Innovare per crescere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovare per crescere"

Transcript

1 16th Annual Global CEO Survey - Addendum Italia Sezione1: Executive summary p.7 Sezione 2: Fiducia e prospettive di crescita p.11 Sezione3: Opportunità e minacce p.17 Sezione 4: Priorità strategiche p.23 Sezione 5: Agenda manageriale p.32 Sezione 6: Organizzazione e leadership p.39 Industry highlights p.45 Innovare per crescere Analisi dei risultati italiani della 16th Annual Global CEO Survey Dealing with disruption: Adapting to survive and thrive

2 16th Annual Global CEO Survey Nell ultimo decennio la volatilità e l incertezza del sistema economico hanno raggiunto livelli mai conosciuti prima. In un mondo globalizzato, dove gli Stati, le economie e le imprese sono interdipendenti come non mai, rischi che sembravano improbabili stanno diventando sempre più frequenti. Per i Top Manager di tutto il mondo attendersi l inattendibile è ormai la quotidianità Top Manager mondiali 68 Paesi 42 Top Manager italiani In occasione dell incontro annuale del World Economic Forum di Davos, è stata presentata la 16th Annual Global CEO Survey che fotografa il livello di fiducia sullo sviluppo globale e del proprio business di CEO provenienti da oltre 68 Paesi e il loro punto di vista sulle sfide del mercato. L analisi che segue concentra l attenzione sulle risposte dei Top Manager italiani confrontandole, a seconda dei temi, con le medie globali o con le risposte dei Paesi a noi più vicini. Siamo certi che le indicazioni che emergono possano essere un valido confronto per chi ogni giorno nella propria azienda affronta le sfide quotidiane che il mercato impone. Un ringraziamento speciale alle oltre 40 imprese nazionali che partecipando alla Survey ci hanno permesso di realizzare il rapporto italiano. Ezio Bassi PwC Territory Senior Partner PwC 3

3 16th Annual Global CEO Survey: messaggi chiave Soltanto il 36% dei CEO nel mondo è molto fiducioso sulla crescita della propria Società nei prossimi 12 mesi, dato in calo rispetto al 40% che l anno scorso si dichiarava molto fiducioso sulla crescita di breve periodo, e al 48% del Considerando l economia globale, il 28% dei CEO ritiene che calerà ulteriormente nel 2013 e solo il 18% prevede un miglioramento contro un 52% che prevede resterà invariata. Anche se le previsioni dei CEO rimangono negative, rappresentano comunque un miglioramento rispetto all anno passato, quando il 48% dei CEO prevedeva un declino dell economia nel A essere meno fiduciosi nella crescita del proprio fatturato nel breve periodo sono i CEO dell Europa Occidentale. Con una recessione in corso, soltanto il 22% si dichiara fiducioso sulle prospettive di crescita, in calo rispetto al 27% dell anno scorso e il 39% del Anche nel Nord America la fiducia nella crescita nel breve periodo è in calo al 33% (era il 42% nel 2012) e nell Asia-Pacifico al 36% (42% nel 2012). In controtendenza, invece, i CEO dell America Latina. Il livello di fiducia di breve periodo è cresciuto lievemente rispetto all anno passato raggiungendo il 53%. A livello nazionale si misurano ampie differenze: i più fiduciosi sono i CEO in Russia, con il 66% che crede nella crescita del fatturato nel 2013, seguiti dall India (63%) e dal Messico (62%). In generale, la fiducia dei CEO è stabile per il lungo periodo; il 46% si dichiara convinto delle prospettive di crescita per i prossimi tre anni, stabile rispetto all anno scorso. Le principali preoccupazioni dei CEO Con il persistere delle difficili condizioni economiche aumentano le preoccupazioni dei CEO: al primo posto le continue incertezze sulla crescita economica (81%), al secondo le misure correttive dei Governi per il deficit di bilancio (71%), seguite dalla regolamentazione eccessiva (69%) e l instabilità dei mercati di capitali (61%). Le preoccupazioni riguardo alla regolamentazione eccessiva hanno raggiunto il livello più alto dal Alla richiesta di valutare la risposta del Governo in merito, i CEO sono ancora più chiari: appena il 12% ritiene che i Governi dei loro Paesi abbiano ridotto il peso della regolamentazione nell anno passato. Alla domanda sui principali fattori di rischio per la crescita delle aziende, i CEO hanno citato anche il crescente peso delle tasse (62%), la disponibilità di risorse umane con competenze chiave (58%) e il costo dell energia e delle materia prime (52%). Affrontare l incertezza Per costruire Società in grado di vivere e prosperare nell incertezza, i CEO seguono tre strategie specifiche: puntare su selezionate opportunità, valorizzare la relazione con il cliente e migliorare l efficienza operativa. 1. Focalizzarsi su selezionate opportunità. Circa il 68% dei CEO si focalizza su iniziative specifiche accuratamente valutate. Considerate tutte le opzioni disponibili, selezionano pochi investimenti strategici e concentrano le risorse finanziarie per massimizzare le probabilità di successo. 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere 4

4 2. Valorizzare la relazione con il cliente. Quasi la metà dei CEO (49%) ritiene che i cambiamenti nelle abitudini di acquisto dei consumatori rappresentino una seria minaccia; il 51% dichiara che la priorità negli investimenti dei prossimi 12 mesi è la crescita della base clienti. L 82% dei CEO progetta di modificare le strategie per la crescita e fidelizzazione della clientela - il 31% intende cambiare in modo radicale il proprio approccio commerciale. 3. Migliorare l efficienza operativa. Gli investimenti per migliorare l efficienza operativa sono una priorità per i CEO. Il 77% ha adottato iniziative di questo tipo nei 12 mesi passati e il 70% intende farlo nei prossimi. Occupazione e ricerca di nuovi talenti I CEO si rivelano cauti per quanto riguarda gli aumenti di personale per l anno in corso. Il 45% pensa di fare nuove assunzioni nel 2013 (in calo rispetto al 51% del 2012), mentre il 23% progetta di ridurre i livelli di forza lavoro. Una delle principali sfide per i dirigenti resta la ricerca delle persone giuste e il loro mantenimento in azienda; la disponibilità di competenze chiave è citata come una delle principali minacce alle prospettive di crescita, menzionata dal 58% a livello globale. In tale prospettiva, non sorprende che più di tre quarti dei CEO (77%) preveda di modificare le strategie di gestione dei propri talenti nei prossimi mesi, e circa un quarto di questi (23%) preveda di fare modifiche sostanziali. I CEO riconoscono la necessità di costruire un clima di fiducia con una cerchia più vasta di stakeholder. Il 37% teme che la mancanza di fiducia nel settore in cui opera potrebbe mettere a rischio la crescita dell azienda, mentre il 57% intende concentrarsi in modo più incisivo sulla promozione di una cultura etica. Inoltre, circa la metà dei dirigenti (49%) intende prestare maggiore attenzione alla riduzione dell impatto ambientale delle proprie scelte manageriali nei prossimi 12 mesi. Se si osserva quali settori assumono e quali riducono i posti di lavoro, si ottiene un quadro interessante. I CEO che pensano di assumere nuovo personale operano nel settore dei servizi alle imprese (56%), ingegneria e costruzioni (52%), distribuzione (49%) e sanità (43%). Al contrario, i CEO che prevedono di ridurre il personale sono attivi nel settore bancario (35%), nelle industrie metallurgiche (32%) e nel settore della carta e legname (31%). PwC 5

5 Agenda 7 Sezione 1 Executive summary 11 Sezione 2 Fiducia e prospettive di crescita 17 Sezione 3 Opportunità e minacce 23 Sezione 4 Priorità strategiche 32 Sezione 5 Agenda manageriale 39 Sezione 6 Organizzazione e leadership Analisi ed elaborazione PwC Strategy Nicola Anzivino, Partner Edoardo Scornajenghi, Manager Editorial Board PwC Marketing & Communications Cindy Evers Giuseppina Floris 45 Industry highlights 48 Appendices Quotations originali Realizzazione grafica PwC Marketing & Communications Giulia Caldiroli Claudio Loguercio 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere 6

6 1 16th Annual Global CEO Survey: obiettivo e partecipazione L obiettivo della Survey è raccogliere il sentiment sulle tendenze economiche globali e nazionali degli ultimi mesi del 2012 e dei prossimi anni con particolare focus sul Per questa edizione, a livello mondiale, CEO di aziende pubbliche e private, di settori e dimensioni diversi hanno condiviso con noi il loro pensiero. Per l Italia sono stati intervistati 42 Top Manager, che ci hanno permesso di definire un quadro completo e significativo della business vision dei CEO di aziende italiane. 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 1: Executive summary 8

7 Innovare per crescere: key Italian messages 1 1. Fiducia e prospettive di crescita Le prospettive di crescita per il 2013 sono ancora limitate per l Italia e per gli altri Paesi europei. Un possibile rallentamento della crescita cinese e l incertezza negli USA sono due incognite significative per la crescita prospettica a livello nazionale e mondiale. La stabilità dei mercati finanziari è condizione necessaria per implementare nuovi piani di sviluppo. Il Governo Italiano ha agito bene sul tema stabilità negli ultimi 12 mesi ma servono nuove politiche di supporto all innovazione e alla crescita secondo l opinione dei CEO intervistati. 2. Priorità strategiche Innovazione di prodotto e di processo e sviluppo internazionale soprattutto verso i BRIC e gli Stati Uniti sono le priorità strategiche delle Società italiane per crescere in nicchie globali ad alta specializzazione industriale e valore aggiunto. Gli investimenti strategici saranno incentrati su: I) riorganizzazione industriale attraverso l internazionalizzazione e il right sizing, II) investimenti in tecnologia per rendere più efficace l attività di Ricerca & Sviluppo, III) miglioramento della flessibilità operativa sfruttando le opportunità della digital transformation nel settore manifatturiero e dei servizi. Il difficile accesso ai fondi per finanziare la crescita e l andamento dei costi della materie prime e dell energia sono le principali minacce per lo sviluppo prospettico delle Società italiane ed europee. 3. Agenda manageriale e organizzazione aziendale L agenda manageriale sarà focalizzata su: I) ridisegno organizzativo con valorizzazione dei nuovi talenti, II) ottimizzazione della supply chain per sfruttare le migliori opportunità globali, III) qualificazione del personale per avere nuove leve manageriali di gestione, IV) etica dei comportamenti di business, V) reputazione aziendale, VI) impatto ambientale delle scelte aziendali e VII) corporate social responsibility e relativi sistemi di non-financial reporting. Le scelte di outsourcing ed offshoring saranno sempre più collegate alla necessità di innovare sia a livello di prodotto sia di processo, con opportunità di reshoring nelle economie avanzate. Ricambio e nuova crescita manageriale a livello di leadership team e riassetto dei piani di retribuzione dei top manager sono temi importanti per le Società nei prossimi anni. Visione, capacità di motivare e di innovare sono le caratteristiche principali dei leader del futuro secondo le interviste condotte per la Survey. PwC 9

8 1 L Agenda dei CEO per i prossimi 12 mesi: ACTION Points Agilità e flessibilità come elementi distintivi per adattarsi ai trend emergenti e anticipare i cambiamenti di business servendo al meglio i propri clienti. Clienti: nuovo focus manageriale incentrato su una strategia dual-track, Big Bets globali e strategie specifiche per mercato. Transformation: pensare a nuovi prodotti e processi capaci di creare valore attraverso l implementazione di modelli di business innovativi. Iper-velocity nel processo di decision making e riconsiderazione della business segmentation per competere in contesti complessi creando nuovi talenti manageriali. Organizzazione: right sizing e ridisegno organizzativo per allinearsi ai cambiamenti del business model aziendale nelle attuali situazioni d incertezza. Nuove competenze distintive aziendali con la creazione di network tra agenti nella catena del valore caratterizzati da alta specializzazione industriale. 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 1: Executive summary 10

9 2 Fiducia nella crescita dell economia Lo sviluppo mondiale si sta clusterizzando fortemente tra economie in crescita e Paesi in difficoltà. A livello mondiale i CEO rimangono incerti sulle prospettive dell economia per i prossimi 12 mesi, il 28% prevede una flessione rispetto al Anche i CEO italiani percepiscono il 2013 come un anno ancora difficile, sostanzialmente allineato al Ritiene che l economia globale migliorerà, rimarrà stabile o subirà una flessione nei prossimi 12 mesi? 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 2: Fiducia e prospettive di crescita 12

10 Scenari internazionali Secondo lei, quanto è probabile che si verifichino i seguenti scenari? In quale misura la sua azienda sarebbe in grado di far fronte ai seguenti scenari, se si verificassero entro 12 mesi? Le preoccupazioni dei CEO riguardano un ampio spettro di criticità per le prospettive di crescita del loro business. I CEO a livello mondiale vedono il rallentamento della crescita cinese e la recessione negli USA, in relazione al debt ceiling, tra gli scenari internazionali futuri più probabili. Le aziende in Europa e in Italia, sono solo parzialmente preparate ad affrontare queste criticità con potenziali impatti sulle loro prospettive di crescita. 2 PwC 13

11 2 Crescita dei ricavi I CEO italiani sono meno fiduciosi dell anno scorso nelle prospettive di crescita dei ricavi delle proprie aziende a 12 e 36 mesi, complessivamente la fiducia è ai minimi rispetto agli ultimi 4 anni. Il gap di fiducia rispetto ai CEO di altri Paesi europei è significativo a 12 mesi. La differenza di fiducia nelle prospettive di crescita dei ricavi a 12 e 36 mesi da parte dei CEO dell Europa Occidentale, rispetto agli USA e alla media mondiale, è correlato alle prospettive di risoluzione dei problemi macroeconomici dell Eurozona. Se focalizziamo adesso i nostri sforzi, ci sono molte probabilità che quando le cose andranno meglio, saremo nella condizione di finalmente accelerare Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey Quanto si sente fiducioso delle prospettive di crescita dei ricavi della sua azienda nei prossimi 3 anni? Quanto si sente fiducioso delle prospettive di crescita dei ricavi della sua azienda nei prossimi 12 mesi? 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 2: Fiducia e prospettive di crescita 14

12 Le priorità del Governo Ad oggi, quali tre aree dovrebbero costituire le priorità del Governo? In un periodo di incertezza economica, la stabilità dei mercati finanziari diventa un requisito essenziale per una nuova fase di crescita economica, soprattutto in Europa. In particolare in Italia, il 74% dei CEO ritiene che il Governo abbia un ruolo fondamentale nel garantire la stabilità del settore finanziario, in Germania il valore è ancora più alto con l 86%. 2 PwC 15

13 2 L efficacia delle azioni del Governo Permangono forti dubbi in merito alla capacità dei Governi di supportare le aziende private in Europa nell affrontare le prospettive di crescita del futuro. Emerge un dato positivo in relazione alle misure poste dal Governo Italiano nell ultimo anno nel garantire stabilità al settore finanziario. Oltre 90% degli intervistati italiani ritiene che le azioni del Governo siano ancora insoddisfacenti in relazione al sostegno all innovazione, alla formazione del personale e alla semplificazione normativa per le imprese con un gap significativo rispetto a Germania e Francia. Se pensa al ruolo del Governo nel Paese in cui esercita la sua attività, in quale misura è d accordo o in disaccordo con le seguenti affermazioni? 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 2: Fiducia e prospettive di crescita 16

14 Opportunità di business 3 Innovazione e sviluppo nei mercati internazionali rappresentano le principali opportunità di crescita nei prossimi 12 mesi per le Società italiane. All attenzione dei top managers italiani anche selezionate operazioni di natura straordinaria quale leva per accelerare la crescita. Solo il 12% dei CEO in Italia punta sul mercato domestico, da evidenziare il forte gap rispetto al dato tedesco e medio mondiale. Quali delle potenziali opportunità di crescita aziendale elencate è la principale per la crescita della sua azienda nei prossimi 12 mesi? 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 3: Opportunità e minacce 18

15 Crescita internazionale Quali sono i Paesi, ad esclusione di quello in cui risiede, che considera più importanti per le prospettive di crescita generali della sua azienda nei prossimi 12 mesi? Nei Paesi indicati, quale obiettivo spera di raggiungere nei prossimi 12 mesi? I CEO italiani vedono una significativa opportunità in relazione all espansione all estero. Cina e Brasile sono i Paesi più attrattivi, ma anche gli Stati Uniti rimangono tra i principali mercati a cui i CEO guardano per crescere a livello internazionale. Il diversi settori industriali hanno dinamiche di internazionalizzazione diverse per area geografica in ragione della dinamica della domanda locale e dell attrattività per lo sviluppo di nuovi siti industriali. L obiettivo principale delle scelte di internazionalizzazione è allargare la base clienti. In particolare, si intende perseguire questo obiettivo negli Stati Uniti (77%), Cina (74%) e Brasile (57%). Il secondo obiettivo prioritario è l acquisizione/sviluppo di siti industriali con l obiettivo di servire i mercati locali in modo più competitivo e veloce. 3 Le opportunità di crescita geografica individuate dai CEO italiani e tedeschi sono allineate PwC 19

16 Sviluppo prospettico delle economie emergenti Le economie emergenti saranno caratterizzate da trend di crescita eterogenei, sia in termini produttivi sia di consumi prospettici, con significative implicazioni strategiche per le Società europee. 3 La presenza strategica a livello commerciale e industriale nei mercati emergenti deve essere analizzata in modo congiunto nel lungo termine dalle Società italiane, l alta flessibilità diventa un fattore chiave per affrontare al meglio i possibili scenari di business prospettici. Cina, Vietnam, India e Indonesia sono i principali mercati in cui si attende una crescita dei consumi significativa nei prossimi anni in relazione allo sviluppo della classe media nei principali centri urbani. 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 3: Opportunità e minacce 20

17 Di seguito un elenco di fattori di natura politica ed economica potenzialmente destabilizzanti per le prospettive di crescita. Incertezza, instabilità economica e nuove azioni governative di natura fiscale sono le principali minacce alla crescita secondo i CEO italiani, una percezione condivisa dai CEO tedeschi e francesi. Minacce economiche e politiche L eccesso di regolamentazione viene visto come un freno alla crescita da quasi il 70% dei CEO italiani intervistati, dati ancora superiori sul tema sono registrati in Germania e Francia. Quanto è preoccupato/a, nel caso lo sia, per ciascuno di essi riguardo le vostre prospettive di crescita? 3 PwC 21

18 3 Criticità legate al business L aumento dell imposizione fiscale, il costo delle materie prime e il difficile accesso al credito per finanziare la crescita sono i principali fattori di rischio per le imprese italiane. In particolare l aumento della pressione fiscale, tema da sempre prioritario per le aziende nazionali, assume un rilievo senza precedenti: l 86% dei CEO italiani vede come criticità per il business un eventuale incremento della tassazione. Oltre all aumento dei costi delle materie prime, la capacità di finanziare la crescita preoccupa molto i CEO italiani: sono infatti consapevoli che la crescita dimensionale delle loro aziende per sostenere la competizione internazionale è strettamente legata alla disponibilità di adeguate risorse finanziarie. Di seguito un elenco di fattori di natura aziendale che rappresentano potenziali minacce per le prospettive di crescita. Quanto è preoccupato/a, nel caso lo sia, per ciascuno di essi riguardo le vostre prospettive di crescita? 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 3: Opportunità e minacce 22

19 Cambiamento nelle strategie Volatilità, incertezza e complessità dell attuale contesto economico richiedono un ripensamento delle scelte strategiche del passato. Infatti, un approccio tattico non permette di affrontare in modo strutturato la stabile instabilità del mercato globale. I CEO italiani ritengono un cambiamento di strategia nei prossimi 12 mesi necessario (76%), valori superiori rispetto a quanto registrato dai CEO di altri Paesi europei. Tuttavia, il bisogno di un cambiamento radicale si è fortemente ridimensionato rispetto allo scorso anno (dal 33% al 12%) allineandosi a quello degli altri Paesi presi a riferimento tra le economie avenzate (Germania, Francia e USA). In quale misura prevede che la strategia della sua azienda cambierà nei prossimi 12 mesi? 4 La nostra visione è orientata al cambiamento, al cambiamento di noi stessi, al cambiamento dei trend chiave nel settore in cui competiamo, per procedere con nuove strategie, nuovi prodotti e nuove modalità di gestione della nostra organizzazione al fine di tenere il passo ed, anzi, accelerare rispetto agli altri Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 4: Priorità strategiche 24

20 Confronto tra una serie di affermazioni alternative in merito all approccio gestionale della sua azienda in un ambito competitivo complesso e mutevole. I dati raccolti della Survey indicano che i CEO si stanno focalizzando su poche ma ben definite iniziative strategiche, accuratamente selezionate. Il dato italiano è coerente con i risultati raccolti dalle interviste con i CEO tedeschi e statunitensi. Approccio strategico Si evidenzia un crescente utilizzo della pianificazione strategica attraverso la metodologia dello scenario-planning, molto dinamico e adattabile all attuale situazione rispetto alle tradizionali metodologie adottate in fase di maggiore stabilità economica. Per ciascuna alternativa indichi la situazione che, secondo lei, è più probabile che si verifichi. 4 PwC 25

21 4 Le priorità di investimento La necessità pressante di adattarsi a obiettivi di crescita ambiziosi attraverso parametri di ritorno finanziario sugli investimenti molto precisi spinge i CEO a rivedere il funzionamento delle proprie imprese. Più della metà dei CEO italiani, infatti, afferma che il miglioramento dell efficienza operativa è tra le prime 3 priorità di investimento per quest anno. Ricerca & Sviluppo collegata all innovazione di prodotto/processo, ampliamento della base clienti ed inplementazione di nuove tecnologie sono le altre priorità chiave d investimento dei CEO italiani. Quali sono le vostre 3 principali priorità di investimento nei prossimi 12 mesi? Un punto chiave del nostro vantaggio strategico è la capacità di organizzare la produzione e progettare la supply chain in partnership con altre Società. Questo ci da la possibilità di allargare o ridurre la nostra scala di attività in modo veloce ed efficiente. Cerchiamo di rendere la nostra organizzazione sufficientemente flessibile affichè sia in grado di rispondere ai cambiamenti della domanda Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey Agilità e adattabilità operativa e organizzativa per affrontare in modo efficace ed efficiente scenari di business inattesi 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 4: Priorità strategiche 26

22 In che misura prevede modifiche nella sua azienda in ciascuna delle seguenti aree nei prossimi 12 mesi? Lo sforzo dei CEO italiani per realizzare il cambiamento strategico nei prossimi 12 mesi è focalizzato sulla ridefinizione della struttura organizzativa attraverso la gestione dei talenti; sulle strategie di retention e di sviluppo della base clienti; e sull innovazione attraverso il potenziamento della funzione Ricerca & Sviluppo con nuovi investimenti in tecnologia. Change management Inoltre, nell agenda strategica dei CEO italiani spicca il tema della reputazione aziendale, aspetto significativo anche per le aziende tedesche. Considerando che l economia globale e il ritmo della vita sono, in tutti i loro aspetti, sempre più veloci, è necessario diventare più agili ed efficienti in tutto, compresa la gestione aziendale. È necessario snellire le operations e la struttura, in modo da essere in grado di reagire più rapidamente alle condizioni di mercato 4 Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey Focus su iniziative di Value Strategy piuttosto che Growth Strategy nelle economie avanzate PwC 27

23 Innovazione: sentieri di crescita 4 Per crescere in un contesto macroeconomico complesso e molto competitivo occorre puntare su specifiche iniziative d innovazione in relazione al segmento industriale di appartenenza. Un percorso di crescita intensiva si ottiene attraverso l innovazione: di Prodotto sia nel design sia nei materiali utilizzati; di Processo che comprende innovazione di Sistemi (Big Data, Advanced Analytics, Social Technologies), di Produzione (Robotica, Modellizzazione digitale, Stampa 3D, Green Manufacturing) e di Modelli di Business (Circular Economy, Frugal Innovation, Mass Customisation). Manageriale (Processi decisionali, organizzazione, gestione delle risorse, pianificazione, reporting e risk management). Il settore manifatturiero è chiave per lo sviluppo dell innovazione e per la crescita delle esportazioni sia nelle economie avanzate sia in quelle in via di sviluppo. 89% Germania Economie in via di sviluppo 87% Giappone 87% Cina 67% USA Economie avanzate 69% 73% Incidenza % della spesa R&D del settore manifatturiero sul totale spesa R&D di ogni Paese Incidenza % delle esportazioni del settore manifatturiero sul totale esportazioni Fonte: Elaborazione PwC dati OECD Eurostat 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 4: Priorità strategiche 28

24 Se pensa all ampia realtà degli stakeholder, in quale misura ritiene che esercitino un influenza? I CEO italiani sono sottoposti ad una significativa influenza dei concorrenti, del Governo e dei propri dipendenti nelle scelte strategiche, e intendono investire in programmi per rinforzare la partecipazione anche dei clienti nella definizione degli obiettivi aziendali. Influenza degli stakeholder 4 PwC 29

25 Partecipazione degli stakeholder alla definizione degli obiettivi aziendali Nei piani dei CEO italiani sono previsti investimenti per rinforzare ulteriormente la partecipazione degli stakeholder alla definizione degli obiettivi aziendali. I dipendenti ed i clienti sono le due tipologie di stakeholder con i programmi di partecipazione più significativi. In quale misura pensa di rafforzare il programma di partecipazione? 4 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 4: Priorità strategiche 30

26 Confronto tra una serie di affermazioni alternative in merito all approccio gestionale della sua azienda in un ambito competitivo complesso e mutevole. La responsabilizzazione manageriale nelle scelte strategiche aziendali è vista come modalità gestionale per creare maggior valore nelle Società Italiane. Processo decisionale strategico La complessità di business è affrontata attraverso una maggiore responsabilità del middle management a livello di decisioni strategiche, soprattutto nelle aziende di piccole e medie dimensioni. Per ciascuna alternativa indichi la situazione che, secondo lei, è più probabile che si verifichi. 4 Non abbiamo un unico modo di fare le cose né abbiamo un solo referente governativo al quale porre tutte le domande. Il nostro approccio, invece, è quello di creare una cultura che fornisca alle persone - nell ambito di un insieme di valori condivisi - la libertà di agire. Ciò consente di avere straordinaria forza, flessibilità e agilità Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey Il capitale umano è fondamentale per la crescita di qualsiasi Società Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey PwC 31

27 Quali attività di ristrutturazione ha avviato negli ultimi 12 mesi e quali pensa di avviare nei prossimi? In relazione al perdurare della crisi, i CEO in Italia e nel resto del mondo hanno focalizzato le attività di ristrutturazione negli ultimi 12 mesi su attività di right sizing, attraverso iniziative di riduzione dei costi, outsourcing e alleanze e JV. Attività di ristrutturazione Da evidenziare il crescente interesse per le opportunità di alleanze strategiche e JV nei prossimi mesi (24% negli ultimi 12 mesi, 45% nei prossimi). Negli ultimi 12 mesi Italia Mondo Negli prossimi 12 mesi Italia Riduzione dei costi 83% 77% Riduzione dei costi 81% 5 Outsourcing 38% 31% Alleanze strategiche e joint venture 45% Alleanze strategiche e joint venture 24% 36% Outsourcing 38% PwC 33

28 Outsourcing, offsourcing e reshoring: nuove scelte manageriali Nei prossimi anni, la crescita dei salari nei Paesi emergenti e le difficoltà nel reperire risorse con competenze tecniche adeguate spingeranno le aziende a possibili scelte di reshoring in relazione ad alcune attività industriali. Le scelte di localizzazione industriali saranno caratterizzate da crescente complessità e interconnessione con i target di crescita di innovazione in termini di prodotto/processo delle Società operanti nelle economie avanzate. Reshoring: i driver prospettici 5 Incremento del costo del lavoro nei mercati emergenti; velocità di risposta ai clienti nelle economie avanzate; riduzione del costo del lavoro locale grazie ad accordi con i sindacati nelle economie avanzate; R&S più vicina alla produzione; riduzione dei costi di trasporto e logistica; attività di manufacturing, design e sviluppo accorpati in un unico sito; problemi di qualità nei mercati emergenti; difficoltà nell assumere personale con le giuste competenze nei mercati emergenti. 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 5: Agenda manageriale 34

Innovare per crescere

Innovare per crescere 16th Annual Global CEO Survey - Addendum Italia Sezione1: Executive summary p.7 Sezione 2: Fiducia e prospettive di crescita p.11 Sezione3: Opportunità e minacce p.17 Sezione 4: Priorità strategiche p.23

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese Marco Valerio Morelli, Mercer Valerio Salone, Mercer Ripensare l età e la sua gestione La prospettiva dell Age Management

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

Commento ai grafici: l analisi viene condotta su un totale di 215 imprenditori e manager d azienda.

Commento ai grafici: l analisi viene condotta su un totale di 215 imprenditori e manager d azienda. RISULTATI SURVEY INTERNATIONAL MANAGEMENT Luglio 2013 Premessa: l Area Executive Education della Fondazione CUOA ha lanciato un indagine per analizzare i fabbisogni formativi di imprenditori, manager e

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Nei prossimi anni Roma sarà chiamata a competere in un contesto internazionale ed in uno scenario dominato da alcune macrotendenze

Dettagli

L indagine di Michael Page. Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro

L indagine di Michael Page. Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro L indagine di Michael Page Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro Come sta cambiando il ruolo del Direttore Risorse Umane

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey

23 Febbraio 2016. State Street Asset Owners Survey 23 Febbraio 2016 State Street Asset Owners Survey Introduzione Il sistema pensionistico globale si trova di fronte a sfide di enorme portata I fondi pensione devono evolversi e svilupparsi per riuscire

Dettagli

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci

SIMULWARE. Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci SIMULWARE Datawarehouse e sistemi di BI Dati in qualità, decisioni rapide ed efficaci Introduzione Il mercato di riferimento per la Business Intelligence è estremamente eterogeneo: dalla piccola azienda

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il quadro di riferimento Por Creo 2007-2013, Linea di intervento 5.3 Obiettivo dell' Attività 5.3. Por Creo 2007-2013: attivare progetti integrati

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento

Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell intervento MODELLI DI BUSINESS E MACCHINE UTENSILI UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE 1 Razionale Nel seguito, viene presentato il punto di vista di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE sul tema new business model Articolazione dell

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L Ordine degli architetti di Varese è interessato a sviluppare a) un ciclo di incontri di formazione sulle tematiche dell internazionalizzazione da offrire

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT CUSTOMER SUCCESS STORY Ottobre 2013 AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT PROFILO DEL CLIENTE Settore: Manifatturiero Azienda: AT&S Dipendenti: 7500

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT I risultati dell'osservatorio sul Marketing B2B realizzato da CRIBIS D&B con la collaborazione di AISM. ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Management Game 2011

Management Game 2011 Management Game 2011 La Mobilé Inc 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini che ha sede negli Stati Uniti che si è concentrata sulla produzione di telefonini

Dettagli

Il Management Consulting in Italia

Il Management Consulting in Italia Il Management Consulting in Italia Sesto Rapporto 2014/2015 Università di Roma Tor Vergata Giovanni Benedetto Corrado Cerruti Simone Borra Andrea Appolloni Stati Generali del Management Consulting Roma,

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Addendum Italiano Executive summary

Addendum Italiano Executive summary PwC s 2014 Global Economic Crime Survey Addendum Italiano Executive summary febbraio 2014 Executive Summary The highlights La diffusione del fenomeno delle frodi economico finanziarie in Italia Dall edizione

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

Marketing Internazionale

Marketing Internazionale Marketing Internazionale Facoltà di Economia CdL in Economia e Gestione Aziendale II semestre A.A. 2008-2009 Il posizionamento nei mercati internazionali Posizionamento Dopo aver scelto il segmento l impresa

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa.

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione Operiamo a sostegno delle piccole e medie imprese, degli enti pubblici e delle associazioni nella

Dettagli

L OFFERTA DI PRODOTTO E I CLIENTI FINALI

L OFFERTA DI PRODOTTO E I CLIENTI FINALI Dati istituzionali L OFFERTA DI PRODOTTO E I CLIENTI FINALI Il Gruppo DiaSorin è specializzato nello sviluppo, nella produzione e commercializzazione di kit di immunoreagenti per la diagnostica di laboratorio

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Investire in Sanità, tra Sviluppo e Sostenibilità

Investire in Sanità, tra Sviluppo e Sostenibilità DOVE INVESTIRE PER L INNOVAZIONE IN SANITA Investire in Sanità, tra Sviluppo e Sostenibilità Prof. Giuseppe Turchetti, PhD, Fulbright Scolar g.turchetti@sssup.it Firenze, 14 maggio 2013 Agenda Situazione

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento

Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento Le nuove professioni nella Banca che cambia: Agenda dell intervento L evoluzione del contesto e le forze trainanti Le nuove professioni nel settore bancario Le sfide per il settore A caccia di talenti

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA

Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA Stealth è una soluzione per: UNICO E DISTRIBUITO, COME LE AZIENDE DELLA MODA ESPANSIONE INTERNAZIONALE, MAGGIORE INTEGRAZIONE NELLA GESTIONE DEI DATI E MIGLIORAMENTO DELLA STANDARDIZZAZIONE DELLE PROCEDURE,

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua

PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua PIÙ ENERGIA PER LA LOGISTICA. SOLARE, OVVIAMENTE. Continua CONTENUTO Conosciamo CONOSCIAMO IL VOSTRO SETTORE Conosciamo Nell ultimo decennio il settore dell energia solare ha registrato una crescita senza

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Il ruolo del dirigente: compiti e responsabilità nella complessa evoluzione del mondo assicurativo

Il ruolo del dirigente: compiti e responsabilità nella complessa evoluzione del mondo assicurativo Il ruolo del dirigente: compiti e responsabilità nella complessa evoluzione del mondo assicurativo Ricerca GfK sui protagonisti del mercato Silvestre Bertolini - Amministratore Delegato - GfK Italia I

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

Il Factoring nelle piccole e medie imprese

Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il Factoring nelle piccole e medie imprese Il contesto macroeconomico Il Sistema Bancario e le PMI L intervento del Factoring, 25 Gennaio 2010 1 Credemfactor Spa 2 2 Lo scenario Macroeconomico 3 3 Lo scenario

Dettagli

VERSO UN NUOVO ECOSISTEMA DELLA COMUNICAZIONE. Layla Pavone Presidente Centro Studi ASSOCOM

VERSO UN NUOVO ECOSISTEMA DELLA COMUNICAZIONE. Layla Pavone Presidente Centro Studi ASSOCOM VERSO UN NUOVO ECOSISTEMA DELLA COMUNICAZIONE Layla Pavone Presidente Centro Studi ASSOCOM Giuliano Noci Professore Ordinario di MarkeCng Politecnico di Milano e Presidente Explora @giuliano_noci Agenda

Dettagli

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Dino Petrone Elica Group i dati del Gruppo Elica Dati Gruppo Elica > Fatturato Gruppo Elica 2004 Aggregato 413 milioni di Euro 2300 dipendenti i dati

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

- Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano

- Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano 1918: primo costruttore di motociclette del mondo - Investimenti nell innovazione di prodotto - Immagine: prodotto di rottura, avventuroso, stile americano Anni 50: quota di mercato del 60% Ingresso dei

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli