ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO RINO MOLARI Via Felice Orsini, Santarcangelo di Romagna (RN) ESAME DI STATO A.S. 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE CLASSE QUINTA SEZ. C Corso A.F.M. 1

2 RELAZIONE SULLA CLASSE 5^ C del C.d.C. La classe 5^ C è formata da nove Studentesse e da quindici Studenti. Nel corso del triennio ci sono stati alcuni inserimenti: nel quarto anno di corso quattro studenti si sono aggiunti al gruppo del terzo anno mentre una studentessa si è inserita durante il corrente anno scolastico. Per quanto riguarda l attività didattica, questa è stata ostacolata frequentemente da azioni di disturbo, disinteresse piuttosto diffuso, attenzione inadeguata, alto livello di assenteismo alle lezioni; tali comportamenti hanno reso il lavoro dei docenti faticoso, poco gratificante e meno efficace in relazione a potenzialità e aspettative. Il Consiglio di Classe ha, in più occasioni, operato interventi tesi a migliorare il clima di classe, attraverso il dialogo, la ricerca di condivisione dei principi sui quali rifondare, ogni volta, le modalità più idonee per comportamenti e apprendimenti consoni all età e a quanto richiesto nell ultimo anno di corso. Purtroppo il risultato conseguente a tali interventi è stato poco incisivo per quel gruppo di studenti più negligenti che hanno continuato a condizionare negativamente lo svolgimento dell attività didattica. Va evidenziato, però, che un certo numero di studenti più interessati ha colto l invito a collaborare con il corpo docente fornendo un apporto costruttivo all interno della classe pur rimanendo minoritario rispetto al gruppo leader. Un esempio tangibile dei comportamenti descritti è rilevabile nell elevato numero di assenze, ingressi in ritardo alle lezioni, uscite anticipate, troppo frequenti e inopportune considerando l importanza che la frequenza riveste nell acquisire conoscenze e competenze, in particolare in una classe quinta. Tutto ciò ha certamente condizionato il livello di profitto nelle diverse discipline. Considerate le capacità cognitive, le doti intuitive e di recupero, mostrate da quegli studenti protagonisti dei comportamenti più riprovevoli, il livello raggiunto è da considerarsi comunque mediamente accettabile anche se avrebbe potuto essere decisamente migliore. 2

3 Va altresì evidenziata la presenza di un gruppo di ragazzi affidabili e responsabili, motivati allo studio che hanno manifestato, con continuità e impegno, una forte volontà di apprendere pur in un clima non propriamente favorevole. I risultati conseguiti da questi ragazzi possono definirsi di livello mediamente discreto, talvolta buono. COMPOSIZIONE DELLA CLASSE NEL TRIENNIO CLASSE 5ªC anno classe SCRUTINATI AMMESSI NON AMMESSI DEBITI FORMATIVI M F TOT M F TOT M F TOT M F TOT 2012/13 3ª /14 4ª /15 5ª METODO DI STUDIO L acquisizione di un efficace metodo di studio è stato un obiettivo che il consiglio di classe si è proposto di conseguire attraverso le singole discipline nelle ore curricolari. In virtù di ciò, i/le docenti del Consiglio hanno cercato di sviluppare negli/lle alunni/e abilità operative che consentissero loro di esprimere capacità di analisi, di sintesi e di collegamento all interno delle tematiche culturali affrontate nei diversi ambiti disciplinari. Tali obiettivi sono stati raggiunti da una minoranza della classe che ha seguito con continuità e senso di responsabilità il lavoro proposto, mentre il resto della classe manifesta una non sempre adeguata autonomia operativa. In svariati casi, infatti, alcune lacune nella preparazione disciplinare di qualche materia non hanno permesso di utilizzare pienamente le informazioni e le conoscenze acquisite in ambito trasversale. Constatata l assenza di docenti DNL, in possesso delle necessarie competenze linguistiche e metodologiche, all interno dell Istituzione scolastica, il C.d.C. dichiara di non aver programmato nessuna unità CLIL 3

4 METODO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Il Consiglio di Classe, complessivamente stabile nel corso del triennio, ha trovato una propria coesione e continuità, lavorando con serenità e spirito di collaborazione, che ha consentito un confronto ampio e aperto tale da raggiungere un accordo pieno nella definizione degli obiettivi didattici ed educativi e nel loro perseguimento. Gli obiettivi conseguiti, sia in ambito comportamentale/relazionale sia in ambito cognitivo/professionale sono stati alquanto al di sotto delle aspettative e delle potenzialità degli studenti come si evince dalle relazioni dei singoli docenti inserite nel presente documento. OBIETTIVI CHE HANNO ORIENTATO L INTERVENTO EDUCATIVO DEL C.d.C. A) Obiettivi cognitivi trasversali - Rafforzare e consolidare l utilizzo della terminologia specifica di ogni disciplina - Migliorare e consolidare il metodo di studio - Organizzare il lavoro coerentemente alla consegna ricevuta, nei tempi e nei modi concordati - Saper lavorare per obiettivi - Avere una visione globale a livello disciplinare Strategie per il loro conseguimento - Controllare il lavoro domestico - Interagire il più possibile - Stimolare la capacità di auto valutarsi - Favorire il conseguimento di una maggiore autonomia Obiettivi Relazionali e Comportamentali - Favorire il processo di responsabilizzazione - Sapersi assumere e mantenere gli impegni - Saper lavorare in gruppo e rafforzare lo spirito di collaborazione rispettando le diversità di ciascuno 4

5 - Saper ascoltare e intervenire in modo corretto nel rispetto delle opinioni altrui e delle regole imposte Strategie per il loro conseguimento - Monitorare in modo costante e puntuale le dinamiche relazionali all interno del gruppo classe Per stimolare gli studenti a far comprendere in modo consapevole come la valutazione rappresenti la sintesi a cui concorrono aspetti che coinvolgono oltre al sapere e al saper fare anche il saper essere, si sono individuati i fattori che concorrono alla valutazione nei seguenti: - Metodo di studio - Partecipazione costruttiva all attività in classe - Progressione nell apprendimento - Conseguimento degli obiettivi comportamentali e relazionali - Conseguimento degli obiettivi cognitivi trasversali - Conoscenze, competenze e abilità della disciplina PIANO DI STUDI DELLA CLASSE ORARIO SETTIMANALE C L A S S I AMMINISTRAZIONE, FINANZA e Biennio unico Secondo Biennio e 5^ anno Marketing Materie d insegnamento 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Religione Cattolica o Attività integrativa Lingua e letteratura italiana Storia Lingua Inglese Seconda lingua comunitaria (Spagnolo) Matematica Informatica Scienze integrate Geografia 3 3 Economia aziendale e Laboratorio Diritto ed economia 2 2 Diritto Economia Politica Scienze motorie e sportive TOTALE ore

6 CONTINUITÀ DIDATTICA NEL TRIENNIO Materie d insegnamento III C IV C V C Religione MOSCONI GIULIANO CASADEI CRISTINA CASADEI CRISTINA Lingua e letteratura italiana GAVIANI ENRICA GAVIANI ENRICA GAVIANI ENRICA Storia GAVIANI ENRICA GAVIANI ENRICA GAVIANI ENRICA Prima lingua straniera: LAZZARINI FRANCA LAZZARINI FRANCA LAZZARINI FRANCA inglese Seconda lingua straniera: BUONGIORNO LIDIA NERI MARCO SPAZI FEDERICA spagnolo Matematica BIANCHI NADIA BIANCHI NADIA PAZZAGLIA ANNA MARIA Informatica LOMBARDINI ANDREA LOMBARDINI ANDREA Economia aziendale e SELIGHINI ELVIO SELIGHINI ELVIO SELIGHINI ELVIO laboratorio Diritto PETTINACCI LUCIANO PETTINACCI LUCIANO PETTINACCI LUCIANO Economia politica PETTINACCI LUCIANO PETTINACCI LUCIANO PETTINACCI LUCIANO Educazione fisica CALISESI G.CARLO CALISESI G.CARLO CALISESI G.CARLO Sostegno SANCHINI SONIA SANCHINI SONIA SANCHINI SONIA TEMPI Il lavoro complessivo è stato sviluppato su un trimestre e un pentamestre e articolato su moduli e unità didattiche. 6

7 I N S E G N A M E N T I D I S C I P L I N A R I R E L A Z I O N I F I N A L I E P R O G R A M M I 7

8 RELIGIONE CATTOLICA P r o f f. s s a C R I S T I N A C A S A D E I R E L A Z I O N E F I N A L E E P R O G R A M M A 8

9 OBIETTIVI FORMATIVI E SPECIFICI DI APPRENDIMENTO La classe V C si è contraddistinta principalmente per la problematicità delle dinamiche relazionali e comportamentali degli allievi che la compongono; la maggioranza di questi1 che fin dallo scorso anno ha dato prova di essere attenta e ligia all impegno oltre che volenterosa nell affrontare i temi proposti, è stata infatti oscurata da un gruppo, molto meno numeroso, ma purtroppo dominante, che, pur mostrandosi comunque sufficientemente collaborativo, e con momenti di lodevole brillantezza mentale ed intuitiva, ha mantenuto atteggiamenti non sempre corretti o rispettosi delle regole base della convivenza e del confronto, richiedendo di conseguenza un inevitabile accentramento di attenzione e di energia del l insegnante su di loro piuttosto che sul resto della classe. L animosità delle discussioni puntualmente scatenata da questi pochi alunni, ha, di fatto, spesso impedito non soltanto l intervento dei compagni più educati o di quello regolativo dell insegnante, ma anche il normale proseguimento delle lezioni stesse. Per questo, le scelte tematiche dell iter didattico proposto alla classe durante questo anno scolastico sono state ri-orientate principalmente sul dialogo critico delle notizie più importanti della settimana e dei temi che, su incitamento, venivano proposti dagli allievi, nella ferma intenzione di coinvolgere la discussione verso principi cristiani e/o etici, al fine di far maturare nei ragazzi una capacità di lettura del mondo contemporaneo e delle scelte etiche che sempre più ci interpellano. Ovviamente, il profilo delle lezioni, seppur poco aderenti al programma ministeriale presentato ad inizio anno, ha comunque mantenuto l intento dichiarato di presentare in primo luogo la prospettiva cristiana personalista nelle questioni antropologiche, etiche e bioetiche che si sono indirettamente prese in considerazione, mirando ad una riflessione degli alunni sulla propria identità nei confronti del messaggio cristiano e allo sviluppo di un maturo senso critico e di un personale progetto di vita. 9

10 Per tutto ciò si è tenuto conto dei seguenti obiettivi specifici e di apprendimento: 1. Saper analizzare nei vari aspetti un problema di carattere sociale. 2. Saper individuare le valenze etiche dei rapporti economici, sociali e politici 3. Saper cogliere l apporto cristiano cattolico all etica della vita economica, sociale, politica e saperla applicare a casi concreti. 4. Saper individuare lo sviluppo storico del cattolicesimo in relazione alla cultura contemporanea, alla vita sociale, civile e politica. 5. Saper affrontare il problema del rapporto religione cultura contemporanea 10

11 CONTENUTI SVOLTI 1. LA PERSONA I pregiudizi verso l handicap fisico. Concetto di dignità della persona. - Personalismo cristiano: creazione dell uomo e della donna in Gen L identità dell individuo come essere relazionale. - Concetto di immagine e somiglianza. 2. BIOETICA 2.1 Bioetica generale Definizione di Bioetica, cause de1a nascita e caratteristiche generali 2.2 Bioetica speciale La questione morale dell eutanasia: - nella storia :T4 Aktion - definizione e casi clinici: Luana Englaro e Piergiorgio Welby come distinzione tra eutanasia e accanimento terapeutico. La pena di morte nel mondo: analisi della situazione internazionale e risvolti etici 4. ETICA - Concetto di gratuità - Fondamenti della Dottrina Sociale della Chiesa: economia etica e virtù della solidarietà. Le digressioni alle quali il programma si è aperto lungo l anno scolastico hanno riguardato: - Il bene, il buonismo e la beneficenza, in riferimento alla tendenza della scorsa estate del ice Bucket challenge, una doccia di acqua gelata cui vip e persone comuni si sottoponevano per testimoniare la loro volontà di beneficienza verso organizzazioni di raccolta fondi per obiettivi sociali. - In merito al giorno della memoria, riflessioni sui totalitarismi, attraverso brani tratti da La nascita del Totalitarismo di Hannah Arendt. La questione dell Isis, attraverso articoli di giornali, come nuova forma di terrorismo 2.0. La questione ha aperto alla possibilità di evidenziare la capacità di persuasione, non sempre etica, della comunicazione mass-mediatica di oggi. In merito all uscita didattica a San Patrignano, riflessioni sui pro e contro della legalizzazione della droga, sull opinione del Magistero della Chiesa in proposito, sull utilizzo della libertà personale e considerazioni sull uomo come essere dotato dì raziocinio. 11

12 ITALIANO P r o f f. s s a E N R I C A G A V I A N I R E L A Z I O N E F I N A L E E P R O G R A M M A 12

13 OBIETTIVI GENERALI -autonomia critica e cognitiva ITSE Rino Molari - Santarcangelo di Romagna (RN) -formazione del senso storico-letterario OBIETTIVI SPECIFICI PIANO DI LAVORO 1) avere acquisito interesse alla lettura di testi letterari 2) avere acquisito autonomia per allargare le proprie letture 3) avere la capacità di motivare le proprie scelte e valutazioni 4) decodificare un testo nei suoi diversi livelli 5) individuare i collegamenti fra i testi di uno stesso autore e rapportarli al contesto 6) rielaborare i contenuti con organicità, senso critico e proprietà di linguaggio 7) esprimersi allo scritto e all orale in modo chiaro, organico e corretto METODOLOGIA Gli argomenti sono stati trattati attraverso lezioni frontali, aperte, unità modulari, il piano di lavoro è stato articolato in unità didattiche ARTICOLAZIONE DEI CONTENUTI Il percorso di letteratura italiana nel triennio è stato impostato su un asse cronologico, come supporto ad unità didattiche modulari. Il poema di Dante è stato letto, attraverso una scelta di canti, nel terzo, quarto e quinto anno. VERIFICHE Interrogazioni e, in maniera non sistematica, questionari e test. Temi di attualità, di storia, analisi di testi, articoli di giornale, saggi brevi. 13

14 VALUTAZIONI STRUMENTI ITSE Rino Molari - Santarcangelo di Romagna (RN) A) Criteri per prove scritte: 1) pertinenza 2) organicità e consequenzialità 3) correttezza formale 4) ricchezza di contenuti 5) originalità e rielaborazioni personali B) Criteri per prove orali: 1) acquisizione delle conoscenze 2) organizzazione delle stesse C) Criteri per valutazione finale: 1) profitto 3) contestualizzazione e comparazione 4) competenza espressiva e lessicale 5) livelli di approfondimento e rielaborazione 2)impegno 3) motivazione ed affidabilità 3)partecipazione 4)iter individuale In relazione agli indicatori di misurazione, si rimanda alla griglia di indicatori e descrittori assunta dal Consiglio di Classe che esplicita in decimi i livelli di misurazione e valuta in base a conoscenze, competenze, capacità. Libri di testo, letture integrali di opere, fotocopie. PROFILO DELLA CLASSE Essendo fermamente convinta che una buona relazione rappresenti la condizione basilare non solo di un valido intervento educativo ma anche di un migliore apprendimento, nel corso degli ultimi tre anni mi sono ostinata con continuità ad impegnarmi nella formazione e preparazione scolastica della classe, della quale però, anche alla fine del corso, solo una parte ha mostrato di avere colto il senso di tanto spendersi, mentre l altra è rimasta indifferente, poco o per nulla interessata, sia a relazionarsi col docente che ad ampliare il proprio orizzonte conoscitivo. Dunque si 14

15 può naturalmente dedurre quanto sia stato duro l impatto con questa classe all inizio del triennio: molti di tali alunni mostravano spudoratamente comportamenti grossolani, boriosi, polemici o scempi, erano davvero da scolarizzare ed educare al rispetto delle regole essenziali. Per lo più disinteressati alle mie materie, hanno poi evidenziato presto anche spaventose lacune nella preparazione di base; provenendo da due diverse seconde, inoltre, gli uni non sapevano strutturare un testo, non avendolo mai fatto per scelta del loro docente, gli altri non avevano idea della grammatica, soprattutto della sintassi, sempre per l impostazione didattica decisa dal docente del biennio. A parte qualche eccezione, inoltre, i ragazzi non avevano né abitudine allo studio, né un minimo di metodo. Nel complesso, pertanto, il quadro generale era disarmante. C era però, allora, la speranza che, dosando severità, pazienza, dialogo e fiducia, l andamento generale sarebbe dovuto migliorare. Dopo un anno di fatiche memorabili, dovendo anche recuperare le competenze non possedute e le tante lacune nell uso scritto e orale della lingua, qualche risultato sul piano del profitto e del comportamento è stato realizzato, ma solo in alcuni casi. Se poi talora pareva che si fossero raggiunti anche gli obiettivi educativi per l intera classe, presto la soddisfazione si rivelava illusoria. Suoni snervanti di cellulari nel silenzio della lezione, conseguenti risatine, nuove e inattese ondate di assenteismo- comportamento nel quale questa classe si distingue decisamente ricreavano il solito clima di grettezza e scontro col docente. Così, trattandosi comunque di ragazzi per lo più capaci ed in grado di recuperare l indispensabile, sebbene alla fine dell anno, il gruppo è dunque passato in quarta, anno migliore ma sempre tormentato; quindi, con la stessa tattica, anche dovendo e riuscendo a recuperare tutto il I quadrimestre, alunni meritevoli e non, salvo uno, sono arrivati comunque in quinta. La convinzione che una maggiore maturità da parte degli studenti ed il costante, oneroso lavoro effettuato nei due anni precedenti dagli insegnanti si coniugassero ai fini di un ultimo anno di corso più tranquillo e laborioso aveva rivitalizzato, all inizio della quinta, l ottimismo. Tanti e ripetuti sono stati i tentativi di dialogo, incoraggiamento, 15

16 richiesta di leali patti reciproci, ma più volte le aspettative sono naufragate. Alcuni hanno continuato ad entrare vari minuti dopo la campanella, ad usufruire sfrontatamente di ingressi in ritardo e uscite anticipate, ad accumulare assenze, a seconda dei loro comodi. Così, in un clima di sottintesa tensione che ha generato alterne fasi di guerre e armistizi, l anno è giunto quasi al suo termine. Il bilancio finale non può che essere amaro sul piano del rapporto con una parte della classe, in quanto, in tanti anni di insegnamento, non mi era mai capitato di fallire tangibilmente a livello di incontro con la persona di certi alunni, né di istillare così esigua passione per il sapere. Per contro va sottolineata la correttezza di un gruppo di ragazzi educati, collaborativi e responsabili dalla terza, a cui si è aggiunto qualche altro compagno che ha intrapreso un percorso positivo. Purtroppo questa presenza costruttiva non è riuscita a prevalere in vista di una svolta complessiva, pertanto la classe resta tuttora divisa, anche come atteggiamenti. Pertanto si distingue la fascia dei ragazzi affidabili, motivati, responsabili e costanti nell impegno, il cui profitto risulta di livello buono o discreto. Segue quella di coloro che, senza brillare, hanno comunque cercato di portare avanti un lavoro piuttosto regolare ed onesto, avendo acquisito ora un migliore metodo di studio e conoscenze pienamente sufficienti. Infine c è anche chi si è impegnato ben poco, ha accumulato troppe assenze e presenta lacune, non raggiungendo, al momento, la sufficienza, che dovrà guadagnare, se vorrà, col solito tardivo (ma senza sconti) recupero finale. I programmi sono stati realizzati regolarmente, sia in Italiano che in Storia. Le lezioni si sono svolte in un clima di silenzio e attenzione, per alcuni apparente, ma, di tanto in tanto, funestate, inevitabilmente, da trilli vari di cellulari. Per questo ed altro è stato necessario ricorrere talora a note disciplinari, strumento non consono alla mia natura, ma qui inevitabile. D altra parte i tentativi continui di lezione dialogata hanno avuto esito positivo molto raramente. Salvo qualche alunno preparato e interessato, in questa classe la partecipazione è una voce pressoché assente. Per quanto concerne le abilità del saper scrivere, pur con certi miglioramenti, il 16

17 livello medio rimane modesto, talvolta ancora difficoltoso, per pochezza lessicale, incertezze morfologico- sintattiche, a volte ortografiche e, in certi casi, per problemi di limitate capacità di approfondimento e rielaborazione personale dei contenuti. I ragazzi sono stati abituati comunque a cimentarsi in tutte le tipologie che l Esame di Stato richiede. 17

18 PROGRAMMA D ITALIANO Testo in adozione: A.Roncoroni, M.M.Cappellini, A.Dendi, E.Sada, O.Tribulato Il rosso e il blu volumi 3a 3b I U.D TEMATICHE GIACOMO LEOPARDI Giacomo Leopardi e la filosofia del dolore. Il pessimismo storico, la poetica e i primi Canti. Il pessimismo cosmico e il silenzio poetico nelle Operette morali. Il ritorno alla poesia: i grandi idilli e gli ultimi Canti. OPERE Dai Canti : L infinito La sera del dì di festa Dalle Operette Morali : Dialogo della Natura e di un Islandese. Dai Canti : A Silvia, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, Canto notturno di un pastore errante del- L Asia, A se stesso, La ginestra (vv.1-157). II U.D. LA NARRATIVA DEL SECONDO OTTOCENTO TEMATICHE E AUTORI Le poetiche tardo-romantiche: la Scapigliatura. L età del Positivismo: caratteri generali Il Positivismo:evoluzionismo e sociologia. Le poetiche del Naturalismo e Verismo Giovanni Verga: l approdo al Verismo Il ciclo dei vinti. I romanzi veristi del Verga.. E. Praga: da Penombra : Preludio OPERE G. Verga: La Prefazione a L amante di Gramigna : Da Vita dei campi : Rosso Malpelo, La lupa. Da Novelle rusticane : La roba. I Malavoglia : lettura integrale. Da Mastro don Gesualdo : La morte di Mastro don Gesualdo. 18

19 III UD. LA LIRICA DEL SECONDO OTTOCENTO TEMATICHE La lirica fra eredità romantiche e contestazioni. La Boheme.. OPERE C. Baudelaire: da I fiori del male : Corrispondenze, L albatro, Spleen. Da Lo spleen di Parigi : Perdita d aureola A. Rimbaud: Vocali. A. Verlaine: Arte poetica. IV U.D: IL GENERE: LA LIRICA TRA OTTOCENTO E NOVECENTO TEMATICHE E AUTORI Il Decadentismo Il Simbolismo. Giovanni Pascoli: vita, idee, poetica. Gabriele D Annunzio:vita, concezioni, poetica. Il Crepuscolarismo Guido Gozzano e l uso dell ironia. Il Futurismo. Il Futurismo in arti figurative. Tra Crepuscolarismo e Futurismo. I lirici nuovi: Giuseppe Ungaretti. Pensiero e poetica. La scoperta della parola e la poesia pura. Il recupero della tradizione. Eugenio Montale. Pensiero e poetica. Il male di vivere Il correlativo oggettivo. La negatività dialettica e la parola scabra La poesia di Umberto Saba OPERE G. Pascoli: da Myricae : Arano, Lavandare, Novembre, L assiuolo, X Agosto, Temporale, Il lampo. Dai Primi poemetti : Italy (parte) Da Canti di Castelvecchio : Il gelsomino notturno, Nebbia, La mia sera. Dai Nuovi poemetti : La vertigine. Da: Il fanciullino : Il poeta è poeta Da Poema paradisiaco : Consolazione. Da Alcyone : La sera fiesolana, Meriggio, La pioggia nel pineto. Il piacere : lettura integrale G. Gozzano. Da Colloqui : La signorina Felicita ovvero la felicità F.T. Marinetti: Manifesto del futurismo A. Palazzeschi: E lasciatemi divertire! G. Ungaretti: da L allegria : In memoria, Il porto sepolto, Veglia, Soldati, San Martino del Carso, I fiumi, Commiato, Fratelli, Sono una creatura Mattina. Da Sentimento del tempo : La madre. Da Il dolore : Non gridate più E. Montale: da Ossi di seppia : I limoni, Meriggiare pallido e assorto ; Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere ho incontrato, Da Le occasioni : La casa dei doganieri. Da La bufera ed altro : La bufera U. Saba: dal Canzoniere : Trieste, La capra, Città vecchia, Amai. 19

20 V U.D. LA NARRATIVA DEL PRIMO NOVECENTO TEMATICHE E AUTORI Italo Svevo: pensiero e tematiche. La figura dell inetto. Un nuovo modello di romanzo Luigi Pirandello: pensiero e tematiche. L umorismo nella narrativa, il grottesco nel teatro. Il teatro nel teatro. VI U.D. TEMATICHE E AUTORI Il Neorealismo: tematiche e linguaggio Il dibattito culturale. Un opera letteraria per testimoniare: P. Levi. OPERE I. Svevo:da Senilità : cap.i Emilio e Angiolina. I. Svevo.da La coscienza di Zeno : Lo schiaffo del padre, La salute di Augusta, L esplosione cosmica. Da L umorismo : L arte umoristica. Pirandello: da Novelle per un anno : Il treno ha fischiato. La signora Frola e il signor Ponza, suo genero. Ciaula scopre la luna Il fu Mattia Pascal : lettura integrale. Da Uno, nessuno e centomila : Un paradossale lieto fine. Da: Sei personaggi in cerca d autore : L ingresso in scena dei sei personaggi. Da Enrico IV : Enrico IV per sempre. IL NEOREALISMO. OPERE P. Levi: da Se questo è un uomo : L arrivo nel lager. VII U.D. LA DIVINA COMMEDIA DANTE ALIGHIERI PARADISO Lettura dei seguenti canti: I (vv.1-36); III; VI; XI; XVII; XXXIII. Prove scritte su tutte le tipologie testuali previste per l Esame di stato: A; B; C; D. 20

21 STORIA P r o f f. s s a E N R I C A G A V I A N I R E L A Z I O N E F I N A L E E P R O G R A M M A 21

22 OBIETTIVO GENERALE PIANO DI LAVORO Acquisizione del senso storico e critico OBIETTIVI SPECIFICI 1) Classificare, organizzare e valutare i dati storici 2) Individuare le principali categorie storiche: tempo, spazio, mutamento, trasformazioni 3) Individuare le connessioni logiche e le linee di sviluppo 4) Cogliere la connessione della storia con altre discipline 5) Cogliere la problematicità e complessità del dato storico METODOLOGIA Lezioni frontali ed aperte, uso, per certi argomenti, del documento. VERIFICHE Interrogazioni, eventuali questionari e test. VALUTAZIONE 1) Acquisizione delle conoscenze 2) Organizzazione delle stesse 3) Capacità di orientamento nei vari contesti storici 4) Capacità di sintesi 5) Capacità di rielaborazione, di confronto, di giudizio 6) Competenza espositiva.. STRUMENTI Libro di testo, pagine critiche da altri testi, documentari. 22

23 PROFILO DELLA CLASSE ITSE Rino Molari - Santarcangelo di Romagna (RN) La classe, fatta eccezione per alcuni studenti, ha seguito con interesse accettabile la materia, una parte degli alunni si è dedicata allo studio con un certo impegno, sebbene con diversi livelli di capacità di elaborazione personale, analisi, sintesi, collegamenti e puntualità sul piano delle conoscenze. Agli argomenti di particolare rilievo è stata riservata una trattazione più attenta, ma altri approfondimenti, che sarebbero stati opportuni, non si sono potuti effettuare per l oggettiva sproporzione fra programma e tempo a disposizione. Gli alunni hanno conseguito un profitto mediamente sufficiente,sebbene alcuni presentino tuttora conoscenze lacunose ed incerte. Si distingue il gruppetto degli studenti più zelanti, il cui profitto è discreto, talvolta buono. 23

24 PROGRAMMA DI STORIA ITSE Rino Molari - Santarcangelo di Romagna (RN) Testo in adozione: A. Brancati, Trebi Pagliarani: Dialogo con la storia e l attualità, ed. La Nuova Italia, vol.3. L età contemporanea. L età del colonialismo e dell imperialismo -Economia, società, cultura -L Europa e il mondo alla vigilia della guerra L età giolittiana -La politica sociale del governo -Le scelte di politica interna ed estera La prima guerra mondiale -L ingresso dell Italia nel conflitto -Gli anni del conflitto -La rivoluzione russa -Gli anni difficili del dopoguerra La crisi dello stato liberale in Italia -Il fascismo da movimento a regime -La situazione internazionale: l epoca del nuovo imperialismo -L URSS nell era dello stalinismo L Europa fra le due guerre -La guerra civile spagnola - La conquista italiana dell Etiopia -La Germania nazista e la sua espansione La seconda guerra mondiale -La prima fase delle ostilità -L intervento degli Stati Uniti -Gli sbarchi degli Alleati per la liberazione -Caduta del fascismo, le due Italie, La Resistenza. -Conclusioni del conflitto L Europa divisa in due blocchi -L Europa nel secondo dopoguerra -La guerra fredda -I sistemi di alleanza e gli organismi internazionali -Oriente e Medio Oriente dopo la fine della guerra -Lo stato d Israele e le crisi arabo-israeliane -Decolonizzazione dell India -La Repubblica popolare cinese -La guerra di Corea 24

25 Gli anni sessanta: disgelo e decolonizzazione -La situazione europea nell epoca del disgelo -L Europa nell era di Krusciov -Nasser e la crisi di Suez - La rivolta d Ungheria -L era di Kennedy e Giovanni XXIII -La rivoluzione cubana e la tensione fra i due blocchi. La crisi del bipolarismo tra gli anni sessanta e settanta -Cina, Vietnam, Cecoslovacchia -Vietnam e Cambogia -La rivoluzione culturale di Mao -La contestazione del 68 L Italia dalla ricostruzione agli anni del terrorismo -Trasformazioni politiche nell Italia del dopoguerra -I primi passi della repubblica -Il miracolo economico in Italia -I governi di centro-sinistra -Gli anni della contestazione -Gli anni del Terrorismo (cenni) 25

26 LINGUA E CIVILTA INGLESE P r o f f. s s a F R A N C A L A Z Z A R I N I R E L A Z I O N E F I N A L E E P R O G R A M M A 26

27 RELAZIONE FINALE La classe, eterogenea per attitudini, senso di responsabilità e coinvolgimento nel dialogo educativo, ha conseguito, anche in virtù dell impegno e della motivazione espressa nello studio della disciplina, livelli di apprendimento diversificati. La partecipazione alle attività didattico - educative di alcuni alunni è risultata talvolta discontinua e non sempre caratterizzata da rigore e profondità nell impegno. Ciò non ha consentito loro di pervenire ad una solida ed organica preparazione e di superare tutte le incertezze relative alle abilità di produzione scritta e orale. Un secondo gruppo di alunni ha dato via via prova di un impegno maggiormente responsabile, che ha permesso di migliorare anche in maniera significativa i livelli di partenza e di conseguire risultati che si collocano fra il più che sufficiente e il discreto. Infine ci sono alunni che hanno mostrato un impegno assiduo, un coinvolgimento attivo nel dialogo educativo e motivazione allo studio della lingua straniera, pervenendo in tal modo ad una buona preparazione. Un alunna ha conseguito con profitto la certificazione FCE (B2). Due alunne della classe, Nicoletti Giusy e Vinciguerra Giorgia, hanno inoltre partecipato ad uno scambio linguistico e culturale con la High School di Livingston, New Jersey, USA, realizzato durante il corrente anno scolastico. Esso ha indubbiamente contribuito a rafforzare le competenze interculturali e linguistiche, attraverso la sperimentazione della convivenza, in ambito scolastico e familiare, con giovani di provenienza culturale e sociale diversa. Nel mese di ottobre gli alunni, ospitati dalle famiglie degli studenti partner, hanno frequentato la scuola americana e vissuto all interno del contesto sociale, culturale ed economico straniero; dal 13 al 24 febbraio le alunne italiane hanno accolto la delegazione americana e 27

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing

MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE QUINTE. INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: TEDESCO 2^ lingua CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI: Relazioni Internazionali per il Marketing - Amministrazione Finanza e marketing Nodi concettuali

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa Disciplina: I.R.C. Classe: IV B I A.S. 2014/15 Docente: Diana Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Classe positiva, gli alunni partecipano vivacemente alle lezioni dimostrando spiccato senso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Le linee programmatiche del Dipartimento, sulla base della tassonomia specificata nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Straniere (1996)

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: TECNICO TURISTICO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ T MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S DOCENTE: PROF.SSA CARLA COCCO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO. Promuovere la pace per evitare la guerra ISTITUTO COMPRENSIVO DI CENTALLO - VILLAFALLETTO CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO PERCORSO VERTICALE Promuovere la pace per evitare la guerra SCUOLA DELL INFANZIA Terzo anno Competenza e abilità al termine

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE PER L INSEGNAMENTO DELLA LINGUA E CIVILTA INGLESE - I BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 L insegnamento di lingue straniere nel biennio si propone di promuovere lo sviluppo graduale

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi:

LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO. Obiettivi formativi: LINGUA INGLESE - L3 PRIMO BIENNIO Obiettivi formativi: Acquisire maggiore consapevolezza sia della cultura straniera che della propria esempio di una cultura diversa dalla propria Acquisire ed usare autonomamente

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale del progetto: Laboratorio di scrittura 1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto intendeva fornire competenze lessicali, grammaticali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ B MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO ORE

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE

CURRICOLO DISCIPLINARE DI INGLESE A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-14 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

RACCORDO TRA LE COMPETENZE

RACCORDO TRA LE COMPETENZE L2 RACCORDO TRA LE COMPETENZE (AREA SOCIO AFFETTIVA E COGNITIVA) L2 COLLEGAMENTO TRA LE COMPETENZE DELLA SCUOLA PRIMARIA E DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Il Quadro Comune di riferimento Europeo distingue

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti La valutazione degli apprendimenti La valutazione strumento di conoscenza dell alunno per l alunno Valutazione degli apprendimenti e della qualità del sistema educativo di istruzione e di formazione VALUTAZIONE

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGETTO L. INGLESE (Lab. alunni) Move on Trinity 2 RELAZIONE FINALE

PROGETTO L. INGLESE (Lab. alunni) Move on Trinity 2 RELAZIONE FINALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.MARCONI Via Gen.A.Di Giorgio, 4-90143 Palermo Tel e Fax: 091.6255080 e-mail : paic89300r@istruzione.it sito web: www.scuolamediamarconipa.gov.it COD.MEC.: paic89300r PROGETTO

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO:

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA PRIMARIA Classi: terze, quarte e quinte. PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: PREMESSA Le insegnanti delle classi terze, quarte e quinte propongono il seguente progetto di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO E TEATRALITA' CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2015/16

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO E TEATRALITA' CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2015/16 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Istituto Onnicomprensivo annesso al Convitto Nazionale C. Colombo 16124 Genova Via Dino Bellucci, 4 - tel. 010.2512421 fax 010.2512408 Sede Via Dino Bellucci,

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2013/2014. Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2013/2014. Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA Anno scolastico 2013/2014 Classe Quinta B Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico Prof. Michele Rossitti SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli. Scuola Secondaria di 1 grado. Curricolo annuale A. S. 2013-2014

Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli. Scuola Secondaria di 1 grado. Curricolo annuale A. S. 2013-2014 Istituto Scolastico Comprensivo di Petritoli Scuola Secondaria di 1 grado Curricolo annuale A. S. 2013-2014 Discipline: lingua francese, lingua tedesca FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA LINGUA STRANIERA

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE

MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE MATERIA ITALIANO PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: Claudia Palone CLASSE: 1A SETTORE: socio-sanitario INDIRIZZO: odontotecnico FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE classe prima LE ESSENZIALI DI INGLESE comprendere e decodificare semplici testi e/o messaggi orali e scritti comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti di vita quotidiana (famiglia, acquisti,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA a.s. 2010-2011 Docenti : Margherita Lucchi, Luciana Beretti, Cristina Lanzini, Maria Giuliana

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli