E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI"

Transcript

1 PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI I N I T A L I A R A P P O R T O

2

3

4 A cura del Centro studi Assobiomedica (CSA), in collaborazione con Centro Europa Ricerche (CER). Comitato scientifico presieduto da Carlo Rosa, Vicepresidente del Cluster Tecnologico Nazionale per le Scienze della Vita (ALISEI), e composto da: Vincenzo Atella CEIS i Università degli Studi di Roma Tor Vergata Andrea Bairati Confindustria Roberto Del Giudice Fondo Italiano d Investimento Sergio De Nardis Nomisma Stefano Fantacone Centro Europa Ricerche Paolo Gazzaniga Centro studi Assobiomedica Enzo Madrigali Fondazione Democenter-Sipe Andrea Piccaluga NETVAL ii Franco Vimercati Federazione delle società medico-scientifiche italiane Gruppo di lavoro coordinato da Giulia Bizzotto, Centro studi Assobiomedica, e composto da: Sara Carbone Centro studi Assobiomedica Vera Codazzi Andrea Guglieri Felice Cincotti Centro Europa Ricerche Piero Esposito Un particolare riconoscimento va alle imprese che hanno contribuito alla realizzazione dell indagine conoscitiva sugli investimenti in produzione ricerca e innovazione rispondendo all apposito questionario e alle interviste condotte per validare i risultati ottenuti. Le imprese così coinvolte sono citate in allegato 5. Fatti salvi i doverosi ringraziamenti a tutti i soggetti citati, la responsabilità dei contenuti di questo lavoro è interamente di Assobiomedica. i ii Centre for Economics and International Studies. Network per la valorizzazione della ricerca universitaria. RAPPORTO 3

5 4 PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI IN ITALIA

6 SOMMARIO 9 PREFAZIONE 11 SINTESI DEL RAPPORTO 17 PARTE 1. LE IMPRESE DEL SETTORE IN ITALIA Le imprese nel complesso L andamento del settore negli ultimi anni Imprese commerciali Produttori Start-up Imprese fornitrici di servizi Imprese di produzione per conto terzi, fornitori di componenti e di servizi alle imprese 49 PARTE 2. IL SETTORE DEI DISPOSITIVI NEL CONTESTO INTERNAZIONALE L attività di brevettazione I flussi commerciali La posizione dell Italia nel I flussi commerciali dell Italia nel PARTE 3. INDAGINE SUGLI INVESTIMENTI IN PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE IN ITALIA Il campione di indagine Investimenti in ricerca e innovazione (R&I) Investimenti in ricerca e sviluppo (R&S) e studi clinici L andamento degli investimenti in R&I negli ultimi anni Innovazione e brevettazione Contoterzismo Imprese che si avvalgono di contoterzisti Imprese che producono per conto terzi Esportazioni 93 LIMITI E PROGRESSI DELLO STUDIO 97 BIBLIOGRAFIA 99 GLOSSARIO 105 DIZIONARIO DELLE SIGLE E DELLE ABBREVIAZIONI RAPPORTO 5

7 6 PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI IN ITALIA

8 107 ALLEGATI 109 Allegato 1. Schede regionali 110 Lombardia 112 Emilia-Romagna 114 Lazio 116 Veneto 118 Toscana 120 Piemonte 123 Allegato 2. Specializzazione territoriale e concentrazione geografica. Note metodologiche 125 Allegato 3. Analisi dell attività di brevettazione e dei flussi di commercio internazionale. Note metodologiche 131 Allegato 4. Indice di specializzazione e saldo commerciale standardizzato. Note metodologiche 133 Allegato 5. Elenco delle imprese che hanno contribuito all indagine RAPPORTO 7

9 8 PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI IN ITALIA

10 PREFAZIONE Noi siamo come nani sulle spalle di giganti, così che possiamo vedere più cose e più lontano di quanto vedessero questi ultimi; non perché la nostra vista sia più acuta, o la nostra altezza ci avvantaggi, ma perché siamo sostenuti e innalzati dalla statura dei giganti ai quali ci appoggiamo 1. Questa è la terza edizione del rapporto su produzione, ricerca e innovazione nel settore dei dispositivi medici in Italia (PRI), curato dal Centro studi di Assobiomedica. Rispetto alle precedenti due edizioni, la struttura è rimasta la medesima e così pure le fonti dei dati utilizzati. Una prima novità riguarda il Comitato scientifico che ha supervisionato i lavori di quest anno e che è previsto supervisioni anche quelli del prossimo. L idea, infatti, è di rinnovare la composizione del comitato in questione ogni due anni. Una seconda novità riguarda i contenuti, quest anno ulteriormente arricchiti: accanto ai consueti macrodati del settore e alle analisi di performance nel contesto internazionale in termini di brevettazione e di flussi commerciali, quest anno, per la prima volta, è stato approfondito anche il tema delle specializzazioni territoriali. Premesso questo, voglio riprendere in estrema sintesi gli spunti del ragionamento che si trovavano nella prefazione alla prima edizione del rapporto e che sono tuttora attuali. Al Paese serve una crescita stabile e solida. Soltanto puntando su ricerca e innovazione si può imboccare tale percorso. Il sistema sanitario italiano ha tutte le caratteristiche per diventare un polo di riferimento mondiale per la ricerca e l innovazione relativamente alle tecnologie sanitarie. I dispositivi medici sono un settore ad alto contenuto di tecnologia e ricerca, la cui industria ha un forte potenziale di sviluppo nel mondo. Ma questo non è ancora conosciuto a sufficienza. L osservatorio da cui nascono i rapporti PRI ha proprio questo obiettivo: far conoscere il più accuratamente possibile il settore dei dispositivi medici, in particolare a tutti coloro che con le loro decisioni possono contribuire alla crescita scientifica, tecnologica e industriale del Paese. Dicendo questo non posso non rilevare come oggi la crescita sia ostacolata da un eccessiva frammentazione nelle strategie di attrazione degli investimenti per la ricerca e l innovazione. Il fatto di aver creato appositi cluster tecnologici nazionali, tra cui quello Scienze della Vita - ALISEI, è un passo positivo ma non sufficiente; ai cluster che da soli non hanno proprietà taumaturgiche andrà ora assicurata la fattiva collaborazione di tutti: dell industria, della ricerca, e di chi governa i territori. 1 Frase attribuita a Bernardo di Chartres (XII secolo) in Riché e Verger (2011). RAPPORTO 9

11 Un ringraziamento mio personale e di Assobiomedica a tutti coloro che hanno collaborato a questa nuova edizione del rapporto, ma anche a chi ha collaborato alle due edizioni precedenti. A questi ultimi, in particolare, si deve non solo la qualità dei Rapporti 2012 e 2013, ma altresì il merito di aver impostato un lavoro che potrà certamente diventare più accurato nel tempo proprio perché continuerà a beneficiare di quanto costruito in precedenza. Milano, ottobre 2014 Stefano Rimondi Presidente Assobiomedica 10 PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI IN ITALIA

12 SINTESI DEL RAPPORTO Il settore dei dispositivi medici si caratterizza per l eterogeneità delle famiglie di prodotti che ne fanno parte ed è campo di applicazione di numerose discipline scientifiche e tecniche. Questi sono gli aspetti principali che lo rendono un settore ad alta intensità tecnologica e di innovazione. Altra caratteristica distintiva è la concentrazione geografica e la correlata tendenza a sviluppare specializzazioni territoriali. Il tessuto industriale è molto ricco e si compone di imprese di grandi e medie dimensioni, ma soprattutto di micro e piccole imprese e start-up innovative. Le imprese di produzione in particolare sono numerose. Molte svolgono attività prevalentemente per conto terzi, ma tale attività è diffusa anche tra i produttori diretti: questa articolazione delle relazioni industriali configura quello dei dispositivi medici come un settore a fabbrica diffusa. LE IMPRESE Relativamente all anno 2012, l osservatorio PRI ha censito imprese che operano nel settore, di cui il 56% si occupa di distribuzione, il 40% di produzione e il 4% di servizi. Le imprese multinazionali sono il 16%, ma il loro fatturato rappresenta il 61% del totale. Parallelamente, le imprese a capitale estero sono l 11%, ma il loro fatturato rappresenta il 48% del totale. Il 73% delle imprese si concentra in 6 regioni cui è riconducibile l 88% del fatturato totale: si tratta di Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio, Veneto, Toscana e Piemonte. Le imprese che commercializzano dispositivi medici finiti sono 1.675: il 14% ha struttura multinazionale e il 12% è a capitale estero. Sono 989 i produttori diretti; rilevante tra questi la presenza di multinazionali (18%), sebbene di dimensioni inferiori rispetto al panorama nazionale. Il 9% ha capitale estero. La ripartizione regionale delle imprese produttrici, pur sempre con la Lombardia in testa, vede però ridursi il distacco tra questa e le altre regioni in termini di fatturato e di numerosità di imprese. Al secondo e terzo posto si segnalano Emilia-Romagna e Veneto, seguite da Toscana, Lazio e Piemonte, territori che ospitano i principali insediamenti industriali del settore. Un importante specializzazione territoriale è rappresentata dal mercato dell infusione, trasfusione, drenaggio e dialisi nella provincia di Modena, che con il distretto di Mirandola rappresenta la realtà produttiva d eccellenza del settore. Al secondo posto per rilevanza la provincia di Vercelli, specializzata nei mercati della diagnostica in vitro. Molti mercati sono particolarmente concentrati nella provincia di Milano, che si caratterizza per l eterogeneità delle concentrazioni che vi si trovano più che per una specializzazione in particolare. Il mercato degli ausili assorbenti a Chieti e il mercato dell ortesi a Bologna rappresentano aree sia di concentrazione geografica sia di specializzazione territoriale. L osservatorio PRI ha individuato 118 imprese fornitrici di servizi destinati alle strutture sanitarie. La presenza di multinazionali (10%) e quella di imprese estere (6%) sono inferiori rispetto a quanto osservato riguardo all intera popolazione. La distribuzione regionale mostra al primo posto sempre la Lombardia, ma al secondo posto emerge la regione Lazio. La popolazione di imprese la cui attività si rivolge non alle strutture sanitarie, ma alle im- RAPPORTO 11

13 prese produttrici di dispositivi medici, si compone soprattutto di produttori per conto terzi (94%), ma esiste anche una componente di distributori (4%) e una di fornitori di servizi (2%). Si tratta di 243 imprese che rivolgono la propria attività a una o più fasi del processo di produzione di dispositivi medici: di progettazione o prototipazione se ne occupa il 10%; il 70% produce componenti o semilavorati; il 32% produce accessori o prodotti finiti; il 20% interviene nelle fasi finali del processo produttivo, occupandosi di assemblaggio, sterilizzazione, etichettatura o logistica. Le multinazionali in questo caso sono il 22% e le imprese a capitale estero il 12%. LE START-UP Il censimento aggiornato al mese di giugno 2014 ha rilevato 255 start-up con attività di interesse per il settore dei dispositivi medici. Il 61% delle start-up censite è concentrato in quattro regioni: Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana e Piemonte. Il 55% ha origine come spin-off della ricerca pubblica; poco più del 36% risulta essere incubato. Il 33% delle start-up è nato da meno di 48 mesi; l età media nel complesso è di poco superiore ai 5 anni. Le start-up nate nel periodo più recente sono in maggioranza attive nel comparto servizi e software. Il 24% delle start-up opera nel campo della diagnostica avanzata, in linea con il megatrend approccio personalizzato e integrazione terapia-diagnosi, che si intende seguire a livello europeo per lo sviluppo competitivo dei paesi membri dell Unione. Tra le KET (key enabling technologies) più rappresentate dalle start-up del settore, si trovano le biotecnologie (19%) e l ICT (18%), tecnologie trasversali che permettono lo sviluppo di prodotti che trovano applicazioni in comparti differenti. ATTIVITÀ DI BREVETTAZIONE E FLUSSI COMMERCIALI L analisi dei dati relativi all attività di brevettazione e ai flussi di commercio mette in luce interessanti sviluppi del settore a livello mondiale. L innovazione tecnologica nel settore si mantiene elevata e prevalentemente concentrata nei paesi avanzati cui, tuttavia, si associa una continua crescita del ruolo dei nuovi mercati, non solo come importatori, ma anche come esportatori. La Cina e le economie emergenti del PAC, ossia dell Asia orientale e sud-orientale, rappresentano i player più dinamici grazie anche all intensa attività di delocalizzazione produttiva che permette a questi paesi di specializzarsi in fasi di produzione più a valle, lasciando la leadership tecnologica nelle economie avanzate. Nell ultimo anno, a causa anche delle debolezze dell area euro, la crescita del peso delle economie emergenti è stata particolarmente marcata. L Italia nel 2012 ha confermato la sua posizione non di primo piano nel panorama internazionale. Nel ranking mondiale l Italia è il dodicesimo brevettatore, il quattordicesimo esportatore e l undicesimo importatore (Grafico 1). Rispetto al 2011 in particolare: guadagna una posizione nell attività di brevettazione, pur diminuendo la propria quota; scende nelle importazioni e mantiene la propria quota nelle esportazioni; queste ultime crescono in valore assoluto ma non abbastanza da impedire un arretramento di posizione. Il fatto che la quota di esportazioni sul totale si mantenga superiore a quella relativa ai brevetti, lascerebbe pensare che l attività italiana di brevettazione sia efficacemente selettiva e che le imprese italiane siano particolarmente attive sul versante dell innovazione incrementale. 12 PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI IN ITALIA

14 L Italia mostra una certa specializzazione nelle attrezzature tecniche, dove sia la quota di mercato sia la quota di brevetti risultano essere superiori alla media. Inoltre, la crescita dell attività di brevettazione nel biomedicale svela interessanti prospettive per questa classe di prodotti. Nel 2013 le esportazioni di dispositivi medici sono cresciute del 2,8%, a differenza di quelle della manifattura nel complesso che sono rimaste sostanzialmente invariate. Pur continuando ad avere una performance commerciale migliore con i partner extra europei, rispetto all anno precedente i flussi d esportazione verso l Europa hanno ripreso a crescere, segnando una significativa inversione di rotta. I mercati di sbocco delle esportazioni italiane appaiono fortemente diversificati; sotto questo aspetto l Italia risulta meno esposta ai rischi di natura geopolitica soggetti a mutamenti anche repentini. Se da un lato, dunque, l industria italiana del settore non si trova nella necessità di attuare particolari riposizionamenti, dall altro può certamente penetrare maggiormente molti mercati esteri. In conclusione, per l Italia è importante crescere come esportatore e soprattutto agganciare le economie emergenti, sia come mercati di sbocco, sia per avviare rapporti di collaborazione anche nella fase di produzione. GRAFICO 1 IL POSIZIONAMENTO DELL ITALIA: QUOTE DI MERCATO E POSIZIONE NEL RANKING MONDIALE Fonte: elaborazioni CER su dati UNCOMTRADE RAPPORTO 13

15 INVESTIMENTI IN PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE Dall indagine condotta su un campione di 105 imprese è emerso quanto segue. - Gli investimenti in R&I in Italia nel 2013 da parte di imprese di produzione e servizi e multinazionali commerciali sono stati in media pari al 6,2% del fatturato: il 4,8% nel caso delle multinazionali commerciali, il 6,5% nel caso delle multinazionali di produzione e servizi e l 8,2% in quello delle imprese nazionali di produzione e sevizi. - Gli investimenti in ricerca e sviluppo (R&S) rappresentano il 66% del totale, quelli in studi clinici il restante 34%. - Gli investimenti stimati per il 2013 risultano in aumento rispetto al 2012, ma ancora inferiori ai livelli del Il crollo degli investimenti, che nel 2011 si erano dimezzati, non è stato determinato dalla riduzione dei fatturati, ma è derivato dalla riduzione delle percentuali di investimento. Tra il 2010 e il 2013 gli investimenti in studi clinici sono aumentati mentre gli investimenti in R&S sono diminuiti, determinando la contrazione complessiva. A fronte della conferma della loro fondamentale importanza nel mondo della produzione di dispositivi medici, emerge quale risultato dell indagine l elasticità e la mobilità degli investimenti in ricerca e innovazione 2. La mobilità è in particolare conseguenza dell intrecciarsi di processi di outsourcing e di offshoring delle attività di R&I; per cui gli investimenti persi possono essere riguadagnati con relativa facilità, a condizione naturalmente che si intervenga sui fattori in grado di attrarli. Di alcuni di questi fattori come le competenze e la capacità di creare innovazione il Paese è ancora ricco. Tuttavia va tenuto conto che a livello globale è in corso una concentrazione degli investimenti verso quei territori e piattaforme tecnologiche che ne consentono la massima produttività al minor costo. Più stabile come fattore di competitività risulta invece lo sviluppo di reti lunghe che consentono alle imprese del settore di sfruttare le specificità locali e di avvantaggiarsi delle opportunità globali, attivando reti di sub-fornitura in Italia come all estero ed esportando i propri prodotti. Infatti, a confermare la struttura del settore a fabbrica diffusa, i risultati dell indagine indicano che il 74% delle imprese di produzione del campione si avvale di contoterzisti sia italiani sia esteri e che il 60% produce per conto terzi per clienti sia italiani sia esteri. Tale propensione nello sviluppo di relazioni di sub-fornitura testimonia la capacità delle imprese del settore pur nascendo da reti che contano sulla prossimità di svilupparsi sfruttando reti lunghe. DATI DI SINTESI SUL SETTORE Gli anni di crisi economica hanno determinato la progressiva contrazione del mercato interno dei dispositivi medici dovuta fondamentalmente alla riduzione delle spesa pubblica. La domanda pubblica di dispositivi medici ancora rappresenta la componente principale del mercato interno, anche se in passato la componente privata seppur lentamente era progressivamente cresciuta. Tra il 2012 e il 2013 però si riduce anche la domanda privata contribuendo alla contrazione di quasi 4 punti percentuali del mercato interno (Tabella 1). 2 ASSOBIOMEDICA (2013), pag e pag PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI IN ITALIA

16 Allargando la visuale e considerando insieme i dati riferiti ai dispositivi medici e quelli riferiti al farmaco si possono trarre conferme riguardo all importanza del settore scienze della vita : negli ultimi anni, infatti, è cresciuta la produzione, sono cresciute le esportazioni e sono cresciuti gli investimenti in R&I (Tabella 2). TABELLA 1 QUADRO DI SINTESI SUI DATI DEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI 3 Fonti: le informazioni sul commercio internazionale derivano da elaborazioni CER su dati ISTAT; le informazioni sulla spesa pubblica in dispositivi medici 2012 derivano da elaborazioni CSA su conti economici (CE) degli enti SSN 4 ; le informazioni su variazione della spesa pubblica in dispositivi medici e rapporto tra spesa pubblica e spesa privata derivano da elaborazioni CSA su reportistiche interne Assobiomedica. TABELLA 2 QUADRO DI SINTESI SUI DATI DI BILANCIA COMMERCIALE E SUGLI INVESTIMENTI IN R&I NEL SETTORE DELLE TECNOLOGIE SANITARIE Fonti: le informazioni sul commercio internazionale di dispositivi medici derivano da elaborazioni CER su dati ISTAT; le informazioni sugli investimenti in R&I nel settore dei dispositivi medici derivano da stime CSA; le informazioni sul commercio internazionale e sugli investimenti in R&I nel settore del farmaco sono tratte dagli Indicatori farmaceutici 2013 di Farmindustria. 3 Si tenga presente che rispetto alle categorie di prodotti considerati parte del settore dei dispostivi medici e oggetto di analisi nella prima e nella terza parte di questo rapporto, le statistiche presentate in questa tabella non includono i dispositivi medici a base di sostanze (generalmente considerati all interno del comparto borderline). Si tratta infatti di prodotti i cui codici doganali utilizzati per l analisi dei flussi di commercio estero e i cui canali di commercializzazione generalmente riconducono al mondo del farmaco. 4 È stato tratto dai conti economici degli enti SSN il valore della domanda pubblica di dispositivi medici nel 2012, quale somma delle seguenti voci di spesa: dispositivi medici; servizi di manutenzione e riparazione alle attrezzature sanitarie e scientifiche; canoni di noleggio dell area sanitaria; canoni di leasing dell area sanitaria. Il valore della produzione si ricava sottraendo il valore delle importazioni da quello del mercato interno (domanda pubblica più domanda privata, ma senza includere i servizi) e aggiungendo il valore delle esportazioni. RAPPORTO 15

17 16 PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI IN ITALIA

18 PARTE 1. LE IMPRESE DEL SETTORE IN ITALIA Questa prima parte del rapporto su produzione, ricerca e innovazione è dedicata alla descrizione del tessuto imprenditoriale del settore dei dispositivi medici quale risulta dalla mappatura dell osservatorio PRI relativamente all anno Si divide in 5 capitoli: il primo presenta i dati relativi alle imprese nel loro complesso, i successivi invece ne descrivono l articolazione per tipo di attività 6, distinguendo le imprese che si occupano di distribuzione, produzione o fornitura di servizi. Un paragrafo a sé è dedicato alla componente più innovativa e più delicata del settore: le start-up 7. Chiude la panoramica il capitolo sulle imprese che rivolgono la propria attività, sia essa distribuzione, produzione o fornitura di servizi, non ai clienti finali (in genere la sanità, pubblica o privata), bensì ad altre imprese: si tratta dei produttori per conto terzi e dei fornitori di componenti o servizi destinati alle imprese specializzate nel medicale. 1.1 LE IMPRESE NEL COMPLESSO Relativamente all anno 2012, l osservatorio PRI ha censito società di capitali che operano nel settore dei dispositivi medici, dando occupazione a circa dipendenti (Tabella 3). Il fatturato medio di settore è pari a 6 milioni di euro, ma il 50% delle imprese si attesta poco sopra il milione (valore mediano). Si tenga presente che circa il 17% di queste imprese non si occupa esclusivamente di dispositivi medici: trattandosi di un settore dai confini in continua evoluzione, e per il fatto di essere approdo di discipline e tecnologie molteplici, esso presenta sinergie e contiguità con diversi altri settori, non necessariamente così vicini alla filiera della salute 8. La multidisciplinarietà dell apporto scientifico-tecnologico è anche l origine dell estrema eterogeneità del settore che, se da un lato rappresenta una ricchezza, dall altro implica un ostacolo all analisi. Al fine di ridurre il grado di articolazione e frammentazione del complesso di prodotti trattati, questo rapporto li riconduce a 7 comparti 9 più omogenei sotto il profilo tecnologico. 5 La fonte principale utilizzata dall osservatorio PRI è il database Aida che raccoglie i bilanci di tutte le società di capitali italiane. Dati i tempi di deposito e acquisizione di tali documenti, i dati più aggiornati si riferiscono all anno Questo rapporto distingue tre tipi di attività di impresa: distribuzione, produzione, servizi. Ciascuna può essere rivolta a strutture sanitarie (pubbliche o private) o a imprese terze. Si faccia riferimento alla relativa voce di glossario per la puntuale definizione adottata. 7 In questo i caso i dati sono tratti ed elaborati a partire dal database Start-up a cura dell area Innovazione del CSA. Mentre i gruppi di imprese descritti nei capitoli 1.2, 1.3, 1.4 e 1.5 sono mutualmente esclusivi e compongono il complesso delle imprese del settore attive nell anno di rilevazione, la popolazione di start-up si sovrappone ai produttori in quanto si tratta in parte di imprese che nell anno di rilevazione già erano attive, seppur a uno stadio iniziale della loro industrializzazione, e in parte di imprese in incubazione non ancora approdate sul mercato. È tuttavia utile presentarle nel loro insieme per dare una rappresentazione prospettica del futuro del settore. 8 Questo aspetto, in termini di analisi e di presentazione dei dati, introduce il problema di stimare la proporzione di fatturato e di dipendenti che in ciascuna delle imprese multi-industria deve essere ricondotta al settore dei dispositivi medici. La soluzione adottata in questo rapporto per quanto riguarda il fatturato è stata di analizzare il peso del fatturato di settore sul fatturato totale per le imprese multi-industria con riferimento alle quali questa informazione era disponibile, di ricavarne un peso medio per ciascuna delle categorie definite in base alla dimensione e al tipo di attività, e di applicarlo al fatturato totale delle imprese multi-industria della stessa categoria, per le quali tale informazione non era invece disponibile. Per quanto riguarda l occupazione, per ciascuna categoria di imprese attive esclusivamente nel settore dei dispositivi medici, è stata stimata la produttività media dei dipendenti; questa applicata al fatturato di settore ha permesso di stimare il numero di dipendenti riconducibili al settore dei dispositivi medici delle imprese multi-industria e delle imprese per le quali l informazione sui dipendenti risultava mancante. 9 Per la definizione dei singoli comparti si faccia riferimento alla relativa voce di glossario. RAPPORTO 17

19 I comparti considerati sono: attrezzature tecniche, biomedicale, biomedicale strumentale, borderline, diagnostica in vitro (IVD), elettromedicale diagnostico, servizi e software. La Tabella 3 mostra come i comparti prevalenti per numero di imprese siano il biomedicale (44%) e il biomedicale strumentale (25%). La lettura di questo dato, tuttavia, deve tener conto che si tratta dei due comparti cui è intrinseco il maggior grado di eterogeneità residua. Anche in termini di fatturato si conferma prevalente il comparto biomedicale (44%), mentre in seconda posizione si trova la diagnostica in vitro (16%), caratterizzata da una maggiore presenza di imprese di grandi dimensioni 10 (Grafico 2), come conferma anche il fatturato medio superiore a quello degli altri comparti sebbene il valore mediano riveli un ampia presenza anche di imprese di micro-dimensioni (Tabella 3). Un altro elemento di complessità deriva dal fatto che una rilevante parte delle imprese (circa 10%) opera in più di un comparto. Dato che le informazioni a disposizione non consentono di stimare con sufficiente precisione la proporzione di attività della singola impresa riconducibile ai diversi comparti, le analisi presentate si basano sull individuazione del comparto prevalente 11. I comparti con la maggiore proporzione di imprese di produzione sono attrezzature tecniche (70%) e borderline (85%); è prevalente la presenza di imprese commerciali, invece, nei comparti biomedicale (67%) e biomedicale strumentale (65%), mentre i comparti elettromedicale diagnostico e diagnostica in vitro mostrano una proporzione quasi pari di imprese distributrici e imprese produttrici (Grafico 3). Nel complesso il 56% delle imprese censite si occupa di distribuzione, il 40% di produzione e il 4% di servizi (Tabella 4). Il fatturato si ripartisce per attività sostanzialmente secondo la stessa proporzione, risultato che indica che la produttività delle imprese dei tre gruppi è simile. Infatti anche i valori medi di fatturato per attività non sono dissimili e non si discostano dalla media totale. I valori mediani invece segnalano una maggiore presenza di imprese di micro e piccole dimensioni nel gruppo di quelle commerciali, come mostra anche il Grafico 4. La distribuzione dei dipendenti rivela come le imprese di produzione siano a maggiore intensità di lavoro rispetto alle commerciali. Sotto il profilo della struttura internazionale si osserva che il 16% delle imprese del settore sono multinazionali cui è riconducibile il 61% del fatturato pari, in media, a 23 milioni di euro e danno lavoro al 54% degli occupati (Tabella 5). Si tratta quasi per definizione di imprese di grandi dimensioni rispetto a quelle a struttura nazionale, che rappresentando l 84% della popolazione d analisi producono il 39% del fatturato. La popolazione d analisi, in gran parte composta da imprese a capitale italiano (89%), include anche un 11% di imprese a capitale estero (Tabella 6). Questo è quanto emerge considerando l ultimate owner, ovvero l azionista ultimo sia esso persona o società cui è possibile ricondurre il controllo delle varie imprese. Un ampia proporzione di fatturato (48%) è riconducibile a quest ultimo gruppo di imprese. 10 Per i criteri di definizione delle dimensioni di impresa si faccia riferimento alla relativa voce di glossario. 11 Per 32 imprese della popolazione non è possibile indicare il comparto prevalente; le relative statistiche sono presentate alla voce n.d.. Si tratta di imprese di produzione per conto terzi o distributrici di componenti, i cui prodotti sono in qualche modo trasversali ai diversi comparti. 18 PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI IN ITALIA

20 Le imprese a capitale estero sono quasi tutte filiali di multinazionali (90%), sebbene non manchi una percentuale di imprese indipendenti che opera solo a livello nazionale 12 (Tabella 7). Leggendo in diversa direzione la Tabella 7, emerge che le multinazionali del settore sono per il 62% a capitale estero e per il 38% a capitale italiano e che l 1% delle imprese a struttura nazionale è a capitale estero, il 99% a capitale italiano. L analisi per provenienza dei capitali mostra che il 26% delle imprese estere presenti in Italia ha capitali di provenienza statunitense, il 16% tedesca, il 12% svizzera, l 11% olandese e il 10% francese per citare i 5 paesi più presenti sotto questo aspetto 13 (Grafico 5). Caratteristica del settore dei dispositivi medici è la forte concentrazione territoriale. Il Grafico 6 e il Grafico 7 mostrano come il 73% delle imprese si trovi in sei sole regioni cui è riconducibile l 88% del fatturato totale: si tratta di Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio, Veneto, Toscana e Piemonte. Il caso più rilevante tra queste è senza dubbio la Lombardia, che raccogliendo il 28% delle imprese produce il 50% del fatturato di settore. Le imprese multinazionali, infatti, sono presenti sul suo territorio in proporzione superiore a quanto si osservi nelle altre regioni (Grafico 9). L Emilia-Romagna, seconda per numerosità di imprese, si distingue per essere la regione a maggior vocazione industriale: il 59% delle imprese attive sono produttrici (Grafico 8). Segue il Piemonte, dove le imprese di produzione sono il 51%. Le regioni del sud, invece, mostrano una presenza superiore alla media nazionale di imprese commerciali. TABELLA 3 IMPRESE DEL SETTORE: NUMERO, DIPENDENTI E FATTURATO PER COMPARTO Si tratta per la maggior parte di imprese in origine italiane poi acquisite da gruppi esteri che hanno mantenuto identità e struttura nazionale. 13 I dati consentono di individuare le imprese a maggioranza di capitali esteri e il paese di provenienza di tali capitali, ma non il peso esatto di questi ultimi. Per questo motivo la somma delle percentuali per paese non è cento, dato che ciascuna impresa può avere capitali provenienti da paesi diversi. RAPPORTO 19

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Osservatorio nazionale distretti italiani

Osservatorio nazionale distretti italiani Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani- Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012

Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Il sistema BD/RDM: integrazione dei Dispositivi medico diagnostici in vitro La rilevazione degli IVD Incontro con ASSOBIOMEDICA Roma, 07 maggio 2012 Agenda Le attuali modalità di notifica per i dispositivi

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse

La cooperazione italiana negli anni della crisi. 2 Rapporto Euricse La cooperazione italiana negli anni della crisi 2 Rapporto Euricse 1 La cooperazione italiana negli anni della crisi Secondo Rapporto Euricse Introduzione 3 Carlo Borzaga Parte 1: Il quadro generale 9

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Progetto PROMETEO. FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana. DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA

Progetto PROMETEO. FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana. DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA Progetto PROMETEO FORESIGHT TECNOLOGICO/ECONOMICO Settori 4 A e Turismo in Toscana DOCUMENTO REDATTO da Consorzio Pisa Ricerche e FIRENZE TECNOLOGIA INDICE INTRODUZIONE...3 IL CONTESTO ECONOMICO E TECNOLOGICO

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli