Innovare per crescere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovare per crescere"

Transcript

1 16th Annual Global CEO Survey - Addendum Italia Sezione1: Executive summary p.7 Sezione 2: Fiducia e prospettive di crescita p.11 Sezione3: Opportunità e minacce p.17 Sezione 4: Priorità strategiche p.23 Sezione 5: Agenda manageriale p.32 Sezione 6: Organizzazione e leadership p.39 Industry highlights p.45 Innovare per crescere Analisi dei risultati italiani della 16th Annual Global CEO Survey Dealing with disruption: Adapting to survive and thrive

2 16th Annual Global CEO Survey Nell ultimo decennio la volatilità e l incertezza del sistema economico hanno raggiunto livelli mai conosciuti prima. In un mondo globalizzato, dove gli Stati, le economie e le imprese sono interdipendenti come non mai, rischi che sembravano improbabili stanno diventando sempre più frequenti. Per i Top Manager di tutto il mondo attendersi l inattendibile è ormai la quotidianità Top Manager mondiali 68 Paesi 42 Top Manager italiani In occasione dell incontro annuale del World Economic Forum di Davos, è stata presentata la 16th Annual Global CEO Survey che fotografa il livello di fiducia sullo sviluppo globale e del proprio business di CEO provenienti da oltre 68 Paesi e il loro punto di vista sulle sfide del mercato. L analisi che segue concentra l attenzione sulle risposte dei Top Manager italiani confrontandole, a seconda dei temi, con le medie globali o con le risposte dei Paesi a noi più vicini. Siamo certi che le indicazioni che emergono possano essere un valido confronto per chi ogni giorno nella propria azienda affronta le sfide quotidiane che il mercato impone. Un ringraziamento speciale alle oltre 40 imprese nazionali che partecipando alla Survey ci hanno permesso di realizzare il rapporto italiano. Ezio Bassi PwC Territory Senior Partner PwC 3

3 16th Annual Global CEO Survey: messaggi chiave Soltanto il 36% dei CEO nel mondo è molto fiducioso sulla crescita della propria Società nei prossimi 12 mesi, dato in calo rispetto al 40% che l anno scorso si dichiarava molto fiducioso sulla crescita di breve periodo, e al 48% del Considerando l economia globale, il 28% dei CEO ritiene che calerà ulteriormente nel 2013 e solo il 18% prevede un miglioramento contro un 52% che prevede resterà invariata. Anche se le previsioni dei CEO rimangono negative, rappresentano comunque un miglioramento rispetto all anno passato, quando il 48% dei CEO prevedeva un declino dell economia nel A essere meno fiduciosi nella crescita del proprio fatturato nel breve periodo sono i CEO dell Europa Occidentale. Con una recessione in corso, soltanto il 22% si dichiara fiducioso sulle prospettive di crescita, in calo rispetto al 27% dell anno scorso e il 39% del Anche nel Nord America la fiducia nella crescita nel breve periodo è in calo al 33% (era il 42% nel 2012) e nell Asia-Pacifico al 36% (42% nel 2012). In controtendenza, invece, i CEO dell America Latina. Il livello di fiducia di breve periodo è cresciuto lievemente rispetto all anno passato raggiungendo il 53%. A livello nazionale si misurano ampie differenze: i più fiduciosi sono i CEO in Russia, con il 66% che crede nella crescita del fatturato nel 2013, seguiti dall India (63%) e dal Messico (62%). In generale, la fiducia dei CEO è stabile per il lungo periodo; il 46% si dichiara convinto delle prospettive di crescita per i prossimi tre anni, stabile rispetto all anno scorso. Le principali preoccupazioni dei CEO Con il persistere delle difficili condizioni economiche aumentano le preoccupazioni dei CEO: al primo posto le continue incertezze sulla crescita economica (81%), al secondo le misure correttive dei Governi per il deficit di bilancio (71%), seguite dalla regolamentazione eccessiva (69%) e l instabilità dei mercati di capitali (61%). Le preoccupazioni riguardo alla regolamentazione eccessiva hanno raggiunto il livello più alto dal Alla richiesta di valutare la risposta del Governo in merito, i CEO sono ancora più chiari: appena il 12% ritiene che i Governi dei loro Paesi abbiano ridotto il peso della regolamentazione nell anno passato. Alla domanda sui principali fattori di rischio per la crescita delle aziende, i CEO hanno citato anche il crescente peso delle tasse (62%), la disponibilità di risorse umane con competenze chiave (58%) e il costo dell energia e delle materia prime (52%). Affrontare l incertezza Per costruire Società in grado di vivere e prosperare nell incertezza, i CEO seguono tre strategie specifiche: puntare su selezionate opportunità, valorizzare la relazione con il cliente e migliorare l efficienza operativa. 1. Focalizzarsi su selezionate opportunità. Circa il 68% dei CEO si focalizza su iniziative specifiche accuratamente valutate. Considerate tutte le opzioni disponibili, selezionano pochi investimenti strategici e concentrano le risorse finanziarie per massimizzare le probabilità di successo. 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere 4

4 2. Valorizzare la relazione con il cliente. Quasi la metà dei CEO (49%) ritiene che i cambiamenti nelle abitudini di acquisto dei consumatori rappresentino una seria minaccia; il 51% dichiara che la priorità negli investimenti dei prossimi 12 mesi è la crescita della base clienti. L 82% dei CEO progetta di modificare le strategie per la crescita e fidelizzazione della clientela - il 31% intende cambiare in modo radicale il proprio approccio commerciale. 3. Migliorare l efficienza operativa. Gli investimenti per migliorare l efficienza operativa sono una priorità per i CEO. Il 77% ha adottato iniziative di questo tipo nei 12 mesi passati e il 70% intende farlo nei prossimi. Occupazione e ricerca di nuovi talenti I CEO si rivelano cauti per quanto riguarda gli aumenti di personale per l anno in corso. Il 45% pensa di fare nuove assunzioni nel 2013 (in calo rispetto al 51% del 2012), mentre il 23% progetta di ridurre i livelli di forza lavoro. Una delle principali sfide per i dirigenti resta la ricerca delle persone giuste e il loro mantenimento in azienda; la disponibilità di competenze chiave è citata come una delle principali minacce alle prospettive di crescita, menzionata dal 58% a livello globale. In tale prospettiva, non sorprende che più di tre quarti dei CEO (77%) preveda di modificare le strategie di gestione dei propri talenti nei prossimi mesi, e circa un quarto di questi (23%) preveda di fare modifiche sostanziali. I CEO riconoscono la necessità di costruire un clima di fiducia con una cerchia più vasta di stakeholder. Il 37% teme che la mancanza di fiducia nel settore in cui opera potrebbe mettere a rischio la crescita dell azienda, mentre il 57% intende concentrarsi in modo più incisivo sulla promozione di una cultura etica. Inoltre, circa la metà dei dirigenti (49%) intende prestare maggiore attenzione alla riduzione dell impatto ambientale delle proprie scelte manageriali nei prossimi 12 mesi. Se si osserva quali settori assumono e quali riducono i posti di lavoro, si ottiene un quadro interessante. I CEO che pensano di assumere nuovo personale operano nel settore dei servizi alle imprese (56%), ingegneria e costruzioni (52%), distribuzione (49%) e sanità (43%). Al contrario, i CEO che prevedono di ridurre il personale sono attivi nel settore bancario (35%), nelle industrie metallurgiche (32%) e nel settore della carta e legname (31%). PwC 5

5 Agenda 7 Sezione 1 Executive summary 11 Sezione 2 Fiducia e prospettive di crescita 17 Sezione 3 Opportunità e minacce 23 Sezione 4 Priorità strategiche 32 Sezione 5 Agenda manageriale 39 Sezione 6 Organizzazione e leadership Analisi ed elaborazione PwC Strategy Nicola Anzivino, Partner Edoardo Scornajenghi, Manager Editorial Board PwC Marketing & Communications Cindy Evers Giuseppina Floris 45 Industry highlights 48 Appendices Quotations originali Realizzazione grafica PwC Marketing & Communications Giulia Caldiroli Claudio Loguercio 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere 6

6 1 16th Annual Global CEO Survey: obiettivo e partecipazione L obiettivo della Survey è raccogliere il sentiment sulle tendenze economiche globali e nazionali degli ultimi mesi del 2012 e dei prossimi anni con particolare focus sul Per questa edizione, a livello mondiale, CEO di aziende pubbliche e private, di settori e dimensioni diversi hanno condiviso con noi il loro pensiero. Per l Italia sono stati intervistati 42 Top Manager, che ci hanno permesso di definire un quadro completo e significativo della business vision dei CEO di aziende italiane. 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 1: Executive summary 8

7 Innovare per crescere: key Italian messages 1 1. Fiducia e prospettive di crescita Le prospettive di crescita per il 2013 sono ancora limitate per l Italia e per gli altri Paesi europei. Un possibile rallentamento della crescita cinese e l incertezza negli USA sono due incognite significative per la crescita prospettica a livello nazionale e mondiale. La stabilità dei mercati finanziari è condizione necessaria per implementare nuovi piani di sviluppo. Il Governo Italiano ha agito bene sul tema stabilità negli ultimi 12 mesi ma servono nuove politiche di supporto all innovazione e alla crescita secondo l opinione dei CEO intervistati. 2. Priorità strategiche Innovazione di prodotto e di processo e sviluppo internazionale soprattutto verso i BRIC e gli Stati Uniti sono le priorità strategiche delle Società italiane per crescere in nicchie globali ad alta specializzazione industriale e valore aggiunto. Gli investimenti strategici saranno incentrati su: I) riorganizzazione industriale attraverso l internazionalizzazione e il right sizing, II) investimenti in tecnologia per rendere più efficace l attività di Ricerca & Sviluppo, III) miglioramento della flessibilità operativa sfruttando le opportunità della digital transformation nel settore manifatturiero e dei servizi. Il difficile accesso ai fondi per finanziare la crescita e l andamento dei costi della materie prime e dell energia sono le principali minacce per lo sviluppo prospettico delle Società italiane ed europee. 3. Agenda manageriale e organizzazione aziendale L agenda manageriale sarà focalizzata su: I) ridisegno organizzativo con valorizzazione dei nuovi talenti, II) ottimizzazione della supply chain per sfruttare le migliori opportunità globali, III) qualificazione del personale per avere nuove leve manageriali di gestione, IV) etica dei comportamenti di business, V) reputazione aziendale, VI) impatto ambientale delle scelte aziendali e VII) corporate social responsibility e relativi sistemi di non-financial reporting. Le scelte di outsourcing ed offshoring saranno sempre più collegate alla necessità di innovare sia a livello di prodotto sia di processo, con opportunità di reshoring nelle economie avanzate. Ricambio e nuova crescita manageriale a livello di leadership team e riassetto dei piani di retribuzione dei top manager sono temi importanti per le Società nei prossimi anni. Visione, capacità di motivare e di innovare sono le caratteristiche principali dei leader del futuro secondo le interviste condotte per la Survey. PwC 9

8 1 L Agenda dei CEO per i prossimi 12 mesi: ACTION Points Agilità e flessibilità come elementi distintivi per adattarsi ai trend emergenti e anticipare i cambiamenti di business servendo al meglio i propri clienti. Clienti: nuovo focus manageriale incentrato su una strategia dual-track, Big Bets globali e strategie specifiche per mercato. Transformation: pensare a nuovi prodotti e processi capaci di creare valore attraverso l implementazione di modelli di business innovativi. Iper-velocity nel processo di decision making e riconsiderazione della business segmentation per competere in contesti complessi creando nuovi talenti manageriali. Organizzazione: right sizing e ridisegno organizzativo per allinearsi ai cambiamenti del business model aziendale nelle attuali situazioni d incertezza. Nuove competenze distintive aziendali con la creazione di network tra agenti nella catena del valore caratterizzati da alta specializzazione industriale. 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 1: Executive summary 10

9 2 Fiducia nella crescita dell economia Lo sviluppo mondiale si sta clusterizzando fortemente tra economie in crescita e Paesi in difficoltà. A livello mondiale i CEO rimangono incerti sulle prospettive dell economia per i prossimi 12 mesi, il 28% prevede una flessione rispetto al Anche i CEO italiani percepiscono il 2013 come un anno ancora difficile, sostanzialmente allineato al Ritiene che l economia globale migliorerà, rimarrà stabile o subirà una flessione nei prossimi 12 mesi? 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 2: Fiducia e prospettive di crescita 12

10 Scenari internazionali Secondo lei, quanto è probabile che si verifichino i seguenti scenari? In quale misura la sua azienda sarebbe in grado di far fronte ai seguenti scenari, se si verificassero entro 12 mesi? Le preoccupazioni dei CEO riguardano un ampio spettro di criticità per le prospettive di crescita del loro business. I CEO a livello mondiale vedono il rallentamento della crescita cinese e la recessione negli USA, in relazione al debt ceiling, tra gli scenari internazionali futuri più probabili. Le aziende in Europa e in Italia, sono solo parzialmente preparate ad affrontare queste criticità con potenziali impatti sulle loro prospettive di crescita. 2 PwC 13

11 2 Crescita dei ricavi I CEO italiani sono meno fiduciosi dell anno scorso nelle prospettive di crescita dei ricavi delle proprie aziende a 12 e 36 mesi, complessivamente la fiducia è ai minimi rispetto agli ultimi 4 anni. Il gap di fiducia rispetto ai CEO di altri Paesi europei è significativo a 12 mesi. La differenza di fiducia nelle prospettive di crescita dei ricavi a 12 e 36 mesi da parte dei CEO dell Europa Occidentale, rispetto agli USA e alla media mondiale, è correlato alle prospettive di risoluzione dei problemi macroeconomici dell Eurozona. Se focalizziamo adesso i nostri sforzi, ci sono molte probabilità che quando le cose andranno meglio, saremo nella condizione di finalmente accelerare Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey Quanto si sente fiducioso delle prospettive di crescita dei ricavi della sua azienda nei prossimi 3 anni? Quanto si sente fiducioso delle prospettive di crescita dei ricavi della sua azienda nei prossimi 12 mesi? 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 2: Fiducia e prospettive di crescita 14

12 Le priorità del Governo Ad oggi, quali tre aree dovrebbero costituire le priorità del Governo? In un periodo di incertezza economica, la stabilità dei mercati finanziari diventa un requisito essenziale per una nuova fase di crescita economica, soprattutto in Europa. In particolare in Italia, il 74% dei CEO ritiene che il Governo abbia un ruolo fondamentale nel garantire la stabilità del settore finanziario, in Germania il valore è ancora più alto con l 86%. 2 PwC 15

13 2 L efficacia delle azioni del Governo Permangono forti dubbi in merito alla capacità dei Governi di supportare le aziende private in Europa nell affrontare le prospettive di crescita del futuro. Emerge un dato positivo in relazione alle misure poste dal Governo Italiano nell ultimo anno nel garantire stabilità al settore finanziario. Oltre 90% degli intervistati italiani ritiene che le azioni del Governo siano ancora insoddisfacenti in relazione al sostegno all innovazione, alla formazione del personale e alla semplificazione normativa per le imprese con un gap significativo rispetto a Germania e Francia. Se pensa al ruolo del Governo nel Paese in cui esercita la sua attività, in quale misura è d accordo o in disaccordo con le seguenti affermazioni? 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 2: Fiducia e prospettive di crescita 16

14 Opportunità di business 3 Innovazione e sviluppo nei mercati internazionali rappresentano le principali opportunità di crescita nei prossimi 12 mesi per le Società italiane. All attenzione dei top managers italiani anche selezionate operazioni di natura straordinaria quale leva per accelerare la crescita. Solo il 12% dei CEO in Italia punta sul mercato domestico, da evidenziare il forte gap rispetto al dato tedesco e medio mondiale. Quali delle potenziali opportunità di crescita aziendale elencate è la principale per la crescita della sua azienda nei prossimi 12 mesi? 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 3: Opportunità e minacce 18

15 Crescita internazionale Quali sono i Paesi, ad esclusione di quello in cui risiede, che considera più importanti per le prospettive di crescita generali della sua azienda nei prossimi 12 mesi? Nei Paesi indicati, quale obiettivo spera di raggiungere nei prossimi 12 mesi? I CEO italiani vedono una significativa opportunità in relazione all espansione all estero. Cina e Brasile sono i Paesi più attrattivi, ma anche gli Stati Uniti rimangono tra i principali mercati a cui i CEO guardano per crescere a livello internazionale. Il diversi settori industriali hanno dinamiche di internazionalizzazione diverse per area geografica in ragione della dinamica della domanda locale e dell attrattività per lo sviluppo di nuovi siti industriali. L obiettivo principale delle scelte di internazionalizzazione è allargare la base clienti. In particolare, si intende perseguire questo obiettivo negli Stati Uniti (77%), Cina (74%) e Brasile (57%). Il secondo obiettivo prioritario è l acquisizione/sviluppo di siti industriali con l obiettivo di servire i mercati locali in modo più competitivo e veloce. 3 Le opportunità di crescita geografica individuate dai CEO italiani e tedeschi sono allineate PwC 19

16 Sviluppo prospettico delle economie emergenti Le economie emergenti saranno caratterizzate da trend di crescita eterogenei, sia in termini produttivi sia di consumi prospettici, con significative implicazioni strategiche per le Società europee. 3 La presenza strategica a livello commerciale e industriale nei mercati emergenti deve essere analizzata in modo congiunto nel lungo termine dalle Società italiane, l alta flessibilità diventa un fattore chiave per affrontare al meglio i possibili scenari di business prospettici. Cina, Vietnam, India e Indonesia sono i principali mercati in cui si attende una crescita dei consumi significativa nei prossimi anni in relazione allo sviluppo della classe media nei principali centri urbani. 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 3: Opportunità e minacce 20

17 Di seguito un elenco di fattori di natura politica ed economica potenzialmente destabilizzanti per le prospettive di crescita. Incertezza, instabilità economica e nuove azioni governative di natura fiscale sono le principali minacce alla crescita secondo i CEO italiani, una percezione condivisa dai CEO tedeschi e francesi. Minacce economiche e politiche L eccesso di regolamentazione viene visto come un freno alla crescita da quasi il 70% dei CEO italiani intervistati, dati ancora superiori sul tema sono registrati in Germania e Francia. Quanto è preoccupato/a, nel caso lo sia, per ciascuno di essi riguardo le vostre prospettive di crescita? 3 PwC 21

18 3 Criticità legate al business L aumento dell imposizione fiscale, il costo delle materie prime e il difficile accesso al credito per finanziare la crescita sono i principali fattori di rischio per le imprese italiane. In particolare l aumento della pressione fiscale, tema da sempre prioritario per le aziende nazionali, assume un rilievo senza precedenti: l 86% dei CEO italiani vede come criticità per il business un eventuale incremento della tassazione. Oltre all aumento dei costi delle materie prime, la capacità di finanziare la crescita preoccupa molto i CEO italiani: sono infatti consapevoli che la crescita dimensionale delle loro aziende per sostenere la competizione internazionale è strettamente legata alla disponibilità di adeguate risorse finanziarie. Di seguito un elenco di fattori di natura aziendale che rappresentano potenziali minacce per le prospettive di crescita. Quanto è preoccupato/a, nel caso lo sia, per ciascuno di essi riguardo le vostre prospettive di crescita? 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 3: Opportunità e minacce 22

19 Cambiamento nelle strategie Volatilità, incertezza e complessità dell attuale contesto economico richiedono un ripensamento delle scelte strategiche del passato. Infatti, un approccio tattico non permette di affrontare in modo strutturato la stabile instabilità del mercato globale. I CEO italiani ritengono un cambiamento di strategia nei prossimi 12 mesi necessario (76%), valori superiori rispetto a quanto registrato dai CEO di altri Paesi europei. Tuttavia, il bisogno di un cambiamento radicale si è fortemente ridimensionato rispetto allo scorso anno (dal 33% al 12%) allineandosi a quello degli altri Paesi presi a riferimento tra le economie avenzate (Germania, Francia e USA). In quale misura prevede che la strategia della sua azienda cambierà nei prossimi 12 mesi? 4 La nostra visione è orientata al cambiamento, al cambiamento di noi stessi, al cambiamento dei trend chiave nel settore in cui competiamo, per procedere con nuove strategie, nuovi prodotti e nuove modalità di gestione della nostra organizzazione al fine di tenere il passo ed, anzi, accelerare rispetto agli altri Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 4: Priorità strategiche 24

20 Confronto tra una serie di affermazioni alternative in merito all approccio gestionale della sua azienda in un ambito competitivo complesso e mutevole. I dati raccolti della Survey indicano che i CEO si stanno focalizzando su poche ma ben definite iniziative strategiche, accuratamente selezionate. Il dato italiano è coerente con i risultati raccolti dalle interviste con i CEO tedeschi e statunitensi. Approccio strategico Si evidenzia un crescente utilizzo della pianificazione strategica attraverso la metodologia dello scenario-planning, molto dinamico e adattabile all attuale situazione rispetto alle tradizionali metodologie adottate in fase di maggiore stabilità economica. Per ciascuna alternativa indichi la situazione che, secondo lei, è più probabile che si verifichi. 4 PwC 25

21 4 Le priorità di investimento La necessità pressante di adattarsi a obiettivi di crescita ambiziosi attraverso parametri di ritorno finanziario sugli investimenti molto precisi spinge i CEO a rivedere il funzionamento delle proprie imprese. Più della metà dei CEO italiani, infatti, afferma che il miglioramento dell efficienza operativa è tra le prime 3 priorità di investimento per quest anno. Ricerca & Sviluppo collegata all innovazione di prodotto/processo, ampliamento della base clienti ed inplementazione di nuove tecnologie sono le altre priorità chiave d investimento dei CEO italiani. Quali sono le vostre 3 principali priorità di investimento nei prossimi 12 mesi? Un punto chiave del nostro vantaggio strategico è la capacità di organizzare la produzione e progettare la supply chain in partnership con altre Società. Questo ci da la possibilità di allargare o ridurre la nostra scala di attività in modo veloce ed efficiente. Cerchiamo di rendere la nostra organizzazione sufficientemente flessibile affichè sia in grado di rispondere ai cambiamenti della domanda Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey Agilità e adattabilità operativa e organizzativa per affrontare in modo efficace ed efficiente scenari di business inattesi 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 4: Priorità strategiche 26

22 In che misura prevede modifiche nella sua azienda in ciascuna delle seguenti aree nei prossimi 12 mesi? Lo sforzo dei CEO italiani per realizzare il cambiamento strategico nei prossimi 12 mesi è focalizzato sulla ridefinizione della struttura organizzativa attraverso la gestione dei talenti; sulle strategie di retention e di sviluppo della base clienti; e sull innovazione attraverso il potenziamento della funzione Ricerca & Sviluppo con nuovi investimenti in tecnologia. Change management Inoltre, nell agenda strategica dei CEO italiani spicca il tema della reputazione aziendale, aspetto significativo anche per le aziende tedesche. Considerando che l economia globale e il ritmo della vita sono, in tutti i loro aspetti, sempre più veloci, è necessario diventare più agili ed efficienti in tutto, compresa la gestione aziendale. È necessario snellire le operations e la struttura, in modo da essere in grado di reagire più rapidamente alle condizioni di mercato 4 Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey Focus su iniziative di Value Strategy piuttosto che Growth Strategy nelle economie avanzate PwC 27

23 Innovazione: sentieri di crescita 4 Per crescere in un contesto macroeconomico complesso e molto competitivo occorre puntare su specifiche iniziative d innovazione in relazione al segmento industriale di appartenenza. Un percorso di crescita intensiva si ottiene attraverso l innovazione: di Prodotto sia nel design sia nei materiali utilizzati; di Processo che comprende innovazione di Sistemi (Big Data, Advanced Analytics, Social Technologies), di Produzione (Robotica, Modellizzazione digitale, Stampa 3D, Green Manufacturing) e di Modelli di Business (Circular Economy, Frugal Innovation, Mass Customisation). Manageriale (Processi decisionali, organizzazione, gestione delle risorse, pianificazione, reporting e risk management). Il settore manifatturiero è chiave per lo sviluppo dell innovazione e per la crescita delle esportazioni sia nelle economie avanzate sia in quelle in via di sviluppo. 89% Germania Economie in via di sviluppo 87% Giappone 87% Cina 67% USA Economie avanzate 69% 73% Incidenza % della spesa R&D del settore manifatturiero sul totale spesa R&D di ogni Paese Incidenza % delle esportazioni del settore manifatturiero sul totale esportazioni Fonte: Elaborazione PwC dati OECD Eurostat 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 4: Priorità strategiche 28

24 Se pensa all ampia realtà degli stakeholder, in quale misura ritiene che esercitino un influenza? I CEO italiani sono sottoposti ad una significativa influenza dei concorrenti, del Governo e dei propri dipendenti nelle scelte strategiche, e intendono investire in programmi per rinforzare la partecipazione anche dei clienti nella definizione degli obiettivi aziendali. Influenza degli stakeholder 4 PwC 29

25 Partecipazione degli stakeholder alla definizione degli obiettivi aziendali Nei piani dei CEO italiani sono previsti investimenti per rinforzare ulteriormente la partecipazione degli stakeholder alla definizione degli obiettivi aziendali. I dipendenti ed i clienti sono le due tipologie di stakeholder con i programmi di partecipazione più significativi. In quale misura pensa di rafforzare il programma di partecipazione? 4 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 4: Priorità strategiche 30

26 Confronto tra una serie di affermazioni alternative in merito all approccio gestionale della sua azienda in un ambito competitivo complesso e mutevole. La responsabilizzazione manageriale nelle scelte strategiche aziendali è vista come modalità gestionale per creare maggior valore nelle Società Italiane. Processo decisionale strategico La complessità di business è affrontata attraverso una maggiore responsabilità del middle management a livello di decisioni strategiche, soprattutto nelle aziende di piccole e medie dimensioni. Per ciascuna alternativa indichi la situazione che, secondo lei, è più probabile che si verifichi. 4 Non abbiamo un unico modo di fare le cose né abbiamo un solo referente governativo al quale porre tutte le domande. Il nostro approccio, invece, è quello di creare una cultura che fornisca alle persone - nell ambito di un insieme di valori condivisi - la libertà di agire. Ciò consente di avere straordinaria forza, flessibilità e agilità Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey Il capitale umano è fondamentale per la crescita di qualsiasi Società Fonte: CEO intervistato, PwC s 16th Annual Global CEO Survey PwC 31

27 Quali attività di ristrutturazione ha avviato negli ultimi 12 mesi e quali pensa di avviare nei prossimi? In relazione al perdurare della crisi, i CEO in Italia e nel resto del mondo hanno focalizzato le attività di ristrutturazione negli ultimi 12 mesi su attività di right sizing, attraverso iniziative di riduzione dei costi, outsourcing e alleanze e JV. Attività di ristrutturazione Da evidenziare il crescente interesse per le opportunità di alleanze strategiche e JV nei prossimi mesi (24% negli ultimi 12 mesi, 45% nei prossimi). Negli ultimi 12 mesi Italia Mondo Negli prossimi 12 mesi Italia Riduzione dei costi 83% 77% Riduzione dei costi 81% 5 Outsourcing 38% 31% Alleanze strategiche e joint venture 45% Alleanze strategiche e joint venture 24% 36% Outsourcing 38% PwC 33

28 Outsourcing, offsourcing e reshoring: nuove scelte manageriali Nei prossimi anni, la crescita dei salari nei Paesi emergenti e le difficoltà nel reperire risorse con competenze tecniche adeguate spingeranno le aziende a possibili scelte di reshoring in relazione ad alcune attività industriali. Le scelte di localizzazione industriali saranno caratterizzate da crescente complessità e interconnessione con i target di crescita di innovazione in termini di prodotto/processo delle Società operanti nelle economie avanzate. Reshoring: i driver prospettici 5 Incremento del costo del lavoro nei mercati emergenti; velocità di risposta ai clienti nelle economie avanzate; riduzione del costo del lavoro locale grazie ad accordi con i sindacati nelle economie avanzate; R&S più vicina alla produzione; riduzione dei costi di trasporto e logistica; attività di manufacturing, design e sviluppo accorpati in un unico sito; problemi di qualità nei mercati emergenti; difficoltà nell assumere personale con le giuste competenze nei mercati emergenti. 16th Annual Global CEO Survey - Italia Innovare per crescere Sezione 5: Agenda manageriale 34

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli