TUNISIA. Quadro Economico & Opportunità Imprenditoriali in. (il primo paese in libero scambio con l UE) Genova, 06 Dicembre 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TUNISIA. Quadro Economico & Opportunità Imprenditoriali in. (il primo paese in libero scambio con l UE) Genova, 06 Dicembre 2010"

Transcript

1 Quadro Economico & Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA (il primo paese in libero scambio con l UE) Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale FIPA Tunisia Genova, 06 Dicembre 2010

2 L Agenzia per la Promozione dell Investimento Estero FIPA Tunisia Organismo pubblico, creato nel 1995 Tutela: Ministero dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale. Organizzazione: Sede: Tunisi 6 uffici all estero: Parigi, Bruxelles, Londra, Colonia, Milano, Madrid

3 La Tunisia in breve Popolazione : 10.3 milioni Popolazione al di sotto dei 25 anni : 45% Popolazione attiva : 3.6 milioni Popolazione scolarizzata : 2.7 milioni

4 Una competitività riconosciuta (1/2) Un economia dinamica :tasso di crescita medio del 5% tra il 1998 e il 2008 ( 3.1% nel 2009 e 4% previsto per il 2010). Classificazione del WEF di Davos ( Rapporto e ): Competitività economica: - da 40 su 133 Paesi a 32 su 139 Paesi (Rapporto ) - 1 in Africa e nel Maghreb Efficienza del sistema d insegnamento e della formazione: - da 29 su 133 Paesi a 20 su 139 Paesi ( Rapporto )

5 Una competitività riconosciuta (2/2) Legislazione a sostegno degli Investimenti Diretti Esteri ( IDE): - 6 su 139 Paesi ( Rapporto WEF ) Ricettività degli IDE nel campo della tecnologia: - 13 su 139 Paesi Doing business 2011 (BANCA MONDIALE) LA TUNISIA CLASSIFICATA 55 /183 PAESI, PRIMA NEL MAGHREB Economia a basso rischio: R&I ( Giappone) A- Standard & Poor s ( USA ) BBB

6 Un quadro legislativo attrattivo Imprese Esportatrici Sviluppo Regionale Lavoro & Formazione - 10 anni di esenzione dalle imposte sui benefici - Pagamento del 10% d imposta dopo i 10 anni - Importazione delle attrezzature e delle materie prime in esenzione dai diritti e tasse -Premi d investimento secondo l area dell insediamento - Terreni industriali a prezzi sovvenzionati -Presa in carico di una parte o della totalità delle spese sociali durante 5 anni -Presa in carico di una parte delle spese di formazione complementare -Presa in carico di una parte dei salari durante il primo anno che segue l assunzione Incoraggiare l esportazione e Sostenere la competitività delle imprese Potenziare lo Sviluppo delle Regioni Interne

7 Un infrastruttura dedicata Zone industriali: Circa 3000 ha di zone industriali sono previste tra il 2008 e il 2016 Aumento dell offerta di capannoni industriali destinati all affitto Tecnopoli e poli di competitività Settori: industrie meccaniche, elettriche ed elettroniche, agro-alimentare, tessile/abbigliamento, biotecnologie, ambiente ed energie rinnovabili, farmacie e sanità, TIC e multimedia 4 poli di competitività nei settori prioritari

8 Tessuto industriale tunisino : una clusterizzazione in continuo progresso PC PC IME Gafsa PC Agro Bizerte PC Agro Bizerte Asse Mediano Zaghouan PC TIC PC PC Biotecnologia Ghazela Sidi Sidi Thabet Thabet PC TIC PC Energia, PC Energia, aqua acqua Ghazela Borj Borj Cédria Cédria PC IME Sousse Monastir Monastir r Mahia Mahdia PC ITH PC IME MonastirSousse PC ITH PC TIC Monastir Sfax PC TIC Sfax oltre 80 % dei posti di lavoro sul litorale di cui 67 % concentrati su 6 Governatorati tessuti emergenti nell asse Mediano 8 poli di competitività Poli Poli di di Competitività Competitività esistenti esistenti (PC) (PC) Autostrade Autostrade Autostrade Autostrade programmate progetti d infrastrutture e logistiche importanti

9 Una consegna rapida verso Collegamenti regolari verso i principali porti del Sud Europa Marsiglia Genova Livorno Salerno Barcellona l Europa Collegamenti regolari verso l Italia a settimana 5 verso Genova 3 verso Salerno 2 verso Livorno 1 verso La Spezia, Palermo, Cagliari, Civitav. Trapani, Pozzallo, Gioia Tauro

10 I Costi Competitivi Salari nell Industria Manifatturiera, contributi inclusi ( a titolo indicativo) Costo salariale mensile in Euro Operatore 200 Operaio qualificato 350 Tecnico superiore 500 Ingegnere 1000 Gli aumenti salariali vengono negoziati ogni 3 anni Gli aumenti sono decisi di comune accordo tra le parti sociali

11 La presenza estera in Tunisia 3070 Imprese totalmente esportatrici 3070 Imprese nell Industria Settori chiave Settori Paesi Clienti -Industria:tessile/abbigliamento, industria meccanica, elettrica & elettronica, plastica, cuoio & calzature, agro -alimentare -Servizi: servizi informatici, call centers, centri di R&D, servizi d offshoring -Auto, aeronautico, elettronico, elettrodomestico, ferroviario, delle telecomunicazioni. -Francia, Italia, Germania, Belgio, Paesi Bassi, Spagna, -Regno Unito, Svizzera

12 Settori chiave La presenza italiana in Tunisia L Italia : 2 investitore dopo la Francia 704 Imprese Presenza di grandi gruppi ma anche di un numero rilevante di PME

13 Esportazioni Strategia industriale 2016: Gli obiettivi ambiziosi 16 Investimenti 1,5 X 2 8 0,5 X Dati in Miliardi di Euro

14 Parte delle esportazioni Strategia industriale 2016: crescita, aumento della gamma e diversificazione 100% 75% 2007 Obiettivi % 45% 25% 5% Tradizionali Emergenti Pepite Tessili Agro Derivati dei Fosfati Elettrico Materiali da costruzione Elettronico Plastiche tecniche Auto & Aeronautica TIC / BPO Scienze della natura Meccatronica Biotecnologia Ambiente.. 18

15 I settori di maggior interesse per le imprese italiane 4 settori prioritari Meccanica & Elettrica Tessile & abbigliamento Agroalimentare Orizzonte 2016 TIC & Outsourcing di servizi

16 Industrie meccaniche, elettriche ed elettroniche Tendenza generale Parte sempre più importante nelle esportazioni ( circa il 20%) Tunisia leader nel sud del Mediterraneo per le componenti auto L emergere dell industria aeronautica L emergere dell attività R&D Prospettive di sviluppo Settore chiave nella strategia industriale della Tunisia all orizzonte 2016 Politica di rafforzamento dell integrazione nel settore: Industria: connettori per i fasci di cavi, il trattamento superficiale, lavorazione della lamiera fine, verniciatura, forniture di componenti. Servizi: centri d ingegneria, R&D, manutenzione Rafforzamento della formazione orientata verso le esigenze del settore ( 2 nuove scuole d ingegnieri, un centro di formazione per i tecnici dell areonautica, introduzione di queste nuove specializzazioni durante il percorso universitario) Due casi analizzati: componenti auto e componenti aeronautici

17 Componenti auto: posizione di leader a sud del Mediterraneo Accessori Opportunità: airbags, fodere, sedili, alto parlanti, guaina chiusura degli sportelli, Imprese insediate: AUTOLIV, ZODIAC FAURECIA, VALEO, BOSCH Elettronica Opportunità: circuiti stampati, carte elettroniche, display, convertitori Imprese insediate: CIBES, FUBA, ACTIELEC, JOHNSON CONTROLS, CASCO Componenti elettrici Altre opportunità Opportunità: ammortizzatori,molle, Pastiglie per freni, filtri, pezzi di plastica Imprese insediate: COTREL, NIEF PLASTIQUE, MGI COUTIER Opportunità: fili, cavi, fasci di cavi, connettori, bobine, trasformatori Imprese insediate: LEONI DRAXLMAIER, CABLELETTRA, LEAR CORPORATION, YURA CORPORATION, SUMITOMO, KROMBERG & SCHUBERT, COROPLAST

18 Componenti aeronautici: un settore con forte potenzialità Ingénierie et maintenance Ingegneria e Manutenzione ALTRAN, ALTRAN, SAFRAN, SAFRAN, SABENA, TECHNICS Câblage Cablaggi LATECOERE ZODIAC, Électronique Elettronica COFIDUR, ANJOU ELECTRONIQUE Pièces plastiques Componenti et en in composites plastica e compositi ZODIAC, CORSE COMPOSITI COMPOSITES ZODIAC, CORSE Mécanique Meccanica et e tôlerie fine lamiera fine AEROLIA, AEROLIA, MECAHERS, MECAHERS, HUTCHINSON Lavorazione della HUTCHINSON 22

19 Tessile & Abbigliamento: Le opportunità Tendenza generale - Crescita sostenuta della produzione annuale del 4% dal Grandi progetti realizzati o in corso di realizzazione: Benetton, Niegler, DAINESE, MARZOTTO - Formazione orientata verso le esigenze del settore: un Istituto della Moda, un Istituto degli Studi Tecnologici, 30 centri di formazione, ingegneri specializzati presso la Scuola Nazionale d Ingegneri di Monastir. - Messa in atto di 2 zone dedicate: Rifinitura e Nobilitazione (El Fejja): 50 ha R&D, tessuti tecnici e innovativi (Monastir): 50 ha Opportunità - Lingerie, jeans, indumenti da lavoro - Piattaforme di servizi: design, stilismo, subappalto - Rifinitura, nobilitazione e tessuti tecnici

20 Tessile & Abbigliamento: Tecnopoli dedicati al settore 100 ha dedicati ai tecnopoli di cui 50 dedicati alle attività di finissaggio 30 partner locali e 15 partner stranieri 5 centri di formazione professionale & 14 strutture universitarie e professionali Stazioni di depurazione aventi una capacità di m3/giorno Polo di competitività Monastir - El Fejja Creare una dinamica di partenariato in seno alla rete dei partner «In Tex» Favorire l iniziativa ed il coaching dei promotori di progetti innovativi

21 Cuoio & Calzature Tendenza generale 50% delle imprese del settore sono totalmente esportatrici. Un impresa su 3 è a capitale 100% estero o misto. Molti grandi marchi sono presenti direttamente o indirettamente in Tunisia:ADIDAS, ALTEK, ANDRE, BUGGY, BAILLY, MINELLI, PRADA, PICCARD, MINERVA, MASSIMORELLA, EURONOVA, CELINI, Italia: 1 investitore in Tunisia con 67 imprese. Prospettive di sviluppo Rafforzamento delle attività attuali e incoraggiamento di nuove attività: - Calzature: scarpe di sicurezza, da città per donna e di confort e tempo libero per seniors - Pelletteria: le borsette di lusso in cuoio, gli articoli da viaggio, la piccola pelletteria di media e alta gamma.

22 Agricoltura & Agro-alimentare Tendenza Generale Italia: 1 investitore estero e 1 partner commerciale della Tunisia nel settore agricolo e agro - alimentare. L emergere dell attività R&D, soprattutto nel campo della biotecnologia agricola. Prospettive di sviluppo L emergere dell agricoltura biologica (obiettivo: ha / ha attualmente). Rafforzamento della formazione orientata verso le esigenze dei settori dell agricoltura e dell agroalimentare. Partenariati ricercati nel quadro di contratti di coltivazione

23 Le Tecnologie dell informazione e della comunicazione Carte vincenti del settore Infrastruttura della telecomunicazione: fibre ottiche (linee ADSL e MPLS fino 100 MB Spazio d accoglienza: Tecnoparchi + offerta privata nelle zone amministrative m² di uffici in corso di sistemazione Eccellente collaborazione tra le imprese e le università Opportunità: BPO, sviluppo del software, attività d offshoring nella finanza, le assicurazioni, la contabilità, etc.

24 Offshore per un migliaio di posti di lavoro a costi competitivi rispettando livelli di qualità/produttività Offshore piccole R&S o TI al costo più basso dell area Euro med in varie lingue (Inglese, Tedesco, Francese, Italiano,ecc) Offshore con i requisiti di ottimo accento in francese o in italiano e/o la capacità di interagire con i dirigenti ed operatori locali in francese/italiano Accesso ad un gruppo di talenti con qualifiche di livello europeo (ingegneri/scienziati/tecnici) Contare su importanti aziende locali pronte a stabilire vari tipi di partenariato: outsourcing, build operate transfer, joint venture, ecc. Sfruttare legami culturali e geografici Informazioni chiave in cerca di destinazione offshoring LaTunisia è una delle destinazioni più competitive per le aziende in cerca di : Lavorare in un quadro socio economico estremamente stabile Diversificare la propria presenza geografica offshoring e disporre di backup per le loro principali piatteforme operative

25 Opportunità d investimento legate a grandi progetti immobiliari e d infrastruttura

26 I grandi progetti in Tunisia Costruzione di un porto in acque profonde (17m di pescaggio) e di una zona di attività logistiche a Enfidha Costo del progetto : 1,4 Miliardi di euro Creazione di un centro finanziario off-shore a Tunisi entro il 2010, tramite la «Gulf Finance House» (banca d investimento del Bahreïn) Un investimento dell ordine di 2 Miliardi di euro. Una superficie di 450 ettari nella periferia nord di Tunisi Spazi riservati a banche d investimento e a compagnie d assicurazione, complessi alberghieri e residenziali, locali commerciali e una scuola internazionale d affari. 33

27 I grandi progetti in Tunisia Realizzazione e gestione in BOT di un terminal per navi da crociera al porto di La Goulette Sebkhat Ariana Costo stimato del progetto : 3 Miliardi di euro Lottizzazione di ettari Progetto Taparura (Sfax) : una superficie di 170 ettari Bonifica della costa settentrionale della città Sviluppo immobiliare e turistico : Centro urbano Taparura Sistemazione di un parco urbano di 72 ettari altezza 15 m Sistemazione di una passeggiata di 3 km di lunghezza Sistemazione di spazi per un museo oceanografico, Un acquario, un aqualand e un club nautico 34

28 35 Progetto Taparura

29 I grandi progetti in Tunisia Lottizzazione del Lago a nord di Tunisi Il Gruppo Emirati BUKHATIR progetta di realizzare «Tunis Sport City» Un investimento di 3,3 Miliardi di euro Superficie totale : 255 ettari 9 accademie sportive Un complesso residenziale con una superficie totale di 125 ettari 36

30 37 Progetto del Lago Nord

31 38 Progetto del Lago Nord

32 39 Progetto del Lago Sud

33 Il Forum di Cartagine 13 Edizione TUNISI, 15 e 16 Giugno 2011 In concomitanza con il 1 Salone Internazionale dell Industria e della Sub-fornitura Tunis Med-Industrie dal 15 al 17 Giugno 2011 presso il Parco delle Esposizioni del Kram- Tunis 40

34 Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale FIPA Tunisia 41 Via M. Gonzaga Milano, Italia Tel : Fax :

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI TAVOL TUNISIA DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO IN TUNISIA L Unione Europea è il primo partner economico e commerciale

Dettagli

Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA (il primo paese in libero scambio con UE)

Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA (il primo paese in libero scambio con UE) Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA (il primo paese in libero scambio con UE) Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale 1 FIPA Tunisia Via M. Gonzaga 5 20123 Milano Tel: 02 809297 Fax:

Dettagli

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012 NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012 L ITALIA 2 partner economico della Tunisia 2 Cliente 2 Investitore 25 % il numero delle

Dettagli

L INDUSTRIA AERONAUTICA. in Tunisia... invest in Tunisia

L INDUSTRIA AERONAUTICA. in Tunisia... invest in Tunisia L INDUSTRIA AERONAUTICA in Tunisia... invest in Tunisia invest in Tunisia Un industria in espansione 9 000 posti di lavoro 65 imprese Il settore aeronautico in Tunisia conosce da un decennio una reale

Dettagli

TUNISIA IL PRIMO PAESE IN LIBERO SCAMBIO CON L UNIONE EUROPEA

TUNISIA IL PRIMO PAESE IN LIBERO SCAMBIO CON L UNIONE EUROPEA Milano, 12 12 Dicembre 2008 TUNISIA IL PRIMO PAESE IN LIBERO SCAMBIO CON L UNIONE EUROPEA Ing. Ing. Hechmi Chatmen Delegato Generale 1 FIPA Tunisia FIPA FIPA Tunisia Tunisia Milano Milano via via Gonzaga

Dettagli

ThinkTunisia TIC & OUTSOURCING DI SERVIZI. >looking for growth? For a win - win partnership. www.thinktunisia.tn

ThinkTunisia TIC & OUTSOURCING DI SERVIZI. >looking for growth? For a win - win partnership. www.thinktunisia.tn >looking for growth? TIC & OUTSOURCING DI SERVIZI For a win - win partnership www.thinktunisia.tn Sguardi sul settore TIC & Outsourcing di servizi Settore in forte crescita Le tecnologie dell informazione

Dettagli

L Area MEDA IL Caso TUNISIA

L Area MEDA IL Caso TUNISIA L Area MEDA IL Caso TUNISIA Ing.Enrico Ottolini Esperto settoriale Progetto 5 Technopoli tunisine Università Insubria 18 dicembre 2006 I dati di base Superficie 162 155 Km2 ( ca. metà dell Italia) Popolazione

Dettagli

DESK NORD AFRICA. Settore TIC: Tecnologia dell informazione e della comunicazione. BPO: Business Process Outsourcing:

DESK NORD AFRICA. Settore TIC: Tecnologia dell informazione e della comunicazione. BPO: Business Process Outsourcing: Settore TIC: Tecnologia dell informazione e della comunicazione BPO: Business Process Outsourcing: o Centri di contatto e call center o Ricerca marketing o Televendita o Supporto Tecnico o Assistenza o

Dettagli

14-15 giugno 2012. Le Sfide da affrontare & le nuove Opportunità da cogliere. Hotel Ramada Plaza. Tunisi - Tunisia. Gammarth

14-15 giugno 2012. Le Sfide da affrontare & le nuove Opportunità da cogliere. Hotel Ramada Plaza. Tunisi - Tunisia. Gammarth 14-15 giugno 2012 Hotel Ramada Plaza Gammarth Tunisi - Tunisia La Nuova TUNISIA Le Sfide da affrontare & le nuove Opportunità da cogliere fipa.tunisia@fipa.tn www.investintunisia.tn www.tunisiainvestmentforum.tn

Dettagli

Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA

Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali in Ing. Hechmi CHATMEN, Delegato Generale in Italia FIPA Tunisia Milano AVELLINO, 27 febbraio 2007 Foreign Investment Promotion Agency Creata nel 1995 sotto

Dettagli

Internazionalizzare in. Marocco. Casablanca 26-28 Novembre

Internazionalizzare in. Marocco. Casablanca 26-28 Novembre Internazionalizzare in Marocco Casablanca 26-28 Novembre 2014 1 Il Marocco e le nuove Opportunità Strategiche «( da un punto di vista strategico, i piani di sviluppo e i progetti già realizzati hanno permesso

Dettagli

e delle calzature in Tunisia

e delle calzature in Tunisia L industria del cuoio e delle calzature in Tunisia Invest in Tunisia Un settore guida Ereditaria di una lunga tradizione di lavorazione del cuoio, la Tunisia oggi, si presenta come un sito di produzione,

Dettagli

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO Ufficio di Casablanca - Sezione per la Promozione degli Scambi dell Ambasciata d Italia in Marocco LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO (novembre 2014) In base ai dati diramati dal Governo marocchino, il settore

Dettagli

Contesto generale. Economia

Contesto generale. Economia BOZZA v.20120401 Contesto generale Unione del Grande Maghreb, cioè Libia, Tunisia, Algeria, Marocco e Mauritania. Le lingue ufficiali dell'unione sono il francese e l'arabo La comunanza di lingua (francese)

Dettagli

Costituzione di società a partecipazione straniera

Costituzione di società a partecipazione straniera INVESTIMENTI IN TUNISIA Normativa riguardante gli investimenti esteri Il Codice degli Investimenti del 21 dicembre 1993 (legge n 93-120), rappresenta uno degli strumenti base su cui la Tunisia punta per

Dettagli

TANGER MED UNA PIATTAFORMA LOGISTICA ED INDUSTRIALE DI LIVELLO INTERCONTINENTALE

TANGER MED UNA PIATTAFORMA LOGISTICA ED INDUSTRIALE DI LIVELLO INTERCONTINENTALE TANGER MED UNA PIATTAFORMA LOGISTICA ED INDUSTRIALE DI LIVELLO INTERCONTINENTALE Agenzia Italiana per il Commercio Estero Sezione per la Promozione degli Scambi dell Ambasciata d Italia in Marocco 21,

Dettagli

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia

Ottobre 2009. 10 buoni motivi per investire in Francia Ottobre 2009 10 buoni motivi per investire in Francia Keys to understanding the new France 2 1 Un economia di carattere mondiale 23.000 sedi di imprese estere presenti, con 2,8 milioni di dipendenti, di

Dettagli

NUOVA TUNISIA NUOVE OppOrTUNITà

NUOVA TUNISIA NUOVE OppOrTUNITà NUOVA TUNISIA NUOVE Opportunità NUOVA TunisiA NUOVE opportunità La TUNISIA in cifre 2012 Popolazione Speranza di vita Capitale Lingua ufficiale Lingue parlate correntemente Moneta Tasso di cambio (media

Dettagli

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia 2013 2014 Articolazione innovativa in progetti tematici modulati in chiave geografica, con focus sulla Potenziamento ed estensione del supporto a Rafforzamento della I CONTENUTI IN SINTESI: I PUNTI CHIAVE

Dettagli

Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia

Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia Documento di lavoro per il Tavolo-Tunisia 1. Il Tavolo-Tunisia della cooperazione decentrata, coordinato dal MAE-DGCS/Ufficio della cooperazione decentrata, si è costituito presso il MAE il 7 aprile 2009

Dettagli

architettoniche, del design e storico artistiche

architettoniche, del design e storico artistiche Codice Denominazione A 01 Arte e immagine nella scuola secondaria di primo grado Scuola secondaria di I grado Arte e immagine Allegato A A 02 Danza classica Liceo Musicale e coreutico sezione coreutica

Dettagli

Pesaro, 01 Luglio 2014

Pesaro, 01 Luglio 2014 Programma Congiunto UNIDO SMEDA Italia per l istituzione di una Investment Promotion Unit (IPU) in Lahore, con focus sugli investimenti italiani in Pakistan Pesaro, 01 Luglio 2014 1 Obiettivo: Supportare

Dettagli

La Francia in Europa. elementi di confronto sulla base di recenti studi istituzionali 06_2009 1/10

La Francia in Europa. elementi di confronto sulla base di recenti studi istituzionali 06_2009 1/10 1/10 Le determinanti dell economia sono regolarmente oggetto di raffronti internazionali da parte di istituzioni indipendenti e di società di consulenza. Questi studi forniscono un interessante prospettiva

Dettagli

SCHEDE PRINCIPALI GRANDI PROGETTI PREVISTI SETTORE DELL EDILIZIA

SCHEDE PRINCIPALI GRANDI PROGETTI PREVISTI SETTORE DELL EDILIZIA SCHEDE PRINCIPALI GRANDI PROGETTI PREVISTI SETTORE DELL EDILIZIA 1 - Marina El Qoussour (I Palazzi) Settore: Immobiliare/residenziale Valore dell investimento: costo stimato di 2,5 miliardi di DT (circa

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

tecnologie in Tunisia Invest in Tunisia

tecnologie in Tunisia Invest in Tunisia tecnologie dell' informazione et della communicazione in Tunisia Le Invest in Tunisia La Tunisia dispone di un numero elevato di giovani diplomati le cui competenze e qualifiche nelle diverse filiere corrispondono

Dettagli

Venezia, 22 Gennaio 2015

Venezia, 22 Gennaio 2015 Programma Congiunto UNIDO-SMEDA-Italia per l istituzione di una Investment Promotion Unit (IPU) in Lahore, con focus sugli investimenti italiani in Pakistan Venezia, 22 Gennaio 2015 1 Obiettivo: Supportare

Dettagli

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese ATTIVITÀ AMMISSIBILI - Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) - Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti

Dettagli

C.so Sempione, 264-20028 San Vittore Olona (MI) Tel. Milano, 0331.51.20.20 Marzo Fax 2005 0331.42.47.77 e-mail: duediligence@erif.it www.erif.

C.so Sempione, 264-20028 San Vittore Olona (MI) Tel. Milano, 0331.51.20.20 Marzo Fax 2005 0331.42.47.77 e-mail: duediligence@erif.it www.erif. C.so Sempione, 264-20028 San Vittore Olona (MI) Tel. Milano, 0331.51.20.20 Marzo Fax 2005 0331.42.47.77 e-mail: duediligence@erif.it www.erif.it 1 EXPO 2015: Cos è e Quale Tema COS E : Esposizione mondiale

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA

I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA I PERCORSI di ISTRUZIONE e di FORMAZIONE PROFESSIONALE in REGIONE LOMBARDIA Il sistema educativo L assolvimento del diritto dovere di istruzione e formazione è possibile all interno di tre sistemi : Il

Dettagli

Professionalità e Competenza le nostre qualità, Flessibilità il punto di forza, l Eccellenza il nostro obiettivo.

Professionalità e Competenza le nostre qualità, Flessibilità il punto di forza, l Eccellenza il nostro obiettivo. Company profile Presentazione Aziendale Professionalità e Competenza le nostre qualità, Flessibilità il punto di forza, l Eccellenza il nostro obiettivo. gispee registered trademark 2012 www.gispee.com

Dettagli

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 Chi siamo La GECA Global Consulting è una società di consulenza internazionale, costituita a

Dettagli

Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014

Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014 Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014 R.S.V.P. entro il 23 setembre 2014 Segreteria Organizzativa Telefono: +39 06 64 760 943 Email: office@cciro.it Forum Economico Italia-Romania Bucarest, 26-27

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 1 Agenda > Focus Paese > Le zone economiche speciali > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 2 Perché investire in India? Crescita economica > 7,4% nell anno fiscale 09-10; 6,7% nel 08-09; previsioni

Dettagli

Tabella B NUOVE CLASSI DI CONCORSO: DENOMINAZIONE, TITOLI DI ACCESSO, INSEGNAMENTI RELATIVI

Tabella B NUOVE CLASSI DI CONCORSO: DENOMINAZIONE, TITOLI DI ACCESSO, INSEGNAMENTI RELATIVI Tabella B NUOVE CLASSI DI CONCORSO: DENOMINAZIONE, TITOLI DI ACCESSO, INSEGNAMENTI RELATIVI B 01 2/C Attività pratiche speciali Attività pratiche speciali Diploma di geometra; perito aeronautico, perito

Dettagli

IL SISTEMA SCOLASTICO ATTUALE

IL SISTEMA SCOLASTICO ATTUALE IL SISTEMA SCOLASTICO ATTUALE Questa sezione illustra la suddivisione del sistema scolastico attuale, in vigore per le classi prime a partire dall anno scolastico 2010/2011 (sistema scolastico riformato).

Dettagli

NUOVE CLASSI DI CONCORSO: DENOMINAZIONE, TITOLI DI ACCESSO, INSEGNAMENTI RELATIVI

NUOVE CLASSI DI CONCORSO: DENOMINAZIONE, TITOLI DI ACCESSO, INSEGNAMENTI RELATIVI Tabella B NUOVE CLASSI DI CONCORSO: DENOMINAZIONE, TITOLI DI ACCESSO, INSEGNAMENTI RELATIVI CFIScuola -- Formazione Scuola - Via Mons.Maverna, 4 - Ferrara www.cfiscuola.it - info@cfiscuola.it - 0532 783561

Dettagli

DENOMINAZIONE DEI DIPLOMI DI STATO DEL SECONDO CICLO

DENOMINAZIONE DEI DIPLOMI DI STATO DEL SECONDO CICLO I NUOVI DIPLOMI DENOMINAZIONE DEI DIPLOMI DI STATO DEL SECONDO CICLO LICEI DIPLOMA DI LICEO CLASSICO DIPLOMA DI LICEO SCIENTIFICO DIPLOMA DI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE DIPLOMA DI LICEO

Dettagli

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari L importanza dell economia paulista trascende le frontiere brasiliane. Lo Stato è una delle regioni più sviluppate di tutta l America

Dettagli

Corso di Economia e gestione delle imprese

Corso di Economia e gestione delle imprese Corso di Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Ciclo di direzione e Gestione Strategica Strategia globale Strategia competitiva Ciclo di direzione 2 1 Strategie di sviluppo e settori

Dettagli

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata

Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale. Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Analisi e riflessioni sul sistema imprenditoriale provinciale Annalisa Franceschetti Area Promozione Camera di Commercio di Macerata Andamento delle attività economiche Sedi di imprese e localizzazioni

Dettagli

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento

Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale. Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Ambasciata di Turchia Ufficio Commerciale Fare Affari con la Turchia : Prospettive Economiche, Clima Commerciale, Opportunità di investimento Roma, 29 aprile 2015 1 Sviluppi Economici Investimenti Diretti

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI Linee di credito agevolato a sostegno delle PMI della Serbia, dell Albania, della Tunisia e della Siria (Sintesi) stefano.formenti@esteri.it 1 COOPERAZIONE

Dettagli

LA FRANCIA È ATTRATTIVA

LA FRANCIA È ATTRATTIVA LA FRANCIA È ATTRATTIVA 10 L ESSENZIALE IN PUNTI 1 GLI INVESTITORI FRANCESI AMANO LA FRANCIA Nel 2014, 2 investitori stranieri su 3 ritengono che la Francia sia attrattiva, a differenza del rapporto di

Dettagli

Sostegno alle attività economiche

Sostegno alle attività economiche Sviluppo economico Comprende tutte le attività per favorire l economia cantonale Politica economica regionale: strumenti che agiscono in ambito precompetitivo e di messa in rete. Strumenti a diretto sostegno

Dettagli

COOPERAZIONE ITALO-TUNISINA LINEA DI CREDITO A FAVORE DELLE PMI TUNISINE

COOPERAZIONE ITALO-TUNISINA LINEA DI CREDITO A FAVORE DELLE PMI TUNISINE COOPERAZIONE ITALO-TUNISINA LINEA DI CREDITO A FAVORE DELLE PMI TUNISINE CHE COS È LA LINEA DI CREDITO? È uno strumento finanziario del Ministero degli Affari Esteri italiano che mette a disposizione delle

Dettagli

PERCHÉ INVESTIRE IN FRANCIA

PERCHÉ INVESTIRE IN FRANCIA PERCHÉ INVESTIRE IN FRANCIA UN PAESE SITUATO NEL CUORE DEL MERCATO EUROPEO CON UNA PORTA D ACCESSO ALL AREA EMEA 10 L ESSENZIALE IN PUNTI 1 UNA POTENZA ECONOMICA DI RANGO MONDIALE La Francia è la 2 a potenza

Dettagli

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Antonio Revedin Direttore Pianificazione Strategica e Sviluppo

Dettagli

ANALISI OPPORTUNITA IN TUNISIA SETTORE TESSILE E TURISMO

ANALISI OPPORTUNITA IN TUNISIA SETTORE TESSILE E TURISMO ANALISI OPPORTUNITA IN TUNISIA SETTORE TESSILE E TURISMO dott.ssa Giuseppa Costa - 1 - In un Mediterraneo sempre più integrato anche in vista della creazione di un mercato unico euromediterraneo prevista

Dettagli

PRESS KIT 2013 Istituzionale

PRESS KIT 2013 Istituzionale PRESS KIT 2013 Istituzionale 1.Sviluppo Turistico Contenuti Legislazione turistica Piano di sviluppo territoriale Investimenti Formazione professionale Partenariato tra settore pubblico e privato Promozione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto Ministeriale n. 319 del 29 maggio 2015 Costituzione delle aree disciplinari finalizzate alla correzione delle prove scritte negli esami

Dettagli

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Benevento Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto e

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il quadro di riferimento Por Creo 2007-2013, Linea di intervento 5.3 Obiettivo dell' Attività 5.3. Por Creo 2007-2013: attivare progetti integrati

Dettagli

Fiere francesi. Gennaio. Febbraio. MAISON & OBJET Fiera internazionale della casa Parigi - Nord Villepinte www.maison-objet.com

Fiere francesi. Gennaio. Febbraio. MAISON & OBJET Fiera internazionale della casa Parigi - Nord Villepinte www.maison-objet.com Gennaio Fiere francesi MAISON & OBJET Fiera internazionale della casa Parigi - Nord Villepinte www.maison-objet.com SIL Fiera internazionale dell intimo www.lingerie-paris.com WHO S NEXT - PRET A PORTER

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Fiera del Levante La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 L agenzia E tra le prime 10 del mercato secondo la classifica Assorel, la seconda

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

ALLEGATO A T A B E L L A A

ALLEGATO A T A B E L L A A T A B E L L A A ALLEGATO A A - 01 Arte e immagine nella scuola secondaria di I grado 28/A Educazione artistica SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Arte e immagine E titolo abilitante per l insegnamento della

Dettagli

Le infrastrutture della Basilicata

Le infrastrutture della Basilicata Le infrastrutture della Basilicata Le aree di insediamento produttivo della Basilicata sono collegate ai principali snodi logistici dell'area tramite infrastrutture viarie a scorrimento veloce, in particolare:

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese italiane e prospettive per i nuovi Cae. Presentazione di Clemente Tartaglione

Internazionalizzazione delle imprese italiane e prospettive per i nuovi Cae. Presentazione di Clemente Tartaglione Internazionalizzazione delle imprese italiane e prospettive per i nuovi Cae Presentazione di Clemente Tartaglione DISEGNO DELL INDAGINE Obiettivo: ridefinire gli spazi per la costituzione dei Comitati

Dettagli

SOUSSE (Tunisia) www.ecoleformat.com e.cocomello@ctici.org.tn Bld du Maghreb Arabe Khezama Est 4051 Sousse T +216 73276243 F +216 73 277395

SOUSSE (Tunisia) www.ecoleformat.com e.cocomello@ctici.org.tn Bld du Maghreb Arabe Khezama Est 4051 Sousse T +216 73276243 F +216 73 277395 SOUSSE (Tunisia) www.ecoleformat.com e.cocomello@ctici.org.tn Bld du Maghreb Arabe Khezama Est 4051 Sousse T +216 73276243 F +216 73 277395 ITALIAN CONSULTING AGENCY Questa società è nata con l intento

Dettagli

LA NUOVA ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE

LA NUOVA ISTRUZIONE TECNICA E PROFESSIONALE Direzione Generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni M.I.U.R. Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo studente, l integrazione,

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 I.C.S. Iniziativa Car Sharing La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 IL CAR SHARING Il CAR SHARING è un servizio di mobilità che consente di acquistare

Dettagli

ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO

ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO allegati B e C ISTITUTI TECNICI INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEI SETTORI ECONOMICO E TECNOLOGICO B. SETTORE ECONOMICO Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ASSI CULTURALI Tabella 1 PERCORSI DI ISTRUZIONE DI PRIMO LIVELLO Primo periodo ASSE DEI LINGUAGGI 198 ASSE STORICO-SOCIALE ASSE MATEMATICO ASSE SCIENTIFICO-TECNOLOGICO 66 Totale 400** di cui Accoglienza

Dettagli

ARGENTINA OGGI: UN OPPORTUNITA PER IL COMMERCIO E GLI INVESTIMENTI

ARGENTINA OGGI: UN OPPORTUNITA PER IL COMMERCIO E GLI INVESTIMENTI ARGENTINA OGGI: UN OPPORTUNITA PER IL COMMERCIO E GLI INVESTIMENTI CAMERA DI COMMERCIO DI MONZA E BRIANZA 5 OTTOBRE 2009 Consolato Generale e Centro di Promozione della Repubblica Argentina in Milano Argentina

Dettagli

La sostenibilità economica dei grandi eventi e i rischi di speculazione immobiliare Roberto Camagni Politecnico di Milano

La sostenibilità economica dei grandi eventi e i rischi di speculazione immobiliare Roberto Camagni Politecnico di Milano Grandi eventi e legacy: Rischi e opportunità per la competizione urbana nel mercato mondiale prima e dopo la crisi globale Politecnico di Milano, 18-20 novembre 2010 La sostenibilità economica dei grandi

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

L industria del tessile e dell abbigliamento in Tunisia

L industria del tessile e dell abbigliamento in Tunisia L industria del tessile e dell abbigliamento in Tunisia Invest in Tunisia Un settore guida Il settore del tessile e dell abbigliamento che unisce esperienza, know how tecnico e competenze, è uno dei gioielli

Dettagli

Quadro giuridico per investire

Quadro giuridico per investire LIBIA Investimenti Quadro giuridico per investire La legge sugli investimenti, l. n. 9 del 2010 si caratterizza per gli aspetti di spiccata innovazione e attenzione rispetto all attrattività dei capitali

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

Borghi srl Sede Legale Via Piave, 10-71100 Foggia Sede Operativa Viale Tiziano, 80-00196 Roma

Borghi srl Sede Legale Via Piave, 10-71100 Foggia Sede Operativa Viale Tiziano, 80-00196 Roma PERCHÉ IL RATING? Il modello di Rating per i Borghi italiani è uno strumento di analisi e di valutazione delle potenzialità e delle criticità attinenti iniziative di sviluppo turistico ed immobiliare che

Dettagli

agroalimentare in Tunisia

agroalimentare in Tunisia L'industria agroalimentare in Tunisia Invest in Tunisia Dinamismo del settore La Tunisia beneficia di una natura generosa e molto varia. Da sempre, le ricchezze naturali della Tunisia e la clemenza del

Dettagli

Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare

Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare Aiuti alle piccole imprese innovative di nuova costituzione FINALITÀ Stimolare la nascita di nuove micro e piccole imprese che intendano valorizzare a livello produttivo i risultati della ricerca in settori

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE ECONOMICO

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE ECONOMICO ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE ECONOMICO Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario 2.1 Il terziario a Roma: dimensioni e tendenze evolutive 2.2 Caratteristiche della realtà romana 2.3 Le attività del terziario nel comune di Roma:

Dettagli

Insegnamenti assegnati nel nuovo ordinamento

Insegnamenti assegnati nel nuovo ordinamento A 01 Arte e immagine nella scuola secondaria di primo grado Codice di A 101 28/A Scuola secondaria di I grado Arte e immagine A 02* Danza classica Liceo Musicale e coreutico sezione coreutica Tecniche

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO. (L. 49/87, Artt. 6 e 7)

STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO. (L. 49/87, Artt. 6 e 7) STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO (L. 49/87, Artt. 6 e 7) 2 STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA La Legge-quadro sulla cooperazione allo sviluppo n. 49/87 prevede

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca TABELLA A MATERIE CARATTERIZZANTI I SINGOLI CORSI DI STUDIO DEI PERCORSI LICEALI OGGETTO DELLA SECONDA PROVA SCRITTA LICEO CLASSICO 1. Latino

Dettagli

IL VALORE DELLE 2 RUOTE

IL VALORE DELLE 2 RUOTE Lo scenario dell industria, del mercato e della mobilità EXECUTIVE SUMMARY Aprile 2014 Partner Il futuro oggi Scenario dell industria, del mercato e della mobilità EXECUTIVE SUMMARY 1. Lo scenario internazionale

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

- INCENTIVI FISCALI A FAVORE DELLE ESPORTAZIONI E DELLO SVILUPPO REGIONALE;

- INCENTIVI FISCALI A FAVORE DELLE ESPORTAZIONI E DELLO SVILUPPO REGIONALE; - INCENTIVI FISCALI A FAVORE DELLE ESPORTAZIONI E DELLO SVILUPPO REGIONALE; - PREMI D INVESTIMENTO PER I PROGETTI INDUSTRIALLI NELLE ZONE DI SVILUPPO REGIONALE E PER I PROGETTI TURISTICI E AGRICOLI; -

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

ELENCO INVESTITORI. MOTIVI INVESTIMENTO ATTIVITA Pubblicità stradale e arredo urbano

ELENCO INVESTITORI. MOTIVI INVESTIMENTO ATTIVITA Pubblicità stradale e arredo urbano ELENCO INVESTITORI SETTORE SETTORE DI MOTIVI INVESTIMENTO ATTIVITA INTERESSE Pubblicità stradale e arredo urbano Pubblicità stradale e arredo urbano Acquisizione di aziende operanti nel settore per ampliamento

Dettagli

I Fondi Europei per le imprese italiane in Polonia

I Fondi Europei per le imprese italiane in Polonia I Fondi Europei per le imprese italiane in Polonia Michał Polański Direttore del Dipartimento di Promozione Economica Agenzia Polacca per lo Sviluppo dell Imprenditorialità Milano, 14 settembre 2015 2

Dettagli

I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese. Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it

I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese. Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it I modelli di crescita all estero delle PMI: il caso del distretto empolese Andrea Manuelli - manuelli@local-global.it 1 RIFLESSIONI GENERALI 2 Internazionalizzazione e dimensione di impresa Tradizionalmente,

Dettagli

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia POTENZIALE INFRASTRUTTURALE DI PORTO MARGHERA 12 km di banchine attive; 163 accosti operativi; 135 km di

Dettagli

Benvenuti in Marocco

Benvenuti in Marocco : una nuova opportunità. IL FUTURO DELLE IMPRESE italiane non può prescindere dalla ricerca di sbocchi sui mercati emergenti; tra questi il MAROCCO ha caratteristiche uniche. È un grande paese (32 milioni

Dettagli