ALLEGATI AL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO DELLA CLASSE 5 A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATI AL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO DELLA CLASSE 5 A"

Transcript

1 ALLEGATI AL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO DELLA CLASSE 5 A

2 PROGRAMMI SVOLTI CON RELAZIONI FINALI

3 ISISS P. Gobetti Programma svolto classe 5 A A.S Italiano- Prof. Giuseppe Vanni

4 Relazione finale La classe 5 A è composta da 24 elementi i quali hanno raggiunto nel complesso una preparazione discretamente omogenea: con questa espressione s intende che gli obiettivi previsti dalla disciplina sono stati mediamente raggiunti in modo piuttosto soddisfacente, con alcune punte di eccellenza - al di là della media matematica - che si sono distinte per meticolosità e tenacia nello studio. All interno di un percorso quinquennale com è quello dell indirizzo di Amministrazione, Finanza e Marketing, gli studenti hanno generalmente tenuto un contegno rispettoso del docente e dell ambiente scolastico, tanto che non si segnalano provvedimenti disciplinari di un qualche rilievo. In alcuni casi l impegno e la frequenza non sono stati sempre costanti, ma il rapporto collaborativo instauratosi fin dall inizio con i genitori all interno del Consiglio di Classe ha permesso comunque, con i dovuti interventi e la partecipazione degli alunni stessi, di seguire una programmazione didattica coerente. La classe è sempre stata piuttosto disponibile nei confronti dell attività didattica: è stato così possibile integrare il libro di testo con la visione di spettacoli teatrali, film, documentari e altri contenuti multimediali e con progetti come quello del giornalino scolastico volti al rafforzamento delle competenze di base. Ne consegue che, da parte dell insegnante, il giudizio può essere positivo, nella consapevolezza appunto del lavoro svolto dagli alunni nei cinque anni di corso.

5 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Sono quelli previsti dai programmi ministeriali, al termine del triennio - e quindi della classe quinta l alunno dovrà dimostrare quanto segue. Saper svolgere una relazione orale di alcuni minuti rispetto ad un argomento già affrontato in aula. Pianificare il proprio discorso in modo razionale tenendo conto delle caratteristiche del destinatario, utilizzando un registro linguistico adatto alle diverse situazioni comunicative e alle diverse finalità del messaggio Regolare con consapevolezza il registro linguistico - distinguendo tra usi formali e informali e gli elementi che conferiscono efficacia al discorso. Comprendere testi relativi all ambito professionale, con la padronanza dei relativi linguaggi specialistici. Comprendere testi di carattere argomentativo, di livello non specialistico, su temi di rilievo culturale. Acquisire selettivamente, raccogliere e ordinare informazioni da testi diversi. Redigere una relazione, intesa come sintesi di conoscenze acquisite da esperienze o fonti molteplici. Redigere testi argomentativi su tematiche di interesse personale, culturale, sociale ed economico. Nello specifico, per ciò che riguarda l educazione letteraria, e in particolare per ciò che riguarda l educazione letteraria in relazione ad una modularità dell insegnamento che prevederà soprattutto unità didattiche sul modello storico-culturale, gli obiettivi caratterizzanti sono i seguenti. Riconoscere modelli culturali, poetiche, elementi tipici dell immaginario collettivo in una data epoca. Riconoscere centri, luoghi e soggetti dell elaborazione culturale. Individuare l intreccio tra fattori materiali e ideali nella storia letteraria e culturale. Individuare gli elementi di continuità e di mutamento nella storia delle idee.

6 Italiano Storia della Letteratura Programma svolto 1. Dal simbolismo francese a Giovanni Pascoli Poetiche del simbolismo Lettura e analisi del testo delle poesie Corrispondenze di C. Baudelaire L Albatro di C. Baudelaire Spleen di C. Baudelaire Giovanni Pascoli La vita, le opere e la poetica Lettura e analisi del testo delle poesie X agosto L assiuolo La mia sera Temporale Lettura di un brano tratto dal saggio Il fanciullino 2. Il primo Novecento: la letteratura tra futurismo, crepuscolarismo e l esperienza de La Voce Filippo Tommaso Marinetti Lettura e commento del Manifesto del futurismo Lettura e analisi di un testo tratto da Il bombardamento di Adrianopoli Marino Moretti Lettura e analisi del testo della poesia Poggiolini Aldo Palazzeschi Lettura e analisi del testo della poesia E lasciatemi divertire Sergio Corazzini Lettura e analisi del testo della poesia Desolazione del povero poeta sentimentale Dino Campana Lettura e analisi del testo della poesia La Chimera

7 3. La lirica tra le due guerre: l ermetismo Salvatore Quasimodo Lettura e analisi del testo delle poesie Alle fronde dei salici Uomo del mio tempo 4. Tra poesia nuova ed ermetismo Giuseppe Ungaretti La vita, le opere e la poetica Lettura e analisi del testo delle poesie I fiumi Veglia Fratelli San Martino del Carso Mattina Soldati Sono una creatura L isola Eugenio Montale La vita, le opere e la poetica Lettura e analisi del testo delle poesie Spesso il male di vivere ho incontrato La casa dei doganieri Forse un mattino andando Cigola la carrucola del pozzo Caro piccolo insetto Meriggiare pallido e assorto Non chiederci la parola 5. La narrativa psicologica Le scienze umane, Freud e la psicanalisi Luigi Pirandello La vita, le opere e la poetica Lettura di un brano dal saggio L umorismo Lettura e analisi del testo delle novelle La carriola Il treno ha fischiato Lettura e analisi del testo dei brani Cambio treno e Io e l ombra mia da Il fu Mattia Pascal e Filo d aria e Quel caro Gengé da Uno, nessuno e centomila

8 Italo Svevo La vita, le opere e la poetica Lettura e analisi del testo dei seguenti brani da La Coscienza di Zeno: Il fumo L incontro con Tullio Il sogno di Carla Il sogno del bambino 6. Un esempio della narrativa neorealista Primo Levi La vita, le opere e la poetica Lettura e analisi del testo dei seguenti brani da Se questo è un uomo Considerate se questo è un uomo (lirica) Sul fondo I sommersi e i salvati Kraus Lettura e analisi del testo delle poesie da Ad ora incerta Per Adolf Eichmann Il superstite Alzarsi L ultima epifania I rappresentanti degli studenti

9 METODOLOGIA Lezione frontale, lezione partecipata, utilizzo di strumenti multimediali Lettura e interpretazione di testi, domande di comprensione, discussione sui contenuti Potenziamento della comprensione della parola scritta attraverso la lettura di libri di narrativa scelti da un elenco presentato dal docente Esercizi di scrittura a casa e in classe su esercizi presenti nel manuale e su domande presentate dal docente in relazione ai testi analizzati in aula. STRUMENTI Libro di testo di letteratura Libri di narrativa Contenuti multimediali che integrino il programma o che costituiscano uno stimolo alla produzione scritta per lo svolgimento dei compiti in classe Eventuali documenti forniti dal docente in funzione dell elaborazione di alcune tracce delle prove scritte. VERIFICHE Verifiche orali (due a quadrimestre) Verifiche scritte così strutturate (due a quadrimestre): Tipologia A Analisi di un testo letterario Tipologia B Articolo di giornale o saggio breve (4 opzioni come segue) 1. Ambito artistico letterario 2. Ambito socio-economico 3. Ambito storico-politico 4. Ambito tecnico-scientifico Tipologia C Tema di argomento storico Tipologia D Tema di argomento generale OBIETTIVI RAGGIUNTI Per quanto riguarda gli obiettivi presentati nella programmazione di inizio a.s., valgono le seguenti considerazioni: Alcuni studenti li hanno raggiunti in modo sufficientemente valido Altri in modo discretamente valido quando nuon buono Un ultimo gruppo, più esiguo, ha dimostranto in taluni casi di saperli padroneggiare raggiungendo una valutazione eccellente. Prof. Giuseppe Vanni

10 ISISS P. Gobetti Programma svolto classe 5 A A.S Storia - Prof. Giuseppe Vanni

11 Relazione finale La classe 5 A è composta da 24 elementi i quali hanno raggiunto nel complesso una preparazione discretamente omogenea: con questa espressione s intende che gli obiettivi previsti dalla disciplina sono stati mediamente raggiunti in modo piuttosto soddisfacente, con alcune punte di eccellenza - al di là della media matematica - che si sono distinte per meticolosità e tenacia nello studio. All interno di un percorso quinquennale com è quello dell indirizzo di Amministrazione, Finanza e Marketing, gli studenti hanno generalmente tenuto un contegno rispettoso del docente e dell ambiente scolastico, tanto che non si segnalano provvedimenti disciplinari di un qualche rilievo. In alcuni casi l impegno e la frequenza non sono stati sempre costanti, ma il rapporto collaborativo instauratosi fin dall inizio con i genitori all interno del Consiglio di Classe ha permesso comunque, con i dovuti interventi e la partecipazione degli alunni stessi, di seguire una programmazione didattica coerente. La classe è sempre stata piuttosto disponibile nei confronti dell attività didattica: è stato così possibile integrare il libro di testo con la visione di film, documentari e altri contenuti multimediali e con incontri e seminari volti al rafforzamento delle competenze di base. Ne consegue che, da parte dell insegnante, il giudizio può essere positivo, nella consapevolezza appunto del lavoro svolto dagli alunni nei cinque anni di corso.

12 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Sono quelli previsti dai programmi ministeriali: al termine del triennio - e quindi della classe quinta l alunno dovrà dimostrare di sapere quanto segue: Riconoscere, comprendere e valutare le più importanti relazione tra dati, concetti e fenomeni Individuare e descrivere analogie e differenze, continuità e rottura tra fenomeni Esporre adoperando concetti e termini storici in rapporto agli specifici contesti storicoculturali Classificare ed organizzare dati, leggere e strutturare tabelle, grafici, cronologie, tavole sinottiche, atlanti storici e geografici, manuali, bibliografie. Osservare le dinamiche attraverso le fonti Usare modelli appropriati per inquadrare, comparare e collocare in modo significativo i diversi fenomeni storici locali, regionali, continentali, planetari Saper leggere testi ed acquisire concetti e lessico significativi Saper svolgere una relazione orale di alcuni minuti rispetto ad un argomento già affrontato in aula.

13 Programma svolto 1. La prima guerra mondiale i. Lo scoppio del conflitto ii. Dalla guerra di movimento alla guerra di logoramento iii. L Italia dalla neutralità all intervento iv. L ingresso in guerra degli USA v. Il fronte orientale e Caporetto vi. Il crollo degli imperi centrali vii. I 14 punti di Wilson viii. I trattati di pace di Parigi: le conseguenze per Italia e Germania 2. La rivoluzione russa i. Dalla rivoluzione di febbraio alla rivoluzione d ottobre ii. Le tesi di Lenin iii. L insurrezione di ottobre e il colpo di stato bolscevico 3. La crisi del dopoguerra i. Il nazionalismo italiano e la vittoria mutilata ii. I partiti di massa: partito popolare, partito socialista e partito comunista iii. La genesi del fascismo iv. Crescita e violenza del fascismo movimento 4. Il fascismo i. La marcia su Roma, cronaca dei fatti dal 27 al 30 ottobre 1922 ii. Il delitto Matteotti e la disfatta delle opposizioni iii. Il colpo di forza del 3 gennaio 1925 iv. Le leggi fascistissime v. La Conciliazione vi. La politica economica vii. La politica del lavoro viii. L emigrazione politica e l antifascismo ix. Le leggi razziali e l alleanza con la Germania

14 5. La dittatura sovietica i. Rivoluzione permanente e costruzione del socialismo in un solo paese ii. Repressione e carestia iii. I crimini dello stalinismo iv. La nascita del culto di Stalin 6. La crisi del 1929 i. Gli USA e la religione del business ii. Il crollo di Wall Street iii. La presidenza Roosevelt e il New Deal iv. L economia italiana negli anni 30 v. I successi della pianificazione economica nell URSS 7. Il nazismo i. Genesi e sviluppo del partito nazista ii. L ideologia: il Mein Kampf di Hitler. Fuehrerprinzip, Herrenvolk, Lebensraum iii. La crisi del 1929 e l ascesa nazista iv. La notte dei lunghi coltelli v. La pratica dell antisemitismo: leggi di Norimberga e Reichkristallnacht vi. L Olocausto, genesi, sviluppo ed intepretazioni: lezione tenuta dal docente con l utilizzo di documenti e testimonianze scritte 8. Come si arrivò alla seconda guerra mondiale: i. L uscita della Germania dalla Società delle Nazioni ii. La politica estera dell Italia e la guerra d Etiopia iii. L asse Roma-Berlino iv. L Anschluss v. La fine della Cecoslovacchia vi. Il patto d acciaio tra Italia e Germania vii. Il patto Molotov-Ribbentrop 9. La seconda guerra mondiale: i. Cronologia ragionata elaborata dal docente per spiegare i principali fatti del periodo 10. La fine del fascismo e la Repubblica: Italia i. La posizione della Monarchia e l 8 settembre ii. La Resistenza iii. La Repubblica Sociale Italiana iv. Dal referendum del 1946 al 18 aprile 1948

15 11. Il dopoguerra e i nuovi scenari internazionali i. La conferenza di Yalta e le sue ripercussioni ii. ONU e Bretton Woods iii. La Cortina di ferro iv. La Germania terreno della guerra fredda v. Patto di Varsavia, Nato e piano Marshall vi. La guerra di Corea 12. Il 68 in Italia i. Ricostruzione e miracolo economico ii. La rivolta degli studenti iii. I valori del movimento iv. Conclusioni e riflessioni v. Il quadro internazionale: Vietnam e primavera di Praga I rappresentanti degli studenti

16 METODOLOGIA Lezione frontale, lezione partecipata, utilizzo di strumenti multimediali Lettura e interpretazione di testi, domande di comprensione e discussione sui contenuti Lettura delle fonti e degli interventi critici presenti nel libro di testo STRUMENTI Libro di testo Film e documentari che integrino i contenuti Libri di memorialistica presenti nella lista dei libri di narrativa TIPOLOGIA DI VERIFICA Due verifiche orali a quadrimestre sul programma svolto, con domande del docente ma anche con la possibilità - come punto di partenza per l interrogazione - di esporre in modo organico e continuato un argomento preparato a piacere tra quelli trattati Prove scritte strutturate e non strutturate in sostituzione o ad integrazione di quelle orali OBIETTIVI RAGGIUNTI Per quanto riguarda gli obiettivi presentati nella programmazione di inizio a.s., valgono le seguenti considerazioni: Alcuni studenti li hanno raggiunti in modo sufficientemente valido Altri in modo discretamente valido quando nuon buono Un ultimo gruppo, più esiguo, ha dimostranto in taluni casi di saperli padroneggiare raggiungendo una valutazione eccellente. Prof. Giuseppe Vanni

17 Classe V A-Relazione Economia Aziendale La partecipazione è stata attiva, la classe puntualmente ha riposto con interesse alle proposte educative; la frequenza è stata regolare per la maggior parte degli alunni. Nella classe è presente un gruppo dotato di buone capacità il cui lavoro, metodico e consapevole, ha consentito loro di raggiungere risultati soddisfacenti,mentre un gruppo piu' ristretto ha raggiunto conoscenze medie: non sempre approfondite come si sarebbe voluto a causa di un impegno non sempre continuativo. La modalità di lavoro principale è stata la lezione frontale partecipata, seguiti da analisi di casi, esercitazioni guidate ed individuali. Lo strumento fondamentale di lavoro è stato il libro di testo. Gli alunni sono stati stimolati al dialogo, al lavoro di gruppo e alla discussione relativamente ad argomenti di natura economica e di attualità relativi alla disciplina al fine di sviluppare oltre alle capacità di apprendimento anche quelle critiche e soprattutto l'interesse verso gli argomenti oggetto di studio. Il livello di preparazione raggiunto è stato rilevato con verifiche orali brevi e lunghe e con prove scritte, che nel primo quadrimestre sono state sviluppate in modo da verificare le conoscenze di base, mentre nel secondo quadrimestre sono state sviluppate sulla falsa riga delle prove d'esame al fine di abituare gli studenti anche ad un linguaggio ed a richieste più articolate e meno esplicite. Numerose le esercitazioni svolte in preparazione della seconda prova scritta. Il coordinamento interdisciplinare è stato effettuato con tutte le discipline al fine di dare agli alunni una visione ampia e trasversale delle problematiche affrontate durante l'anno con continui riferimenti all'attualità. Morciano di Romagna, 5 maggio 2015 L'insegnante

18 MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSE V A A.S PROF.SSA IERACI MARIA VITTORIA Durante l'anno scolastico sono state sviluppate le seguenti unità didattiche perseguendo gli obiettivi indicati. GESTIONE ORGANIZZAZIONE DELLE AZIENDE INDUSTRIALI LA CONTABILITA' GENERALE E IL BILANCIO D'ESERCIZIO Obiettivi di conoscenza: La gestione delle imprese industriali e l'ambiente economico attuale in cui operano Il sistema informativo contabile delle imprese industriali e la sua articolazione Caratteristiche della contabilità generale e differenze con quella analitica Le tipiche operazioni d'esercizio, di assestamento e di chiusura nelle quali si concretizza la contabilità generale delle imprese industriali Nozione di Bilancio d'esercizio Norme e principi per la redazione del Bilancio d'esercizio Lo Stato patrimoniale, il Conto economico e la Nota integrativa Scritture relative alle immobilizzazioni tecniche: acquisizione, apporto, costruzione in economia, dismissione scritture inerenti i costi incrementativi e quelli di manutenzione e riparazione Scritture relative al personale dipendente Scritture d'acquisto e di vendita Scritture di assestamento con particolare riferimento alle rimanenze e agli ammortamenti Il bilancio d'esercizio in ottemperanza alle disposizioni del Codice Civile Obiettivi operativi: Riconoscere le imprese industriali e classificarle sulla base di differenti criteri Rilevare in contabilità generale le operazioni di gestione, assestamento, epilogo e chiusura delle aziende industriali Saper leggere e interpretare un bilancio d'esercizio I COSTI E LA CONTABILITA' ANALITICA Obiettivi di conoscenza: Le fondamentali classificazioni dei costi La break-even analysis L'oggetto e gli scopi della contabilità analitica Conoscere le metodologie tradizionali e moderne della contabilità analitica Obiettivi operativi: Applicare la break-even analisys Risolvere alcuni semplici problemi di scelta Sapere applicare metodologie tradizionali e moderne della contabilità analitica (direct costing, full costing e l'activity based costing)

19 LA PIANIFICAZIONE E IL CONTROLLO DELLA GESTIONE Obiettivi di conoscenza: Il concetto di controllo di gestione e di budget Le fasi e gli strumenti del controllo di gestione L'articolazione del sistema di budgeting: budget del risultato operativo, budget degli investimenti, budget finanziario Business plan Controllo budgetario: sistema di reporting, analisi degli scostamenti dei costi diretti Obiettivi operativi: Redigere i budget operativi, il budget operativo, il budget degli investimenti e il budget finanziario eseguire l'analisi degli scostamenti dei costi diretti ANALISI DI BILANCIO Obiettivi di conoscenza: Scopi presupposti e limiti dell'analisi di bilancio I criteri di riclassificazione dello Stato patrimoniale e del Conto economico Il sistema degli indici di bilancio Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Riclassificazione dello Stato patrimoniale Riclassificazione del Conto economico a valore aggiunto e a costo del venduto I principali indici patrimoniali, finanziari ed economici Rendiconto finanziario delle variazioni di capitale circolante netto e rendiconto finanziario delle variazioni di liquidità Obiettivi operativi: Calcolare ed interpretare i principali indici e margini per effettuare l'analisi prospettica e redigere il rendiconto finanziario L'IMPOSIZIONE FISCALE IN AMBITO AZIENDALE Obiettivi di conoscenza: Le imposte che colpiscono il reddito d'impresa L'IRAP: nozioni fondamentali La determinazione del reddito d'impresa Le variazioni fiscali I principi generali del reddito fiscale Calcolo dell'ires e dell'irap relativamente ad una S.p.a.industriale Obiettivi operativi: Saper passare dal reddito di bilancio a quello imponibile fiscale e calcolare le imposte sul reddito d'impresa

20 METODOLOGIE Gli argomenti sono stati analizzati nei loro aspetti giuridico-economico-fiscale, computistico e contabile, evidenziando le interconnessioni e cercando di fornire una visione globale e non nozionistica della disciplina, aderendo alla realtà dei nostri tempi e alla pratica operativa aziendale. Dopo aver accertato la presenza dei presupposti necessari allo sviluppo delle tematiche sono state svolte lezioni frontali graduali e partecipate sia sull'aspetto teorico che pratico. Al fine di fare recepire una piena padronanza dei contenuti sono state svolte numerose simulazioni di esemplificazioni ed esercizi con dati a scelta. STRUMENTI Libri di testo Domani in azienda Astolfi, Barale e Ricci Tramontana Codice Civile VERIFICHE Colloqui Interrogazioni Verifiche scritte sommative Prova comune d'istituto I RAPPRESENTANTI DI CLASSE L'INSEGNANTE

21 i.s.i.s.s. morciano di romagna P. GOBETTI A. DE GASPERI Anno Scolastico 2014/15 RELAZIONE SUL PROGRAMMA DI MATEMATICA: classe VA Insegnante: Maria Giacinta Rubini Libro di testo: A. Gambotto Manzone, B. Consolini Nuovo Matematica con applicazioni informatiche 3 Ed. Tramontana. La continuità didattica ha consentito agli allievi di stabilire con l'insegnante di matematica un rapporto di collaborazione e fiducia. Gli allievi si sono impegnati con serietà e continuità tale da permettere di raggiungere gli obiettivi sopra indicati. Tuttavia l'approfondimento teorico è risultato pesante e difficoltoso, quindi hanno interiorizzato soprattutto l'aspetto applicativo della materia. Le conoscenze e le competenze raggiunte possono considerarsi complessivamente soddisfacenti. Fra gli allievi se ne distinguono alcuni che hanno raggiunto risultati ottimi, altri, che hanno lavorato con continuità ed impegno, hanno conseguito un profitto discreto o buono, alcuni sono riusciti ad ottenere risultati solo sufficienti, per poca attitudine nella disciplina o per impegno non costante.. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Nella classe quinta l obiettivo prevalente è stato quello di portare a naturale compimento il lavoro degli anni precedenti, con l'ulteriore affinamento degli strumenti acquisiti per una loro significativa dimensione operativa, evidenziata con la varietà delle problematiche affrontabili e con la loro aderenza, per quanto semplificata, alle tematiche ed ai problemi dell'economia, dell'industria, della società. OBIETTIVI DISCIPLINARI Lo studente deve essere in grado di: Determinare dominio e linee di livello di funzioni in due variabili, dandone rappresentazione grafica nel piano cartesiano Oxy, calcolarne i massimi e minimi liberi e vincolati; Applicare l analisi matematica allo studio delle funzioni economiche; Costruire il modello matematico di problemi economici, dopo aver individuato le variabili d azione, la funzione obiettivo e i vincoli.. CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE SRITTE ED ORALI Presentazione formale dell'elaborato; Coerenza nello sviluppo logico della teoria; Conoscenza,applicazione e padronanza della teoria; Capacità di rappresentazioni grafiche; Capacità di generalizzazione; Capacità di individuare un procedimento più valido matematicamente; Capacità di creare modelli matematici in problemi di scelta; Giustificazioni teoriche dei procedimenti seguiti. STRUMENTI : Libro di testo: A. Gambotto Manzone, B. Consolini Nuovo Matematica con applicazioni informatiche 3 Ed. Tramontana.

22 VERIFICHE : Verifiche orali Verifiche scritte riguardanti la soluzione di problemi Prove strutturate e semistrutturate, INDICAZIONI METODOLOGICHE Nell affrontare i vari temi, si è cercato di procedere per problemi, evidenziando soprattutto gli aspetti applicativi della disciplina, nel tentativo di togliere alla matematica l aspetto di incomprensibile astrazione che spesso crea un rifiuto da parte degli alunni. I contenuti del programma sono stati sviluppati con lezioni frontali, seguite da esercitazioni svolte singolarmente o in gruppo, favorendo un continuo passaggio dal particolare problema economicofinanziario al relativo modello matematico e al metodo risolutivo, al fine di agevolare la comprensione della teoria. Nello sviluppo di molte parti del programma si è reso necessario richiamare argomenti svolti negli anni precedenti. Maria Giacinta Rubini

23 PROGRAMMA DI MATEMATICA Classe VA Anno scolastico 2014/2015 Libro di testo: A. Gambotto Manzone, B. Consolini Nuovo Matematica con applicazioni informatiche 3 Ed. Tramontana Insegnante: Maria Giacinta Rubini LE FUNZIONI IN DUE VARIABILI E LE APPLICAZIONI IN ECONOMIA FASCI DI CURVE - I fasci di rette - Richiami sulle coniche - Le disequazioni in due variabili: le disequazioni lineari le disequazioni non lineari i sistemi di disequazioni LE FUNZIONI IN DUE VARIABILI - La definizione - Il grafico: il sistema di riferimento nello spazio una superficie particolare: il piano le linee sezione e le linee di livello - Limiti e continuità - Il calcolo delle derivate le derivate parziali prime le derivate successive MASSIMI E MINIMI DI UNA FUNZIONE DI DUE VARIABILI - Massimi e minimi liberi: le definizioni i massimi ed i minimi con le linee di livello i massimi ed i minimi con le derivate - Massimi e minimi vincolati: massimi e minimi vincolati da equazioni massimi e minimi vincolati da disequazioni - Il caso particolare delle funzioni lineari con vincoli lineari

24 LA PROGRAMMAZIONE LINEARE - Il modello del problema - Il metodo grafico per i problemi di PL in due variabili: problemi di PL in due variabili problemi di PL riconducibili a due variabili MATEMATICA APPLICATA ALL ECONOMIA Problemi relativi a rendite certe: - montante e valore attuale di rendite temporanee. - La legge di domanda e l'elasticità della domanda - La legge di offerta - Equilibrio tra domanda ed offerta - Funzione dei costi e i ricavi - Massimo profitto LA RICERCA OPERATIVA PROBLEMI DI SCELTA - Che cos'è la ricerca operativa - La teoria delle decisioni - Problemi di scelta in condizioni di certezza. le scelte ottimali un particolare problema di minimo: il problema delle scorte - Problema di scelta in condizioni di certezza con effetti immediati: il caso discreto: dati poco numerosi dati numerosi - La scelta fra più alternative LA TEORIA DELLE DECISIONI CON EFFETTI DIFFERITI - Cenni sul problema di scelta con effetti differiti - Gli investimenti finanziari: il criterio dell'attualizzazione il criterio del tasso effettivo di impiego. - Gli investimenti industriali: il criterio dell'attualizzazione Morciano di Romagna 12/05/2015 Gli alunni L'insegnante Maria Giacinta Rubini

25 Isiss Gobetti Morciano Programma scolastico svolto a.s. 2014/2015 Classe 5ª A DIRITTO classe V^ A ISISS GOBETTI Relazione finale sull andamento didattico relativo alla materia DIRITTO Insegnante: Prof. Avv. Giovanni Sodano Alcuni studenti hanno denotato maggior interesse alla disciplina insegnate dal sottoscritto docente, dimostrando particolari capacità logico-critiche in occasione dell analisi dei vari istituti di diritto pubblico presenti nei moduli didattici analizzati nel corso delle lezioni. Altri alunni, al contrario, soprattutto nella parte iniziale dell anno scolastico hanno trovato maggiori difficoltà in ragione della - quantomeno iniziale - ravvisabilità negli stessi di talune difficoltà nell esposizione orale dei contenuti disciplinari facendo uso della appropriata terminologia. In ogni caso nel corso dell anno, attraverso frequenti esercitazioni e simulazioni orali, lezioni frontali e dialogate si è cercato di favorire negli studenti didatticamente più deboli, l eloquio e la capacità espositiva nonchè una più approfondita conoscenza dei contenuti dei vari contenuti didattici, con risultati ottimali. Questo fatto ha permesso loro di affrontare gli argomenti trattati con un approccio contenutistico, in modo da cogliere tutte le connessioni e le interdipendenze con cui si manifestano e si svolgono le dinamiche correlate al funzionamento delle istituzioni pubbliche dello Stato. Il programma, nelle sue parti essenziali, è stato approfondito e rielaborato anche con contenuti di varia attualità, di talchè gli obiettivi didattici riassunti nel programma disciplinare articolato nei vari moduli didattici è da ritenersi raggiunto. Per quanto, invece, concerne l aspetto del comportamento e della correttezza, a livello disciplinare il giudizio esprimibile da chi scrive è piuttosto favorevole. Con Osservanza Prof. Giovanni Sodano

26 PROGRAMMA DI DIRITTO SVOLTO NELLA CLASSE 5 A ISISS GOBETTI A.S. 2014/2015 n. 3 ore settimanali Disciplina: Diritto Pubblico Libro di testo: Forum Diritto Pubblico Terza Edizione E se ed. Zanichelli Lo Stato e la sua Organizzazione caratteristiche ed elementi dello Stato le forme di stato e le forme di Governo Territorio, popolo, sovranità e cittadinanza L ordinamento internazionale Le fonti del diritto internazionale l Italia e la guerra L ONU - L Unione Europea evoluzione ed elementi del processo di integrazione gli organi dell Unione Europea e le relative funzioni Lo Stato Italiano e la Costituzione Storia costituzionale italiana dallo Statuto Albertino alla Costituzione Repubblicana Le caratteristiche della Costituzione Repubblicana I diritti ed i doveri dei cittadini - le libertà civili, i diritti etico-sociali ed i diritti economicosociali Gli Organi Costituzionali il corpo elettorale cenni sulla sistema elettorale Il Parlamento la funzione legislativa ed il referendum abrogativo Il Governo natura, composizione e poteri normativi Il Presidente della Repubblica La Corte Costituzionale natura, composizione e funzioni L'amministrazione della giustizia I principi generali costituzionali in materia di giurisdizione La tutela giurisdizionale Giurisdizione civile Giurisdizione penale Le autonomie locali I contenuti dell autonomia Il ruolo degli Enti Pubblici territoriali Le Regioni organi regionali e relative funzioni La funzione legislativa della Regione e l art. 117 della Costituzione Il Comune e la sua organizzazione città metropolitane e Province Prof. Giovanni Sodano

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 Docente Materia Classe DE CERCE LINA MATEMATICA 5 C I.T.C. 1. Finalità... 2. Obiettivi didattici... 3. Contenuti... 4. Tempi... 5. Metodologia e strumenti...

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO di Mauro CERNESI Presentiamo una proposta di piano di lavoro di Economia politica per le classi quinte del nuovo ordinamento degli Istituti

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docenti: BOMBEN MATILDE - BRAVIN DANI Classe: 3^ A - C RIM Libro di testo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L DISCIPLINA_ SCIENZE MOTORIE DOCENTE Moramarco Pasquale QUADRO ORARIO

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 10 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: AFM - SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alagna, Garofoli - Masoch - Oldoni - Zuffada ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSI: 1^ CORSO: AFM - LICEO SPORT AS 20152016 Moduli Libro Di Testo scienze motorie Appunti schede tecniche Competenze di base - Sviluppo funzionale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia

5.6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia .6 La valutazione nella Scuola dell'infanzia Nella Scuola dell'infanzia non si parla propriamente di valutazione se non in termine di sviluppo di competenze riferito ai Campi di Esperienza delle Nuove

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE IIS F E R M I GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it Codice Fiscale 83003590011

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MOTORIE Docente : PROF. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : II A CAT CONTESTO DELLA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1 BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza,

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

FISICA STANDARD MINIMI IN TERMINI DI CONOSCENZE E COMPENTENZE

FISICA STANDARD MINIMI IN TERMINI DI CONOSCENZE E COMPENTENZE FISICA Anno Scolastico 2013-2014 Classe II C Insegnante : Franco Cricenti OBIETTIVI GENERALI Nel II anno degli istituti professionali accanto agli insegnamenti dell area generale comuni a tutti gli indirizzi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 PAG.1 DI 7 PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 1. FINALITÀ Analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 80121 NAPOLI codice meccanografico: NAPC14000P Telefono 081 415084 e-mail: napc14000p@istruzione.it Fax 081 7944596 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " - Teano. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  - Teano. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " - Teano Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe seconda/sez. AT Prof. Basilone Alfonso COMPOSIZIONE DELLA CLASSE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli