GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME Sede di COMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME Sede di COMO"

Transcript

1 FACOLTÀ DI ECONOMIA Anno Accademico 2007 / 2008 GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME Sede di COMO Indice * Materiale non disponibile Alfabetizzazione Informatica 2 Diritto delle Imprese e delle Società 2 Diritto Pubblico Generale 4 Diritto Pubblico per l Impresa 5 Economia Aziendale 6 Economia e Gestione delle Imprese 9 Idoneità Informatica * 10 Istituzioni di Diritto Privato 11 Lingua Inglese prima parte (livello B2) 12 Lingua Inglese seconda parte (livello B2) 14 Macroeconomia * 16 Matematica 16 Matematica per l Economia e la Finanza 17 Ragioneria Base 19 Statistica Inferenziale 20 Storia Economica 21 1

2 Alfabetizzazione Informatica 2 CFU DOCENTE: Dott. Ruggero Lanotte Il corso di Alfabetizzazione Informatica ha lo scopo di uniformare le conoscenze informatiche degli studenti iscritti al corso di laurea triennale in Economia e Amministrazione delle Imprese. PROGRAMMA DEL CORSO Il Programma del corso è il seguente: Introduzione all architettura degli elaboratori: cos è un calcolatore, unità di controllo, memorie, dispositivi. Introduzione ai Sistemi Operativi: cos è un sistema operativo, il file system, gestione dei file e delle cartelle, il desktop. Elaboratori di testi: videoscrittura, formattazione dei documenti, inserzione di tabelle e di immagini. Reti: concetti iniziali, navigazione in rete, ricerca in rete. Posta elettronica: concetti iniziali, indirizzi di posta elettronica, provider, messaggi, gestione messaggi. Foglio elettronico: struttura di un foglio di calcolo, tipologia delle celle, riferimenti, formule, grafici. Strumenti di presentazione: cos è una diapositiva, gestione e formattazione delle diapositive, inserzione immagini, presentazione. Il corso è svolto in 16 ore (8 ore di lezioni frontali e 8 ore di esercitazioni svolte in laboratorio). L'esame consisterà in una prova al computer sugli argomenti trattati. BIBLIOGRAFIA appunti forniti a lezione dal docente o, in alternativa, un qualsiasi testo di preparazione alla patente europea del computer (ECDL). RICEVIMENTO su appuntamento RECAPITI Telefono: Diritto delle Imprese e delle Società 10 CFU DOCENTE: Dott.ssa. Ilaria Capelli PRESENTAZIONE DEL CORSO Lo scopo del corso consiste nell acquisizione degli elementi fondamentali del diritto dell impresa e delle società. Nella prima parte del corso saranno analizzate le norme principali in materia di impresa individuale, società di persone e società di capitali. Nella seconda parte del corso oggetto di analisi saranno i profili relativi all organizzazione, ai processi decisionali e al finanziamento della s.p.a. e della s.r.l. 2

3 L ultima parte del corso sarà dedicata ai gruppi di società e alle operazioni straordinarie. PROGRAMMA DEL CORSO: I Principi generali Nozione ed evoluzione storica del diritto commerciale. II - L impresa e gli imprenditori L imprenditore: nozione (art cod. civ.), imprenditore e lavoratore autonomo, il piccolo imprenditore (2083 cod. civ.), l imprenditore agricolo (art cod. civ.), l imprenditore artigiano, l imprenditore commerciale, lo statuto dell imprenditore commerciale e gli ausiliari dell imprenditore (artt cod. civ.), il registro delle imprese, l impresa familiare (art. 230 bis cod. civ.), l azienda e la sua circolazione (artt cod. civ.). III - Le società di persone La nozione di società (art cod. civ.), società e comunione (art cod. civ.), i tipi di società (art cod. civ.), soggettività e personalità giuridica, la società semplice (artt cod. civ.): disposizioni generali, i rapporti fra i soci, i rapporti con i terzi e la responsabilità per le obbligazioni sociali, lo scioglimento del rapporto sociale limitatamente ad un socio e lo scioglimento della società; la società in nome collettivo (artt cod. civ.): nozione e norme applicabili, la responsabilità dei soci; la società in accomandita semplice (artt cod. civ.): nozione e norme applicabili; IV La società per azioni Le società di capitali dopo la riforma (d.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6), le caratteristiche principali della riforma e le più rilevanti differenze rispetto alla normativa previgente; nozioni essenziali in materia di società per azioni: la costituzione (artt cod. civ.), i patti parasociali (art bis e 2341 ter cod. civ.), i conferimenti (artt cod. civ.), le azioni e le obbligazioni, gli strumenti finanziari; organizzazione e processi decisionali (l assemblea, i sistemi di amministrazione e controllo, i bilanci e le modificazioni dell atto costitutivo). V - La società a responsabilità limitata Nozione e costituzione; quote di partecipazione e titoli di debito; organizzazione e processi decisionali (le decisioni dei soci, l amministrazione, conflitto di interessi e responsabilità degli amministratori, il controllo legale dei conti, il bilancio); le modificazioni dell atto costitutivo. VI Altri tipi di società di capitali La società in accomandita per azioni; la società europea (SE). VII I gruppi di società Le disposizioni generali sui gruppi di società. VIII Le operazioni straordinarie La trasformazione; la fusione; la scissione. IX Scioglimento e liquidazione delle società di capitali. NOTA Durante le lezioni, che saranno svolte anche grazie all ausilio della piattaforma di e-learning dell Ateneo, in modalità full, potranno essere utilizzati materiali integrativi, che saranno resi disponibili ai frequentanti. Saranno approfonditi taluni temi particolari, anche mediante materiale didattico ulteriore rispetto ai libri di testo, con lo scopo di arricchire le conoscenze di base e di far acquisire un metodo di studio che consenta un approccio critico e non puramente mnemonico alla materia. Si invitano gli studenti a frequentare le lezioni muniti di un edizione aggiornata del codice civile. A tale proposito, si consiglia il Codice Civile e leggi collegate curato da De Nova, Zanichelli, ed Potrà essere concordato un programma particolare, con approfondimenti su taluni argomenti, dedicato esclusivamente ai frequentanti (effettivi). Gli studenti, inoltre, potranno svolgere esercitazioni facoltative utilizzando la piattaforma di e-learning dell Ateneo, alla quale tutte le persone interessate sono invitate ad iscriversi già da ora. La valutazione di tali esercitazioni andrà a confluire nella valutazione complessiva dell esame, a condizione che la prova d esame ufficiale di per sé raggiunga la sufficienza. MODALITÀ DI PREPARAZIONE DELL ESAME E TESTO CONSIGLIATO. 3

4 I manuali consigliati sono: per la parte relativa all impresa e all azienda: Campobasso, Diritto commerciale, 1. Diritto dell impresa, UTET, ultima edizione; per la parte relativa alle società: Associazione Disiano Preite, Il diritto delle società, a cura di G. Olivieri, G. Presti, F. Vella, Bologna, Il Mulino, Per preparare l esame devo essere studiati entrambi i manuali. Non esistono dispense del corso. Qualunque dispensa od altro materiale didattico sia proposto da terzi, non proviene dall Università. MODALITA D ESAME: L esame consiste in una prova scritta. INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO La docente riceve di regola, salva diversa comunicazione, immediatamente dopo la lezione. RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA, NUMERO DI TELEFONO E EVENTUALI ALTRI RECAPITI: pagina web: Si consiglia di consultare la pagina di e-learning dedicata al corso. Diritto Pubblico Generale 10 CFU DOCENTE: Dott. Paolo Zuddas COLLABORATORI: Prof. Giorgio Grasso PRESENTAZIONE DEL CORSO L obiettivo del Corso è di offrire agli studenti, nella prima parte del ciclo di lezioni, una trattazione di base sul diritto costituzionale italiano, con specifico riguardo all organizzazione dei pubblici poteri e alla tutela costituzionale dei diritti. La seconda parte del Corso sarà invece dedicata ad approfondire alcune specifiche tematiche legate alla disciplina pubblicistica dell impresa, con particolare riferimento ai diritti economici costituzionalmente sanciti, alla regolazione dell attività imprenditoriale a livello regionale e locale, e al diritto amministrativo per l impresa. Il docente si avvarrà della collaborazione del tutor dell area giuridica, dott. Filippo Vergani ( PROGRAMMA DEL CORSO Il programma del Corso segue l impostazione dei manuali consigliati, ad eccezione della parte relativa al diritto amministrativo, che si baserà su apposite dispense che saranno rese disponibili agli studenti. Nella prima parte del Corso si esamineranno tra l altro i seguenti argomenti: il potere politico e lo Stato; la nascita dello Stato; la sovranità; gli elementi costitutivi dello Stato; le forme di Stato e la loro evoluzione storica; dallo Stato liberale allo Stato di democrazia sociale; la rappresentanza politica; il principio della separazione dei poteri; le regole di maggioranza; le forme di governo; il governo costituzionale puro; il governo parlamentare; il governo presidenziale; il governo semipresidenziale; il governo direttoriale; i sistemi elettorali; l organizzazione costituzionale italiana; il Governo; il Parlamento; il Presidente della Repubblica; le fonti del diritto; fonti di produzione e di cognizione; fonti atto e fonti fatto; i criteri che risolvono le antinomie tra le fonti; la riserva di legge e il principio di legalità; esame delle fonti del diritto; la Costituzione; Costituzione e potere costituente; Costituzioni rigide e flessibili; le fonti dell ordinamento italiano; Costituzione e leggi costituzionali e di revisione cost.; la legge formale del parlamento; leggi rinforzate e fonti atipiche; legge delega e decreto legislativo; decreto legge; fonti secondarie; il referendum 4

5 abrogativo come fonte del diritto; le fonti comunitarie (cenni); le fonti delle autonomie (cenni); la sistematica dei diritti di libertà nella Costituzione italiana; esame delle singole libertà; la tutela giurisdizionale e il ruolo del potere giudiziario; la Corte costituzionale e il sistema di giustizia costituzionale italiano. Nella seconda parte del Corso si esamineranno tra l altro i seguenti argomenti: l iniziativa economica; la disciplina delle proprietà; il lavoro e i diritti dei lavoratori; le origini dell ordinamento regionale italiano; i rapporti tra regionalismo e federalismo; l organizzazione della Regione; la potestà statutaria; la forma di governo regionale; le funzioni regionali (le funzioni legislative e regolamentari; le funzioni amministrative; l autonomia finanziaria); i rapporti Stato Regioni (in particolare il potere sostitutivo statale e i meccanismi di collaborazione); il diritto regionale e la Corte costituzionale; la disciplina regionale e locale dell impresa; i principi generali dell ordinamento amministrativo; l amministrazione come organizzazione; atti e provvedimenti amministrativi; il procedimento amministrativo; la giustizia amministrativa; gli adempimenti amministrativi gravanti sulle imprese; lo sportello unico. E richiesta inoltre la conoscenza della Costituzione italiana nel testo vigente (v. ad esempio il testo curato da M. Siclari, La Costituzione della Repubblica italiana nel testo vigente, Roma, Aracne Editrice, ultima edizione; è possibile inoltre scaricare il testo vigente dal sito web della Camera dei deputati MATERIALE DIDATTICO. TESTI CONSIGLIATI - R. Bin, G. Pitruzzella, Diritto pubblico, Giappichelli, Torino, ultima edizione (saranno indicate all inizio del Corso le parti del manuale da omettere, dandone comunicazione all interno della pagina web del docente; il sito internet del testo consigliato (www.diritto-manuali.com) contiene inoltre una numerosa documentazione normativa e test di autovalutazione, utili per la preparazione dell esame) - S. Bartole, R. Bin, G. Falcon, R. Tosi, Diritto regionale, Bologna, Il Mulino, ultima edizione - G. Rolla, La tutela costituzionale dei diritti, Milano, Giuffrè, ultima edizione (pp ) Per la parte di diritto amministrativo verrà distribuito del materiale in aula e reso disponibile sulla pagina web del docente. MODALITA D ESAME: L esame, nell appello di fine Corso, consiste in una prova scritta obbligatoria, eventualmente seguita da una prova orale, secondo le indicazioni che saranno fornite al momento dell inizio del Corso. Negli appelli successivi, l esame consiste in una prova orale. INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO Il Dott. Paolo Zuddas riceve di regola, salvo diversa comunicazione, a conclusione dell orario di lezione. RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA, NUMERO DI TELEFONO E EVENTUALI ALTRI RECAPITI: telefono: pagina web: Diritto Pubblico per l Impresa 5 CFU DOCENTE: Dott. Paolo Zuddas COLLABORATORI: Prof. Giorgio Grasso PRESENTAZIONE DEL CORSO L obiettivo del Corso è di offrire agli studenti un quadro generale delle norme pubblicistiche che disciplinano l impresa, con particolare riferimento ai diritti economici costituzionalmente sanciti, alla regolazione dell attività imprenditoriale a livello regionale e locale, e al diritto amministrativo per l impresa. Il docente si avvarrà della collaborazione del tutor dell area giuridica, dott. Filippo Vergani ( PROGRAMMA DEL CORSO 5

6 La Parte del Corso dedicata alla tutela costituzionale dei diritti economici riguarderà in particolare: l iniziativa economica; la disciplina delle proprietà; il lavoro e i diritti dei lavoratori. La Parte del Corso dedicata al diritto regionale per l impresa riguarderà in particolare: le origini dell ordinamento regionale italiano; i rapporti tra regionalismo e federalismo; l organizzazione della Regione; la potestà statutaria; la forma di governo regionale; le funzioni regionali (le funzioni legislative e regolamentari; le funzioni amministrative; l autonomia finanziaria); i rapporti Stato Regioni (in particolare il potere sostitutivo statale e i meccanismi di collaborazione); il diritto regionale e la Corte costituzionale; la disciplina regionale e locale dell impresa. La Parte del Corso dedicata al diritto amministrativo per l impresa riguarderà in particolare: i principi generali dell ordinamento amministrativo; l amministrazione come organizzazione; atti e provvedimenti amministrativi; il procedimento amministrativo; la giustizia amministrativa; gli adempimenti amministrativi gravanti sulle imprese; lo sportello unico. MATERIALE DIDATTICO. TESTI CONSIGLIATI: - S. Bartole, R. Bin, G. Falcon, R. Tosi, Diritto regionale, Bologna, Il Mulino, ultima edizione - G. Rolla, La tutela costituzionale dei diritti, Milano, Giuffrè, 2005 (pp ) Per la parte di diritto amministrativo verrà distribuito del materiale in aula e reso disponibile sulla pagina web del docente. MODALITA D ESAME: L esame, nell appello di fine Corso, consiste in una prova scritta obbligatoria, eventualmente seguita da una prova orale, secondo le indicazioni che saranno fornite al momento dell inizio del Corso. Negli appelli successivi, l esame consiste in una prova orale. INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO Il dott. Paolo Zuddas riceve di regola, salvo diversa comunicazione, a conclusione dell orario di lezione. RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA, NUMERO DI TELEFONO E EVENTUALI ALTRI RECAPITI: telefono: pagina web: Economia Aziendale CALENDARIO E PROGRAMMA DEL CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE COMO Università degli Studi dell Insubria Prof. Gianluca Colombo I ciclo N Data Ore TEMA MATERIALE Presentazione del corso. L'attività economica 1.1, 1.2, 1.3 Le persone e l Economia aziendale Gli istituti, le aziende, la specializzazione economica Cap Gli assetti istituzionali 4.1, 4.2, Segue 4.4, 17.3, 17.1*, 17.2* Discussione del caso Costa Caso Costa 6

7 Le combinazioni economiche di istituto 3.1, 3.2, 3.3, Segue 3.5, Le economie di scala e di saturazione della capacità 11.1, 11.2, 11.3 produttiva Discussione del caso Scaltrini Caso Scaltrini Le economie di apprendimento, le strategie di replicazione 11.4, e le scelte di struttura dei costi 12.1, 12.2 Le scelte di estensione: concetti generali, le scelte di diversificazione e le economie di raggio di azione Le scelte di internalizzazione ed esternalizzazione e le economie di transazione 12.3, 16.3, 16.1*, 16.2*, 16.4* Le scelte di formazione e sviluppo del patrimonio Cap Il principio di economicità Cap Ripasso Prova intermedia Nella colonna "Materiale", in corrispondenza di ciascuna sessione sono riportate le parti del programma da preparare per l esame: 1) i numeri dei paragrafi del testo AIROLDI-BRUNETTI-CODA, Economia Aziendale. Seconda Edizione, Il Mulino, 2005; 2) i titoli dei casi disponibili online. Con asterisco (*) sono contrassegnate le parti non trattate direttamente in aula ma che sono comunque da studiare approfonditamente. Le sessioni online si riferiscono a casi aziendali, relazioni o parti di teoria corrispondenti a materiali messi sul sito e/o a capitoli dei libri di testo. 7

8 II ciclo N. Data Ore TEMA MATERIALE Il bilancio di esercizio come modello per la 6.1, 6.2, 6.3, 6.4 valutazione dell economicità: il reddito di esercizio e il capitale di funzionamento Il processo di redazione del bilancio di 6.5, 6.6 e esercizio: dagli accadimenti al bilancio Esercitazione: la costruzione del bilancio di Caso Dolceforno (A) esercizio dell impresa Dolceforno ( parte A) Esercitazione: la costruzione del bilancio di esercizio dell impresa Dolceforno ( parte B) L analisi degli equilibri delle aziende di produzione: la riclassificazione del reddito di esercizio Caso Dolceforno (B) Segue L analisi degli equilibri delle aziende di produzione: la riclassificazione del capitale di funzionamento I quozienti di bilancio per le analisi di redditività, solidità e liquidità Gli equilibri e la leva finanziaria La struttura dell azienda e l ambiente economico Il sistema competitivo Il sistema di prodotto e la formula competitiva , 9.2, , 10.2, 10.3, 10.4,.5, 10.6* e caso Pirola Caso Pirola Le scelte di organizzazione 15.1, 15.2, 15.3, Caso Tecnoarredo Caso Tecnoarredo Le scelte di organizzazione (segue) 15.5, 15.6, 15.7, Ripasso Prova intermedia Nella colonna "Materiale", in corrispondenza di ciascuna sessione sono riportate le parti del p-rogramma da preparare per l esame: 3) i numeri dei paragrafi del testo AIROLDI-BRUNETTI-CODA, Economia Aziendale. Seconda Edizione, Il Mulino, 2005; 4) i titoli dei casi disponibili online. Con asterisco (*) sono contrassegnate le parti non trattate direttamente in aula ma che sono comunque da studiare approfonditamente. Le sessioni online si riferiscono a casi aziendali, relazioni o parti di teoria corrispondenti a materiali messi sul sito e/o a capitoli dei libri di testo. Valutazione: 30% lavori on line ; 70% esame (35% prima prova + 35% seconda prova) 8

9 Economia e Gestione delle Imprese 10 CFU DOCENTE: Prof. Alberto Onetti PRESENTAZIONE DEL CORSO: Il Corso si propone di introdurre i fondamenti della strategia di impresa e ad illustrare il processo che porta alla sua elaborazione, sia nelle componenti di analisi (ambientale, settoriale ed aziendale) che di implementazione (individuazione della strategia d impresa). Il Corso si propone inoltre di approfondire le modalità di individuazione e valutazione delle modalità di sviluppo strategico disponibili a livello corporate, anche in considerazione delle più recenti tendenze in atto nel mondo delle imprese. In particolare attenzione verrà dedicata al tema della definizione degli obiettivi di impresa. Il Corso sarà integrato con seminari di presentazione di casi aziendali. PROGRAMMA DEL CORSO A) INTRODUZIONE AL CONCETTO DI STRATEGIA - Perché parlare di strategia? - Introduzione al concetto di strategia - Le fasi del processo di elaborazione strategica - I punti qualificanti: razionalità, coerenza e orientamento a medio-lungo termine B) L ANALISI DELL AMBIENTE DI RIFERIMENTO - L analisi ambientale - La definizione del campo di attività: settore, mercato e business - La valutazione del posizionamento competitivo o L analisi orizzontale: struttura del mercato e livello concorrenziale o L analisi verticale: distribuzione del potere contrattuale con fornitori e clienti - Il ponte tra analisi esterna e analisi interna: fattori critici di successo e fattori igienici C) L ANALISI INTERNA: RISORSE E COMPETENZE PER IL VANTAGGIO COMPETITIVO - Perché effettuare l analisi delle risorse e competenze? - Risorse interne e risorse esterne all impresa - L analisi delle risorse e competenze - Risorse e competenze e vantaggio competitivo D) LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI BASE - La necessità di un orientamento strategico di fondo - Le opzioni strategiche di base - La leadership di costo - La differenziazione - La focalizzazione - I limiti della schematizzazione di base e le possibilità di un suo ripensamento E) GLI OBIETTIVI DELL IMPRESA - Quali obiettivi? o economici o intermedi o di breve e di medio-lungo periodo o non economici - Chi fissa gli obiettivi? o Gli stakeholders interni 9

10 o Gli stakeholders economici e finanziari o Gli stakeholders dell ambiente sociale, politico e istituzionale - Stakeholders e obiettivi nei differenti modelli di capitalismo o La public company del modello anglosassone o La condivisione degli obiettivi nel modello renano o L impresa familiare italiana F) LE STRATEGIE A LIVELLO CORPORATE - Condizioni e vettori di sviluppo o Lo sviluppo orizzontale del mercato o Lo sviluppo verticale per integrazione o Lo sviluppo per diversificazione o Lo sviluppo internazionale - Il dibattito sulla diversificazione o Le ragioni della diversificazione o Le modalità della diversificazione (correlata e conglomerale) o Diversificazione e performance economica o Rifocalizzazione o conglomerizzazione? G) IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA: ALCUNI PROBLEMI APERTI - Problemi di conoscenza - Dimensione d impresa ed esplicitazione della strategia - Strategia deliberata ed evoluzione dell impresa - Percezione soggettiva e intuizione: il fattore umano nella strategia PARTE SEMINARIALE - Casi e testimonianze MATERIALE DIDATTICO: TESTI OBBLIGATORI Cotta Ramusino E. - Onetti A. Strategia d impresa, Il Sole 24 Ore Libri, Milano, 2 edizione, 2007, Cap. 1, 2, 3, 4.1, 4.2, 4.3, 5, 6.1, 6.2 e 6.3 MODALITA D ESAME: Studenti frequentanti Per gli studenti frequentanti è prevista una prova (scritta o orale) sui temi trattati durante le lezioni e sui case studies discussi in aula., oltre che sui testi indicati (materiale didattico: testi obbligatori). Studenti non frequentanti Per gli studenti non frequentanti è prevista una prova (scritta o orale) basata su tutte le letture indicate nella bibliografia di riferimento (materiale didattico: testi obbligatori) INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO Il Docente sarà a disposizione degli Studenti al termine delle lezioni e durante i ricevimenti il cui calendario sarà reso disponibile di volta in volta. Idoneità Informatica * 2 CFU DOCENTE: Dott. Ruggero Lanotte 10

11 Istituzioni di Diritto Privato 5 CFU DOCENTE: Prof.ssa Alba F. Fondrieschi COLLABORATORI: Dott.ssa Camilla Ferrari PRESENTAZIONE DEL CORSO Il corso tratta dei principali istituti del diritto privato, con particolare riferimento a quelli più direttamente connessi con le materie oggetto di studio nella Facoltà di Economia, con l obiettivo di dotare gli Studenti delle conoscenze giuridiche essenziali in ambito civilistico. In particolare, il corso si propone di fare acquisire agli Studenti consapevolezza delle questioni giuridiche relative alla disciplina dei contratti e degli altri diritti di natura patrimoniale, fornendo i termini per il loro inquadramento e soluzione. PROGRAMMA D ESAME Il corso presuppone la preventiva conoscenza delle fonti del diritto italiano e comunitario, che gli Studenti possono acquisire attraverso la partecipazione al corso di Istituzioni di diritto pubblico o il sostenimento del relativo esame. Nelle sue linee essenziali, il programma del corso di Istituzioni di diritto privato è il seguente: Nozioni generali di diritto privato: le situazioni giuridiche, l autonomia privata, fatti, atti e negozi giuridici. I soggetti: persone fisiche, persone giuridiche, la capacità, la famiglia e il regime patrimoniale. I diritti reali e il possesso: i beni, proprietà e comproprietà, le azioni petitorie, i diritti reali di godimento su beni altrui, i diritti reali di garanzia, il possesso e le azioni possessorie. Le obbligazioni: le fonti, l adempimento e l inadempimento, la mora, i modi di estinzione, le modificazioni dei soggetti dell obbligazione. Principi in tema di responsabilità contrattuale ed extracontrattuale. Il contratto in generale: la conclusione, i requisiti, i soggetti, gli elementi essenziali ed accidentali, l invalidità, gli effetti, la rescissione e la risoluzione. La disciplina di alcuni contratti tipici: vendita, locazione, mandato. I titoli di credito: caratteri e disciplina generale. La tutela dei diritti: responsabilità patrimoniale, pubblicità, i mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale. MODALITA DIDATTICHE Il corso si articola in lezioni frontali tradizionali con l eventuale ausilio di diapositive (power point) che saranno successivamente inserite nella pagina web della docente. Ai fini della partecipazione al corso e di una migliore comprensione degli argomenti trattati, è indispensabile la consultazione del codice civile, che gli Studenti sono quindi pregati di portare a lezione. Nel corso delle lezioni potranno inoltre essere utilizzati materiali integrativi quali testi di sentenze e modelli di contratto, resi disponibili agli Studenti frequentanti allo scopo di verificare le applicazioni pratiche degli istituti trattati a lezione. Durante la lezione, potranno essere rilevate le presenza in aula. BIBLIOGRAFIA Il testo adottato è P. Trimarchi, Istituzioni di diritto privato, Giuffrè, Milano, XVI edizione relativamente alle pagine ; ; ; ; ; ; ; ; ; ; ; Eventuali variazioni delle pagine oggetto di studio, dovute all uscita di una nuova edizione del testo, saranno segnalate sul sito web della docente. La preparazione dell esame deve essere integrata dalla consultazione di un codice civile aggiornato (edizione suggerita: Codice civile e leggi collegate, a cura di G. De Nova, Zanichelli, Bologna, ultima edizione). 11

12 MODALITA D ESAME L esame consiste in una prova orale volta a verificare la preparazione degli Studenti sugli argomenti oggetto del programma. Saranno ammessi a sostenere l esame soltanto gli studenti regolarmente iscritti. RICEVIMENTO L orario di ricevimento sarà reso noto all inizio dell anno accademico, contestualmente alla pubblicazione dell orario delle lezioni. Variazioni di orario saranno comunque possibili in occasione del passaggio da un ciclo di lezione all altro: si invitano gli Studenti a verificare le eventuali variazioni anche sulla pagina web della docente. RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA E- mail: Non saranno prese in considerazione mail non recanti l identità dei mittenti. INFORMAZIONI UTILI Il corso presuppone la conoscenza dei principi e delle regole fondamentali del diritto costituzionale italiano,e, in particolare, delle fonti del diritto italiano e comunitario; è pertanto opportuno che lo studente abbia già sostenuto l esame di Istituzioni di diritto pubblico o, che, quantomeno, abbia partecipato al relativo corso. Lingua Inglese prima parte (livello B2) 3 CFU DOCENTE: Prof.ssa Eliane NORTEY PRESENTAZIONE DEL CORSO Il corso mira ad ampliare, perfezionare e consolidare le strutture grammaticali, sintattiche e lessicali della lingua funzionali all uso specialistico in ambito professionale. Le attività didattiche saranno mirate a sviluppare una migliore comprensione orale e scritta, promuovere un appropriata e disinvolta espressione comunicativa e stimolare un interattività costante. Particolare attenzione sarà data alla pronuncia e all intonazione. PROGRAMMA DEL CORSO Durante il corso saranno affrontate le seguenti aree tematiche con relativi approfondimenti soprattutto di carattere grammaticale e lessicale: Companies. Companies and careers. Talking about your job. Leadership. Getting things done. Strategy. Short presentations. Pay. Evaluating performance. Development. Development and the environment. Showing cause and effect. Marketing. Brands. Considering alternatives. Saranno esaminati i seguenti articoli tratti dall Economist: A matter of choice When to terrorise talent Nike s Goddess The rewards of failure Gas for Peru vs green imperialism Money can buy you love Saranno infine consolidati i seguenti punti grammaticali: Present simple and Present Continuous 12

13 Articles Future forms Present perfect and past simple Modal verbs of likelihood Comparatives and superlatives MODALITÀ DIDATTICHE Gli studenti saranno coinvolti, individualmente o a piccoli gruppi, in brevi esercitazioni e role-play mirati a perfezionare e verificare il livello di apprendimento e la padronanza del lessico e delle strutture sintattiche, grammaticali, idiomatiche e fraseologiche studiate. Sarà cura degli studenti integrare le attività previste in aula con la lettura di articoli tratti da testate giornalistiche economico-finanziarie internazionali e l ascolto e/o la visione di filmati di attualità economica, politica e finanziaria in lingua inglese disponibili su Internet. I riferimenti precisi saranno pubblicati sulla piattaforma e-learning del sito dell Università. MATERIALE DIDATTICO Testo obbligatorio: T. Trappe, G. Tullis, Intelligent Business Intermediate Coursebook, Longman (Units 1-6) ISBN Testi integrativi: L. Pile, Intelligent Business Intermediate Workbook and CD pack, Longman (Units 1-6) ISBN M. Duckworth, Business Grammar and Practice, Oxford University Press ISBN P. Strutt, Market Leader: Business English with The FT Business Grammar & Usage Book, Longman ISBN Dizionari settoriali: Oxford Dictionary of Business English for Learners of English, Oxford University Press, Dictionary and CD-ROM Pack ISBN Longman Business Dictionary Paper New Edition, Longman ISBN Dictionary of Business, Peter Collin Publishing, ISBN X MODALITÀ D ESAME: L esame sarà suddiviso in due parti: una prova scritta di accertamento delle tre abilità (Reading, Listening e Writing) corredata da esercizi di carattere grammaticale e lessicale e un accertamento orale delle abilità linguistiche acquisite. Per la prova orale gli studenti saranno suddivisi in piccoli gruppi, a un breve colloquio introduttivo individuale, seguirà una discussione su un tema fornito dal docente. Sarà valutata la correttezza grammaticale, la proprietà lessicale, la capacità di interazione e argomentazione e la fluidità verbale. Il superamento della prova scritta è requisito indispensabile per l ammissione alla prova orale. Le due prove dovranno essere sostenute nello stesso appello. Durante le prove d esame NON sarà consentito l uso del dizionario. INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO La prof.ssa Eliane Nortey riceve il giovedì presso l Aula Docenti della Facoltà di Economia in via Cavallotti, 5 dalle ore alle nelle date indicate sulla piattaforma e-learning. RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA, NUMERO DI TELEFONO ED EVENTUALI ALTRI RECAPITI: tel (nei giorni e negli orari di ricevimento degli studenti) 13

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO)

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO) Insegnamento Docente Corso di Laurea CFU 8 Lingua di Insegnamento Italiano Semestre di svolgimento Primo Tipologia Fondamentale SSD SECS-S/06 Codice di Ateneo Anno di Corso Primo Matematica Generale (PROGRAMMA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Lingua Inglese. Codici 20365-20371 e 20421 Percorso B2 business Coordinatore: Prof. Michael THOMPSON

Lingua Inglese. Codici 20365-20371 e 20421 Percorso B2 business Coordinatore: Prof. Michael THOMPSON Programma d aula e d esame Lingua Inglese Codici 20365-20371 e 20421 Percorso B2 business Coordinatore: Prof. Michael THOMPSON Introduzione pag. 2 Programma del corso pag. 2 Testi adottati e consigliati

Dettagli

In questa prima parte vengono velocemente riepilogati tutti gli argomenti di base. Modulo 2. Insiemi complessi, relazioni, funzioni.

In questa prima parte vengono velocemente riepilogati tutti gli argomenti di base. Modulo 2. Insiemi complessi, relazioni, funzioni. Insegnamento Livello e corso di studio Settore scientifico disciplinare (SSD) Analisi I Laurea Triennale in Ingegneria Civile (L-7). MAT/05 - Analisi Anno di corso 1 Numero totale di crediti Propedeuticità

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Primo semestre: martedì 14.15 16.00, giovedì 14.15 16.00 Secondo semestre: martedì 09.00 10.30, giovedì 13.30 16.00

Primo semestre: martedì 14.15 16.00, giovedì 14.15 16.00 Secondo semestre: martedì 09.00 10.30, giovedì 13.30 16.00 A86001 a.a. 2010/11 MATEMATICA per ECONOMIA, FINANZA e MANAGEMENT Classe standard Docenti: Dr. G.P. Crespi, Edificio 1, Piano Terra, 0331-572-418, e-mail: pcrespi@liuc.it Orario di lezione: Dr. G. Bonzini,

Dettagli

Problemi al contorno per equazioni e sistemi di equazioni ellittiche, paraboliche ed iperboliche in domini a frontiera non regolare.

Problemi al contorno per equazioni e sistemi di equazioni ellittiche, paraboliche ed iperboliche in domini a frontiera non regolare. Prof.ssa Diomeda Lorenza Maria Professore Ordinario Dipartimento di Scienze Economiche Area Matematica Facoltà di Economia, Via C.Rosalba 53- Bari Tel. 080-5049169 Fax 080-5049207 E-mail diomeda@matfin.uniba.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

LIVELLO BASE LIVELLO AUTONOMO. Università degli Studi di Bergamo Anno Accademico 2001-2002 Facoltà di Economia LINGUE STRANIERE

LIVELLO BASE LIVELLO AUTONOMO. Università degli Studi di Bergamo Anno Accademico 2001-2002 Facoltà di Economia LINGUE STRANIERE Università degli Studi di Bergamo Anno Accademico 2001-2002 Facoltà di Economia LINGUE STRANIERE La conoscenza di almeno due lingue straniere è da tempo diventata pre-requisito indispensabile per coloro

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA ANNO ACCADEMICO 2013-2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA CFU 5 DURATA DEL CORSO : ORE 35 DOCENTE PROF. DOMENICO DI DONATO

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea

Dettagli

Ricercatore universitario dal 2005 attualmente Professore Aggregato

Ricercatore universitario dal 2005 attualmente Professore Aggregato CURRICULUM VITAE DI ILARIA CAPELLI INFORMAZIONI PERSONALI Qualifica Data di nascita 09/01/1969 Ricercatore universitario confermato Amministrazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Incarico attuale

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO MATERIA: MATEMATICA ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 PROF: MASSIMO BANFI

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

Programmazione Matematica classe V A. Finalità

Programmazione Matematica classe V A. Finalità Finalità Acquisire una formazione culturale equilibrata in ambito scientifico; comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero scientifico, anche in una dimensione storica, e i nessi tra i

Dettagli

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I ISIS Guido Tassinari Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I Prof.ssa Costigliola Analisi della situazione di partenza La classe IV sezione I è costituita da un gruppo di 21 allievi

Dettagli

Piano di Lavoro di MATEMATICA. a cura del dipartimento di Matematica e Fisica QUINTO ANNO

Piano di Lavoro di MATEMATICA. a cura del dipartimento di Matematica e Fisica QUINTO ANNO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 Cod.Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI

MODALITA E DATE DEGLI ESAMI A.A. 2015/16 CORSO DI ANALISI MATEMATICA 1 PER I CORSI DI LAUREA IN MATEMATICA E FISICA I semestre, 12 crediti Teoria: 9 crediti, tenuti da me Esercitazioni: 3 crediti, tenuti dal Dott. Bruno Scardamaglia

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Analisi matematica I (10 CFU, 100 ore) Corso17(gruppoSOV-UCCZ) )

Analisi matematica I (10 CFU, 100 ore) Corso17(gruppoSOV-UCCZ) ) Analisi matematica I (10 CFU, 100 ore) Corso17(gruppoSOV-UCCZ) ) Periodo didattico: 30/09/2013-17/01/2014 (14 settimane) Docente: Sergio Rolando E-mail: sergio.rolando@unito.it Ricevimento:??, aula consulenze,

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

Professioni Economico- Aziendali

Professioni Economico- Aziendali Master per le Professioni Economico- Aziendali Master universitario di primo livello (durata 14 mesi 70 cfu 1.750 ore) 1 ottobre 2015 Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO G. ASPRONI E. FERMI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORI MINERARIO "G. ASPRONI E. FERMI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE a.s. 2015-2016 Docente: Carla Ada Piu Disciplina: Matematica e Complementi di matematica CLASSE

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

ANALISI MATEMATICA 1 Corso di Ingegneria Gestionale A.A. 2010/11 Docente: Alessandro Morando Esercitazioni: Anna Mambretti

ANALISI MATEMATICA 1 Corso di Ingegneria Gestionale A.A. 2010/11 Docente: Alessandro Morando Esercitazioni: Anna Mambretti ANALISI MATEMATICA 1 Corso di Ingegneria Gestionale A.A. 2010/11 Docente: Alessandro Morando Esercitazioni: Anna Mambretti Scopo del corso: fornire alcuni strumenti di base del calcolo differenziale e

Dettagli

Corsi di laurea magistrale in Economia requisiti di ammissione Pagina 1 di 6

Corsi di laurea magistrale in Economia requisiti di ammissione Pagina 1 di 6 Corsi di laurea magistrale in Economia requisiti di ammissione Pagina 1 di 6 Requisiti di ammissione alle Lauree Magistrali a.a. 2012/2013 I requisiti di ammissione alle lauree magistrali (LM) in Economia

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in DIREZIONE AZIENDALE Anno Accademico 2015/16 STATISTICA PER IL BUSINESS o BUSINESS STATISTICS (2015/16, semestre

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia prof.ssa LAURA MARCHETTO Classe 3 sez. H MATEMATICA a.s 2014/15 B Obiettivi generali da raggiungere: Lo studente rispetti

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. FRUZZETTI

Dettagli

Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture. Tassi equivalenti. Rendite temporanee e perpetue. Rimborso di prestiti.

Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture. Tassi equivalenti. Rendite temporanee e perpetue. Rimborso di prestiti. Pagina 1 di 9 DISCIPLINA: MATEMATICA APPLICATA INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CLASSE: 4 SI DOCENTE : ENRICA GUIDETTI Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture 1 Ripasso Retta e coniche;

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

Direzione Centrale Educazione e Istruzione Settore Scuole Paritarie e Case Vacanza Civico Polo Scolastico Alessandro Manzoni PROGRAMMA PREVENTIVO

Direzione Centrale Educazione e Istruzione Settore Scuole Paritarie e Case Vacanza Civico Polo Scolastico Alessandro Manzoni PROGRAMMA PREVENTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/ 2015 Scuola LICEO LINGUISTICO TEATRO ALLA SCALA DOCENTE BASSO RICCI MARIA MATERIA MATEMATICA Classe Quinta. Sezione A. PAGINA: 2 Finalità -Leggere il testo matematico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

GUIDA DELLA FACOLTA DI ECONOMIA ANNO ACCADEMICO 2006/07 PROGRAMMI D ESAME

GUIDA DELLA FACOLTA DI ECONOMIA ANNO ACCADEMICO 2006/07 PROGRAMMI D ESAME GUIDA DELLA FACOLTA DI ECONOMIA ANNO ACCADEMICO 2006/07 PROGRAMMI D ESAME * materiale non disponibile http://www.eco.uninsubria.it/ http://www.eco.uninsubria.it/docenti.htm Indice Alfabetizzazione Informatica

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

1 o SEMESTRE 2 o SEMESTRE 1 ottobre 2012 25 gennaio 2013 25 febbraio 2013 14 giugno 2013

1 o SEMESTRE 2 o SEMESTRE 1 ottobre 2012 25 gennaio 2013 25 febbraio 2013 14 giugno 2013 Università degli Studi dell Insubria Facoltà di Scienze MM.FF.NN. /Como Corso di laurea in Matematica, L-35 Scienze Matematiche Nome Inglese del Corso: Mathematics MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

Dettagli

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Obiettivi del triennio: ; elaborando opportune soluzioni; 3) utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA Corsi di laurea

FACOLTÀ DI ECONOMIA Corsi di laurea UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA FACOLTÀ DI ECONOMIA Corsi di laurea Anno accademico 2012/2013 Corso di Laurea Triennale CLEM ECONOMIA E MANAGEMENT classe L33 Management and Economics Guardiamo insieme

Dettagli

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03...

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03... UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Registro dell insegnamento Anno Accademico 2014/2015 Facoltà Ingegneria....................................... Insegnamento Matematica................................ Settore Mat03............................................

Dettagli

Statistica. A.A. 2014/2015 CREDITI (CFU): 9 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Verona)

Statistica. A.A. 2014/2015 CREDITI (CFU): 9 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Verona) Statistica A.A. 2014/2015 CREDITI (CFU): 9 CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Verona) DOCENTE: Marco Minozzo (marco.minozzo@univr.it) TELEFONO: 045-8028234 ORARIO DI RICEVIMENTO: martedì 12:00 13:00

Dettagli

Matematica per Economia Finanza e Management

Matematica per Economia Finanza e Management School of Economics and Management Matematica per Economia Finanza e Management A.A. 2015/2016 Annuale Prof. Paolo Crespi E-mail Office pcrespi@liuc.it Piano Terra Antistante Torre Phone +39-0331.572418

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Programma di DIRITTO COMMERCIALE (a.a. 2013-2014) (Prof. GIANNELI GIANVITO)

Programma di DIRITTO COMMERCIALE (a.a. 2013-2014) (Prof. GIANNELI GIANVITO) Obiettivi del corso: Programma di DIRITTO COMMERCIALE (a.a. 2013-2014) (Prof. GIANNELI GIANVITO) Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Corso di Laurea Triennale in Economia Aziendale L obiettivo

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Fogli

Dettagli

PROGRAMMA. Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art.

PROGRAMMA. Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art. PROGRAMMA Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art. 1 del bando EVENTUALE TEST PRESELETTIVO su tutte le materie previste per la prova

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua C1 Business

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua C1 Business a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua C1 Business Ordinamento Biennale Corsi di Laurea M, IM, MM, AFC, CLAPI, CLEFIN FINANCE, CLELI, ACME,

Dettagli

Avviso per l accesso ai Corsi di Laurea in Economia e Gestione Aziendale Economia e Finanza Economia e Gestione dei Servizi Turistici

Avviso per l accesso ai Corsi di Laurea in Economia e Gestione Aziendale Economia e Finanza Economia e Gestione dei Servizi Turistici Avviso per l accesso ai Corsi di Laurea in Economia e Gestione Aziendale Economia e Finanza Economia e Gestione dei Servizi Turistici Gli studenti che intendono iscriversi, per l A.A. 2015/2016, ai Corsi

Dettagli

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali

Dipartimento di Scienze Giuridiche. PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea in Economia e Commercio Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Economia e Commercio Economics

Dettagli

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso del liceo scientifico lo studente conoscerä i concetti e i metodi elementari della matematica, sia interni alla disciplina in så considerata,

Dettagli

Programma d aula e d esame

Programma d aula e d esame Programma d aula e d esame Lingua Inglese-Giuridico (prima lingua) Codici 50042-50041, Percorso B2-legal Coordinatore: Prof. Michael THOMPSON Introduzione pag. 2 Programma del corso pag. 2 Testi adottati

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA)

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Direzione Aziendale si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA MATEMATICA CLASSE DOCENTE 5^ SEZIONE D DI LEO CLELIA Liceo Scientifico delle Scienze Applicate ORE DI LEZIONE 4 **************** OBIETTIVI saper definire e classificare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

Avviso per l accesso ai Corsi di Laurea in Economia e Gestione Aziendale Economia e Finanza Economia e Gestione dei Servizi Turistici

Avviso per l accesso ai Corsi di Laurea in Economia e Gestione Aziendale Economia e Finanza Economia e Gestione dei Servizi Turistici Avviso per l accesso ai Corsi di Laurea in Economia e Gestione Aziendale Economia e Finanza Economia e Gestione dei Servizi Turistici Gli studenti che intendono iscriversi, per l A.A. 2014/2015, ai Corsi

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business

Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 20369 20375 (20419) Lingua Italiana Seconda lingua B2 Business Ordinamento Biennale Corsi di Laurea M, IM, MM, AFC, CLAPI, CLEFIN FINANCE, CLELI, ACME,

Dettagli

Marketing Management - serale

Marketing Management - serale Marketing Management - serale Master Universitario di primo livello Facoltà di Economia X edizione Anno Accademico 2013/2014 Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale

Dettagli

Corso di Fondamenti di Economia

Corso di Fondamenti di Economia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Gianmaria Martini Introduzione al corso A.A. 2013-2014 Obiettivi del corso è il primo insegnamento di natura economica nel Corso di Laurea Triennale in

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO: INSEGNANTE: Consiglia Mazzone MATERIA DI INSEGNAMENTO: Matematica Applicata CLASSE IV sezione ITE Anno Scolastico 2014/2015 PARTE 1 LIVELLO COMPETENZE

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIRITTO CIVILE CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: INTRODUZIONE AL DIRITTO CIVILE Conoscere il diverso ambito di applicazione del diritto pubblico e nel diritto privato. Distinguere il diritto soggettivo

Dettagli

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013. Corso di laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Catania A.A. 2012-2013 Corso di laurea in Ingegneria Industriale Corso di Analisi Matematica I (A-E) (Prof. A.Villani) Elenco delle dimostrazioni che possono essere richieste

Dettagli

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso dei licei classico, linguistico, musicale coreutico e della scienze umane lo studente conoscerà i concetti e i metodi elementari della matematica,

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 PROGRAMMA SVOLTO DOCENTE: Laura Marchetto CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 RIPASSO ARGOMENTI PROPEDEUTICI L insieme dei numeri razionali. Equazioni di primo e di secondo grado Sistemi di disequazioni di primo grado Equazione

Dettagli

Tecnica industriale e commerciale

Tecnica industriale e commerciale Università degli Studi di Catania Facoltà di Economia AEGI - Area di Economia e Gestione delle Imprese Corso di Laurea in Economia Aziendale Anno accademico 2009-2010 Tecnica industriale e commerciale

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF./ PROF.SSA LORETTA BETTINI MATERIA DI INSEGNAMENTO MATEMATICA CLASSE IVB I.T.T. Finalità formative Nel corso del triennio superiore

Dettagli

DIPARTIMENTO DI STUDI ECONOMICI E GIURIDICI

DIPARTIMENTO DI STUDI ECONOMICI E GIURIDICI Il DIPARTIMENTO DI STUDI ECONOMICI E GIURIDICI (DISEG) offre un percorso di studio, articolato in vari livelli, in ambito economico ed aziendale, con una particolare attenzione ai temi: - dell economia,

Dettagli

Matematica Generale II (5 Cfu) Economia e amministrazione delle imprese (A-Lh)

Matematica Generale II (5 Cfu) Economia e amministrazione delle imprese (A-Lh) Matematica Generale II (5 Cfu) Economia e amministrazione delle imprese (A-Lh) A.A. 2014-2015 Docente Vanda Tulli e-mail: vanda.tulli@unimib.it tel: 0264483164 Edificio U7, quarto piano, stanza 4018 Esercitatore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

FONDAMENTI DI ANALISI SUPERIORE 1

FONDAMENTI DI ANALISI SUPERIORE 1 FONDAMENTI DI ANALISI SUPERIORE 1 Docente: LUCIO CADEDDU SSD: MAT/05 Codifica dell Ateneo: Tipologia: Integrato: NO Anno di corso 1 magistrale Semestre 1 Sede lezioni: Dipartimento di Matematica e Informatica,

Dettagli

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI

Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Facoltà di Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell'informazione anno accademico 2014/15 Registro lezioni del docente SPORTELLI LUIGI Attività didattica ANALISI MATEMATICA [2000] Periodo di svolgimento:

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

Proprietà metriche di R. Funzioni da R in R. Funzioni continue da R in R. Limiti di funzioni da R in R.

Proprietà metriche di R. Funzioni da R in R. Funzioni continue da R in R. Limiti di funzioni da R in R. Università di Trieste - Facoltà d'ingegneria Corsi di Laurea in Ingegneria Chimica, Elettrica, Elettronica, dei Materiali Programma del corso di Analisi Matematica I Anno Accademico 1999-2000 Prof. Pierpaolo

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI FACOLTA DI ECONOMIA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI 1. Corsi di laurea L offerta formativa della Facoltà di Economia

Dettagli

ISIS: G. Tassinari Pozzuoli

ISIS: G. Tassinari Pozzuoli ISIS: G. Tassinari Pozzuoli Programmazione di Matematica classe 5 a B a.s. 05/06 Docente M.Rosaria Vassallo Modulo : Funzioni e limiti di funzioni Gli obiettivi generali : Iniziare un approccio più rigoroso

Dettagli

Calcolo delle Probabilità A.A. 2013/2014 Corso di Studi in Statistica per l Analisi dei dati Università degli Studi di Palermo

Calcolo delle Probabilità A.A. 2013/2014 Corso di Studi in Statistica per l Analisi dei dati Università degli Studi di Palermo Calcolo delle Probabilità A.A. 2013/2014 Corso di Studi in Statistica per l Analisi dei dati Università degli Studi di Palermo docente Giuseppe Sanfilippo http://www.unipa.it/sanfilippo giuseppe.sanfilippo@unipa.it

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010 AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINATORE Ranzani Sono presenti i proff. P Ranzani (coordinatore),

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale PRIMO BIENNIO 1. Profilo generale L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione dei concetti e dei metodi elementari della disciplina

Dettagli