GUARDG SCUOLA DI POLIZIA RRENTINO PPE COLOMBI ANDRO NENCINI TIA (RM)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUARDG SCUOLA DI POLIZIA RRENTINO PPE COLOMBI ANDRO NENCINI TIA (RM)"

Transcript

1 GUARDG DIA DI FINANZAF A SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA DIRETTORE RESPONSABILE GEN. D. GIORGIO TOSCHI T COMITATOO TECNICO SCIENTIFICOO GEN. B. RICCARDO R RAPANOTTI COL. SERGIO SE COL. T.ST GIAMPIERO G IANNI COL. T.ISSMI GIUSEP TEN. COL. GIANCARLO FRANZESE TEN.. COL. ALESSA M.C.. CIRO PANARIELLO RRENTINO PPE COLOMBI ANDRO NENCINI IMPAGINAZIONE, EDITING E STAMPA A CURA DELLA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA VIA DELLE FIAMME GIALLE, 14/16 LIDO DI OST TIA (RM) TEL. 06/ FAX 06/

2

3 EDITORIALE Con il primo numero del 2011, il Notiziario si presenta con una nuova veste grafica e la pubblicazione di nuovi contenuti. In particolare, il periodico inaugura la nuova copertina con una suggestiva riproduzione pittorica della Scuola di Polizia Tributaria. L illustrazione, un acquarello del Gen. C.A. (t.o.). Tommaso Santamaria, consente di apprezzare la monumentale facciata di ingresso della storica Caserma IV Novembre del Lido di Ostia che, dall ottobre 2000, è prestigiosa sede dell Istituto. Nuove sono anche le rubriche Vita della Scuola e Dicono di noi che, da questo numero, chiuderanno il Notiziario caratterizzandone, oltre ai pregevoli contenuti scientifici, il forte spirito identitario. Esse, attraverso rassegne fotografiche dei principali eventi convegnistici e di cerimoniale e la riproduzione delle recensioni dei maggiori organi di informazione, intendono offrire uno spaccato importante delle diverse iniziative ed attività della Scuola. La pubblicazione si apre con la Lectio Magistralis tenuta dal decano dei docenti dell Istituto Prof. Giovanni Palmerio in occasione della Cerimonia di Inaugurazione dell Anno di Studi 2010/2011, su Le prospettive dell economia italiana nel contesto europeo ed internazionale. La prolusione, di estrema attualità ed interesse per l ampiezza ed il valore scientifico dei suoi contenuti, fornisce una dettagliata descrizione dell attuale situazione economica internazionale evidenziandone gli elementi di squilibrio ed i profili di maggiore criticità. Prendendo spunto dalla situazione economica statunitense con riferimento anche ai problemi di disavanzo in essa presenti - dalla crisi finanziaria e dalle sue modalità di propalazione su scala globale, essa propone un accurata analisi dell elevato tasso di finanziarizzazione dell economia internazionale, analizza e presenta, di poi, i fattori di criticità e di instabilità del sistema rappresentati dalle dimensioni del

4 debito pubblico e del debito privato e si conclude con c considerazioni sulle prospettive dell econom mia italiana. Lo studio successivo, che apre la rubrica Tecnica Professionale, approfondisce il fenomeno dell esterovestizione, e dei d connessi profili evasivii attraverso la disamina di alcuni casi operativi e delle più recenti pronunce giurispruden nziali. Nell ambito della medesima rubrica, viene proposto uno studio sul reato di usura con specifico riferimento in tema di percorsi investigativi - al controllo deii flussi di denaro, attraverso lo strumento delle indagini finanziarie, finalizzato all individuazione e dimensionamento della condotta illecita ed all adozione dei conseguenti provvedimenti ablatori. Nella rubrica Memorie Operative, viene pubblicato un contributo del Comando Regionale Friuli Venezia Giulia G suglii aspetti elusivi del transfer pricing domestico o interno. Nella rubrica Giurisprudenza, viene presentata una nota a sentenza relativa ad una recente pronuncia della Suprema Corte in tema di rapporti fra reati tributari e la truffa ai dannii dello Stato. L Osservatorio Comunitario si apre con uno studio s sulla Exit tax italianaa e sulla sua compatibilità con i principi comunitari. Quest ultima viene esaminata alla luce della giurisprudenza della Corte di Giustizia e della causa di giustificazione della coerenza del sistema fiscale perr poi proseguire con la descrizione del trasferimento elusivo della residenza di società all estero. La rubrica propone, inoltre, un articolo sugli scenari per uno sviluppo sostenibile, con riferimento a luci ed ombre della globalizzazione economica con particolare accento agli aspetti di finanziarizzazione sempre più spinta che connota il fenomeno spiegandone i termini nei quali ha determinato la recente situazione di crisi. IL DIRETTORE RESPONSABIR ILE (GEN GIO TOSCHI N. D. GIORG I)

5 L LA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA DELLA GUARDIA DI FINANZA La Scuola dii Polizia Tributaria, la cui origine viene fatta tradizionalmente risalire r al 1923, quando fu istituito il 1 corso di Applicazione per la Polizia Tributaria Investigativ a, assume l attuale denominazione con legge 9 ottobre 1965 n Dal 1 ottobre 2000 essa trova ottima collocazione presso la caserma IV novembre al Lido di Ostia. La Scuola costituisce il supporto addestrativo deputato d a garantire la costante aderenza della preparazione tecnico-professionale del personale del Corpo alle differenti esigenze operative, cogliendo i momenti evolutivii di maggiore significato nella legislazione relativa alle molteplici aree di interesse istituzionale edd evidenziando le tematiche di più viva attualità. La Scuola trova, quindi, la sua ragione d essere nell esercizio di due distinte funzioni: il mantenimento e l aggiornamento della professionalità degli appartenenti al Corpo, mediantee lo sviluppo di un articolata attività didattica; la costituzione di un Centro di cultura e di ricerca professionale alimentato, tra l altro,, dalla produzione e dalla d diffusione di iniziative editoriali, add alto contenuto specialistico. In ordine alla prima finalità, va evidenziato che c l attività della Scuola si rivolge esclusivamente a personale già in possesso di adeguata preparazione ed esperienza e, perciò, sostenuto da un proprio patrimonio operativo. Rispetto a questa particolare platea di destinatari, l attività addestrativa si sviluppa attraverso la programmaz zione di molteplici corsi, di diversa natura e durata, tenuti da un Corpo Docente costituito da professori universitari, magistrati e funzionari ministeriali, alti

6 dirigenti di importanti Organismi Istituzionali, professionisti ed ufficiali del Corpo. La summa delle attività didattiche della Scuola è espressa dal Corso Superiore di Polizia Tributaria, il cui percorso formativoo è stato recentemente modificato conn Decreto del Ministroo dell Economia e delle Finanze del 1 aprile 2004, n Il Corso Superiore - di durata biennale - ha la finalità di preparare gli Ufficiali frequentatori a ricoprire incarichi connotati da elevata complessità gestionale e organizzativa, in relazione alla particolarità del contesto istituzionale, allaa dimensione della struttura ed all livello di responsabilità. Si tratta di un percorso dii studi unico nel suo genere g che, fondato sul rilevante potenziale dei discenti, accuratamente prescelti attraverso un rigoroso e selettivo concorso annuale, consente grazie anche al limitato numero di frequentatori, strutturazioni didattiche e formative di straordinario spessore e con la più ampia trasversalità, riflettente tutte le proiezioni istituzionali della Guardia di Finanza, al massimo livello di approfondimento edd applicativo. In ordine allaa seconda finalità, l attività di studio, ricerca e innovazione dell Istituto è finalizzata all organizzazione di convegni a livello nazionale ed internazionale, in collaborazio one con Università, Scuole di alta formazione ed Enti italiani e stranieri, nonché alla predisposizione e realizzazione di progetti formativi ad ampio spettro, destinati ad ufficiali e Funzionari di polizia degli Stati membri dell Unione europea e di Paesi terzi. Il Notiziario della Scuolaa di Polizia Tributaria e le altre linee editoriali dell Istituto sono disponibili anche in viaa telematicaa per gli appartenenti al Corpo all indirizzo informatico della d rete intranet: e sulla rete mondiale internet all indirizzo nell area dedicata all Istituto.

7 INDICE PARTE PRIMA STUDI LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA ITALIANA NEL CONTESTO EUROPEO E INTERNAZIONALE di GIOVANNI PALMERIO 1. I fattori di squilibrio nell economia globalizzata L enorme e crescente disavanzo estero degli Stati Uniti L innovazione finanziaria e la mutazione genetica del sistema bancario Il debito pubblico e il debito privato come fattori di instabilità Necessità di una riforma del sistema bancario e dei mercati finanziari Le prospettive dell economia italiana PARTE SECONDA TECNICA PROFESSIONALE RIFLESSI PENAL-TRIBUTARI DEL FENOMENO DELLA ESTEROVESTIZIONE di ADRIANO D'ELIA 1. Premessa La residenza nel Testo Unico delle Imposte sui redditi L art. 35 del Decreto Legge nr. 223/ Riflessi penali della riqualificazione in Italia della società esterovestita Il reato di omessa dichiarazione Il reato di dichiarazione infedele Alcuni casi di esterovestizione Il caso Bell-Telecom Il caso Dolce e Gabbana La sentenza nr. 108/16/07 del 18 aprile 2007, della CTP di Firenze Conclusioni IL REATO DI USURA: CONTROLLO DEI FLUSSI DI DENARO ATTRAVERSO GLI ACCERTAMENTI BANCARI di CARMINE VIRNO 1. Cenni sulla nuova struttura del reato di usura L utilizzo delle indagini bancarie I provvedimenti sul patrimonio dell indagato Aspetti operativi del fenomeno... 48

8 PARTE TERZA MEMORIE OPERATIVE ELUSIONE FISCALE CONCERNENTE IL C.D. TRANSFER PRICING DOMESTICO O INTERNO NELL AMBITO DI OPERAZIONI INTERVENUTE ALL INTERNO DELLO STESSO GRUPPO SOCIETARIO NAZIONALE del COMANDO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA 1. Premessa Operazione di locazione immobiliare effettuata a seguito della scissione parziale Compagini societarie e rapporti commerciali intervenuti Valore di mercato stabilito per la locazione immobiliare Normativa di riferimento e orientamento giurisprudenziale Il ruolo svolto dalla nozione di valore normale nel sistema dell accertamento Orientamento giurisprudenziale Ai fini I.V.A Considerazioni conclusive Risultati conseguiti PARTE QUARTA GIURISPRUDENZA SENTENZA N DEL 19/01/2011 CORTE DI CASSAZIONE SS.UU. PEN. COMMENTO ALLA SENTENZA NR DEL 19/01/2011 DELLA CORTE DI CASSAZIONE SS.UU. PEN. di GIAMPIERO IANNI e di ALESSANDRO FAGNANI 1. Premessa Il caso Le frodi all I.V.A La normativa penale Conclusioni PARTE QUINTA OSSERVATORIO COMUNITARIO LA EXIT TAX ITALIANA E LA SUA COMPATIBILITÀ CON I PRINCIPI COMUNITARI di PASQUALE PILERCI e di CARMINE VIRNO 1. Premessa Il trasferimento di residenza delle società ed enti II

9 3. L esame della Exit Tax italiana alla luce della giurisprudenza della Corte di Giustizia L art. 166 T.U.I.R. e la causa di giustificazione della coerenza del sistema fiscale Il trasferimento elusivo della residenza di società all estero Brevi conclusioni Bibliografia SCENARI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE: LUCI ED OMBRE DELLA GLOBALIZZAZIONE ECONOMICA di MASSIMO GALLO e di ALBERTO CATALANO 1. Premessa Caratteristiche e determinanti della globalizzazione Possibili percorsi definitori Linearità o discontinuità? L outsourcing e l offshoring quali caratteristiche peculiari dell attuale passaggio evolutivo La finanziarizzazione dell economia globalizzata e l attuale crisi finanziaria I problemi lasciati aperti dalla globalizzazione: il mancato sviluppo di una parte del mondo Considerazioni conclusive Bibliografia VITA DELLA SCUOLA Cerimonia di inaugurazione dell anno di studi 2010/ Workshop conclusivo del Progetto BABEL - Attività di supporto linguistico alla cooperazione internazionale Conferenza presso il Centro Alti Studi per la difesa Visita del Vice Ministro dell Interno della Repubblica di Bulgaria DICONO DI NOI III

10 GLI AUTORI ALBERTO CATALANO Maggiore della Guardia di Finanza, titolato Scuola di Polizia Tributaria, in servizio presso il Nucleo Polizia Tributaria Milano, quale Comandante della 2^ Sezione Reati Societari e Fallimentari del Gruppo Tutela Mercato Capitali. ADRIANO D ELIA Tenente Colonnello della Guardia di Finanza, titolato Scuola di Polizia Tributaria, in servizio presso il Nucleo Polizia Tributaria Bari, quale Capo Ufficio Operazioni. ALESSANDRO FAGNANI Capitano della Guardia di Finanza, in servizio presso la Scuola di Polizia Tributaria, quale Capo Sezione Formazione a Distanza (F.A.D.) e Capo Sezione Stampa e RR.EE. in S.V.. MASSIMO GALLO Tenente Colonnello della Guardia di Finanza, titolato Scuola di Polizia Tributaria, in servizio presso il Nucleo Polizia Tributaria Napoli, quale Comandante del Gruppo Tutela Spesa Pubblica. GIAMPIERO IANNI Colonnello della Guardia di Finanza, titolato Scuola di Polizia Tributaria, in servizio presso la Scuola di Polizia Tributaria, quale Comandante del Centro Studi Economico Finanziari e Comandante Corsi Lingue Estere. GIOVANNI PALMERIO Decano della Scuola di Polizia Tributaria, docente di politica economica e finanziaria internazionale presso l Università LUMSA. PASQUALE PILERCI Tenente Colonnello della Guardia di Finanza, titolato Scuola di Polizia Tributaria, in servizio presso il Nucleo Polizia Tributaria Napoli, quale Comandante del I Gruppo Tutela Entrate.

11 CARMINE VIRNO Tenente Colonnello della Guardia di Finanza, titolato Scuola di Polizia Tributaria, in servizio presso il Nucleo Polizia Tributaria Trieste, quale Capo Ufficio Operazioni. V

12

13 PARTE PRIMA STUDI

14

15 LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA ITALIANA NEL CONTESTO EUROPEO E INTERNAZIONALE Sommario: 1. I fattori di squilibrio nell economia globalizzata; 2 L enorme e crescente disavanzo estero degli Stati Uniti; 3. L innovazione finanziaria e la mutazione genetica del sistema bancario; 4. Il debito pubblico e il debito privato come fattori di instabilità; 5. Necessità di una riforma del sistema bancario e dei mercati finanziari; 6. Le prospettive dell economia italiana. 1. I FATTORI DI SQUILIBRIO NELL ECONOMIA GLOBALIZZATA Il quadro internazionale, quello europeo in particolare, presenta forti turbolenze finanziarie. Queste hanno già investito la Grecia e l Irlanda e minacciano di estendersi alla Spagna e al Portogallo. Le turbolenze sono iniziate nel 2008 negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Originano dai mercati finanziari e dal sistema bancario e si sono trasmesse all economia reale, cioè al sistema produttivo. Infatti l economia mondiale è ancora in recessione, anche se si avvertono da qualche tempo dei segnali di ripresa. Le turbolenze originano dalla dimensione dell indebitamento al livello mondiale. Il totale delle attività finanziarie presenti nel mondo, compresi i cosiddetti derivati, è circa undici volte il pil mondiale. La finanza non è più strumentale all economia reale, cioè all attività produttiva ed agli scambi interni e internazionali, ma vive una sua vita autonoma, e le speculazioni finanziarie hanno raggiunto una dimensione abnorme. Prima della crisi esplosa nel 2008 i fattori di squilibrio, cioè di instabilità, del sistema economico erano considerati quasi esclusivamente il disavanzo pubblico e il debito pubblico. Poi si è visto che la crisi è originata dall indebitamento privato, delle famiglie in particolare, come nel caso dei mutui subprime negli Stati Uniti, ma non solo in quel Paese. E inoltre si è posto l accento sugli eccessi della finanza derivata, sulla rischiosità degli investimenti, sul comportamento delle banche. del Prof Giovanni Palmerio

16 Notiziario della Scuola di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza n. 1/2011 Una riflessione più approfondita su quanto è avvenuto ha portato ad individuare almeno tre fattori di squilibrio: l indebitamento pubblico, l indebitamento privato (delle famiglie e delle imprese), gli squilibri delle bilance dei pagamenti, in particolare il cronico, ininterrotto (dal 1972), crescente disavanzo della bilancia delle partite correnti degli Stati Uniti. La vera novità da oltre venti anni a questa parte non è tanto la globalizzazione economica, dato che il protezionismo resta elevato in tutte le sue forme, ma la finanziarizzazione dell economia mondiale. Questa ha due aspetti, collegati ma distinti: la globalizzazione finanziaria (che comporta la possibilità di spostare in tempo reale i capitali da un Paese all altro e da una moneta all altra) e l aumento enorme della quantità di capitali a breve, che consente di finanziare tra l altro il disavanzo commerciale americano, scaricando sugli altri Paesi l onere dell aggiustamento. Lungo tutto il percorso del pensiero economico numerosi studiosi hanno sostenuto che l attività finanziaria deve essere strumentale per l attività economica, cioè per l attività di produzione di beni e servizi, e in ogni caso molti hanno insistito sull equilibrio fra attività economica e attività finanziaria per un sano funzionamento del sistema economico. Pertanto dobbiamo chiederci come mai la speculazione finanziaria si è enormemente sviluppata negli ultimi anni determinando una mutazione genetica del sistema bancario e trasformando sempre più i mercati finanziari in una casa da gioco, per usare la famosa frase di Keynes. 2. L ENORME E CRESCENTE DISAVANZO ESTERO DEGLI STATI UNITI La prima causa, di cui si parla assai poco nel dibattito culturale e politico, è l enorme, anzi abnorme, aumento della liquidità internazionale, dei capitali a breve termine, che si spostano da un Paese all altro, da una valuta all altra, in cerca di un guadagno elevato anche se questo comporta un alto rischio. Ma da che cosa origina tale abnorme incremento della liquidità internazionale? 4

17 Studi Il mondo è inondato da una marea di dollari, di gran lunga superiore alla quantità necessaria a finanziare l attività produttiva e gli scambi internazionali di beni e servizi. Tale marea di dollari origina dal disavanzo della bilancia delle partite correnti degli Stati Uniti, che dura ininterrottamente dal 1972 e che ormai da anni non mostra segni sostanziali di miglioramento in seguito a svalutazioni, anche massicce, del dollaro. Questa liquidità è creata da un indebitamento a senso unico, in cui gli Stati Uniti sono il Paese debitore e, soprattutto negli ultimi anni, la Cina è il Paese creditore. Restano rilevanti il surplus commerciale della Germania, in crescita, e quello del Giappone. Le interpretazioni che vengono normalmente date del fenomeno del disavanzo commerciale americano, che dura ormai da quasi quarant anni, non vanno alla radice del problema. Certamente gli Stati Uniti vivono al di sopra dei propri mezzi e continuano ad indebitarsi con il resto del mondo a ritmi sempre più elevati. In generale l interpretazione del fenomeno è la seguente: la domanda interna è superiore alla produzione e ciò determina disavanzo nella bilancia delle partite correnti. Gli Stati Uniti spendono molto più di quanto producono Ciò significa che vi è un eccesso di importazioni sulle esportazioni. L eccesso della domanda interna può significare sia eccesso della domanda di beni di consumo sia eccesso della domanda di beni di investimento. Un altro modo di esprimere tale concetto è il seguente. I disavanzi commerciali sono sempre uguali alla differenza tra il risparmio nazionale e gli investimenti. I deficit sono la conseguenza di un aumento eccessivo degli investimenti o di una diminuzione del risparmio (cioè di un aumento eccessivo dei consumi). Un altro dato interessante è che le svalutazioni del dollaro, che si sono verificate nel tempo, non sono mai riuscite ad eliminare il deficit commerciale e negli anni sono risultate uno strumento sempre meno efficace nel ridurlo. La misura del deficit della bilancia corrente dei pagamenti degli Stati Uniti riflette lo squilibrio tra importazioni ed esportazioni. 5

18 Notiziario della Scuola di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza n. 1/2011 Tale deficit è iniziato dagli anni Settanta del secolo scorso ed è continuato ininterrottamente anno per anno. Molti si domandano per quanto tempo ancora potrà durare questo sviluppo che si accompagna ad una crescita continua e sistematica del debito estero americano. Tale crescita, come abbiamo visto, viene attribuita prevalentemente a fattori congiunturali o, in ogni caso, a fattori macroeconomici come l espansione del disavanzo federale, l eccesso di domanda interna, l eccesso di assorbimento di risorse da parte del complesso militare-industriale, mentre vengono sottovalutati, se non addirittura ignorati, i problemi strutturali di competitività dell economia americana 1. Come rilevava già il Bollettino della Banca d Italia del marzo 2005 (a p. 12), l aggiustamento del disavanzo corrente statunitense attraverso la sola variazione dei prezzi relativi è peraltro reso difficoltoso dall elevato divario tra le quantità importate e quelle esportate (le prime sopravanzano le seconde di circa il 70 per cento). Gli Stati Uniti ormai non producono quasi per nulla beni di consumo di massa di uso quotidiano come l abbigliamento, e di altri beni di questo tipo (automobili, elettrodomestici, televisori, materiale fotografico, ecc.) producono una quantità del tutto insufficiente per i consumi interni, e non riescono a colmare tale voragine con le esportazioni. In questo contesto pensare che, se il dollaro si svalutasse anche nei confronti delle monete asiatiche, il renminbi in particolare, la bilancia commerciale USA tornerebbe in equilibrio è pura illusione. L enorme quantità di dollari generata dal disavanzo della bilancia dei pagamenti correnti americana è assorbita in gran parte dalle banche centrali di altri Paesi (amici come il Giappone, competitors come la Cina), che li trasferiscono in larga misura ai fondi sovrani. Queste entità fanno prevalentemente investimenti a lungo termine e seguono una logica economica e/o politica. La Cina sta acquistando terreni e miniere in Africa, imprese, porti, ecc. Tuttavia la maggior parte della quantità di dollari che va a 1 Ho approfondito questo tema in G. PALMERIO, Temi attuali di economia, Malatesta Editrice, Apricena, 2009, p

19 Studi soggetti diversi dalle banche centrali e dai fondi sovrani obbedisce ad una logica speculativa. Le multinazionali della finanza, le grandi banche e altre istituzioni finanziarie hanno finanziato e continuano a finanziare investimenti ad alto rischio, spesso in una situazione di conflitto di interessi, come mostrano, ad esempio, le inchieste della SEC, del Dipartimento del Tesoro e anche del Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti. Le grandi banche e le società ad esse collegate hanno esercitato pressioni sui Governi, specialmente su quelli degli Stati Uniti e del Regno Unito, perché venissero allentate le regole e i controlli della vigilanza sulle banche, in particolare della vigilanza prudenziale, fino ad annullarli per molte società generate dalle banche stesse. E un analoga deregolamentazione è stata adottata per i mercati finanziari. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. La crisi finanziaria si è trasmessa all economia reale generando una caduta della produzione e disoccupazione. Nella creazione di liquidità che alimenta i mercati finanziari hanno un ruolo non solo gli Stati Uniti con il loro enorme e persistente disavanzo estero ma anche altri Paesi che hanno un debito pubblico elevato, posseduto in larga misura da non residenti. È il caso ben noto della Grecia, che per altro rappresenta solo il 2% dell economia dell Unione Europea, ma anche di altri Paesi della zona euro oltre che di diversi Paesi extraeuropei. Tuttavia la dimensione del disavanzo estero americano è assolutamente preponderante rispetto a queste altre fonti di creazione di liquidità. 3. L INNOVAZIONE FINANZIARIA E LA MUTAZIONE GENETICA DEL SISTEMA BANCARIO Il fenomeno della mutazione genetica del sistema bancario, che si è sviluppato negli ultimi venti anni, merita un approfondimento. La banca descritta nei manuali tradizionali di economia, che svolge quasi esclusivamente l attività di intermediazione tradizionale, cioè la semplice raccolta di depositi ed erogazione di prestiti, sta rapidamente scomparendo ed al suo posto si sta diffondendo un nuovo 7

20 Notiziario della Scuola di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza n. 1/2011 tipo di banca che offre alla clientela una gamma di servizi sempre più diversificata. Effetto di questo cambiamento è la progressiva perdita d importanza nei bilanci bancari della componente dei ricavi che derivano da interessi e la crescita progressiva di quella che deriva da commissioni o dalla compravendita di titoli sui mercati finanziari. Questo fenomeno si è verificato, sia negli Stati Uniti che in Europa, in particolare nel corso degli anni Novanta: negli Stati Uniti la quota dei ricavi che non derivano da interessi nei bilanci bancari è passata dal 20% circa degli anni Ottanta del secolo scorso al 43% del e in Europa dal 26% del 1989 al 41% del Questa radicale trasformazione delle banche è stata sicuramente favorita dallo sviluppo delle nuove tecnologie, e in modo particolare dalla diffusione di nuovi canali di trasmissione elettronica dei dati, ma il fattore che viene riconosciuto in modo pressoché unanime come il principale responsabile della sorprendente accelerazione del processo di trasformazione del sistema bancario è la progressiva liberalizzazione dei mercati finanziari 4. Sono stati infatti introdotti nel corso degli ultimi venti anni rilevanti cambiamenti nelle regolamentazioni sia statunitensi sia europee che hanno favorito l entrata di altri soggetti in mercati nei quali in passato operavano solo le banche e inoltre l entrata di queste ultime su mercati diversi da quelli consueti dei prestiti alle imprese. Se da un lato ormai non possiamo più insegnare che l attività principale, quasi esclusiva, di una banca è raccogliere depositi ed erogare prestiti, dall altro non possiamo comunque nemmeno più fare le analisi classiche sul mercato monetario e sul mercato finanziario né descrivere quest ultimo come costituito essenzialmente da due tipi di titoli, obbligazioni (a reddito fisso) e azioni (a reddito variabile). L innovazione finanziaria ha ormai creato, e continua a creare, un numero sempre maggiore di diverse tipologie di titoli, i cosiddetti derivati, e di questi titoli esiste un enorme quantità. 2 V. K.J. STIROH, Diversification in banking: is non-interest income the answer?, Journal of Money, Credit and Banking, 2004, 36, p V. European Central Bank, EU banks income structure, Banking Supervision Committee, 2000, April. 4 V. A.M. CIARRAPICO e S. COSCI, Cause ed effetti della diversificazione dell offerta di prodotti distribuiti tramite le reti bancarie, Economia, impresa e mercati finanziari, 2008, 2, p

21 Studi Quali sono le cause di questo enorme, anzi abnorme, sviluppo dell innovazione finanziaria? Esse sono essenzialmente due. La prima è costituita dall enorme incremento della liquidità internazionale, che origina, come abbiamo detto, soprattutto dal deficit delle partite correnti della bilancia dei pagamenti degli Stati Uniti, deficit che si manifesta ormai costantemente tutti gli anni dal lontano Man mano che tale deficit cresceva, le banche centrali dei principali Paesi industrializzati non riuscivano più a finanziarlo nemmeno in regime di cambi flessibili e quindi, a partire dagli anni Settanta del secolo scorso, il disavanzo corrente americano è stato sempre più finanziato mediante l afflusso di capitali dall estero. La liberalizzazione dei movimenti di capitali, che si è realizzata negli ultimi venti anni, è il presupposto perché ciò potesse e possa continuare ad avvenire. L abnorme sviluppo delle innovazioni finanziarie trova una sua prima origine, pertanto, nel particolare modello di sviluppo dell economia americana, nell esigenza di finanziare il deficit della sua bilancia delle partite correnti e nel conseguente diffondersi di una cultura speculativa sia presso le imprese sia, in qualche misura, presso le famiglie. La seconda causa della diffusione di strumenti finanziari sempre più complessi è il tentativo delle banche e di altri intermediari di finanziare iniziative molto rischiose, cercando di scaricare il rischio su altri soggetti, magari suddividendolo su una platea molto ampia, per mezzo di titoli derivati. Questi titoli, il cui valore è legato al rendimento di altri strumenti finanziari o indici, sono nati per la copertura e per il controllo dei rischi di mercato ma sono stati di fatto utilizzati da gran parte degli stessi intermediari finanziari con l intento di speculare sulla variabilità dei tassi o degli altri parametri di riferimento. Ciò è avvenuto specialmente per i titoli derivati di seconda generazione, detti sintetici. In queste operazioni viene meno il principio secondo cui il risparmio accumulato deve essere diretto dagli intermediari verso i progetti d investimento più meritevoli di finanziamento, principio che giustifica il ruolo centrale della banca nello sviluppo economico. 9

22 Notiziario della Scuola di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza n. 1/2011 La dimensione del mercato dei titoli derivati è cresciuta in pochi anni in modo sorprendente. Si stima che essa fosse pari a 600 miliardi di dollari nel 1999 e dopo soli sette anni, nel 2006, a 17 trilioni di dollari 5. La maggioranza degli studi identifica nella globalizzazione finanziaria la causa principale dello sviluppo di questo mercato: con essa infatti le imprese, gli investitori e i Governi si sono trovati ad essere esposti a rischi nuovi, sia di tasso di cambio che di tipo politico. Inoltre gli emittenti dei titoli hanno dovuto confrontarsi con le esigenze specifiche di potenziali clienti appartenenti a popolazioni tra loro molto diverse. L incertezza del mercato finanziario globale ha stimolato la creazione di strumenti idonei a gestire e perfino a sfruttare i nuovi rischi 6. Non dobbiamo dimenticare che ogniqualvolta le banche assumono rischi privi della necessaria copertura economica la collettività subisce un danno; la rilevanza di questo danno è divenuta particolarmente evidente negli ultimi anni proprio con il forte aumento di questi titoli sofisticati, che promotori finanziari eticamente disinvolti, grazie anche al diffondersi presso le famiglie di una cultura più speculativa, non hanno trovato difficile collocare presso il crescente numero di clienti desiderosi di conseguire rendimenti superiori a quelli di mercato e spesso poco consapevoli dell effettivo rischio connesso all operazione da loro sottoscritta. L innovazione finanziaria è stata introdotta con un fine positivo ma ha prodotto rilevanti effetti negativi sul sistema finanziario nel corso degli anni, in particolare perché ha favorito la metamorfosi degli intermediari, che hanno avuto modo di modificare il grado di rischio associato alla loro attività economico-finanziaria e la loro solvibilità senza che apparisse sostanzialmente modificata la loro configurazione esterna. La banca è divenuta la porta di accesso ai mercati dei capitali e ha potuto trasferire all esterno le sue attività, a veicoli specializzati che 5 V. A.B. ASHCRAFT e J.C. SANTOS, Has the credit derivatives swap market lowered the cost of corporate debt?, Staff Reports 290, Federal Reserve Bank of New York, V. C. SMITH, C. SMITHSON e D. WILFORD, Managing financial risk, New York: Harper Business,

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

Innovazione e crescita nel sistema bancario

Innovazione e crescita nel sistema bancario Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Innovazione e crescita nel sistema bancario Intervento del Governatore della Banca d Italia Antonio Fazio Roma, 23 giugno 2000 Sommario pag. Il risparmio

Dettagli

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI

LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Corso di Economia finanziaria LE STRUTTURE FINANZIARIE DEI PRINCIPALI PAESI INDUSTRIALIZZATI Dott.ssa Arianna Moschetti Sommario Cosa si intende per sistema finanziario Sistemi Bank o Market oriented Sistema

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA

BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA BANCHE, IMPRESE E MERCATI FINANZIARI: INNOVAZIONE, STABILITA' E CONCORRENZA Roberto Violi Banca d Italia, Servizio Studi (*) (*) Le opinioni espresse non impegnano l Istituto di appartenenza. Banche e

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE)

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Internazionali e Diplomatiche - per l'insegnamento di Geografia

Dettagli

Capire la finanza e la finanza etica

Capire la finanza e la finanza etica Corso Intensivo Capire la finanza e la finanza etica Sabato 5 febbraio 2011 Seminario di Marco Passarella (Università di Bergamo) PRIMA PARTE Il ruolo del pubblico nella regolazione dei mercati. L'evoluzione

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 762 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DI LELLO, DI GIOIA, LOCATELLI, PASTORELLI, GIGLI Delega al Governo per la riforma dell ordinamento

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese

X Convention ABI. Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese X Convention ABI Il ruolo delle banche italiane per lo sviluppo del Sistema Paese Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 6 novembre 2006 Sommario Pag. Premessa...5

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione

Va ricordato a questo proposito che le grandi banche americane, cartolarizzando i propri portafogli crediti, hanno trasferito, attraverso l'emissione Michele Bagella: Cercherò di fare alcuni commenti riferendomi a ciò che ho ascoltato partecipando a questa tavola rotonda. Sono tra coloro che sono convinti che il microcredito e la microfinanza possano

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo

Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo Investire nella crescita: l innovazione finanziaria a sostegno dello sviluppo 13 FORO DI DIALOGO ITALIA SPAGNA Contributo degli intermediari finanziari italiani, coordinato dal Prof. Rainer Masera, al

Dettagli

ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA. Contributi per la tavola rotonda

ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA. Contributi per la tavola rotonda ITINERARI PREVIDENZIALI CONVEGNO SU INVESTIMENTI PREVIDENZIALI E MERCATI FINANZIARI: RISCHI E OPPORTUNITA Contributi per la tavola rotonda Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Roma, 30 novembre 2011

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

l Gestione di portafoglio

l Gestione di portafoglio Avanti tutta! Le banche italiane hanno compiuto progressi significativi nella gestione del rischio associato al portafoglio crediti, anche se permangono diversi punti deboli, soprattutto collegati al pricing

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 QuadroGenerale: Le PoliticheFiscali nell Eurozona Principi di

Dettagli

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm BEGHELLI ELISABETTA CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm Analista di Bilancio Aiaf CTU Tribunale di Cuneo Albo PF iscrizione nr 13491 1 LO SCENARIO ECONOMICO

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

ASSIOM Forex. Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco

ASSIOM Forex. Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco ASSIOM Forex Intervento del Governatore della Banca d Italia Ignazio Visco Roma, 8 febbraio 2014 La ripresa, i rischi Dalla scorsa estate, all intensificarsi del rafforzamento congiunturale nelle economie

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE 81 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO ACRI Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 29 ottobre 2005

Dettagli

Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale

Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale Fa fede il discorso orale Conferenza stampa del 5 settembre 2011 Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Gentili

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CLASSE 3 INDIRIZZO AFM UdA n. 1 Titolo: SISTEMA ECONOMICO E STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Interpretare il modello di funzionamento del sistema economico attraverso le relazioni tra le categorie di soggetti

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5

INTRODUZIONE. i quaderni di minerva bancaria - 1/2014 5 Il mercato del risparmio gestito, che negli anni 90 era stato caratterizzato da una crescita impetuosa, nell ultimo decennio è stato interessato da distinte dinamiche locali influenzate da una molteplicità

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 1 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO GRUPPOM O N T EPASC H I C O N V E G N O A BI B ASI L E A 3 ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO A G E ND A Contesto di riferimento Riforma strutturale a livello U E K ey driver

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione AUDIZIONE COVIP (Presidente facente funzione dott. Bruno Mangiatordi) TESTO DELL'INTERVENTO Indagine conoscitiva sulla crisi finanziaria internazionale

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Una missione del FMI si è recata in Italia dal 3 al 16 maggio 2012 per la valutazione annuale dello stato dell economia come parte delle

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita

Febbraio 2015. L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Febbraio 2015 L imposta sostitutiva sui finanziamenti ex DPR 601/1973. Una storia infinita Paola Flora, Responsabile Servizio Consulenza e Compliance Fiscale UBI Banca, e Stefano Loconte, Professore a

Dettagli

Credito alle famiglie e stabilità finanziaria

Credito alle famiglie e stabilità finanziaria ABI Assofin Convegno Credito al credito Credito alle famiglie e stabilità finanziaria Intervento del Vice Direttore Generale della Banca d Italia Salvatore Rossi Roma, 27 novembre 2012 Sommario Pag. Il

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Nel 212 la ricchezza netta delle famiglie, pari alla somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie, si è attestata

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente.

INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente. INCONTRO 1 DOMENICA 18 NOVEMBRE 2012 (ore 18,30-20,00) relaziona Cristian Libè. La Crisi, come è nata, di cosa parliamo, cos è realmente. La vera origine della Crisi. La crisi che ci troviamo ad affrontare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Sistemi monetari Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Sistema monetario Insieme di regole relative agli aspetti monetari di un sistema

Dettagli

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura.

CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. CREDITO. Il c. è una anticipazione di risorse che un agente economico concede a un altro agente a fronte di una promessa di restituzione futura. La natura del c. ha diverse implicazioni. Due in particolare.

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust

Ottobre 2014. Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Ottobre 2014 Recenti modifiche alla tassazione dei dividendi distribuiti ad un trust Avv. Prof. Stefano Loconte, Studio Legale e Tributario Loconte & Partners Il trust Nel nostro Paese si parla di trust

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1228

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1228 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 1228 Delega al Governo per la riforma dell'ordinamento bancario mediante la separazione tra banche commerciali e banche d'affari 28/09/2015-11:23 Indice 1.

Dettagli

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Fa fede la versione orale Conferenza stampa del 3 settembre 2013 Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Gentili signore,

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Fiscal News N. 133. Finanziamento e società in perdita. La circolare di aggiornamento professionale 07.05.2013. Premessa

Fiscal News N. 133. Finanziamento e società in perdita. La circolare di aggiornamento professionale 07.05.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 133 07.05.2013 Finanziamento e società in perdita Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nelle società di piccole dimensioni

Dettagli

17 maggio 2013 Roberto Russo

17 maggio 2013 Roberto Russo Comprare Italia! 17 maggio 2013 Roberto Russo www.assitecasim.it Una delle massime di Warren Buffett, riferita agli investitori, recita: Guarda avanti e non attraverso lo specchietto retrovisore. Tale

Dettagli

La finanza pubblica ed il debito pubblico

La finanza pubblica ed il debito pubblico Corso di Economia finanziaria La finanza pubblica ed il debito pubblico Dott.ssa Arianna Moschetti A.A. 2012-13 Il bilancio dello Stato Il bilancio dello Stato può essere: di previsione o consuntivo; di

Dettagli

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI

NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Dossier n. 73 Ufficio Documentazione e Studi 5 marzo 2015 NOTE SULLA RIFORMA DELLE BANCHE POPOLARI Lo scorso 24 gennaio il Governo ha emanato il decreto-legge del 24 gennaio 2015, n. 3, recante Misure

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 5 La crisi delle Savings & Loans (cap. 2 libro) La crisi dei Paesi scandinavi (cap. 2 libro) La crisi delle Savings & Loans - 1 Enti specializzati

Dettagli