DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Approvato in data 11 maggio 2013) Protocollo n del 15/05/2015. CLASSE V sez.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Approvato in data 11 maggio 2013) Protocollo n 0003123 del 15/05/2015. CLASSE V sez."

Transcript

1 ISTITUTO D IISSTRUZIIONE SECONDARIA SSUPERIIORE STATALE TOMMASSO FIIORE Sede Centrale: Via Padre A. M. di Francia, Modugno Tel. 080/ Fax 080/ Sito web: www. iissfiore.gov.it Dirigente scolastico: / Sede associata: Via Roma, Grumo Appula Tel./Fax 080/ Codice Fiscale Codice Ministeriale: BAIS02900G DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Approvato in data 11 maggio 2013) Protocollo n del 15/05/2015 CLASSE V sez. A Indirizzo AFM Anno scolastico COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE GIOVANNA BIRARDI LUCREZIA LAPENNA TIZIANA MINARDI MANFREDI RICCIARDELLI ALMA BIBOLOTTI LAURA GUARINI FRANCESCO SCATTARELLI ANTONIO SALONNA VALENTINA FANELLI anna ANNA RUCCI DISCIPLINA Matematica Inglese Italiano e Storia Economia Aziendale Francese Religione Diritto ed Economia Educazione Fisica Sostegno Sostegno ANNA RU ANNA ana IL COORDINATORE ANNAVALENTINA Prof. Francesco Scattarelli IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Eugenio Scardaccione

2 IL CONTESTO SOCIO AMBIENTALE DEL TOMMASO FIORE L Istituto opera in un contesto di comuni (Modugno, Palo del Colle, Bitetto) caratterizzato da nuclei familiari dipendenti tradizionalmente dal settore delle aziende di produzione, ma che oggi vede la prevalenza del terziario commerciale, anche se va rilevato, attualmente, un interessante sviluppo di una realtà produttiva artigianale e di piccola industria. Il bacino d utenza dell istituto è pertanto formato da alunni che, per la maggior parte, provengono da famiglie di commercianti, piccoli artigiani, coltivatori diretti, braccianti e operai; non molti sono dunque gli studenti provenienti da ambiti familiari fortemente motivati. Le famiglie decidono di far frequentare l Istituto perché ritengono sia l indirizzo scolastico più idoneo per l inserimento rapido dello studente nel contesto lavorativo, nonché per l accesso alle facoltà universitarie a vocazione aziendale, linguistica e turistica. IL PERCORSO DI STUDIO Il corso AFM punta alla formazione di tecnici specializzati nella gestione aziendale e nell interpretazione dei risultati economici relativi alle varie funzioni in cui si articola il sistema azienda. Il piano di studi dell indirizzo AFM è diviso in: 1. un biennio di tipo orientativo, che garantisce una preparazione culturale di base simile ai programmi sperimentali della maggior parte delle scuole secondarie e tale da consentire allo studente di scegliere ed, eventualmente, cambiare indirizzo qualora lo ritenga opportuno; 2. un triennio di specializzazione, che garantisce una preparazione tecnicoprofessionale specifica, mirata a conseguire un ottima formazione culturale, conoscenze linguistiche (due lingue ), conoscenze giuridico / economiche ed aziendali. PROFILO PROFESSIONALE DEL DIPLOMATO Il diplomato nell indirizzo Amministrazione, finanza e marketing possiede competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico-aziendali nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, oltre a competenze specifiche riguardanti il sistema azienda, in una prospettiva che implica l utilizzo delle tecnologie e delle forme di comunicazione più appropriate, incluse le lingue straniere. Le discipline di indirizzo mirano a sviluppare competenze imprenditoriali, che rappresentano il motore dell innovazione, della competitività e della crescita, in modo da far acquisire agli studenti una visione orientata al cambiamento, all iniziativa, alla creatività ed alla mobilità geografica e professionale. Pertanto egli sa: Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni

3 professionali; Utilizzare gli strumenti culturali e metodologici per porsi con atteggiamento razionale, critico e responsabile di fronte alla realtà, ai suoi fenomeni, ai suoi problemi, anche ai fini dell apprendimento permanente; Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici, territoriali dell ambiente naturale ed antropico, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali, culturali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo; Padroneggiare la lingua inglese e francese, per scopi comunicativi e utilizzare i linguaggi settoriali relativi ai percorsi di studio, per interagire in diversi ambiti e contesti professionali, al livello B1/B2 del quadro comune europeo di riferimento per le lingue (QCER); Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali; Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni problematiche, elaborando opportune soluzioni; Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare; Correlare la conoscenza storica generale agli sviluppi delle scienze, delle tecnologie e delle tecniche negli specifici campi professionali di riferimento; Riconoscere e interpretare le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto, i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda, i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse; Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali;. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese; Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata; Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i risultati; Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali; Riconoscere e interpretare le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto, i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda, ed i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica

4 attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse; Riconoscere i principali aspetti comunicativi, culturali e relazionali dell espressività corporea ed esercitare in modo efficace la pratica sportiva per il benessere individuale e collettivo PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La V^ sez. A AFM è composta da 18 studenti(13 ragazze e 5 ragazzi), tutti provenienti dalla IV^ sez. A AFM dello scorso anno scolastico. Il gruppo classe è costituito da alunni che per la maggior parte hanno frequentato insieme gli anni di scuola superiore; risultano quindi uniti da vincoli di socialità e da una certa omogeneità di atteggiamenti. È presente un alunna con diversa abilità, che, seguendo un percorso differenziato il cui PEI allegato al presente documento è depositato presso gli uffici amministrativi di questo Istituto, ha maturato nel quinquennio significativi progressi sul piano dell autonomia e dell acquisizione di elementari competenze trasversali. Il dato caratteristico comune è una certa ricettività, seppur in presenza di alcuni alunni il cui atteggiamento è risultato essere talvolta passivo e non sempre pienamente partecipe al dialogo educativo. Si è rilevata inoltre una certa difficoltà per alcuni degli studenti a rispettare l orario delle lezioni e i tempi delle consegne e a portare a termine gli impegni con senso di responsabilità. Va altresì detto che nel corso del quinquennio la classe ha subito una certa discontinuità didattica, vista l alternanza dei docenti in diverse discipline. Tuttavia, gli alunni più motivati e con buone competenze di base, sono riusciti ad essere di stimolo per la classe. Il dialogo educativo, fondato sulla stima e sulla reciproca fiducia, è stato impostato in modo da valorizzare la cultura e la scuola come momenti essenziali per fornire un adeguata preparazione alla vita ed un valido aiuto per lo sviluppo armonico della personalità. Le continue sollecitazioni, il coinvolgimento delle famiglie e le attività di arricchimento dell offerta formativa, hanno positivamente inciso sull andamento didattico educativo. Infatti, alla fine del quarto anno, quattro alunni, hanno preso parte al soggiorno-studio di tre settimane a Parigi conseguendo la certificazione DELF di livello B1 del QCER. Pertanto, le abilità e competenze individuate dal Consiglio di Classe, sono state conseguite in modo mediamente discreto dai componenti del gruppo classe il quale, pur variegato ed eterogeneo in termini di capacità logico-intuitive e partecipazione al dialogo educativo, è sempre stato caratterizzato da un certo senso di responsabilità, impegno nel lavoro domestico e discreta concentrazione. In un contesto così delineato, il livello culturale e professionale raggiunto si presenta eterogeneo, il che è riconducibile tanto ai diversi livelli di motivazione quanto ai differenti stili di apprendimento, oltre che al permanere in alcuni elementi di residue lacune pregresse. In effetti, in diverse discipline, è stato

5 necessario un rallentamento nelle attività programmate, una semplificazione degli argomenti, una continua revisione dei contenuti. Alcuni alunni, dotati di buone capacità logico intuitive, hanno saputo investire le loro risorse nel potenziamento delle competenze, realizzando una crescita personale e culturale soddisfacente e conseguendo apprezzabili livelli di preparazione e la padronanza dei contenuti proposti, nell acquisizione di abilità spendibili in diversi contesti, cogliendo le interazioni tra le varie discipline e mostrando una buona capacità interpretativa. I rimanenti alunni possono essere divisi in due gruppi: un gruppo evidenzia il possesso di conoscenze più che sufficiente degli argomenti di studio e del lessico specifico, un esposizione semplice e competenze prevalentemente applicative in quasi tutte le discipline; l altro gruppo invece evidenzia una quasi sufficiente acquisizione delle abilità di base, a causa di una saltuaria ed incostante applicazione che ha impedito, nonostante le buone potenzialità, il pieno raggiungimento degli obiettivi cognitivi prefissati in sede di programmazione consiliare. In conclusione, si può ritenere che la classe nel complesso, anche se non si è dimostrata sempre costante nell'impegno e non ha sempre sfruttato al massimo le proprie potenzialità e nonostante il calo di rendimento registrato in alcuni casi, ha conseguito perlomeno gli obiettivi minimi preventivati e rispondenti al profilo professionale di indirizzo. La maggior parte degli alunni, a differenti livelli e se opportunamente guidati, si orientano tra i processi essenziali che caratterizzano la gestione delle aziende sotto il profilo linguistico, economico, giuridico, organizzativo e contabile. GLI STUDENTI 1 ALTERO Giovanni 2 BARNABA Nicola 3 COMETA MARIA F. 4 CORRIERO Domenico 5 DE FANO Lorenza 6 DE FANO Sara 7 DE MARZO Simona 8 DELEONIBUS Olimpia 9 DEMARCO Annamaria 10 LAGATTOLLA Noemi 11 MAZZILLI Lidia 12 PROCE Alessia 13 REALE ANTONIO 14 SAPONARO Roberta

6 15 SCARASCIULLI Maria Luisa 16 STRAMAGLIA Francesca 17 TERRONE Giovanni 18 VACCARO Maria ATTIVITA' INTEGRATIVE NELL'AMBITO DELLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Nel corso del triennio la classe ha partecipato a diverse esperienze formative. Da ricordare fra le altre la partecipazione al progetto Vite spezzate (prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro). Inoltre al termine del quarto anno scolastico, durante il periodo estivo, alcuni alunni hanno partecipato ad uno stage presso il Tribunale di Bari. All inizio del quinto anno 4 alunni della classe hanno partecipato al Progetto PON Azione C1(Interventi formativi per lo sviluppo delle competenze chiave comunicazione nelle lingue straniere), finanziato con i Fondi Strutturali Europei(codice progetto C1-FSE ). Partons en formule B1. La certificazione di Francese di livello B1 è stata conseguita nel mese di novembre del Sempre nel corso del quinto anno alcuni alunni hanno frequentato il corso ECDL full standard(patente europea per l uso del computer, in conformità al syllabus e al Regolamento per la certificazione delle competenze digitali )superandolo con successo. Tutti gli allievi durante le attività svolte hanno serbato una condotta esemplare, ricevendo numerosi attestati di stima per l impegno profuso. La classe ha partecipato pure a varie iniziative di dibattiti storico-sociali e culturali, convegni, seminari, manifestazioni organizzate, rappresentazioni teatrali e incontri di orientamento svoltisi all interno ed all esterno della scuola. La quasi totalità degli alunni ha, infine, partecipato, ad un breve viaggio d istruzione a Napoli, con visita e scoperta della cultura dei posti caratteristici della città. ARGOMENTI OGGETTO DI TRATTAZIONE INTERDISCIPLINARE Il consiglio di classe ha individuato le seguenti UDA interdisciplinari, che hanno coinvolto le seguenti materie: 1) Titolo: Break-even point a)argomento: programmazione lineari b)discipline coinvolte: Matematica ed Inglese 2) Titolo: Quale globalizzazione? a) Argomenti: trasporti ed inquinamento globale, decrescita, altra economia, commercio equo ed etico b) Discipline coinvolte: Francese ed Inglese

7 METODOLOGIE D INSEGNAMENTO Si è partiti dal concetto di studio inteso non come semplice trasmissione ma come ricerca del sapere compiuta da studenti ed insegnanti in continua interazione. Si è cercato di realizzare l effettiva individualizzazione dell insegnamento procedendo sempre dai livelli di conoscenze dei singoli alunni, partendo dal contesto esperienziale degli alunni e procedendo per successive generalizzazioni e astrazioni (scoperta guidata). Le lezioni frontali sono state ridotte al minimo indispensabile e si è favorita la lezione partecipata. Si sono anche organizzati lavori di gruppo in diverse discipline. Per la memorizzazione si è cercato di favorire la produzione autonoma di schemi, grafici, tabelle. Per l approfondimento e l aggiornamento dei contenuti si sono utilizzate ricerche tramite la rete internet. La scansione del processo "insegnamento-apprendimento" è avvenuta per sequenze di Unità didattiche o per moduli che ricostruiscano le discipline in ordine logico e nella loro struttura unitaria. In ogni caso si è cercato di privilegiare l'efficacia della comunicazione, senza perdere mai di vista la correttezza formale. STRUMENTI E SUSSIDI DIDATTICI UTILIZZATI Laboratorio informatico e linguistico, palestra, attrezzature video ed audioregistratore, materiali didattici, testi adottati, dizionari, schemi di sintesi, quotidiani e settimanali di economia, documenti storici fotocopiati, codice civile, fotocopie, Internet, LIM e Videoproiettore. VERIFICHE E VALUTAZIONI Verifiche formative Le verifiche formative hanno consentito l individualizzazione dell insegnamento, per opportuni adeguamenti della programmazione e per l attivazione delle strategie di recupero. Si sono utilizzate: esercitazioni, brevi interrogazioni collettive, compilazione di documenti, moduli e relazioni, lavori di gruppo. Verifiche sommative Hanno riguardato uno o più moduli o unità didattiche e sono state realizzate attraverso: - Prove strutturate: Item a risposta multipla, Vero/Falso, Completamento, Corrispondenze; - Prove semistrutturate: Quesiti a risposta singola; - Prove non strutturate: Interrogazione orale, Tema, Questionari a risposta aperta, Relazioni. Verifiche finali Si è tenuto conto, oltre che delle verifiche sommative, del livello di partenza dell alunno, dell interesse mostrato, della partecipazione attiva, delle capacità personali, dell impegno individuale, degli effettivi

8 progressi realizzati. Infine della valutazione si è sempre data opportuna informazione agli studenti ed alle loro famiglie. Descrittori: 1. Conoscenza e completezza degli argomenti; 2. Chiarezza espositiva ed uso corretto del lessico specifico; 3. Estrapolazione dei concetti; 4. Capacità di analisi e di sintesi; 5. Rielaborazione personale; 6. Capacità di operare collegamenti coerenti all interno dei programmi svolti e con conoscenze dovute ad interesse personale. In allegato al documento si riportano le griglie di valutazione adottate per la correzione delle prove scritte nonché del colloquio. SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA Il Consiglio di Classe ha individuato come particolarmente significativi i legami concettuali esistenti tra le seguenti discipline: STORIA DIRITTO FRANCESE INGLESE ed EDUCAZIONE FISICA e su tale base ha sviluppato la progettazione della simulazione effettuata in preparazione della prova scritta degli Esami di Stato. Data di svolgimento: 22 aprile Tempo assegnato: 3 h. Tipologia adottata: tre quesiti a risposta singola per ciascuna delle 5 materie prescelte(per un totale di 15 quesiti)con uno spazio prefissato per tutte le discipline(8 righi). Restano a disposizione della commissione le prove somministrate durante la simulazione. PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE Parte integrante del presente documento sono i percorsi formativi di seguito allegati. Il percorso formativo seguito da ciascun docente ha comportato la selezione degli argomenti e degli obiettivi in termini di conoscenza, competenza e capacità relative alle singole discipline, la loro organizzazione anche temporale e la tipologia di prove di verifica utilizzate, nonché tutti gli ulteriori elementi utili alla comprensione dello stesso.

9 ALLEGATI: PERCORSI FORMATIVI DISCIPLINARI PROVE PROPOSTE NELLA SIMULAZIONE DELLA TERZA PROVA D ESAME GRIGLIE DI VALUTAZIONE

10 DISCIPLINA: Matematica INSEGNANTE: Prof.ssa Birardi Giovanna SCHEDA DISCIPLINARE - Matematica LIBRO DI TESTO - Massimo Bergamini Anna Trifone Graziella Barozzi: Matematica.rosso con Maths in English Zanichelli. CONOSCENZE ABILITA E COMPETENZE IN ESITO CONOSCENZE: U0 - Calcolo derivate e ricerca estremanti di funzioni in una variabile; U1 - Studio di funzioni reali in due variabili ed applicazioni in campo aziendale; U2 - Ricerca Operativa e Programmazione Lineare; U3 - Problemi di decisione. ABILITA : U0: - Saper calcolare la derivata di funzioni intere, fratte e composte; - Saper determinare gli estremanti di una funzione con il metodo delle derivate successive. U1: -Riconoscere le varie tipologie di funzioni in due variabili; -Determinare il dominio di funzioni; -Calcolare le derivate parziali successive di una funzione; -Ricercare punti di massimo, di minimo di funzioni libere e vincolate; -Costruire modelli matematici per rappresentare obiettivi aziendali utilizzando le funzioni in due variabili; -Risolvere problemi di massimo profitto e massima utilità. U2: -Risolvere problemi di massimo profitto o minimo costo con l uso di funzioni in due variabili lineari con vincoli lineari; -Impostare e risolvere problemi in più variabili riconducibili a due; -Risolvere problemi di trasporto con due origini e tre destinazioni. U3: -Riconoscere le diverse tipologie di problemi aziendali; -Individuare per ognuna di esse l opportuna tecnica risolutiva e tradurla in prassi operativa; -Saper ricercare l alternativa più conveniente fra varie alternative applicando correttamente i criteri studiati a seconda delle condizioni in cui tale scelta viene effettuata. COMPETENZE: M1 Utilizzare il linguaggio ed i metodi propri della matematica per organizzare e valutare adeguatamente informazioni qualitative e quantitative M2 Utilizzare le strategie del pensiero razionale negli aspetti dialettici e algoritmici per affrontare situazioni problematiche, elaborando opportune soluzioni M3 Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare

11 CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI UNITA DI APPRENDIMENTO TEMPI IN ORE U0 Derivate di funzioni in una variabile e ricerca estremanti 12 U1 - Funzioni reali in due variabili 12 U1 - Ricerca di estremanti di funzioni in due variabili 7 U1 - Applicazioni a problemi di economia 6 U2 - Programmazione lineare 8 U2 - Problema del trasporto 2 U3 - Problemi di decisione in una variabile 25 Riepilogo generale 5 Numero di ore complessive fruite nell anno 77 METODOLOGIA DI INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO - Lezione frontale; - Problem solving con l ausilio di schemi e grafici; - Applicazioni informatiche. SPAZI, ATTREZZATURE, TECNOLOGIE ADOTTATE - Aula scolastica; - Laboratorio di informatica. TIPOLOGIE DI PROVE UTILIZZATE PER LA VERIFICA - Scritte; - Orali; - Quesiti a risposta multipla; - Quesiti a risposta aperta; - Risoluzione di problemi ; - Casi pratici e professionali. ALTRI MATERIALI DIDATTICI UTILIZZATI Software: Derive ; Testo: P. Baroncini E. Fabbri C. Grassi : Lineamenti di matematica Ghisetti e Corvi Moduli F - G - H. CRITERI DI VALUTAZIONE In conformità a quanto stabilito in sede di programmazione del Consiglio di Classe, per valutare gli esiti del processo di apprendimento si è tenuto conto della griglia di osservazione allegata al presente documento. Modugno, 11/05/2015 La docente GIOVANNA BIRARDI

12 DISCIPLINA: Inglese INSEGNANTE: Prof.ssa Lapenna Lucrezia SCHEDA DISCIPLINARE INGLESE LIBRO DI TESTO Flavia Ventini: IN BUSINESS - PearsonLongman CONOSCENZE ABILITA E COMPETENZE IN ESITO CONOSCENZE:rafforzare le conoscenze e l uso di strutture morfo-sintattiche di base; conoscere il lessico specifico d indirizzo; vari tipi di corrispondenza commerciale; vari aspetti del mondo del lavoro; commercio, commercio on-line e commercio internazionale; Green Economy, globalizzazione, aspetti geografici, politici, storici e sociali della Gran Bretagna e degli Stati Uniti; conoscenza del linguaggio letterario attraverso l analisi della commedia An Ideal Husband di Oscar Wilde e cenni sull autore. L Unione Europea. ABILITA : Parlare Ascoltare Leggere Scrivere Essere in grado di chiedere informazioni utili per potersi muovere in un contesto sociale (fare prenotazioni, presentarsi ad un colloquio di lavoro, documentarsi su prodotti e servizi); interagire in situazioni comunicative di tipo quotidiano e professionale a livello formale ed informale; saper esprimere opinioni; esporre su argomenti di indirizzo, definizioni e descrizioni dei processi di produzione e distribuzione; interviste; prenotazioni; richieste di informazioni. Comprendere le informazioni principali in un discorso chiaro in lingua; approfondimenti culturali; argomenti di attualità inerenti l indirizzo. Comprendere le informazioni di testi di tipo informativo e descrittivo su argomenti di interesse sociale, economico, storico geografico e scientifico. Saper sintetizzare contenuti di vario tipo; saper prendere nota; riassumere argomenti; compilare questionari, moduli; scrivere lettere o .

13 COMPETENZE: -Problemsolving -Lettura di articoli di giornale o altro materiale autentico; -Ascolto di dialoghi formali su temi specifici di indirizzo e riferimento orale dei punti più salienti; Interviste; -Analisi di grafici e diagrammi con descrizione degli stessi; -Compilazione di lettere, questionari, riassunti; - exampractice scritto e orale. CONTENUTI DISCLIPLINARI E TEMPI UNITA DI APPRENDIMENTO TEMPI IN ORE U0: Globalization, advantages, disadvantages, outsourcing and 10 offshoring. U1:Our changing world, migration and travel, technological advance; globalization, weakening of the European nation-state; crisis of religion and family, ecological concern, climate change,terrorism and security. 16 WTO and NAFTA. U2:O.Wilde, An Ideal Husbad (note sull autore, lettura, 18 comprensione e traduzione del copione). U3:The UK (land and climate; people and history; economy; 10 government) U4:The USA (land and climate; people and history; economy; 10 government). U5:The European Union (its organization and institutions). 6 Riepilogogenerale 10 Numero di ore complessive fruite nell anno 80 METODOLOGIA DI INSEGNAMENTO - APPRENDIMENTO Relativamente alle metodologie da utilizzare, al fine di agevolare il percorso formativo degli studenti, in piena concordanza con quanto riportato nelle linee guida, si applicherà il metodo comunicativo - situazionale, si ricorrerà alla didattica laboratoriale favorendo il lavoro cooperativo ed utilizzando tutte le tecnologie di cui l istituto dispone; lezione frontale, lavoro cooperativo,problemsolving, lezione dialogata. SPAZI, ATTREZZATURE, TECNOLOGIE ADOTTATE -Aula scolastica -Lettore DVD -Laboratorio linguistico -CD-Registratore per sviluppare l abilità di ascolto -Altri sussidi e materiali didattici autentici

14 TIPOLOGIE DI PROVE USATE PER LA VERIFICA -Scritte -Orali -Quesiti a risposta multipla -Quesiti a risposta aperta -Risoluzione di problemi CRITERI DI VALUTAZIONE In conformità a quanto stabilito in sede di programmazione del Consiglio di Classe, per valutare gli esiti del processo di apprendimento si è tenuto conto della griglia di osservazione allegata al presente documento. Modugno, 11/05/2015 La docente LUCREZIA LAPENNA

15 SCHEDA DISCIPLINARE DISCIPLINA:DIRITTO PUBBLICO E SCIENZA DELLE FINANZE DOCENTE: FRANCESCO SCATTARELLI LIBRI DI TESTO: DIRITTO PUBBLICO : DIRITTO PUBBLICO DI MARCO CAPILUPPI, ED. TRAMONTANA; ECONOMIA POLITICA: SISTEMA ECONOMIA DI C. BIANCHI, P. MACCARI ED E. PERUCCI ED. PARAMOND. OBIETTIVI REALIZZATI CONOSCENZE: DIRITTO PUBBLICO Conoscere il concetto di Stato e saper indicare gli elementi che lo costituiscono Conoscere la composizione e la struttura del Parlamento e del Governo Conoscere l organizzazione ed il funzionamento della magistratura Conoscere le funzioni e l organizzazione degli enti territoriali Conoscere le funzioni e il ruolo del Presidente della Repubblica Conoscere la composizione e le funzioni della Corte Costituzionale Conoscere l organizzazione e le funzioni delle istituzioni comunitarie Conoscere le funzioni delle principali organizzazioni internazionali Conoscere i principali organi e attività della P.A. Conoscere gli atti, i provvedimenti amministrativi ed il procedimento amministrativo ECONOMIA POLITICA individuare i principi regolatori dell attività finanziaria dello Stato e i modi in cui l operatore pubblico acquista e utilizza le risorse necessarie per lo svolgimento dei propri compiti; individuare la politica fiscale come strumento che si prefigge la redistribuzione del reddito, l accrescimento dell efficienza del sistema e della sua attitudine a produrre benessere; analizzare gli effetti economici della spesa pubblica; rappresentare la molteplicità delle entrate pubbliche come mezzo che consente di attuare una politica delle entrate rivolta alla stabilità e allo sviluppo

16 COMPETENZE: CAPACITA : individuare i motivi che rendono il bilancio pubblico strumento di programmazione per pianificare la spesa pubblica allo scopo di garantire la piena occupazione e di massimizzare lo sviluppo del paese individuare i principi fondamentali, i caratteri, le prestazioni e le modalità di finanziamento del sistema di protezione sociale italiano individuare e analizzare i rapporti tra finanza statale e finanza locale descrivere l evoluzione e la struttura del sistema tributario italiano interpretare i principi costituzionali su cui si basa il sistema tributario italiano individuare e distinguere gli aspetti giuridici ed economici delle singole imposte DIRITTO PUBBLICO Saper inquadrare gli organi statali, il loro ruolo ed i loro rapporti; Saper orientarsi nei fenomeni trattati; Saper consultare le fonti giuridiche; Saper sintetizzare sia in forma scritta che in forma orale; Saper utilizzare il linguaggio specifico; Saper formulare critiche alle azioni dei singoli organi e ai rapporti tra loro intercorrenti. Cogliere le forzature che i nostri politici operano sulla nostra Costituzione ECONOMIA POLITICA Saper esaminare, interpretare e utilizzare i vari documenti (bilancio dello Stato ecc.) con riferimento alla normativa fiscale studiata; saper descrivere la struttura di documenti (ad esempio dichiarazione dei redditi) e la relativa normativa fiscale; interpretare, analizzare e comunicare i contenuti essenziali di testi economici e finanziari; saper formulare ipotesi risolutive di problemi finanziari di media complessità motivando le scelte e verificando soluzioni. DIRITTO PUBBLICO Saper individuare e definire gli istituti giuridici trattati Saper distinguere le funzioni dello Stato ed i compiti relativi

17 Saper definire i concetti di popolo, popolazione, Nazione,Stato, cittadinanza, straniero Saper individuare e delineare i compiti essenziali degli organi costituzionali Saper illustrarla disciplina degli enti territoriali Saper delineare i rapporti tra l ordinamento internazionale e comunitario Saper analizzare l organizzazione della P.A. Saper riconoscere la struttura di un provvedimento amministrativo Saper descrivere le diverse fasi di un procedimento amministrativo Saper individuare le fasi del procedimento di formazione di un contratto pubblico ECONOMIA POLITICA Individuare i principi regolatori dell'attività finanziaria dello Stato e i modi in cui l'operatore pubblico acquista e utilizza le risorse necessarie per lo svolgimento dei propri compiti; Individuare la politica fiscale come strumento che si prefigge la redistribuzione del reddito, l'accrescimento dell'efficienza del sistema e della sua attitudine a produrre benessere; individuare la necessità dell'inquadramento della spesa pubblica in una politica di programmazione analizzare gli effetti economici della spesa pubblica ed individuare i motivi che rendono il bilancio pubblico strumento di programmazione per pianificare la spesa pubblica allo scopo di garantire la piena occupazione e di massimizzare lo sviluppo del paese; rappresentare la molteplicità delle entrate pubbliche come mezzo che consente di attuare una politica delle entrate rivolta alla stabilità e allo sviluppo; individuare e analizzare i rapporti tra finanza statale e locale; descrivere l'evoluzione e la struttura del sistema tributario italiano; individuare e distinguere gli aspetti giuridici ed economici delle singole imposte

18 CONTENUTI DISCIPLINARI (articolati in macro-unità) E TEMPI UNITA DI APPRENDIMENTO DIRITTO PUBBLICO Lo Stato ed i suoi elementi Gli organi costituzionali dello Stato Gli enti territoriali L unione europea La comunità internazionale La pubblica amministrazione L attività amministrativa SCIENZA DELLE FINANZE La finanza pubblica L attività finanziaria dello Stato La spesa pubblica Le entrate pubbliche Il bilancio dello Stato italiano La finanza della protezione sociale La finanza locale Il sistema tributario italiano Principi generali dell imposizione fiscale Numero di ore complessive fruite nell anno TEMPI IN ORE tempi di attuazione di tutti i moduli adeguati ai ritmi di apprendimento dei contenuti manifestati dagli studenti nonché ai tempi necessari per il recupero curricolare tempi di attuazione di tutti i moduli adeguati ai ritmi di apprendimento dei contenuti manifestati dagli studenti nonché ai tempi necessari per il recupero curricolare 198 ore METODOLOGIA DI INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO Metodo induttivo Simulazioni Problem-solving Lezioni frontali Discussione guidata Lezioni interattive Esercitazioni di gruppo Schemi e appunti X X X X X X X X ALTRE ATTIVITA CURRICULARI ED EXTRACURRICULARI RICONDUCIBILI ALLA DISCIPLINA Partecipazione ai Progetti d istituto approvati dal Collegio dei docenti e indicati nel P.O.F. SPAZI, ATTREZZATURE, TECNOLOGIE ADOTTATE Aula, laboratorio e conferenze. I sussidi didattici essenziali rappresentati dai libri di testo, lavagna (anche interattiva), grafici, TUIR, Costituzione e leggi costituzionali, i vari codici e testi normativi, giornali e riviste specializzate. Appunti del professore, fotocopie, mappe concettuali, schematizzazioni esemplificative. TIPOLOGIE DI PROVE UTILIZZATE PER LA VERIFICA osservazione attenta e sistematica dei comportamenti della classe e dei singoli alunni; registrazione puntuale degli interventi e della partecipazione/coinvolgimento attivo dell'alunno; interrogazioni/colloqui frequenti, integrati da prove oggettive; prove scritte di tipo aperto, strutturato o parzialmente strutturato;

19 ALTRIMATERIALI DIDATTICI UTILIZZATI Materiale multimediale utilizzando strumenti informatici (pc, LIM, etc.). CRITERI DI VALUTAZIONE In conformità a quanto stabilito in sede di programmazione del Consiglio di Classe, per verificare il conseguimento degli obiettivi prefissati si è tenuto conto della griglia di osservazione allegata al presente documento. Modugno,11/05/2014 Il docente Francesco Scattarelli

20 SCHEDA DISCIPLINARE Economia Aziendale DISCIPLINA: Economia Aziendale classe 5 AFM. INSEGNANTE: Manfredi RICCIARDELLI. TESTO ADOTTATO: Con noi In Azienda Plus 5 Le Monnier Scuola CONOSCENZE ABILITA E COMPETENZE IN ESITO CONOSCENZE: 1. La funzione informativa del Bilancio d'sercizio, riclassificazione dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico, analisi di bilancio per indici. 2. Le procedure di revisione e controllo di bilancio. 3. L'imposizione fiscale. 4. Pianificazione e programmazione strategica, strategie e contabilità dei costi, budget e controllo di gestione. 5. La gestione finanziaria dell'impresa ABILITA': 1. Interpretare l'andamento della gestione aziendale attraverso l'analisi di bilancio per indici; Predisporre report differenziati. 2. Riconoscere gli elementi di positività e criticità espressi nella certificazione di revisione. 3. Interpretare la normativa fiscale; Redigere le scritture in P.D. Relative alle imposte e procedere alla loro iscrizione in bilancio. 4. Delineare il processo di pianificazione, programmazione e controllo individuandone gli strumenti tipici e il relativo utilizzo; Costruire il sistema budget; Predisporre report differenziati in relazione ai casi studiati. 5. Effettuare ricerche ed elaborare proposte in relazione a specifiche situazioni finanziarie; Predisporre report in relazione ai casi studiati. COMPETENZE: 1. Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali; Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa con riferimento a differenti contesti; Identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti. 2. Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alla attività di revisione dei conti. 3. Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali; Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa con riferimento a differenti contesti; Identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti. 4. Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione, analizzandone i dati; Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti di comunicazione integrata d'impresa con riferimento a differenti contesti; Identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti. 5. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie; Identificare e applicare le metodologie e le tecniche della gestione per progetti. CONTENUTI DISCIPLINARI (articolati in moduli). Tempi: 250 ore complessive fruite nel corso dei due quadrimestri

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici

Learning 4 All. Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Learning 4 All Proposta di template per la descrizione comune dei Format didattici Autore/i Data Versione Reviewer Ferrari L., Lovece S. 12/10/2010 1.1 Luigi Guerra, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Enrico

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli