ISBN for LUISAVIAROMA.COM. del prodotto artigianale attraverso le nuove tecnologie. Ramona Aiello Danilo Galipò

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN 978-88-98223-07-7. for LUISAVIAROMA.COM. del prodotto artigianale attraverso le nuove tecnologie. Ramona Aiello Danilo Galipò"

Transcript

1 ISBN Promozione del prodotto artigianale attraverso le nuove tecnologie for LUISAVIAROMA.COM Ramona Aiello Danilo Galipò

2 Promozione for LUISAVIAROMA.COM del prodotto artigianale attraverso le nuove tecnologie Ramona Aiello Danilo Galipò 2013 Designcampus via Sandro Pertini Calenzano (FI), Italia Prima edizione: gennaio 2013 Progetto grafico: Danilo Galipò, Ramona Aiello È vietata la duplicazione con qualsiasi mezzo Ristampa Anno ISBN L editore è a disposizione degli aventi diritto per quanto riguarda eventuali fonti iconografiche non identificate.

3 Prefazione Sistema prodotto italiano Riscoprire l artigiano 1.1 L artigiano I maker L artigianato in Italia Una nuova rivoluzione industriale 19 Pensato e Fatto in Italia 2.1 il Made in Italy Origini del Made in Italy Made in Italy oggi Panorama economico delle PMI 30 Le Pmi localizzate nei distretti industriali I vantaggi competitivi dei distretti 2.5 Certificazioni 100% Made in Italy Redditività e raorti con il sistema bancario 44 Tendenze evolutive e scenari futuri 2.7 Made in Italy Internet economy 3.1 Internet economy 59 Internet in Italia Cresce il popolo digitale Tanto social network, sempre più e-commerce 3.2 PIL e dintorni 65 Primo anello: impatti diretti dell internet economy Secondo anello: lavorare online, un vantaggio di tempo e risorse Terzo anello: ampi benefici sociali 3.3 Piccole, online e di successo 68 Crescita, fatturato e produttività Quando il web significa lavoro 3.4 Il web e il Made in Italy 71 Interazione con i consumatori Vendite e acquisti via web Un Paese in mobilità 3.5 L internet del futuro 79 Gli italiani e internet, un raorto in crescita

4 4 Un salto generazionale, sull onda del mobile Tre priorità per lo sviluo dell internet economy Social Web 4.1 Storia ed evoluzione dei social media Il diario di rete 88 Il blog Nascita il blog Le tipologie principali 4.3 Il caso ebay 91 Nascita delle aste virtuali La valutazione online. Stelle, feedback e social sharing 4.4 Il commercio elettronico 95 Breve storia dell e-commerce Le tipologie di commercio elettronico I beni e servizi più venduti online Benefici derivanti dal commercio elettronico Gli ostacoli allo sviluo dell e-commerce Sistemi di pagamento 4.5 I marketplace Alcune Case histories di marketplace italiani Luisaviaroma.com Un immagine di classe Il successo sul web Il successo dell e-commerce Google Adwords 130 Università & Impresa 6.1 Il laboratorio congiunto Il progetto e.craft Profili professionali all interno del laboratorio 136 Tool di valutazione 7.1 Creazione di un tool 151 Abitare il tempo Questionario d indagine Aziende selezionate

5 8 Luisaviaroma.com/e.craft 8.1 e.craft nel web packaging 192 Conclusioni 194 Bibliografia 196 Sitografia

6 Prefazione Sistema prodotto italiano di Elisabetta Cianfanelli Il saper fare, pratico e tangibile, deriva dal saper intellettuale e manuale, da un sistema complesso che fonde concetti oosti: la storia, la tradizione accanto all innovazione e alle istanze del contemporaneo, l alta gamma accanto all etica, la produzione manuale e la produzione seriale. Infatti non sempre gli oosti si annullano, ma talvolta sono in grado di creare un sistema complesso di contenuti e attori; è il caso del Prodotto Italiano, il Made in Italy. L origine di questa espressione fatto in Italia coniata in America in riferimento ai modi e ai comportamenti degli immigrati italiani, non era totalmente positiva, ma indicava tutto ciò che veniva fatto con superficialità, faciloneria e cialtroneria riferendosi sopratutto al modo in cui in Italia si gestivano politica, economia e servizi pubblici. Il dopoguerra ha visto modificarsi totalmente tale giudizio, grazie allo sviluo di una cultura d impresa tutta italiana, che ha fatto del nostro Paese un punto di riferimento internazionale. Il distretto industriale italiano e il sistema d impresa integrato si configurano come espressione della creatività e del saper fare del nostro Paese, un sistema che ha dimostrato negli anni straordinarie capacità competitive e grande originalità improntando una produzione e una progettazione ad hoc che soddisfacesse le esigenze del cliente. Oggi tale aroccio risulta essere insufficiente, la crisi economica e alcuni vuoti tecnologici hanno condotto ad una vera e propria decadenza del prodotto pensato e fatto in Italia. Tale gap di ricerca e di prodotto è inoltre ricollegabile a specifiche problematiche legate alla governance delle piccole e medie imprese dei comparti industriali italiani, chiuse in regimi di sfiducia e di mancato investimento su concrete strategie di riposizionamento. Si percepiscono, quindi tentativi di ristrutturazione e di competivitità spesso incompleti e mancati di un adeguata vision, che guidi scelte economiche e produttive. Si determina l immagine di un sistema provato, in recessione e afflitto da un disagio di lunga data causato dal processo di globalizzazione e da una trasformazione politica che non ha saputo interpretare

7 i nuovi scenari internazionali. In primis le imprese italiane percepiscono la globalizzazione e il futuro come una minaccia e non come un oortunità, situazione di smarrimento che porta a scarsi, se non assenti, investimenti in nuove menti che permettano un ricambio generazionale ed una competività adeguati, infatti le risorse umane raresentano una delle chiavi di affermazione nel mercato attuale. Inoltre, il sistema della piccola impresa italiana, vero cuore del Made in Italy, mostra notevoli difficoltà alla partecipazione a progetti integrati di ricerca e all accesso ad aositi bandi nazionali e internazionali di finanziamenti. Tale limite dei nostri sistemi produttivi deriva proprio dalla dimensione e dall individualismo propri delle aziende manifatturiere che, se da un lato non possono autonomamente sviluare specifici processi di ricerca e di sviluo interni, vista la limitatezza delle risorse dell impresa, dall altro non riescono neure a produrre piattaforme trasversali che abbracciano più attori economici e che sviluino capitalismi di rete e network di persone in grado di presentare una linea comune di ricerca e di innovazione, un nuovo potere competitivo sui mercati globali 1. Possiamo quindi affermare che il prodotto italiano ha necessità di un iniezione di ricerca svolta in maniere trasversale in tutti i settori in cui è composto e in cui è declinato; noi focalizzeremo la nostra attenzione sugli ambienti che afferiscono alla cultura del progetto in tutti i suoi processi di sintesi e le sue articolazioni. Chi svolge attività di ricerca spesso si trova nelle condizioni di porsi delle domande alle quali cerca di dare risposte, avvalendosi sia delle proprie conoscenze pregresse, che della lettura e dell interpretazione delle mutate relazioni tra le persone, i luoghi e gli oggetti. 1 E. Cianfanelli, S. Kuenen, Metamorfosi, Edizioni Polistampa,

8 1 RISCOPRIRE L ARTIGIANO Mario Cresci, Pressione, 1977

9 1. 1 L artigiano La parola greca che traduciamo con artigiano è demiourgos, un composto che unisce l idea di pubblico (demios aartenente al popolo ) e di produzione (ergon opera, lavoro ). L artigiano è la figura che raresenta l incarnazione della materia, è colui che con talento e dedizione riesce, partendo dall informità della materia, a comunicare in modo pratico e tangibile, una complessa e ampia sfera di valori immateriali che rivestono una civiltà, comprendo la storia gli usi, i costumi, la lingua e le tradizioni. Gli artigiani sono coloro che hanno riconosciuto innanzitutto l autorità di un maestro 1, divendendo artefici del loro lavoro o, per meglio dire, della loro carriera, ovvero di un percorso professionale lineare ed esteso nel tempo. Essere artigiano significa riuscire a fondere il talento e l intuitività con l esperienza e sopratutto a rendere complementare la propria figura umana con quella del proprio lavoro. Il termine maestria, ovvero la capacità di compiere un lavoro a regola d arte, con grande abilità e perizia, con il suo rimando ai maestri artigiani, designa un impulso umano fondamentale sempre vivo, il desiderio di svolgere bene un lavoro per se stesso. In tutti i campi la maestria tecnica si fonda su abilità sviluate al massimo grado. Qualunque attività migliora, se è praticata come un mestiere specializzato. Spesso, tuttavia, le condizioni sociali ed economiche ostacolano la disciplina e l impegno del bravo artigiano ; la scuola a volte non riesce a fornire gli strumenti necessari e i luoghi di lavoro non valorizzano come dovrebbero l aspirazione alla qualità. Spesso al bravo artigiano vengono proposti criteri oggettivi di eccellenza; il desiderio di svolgere bene un compito per il piacere che questo comporta può essere ostacolato dalla pressione della competitività, dalla frustrazione, dall ossessività. Il lavoro artigiano contribuisce da sempre alla struttura dei nostri processi produttivi. Ritroviamo lavoro artigiano in una varietà di contesti: nel mondo del design, in quello della moda, nella produzione di macchine utensili, persino nel campo dell hi-tech. Il lavoro artigiano è l ingrediente essenziale del modus operandi delle grandi imprese del lusso così come delle piccole imprese della meccanica di precisione. 1 Sennet R., L uomo artigiano, Feltrinelli,

10 Già all inizio del decennio passato, Richard Florida invita a riflettere sulla classe dei creativi cui aartengono imprenditori, dirigenti pubblici e privati, manager, ricercatori, avvocati, commercilaisti, architetti, ingegneri, medici e professioni tecniche e artistiche di elevata specializzazione. Ciò che rende interessanti i creativi è la loro capacità di esplorare contesti e situazioni in modo originale, proponendo idee e risultati che non sono semplicemente la soluzione tecnica di problemi consolidati a priori. La creatività è qualcosa in più della capacità di risolvere problemi. È la capacità di inventarsene di nuovi o di guardare a problemi vecchi con occhi diversi. Questa abilità nell innovare e nel promuovere nuovi punti di vista non nasce solo da una conoscenza arofondita di specifici domini del sapere, ma anche da uno stile di vita più aperto alla diversità, che la società deve accettare e riconoscere. Thomas L. Friedman, famoso editorialista statunitense, sostiene che tutto ciò che è standard è superato. Il lavoro deve essere qualcosa in più che la banale ripetizione di una serie di gesti predefiniti. E ciò presuone la scoperta o, meglio, la riscoperta di un raorto più intenso fra l individuo e il suo lavoro e un diverso riconoscimento sociale dei mestieri, anche di quelli più tradizionali. Richard Sennett, sociologo e scrittore statunitense, che si è occupato soprattutto dei temi della teoria della socialità e del lavoro, dei legami sociali nei contesti urbani, degli effetti sull individuo della convivenza nel mondo moderno urbanizzato, è convinto che la nostra società abbia bisogno di riscoprire le virtù dell uomo artigiano. Secondo Sennet è da inseguire il profilo e le caratteristiche dell artigiano: la sua passione per la qualità del lavoro, il suo desiderio di migliorare nell esercizio e nell arofondimento delle tecniche, il suo radicamento in comunità di pratica socialmente riconosciute. E interessante evidenziare nel pensiero di Sennet i tre aspetti che distinguono il lavoro artigiano dal lavoro in fabbrica. Prima di tutto perché incorpora una quota di autonomia superiore, che riflette la capacità dell artigiano di orientarsi all interno di problemi complessi e di trovare soluzioni originali. A differenza dell operaio che lavora lungo la catena di montaggio, l artigiano domina l intero processo produttivo o una sua parte rilevante ed è capace di utilizzare con abilità una grande varietà di strumenti.

11 Un secondo aspetto distintivo riguarda il dialogo con il committente. L artigiano conosce le aspettative e i desideri di colui che è il destinatario del suo lavoro ed è in grado di verificare la qualità del risultato finale con il diretto interessato. Questa capacità di ascolto è essenziale per la personalizzazione del prodotto, tipica della dimensione artigiana. Infine, l aspetto sociale del mestiere: l attività dell artigiano si struttura in pratiche socialmente riconoscibili e trasmissibili, non solo gesti ma anche atteggiamenti e disposizioni d animo, in grado di definire la sua identità. L artigiano, secondo Sennet, è colui che ama il lavoro fatto a regola d arte, che si impegna nella realizzazione di uno standard superiore e che ha la possibilità di ribadire con orgoglio la qualità del suo lavoro. L artigiano è l erede di una lunga tradizione che si è consolidata attraverso la costruzione sociale di gesti e saperi che sono condivisi all interno di una data comunità pratica. A differenza del creativo, non ha una soggettività individuale; la sua identità è legata al mestiere ed è un fatto collettivo. Altra differenza, identificata da Sennet, riguarda la dimesione del tempo. Il tempo dell artigiano è un tempo lungo. L arendimento in bottega è un processo incrementale, che richiede una lunga serie di prove e di errori. La confidenza con la materia e con i gesti del mestiere nasce dall esperienza; l esperienza deriva principalmente dalle tante decisioni, buone e cattive, prese in passato. Anche l oggetto riuscito non è un atto improvviso. È piuttosto il risultato di affinamenti continui che tendono alla maestria. Una figura che invece si accomuna a quella dell artigiano è l autoproduttore, definito da Micelli un designer-artigiano capace di dare forma concreta alle proprie intuizioni. Ciò che accomuna l autoproduttore e l artigiano è la consapevolezza delle connessioni fra progetto, produzione, lavoro, ambiente, comunicazione, commercio e valore. È uno degli aspetti distintivi dell attualità della figura dell artigiano. L artigiano a differenza dell autoproduttore essendo iperspecialista di un settore raggiunge spesso l eccellenza ed è quando si parla di virtuosismo artigianale, di unicità di un pezzo. Nell ambito degli autoproduttori ancora non si sono registrati episodi di eccellenza poiché spesso i prodotti sono basic o semplici rivisitazioni di prodotti che assolvono a medesime prestazioni. Il fenomeno degli autoproduttori non va confuso con una nuova forma di artiginato: esso infatti si lega ad effetti, 11

12 esperienze ed emozioni del contemporaneo. L autoproduttore risponde alle esigenze degli nuovi stili di vita in cui si riscopre la necessità di recuperare i saperi dei lavori manuali.

13 1.2 I maker Mark Frauenfelder, blogger, illustratore e giornalista, fondatore della rivista Make, è convinto che sia venuto il momento di mettere in discussione una volta per tutte una cultura del consumo fondata sul condizionamento mediatico. Siamo programmati per acquistare e per consumare. Ci fidiamo delle proposte e dei messaggi che le imprese lanciano attraverso i mass media. Fare le cose diventare un maker significa prima di tutto riaropriarsi di quella delega che, più o meno un secolo fa, abbiamo concesso senza troi pensieri alle grandi aziende che stavano rapidamente imponendosi sul mercato grazie alle tecniche del marketing e della comunicazione. Il termine con cui Frauenfelder indica la sua svolta è de-programmazione. La de-programmazione è un processo liberatorio che consente alle persone di rimpossessarsi della propria cultura materiale per non soccombere alla deriva di un mercato che ci vede semplicemente come consumatori, razionali magari, ma di certo passivi e incapaci di esprimere progettualità. «Non è facile vedere attraverso l illusione condivisa secondo cui comprare ci rende felici. Ma le persone che ho incontrato attraverso Make sono riuscite, con risultati diversi, a deprogrammare il loro profilo di consumatori nonostante il lavaggio del cervello cui sono stati sottoposti per tutta la vita. [...] Ora sono in grado di riprendersi parte della delega che hanno concesso alle istituzioni. Credono che il senso di controllo e di realizzazione che si ottiene dal fare qualcosa da soli, usando le proprie mani e la propria intelligenza, non può essere ottenuto altrimenti». Il movimento dei makers condivide la tensione verso ciò che Richard Sennett definisce un nuovo materialismo culturale, ovvero la convinzione secondo cui, per riaropriarci del mondo che ci circonda, dobbiamo necessariamente passare attraverso un esperienza attiva di intervento su di esso. Fare le cose ci rende più consapevoli. Cucire bene un vestito o essere in grado di cucinare un pesce sono attività che ci consentono di immaginare categorie di eleganza e di bontà sempre più sofisticate. Confrontarci con il nostro mondo materiale, senza darlo mai per scontato, ci permette di pensare meglio. Essere maker non vuol dire rinunciare alla carriera o ad obiettivi professionali ambiziosi per vivere meglio con la propria famiglia e con se stessi (downshifting). 13

14 La cultura dei nuovi makers americani è tutt altro che remissiva di fronte alla globalizzazione. Anzi, nella maggior parte dei casi si pone come vero e proprio antidoto alla perdita di competitività e di innovazione sul piano industriale che il capitalismo finanziario di questi ultimi dieci anni ha generato. I grandi raduni organizzati dalla rivista «Make» hanno molti lati decisamente folcloristici, ma puntano a rivitalizzare la cultura tecnica e ingegneristica di cui gli Stati Uniti sono stati a lungo leader indiscussi. Il manifesto degli autoriparatori (Self-Repair Manifesto) dichiara apertamente che non solo la cultura della riparazione è la via maestra della sostenibilità («riparare è meglio che riciclare»), ma che aggiustare le cose è un ottimo modo per imparare a sviluare competenze tecniche e ingegneristiche. Le fiere di cui la rivista «Make» è promotrice non hanno nulla di nostalgico o di rétro. Si respira, piuttosto, l ambizione di un mondo convinto di poter dire la sua nel campo dell innovazione tecnologica, anche nei settori di punta come quello dei microprocessori, dell informatica e della sostenibilità ambientale. Lo spirito di fondo che anima queste comunità recupera molti dei tratti salienti della cultura hacker dell informatica indipendente. L obiettivo esplicito è quello di trasferire i concetti tipici della programmazione open source nell ambito del mondo degli oggetti fisici. Non è un caso che fra gli eroi dei makers ci sia anche l italiano Massimo Banzi, famoso negli Stati Uniti per il suo avveniristico progetto Arduino, una piattaforma open source di prototipazione basata su un hardware e un software flessibile e di facile utilizzo che consente, a tutti coloro che lo vogliono, di personalizzare i propri dispositivi a partire dalla medesima architettura di base. Arduino è hardware, è software, ma è anche un metodo di lavoro e, soprattutto, una comunità di aassionati. Molti dei tantissimi progetti presentati all acquario romano in occasione del raduno dei Makers, tenutosi a Roma nel 2012, devono molto della tecnologia e della filosofia di Arduino. Le stampanti 3D di Kent s Straer, i tessuti tecnologici prodotti da plugandwear.com in Toscana, i sistemi di connessione e integrazione fra tecnologie diverse sviluati presso il CRS4 di Cagliari, la moda openwear proposta da Zoe Romano, la piattaforma di commercio sociale blomming.com

15 sono tutte iniziative che condividono con il progetto di Banzi la passione per la conoscenza in versione open source e una gran voglia di accorciare al minimo la distanza che separa ideazione e fabbricazione (Make things, not slides secondo il motto di Vectorealism). Ovviamente la possibilità di sfruttare le potenzialità di Internet favorisce di molto la diffusione delle innovazioni e, soprattutto, la creazione di una comunità. I siti dei makers sono lo spazio di condivisione di nuove idee e di nuove proposte. 15

16 1.3 L artigianato in Italia Siamo abituati ad abbinare la creatività dell artigiano alla dimensione artistica che caratterizza i tanti mestieri storici dell artigianato italiano. L Italia sta diventando una meta obbligata per molti nuovi creativi con la passione del fare. Vengono da tutto il mondo per imparare le tecniche dei mestieri, per avvicinarsi alla cultura manifatturiera del nostro Paese e assorbire il gusto della tradizione. In alcuni casi trovano scuole disposte a ospitarli, in altri si avvicinano ad aziende o a laboratori con cui cominciano a collaborare facendo pratica sul campo. È significativo che, mentre le nostre scuole dei mestieri tradizionali provano ancora ad attrarre ragazzini di quattordici anni proponendo un mestiere che aare loro sempre meno comprensibile, tanti talenti internazionali con qualche anno in più arrivano nel nostro Paese alla ricerca di una manualità che consenta loro di dare forma concreta alla loro creatività. Molte piccole imprese italiane hanno dimostrato di saper assecondare le richieste di operatori particolarmente esigenti coprendo spazi di mercato che aziende di maggiori dimensioni considerano poco rilevanti. Questo processo di miglioramento continuo ha portato molte nostre piccole imprese a livelli di eccellenza internazionale, anche se, più di una volta, il fatturato non sempre è cresciuto al pari della reputazione di mercato. L apertura di mercati in forte crescita consente di ragionare in termini radicalmente nuovi. Quelle che una volta erano nicchie di mercato possono diventare segmenti portanti. Il problema con cui i nostri artigiani devono confrontarsi è che oggi non abbiamo di fronte a noi vent anni di prosperità. L economia cresce, ma non necessariamente nel nostro Paese. Per l artigiano, giocare su mercati lontani è più complicato. Da sempre gli italiani, per orientarsi, hanno imparato a guardare altrove. Prima di tutto agli Stati Uniti. Lo hanno fatto per riformare l università, per ripensare il mercato del lavoro, per organizzare l innovazione nelle imprese. Di solito guardare quanto accade negli Stati Uniti raresenta un modo economico e pratico per viaggiare nel tempo. Con poche eccezioni, quello che succede oggi a New York e a Washington diventa realtà dopo pochi anni anche nel nostro Paese. Nel caso del lavoro artigiano, considerare il dibattito che oggi caratterizza gli

17 Stati Uniti lascia abbastanza sorpresi. Nessun rilancio verso un futuro remoto, anzi. Dall altra parte dell oceano assistiamo a un recupero del valore, culturale ed economico, del lavoro manuale e dell artigianato. E vero che il capitalismo industriale italiano ha fatto proprie nuove competenze manageriali (la comunicazione, la logistica, la progettazione e molte altre ancora), ma è altrettanto vero che gli imprenditori che guidano queste nuove imprese non hanno seguito i precetti della filosofia «finanziaria» che ha orientato la visione del management anglosassone. Il raorto con il prodotto e con la produzione rimane ancora oggi una cifra distintiva nella guida delle imprese del quarto capitalismo italiano 2. Rimane la passione per il fare, radicata in un mondo di mestieri e di pratiche che qualificano un identità sociale. A ben guardare, la nuova media impresa italiana non ha rinnegato la figura dell artigiano; ne ha, invece, organizzato le qualità e ne ha proposto il valore a una scala internazionale. Ha saputo mescolare sapere scientifico e gesti della tradizione, ha imparato a comunicare l abilità dei maestri attraverso i nuovi mezzi di comunicazione. L impresa italiana ha superato l idea folcloristica di un lavoro artigiano privo di tecnologia e regressivo nella sua dimensione sociale. Non rifiuta il lavoro artigiano; semplicemente, ha deciso di farla finita con la sua caricatura. Un grande esempio di lavoro artigianale italiano è l esperienza dell azienda Gucci, il marchio che più raresenta l Italia nel mondo, aggiducandosi il quarantaquattresimo posto nella classifica dei cento top brand più prestigiosi secondo Interbrand, società di consulenza che ogni anno valuta l importanza dei più noti brand a livello mondiale. Parte fondamentale del patrimonio su cui Gucci costruisce il suo successo è lo straordinario saper fare delle migliaia di artigiani che ancora oggi lavorano per la casa fiorentina. La grandissima parte di coloro che producono le borse e gli accessori Gucci sono artigiani che ripropongono una tradizione tutta proiettata all innovazione e al cambiamento. Nessun culto dell artigianato nostalgico, ma consapevolezza che il valore di un prodotto di qualità ha bisogno di fondarsi su competenze uniche. Di nuovo l esperienza dell artigiano è fondamentale, specialmente quando la materia prima ha un suo valore intrinseco e richiede un trattamento specifico. 2 Il quarto capitalismo è costituito dalle imprese della fascia dimensionale intermedia, generalmente distinte da una presenza internazionale e parzialmente riconducibili a sistemi produttivi locali. 17

18 Questa attenzione al tema artigianale è diventata anche una priorità a livello di comunicazione. La campagna Forever Now, concepita da Frida Giannini e promossa a partire dal 2010, è stata centrata principalmente sulla figura dell artigiano. La pubblicità di Gucci ha riproposto una serie di fotografie degli anni cinquanta che ritraggono artigiani al lavoro nella vecchia sede di via delle Caldaie, oggi diventata lo show room di Gucci a Firenze. In alcuni negozi particolarmente prestigiosi, Gucci ha organizzato poi una serie di eventi destinati a coinvolgere la propria clientela per mostrare dal vivo cosa significa produrre una delle sue borse. A Roma, a Parigi, a New York un équipe di artigiani ha completato la realizzazione di una New Bamboo e di una G Wave di fronte a un pubblico entusiasta. Gli artisan corners hanno contribuito a promuovere un immagine nuova del prodotto Gucci, più radicata nei gesti di artigiani competenti. Non è un caso che altri marchi abbiano deciso nello stesso momento di rilanciare il proprio patrimonio culturale, a partire da Louis Vuitton, che ha scommesso sulla storia dei suoi prodotti e sul valore del gesto artigianale che ne consente la produzione.

19 1.4 Una nuova rivoluzione industriale Dalla cultura digitale sta nascendo una nuova generazione di creativi. Capaci di rivoluzionare oggetti e mercato, una rivoluzione che, secondo gli esperti, manderà in pensione le aziende dell era industriale. Dicono che questa dei maker sarà la nuova rivoluzione industriale. Il primo a intuirlo è stato il direttore del magazine Wired, Chris Anderson, che nel 2010 intitolò un suo saggio, Gli atomi sono i nuovi bits: prendeva spunto dal nome di un laboratorio aperto al Mit (Massachusetts Institute of Technology) di Boston qualche anno prima da Neil Gershenfeld (docente al Mit), Center for bits and atoms, luogo dove produrre quasi-qualsiasi-cosa. «La cultura digitale dopo aver rivoluzionato il mondo dei bit e quindi l editoria, la musica e i video attraverso Internet, ora sta per trasformare il mondo degli atomi, quindi degli oggetti fisici». Così avverte Anderson che è a sua volta un maker, nel senso che ha avviato con molto successo la produzione di droni fatti in casa e la sua neonata azienda di 16 persone fattura tre milioni di dollari l anno vendendo kit per aeromodellini con videocamera incorporata. Come nella prima rivoluzione industriale fu una macchina, la macchina a vapore, a innescare un cambiamento epocale, anche in questo caso c è di mezzo una macchina: è la stampante 3D, in pratica è una macchina che stampa oggetti come stamperebbe un foglio. Non si tratta di una cosa nuova in assoluto, sono trent anni che strumenti simili si usano in fabbrica. Ma tutto è cambiato quando nel 2009, in un ex birreria di Brooklyn, Bre Prettis, 38 anni, hacker con la passione dei robot, ne ha realizzata una da circa mille dollari. Invece di oltre centomila. La nascita della mitica Maker-Bot è stato come il passaggio, negli anni Settanta, dai computer che occupavano una intera stanza e costavano come un carrarmato, al pc da tavolo e per tutti: l inizio di una rivoluzione, aunto. Quello della fabbrica personale. Cresce l interesse della stampa anglosassone per la rivoluzione industriale prossima ventura. Sul sito del Financial Times, Izabella Kaminska rilancia il tema delle nuove tecnologie della manifattura digitale riprendendo le tesi già proposte da Viveck Wadhua su Forbes: in breve, una nuova generazione di tecnologie per la manifattura digitale, in primis le stampanti 3D, potrebbe rapidamente 19

20 sostituirsi alle catene di montaggio tradizionali mettendo in discussione l idea stessa di delocalizzazione cui siamo da tempo rassegnati. All origine di questo cambiamento di paradigma vi sono ragioni diverse. La crescita del costo del lavoro in Cina, i tanti problemi nella gestione della proprietà industriale e una crescente pressione politica stanno spingendo molte aziende a ritornare negli Stati Uniti. Quello che davvero potrebbe fare la differenza è l accelerazione nella diffusione delle nuove tecnologie per la produzione digitale. L utilizzo intensivo di tecnologie per la manifattura additiva (le stampanti 3d), insieme a materiali di nuova generazione e a software sempre più sofisticati, potrebbe rendere davvero poco interessante utilizzare ancora manodopera a basso costo in Cina o in altri Paesi in via di sviluo. Secondo la Kaminska, quando questi nuovi strumenti avranno raggiunto una loro maturità, nemmeno i più miseri salari in Africa renderanno interessante l impego di forza lavoro a basso costo. Il ragionamento ha la sua forza. Siamo davvero di fronte a una rivoluzione che rischia di mettere in discussione le logiche tradizionali della divisione del lavoro. Su un punto, però, è difficile concordare con molti osservatori anglosassoni, ovvero sulla loro fiducia che questa nuova generazione di tecnologie possa davvero rimpiazzare l uomo nei processi produttivi. Ripensando a quanto è successo in Europa (e in Italia) negli anni Ottanta, è legittimo immaginare uno scenario diverso. Queste tecnologie sono certamente una grandissima oortunità, ma sono lungi dall eliminare il contributo dell uomo dai processi manifatturieri. Farsi un idea di cosa sarà davvero la produzione digitale non è poi così difficile. Basta andare a guardare da vicino, ad esempio, le tante aziende italiane che già oggi lavorano con successo nel campo della stampa 3D per la prototipazione rapida o per la produzione di componenti in serie limitata. Più che a catene di montaggio stile Matrix queste realtà assomigliano a grandi laboratori artigianali di nuova generazione. Produrre con queste tecnologie richiede competenze tecnologie d avanguardia, certo, ma anche un saper fare costruito sulla pratica, sulla conoscenza diretta dei materiali e sull esperienza diretta dei limiti della tecnologia a disposizione.

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

una storia di famiglia di un marchio ma prima di tutto è la storia di una famiglia. Da cinque generazioni si creano scarpe fatte a mano.

una storia di famiglia di un marchio ma prima di tutto è la storia di una famiglia. Da cinque generazioni si creano scarpe fatte a mano. Dal 1923 una storia di famiglia 1 Pakerson è la storia di un marchio ma prima di tutto è la storia di una famiglia. Da cinque generazioni nella famiglia Brotini si creano scarpe fatte a mano. Il primo

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Marketing Multimedia Innovative Communication Technology

Marketing Multimedia Innovative Communication Technology Marketing Multimedia Innovative Communication Technology Chi siamo Marketing Multimedia nasce nel 1993, dall idea e dall entusiasmo di Roberto Silva Coronel. Roberto Silva Coronel, classe 1969, ha fatto

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Tutte le forme del libro.

Tutte le forme del libro. Tutte le forme del libro. I mestieri del libro Per noi di PGM il libro è un oggetto da produrre in vista del massimo piacere per il lettore: utile, pratico, solido, maneggevole, bello. È la base materiale

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design IL BRAND Il marchio GAZZARRINI nasce nel 1993 dall iniziativa e dall esperienza trentennale nel mondo della moda. Fin dall inizio, si distingue subito per un approccio innovativo al prodotto, tanto da

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Piccole e Medie Imprese

Piccole e Medie Imprese Piccole e Medie Imprese Imprenditoria e organizzazione delle piccole e medie imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corsi di Laurea: Magistrale Ingegneria e Scienze Informatiche Matematica Applicata UNIVERSITÀ

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

P A R L I A M O D I...

P A R L I A M O D I... PARLIAMO DI... ASSOLUTAMENTE NUOVI. ASSOLUTAMENTE UNICI! DI NARA STEFANELLI PARLIAMO DI... R enova sarà la novità assoluta di Tanexpo 2014. Un brand che attraverso il nome stesso vuole trasmettere il concetto

Dettagli

La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online

La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online La nostra missione? Dare la possibilità a tutti di vendere online Ci occupiamo di realizzare progetti per aziende produttrici grazie ai quali distribuire e vendere prodotti e servizi. Con gli anni abbiamo

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

CREATIVE. Newsletter Numero 04 HANDMADE THINKING. Contenuto:

CREATIVE. Newsletter Numero 04 HANDMADE THINKING. Contenuto: Newsletter Numero 04 Contenuto: È iniziata la fase di divulgazione finale Un frammento del nostro manuale L opinione degli esperti I Partner del Progetto È iniziata la fase di divulgazione finale Siamo

Dettagli

Il design come valore negli scambi economici tra paesi

Il design come valore negli scambi economici tra paesi Il design come valore negli scambi economici tra paesi Design come processo Il design nasce all inizio del secolo scorso con lo sviluppo della produzione industriale e come conseguenza della separazione

Dettagli

condivivere DA SOLO PUOI CRESCERE NEL MERCATO. INSIEME, PUOI CAMBIARLO.

condivivere DA SOLO PUOI CRESCERE NEL MERCATO. INSIEME, PUOI CAMBIARLO. condivivere DA SOLO PUOI CRESCERE NEL MERCATO. INSIEME, PUOI CAMBIARLO. condivivere OGNI VOLTA CHE SI CREA UNO SCENARIO DIVERSO NASCE L ESIGENZA DI UNA REAZIONE DIFFERENTE. Le evoluzioni degli ultimi anni

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione.

Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione. Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione. Come nasce il progetto? La necessita, il desiderio di cambiare le regole e di dettarne di nuove verso un modo contemporaneo di fare impresa, ha dato vita

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Ringraziamenti. Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1. 1.1 Premessa 1. 1.2 Glialboridelmercato 1

Ringraziamenti. Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1. 1.1 Premessa 1. 1.2 Glialboridelmercato 1 Prefazione di Guido Corbetta Presentazione di Giacomo Bozzi Ringraziamenti XIII XV XIX 1 Evoluzione storica e fenomenologica del mercato italiano dell orologeria 1 1.1 Premessa 1 1.2 Glialboridelmercato

Dettagli

Geprim per il Settore Immobiliare

Geprim per il Settore Immobiliare Geprim per il Settore Immobiliare Strumenti, tecniche, competenze, per superare le criticità e raggiungere i propri obiettivi Geprim per il Settore Immobiliare Il settore immobiliare è caratterizzato da

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati FABIO PICCOLI Esperto Internazionalizzazione Wine Monitor Bologna, 3 aprile 2013 L internazionalizzazione non

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Kiton: fiore all occhiello del made in Italy

Kiton: fiore all occhiello del made in Italy Percorso C Struttura organizzativa e gestione delle risorse umane Caso pratico Kiton: fiore all occhiello del made in Italy È il 1968 quando ad Arzano, in provincia di Napoli, nasce il marchio Kiton. L

Dettagli

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati.

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 1 ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 2 Indice generale Abstract...3 Integrare: perché?...3 Le soluzioni attuali...4 Cos'è un ESB...5 GreenVulcano ESB...6 3 Abstract L'integrazione

Dettagli

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005

Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Roma al 2015. Gli scenari per il futuro della città Auditorium 19 gennaio 2005 Nei prossimi anni Roma sarà chiamata a competere in un contesto internazionale ed in uno scenario dominato da alcune macrotendenze

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

Scheda 3 «Eco-innovazioni»

Scheda 3 «Eco-innovazioni» Scheda 3 «Eco-innovazioni» UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE Secondo una indagine fatta nel 2013 dall Unione Europea sulla

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP

Migliorare il processo produttivo con SAP ERP ICI Caldaie Spa. Utilizzata con concessione dell autore. Migliorare il processo produttivo con SAP ERP Partner Nome dell azienda ICI Caldaie Spa Settore Caldaie per uso residenziale e industriale, generatori

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

Pelletteria Almax: una tradizione di oltre 50 anni

Pelletteria Almax: una tradizione di oltre 50 anni Pelletteria Almax: una tradizione di oltre 50 anni 1957 1972 1986 2003 Oggi Mauro Guerrini, inizia la sua carriera di pellettiere in una delle più importanti valigerie fiorentine del tempo Insieme ad altri

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

Tecnologie e sistemi per la business integration. www.xdatanet.com

Tecnologie e sistemi per la business integration. www.xdatanet.com Tecnologie e sistemi per la business integration www.xdatanet.com X DataNet, X costruttori DataNet, costruttori di softwaredi software Costruiamo Costruiamo soluzioni tecnologiche soluzioni tecnologiche

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

126.000 aziende hanno in corso una procedura concorsuale 12 regioni su 20 hanno subito una pesante dinamica recessiva

126.000 aziende hanno in corso una procedura concorsuale 12 regioni su 20 hanno subito una pesante dinamica recessiva È POSSIBILE TROVARE UN ORIZZONTE ALTERNATIVO Nonostante alcuni segnali di ripresa registrati negli ultimi mesi, la situazione macroeconomica del Paese stenta a migliorare e le imprese italiane hanno difficoltà

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 1688

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 1688 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1688 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore CERONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 20 NOVEMBRE 2014 Realizzazione nelle scuole secondarie di secondo grado

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

OPEN SOURCE/ DIGITAL FABRICATION

OPEN SOURCE/ DIGITAL FABRICATION OPEN SOURCE/ DIGITAL FABRICATION REPORT 30/11/2011 NEWIDEA Alessia Mansutti Rosanna Venditti CHE COS E Vectorealism è un servizio di taglio laser professionale offerto a tutti coloro che vogliono creare

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

PATRIZIO PAOLETTI 5 P ASSI P ER CAMBIARE LA TUA VITA. MED events that change your life

PATRIZIO PAOLETTI 5 P ASSI P ER CAMBIARE LA TUA VITA. MED events that change your life PATRIZIO PAOLETTI 5 P ASSI P ER CAMBIARE LA TUA VITA MED events that change your life L ECCELLENZA È UN MODELLO A TENDERE PATRIZIO PAOLETTI Il filo conduttore che anima il percorso è la certezza che in

Dettagli

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Conoscendo l evoluzione storica della moda, è possibile affermarne la caratteristica di variabilità nel tempo, che dà vita ad un processo di cambiamento continuo,

Dettagli

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI

UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI UNA STORIA LUNGA UN SOGNO MEZZO SECOLO DI PROGETTI REALIZZATI HOTEL RISTORANTI SALE RICEVIMENTO BANCHE - UFFICI CENTRI CONGRESSUALI BAR - NEGOZI MADE IN LONGIANO Borgo storico dall aspetto tipicamente

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI:

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: Reputazione online NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: FONDAMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALE: LE REGOLE DEL WEB NUOVI OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE: DAL BRAND ALL IDENTITÀ DIGITALE DEFINIZIONE DI WEB REPUTATION

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE DEFINIZIONE DI QUALITA IL CONCETTO DI QUALITA. Prof.ssa Federica Murmura. a.a. 2014-2015 GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE a.a. 2014-2015 1 DEFINIZIONE DI QUALITA La norma UNI EN ISO 9000: 2005 definisce la qualità come «l insieme delle caratteristiche intrinseche di un prodotto/ servizio che

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

Brochure per fornitori e partner

Brochure per fornitori e partner La grande catena di negozi per tutta la famiglia Brochure per fornitori e partner SOMMARIO Sommario... 3 Il Gruppo CIA Diffusione Abbigliamento... 4 La Rete dei Punti Vendita... 4 I motivi di un successo...

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

UNA STARTUP PUGLIESE CONQUISTA

UNA STARTUP PUGLIESE CONQUISTA Lecce, 15 giugno 2015 COMUNICATO STAMPA UNA STARTUP PUGLIESE CONQUISTA LA GRANDE DISTRIBUZIONE COOP CON PRODOTTI OPEN SOURCE E LANCIA UNA TRE GIORNI DEDICATA A INNOVAZIONE E STAMPA 3D. Un evento di tre

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Parla come mangi! Come comunicare a un pubblico di foodie. Myriam Sabolla

Parla come mangi! Come comunicare a un pubblico di foodie. Myriam Sabolla Parla come mangi! Come comunicare a un pubblico di foodie Myriam Sabolla Il gusto del Museo 2.0 Forlimpopoli, Casa Artusi - 24 giugno 2013 Piacere Myriam Sabolla Social Media Strategist Social Media &

Dettagli