IIS OMNICOMPRENSIVO DELLA VALBOITE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE-ECONOMICO Cortina d Ampezzo (BL) Esami di stato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IIS OMNICOMPRENSIVO DELLA VALBOITE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE-ECONOMICO Cortina d Ampezzo (BL) Esami di stato 2013 2014"

Transcript

1 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (ai sensi dell art. 5, legge n. 425 del ) Classe V^ sez. unica ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo: IGEA Anno scolastico

2 INDICE PARTE PRIMA: INFORMAZIONI GENERALI...pag. 3 - Presentazione dell istituto...pag. 4 - Composizione del Consiglio di classe. pag. 5 - Profilo della classe..pag. 6 - Situazione d ingresso della classe... pag. 7 PARTE SECONDA: ATTIVITA DEL CONSIGLIO DI CLASSE.pag. 8 - Obiettivi.....pag. 9 - Competenze e metodologia...pag Attività formative e di preparazione all esame di Stato pag Attività di stage, progetti e iniziative....pag Percorsi pluridisciplinari... pag. 13 PARTE TERZA: RELAZIONI E PROGRAMMI FINALI pag Italiano..pag Storia. pag Matematica. pag Inglese..pag Tedesco pag Geografia economica pag Economia Aziendale.pag Diritto pag Scienza delle finanze.pag Educazione Fisica..pag Religione pag. 43 ALLEGATI pag Griglie di valutazione adottate durante l anno scolastico..pag Prove effettuate nel corso dell anno in preparazione all esame pag. 50 2

3 PARTE PRIMA INFORMAZIONI GENERALI 3

4 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO L Istituto tecnico commerciale nasce nei primi anni 70 con sede a San Vito di Cadore nei pressi dell Istituto Dolomiti Pio X. Per alcuni anni sezione staccata di Belluno, ottiene verso la fine degli anni 70 l autonomia diventando sede di Presidenza con annessa la sezione staccata di Santo Stefano di Cadore. Dal 1996 il Ministero modifica il corso di studi attivando in tutta Italia l indirizzo IGEA ( indirizzo giuridico economico aziendale ) che è ancora il nostro indirizzo di studi. Nel 1999 la riorganizzazione degli istituti superiori della Provincia di Belluno destina la scuola all istituendo Polo della Val Boite, oggi Istituto Omnicomprensivo della Valboite, di cui diventa una delle cinque scuole superiori che lo costituiscono. Dall anno scolastico , per questioni di razionalizzazione, sia degli spazi sia della gestione economica che fa capo alla Provincia di Belluno, l ITC cambia sede spostandosi a Cortina d Ampezzo negli spazi che sono occupati anche dal Liceo Scientifico e dalla Scuola secondaria di primo grado Rinaldo Zardini, con accesso da Via dei Campi. LE STRUTTURE DELL ISTITUTO LABORATORIO DI INFORMATICA LABORATORIO DI CHIMICA LABORATORIO DI FISICA AULA VIDEO PALESTRA BIBLIOTECA AULA LIM POSTAZIONE MULTIMEDIALE IN AULA 4

5 Composizione del Consiglio di classe: MATERIA Italiano Storia Tedesco Inglese Matematica Geografia economica Diritto Scienza delle finanze Economia aziendale Educazione fisica Religione Coordinatore: Dirigente scolastico: COMPONENTE Sogne Tommaso Ventura Luca Cardin Paola Carrozzo Pietro Mastrodonato Gianluca Giganti Maria Dal Ben Bruna De Pol Sersen Rech don Gianni Dal Ben Bruna De Lotto Mara Variazioni nella composizione del Consiglio di Classe Tabella nominativi degli insegnanti del triennio: Classe III^ Classe IV^ Classe V^ Italiano Da Damos Luca Da Damos Luca Sogne Tommaso Storia Da Damos Luca Da Damos Luca Sogne Tommaso Tedesco Ventura Luca Ventura Luca Ventura Luca Inglese Cardin Paola Cardin Paola Cardin Paola Matematica Chiesura Luca Carrozzo Pietro Carrozzo Pietro Geografia De Donà Maddalena Leonardi Antonio Mastrodonato Gianluca economica Diritto De Lotto Mara Errico Cosimo Giganti Maria Economia De Lotto Mara Errico Cosimo politica Scienza delle Giganti Maria finanze Economia Dal Ben Bruna Dal Ben Bruna Dal Ben Bruna aziendale Educazione De Pol Sersen De Pol Sersen De Pol Sersen fisica Religione Rech don Gianni Rech don Gianni Rech don Gianni 5

6 COMPOSIZIONE PROFILO DELLA CLASSE 5^ ITC La classe V^ dell ITC è composta di tredici studenti, 8 ragazze e 5 ragazzi frequentanti il quinto anno per la prima volta. Il gruppo classe formatosi inizialmente si è sostanzialmente mantenuto omogeneo, dalla terza alla quarta un allievo si è trasferito e due alunni non hanno superato il quarto anno. Gli studenti provengono da un bacino d utenza che va dalla Valle del Boite a Cortina d Ampezzo. Quattro studenti, che svolgono attività sportive a livello agonistico, hanno sottoscritto il contratto Scuola sport, due per lo sci da fondo, uno per l hockey e uno per il calcio. ANDAMENTO DIDATTICO DISCIPLINARE L interesse per le varie discipline e la voglia di partecipare e confrontarsi con i docenti, nell arco del triennio, ha avuto un andamento crescente raggiungendo livelli, in alcuni casi, più che soddisfacenti. Ciò ha indubbiamente determinato una buona crescita culturale di tutto il gruppo classe, anche se differenziata in relazione alle potenzialità, alla preparazione di base e agli interessi dei singoli allievi. Molti di loro hanno fatto emergere curiosità ed interesse per tutte le discipline oggetto di studio, dimostrando anche desiderio di approfondire gli argomenti studiati; altri alunni sono senz altro cresciuti in consapevolezza culturale, ma hanno un po stentato ad assumere uno stile scolastico improntato a spirito d iniziativa, partecipazione spontanea, proposta autonoma di percorsi di approfondimento. La continuità didattica nel corso del triennio si è avuta solo negli insegnamenti di ec. aziendale, tedesco, inglese, ed. fisica e religione, mentre si sono avvicendati, nei tre anni, tre insegnanti di diritto e scienza delle finanze, tre di geografia, due insegnanti di matematica, due di storia e di italiano. A ciò gli alunni hanno risposto con una adeguata capacità di adattamento per quanto concerne la metodologia e la didattica instaurando un rapporto dialettico con il corpo docente ed interagendo fattivamente con esso. Ad inizio dell anno scolastico l analisi dei prerequisiti relativi alle discipline del curriculum ha evidenziato la necessità di un consolidamento delle competenze. Fin dall inizio sono stati messi in atto nell ambito delle ore curricolari interventi di recupero, rinforzo e potenziamento tali da permettere il recupero dei debiti e delle lacune pregresse per la quasi totalità delle materie. Al termine del percorso formativo gran parte degli allievi ha così evidenziato progressi rispetto ai singoli livelli di partenza; la loro formazione ha seguito un iter ascendente pur nella varietà dei risultati raggiunti proporzionati alle capacità e all impegno nell approfondire le tematiche delle varie discipline. Alcuni allievi si sono dimostrati attenti e desiderosi di potenziare le proprie competenze in tutti gli ambiti disciplinari pervenendo ad una preparazione omogenea ed ottenendo risultati soddisfacenti, in talune situazioni eccellenti. Altri, in minoranza, si sono limitati ad interessi superficiali ma, nel complesso, la loro preparazione risulta accettabile pur rimanendo nei limiti di uno studio essenziale. Sul piano dei rapporti interpersonali, la classe risulta ben socializzata, animata da spirito di solidarietà e di collaborazione. Rispetto al comportamento, gli allievi hanno evidenziato un atteggiamento corretto e rispettoso delle regole vigenti all interno dell Istituto. I rapporti con le famiglie sono avvenuti, in massima parte, in occasione degli incontri scuola-famiglia. 6

7 FLUSSO STUDENTI DAL 3 AL 5 ANNO Classe Numero iscritti Promossi a Promossi a Non Ritirati giugno settembre promossi Terza Quarta Quinta SITUAZIONE D INGRESSO DELLA CLASSE Risultati dello scrutinio finale della classe IV^. Materia N alunni promossi con 6 N alunni promossi con 7 N alunni promossi con 8 N alunni promossi con 9-10 Italiano Storia Tedesco Inglese Matematica Geografia economica Diritto Economia politica Economia aziendale Educazione fisica N alunni promossi settembre a 7

8 PARTE SECONDA ATTIVITA DEL CONSIGLIO DI CLASSE 8

9 ATTIVITA PROGRAMMATE E REALIZZATE DAL CONSIGLIO DI CLASSE ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITÀ COLLEGIALE Sono state organizzate riunioni a livello del Consiglio di classe e di Collegio docenti di sede per la definizione degli obiettivi formativi, dei programmi, dei criteri di valutazione e dei testi da adottare. OBIETTIVI GENERALI COGNITIVI E FORMATIVI Per quanto attiene al conseguimento degli obiettivi trasversali, l attività di ciascun insegnante, in ambito cognitivo ed espressivo, si è svolta in modo da consentire agli studenti il conseguimento delle seguenti competenze: Saper analizzare testi di vario tipo, coglierne in sintesi i caratteri essenziali e rielaborarli criticamente. Identificare chiaramente l oggetto di studio, i metodi, i procedimenti e il linguaggio della disciplina. Sapersi esprimere in modo chiaro e pertinente con attenzione al linguaggio specifico delle discipline. Sviluppare la capacità di documentazione, di elaborazione e di valutazione necessaria per operare scelte responsabili. Acquisire un metodo di studio non nozionistico che consenta di analizzare i problemi, operare confronti, individuare soluzioni. Essere in grado di cogliere i nuclei tematici fondamentali e tradurli in sintesi o schemi con capacità di rielaborazione personale e critica. Potenziare le capacità di collegamento interdisciplinare. Distinguere le componenti di una struttura, le connessioni interne e/o le interazioni. Saper impostare ricerche secondo l iter del metodo scientifico, utilizzare fonti e testi pertinenti ai contenuti proposti per approfondimenti disciplinari ed interdisciplinari. Congiuntamente ai precedenti obiettivi, il Consiglio di Classe ha ritenuto fondamentale educare al rispetto degli ambienti e delle persone con cui gli alunni operano ed interagiscono. OBIETTIVI TRASVERSALI: Il CdC ha individuato alcuni obiettivi trasversali da perseguire nel corso dell anno scolastico. COMPETENZE DISCIPLINARI Conoscenza accurata del regolamento dell istituto, e applicazione per un efficace comportamento Conoscenza delle principali tecniche di studio (prendere appunti, usare il testo, schematizzare), corretta applicazione per una rielaborazione efficace Conoscenza delle tecniche di comunicazione scritta e orale; saperle usare per uno scambio efficace 9

10 IIS OMNICOMPRENSIVO DELLA VALBOITE Conoscenza delle principali tecniche della produzione scritta (riassunto, sintesi, relazioni) Conoscenza degli spazi di studio, saperli utilizzare adeguatamente al fine di una valorizzazione del bene comune. Conoscenza e utilizzazione di modelli e schemi di riferimento per lavorare a ricerche, progetti, approfondimenti. Utilizzare il patrimonio lessicale ed espressivo della lingua italiana secondo le esigenze comunicative nei vari contesti. Conoscere le linee essenziali della storia delle idee Stabilire collegamenti tra culture diverse. Riconoscere l interdipendenza tra fenomeni economici, sociali, istituzionali, culturali ed ambientali e la loro dimensione locale/globale. Padroneggiare due lingue comunitarie. Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti dimostrativi della matematica. Orientarsi nella normativa pubblicistica, civilistica e fiscale. Padroneggiare i sistemi contabili e gestionali d impresa. Utilizzare e produrre strumenti di comunicazione visiva e multimediale. COMPETENZE RELAZIONALI Conoscenza e applicazione del rispetto verso il compagno e l adulto al fine di ottenere una serena vita in comune. Conoscenza e valorizzazione delle diversità al fine di considerarle un arricchimento e non una negatività. Conoscenza delle principali regole di comportamento in classe, saperle applicare al fine di limitare i momenti di incomprensione. Conoscenza del valore della puntualità e del rispetto delle consegne, saperlo applicare per un più agevole rapporto con i compagni e con l adulto in generale. Conoscenza di sé, saper impiegare opportunamente le proprie capacità per il raggiungimento di un corretto livello di autostima. Conoscenza dell importanza delle attività scolastiche ed extra-scolastiche partecipandovi per arricchire la propria esperienza formativa. METODOLOGIA Il CdC ha individuato alcune metodologie comuni, ripresi poi nella programmazione individuale del singolo docente: Metodologie comuni Attenzione allo sviluppo delle abilità di studio Operatività in ogni momento dell attività didattica Promozione dell apprendimento cooperativo Valorizzazione dei momenti di confronto e dialogo Utilizzo consapevole delle nuove tecnologie Rielaborazione dei saperi Sviluppo delle capacità di pensiero autonomo, originale e personale Coinvolgimento degli allievi nell autovalutazione Sviluppo delle capacità critiche 10

11 TIPOLOGIA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE Tutte le discipline hanno adottato la tipologia della lezione frontale integrata, per la maggior parte, dall uso di mezzi audio-visivi e multimediali. E presente in aula una postazione multimediale che è stata utilizzata da tutti gli insegnanti. Con riferimento alle metodologie adottate, sono stati usati supporti e materiali tradizionali ed in alcuni casi attività laboratoriali. Sono state proposte esercitazioni di simulazioni di prima, seconda e terza prova scritta e del colloquio orale e sono state fornite indicazioni sulla normativa concernente gli esami di stato nonché le indicazioni necessarie per l elaborazione delle tesine. Per alcune materie sono stati effettuati interventi di recupero ed approfondimento in itinere. ATTIVITÀ DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO Terza prova scritta: Il C.d.C. ha individuato le discipline della simulazione della terza prova dell Esame di Stato tenendo conto del curricolo di studi e degli obiettivi definiti nella programmazione di classe. I principi seguiti sono stati: escludere le materie oggetto della prima e della seconda prova; inserire materie i cui docenti partecipano allo svolgimento dell esame di stato e inserire una lingua straniera. La tipologia più idonea alla rilevazione delle conoscenze, competenze e capacità è stata la tipologia B, quesiti a risposta singola, con somministrazione di tre domande per ciascuna disciplina ( 4 materie). Due sono state le simulazioni svolte: 28 febbraio Discipline interessate: Storia, Tedesco, Diritto, Matematica. - Durata della prova: 150 minuti ( in allegato i testi delle prove) 10 maggio Discipline interessate: Matematica,Tedesco, Diritto, Ed. fisica. - Durata della prova: 150 minuti ( in allegato i testi delle prove) Seconda prova scritta: il C.d.C ha organizzato due simulazioni della durata di sei ore in linea con le tracce dei temi ministeriali delle precedenti sessioni d esame. Esse sono state effettuate in data e in data (in allegato la prima). Prima prova scritta: Fin dal primo trimestre sono state somministrate come compito in classe prove contenenti le diverse tipologie previste per l esame di Stato, inoltre si è effettuata una simulazione in data (in allegato). Colloquio: il C.d.C. ha previsto una simulazione di colloquio per la fine di maggio-inizio giugno. In allegato si riportano le griglie di valutazione utilizzate per la simulazione di prima, seconda e terza prova d esame e per il colloquio, le stesse sono state utilizzate anche in corso d anno nelle rispettive discipline. 11

12 ATTIVITÀ DI STAGE L attività di stage, organizzata dalle insegnanti di discipline economiche e giuridiche si è svolta nelle classi terza e quarta; lo stage ha avuto la durata complessiva di tre settimane e ha coinvolto diverse aziende del territorio, consentendo agli alunni di motivare e/o rafforzare le proprie convinzioni sul percorso formativo intrapreso: Comune di Cortina d Ampezzo, ufficio personale e ufficio patrimonio; ASCOM sedi di Cortina d Ampezzo e di Pieve di Cadore; Elleci s.r.l Studio Commercialista Valle di Cadore; Studio Commercialista dott.ssa Annamaria Menardi Cortina d Ampezzo; Regola Generale di S.Vito di Cadore; A.Giustina s.n.c. S.Vito di Cadore; Comune di Vodo di Cadore; Comune di Borca di Cadore; Marmarole s.a.s. Hotel Antelao Borca di Cadore; Cadore s.c.s. Valle di Cadore; Lacedelli & c. s.n.c. Cortina d Ampezzo; Cortina s.r.l. Cortina d Ampezzo; Regole d Ampezzo Cortina d Ampezzo; Consorzio Cortina Turismo Cortina d Ampezzo; Tecnocalor s.r.l. Cortina d Ampezzo. PROGETTI ED INIZIATIVE INTEGRATIVE: - ARTEVEN: lezione spettacolo G. Verdi ( ). - Presentazione progetto CORTINA 2019 ( ). - Giornata dell orientamento a Job&Orienta Verona ( ). - I Giochi di Archimede ( ). - Incontro con Dacia Maraini per la presentazione del libro Chiara d Assisi: l elogio della disobbedienza ( ). - Teatro in lingua inglese con la rappresentazione di Yellow submarine the Beatles ( ). - Giornata della memoria: Film: Schindler s List ( ). - Incontro per l orientamento con la Guardia di Finanza ( ). - Giornata sulla neve in Faloria ( ). - ARTEVEN: lezione spettacolo Celebrazioni della Grande guerra ( ). - Corso di formazione sulla sicurezza (ore 12). - Viaggio di istruzione a Berlino dal 3 al 6 aprile. - Giornata dell orientamento a Belluno: UniVerso 2014 ( ). - Progetto Scuola e Sport. - Lettrice madrelingua inglese (ore 5). - Viaggio studio in Irlanda ad inizio a.s. (due alunne). 12

13 PERCORSI PLURIDISCIPLINARI. Partendo dai nuclei tematici delle varie materie, il CdC ha individuato i seguenti percorsi pluridisciplinari: TEMA NORMATIVA FISCALE PER LA DETERMINAZIONE DELLE IMPOSTE. (CONFRONTI CON I PAESI EUROPEI: L' AUSTRIA) LE SCELTE AZIENDALI: UN CASO DI RICERCA OPERATIVA NELLA GESTIONE DELLE SCORTE E DI ANALISI DI BREAK EVEN POINT LE FORME DI STATO E DI GOVERNO IL ROMANZO ITALIANO E INGLESE NELL 800 E NEL 900 L UNIONE EUROPEA LA CRISI ECONOMICA DEL 1929 IRAP E IRES MATERIE ECONOMIA AZIENDALE SCIENZA DELLE FINANZE TEDESCO MATEMATICA ECONOMIA AZIENDALE INGLESE TEDESCO DIRITTO STORIA ITALIANO INGLESE DIRITTO INGLESE INGLESE STORIA SCIENZA DELLE FINANZE ECONOMIA AZIENDALE 13

14 PARTE TERZA RELAZIONI E PROGRAMMI FINALI DEI DOCENTI 14

15 POLOVALBOITE - A.S RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE a cura di tutti i Docenti delle classi terminali DOCENTE: SOGNE TOMMASO DISCIPLINA: ITALIANO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE DI CORTINA D'AMPEZZO CLASSE V POLOVALBOITE LIBRO DI TESTO ADOTTATO: Luperini-Cataldi_Marchiani-Marchese La letteratura come dialogo 3- Palumbo 1 VALUTAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA (obiettivi disciplinari e relazionali raggiunti, risultati attesi, coinvolgimento studenti, attività recupero, ecc ) La classe si è dimostrata coesa, autonoma, e responsabile. L'attività didattica si è svolta regolarmente. Gli alunni hanno dimostrato in larga parte uno studio approfondito e costante. Permangono in alcuni alunni difficoltà espositive dovute a carenza lessicale, emotività e difficoltà nell'ordinare i concetti. Anche nello scritto in alcuni si notano incertezze espositive. Tuttavia le valutazioni sono risultate sempre positive tanto da non necessitare attività di recupero. 2 VERIFICHE SVOLTE (tipologia, tempi assegnati, frequenza) Verifiche scritte come simulazione di prima prova; Interrogazioni orali. 3 STRUMENTI IMPIEGATI (attrezzature, laboratori, testi, dispense, sussidi, ecc) Lezioni frontali Supporti audiovisivi Libro di testo IN ALLEGATO IL PROGRAMMA FINALE SOTTOSCRITTO DAGLI ALLIEVI RAPPRESENTANTI. Cortina d Ampezzo, 05/05/2014 Il Docente Tommaso Sogne 15

16 POLOVALBOITE - A.S PROGRAMMA FINALE DEL DOCENTE a cura di tutti i Docenti delle classi terminali DOCENTE: SOGNE TOMMASO DISCIPLINA: ITALIANO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE DI CORTINA D'AMPEZZO POLOVALBOITE CLASSE V LIBRO DI TESTO ADOTTATO: Luperini-Cataldi_Marchiani-Marchese La letteratura come dialogo 3- Palumbo MODULO 1: IL NATURALISMO E IL SIMBOLISMO Cenni su vita, opere, poetica di Zola, Flaubert, Conrad, Dostoevskij, Tolstoj, Baudelaire, Verlain, Rimbaud e gli Scapigliati. MODULO 2: IL VERISMO La poetica verista. Cenni sui veristi siciliani Capuana e De Roberto. Vita, opere, poetica di Giovanni Verga. Caratteristiche di Vita dei campi. Lettura, analisi e commento di Lettera a Salvatore Paola Verdura sul ciclo della marea, Rosso Malpelo, La roba. La trama e, la lingua e il punto di vista de I Malavoglia MODULO 3: LA POESIA TRA 800 E 900 Vita e opere di Carducci; lettura e commento di Inno a Satana. Vita, opere, poetica di Giovanni Pascoli. La poetica del fanciullino. Caratteristiche e temi di Myricae, Canti di Castelvecchio e Poemetti. Lettura, analisi e commento di Il gelsomino notturno, Temporale, Novembre, Lavandare, L assiuolo. Vita, opere, poetica di Gabriele d Annunzio. Il panismo e il superomismo. Temi e caratteristiche de Le novelle della Pescara e de Il piacere. Cenni ai romanzi Vergini delle rocce, L'innocente, Il fuoco. Struttura e temi dell' Alcyone. Lettura, analisi e commento di Consolazione, La pioggia nel pineto, Il ritratto di Andrea Sperelli. MODULO 4: LA PRIMA GUERRA MONDIALE Impressioni degli autori prima e durante la guerra, le Avanguardie, i Crepuscolari, Il Manifesto di Croce e di Gentile, i Futuristi e il Manifesto di Marinetti, il Surrealismo. Cenni su Kafka, Mann, Joyce, Palazzeschi con lettura di Lasciatemi divertire, Gozzano. Vita, opere, poetica di Luigi Pirandello. La poetica dell'umorismo. Il concetto di forma, vita, maschera, personaggi. Temi e trama di Uno, nessuno, centomila, L'esclusa, Quaderni di Serafino Gubbio, Il fu Mattia Pascal. Temi e caratteristiche di Novelle per un anno. Lettura e commento di Il treno ha fischiato. Il teatro: caratteristiche e trama di Sei personaggi in cerca d'autore. Vita, opere, poetica di Italo Svevo. Trama e temi di Una vita, Senilità, La coscienza di Zeno. 16

17 MODULO 5: DAL DOPOGUERRA AL FASCISMO Il Simbolismo e l Ermetismo. Vita, opere, poetica di Giuseppe Ungaretti. Lettura, analisi e commento di San Martino del Carso, Natale, Soldati, Veglia, Mattina. Vita, opere, poetica di Umberto Saba. Lettura, analisi e commento di A mia moglie, Città vecchia, Preghiera alla madre, Eroica, Parole. MODULO 6: LA POESIA NEL SECONDO DOPOGUERRA Vita, opere, poetica di Eugenio Montale. Lettura, analisi e commento di I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato, Non chiederci la parola, Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale, A mia madre. DANTE: DIVINA COMMEDIA ; IL PARADISO Lettura e commento dei Canti 1, 17, 33. Cortina d Ampezzo, 05/05/2014 Il Docente Tommaso Sogne Gli allievi rappresentanti di Classe 17

18 POLOVALBOITE - A.S RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE a cura di tutti i Docenti delle classi terminali DOCENTE: SOGNE TOMMASO DISCIPLINA: STORIA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE DI CORTINA D'AMPEZZO POLOVALBOITE CLASSE V LIBRO DI TESTO ADOTTATO: GENTILE GIANNI / RONGA LUIGI STORIA & GEOSTORIA Vol 5 (TOMO A + B) / IL NOVECENTO E L'INIZIO DEL XXI SECOLO, LA SCUOLA EDITRICE 1 VALUTAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA (obiettivi disciplinari e relazionali raggiunti, risultati attesi, coinvolgimento studenti, attività recupero, ecc ) La classe si è dimostrata coesa, autonoma, e responsabile. L'attività didattica si è svolta regolarmente. Gli alunni hanno dimostrato in larga parte uno studio approfondito e costante. Permangono in alcuni alunni difficoltà espositive dovute a carenza lessicale, emotività e difficoltà nell'ordinare gli eventi storici. Tuttavia le valutazioni sono risultate sempre positive tanto da non necessitare attività di recupero. 2 VERIFICHE SVOLTE (tipologia, tempi assegnati, frequenza) Verifiche orali, simulazione di terza prova. 3 STRUMENTI IMPIEGATI (attrezzature, laboratori, testi, dispense, sussidi, ecc) Lezioni frontali Supporti audiovisivi Libro di testo IN ALLEGATO IL PROGRAMMA FINALE SOTTOSCRITTO DAGLI ALLIEVI RAPPRESENTANTI. Cortina d Ampezzo, 05/05/2014 Il Docente Tommaso Sogne 18

19 POLOVALBOITE - A.S PROGRAMMA FINALE DEL DOCENTE a cura di tutti i Docenti delle classi terminali DOCENTE: SOGNE TOMMASO DISCIPLINA: STORIA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE DI CORTINA D'AMPEZZO POLOVALBOITE CLASSE V LIBRO DI TESTO ADOTTATO: GENTILE GIANNI / RONGA LUIGI STORIA & GEOSTORIA Vol 5 (TOMO A + B) / IL NOVECENTO E L'INIZIO DEL XXI SECOLO, LA SCUOLA EDITRICE MODULO 1: LA SOCIETA DI MASSA Caratteristiche della società di massa; Il dibattito politico-sociale; Nazionalismo e razzismo. MODULO 2: L ETA GIOLITTIANA I caratteri generali dell età giolittiana; Il bifrontismo di Giolitti; Sconfitte e successi. MODULO 3: LA PRIMA GUERRA MONDIALE Cause e inizio; L Italia in guerra; La grande guerra; La fine e i trattati di pace. MODULO 4: LA RIVOLUZIONE RUSSA La Russia del XIX secolo; Le 3 Rivoluzioni; La nascita dell U.R.S.S. Stalin MODULO 5: DAL DOPOGUERRA AL FASCISMO I problemi del dopoguerra; Il biennio rosso; L avvento del Fascismo e la marcia su Roma; L ascesa dalla legalità alla dittatura; L Italia fascista e antifascista. MODULO 6: LA CRISI DEL 29 Gli anni ruggenti; Il big crash della borsa di New York; Roosevelt e il New Deal. MODULO 7: IL NAZISMO La Repubblica di Weimar; La crisi economica; 19

20 L avvento e l ascesa del Nazismo; Il Terzo Reich. MODULO 8: VERSO LA GUERRA Le tensioni tra gli Stati: Cina e Giappone, la guerra civile spagnola. MODULO 9: LA SECONDA GUERRA MONDIALE La Guerra lampo del 39-40; Il dominio nazista del 41; La svolta del 42; La Resistenza in Italia; La fine della guerra e i trattati di pace. MODULO 10: LA GUERRA FREDDA La Guerra fredda e l equilibrio del terrore; L Italia dal miracolo economico agli anni di piombo. Cortina d Ampezzo, 05/05/2014 Il Docente Tommaso Sogne Gli allievi rappresentanti di Classe 20

21 POLOVALBOITE - A.S RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE a cura di tutti i Docenti delle classi terminali DOCENTE : Prof. Pietro Carrozzo DISCIPLINA: Matematica app.ta ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CLASSE V LIBRO DI TESTO ADOTTATO : Re Fraschini, Grazzi, Spezia: Matematica per l economia Tomo G. 1 VALUTAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA (obiettivi disciplinari e relazionali raggiunti, risultati attesi, coinvolgimento studenti, attività recupero, ecc ) L attività didattica è stata svolta in maniera regolare. Le lezioni sono state svolte in un clima sereno e collaborativo. Il programma è stato condotto in modo tale da rendere la disciplina quanto più interessante possibile per il tipo di indirizzo intrapreso, cercando di stimolare il collegamento multidisciplinare. Il lavoro domestico è stato adeguatamente svolto dalla maggior parte degli alunni. Alcuni allievi hanno, invece, svolto un lavoro non sempre adeguato o, comunque, poco approfondito. Tre allievi hanno riportato una valutazione insufficiente nel primo trimestre che è stata colmata con verifiche di recupero. In molti allievi si è potuto osservare un miglioramento rispetto alla situazione iniziale o un mantenimento di una situazione accettabile. Per alcuni di loro, lacune riferite al calcolo algebrico o ad altri prerequisiti, hanno costituito un ostacolo alla assimilazione dei contenuti, che è avvenuta con maggiore difficoltà. L approccio agli argomenti da parte della maggior parte degli allievi è stato per lo più di tipo computistico e le difficoltà principali si sono avute nella esposizione formale e teorica. Lo svolgimento dei contenuti ha subito un calo nella parte iniziale del pentamestre per consentire un attività di recupero e soprattutto per soddisfare esigenze di ripasso o chiarimenti di argomenti trattati. Il livello raggiunto complessivamente dalla classe può essere considerato adeguato agli obiettivi. 2 VERIFICHE SVOLTE (tipologia, tempi assegnati, frequenza) Le verifiche sono state svolte con regolarità prediligendo la modalità scritta, anche sotto forma di relazioni. Per le verifiche scritte è stato assegnato sempre il tempo di un ora e hanno avuto come oggetto il calcolo e in minima parte l aspetto teorico. Le verifiche orali sono state condotte cercando di stimolare la formalizzazione dei contenuti con successiva esemplificazione. 3 STRUMENTI IMPIEGATI (attrezzature, laboratori, testi, dispense, sussidi, ecc) Sono stati adottati gli strumenti programmati: libro di testo, programmi di grafica, risorse del web. IN ALLEGATO IL PROGRAMMA FINALE SOTTOSCRITTO DAGLI ALLIEVI RAPPRESENTANTI. Il Docente Cortina d Ampezzo, 05/05/

22 POLOVALBOITE - A.S PROGRAMMA FINALE DEL DOCENTE a cura di tutti i Docenti delle classi terminali DOCENTE : Prof. Pietro Carrozzo DISCIPLINA: Matematica appl.ta ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CLASSE V MODULO: Calcolo differenziale e studio del grafico di una funzione di una variabile (recupero e ripasso argomenti finali del quarto anno) Contenuti: La derivata della funzione composta e della funzione inversa Le derivate successive Ricerca dei punti di massimo e minimo relativi e assoluti Concavità e punti di flesso Grafico di funzioni (in particolare polinomiali intere e fratte) MODULO: Le disequazioni in due variabili Contenuti: I fasci di rette e di coniche Il metodo grafico di risoluzione di disequazioni lineari e non lineari Il metodo grafico di risoluzione di sistemi di equazioni lineari e non lineari MODULO: Le funzioni di due variabili Contenuti: le caratteristiche analiche e grafiche di una funzione di due variabili il sistema di riferimento nello spazio la rappresentazione di un punto nello spazio l equazione di un piano e le sue caratteristiche grafiche le linee di sezione e di livello di funzioni di due variabili il dominio e sua rappresentazione grafica le derivate parziali prime e quelle successive il significato e la definizione di massimo e minimo libero il metodo di ricerca di punti stremanti tramite linee di livello e con le derivate il significato di massimo e minimo vincolati metodo elementare e dei moltiplicatori di Lagrange Applicazioni all economia: massimo profitto in regime di monopolio e in regime di concorrenza perfetta. MODULO: Problemi di scelta Contenuti: la funzione della ricerca operativa le varie fasi attraverso cui si svolge la R.O. la procedura di risoluzione di tipici problemi di R.O in condizioni di certezza. punto di equilibrio ricavi costi caso lineare e non lineare. il modello delle scorte 22

23 la determinazione di scelte tra più alternative la teoria delle decisioni con effetti differiti per investimenti finanziari e industriali il criterio dell attualizzazione il criterio del tasso effettivo di impiego il criterio dell onere medio annuo Il Docente Gli allievi rappresentanti di classe Cortina d Ampezzo, 05/05/

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli