Indirizzo studio TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indirizzo studio TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE"

Transcript

1 ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE R. DEL ROSSO - G. DA VERRAZZANO (GRIS00900) Via Panoramica, Porto S. Stefano (GR) Telefono Fax C.F Sito web: Posta elettronica certificata: Sede: Orbetello Esami di stato conclusivi del corso di studi Scuola I.P.S.S.C.T. "R.Del Rosso" Via G. Carducci, 5 - Orbetello (GR Indirizzo studio TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE Classe V sez. A corso serale Documento del consiglio di classe Anno scolastico Orbetello, 15 maggio'12 Coordinatore di Classe Prof. Versaci Gianluca

2 INDICE CAP. 1 SCHEDE INFORMATIVE GENERALI 1. 1 Composizione del consiglio di classe 1. 2 Profilo dell Istituto e del corso di studi 1. 3 Breve storia e profilo della classe Gli alunni I docenti 1. 4 Attività integrative e attività di alternanza scuola lavoro 1. 5 Obiettivi formativi trasversali e metodologie del consiglio di classe 1. 6 Metodi e strumenti utilizzati per favorire l apprendimento 1. 7 Strumenti e criteri comuni per la verifica degli apprendimenti CAP. 2 - SCHEDE INFORMATIVE RELATIVE ALLE DISCIPLINE Elenco discipline CAP. 3 SIMULAZIONI DELLE PROVE D ESAME 3. 1 Calendario delle simulazioni Simulazioni di terza prova 3. 3 Criteri di valutazione e griglia utilizzata per la prima prova 3. 4 Criteri di valutazione e griglia utilizzata per la seconda prova 3. 5 Criteri di valutazione e griglie utilizzate per la terza prova Criteri di valutazione e griglia utilizzata per la simulazione del colloquio 2

3 1. SCHEDE INFORMATIVE GENERALI 1. 1 Composizione del consiglio di classe Prof. Enzo Sbrolli Prof.ssa Arena Antonia Prof.ssa Marini Valentina Prof. Rui Simone Prof.ssa Anna Lisa Vagheggini Prof.ssa Testa Elisabetta Prof. Manfucci Enrico Prof. Versaci Gianluca Dirigente scolastico Italiano e Storia Lingua e civiltà Francese Lingua e civiltà Inglese Diritto ed Economia Laboratorio e Trattamento Testi e Dati Matematica Economia D'Azienda 1. 2 Profilo dell Istituto Presentazione dell'istituto L ISIS R.Del Rosso - Da Verrazzano nasce nell a.s dalla fusione degli Istituti "Del Rosso" e "Da Verrazzano" nel cui ambito operano nei profili della formazione secondaria superiore, il sistema dei licei e della formazione tecnico professionale, con un'offerta formativa integrata rispondente alle linee guida nazionali e alle esigenze locali. Alla produzione dei saperi umanistici, tecnici e scientifici, il Del Rosso affianca una capacità di produrre sinergie sul territorio che ne ottimizzano l'efficacia formativa sia in termini di placement che di innalzamento delle conoscenze dei propri studenti. All'inizio del primo anno di vita scolastica comune, il corpo docente delle due scuole ha espresso la volontà di mantenere i saperi e le conoscenze previste dai diversi ordini di appartenenza delle scuole, di armonizzare in itinere le distanze esistenti fra le medesime che nasce dal bisogno di coniugare un sapere teorico di tipo prevalentemente logico finalizzato alla lettura e alla comprensione della realtà, con un sapere prevalentemente finalizzato ad interagire con essa. L'Istituto Professionale Statale per i Servizi Commerciali e Turistici R. Del Rosso di Orbetello ha ottenuto l'autonomia dall'i.p.c. L. Einaudi di Grosseto nell'anno scolastico 1987/88. Da allora è cresciuto numericamente e professionalmente, cercando e trovando una professionalità sempre più marcata. Con l introduzione della riforma scolastica l istituto si è trasformato in istituto per i servizi commerciale e per i servizi enogastronomici. Il bacino d'utenza dell'istituto riguarda sostanzialmente le zone a sud di Grosseto da Orbetello e Monte Argentario, arrivando a sud da Capalbio a Pescia Romana (Vt) con il coinvolgimento di alcune zone dell'entroterra (Manciano e 3

4 Magliano). La realtà socio-economica di tale ambiente è variegata e si va da attività artigianali, commerciali e turistiche fino al settore agricolo. Le possibilità di occupazione nei primi anni successivi al diploma non sono elevate. In questo quadro, l'istituto attiva da anni numerosi progetti, fra i quali: Centro di ascolto Patentino Europeo di Informatica Aderisce al Consorzio degli Istituti Professionali e Alberghieri della Toscana Portfolio Linguistico: Lingua Inglese (certificazione PET e corsi per la preparazione all'esame KET e STARTER). Lingua Francese (certificazione DELF A1-A2). Scambi culturali Progetto laboratoriale di teatro e coro Progetto Sport Educazione alimentare Educazione stradale Progetto ACI: sicurezza e responsabilità Educazione alla legalità Alternanza scuola-lavoro in collaborazione con la Camera di Commercio Opportunità in rete: rete con gli Istituti Secondari di primo grado del comprensorio per combattere la dispersione scolastica Il piano orario seguito nei cinque anni di corso è il seguente: MATERIE CLASSI Monoennio III IV V Italiano Storia Lingua e Civiltà Francese Matematica ed informatica 4 4* (1) 3 3 Economia d'azienda 5* (3) 7* (2) 7* (3) 8* (3) Laboratorio e Trattamento Testi e Dati (compresenza con Economia d'azienda ed informatica) Diritto ed Economia Lingua e Civiltà Inglese Informatica gestionale 4* (2) 3* (1) - - Geografia delle risorse Totale ore settimanali * ore di lezione effettuate in copresenza (tra parentesi sono indicate le ore di copresenza) 4

5 1.2.2 Profilo Professionale TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE Il tecnico della gestione aziendale deve possedere competenze polivalenti e flessibili, derivanti da interventi formativi finalizzati allo sviluppo di un'ampia cultura di base e di abilità logico-espressive che gli consentono di essere elemento attivo e consapevole nel sistema aziendale. E' capace di: percepire problemi, controllare situazioni complesse e situazioni non note, comunicare anche con strumenti informatici, percepire la necessità di aggiornamento e auto-aggiornamento, anche nell'ottica di affrontare il nuovo in modo interattivo. Può operare in aziende di varia natura e dimensione, sia in ambito industriale che dei servizi. Si inserisce in modo privilegiato nella funzione amministrativa aziendale con un'apertura organizzativa-gestionale che gli permette, anche attraverso opportune integrazioni con l'area di specializzazione, di inserirsi con facilità in altre funzioni di servizio. Conoscendo il metodo e gli strumenti organizzativi, può supportare utilmente i processi direzionali. Possedendo una chiara visione integrata dell'attività aziendale può: collaborare alla gestione del sistema informativo-contabile aziendale, anche attraverso l'impiego dello strumento informatico; collaborare alla programmazione e alla gestione di un sistema di controllo direzionale efficace ed efficiente. Sa dialogare con i soggetti posti ai vari livelli gerarchici, funzionali e di progetto, collaborando per proporre obiettivi, programmare e controllare i risultati economico-finanziari. Sa rapportarsi all'ambiente specifico e generale esterno all'azienda. E' in grado di muoversi in ambito non solo nazionale, grazie alla conoscenza di due lingue straniere e dei fondamenti della legislazione. SETTORI DI IMPIEGO Finanziario, Assicurativo, Fiscale, Commercio con l'estero, Pubblica Amministrazione, Marketing e Vendite, Contabilità, Bilancio e Controllo. 5

6 1. 3 Breve storia e profilo della classe Gli alunni La classe V A corso serale è attualmente composta da 10 iscritti di cui solo 9 frequentanti in quanto 1 studentessa non ha mai frequentato. Gli studenti sono tutti in possesso del diploma di qualifica di operatore della gestione aziendale (O.G.A.). Il corso di studi si è articolato in un monoennio corrispondente al biennio comune a tutti gli indirizzi, un monoennio di conseguimento della qualifica e in un biennio finale di tecnico della gestione aziendale indirizzo linguistico. La composizione del gruppo classe è cambiata nel corso degli anni scolastici e viene di seguito riportata: A.S Biennio Comune Nuovo Ordinamento Corso Serale per Adulti: I AS = 21 iscritti. Ammessi alla classe III AS = 14 A.S Monoennio Operatore della Gestione Aziendale: III AS = 20 iscritti. Qualificati 13 (di cui 10 provenienti dal gruppo iniziale + 3 nuovi iscritti) A.S Tecnico della Gestione Aziendale Linguistico: IV AS = 15 iscritti. Ammessi alla classe V AS = 9 Il gruppo classe, residente nei comuni di Orbetello e Monte Argentario, si presenta sotto il profilo della provenienza di composizione eterogenea: 6 di nazionalità italiana; 1 di nazionalità comunitaria: Romania; 3 di nazionalità extracomunitaria Ucraina, Brasile e Senegal. La frequenza nel corso dell'anno scolastico è stata sostanzialmente costante, pur considerando gli impegni familiari e di lavoro di ogni singolo alunno (3 sono lavoratori a tempo indeterminato, 5 a tempo determinato stagionale e/o a chiamata). La formazione del gruppo classe, disomogeneo per provenienza degli iscritti, ha reso necessario fin dall inizio dell anno scolastico l adeguamento continuo della didattica e della programmazione. Inoltre in una realtà scolastica in cui gli studenti sono anche lavoratori, il percorso didattico ha richiesto frequenti aggiustamenti, potenziamenti e ripassi per andare incontro alle esigenze dei singoli alunni e migliorare le lacune nelle conoscenze, competenze e capacità Quasi tutti i corsisti hanno preso consapevolezza del proprio percorso scolastico istaurando con l ambiente-scuola un rapporto sereno che ha reso possibile il raggiungimento degli obiettivi previsti. 6

7 La maggior parte del gruppo si attesta su livelli di profitto positivi sia nelle materie comuni che in quelle più prettamente professionali. Gli insegnanti hanno guidato i corsisti in due diverse fasi della programmazione, la prima trimestrale, la seconda pentamestrale. I contenuti disciplinari, pur nel rispetto delle direttive ministeriali, sono stati adeguati alle esigenze della classe, eterogenea per differenza di competenze linguistiche e abilità cognitive I docenti MATERIE CLASSI Monoennio III IV V Diritto ed Economia Sansoni Enrica Sansoni Enrica Oliviero Rosa Vagheggini Anna Lisa Economia d'azienda Collantoni Paola Peruzzi Valeria Collantoni Paola Versaci Gianluca Informatica Cartocci Gianni Amitrano Luca - - Italiano e Storia Ferraro Maria Arena Antonia Arena Antonia Arena Antonia Giovanna Lingua e civiltà Donati Gabriella Bruni Cinzia Abbate Marini Valentina Francese Antonietta Lingua e civiltà Leoni Deborah Rui Simone Rui Simone Rui Simone Inglese Matematica Bralia Rossella Diletti Maria Manfucci Enrico Manfucci Enrico Trattamento Testi e Dati Danesi Adelina Gelli Ombretta Testa Elisabetta Testa Elisabetta 1. 4 Attività integrative nel triennio a.s. 2009/10: Cinema a.s.2010/11: a.s. 2011/12: Cinema, visita guidata all'osservatorio Astronomico Comunale di Grosseto Cinema, Teatro, visita guidata alla città di Pisa (mostra su Picasso) 7

8 1. 5 Obiettivi formativi trasversali relativi a capacità, conoscenze, e competenze Obiettivi trasversali Acquisizione del senso di responsabilità Potenziamento delle abilità di studio Ampliamento della capacità di confrontarsi e interagire in maniera critica e costruttiva Acquisizione dei linguaggi specifici delle varie discipline Potenziamento delle capacità espressive Potenziamento delle capacità di analisi e sintesi Ampliamento culturale Acquisizione della capacità di rielaborazione critica delle conoscenze acquisite Acquisizione della capacità di collegare tra di loro conoscenze e competenze relative alle varie discipline raggiunti da tutti maggioranza metà alcuni 1. 6 Metodi e strumenti utilizzati per favorire l apprendimento Metodi: Lezione frontale, lezione partecipata, lavoro di gruppo, analisi di casi concreti e ricerca delle soluzioni soprattutto per quel che riguarda le tematiche tecniche. Strumenti: Libro di testo, riviste specializzate, uso del Laboratorio informatico, uso di software applicativi, uso di Internet, uso della lavagna, appunti dati dal docente, documenti autentici e semiautentici, uscite didattiche Strumenti e criteri comuni per la verifica degli apprendimenti La valutazione degli apprendimenti sia quelle sommative che formative sono state condotte attraverso prove orali individuali, discussione di gruppo ed elaborati scritti strutturati e semistrutturati; questi ultimi, il più delle volte sono stati predisposti secondo le modalità e le tipologie previste dal nuovo Esame di Stato. Il Consiglio di Classe ha adottato i seguenti criteri di valutazione: 1. Per una valutazione molto negativa (voto tra 1 e 2) Nessuna conoscenza Grave incapacità nell'applicazione. 8

9 2. Per una valutazione negativa (voto tra 2 e 4) Conoscenza frammentaria Scarsissime capacità applicative 3. Per una valutazione insufficiente (voto tra 4 e 5) Conoscenza superficiale degli argomenti Difficoltà espositive 4. Per una valutazione sufficiente e più che sufficiente (voto tra 6 e 7) Capacità espositive Conoscenza del linguaggio specifico delle discipline Conoscenza dei fatti, delle regole e dei principi fondamentali di ciascuna disciplina Competenze di tipo applicativo con la guida dell'insegnante 5. Per una valutazione buona (voto tra 8 e 9) Possesso di un solido bagaglio di conoscenze Possesso di solide competenze di tipo applicativo Capacità di elaborazione personali dei contenuti 6. Eccellenza (voto 10) Capacità di elaborazione autonoma e personale dei contenuti Capacità di collegare, anche interdisciplinarmente, le conoscenze acquisite Possesso di ottime competenze La valutazione non si limita ad osservare il percorso dell'alunno e a registrare i risultati, ma ha una funzione di controllo sull'intero processo di apprendimento insegnamento, per questo, deve essere in grado anche di individuare le cause che provocano risultati di fallimento, per poter disporre di strategie di recupero e piani 'intervento differenziati secondo i problemi. Si ritengono criteri fondamentali di valutazione, in aggiunta a quelli cognitivi, tali anche da modificarli: il livello di partenza i progressi l'impegno e la partecipazione La valutazione finale, quindi, scaturisce dalla verifica degli obiettivi didattico-disciplinari ed educativo-comportamentali fissati. 9

10 CAP. 2 - SCHEDE INFORMATIVE RELATIVE ALLE DISCIPLINE 2.1 Italiano ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola I.P.S.S.C.T. "R.Del Rosso" Via G. Carducci, 5 - Orbetello (GR) Tecnico della Gestione Aziendale INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano DOCENTE: Prof.ssa Arena Antonia Obiettivi cognitivi Obiettivi programmati Sapere usare in modo strumentale e critico la lingua nei suoi aspetti formali,funzionali,di scopo, comunicativo Sapere usare e migliorare il lessico e l organizzazione del pensiero nell uso orale e scritto della lingua,utilizzando il linguaggio specifico Imparare a selezionare informazioni per la produzione di testi Rielaborare, riscrivendo in modo chiaro,le informazioni Sapere strutturare in un testo progettazione, pianificazione,realizzazione,correzione Sapere organizzare il contenuto in una sequenza logica,coerente e coesa Sapere elaborare idee motivandole con chiarezza Conoscere le opere studiate,i caratteri delle tendenze letterarie,la poetica degli autori trattati. Possedere un orientamento storico che consenta la contestualizzazione letteraria Sapere analizzare i brani scelti dalle opere letterarie,riconoscere le tecniche narrative, usare il linguaggio specifico Raggiunti da tutti maggioranza metà alcuni 10

11 Sapere produrre le tipologie dell'same di stato componendo un testo scritto con sufficiente proprietà a livello :IDEATIVO(scopo e oggetto del testo,qualità e quantità delle informazioni,struttura logicoargomentativacoerente FORMALE( stile,morfosintassi,ortografia,punteggiatura,coerenza e coesione testuale adeguate alle diverse tipologie di scrittura) Contenuti disciplinari L elenco dettagliato dei contenuti è riportato nel programma allegato. Metodologia usata Motivazione alla partecipazione e allo studio con lavoro in gruppo e individualmente Lezione frontale e Braining Storming Riflessione individuale e collettiva su messaggi,linguaggi ed eventi Fare accettare la valutazione del docente,ma essere in grado di formulare auto-valutazione Sollecitazione all apprendimento sia guidato che autonomo Partecipazione attiva alle lezioni Attuazione di interventi come approfondimento di alcuni aspetti del programma Lavoro costante sulle simulazioni delle prove dell'esame di stato Strumenti e sussidi Testi utili all apprendimento,in particolare fotocopie ricavate da testi di letteratura generale Fotocopie di brani scelti per l'analisi testuale delle opere degli autori studiati Sintesi,mappe concettuali,schemi semplici e articolati preparati dalla docente Utilizzo delle prove delle tipologie scritte dell'esame di stato degli anni precedenti Tipologia delle prove di verifica Le tipologie di verifica sono state effettuate alla fine di ogni modulo in forma di prove scritte, o interrogazioni orali individuali,quante necessarie ad avere un'adeguata valutazione degli studenti Sono state effettuate diverse prove scritte relative alla tipologia A,B,C,D dell'esame di stato(quattro nel trimestre e quattro nel pentamestre) e orali (due nel trimestre e due nel pentamestre) Criteri di valutazione 0-2 VOTO NULLO. Verifica orale: Rifiuto del dialogo educativo, l alunno si sottrae volontariamente alla verifica. Verifica scritta: consegna in bianco. NEGATIVO. Verifica orale: esposizione carente, difficoltà espositive, 3 dimostrazione di scarsissimo interesse per l argomento, incapacità di recepire le sollecitazioni dell insegnante. Verifica scritta: svolta solo parzialmente, senza alcuna competenza lessicale, con gravi errori concettuali. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE. Verifica orale: conoscenze sporadiche dei 4 contenuti essenziali. Competenze molto parziali. Espressione molto precaria nella formulazione del periodo e nell uso lessicale. Capacità analitiche limitate. Verifica scritta: svolta solo in parte e con errori concettuali diffusi, oppure svolta 11

12 completamente ma con errori concettuali gravi e diffuse INSUFFICIENTE. Verifica orale: conoscenza frammentaria e imprecisa dei contenuti. Competenze incerte. Espressione impropria e impacciata, povertà lessicale. Verifica scritta: svolta in maniera incompleta; oppure completata, ma con diversi errori concettuali non gravi o con diffusi errori morfosintattici. SUFFICIENTE. Verifica orale: conoscenza dei contenuti essenziali, esposti con un linguaggio semplice, ma sostanzialmente corretto. Competenze essenziali relative alle singole unità formative. Verifica scritta: svolta per intero, in conformità con i contenuti richiesti; esposizione lineare, pur se con un lessico ordinario e/o in parte appropriato DISCRETO. Verifica orale: conoscenza e comprensione dei contenuti essenziali; capacità di cogliere alcuni spunti di riflessione dai nuclei cognitivi; esposizione articolata e coerente, anche se non completa, dei contenuti essenziali. Verifica scritta: svolta con alcuni spunti riflessivi che denotano la personale assimilazione dei contenuti; espressione corretta, appropriata nella formulazione dei periodi e del lessico. BUONO. Verifica orale: conoscenza, comprensione e applicazione dei contenuti essenziali. Conoscenza completa e ragionata dei nuclei cognitivi. Esposizione sicura e padronanza del linguaggio specifico. Verifica scritta: svolta con competenza argomentativa che denota la personale comprensione e applicazione dei contenuti essenziali. Uso del lessico specifico. OTTIMO. Verifica orale: conoscenza completa dei contenuti essenziali, precisa nei riferimenti e con gli approfondimenti previsti dal programma. Capacità espressiva, logica, analitica e sintetica. Verifica scritta: svolta in ogni sua parte in modo completo e creativo con riferimenti intertestuali. ECCELLENTE. Verifica orale: conoscenza completa, approfondita e personalizzata dei contenuti. Competenza e capacità espositiva brillante. Verifica scritta: perfettamente svolta in ogni sua parte, con riferimenti intertestuali e spunti critici originali. La valutazione conclusiva, oltre ai precedenti parametri, ha fatto e farà riferimento anche a: frequenza, attenzione in classe, interesse mostrato per la disciplina, partecipazione attiva, disponibilità al dialogo educativo. PROGRAMMA SVOLTO DISCIPLINA:Italiano MODULO SCRITTURA : LE TIPOLOGIE DELL'ESAME DI STATO Periodo di attuazione : tutto l'anno scolastico, n h 30 1.Tipologia A : Analisi del testo 2.Tipologia B : Saggio breve 3.Tipologia C : Tema ad argomento storico 4.Tipologia D : Tema di argomento generale 5.Sintesi Argomentativa 6.Mappa concettuale 12

13 PERIODO settembre - dicembre MODULI LETTERARI I MODULO : I Malavoglia (periodo 26/9-3/11 ; n h 14 ) U1 : Realismo-Naturalismo Verismo(quadro storico-letterario,in generale) U2 : Giovanni Verga La vita e le opere Il pessimismo U3 : Il romanzo verista I Malavoglia - Il contesto storico Le tecniche narrative U4 : Brani scelti : I Malavoglia - La Provvidenza nella tempesta 'Ntoni rifiuta l'ideale dell'ostrica Comprensione ed analisi Verifica : Tipologia A analisi del testo II MODULO :La Letteratura della crisi tra fine '800 inizio '900(periodo 7/11-23/11;n h 7 ) U1 : dal Realismo al Decadentismo: la crisi del Positivismo U2 : il Decadentismo in generale La narrativa La poesia U3 : Freud e la psicoanalisi Verifica collettiva III MODULO : Il romanzo del Decadentismo (periodo 23/11 19/12 ; n h 10 ) U1 : Caratteristiche generali della narrativa del primo '900 U2 : La coscienza di Zeno:l'anti-eroe sveviano-il romanzo-diario-memoria U3 : L'autore Italo Svevo- vita e opere U4 : Brani scelti : Il fumo La morte del padre-la vita attuale è inquinata alle radici Comprensione ed analisi,le tecniche narrative Verifica : prova strutturata sommativa PERIODO gennaio - giugno IV MODULO : La poesia di fine '800/primo'900 ( periodo 9/1-19/1; n h 9 ) U1 : Caratteristiche generali della poesia decadente U2 : Pascoli : la poetica del fanciullino U3 : L'autore,la vita U4 : Myricae Brani scelti -Novembre Agosto Comprensione e analisi U5 : Il simbolismo-le tecniche di versificazione Verifica : interrogazione orale individuale-confronto con D'annunzio V MODULO : Un autore Gabriele D'annunzio (periodo 23/1-29/2;n h 8 ) U1 : Una vita da superuomo,confronto con Svevo U2 : Brani scelti-da Canto novo O falce di luna calante da Alcyone - La sera fiesolana 13

14 Comprensione e analisi-le tecniche di versificazione U3 : La narrativa Il piacere -brano scelto Andrea Sperelli Comprensione : l'eroe decadente,confronto con Zeno Cosini Verifica : interrogazione orale individuale-confronto con Pascoli VI MODULO : Luigi Pirandello (periodo 1/3-23/4; n h 12 ) U1 : L'autore ed il periodo storico -letterario,dal Verismo alla narrativa del '900 U2 : la poetica dell'umorismo U3 :la vita,la forma,la maschera e la crisi d'identità dei personaggi pirandelliani U4 : il romanzo Il fu Mattia Pascal - trama : l il personaggio senza nel gioco della vita U5 : brani scelti Adriano Meis Io e l'ombra mia -Il fu Mattia Pascal comprensione e analisi-le tecniche narrative Verifica : tipologia A, analisi del testo VII MODULO : la letteratura della Resistenza - Italo Calvino (periodo 23/4-22/5;n h 7 ) U1 : la Resistenza e il dopoguerra U2 : il Neorealismo,in generale, nella letteratura e nel cinema U3 : l'autore,calvino cittadino del mondo U4 : il romanzo della dimensione realistica Il sentiero dei nidi di ragno -l'esperienza partigiana brano scelto: Pin si smarrisce, comprensione U5 : i racconti- Ultimo viene il corvo tra realismo e tono fiabesco Coscienza - comprensione dei testi e contestualizzazione Verifica orale collettiva Osservazioni La classe, composta da 10 iscritti dei quali 9 frequentanti,è formata da studenti lavoratori,metà dei quali stranieri. La formazione del gruppo classe così etertogeneo ha reso necessario l adeguamento continuo della programmazione che,in una situazione scolastica in cui gli studenti sono anche lavoratori,ha richiesto frequenti aggiustamenti, per andare incontro alle esigenze dei singoli corsisti,per potenziare e migliorare competenze, capacità e conoscenze in vista dell esame di stato e perché la discontinuità della loro presenza in classe ha richiesto una continua rivisitazione della programmazione che,comunque,è stata abbastanza rispettata rispetto a quella prevista. La docente segue da tre anni questo gruppo : data tale premessa, può affermare che,in questo ultimo anno,la maggior parte degli studenti ha lavorato con impegno, attenzione e interesse verso la disciplina,partecipando attivamente al dialogo educativo e interpersonale,acquisendo maggiore consapevolezza del proprio percorso scolastico e,gli alunni stranieri in particolare,un migliore uso ed una maggiore comprensione della lingua italiana,a livello superiore, e del linguaggio specifico,con ricaduta interdisciplinare positiva. 14

15 Si lavorato perché potessero acquisire,con successo, sufficiente orientamento letterario- storico che li potesse mettere in grado di padroneggiare con relativa tranquillità gli argomenti di studio di letteratura, ma anche di essere in grado di produrre le tipologie dell esame di stato con chiarezza operativa. Il clima è stato sereno e la reciproca conoscenza pluriennale ha facilitato la risoluzione delle difficoltà là dove si sono presentate. Il gruppo ha partecipato,quasi sempre compatto e con interesse,alle attività extra-curriculari che sono state fatte durante l'anno scolastico: a. nel mese di ottobre 2011 è stata effettuata un'uscita per assistere alla proiezione del film Terraferma,che affronta il tema dell'emigrazione clandestina nell'italia del sud b. nel mese di dicembre 2011 è stata effettuata un'uscita per assistere alla proiezione del film Midnight in Paris,ambientato a Parigi nel periodo della belle époque c. nel mese di gennaio 2012 la classe si è recata a Pisa per visionare la mostra su Picasso a Palazzo blu d. nel mese di marzo la classe ha partecipato ad un'uscita a teatro per assistere alla rappresentazione di Giulietta e Romeo e. nel mese di aprile è stata effettuata un'uscita per assistere alla proiezione del film Cesare deve morire,ambientato nel super-carcere di Rebibbia Gli obiettivi previsti non sono stati realizzati da tutti omogeneamente: per i tempi di apprendimento più lunghi e lenti,tipici dei corsi serali frequentati da lavoratori e per la discontinuità,a volte,della presenza alle lezioni in classe. Comunque,malgrado gli incidenti di percorso,gli obiettivi,in generale sono stati discretamente realizzati,anche con qualche lacuna persistente. L insegnante ha guidato i corsisti in due fasi diverse della programmazione: la prima trimestrale,la seconda pentamestrale ; i contenuti della programmazione, pur nel rispetto delle direttive ministeriali,sono stati adeguati alle esigenze della classe,eterogenea per differenza di competenze linguistiche e abilità cognitive. Orbetello 15 maggio'12 La docente Prof.ssa Antonia Arena 15

16 2.2 Storia ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola I.P.S.S.C.T. "R.Del Rosso" Via G. Carducci, 5 - Orbetello (GR) Tecnico della Gestione Aziendale INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Storia DOCENTE: Prof.ssa Arena Antonia Obiettivi cognitivi Obiettivi programmati Conoscere i fatti storici più significativi del periodo preso in esame,saperli ordinare cronologicamente e metterli in relazione causa-effetto. Scoprire la dimensione storica del presente e utlizzare le conoscenze acquisite per orientarsi Individuare continuità e mutamenti nella complessità dei fatti storici,attraverso l individuazione di interconnessioni Riconoscere il valore della storia e della memoria collettiva Sapere esporre in modo sufficientemente organico e coerente,utilizzando il linguaggio specifico Sapere leggere e utilizzare mappe concettuali per lo studio Raggiunti da tutti maggioranza metà alcuni Avere l'attitudine a problematizzare,a formulare quesiti,ad analizzare eventi storici,a interpretarli e valutarli Sapere trovare legami interdisciplinari tra storia, italiano e le altre discipline,dove possibile Possedere la consapevolezza della complessità delle epoche studiate,esprimendo opinioni personali opportune e adeguate Contenuti disciplinari L elenco dettagliato dei contenuti è riportato nel programma allegato. 16

17 Metodologia 1.Valorizzazione delle esperienze umane e professionali degli studenti,con recupero delle loro conoscenze e del loro vissuto 2.Lezione frontale,lavori di gruppo,in coppia e individuali 3.Apprendimento sia cooperativo che autonomo 4. Valutazione e auto-valutazione 5. Interventi di recupero in itinere,anche su richiesta dello studente. 6. Uso di schemi e mappe per lo studio 7. Scelta della programmazione modulare Strumenti e sussidi 1.testi scolastici di storia generale,storiografia,storia settoriale, dai quali sono state ricavate fotocopie utili per lo studio 2.sintesi,schemi,mappe concettuali 3.comprensione e analisi di documenti 4.uscite didattiche al cinema per assistere alla proiezione di due film: a. Terraferma,che affronta il tema dell'emigrazione clandestina nell'italia del sud b. Midnight in Paris,ambientato a Parigi nel periodo della belle époque Tipologia delle prove di verifica Le prove effettuate sono servite a verificare l acquisizione dei contenuti disciplinari,lo sviluppo delle capacità cognitive,a verificare gli obiettivi,relativamente a conoscenze e competenze,a modificare interventi e metodo di lavoro,a favorire la valutazione e l autovalutazione Sono state effettuate prove diversificate: tre nel trimestre e cinque nel pentamestre,in forma di : interrogazioni orali individuali e collettive; prove tipologia mista B/C della terza prova; tipologia B, saggio breve,ambito 3 storico-politico ; tipologia C,tema ad argomento storico. Criteri di valutazione 0-2 VOTO NULLO. Verifica orale: Rifiuto del dialogo educativo, l alunno si sottrae volontariamente alla verifica. Verifica scritta: consegna in bianco. NEGATIVO. Verifica orale: esposizione carente, difficoltà espositive, 3 dimostrazione di scarsissimo interesse per l argomento, incapacità di recepire le sollecitazioni dell insegnante. Verifica scritta: svolta solo parzialmente, senza alcuna competenza lessicale, con gravi errori concettuali. 17

18 GRAVEMENTE INSUFFICIENTE. Verifica orale: conoscenze sporadiche dei contenuti essenziali. Competenze molto parziali. Espressione molto precaria nella formulazione del periodo e nell uso lessicale. Capacità analitiche limitate. Verifica scritta: svolta solo in parte e con errori concettuali diffusi, oppure svolta completamente ma con errori concettuali gravi e diffusi INSUFFICIENTE. Verifica orale: conoscenza frammentaria e imprecisa dei contenuti. Competenze incerte. Espressione impropria e impacciata, povertà lessicale. Verifica scritta: svolta in maniera incompleta; oppure completata, ma con diversi errori concettuali non gravi o con diffusi errori morfosintattici. SUFFICIENTE. Verifica orale: conoscenza dei contenuti essenziali, esposti con un linguaggio semplice, ma sostanzialmente corretto. Competenze essenziali relative alle singole unità formative. Verifica scritta: svolta per intero, in conformità con i contenuti richiesti; esposizione lineare, pur se con un lessico ordinario e/o in parte appropriato DISCRETO. Verifica orale: conoscenza e comprensione dei contenuti essenziali; capacità di cogliere alcuni spunti di riflessione dai nuclei cognitivi; esposizione articolata e coerente, anche se non completa, dei contenuti essenziali. Verifica scritta: svolta con alcuni spunti riflessivi che denotano la personale assimilazione dei contenuti; espressione corretta, appropriata nella formulazione dei periodi e del lessico. BUONO. Verifica orale: conoscenza, comprensione e applicazione dei contenuti essenziali. Conoscenza completa e ragionata dei nuclei cognitivi. Esposizione sicura e padronanza del linguaggio specifico. Verifica scritta: svolta con competenza argomentativa che denota la personale comprensione e applicazione dei contenuti essenziali. Uso del lessico specifico. OTTIMO. Verifica orale: conoscenza completa dei contenuti essenziali, precisa nei riferimenti e con gli approfondimenti previsti dal programma. Capacità espressiva, logica, analitica e sintetica. Verifica scritta: svolta in ogni sua parte in modo completo e creativo con riferimenti intertestuali. ECCELLENTE. Verifica orale: conoscenza completa, approfondita e personalizzata dei contenuti. Competenza e capacità espositiva brillante. Verifica scritta: perfettamente svolta in ogni sua parte, con riferimenti intertestuali e spunti critici originali. La valutazione conclusiva, oltre ai precedenti parametri, ha fatto e farà riferimento anche a: frequenza, attenzione in classe, interesse mostrato per la disciplina, partecipazione attiva, disponibilità al dialogo educativo. 18

19 PROGRAMMA SVOLTO DISCIPLINA:Storia PERIODO settembre- dicembre I MODULO : L'Italia post-unitaria( periodo 26/9-7/11; n h 11 ) U1 La destra storica U2 Documento: l'inchiesta Jacini e la questione meridionale U3 La sinistra storica U4 L'Italia a forbice dello sviluppo economico di fine '800 U5 Giovanni Giolitti Verifica orale : interrogazione individuale II MODULO : L'Europa di fine '800 (periodo 7/11-7/12; n h 14 ) U1 La seconda Rivoluzione industriale e il mondo del proletariato-le idee socialiste U2 Imperialismo e Colonialismo di fine '800 U3 Approfondimento : il Positivismo U4 la società di massa U5 scienza e tecnica,l'industria culturale Verifica scritta : tipologia C tema ad argomento storico-letterario III MODULO, prima parte : la prima guerra mondiale ( periodo 14/12-22/12 ) U1 tensioni e conflitti di fine '800 in Europa U2 Le cause dello scoppio della guerra U3 dalla guerra lampo alla guerra di trincea : i fronti e i territori del conflitto PERIODO gennaio - giugno III MODULO, seconda parte : la prima guerra mondiale ( periodo 9/1-23/1; tot.n h 10 ) U4 l'intervento italiano U5 la vittoria dell'intesa U6 l'eredità della guerra e i trattati di pace U7 Documento : Grosz e Dix,la critica sociale in Germania,nella pittura Verifica : prova scritta tipologia B/C della terza prova IV MODULO : La Rivoluzione Russa ( periodo 23/1-2/2; n h 4 ) U1 La Russia prima della rivoluzione U2 La Rivoluzione di febbraio e di ottobre U3 La figura di Lenin U4 Documento Le tesi di aprile Verifica scritta : simulazione terza prova tipologia B/C 19

20 V MODULO : La crisi del '29 ( periodo 6/2-5/3; n h 11 ) U1 le cause della crisi U2 le conseguenze e la diffusione U3 Il New Deal U4 le dottrine sociali e il Welfare State Verifiche scritta ( simulazione terza prova tipologia B/C)- Verifica orale individuale VI MODULO : I TOTALITARISMI ( periodo 7/3-18/4; n h 16 ) STALINISMO U1 Definizione di totalitarismo U2 Stalinismo : dalla rivoluzione alla dittatura U3 Documento Stalin e Bucharin Verifica scritta : simulazione terza prova tipologia B/C FASCISMO U1 L'ascesa di Mussolini nel primo dopoguerra U2 L'Italia fascista : lo smantellamento della stato liberale U3 La dittatura : le leggi fasciste,il rapporto con la chiesa, il dirigismo economico U4 Documento : dal Manifesto della razza Verifica scritta U1:simulazione terza prova tipologia B/C NAZISMO U1 la crisi della Repubblica di Weimar U2 l'ascesa di Hitler:l'ideologia e il razzismo U3 la costruzione della dittatura U4 Documenti : Gli uomini di Hitler Le forme della violenza nazista Verifica : interrogazione individuale VII MODULO : la seconda guerra mondiale ( periodo 19/4-22/5;n h 8 ) U1 Premessa : i totalitarismi in Europa U2 Le ragioni del conflitto U3 l'alleanza Roma-Berlino-Tokio U4 l'espansionismo di Hitler e la travolgente avanzata tedesca U5 Le battaglie U6 l'olocausto : dai campi di lavoro alla soluzione finale U7 la Resistenza e la liberazione U8 Documento : dagli Archivi di guerra - I campi di concentramento Verifica scritta U1,U2 : simulazione terza prova tipologia B/C Osservazioni La classe, composta da 10 iscritti dei quali 9 frequentanti,è formata da studenti lavoratori,metà dei quali stranieri. La formazione del gruppo classe così etertogeneo ha reso necessario l adeguamento 20

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli