ISBN for LUISAVIAROMA.COM. del prodotto artigianale attraverso le nuove tecnologie. Ramona Aiello Danilo Galipò

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN 978-88-98223-07-7. for LUISAVIAROMA.COM. del prodotto artigianale attraverso le nuove tecnologie. Ramona Aiello Danilo Galipò"

Transcript

1 ISBN Promozione del prodotto artigianale attraverso le nuove tecnologie for LUISAVIAROMA.COM Ramona Aiello Danilo Galipò

2 Promozione for LUISAVIAROMA.COM del prodotto artigianale attraverso le nuove tecnologie Ramona Aiello Danilo Galipò 2013 Designcampus via Sandro Pertini Calenzano (FI), Italia Prima edizione: gennaio 2013 Progetto grafico: Danilo Galipò, Ramona Aiello È vietata la duplicazione con qualsiasi mezzo Ristampa Anno ISBN L editore è a disposizione degli aventi diritto per quanto riguarda eventuali fonti iconografiche non identificate.

3 Prefazione Sistema prodotto italiano Riscoprire l artigiano 1.1 L artigiano I maker L artigianato in Italia Una nuova rivoluzione industriale 19 Pensato e Fatto in Italia 2.1 il Made in Italy Origini del Made in Italy Made in Italy oggi Panorama economico delle PMI 30 Le Pmi localizzate nei distretti industriali I vantaggi competitivi dei distretti 2.5 Certificazioni 100% Made in Italy Redditività e raorti con il sistema bancario 44 Tendenze evolutive e scenari futuri 2.7 Made in Italy Internet economy 3.1 Internet economy 59 Internet in Italia Cresce il popolo digitale Tanto social network, sempre più e-commerce 3.2 PIL e dintorni 65 Primo anello: impatti diretti dell internet economy Secondo anello: lavorare online, un vantaggio di tempo e risorse Terzo anello: ampi benefici sociali 3.3 Piccole, online e di successo 68 Crescita, fatturato e produttività Quando il web significa lavoro 3.4 Il web e il Made in Italy 71 Interazione con i consumatori Vendite e acquisti via web Un Paese in mobilità 3.5 L internet del futuro 79 Gli italiani e internet, un raorto in crescita

4 4 Un salto generazionale, sull onda del mobile Tre priorità per lo sviluo dell internet economy Social Web 4.1 Storia ed evoluzione dei social media Il diario di rete 88 Il blog Nascita il blog Le tipologie principali 4.3 Il caso ebay 91 Nascita delle aste virtuali La valutazione online. Stelle, feedback e social sharing 4.4 Il commercio elettronico 95 Breve storia dell e-commerce Le tipologie di commercio elettronico I beni e servizi più venduti online Benefici derivanti dal commercio elettronico Gli ostacoli allo sviluo dell e-commerce Sistemi di pagamento 4.5 I marketplace Alcune Case histories di marketplace italiani Luisaviaroma.com Un immagine di classe Il successo sul web Il successo dell e-commerce Google Adwords 130 Università & Impresa 6.1 Il laboratorio congiunto Il progetto e.craft Profili professionali all interno del laboratorio 136 Tool di valutazione 7.1 Creazione di un tool 151 Abitare il tempo Questionario d indagine Aziende selezionate

5 8 Luisaviaroma.com/e.craft 8.1 e.craft nel web packaging 192 Conclusioni 194 Bibliografia 196 Sitografia

6 Prefazione Sistema prodotto italiano di Elisabetta Cianfanelli Il saper fare, pratico e tangibile, deriva dal saper intellettuale e manuale, da un sistema complesso che fonde concetti oosti: la storia, la tradizione accanto all innovazione e alle istanze del contemporaneo, l alta gamma accanto all etica, la produzione manuale e la produzione seriale. Infatti non sempre gli oosti si annullano, ma talvolta sono in grado di creare un sistema complesso di contenuti e attori; è il caso del Prodotto Italiano, il Made in Italy. L origine di questa espressione fatto in Italia coniata in America in riferimento ai modi e ai comportamenti degli immigrati italiani, non era totalmente positiva, ma indicava tutto ciò che veniva fatto con superficialità, faciloneria e cialtroneria riferendosi sopratutto al modo in cui in Italia si gestivano politica, economia e servizi pubblici. Il dopoguerra ha visto modificarsi totalmente tale giudizio, grazie allo sviluo di una cultura d impresa tutta italiana, che ha fatto del nostro Paese un punto di riferimento internazionale. Il distretto industriale italiano e il sistema d impresa integrato si configurano come espressione della creatività e del saper fare del nostro Paese, un sistema che ha dimostrato negli anni straordinarie capacità competitive e grande originalità improntando una produzione e una progettazione ad hoc che soddisfacesse le esigenze del cliente. Oggi tale aroccio risulta essere insufficiente, la crisi economica e alcuni vuoti tecnologici hanno condotto ad una vera e propria decadenza del prodotto pensato e fatto in Italia. Tale gap di ricerca e di prodotto è inoltre ricollegabile a specifiche problematiche legate alla governance delle piccole e medie imprese dei comparti industriali italiani, chiuse in regimi di sfiducia e di mancato investimento su concrete strategie di riposizionamento. Si percepiscono, quindi tentativi di ristrutturazione e di competivitità spesso incompleti e mancati di un adeguata vision, che guidi scelte economiche e produttive. Si determina l immagine di un sistema provato, in recessione e afflitto da un disagio di lunga data causato dal processo di globalizzazione e da una trasformazione politica che non ha saputo interpretare

7 i nuovi scenari internazionali. In primis le imprese italiane percepiscono la globalizzazione e il futuro come una minaccia e non come un oortunità, situazione di smarrimento che porta a scarsi, se non assenti, investimenti in nuove menti che permettano un ricambio generazionale ed una competività adeguati, infatti le risorse umane raresentano una delle chiavi di affermazione nel mercato attuale. Inoltre, il sistema della piccola impresa italiana, vero cuore del Made in Italy, mostra notevoli difficoltà alla partecipazione a progetti integrati di ricerca e all accesso ad aositi bandi nazionali e internazionali di finanziamenti. Tale limite dei nostri sistemi produttivi deriva proprio dalla dimensione e dall individualismo propri delle aziende manifatturiere che, se da un lato non possono autonomamente sviluare specifici processi di ricerca e di sviluo interni, vista la limitatezza delle risorse dell impresa, dall altro non riescono neure a produrre piattaforme trasversali che abbracciano più attori economici e che sviluino capitalismi di rete e network di persone in grado di presentare una linea comune di ricerca e di innovazione, un nuovo potere competitivo sui mercati globali 1. Possiamo quindi affermare che il prodotto italiano ha necessità di un iniezione di ricerca svolta in maniere trasversale in tutti i settori in cui è composto e in cui è declinato; noi focalizzeremo la nostra attenzione sugli ambienti che afferiscono alla cultura del progetto in tutti i suoi processi di sintesi e le sue articolazioni. Chi svolge attività di ricerca spesso si trova nelle condizioni di porsi delle domande alle quali cerca di dare risposte, avvalendosi sia delle proprie conoscenze pregresse, che della lettura e dell interpretazione delle mutate relazioni tra le persone, i luoghi e gli oggetti. 1 E. Cianfanelli, S. Kuenen, Metamorfosi, Edizioni Polistampa,

8 1 RISCOPRIRE L ARTIGIANO Mario Cresci, Pressione, 1977

9 1. 1 L artigiano La parola greca che traduciamo con artigiano è demiourgos, un composto che unisce l idea di pubblico (demios aartenente al popolo ) e di produzione (ergon opera, lavoro ). L artigiano è la figura che raresenta l incarnazione della materia, è colui che con talento e dedizione riesce, partendo dall informità della materia, a comunicare in modo pratico e tangibile, una complessa e ampia sfera di valori immateriali che rivestono una civiltà, comprendo la storia gli usi, i costumi, la lingua e le tradizioni. Gli artigiani sono coloro che hanno riconosciuto innanzitutto l autorità di un maestro 1, divendendo artefici del loro lavoro o, per meglio dire, della loro carriera, ovvero di un percorso professionale lineare ed esteso nel tempo. Essere artigiano significa riuscire a fondere il talento e l intuitività con l esperienza e sopratutto a rendere complementare la propria figura umana con quella del proprio lavoro. Il termine maestria, ovvero la capacità di compiere un lavoro a regola d arte, con grande abilità e perizia, con il suo rimando ai maestri artigiani, designa un impulso umano fondamentale sempre vivo, il desiderio di svolgere bene un lavoro per se stesso. In tutti i campi la maestria tecnica si fonda su abilità sviluate al massimo grado. Qualunque attività migliora, se è praticata come un mestiere specializzato. Spesso, tuttavia, le condizioni sociali ed economiche ostacolano la disciplina e l impegno del bravo artigiano ; la scuola a volte non riesce a fornire gli strumenti necessari e i luoghi di lavoro non valorizzano come dovrebbero l aspirazione alla qualità. Spesso al bravo artigiano vengono proposti criteri oggettivi di eccellenza; il desiderio di svolgere bene un compito per il piacere che questo comporta può essere ostacolato dalla pressione della competitività, dalla frustrazione, dall ossessività. Il lavoro artigiano contribuisce da sempre alla struttura dei nostri processi produttivi. Ritroviamo lavoro artigiano in una varietà di contesti: nel mondo del design, in quello della moda, nella produzione di macchine utensili, persino nel campo dell hi-tech. Il lavoro artigiano è l ingrediente essenziale del modus operandi delle grandi imprese del lusso così come delle piccole imprese della meccanica di precisione. 1 Sennet R., L uomo artigiano, Feltrinelli,

10 Già all inizio del decennio passato, Richard Florida invita a riflettere sulla classe dei creativi cui aartengono imprenditori, dirigenti pubblici e privati, manager, ricercatori, avvocati, commercilaisti, architetti, ingegneri, medici e professioni tecniche e artistiche di elevata specializzazione. Ciò che rende interessanti i creativi è la loro capacità di esplorare contesti e situazioni in modo originale, proponendo idee e risultati che non sono semplicemente la soluzione tecnica di problemi consolidati a priori. La creatività è qualcosa in più della capacità di risolvere problemi. È la capacità di inventarsene di nuovi o di guardare a problemi vecchi con occhi diversi. Questa abilità nell innovare e nel promuovere nuovi punti di vista non nasce solo da una conoscenza arofondita di specifici domini del sapere, ma anche da uno stile di vita più aperto alla diversità, che la società deve accettare e riconoscere. Thomas L. Friedman, famoso editorialista statunitense, sostiene che tutto ciò che è standard è superato. Il lavoro deve essere qualcosa in più che la banale ripetizione di una serie di gesti predefiniti. E ciò presuone la scoperta o, meglio, la riscoperta di un raorto più intenso fra l individuo e il suo lavoro e un diverso riconoscimento sociale dei mestieri, anche di quelli più tradizionali. Richard Sennett, sociologo e scrittore statunitense, che si è occupato soprattutto dei temi della teoria della socialità e del lavoro, dei legami sociali nei contesti urbani, degli effetti sull individuo della convivenza nel mondo moderno urbanizzato, è convinto che la nostra società abbia bisogno di riscoprire le virtù dell uomo artigiano. Secondo Sennet è da inseguire il profilo e le caratteristiche dell artigiano: la sua passione per la qualità del lavoro, il suo desiderio di migliorare nell esercizio e nell arofondimento delle tecniche, il suo radicamento in comunità di pratica socialmente riconosciute. E interessante evidenziare nel pensiero di Sennet i tre aspetti che distinguono il lavoro artigiano dal lavoro in fabbrica. Prima di tutto perché incorpora una quota di autonomia superiore, che riflette la capacità dell artigiano di orientarsi all interno di problemi complessi e di trovare soluzioni originali. A differenza dell operaio che lavora lungo la catena di montaggio, l artigiano domina l intero processo produttivo o una sua parte rilevante ed è capace di utilizzare con abilità una grande varietà di strumenti.

11 Un secondo aspetto distintivo riguarda il dialogo con il committente. L artigiano conosce le aspettative e i desideri di colui che è il destinatario del suo lavoro ed è in grado di verificare la qualità del risultato finale con il diretto interessato. Questa capacità di ascolto è essenziale per la personalizzazione del prodotto, tipica della dimensione artigiana. Infine, l aspetto sociale del mestiere: l attività dell artigiano si struttura in pratiche socialmente riconoscibili e trasmissibili, non solo gesti ma anche atteggiamenti e disposizioni d animo, in grado di definire la sua identità. L artigiano, secondo Sennet, è colui che ama il lavoro fatto a regola d arte, che si impegna nella realizzazione di uno standard superiore e che ha la possibilità di ribadire con orgoglio la qualità del suo lavoro. L artigiano è l erede di una lunga tradizione che si è consolidata attraverso la costruzione sociale di gesti e saperi che sono condivisi all interno di una data comunità pratica. A differenza del creativo, non ha una soggettività individuale; la sua identità è legata al mestiere ed è un fatto collettivo. Altra differenza, identificata da Sennet, riguarda la dimesione del tempo. Il tempo dell artigiano è un tempo lungo. L arendimento in bottega è un processo incrementale, che richiede una lunga serie di prove e di errori. La confidenza con la materia e con i gesti del mestiere nasce dall esperienza; l esperienza deriva principalmente dalle tante decisioni, buone e cattive, prese in passato. Anche l oggetto riuscito non è un atto improvviso. È piuttosto il risultato di affinamenti continui che tendono alla maestria. Una figura che invece si accomuna a quella dell artigiano è l autoproduttore, definito da Micelli un designer-artigiano capace di dare forma concreta alle proprie intuizioni. Ciò che accomuna l autoproduttore e l artigiano è la consapevolezza delle connessioni fra progetto, produzione, lavoro, ambiente, comunicazione, commercio e valore. È uno degli aspetti distintivi dell attualità della figura dell artigiano. L artigiano a differenza dell autoproduttore essendo iperspecialista di un settore raggiunge spesso l eccellenza ed è quando si parla di virtuosismo artigianale, di unicità di un pezzo. Nell ambito degli autoproduttori ancora non si sono registrati episodi di eccellenza poiché spesso i prodotti sono basic o semplici rivisitazioni di prodotti che assolvono a medesime prestazioni. Il fenomeno degli autoproduttori non va confuso con una nuova forma di artiginato: esso infatti si lega ad effetti, 11

12 esperienze ed emozioni del contemporaneo. L autoproduttore risponde alle esigenze degli nuovi stili di vita in cui si riscopre la necessità di recuperare i saperi dei lavori manuali.

13 1.2 I maker Mark Frauenfelder, blogger, illustratore e giornalista, fondatore della rivista Make, è convinto che sia venuto il momento di mettere in discussione una volta per tutte una cultura del consumo fondata sul condizionamento mediatico. Siamo programmati per acquistare e per consumare. Ci fidiamo delle proposte e dei messaggi che le imprese lanciano attraverso i mass media. Fare le cose diventare un maker significa prima di tutto riaropriarsi di quella delega che, più o meno un secolo fa, abbiamo concesso senza troi pensieri alle grandi aziende che stavano rapidamente imponendosi sul mercato grazie alle tecniche del marketing e della comunicazione. Il termine con cui Frauenfelder indica la sua svolta è de-programmazione. La de-programmazione è un processo liberatorio che consente alle persone di rimpossessarsi della propria cultura materiale per non soccombere alla deriva di un mercato che ci vede semplicemente come consumatori, razionali magari, ma di certo passivi e incapaci di esprimere progettualità. «Non è facile vedere attraverso l illusione condivisa secondo cui comprare ci rende felici. Ma le persone che ho incontrato attraverso Make sono riuscite, con risultati diversi, a deprogrammare il loro profilo di consumatori nonostante il lavaggio del cervello cui sono stati sottoposti per tutta la vita. [...] Ora sono in grado di riprendersi parte della delega che hanno concesso alle istituzioni. Credono che il senso di controllo e di realizzazione che si ottiene dal fare qualcosa da soli, usando le proprie mani e la propria intelligenza, non può essere ottenuto altrimenti». Il movimento dei makers condivide la tensione verso ciò che Richard Sennett definisce un nuovo materialismo culturale, ovvero la convinzione secondo cui, per riaropriarci del mondo che ci circonda, dobbiamo necessariamente passare attraverso un esperienza attiva di intervento su di esso. Fare le cose ci rende più consapevoli. Cucire bene un vestito o essere in grado di cucinare un pesce sono attività che ci consentono di immaginare categorie di eleganza e di bontà sempre più sofisticate. Confrontarci con il nostro mondo materiale, senza darlo mai per scontato, ci permette di pensare meglio. Essere maker non vuol dire rinunciare alla carriera o ad obiettivi professionali ambiziosi per vivere meglio con la propria famiglia e con se stessi (downshifting). 13

14 La cultura dei nuovi makers americani è tutt altro che remissiva di fronte alla globalizzazione. Anzi, nella maggior parte dei casi si pone come vero e proprio antidoto alla perdita di competitività e di innovazione sul piano industriale che il capitalismo finanziario di questi ultimi dieci anni ha generato. I grandi raduni organizzati dalla rivista «Make» hanno molti lati decisamente folcloristici, ma puntano a rivitalizzare la cultura tecnica e ingegneristica di cui gli Stati Uniti sono stati a lungo leader indiscussi. Il manifesto degli autoriparatori (Self-Repair Manifesto) dichiara apertamente che non solo la cultura della riparazione è la via maestra della sostenibilità («riparare è meglio che riciclare»), ma che aggiustare le cose è un ottimo modo per imparare a sviluare competenze tecniche e ingegneristiche. Le fiere di cui la rivista «Make» è promotrice non hanno nulla di nostalgico o di rétro. Si respira, piuttosto, l ambizione di un mondo convinto di poter dire la sua nel campo dell innovazione tecnologica, anche nei settori di punta come quello dei microprocessori, dell informatica e della sostenibilità ambientale. Lo spirito di fondo che anima queste comunità recupera molti dei tratti salienti della cultura hacker dell informatica indipendente. L obiettivo esplicito è quello di trasferire i concetti tipici della programmazione open source nell ambito del mondo degli oggetti fisici. Non è un caso che fra gli eroi dei makers ci sia anche l italiano Massimo Banzi, famoso negli Stati Uniti per il suo avveniristico progetto Arduino, una piattaforma open source di prototipazione basata su un hardware e un software flessibile e di facile utilizzo che consente, a tutti coloro che lo vogliono, di personalizzare i propri dispositivi a partire dalla medesima architettura di base. Arduino è hardware, è software, ma è anche un metodo di lavoro e, soprattutto, una comunità di aassionati. Molti dei tantissimi progetti presentati all acquario romano in occasione del raduno dei Makers, tenutosi a Roma nel 2012, devono molto della tecnologia e della filosofia di Arduino. Le stampanti 3D di Kent s Straer, i tessuti tecnologici prodotti da plugandwear.com in Toscana, i sistemi di connessione e integrazione fra tecnologie diverse sviluati presso il CRS4 di Cagliari, la moda openwear proposta da Zoe Romano, la piattaforma di commercio sociale blomming.com

15 sono tutte iniziative che condividono con il progetto di Banzi la passione per la conoscenza in versione open source e una gran voglia di accorciare al minimo la distanza che separa ideazione e fabbricazione (Make things, not slides secondo il motto di Vectorealism). Ovviamente la possibilità di sfruttare le potenzialità di Internet favorisce di molto la diffusione delle innovazioni e, soprattutto, la creazione di una comunità. I siti dei makers sono lo spazio di condivisione di nuove idee e di nuove proposte. 15

16 1.3 L artigianato in Italia Siamo abituati ad abbinare la creatività dell artigiano alla dimensione artistica che caratterizza i tanti mestieri storici dell artigianato italiano. L Italia sta diventando una meta obbligata per molti nuovi creativi con la passione del fare. Vengono da tutto il mondo per imparare le tecniche dei mestieri, per avvicinarsi alla cultura manifatturiera del nostro Paese e assorbire il gusto della tradizione. In alcuni casi trovano scuole disposte a ospitarli, in altri si avvicinano ad aziende o a laboratori con cui cominciano a collaborare facendo pratica sul campo. È significativo che, mentre le nostre scuole dei mestieri tradizionali provano ancora ad attrarre ragazzini di quattordici anni proponendo un mestiere che aare loro sempre meno comprensibile, tanti talenti internazionali con qualche anno in più arrivano nel nostro Paese alla ricerca di una manualità che consenta loro di dare forma concreta alla loro creatività. Molte piccole imprese italiane hanno dimostrato di saper assecondare le richieste di operatori particolarmente esigenti coprendo spazi di mercato che aziende di maggiori dimensioni considerano poco rilevanti. Questo processo di miglioramento continuo ha portato molte nostre piccole imprese a livelli di eccellenza internazionale, anche se, più di una volta, il fatturato non sempre è cresciuto al pari della reputazione di mercato. L apertura di mercati in forte crescita consente di ragionare in termini radicalmente nuovi. Quelle che una volta erano nicchie di mercato possono diventare segmenti portanti. Il problema con cui i nostri artigiani devono confrontarsi è che oggi non abbiamo di fronte a noi vent anni di prosperità. L economia cresce, ma non necessariamente nel nostro Paese. Per l artigiano, giocare su mercati lontani è più complicato. Da sempre gli italiani, per orientarsi, hanno imparato a guardare altrove. Prima di tutto agli Stati Uniti. Lo hanno fatto per riformare l università, per ripensare il mercato del lavoro, per organizzare l innovazione nelle imprese. Di solito guardare quanto accade negli Stati Uniti raresenta un modo economico e pratico per viaggiare nel tempo. Con poche eccezioni, quello che succede oggi a New York e a Washington diventa realtà dopo pochi anni anche nel nostro Paese. Nel caso del lavoro artigiano, considerare il dibattito che oggi caratterizza gli

17 Stati Uniti lascia abbastanza sorpresi. Nessun rilancio verso un futuro remoto, anzi. Dall altra parte dell oceano assistiamo a un recupero del valore, culturale ed economico, del lavoro manuale e dell artigianato. E vero che il capitalismo industriale italiano ha fatto proprie nuove competenze manageriali (la comunicazione, la logistica, la progettazione e molte altre ancora), ma è altrettanto vero che gli imprenditori che guidano queste nuove imprese non hanno seguito i precetti della filosofia «finanziaria» che ha orientato la visione del management anglosassone. Il raorto con il prodotto e con la produzione rimane ancora oggi una cifra distintiva nella guida delle imprese del quarto capitalismo italiano 2. Rimane la passione per il fare, radicata in un mondo di mestieri e di pratiche che qualificano un identità sociale. A ben guardare, la nuova media impresa italiana non ha rinnegato la figura dell artigiano; ne ha, invece, organizzato le qualità e ne ha proposto il valore a una scala internazionale. Ha saputo mescolare sapere scientifico e gesti della tradizione, ha imparato a comunicare l abilità dei maestri attraverso i nuovi mezzi di comunicazione. L impresa italiana ha superato l idea folcloristica di un lavoro artigiano privo di tecnologia e regressivo nella sua dimensione sociale. Non rifiuta il lavoro artigiano; semplicemente, ha deciso di farla finita con la sua caricatura. Un grande esempio di lavoro artigianale italiano è l esperienza dell azienda Gucci, il marchio che più raresenta l Italia nel mondo, aggiducandosi il quarantaquattresimo posto nella classifica dei cento top brand più prestigiosi secondo Interbrand, società di consulenza che ogni anno valuta l importanza dei più noti brand a livello mondiale. Parte fondamentale del patrimonio su cui Gucci costruisce il suo successo è lo straordinario saper fare delle migliaia di artigiani che ancora oggi lavorano per la casa fiorentina. La grandissima parte di coloro che producono le borse e gli accessori Gucci sono artigiani che ripropongono una tradizione tutta proiettata all innovazione e al cambiamento. Nessun culto dell artigianato nostalgico, ma consapevolezza che il valore di un prodotto di qualità ha bisogno di fondarsi su competenze uniche. Di nuovo l esperienza dell artigiano è fondamentale, specialmente quando la materia prima ha un suo valore intrinseco e richiede un trattamento specifico. 2 Il quarto capitalismo è costituito dalle imprese della fascia dimensionale intermedia, generalmente distinte da una presenza internazionale e parzialmente riconducibili a sistemi produttivi locali. 17

18 Questa attenzione al tema artigianale è diventata anche una priorità a livello di comunicazione. La campagna Forever Now, concepita da Frida Giannini e promossa a partire dal 2010, è stata centrata principalmente sulla figura dell artigiano. La pubblicità di Gucci ha riproposto una serie di fotografie degli anni cinquanta che ritraggono artigiani al lavoro nella vecchia sede di via delle Caldaie, oggi diventata lo show room di Gucci a Firenze. In alcuni negozi particolarmente prestigiosi, Gucci ha organizzato poi una serie di eventi destinati a coinvolgere la propria clientela per mostrare dal vivo cosa significa produrre una delle sue borse. A Roma, a Parigi, a New York un équipe di artigiani ha completato la realizzazione di una New Bamboo e di una G Wave di fronte a un pubblico entusiasta. Gli artisan corners hanno contribuito a promuovere un immagine nuova del prodotto Gucci, più radicata nei gesti di artigiani competenti. Non è un caso che altri marchi abbiano deciso nello stesso momento di rilanciare il proprio patrimonio culturale, a partire da Louis Vuitton, che ha scommesso sulla storia dei suoi prodotti e sul valore del gesto artigianale che ne consente la produzione.

19 1.4 Una nuova rivoluzione industriale Dalla cultura digitale sta nascendo una nuova generazione di creativi. Capaci di rivoluzionare oggetti e mercato, una rivoluzione che, secondo gli esperti, manderà in pensione le aziende dell era industriale. Dicono che questa dei maker sarà la nuova rivoluzione industriale. Il primo a intuirlo è stato il direttore del magazine Wired, Chris Anderson, che nel 2010 intitolò un suo saggio, Gli atomi sono i nuovi bits: prendeva spunto dal nome di un laboratorio aperto al Mit (Massachusetts Institute of Technology) di Boston qualche anno prima da Neil Gershenfeld (docente al Mit), Center for bits and atoms, luogo dove produrre quasi-qualsiasi-cosa. «La cultura digitale dopo aver rivoluzionato il mondo dei bit e quindi l editoria, la musica e i video attraverso Internet, ora sta per trasformare il mondo degli atomi, quindi degli oggetti fisici». Così avverte Anderson che è a sua volta un maker, nel senso che ha avviato con molto successo la produzione di droni fatti in casa e la sua neonata azienda di 16 persone fattura tre milioni di dollari l anno vendendo kit per aeromodellini con videocamera incorporata. Come nella prima rivoluzione industriale fu una macchina, la macchina a vapore, a innescare un cambiamento epocale, anche in questo caso c è di mezzo una macchina: è la stampante 3D, in pratica è una macchina che stampa oggetti come stamperebbe un foglio. Non si tratta di una cosa nuova in assoluto, sono trent anni che strumenti simili si usano in fabbrica. Ma tutto è cambiato quando nel 2009, in un ex birreria di Brooklyn, Bre Prettis, 38 anni, hacker con la passione dei robot, ne ha realizzata una da circa mille dollari. Invece di oltre centomila. La nascita della mitica Maker-Bot è stato come il passaggio, negli anni Settanta, dai computer che occupavano una intera stanza e costavano come un carrarmato, al pc da tavolo e per tutti: l inizio di una rivoluzione, aunto. Quello della fabbrica personale. Cresce l interesse della stampa anglosassone per la rivoluzione industriale prossima ventura. Sul sito del Financial Times, Izabella Kaminska rilancia il tema delle nuove tecnologie della manifattura digitale riprendendo le tesi già proposte da Viveck Wadhua su Forbes: in breve, una nuova generazione di tecnologie per la manifattura digitale, in primis le stampanti 3D, potrebbe rapidamente 19

20 sostituirsi alle catene di montaggio tradizionali mettendo in discussione l idea stessa di delocalizzazione cui siamo da tempo rassegnati. All origine di questo cambiamento di paradigma vi sono ragioni diverse. La crescita del costo del lavoro in Cina, i tanti problemi nella gestione della proprietà industriale e una crescente pressione politica stanno spingendo molte aziende a ritornare negli Stati Uniti. Quello che davvero potrebbe fare la differenza è l accelerazione nella diffusione delle nuove tecnologie per la produzione digitale. L utilizzo intensivo di tecnologie per la manifattura additiva (le stampanti 3d), insieme a materiali di nuova generazione e a software sempre più sofisticati, potrebbe rendere davvero poco interessante utilizzare ancora manodopera a basso costo in Cina o in altri Paesi in via di sviluo. Secondo la Kaminska, quando questi nuovi strumenti avranno raggiunto una loro maturità, nemmeno i più miseri salari in Africa renderanno interessante l impego di forza lavoro a basso costo. Il ragionamento ha la sua forza. Siamo davvero di fronte a una rivoluzione che rischia di mettere in discussione le logiche tradizionali della divisione del lavoro. Su un punto, però, è difficile concordare con molti osservatori anglosassoni, ovvero sulla loro fiducia che questa nuova generazione di tecnologie possa davvero rimpiazzare l uomo nei processi produttivi. Ripensando a quanto è successo in Europa (e in Italia) negli anni Ottanta, è legittimo immaginare uno scenario diverso. Queste tecnologie sono certamente una grandissima oortunità, ma sono lungi dall eliminare il contributo dell uomo dai processi manifatturieri. Farsi un idea di cosa sarà davvero la produzione digitale non è poi così difficile. Basta andare a guardare da vicino, ad esempio, le tante aziende italiane che già oggi lavorano con successo nel campo della stampa 3D per la prototipazione rapida o per la produzione di componenti in serie limitata. Più che a catene di montaggio stile Matrix queste realtà assomigliano a grandi laboratori artigianali di nuova generazione. Produrre con queste tecnologie richiede competenze tecnologie d avanguardia, certo, ma anche un saper fare costruito sulla pratica, sulla conoscenza diretta dei materiali e sull esperienza diretta dei limiti della tecnologia a disposizione.

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

5 fondata sul lavoro

5 fondata sul lavoro 5 fondata sul lavoro In Italia abbiamo 700 mila disoccupati tra i 15-24enni, e 4 milioni 355 mila ragazzi che non studiano, non lavorano, non sono in formazione (c.d. NEET), in grossa parte alimentati

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Affrontare l anno che verrà (e quelli successivi) responsabilmente

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize

Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize Quest: Costruisci la tua idea di Thinkalize SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE I TERMINI DEL PRESENTE BANDO. PARTECIPANDO, LEI PRESTA IL CONSENSO A ESSERE VINCOLATO AI TERMINI E ALLE CONDIZIONI DESCRITTE

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda

Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda COMUNICATO STAMPA Nuova edizione della Guida all Import-Export del Tessile-Abbigliamento-Moda Al convegno L Italian Style nei paesi emergenti: mito o realtà? - Russia, India e Cina - presentata la quarta

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Quali traiettorie concrete di intervento per far ripartire l Italia? Brevi note sulle politiche industriali locali di rilancio dell imprenditorialità

Quali traiettorie concrete di intervento per far ripartire l Italia? Brevi note sulle politiche industriali locali di rilancio dell imprenditorialità Quali traiettorie concrete di intervento per far ripartire l Italia? Brevi note sulle politiche industriali locali di rilancio dell imprenditorialità Maria Letizia Giorgetti, Luciano Pilotti DEMM, Università

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli