DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE IIS SAN MARCO ARGENTANO ITCG - LC CSIS06700R SAN MARCO ARGENTANO VIA DANTE ALIGHIERI S.N.C. CSPC L.CLASSICO LC P.CANDELA SAN MARCO A. (SEZ. ASSOC.) CSTD I. T. COM. E GEOM. ITCG SAN MARCO ARGENTANO FERMI (SEZ. ASSOC.) CSTD06751C I.T. COMMERCIALE SERALE ITCG FERMI SAN MARCO A. (CORSO SERALE) CSPC0S7014 FAGNANO CASTELLO (SEZIONE ASSOCIATA) TEL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SEZIONE A CORSO A.F.M. Diploma di Ragioniere Approvato dal Consiglio di Classe in data 11//05/2015 Affisso all Albo della Scuola in data 15/05/2015 prot.n 2416 C/29 San Marco Argentano a.s. 2014/2015

2 ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI ( L. 425/97-DPR 323/98 art.5.2-o.m.n 29/2001 e ss-o.m. n 40/2009 O.M. n 44/2010) Contenuti del Documento: INDICE Elenco dei candidati Composizione del Consiglio di Classe Presentazione della classe SCHEDA della Programmazione didattica ed educativa di ciascuna disciplina ALLEGATI: GRIGLIE di misurazione degli apprendimenti relative ad ogni singola disciplina - ITALIANO - STORIA - I LINGUA STRANIERA (Francese) - II LINGUA STRANIERA (Inglese) - MATEMATICA APPLICATA - SCIENZA DELLE FINANZE - DIRITTO - ECONOMIA AZIENDALE - SCIENZE MOTORIE - RELIGIONE Criteri seguiti per la progettazione della terza prova scritta GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA SCRITTA Simulazioni prove pluridisciplinari effettuate dalla classe finalizzate alla terza prova scritta Criteri di valutazione attestati in ordine al Credito Scolastico e al Credito Formativo S. MARCO ARGENTANO, lì 15 maggio 2015 Il Coordinatore del C.di C. Il Dirigente Scolastico Prof. Anna Iervolino Prof.ssa Maria Saveria VELTRI COMPONENTI DELLA CLASSE V SEZ. A CORSO A.F.M.

3 COGNOME NOME DATA DI NASCITA COMUNE DI RESIDENZA 1) CAPARELLI Eleonora 20/11/1996 Mongrassano 2) CICIRELLI Mafalda 15/06/1996 Torano C. 3) DE BIASE Federico 11/09/1996 Cervicati 4) ESPOSITO Francesca 28/12/1995 San Sosti 5) FIGLIA Armando 13/05/1996 Cerzeto 6) GRECO Giuseppe 04/03/1996 Roggiano G. 7) LAVORATO Beatrice 08/12/1995 San Martino di F. 8) MAZZEI Beatrice 13/09/1996 Mongrassano 9) MICIELI Lidia 02/01/1996 Mongrassano 10) MOLINO Elisa 05/09/1996 Tarsia 11) ORLANDO Erica 11/04/1996 San Marco A. 12) PORCELLA Stefania 22/08/1996 San Marco A. 13) SINOPOLI Alessandro 09/11/1996 Cervicati 14) STABILE Sara 09/08/1995 Malvito 15) STANCATI Domenico 12/08/1996 Mongrassano 16) VELARDI Armando 21/08/1996 Mongrassano a. 1

4 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE V SEZ. A CORSO A.F.M. DISCIPLINA RELIGIONE SCIENZE MOTORIE ITALIANO STORIA LINGUA STRANIERA INGLESE LINGUA STRANIERA FRANCESE MATEMATICA APPLICATA ECONOMIA AZIENDALE DIRITTO SCIENZA DELLE FINANZE DOCENTE PERRONE ANGELA CREA FRANCESCO IERVOLINO ANNA IERVOLINO ANNA COZZA FIORINA SALERNO FERRUCCIO RIPOLI CONCETTA CAPARELLI FRANCESCO METE GIOVANNI METE GIOVANNI

5 STORIA DELLA CLASSE La classe è composta da 16 alunni, 10 ragazze e 6 ragazzi, provenienti dalla classe precedente, tranne una alunna trasferitasi dalla quinta sez. B A.F.M. Nel corso del triennio non c è stata continuità didattica in alcune discipline e tale situazione,sebbene abbia richiesto continui adattamenti alle scelte metodologiche, non ha determinato grosse o particolari difficoltà nei rapporti con i docenti, anzi, la classe si è mostrata disponibile e collaborativa nel rispetto reciproco. Gli alunni di media estrazione sociale provengono,per la maggior parte,da zone limitrofe e da ambienti familiari semplici,nonostante i caratteri diversi si è comunque riuscito a creare un clima abbastanza sereno. La programmazione didattica pianificata dai docenti, per le discipline di competenza, è stata sostanzialmente realizzata, nonostante la mancanza di approfondimento di alcuni argomenti. Il comportamento della classe, nel complesso, è stato abbastanza corretto ed educato. Alcuni ragazzi, nel primo quadrimestre hanno evidenziato un atteggiamento poco responsabile e talvolta mostrata scarsa motivazione allo studio, non assolvendo sempre e in modo puntuale i compiti assegnati,nella seconda parte dell anno, invece, hanno mostrato un attaccamento maggiore al lavoro didattico. Dal punto di vista del rendimento scolastico, gli alunni appaiono disomogenei e suddivisibili in due fasce di livelli: la prima corrispondente ad un esiguo gruppo e comprende alunni motivati che hanno conseguito agevolmente gli obiettivi prefissati, acquisendo le conoscenze e le competenze necessarie ad ottenere una visione più o meno globale delle problematiche relative alle varie discipline. Sono dotati di buone capacità,di un soddisfacente grado di preparazione e di capacità linguistiche. L interesse e l impegno costanti,mostrati nel lavoro, hanno contribuito a raggiungere risultati positivi, ed a migliorare le proprie competenze. La seconda fascia, invece, comprende alunni dotati di apprezzabile volontà non sempre sfruttata al meglio, l impegno e lo studio sono stati discontinui e si caratterizzano per un apprendimento nozionistico fatto di conoscenze non pienamente acquisite ed interiorizzate, ma, con volontà, specie nel secondo quadrimestre, hanno mostrato un attaccamento al lavoro diverso, anche in previsione dell ammissione agli Esami di Stato, raggiungendo risultati positivi. Alla luce di quanto detto,il grado di preparazione raggiunto dalla classe è eterogeneo e si attesta su livelli sufficienti per alcuni, con qualche lacuna di base nelle discipline tecniche, discreto / buono per altri. Riguardo le Metodologie didattiche delle singole discipline, esse sono state concordate nei Consigli di Classe, nella fase di programmazione annuale, e nei Dipartimenti disciplinari, cercando di evitare un impostazione troppo soggettiva e solo teorica. Quando nel lavoro sono emerse lacune o difficoltà di apprendimento, si sono attuate, in itinere, continue ripetizioni delle Unità didattiche più ostiche, così come alla fine del I quadrimestre si è fatta una pausa didattica per fissare al meglio i contenuti. Nell attività didattica, nel corso degli anni, per alcune discipline si sono utilizzati laboratori, attrezzature e aule speciali, di cui l istituto è dotato: - Aula Video - Laboratorio di informatica -Sportello di Ascolto -Biblioteca per i Convegni. Al fine di allargare gli orizzonti socio-culturali e favorire una formazione aperta al confronto, gli alunni hanno partecipato alle seguenti iniziative: Attività di Orientamento in entrata ed uscita Progetto la scuola a cinema Progetto BIZ - Economia Aziendale P.O.N. One Way Europe (partecipazione di un solo alunno) Alternanza Scuola-Lavoro Riguardo le Tipologie delle prove ed i criteri di impostazione, gli alunni hanno affrontato due simulazione della terza prova scritta agli Esami di Stato. In Italiano, durante l intero anno scolastico, gli alunni,si sono esercitati a svolgere le diverse tipologie elaborative per gli Esami di Stato per acquisire consapevolezza e competenze delle su accennate tipologie. In Economia Aziendale, i ragazzi hanno svolto verifiche scritte riferite ai temi ministeriali degli anni precedenti e quella inviata dal ministero dell Istruzione per esercitazione alla seconda prova agli esami, in modo da abituarli alla comprensione ed all elaborazione degli stessi. Alcuni docenti, inoltre, hanno seguito gli alunni nella preparazione dei percorsi disciplinari per evitare che in procinto degli esami potessero incontrare difficoltà nella elaborazione di lavori da presentare alla Commissione. Sulla terza prova, gli alunni si sono esercitati sulla tipologia Mista B+ C, quattro quesiti a risposta multipla e due a risposta aperta, coinvolgendo tutte le discipline. La prima simulazione è stata effettuata durante il primo quadrimestre e la seconda nel mese di Marzo. I criteri di valutazione per le terze prove vengono allegati al Documento di classe. Il Consiglio di Classe, nella valutazione delle prove orali e scritte si è riferito ai criteri di corrispondenza tra voti, livelli di conoscenza e competenza già definiti nella programmazione iniziale seguendo le griglie presentate all inizio dell anno scolastico ed allegate, anch esse,al documento su detto.

6 PARTECIPAZIONE ATTIVITA CURRICULARI Open day La scuola a Cinema Alternanza scuola lavoro Students Lab BIZ Giornata della memoria: Ricordare sempre presso Campo di internamento di Ferramonti-Tarsia Millennium Normannorum ASL Castrovillari:Conferenza sul tema L informazione aiuta a sconfiggere il cancro Teatro Unical : Spari e Dispari PROGETTI PON: One Way Europe ATTIVITA DI Orientamento : Incontro con i rappresentanti Università della Calabria Incontro con i rappresentanti Università della Basilicata Incontro con i rappresentanti Università della Calabria-Corso di Scienze Sociali Incontro con il regista Algeri- documentario su Lavorare e studiare a Londra Incontro con Associazione AME AURA Incontro con :Marina Militare di Corigliano Calabro VIAGGI DI ISTRUZIONE: Barcellona è stata la meta del Viaggio di Istruzione al quale hanno partecipato dieci alunni

7 CRITERI SEGUITI PER LA PROGETTAZIONE DELLA TERZA PROVA Il consiglio di classe, dopo aver attentamente analizzato le tipologie della terza prova previste dal regolamento per il percorso di studi della classe, ha ritenuto opportuno scegliere, tra quelle previste, una tipologia mista tra la tipologia C e la tipologia B. Questa consente di verificare il raggiungimento di obiettivi minimi in termini di conoscenze, competenze e linguaggio specifico e, contemporaneamente, di valutare capacità espressive e di sintesi. Si è inteso far esercitare gli allievi su cinque discipline. Sono state somministrate n 2 prove miste: Tipologia C :20 domande a scelta multipla + tipologia B: 10 quesiti a risposta breve Le domande a scelta multipla sono state caratterizzate da: 4 risposte di cui una sola corretta Le risposte corrette si susseguono in modo casuale Ogni domanda ha pari difficoltà e peso nella misurazione indipendentemente dalla disciplina La domanda è formulata su aspetti specifici della conoscenza e delle competenze richieste dalla disciplina I quesiti a risposta breve sono stati caratterizzati da: Articolazione in una o più domande chiaramente esplicitate Risposte autonomamente formulate dal candidato e contenute nei limiti di 5 righi Ogni quesito ha pari difficoltà e peso nella misurazione indipendentemente dalla disciplina Sono state coinvolte le discipline che non sono oggetto di prove scritte, al fine di fornire alla Commissione d esame ulteriori elementi di valutazione. Il tempo messo a disposizione è stato di 90 minuti. La griglia di valutazione della terza prova scritta viene allegata al presente Documento.

8 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE IIS SAN MARCO ARGENTANO ITCG - LC CSIS06700R SAN MARCO ARGENTANO VIA DANTE ALIGHIERI S.N.C. CSPC L.CLASSICO LC P.CANDELA SAN MARCO A. (SEZ. ASSOC.) CSTD I. T. COM. E GEOM. ITCG SAN MARCO ARGENTANO FERMI (SEZ. ASSOC.) CSTD06751C I.T. COMMERCIALE SERALE ITCG FERMI SAN MARCO A. (CORSO SERALE) CSPC0S7014 FAGNANO CASTELLO (SEZIONE ASSOCIATA) TEL ESAME DI STATO CLASSE V SEZIONE A CORSO A.F.M A.S. 2014/2015

9 ESAME DI STATO 2014/2015 Codice Commissione Candidato Classe Sez. Corso Voto /15 Tipologia della prova : Tipologia Mista (B+C) Attenersi all estensione massima di 5 righe per ciascun quesito della tipologia B. Discipline coinvolte (max n 5): Durata della prova : Minuti: 90 Consigliato: Escluso: Uso di penna nera/blu matite, correttori, gomme, penna rossa. Non sono ammesse correzioni Sussidi didattici consentiti: italiana, lingua inglese/francese. Dizionari non enciclopedici di: lingua Calcolatrici non programmabili Manuali tecnici non commentati

10 GRIGLIA DI VALUTAZIONE 3^ PROVA TIPOLOGIA MISTA: B(TOTALE DOMANDE:10)+ C(TOTALE DOMANDE: 20) CANDIDATO CLASSE SEZ VOTO MATERIE: 1) TIPOLOGIA B: NUMERO DOMANDE PER DISCIPLINA: 2 (DUE) PUNTEGGIO ASSEGNATO PER DISCIPLINA: MAX PUNTI 2 (DUE) - Risposta corretta e ben articolata (per ciascuna domanda) punti 1 (uno) - Risposta corretta punti 0,75 - Risposta parziale punti 0,50 - Risposta con minimi elementi di conoscenza punti 0,25 - Risposta non data o completamente errata punti 0 (zero) 2) TIPOLOGIA C: NUMERO DOMANDE PER DISCIPLINA: 4 (QUATTRO) PUNTEGGIO ASSEGNATO PER DISCIPLINA: MAX PUNTI 1 (UNO) - Per ogni risposta corretta punti 0,25 - Per ogni risposta sbagliata o non data punti 0 (zero) TIPOLOGIA B TIPOLOGIA C TOTALE /15

11 STORIA 1-allo scoppio delle ostilità della I guerra mondiale, l Italia dichiarò la propria neutralità. Dopo il Patto di Londra la situazione mutò radicalmente: delinei il candidato la rinnovata posizione dell Italia (max 5 righe) 2- Vittoria mutilata :il candidato espliciti il significato di tale espressione (max 5 righe) 1-Il governo Giolitti a)attuò una serie di interventi di politica economica che determinarono progressi in diversi settori b)non attuò nessun intervento di politica economica c) attuò una serie di interventi di politica economica, ma non in campo siderurgico d)non attuò alcun provvedimento 2-Inizia la Grande Guerra.L Austria-Ungheria dichiara guerra alla Serbia a)il 28 giugno 1914 b) Il 28 luglio1914 c)il 26 aprile del 1915 d)il28 dicembre del I Bolscevichi a)occupano il Palazzo d Inverno nella notte tra il 24 e 25 di ottobre b)non riescono a giungere al Palazzo d Inverno c) occupano il Palazzo d Inverno nella notte tra il 26 e 27 di ottobre d) occupano il Palazzo d Inverno tra il 18 e il 19 ottobre 4- Le Tesi di Aprile a)rese note da Lenin, comprendevano l uscita dalla guerra, la riforma agraria,l affidamento della gestione e produzione industriale agli operai, la guida dello Stato da parte degli proletari b) Rese note da Lenin, comprendevano l uscita dalla guerra, la riforma agraria,l affidamento della gestione e produzione industriale agli operai, la guida dello Stato da parte degli proletari c) non vennero rese note perché ritenute sovversive

12 INGLESE Answer the questions: 1. What are the two houses in the UK government and what work do they do? 2. How does microfinance work? Choose the correct statements among a, b, c, d. 3. The ECB is.. a- A commission in Brussels. b- An institution responsible for a particular EU policy area. c- The European Central government. d- A bank responsible for managing the euro. 4. The European parliament always meets in a- Brussels b- Frankfurt c- Luxemburg d- London 5. Fair trade is a- An organization of business men involved in manufacturing jobs. b- A term given to a particular sort of trade with disadvantaged producers. c- A term given to a particular kind of trade with developed countries.

13 d- A product made in developed countries. 6. In the UK government a bill is a- A law or formal decision made by the Parliament or any legislative body. b- Draft of a proposed law to be discussed by Parliament. c- Rule established by authority or custom, regulating the behavior of members of a community. d- A vote by all the people to make a decision about a particular object. DIRITTO Illustra brevemente il carattere della rigidità della Costituzione ed i modi per modificarla. Indica brevemente i vantaggi e gli svantaggi dell'organizzazione federale dello Stato. 3) Quale,fra questi Stati, ha struttura federale? ( ) Svizzera ( ) Gran Bretagna ( ) Spagna ( ) Francia 4) Quale, fra questi Stati,è una Repubblica semipresidenziale? ( ) Italia ( ) Spagna ( ) Francia ( ) U.S.A. 5) Quale,fra questi articoli della costituzione,qualifica l'italia come Stato di diritto: ( ) 1 ( ) 2 ( ) 138 ( ) 97 6) Quale,fra questi stranieri, ha diritto alla cittadinanza italiana dopo aver risieduto due anni sul nostro territorio?

14 ( ) Un danese ( ) Un tunisino ( ) Uno Svizzero ( ) Un Albanese SCIENZA DELLE FINANZE 1) illustra brevemente le differenze esistenti tra imposte,tasse e contributi. 2) illustra il concetto di imposta indiretta,i suoi caratteri ed i principali tipi esistenti. 3) L' I.V.A. è un'imposta : [ ] Proporzionale [ ] Progressiva [ ] ad effetti regressivi [ ] in quota fissa 4) Quali, fra queste spese,mirano a ridurre le diseguaglianze sociali? [ ] spese correnti [ ] spese in conto capitale [ ] spese per trasferimenti [ ] spese d ordine 5) Il calcolo della futura pensione di un lavoratore assunto nel 1990 avverrà : [ ] col sistema a capitalizzazione [ ] col sistema retributivo [ ] col sistema contributivo [ ] col sistema misto

15 6) Sono tenuti a pagare le imposte in Italia : [ ] i cittadini Italiani [ ] chiunque produca redditi in Italia [ ] cittadini Italiani e stranieri regolari [ ] cittadini Italiani e stranieri irregolari MATEMATICA 1. Quali sono le fasi per risolvere un problema di R.O.? 2. In che cosa consiste il problema delle scorte? 3. Qual è l Hessiano della seguente funzione: Z= 2x 2-3y 2-6x-7y a) 42 b) 24 c) -24 d) 42y 4. La funzione economica y=-ax 2 +bx+c rappresenta un problema di: a) Max

16 b) Min c) Né max né min d) Sia max che min 5. La funzione economica y=ax+b/x rappresenta un problema di: a) Max b) Min c) Né max né min d) Sia max che min 6. Trovare B.e.P. tra il costo ed il ricavo: C(x)= 20x-100; R(x)=10x+200: a) X=10 b) X=20 c) X=30 d) X=40 II SIMULAZIONE STORIA 1-Chi era Giacomo Matteotti e cosa denunciò in Parlamento 2-Cosa fece Hitler dopo la promulgazione delle leggi di Norimberga

17 1-I risultati delle elezioni del 1921 a) consacrarono l ascesa del fascismo e l entrata di Mussolini in Parlamento. b) non premiarono il fascismo che ricorse perciò all azione diretta. c) Premiarono i liberali giolittiani che intendevano controllare il fascismo. d) Furono invalidati in seguito a brogli elettorali. 2- Dopo i Patti Lateranensi i contrasti fra il regime e la Chiesa a) Si attenuarono fino a raggiungere un positivo clima di collaborazione. b) Conobbero un momento di tensione nel 1935, dopo l aggressione italiana all Etiopia. c) Conobbero un momento di tensione nel 1931 con i provvedimenti del regime contro l Azione cattolica. d) Non si attenuarono tanto che la Chiesa divenne un punto di riferimento per gli antifascisti. 3-Nel novembre 1924 la Camera votò la legge Acerbo, una legge elettorale a) di tipo proporzionale b) di tipo maggioritario per assicurare la maggioranza al partito che avesse preso più voti c) che vietava la propaganda a tutti i partiti tranne quello fascista d) che sostituiva le elezioni con periodici referendum sui provvedimenti del governo 4-Dopo la caduta della Francia sotto il dominio tedesco il generale De Gaulle a) espatriò in Inghilterra fondando il movimento Francia libera b) fu preso prigioniero dai Tedeschi c) fondò il governo di Vichy d) si accordò con il generale Pétain per resistere ai Tedeschi FRANCESE 1) Parlez du Conseil européen 2) Quelle est la différence entre les banques de dépôt, d affaires et de crédit?

18 Le pouvoir exécutif, en France, est exercé par Le Gouvernement ; Le parlament ; Le Sénat ; Le Gouvernement avec le Président de la République. La première modification de la Constitution du 1958 date le : Les Députés sont élus : Au suffrage universel direct pour 5 ans ; Au suffrage universel direct pour 6 ans ; Au suffrage indirect pour 5 ans ; Au suffrage indirect pour 6 ans ; Les sénateurs sont élus : Pour 6 ans au suffrage universel direct ; Pour 5 ans au suffrage universel direct ; Pour 9 ans au suffrage indirect ; Pour 6 ans au suffrage indirect ; MATEMATICA Domanda 1 Il costo totale relativo alle produzione di un certo bene è definito come segue: C(x)=0,4x 2-80x+5000 Determina per quale quantità x il costo è minimo Domanda 2 Un impresa commerciale vende in un anno pezzi di un determinato articolo. Ogni ordinazione comporta una spesa di EURO 1500 e le spese annue di magazzinaggio sono di EURO 60 per articolo. Sapendo che il magazzino ha una capacità massima di 1200 pezzi, determinare la quantità massima da ordinare.

19 Domanda 1 I vincoli in un problema di scelta: sono le variabili che compaiono nella funzione obbiettivo; sono le limitazioni imposte alle variabili d azione; sono dati solo sotto forma di disequazioni: sono i valori che ottimizzano la funzione obbiettivo. Domanda 2 I vincoli di segno in un problema di scelta: restringono la ricerca della soluzione al primo quadrante; restringono la ricerca della soluzione al primo ed al quarto quadrante; restringono la ricerca della soluzione al primo e al secondo quadrante; restringono la ricerca della soluzione al terzo quadrante; Domanda 3 Un azienda deve stabilire qual è x di un bene da produrre per ottenere il massimo guadagno, essendo vincolata ad una capacità produttiva che può arrivare al massimo alle unità annuali e ad una funzione di guadagno 1 complessivo esprimibile attraverso la seguente equazione: g(x)= 3 x x 0 < x < 3.000; Individuare la soluzione del problema, tra quelle di seguito proposte: < x < 5.000; _x = 3.000; x > 5.000; Domanda 4 4) Un problema di scelti si dice continuo quando la variabile d azione può assumere: tutti i valori naturali di un dato intervallo; tutti i valori reali di un dato intervallo; tutti i valori interi di un dato intervallo; tutti i valori razionali di un dato intervallo;

20 INGLESE Answer the questions. 1) How have governments contributed to globalisation? 2) Why was the Victorian age a complex and contradictory era? Choose the correct statement among a, b, c, d. 3) Philanthropist is. a. a person who loves the welfare of mankind. b. a person who makes uncharitable actions. c. a person who hates mankind. d. a person who avoids society. 4) How was the family during the Victorian reign? a. The family was composed of three people and they had a great independence. b. The family was a place where the husband didn t represent the authority. c. The family was a patriarchal unit. d. The family was a matriarchal unit. 5) Companies may decide to produce their products in other countries. a. To avoid paying taxes in their own country b. To avoid the tariffs or quotas of countries where they wish to sell their products. c. To help poor people. d. To travel to distant countries. 6) Why has technology been a principal driver of globalisation?

21 a. Because it has given investors new tools for economic opportunities. b. Because companies haven t greater flexibility to operate across borders. c. Because free trade decreased between nations. d. Because it has to disadvantage their competitive global market positions. Scienza delle finanze 1 Illustra brevemente i pregi ed i difetti di imposte dirette ed indirette 1) Illustra brevemente i caratteri del debito fluttuante 2) L'omessa fatturazione di una vendita, costituisce una ipotesi di : ( a ) Rimozione ( b ) Elusione ( c ) Elisione ( d ) Evasione 4 Il trattato di Maastricht vieta che il debito annuo sul PIL dei paesi UE vada oltre: ( a ) il 2% ( b ) il 3% ( c ) il 4% ( d ) il 7%

22 4) Quale fra queste imposte ha carattere patrimoniale? ( a )IRPEF ( b ) IRES ( c ) IVA ( d ) IMU 5) Quale di questi titoli fa parte del debito fluttuante? ( a ) CCT ( b ) BTP ( c ) BOT ( d ) CTO SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Disciplina:ITALIANO Affidata al docente Prof.ssaAnna Iervolino Obiettivi disciplinari raggiunti (ciò che sanno e ciò che sanno fare in termini di conoscenza, competenza e capacità): -Conoscenza e padronanza della lingua italiana e della storia letteraria; Saper analizzare i testi (parafrasi, individuazioni di temi centrali)e svolgere composizioni e presentazioni pertinenti usando una corretta terminologia; Effettuare collegamenti logici (rapporti storia-letteratura-autore-poetica e testo) Argomenti trattati: Il Verismo.G.Verga. Il Decadentismo. O.Wilde. C.Baudelaire.G. Pascoli. G. D Annunzio. Crepuscolarismo e Futurismo. L. Pirandello. Ermetismo. G. Ungaretti. Il Neorealismo. A. Moravia. Narrativa:Il Silenzio dei vivi di Elisa Springer.Dante Alighieri :Struttura del Paradiso. Liriche e Brani degli Autori trattati. Metodologie e strumenti utilizzati: Lettura guidata Lezione frontale

23 Discussioni Libro di testo Criteri di valutazione adottati e griglia di misurazione: La valutazione è stata effettuata in base all impegno e all applicazione delle conoscenze e dei collegamenti logici che ogni discente ha costruito in base al suo sapere SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Disciplina:STORIA Affidata al docente: Prof.ssa Anna Iervolino Obiettivi disciplinari raggiunti(ciò che sanno e sanno fare in termini di conoscenza, competenza e capacità): -Conoscere la situazione storico-sociale dell Europa e dell Italia di fine 800 e inizio 900 -Analizzare ed illustrare i principali avvenimenti, gli esiti e le conseguenze del periodo storico studiato usando un appropriata terminologia -Saper identificare gli elementi fondamentali del periodo studiato e sviluppare la consapevolezza del divenire storico. Argomenti trattati: L Italia giolittiana. I e II guerra mondiale. La Crisi del dopoguerra. I regimi totalitari. mondo L età del bipolarismo:l Italia repubblicana. L Italia tra prima e seconda repubblica Metodologie e strumenti utilizzati: Libro di testo

24 Lettura guidata Lezione frontale e partecipata Criteri di valutazione adottati e griglia di misurazione: La valutazione è stata effettuata in base all impegno, al metodo di studio, alla partecipazione, considerando soprattutto l applicazione delle conoscenze acquisite SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Disciplina: LINGUA FRANCESE Affidata al docente: Prof. Ferruccio Salerno Obiettivi disciplinari raggiunti(ciò che sanno e sanno fare in termini di conoscenza, competenza e capacità): Obiettivi disciplinari raggiunti (in termini di conoscenza, competenza e capacità): Gli allievi posseggono, nel complesso,una accettabile conoscenza morfosintattica in relazione ad argomenti sia di carattere socio- economico e commerciale, sia relativi alla cultura ed alla civiltà francese. Buona parte della classe è in grado di sostenere una semplice conversazione adeguata al contesto a partire da indicazioni fornite. Sa orientarsi nella comprensione di argomenti relativi al settore specifico ed é capace di produrre semplici testi scritti. Riesce ad affrontare una discussione in lingua seconda ma spesso con qualche incertezza fonetica. Argomenti trattati. La lettre commerciale: la circulaire d information et la circulairepromotionnelle; La France à l heure de la mondialisation de l économie- L OMC; L ONU; LA BANQUE MONDIALE; LE G8; Le FMI; Les étapes clés de la construction européenne; Institutions et organes de L UE.; Les Banques; La Bourse; La Cinquième Répubblique ; Paris; Le Curriculum Vitae. Metodologie e strumenti utilizzati. Gli obiettivi proposti sono stati quelli di fornire agli allievi il linguaggio settoriale del mondo delle imprese e del commercio abituandoli a comprendere documenti di diversa tipologia e a produrre semplici testi scritti. Tutto ciò con lezioni frontali, partecipate, lavoro di gruppo, ricerche, discussioni, simulazioni, attività di autovalutazione, di recupero e di potenziamento. Ci siamo avvalsi dell approccio funzionale. I mezzi e gli strumenti di lavoro sono stati: il libro di testo, il laboratorio linguistico,,le audiocassette, il materiale cartaceo.

25 Criteri di valutazione adottati e griglia di misurazione. Come da griglia di valutazione allegata, si è tenuto conto della progressione, dell impegno, della partecipazione, della frequenza. Gli allievi sono stati valutati attraverso verifiche formative: prove d ingresso, prove strutturate e semistrutturate, iniziative di recupero, questionari relativi alle unità e attraverso verifiche sommative con prove oggettive e/o soggettive relative al modulo trattato. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Disciplina INGLESE Affidata al docente: Prof. Ssa Cozza Fiorina Obiettivi disciplinari raggiunti: Riesce a comprendere le idee principali ed i dettagli significativi di testi orali, espositivi e dialogici di varia natura, caratterizzati da diversi registri e varietà linguistiche. Sa esprimersi su argomenti di carattere quotidiano o professionale, interagendo in modo adeguato al contesto. Riesce a cogliere il senso di testi scritti di attualità e di carattere professionale; Sa produrre testi scritti di carattere quotidiano e specialistico con sufficiente coerenza e coesione. Riesce a conoscere le caratteristiche essenziali dei fenomeni socio-culturali dei paesi di cui si studia la lingua. Argomenti trattati: MICROLINGUA Green Economy; What is Fair Trade?- How did Fair Trade start? What is the fair Trade mark? Microfinance- Ethical banking. Globalization: What is globalization?- Advantages and disadvantages of globalization- Economic globalization- Outsourcing and offshoring. Banking; Banking services to businesses- Accessible banking-methods of payment. Stock Exchange CIVILTA - Government and politics: The UK government- The US government- Political parties UK- Political parties USA- The organization of the EU- What does the European Union do. Society: The UK population- The USA reaches a population milestone- The welfare state in the UK a USA- Religion in the UK and USA- Mass media- UK media and US media The Internet. LETTERATURA The Victorian Age: The Victorian Compromise-The Age of Expansion and Reform- The Victorian Novel- Aestheticism and Decadence- Oscar Wilde-The Picture of Dorian Gray and the theme of beauty. Metodologie e strumenti utilizzati: In tutte le attività è stata favorita l efficacia comunicativa badando all acquisizione di un adeguato bagaglio di terminologia specialistica.

26 E stato dato ampio spazio all analisi globale dei testi anche di tipo commerciale e gli alunni sono stati guidati a ricavare informazioni specifiche e non, attraverso l analisi del lessico, per acquisire un vocabolario specialistico nel campo commerciale. Criteri di valutazione adottati e griglia di misurazione: Le verifiche erano volte ad accertare in quale misura gli studenti avessero raggiunto gli obietti prefissati nella programmazione e a determinare la validità dell approccio metodologico. I criteri di valutazione sono stati sempre esplicitati agli studenti e hanno riguardato l acquisizione delle abilità di base, scritte e orali. La valutazione intermedia e finale ha tenuto conto della variazione del livello di apprendimento rispetto alla situazione iniziale, della partecipazione e attenzione in classe e del rispetto dei doveri scolastici. Le verifiche sono state calibrate in funzione degli obiettivi prefissati. Gli esercizi proposti sono stati della stessa tipologia di quelli presentati durante lo svolgimento delle unità didattiche. Per rendere più palese agli studenti il grado di conoscenza degli argomenti acquisito ed il livello linguistico raggiunto si è fatto uso di una scala di misurazione variabile da 1 a 10.

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE PIANIFICAZIONE MODULI DI APPRENDIMENTO classe I sezione DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA INSEGNANTE: ANNO SCOLASTICO COMPOSIZIONE DELLA CLASSE: MASCHI: FEMMINE:

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire

INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO. Descrizione contenuti specifici. riferim ento 1C. Descrizione competenza da acquisire INTERVENTO 3 CLASSE 3^ SERVIZI DEL TURISMO Descrizione competenza da acquisire AREA DEI LINGUAGGI Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 ! Istituto d Istruzione Superiore G. Veronese Chioggia (Ve) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 Classe 1 B Indirizzo: Scienze Umane Coordinatrice: Agatea Valeria SITUAZIONE INIZIALE

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

Valutazione degli studenti

Valutazione degli studenti - La Valutazione Valutazione degli studenti Valutazione dei docenti Valutazione d Istituto Valutazione degli studenti Tipi di PROVE Interrogazioni Compiti scritti Relazioni Prove di comprensione Produzioni

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2013/2014. Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2013/2014. Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA Anno scolastico 2013/2014 Classe Quinta B Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico Prof. Michele Rossitti SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDIRIZZO AMM.NE, FINANZA E MARKETING MATERIA: CLASSE: DOCENTE: ECONOMIA AZIENDALE 3^ C VALENTINA CASTELLI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ED ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Conosco

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 ESAME DI STATO: Documento del consiglio di classe Ammissione e giudizio di ammissione Credito scolastico e formativo La commissione Le prove d esame La

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI STORIA E CITTADINANZA DOCENTE: FACIN MIRIAM CLASSE 3 SEZ. A A.S.2015/2016 OBIETTIVI E CONTENUTI Disciplina:STORIA Nucleo fondante:uso DELLE FONTI Obiettivi di apprendimento

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Premessa L elaborazione della programmazione annuale impone al Dipartimento di Scienze motorie e sportive una serie di riflessioni sugli obbiettivi

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

Normativa e indicazioni Linguistico. Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei

Normativa e indicazioni Linguistico. Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei Normativa e indicazioni Linguistico Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei Requisiti per l ammissione Sono ammessi all'esame di Stato gli alunni che nello scrutinio finale conseguano una votazione

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO/TRIENNIO Premessa Il seguente piano di lavoro è stato redatto ai i fini dell adempimento dell obbligo di istruzione, tenendo conto delle competenze di cittadinanza,

Dettagli

DISCIPLINA ECONOMIA E MATEMATICA FINANZIARA A.S. 2012/2013

DISCIPLINA ECONOMIA E MATEMATICA FINANZIARA A.S. 2012/2013 DISCIPLINA ECONOMIA E MATEMATICA FINANZIARA A.S. 2012/2013 individuale del docente Delia Garegnani per la classe quarta geometri 1) PREREQUISITI Contenuti del diritto del terzo anno. 2) SITUAZIONE DI PARTENZA

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof S. Rizza classe 2 a a/f/m Obtv educativi OBTV didattici trasversali Motivazione

Dettagli

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili

DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili DOCUMENTO STILATO DALLA COMMISSIONE DELL AREA 1 (HANDICAP) La valutazione degli alunni disabili La valutazione degli alunni disabili, intesa sia come verifica dei risultati, sia come valutazione dei processi

Dettagli

CREDITO SCOLASTICO credito scolastico punteggio attribuzione punteggio massimo crediti candidati interni candidati esterni

CREDITO SCOLASTICO credito scolastico punteggio attribuzione punteggio massimo crediti candidati interni candidati esterni SISTEMA DEI CREDITI CREDITO SCOLASTICO E CREDITO FORMATIVO Il credito scolastico tiene conto del profitto strettamente scolastico dello studente, il credito formativo considera le esperienze maturate al

Dettagli

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta:

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: CRITERI DI VALUTAZIONE SCRUTINIO FINALE PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: Partendo dalla media matematica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA?

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? CLASSE 4 SEZ.B TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PRESENTAZIONE DELLA UDA TRASVERSALE SIMULAZIONE AZIENDALE Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE IIS F E R M I GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it Codice Fiscale 83003590011

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " - Teano. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  - Teano. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " - Teano Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe seconda/sez. AT Prof. Basilone Alfonso COMPOSIZIONE DELLA CLASSE

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli