendimenti consoni all età e a quanto richiesto nell ultimo anno di corso. Purtroppo il risultato conseguente a tali interventi è stato poco incisivo per quel gruppo di studenti più negligenti che hanno continuato a condizionare negativamente lo svolgimento dell attività didattica. Va evidenziato, però, che un certo numero di studenti più interessati ha colto l invito a collaborare con il corpo docente fornendo un apporto costruttivo all interno della classe pur rimanendo minoritario rispetto al gruppo leader. Un esempio tangibile dei comportamenti descritti è rilevabile nell elevato numero di assenze, ingressi in ritardo alle lezioni, uscite anticipate, troppo frequenti e inopportune considerando l importanza che la frequenza riveste nell acquisire conoscenze e competenze, in particolare in una classe quinta. Tutto ciò ha certamente condizionato il livello di profitto nelle diverse discipline. Considerate le capacità cognitive, le doti intuitive e di recupero, mostrate da quegli studenti protagonisti dei comportamenti più riprovevoli, il livello raggiunto è da considerarsi comunque mediamente accettabile anche se avrebbe potuto essere decisamente migliore. 2

3 Va altresì evidenziata la presenza di un gruppo di ragazzi affidabili e responsabili, motivati allo studio che hanno manifestato, con continuità e impegno, una forte volontà di apprendere pur in un clima non propriamente favorevole. I risultati conseguiti da questi ragazzi possono definirsi di livello mediamente discreto, talvolta buono. COMPOSIZIONE DELLA CLASSE NEL TRIENNIO CLASSE 5ªC anno classe SCRUTINATI AMMESSI NON AMMESSI DEBITI FORMATIVI M F TOT M F TOT M F TOT M F TOT 2012/13 3ª /14 4ª /15 5ª METODO DI STUDIO L acquisizione di un efficace metodo di studio è stato un obiettivo che il consiglio di classe si è proposto di conseguire attraverso le singole discipline nelle ore curricolari. In virtù di ciò, i/le docenti del Consiglio hanno cercato di sviluppare negli/lle alunni/e abilità operative che consentissero loro di esprimere capacità di analisi, di sintesi e di collegamento all interno delle tematiche culturali affrontate nei diversi ambiti disciplinari. Tali obiettivi sono stati raggiunti da una minoranza della classe che ha seguito con continuità e senso di responsabilità il lavoro proposto, mentre il resto della classe manifesta una non sempre adeguata autonomia operativa. In svariati casi, infatti, alcune lacune nella preparazione disciplinare di qualche materia non hanno permesso di utilizzare pienamente le informazioni e le conoscenze acquisite in ambito trasversale. Constatata l assenza di docenti DNL, in possesso delle necessarie competenze linguistiche e metodologiche, all interno dell Istituzione scolastica, il C.d.C. dichiara di non aver programmato nessuna unità CLIL 3

4 METODO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Il Consiglio di Classe, complessivamente stabile nel corso del triennio, ha trovato una propria coesione e continuità, lavorando con serenità e spirito di collaborazione, che ha consentito un confronto ampio e aperto tale da raggiungere un accordo pieno nella definizione degli obiettivi didattici ed educativi e nel loro perseguimento. Gli obiettivi conseguiti, sia in ambito comportamentale/relazionale sia in ambito cognitivo/professionale sono stati alquanto al di sotto delle aspettative e delle potenzialità degli studenti come si evince dalle relazioni dei singoli docenti inserite nel presente documento. OBIETTIVI CHE HANNO ORIENTATO L INTERVENTO EDUCATIVO DEL C.d.C. A) Obiettivi cognitivi trasversali - Rafforzare e consolidare l utilizzo della terminologia specifica di ogni disciplina - Migliorare e consolidare il metodo di studio - Organizzare il lavoro coerentemente alla consegna ricevuta, nei tempi e nei modi concordati - Saper lavorare per obiettivi - Avere una visione globale a livello disciplinare Strategie per il loro conseguimento - Controllare il lavoro domestico - Interagire il più possibile - Stimolare la capacità di auto valutarsi - Favorire il conseguimento di una maggiore autonomia Obiettivi Relazionali e Comportamentali - Favorire il processo di responsabilizzazione - Sapersi assumere e mantenere gli impegni - Saper lavorare in gruppo e rafforzare lo spirito di collaborazione rispettando le diversità di ciascuno 4

5 - Saper ascoltare e intervenire in modo corretto nel rispetto delle opinioni altrui e delle regole imposte Strategie per il loro conseguimento - Monitorare in modo costante e puntuale le dinamiche relazionali all interno del gruppo classe Per stimolare gli studenti a far comprendere in modo consapevole come la valutazione rappresenti la sintesi a cui concorrono aspetti che coinvolgono oltre al sapere e al saper fare anche il saper essere, si sono individuati i fattori che concorrono alla valutazione nei seguenti: - Metodo di studio - Partecipazione costruttiva all attività in classe - Progressione nell apprendimento - Conseguimento degli obiettivi comportamentali e relazionali - Conseguimento degli obiettivi cognitivi trasversali - Conoscenze, competenze e abilità della disciplina PIANO DI STUDI DELLA CLASSE ORARIO SETTIMANALE C L A S S I AMMINISTRAZIONE, FINANZA e Biennio unico Secondo Biennio e 5^ anno Marketing Materie d insegnamento 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Religione Cattolica o Attività integrativa Lingua e letteratura italiana Storia Lingua Inglese Seconda lingua comunitaria (Spagnolo) Matematica Informatica Scienze integrate Geografia 3 3 Economia aziendale e Laboratorio Diritto ed economia 2 2 Diritto Economia Politica Scienze motorie e sportive TOTALE ore

6 CONTINUITÀ DIDATTICA NEL TRIENNIO Materie d insegnamento III C IV C V C Religione MOSCONI GIULIANO CASADEI CRISTINA CASADEI CRISTINA Lingua e letteratura italiana GAVIANI ENRICA GAVIANI ENRICA GAVIANI ENRICA Storia GAVIANI ENRICA GAVIANI ENRICA GAVIANI ENRICA Prima lingua straniera: LAZZARINI FRANCA LAZZARINI FRANCA LAZZARINI FRANCA inglese Seconda lingua straniera: BUONGIORNO LIDIA NERI MARCO SPAZI FEDERICA spagnolo Matematica BIANCHI NADIA BIANCHI NADIA PAZZAGLIA ANNA MARIA Informatica LOMBARDINI ANDREA LOMBARDINI ANDREA Economia aziendale e SELIGHINI ELVIO SELIGHINI ELVIO SELIGHINI ELVIO laboratorio Diritto PETTINACCI LUCIANO PETTINACCI LUCIANO PETTINACCI LUCIANO Economia politica PETTINACCI LUCIANO PETTINACCI LUCIANO PETTINACCI LUCIANO Educazione fisica CALISESI G.CARLO CALISESI G.CARLO CALISESI G.CARLO Sostegno SANCHINI SONIA SANCHINI SONIA SANCHINI SONIA TEMPI Il lavoro complessivo è stato sviluppato su un trimestre e un pentamestre e articolato su moduli e unità didattiche. 6

7 I N S E G N A M E N T I D I S C I P L I N A R I R E L A Z I O N I F I N A L I E P R O G R A M M I 7

8 RELIGIONE CATTOLICA P r o f f. s s a C R I S T I N A C A S A D E I R E L A Z I O N E F I N A L E E P R O G R A M M A 8

9 OBIETTIVI FORMATIVI E SPECIFICI DI APPRENDIMENTO La classe V C si è contraddistinta principalmente per la problematicità delle dinamiche relazionali e comportamentali degli allievi che la compongono; la maggioranza di questi1 che fin dallo scorso anno ha dato prova di essere attenta e ligia all impegno oltre che volenterosa nell affrontare i temi proposti, è stata infatti oscurata da un gruppo, molto meno numeroso, ma purtroppo dominante, che, pur mostrandosi comunque sufficientemente collaborativo, e con momenti di lodevole brillantezza mentale ed intuitiva, ha mantenuto atteggiamenti non sempre corretti o rispettosi delle regole base della convivenza e del confronto, richiedendo di conseguenza un inevitabile accentramento di attenzione e di energia del l insegnante su di loro piuttosto che sul resto della classe. L animosità delle discussioni puntualmente scatenata da questi pochi alunni, ha, di fatto, spesso impedito non soltanto l intervento dei compagni più educati o di quello regolativo dell insegnante, ma anche il normale proseguimento delle lezioni stesse. Per questo, le scelte tematiche dell iter didattico proposto alla classe durante questo anno scolastico sono state ri-orientate principalmente sul dialogo critico delle notizie più importanti della settimana e dei temi che, su incitamento, venivano proposti dagli allievi, nella ferma intenzione di coinvolgere la discussione verso principi cristiani e/o etici, al fine di far maturare nei ragazzi una capacità di lettura del mondo contemporaneo e delle scelte etiche che sempre più ci interpellano. Ovviamente, il profilo delle lezioni, seppur poco aderenti al programma ministeriale presentato ad inizio anno, ha comunque mantenuto l intento dichiarato di presentare in primo luogo la prospettiva cristiana personalista nelle questioni antropologiche, etiche e bioetiche che si sono indirettamente prese in considerazione, mirando ad una riflessione degli alunni sulla propria identità nei confronti del messaggio cristiano e allo sviluppo di un maturo senso critico e di un personale progetto di vita. 9

10 Per tutto ciò si è tenuto conto dei seguenti obiettivi specifici e di apprendimento: 1. Saper analizzare nei vari aspetti un problema di carattere sociale. 2. Saper individuare le valenze etiche dei rapporti economici, sociali e politici 3. Saper cogliere l apporto cristiano cattolico all etica della vita economica, sociale, politica e saperla applicare a casi concreti. 4. Saper individuare lo sviluppo storico del cattolicesimo in relazione alla cultura contemporanea, alla vita sociale, civile e politica. 5. Saper affrontare il problema del rapporto religione cultura contemporanea 10

11 CONTENUTI SVOLTI 1. LA PERSONA I pregiudizi verso l handicap fisico. Concetto di dignità della persona. - Personalismo cristiano: creazione dell uomo e della donna in Gen L identità dell individuo come essere relazionale. - Concetto di immagine e somiglianza. 2. BIOETICA 2.1 Bioetica generale Definizione di Bioetica, cause de1a nascita e caratteristiche generali 2.2 Bioetica speciale La questione morale dell eutanasia: - nella storia :T4 Aktion - definizione e casi clinici: Luana Englaro e Piergiorgio Welby come distinzione tra eutanasia e accanimento terapeutico. La pena di morte nel mondo: analisi della situazione internazionale e risvolti etici 4. ETICA - Concetto di gratuità - Fondamenti della Dottrina Sociale della Chiesa: economia etica e virtù della solidarietà. Le digressioni alle quali il programma si è aperto lungo l anno scolastico hanno riguardato: - Il bene, il buonismo e la beneficenza, in riferimento alla tendenza della scorsa estate del ice Bucket challenge, una doccia di acqua gelata cui vip e persone comuni si sottoponevano per testimoniare la loro volontà di beneficienza verso organizzazioni di raccolta fondi per obiettivi sociali. - In merito al giorno della memoria, riflessioni sui totalitarismi, attraverso brani tratti da La nascita del Totalitarismo di Hannah Arendt. La questione dell Isis, attraverso articoli di giornali, come nuova forma di terrorismo 2.0. La questione ha aperto alla possibilità di evidenziare la capacità di persuasione, non sempre etica, della comunicazione mass-mediatica di oggi. In merito all uscita didattica a San Patrignano, riflessioni sui pro e contro della legalizzazione della droga, sull opinione del Magistero della Chiesa in proposito, sull utilizzo della libertà personale e considerazioni sull uomo come essere dotato dì raziocinio. 11

12 ITALIANO P r o f f. s s a E N R I C A G A V I A N I R E L A Z I O N E F I N A L E E P R O G R A M M A 12

13 OBIETTIVI GENERALI -autonomia critica e cognitiva ITSE Rino Molari - Santarcangelo di Romagna (RN) -formazione del senso storico-letterario OBIETTIVI SPECIFICI PIANO DI LAVORO 1) avere acquisito interesse alla lettura di testi letterari 2) avere acquisito autonomia per allargare le proprie letture 3) avere la capacità di motivare le proprie scelte e valutazioni 4) decodificare un testo nei suoi diversi livelli 5) individuare i collegamenti fra i testi di uno stesso autore e rapportarli al contesto 6) rielaborare i contenuti con organicità, senso critico e proprietà di linguaggio 7) esprimersi allo scritto e all orale in modo chiaro, organico e corretto METODOLOGIA Gli argomenti sono stati trattati attraverso lezioni frontali, aperte, unità modulari, il piano di lavoro è stato articolato in unità didattiche ARTICOLAZIONE DEI CONTENUTI Il percorso di letteratura italiana nel triennio è stato impostato su un asse cronologico, come supporto ad unità didattiche modulari. Il poema di Dante è stato letto, attraverso una scelta di canti, nel terzo, quarto e quinto anno. VERIFICHE Interrogazioni e, in maniera non sistematica, questionari e test. Temi di attualità, di storia, analisi di testi, articoli di giornale, saggi brevi. 13

14 VALUTAZIONI STRUMENTI ITSE Rino Molari - Santarcangelo di Romagna (RN) A) Criteri per prove scritte: 1) pertinenza 2) organicità e consequenzialità 3) correttezza formale 4) ricchezza di contenuti 5) originalità e rielaborazioni personali B) Criteri per prove orali: 1) acquisizione delle conoscenze 2) organizzazione delle stesse C) Criteri per valutazione finale: 1) profitto 3) contestualizzazione e comparazione 4) competenza espressiva e lessicale 5) livelli di approfondimento e rielaborazione 2)impegno 3) motivazione ed affidabilità 3)partecipazione 4)iter individuale In relazione agli indicatori di misurazione, si rimanda alla griglia di indicatori e descrittori assunta dal Consiglio di Classe che esplicita in decimi i livelli di misurazione e valuta in base a conoscenze, competenze, capacità. Libri di testo, letture integrali di opere, fotocopie. PROFILO DELLA CLASSE Essendo fermamente convinta che una buona relazione rappresenti la condizione basilare non solo di un valido intervento educativo ma anche di un migliore apprendimento, nel corso degli ultimi tre anni mi sono ostinata con continuità ad impegnarmi nella formazione e preparazione scolastica della classe, della quale però, anche alla fine del corso, solo una parte ha mostrato di avere colto il senso di tanto spendersi, mentre l altra è rimasta indifferente, poco o per nulla interessata, sia a relazionarsi col docente che ad ampliare il proprio orizzonte conoscitivo. Dunque si 14

15 può naturalmente dedurre quanto sia stato duro l impatto con questa classe all inizio del triennio: molti di tali alunni mostravano spudoratamente comportamenti grossolani, boriosi, polemici o scempi, erano davvero da scolarizzare ed educare al rispetto delle regole essenziali. Per lo più disinteressati alle mie materie, hanno poi evidenziato presto anche spaventose lacune nella preparazione di base; provenendo da due diverse seconde, inoltre, gli uni non sapevano strutturare un testo, non avendolo mai fatto per scelta del loro docente, gli altri non avevano idea della grammatica, soprattutto della sintassi, sempre per l impostazione didattica decisa dal docente del biennio. A parte qualche eccezione, inoltre, i ragazzi non avevano né abitudine allo studio, né un minimo di metodo. Nel complesso, pertanto, il quadro generale era disarmante. C era però, allora, la speranza che, dosando severità, pazienza, dialogo e fiducia, l andamento generale sarebbe dovuto migliorare. Dopo un anno di fatiche memorabili, dovendo anche recuperare le competenze non possedute e le tante lacune nell uso scritto e orale della lingua, qualche risultato sul piano del profitto e del comportamento è stato realizzato, ma solo in alcuni casi. Se poi talora pareva che si fossero raggiunti anche gli obiettivi educativi per l intera classe, presto la soddisfazione si rivelava illusoria. Suoni snervanti di cellulari nel silenzio della lezione, conseguenti risatine, nuove e inattese ondate di assenteismo- comportamento nel quale questa classe si distingue decisamente ricreavano il solito clima di grettezza e scontro col docente. Così, trattandosi comunque di ragazzi per lo più capaci ed in grado di recuperare l indispensabile, sebbene alla fine dell anno, il gruppo è dunque passato in quarta, anno migliore ma sempre tormentato; quindi, con la stessa tattica, anche dovendo e riuscendo a recuperare tutto il I quadrimestre, alunni meritevoli e non, salvo uno, sono arrivati comunque in quinta. La convinzione che una maggiore maturità da parte degli studenti ed il costante, oneroso lavoro effettuato nei due anni precedenti dagli insegnanti si coniugassero ai fini di un ultimo anno di corso più tranquillo e laborioso aveva rivitalizzato, all inizio della quinta, l ottimismo. Tanti e ripetuti sono stati i tentativi di dialogo, incoraggiamento, 15

16 richiesta di leali patti reciproci, ma più volte le aspettative sono naufragate. Alcuni hanno continuato ad entrare vari minuti dopo la campanella, ad usufruire sfrontatamente di ingressi in ritardo e uscite anticipate, ad accumulare assenze, a seconda dei loro comodi. Così, in un clima di sottintesa tensione che ha generato alterne fasi di guerre e armistizi, l anno è giunto quasi al suo termine. Il bilancio finale non può che essere amaro sul piano del rapporto con una parte della classe, in quanto, in tanti anni di insegnamento, non mi era mai capitato di fallire tangibilmente a livello di incontro con la persona di certi alunni, né di istillare così esigua passione per il sapere. Per contro va sottolineata la correttezza di un gruppo di ragazzi educati, collaborativi e responsabili dalla terza, a cui si è aggiunto qualche altro compagno che ha intrapreso un percorso positivo. Purtroppo questa presenza costruttiva non è riuscita a prevalere in vista di una svolta complessiva, pertanto la classe resta tuttora divisa, anche come atteggiamenti. Pertanto si distingue la fascia dei ragazzi affidabili, motivati, responsabili e costanti nell impegno, il cui profitto risulta di livello buono o discreto. Segue quella di coloro che, senza brillare, hanno comunque cercato di portare avanti un lavoro piuttosto regolare ed onesto, avendo acquisito ora un migliore metodo di studio e conoscenze pienamente sufficienti. Infine c è anche chi si è impegnato ben poco, ha accumulato troppe assenze e presenta lacune, non raggiungendo, al momento, la sufficienza, che dovrà guadagnare, se vorrà, col solito tardivo (ma senza sconti) recupero finale. I programmi sono stati realizzati regolarmente, sia in Italiano che in Storia. Le lezioni si sono svolte in un clima di silenzio e attenzione, per alcuni apparente, ma, di tanto in tanto, funestate, inevitabilmente, da trilli vari di cellulari. Per questo ed altro è stato necessario ricorrere talora a note disciplinari, strumento non consono alla mia natura, ma qui inevitabile. D altra parte i tentativi continui di lezione dialogata hanno avuto esito positivo molto raramente. Salvo qualche alunno preparato e interessato, in questa classe la partecipazione è una voce pressoché assente. Per quanto concerne le abilità del saper scrivere, pur con certi miglioramenti, il 16

17 livello medio rimane modesto, talvolta ancora difficoltoso, per pochezza lessicale, incertezze morfologico- sintattiche, a volte ortografiche e, in certi casi, per problemi di limitate capacità di approfondimento e rielaborazione personale dei contenuti. I ragazzi sono stati abituati comunque a cimentarsi in tutte le tipologie che l Esame di Stato richiede. 17

18 PROGRAMMA D ITALIANO Testo in adozione: A.Roncoroni, M.M.Cappellini, A.Dendi, E.Sada, O.Tribulato Il rosso e il blu volumi 3a 3b I U.D TEMATICHE GIACOMO LEOPARDI Giacomo Leopardi e la filosofia del dolore. Il pessimismo storico, la poetica e i primi Canti. Il pessimismo cosmico e il silenzio poetico nelle Operette morali. Il ritorno alla poesia: i grandi idilli e gli ultimi Canti. OPERE Dai Canti : L infinito La sera del dì di festa Dalle Operette Morali : Dialogo della Natura e di un Islandese. Dai Canti : A Silvia, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, Canto notturno di un pastore errante del- L Asia, A se stesso, La ginestra (vv.1-157). II U.D. LA NARRATIVA DEL SECONDO OTTOCENTO TEMATICHE E AUTORI Le poetiche tardo-romantiche: la Scapigliatura. L età del Positivismo: caratteri generali Il Positivismo:evoluzionismo e sociologia. Le poetiche del Naturalismo e Verismo Giovanni Verga: l approdo al Verismo Il ciclo dei vinti. I romanzi veristi del Verga.. E. Praga: da Penombra : Preludio OPERE G. Verga: La Prefazione a L amante di Gramigna : Da Vita dei campi : Rosso Malpelo, La lupa. Da Novelle rusticane : La roba. I Malavoglia : lettura integrale. Da Mastro don Gesualdo : La morte di Mastro don Gesualdo. 18

19 III UD. LA LIRICA DEL SECONDO OTTOCENTO TEMATICHE La lirica fra eredità romantiche e contestazioni. La Boheme.. OPERE C. Baudelaire: da I fiori del male : Corrispondenze, L albatro, Spleen. Da Lo spleen di Parigi : Perdita d aureola A. Rimbaud: Vocali. A. Verlaine: Arte poetica. IV U.D: IL GENERE: LA LIRICA TRA OTTOCENTO E NOVECENTO TEMATICHE E AUTORI Il Decadentismo Il Simbolismo. Giovanni Pascoli: vita, idee, poetica. Gabriele D Annunzio:vita, concezioni, poetica. Il Crepuscolarismo Guido Gozzano e l uso dell ironia. Il Futurismo. Il Futurismo in arti figurative. Tra Crepuscolarismo e Futurismo. I lirici nuovi: Giuseppe Ungaretti. Pensiero e poetica. La scoperta della parola e la poesia pura. Il recupero della tradizione. Eugenio Montale. Pensiero e poetica. Il male di vivere Il correlativo oggettivo. La negatività dialettica e la parola scabra La poesia di Umberto Saba OPERE G. Pascoli: da Myricae : Arano, Lavandare, Novembre, L assiuolo, X Agosto, Temporale, Il lampo. Dai Primi poemetti : Italy (parte) Da Canti di Castelvecchio : Il gelsomino notturno, Nebbia, La mia sera. Dai Nuovi poemetti : La vertigine. Da: Il fanciullino : Il poeta è poeta Da Poema paradisiaco : Consolazione. Da Alcyone : La sera fiesolana, Meriggio, La pioggia nel pineto. Il piacere : lettura integrale G. Gozzano. Da Colloqui : La signorina Felicita ovvero la felicità F.T. Marinetti: Manifesto del futurismo A. Palazzeschi: E lasciatemi divertire! G. Ungaretti: da L allegria : In memoria, Il porto sepolto, Veglia, Soldati, San Martino del Carso, I fiumi, Commiato, Fratelli, Sono una creatura Mattina. Da Sentimento del tempo : La madre. Da Il dolore : Non gridate più E. Montale: da Ossi di seppia : I limoni, Meriggiare pallido e assorto ; Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato, Da Le occasioni : La casa dei doganieri. Da La bufera ed altro : La bufera U. Saba: dal Canzoniere : Trieste, La capra, Città vecchia, Amai. 19

20 V U.D. LA NARRATIVA DEL PRIMO NOVECENTO TEMATICHE E AUTORI Italo Svevo: pensiero e tematiche. La figura dell inetto. Un nuovo modello di romanzo Luigi Pirandello: pensiero e tematiche. L umorismo nella narrativa, il grottesco nel teatro. Il teatro nel teatro. VI U.D. TEMATICHE E AUTORI Il Neorealismo: tematiche e linguaggio Il dibattito culturale. Un opera letteraria per testimoniare: P. Levi. OPERE I. Svevo:da Senilità : cap.i Emilio e Angiolina. I. Svevo.da La coscienza di Zeno : Lo schiaffo del padre, La salute di Augusta, L esplosione cosmica. Da L umorismo : L arte umoristica. Pirandello: da Novelle per un anno : Il treno ha fischiato. La signora Frola e il signor Ponza, suo genero. Ciaula scopre la luna Il fu Mattia Pascal : lettura integrale. Da Uno, nessuno e centomila : Un paradossale lieto fine. Da: Sei personaggi in cerca d autore : L ingresso in scena dei sei personaggi. Da Enrico IV : Enrico IV per sempre. IL NEOREALISMO. OPERE P. Levi: da Se questo è un uomo : L arrivo nel lager. VII U.D. LA DIVINA COMMEDIA DANTE ALIGHIERI PARADISO Lettura dei seguenti canti: I (vv.1-36); III; VI; XI; XVII; XXXIII. Prove scritte su tutte le tipologie testuali previste per l Esame di stato: A; B; C; D. 20

21 STORIA P r o f f. s s a E N R I C A G A V I A N I R E L A Z I O N E F I N A L E E P R O G R A M M A 21

22 OBIETTIVO GENERALE PIANO DI LAVORO Acquisizione del senso storico e critico OBIETTIVI SPECIFICI 1) Classificare, organizzare e valutare i dati storici 2) Individuare le principali categorie storiche: tempo, spazio, mutamento, trasformazioni 3) Individuare le connessioni logiche e le linee di sviluppo 4) Cogliere la connessione della storia con altre discipline 5) Cogliere la problematicità e complessità del dato storico METODOLOGIA Lezioni frontali ed aperte, uso, per certi argomenti, del documento. VERIFICHE Interrogazioni, eventuali questionari e test. VALUTAZIONE 1) Acquisizione delle conoscenze 2) Organizzazione delle stesse 3) Capacità di orientamento nei vari contesti storici 4) Capacità di sintesi 5) Capacità di rielaborazione, di confronto, di giudizio 6) Competenza espositiva.. STRUMENTI Libro di testo, pagine critiche da altri testi, documentari. 22

23 PROFILO DELLA CLASSE ITSE Rino Molari - Santarcangelo di Romagna (RN) La classe, fatta eccezione per alcuni studenti, ha seguito con interesse accettabile la materia, una parte degli alunni si è dedicata allo studio con un certo impegno, sebbene con diversi livelli di capacità di elaborazione personale, analisi, sintesi, collegamenti e puntualità sul piano delle conoscenze. Agli argomenti di particolare rilievo è stata riservata una trattazione più attenta, ma altri approfondimenti, che sarebbero stati opportuni, non si sono potuti effettuare per l oggettiva sproporzione fra programma e tempo a disposizione. Gli alunni hanno conseguito un profitto mediamente sufficiente,sebbene alcuni presentino tuttora conoscenze lacunose ed incerte. Si distingue il gruppetto degli studenti più zelanti, il cui profitto è discreto, talvolta buono. 23

24 PROGRAMMA DI STORIA ITSE Rino Molari - Santarcangelo di Romagna (RN) Testo in adozione: A. Brancati, Trebi Pagliarani: Dialogo con la storia e l attualità, ed. La Nuova Italia, vol.3. L età contemporanea. L età del colonialismo e dell imperialismo -Economia, società, cultura -L Europa e il mondo alla vigilia della guerra L età giolittiana -La politica sociale del governo -Le scelte di politica interna ed estera La prima guerra mondiale -L ingresso dell Italia nel conflitto -Gli anni del conflitto -La rivoluzione russa -Gli anni difficili del dopoguerra La crisi dello stato liberale in Italia -Il fascismo da movimento a regime -La situazione internazionale: l epoca del nuovo imperialismo -L URSS nell era dello stalinismo L Europa fra le due guerre -La guerra civile spagnola - La conquista italiana dell Etiopia -La Germania nazista e la sua espansione La seconda guerra mondiale -La prima fase delle ostilità -L intervento degli Stati Uniti -Gli sbarchi degli Alleati per la liberazione -Caduta del fascismo, le due Italie, La Resistenza. -Conclusioni del conflitto L Europa divisa in due blocchi -L Europa nel secondo dopoguerra -La guerra fredda -I sistemi di alleanza e gli organismi internazionali -Oriente e Medio Oriente dopo la fine della guerra -Lo stato d Israele e le crisi arabo-israeliane -Decolonizzazione dell India -La Repubblica popolare cinese -La guerra di Corea 24

25 Gli anni sessanta: disgelo e decolonizzazione -La situazione europea nell epoca del disgelo -L Europa nell era di Krusciov -Nasser e la crisi di Suez - La rivolta d Ungheria -L era di Kennedy e Giovanni XXIII -La rivoluzione cubana e la tensione fra i due blocchi. La crisi del bipolarismo tra gli anni sessanta e settanta -Cina, Vietnam, Cecoslovacchia -Vietnam e Cambogia -La rivoluzione culturale di Mao -La contestazione del 68 L Italia dalla ricostruzione agli anni del terrorismo -Trasformazioni politiche nell Italia del dopoguerra -I primi passi della repubblica -Il miracolo economico in Italia -I governi di centro-sinistra -Gli anni della contestazione -Gli anni del Terrorismo (cenni) 25

26 LINGUA E CIVILTA INGLESE P r o f f. s s a F R A N C A L A Z Z A R I N I R E L A Z I O N E F I N A L E E P R O G R A M M A 26

27 RELAZIONE FINALE La classe, eterogenea per attitudini, senso di responsabilità e coinvolgimento nel dialogo educativo, ha conseguito, anche in virtù dell impegno e della motivazione espressa nello studio della disciplina, livelli di apprendimento diversificati. La partecipazione alle attività didattico - educative di alcuni alunni è risultata talvolta discontinua e non sempre caratterizzata da rigore e profondità nell impegno. Ciò non ha consentito loro di pervenire ad una solida ed organica preparazione e di superare tutte le incertezze relative alle abilità di produzione scritta e orale. Un secondo gruppo di alunni ha dato via via prova di un impegno maggiormente responsabile, che ha permesso di migliorare anche in maniera significativa i livelli di partenza e di conseguire risultati che si collocano fra il più che sufficiente e il discreto. Infine ci sono alunni che hanno mostrato un impegno assiduo, un coinvolgimento attivo nel dialogo educativo e motivazione allo studio della lingua straniera, pervenendo in tal modo ad una buona preparazione. Un alunna ha conseguito con profitto la certificazione FCE (B2). Due alunne della classe, Nicoletti Giusy e Vinciguerra Giorgia, hanno inoltre partecipato ad uno scambio linguistico e culturale con la High School di Livingston, New Jersey, USA, realizzato durante il corrente anno scolastico. Esso ha indubbiamente contribuito a rafforzare le competenze interculturali e linguistiche, attraverso la sperimentazione della convivenza, in ambito scolastico e familiare, con giovani di provenienza culturale e sociale diversa. Nel mese di ottobre gli alunni, ospitati dalle famiglie degli studenti partner, hanno frequentato la scuola americana e vissuto all interno del contesto sociale, culturale ed economico straniero; dal 13 al 24 febbraio le alunne italiane hanno accolto la delegazione americana e 27

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli