GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME Sede di COMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME Sede di COMO"

Transcript

1 FACOLTÀ DI ECONOMIA Anno Accademico 2007 / 2008 GUIDA AI PROGRAMMI D ESAME Sede di COMO Indice * Materiale non disponibile Alfabetizzazione Informatica 2 Diritto delle Imprese e delle Società 2 Diritto Pubblico Generale 4 Diritto Pubblico per l Impresa 5 Economia Aziendale 6 Economia e Gestione delle Imprese 9 Idoneità Informatica * 10 Istituzioni di Diritto Privato 11 Lingua Inglese prima parte (livello B2) 12 Lingua Inglese seconda parte (livello B2) 14 Macroeconomia * 16 Matematica 16 Matematica per l Economia e la Finanza 17 Ragioneria Base 19 Statistica Inferenziale 20 Storia Economica 21 1

2 Alfabetizzazione Informatica 2 CFU DOCENTE: Dott. Ruggero Lanotte Il corso di Alfabetizzazione Informatica ha lo scopo di uniformare le conoscenze informatiche degli studenti iscritti al corso di laurea triennale in Economia e Amministrazione delle Imprese. PROGRAMMA DEL CORSO Il Programma del corso è il seguente: Introduzione all architettura degli elaboratori: cos è un calcolatore, unità di controllo, memorie, dispositivi. Introduzione ai Sistemi Operativi: cos è un sistema operativo, il file system, gestione dei file e delle cartelle, il desktop. Elaboratori di testi: videoscrittura, formattazione dei documenti, inserzione di tabelle e di immagini. Reti: concetti iniziali, navigazione in rete, ricerca in rete. Posta elettronica: concetti iniziali, indirizzi di posta elettronica, provider, messaggi, gestione messaggi. Foglio elettronico: struttura di un foglio di calcolo, tipologia delle celle, riferimenti, formule, grafici. Strumenti di presentazione: cos è una diapositiva, gestione e formattazione delle diapositive, inserzione immagini, presentazione. Il corso è svolto in 16 ore (8 ore di lezioni frontali e 8 ore di esercitazioni svolte in laboratorio). L'esame consisterà in una prova al computer sugli argomenti trattati. BIBLIOGRAFIA appunti forniti a lezione dal docente o, in alternativa, un qualsiasi testo di preparazione alla patente europea del computer (ECDL). RICEVIMENTO su appuntamento RECAPITI Telefono: Diritto delle Imprese e delle Società 10 CFU DOCENTE: Dott.ssa. Ilaria Capelli PRESENTAZIONE DEL CORSO Lo scopo del corso consiste nell acquisizione degli elementi fondamentali del diritto dell impresa e delle società. Nella prima parte del corso saranno analizzate le norme principali in materia di impresa individuale, società di persone e società di capitali. Nella seconda parte del corso oggetto di analisi saranno i profili relativi all organizzazione, ai processi decisionali e al finanziamento della s.p.a. e della s.r.l. 2

3 L ultima parte del corso sarà dedicata ai gruppi di società e alle operazioni straordinarie. PROGRAMMA DEL CORSO: I Principi generali Nozione ed evoluzione storica del diritto commerciale. II - L impresa e gli imprenditori L imprenditore: nozione (art cod. civ.), imprenditore e lavoratore autonomo, il piccolo imprenditore (2083 cod. civ.), l imprenditore agricolo (art cod. civ.), l imprenditore artigiano, l imprenditore commerciale, lo statuto dell imprenditore commerciale e gli ausiliari dell imprenditore (artt cod. civ.), il registro delle imprese, l impresa familiare (art. 230 bis cod. civ.), l azienda e la sua circolazione (artt cod. civ.). III - Le società di persone La nozione di società (art cod. civ.), società e comunione (art cod. civ.), i tipi di società (art cod. civ.), soggettività e personalità giuridica, la società semplice (artt cod. civ.): disposizioni generali, i rapporti fra i soci, i rapporti con i terzi e la responsabilità per le obbligazioni sociali, lo scioglimento del rapporto sociale limitatamente ad un socio e lo scioglimento della società; la società in nome collettivo (artt cod. civ.): nozione e norme applicabili, la responsabilità dei soci; la società in accomandita semplice (artt cod. civ.): nozione e norme applicabili; IV La società per azioni Le società di capitali dopo la riforma (d.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6), le caratteristiche principali della riforma e le più rilevanti differenze rispetto alla normativa previgente; nozioni essenziali in materia di società per azioni: la costituzione (artt cod. civ.), i patti parasociali (art bis e 2341 ter cod. civ.), i conferimenti (artt cod. civ.), le azioni e le obbligazioni, gli strumenti finanziari; organizzazione e processi decisionali (l assemblea, i sistemi di amministrazione e controllo, i bilanci e le modificazioni dell atto costitutivo). V - La società a responsabilità limitata Nozione e costituzione; quote di partecipazione e titoli di debito; organizzazione e processi decisionali (le decisioni dei soci, l amministrazione, conflitto di interessi e responsabilità degli amministratori, il controllo legale dei conti, il bilancio); le modificazioni dell atto costitutivo. VI Altri tipi di società di capitali La società in accomandita per azioni; la società europea (SE). VII I gruppi di società Le disposizioni generali sui gruppi di società. VIII Le operazioni straordinarie La trasformazione; la fusione; la scissione. IX Scioglimento e liquidazione delle società di capitali. NOTA Durante le lezioni, che saranno svolte anche grazie all ausilio della piattaforma di e-learning dell Ateneo, in modalità full, potranno essere utilizzati materiali integrativi, che saranno resi disponibili ai frequentanti. Saranno approfonditi taluni temi particolari, anche mediante materiale didattico ulteriore rispetto ai libri di testo, con lo scopo di arricchire le conoscenze di base e di far acquisire un metodo di studio che consenta un approccio critico e non puramente mnemonico alla materia. Si invitano gli studenti a frequentare le lezioni muniti di un edizione aggiornata del codice civile. A tale proposito, si consiglia il Codice Civile e leggi collegate curato da De Nova, Zanichelli, ed Potrà essere concordato un programma particolare, con approfondimenti su taluni argomenti, dedicato esclusivamente ai frequentanti (effettivi). Gli studenti, inoltre, potranno svolgere esercitazioni facoltative utilizzando la piattaforma di e-learning dell Ateneo, alla quale tutte le persone interessate sono invitate ad iscriversi già da ora. La valutazione di tali esercitazioni andrà a confluire nella valutazione complessiva dell esame, a condizione che la prova d esame ufficiale di per sé raggiunga la sufficienza. MODALITÀ DI PREPARAZIONE DELL ESAME E TESTO CONSIGLIATO. 3

4 I manuali consigliati sono: per la parte relativa all impresa e all azienda: Campobasso, Diritto commerciale, 1. Diritto dell impresa, UTET, ultima edizione; per la parte relativa alle società: Associazione Disiano Preite, Il diritto delle società, a cura di G. Olivieri, G. Presti, F. Vella, Bologna, Il Mulino, Per preparare l esame devo essere studiati entrambi i manuali. Non esistono dispense del corso. Qualunque dispensa od altro materiale didattico sia proposto da terzi, non proviene dall Università. MODALITA D ESAME: L esame consiste in una prova scritta. INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO La docente riceve di regola, salva diversa comunicazione, immediatamente dopo la lezione. RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA, NUMERO DI TELEFONO E EVENTUALI ALTRI RECAPITI: pagina web: Si consiglia di consultare la pagina di e-learning dedicata al corso. Diritto Pubblico Generale 10 CFU DOCENTE: Dott. Paolo Zuddas COLLABORATORI: Prof. Giorgio Grasso PRESENTAZIONE DEL CORSO L obiettivo del Corso è di offrire agli studenti, nella prima parte del ciclo di lezioni, una trattazione di base sul diritto costituzionale italiano, con specifico riguardo all organizzazione dei pubblici poteri e alla tutela costituzionale dei diritti. La seconda parte del Corso sarà invece dedicata ad approfondire alcune specifiche tematiche legate alla disciplina pubblicistica dell impresa, con particolare riferimento ai diritti economici costituzionalmente sanciti, alla regolazione dell attività imprenditoriale a livello regionale e locale, e al diritto amministrativo per l impresa. Il docente si avvarrà della collaborazione del tutor dell area giuridica, dott. Filippo Vergani ( PROGRAMMA DEL CORSO Il programma del Corso segue l impostazione dei manuali consigliati, ad eccezione della parte relativa al diritto amministrativo, che si baserà su apposite dispense che saranno rese disponibili agli studenti. Nella prima parte del Corso si esamineranno tra l altro i seguenti argomenti: il potere politico e lo Stato; la nascita dello Stato; la sovranità; gli elementi costitutivi dello Stato; le forme di Stato e la loro evoluzione storica; dallo Stato liberale allo Stato di democrazia sociale; la rappresentanza politica; il principio della separazione dei poteri; le regole di maggioranza; le forme di governo; il governo costituzionale puro; il governo parlamentare; il governo presidenziale; il governo semipresidenziale; il governo direttoriale; i sistemi elettorali; l organizzazione costituzionale italiana; il Governo; il Parlamento; il Presidente della Repubblica; le fonti del diritto; fonti di produzione e di cognizione; fonti atto e fonti fatto; i criteri che risolvono le antinomie tra le fonti; la riserva di legge e il principio di legalità; esame delle fonti del diritto; la Costituzione; Costituzione e potere costituente; Costituzioni rigide e flessibili; le fonti dell ordinamento italiano; Costituzione e leggi costituzionali e di revisione cost.; la legge formale del parlamento; leggi rinforzate e fonti atipiche; legge delega e decreto legislativo; decreto legge; fonti secondarie; il referendum 4

5 abrogativo come fonte del diritto; le fonti comunitarie (cenni); le fonti delle autonomie (cenni); la sistematica dei diritti di libertà nella Costituzione italiana; esame delle singole libertà; la tutela giurisdizionale e il ruolo del potere giudiziario; la Corte costituzionale e il sistema di giustizia costituzionale italiano. Nella seconda parte del Corso si esamineranno tra l altro i seguenti argomenti: l iniziativa economica; la disciplina delle proprietà; il lavoro e i diritti dei lavoratori; le origini dell ordinamento regionale italiano; i rapporti tra regionalismo e federalismo; l organizzazione della Regione; la potestà statutaria; la forma di governo regionale; le funzioni regionali (le funzioni legislative e regolamentari; le funzioni amministrative; l autonomia finanziaria); i rapporti Stato Regioni (in particolare il potere sostitutivo statale e i meccanismi di collaborazione); il diritto regionale e la Corte costituzionale; la disciplina regionale e locale dell impresa; i principi generali dell ordinamento amministrativo; l amministrazione come organizzazione; atti e provvedimenti amministrativi; il procedimento amministrativo; la giustizia amministrativa; gli adempimenti amministrativi gravanti sulle imprese; lo sportello unico. E richiesta inoltre la conoscenza della Costituzione italiana nel testo vigente (v. ad esempio il testo curato da M. Siclari, La Costituzione della Repubblica italiana nel testo vigente, Roma, Aracne Editrice, ultima edizione; è possibile inoltre scaricare il testo vigente dal sito web della Camera dei deputati MATERIALE DIDATTICO. TESTI CONSIGLIATI - R. Bin, G. Pitruzzella, Diritto pubblico, Giappichelli, Torino, ultima edizione (saranno indicate all inizio del Corso le parti del manuale da omettere, dandone comunicazione all interno della pagina web del docente; il sito internet del testo consigliato (www.diritto-manuali.com) contiene inoltre una numerosa documentazione normativa e test di autovalutazione, utili per la preparazione dell esame) - S. Bartole, R. Bin, G. Falcon, R. Tosi, Diritto regionale, Bologna, Il Mulino, ultima edizione - G. Rolla, La tutela costituzionale dei diritti, Milano, Giuffrè, ultima edizione (pp ) Per la parte di diritto amministrativo verrà distribuito del materiale in aula e reso disponibile sulla pagina web del docente. MODALITA D ESAME: L esame, nell appello di fine Corso, consiste in una prova scritta obbligatoria, eventualmente seguita da una prova orale, secondo le indicazioni che saranno fornite al momento dell inizio del Corso. Negli appelli successivi, l esame consiste in una prova orale. INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO Il Dott. Paolo Zuddas riceve di regola, salvo diversa comunicazione, a conclusione dell orario di lezione. RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA, NUMERO DI TELEFONO E EVENTUALI ALTRI RECAPITI: telefono: pagina web: Diritto Pubblico per l Impresa 5 CFU DOCENTE: Dott. Paolo Zuddas COLLABORATORI: Prof. Giorgio Grasso PRESENTAZIONE DEL CORSO L obiettivo del Corso è di offrire agli studenti un quadro generale delle norme pubblicistiche che disciplinano l impresa, con particolare riferimento ai diritti economici costituzionalmente sanciti, alla regolazione dell attività imprenditoriale a livello regionale e locale, e al diritto amministrativo per l impresa. Il docente si avvarrà della collaborazione del tutor dell area giuridica, dott. Filippo Vergani ( PROGRAMMA DEL CORSO 5

6 La Parte del Corso dedicata alla tutela costituzionale dei diritti economici riguarderà in particolare: l iniziativa economica; la disciplina delle proprietà; il lavoro e i diritti dei lavoratori. La Parte del Corso dedicata al diritto regionale per l impresa riguarderà in particolare: le origini dell ordinamento regionale italiano; i rapporti tra regionalismo e federalismo; l organizzazione della Regione; la potestà statutaria; la forma di governo regionale; le funzioni regionali (le funzioni legislative e regolamentari; le funzioni amministrative; l autonomia finanziaria); i rapporti Stato Regioni (in particolare il potere sostitutivo statale e i meccanismi di collaborazione); il diritto regionale e la Corte costituzionale; la disciplina regionale e locale dell impresa. La Parte del Corso dedicata al diritto amministrativo per l impresa riguarderà in particolare: i principi generali dell ordinamento amministrativo; l amministrazione come organizzazione; atti e provvedimenti amministrativi; il procedimento amministrativo; la giustizia amministrativa; gli adempimenti amministrativi gravanti sulle imprese; lo sportello unico. MATERIALE DIDATTICO. TESTI CONSIGLIATI: - S. Bartole, R. Bin, G. Falcon, R. Tosi, Diritto regionale, Bologna, Il Mulino, ultima edizione - G. Rolla, La tutela costituzionale dei diritti, Milano, Giuffrè, 2005 (pp ) Per la parte di diritto amministrativo verrà distribuito del materiale in aula e reso disponibile sulla pagina web del docente. MODALITA D ESAME: L esame, nell appello di fine Corso, consiste in una prova scritta obbligatoria, eventualmente seguita da una prova orale, secondo le indicazioni che saranno fornite al momento dell inizio del Corso. Negli appelli successivi, l esame consiste in una prova orale. INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO Il dott. Paolo Zuddas riceve di regola, salvo diversa comunicazione, a conclusione dell orario di lezione. RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA, NUMERO DI TELEFONO E EVENTUALI ALTRI RECAPITI: telefono: pagina web: Economia Aziendale CALENDARIO E PROGRAMMA DEL CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE COMO Università degli Studi dell Insubria Prof. Gianluca Colombo I ciclo N Data Ore TEMA MATERIALE Presentazione del corso. L'attività economica 1.1, 1.2, 1.3 Le persone e l Economia aziendale Gli istituti, le aziende, la specializzazione economica Cap Gli assetti istituzionali 4.1, 4.2, Segue 4.4, 17.3, 17.1*, 17.2* Discussione del caso Costa Caso Costa 6

7 Le combinazioni economiche di istituto 3.1, 3.2, 3.3, Segue 3.5, Le economie di scala e di saturazione della capacità 11.1, 11.2, 11.3 produttiva Discussione del caso Scaltrini Caso Scaltrini Le economie di apprendimento, le strategie di replicazione 11.4, e le scelte di struttura dei costi 12.1, 12.2 Le scelte di estensione: concetti generali, le scelte di diversificazione e le economie di raggio di azione Le scelte di internalizzazione ed esternalizzazione e le economie di transazione 12.3, 16.3, 16.1*, 16.2*, 16.4* Le scelte di formazione e sviluppo del patrimonio Cap Il principio di economicità Cap Ripasso Prova intermedia Nella colonna "Materiale", in corrispondenza di ciascuna sessione sono riportate le parti del programma da preparare per l esame: 1) i numeri dei paragrafi del testo AIROLDI-BRUNETTI-CODA, Economia Aziendale. Seconda Edizione, Il Mulino, 2005; 2) i titoli dei casi disponibili online. Con asterisco (*) sono contrassegnate le parti non trattate direttamente in aula ma che sono comunque da studiare approfonditamente. Le sessioni online si riferiscono a casi aziendali, relazioni o parti di teoria corrispondenti a materiali messi sul sito e/o a capitoli dei libri di testo. 7

8 II ciclo N. Data Ore TEMA MATERIALE Il bilancio di esercizio come modello per la 6.1, 6.2, 6.3, 6.4 valutazione dell economicità: il reddito di esercizio e il capitale di funzionamento Il processo di redazione del bilancio di 6.5, 6.6 e esercizio: dagli accadimenti al bilancio Esercitazione: la costruzione del bilancio di Caso Dolceforno (A) esercizio dell impresa Dolceforno ( parte A) Esercitazione: la costruzione del bilancio di esercizio dell impresa Dolceforno ( parte B) L analisi degli equilibri delle aziende di produzione: la riclassificazione del reddito di esercizio Caso Dolceforno (B) Segue L analisi degli equilibri delle aziende di produzione: la riclassificazione del capitale di funzionamento I quozienti di bilancio per le analisi di redditività, solidità e liquidità Gli equilibri e la leva finanziaria La struttura dell azienda e l ambiente economico Il sistema competitivo Il sistema di prodotto e la formula competitiva , 9.2, , 10.2, 10.3, 10.4,.5, 10.6* e caso Pirola Caso Pirola Le scelte di organizzazione 15.1, 15.2, 15.3, Caso Tecnoarredo Caso Tecnoarredo Le scelte di organizzazione (segue) 15.5, 15.6, 15.7, Ripasso Prova intermedia Nella colonna "Materiale", in corrispondenza di ciascuna sessione sono riportate le parti del p-rogramma da preparare per l esame: 3) i numeri dei paragrafi del testo AIROLDI-BRUNETTI-CODA, Economia Aziendale. Seconda Edizione, Il Mulino, 2005; 4) i titoli dei casi disponibili online. Con asterisco (*) sono contrassegnate le parti non trattate direttamente in aula ma che sono comunque da studiare approfonditamente. Le sessioni online si riferiscono a casi aziendali, relazioni o parti di teoria corrispondenti a materiali messi sul sito e/o a capitoli dei libri di testo. Valutazione: 30% lavori on line ; 70% esame (35% prima prova + 35% seconda prova) 8

9 Economia e Gestione delle Imprese 10 CFU DOCENTE: Prof. Alberto Onetti PRESENTAZIONE DEL CORSO: Il Corso si propone di introdurre i fondamenti della strategia di impresa e ad illustrare il processo che porta alla sua elaborazione, sia nelle componenti di analisi (ambientale, settoriale ed aziendale) che di implementazione (individuazione della strategia d impresa). Il Corso si propone inoltre di approfondire le modalità di individuazione e valutazione delle modalità di sviluppo strategico disponibili a livello corporate, anche in considerazione delle più recenti tendenze in atto nel mondo delle imprese. In particolare attenzione verrà dedicata al tema della definizione degli obiettivi di impresa. Il Corso sarà integrato con seminari di presentazione di casi aziendali. PROGRAMMA DEL CORSO A) INTRODUZIONE AL CONCETTO DI STRATEGIA - Perché parlare di strategia? - Introduzione al concetto di strategia - Le fasi del processo di elaborazione strategica - I punti qualificanti: razionalità, coerenza e orientamento a medio-lungo termine B) L ANALISI DELL AMBIENTE DI RIFERIMENTO - L analisi ambientale - La definizione del campo di attività: settore, mercato e business - La valutazione del posizionamento competitivo o L analisi orizzontale: struttura del mercato e livello concorrenziale o L analisi verticale: distribuzione del potere contrattuale con fornitori e clienti - Il ponte tra analisi esterna e analisi interna: fattori critici di successo e fattori igienici C) L ANALISI INTERNA: RISORSE E COMPETENZE PER IL VANTAGGIO COMPETITIVO - Perché effettuare l analisi delle risorse e competenze? - Risorse interne e risorse esterne all impresa - L analisi delle risorse e competenze - Risorse e competenze e vantaggio competitivo D) LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI BASE - La necessità di un orientamento strategico di fondo - Le opzioni strategiche di base - La leadership di costo - La differenziazione - La focalizzazione - I limiti della schematizzazione di base e le possibilità di un suo ripensamento E) GLI OBIETTIVI DELL IMPRESA - Quali obiettivi? o economici o intermedi o di breve e di medio-lungo periodo o non economici - Chi fissa gli obiettivi? o Gli stakeholders interni 9

10 o Gli stakeholders economici e finanziari o Gli stakeholders dell ambiente sociale, politico e istituzionale - Stakeholders e obiettivi nei differenti modelli di capitalismo o La public company del modello anglosassone o La condivisione degli obiettivi nel modello renano o L impresa familiare italiana F) LE STRATEGIE A LIVELLO CORPORATE - Condizioni e vettori di sviluppo o Lo sviluppo orizzontale del mercato o Lo sviluppo verticale per integrazione o Lo sviluppo per diversificazione o Lo sviluppo internazionale - Il dibattito sulla diversificazione o Le ragioni della diversificazione o Le modalità della diversificazione (correlata e conglomerale) o Diversificazione e performance economica o Rifocalizzazione o conglomerizzazione? G) IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA: ALCUNI PROBLEMI APERTI - Problemi di conoscenza - Dimensione d impresa ed esplicitazione della strategia - Strategia deliberata ed evoluzione dell impresa - Percezione soggettiva e intuizione: il fattore umano nella strategia PARTE SEMINARIALE - Casi e testimonianze MATERIALE DIDATTICO: TESTI OBBLIGATORI Cotta Ramusino E. - Onetti A. Strategia d impresa, Il Sole 24 Ore Libri, Milano, 2 edizione, 2007, Cap. 1, 2, 3, 4.1, 4.2, 4.3, 5, 6.1, 6.2 e 6.3 MODALITA D ESAME: Studenti frequentanti Per gli studenti frequentanti è prevista una prova (scritta o orale) sui temi trattati durante le lezioni e sui case studies discussi in aula., oltre che sui testi indicati (materiale didattico: testi obbligatori). Studenti non frequentanti Per gli studenti non frequentanti è prevista una prova (scritta o orale) basata su tutte le letture indicate nella bibliografia di riferimento (materiale didattico: testi obbligatori) INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO Il Docente sarà a disposizione degli Studenti al termine delle lezioni e durante i ricevimenti il cui calendario sarà reso disponibile di volta in volta. Idoneità Informatica * 2 CFU DOCENTE: Dott. Ruggero Lanotte 10

11 Istituzioni di Diritto Privato 5 CFU DOCENTE: Prof.ssa Alba F. Fondrieschi COLLABORATORI: Dott.ssa Camilla Ferrari PRESENTAZIONE DEL CORSO Il corso tratta dei principali istituti del diritto privato, con particolare riferimento a quelli più direttamente connessi con le materie oggetto di studio nella Facoltà di Economia, con l obiettivo di dotare gli Studenti delle conoscenze giuridiche essenziali in ambito civilistico. In particolare, il corso si propone di fare acquisire agli Studenti consapevolezza delle questioni giuridiche relative alla disciplina dei contratti e degli altri diritti di natura patrimoniale, fornendo i termini per il loro inquadramento e soluzione. PROGRAMMA D ESAME Il corso presuppone la preventiva conoscenza delle fonti del diritto italiano e comunitario, che gli Studenti possono acquisire attraverso la partecipazione al corso di Istituzioni di diritto pubblico o il sostenimento del relativo esame. Nelle sue linee essenziali, il programma del corso di Istituzioni di diritto privato è il seguente: Nozioni generali di diritto privato: le situazioni giuridiche, l autonomia privata, fatti, atti e negozi giuridici. I soggetti: persone fisiche, persone giuridiche, la capacità, la famiglia e il regime patrimoniale. I diritti reali e il possesso: i beni, proprietà e comproprietà, le azioni petitorie, i diritti reali di godimento su beni altrui, i diritti reali di garanzia, il possesso e le azioni possessorie. Le obbligazioni: le fonti, l adempimento e l inadempimento, la mora, i modi di estinzione, le modificazioni dei soggetti dell obbligazione. Principi in tema di responsabilità contrattuale ed extracontrattuale. Il contratto in generale: la conclusione, i requisiti, i soggetti, gli elementi essenziali ed accidentali, l invalidità, gli effetti, la rescissione e la risoluzione. La disciplina di alcuni contratti tipici: vendita, locazione, mandato. I titoli di credito: caratteri e disciplina generale. La tutela dei diritti: responsabilità patrimoniale, pubblicità, i mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale. MODALITA DIDATTICHE Il corso si articola in lezioni frontali tradizionali con l eventuale ausilio di diapositive (power point) che saranno successivamente inserite nella pagina web della docente. Ai fini della partecipazione al corso e di una migliore comprensione degli argomenti trattati, è indispensabile la consultazione del codice civile, che gli Studenti sono quindi pregati di portare a lezione. Nel corso delle lezioni potranno inoltre essere utilizzati materiali integrativi quali testi di sentenze e modelli di contratto, resi disponibili agli Studenti frequentanti allo scopo di verificare le applicazioni pratiche degli istituti trattati a lezione. Durante la lezione, potranno essere rilevate le presenza in aula. BIBLIOGRAFIA Il testo adottato è P. Trimarchi, Istituzioni di diritto privato, Giuffrè, Milano, XVI edizione relativamente alle pagine ; ; ; ; ; ; ; ; ; ; ; Eventuali variazioni delle pagine oggetto di studio, dovute all uscita di una nuova edizione del testo, saranno segnalate sul sito web della docente. La preparazione dell esame deve essere integrata dalla consultazione di un codice civile aggiornato (edizione suggerita: Codice civile e leggi collegate, a cura di G. De Nova, Zanichelli, Bologna, ultima edizione). 11

12 MODALITA D ESAME L esame consiste in una prova orale volta a verificare la preparazione degli Studenti sugli argomenti oggetto del programma. Saranno ammessi a sostenere l esame soltanto gli studenti regolarmente iscritti. RICEVIMENTO L orario di ricevimento sarà reso noto all inizio dell anno accademico, contestualmente alla pubblicazione dell orario delle lezioni. Variazioni di orario saranno comunque possibili in occasione del passaggio da un ciclo di lezione all altro: si invitano gli Studenti a verificare le eventuali variazioni anche sulla pagina web della docente. RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA E- mail: Non saranno prese in considerazione mail non recanti l identità dei mittenti. INFORMAZIONI UTILI Il corso presuppone la conoscenza dei principi e delle regole fondamentali del diritto costituzionale italiano,e, in particolare, delle fonti del diritto italiano e comunitario; è pertanto opportuno che lo studente abbia già sostenuto l esame di Istituzioni di diritto pubblico o, che, quantomeno, abbia partecipato al relativo corso. Lingua Inglese prima parte (livello B2) 3 CFU DOCENTE: Prof.ssa Eliane NORTEY PRESENTAZIONE DEL CORSO Il corso mira ad ampliare, perfezionare e consolidare le strutture grammaticali, sintattiche e lessicali della lingua funzionali all uso specialistico in ambito professionale. Le attività didattiche saranno mirate a sviluppare una migliore comprensione orale e scritta, promuovere un appropriata e disinvolta espressione comunicativa e stimolare un interattività costante. Particolare attenzione sarà data alla pronuncia e all intonazione. PROGRAMMA DEL CORSO Durante il corso saranno affrontate le seguenti aree tematiche con relativi approfondimenti soprattutto di carattere grammaticale e lessicale: Companies. Companies and careers. Talking about your job. Leadership. Getting things done. Strategy. Short presentations. Pay. Evaluating performance. Development. Development and the environment. Showing cause and effect. Marketing. Brands. Considering alternatives. Saranno esaminati i seguenti articoli tratti dall Economist: A matter of choice When to terrorise talent Nike s Goddess The rewards of failure Gas for Peru vs green imperialism Money can buy you love Saranno infine consolidati i seguenti punti grammaticali: Present simple and Present Continuous 12

13 Articles Future forms Present perfect and past simple Modal verbs of likelihood Comparatives and superlatives MODALITÀ DIDATTICHE Gli studenti saranno coinvolti, individualmente o a piccoli gruppi, in brevi esercitazioni e role-play mirati a perfezionare e verificare il livello di apprendimento e la padronanza del lessico e delle strutture sintattiche, grammaticali, idiomatiche e fraseologiche studiate. Sarà cura degli studenti integrare le attività previste in aula con la lettura di articoli tratti da testate giornalistiche economico-finanziarie internazionali e l ascolto e/o la visione di filmati di attualità economica, politica e finanziaria in lingua inglese disponibili su Internet. I riferimenti precisi saranno pubblicati sulla piattaforma e-learning del sito dell Università. MATERIALE DIDATTICO Testo obbligatorio: T. Trappe, G. Tullis, Intelligent Business Intermediate Coursebook, Longman (Units 1-6) ISBN Testi integrativi: L. Pile, Intelligent Business Intermediate Workbook and CD pack, Longman (Units 1-6) ISBN M. Duckworth, Business Grammar and Practice, Oxford University Press ISBN P. Strutt, Market Leader: Business English with The FT Business Grammar & Usage Book, Longman ISBN Dizionari settoriali: Oxford Dictionary of Business English for Learners of English, Oxford University Press, Dictionary and CD-ROM Pack ISBN Longman Business Dictionary Paper New Edition, Longman ISBN Dictionary of Business, Peter Collin Publishing, ISBN X MODALITÀ D ESAME: L esame sarà suddiviso in due parti: una prova scritta di accertamento delle tre abilità (Reading, Listening e Writing) corredata da esercizi di carattere grammaticale e lessicale e un accertamento orale delle abilità linguistiche acquisite. Per la prova orale gli studenti saranno suddivisi in piccoli gruppi, a un breve colloquio introduttivo individuale, seguirà una discussione su un tema fornito dal docente. Sarà valutata la correttezza grammaticale, la proprietà lessicale, la capacità di interazione e argomentazione e la fluidità verbale. Il superamento della prova scritta è requisito indispensabile per l ammissione alla prova orale. Le due prove dovranno essere sostenute nello stesso appello. Durante le prove d esame NON sarà consentito l uso del dizionario. INDICAZIONI SUL RICEVIMENTO La prof.ssa Eliane Nortey riceve il giovedì presso l Aula Docenti della Facoltà di Economia in via Cavallotti, 5 dalle ore alle nelle date indicate sulla piattaforma e-learning. RECAPITO DI POSTA ELETTRONICA, NUMERO DI TELEFONO ED EVENTUALI ALTRI RECAPITI: tel (nei giorni e negli orari di ricevimento degli studenti) 13

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO

4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4 FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMO 4.0. Esponenziale. Nella prima sezione abbiamo definito le potenze con esponente reale. Vediamo ora in dettaglio le proprietà della funzione esponenziale a,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese

Master 2009. Executive Master PMI e Competitività. Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master 2009 Executive Master PMI e Competitività Sviluppo, Internazionalizzazione, Transizione generazionale delle Piccole e Medie Imprese Master Universitario di primo livello, III edizione Marzo 2009

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali

SEZIONE TERZA. Le fonti degli enti locali SEZIONE TERZA Le fonti degli enti locali 2.1. Presentazione di Edmondo Mostacci L insieme delle fonti endogene degli enti locali costituisce un sottoinsieme un microcosmo, secondo la efficace definizione

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail PEC rdallanese@liuc.it raffaella.dallanese@odcecmilano.it Nazionalità Italiana Data di nascita 07,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Calcolo differenziale Test di autovalutazione

Calcolo differenziale Test di autovalutazione Test di autovalutazione 1. Sia f : R R iniettiva, derivabile e tale che f(1) = 3, f (1) = 2, f (3) = 5. Allora (a) (f 1 ) (3) = 1 5 (b) (f 1 ) (3) = 1 2 (c) (f 1 ) (1) = 1 2 (d) (f 1 ) (1) = 1 3 2. Sia

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli