ESAME DI STATO. Documento del Consiglio di Classe 5 A Tecnico Aziendale. Anno scolastico 2011/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO. Documento del Consiglio di Classe 5 A Tecnico Aziendale. Anno scolastico 2011/2012"

Transcript

1 I.I.S. V. FLORIANI Via B. Cremagnani, 18 Vimercate (MI) SEZIONI ASSOCIATE: I.P.I.A. VIMERCATE Via B. Cremagnani, Vimercate (MI) tel fax e. mail I.P.C.T. A. OLIVETTI Via Adda, Vimercate (MI) tel fax e. mail ESAME DI STATO Documento del Consiglio di Classe 5 A Tecnico Aziendale Anno scolastico 2011/2012 AFFISSO ALL ALBO DAL 15/05/2012 Protocollo 1

2 I N D I C E PROFILO DELL INDIRIZZO PRESENTAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PROFILO DELLA CLASSE, INTERVENTI E STRATEGIE DI RECUPERO LAVORI DI RICERCA PRESENTATI DAGLI ALLIEVI INIZIATIVE COMPLEMENTARI INTEGRATIVE (PEC) ATTIVITA ORIENTAMENTO PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE MODALITA DI LAVORO, MEZZI E STRUMENTI, SPAZI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI: TIPOLOGIA E STRUMENTI DI VERIFICA CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO VALUTAZIONE STAGE FOGLIO FIRME ALLEGATI TERZA AREA PROFESSIONALIZZANTE CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA DISCIPLINARI SIMULAZIONI DELLE PROVE D ESAME Pag. 2/54

3 ISTITUTO STATALE d ISTRUZIONE SUPERIORE V. FLORIANI ISTITUTO PER I SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI SOCIALI A. OLIVETTI Vista la legge 425/97; Visto il regolamento all art. 5 (Esami di Stato) Il Consiglio di classe redige il seguente DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 A T.A. SEDE DI VIA ADDA I.P.S.C.T. ADRIANO OLIVETTI PROFILO DELL'INDIRIZZO "TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE" Il TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE possiede competenze polivalenti e flessibili, derivanti da interventi formativi finalizzati allo sviluppo di un'ampia cultura di base e di abilità logico-espressive, che gli consentono di essere elemento attivo e consapevole nel sistema aziendale. E' capace di: percepire problemi controllare situazioni complesse, situazioni non note individuare soluzioni governare processi reperire informazioni e strumenti per risolvere problemi comunicare anche con strumenti informativi percepire la necessità di aggiornamento e auto aggiornamento anche nell'ottica di affrontare il nuovo in modo interattivo Pag. 3/54

4 1. CONSIGLIO DI CLASSE La Regione Lombardia ha promosso un accordo tra l IIS Floriani di Vimercate con i CFP Santa Chiara di Stradella e ENAIP di Milano per accompagnare gli studenti inseriti nei corsi annuali dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale all acquisizione del diploma di Stato per l anno scolastico 2011/12. Ciò ha previsto l assegnazione, in data 3 febbraio 2012, da parte dell Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, all Istituto Floriani, degli studenti del CFP SantaChiara e dell ENAIP, in articolazione con gli studenti della classe 5A dell IIS Floriani, Pertanto, la classe dell istituto professionale statale cui sono assegnati i candidati provenienti dai due CFP risulta così articolata: La classe 5A CLASSE 5 A IIS FLORIANI 1 Avdibegovic Arnela 2 Biffi Linda 3 Chitache Imane 4 Corapi Veronica 5 Cubaj Mirsela 6 Derrag Fedwa 7 Di Berardino Sabrina 8 Errady Sana 9 Galante Veronica 10 Lorenzano Rita 11 Mazzilli Mirko 12 Mazzola Valentina 13 Perego Matteo 14 Prandi Martina 15 Pugi Amanda Valentina 16 Ronchi Chiara 17 Tassia Marco 18 Toniolo Natalia 19 Youssi Maria CLASSE 5 SANTACHIARA 1 Barbieri Beatrice 2 Barlocchi Dalila 3 Cherrah Rabha 4 Di Caccamo Dijana 5 Felice Valentina 6 Filippo Vanessa 7 Martignoni Federico 8 Melpignano Gaia 9 Moroni Gianmarco 10 Nikkolaj Rotilda 11 Petrelli Debora Pag. 4/54

5 12 Pro Novarini Jessica 13 Quinterio Sabina 14 Tarascio Desiderata 15 Zaica Cristina CLASSE VA ENAIP MILANO 1 Benetello Leonardo Salvatore 2 Boscaino Alessandra 3 Diozzi Fabio 4 Fanti Mara 5 Fava Gianni Germano 6 Lauria Giulia 7 Lissi Chiara 8 Moreno Segura Carlos Rafael 9 Rasi Alessandra 10 Rossini Alice Gloria Luigia 11 Stringaro Laura 12 Tartaglia Nicola 13 Tragni Lucrezia 14 Trapani Giada 15 Truglio Francesca 16 Vitulano Luigia Pag. 5/54

6 CLASSE VA IIS FLORIANI 1.1 Elenco docenti Materia Docente Continuità didattica nel biennio post-qualifica SI NO Italiano Storia CURATOLI Rosa X Matematica LOMBARDI Carmen X Inglese SIMONINI Elisabetta X Economia d azienda e laboratorio PEPPARONI Michela GUARNERI Maria Luciana X X Diritto ed Economia GIUSTI Francesco X Informatica IANNÌ Salvatore X Educazione fisica CARTAGO Andrea X Religione DE SALVADOR Giancarla X Area di professionalizzazione Sostegno PEPPARONI Michela (referente) BARLASSINA Lorena CASTIGLIONE Francesca X X X 1.2 Elenco alunni Cognome e Nome dalla 4^ATA AVDIBEGOVIC ARNELA X BIFFI LINDA X CHITACHE IMANE X CORAPI VERONICA X CUBAJ MIRSELA X DERRAG FEDWA X DI BERARDINO SABRINA X ERRADY SANA X GALANTE VERONICA X LORENZANO RITA X dalla 5^ATA da altri istituti allievi ritirati Pag. 6/54

7 MAZZILLI MIRKO X MAZZOLA VALENTINA X PEREGO MATTEO X PRANDI MARTINA X PUGI AMANDA X RONCHI CHIARA X TASSIA MARCO X TONIOLO NATALIA X YOUSSI MARIA X Pag. 7/54

8 2. PROFILO DELLA CLASSE 2.1 Risultati dello scrutinio finale classe 4 At.a. n. studenti classe 4 A.T.A. n. promossi n. promossi con sospensione giudizio n. non promossi n. ritirati Sospensione giudizio Italiano Storia Materia n. alunni al termine della classe 4^ Matematica 2 Inglese Economia d azienda e laboratorio Area professionalizzante Diritto ed Economia 1 Informatica Geografia Educazione fisica Religione 2.3 Relazione a cura del coordinatore La classe, composta da 19 alunni di cui due inseriti quest anno provenienti da altri istituti, ha sempre avuto un comportamento adeguato, ma poco attivo e propositivo nei confronti dell attività didattica, anche se la partecipazione e l impegno sono migliorati durante l anno a seguito delle sollecitazioni dei docenti. Un gruppo di alunni, non avendo ancora un valido metodo di studio e presentando delle lacune nella preparazione, ha avuto difficoltà ad affrontare il lavoro proposto dai docenti e si è mostrato poco costante nella partecipazione e nell impegno: in particolare tre ragazzi hanno evidenziato qualche lieve difficoltà, mentre per altri cinque si sono registrate diffuse valutazioni negative di cui sono regolarmente state informate le famiglie. La motivazione di tali insufficienze, pur nelle differenze individuali, è riscontrabile solo per alcuni nella presenza di lacune pregresse e difficoltà di astrazione, mentre per gli altri nella discontinuità dell impegno e nell incapacità di organizzare il proprio tempo di studio in modo proficuo. Il resto della classe ha partecipato sempre con impegno, riportando soddisfacenti valutazioni in tutte le discipline, grazie a buone doti espressive e un valido metodo di studio. Pag. 8/54

9 Nella classe sono presenti, infine, tre alunni portatori di disabilità per i quali è stato approvato, in continuazione con gli anni precedenti, un PEI per obiettivi minimi ministeriali. Inoltre, durante l anno, a due di loro, come previsto dalla normativa vigente, per la verifica della comprensione degli argomenti sono state somministrate prove equipollenti atte a valutare un livello di conoscenza sufficiente per il raggiungimento degli obiettivi minimi. Si chiede pertanto alla commissione di elaborare prove equipollenti in sostituzione delle prove ministeriali e della terza prova strutturata per il resto della classe. La partecipazione e l impegno di questi alunni è stata costante e i risultati apprezzabili. 2.4 Interventi di recupero effettuati durante la classe 5^ Materia Recupero pomeridiano Recupero in itinere Sportello help Italiano x Storia x Matematica x x Inglese x x Economia d azienda e laboratorio x x Diritto ed Economia x Informatica x Educazione fisica x Religione 2.5 Strategie per il recupero in itinere Italiano Storia Matematica Inglese Obiettivi produrre testi scritti corretti e organizzati acquisire coscienza della centralità della revisione nel quadro della scrittura saper utilizzare strumenti di lavoro e di studio utilizzo corretto dei termini storici consolidare costruzioni concettuali e abilità di calcolo relazionare con scioltezza su argomenti in ambito aziendale redigere coerentemente lettere commerciali Metodi e strumenti lavoro guidato supplementare e parallelo a quello di classe testi di tipo argomentativo esercizi di comprensione, sintesi, riepilogo recupero di termini e concetti precedentemente trattati esercizi guidati, spiegazioni individuali lavoro guidato, spiegazioni individuali, revisione orale degli argomenti trattati Pag. 9/54

10 Economia d azienda e laboratorio Diritto ed economia Informatica acquisizione di strumenti necessari per trattare il modulo relativo alla stesura del bilancio d esercizio acquisizione e perfezionamento di un linguaggio tecnico adeguato conoscenza dei caratteri essenziali e distintivi degli istituti giuridici e delle tematiche economiche conoscenza delle problematiche di base legate all argo-mento trattato conoscenza degli strumenti Hw e Sw connessi all argomento trattato uso corretto del linguaggio tecnico lezioni frontali, esercitazioni lavoro guidato lezioni partecipative lavoro guidato supplementare e parallelo esercizi di sintesi schematizzazione e problem solving lavoro guidato, a piccoli gruppi o individuale, di recupero di termini e concetti precedentemente trattati brevi verifiche orali 2.6 Lavori di ricerca presentati dagli allievi Cognome Nome Titolo AVDIBEGOVIC ARNELA La guerra nella ex Jugoslavia BIFFI LINDA Marketing mix CHITACHE IMANE Commercio elettronico CORAPI VERONICA E tempo di crisi CUBAJ MIRSELA I limiti sono fatti per essere superati DERRAG FEDWA Le innovazioni tecnologiche DI BERARDINO SABRINA L Inghilterra ERRADY SANA Il mercato del lavoro GALANTE VERONICA La celiachia LORENZANO RITA L emancipazione femminile MAZZILLI MIRKO Internet e-commerce MAZZOLA VALENTINA La vita è PEREGO MATTEO Il tabacco PRANDI MARTINA I paradisi fiscali PUGI AMANDA L automobile: se non ci fosse bisognerebbe inventarla RONCHI CHIARA La criminalità informatica TASSIA MARCO La responsabilità sociale d impresa TONIOLO NATALIA La Russia YOUSSI MARIA Il commercio internazionale Pag. 10/54

11 3. INIZIATIVE COMPLEMENTARI INTEGRATIVE (PEC) Uscite didattiche Viaggio di istruzione a Parigi dal 23/02/12 al 27/02/12 Partecipazione allo spettacolo teatrale Sei personaggi in cerca d autore di L. Pirandello presso il Teatro Carcano, Milano il 20 aprile Visita al Centro Trasfusionale di Limbiate Piccola e media impresa day Canali S.p.a. di Sovico (24/11/11) Stage Presso Aziende private Dal 6/02/12 al 18/02/12 Progetti d istituto Incontro GI Group su Giovani e lavoro Fisco e scuola Incontro su Didattica orientativa Corso giovani e impresa solo parte della classe (dal 17 al 20 aprile) Progetto orientamento Qrbita ATTIVITA DI ORIENTAMENTO SVOLTE DALLA CLASSE DURANTE L ANNO SCOLASTICO Si è svolto il progetto Giovani e lavoro, percorso formativo per favorire un approccio ai temi del lavoro e dell imprenditorialità e un confronto con la realtà economica del territorio. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con GI Group, e la Confindustria di Monza e Brianza. Il percorso si è articolato attraverso alcuni moduli tra i quali: Il mercato del lavoro sul territorio attraverso la conoscenza del mercato del lavoro in Lombardia e del territorio di riferimento, dei dati occupazionali, settori aziendali e relative mansioni; Tecniche e strumenti per la ricerca del lavoro selezionando le strategie e le tecniche di accesso al mondo del lavoro con l intento di operare con gli stessi; Stili comunicativi con particolare riferimento alla comunicazione in azienda e sul posto di lavoro. Pag. 11/54

12 4. PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE OBIETTIVI 4.1 Obiettivi trasversali Formativi-comportamentali capacità di autocontrollo, ascolto e di affrontare situazioni parzialmente note capacità di approcciarsi alle problematiche sociali e al mondo del lavoro capacità di programmare il proprio impegno su un arco di tempo ampio, rispettando le scadenze Cognitivi sviluppo delle capacità deduttive consolidamento delle capacità di assumere informazioni, collegare i dati in base a criteri definiti capacità di riattivare nozioni precedentemente apprese consolidamento delle capacità di collegare le informazioni e operare confronti tra contenuti e aree disciplinari capacità di utilizzare dati e procedure per la soluzione dei problemi capacità di approfondire e riorganizzare in modo personale alcuni dei contenuti appresi uso pertinente e padronanza dei codici capacità di leggere, redigere e interpretare testi e documenti capacità di documentare il proprio lavoro 4.2 Obiettivi comuni dell Area Linguistico-Storico-Letteraria Discipline: Italiano, Storia, Inglese, Educazione fisica Saper comprendere (decodificare) ed esprimere (codificare) linguaggi corporei, grafico iconici, verbali Saper produrre testi scritti e orali corretti, diversificati secondo gli scopi, le situazioni, i destinatari, organizzando logicamente le informazioni assunte e seguendo procedure codificate Pag. 12/54

13 Saper contestualizzare testi letterari e professionali Saper individuare nell ambito della conoscenza storica del secolo XX permanenze e mutamenti relativi ai contesti socio-culturali di riferimento Saper utilizzare lessico specifico e tecnico 4.3 Obiettivi comuni dell area tecnologico d indirizzo Discipline: Economia d azienda e laboratorio, Diritto ed economia, Matematica, Informatica Saper comprendere (decodificare) ed esprimere (codificare) linguaggi grafico iconici, verbali Saper produrre testi scritti e orali corretti, diversificati secondo gli scopi, le situazioni, i destinatari, organizzando logicamente le informazioni assunte e seguendo procedure codificate Saper utilizzare testi tecnici e professionali Saper applicare le conoscenze tecniche con riferimento allo specifico profilo professionale di riferimento Saper utilizzare lessico specifico e tecnico Saper effettuare scelte e prendere decisioni per risolvere semplici casi pratici utilizzando le informazioni opportune Pag. 13/54

14 5. MODALITA DI LAVORO 5.1 Metodi italiano storia matematica inglese economia d azienda diritto ed e- conomia informatica educazione fisica religione Lezione frontale Lezione partecipata X X X X X X X X X X X X X X X X X X Problem solving X X X X Discussione guidata X X X X X X Simulazioni Role play X X Metodo induttivo Esercitazione pratica X X X X Pag. 14/54

15 5.2 Mezzi e strumenti italiano storia matematica inglese economia d azienda diritto ed e- conomia informatica educazione fisica religione Fotocopie e appunti Computer e cd-rom X X X X X X X X X X X X X Video- Registratore o video proiettore X X X Registratore X X X 5.3 Spazi italiano storia matematica inglese economia d azienda diritto ed e- conomia informatica educazione fisica religione Palestra X Aula multifunzione Laboratorio Informatica X X X X X X Pag. 15/54

16 6. VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI 6.1 Criteri di valutazione a. Livello della partecipazione: capacità dello studente di relazionarsi con la vita della classe e di contribuire al dialogo educativo Indicatori: attenzione precisione nel mantenere gli impegni puntualità richieste di chiarimenti e proposte costruttive disponibilità alla collaborazione con il docente e i compagni b. Livello dell impegno: linea di tendenza prevalente nel comportamento dello studente rispetto ai requisiti del suo ruolo Indicatori adempimento dei doveri di studio esercizio della volontà adesione e partecipazione alle attività complementari ed integrative c. Metodo di studio: capacità dello studente di organizzare il proprio lavoro Indicatori: organizzazione dell apprendimento di una disciplina, di un argomento criteri delle scelte selettive operate dallo studente organizzazione dello studio d. Profitto: valutazione degli obiettivi cognitivi raggiunti Indicatori: conoscenza comprensione applicazione analisi sintesi autonomia di giudizio uso del linguaggio Pag. 16/54

17 6.2 Strumenti di verifica: tipologia italiano storia matematica inglese economia d azienda diritto ed economia informatica educazione fisica religione Interrogazione X X X X X X X Prova di laboratorio X X Relazione Componimento e/o esercitazione scritta X X X X Prova strutturata e semistrutturata X X X X X X X Soluzione di casi X X Prova pratica X X Pag. 17/54

18 6.3 Prove strutturate: varie tipologie di esercizi italiano storia matematica inglese economia d azienda diritto ed economia informatica educazione fisica religione test V/F X X X X esercizi di correlazione esercizi di completamento X X X X X X X Tabelle modelli grafici X X X Mappe Trattazione sintetica di argomenti domande a risposta singola domande a risposta multipla problemi a soluzione rapida X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X casi pratici e professionali X X Pag. 18/54

19 6.4 Esplicitazione dei livelli di sufficienza a. Partecipazione sostanzialmente positiva, ma da sollecitare b. Impegno sostanzialmente positivo, pur con qualche riserva in ordine all esercizio della volontà e alla continuità nell adempimento dei doveri di studio: accettabile c. Metodo di studio sostanzialmente positivo, anche se non sempre organizzato d. Profitto Conoscenza: Comprensione: Applicazione: Analisi: Sintesi: Autonomia di giudizio: Uso del linguaggio: completa, ma non approfondita ha compreso il significato e le relazioni semplici ed essenziali, che spiegano concetti, meccanismi, fatti utilizza correttamente gli elementi basilari (conoscenza e comprensione) in situazioni non molto diverse da quelle note è in grado di scomporre un contenuto, concetto, fenomeno nei suoi costituenti fondamentali e indi-vidua le relazioni più semplici tra i singoli elementi riconduce ad un unità organica gli elementi più semplici e fondamentali di un contenuto, concetto, fenomeno se guidato, valuta in modo oggettivo situazioni anche complesse semplice, non sempre appropriato, ma senza gravi errori che compromettano la comprensione del pensiero e la specificità del contenuto, concetto, fenomeno 6.5 PREDETERMINAZIONE DELLE CORRISPONDENZE TRA VOTI E LIVELLI DI CONOSCENZA E DI ABILITA' Voto Conoscenza Competenza Capacità 1-2 Non verificabile Non verificabile Non verificabile 3 4 Scarsa: l'alunno non conosce gli argomenti Lacunosa : l'alunno conosce in modo frammentario alcuni semplici argomenti Scarsa: l'alunno commette gravi errori Lacunosa: l'alunno commette gravi errori Scarsa : l'alunno non sa applicare semplici regole a casi noti Lacunosa: l'alunno: non riesce ad applicare le conoscenze a situazioni nuove non e' in grado di effettuare alcuna analisi Pag. 19/54

20 5 Mediocre: l'alunno conosce gli argomenti in modo frammentario e superficiale Mediocre: l'alunno commette errori nell' esecuzione di compiti semplici non sa sintetizzare le limitate conoscenze acquisite Mediocre: l'alunno: sa applicare la conoscenza in compiti semplici ma commette errori è in grado di effettuare analisi parziali è in grado di effettuare una sintesi parziale ed imprecisa Sufficiente: l'alunno conosce gli argomenti in modo completo se pur non approfondito Discreta: l alunno conosce gli argomenti in modo completo ed approfondito Ottima: la conoscenza è coordinata ed ampliata Eccellente: la conoscenza è coordinata ed ampliata Sufficiente: l'alunno non commette errori nell'esecuzione di compiti semplici Discreta: l alunno commette errori nell esecuzione di compiti complessi ma incorre in imprecisioni Ottima: l alunno non commette errori né imprecisioni nella risoluzione dei problemi Eccellente: in quanto l alunno risolve in modo autonomo e preciso le problematiche Sufficiente: l'alunno : sa applicare la conoscenza in compiti semplici senza errori è in grado di effettuare analisi complete ma non approfondite è in grado di effettuare sintesi se guidato Discreta: l alunno: sa applicare i contenuti e le procedure acquisite anche in compiti complessi ma con imprecisioni è in grado di effettuare analisi complete ed approfondite se pur con aiuto ha acquisito autonomia nella sintesi ma restano incertezze Ottima: l alunno: applica le procedure e le conoscenze in problemi nuovi senza errori ed imprecisioni ha padronanza nel cogliere gli elementi di un insieme e nello stabilire nessi e relazioni comincia ad organizzare in modo autonomo e completo le conoscenze e le procedure acquisite Eccellente: in quanto l alunno evidenzia completa autonomia nella capacità di analisi, sintesi ed applicazione, arricchendola anche con apporti personali Pag. 20/54

21 6.6 Griglia di corrispondenza tra voto e punteggio per le prove strutturate Voto Punteggio Voto Punteggio Voto Punteggio Voto Punteggio % % 1 ½ % 1/ % % % 2 ½ % 2/ % % % 3 ½ % 3/ % % % 4 ½ % 4/ % % % 5 ½ % 5/ % % % 6 ½ % 6/ % % % 7 ½ % 7/ % % % 8 ½ % 8/ % % % 9 ½ % 9/ % % PERCENTUALE = PUNTEGGIO STUDENTE x 100 PUNTEGGIO TOTALE 6.7 Criteri per l attribuzione del credito scolastico Per l'attribuzione del credito scolastico si è stabilito di suddividere il punto secondo la tabella sotto indicata: CREDITO SCOLASTICO PUNTI 0,5 Partecipazione all'attività didattica Partecipazione alla vita scolastica e ad attività complementari Partecipazione attiva alla terza area con giudizio buono CREDITO FORMATIVO PUNTI 0,5 Attività culturali Attività sportive Attività lavorative Attività artistiche Volontariato Conseguimento della patente europea N.B. Per quanto riguarda il credito formativo, si fa presente che nello stesso anno scolastico il punteggio assegnato ad ogni certificazione sarà di 0,5 ; questo punteggio andrà ad incrementare il credito scolastico ma, comunque, non potrà modificare la fascia del credito scolastico (prevista per legge) in cui si colloca la media dei voti riportata. Se dopo l attribuzione del credito formativo, i decimi della media dei voti del credito scolastico saranno superiori allo 0,5 (es. 6,51-7,8-8,99) verrà attribuito il punteggio massimo previsto dalla fascia d appartenenza; invece se i decimi della media dei voti sarà inferiore o uguale allo 0,5 (es.6,50 7,3 8,1 ), verrà attribuito il punteggio minimo previsto dalla fascia d appartenenza. In presenza di provvedimenti disciplinari e altri rilievi negativi non si procede all'attribuzione del credito. Pag. 21/54

22 I docenti del Consiglio di Classe Materia Docente Firma Italiano Storia Matematica Inglese Economia d azienda e laboratorio Diritto ed Economia Informatica Educazione fisica Religione Sostegno Area di professionalizzazione CURATOLI Rosa LOMBARDI Carmen SIMONINI Elisabetta PEPPARONI Michela GUARNERI Maria Luciana GIUSTI Francesco IANNÌ Salvatore CARTAGO Andrea DE SALVADOR Giancarla BARLASSINA Lorena CASTIGLIONE Francesca PEPPARONI Michela (referente) Alunni rappresentanti di classe BIFFI Linda PEREGO Matteo Vimercate, 15 maggio 2012 Pag. 22/54

23 ALLEGATO ORIENTAMENTO AL LAVORO 1. IMPRESA SIMULATA Denominazione della figura professionale: Addetto alle Relazioni Esterne Il corso si poneva i seguenti obiettivi: fornire una panoramica delle discipline che fanno parte della Comunicazione e delle figure che vi lavorano far conoscere le specificità e gli strumenti principali di ogni disciplina, enfatizzandone le finalità e l utilizzo mettere in grado gli studenti di realizzare alcuni degli elementi tipici della Comunicazione dare una visione di cosa vuol dire occuparsi di questi temi, anche attraverso l esperienza di ospiti specializzati in un determinato argomento. Durata del corso e svolgimento Il corso ha avuto una durata di 30 ore, è stato tenuto da due docenti competenti nella Comunicazione (entrambe iscritte all Ordine dei Giornalisti di Milano, oltre che esperte nello svolgimento della professione) Per affrontare al meglio le diverse discipline, il corso è stato diviso in moduli. Inoltre, gli studenti sono stati divisi in due gruppi che fungevano da agenzie di comunicazioni a cui un azienda multinazionale di informatica, interessata ad allargare la sua presenza sul territorio nazionale, ha commissionato una gara per la gestione del budget di comunicazioni. Lavorare come due agenzie, inoltre, aveva lo scopo di familiarizzare gli allievi con il concetto di teamwork, un modo di cooperare molto comune nelle strutture operanti nel mercato reale. Oltre che in classe, gli studenti hanno dovuto realizzare compiti a casa, sempre basati sulla modalità operativa di teamwork. Dopo la prima lezione in cui sono stati presentati i concetti alla base del corso, sono state individuate le caratteristiche di ciascun allievo e, sulla base di queste, creati i due gruppi di lavoro; i ragazzi hanno pensato il nome della propria agenzia e ne hanno sviluppato il logo. Dalla seconda lezione sono iniziati i moduli, ciascuno svolto in più incontri: 1) I professionisti della comunicazione. - Cosa si intende alla voce comunicazione e quali discipline ne fanno parte - Quali le figure, con che caratteristiche - Cos è il piano di comunicazioni 2) I segmenti della comunicazione. - L ufficio stampa. Peculiarità e strumenti. Esercitazioni con realizzazione dei principali strumenti Pag. 23/54

24 - La pubblicità. Cosa identifica, caratteristiche e strumenti. Creazione di un annuncio pubblicitario - Le relazioni esterne. Panoramica degli elementi - gestione eventi, sito internet - con esposizione delle diverse finalità ed esercitazioni - Le promozioni, le sponsorizzazioni e il product placement. Caratteristiche e peculiarità dei diversi argomenti. Esposizione di casi di successo ed esercitazioni - Il marketing. Dal marketing tradizionale al 2.0 passando dal direct marketing - I materiali promozionali. Quali le differenze e come utilizzarli al meglio. Creazione di un esempio - La comunicazione interna. Perché è importante e quanto serve a motivare i dipendenti. Esercizio per informare le maestranze di un cambio di sede - La comunicazione sociale e il CSR (Corporate Social Responsibility). Cos è e cosa può fare per un azienda 3) Il mondo della stampa. - Il mestiere del giornalista e del PR. Differenze e punti in comune - Media training. Come gestire un intervista - Media plan. Cosa sono i mezzi di comunicazione e come diventano un piano integrato 4) Crisis management. - Come identificare una crisi - Come gestire una crisi - Quali azioni pianificare 5) Budget e valutazione ritorni. - Suddividere e integrare quanto assegnato in modo da ottimizzare gli investimenti promozionali e di comunicazione - Ricerche - R.O.I. Per ogni argomento sono state distribuite dispense inerenti il tema della lezione. Presentazione dei lavori Le due agenzie hanno presentato il risultato del loro impegno nel corso di un saggio alla presenza del Preside dell Istituto e di un giornalista della testata locale, oltre che dei docenti interessati e dei compagni della classe 4. Alla fine dell esposizione ogni studente ha ricevuto l attestato di frequenza. Tutti gli allievi hanno superato con successo il corso. 7.3 Voto conclusivo Al momento della pubblicazione del presente i docenti non hanno ancora dato una valutazione agli studenti. In generale la partecipazione è stata attiva e proficua. Potranno essere inseriti manualmente i dati nella seguente tabella Pag. 24/54

25 Fasce di profitto finale Fascia di profitto Ottimo Buono Discreto Sufficiente N. alunni 7.4 Area professionalizzante Ore effettuate 30 Ore previste 30 Pag. 25/54

26 2. STAGE AZIENDALI Abbinamento e Valutazione Alunni/Aziende classe 5^ATA AVDIBEGOVIC Arnela BIFFI Linda CHITACHE Imane CORAPI Veronica CUBAJ Mirsela DERRAG Fedwa COMUNE DI ARCORE Largo Vela,1 ARCORE (MB) BRAND039 S.n.c. di Frigerio Marco & C. Via Cavour, 70 VIMERCATE (MB) GI GROUP S.p.a Piazza Unità d'italia, 2/A VIMERCATE (MB BRAND039 S.n.c. di Frigerio Marco & C. Via Cavour, 70 VIMERCATE (MB) ARCA S.r.l. Via A. Casati, 165 ARCORE (MB) ALESTE RE S.r.l. P.zza Libertà, 33 Trezzo sull'adda OTTIMO BUONO OTTIMO DISCRETO OTTIMO OTTIMO DI BERARDINO Sabrina COMUNE DI ARCORE Largo Vela,1 OTTIMO ERRADY Sana GALANTE Veronica LORENZANO Rita MAZZILLI Mirko MAZZOLA Valentina VAPRIO CASA 99 S.r.l. (STUDIO CASA) Via Dante, 56 TREZZO SULL'ADDA VENDO CASA SOLUZIONI IMMOBILIARI S.r.l. Via Torri Bianche, 10 VIMERCATE (MB) ASS. PROGETTO LAVORO VIMERCATESE Via Cavour, 72 VIMERCATE (MB) COMUNE DI ARCORE Largo Vela,1 VENDO CASA SOLUZIONI IMMOBILIARI S.r.l. Via Torri Bianche, 10 VIMERCATE (MB) OTTIMO BUONO OTTIMO OTTIMO DISCRETO Pag. 26/54

27 PEREGO Matteo PRANDI Martina STUDIO GALLI Consulente del lavoro associati Via Monte Grappa, 60 SOVICO (MB) BRIANZA CARNI S.r.l. Via Como, 126 BRIVIO (LC) PUGI Amanda Valentina MICYS COMPANY S.p.a. Via De Gasperi, 22 RONCHI Chiara TASSIA Marco TONIOLO Natalia YOUSSI Maria CASATENOVO (LC) C.I.M.A S.p.a. Via Piave, 66 BUSNAGO (MB) MSL ITALIA S.r.l. Viale Vittorio Veneto, 22 MILANO COMUNE DI ARCORE Largo Vela,1 DM CONSUL S.r.l. Via Mazzini, 6 TREZZO SULL'ADDA OTTIMO BUONO BUONO BUONO BUONO OTTIMO OTTIMO Vimercate, 15 maggio 2012 Il docente (Pepparoni Michela). Pag. 27/54

28 CONSUNTIVO DELLE ATTIVITA DISCIPLINARI Materia: ITALIANO Ore effettuate: 110 Ore previste: 165 Libro di testo: AAVV LIBERAmente 3 Storia e antologia della letteratura italiana La modernità (dal l 1956) Palumbo editore Autori e Opere Giovanni Verga Contenuti disciplinari Il Naturalismo francese e il Verismo italiano La rivoluzione di Verga: la nascita del romanzo moderno Verga verista: lo scrittore-scienziato e la tecnica dell impersonalità Vita dei campi: Rosso Malpelo La lupa Novelle rusticane La roba La prima pagina dei Malavoglia Modelli culturali Decadentismo e simbolismo La poetica del decadentismo e del simbolismo e le nuove scelte stilistiche ed espressive La nascita della poesia moderna Charles Baudelaire e i simbolisti francesi Le avanguardie: il futurismo C. Baudelaire I fiori del male Corrispondenze L albatro I poeti maledetti A. Rimbaud Vocali Il Futurismo F.L. Marinetti Manifesto Del Futurismo Autori e Opere Giovanni Pascoli Pag. 28/54

29 La vita e le opere Fra regressione e sperimentazione La poetica del fanciullino Il fanciullino Myricae: Temporale Il tuono X agosto Novembre Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno Il tema La donna nella letteratura del Novecento H. Ibsen Casa di bambola: Nora se ne va Una donna: Un iniziazione atroce G. D Annunzio Il piacere: Elena e Maria ( fotocopia) La conclusione del Piacere Il tema La crisi dell individuo nel romanzo europeo del primo novecento Il personaggio inetto Le influenze della psicoanalisi: il disagio della civiltà La dissoluzione dell idea di uno sguardo oggettivo Il linguaggio e le forme narrative F. Kafka La metamorfosi: Lo strano risveglio La morte di Gregor Luigi Pirandello La crisi come condizione esistenziale L umorismo: il contrasto tra forma e vita Le caratteristiche dell arte umoristica La differenza tra umorismo e comicità: la vecchia imbellettata Le novelle Male di luna Il treno ha fischiato C è qualcuno che ride Pag. 29/54

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail PEC rdallanese@liuc.it raffaella.dallanese@odcecmilano.it Nazionalità Italiana Data di nascita 07,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli