Materia Docente Firma. SCARAMOZZINO Domenica Dana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Materia Docente Firma. SCARAMOZZINO Domenica Dana"

Transcript

1 I.T.C. V. ARANGIO RUIZ - ROMA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE a.s Indirizzo: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING Classe V sez.a Redatto il giorno Composizione del Consiglio di Classe Diritto Materia Docente Firma CECCHINI Marina Economia Aziendale Scienze motorie Francese Inglese Italiano Matematica Scienza delle finanze Storia I.R.C. APPOLLONI Anna Maria GAMBUTI Abele MAZZONI Susanna SCARAMOZZINO Domenica Dana COSTA Claudio GIORDANO Rosalia CECCHINI Marina COSTA Claudio D IPPOLITO Alfonso Il Coordinatore di classe Prof.ssa Marina Cecchini Il Dirigente Scolastico Prof.ssa Viviana Ranucci 1.L ISTITUZIONE SCOLASTICA 1.1. IL TERRITORIO L Istituto Tecnico Statale VINCENZO ARANGIO RUIZ e situato a Roma in viale Africa, 109. Il territorio su cui insiste e quello del IX Municipio del Comune di Roma (gia XII). La zona, che comprende il quartiere storico dell'e.u.r, e attraversata nella sua fascia esterna dal G.R.A. Essa e intensamente

2 urbanizzata e grazie ai nuovi insediamenti esterni al Raccordo l'eta media della popolazione si e abbassata notevolmente. Il territorio e ricco di istituzioni pubbliche (Ministero della salute, INPS, Aziende sanitarie, scuole di ogni ordine e grado, ecc.) e private (Confindustria, EUR SPA, Istituti bancari, Compagnie telefoniche, ecc). Sono presenti inoltre numerosi impianti sportivi di livello olimpico come piscine, palestre, campi da rugby ecc. La nostra istituzione scolastica si confronta quindi con un'utenza giovane e dinamica fortemente integrata con un territorio che offre molte risorse. Grazie ai numerosi collegamenti messi in atto dalle aziende di trasporto, il bacino di utenza si estende molto al di la del IX Municipio e delle aree urbane limitrofe, coinvolgendo insediamenti come Castel di Leva, Divino Amore, Vitinia, Casal Bernocchi, Acilia, Axa, Casalpalocco Ostia, Torvaianica, Pomezia, Ardea. L'Istituto promuove attraverso numerose iniziative curricolari ed extracurricolari l'integrazione culturale e sociale dei sui allievi LA STORIA L Istituto, intitolato a Vincenzo ArangioRuiz (Napoli 1884-Roma 1964), illustre giurista e studioso di papirologia giuridica, che ricopri anche la carica di Ministro di Grazia e Giustizia e della Pubblica Istruzione, e stato inaugurato nell a.s L'Istituto sin dalla sua nascita e stato all'avanguardia nell'innovazione della didattica dando vita alla cosiddetta Maxisperimentazione in diversi indirizzi. Molte delle innovazioni didattiche e metodologiche applicate dall'istituto sono state recepite dai curricula tradizionali diventando norma in diversi ordinamenti. Nell'a.s la didattica dell'istituto si e ulteriormente rinnovata accogliendo Il PROGETTO IGEA per quanto riguarda l'indirizzo amministrativo e il progetto BROCCA per quanto riguarda gli indirizzi linguistico e telematico. Attualmente in applicazione della riforma tali progetti sono esauriti e nelle prime, seconde, terze, quarte e, da quest'anno scolastico, nelle quinte classi sono in attuazione i seguenti ordinamenti: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ; INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ; LICEO LINGUISTICO L'ANNO SCOLASTICO In questo anno scolastico, per motivi di capienza, è stata aperta una succursale, sita in via Tarantelli, in zona Torrino, presso la fermata Tor di Valle della linea ferroviaria urbana Roma-Ostia, in un edificio scolastico che è contemporaneamente sede di una succursale dell'ipsia Giulio Verne. Nella succursale è stato trasferito in blocco l'indirizzo AFM, composto a inizio anno scolastico da otto classi. Studenti e famiglie non hanno approvato questa scelta del Consiglio d'istituto decisa e comunicata a fine giugno L inizio dell anno scolastico è stato perciò caratterizzato da oltre un mese di azioni di protesta della maggior parte degli studenti e di un gruppo consistente di genitori che hanno finito per ritirare dalla scuola oltre cinquanta studenti determinando la contrazione di due classi (seconda e terza) del corso AFM. Per rispondere costruttivamente a questa situazione critica, il Collegio Docenti ha approvato uno specifico progetto per l indirizzo AFM, che i docenti del corso hanno realizzato nell anno, favorendo la didattica laboratoriale, la didattica itinerante e proponendo numerose e varie iniziative di arricchimento dell offerta formativa.gli studenti a poco a poco hanno compreso lo scopo e l utilita di questo progetto e vi hanno partecipato con sempre maggiore convinzione. Resta il fatto che il trauma iniziale è stato superato lentamente e ha comportato un rallentamento iniziale di tutti i programmi. 2. IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA DELL ISTITUTO Nel POF la mission dell Istituto è identificata come segue: La gestione e l organizzazione della scuola sono strettamente correlate alle scelte didattico-educative e si basano su una logica di corresponsabilità e di condivisione delle lineeprogrammatiche. L ITC V. ArangioRuiz, nel proprio atto d indirizzo si prefigge di 1. Qualificare ed ancorare la didattica alla realtà.

3 2. Promuovere la continuità formativa in entrata, in itinere ed in uscita. 3. Educare alla Cittadinanza, alla Cultura Costituzionale ed alla Pace, alla cura della cosa pubblica ed al rispetto delle diversità. 4. Migliorare i servizi fruiti ed erogati - Per quanto attiene l obiettivo 1 Qualificare la didattica: si intende sviluppare la dimensione collegiale dell azione docente, con programmazioni didattiche che sappiano valorizzare le singole identità all interno di progetti culturali d ampio respiro. - Per quanto attiene l obiettivo 2 Promuovere la continuità formativa: significa progettare percorsi organici in modo tale da consentire agli studenti di conseguire capacità di scelte consapevoli. - Per quanto attiene l obiettivo 3 Educare alla Cittadinanza: si intende sviluppare iniziative volte alla multiculturalità, alla conoscenza ed al rispetto della Costituzione Repubblicana, alla conoscenza del Trattato Costituzionale Europeo, senza dimenticare l accoglienza, il rispetto e la tolleranza. - Per quanto attiene l obiettivo 4 Migliorare i servizi: significa potenziamento delle strutture presenti, rilevazione delle non conformità e delle criticità, interventi mirati al superamento delle stesse, ottimizzazione delle risorse umane e finanziarie. Nell ambito di una politica di autoverifica e autovalutazione l Istituto si pone inoltre come obiettivi trasversali di: favorire attività di aggiornamento, formazione, e miglioramento delle professionalità dei docenti favorire l innalzamento del livello di apprendimento degli alunni favorire l'acquisizione di un metodo di studio sviluppare le abilità espressive e logico-deduttive 3. PROFILO PROFESSIONALE DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING 3.1. PREMESSA: LA RIFORMA DELLA SCUOLA MEDIA SUPERIORE È stata avviata, a partire dalle prime classi dell a.s , la Riforma della Secondaria Superiore. Il numero delle ore di lezione si è ridotto in tutti gli indirizzi per rendere più sostenibile il carico orario per gli studenti recependo così le indicazioni degli organismi internazionali (OCSE). Il nostro Istituto nell anno scolastico si articola in tre indirizzi di studio: Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Liceo Linguistico Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni 3.2. PROFILO PROFESSIONALE DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZE E MARKETING Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione,finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. Attraverso il percorso generale, è in grado di: - rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali;

4 - redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali; - gestire adempimenti di natura fiscale; - collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda; - svolgere attività di marketing; - collaborare all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali; - utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing RISULTATI DI APPRENDIMENTO IN TERMINI DI COMPETENZE: 1. Riconoscere e interpretare: - le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto; - i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda; - i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse. 2. Individuare e accedere alla normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attività aziendali. 3. Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese. 4. Riconoscere i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date. 5. Individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane. 6. Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata. 7. Applicare i principi e gli strumenti della programmazione e del controllo di gestione,analizzandone i risultati. 8. Inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. 9. Orientarsi nel mercato dei prodotti assicurativo-finanziari, anche per collaborare nella ricerca di soluzioni economicamente vantaggiose. 10. Utilizzare i sistemi informativi aziendali e gli strumenti comunicazione integrata d impresa, per realizzare attività comunicative con riferimento a differenti contesti. 11. Analizzare e produrre i documenti relativi alla rendicontazione sociale e ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa.

5 3.4. QUADRO ORARIO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING MATERIA I II III IV V Religione o attività alterativa Scienze motorie e sportive Lingua e letteratura italiana Storia, Cittadinanza e Costituzione Lingua inglese Matematica Diritto ed economia Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) Scienze integrate (Fisica) Scienze integrate (Chimica) Geografia Informatica Seconda lingua comunitaria Economia aziendale Diritto Economia Politica/Sc. Finanze TOTALE PROFILO DELLA CLASSE La classe è composta da 18 alunni di cui 11 maschi e 7 femmine, tutti provenienti dalla IV A AFM del precedente anno scolastico. In via preliminare va evidenziato che l a.s. ha avuto un inizio travagliato a causa del trasferimento dell intero indirizzo AFM dalla sede centrale alla nuova succursale del Ruiz situata in zona Torrino, trasferimento deciso e comunicato a Luglio 2014 agli alunni e rispettive famiglie. L utenza, invero, ha manifestato la propria disapprovazione in vario modo tentando inutilmente di trovare alternative più soddisfacenti al trasferimento de quo. Il mese di settembre è quindi trascorso nel tentativo di superare il momento di crisi di adattamento alla nuova realtà scolastica. Ciò ha comportato indubbiamente disagi sotto il profilo didattico sia per il naturale rallentamento dello svolgimento dei programmi didattici sia per lo scarso entusiasmo che trapelava dal comportamento degli alunni trasferiti. Superato il momento iniziale di maggiore difficoltà gli alunni hanno comunque tenuto un comportamento improntato alle regole di civile convivenza e hanno partecipato alle numerose attività extracurriculari proposte dal corpo docente nel corso dell a.s. anche allo scopo di far superare loro il disagio provato a causa del distacco dal plesso scolastico scelto e nel quale sostanzialmente erano cresciuti. Inoltre il corpo docente ha continuato ad avere un dialogo costante con le famiglie indipendentemente dalla presenza alle riunioni collegiali.

6 Ciò premesso, per quanto attiene al profilo disciplinare della classe, va evidenziato che una parte degli alunni ha avuto una frequenza scolastica discontinua, utilizzando frequentemente uscite e entrate fuori orario. Tale comportamento ha certamente contribuito a creare e/o mantenere alcune lacune nella preparazione delle singole discipline in quanto, in alcuni casi, vi è stato un impegno superficiale e un lavoro non sempre costante. Dalle singole relazioni allegate al presente documento emerge in primo luogo una situazione particolarmente carente in Economia Aziendale per la maggioranza dei discenti stante le lacune pregresse e lo scarso impegno profuso nel presente a.s.; gli alunni, per quanto riguarda poi le restanti discipline, possono essere distribuiti su due livelli. Un primo livello, costituito da un piccolo gruppo, ha raggiunto un grado di cultura generale mediamente discreto, sia nel campo umanistico che in quello scientifico e mostra di aver compreso gli aspetti generali delle varie funzioni aziendali, rilevando e rappresentando altresì i fatti aziendali con sufficiente chiarezza; invece gli alunni raggruppabili nel secondo livello hanno raggiunto in modo differenziato e solo in parte gli obiettivi di base in termini di conoscenza, competenza e capacità a causa anche della partecipazione poco attiva e di uno studio discontinuo. Va, infine, segnalato che durante l anno scolastico tutti gli alunni hanno partecipato attivamente allo stage bisettimanale Alternanza scuola/lavoro presso l Ufficio territoriale ACI di Roma, acquisendo esperienza e conoscenza relativamente al lavoro di analisi di modelli di funzionamento aziendali conseguendo ottimi risultati. 5. ORGANIZZAZIONE DELL'ATTIVITÀ La tipologia del lavoro collegiale svolto dal consiglio di classe si è armonizzata con le indicazioni generali del Collegio dei docenti TIPOLOGIA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE TIPOLOGIA Lezione frontale Lavoro di gruppo Ins. Individuale Problem solving Lez. Maieutica Approccio testuale Mappe concettuali Laboratorio ITA. STO. INGL. FRA. SC.F. E.AZ. DIR. MAT. ED.F. IRC. x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x

7 5.2. CRITERI E STRUMENTI DI VERIFICA TIPOLOGIA Int. individuale Int. di gruppo Dibattito Autovalutazione Analisi e comm. testo Tratt. arg. stor.lett. Tema di ord. gen. Dom. di compr. testo Ques. risp. mult. Ques. risp. aperta Casi prat. e prof. Esercitaz. prat. lab. ITA. STO. INGL. FRA. SC.F. E.AZ DIR. MAT. ED.F. IRC. x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x 5.3. PROGRAMMI SVOLTI Per quanto riguarda i piani di lavoro delle singole discipline si rimanda all Allegato A.

8 5.4. ATTIVITA STRAORDINARIE IN ORARIO CURRICULARE In orario curriculare sono state svolte alcune attività straordinarie rispetto alle singole discipline ma non estranee al curricolo generale; pur essendo rivolte all intera classe, alcune sono state seguite solo da alcuni studenti di cui si riportano i nomi nella tabella seguente: ATTIVITA Partecipazione a Maker Faire- The European Edition Parco della Musica Roma PARTECIPANTI DATA Tutta la classe 3/10/2014 Conferenza del team interforze delle FFAA in Tutta la classe 27/10/2014 occasione della Festa dell Unita Nazionale (circ.45) Conferenza della Marina Militare (circ. 84) Tutta la classe 1/12/2014 Partecipazione alla proiezione del film Il giovane favoloso Partecipazione al progetto PON Educazione linguistica e letteraria in un ottica plurilingue realizzato dall INDIRE per il MIUR nell ambito del programma Operativo Nazionale 2007/2013 Competenze per lo sviluppo Partecipazione al progetto di Istituto Prepararsi alla prova orale dell Esame di Stato in ottica plurilingue e pluriculturale Visita al Senato della Repubblica per assistere ad una seduta parlamentare Orientamento universitario Roma TRE Facoltà di Economia Orientamento universitario Roma TRE Facoltà di Ingegneria Partecipazione alla campagna La vaccinazione contro rosolia, morbillo e parotite negli adulti promossa dal Dipartimento di Prevenzione della ASL Roma C e dalla regione Lazio (circ. 117) Partecipazione alla Conferenza della Marina Militare (circ. 120) Orientamento universitario Roma TRE Facoltà di Filosofia Stage bisettimanale presso ACI provinciale Alternanza scuola-lavoro Orientamento universitario Roma TRE Facoltà di Lingue e Letteratura straniere Partecipazione al programma formativo Students lab.com Laboratorio di comunicazione ( c.130) Tutta la classe 2/12/2014 Tutta la classe 22/1/2015 Tutta la classe 15/1/2015 Tutta la classe 21/1/2015 Berardi, Cadeddu, Consiglio, Di 27/1/2015 Blasio, Di Luca, Falchetti, Lattanzi, Maraglino, Moreschini, Mustafi, Valeriano, Ye Brancato, Circi, Grossi, 29/1/2015 Lattanzi, Marta, Moreschini, Valeriano Tutta la classe 29/1/2015 Tutta la classe 2/2/2015 Falchetti, Torni, Moreschini,Ye 3/2/2015 Tutta la classe Dal 9 al 20/2/2015 Cadeddu, Di Luca 24/2/2015 Tutta la classe 25/2/2015

9 Visita al Museo Storico delle Poste e telecomunicazioni (ambito CLIL) Conferenza Fisco e scuola della agenzia delle Entrate nell ambito della Settimana della cittadinanza economica e della Legalita in occasione della prima European Money Week Partecipazione al Torneo scolastico di pallavolo (circ. 77) Conferenza nell ambito del progetto Memoria di una storia europea. Il dramma del confine orientale italiano tra foibe ed esodo Viaggio di istruzione nell ambito del progetto Memoria di una storia europea. Il dramma del confine orientale italiano tra foibe ed esodo Giornata di condivisione con gli studenti che hanno partecipato al progetto Memoria di una storia europea. Il dramma del confine orientale italiano tra foibe ed esodo presso il Comune Roma - Sala Giulio Cesare Tutta la classe 5/3/2015 Tutta la classe 13/3/2015 Circi Lattanzi Lorusso Maraglino Moreschini Mustafi Torni Valeriano Brancato, Grossi Marta,Maraglino, Consiglio, Valeriano Grossi, Brancato, Marta 10/4/ /4/2015 Dal 27 al 29/4/2015 Grossi, Brancato, Marta 22/5/ OBIETTIVI RAGGIUNTI DAGLI STUDENTI IN TERMINI DI CONOSCENZE, COMPETENZE, CAPACITA Naturalmente gli obiettivi, indicati in termini di conoscenze, competenze e capacità ed esposti nei piani di lavoro delle singole discipline, sono stati raggiunti in modo diversificato dai singoli alunni della classe. A tali documenti si fa pertanto riferimento per stabilire l effettiva corrispondenza tra il voto della singola materia e il livello di raggiungimento degli obiettivi. Una volta calcolata la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale, il Consiglio di classe attribuirà nell ambito della banda di oscillazione prevista dalla Tabella A del regolamento dell Esame di Stato, il punteggio relativo al credito scolastico, tenendo in considerazione, oltre la media dei voti dell anno in corso e l andamento dei due anni precedenti, anche l assiduita della frequenza scolastica, l interesse e l impegno al dialogo educativo e alle attività complementari ed integrative nonché eventuali crediti formativi. 7 SIMULAZIONI DI PROVE D ESAME Gli studenti allo stato attuale hanno effettuato le seguenti simulazioni delle prove d esame: I PROVA (comune a tutto l Istituto) 9/4/2015 II PROVA 30/4/2015 III PROVA (prima simulazione) 18/3/2015 (seconda simulazione) 13/4/2015 Le tracce della prima e della seconda simulazione della terza prova di esame sono comprese nel presente documento nell ALLEGATO B.

10 Nel caso di effettuazione di ulteriori simulazioni le relative tracce saranno allegate al presente documento a posteriori. ALLEGATO A Relazioni finali dei singoli docenti e programmi svolti delle materie curriculari. ALLEGATO B Simulazioni delle prove scritte d esame somministrate come sopra descritto e relative griglie di valutazione.

11 ALLEGATO A PROGRAMMI E RELAZIONI

12 Relazione finale Anno Scolastico 2014/2015 ITC V.Arangio Ruiz classe V A AFM MATEMATICA APPLICATA Docente : prof.ssa Giordano Rosalia Libro di testo :M. Bergamini A. Trifone Corso base rosso di matematica La classe risulta composta da 18 alunni, di cui 11 maschi e 7 femmine, piuttosto eterogenei per partecipazione alle varie discipline, per impegno e per frequenza. Durante l anno scolastico si e ritirato l'alunno Maltecca Luca. Per quanto riguarda il corpo docente, varie sostituzioni specie nelle discipline tecniche e umanistiche non hanno assicurato la continuita didattica per l intero triennio. Questo ha determinato una certa fatica iniziale degli studenti ad adeguarsi ad una didattica diversa anche per collegarsi a nuove tematiche. In particolare si vuole evidenziare il disagio soprattutto iniziale per il trasferimento nella nuova sede,che ha dato luogo a varie proteste che hanno interrotto la didattica. Avendo mantenuto negli anni la docenza in questa stessa classe, ho potuto osservare una minore partecipazione ed un abbassamento del livello medio della classe pur in un contesto sereno e collaborativo. Si è favorito il raggiungimento di obiettivi non solo scolastici ma anche miranti ad una crescita complessiva, relazionale ed umana. La maggior parte dei discenti ha partecipato attivamente ad attività proposte dalla scuola ma esterne,in particolare quali : alternanza scuola-lavoro per cui sono stati elogiati per l'impegno e per la partecipazione. Nel pieno rispetto della liberta di insegnamento all interno dei curricula, sono state operate scelte il più possibile corrispondenti a criteri di organicità con percorsi rispondenti alle esigenze e alla fisionomia della classe. Ad eccezione di cinque discenti che fino a questo momento non hanno raggiunto gli obiettivi minimi in parte per le frequenti assenze, in parte per lo scarso impegno e la mancanza di uno studio autonomo, la maggior parte della classe, ha acquisito competenze sufficientemente adeguate.

13 Roma, 5 Maggio 2015 Prof.ssa Rosalia GIORDANO

14 Programma Anno Scolastico 2014/2015 ITC V.Arangio Ruiz classe V A AFM MATEMATICA APPLICATA Docente : prof.ssa Giordano Rosalia Libro di testo :M. Bergamini A. Trifone Corso base rosso di matematica FUNZIONI DI DUE VARIABILI Funzioni lineari di due variabili Disequazioni e sistemi di disequazioni in due variabili Coordinate cartesiane nello spazio Linee di livello. Derivate parziali prime e seconde. Massimi e minimi assoluti e relativi Massimi e minimi di una funzione di due variabili Teorema di Weierstrass Hessiano e punti critici di una funzione Massimi e minimi vincolati : metodo della sostituzione ; metodo delle linee di livello; metodo del moltiplicatore di Lagrange RICERCA OPERATIVA Le fasi della ricerca operativa Problemi di scelta in condizioni di certezza con effetti immediati Problemi di tipo lineare Diagramma di redditività I e II tipo Funzione obiettivo rappresentata da una parabola. Funzione obiettivo rappresentata da un'iperbole Problemi di scelta nel caso discreto: analisi marginale Scelta tra più alternative LA PROGRAMMAZIONE LINEARE Il modello del problema Metodo grafico ed algebrico per problemi di PL in due variabili

15 APPLICAZIONI DI MATEMATICA IN ECONOMIA Funzioni marginali Analisi della funzione della domanda La curva della domanda ; elasticità della domanda La curva dell'offerta Le configurazioni economiche del mercato (concorrenza perfetta e monopolio) : la determinazione del massimo profitto Roma 05/05/2015 Gli Alunni Prof.ssa Rosalia Giordano

16 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE VINCENZO ARANGIO RUIZ A.S. 2014/15 DISCIPLINA:DIRITTO PUBBLICO-COSTITUZIONALE PROF.SSA MARINA CECCHINI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE V A AFM Testo adottato: Diritto Pubblico di G. ZagrebelsKy Concetto di Stato e suoi elementi costitutivi Cittadinanza e nazionalità Concetto di forme di stato e di governo Formazione storica della sovranità statale: dalla monarchia assoluta allo Stato di diritto Lo Statuto Albertino: caratteri e struttura Dalla crisi dello Stato liberale al fascismo Origine, caratteri e struttura della Costituzione I principi fondamentali della Costituzione, in particolare gli artt. 1,2,3,10 e 11 I diritti individuali di libertà: artt. 13,14,21 Il diritto all informazione, il pluralismo nella stampa e nella radiotelevisione Il diritto di cronaca: contenuti e limiti secondo la giurisprudenza I diritti collettivi di libertà: artt.17,18 La famiglia secondo la Cost. Il matrimonio La famiglia legittima e naturale I rapporti tra lo Stato e la Chiesa Cattolica art. 7 I rapporti tra lo Stato e le altre confessioni religiose art.8 Concetto di Stato sociale Il diritto alla salute ed il diritto all istruzione Il diritto di sciopero art. 40 Il diritto di proprietà e la sua funzione sociale art. 42 La libertà di iniziativa economica privata art. 41 Il concetto di dovere secondo la Costituzione Il principio di solidarietà art. 2 Il dovere tributario art. 53 Il sistema parlamentare e la democrazia rappresentativa I sistemi elettorali ed il diritto di voto art. 48 Il sistema elettorale in vigore dal 2005 al 2013 in Italia (cenni) Il Parlamento italiano: il bicameralismo perfetto Il Parlamento in seduta comune La rappresentanza politica art. 67 Le immunità parlamentari art. 68 Le indennità parlamentari Organizzazione interna delle Camere Le deliberazioni parlamentari e le maggioranze Iter ordinario formativo della legge Iter decentrato formativo della legge Il procedimento di revisione costituzionale Il referendum abrogativo I poteri di indirizzo e controllo del Parlamento sul Governo

17 Composizione, poteri e funzioni del Governo La formazione del Governo Le crisi di Governo: parlamentare ed extraparlamentare Ruolo costituzionale del Presidente della Repubblica Elezione del PdR e durata in carica Le funzioni del PdR secondo l art. 87 Responsabilità del PdR L istituto della controfirma ministeriale La funzione giurisdizionale La magistratura ordinaria e speciale Il principio dell indipendenza e dell autonomia della magistratura secondo la Cost. Il Consiglio Superiore della Magistratura I caratteri della giurisdizione Gli organi giudiziari ed i gradi di giudizio La sentenza La giustizia costituzionale Struttura e funzionamento della Corte Costituzionale Funzioni e competenze della Corte Costituzionale Il procedimento avanti la Corte Costituzionale Le sentenze della Corte Costituzionale La competenza penale della Corte Costituzionale nei confronti del PdR Il giudizio di ammissibilità sul referendum abrogativo La funzione amministrativa e l attivita della P.A. I principi regolatori dell attivita amministrativa secondo l art. 97 della Cost. Concetto di amministrazione diretta ed indiretta Amministrazione statale Autorità amministrative indipendenti Il Consiglio di Stato La Corte dei Conti e la funzione di controllo Concetto di atto amministrativo Concetto di provvedimento amministrativo Le caratteristiche dei provvedimenti amministrativi I contratti di diritto privato della PA (cenni) Il procedimento amministrativo e le sue fasi (Legge 241/1990) Validità ed efficacia dell atto amministrativo Nullità e annullabilità dell atto amministrativo(cenni) I vizi di legittimità dell atto amministrativo La tutela del cittadino nei confronti degli atti amministrativi illegittimi (cenni) L attuazione del principio autonomistico ai sensi dell art. 5 della Cost. La Riforma del Titolo V della parte II della Cost. Il principio di sussidiarietà Le Regioni a Statuto speciale e le Regioni a Statuto ordinario Gli organi della Regione e le relative competenze in base alla riforma costituzionale del 2001

18 Roma, 10 Maggio 2015 Prof.ssa Marina CECCHINI

19 ISTITUTO TECNICO STATALE VINCENZO ARANGIO RUIZ A.S. 2014/15 DISCIPLINA: SCIENZA DELLE FINANZE / DIRITTO TRIBUTARIO PROF.SSA MARINA CECCHINI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE V SEZ. A AFM TESTO ADOTTATO: Scienza delle Finanze e Diritto tributario di Rosa Maria Vinci Orlando Concetto di finanza pubblica e suoi caratteri I soggetti dell attivita finanziaria Evoluzione della finanza pubblica La politica finanziaria ed i suoi obiettivi La finanza pubblica ed i bisogni collettivi I principi costituzionali in materia di finanza pubblica Il fenomeno finanziario secondo le teorie economico-volontaristiche e politico-sociologiche Concetto di spesa pubblica Gli effetti della spesa pubblica sul sistema economico La teoria Keynesiana: il moltiplicatore e l acceleratore della spesa pubblica Effetti negativi della spesa pubblica Vari tipi di spese: di produzione, di trasferimento, correnti, in conto capitale, finali e strumentali La spesa per la sicurezza sociale La previdenza e l assistenza Le prestazioni previdenziali L assistenza sociale Il Servizio Sanitario Nazionale Concetto di entrata pubblica Tipologie di entrate pubbliche: prezzi, tributi e prestiti I prezzi privati, quasi privati,pubblici,multipli e politici Le tasse, i contributi e le imposte Effetti economici della pressione tributaria Caratteri e funzioni dell imposta Presupposto e struttura dell imposta Imposte dirette ed indirette Imposte generali, speciali,personali, reali (cenni) Imposte proporzionali, progressive e regressive I principi giuridici dell imposta La Teoria della capacità contributiva ed i suoi indicatori I principi amministrativi delle imposte Metodi di accertamento delle imposte Metodi di riscossione delle imposte Effetti microeconomici delle imposte L evasione, l elusione, la rimozione e la traslazione L ammortamento

20 La diffusione Il bilancio dello Stato: funzioni e caratteri Principi costituzionali in materia di bilancio La normativa ordinaria in materia di bilancio I conti pubblici e la contabilità nazionale Anno finanziario ed esercizio finanziario I caratteri del bilancio I principi del bilancio La struttura del bilancio: suddivisione delle entrate e delle spese I risultati differenziali Il problema del pareggio di bilancio e la modifica costituzionale del 2013 Gli strumenti di programmazione del bilancio Le variazioni e l assestamento del bilancio Il controllo della Corte dei Conti sul bilancio I controlli interni sul bilancio Il Rendiconto generale dello Stato Concetto di debito pubblico Il problema del finanziamento del deficit Il prestito pubblico Tipologie di debito pubblico La struttura del sistema tributario italiano I principi costituzionali in materia tributaria Le imposte dirette:definizione Soggetti, base imponibile ai fini IRPEF e calcolo dell imposta (Cenni) L IRES: aspetti generali (Cenni) La base imponibile IRES Le imposte indirette:definizione L Imposta sul valore aggiunto IVA -: origine, finalità e caratteri (Cenni) L IVA: presupposti, base imponibile e aliquote Roma, 10 Maggio 2015 Prof.ssa Marina Cecchini

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli