ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL CORSO DI STUDI (Legge n. 425/97- DPR. n.323/98 art.5 c.2 - OM n. 13 del 24/03/2013)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL CORSO DI STUDI (Legge n. 425/97- DPR. n.323/98 art.5 c.2 - OM n. 13 del 24/03/2013)"

Transcript

1 Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Ernesto Guala Posta elettronica certificata : Sezione Associata - Istituto Tecnico Commerciale e Geometri Ernesto GUALA P.zza Roma n. 7, Bra (CN) - Tel. 0172/ Fax. 0172/ Sezione Associata - Istituto Tecnico Industriale Ascanio SOBRERO V. Mendicità Istruita n. 20, Bra (CN) - Tel-Fax 0172/ Codice fiscale ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL CORSO DI STUDI (Legge n. 425/97- DPR. n.323/98 art.5 c.2 - OM n. 13 del 24/03/2013) Classe V Sez. A - IGEA Affisso all'albo il 15/05/2014 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Docente coordinatore della classe : Prof. ssa ELDA BONFANTE Composizione del Consiglio di classe : BOGETTI Anna BONFANTE Elda BORREL Tiziana * BUSETTO Anna * Docente Materia/e insegnata/e Firma del docente FERRERO Domenico * MOTTA Gesuela (supplente di FERRUCCI Rosa FRANCO Daniela PEDUSSIA Agostino SPATOLA Marianna VETTORI Anna RINAUDI Elena COLELLA Roberto IRC L.S. INGLESE ECONOMIA AZIENDALE L.S. FRANCESE GEOGRAFIA ECONOMICA DIRITTO E SCIENZE DELLE FINANZE EDUCAZIONE FISICA ITALIANO - STORIA MATEMATICA L.S. FRANCESE - conversatrice SOSTEGNO SOSTEGNO (supplente di BERGESE Luciana) N.B. * Con l'asterisco sono contrassegnati i commissari d'esame. Bra, 15 maggio 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott. Giuseppe IERARDI

2 SOMMARIO 1. Profilo dell indirizzo. 2. Elenco dei candidati. 3. Storia della classe, continuità didattica e docenti. 4. Risultati degli scrutini finali del 3 anno e del 4 anno del corso di studi. 5. Tempi programmati/effettivi per singola disciplina fino al 15 maggio. 6. Scheda degli obiettivi trasversali comuni a tutte le discipline. 7. Attività culturali e formative (dell intera classe, di gruppi o di singoli) 8. Esperienze di ricerca e progetto finalizzate al colloquio pluridisciplinare 9. Calendario delle attività di simulazione svolte 10. Quadro generale delle tipologie delle prove di verifica effettuate durante l'anno e griglia di valutazione. Allegato 1 Consuntivo delle attività disciplinari (programmazioni effettivamente svolte per le singole discipline). Allegato 2 Simulazioni delle prove d'esame effettuate durante l'anno e relative griglie di valutazione. Allegato 3 Relazione di presentazione alla commissione d esame per gli alunni che hanno seguito un percorso differenziato. 1. PROFILO dell indirizzo di studi Corso sperimentale IGEA Obiettivo del curricolo è quello di definire una figura professionale capace di inserirsi in realtà produttive molto differenziate e caratterizzate da rapida evoluzione, sia dal punto di vista tecnologico sia da quello dell organizzazione del lavoro. Le caratteristiche generali sono: Versatilità e propensione culturale al continuo aggiornamento Ampio bagaglio di competenze nonché capacità di orientamento di fronte a problemi nuovi e di adattamento alla evoluzione della professione Capacità di cogliere la dimensione economica dei problemi In particolare nell indirizzo IGEA, l obiettivo si specifica nella formazione di una accentuata attitudine ad affrontare i problemi in termini sistemici, basata su essenziali e aggiornate conoscenze delle discipline economiche e giuridiche, integrate da organica preparazione scientifica nell ambito matematico e da capacità valutative delle strutture economiche della società attuale, con particolare riferimento alle realtà aziendali. Per tali realtà il Ragioniere,nell ambito del proprio livello operativo, deve essere preparato a: Partecipare, con personale e responsabile contributo, al lavoro organizzativo e di gruppo Svolgere, organizzandosi autonomamente, mansioni indipendenti Documentare e comunicare adeguatamente gli aspetti tecnici, organizzativi ed economici del proprio lavoro Interpretare nella loro globalità le problematiche produttive, gestionali e commerciali dell azienda in cui opera Aggiornare le sue conoscenze, anche al fine della eventuale conversione di attività Il Ragioniere deve, pertanto, essere in grado di: Analizzare e risolvere casi pratici. Conoscere le caratteristiche economico-contabili dei sistemi esistenti. Partecipare alla gestione di sistemi anche complessi. Descrivere, con linguaggio appropriato il lavoro svolto, redigere i documenti relativi. Comprendere manuali d uso, documenti tecnici vari, pubblicazioni giuridiche ed economiche. Redigere documenti contabili e brevi relazioni in lingua straniera

3 2. ELENCO DEI CANDIDATI. Cognome e Nome 1 BALOCCO ELENA 2 BIANCHI MARTA 3 BORMIDA ENRICO 4 COSTAMAGNA MASSIMO 5 DOGLIANI FRANCESCA 6 MIELE ANNA 7 MONCHIERO MATTIA 8 PIRA DAMIANO 9 PIZZORNO GIORGIA 10 PULEO MARTA 11 ROCHA JOSUE NOE 12 ROVERE VALENTINA 13 SCUDERI VALENTINA 14 TACHIS SIMONE 15 TORTA CRISTINA 16 TORTA FEDERICA 17 TRIFILIO NAOMI 18 ZOTAJ SARA 3. SORIA DELLA CLASSE E CONTINUITÀ' DIDATTICA La classe è formata da 18 allievi, di cui 12 femmine e 6 maschi. La classe ha iniziato il triennio con 20 allievi provenienti da tre classi seconde (A, B e D) ed una allieva proveniente dal Liceo Linguistico di Bra. Tra i 20 allievi erano e sono tuttora presenti uno studente ed una studentessa in situazione di disagio apprenditivo, per i quali sono stati predisposti interventi di sostegno ed una programmazione differenziata. Durante l a.s. 2011/2012 un allievo si è ritirato; un altro allievo ha dovuto recuperare una materia con esito positivo a settembre ed una allieva tre materie con esito negativo. Alla fine della quarta tutti gli allievi sono stati promossi senza debiti in quanto il limitato numero e il buon clima hanno favorito il recupero in itinere. La classe ha sempre avuto una connotazione particolare, come emerge dai verbali dei diversi consigli di classe: alcuni allievi sono volonterosi e dotati, interessati agli argomenti trattati e decisi ad approfondire anche personalmente quanto appreso. Lo attestano i buoni risultati conseguiti. Hanno affrontato con entusiasmo anche esperienze extrascolastiche arricchenti, esami internazionali, partecipazione a diversi progetti sia trasversali, che di specifiche discipline. Quasi tutti hanno partecipato, dalla classe terza, a stage estivi di almeno tre settimane, ottenendo attestati di merito e di eccellenza. Solo pochi allievi presentano lentezza nell apprendimento e difficoltà spesso dovute a scarso impegno domestico e mancanza di capacità organizzative. Dal punto di vista sportivo è doveroso segnalare l impegno e i risultati eccellenti nelle diverse discipline. Sono presenti nel gruppo classe un allieva ed un allievo che hanno seguito nel corso del quinquennio un percorso di studi differenziato. I dettagli sono presentati nell allegato 3 del presente documento. In tutto il triennio non ci son stati particolari problemi disciplinari, sebbene in alcuni allievi il processo di maturazione sia stato più lento e lo studio, a volte, sia stato affrontato in modo troppo scolastico e poco aperto al confronto con la realtà esterna. Va tuttavia segnalato che nel 5 anno l impegno di alcuni allievi si è concentrato maggiormente nel secondo pentamestre. Nel presente anno scolastico alcuni insegnanti sono stati assenti per periodi medio-lunghi e sono stati sostituiti da supplenti.

4 CONTINUITA' DIDATTICA DISCIPLINA a.s. 2011/2012 a.s. 2012/2013 a.s. 2013/14 DOCENTE DOCENTE DOCENTE ITALIANO PEDUSSIA PEDUSSIA PEDUSSIA STORIA PEDUSSIA PEDUSSIA PEDUSSIA INGLESE BONFANTE /SWEJKAR BONFANTE/ SWEJKAR BONFANTE FRANCESE PETTI/DELACHANAL PETTI/VETTORI BUSETTO/VETTORI MATEMATICA RESTAINO RESTAINO SPATOLA GEOGRAFIA ECONOMICA FERRERO FERRERO FERRERO DIRITTO GABETTI SCOTELLARO FERRUCCI ECONOMIA POLITICA GABETTI SCOTELLARO FERRUCCI ECONOMIA AZIENDALE EDUCAZIONE FISICA IRC SOSTEGNO SOSTEGNO BORREL BORREL BORREL FRANCO FRANCO FRANCO BOGETTI BACCHI BOGETTI RINAUDI RINAUDI RINAUDI RINAUDI CASTIGLIONE BERGESE (sup. COLELLA)

5 4. RISULTATI DELLO SCRUTINIO FINALE DEL 3 ANNO E DEL 4 ANNO DEL CORSO DI STUDI. a.s 2011/ Scrutinio finale - Classe 3^ N. ALLIEVI DISCIPLINA E MEDIA DEI VOTI Media tra 8 e 10 Media del 7 Media del 6 ITALIANO STORIA INGLESE FRANCESE DIRITTO ECONOMIA POLITICA MATEMATICA GEOGRAFIA ECONOMIA AZIENDALE EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE a.s 2012/ Scrutinio finale - Classe 4^ DISCIPLINA E MEDIA DEI VOTI N. ALLIEVI Media tra 8 e 10 Media del 7 Media del 6 ITALIANO STORIA INGLESE FRANCESE DIRITTO ECONOMIA POLITICA MATEMATICA GEOGRAFIA ECONOMIA AZIENDALE EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE

6 5. TEMPI PROGRAMMATI / EFFETTIVI PER DISCIPLINA - fino al DISCIPLINA ITALIANO STORIA INGLESE FRANCESE MATEMATICA GEOGRAFIA ECONOMICA ECONOMIA AZIENDALE DIRITTO SCIENZA DELLE FINANZE EDUCAZIONE FISICA INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA Ore di lezione programmate su base annuale (n. h. sett.li x 33 settimane) Ore di lezione effettuate al 15 maggio

7 6. OBIETTIVI TRASVERSALI VERIFICATI AL TERMINE DELLANNO SCOLASTICO Gli obiettivi trasversali sono stati individuati in relazione alle seguenti finalità generali : Aiutare gli allievi a definire dei modelli di comportamento adeguati a questo specifico curricolo di studi e coerenti alla figura professionale finale. Aiutare gli allievi a collegare i diversi momenti disciplinari della cultura dei saperi e della professionalità. Aiutare gli allievi ad acquisire un personale metodo di studio ed una capacità dinamica di apprendimento, anche in previsione della formazione continua nei nuovi scenari del mondo del lavoro. Migliorare la partecipazione alle lezioni, mediante l'impostazione di interventi didattici differenziati. Obiettivi trasversali 1) Obiettivi trasversali dell'area comportamentale Sapersi controllare nella voce e negli atteggiamenti. Sapersi rapportare correttamente ai compagni. Sapersi rapportare correttamente agli adulti. 2) Obiettivi trasversali dell'area cognitivo-espressiva Leggere, interpretare, redigere correttamente, testi e documenti. Comunicare efficacemente, utilizzando appropriati linguaggi tecnici. 3) Obiettivi trasversali dell'area operativa Elaborare dati e rappresentarli in modo efficace, per favorire processi decisionali. Analizzare situazioni e rappresentarle con modelli funzionali ai problemi da risolvere. Documentare adeguatamente il proprio lavoro. Effettuare scelte e prendere decisioni, ricercando ed assumendo le informazioni utili. 4) Obiettivi trasversali dell'area della partecipazione all'interno dell'istituto Prendere coscienza delle proprie responsabilità, come studenti e come cittadini. Fare interventi propositivi. Essere collaborativi nel gruppo e nella classe. Dare il massimo, nella consapevolezza delle proprie possibilità. X Raggiunti da tutti maggior parte X X X X X X X X X solo alcuni X X X

8 7. ATTIVITA CULTURALI E FORMATIVE (dell intera classe, di gruppi o di singoli) Barrare le caselle relative alle attività svolte e riportare i dettagli nello spazio sottostante indicando il numero di riferimento. X 1. Spettacoli teatrali X 3. Visite a mostre, musei, aziende X 5. Seminari, convegni, partecipazioni di esperti. X 7. Esperienze scuola-lavoro (comprese quelle della terza area) X 2. Partecipazioni a gare e concorsi X 4. Collaborazioni con Enti e/o privati X 6. Partecipazioni a progetti europei X 8. Altre 1. Spettacoli teatrali della scuola. Partecipazione alla giuria David Giovani. Spettacolo teatrale in lingua francese. Hamlet in lingua inglese. 2. Partecipazione al concorso: Conoscere la Borsa. In campo con il campione. Torneo di calcio a 11 ed a 5. Gare di sci. Gare di pallavolo femminile e maschile. Baskin. Gare di atletica, di corsa campestre. Progetto Pronti: Via! 3. Museo Picasso di Barcellona. Visita agli stabilimenti della Sant Anna a Vinadio, della Roboplast e della Ducati. Treno della memoria. 4. Un allievo partecipa al Master dei Talenti offerto dalla Fondazione CRC. Banco alimentare. 5. Convegno sull Economia della Fondazione CRC. Convegno sul Fisco. Convegno sulla Fiscalità. Convegno sull evasione fiscale. Partecipazione dei Giovani Imprenditori come esperti. Incontri con esperti dell AVIS e dell ADMO per donazione organi. Colloqui con esperti dell Informagiovani sull inserimento nel mondo lavorativo e nel mondo universitario. Progetto FIXO. 6. Progetto Comenius. 7. Stage aziendali svolti durante l estate del 2012 e del Ottenimento dell'ecdl e di certificazioni linguistiche quali DELF B1 e PET. Peer Education; Ulteriori informazioni sui percorsi formativi promossi per la classe sono reperibili dalla documentazione delle simulazioni di prove d'esame effettuate in corso di anno scolastico, dalle attività svolte, reperibili sul registro elettronico, dal registro dei verbali del consiglio di classe, dal POF pubblicato sul sito di Istituto (www.istitutoguala.it)

9 8. ESPERIENZE di ricerca e progetto finalizzate al colloquio pluridisciplinare Alunno Argomento Tesina Docente tutor BALOCCO ELENA Rapporto uomo-vino Ferrero BIANCHI MARTA Omofobia Ferrero BORMIDA ENRICO I barbari Ferrero COSTAMAGNA MASSIMO Cocaina Ferrero DOGLIANI FRANCESCA L ultimo impero zarista Ferrero MIELE ANNA Social Media Ferrero MONCHIERO MATTIA Ferrari SPA Ferrero PIRA DAMIANO Doping Ferrero PIZZORNO GIORGIA Sfruttamento minorile Ferrero PULEO MARTA Energia in Italia Ferrero ROCHA JOSUE NOE Attività svolte Colella ROVERE VALENTINA Adozione Ferrero SCUDERI VALENTINA La Vespa Ferrero TACHIS SIMONE Roma ed il cinema Ferrero TORTA CRISTINA Le carceri Ferrero TORTA FEDERICA L evasione Ferrero TRIFILIO NAOMI Il razzismo spiegato a mia figlia Rinaudi ZOTAJ SARA Chaled Hosseini Ferrero

10 9. CALENDARIO DELLE ATTIVITA DI SIMULAZIONE SVOLTE SIMULAZIONE PRIMA PROVA SCRITTA 05/05/2014 Tipologia: A +B+C+D Tempi 5 ore. E' consentito l uso del dizionario lingua italiana e del dizionario dei sinonimi Tutte le verifiche di Italiano dell'anno si sono svolte secondo le tipologie previste per l Esame di Stato A/B/C/D Testo della simulazione della prima prova effettuata in allegato. Griglia per l assegnazione del punteggio alla prima prova in allegato. SIMULAZIONE SECONDA PROVA SCRITTA 06/05/2014 Tipologia: caso pratico e teoria Tempi: 5 ore. E' consentito l uso del codice civile. Si è svolta una simulazione di Seconda Prova scritta di Economia Aziendale Testo della simulazione della seconda prova effettuata in allegato. Griglia per l assegnazione del punteggio alla seconda prova in allegato. SIMULAZIONE TERZA PROVA 07/03/ /05/2014 Tipologia: B Tempi: 3 ore E' consentito l uso della calcolatrice scientifica, del dizionario monolingue di inglese e francese e di testi normativi non commentati. Il Consiglio di Classe, dopo attente riflessioni sulle tipologie attivabili per la terza prova dell Esame di Stato, ha individuato nelle tipologia B (quesiti a risposta aperta ) la struttura più idonee. Si è inoltre deliberato di inserire all interno delle prove le seguenti materie: Geografia, Inglese, Matematica e Diritto nella prima simulazione e Francese, Matematica, Scienze delle Finanze e Geografia nella seconda simulazione.

11 Sono state formulate 3 domande per ciascuna delle 4 materie citate. (In particolare le lingue straniere sono state valutate con un testo di comprensione in lingua). Testi delle simulazioni delle terze prove effettuate in allegato. Griglie per l assegnazione del punteggio alla terza prova in allegato 10. QUADRO GENERALE DELLE TIPOLOGIE DELLE PROVE DI VERIFICA EFFETTUATE DURANTE L'ANNO SCOLASTICO e GRIGLIA DI VALUTAZIONE TIPI DI VERIFICA MATERIE Interrogazione orale Trattazione sintetica scritta di argomenti Quesiti a risposta singola Quesiti a risposta multipla Test Vero/Falso Test a completamento Problemi a soluzione rapida Casi pratici e professionali Sviluppo di progetti Produzione in lingua italiana Produzione in lingua straniera Analisi di fogli tecnici Esercitazioni pratiche ITALIANO STORIA INGLESE FRANCESE MATEMATICA EDUCAZIONE FISICA GEOGRAFIA ECONOMICA DIRITTO x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x ECONOMIA POLITICA x x x x x x ECONOMIA AZIENDALE RELIGIONE x x x x x x x x x x Segnare con una crocetta (carattere X) le tipologie utilizzate Analisi e commento di un testo x Sviluppo di argomenti (Saggio breve) x Sviluppo di argomenti (Articolo di giornale) x Tema di carattere argomentativo (d'attualità, letterario, x storico) Segnare con una crocetta (carattere X) le tipologie utilizzate Ingl. Fran. Ted. Produzione in lingua su di un testo assegnato x Esercizi di traduzione Italiano lingua x

12 Esercizi di traduzione lingua Italiano x Esercizi di comprensione x GRIGLIE DI VALUTAZIONE In previsione dell'esame di Stato è stata predisposta e adottata una scala per la misurazione/valutazione delle prove scritte e del colloquio orale. Scala 10 Scala in 15esimi Scala in 30esimi Livello Ottimo Buono Discreto Sufficiente Insufficient e Gravement e insufficient e Totalmente negativo Descrizione Quando l elaborazione dei contenuti risulta autonoma e sicura ed emergono capacità critiche ed originalità di pensiero. Quando gli obiettivi di conoscenza, comprensione, capacità applicativa sono stati raggiunti ed anche l esposizione risulta chiara e precisa, con l uso adeguato e pertinente della terminologia tipica delle varie discipline. Quando manca la precisione in qualche aspetto non essenziale o nell esposizione, ma l apprendimento delle conoscenze, delle capacità dell esposizione orale ha comunque raggiunto un livello soddisfacente. Quando sono stati compresi i concetti essenziali ed acquisite in modo accettabile le capacità fondamentali, anche se la preparazione esige ancora approfondimenti; tuttavia l alunno sa ripetere i concetti appresi in maniera sufficiente, ma piuttosto mnemonica. In presenza di errori o lacune o quando emerge sia una comprensione difettosa sia una certa insicurezza nell esecuzione dei compiti propri della materia e dell esposizione orale. Quando si evidenziano gravi errori e/o lacune estese, mancata comprensione dei concetti fondamentali o mancata acquisizione delle capacità operative essenziali. Quando l allievo consegna il foglio in bianco o non dà alcuna opportunità di formulare un giudizio.

13 ALLEGATO N. 1 : CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA DISISPLINARI DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: Borrel Tiziana Anno scolastico 2013/14 TESTO ADOTTATO: GHIGINI ROBECCHI ED: ELEMOND scuola & azienda CONTENUTI MODULO 1 Titolo: LA GESTIONE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI U.D. 1 Le caratteristiche della produzione industriale U.D. 2 Le principali classificazioni delle imprese industriali U.D. 3 La tipica composizione del patrimonio delle imprese del settore industriale U.D. 4 L organizzazione del fattore umano e delle risorse tecnicoproduttive U.D. 5 La gestione delle imprese industriali: i suoi settori, gli aspetti tipici e le principali scelte operative che la caratterizzano U.D. 6 Il sistema informativo delle imprese industriali e la sua articolazione U.D.7 La contabilità generale delle imprese industriali (acquisti vendite magazzino immobilizzazioni personale gestione crediti e debiti finanziamenti e contributi) Il bilancio civilistico. MODULO 2 Titolo: IL SISTEMA INFORMATIVO DI BILANCIO U.D. 1 Le funzioni e gli obiettivi delle analisi per indici. U.D. 2 Le fasi dei processi di analisi e i criteri di riclassificazione del conto economico e dello stato patrimoniale U.D. 3 I diversi tipi di indicatori e le modalità di classificazione, di calcolo e di impiego degli stessi.

14 U.D.4 U.D.5 U.D.6 Commento di una situazione patrimoniale,finanziaria ed economica attraverso i suoi indici. L analisi per flussi e il rendiconto finanziario di CCN. La struttura del rendiconto finanziario. Le procedure di revisione e le principali norme sulla stesura della relazione di certificazione MODULO 3 Titolo: DAL BILANCIO D ESERCIZIO ALLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI U.D. 1 Dal reddito di bilancio al reddito fiscale U.D. 2 I principi fondamentali ai quali si ispirano le norme sui componenti del reddito fiscale d impresa e il calcolo dell IRES U.D. 3 Le principali riprese fiscali: svalutazione crediti, manutenzioni e riparazioni, plusvalenze, fondi rischi e spese, magazzino, ammortamenti e i riflessi sul reddito dell impresa. MODULO 4 Titolo: IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIO NE E CONTROLLO DELLE IMPRESE INDUSTRIALI U.D. 1 L oggetto e gli scopi della contabilità analitica. U.D. 2 Le fondamentali classificazioni dei costi e le metodologie di calcolo dei costi per imputazione: costi per commessa, per processo e per lotti. U.D. 3 I principali sistemi di svolgimento della contabilità analitica: direct costing, full costing e ABC U.D.4 U.D.5 U.D.6 La break-even analysis Il concetto e le funzioni della pianificazione, programmazione e controllo di gestione. I problemi di scelta attraverso il metodo dei costi suppletivi o il metodo differenziale (C/R emergenti cessanti) L articolazione del sistema di budgeting, il controllo bdg e il sistema di reporting. Analisi di scostamenti di costo per volume, prezzo e quantità MODULO 5 Titolo: IL SISTEMA FINANZIARIO E L ATTIVITA BANCARIA U.D. 1 Il concetto di sistema finanziario. Il concetto di credito e le sue fondamentali classificazioni. Gli organi di controllo delle banche e le misure di politica economica U.D. 2 La gestione bancaria e le norme tecniche che la regolano. U.D. 3 La classificazione delle operazioni bancarie

15 U.D.4 Le principali operazioni di raccolta: depositi, c/c di corr.(aspetto teorico) Il fido bancario e l analisi per indici Dopo il 15/05/2014. Le principali operazioni di impiego: aperture di credito, anticipi su riba e fatture, mutui (aspetto teorico e collegamenti con la contabilità delle imprese industriali) U.D.5 Operazioni collaterali: contratto di leasing e factoring Principali operazioni di servizi. N.B.: l aspetto contabile delle operazioni bancarie è stato trattato dal punto di vista dell impresa cliente e non dell azienda bancaria, per scelta del dipartimento specialistico Il bilancio delle imprese bancarie: cenni - l argomento è stato svolto dopo il 15 maggio 2014 Conoscere le caratteristiche delle aziende industriali e la COGE PROSPETTO SINTETICO DEGLI OBIETTIVI PERSEGUITI CONOSCENZE CAPACITA' COMPETENZE Orientarsi all'interno di un caso pratico Conoscere il concetto di costo e le relative classificazioni Conoscere il concetto di strategia, pianificazione e controllo. Conoscere lo sviluppo del budget aziendale Individuare le voci principali di costo e ricavo e fare calcoli relativi Individuare i dati atti alla redazione di un budget Saper distinguere l'aspetto finanziario ed economico della gestione sintetizzandolo nei sistemi contabili Saper valutare un problema di convenienza economica, comprendere una contabilità a costi pieni e diretti Saper costruire un budget partendo dai settoriali e saperlo interpretare. Conoscere le caratteristiche delle aziende bancarie e le loro operazioni principali Conoscere il bilancio e la normativa relativa Conoscere il concetto di reddito civilistico e fiscale Inquadrare i principali problemi relativi alle operazioni bancarie Comprendere ed analizzare un bilancio Comprendere un semplice caso pratico Saper esporre e comprendere le operazioni tipiche Saper usare gli indici di bilancio per analizzarlo e per commentarlo. Saper utilizzare le fonti informative e gestire gli aggiornamenti. Saper individuare e calcolare le principali riprese fiscali

16 METODOLOGIE DIDATTICHE lezioni frontali lavoro individuale autonomo visite aziendali relazioni esercitazioni in aula e in laboratorio STRUMENTI DI LAVORO Libri di testo adottati Riviste specializzate Altro materiale fornito dal docente Codice civile Manuale tecnico e/o formulari Personal computer AMBITI DI LAVORO aula di classe laboratorio OGGETTO DI VALUTAZIONE Conoscenza dei fatti primari e secondari Uso appropriato dei termini generali e specifici Comprensione dei concetti basilari Operazioni di analisi Operazione di sintesi Coerenza con i vincoli posti dal problema Correttezza dei calcoli STRUMENTI DI VERIFICA Interrogazione orale Trattazione sintetica scritta di argomenti Quesiti a risposta aperta Test a risposta multipla Soluzione di casi e problemi Bra, 15 maggio 2014 Prof. Tiziana Borrel

17 Materia STORIA Docente PEDUSSIA AGOSTINO Classe V Sez. A Anno scolastico 2013/2014 Testo: Giardina, Sabbatucci, Vidotto Guida alla storia - dal Novecento a oggi 3 - Laterza Competenze Esporre, con chiarezza e coerenza, gli eventi storici. Utilizzare correttamente gli strumenti concettuali propri della storiografia per individuare e descrivere elementi di cambiamento e di lunga durata. Comprendere i basilari concetti storiografici, la loro genesi e le loro principali conseguenze. Inquadrare, comparare e periodizzare fenomeni storici di scala diversa (locale,regionale, continentale, planetaria). Orientarsi in maniera consapevole nelle problematiche del mondo contemporaneo e della società civile. Obiettivi Saper selezionare le informazioni in coerenza con la tematizzazione stabilita. Distinguere le informazioni fattuali, le concettualizzazioni, le valutazioni, i giudizi. Mettere le conoscenze di fatti storici in relazione con le conoscenze dei contesti sociali, istituzionali, economici entro i quali si sono svolti. Utilizzare gli strumenti rappresentativi della storia. Produrre oralmente e per iscritto testi descrittivi o argomentativi relativi a fatti e\o interpretazioni storiografiche. Descrittori di prestazione Saper sintetizzare i fatti salienti di un periodo storico. Saper collocare nel giusto contesto, a livelli diversi, i fatti storici. Saper collegare gli avvenimenti al passato. Individuare nessi causali e conseguenze di fenomeni, avvenimenti e fatti. Saper leggere e utilizzare schemi, mappe, diagrammi, carte e altri strumenti di rappresentazione della storia. Prerequisiti Conoscenza dei nuclei tematici essenziali, della cronologia per epoche storiche e degli avvenimenti caratterizzanti la ricostruzione storica dei secoli precedenti. MODULO 1 DALL ITALIA LIBERALE AL PRIMO CONFLITTO MONDIALE - Capitolo 1. Verso la società di massa (Tutto il capitolo, ad eccezione del par.11). - Capitolo 2. L Europa e il mondo alla vigilia della guerra. Del par.2 solo La triplice Intesa.

18 Esclusi nel par. 3: L alleanza tra radicali e socialisti; I governi conservatori in Gran Bretagna; I liberali al potere; La nuova politica della Germania; Gli slavi nell Impero austroungarico. Esclusi: par. 4, 5, 6, 7, 8. - Capitolo 3. L Italia giolittiana. Escluso nel par 4 Le alleanze clerico-moderate. Escluso paragrafo 5, ad eccezione del Patto Gentiloni. - Capitolo 4. La Prima Guerra Mondiale (Tutto il capitolo) MODULO 2 CRISI E TOTALITARISMI - Capitolo 5. La rivoluzione russa (Tutto il capitolo) - Capitolo 6. Il dopoguerra in Europa e in Italia. Esclusi: par.5, 6 - Capitolo 7. La grande depressione (Tutto il capitolo) - Capitolo 8. Democrazie e totalitarismi. Escluso paragrafo 7 - Capitolo 9. L Italia fascista (Tutto il capitolo) MODULO 3 LA GUERRA DEI CRIMINI CONTRO L UMANITA - Capitolo 11. La seconda guerra mondiale (Tutto il capitolo) - Capitolo 12. Guerra fredda e ricostruzione. Esclusi paragrafi 6, 7. MODULO 4 L ITALIA REPUBBLICANA - Capitolo 15. L Italia repubblicana (Tutto il capitolo) MODULO 5 ANNI 70, 80 e 90: UN ETA DI TRANSIZIONE - Capitolo 16. La civiltà del benessere Esclusi: paragrafi 2, 3. - Capitolo 18. La nuova Europa : Paragrafo 1; Paragrafo 2: Polonia: ascesa di Solidarnosc ; La caduta del muro di Berlino ; Paragrafo 3; Paragrafo 5: Il trattato di Maastricht ; L avvio dell euro ; L allargamento dell Unione ; La Convenzione europea. Metodologie didattiche e strumenti - Lezione frontale interattiva e dialogica. - Lettura di articoli giornalistici. Film. - Sintesi di ogni argomento affrontato con opportuni schemi-sintesi-mappe concettuali da parte di ogni singolo studente. Prove di verifica - Interrogazioni; interrogazioni semistrutturate secondo una traccia. - Verifiche scritte: a risposta aperta. - Trattazione di argomenti (scritto-orale). Modalità di valutazione La valutazione delle prove è stata espressa in decimi Considerazioni e valutazioni finali L impegno nello studio, in alcuni studenti, è stato caratterizzato da assenza di continuità: in tali casi questa è la principale causa che ha determinato un raggiungimento delle Competenze e degli Obiettivi formativi che si può definire soddisfacente. Per gli altri studenti il livello raggiunto è buono e, in alcuni casi, tra molto buono e ottimo. In particolare nell ultima parte dell anno scolastico non si è potuto svolgere con l ampiezza

19 e l approfondimento che il docente avrebbe voluto il programma previsto che è stato quindi ridimensionato, anche per gli impegni e le attività previste per gli studenti del quinto anno, impegni ed attività che il sottoscritto ritiene sarebbe opportuno limitare. Bra, li 15/05/2014 Firma del docente Prof. Agostino Pedussia Materia LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente PEDUSSIA AGOSTINO Classe V Sez. A Anno scolastico 2013/2014 Testo: G. Armellini A. Colombo, Letteratura - Letterature, versione rossa, voll , Zanichelli. MODULO N.1: SCRIVERE Competenze Produrre testi scritti nel rispetto delle norme sintattiche, lessicali,ortografiche ed interpunzionali. Produrre testi scritti pertinenti, sufficientemente completi nella trattazione e significativi nei contenuti, coerenti da un punto di vista logico, espositivo e stilistico, chiari nell articolazione, adeguati nel lessico e nell utilizzo del registro. Obiettivi: Saper progettare e costruire un testo. Saper produrre frasi sintatticamente corrette. Saper utilizzare un lessico ed un registro adeguato allo scopo della comunicazione. Saper applicare correttamente le regole dell ortografia e della sintassi. Descrittori di prestazione: Decodificare vari tipi di testo, riconoscendone struttura ed elementi caratterizzanti. Impostare e produrre con competenza i tipi di testo previsti nelle Unità didattiche. Analizzare schede e fonti. Redigere capitoli, paragrafi e capoversi chiaramente impostati. Analizzare i testi letterari in prosa e in poesia. Prerequisiti Conoscere gli elementi costitutivi e la struttura delle tipologie testuali e dei generi letterari. Unità didattiche U.D. 1: Tema di ordine generale (D) U.D. 2: Analisi e commento di testi letterari e non letterari (A) U.D 3: Articolo di giornale e saggio breve (B)

20 U.D 4: Tema storico (C) Contenuti e attività didattiche Le caratteristiche della tipologia testuale. Analisi e produzione di temi di attualità e di argomento generale. I caratteri e la struttura del testo poetico. Analisi di testi poetici (vedi i testi antologici riportati nella parte letteraria, Modulo 2). I caratteri e la struttura del testo narrativo letterario. Analisi di testi letterari narrativi (vedi i brani antologici riportati nella parte letteraria, Modulo 2). Le caratteristiche dell articolo giornalistico e del saggio breve. Analisi e produzione di articoli/saggi brevi. Le caratteristiche del tema di argomento storico. Produzione di testi di commento e riflessione su argomenti e\o periodi storici. Metodologie didattiche e strumenti Analisi guidata delle varie fonti; attività guidate e individuali per la stesura di articoli di giornali, testi di caratteri generale, commento di testi poetici ed in prosa, non letterari, storici. Prove di verifica Esercitazioni scritte sulle varie tipologie testuali: - tema di ordine generale; - tema storico; - analisi testo narrativo; - analisi testo poetico; - articolo giornalistico o saggio breve. Simulazione della Prima prova d esame il 05/05/14 Modalità di valutazione La valutazione delle prove è stata espressa in decimi e, nella simulazione, anche in quindicesimi. Considerazioni e valutazioni finali In considerazione di impegno individuale non sempre continuativo, le Competenze e gli Obiettivi Formativi sono stati raggiunti in modo soddisfacente da una parte della classe; per gli altri il giudizio complessivo è tra buono e molto buono. LETTERATURA MODULI Competenze Affrontare come lettore autonomo e consapevole testi di vario genere, impiegando le diverse tecniche di lettura (esplorativa, estensiva, di studio) in relazione ai vari scopi per cui si legge. Mettere in rapporto il testo con il generale contesto storico e con la propria esperienza

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

D.S. Agostino Miele 1

D.S. Agostino Miele 1 SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE D.S. 1 Indice La Commissione d esame La procedura di ammissione Il credito scolastico L esame Le prove d esame La prima prova scritta La seconda prova scritta La terza prova

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli