06/06/2011 Descrizione (affermazioni/riflessioni/dubbi) Dati (eventuali)/ Note

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "06/06/2011 Descrizione (affermazioni/riflessioni/dubbi) Dati (eventuali)/ Note"

Transcript

1 G-d) Delocalizzazione A cura di L. Molteni (Team Insubria, Varese 2020) 06/06/2011 Descrizione (affermazioni/riflessioni/dubbi) Dati (eventuali)/ Note Cosa si vuole capire! Quale il valore della delocalizzazione a medio termine: prosecuzione fondata su differenziali di costo, di competenza, di propensione al lavoro o riequilibrio per riduzione delle differenze economiche? Lo stato dell'arte La delocalizzazione è il fenomeno che consiste nella cessazione totale o parziale di un attività nel paese di origine per trasferirla parzialmente o totalmente all estero. La delocalizzazione può essere internaseavvieneverso paesiue, esternaseavvieneverso paesiextra UE. Esisteunnuovo tipodi delocalizzazione determinata da un fenomeno chiamato delocalizzazione inversa che si verifica nel momento in cui l imprenditore spinge i propri dipendenti ad accettare condizioni di lavoro meno favorevoli a fronte della minaccia di una delocalizzazione. (Biblio 8) I fattori che determinano la delocalizzazione sono gli approvvigionamenti più economici, i vantaggi fiscali, la possibilitàdiaccessoai nuovimercatieanuove tecnologie,i costidel lavoro più bassi,la vicinanza operativa al cliente a fini di ottimizzazione di processo. La scelta di delocalizzare è una questione strategica per le imprese che devono prendere in considerazione aspetti di diversa natura, basando le loro decisioni in funzione di un livello di formazione elevato, buoni servizi pubblici, un moderato livello del costo del lavoro, una stabilità economica e la prossimità a nuovi mercati ed infine la presenza di risorse produttive. (Biblio 8) Le imprese più piccole si internazionalizzano per contenere il costo del lavoro o per entrare in nuovi mercati, mentre per le grandi imprese esiste anche la necessità di avere una vicinanza rispetto ai mercati di sbocco.(biblio 2) Secondo l Ocse il 36% delle imprese al modo nel settore manifatturiero, che delocalizzano la loro attività produttiva, sono alla ricerca di minori costi di produzione, mentre il 17% vogliono essere più prossimi ai loro clienti. I motivi che spingono le imprese italiane a delocalizzare dipendono dalla loro dimensione, per il 70% delle imprese industriali medio-grandi viene ritenuta molto importante la possibilità di ridurre il costo del lavoro, mentre per il 58,3% delle piccole imprese la delocalizzzione è motivazione principale per presidiare i mercati strategici. (Biblio 11) Scelte possibili delle imprese vs l estero: esportare ad intermediari commerciali esteri, concedere licenze di fabbricazione a terze imprese estere, IDE commerciali (Investimento Diretto all'estero, attività di distribuzione commerciale all estero), IDE produttivi per il solo mercato locale, per più mercati o di global sourcing, joint venture, outsourcing estero. (Biblio 1)

2 La delocalizzazione come elemento fondamentale per aumentare le proprie competenze, con il conseguimento di migliori risultati economici. Lo scambio di relazioni con imprese di altri paesi con i quali si hanno accordi economici, permette un maggior miglioramento della produzione. Le imprese che esportano o intrattengono relazioni con altre aziende estere sono generalmente piùgrandidiquellechenonlo fanno, sono piùproduttive epiù profittevoli, più innovative e conil più alto tasso di intensità di capitale per l effetto della self-selection in quanto è più difficile vendere all estero che nel paese madre. (Biblio 2) Le imprese più grandi delocalizzano anche nei paesi più lontani per produrre e crescere nei mercati di sbocco, mentre quelle di dimensioni più ridotte tendono a delocalizzare la produzione in zone di destinazione come la Romania (recente passato) e l Europa Centro-Orientale, con lo scopo di abbassare i costi di produzione(infatti, sono paesi a basso reddito) e non quello di presidiare nuovi mercati di sbocco (che tradizionalmente si riflette in flussi diretti verso i paesi più ricchi). (Biblio 7) Le tendenze più recenti evidenziano la riduzione anche a livello del turnover tra le imprese manifatturiere italiane che delocalizzano (turnover= differenza tra imprese di nuova delocalizzazione ed imprese uscenti), evidenziando una diminuzione in misura rilevante anche per le grandi imprese che vedono ridursi il numero di nuove delocalizzazioni ed un aumento dei rientri. Nel caso delle piccole imprese nel 2009 e nel 2010 oltre la metà delle aziende che delocalizzavano non possiede più impianti all estero, confermando che la delocalizzazione richiede un aumento dimensionale delle imprese. Tenendo conto della contrazione generale nel 2010 è possibile rilevare come il flusso delocalizzativo in Cina tenda a stabilizzarsi su livelli più bassi. (Biblio 7) Il fenomeno del backshoring, il rientro nei confini nazionali o lo spostamento delle attività produttive in altri paesi da parte delle imprese che hanno già delocalizzato, comincia ad essere consistente, causato dall aumento del costo del lavoro, dei trasporti e dal venir meno di alcune agevolazioni. Alcuni dati: tra il 1995 ed il 2006 il costo del lavoro per un dipendente di una industria a parità di potere di acquisto è aumentato dell 84,5% in Slovacchia, del 93% nella Repubblica Ceca ed il 72% in Polonia, mentre nello stesso periodo in Francia del 45,7%, in Germania del 38,8% ed in Italia del 26,4%. Per Cina ed India non esistono dati precisi ma le evidenze empiriche indicano una tendenza alla diminuzione del divario con le retribuzioni dei lavoratori occidentali, soprattutto per le mansioni più qualificate. (Biblio 11)

3 Anche in Italia esiste oggi una tendenza piuttosto diffusa al backshoring, soprattutto per quelle imprese che hanno delocalizzato col fine di ridurre i costi di produzione. Un motivo per il quale alcune imprese stanno ritornando in Italia è dato dalla sovrastima dei risparmi di costo, causata da costi non previsti di stoccaggio e legati alla necessità di ritrasportare merce difettata, ma soprattutto a causa delle stime troppo ottimistiche del basso costo della manodopera, che col tempo ha avuto continui aumenti. (Biblio 11) Per 15 anni le imprese tedesche hanno delocalizzato verso est, dall est Europa fina all Asia, ma ora la tendenza è quella di inshoring, rientrare il patria con la produzione. Lo fanno soprattutto le piccole e medie imprese, le grandi resistono perché le loro economie di scala lo consentono. In Germania, come in Italia le PMI sono la struttura potante dell economia, quindi un ritorno significa un aumento della produzione interna e un relativo aumento occupazionale, conseguentemente un aumento di benessere in termini pro-capite. Dal 2004 i salari dei paesi dell est Europa sono in costante aumento, mentre la produttività dei lavoratori rimane molto al di sotto di quella dei lavoratori tedeschi. In Germania è stata fondamentale la compressione dei salari degli ultimi anni e del contemporaneo aumento della produttività dei lavoratori, consentendo così una riduzione del costo unitario di prodotto. Secondo l ufficio federale di statistiche la produttività media dei lavoratori tedeschi tra il 1991 ed il 2006 è aumentata complessivamente del 22,5%. (Biblio 12) Il ritorno in patria delle aziende ha fatto aumentare l occupazione, permettendo alla Germania un piccolo boom, riducendo negli ultimi due anni il numero dei disoccupati fino a raggiungere l 8,4% che è il risultato più basso degli ultimi dodici anni. L errore che molte aziende hanno commesso è stato quello di non considerare i costi per il ritardo nello sviluppo delle infrastrutture e nella formazione delle maestranze all estero. Il centro per la razionalizzazione dell economia tedesca (CRI) ha stimato un guadagno medio lordo per le imprese che delocalizzavano pari al 14%, ma considerando altri fattori e la razionalizzazione delle spese negli impianti tedeschi il guadagno medio scende al 2,5%, troppo poco come remunerazione del rischio paese. (Biblio 12) La Cina diventa off-limits per un certo tipo di produzione italiana a causa di rincari dei prodotti fino al 20% rispetto a soli pochi mesi fa, dovuto ad una serie di fattori tra cui la corsa dei prezzidelle materie prime, la progressiva rivalutazione dello yuan(dal 10% al 20% rispetto al dollaro) ed ad un aumento del costo del lavoro. La paura nascedal fatto chepur dopoquestiaumentidi salari, pari anchela 30%, ci potrebberoessereaumentiancheneiprossimi anni.alla lucedi questidati sipuò analizzare un cambiamento del mercato cinese che si trasformerà da produttore low cost a produttore di qualità, ma questo in tempi assai più rapidi rispetto a quanto è avvento nella storia delle economie occidentali. (Biblio 16)

4 Il fenomeno del backshoring è più evidente in America perché hanno iniziato concretamente i processi di delocalizzazione già nel Società come la General Eletric Company ha recentemente annunciato la costruzione di due nuovi impianti negli stati Uniti per la produzione di articoli elettrici ibridi e batterie ad alta densità attualmente prodotti in Cina. Il backshoring è soprattutto un fenomeno americano anche perché i produttori statunitensi sono stati molto più aggressivi rispetto agli asiatici ed agli europei, anche se alcuni critici associano il fenomeno alla necessità di guadagnarsi il favore dell amministrazione Obama, che vuole stimolare il mercato interno. (Biblio 23) Lalogicachesta dietroil backshoringèinteressanteenonpuòesseredefinitaabrevetermine,ma sicuramente è condizionata dall aumento dei costi di trasporto, dei salari e delle materie prime cinesi, inoltre l effetto decisivo è dato dal fatto che alcune società americane sono state obbligate ad effettuare backshoring perchè molti dei loro principali clienti avevano già spostato le produzioni negli Stati Uniti, quindi il tutto va visto come un effetto contaminante, legato alla necessità di gestire clienti e fornitori in una dimensione territoriale limitata. (Biblio 23) L Indonesia è oggi un nuovo orizzonte per le aziende che hanno fino ad ora delocalizzato in Cina, questo perché si stanno alzando i costi di mano d opera e della logistica. Oltre al mercato indonesiano le imprese stanno valutando, di insediarsi in India, Vietnam e nell Asia sudoccidentale. Importante sviluppo delocalizzativo in Cina sono le zone sud-occidentali e centrali come Chongquing, Wuhan e Zhengzhou, che consentono ancora bassi costi ed incentivi cinesi specifici per questo tipo di investimenti. Particolari accordi tra Cina ed Indonesia porteranno maggiori investimenti verso quest ultima, sfruttando il basso costo del lavoro e della mancanza di dazi in uscita verso la Cina, soprattutto in riferimento alle materie prime. (Biblio 13) L aumento del salario dei lavoratori cinesi rappresenta un rischio per le imprese che hanno delocalizzato, anche perché per ora l aumento è stato del 30% rispetto al salario minimo, ma si temono ripercussioni continue dei lavoratori verso le imprese. I lavoratori cinesi hanno uno stipendio massimo pari a 400 dollari e risultano tre volte più costosi rispetto ai loro omologhi indonesiani e cinque volte più costosi rispetto ai vietnamiti, rimanendo comunque meno cari rispetto a Taiwan e Malesia. Un aumento di questisalari haripercussionidiversein baseal tipodi produzione delocalizzato, infatti l aumento del 30% dei salari consiste in un taglio dei margini dall 1% al 5% in base alla quantità di manodopera utilizzata, e che comunque può essere compensata da una maggiore produttività. Questo spiegherebbe perché gli IDE in Cina continuano a salire. (Biblio 15)

5 Il governo cinese spinge il consumo interno per continuare crescere come ha fatto negli anni passati, considerando una crescita della domanda interna stabile al 7-8%, la crescita del PIL sarà prossima al 5%, distante dall obiettivo cinese del 10%, proprio per questa ragione la Cina ha bisogno di creare una domanda interna molto sostenuta, che inizi a consumare una parte crescente della propria produzione. (Biblio 17) Il commercio bilaterale tra Cina ed India cresce del 32% l anno, ma risulta fortemente sbilanciato, perché le capacità industriali dell India sono talmente scarse da costringerla ad importare dalla Cina beni secondari ricavati dalla lavorazione delle materie prime da lei stessa esportate. L India ha deciso di accettare la costruzione di piccole Chinatown nelle quali vengono delocalizzate non solo le strutte industriali ma i lavoratori cinesi, costituendosi così vere e proprie invasioni orientali. (Biblio 18) La Repubblica Popolare Cinese si sta espandendo a livello internazionale nei nuovi paesi emergenti e inizia a regolare l accesso delle imprese straniere ne proprio mercato, infatti il 5 Marzo 2011 è stata introdotta una nuova norma che regola l acquisizione di imprese cinesi da parte di grandi gruppi e multinazionali straniere. La legge prevede la preventiva richiesta di un autorizzazione per le operazioni che verranno ritenute minacciose per la stabilità del Paese o che prevederanno la cessione di tecnologie strategiche. I settori che risultano coinvolti sono: l industria, l energia, le telecomunicazioni, i trasporti, l agricoltura e i macchinari. (Biblio 22) La Cina delocalizzerà in Africa il business dell innovazione tecnologica e sta programmando una cooperazione scientifica per quanto riguarda le energie rinnovabili, l agricoltura sostenibile e la formazione di tecnici. (Biblio 19) Fin dagli anni 90 la Cina è arrivata in Africa, ed oggi si è convinta che possa offrire strumenti e risorse necessarie per risolvere parte dei suoi problemi. L Africa non sarà più solo fonte di materie prime e risorse energetiche da esportare ma anche opportunità di investimenti industriali ed infrastrutture. La Repubblica Popolare Cinese costituirà cinque zone economiche esclusive(zes) ad uso e consumo di imprenditori e capitali cinesi così suddivise: in Zambia una ZES mineraria realizzata con 450 milioni di dollari, nella Repubblica di Mauritius una ZES per la produzione di tessuti, prodotti elettronici e farmaceutici con un investimento di 450 milioni di dollari, in Nigeria una ZES manifatturiera ed estrattiva con un investimento di 500 milioni di dollari, in Etiopia una ZES specializzata nella lavorazione del ferro con un investimento di 100 milioni di dollari ed in Egitto una ZES situata a sud del Canale di Suez che sarà utile ai cinesi per raggiungere i mercati dell Europa e del Mediterraneo con un investimento pari a 700 milioni di dollari. (Biblio 20)

6 Dati ICE-Istat 2006: imprese esportatrici erano pari al 4,2% delle imprese attive occupando il 20% degli occupati totali. L 80% degli esportatori avevano meno di 20 addetti contando solo il 16% delle esportazioni totali: invece il 60% delle esportazioni erano effettuate da imprese con oltre 100 addetti. La dimensione dell impresa pone un limite all esportazione nello specifico e alla possibilità di insediarsi all estero, così come riuscire ad intraprendere relazioni con imprese nei paesi extra- UE, ed in diversi paesi contemporaneamente, risulta molto più facile per le imprese di notevoli Si fatica a trovare dati più recenti: in genere si dimensioni rispetto a quelle di più piccole dimensioni. (Biblio 2) rimanda a quelli del 2006 Nel caso specifico dell Italia le imprese che hanno cominciato ad esportare sono riuscite in seguito a migliorare ulteriormente la propria produttività ed a crescere dimensionalmente per effetto del learning-by-exporting. (Biblio 2) Tendenza alla delocalizzazione della produzione anche delle imprese italiane, nonostante la loro dimensione ridotta, spostando all estero strutture operative a maggior intensità di lavoro non qualificato, agevolando l evoluzione interna dei comparti di attività a più alto valore aggiunto. (Biblio 2) In riferimento all'economia italiana, le imprese intermedie si differenziano dalle imprese finali per alcune caratteristiche peggiorative, sono infatti di minori dimensioni, hanno meno produttività ed hanno minore quota di esportazione. Tra quelle intermedie evolute e quelle immobili le differenze che si notano sono di una notevole differenza in termini di dimensione, efficienza, capitale umano e competitività internazionale. La crisi del ha affermato una maggiora difficoltà delle imprese marginali, e soprattutto in quelle che avevano instaurato maggiori rapporti internazionali di rete rispetto a quelle che hanno preferito percorrere la strada di una maggiora funzionalità. (Biblio 3) Le prospettive del sistema produttivo in Italia vanno analizzate in un contesto più ampio, tenendo presente che nel mondo il modo di produrre e la divisione del lavoro stanno cambiando, andando a creare la nuova globalizzazione nella quale i processi produttivi si frammentano (unbulding) in sequenze o catene (value chains) di compiti, molti dei quali vengono delocalizzato all estero (offshoring), trasformando le catene in catene globali (global value chains), e modificando così il commercio internazionale da trade-in-goods in trade-in-tasks. Questo tipo di contesto penalizza le imprese finali, sostanzialmente quelle di piccole e medie dimensione, trasformandole in imprese intermedie nella global chain. (Biblio 3) In Italia la delocalizzazione coinvolge in misura sempre maggiore le imprese più grandi, dato dall aumento della dimensione media delle imprese delocalizzate a fronte di un generale restringimento del fenomeno tra le imprese più piccole. (Biblio 6)

7 Nell ultimo decennio il livello di internazionalizzazione è cresciuto in misura significativa: tra il 2001 ed il 2006 il 13,4% delle imprese con meno di 50 addetti ha avviato processi di internazionalizzazione, l incidenza sale al 20,1% tra le imprese manifatturiere (al 48,1% tra le imprese con più di 250 addetti). (Biblio 2) In base ai dati Eurostat 2007, lo stock di IDE dell Italia era pari al 23% del PIL, a fronte del 35% della Germania, del 38,1% della Spagna e del 52,5% della Francia. (Biblio 2) Prerequisiti delle determinanti degli IDE: ownership (vantaggi proprietari tecnico-organizzativi), internalisation (sfruttamento delle transazioni interne all impresa e non sul mercato) e locational advanges (fattori di vantaggio localizzativi). (Biblio 1) IDE orizzontali: Alcune attività sono replicate nei mercati di destinazione, motivati dall'accesso al mercato. Benefici: Accesso al mercato, risparmio di costi Gli IDE orizzontali sono sostituti all esportazione quando si è in presenza di rigide barriere di trasporto, adattamento di prodotto ed effetto all importazione nel paese di destinazione, risultano essere complementi alle esportazioni quando strategico. Costi: Economie di scala a livello di mirano a cogliere al meglio le opportunità di accesso e vicinanza al mercato. (Biblio 1) impianto non fruttate. Gli IDE commerciali sono complementari all esportazione, perché mirano a migliorare il rapporto con il territorio di destinazione, rendendo più aggressive le imprese all estero, consentendo un aumento di produzione nel paese di origine. (Biblio 1) Il settore di appartenenza influenza la scelta di internazionalizzare la produzione; gli IDE orizzontali tendono ad essere più frequenti nei settori con maggiori economie di scala a livello di impresa (tecnologia, R&S, marketing, competenze manageriali) per compensare i relativi costi di duplicazioni di unità produttive. Gli IDE verticali caratterizzano invece i settori nei quali il processo produttivo è più facilmente scomponibile in fasi precise, e nei quali la concorrenza avviene in termini di costi. (Biblio 2) Le caratteristiche del settore incidono anche sulla modalità di internazionalizzazione: il processo produttivo lo si può mantenere all interno dell impresa (IDE), oppure può essere affidato a subfornitori(outsourcing). In Italia il ricorso agli IDE è più frequente nei settori a maggior intensità di capitale fisico ed umano, in linea con il resto dell Europa, ma l internazionalizzazione delle imprese italiane avviene più spesso attraverso il ricorso a subfornitori e non agli IDE. (Biblio 2) Nella seconda metà degli anni duemila la delocalizzazione ha riguardato una percentuale modesta e tendenzialmente stabile nel settore manifatturiero al 4%, e nel 2010 ha fatto registrare un sensibile ridimensionamento del fenomeno. (Biblio 7) IDE verticali: La produzione è frammentata lungo la filiera produttiva, motivati dall'accesso ai fattori produttivi. Benefici: Risparmio sui costi di produzione. Costi: Economie di integrazione non sfruttate. L incidenza delle province distrettuali in termini di IDE risulta inferiore rispetto ad aree con presenza di grandi imprese. Gli IDE distrettuali sono più presenti in quei territori in cui è maggiore il valore aggiunto pro capite e più elevata la dotazione di infrastrutture. (Biblio 4)

8 La delocalizzazione comporta un aumento dei costi fissi delle imprese, motivo per cui le imprese che vogliono delocalizzarsi devono trovare nel breve-medio periodo riscontri economici tali da poter superare il break even point, e comunque riuscire a reperire capitali sufficienti per realizzare tale progetto. Questa situazione penalizza le PMI rispetto alle grandi imprese. (Biblio 2) La minore importanza, per i distretti industriali, dell internazionalizzazione produttiva rispetto a quella di tipo commerciale può essere interpretata in due modi: in primis organizzare la produzione in un paese straniero è più oneroso rispetto alla semplice vendita (per molte imprese distrettuali di piccole o medie dimensioni i costi fissi costituiscono un ostacolo), secondo motivo è che in mancanza di uno spostamento dell intera filiera produttiva, che può rilevarsi difficile da realizzare, l incentivo a recarsi all estero risulta limitato per un impresa distrettuale perché è tipicamente legata al territorio. (Biblio 4) Effetti di sostituzione tra IDE e le altre forme di delocalizzazione tenderanno a verificarsi nel mediolungo periodo a causa dei mutamenti delle configurazioni produttive delle imprese (che siano o non sia già delocalizzate) come risposta ai processi di riconversione secondo la logica dei vantaggi comparati dinamici. Nel caso specifico degli IDE verticali, questi restituiscono risultati positivi se effettuati in paesi a basso tasso di industrializzazione, ma nel momento in cui questo tasso diventa poco rappresentativo, l impresa incomincia a non avere più un interesse cosi alto nel produrre in quel paese. (Biblio 1) L analisi settoriale conferma un trend negativo del fenomeno della delocalizzazione, evidenziandosi in particolare nei settori tradizionali del made in Italy, nello specifico in quello del Tessile e abbigliamento e del Cuoio e pelli. Tale contrazione riguarda in maniera più ridotta i settori a più alto contenuto tecnologico quali: comunicazione, apparecchi medicali e di precisione. (Biblio 7) Elemento da considerare è l abbandono dell internazionalizzazione produttiva che appare più significativo in riferimento alla distanza dell area nella quale si delocalizza, permettendo alle aree tradizionalmente privilegiate della delocalizzazione, Romania ed Europa del centro, di mantenere risultati sufficientemente costanti. (Biblio 7) Nell ambito del comparto manufatturiero italiano la tendenza a delocalizzare, già modesta e di lenta progressione, nel tempo tenderà a subire un significativo rallentamento. Questo potrebbe essere uno svantaggio perché si perderanno posizionamenti sui mercati internazionali, elemento strategico per la crescita dimensionale a livello internazionale. (Biblio 7)

9 La delocalizzazione del rilevante made in Italy, nei settori dell abbigliamento ed accessori e dell arredo casa, ha concesso inizialmente alle imprese più dinamiche un considerevole vantaggio competitivo, che però nel tempo si è affievolito a causa delle semplificazioni e delle imitazioni anche grossolane dei prodotti. (Biblio 5) Il sistema produttivo tecnologico italiano, dopo anni di arresto, ha ripreso a collocare sui mercati mondiali prodotti di media tecnologia, con qualche punta nell alta tecnologia, grazie alla valutazione dei paesi emergenti non solo come semplici piattaforme produttive, ma anche come mercati di sbocco per i beni finali prodotti in Italia o all estero. Questo sistema produttivo è passato da una delocalizzazione difensiva ad una offensiva, fruttando a pieno le caratteristiche dei mercati esteri. (Biblio 5) Sono sempre di più le piccole e grandi imprese tedesche che sui mercati emergenti aprono centri di ricerca, questa tendenza riflette una nuova fase della globalizzazione, riconsiderandola non solamente come risparmio di costi di produzione ma come innovazione e sviluppo di prodotti. La presenza della R&S sul luogo della produzione e della vendita per alcuni prodotti è diventata una necessità per andare incontro alle esigenze dei mercati interni dei Paesi emergenti. Le imprese esportatrici tedesche stanno puntando sulla modernizzazione di Cina india Russia e Brasile che consente la nascita di una classe media sempre più ricca e benestante, riuscendo così a vendere automobili, frigoriferi, lavastoviglie, televisori e medicinali. (Biblio 14) Gli investimenti in R&S delle aziende tedesche all estero si focalizzano soprattutto nella meccanica, nell informatica e nella chimica e non solo per i motivi sopraccitati, ma per una nuova strategia, cioè assicurarsi i migliori esperti anche nei mercati emergenti. Molto però rimane in Germania, soprattutto la ricerca più sofisticata, e questo è un elemento che mette in luce che delocalizzare R&S serve per personalizzare e adattare il prodotto al mercato di sbocco e non per inventarlo ex novo. (Biblio 14) La delocalizzazione oltre ad avere conseguenze dirette nei confronti della perdita dei posti di lavoro, comporta anche problemi connessi come un incremento degli oneri sociali per lo stato, un rallentamento della crescita economica nel suo complesso causato da una riduzione globale della domanda viceversa la delocalizzazione della produzione industriale contribuisce a far sviluppare nei paesi destinatari degli investimenti a far sviluppare i diritti sociali, permette il trasferimento di know-how, contribuendo ad un allineamento rispetto ai vantaggi comparati. (Biblio 8)

10 Esiste un legame tra una maggiore flessibilità della forza lavoro nazionale e il ricorso alla produzione all estero, in quanto l obiettivo primario delle imprese che perseguono offshoring è il contenimento del costo del lavoro quindi le riforme del mercato del lavoro che hanno reso più facile il ricorso a contratti determinati, costi unitari più bassi possono aver reso meno necessario il ricorso alle delocalizzazione. (Biblio 9) Forme di lavoro flessibile hanno effetti diversi rispetto alla scelta di delocalizzare in base al tipo di impresa ed alla sua collocazione sul territorio. Un certo grado di flessibilità organizzativa e alcune tipologie di contratti di lavoro frenano soprattutto la delocalizzazione delle imprese innovative e di quelle non appartenenti ad un distretto industriale, al contrario sia le imprese distrettuali che quelle tradizionali non ne sono condizionate. (Biblio 10) A livello regionale la delocalizzazione può avere conseguenze soprattutto quando le regioni sono specializzate in uno specifico settore di attività. Questo è il motivo per cui una massiccia delocalizzazione di imprese di un determinato settore avrà sicuramente un forte impatto sul territorio in termini di tasso di disoccupazione, una sensibile diminuzione della domanda, una riduzione della crescita economica. Oltre a questi effetti diretti è necessario tener conto degli effetti indiretti che il rischio di delocalizzazione può avere sui salari e sulle condizioni di lavoro. (Biblio 8) Proposte/azioni di intervento attuali Esistenza dell'osservatorio provinciale sull'internazionalizzazione composto da: Camera di commercio, ACAI Associazione Cristiana Artigiani Italiani, API Associazione piccole medie indusatrie della provincia di Varese, Associazione Artigiani della Provincia di Varese, CDO Compagnia delle Opere Alto Milanese, CEAM Group International, Centro Tessile Cotoniero e Abbigliamento S.p.A., CNA Varese Confederazione Nazionale dell'artigiananto e della Piccola Impresa, Consorzio Cotone Moda, Consorzio Insubria Export, Insubria Export, Promoscambi, PROVEX Consorzio Export Import, UNIVA Uniono degli Industriali della Provincia di Varese. Opera secondo una logica di rete con il contributo di: ICE, SACE, SIMEST, Regione Lombardia, Enti locali e sistemi camerali. L'osservatorio ha il compito di favorire la realizzazione di progetti integrati e condivisi per le imprese, di coordinare attività di promozione dell'internazionalizzazione, di agevolare la diffusione delle informazioni e di promuovere i prodotti ed i servizi del territorio varesino.

11 Vengono fornite informazioni a livello di paese, valutazioni della penetrazione commerciale dei prodotti italiani sul mercato locale, valutazioni degli investimenti diretti da e verso l'italia, L'interazionalizzazione e nello specifico la promozione di IDE, viene sostenuta anche attraverso valutazioni delle potenzialità di cooperazione progetti e sportelli dedicati, promossi dai vari enti e consorzi, come ad esempio LombardiaPoint, commerciale ed industriale nei settori di alto VareseModa,MedArt (promossi dalla Camera di Commercio di Varese) contenuto tecnologico. SIMEST: è la finanziaria per lo sviluppo e la promozione delle imprese italiane all'estero, per gli IDE permette agevolazioni finanziari fino ad arrivare a sottoscrivere il 25% delle società estere partecipate da imprese italiane. Fornisce Esistono Finanziamenti e programmi comunitari dedicati che forniscono sostegno alle PMI, piani di servizi di assistenza e consulenza per tutte le fasi investimento personalizzati per l'internazionalizzazione ed il portale del Ministero dello Sviluppo di avvio e della realizzazione di investimenti Economico - Dipartimento Imprese e Internazionalizzazione. all'estero Da Gennaio2011 inizieràadoperare il nuovo centroperlepmieuropeea Pechino,sarà gestitoda un consorzio di camere di commercio europee. L iniziativa rientra nel progetto di Small Business Act dell Unione Europea con lo scopo di sostenere le imprese più piccole che internazionalizzano. Le attività saranno molteplici, dalla fornitura di informazioni tecniche per operare in Cina, alla stesura di strategie di internazionalizzazione e il sostegno alle imprese nella risoluzione di eventuali problemi derivanti dall approccio al mercato. (Biblio 21) Esiste in filone di pensiero che sostiene la necessità di policy che diano un sostegno significativo per avviare un attività di esportazione e di produzione all estero, soprattutto per la seconde specie che è gravata di maggiori costi fissi. (Biblio 2)

12 Linee di azione suggeribili per la provincia Nel medio periodo la delocalizzazione nei paesi nei quali attualmente risulta già in essere subirà dei cambiamenti, e sarà sempre meno vantaggiosa in termini di risparmio di costi. Come si evince dalla scheda questo vantaggio lo si può riscontrare nelle economie a basso reddito pro-capite ed a bassa industrializzazione. Come normalmente accade in tutte le economie, il processo di sviluppo comporta un aumento delle pretese sia di tipo economico legate alle imprese, sia di tipo lavorativo legate alla condizione dei lavoratori. Tale fenomeno induce, anche nelle economie nelle quali si è nel passato delocalizzato, ad un innalzamento dei costi di mano d'opera, determinati da un lato dall'entrata dei diritti dei lavoratori che savaguardano al meglio gli stessi, e dall'altro un miglioramento "culturale" riferito alle mansione degli stessi lavoratori. Dal lato delle imprese un continuo rivolgersi al loro mercato fa inevitabilmente alzare le loro competenze di specializzazione in prodotti a loro prima sconosciuti ed i prezzi richiesti per effetto dell'aumento della domanda. Si può quindi anche affermare che lo scambio di conoscenze che è avvenuto e che avviene per produrre beni diventa merce di scambio sul prezzo. Questo comporta un problema per delocalizzazioni mirate verso economie caratterizzate da mano d'opera non qualificata, ma viceversa permetterebbe una produzione più sofisticata. La propensione che si avrà nel medio periodo sarà di un riequilibrio di tali economie e la necessaria ricerca di nuove che attualmente hanno le caratteristiche necessarie e fondamentali per recepire un industrializzazione di basso costo. Il fenomeno della delocalizzazione risulta essere positivo sino al momento in cui le economie esposte a tale fenomeno riescono ad soddisfare l'esigenza del "basso costo". Questo vale per delocalizzazioni con il suddetto fine, ma se si intende espandere la propria produzione su mercati esteri "evoluti", la delocalizzazione risulterebbe positiva per le aziende perchè permetterebbe un sondaggio maggiore, migliore e più approfondito di tali mercati. Sarebbe positivo anche in termini di conoscenze, con uno scambio delle stesse tra chi delocalizza e chi lavora in quelle imprese, conoscenze che verrebbero poi inoltrate all impresa sita nel paese madre. Questo fenomeno viene già utilizzato dalle grandi imprese, multinazionali perchè permette loro di essere presente in quel determinato mercato e comprendere tutte le eventuali problematiche. Nel caso di PMI una scelta di questo genere, anche solo limitata alla divisione commerciale, permetterebbe uno sviluppo maggiore della produzione, andando a migliorare la situazione del territorio, mettendo in condizione l'indotto stesso di evolversi. Il concetto andrebbe approfondito nell'ambito dei prodotti più idonei a tale strategia, che per logica di concetto non potranno essere semplici prodotti di consumo "base", ma prodotti necessariamente con caratteristiche particolari ed intrinseche del territorio, ed ovviamente non facilmente imitabili. Quindi spetta alle imprese ed alle istituzioni creare un determinato surplus specifico di quelle caratteristiche che sono identificative dei prodotti del territorio.

13 Strutturare l'economia del territorio attravero un piano dinamico di aumento occupazionale, predisponendo incentivi e servizi mirati per la produzione di beni necessari di mano d'opera quaificata, ricollocando forza lavoro specializzata. Il piano dinamico deve prevedere il reinsourcing di imprese italiane, ma anche incentivare imprese estere ad investire nel territorio di Varese. Il fenomeno di delocalizzazione in Italia è già incominciato, sia da parte di imprese tedesche, dell'europa dell'est, ma anche da imprese Cinesi, che in Italia assimilano know-how. (I cinesi in patria stanno cominciando anche ad acquistare imprese estere proprio per diventare proprietari di know-how). Investire in conoscenza innovativa in riferimento ai settori delle imprese varesine, alzando il livello di competenza produttiva e professionale, consentendo un aumento dei salari che permetterà di conseguenza l'aumento dei consumi interni del territorio (commercio al minuto). Favorire la nascita e lo sviluppo di IDE commerciali, diminuendo così i problemi legati alla vendita in paesi stranieri, rivolgendosi a paesi ricchi, in modo tale da aumentare la produzione interna di beni per l'esportazione e di conseguenza migliorare il reddito pro-capite della provincia. Incentivare le imprese che hanno delocalizzato o che sono in procinto di farlo ad insediarsi maggiormente sul territorio varesino, attraverso piani pluriennali di agevolazioni con conseguente impegno da parte delle imprese di investire sul territorio non solo sull'aspetto produttivo, ma anche sull'aspetto dello sviluppo a livello culturale con investimenti mirati a favorire la formazione di personale specializzato alle esigenze delle stesse imprese. Per i settori di riferimento del territori varesino sviluppare l'aspetto tecnologico facilitando non solo collaborazioni commerciali con soggetti esteri, ma soprattutto collaborazioni a livello di Per esempio, per il settore tessile lo sviluppo di ricerca, o se possibile istituire IDE a livello di R&S, sviluppando maggiori conoscenze che potranno materiali tecnici, con caratteristiche particolari così migliorare la posizione sul mecato delle imprese. che possono rendere unico il prodotto tessile. Bibliografia 1 "Il commercio con l'estero e la collocazione internazionale dell'economia italiana", Banca d'italia "Rapporto sulle tendenze nel sistema produttivo italiano" Questioni di Economia e Finanza numero 45, Banca 2 d'italia Aprile "Imprese italiane tra crisi e nuova globalizzazione" Questioni di Economia e Finanza numero 86, Banca d'italia 3 Gennaio "L'internazionalizzazione produttiva italiana e i distretti industriali: un analisi degli investimenti diretti 4 all'estero" Banca d'italia numero 592, maggio "L'esperienza italiana di delocalizzazione produttiva all'estero tra incentivi e dissuasioni" Mauro Giusti 6 "Rapporto Ice L'italia nell'economia internazionale" capitolo 8 "Le imprese" "Rapporto Ice L'italia nell'economia internazionale" "approfondimenti" 2010.

14 8 "L'industria italiana e il fenomeno delle delocalizzazioni" Working Paper n. 3/2007- Fondazione METES "Offshoring e flessibiltà della forza lavoro nelle imprese italiane" A. Amighini, A. Presbitero, M. Richiardi (articolo). 10 "Delocalizzazione produttiva e mix occupazionale" MoFiR working paper n. 42, maggio Focus settimanale BNL n. 38 del 24 ottobre "Germania, delocalizzare non conviene più Matteo Alviti, Liberazione del 25/11/ RI new horizon for plant relocation from China Asia News Network, 31 marzo La Germania delocalizza la ricerca Beda Romano, il sole 24 ore, 7 ottobre Rising chinese wages pose relocation risch Kevin Brown, The Financial Times, 15 febbraio Cina Bye Bye, la delocalizzazione non abita più qui Jacopo Dell'etica, Panbianco, 23 febbraio : nuove sfide per l'economia cinese Claudia Astarita, Panorana.it, 7 marzo Parte in India il progetto Chinatown. e la delocalizzazione (cinese) continua C. Astarita, Panorama.it, 6 Gennaio Africa: anche il business dell'innovazione tecnologica sarà cinese Caludia Astarita, Panorama.it, 7 aprile Le mire della Cina sull'africa: pronti 2.00 milioni di dollari Claudia Astarita, Panorama.it, 9 agosto A Pechino nasce il centro per le PMI europee UBI Banca, 11 novembre La Cina limita le acquisizioni straniere UBI Banca, 8 aprile The case for Backshoring William J. Holstein, Strategy+Business, 25 gennaio 2010

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Imprese multinazionali e outsourcing

Imprese multinazionali e outsourcing Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 9 (a) L outsourcing di beni e servizi 1 Imprese multinazionali e outsourcing Gli investimenti diretti all estero rappresentano quegli investimenti in cui

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

IL DECENTRAMENTO PRODUTTIVO. Opportunità, Strategie, Modelli

IL DECENTRAMENTO PRODUTTIVO. Opportunità, Strategie, Modelli IL DECENTRAMENTO PRODUTTIVO Opportunità, Strategie, Modelli Gianfranco Dondarini 1.1 Chi sono Gianfranco Dondarini A.D. e Direttore Generale Curriculum Vitae Dal 1989 ad oggi: VIRO S.p.A. Zola Predosa

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Marco Saladini. Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Marco Saladini. Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Marco Saladini Ice - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Impatto sull'economia italiana del commercio estero e degli investimenti diretti esteri Roma,

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

Effetti sulla distribuzione del reddito

Effetti sulla distribuzione del reddito Sanna-Randaccio Lezione 17 Frammentazione della produzione a livello internazionale e commercio di beni intermedi Cosa è la frammentazione della produzione (offshore outsourcing) Cosa indicano i dati Perché

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

C'erano una volta i paesi emergenti

C'erano una volta i paesi emergenti C'erano una volta i paesi emergenti È riduttivo chiamare Brasile, Russia e India e Cina dei paesi emergenti». «Ci sono economie che oggi figurano ancora tra i mercati emergenti ma che contribuiscono in

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono Economia e Servizi Delocalizzazione e occupazione: il caso delle medie imprese nel Nord-Est Claudio Gagliardi Direttore Centro Studi Unioncamere Nazionale Un interessante studio di Unioncamere testimonia

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Docente: Prof. Massimo Merlino Intellectual Property Rights (IPR) Imprenditore Business idea L imprenditore che

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma

Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa. Francesco Daveri Università di Parma Modelli di innovazione a confronto Italia vs. Europa Francesco Daveri Università di Parma Perché il modello di innovazione italiano è ad un bivio Lezioni da due modelli di innovazione stranieri Schema

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-4 La distribuzione del salario -Applicazioni di politica economica: perché è aumentata la disuguaglianza salariale? 1 Perché sono aumentate le disuguaglianze? L aumento

Dettagli

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete

Un analisi storica e comparativa dell apertura internazionale delle imprese venete Il modello di internazionalizzazione del Veneto Gli argomenti trattati Il commercio estero le esportazioni e le importazioni Gli investimenti diretti esteri le partecipazioni delle imprese venete all estero

Dettagli

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Venezia, 30 settembre 2015 La Tavola Rotonda si pone l obiettivo di analizzare i nuovi orientamenti che il sistema produttivo italiano può

Dettagli

Il quadro odierno: l anno doloroso

Il quadro odierno: l anno doloroso Il quadro odierno: l anno doloroso 2 E ritiene che negli ultimi 12 mesi la situazione economica della sua azienda sia: 2 18 48 25 7 migliorata di molto migliorata rimasta la stessa peggiorata peggiorata

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

Riccardo Monti. Presidente ICE

Riccardo Monti. Presidente ICE Riccardo Monti Presidente ICE Le reti lean per la promozione del Made in Italy L export italiano: importante traino per l economia del Paese I rapporti con l estero costituiscono una componente primaria

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Un settore d eccellenza

Un settore d eccellenza Abitare Un settore d eccellenza Il Sistema Abitare Italia rappresenta una sintesi felice di diversi settori merceologici caratterizzati da un elevato contenuto qualitativo sia di prodotto che di processo.

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it)

ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA E DINAMCA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Fino anni '70 modello basato su standardizzazione

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Titolo della presentazione

Titolo della presentazione Titolo della presentazione Antonio Valente L INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA. LA SCELTA DEL MERCATO ESTERO ADATTO AL PROPRIO CORE BUSINESS LE STRATEGIE DI SVILUPPO SUL TERRITORIO INDICE Abstract Analisi

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

Roadmap per la ricerca e l innovazione

Roadmap per la ricerca e l innovazione Roadmap per la ricerca e l innovazione EXECUTIVE SUMMARY Questo documento ha l obiettivo di descrivere visioni e strategie per il futuro del manufacturing italiano. Il documento è il risultato dell'attività

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014

Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014 Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014 R.S.V.P. entro il 23 setembre 2014 Segreteria Organizzativa Telefono: +39 06 64 760 943 Email: office@cciro.it Forum Economico Italia-Romania Bucarest, 26-27

Dettagli

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012

INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 INTERVENTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PROGRAMMA ATTIVITÀ 2012 Area Commercio e Promozione Estero Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Treviso www.tv.camcom.it promozione@tv.camcom.it

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

ANALISI DEI PARTECIPANTI AL PROGETTO "COMINCIO... DA TRE!" A cura di Giuseppe Landro Responsabile ACQ

ANALISI DEI PARTECIPANTI AL PROGETTO COMINCIO... DA TRE! A cura di Giuseppe Landro Responsabile ACQ ANALISI DEI PARTECIPANTI AL PROGETTO "COMINCIO... DA TRE!" A cura di Giuseppe Landro Responsabile ACQ Pagina 1 PREMESSA Manageritalia, Confcommercio e le altre organizzazione datoriali (Confetra, Assologistica

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo CAPITOLO XXI Crescita e sviluppo L obiettivo è di integrare alcuni aspetti della nuova teoria della crescita con quelli del paradigma dello sviluppo umano Considereremo le relazioni tra il capitale umano,

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero

SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero SIMEST, per affiancare le imprese in tutte le fasi di sviluppo all estero Gloria Targetti Dipartimento Promozione e Marketing Varese, 8 maggio 2009 Chi è SIMEST E la finanziaria del Ministero dello Sviluppo

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli