DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE V AP. Indirizzo: Istituto Tecnico Corso di studio: P ACLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE V AP. Indirizzo: Istituto Tecnico Corso di studio: P ACLE"

Transcript

1 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA "EUGENIO MONTALE' Via M. Gorky CINISELLO BALSAMO - (Milano) te! fax DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE V AP Indirizzo: Istituto Tecnico Corso di studio: P ACLE anno scolastico

2 INDICE 1. Composizione del Consiglio di classe 2. Elenco dei candidati 3. Scheda di presentazione della classe 4. Profilo professionale 5. Obiettivi del Consiglio di Classe 6. Obiettivi e standard minimi di ciascuna disciplina 7. Modalità di lavoro del Consiglio di classe e strumenti di verifica utilizzati 8. Esplicitazione dei criteri comuni per la corrispondenza tra voti e livelli conoscenza e abilità 9. Rapporto tra valutazione in decimi e in quindicesimi 1 O. Attività integrative ed extra-curricolari 11. Griglie di valutazione di Pag IO Allegati,. I 1. Contenuti disciplinari di ogni materia 2. Testi delle simulazioni delle terze prove degli Esami di Stato I 'J 2

3 1. COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Dirigente Scolastico: Prof. Francesco Antonio Malaspina (ì '' 11_' Italiano Storia Inglese Conversazione inglese Francese Conversazione francese Geografia Matematica Tecnica Aziendale Diritto e scienza delle finanze Stenografia e Dattilografia Ed. Fisica femminile Ed. Fisica maschile Religione Margherita Lamon Margherita Lamon Anna Amoroso GaryByrne Rosalba Vitale Marie Rose Boyer Francesco Iarrera Licinio Casu Fernanda Pelusi Giacinto Nesci Adriana Caracciolo Marina Gerosa Marzia Viganò Daniela Monti Elementi qualificanti del comportamento dei docenti nei confronti della classe, previsti nel contratto formativo Esplicitazione dell'importanza degli obiettivi fonnativi Esplicitazione degli obiettivi disciplinari Comunicazione di criteri di valutazione e standard minimi Attribuzione di un voto corrispondente al livello minimo in caso di rifiuto di sottoporsi a una verifica Possibilità di svolgere verifiche formative senza preavviso, per alcune discipline Ragionevole accettazione di interrogazioni "volontarie" per le verifiche somrnative Impegno a comunicare in modo tempestivo il voto attribuito dopo ogni verifica sommati va Impegno per evitare la coincidenza nella stessa giornata di più di una verifica sommativa scritta Strategie per il recupero e il potenziamento durante l'anno scolastico in corso assegnazione di lavori da svolgere durante i periodi di sospensione delle attività didattiche; recupero in itinere nel corso dell'anno; interventi di sostegno durante l'anno scolastico nelle ore curricolari del mattino; Oltre agli interventi precedentemente elencati, nel corso dell'anno si è dato ampio spazio, compatibilmente con le necessità connesse al perseguire gli obiettivi specifici della quinta, al lavoro di consolidamento e potenziamento di conoscenze e abilità pregresse. 3

4 2. ELENCO DEI CANDIDATI I.BIANCHI LEANDRO i"'': 2.BIASE ILARIA 3.BONACINA ALICE 4.BURASCHI CHIARA 5.CAMPOVERDE CARTUCHE JEFFERSON LENIN 6.CASTILLO DAVIDE 7.CONTRAFATTO STEFANIA 8.DE GREGORIO LAURA 9.DE MARTINO ANDREA SIMONE 10.DOZZI SILVIA 11.GRACHISI YLENIA 12.JOELLE MARIE PRISCA 13.JUMBO CHUCHUCA THALIA MARIBEL 14.LANDA VERDE GABRIELLA LETIZIA 15.PIGUAVE BRAVO JENNIFER KATIUSKA 16.SIL VESTRI VALENTINA 17.TISSOT VALENTINA 18.TREVISAN ALBERTO 19.VIERA V ALLEJO MICHELLE GABRIELA 20.VIVO ALESSIA 21.VOLPATO BARBARA 22.ZENELI ENXHI 4

5 3. SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La seguente tabella sintetizza la storia della classe nel corso dei cinque anni. 2009/2010 lap /2011 2AP /2012 3AP o 2012/2013 4AP /2014 5AP 22 PROFILO DELLA CLASSE La classe, composta da 22 studenti, 5 maschi e 17 femmine, ha subito nel corso del quinquennio una vera e propria metamorfosi. Molto indisciplinata durante il biennio, si è trasformata nel corso degli anni in nna classe molto attenta alla relazione interpersonale, in special modo nella costruzione del rapporto con i docenti. Il processo di cambiamento, avviato all'inizio del terzo anno, è andato via via sviluppandosi fino a farne, in quinta, una classe quasi modello. Ben disposti alle iniziative proposte dai docenti, gli studenti hanno partecipato in modo costruttivo e propositivo alle lezioni. In controtendenza sono da segnalare casi di ingressi in ritardo e di assenze di alcuni allievi, solo in un caso giustificate con certificati medici. Se la classe è omogenea sotto il profilo disciplinare, non si può dire lo stesso per il profitto. Come si evince dai curricula dei candidati, non sempre il rendimento è stato brillante, in taluni casi comportando un debito formativo recuperato comunque nelle sessioni di settembre. Al termine dell'am10 scolastico si possono individuare diversi livelli di preparazione in rapporto alle doti personali ed all'impegno profuso da ciascuno studente. Se al livello più alto troviamo alunni studiosi, propositivi e partecipativi alle lezioni, non si può non evidenziare la presenza di studenti che, di contro, hanno dovuto profondere molti sforzi per raggiungere la sufficienza. Nel corso del tempo la classe, considerata nel suo complesso, ha sensibilmente migliorato le proprie prestazioni raggiungendo un profitto mediamente quasi discreto. 5

6 4. PROFILO PROFESSIONALE Caratteristiche ambito culturale e lavorativo.'--,\,:; :;.q Il Perito Aziendale Corrispondente in Lingue Estere (P ACLE) possiede una buona cultura generale, competenze linguistico-espressive e capacità logico-interpretative che gli derivano dall'abitudine ad individuare e risolvere problemi legati alla conduzione della gestione aziendale e delle relazioni dell'azienda con l'ambiente nazionale e internazionale in cui è inserita. Il diplomato può operare in aziende di varia natura ove si collocherà a livello intermedio per svolgere compiti anche decisionali se si tratta di aziende medio-piccole o con responsabilità più limitate se la dimensione è più grande. Può quindi occuparsi di: relazioni esterne di vario livello, particolarmente con l'estero; rapporti con enti e istituzioni nazionali e locali; analisi di testi e fonti di informazione economica italiani e stranieri; produzione di atti e documenti relativi alla prassi negoziale amministrativa, economica e fiscale; ricerche di mercato; pubblicità; organizzazione di congressi; organizzazione di attività connesse con il turismo. Le competenze acquisite nel corso di studio gli consentono anche di svolgere un lavoro autonomo e di assumere iniziative imprenditoriali. L'approfondimento delle conoscenze e l'affinamento delle competenze può avvenire, oltre che con la frequenza di corsi universitari, con la partecipazione a corsi post-diploma attivati per rispondere alle diverse esigenze territoriali. QUADRO DELLE COMPETENZE Competenze culturali e strumentali di tipo trasversale Il diplomato è in grado di: I. contestualizzare fenomeni ed eventi 2. apprendere in modo autonomo 3. partecipare con contributi personali al lavoro organizzato e di gruppo 4. avere una visione sistematica dei processi in cui opera 5. affrontare positivamente il cambiamento 6. comunicare efficacemente con linguaggi appropriati 7. utilizzare le tecnologie informatiche e telematiche di base 8. documentare adeguatamente il proprio lavoro 9. individuare e risolvere i problemi I O. svolgere, organizzandosi autonomamente, mansioni indipendenti 6

7 Competenze professionali Il diplomato è in grado di: ',! 1. riconoscere i diversi modelli organizzativi e coglierne la rispondenza rispetto a specifiche situazioni 2. elaborare dati contabili, interpretarli e rappresentarli efficacemente ricorrendo a strumenti informatici 3. contribuire alla stesura del bilancio d'esercizio 4. analizzare i bilanci di imprese di diversi settori per coglierne la positività e le problematiche con riferimento agli aspetti economici, finanziari e patrimoniali 5. applicare i principi generali e fondamentali relativi al controllo aziendale, scegliendo e utilizzando gli strumenti più opportuni 6. collocare i fenomeni aziendali nella dinamica del sistema giuridico nazionale ed internazionale 7. orientarsi rispetto ai principali aspetti della normativa civilistica e fiscale riguardante la gestione aziendale 8. riconoscere i macrofenomeni che caratterizzano il sistema economico nazionale e internazionale e di connetterli alle strategie di conduzione aziendale 9. inquadrare l'attività di marketing e riconoscere le principali articolazioni I O. servirsi di tecniche della comunicazione adeguate a situazioni diverse, anche ricorrendo a tecnologie avanzate 11. comunicare efficacemente in almeno due lingue straniere e utilizzare linguaggi settoriali. 12. redigere rapporti e relazioni di carattere aziendale in italiano e in altre due lingue comunitarie straniere 13. eseguire traduzioni da testi di tipologia diversa di contenuto economico aziendale 14. analizzare le scelte di marketing da intraprendere per ottimizzare l'operatività di un'azienda orientata al cliente 15. contribuire all'organizzazione di campagne promozionali e pubblicitarie 16. risolvere problemi di convenienza economica relativamente ai servizi offerti alle imprese 17. contribuire ali' organizzazione di convegni e congressi 5. OBIETTIVI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Obiettivi formativi A) Obiettivi posti già nel biennio e da consolidare nel triennio Educazione al rispetto reciproco e di norme non repressive, ma finalizzate a tutelare la libertà di ogni individuo Acquisizione progressiva delle capacità di valutare se stessi, i propri limiti e le proprie risorse Partecipazione attiva alla vita scolastica Disponibilità ad accogliere le sollecitazioni culturali proposte Educazione al confronto civile e costruttivo Accettazione e valorizzazione della diversità (di razza, religione, condizioni socioeconomiche, sesso, diversamente abili) Sviluppo della socialità, intesa anche come disponibilità ad operare fuori e dentro la scuola con scelte e comportamenti di tipo solidaristico 7

8 B) Obiettivi specifici del triennio Progressivo sviluppo di attenzione, interesse, conoscenza e consapevolezza di alcuni caratteri della realtà storico-sociale in cui lo studente vive Progressiva acquisizione di:,/ capacità di assumersi le proprie responsabilità rispetto al lavoro collettivo e di programmare il proprio impegno su un arco di tempo ampio,/ capacità di valutare gli aspetti positivi e negativi del proprio processo di crescita personale, culturale e scolastica,/ capacità di orientarsi rispetto alle caratteristiche di alcuni settori lavorativi, in base alla conoscenza delle proprie attitudini e aspirazioni,/ autonomia nel!' organizzazione del proprio lavoro e nel!' espressione delle proprie opinioni, sentite come contributo personale all'attività collettiva Strategie adottate per il conseguimento degli obiettivi formativi Lezioni frontali, volte a sensibilizzare gli allievi sulle problematiche proposte Esplicitazione degli obiettivi comportamentali da perseguire e discussione dei medesimi con la classe (contratto educativo) Adozione di comportamenti generalmente coerenti con le affermazioni e i principi sostenuti Osservazione costante degli eventuali comportamenti individuali in qualche modo "trasgressivi" rispetto alle regole del "contratto educativo" Valutazione periodica nei Consigli di Classe dei risultati ottenuti per gli obiettivi comportamentali. In caso di necessità ridefinizione degli interventi e coinvolgimento delle famiglie Lavori in classe di autoanalisi e riflessione, in caso di particolari problemi Organizzazione di dibattiti guidati Obiettivi cognitivi totalmente trasversali Saper leggere e interpretare vari tipi di testo (di carattere letterario, giornalistico, economico-aziendale, turistico, tematico e statistico) Consolidare e ampliare le competenze comunicative (utilizzando la lingua in modo appropriato, cogliendo le specificità dei linguaggi settoriali e trovando correlazioni) Saper analizzare situazioni simili ad altre esaminate, rappresentarle con modelli funzionali e decodificare vari tipi di rappresentazioni grafiche e visive Acquisire una sempre maggiore capacità di rielaborazione autonoma. Saper correlare, perciò, le informazioni e le nozioni apprese nelle varie discipline, unificando e riutilizzando le proprie conoscenze in una sintesi cognitiva a carattere multidisciplinare Saper esprimere opinioni personali in modo organico e corretto Il pieno raggiungimento di tutti gli obiettivi cognitivi configura una situazione ottimale che, ovviamente, non può essere generalizzabile. Per la maggior parte degli studenti si sono ottenuti progressi più o meno significativi nelle direzioni indicate. 8

9 Obiettivi cognitivi di area (o parzialmente trasversali) Area linguistica e umanistica (Italiano, Storia, Lingue straniere) Riconoscere e analizzare l'organizzazione interna di un testo: individuare il tipo di testo reperire le parole chiave reperire le informazioni esplicite e quelle implicite individuare l'intenzione comunicativa dell'autore distinguere le diverse parti del testo e la loro funzione inserire gradualmente i testi e le informazioni nel loro contesto storico, collegandoli con le esperienze culturali coeve Area non linguistica Saper: leggere e interpretare i testi consultati elaborare dati e rappresentarli in modo efficace comunicare efficacemente, utilizzando in modo appropriato i linguaggi tecnici analizzare situazioni e rappresentarle con modelli funzionali ai problemi da risolvere unificare le proprie conoscenze in modo da utilizzarle in nuovi contesti dare risposte pertinenti ed appropriate ai quesiti posti Strategie adottate per il conseguimento degli obiettivi cognitivi trasversali e di area Assunzione a livello di Consiglio di Classe degli obiettivi collegialmente definiti, con dovuti adattamenti determinati dalla specificità della classe Svolgimento di lezioni frontali, precedute dall'indicazione di obiettivi, percorsi, tempi, numero e tipologia delle verifiche, criteri di valutazione Attuazione di esercitazioni individuali o di gruppo, in classe o a casa. Le esercitazioni in classe hanno rappresentato un elemento privilegiato di osservazione degli obiettivi che concernono l'acquisizione di competenze e autonomia di lavoro Esercitazioni strutturate come simulazioni d'esame, soprattutto in relazione alla terza prova e al colloquio pluridisciplinare Ricorso a verifiche formative frequenti e a verifiche sommative al termine delle principali unità didattiche Periodica valutazione dei livelli raggiunti dalla classe, per un'eventuale ridefinizione di obiettivi, metodi, strumenti di intervento, tempi di realizzazione Predisposizione di momenti informativi per le famiglie (assemblee di classe, colloqui individuali, note informative scritte a metà quadrimestre) Organizzazione di momenti di apprendimento diversi da quelli tradizionali, ma non per questo meno significativi; rientrano in questa tipologia di intervento le iniziative di alternanza scuola-lavoro (che hanno coinvolto quasi tutti gli studenti, nel corso del quarto anno) Definizione di conoscenze, competenze, capacità Sulla base della definizione del profilo professionale specifico del Perito Aziendale Corrispondente in Lingue Estere, degli obiettivi individuati in fase di programmazione e 9

10 :,.1 del livello medio degli studenti, il Consiglio di Classe considera sufficiente la preparazione di coloro che hanno acquisito le seguenti competenze e capacità minime globali: Consolidamento di un metodo di lavoro autonomo (autoverifica, autovalutazione, rielaborazione delle conoscenze in modo da utilizzarle in nuovi contesti) Capacità di comprendere un testo e sintetizzarlo Conoscenza ed uso corretto della lingua italiana orale e scritta. Capacità di comunicare adeguatamente utilizzando in modo opportuno i linguaggi settoriali. Capacità di analizzare situazioni note, di rappresentarle con modelli funzionali e decodificare vari tipi di rappresentazioni grafiche e visive. Acquisizione di medie capacità di rielaborazione autonoma e di correlazione, se semplice, delle diverse informazioni apprese. 6. OBIETTIVI E STANDARD MINIMI DI CIASCUNA DISCIPLINA ITALIANO ' i 1 ; I Possiedono accettabili competenze linguistiche a livello logico, sintattico e morfologico Conoscono e comprendono i lineamenti fondamentali della storia letteraria italiana, come da programma allegato Comprendono il rapporto tra testo e contesto Sanno analizzare un testo letterario studiato, cogliendone i messaggi fondamentali e riconoscendo le modalità espressive del genere e dell'autore cui il testo appartiene Sanno individuare gli elementi di continuità ed innovazione nei movimenti culturali ed artistici studiati STORIA Riconoscono i caratteri generali delle età studiate Individuano a grandi linee i rapporti di causalità Comprendono l'intreccio dei fattori materiali e culturali propri di ogni periodo storico Hanno acquisito un'elementare consapevolezza della relatività di ogni giudizio storico Possiedono un minimo di conoscenza della terminologia disciplinare LINGUE STRANIERE Comprendono e riconoscono gli elementi essenziali di un messaggio orale e di un testo scritto, anche di carattere specifico, tratto da materiale autentico Sanno riassumere oralmente e per iscritto le varie tipologie di testi proposti nel corso dell'anno Sanno relazionare su argomenti affrontati in classe Sanno produrre semplici testi (lettere, resoconti, composizioni) su traccia e/o a partire da un documento proposto. Il tutto anche se con errori formali che però non pregiudichino la comprensione del messaggio 10

11 GEOGRAFIA >d Conoscono i temi e i contenuti fondamentali relati vi alle tematiche affrontate Conoscono la localizzazione dei vari fenomeni geografici e geoeconomici Utilizzano una terminologia appropriata Analizzano fenomeni geoeconomici Mettono in relazione realtà economiche diverse Ordinano i contenuti secondo un rapporto di causa ed effetto Leggono e interpretano dati statistici presentati nel testo MATEMATICA Sanno discutere l'andamento delle funzioni studiate, senza far ricorso all'analisi matematica Sanno rappresentare le funzioni studiate Sanno costruire il modello matematico dei problemi di scelta trattati Hanno compreso il valore strumentale della matematica per lo studio dell'economia Hanno acquisito la consapevolezza della necessità di usare un linguaggio rigoroso TECNICA PROFESSIONALE ED AMMINISTRATIVA A livello teorico Sanno inquadrare e presentare gli argomenti proposti almeno nelle linee essenziali: Concetto di distribuzione, caratteristiche del sistema distributivo italiano, tipi di aziende di distribuzione, nuove forme di distribuzione. Definizione del contratto di compravendita, la fattura immediata accompagnatoria, la fattura differita, base imponibile e voci che la compongono, operazioni IV A e non IV A, gli ausiliari del commercio. Tipi di trasporto, normativa e accordi internazionali, Incoterms, assicurazioni contro i rischi del trasporto; la compravendita su mercati esteri: caratteristiche del contratto. Definizione di marketing, il marketing nell'organizzazione aziendale, il marketing mix : le ricerche di mercato, il prezzo di vendita, il prodotto, il personale, il punto vendita, la pubblicità e le pubbliche relazioni. A livello operativo Riconoscono e applicano ai diversi contesti le procedure adeguate, gestiscono diversi documenti, calcolano ed inseriscono i dati a seconda delle condizioni di contratto e delle norme derivanti da leggi nazionali e da accordi internazionali. Risolvono semplici problemi di scelta su voci del contratto di compravendita e sui componenti del marketing mix. Applicano le clausole FOB e CIF nei calcoli relativi alla fattura provvisoria e definitiva e nel risarcimento darmi alle merci trasportate. DIRITTO ' I Individuano le principali figure giuridiche del diritto commerciale Riconoscono i caratteri essenziali delle figure giuridiche studiate Colgono le differenze fondamentali tra i diversi tipi attraverso cm le figure giuridiche si suddividono e si esprimono specificamente Usano correttamente il linguaggio giuridico 11

12 I [ i j SCIENZA DELLE FINANZE Definiscono gli oggetti specifici della disciplina Colgono i caratteri e le differenze delle teorie della finanza pubblica Conoscono i fini e gli strumenti tipici della finanza pubblica e gli effetti economici conseguenti Individuano i principi giuridici e amministrativi della finanza pubblica Individuano le principali problematiche relative all'intervento dello Stato nel!' economia Riconoscono i caratteri e la struttura delle principali imposte dello Stato STENODATTILOGRAFIA Stenografia: Conoscono e sanno applicare le principali regole stenografiche del sistema Gabelsberger-Niie Hanno una discreta impostazione grafica, tale da consentire la rilettura degli stenoscritti e la corrispondente traduzione in lingua italiana Sanno comprendere i testi stenografati Sanno stenografare sotto dettatura brani di vario genere 'I i Dattilografia: Conoscono gli elementi costitutivi, l'uso dei vari dispositivi ed il funzionamento dei tasti operativi del computer Sanno usare in modo razionale la tastiera alfanumerica del PC Sanno impaginare brani di vario genere con l'applicazione delle principali norme dattilografiche Hanno acquisito abilità fondamentali quali la precisione, l'ordine e la velocità Hanno acquisito e sanno applicare le fondamentali competenze orientate alla risoluzione di problemi, alla gestione delle informazioni, alla capacità di operare su dati, di rielaborarli ed organizzarli, sfruttando le potenzialità delle apparecchiature Conoscono ed usano le principali funzioni dei software Word, Excel, Power Point, con relativa produzione di documenti e sanno utilizzare Internet e la Posta Elettronica. EDUCAZIONE FISICA Sono consapevoli del percorso effettuato per consegmre il miglioramento delle seguenti capacità: tono muscolare - scioltezza articolare - coordinazione - resistenza Sanno utilizzare le proprie qualità fisiche in modo adeguato alle diverse situazioni motorie Sanno mettere in pratica le norme di comportamento idonee ad una buona socializzazione Conoscono le principali regole tecniche di alcuni giochi sportivi i,i RELIGIONE Sanno cogliere il fatto religioso nella storia quotidiana, individuale e sociale Sanno esprimersi con un linguaggio adeguato Sanno istituire paragoni critici tra le conoscenze e la propria esperienza per una comprensione della complessità del reale e dell'esistenza 12

13 7. MODALITÀ DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ''i So lv in Metodo induttivo Lavoro di ru o Discussione uidata Simulazioni Materiale audiovisivo X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X -- STRUMENTI DI VERIFICA UTILIZZA TI Interrogazione lun a X X X X X X Interrogazione breve X X X X Griglia di osservazione X Prova di laboratorio X X Tema o roblema X Questionario X X X X X X Relazione Esercizi X X X X X X Interventi spontanei e/o X X X X X sollecitati 13

14 8. ESPLICITAZIONE DEI CRITERI COMUNI PER LA CORRISPONDENZA TRA VOTI E LIVELLI DI CONOSCENZA E ABILITÀ i I Rifiuta di sottoporsi a una prova appositamente facilitata (non si fa interrogare o non svolge il compito assegnato) Contenuti totalmente mancanti (come sopra) in una prova di normali difficoltà. Contenuti molto ridotti o travisati Contenuti parziali, con inesattezze, o confusi Competenze molto limitate che ostacolano la comprensione da parte dell'interlocutore Esposizione incerta, con errori di morfologia e sintassi. Lessico talvolta improprio. Applicazione delle conoscenze difficoltosa Contenuti limitati, ma essenziali Contenuti di una certa ampiezza, chiari e articolati Espressione caratterizzata dalla presenza di qualche errore morfo-sintattico. Lessico un po' povero. Applicazione delle conoscenze solo in contesti noti Struttura sintattica semplice, ma corretta. Lessico adeguato. Limitata ad un argomento circoscritto. Articolazione dei contenuti solo conseguente all'intervento di stimolo da parte del docente Correlazioni e confronti spontanei, abbastanza articolati e precisi 9/10 Contenuti esaustivi ed arricchiti da conoscenze personali Esposizione fluida ed efficace, con utilizzo di un lessico preciso e diversificato Applicazione in contesti nuovi Rielaborazione personale dei contenuti, capacità di operare confronti e di approfondire gli argomenti autonomamente 14

15 9. RAPPORTO TRA VALUTAZIONE IN DECIMI E IN QUINDICESIMI Il Consiglio di Classe ha adottato la seguente scala di corrispondenza punti/voti per le valutazioni delle prove scritte e orali: 9:0: voto:o:l O 15 8:0: voto<9 14 7, , IO 5, , , , I 10. ATTIVITA' INTEGRATIVE ED EXTRACURRICOLARI Partecipazione alla rappresentazione teatrale "Sei Personaggi in cerca di autore" dal romanzo di L. Pirandello c/o il teatro Carcano. Partecipazione all'incontro con la scrittrice A Ferrari che ha raccontato l'esperienza della sua vita di persona affetta da sclerosi multipla. Partecipazione all'incontro sulla prevenzione oncologica "Sapere, Capire, Prevenire". Promosso dall'associazione ALP Ciclo di lezioni su!'"europa ed i giovani" Incontro con l'associazione "Libera"su "I beni confiscati alla mafia" c/o Informa giovani di Sesto S. Giovanni Un incontro su" Il disastro del Vajont" c/o la Camera di Commercio Incontro-lezione sul Giappone Attività di orientamento in uscita alle quali la classe ha partecipato: 1. Progetto Giovani e Lavoro di Esagono orientamento Afol Nord Milano: a. Analisi del mercato del lavoro con particolare attenzione al contratto di apprendistato, Alternanza Scuola Lavoro, Tirocinio. b. La costruzione del CV 2. Salone dello Studente presso La Fabbrica del Vapore 3. Open day presso Università Bicocca 4. Salone del Risparmio presso università Bocconi. 15

16 11. GRIGLIE DI VALUTAZIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA,, I \ J,! Ti o O!!ia A I Correttezza espressiva (ortografia, morfologia, sintassi, lessico) 2 Pertinenza delle risposte rispetto ai quesiti posti 3 Capacità di analisi del testo 4 Qualità dell'approfondimento relativo alla contestualizzazione storico-letteraria Ti 1ologia B 1 Correttezza espressiva (ortografia, morfologia, sintassi, lessico) 2 Pertinenza rispetto alla traccia e alla tipologia di testo scelta dal candidato (articolo o saggio) 3 Capacità di argomentazione e rielaborazione sulla base degli opportuni documenti e riferimenti 4 Coerenza e coesione complessiva sul piano logico-espositivo Ti io ogrn C e D 1 Correttezza espressiva (ortografia, morfologia, sintassi, lessico) 1 i 2 Pertinenza alla traccia 3 Spessore concettuale relativo alla quantità, qualità e originalità delle considerazioni e i, argomentazioni!' 4 Coerenza complessiva sul piano logico-espositivo Ottima 5 Buona 4 Sufficiente 3 Insufficiente 2 Grav. Insufficiente 1 Sufficiente 2 Insufficiente 1 Ottima 5 Buona 4 Sufficiente 3 Insufficiente 2 Grav. Insufficiente I Buona 3 Sufficiente 2 Insufficiente I Ottima 5 Buona 4 Sufficiente 3 Insufficiente 2 Grav. Insufficiente I Sufficiente 2 Insufficiente I Ottima 5 Buona 4 Sufficiente 3 Insufficiente 2 Grav. Insufficiente I Buona 3 Sufficiente 2 I Ottima 5 Buona 4 Sufficiente 3 Insufficiente 2 Grav. Insufficiente I Sufficiente 2 Insufficiente I Ottima 5 Buona 4 Sufficiente 3 Insufficiente 2 Grav. Insufficiente I Buona 3 Sufficiente 2 Insufficiente I il I I li " 16

17 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITIA TECNICA PROFESSIONALE - AMMINISTRATIVA INDICATORI 1) ADERENZA ALLE RICHIESTE DELLA TRACCIA 2) COMPLETEZZA DELLO SVOLGIMENTO... 3) SVILUPPO LOGICO ED ORGANICO DEGLI ARGOMENTI 4) UTILIZZO LINGUAGGIO TECNICO APPROPRIATO. 5) PRECISIONE CALCOLI E DATI ASSUNTI... 1) ADERENZA ALLE RICHIESTE DELLA TRACCIA Non riconosce le richieste della traccia.... Fraintende in parte il testo Comprende i quesiti posti dal tema.... Comprende rigorosamente ciò che il testo propone..... Punti massimi assegnabili o ) COMPLETEZZA DELLO SVOLGIMENTO Consegna il foglio in bianco O Elenca solo alcune nozioni attinenti la traccia Sviluppa il tema non completamente ed in maniera essenziale 2 Sviluppa il tema quasi interamente Sviluppa completamente i contenuti ) SVILUPPO LOGICO ED ORGANICO DEGLI ARGOMENTI Elenca nozioni molto scarse con salti logici ,5 Cerca relazioni logiche tra i contenuti esposti... 1 Organizza i contenuti esposti Organizza i contenuti esposti mostrando capacità di collegamento 3 4) UTILIZZO LINGUAGGIO TECNICO APPROPRIATO Si esprime in maniera'molto confusa... 0,5 Si esprime in modo poco chiaro e non tecnico Si esprime usando una terminologia tecnica corretta... 2 Si esprime con linguaggio tecnico essenziale ) PRECISIONE CALCOLI E DATI ASSUNTI Non riesce ad impostare il problema O Imposta il problema ma non lo risolve correttamente Imposta il problema con dati coerenti e lo risolve correttamente 2 PUNTI IN QUINDICESIMI GRAVEMENTE INSUFFICIENTE INSUFFICIENTE SUFFICIENTE DISCRETO BUONO OITIMO

18 GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE TERZE PROVE Voti x/15 Conoscenza dei contenuti Comunicazione e/o applicazione Rielaborazione Rifiuta di sottoporsi ad una prova appositamente... facilitata Contenuti quasi inesistenti in una prova di normale 5-6 difficoltà "... Contenuti molto ridotti e Competenze assai limitate, comunque in gran parte tali da ostacolare la 7-8 travisati comprensione da parte dell'uditore... '... "... Contenuti parziali, con Esposizione incerta, con vari numerose inesattezze o in errori di morfologia e/o ogni caso confusi sintassi. Lavoro a volte improprio. Applicazione 9 delle conoscenze difficoltosa Contenuti limitati Espressione caratterizzata da Limitata ad un argomento circoscritto. all'essenziale limitati errori morfo- Rielaborazione solo conseguente a interventi di sintattici. Lessico piuttosto indirizzo e di guida da parte del docente semplice. Applicazione delle conoscenze solo in contesti noti. Contenuti di una certa Struttura sintattica semplice, Correlazioni sen1plici e confi onti ampiezza, sufficiente1nente ma sostanzialn1ente corretta. sufficientemente articolati e pertinenti articolati. Lessico accettabile. Sicurezza nell'applicazione delle conoscenze. Contenuti articolati e Esposizione chiara. Lessico Correlazioni e confronti pertinenti, nonché completi corretto. Capacità di chiaramente motivati. 14 orientamento nel/1applicare le conoscenze a contesti nuovi. 15 Contenuti esaustivi ed Esposizione fluida ed Rielaborazione personale dei contenuti. Capacità eventualmente arricchiti da efficace, con un utilizzo di di operare confronti e di approfondire gli qualche conoscenza lessico ap[jropriato e argon1enti. Qualche giudizio o valutazione personale diversificato. Applicazione personale e 1notivata. anche in contesti nuovi. 18

19 Candidato Griglia per la conduzione e la valutazione del colloquio Classe 5 " Argomenti Indicatori Punteggio Punteggio massimo attribuito Argomento/progetto/tesina/ Consapevolezza 5 software/video Conoscenze sviluppate proposto dal candidato Ampiezza Ricchezza Qualità Collegamenti a.conoscenze Tematiche disciplinari disciplinari,competenze IO professionali: completezza approfondimento contestualizzazione b.capacità di 6 rielaborazione: analisi sintesi collegamenti approfondimenti e spunti personali e.capacità espositive: 6 padronanza della lingua e dei linguaggi specifici coerenza argomentativa ricchezza e vivacità espositiva Discussione prove scritte Autocorrezione 3 Approfondimento VALUTAZIONE COMPLESSIVA 130 I COMMISSARI IL PRESIDENTE 19

20 ---,oc----- ~~~ ,, ALLEGATO N. 1 CONTENUTI DISCIPLINARI PROGRAMMA SVOLTO Materia: ITALIANO Classe V AP - A.s. 2013/2014 Insegnante: Margherita Lamon ccc, 1. LA CULTURA POSITIVISTA E LE SUE IMPLICAZIONI LETTERARIE A. Il naturalismo francese (caratteri generali) B. Il verismo italiano (caratteri generali) C. Confronto tra Naturalismo francese e Verismo italiano i : Letture antologiche Edmond e Jules de Goncourt Da "Germinie Lacerteux": Prefazione Emile Zola Prefazioni a "Thérèse Raquin" e al ciclo dei "Rougon-Macquart" Da "L'Assommoir": L'alcol inonda Parigi Da "Il romanzo sperimentale": Lo scrittore come "operaio" del progresso sociale 2. GIOVANNI VERGA E IL VERISMO ITALIANO A. Giovanni Verga: vita e opere (in sintesi) B. Le diverse fasi della produzione letteraria di Verga C. L'approdo al verismo; il canone dell'impersonalità; l'ideologia D. Le tecniche narrative: straniamento e regressione Letture antologiche Da "Vita dei campi": Rosso Malpelo Da "I Malavoglia": fl mondo arcaico e /'irruzione della storia Il coro del paese. I Malavoglia e la comunità del villaggio n vecchio e il giovane: tradizione e rivolta La conclusione del romanzo: l'addio al mondo pre-moderno Da "Novelle rusticane": La roba Da "Mastro-don Gesualdo": La tensione faustiana del self-made man 3) LA CRISI DELLA RAGIONE, NUOVI MODELLI PER L'INDAGINE CONOSCITIVA, IL DECADENTISMO A. La crisi dell'ottimismo positivistico B. La sensibilità decadente C. I letterati e la società borghese D. Le poetiche della lirica: il poeta maledetto, decadenza, estetismo, simbolismo, il poeta veggente 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli