LA DELOCALIZZAZIONE PRODUTTIVA: VANTAGGI, RISCHI, LIMITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DELOCALIZZAZIONE PRODUTTIVA: VANTAGGI, RISCHI, LIMITI"

Transcript

1 LA DELOCALIZZAZIONE PRODUTTIVA: VANTAGGI, RISCHI, LIMITI di Fabio TITTARELLI L articolo, oltre a presentare sinteticamente le varie forme in cui si attua la delocalizzazione produttiva, ne sottolinea sia i vantaggi sia i limiti. LA GLOBALIZZAZIONE, PREMESSA ALLA DELOCALIZZAZIONE Circa un ventennio fa veniva coniato un concetto che, successivamente, sarebbe divenuto talmente popolare da essere considerato il principale tratto caratterizzante la nostra attuale epoca: quello di globalizzazione. Con tale accezione (taluni hanno parlato, ma con meno efficacia semantica, di internazionalizzazione) non si intendeva e meno che meno si intende oggi riferirsi a una maggiore apertura dei mercati, o a un accelerazione negli scambi commerciali tra Paesi, oppure a un estensione del liberismo economico a contesti che sino a quel momento ne erano stati esclusi (si pensi, per esempio, ai Paesi dell ex blocco sovietico, che in passato avevano aderito al comunismo). Quanto sopra, semmai, va considerato come una conseguenza della globalizzazione, non la globalizzazione in se stessa. Quest ultima, infatti, rileva un fenomeno assai più complesso, indotto dai notevoli progressi nel campo delle tecnologie della comunicazione, per effetto del quale si è determinato un processo di crescente interdipendenza tra i diversi mercati nazionali, sino a diventare parte di un unico sistema globale. Per rappresentare sinteticamente questo fenomeno si usa riferirsi al cosiddetto effetto farfalla (già affrontato decenni or sono da diversi scienziati nella teoria del caos): una farfalla sbatte le ali a Tokyo e scoppia un uragano a New York. Decodificando: un qualsiasi evento, pur irrilevante (come il battito d ali della farfalla) che avviene in un dato sistema, tende a ripercuotersi e ad amplificarsi in altri sistemi, in modo tale che nel volgere di breve tempo l evento iniziale viene a globalizzarsi. Questa metafora, peraltro, è stata anche utilizzata per sottolineare la maggiore fragilità dell economia mondiale oggi rispetto al passato, in quanto l interdipendenza determina necessariamente un effetto domino (altra metafora) dagli esiti non facilmente prevedibili. E, come sopra accennato, nel processo di globalizzazione dell effetto iniziale, un ulteriore tendenza è quella della sua crescita (ossia l effetto valanga, terza metafora, equivalente all uragano di New York successivo al battito d ali della farfalla a Tokyo). La recente crisi economica le cui drammatiche conseguenze sono sotto gli occhi di tutti originatasi negli Stati Uniti ma propagatasi a tutti i Paesi dell area capitalistica (e non solo) ne è la prova più evidente. Non a caso si parla di recessione mondiale, dunque di globalizzazione della crisi. 1

2 La globalizzazione ha poi informato di sé altri ambiti non economici, e in particolare quello culturale in senso lato, con una progressiva omogeneizzazione (i suoi critici parlano, con espressione tagliente, di omologazione ) delle mode, delle scelte e, in definitiva, degli stili di vita. Possiamo dunque fornire, tra le tante, la seguente definizione del fenomeno della globalizzazione: un processo che collega imprese, Paesi, persone, tecnologie, risorse, conoscenze di diverse aree geografiche, economiche e culturali, in un circuito basato sui principi del libero mercato. Nell ambito di questo processo appena avviatosi un posto di rilievo occupa il fenomeno della internazionalizzazione della produzione, ossia della produzione che si effettua in un certo contesto ma destinata, in tutto o in larga parte, ad altri contesti. Tale fenomeno non implica soltanto la vocazione delle imprese all esportazione di merci e capitali, ma un modo specifico di pensare la produzione, di adattarla a determinati mercati al di fuori di quello di origine, di localizzarla in quei diversi contesti assecondando le esigenze, le preferenze e i gusti dei relativi consumatori, nonché se ritenuto utile al fine di favorire una maggiore concorrenzialità di delocalizzare la produzione. Di quest ultimo processo ci occuperemo, in particolare, nelle pagine che seguono. LA DELOCALIZZAZIONE PRODUTTIVA Tecnicamente si intende per delocalizzazione il trasferimento della produzione di beni o servizi (in tutto o soltanto in parte) da aziende situate nel territorio di un dato Paese ad altre aziende localizzate all estero. Tale spostamento può avvenire all interno di una stessa impresa (per esempio, quando esso viene affidato, in periferia, a una filiale o comunque a un altra impresa operante nell ambito dello stesso gruppo, o conglomerato, come spesso si verifica da parte di imprese multinazionali o transnazionali) e allora si parla di delocalizzazione in senso stretto, ovvero può comportare una esternalizzazione della produzione, affidata a imprese in altri Paesi che non sono filiali di quella nazionale, e non appartengono al medesimo gruppo. In questo secondo caso, più correttamente, si fa riferimento al concetto di outsourcing (termine inglese traducibile come approvvigionamento esterno ). In senso lato, tuttavia, entrambi gli schemi di trasferimento di produzione fanno capo alla delocalizzazione produttiva. L outsourcing sotto il profilo giuridico Considerata dal punto di vista giuridico, la pratica dell outsourcing (o esternalizzazione produttiva) rientra nella categoria dei contratti, e in particolare dei cosiddetti contratti atipici per i quali, cioè, non vi è ancora una specifica disciplina nell ordinamento italiano. L outsourcing si può definire come l accordo in forza del quale un soggetto (detto outsourcee) trasferisce in capo a un altro soggetto (outsourcer, o partner, o provider) alcuni segmenti della catena produttiva, in funzione della realizzazione dello scopo imprenditoriale. Di tale accordo si è occupata la Corte di Cassazione, che in una sentenza del 2006 ha definito «il fenomeno che comprende tutte le possibili tecniche mediante cui un impresa dismette la gestione diretta di alcuni segmenti dell attività produttiva e dei servizi che sono estranei alle competenze di base (l attività centrale)». L EVOLUZIONE DEL FENOMENO DELLA INTERNAZIONALIZZAZIONE La proiezione delle imprese sul piano internazionale ha attraversato diverse fasi, in parallelo con lo sviluppo del modo di produzione capitalistico. Gli storici dell economia ne individuano almeno quattro. 2

3 La prima fase è relativa al periodo che va dalla fine del XIX secolo ai primi decenni del successivo, e vede affermarsi essenzialmente imprese europee, con una loro crescente presenza sui mercati internazionali favorita soprattutto dalla possibilità di sfruttare le risorse provenienti dai mercati coloniali. Una seconda fase ha inizio dopo l ultimo conflitto mondiale, e vede protagoniste imprese statunitensi, maggiormente innovative e all avanguardia sul piano tecnologico, anche sull onda della notevole crescita derivante dalle politiche di aiuti economici concessi dagli Stati Uniti ai Paesi europei per la ricostruzione post-bellica. In una terza fase, che data approssimativamente dagli anni Ottanta, si assiste alla notevole performance delle imprese giapponesi, che accrescono notevolmente i loro investimenti all estero in molti settori, nei quali quel Paese ha meno vantaggi competitivi a causa dei salari più elevati e della carenza di materie prime. L area nella quale si impegnano maggiormente tali imprese è quella asiatica, in ciò stimolando lo sviluppo di Paesi che, nel volgere di pochi anni, implementano proprie politiche industriali e divengono, a loro volta, economie in grado di competere pienamente sul piano internazionale. L ultima fase, che è tuttora in atto, ha inizio con la fine del millennio e si accompagna alla globalizzazione dell economia di mercato. In tale contesto l impresa muta pelle rispetto alla configurazione passata, caratterizzandosi per una sua estrema flessibilità e capacità di coordinare le diverse risorse presenti nei mercati, adattandosi però (o, per meglio dire, modellandosi) alle esigenze locali dei consumatori. Gli studiosi parlano, a questo riguardo, di un impresa che sa essere, a un tempo, efficiente a livello globale e aderente alle richieste locali. È propriamente in questa fase che si attua con maggior slancio il processo di delocalizzazione produttiva, unitamente a consistenti iniziative di ristrutturazione aziendale (fusioni, acquisizioni, riorganizzazione di siti produttivi, chiusura o ridimensionamento di stabilimenti ecc.). LE FORME IN CUI SI ESPRIME LA DELOCALIZZAZIONE La delocalizzazione produttiva (in senso lato) si può attuare in varie forme e con diversi gradi di impegno nella ricerca di nuovi mercati e di nuove fonti di approvvigionamento. Possiamo distinguere, in merito, tre diverse formule: a. la joint venture; b. la sub-contrattazione; c. l investimento diretto verso l estero. a. La joint venture Mediante la joint venture ( società mista ) si perviene a un accordo di collaborazione tra più imprese, di nazionalità diversa, per una finalità di natura industriale o commerciale. Si tratta di una modalità di internazionalizzazione che fa leva sul vantaggio di porre in comune conoscenze (know how) e capitali in funzione di un obiettivo prestabilito (una particolare linea di produzione, la ricerca di nuove tecnologie ecc.). Talvolta le imprese coinvolte nella joint venture si limitano a fissare, per ciascuna di esse, le rispettive competenze e responsabilità, senza dare luogo alla creazione di un nuovo soggetto (si parla, nella fattispecie, di contrac- 3

4 tual joint venture), mentre in altri casi (oggi più frequenti) l accordo di collaborazione è finalizzato alla nascita di una nuova impresa, giuridicamente distinta (abbiamo, così, una incorporated joint venture). Esempio del primo tipo è la produzione di autovetture che, pur utilizzando conoscenze e tecnologie di due o più imprese, fa capo a una data impresa (il modello Ulysse della Fiat, tra gli altri, è realizzato con meccanica Peugeot). Classico esempio del secondo tipo, invece, è la produzione marcata Sony-Ericsson, nata dalla collaborazione tra due transnazionali specializzate l una nell elettronica (Sony) e l altra nella telefonia (Ericsson). b. La sub-contrattazione Abbiamo, in questo ambito, diverse tipologie di sub-contratti, che vanno dal semplice accordo per l acquisto del prodotto finale da un impresa estera, al sub-appalto di semilavorati con l impegno, da parte del sub-appaltatore, del successivo acquisto dei prodotti finiti, alla sub-locazione e così via. Nel complesso, comunque, le diverse tipologie di sub-contrattazione sono tutte finalizzate a creare forme di collaborazione per ridurre i costi di produzione e/o migliorare la qualità della produzione. c. L Investimento diretto verso l estero (Ide) L Ide rappresenta la modalità più impegnativa e articolata, da parte di un impresa, per internazionalizzarsi, in quanto richiede ingenti risorse e una partecipazione di medio-lungo periodo. Esso può essere definito come l investimento internazionale realizzato da un impresa residente in un Paese che ha l obiettivo di stabilire un interesse durevole in un impresa residente in un altro Paese. Tale interesse durevole comporta un rapporto di lungo termine tra i due soggetti, oltre all esercizio di un influenza sulla gestione dell impresa. In tal modo l impresa, attraverso l Ide, «delocalizza le attività della catena del valore per agire direttamente nel mercato estero» (Gianpaolo Baronchelli, La delocalizzazione nei mercati internazionali. Dagli IDE all offshoring). Anche in questo caso, si possono avere diverse forme nelle quali si sostanzia l investimento diretto: la creazione di una filiale all estero in seguito all acquisizione di un azienda locale, che giuridicamente viene meno; la creazione ex novo di una filiale all estero; l acquisizione del controllo di un impresa locale, che giuridicamente permane; l accordo con un impresa locale per lo svolgimento, in tutto o in parte, di un attività industriale o commerciale. In tal caso l impresa locale viene ristrutturata (e solitamente potenziata) in funzione dei nuovi interessi dell impresa estera. Nell elencazione di cui sopra non esaustiva, poiché si possono avere formule ibride rispetto a quelle citate gli investimenti che consistono nell apertura di una nuova unità economica vengono tecnicamente definiti greenfield, mentre quelli che comportano l aggiunta di capacità produttiva laddove è già presente una certa quantità di capitale fisso, sono detti brownfield. Va inoltre tenuto distinto l investimento internazionale diretto, del quale abbiamo sinora trattato, dall investimento internazionale di portafoglio, effettuato per pure ragioni finanziarie, più frequentemente a breve termine, come per esempio l erogazione di prestiti o il finanziamento del capitale di rischio a un impresa locale. 4

5 I PRESUPPOSTI DELLA DELOCALIZZAZIONE APPROFONDIMENTI La regola aurea dell accumulazione capitalistica che ciascuno studente di economia dovrebbe ben conoscere è quella di ottenere il massimo risultato con il minimo costo, che si po tradurre, sinteticamente, con il principio della massimizzazione del profitto. In effetti tale principio-cardine della legge di mercato è stato messo ampiamente in discussione da molti studiosi, anche di matrice liberista, che hanno dimostrato come spesso sia più conveniente, per un impresa, perseguire lo scopo della massimizzazione delle vendite (che può non coincidere, nel breve periodo, con quello di rendere massimi i profitti) o quello di un profitto sicuro (specie quando il mercato è instabile e caratterizzato da irrigidimenti di tipo oligopolistico). In ogni caso, è del tutto evidente che chi opera in regime di libero mercato deve poter guadagnare abbastanza da non rischiare di uscirne, e per fare ciò non può prescindere dal monitorare costantemente l andamento dei costi di produzione. Un apprezzabile livello dei profitti, dunque, deve essere sempre associato al più basso livello dei costi che è possibile ottenere nelle condizioni date. Sono queste, in sintesi, le due motivazioni che spingono di volta in volta qualsiasi imprenditore a fare investimenti o a desistere in attesa di occasioni migliori, a incrementare la produzione o a mantenerla inalterata, a ristrutturare e riorganizzare l attività di uno stabilimento o ad aprirne di nuovi e così via. E sono sempre queste le due fondamentali motivazioni che spingono molte imprese a delocalizzare, optando per la formula ritenuta più idonea alla propria politica aziendale. Fermi restando questi due macro-obiettivi (maggiori profitti, minori costi), occorre allora verificare se e in quale misura un impresa è in grado di procedere sulla via della delocalizzazione produttiva. Indichiamo, a questo riguardo, due fattori di cui va tenuto conto nell analisi della fattibilità di delocalizzare. Innanzitutto, affinché un impresa proceda a delocalizzare, spostando in tutto o in parte le linee di produzione all estero, occorre che sia organizzativamente e strutturalmente in condizioni di poterlo fare; deve cioè possedere una articolazione dell attività produttiva tale per cui le sia possibile scomporre porzioni del processo produttivo per ricomporle altrove. L ideale, in tal senso, è dato da quelle imprese (solitamente di grandi dimensioni) che operano per comparti produttivi relativamente indipendenti l uno dall altro, in modo che sia tecnicamente possibile senza particolare aggravio nei costi recidere uno o più di tali segmenti e impiantarli in altri Paesi. Tipico è il caso delle imprese automobilistiche (alcune linee di produzione rimangono nel Paese di origine, altre vengono delocalizzate e ricollocate all estero). Il secondo fattore è dato dalla convenienza effettiva a realizzare la delocalizzazione. Non ci si riferisce al mero vantaggio, in termini di minori costi di produzione, che si può ottenere dallo spostamento all estero della produzione, ma a una valutazione di maggior respiro, per così dire, che deve tener conto delle regole, degli usi e costumi, della possibilità o meno di ottenere facilitazioni, dei possibili rischi dovuti al quadro politico di quel contesto e così via. In altri termini, il criterio della economicità occorre che sia valutato non soltanto con riferimento al puro e semplice indicatore del livello dei costi di produzione interni alla gestione aziendale, ma anche di quelli esterni a essa, ma influenti ai fini della concreta convenienza a delocalizzare. I VANTAGGI DELLA DELOCALIZZAZIONE Fermo restando quanto sopra accennato circa la possibilità e la convenienza effettiva, da parte di una data impresa, ad avviare un processo di delocalizzazione produttiva, le ragioni che inducono a tale strategia sono molteplici, e in particolare: 5

6 a) la reperibilità, nel Paese destinatario dell eventuale delocalizzazione, di risorse naturali necessarie alla produzione, facilmente accessibili e a costi inferiori rispetto al Paese di origine. Si pensi, al riguardo, alla necessità per un impresa che utilizza ampiamente il legname nella produzione, di poterne disporre in ingenti quantitativi in contesti quali il Nord Europa (soprattutto conifere) o, per altri versi, il Brasile; b) la presenza, nel medesimo Paese, di manodopera retribuibile a costi inferiori per l impresa (a parità di orario di lavoro), ovvero disponibile a un orario di lavoro giornaliero più esteso (a parità di retribuzione mensile). È il caso, in Europa, dei lavoratori dei Paesi dell Est, ma condizioni retributive più favorevoli si incontrano agevolmente anche in altri contesti (Cina, India, Paesi dell America Latina ecc.), come avremo modo di sottolineare più oltre; c) la possibilità di disporre di un mercato di consumo più esteso di quello presente nel Paese di origine, evitando l accesso a tale mercato mediante il canale delle esportazioni, che può comportare aggravi di costo non indifferenti (trasporto, rischi di cambio delle valute, avarie ecc.); d) un trattamento fiscale più favorevole sia per le merci, sia per i profitti d impresa, rispetto a quanto avviene nel Paese di origine; e) la possibilità di ottenere agevolazioni creditizie o forme attrattive di incentivazione per le imprese straniere, presenti nel Paese destinatario dell eventuale delocalizzazione; f) la possibilità di accesso a un insieme di servizi a costi più ridotti di quelli presenti nel Paese di origine. Tra i diversi vantaggi che si sono individuati, certamente un ruolo di rilievo ha la valutazione del differenziale nei costi di produzione, con particolare riferimento al costo del lavoro, che in molte imprese costituisce una parte rilevante dell insieme dei costi aziendali (per esempio nel settore manifatturiero). Ma occorre anche valutare la qualità del lavoro cui l impresa può avere accesso all estero, compatibilmente con le proprie necessità. Così, è più agevole per un impresa, a parità di altre condizioni, la scelta di delocalizzare se il tipo di beni che produce non richiede una manodopera particolarmente qualificata, bensì una manodopera disponibile ad accettare condizioni lavorative diverse rispetto ai lavoratori nel Paese di origine (orari più estesi, salari più contenuti, scarsa o assente sindacalizzazione ecc.). Viceversa, qualora un impresa, per la sua specifica attività, necessiti di personale altamente qualificato, la delocalizzazione sarà vantaggiosa soltanto a condizione che il Paese di destinazione disponga di tali maestranze e a costi inferiori. In sintesi, i vantaggi della delocalizzazione devono potersi misurare dal confronto tra ciò che si perderebbe spostando in tutto o in parte la produzione all estero e quello che si otterrebbe in cambio. Ed è del tutto evidente che, tanto più risulta (o è percepita) precaria, incerta, destabilizzante per varie ragioni la prospettiva di mantenere la produzione nel Paese di origine, tanto maggiori possono essere i vantaggi a delocalizzare. Come ha sostenuto di recente Giuseppe Bortolussi, segretario dell Associazione artigiani di Mestre, riferendosi alla situazione dell Italia: «le imposte, la burocrazia, il costo del lavoro, il deficit logistico-infrastrutturale, l ineffi- 6

7 cienza della pubblica amministrazione, la mancanza di credito e i costi dell energia rappresentano ostacoli spesso insuperabili che hanno indotto molti imprenditori a trasferirsi in Paesi dove il clima sociale nei confronti dell azienda è più favorevole». Vi sarebbero da aggiungere, a giudizio di chi scrive, due fattori che, per la loro negatività, hanno determinato e continuano a determinare una consistente fuga delle imprese dal nostro territorio: la corruzione politica, associata spesso alla concussione, e l influenza della criminalità organizzata (di tipo mafioso, camorristico ecc.) sull attività imprenditoriale. I reati di corruzione e concussione nel nostro ordinamento Secondo il codice penale italiano, il reato di corruzione ha diverse fattispecie, cui sono applicate distinte sanzioni. Si ha, in particolare, la corruzione per un atto d ufficio (art. 318 c.p.), per un atto contrario ai doveri d ufficio (art. 319 c.p.), la corruzione in atti giudiziari (art. 320 c.p.), quella di un incaricato di pubblico servizio (art. 321 c.p.). Sempre secondo il codice penale, la fattispecie della concussione si ha quando il pubblico ufficiale o l incaricato di un pubblico servizio, abusando della sua qualità o dei suoi poteri, costringe o induce taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o a un terzo, denaro o altra utilità (art. 317 c.p.). I RISCHI E I LIMITI DELLA DELOCALIZZAZIONE Procedere allo smembramento, e persino allo smantellamento integrale di una linea di produzione, non è, per un impresa, un iniziativa da poco: richiede una verifica approfondita delle condizioni che stanno alla base della possibile scelta di delocalizzare, nonché una valutazione delle conseguenze, nel proprio Paese, che tale spostamento di produzione può determinare. Di seguito cercheremo di dar conto di taluni rischi e/o limiti sottesi al processo di delocalizzazione. Il primo e più rilevante effetto dello spostamento di produzioni all estero è la riduzione del livello di occupazione nel Paese di origine. Questo, di per sé, è un fattore che per un impresa potrebbe risultare indifferente, o al più essa potrebbe considerarlo un male necessario al recupero di competitività o alla sopravvivenza stessa della propria attività lucrativa. Ma le tensioni sociali che si possono determinare a seguito della diminuzione di posti di lavoro interessano certamente l impresa che intenda comunque mantenere proprie sedi sul territorio nazionale. In tempi recenti, per esempio, è scoppiato in Italia il caso Electrolux. Si tratta di una multinazionale svedese all avanguardia nel settore della produzione di elettrodomestici (i marchi Aeg, Kelvinator, Castor, Rex, Zoppas, Philco ecc. fanno tutti capo al medesimo gruppo), che ha diversi stabilimenti nel nostro Paese, dando occupazione a quasi 6mila dipendenti. Per comprendere la portata di questo colosso, è sufficiente dire che la sua produzione assorbe un quarto della domanda mondiale di elettrodomestici. La direzione di questa impresa aveva annunciato la possibilità di chiudere una linea di produzione in Friuli (lo stabilimento di Porcìa), che dà lavoro a oltre mille persone, e delocalizzare in altri Paesi alla ricerca di un più basso costo del lavoro, qualora i sindacati non avessero accettato una consistente riduzione delle retribuzioni. La resistenza delle organizzazioni sindacali a questo progetto ha, per il momento, scongiurato la chiusura dello stabilimento, ma il ridimensionamento del personale, quale condizione per il mantenimento della produzione a Porcìa, è un dato ormai acquisito, e la tensione sociale in quell area non si è del tutto riassorbita. 7

8 Per molte imprese italiane, poi, un secondo limite alla scelta della delocalizzazione è dato dalla perdita di immagine che ne può derivare. È noto come in molti settori il made in Italy sia particolarmente rinomato e apprezzato all estero: un impresa che volesse spostare una linea di produzione in altri Paesi dovrebbe, quindi, valutare lo scadimento della propria immagine sui mercati internazionali. Si pensi, per esempio, al settore delle calzature, nel quale da sempre il nostro Paese gode meritatamente di grande considerazione all estero. Qualora un impresa leader in tale settore volesse delocalizzare, poniamo, in Polonia o in Cina, i vantaggi derivanti dalla riduzione nel costo del lavoro o nel costo delle materie prime potrebbero essere più che assorbiti dagli svantaggi dovuti alla perdita di immagine, poiché non potrebbe più fregiarsi della esclusività della produzione nazionale (e dell eccellenza della sua qualità), così ricercata all estero. Un terzo fattore di rischio è dato dalla possibile perdita di know how, ossia il complesso di abilità operative e di conoscenze necessarie a svolgere una data attività. Un più contenuto livello nel costo del lavoro in un altro contesto potrebbe, infatti, essere associato a una scarsa o comunque modesta capacità lavorativa della manodopera locale, con il risultato di una perdita di efficienza dell intera produzione. Da ultimo (ma certamente non ultimo come importanza) va segnalato ciò che favorisce o comunque non interdice o non ostacola il processo di delocalizzazione nei Paesi destinatari dello spostamento delle produzioni: il mancato rispetto dei diritti umani, nel suo più ampio significato. Quando parliamo di risparmio nei costi di produzione, e segnatamente nel costo del lavoro, che si può ottenere in molti Paesi asiatici o anche, in Europa, in quelli dell area balcanica, inevitabilmente ci riferiamo a standard sociali, di sicurezza sul lavoro, di welfare e di utilizzazione della manodopera decisamente inferiori rispetto a ciò che le economie capitalisticamente avanzate hanno raggiunto con le conquiste dei lavoratori e, più in generale, dei popoli nel corso degli ultimi due secoli. Basti pensare alla lunghezza dell orario di lavoro: in un recente studio la Hong Kong Confederation of Trade Unions (Confederazione dei sindacati) ha analizzato le normative sull orario di lavoro in 50 Paesi, giungendo a formulare una graduatoria in base alla quale gli orari più gravosi sono in Perù (oltre la metà dei lavoratori lavora più di 48 ore settimanali), in Corea del Sud, in Thailandia, in Pakistan, mentre Hong Kong si collocherebbe al quinto posto, con circa il 41% dei lavoratori impiegati settimanalmente per oltre 48 ore. Al di sotto di tale monte-ore settimanale, in gran parte dei Paesi presi in esame, l impiego non viene neppure considerato a tempo pieno, ma part time. Praticamente ciò che avveniva nel Regno Unito o in Germania quasi due secoli or sono. Per non parlare degli orari di lavoro non ufficiali, ossia al di fuori delle normative in materia, che portano a uno sfruttamento ignobile della manodopera, e che nei Paesi solitamente destinatari delle produzioni delocalizzate sono tutt altro che l eccezione. Detto questo, è evidente che le strategie volte a spostare linee di produzione in questi Paesi contribuiscono a perpetuare, se non ad aggravare, la pesante condizione lavorativa della manodopera locale. Infatti, secondo la Confederazione sindacale di cui sopra la tendenza che si registra oggi non sarebbe per un alleggerimento di tale condizione, bensì andrebbe nel senso opposto, verso un suo progressivo peggioramento, specie in taluni settori. Stesso discorso si può fare per i livelli salariali. Ciò che percepisce un operaio polacco, rumeno, filippino, indiano ecc. a parità di potere d acquisto è non soltanto notevolmente inferiore a quanto riceve per contratto un lavoratore nei Paesi attualmente interessati dal processo di delocalizzazione (tra cui il nostro), ma scandalosamente inferiore. In Cina, per esempio, dove pure negli ultimi tempi si è assistito a una sensibile crescita dei livelli salariali dei lavoratori, il salario medio annuo di un operaio è di circa 24mila yuan, corrispondente a poco più di 3000 euro, cioè a 250 euro mensili. In India la situazione è assai più critica: il salario medio annuo di un lavoratore locale è di circa 12mila rupie, corrispondenti a meno di 150 euro! E stiamo parlando di un area popolata dalla metà della popolazione mondiale 8

9 La delocalizzazione in Italia e altrove: alcune cifre Secondo una ricerca dell Osservatorio per l analisi e lo studio dell innovazione nella Regione Lazio (Filas), condotto su un campione di cento imprese tra le prime 500 aziende europee in termini di fatturato, risulta che a tutt oggi circa il 40% di esse ha già trasferito parte della produzione e dei servizi all estero (di queste, il 25% sono tedesche), mentre un altro 44% (di cui il 40% tedesche) ha dichiarato la propria intenzione a delocalizzare nel prossimo futuro. Il 90% delle scelte delocalizzative è comunque concentrato in Gran Bretagna, Germania e Benelux. In particolare, è la Gran Bretagna che deterrebbe il primato delle delocalizzazioni. In base a quanto contenuto in un recente rapporto della Fondazione per la diffusione della responsabilità sociale delle imprese (Icsr) l Italia si muoverebbe, nell ambito dei processi di internazionalizzazione, «in misura ancora relativamente modesta, se confrontata con quella degli altri Paesi economicamente avanzati». Più in dettaglio, l incidenza delle attività estere realizzate da imprese italiane, rispetto a quelle realizzate in Italia (dato che assume il termine di internazionalizzazione attiva ) è del 12,7% per l industria e del 7,5% per i servizi. Come confronto, si prenda per esempio la Finlandia, con una internazionalizzazione attiva del 63,5% nell industria e di circa il 24% nei servizi. La Germania, in questa graduatoria, si colloca ai primi posti, ma con una incidenza maggiore nei servizi (37%) rispetto all industria. Nondimeno, sono molte ormai le grandi imprese italiane che hanno avviato processi più o meno intensi di delocalizzazione produttiva. Tra esse vale la pena ricordare nomi quali Geox, Benetton, Bialetti, Calzedonia, Stefanel, Rossignol e così via. E non si può non fare riferimento anche alla Fiat che, dopo aver incorporato la Chrysler di Detroit (Stati Uniti) e aver persino cambiato denominazione (oggi è FCA, Fiat Chrysler Automobiles) e spostato la propria sede legale in Olanda e quella fiscale in Inghilterra, si appresta verosimilmente, nel prossimo futuro, a incrementare la propria strategia di delocalizzazione. I POSSIBILI INTERVENTI PER EVITARE LA DELOCALIZZAZIONE Molti studiosi del fenomeno delocalizzativo giudicano illusorio ritenere che tale fenomeno possa essere invertito o anche solo rallentato. Il capitalismo moderno, sostengono, per poter continuare il processo accumulativo della ricchezza deve procedere sempre verso le soluzioni che apportino maggiori profitti e limitino i costi di produzione. È una regola che tuttora non può essere smentita. E la delocalizzazione produttiva va esattamente in questa direzione. Ma si dà il caso che il capitalismo moderno sia profondamente in crisi, nonostante la corsa alla internazionalizzazione, una crisi che è evidente anche ai non addetti ai lavori. Una crisi che, da un lato, sta producendo (questo sì) milioni di disoccupati e un rallentamento significativo del tasso di crescita della ricchezza mondiale, e dall altro è causa di un impoverimento ulteriore in molte aree del pianeta, nonché di un incremento nella disuguaglianza sociale ed economica all interno stesso dei Paesi a economia avanzata. A giudizio di altri studiosi, pertanto, occorrerebbe ripensare profondamente il sistema di mercato, in direzione di una più equa distribuzione delle risorse (che porterebbe, ovviamente, anche un aumento della domanda) e di un uso meno dissennato dell ambiente. In parallelo, occorrerebbe esaminare i caratteri specifici di ciascuna realtà territoriale per poter attuare delle politiche industriali e commerciali adeguate, in tal modo riducendo la convenienza delle imprese a delocalizzare. Inoltre, sarebbe necessario stabilire regole condivise sul piano fiscale, in modo da non rendere 9

10 più appetibile per le imprese la collocazione della produzione in Paesi nei quali attualmente possono godere di condizioni fiscali particolarmente favorevoli. Infine, sarebbe indispensabile pervenire a una certa omogeneizzazione delle condizioni lavorative e retributive sul piano globale, al fine di sottrarre alle imprese il vantaggio (oggi innegabile) di sfruttare i differenziali salariali per spostare le produzioni altrove. Questa riflessione, tuttavia, è ben lungi dall essere anche soltanto ai nastri di partenza. Nel frattempo, sembra che le uniche proposte per contrastare il processo delocalizzativo siano quelle di assecondare una significativa riduzione dei salari e/o una maggiore flessibilità nell orario di lavoro nei Paesi interessati da tale processo (il caso Electrolux, già richiamato, è paradigmatico al riguardo). 10

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013

La delocalizzazione. Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 La delocalizzazione Corso di Finanza internazionale Doriana Cucinelli 19-marzo-2013 Agenda Cosa si intende per delocalizzazione Internazionalizzazione vs delocalizzazione Le forme di internazionalizzazione

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. La delocalizzazione vista da Nord Est

OSSERVATORIO NORD EST. La delocalizzazione vista da Nord Est OSSERVATORIO NORD EST La delocalizzazione vista da Nord Est Il Gazzettino, 20.01.2009 NOTA METODOLOGICA I dati dell'osservatorio sul Nord Est, curato da Demos & Pi, sono stati rilevati attraverso un sondaggio

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

IL DECENTRAMENTO PRODUTTIVO. Opportunità, Strategie, Modelli

IL DECENTRAMENTO PRODUTTIVO. Opportunità, Strategie, Modelli IL DECENTRAMENTO PRODUTTIVO Opportunità, Strategie, Modelli Gianfranco Dondarini 1.1 Chi sono Gianfranco Dondarini A.D. e Direttore Generale Curriculum Vitae Dal 1989 ad oggi: VIRO S.p.A. Zola Predosa

Dettagli

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1

Economia degli intermediari finanziari 2/ed Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Capitolo 9 La strategia e l organizzazione delle attività di intermediazione finanziaria Esercizio 1 Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a. ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentari Ismea Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva 2005 Introduzione Attraverso le aziende del Panel delle aziende di

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale"

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale SENATO DELLA REPUBBLICA 11ª Commissione Permanente (Commissione Lavoro, Previdenza Sociale) A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale" 3 ottobre

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Le ristrutturazioni aziendali

Le ristrutturazioni aziendali Le ristrutturazioni aziendali Come si conduce uno studio di caso Daniele Zaccaria daniele.zaccaria@unimib.it Le strategie di gestione dei processi di ristrutturazione tendono a mutare perché sta mutando

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-4 La distribuzione del salario -Applicazioni di politica economica: perché è aumentata la disuguaglianza salariale? 1 Perché sono aumentate le disuguaglianze? L aumento

Dettagli

Imprese multinazionali e outsourcing

Imprese multinazionali e outsourcing Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 9 (a) L outsourcing di beni e servizi 1 Imprese multinazionali e outsourcing Gli investimenti diretti all estero rappresentano quegli investimenti in cui

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono Economia e Servizi Delocalizzazione e occupazione: il caso delle medie imprese nel Nord-Est Claudio Gagliardi Direttore Centro Studi Unioncamere Nazionale Un interessante studio di Unioncamere testimonia

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS 0 α Quantità prodotte CUS = cus * q Esempi di COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA costo dei prodotti:materie prime, semi-lavorati; costo delle lavorazioni esterne; costo

Dettagli

Pianificazione e ottimizzazione delle risorse per il settore della Sanità

Pianificazione e ottimizzazione delle risorse per il settore della Sanità Pianificazione e ottimizzazione delle risorse per il settore della Sanità ORTEC consente alle aziende ospedaliere, alle strutture sanitarie e alle case di cura/ricovero di fornire di migliorare la qualità

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria DISPA Meeting of Directors of School and Institutes of Public Administration The role of Public management training in the current economic situation Madrid, 27 e 28 maggio 2010 Relazione del Presidente

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

INDAGINE TELEMARKETING

INDAGINE TELEMARKETING INDAGINE TELEMARKETING INTRODUZIONE L indagine è stata effettuata, mediante intervista telefonica, dalla società Telemarketing per conto dell Area Internazionalizzazione di Assolombarda nel periodo -settembre

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance www.adapt.it, 10 marzo 2011 Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance di Dimitri Giardino In uno scenario economico sempre più globalizzato e concorrenziale, in cui

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e la riduzione dei consumi

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e la riduzione dei consumi OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e la riduzione dei consumi Il Gazzettino, 15.05.2012 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

HR E LE SFIDE DEL FUTURO

HR E LE SFIDE DEL FUTURO HR E LE SFIDE DEL FUTURO 03/11/2014 HR e le sfide del futuro g.facco nov.2014 1 HR cambia velocemente: i principali fattori della mutazione il ruolo della Direzione HR sta mutando : è tra le funzioni aziendali

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

La Delocalizzazione delle Imprese in Italia Documento sul fenomeno Italiano delle delocalizzazioni da parte delle Imprese a cura della Termini e Motivazioni della delocalizzazione Il fenomeno della delocalizzazione

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE

MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE MEDIAZIONE E GIUSTIZIA ORDINARIA: TEMPI E COSTI PER LE IMPRESE ITALIANE maggio 2010 commissione conciliazione Marcello Guadalupi Laura Pigoli Massimo Oldani Pietro Biagio Monterisi PREMESSA Il presente

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

SOMMARIO DEL 19 LUGLIO 2012. Cassa a Pomigliano, colpa del mercato. Alla Fiat di Pomigliano due settimane di stop

SOMMARIO DEL 19 LUGLIO 2012. Cassa a Pomigliano, colpa del mercato. Alla Fiat di Pomigliano due settimane di stop SOMMARIO DEL 19 LUGLIO 2012 Corriere della Sera Uff.Stampa Fismic La Stampa Agi Asca Gr1/TM News Prima Pagina Cassa a Pomigliano, colpa del mercato Alla Fiat di Pomigliano due settimane di stop Fismic,

Dettagli

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa

L Area Nord: rispetto a 5 anni fa Conclusioni 1 L Area Nord: rispetto a 5 anni fa L Area Nord, nonostante la crisi del 2009 che ha peggiorato le condizioni rispetto al 2008, è comunque cresciuta in termini di ricavi del 25% rispetto al

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI

PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI PREMIO CASINO DI SANREMO-CONFINDUSTRIA CENTO ANNI DA QUI LA GLOBALIZZAZIONE NEL TERZO MILLENNIO: LA SFIDA DELLE ECCELLENZE (SANREMO, 18 OTTOBRE 2008) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON.

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli