On line. Rinnovi in tempo di crisi: la paura dei costi o il coraggio dello sviluppo? Dalla redazione...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "On line. Rinnovi in tempo di crisi: la paura dei costi o il coraggio dello sviluppo? Dalla redazione..."

Transcript

1 On line Periodico della Fiba Cisl, numero 1 // Aprile 2011 Rinnovi in tempo di crisi: la paura dei costi o il coraggio dello sviluppo? Dalla redazione... La nostra rivista, come vi avevamo già annunciato nel numero di dicembre, prosegue on line. Cambiata nella veste grafica e nell impaginazione, per renderla di più facile lettura attraverso lo schermo di un computer, per quanto riguarda i contenuti rimane un trimestrale di approfondimento in materia di lavoro, contratti, nostre iniziative. Negli ultimi anni la strategia informativa della Fiba Cisl ha preso la forma di una comunicazione moderna e in linea con l era tecnologica. Abbiamo totalmente rinnovato il nostro portale, ci siamo dotati degli strumenti più avanzati come la webtv, abbiamo fatto crescere la qualità dei nostri prodotti multimediali. Questo sforzo di aggiornamento e innovazione non prevedeva l abbandono di un mezzo più tradizionale, il nostro lavoro bancario e assicurativo, che arrivava nelle case dei nostri iscritti e delle nostre iscritte. Ma gli eccessivi e insostenibili costi di spedizione in seguito alla soppressione delle tariffe agevolate ci hanno costretti, per il momento, ad adottare la formula dell on line, ma con un modello quanto più possibile vicino ad una versione cartacea. Le diverse possibilità che offre, tra cui la stampa del pdf, ci permetterà, volendo, di distribuirlo nei posti di lavoro, quale necessario complemento del contatto personale tra il sindacato e i propri associati. Da oggi, dunque, siamo in campo... on line. E in questo numero ospiteremo gli interventi sull anno caldo che ci aspetta: la piattaforma per il rinnovo del ccnl Abi, la situazione critica delle trattative per il rinnovo del ccnl Ania, l avvio della piattaforma Bcc ed altro ancora, tra cui le consuete rubriche (legale, finanza comparata, libri, società civile). Sfoglia il nuovo numero di Lavoro Bancario e Assicurativo On line.

2 Sommario n Editoriale // di Giuseppe Gallo Contratti// di Sergio Girgenti Contratti // di Giovanni Casiroli Contratti // di Alessandro Spaggiari Iniziative // di Pier Luigi Ledda Assicurativi // di Mauro Spatocco Legale // a cura di Luigi Verde Finanza comparata // a cura di Fausto Fasciani Libriamoci // a cura di Anna Masiello Font used (LOMBARDIA): Helvetica BOLD LAVORO BANCARIO E ASSICURATIVO news Direttore: Giuseppe Gallo Comitato di direzione: Giuseppe Gallo, Giovanni Casiroli, Roberto Garibotti, Sergio Girenti, Pier Luigi Ledda, Fiorella Morelli, Giacinto Palladino, Giulio Romani, Alessandro Spaggiari Caporedattore: Angela Cappuccini Redazione: Andrea Baccherini, Giusi Esposito, Francesca Rizzi, Anna Masiello, Paola Vinciguerra Progetto grafico e impaginazione: Direzione e amministrazione: via Modena, Roma tel fax: Tribunale di Roma registro della Stampa 82/2007

3 editoriale 3 La paura dei costi o il coraggio dello sviluppo? di Giuseppe Gallo // Segretario Generale Fiba Cisl La stagione dei rinnovi contrattuali del nostro settore si apre in un contesto macroeconomico di notevole difficoltà. L esplosione del conflitto nell area nord africana, la bomba ambientale di Fukushima, le conseguenze di natura economica su uno scenario già gravemente compromesso dalla crisi finanziaria ed economica degli ultimi tre anni non fanno presagire nulla di buono. Se nell ultima bozza del World Economic Outlook il Fondo Monetario Internazionale ha mantenuto invariate le stime di crescita mondiale per il 2011 (+4,4%), ha leggermente ridotto, invece, quelle per l economie avanzate, dando ora il Pil in salita del 2,4% (-0,1 punti percentuali rispetto alle stime di gennaio). Un discorso a parte merita il nostro Paese considerando una crescita inferiore rispetto ai diretti competitors europei e la notevole dipendenza energetica nei confronti dell estero che la crisi libica non può che aggravare. Il rischio, insomma, è la stasi e che la crisi si avviti su stessa non lasciando spazi a possibilità di ripresa e sviluppo. Nel nostro settore le controparti stanno rispondendo esattamente in questo modo, con una miope politica di riduzione dei costi che rappresenta, a nostro avviso, uno dei principali ostacoli per uno sviluppo sano e a lungo termine. Abbiamo recentemente assistito al successo della prima giornata di mobilitazione a sostegno della vertenza per il rinnovo del contratto dei lavoratori assicurativi. Le trattative si sono interrotte per responsabilità dell Ania che, invece di dare risposte credibili alla piattaforma presentata dalle organizzazioni sindacali, persegue un progetto contrapposto di smantellamento dei diritti acquisiti, di deregolamentazione del settore, attraverso richieste di sempre maggiore flessibilità e fungibilità per i lavoratori e mediante la modifica delle procedure di confronto sindacale in caso di crisi aziendali. Ad un simile atteggiamento, si aggiunge il rifiuto di tenere fede a quanto pattuito, con l accordo del 2009 sui nuovi assetti contrattuali, in termini di aumenti retributivi e di tutela del potere d acquisto. Alla luce dell ottimo risultato della mobilitazione riteniamo che sia arrivata, forte e chiara, la risposta dei lavoratori: ci auguriamo che ciò serva a riprendere al più presto le trattative. Quanto all Abi, riteniamo che rischi di cadere nello stesso errore. La crisi ha dimostrato che un modello di economia, dominato dai mercati finanziari deregolati e globali, e un modello di banca, dominata dalla creazione di valore a brevissimo periodo per l azionista, sono giunti al capolinea storico. Il sistema bancario italiano, meno coinvolto da quel modello, può, a partire dal rinnovo del ccnl, offrire una risposta alternativa, contribuendo ad uscire dalla crisi con un modello di banca ad elevato indice di responsabilità sociale, strutturalmente diverso da quello che l ha generata. La Piattaforma di rinnovo contrattuale appena varata rappresenta la sintesi tra vincoli competitivi ed istanze di giustizia e di coesione sociale. Una banca orientata a strategie di stabile creazione di valore, nel medio-lungo periodo, per tutti gli stakeholder dovrà superare gli attuali sistemi incentivanti ossessionati dal Roe trimestrale; una banca integrata nelle economie di riferimento dovrà innovare modelli organizzativi, canali distributivi, profili professionali, modelli inquadramentali, formazione, pari opportunità

4 4 di sviluppo professionale, criteri di valutazione professionale; una banca multistakeholder sarà orientata all allargamento della governance, a partire dalla presenza dei rappresentanti dei lavoratori nei consigli di sorveglianza delle aziende e dei gruppi con modelli duali e nei Consigli di amministrazione delle banche popolari. Si tratta di una piattaforma ad elevato indice di responsabilità sociale a partire dal suo baricentro: contribuire a creare occupazione giovanile, a tempo indeterminato, eliminando la precarietà del settore, attraverso assunzioni con un parametro salariale d ingresso inferiore al parametro standard, per la durata della valenza contrattuale. L Abi dinanzi ai nuovi requisiti patrimoniali richiesti da Basilea 3 e alle possibili ricapitalizzazioni necessarie ha ritenuto di poter rispondere ponendo come unica alternativa possibile quella tra occupazione e pieno adeguamento dei salari all inflazione. Un grave errore di impostazione strategica, poiché l equilibrio prefigurato dalla piattaforma è assolutamente compatibile con il pieno recupero inflattivo per i margini di compensazione interna e di miglioramento dell efficienza, delle flessibilità, della produttività. I 56 (cinquantasei!) contratti collettivi stipulati, dopo l accordo del 2009, hanno sempre tenuto conto dei principi in esso affermati in ordine agli adeguamenti salariali. Il settore assicurativo e bancario sarebbero i primi ad opporre un rifiuto al rispetto dei patti. Un simile atteggiamento, considerando che si tratta per molti versi di settori ben più solidi rispetto a tanti altri, non può che essere considerato sconfortante ed inaccettabile. In realtà, è indispensabile che i banchieri, piuttosto che navigare a vista, abbiano ben chiaro il nuovo modello di banca che si intende realizzare. E su questo che la Fiba è pronta a lanciare la sua sfida propositiva e costruttiva. Una banca a sostegno dell economia e che basi su di una simile prospettiva il rilancio e lo sviluppo del settore. E su tale modello che la Fiba è aperta al confronto.

5 contratti 5 Ccnl Abi, una piattaforma responsabile In sintesi i punti principali e le linee guida. di Sergio Girgenti // Segretario Nazionale Fiba Cisl Il rinnovo del CCNL ABI si inserisce in una fase particolarmente difficile per il sistema finanziario italiano riguardo ai livelli reddituali e patrimoniali condizionati dalla grande crisi finanziaria ed economica iniziata nel 2007 e non ancora conclusa. In gioco è più che mai il modello di banca. Una banca che riteniamo debba essere socialmente responsabile, al servizio dell economia e in particolare del mezzogiorno, attenta a offrire condizioni di buona occupazione ai giovani e a garantire alla categoria il pieno recupero dell inflazione, equità nella distribuzione della ricchezza prodotta, migliori opportunità professionali. Questa è la sfida che lanciamo all Abi e alle aziende, perché siamo convinti sia necessario che si affermi un modello di banca alternativo a quello predominante in questi anni; un modello che aveva l ossessione del ROE trimestrale e del risultato a breve e brevissimo periodo con tutto quello che ne è conseguito in termini di clima lavorativo (mal di budget), di ristrutturazioni e riorganizzazioni spesso pesanti in termini occupazionali e di demotivazione del personale bancario. Insomma noi pensiamo a una banca il cui baricentro sia la stabilità nel tempo, che metta in campo strategie e obiettivi di medio e lungo periodo, che ricerchi un maggior coinvolgimento di tutti gli stakeholders, a partire dai lavoratori e dalle comunità territoriali, e non solo top management e azionisti. Questo è il disegno che le organizzazioni sindacali sostengono con forza da anni. Infatti, fin dal protocollo sulla responsabilità sociale del giugno 2004, al centro

6 6 della politica sindacale vi è l idea che il valore a breve per l azionista non possa continuare a essere il principale, e talvolta unico, criterio di valutazione dell azienda. E in questo senso l attuale rinnovo del CCNL del credito non deve essere concepito solo in termini difensivi ma, soprattutto, in un ottica di investimenti sul territorio, sia in termini di credito da erogare alle imprese e di sostegno per la ripresa economica, sia in termini di investimenti sul personale attraverso un forte impegno per nuove assunzioni e per la crescita occupazionale. Pensiamo a una banca che assuma giovani offrendo loro buona e stabile occupazione, una banca caratterizzata da politiche remunerative e di riqualificazione professionale equilibrate, da sistemi incentivanti orientati a sostenere risultati nel lungo periodo e coerenti con le raccomandazioni della Banca d Italia. Una banca dove le politiche commerciali non si traducano in mere pressioni sulle vendite e dove le politiche aziendali non determinino una scellerata esposizione alla speculazione finanziaria; una banca più legata al territorio e all economia reale. Insomma pensiamo a un modello di banca con una nuova organizzazione, che investa sul credito alle imprese e sulla professionalità dei lavoratori. E decisiva pertanto una riforma degli inquadramenti e una nuova e più incisiva stagione di confronto negoziale da realizzarsi nel secondo livello di contrattazione. Pensiamo, infine, a una banca che si ponga, finalmente, l obiettivo di aprirsi alla partecipazione dei lavoratori in senso ampio e compiuto, che significa maggiore condivisione di obiettivi e strategie aziendali ma anche una collaborazione più consapevole e una ripartizione più equa dei risultati economici raggiunti. Per queste ragioni, per la prima volta nel nostro paese, la Fiba e le altre organizzazioni sindacali pongono il tema della governance nell ambito di un rinnovo contrattuale, con l obiettivo di aprire una fase di sperimentazione di modalità di partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori nei consigli di sorveglianza delle aziende e dei gruppi con modelli duali, e nei consigli di amministrazione delle banche popolari, laddove l azionariato dei lavoratori lo consenta. Le linee della piattaforma Recupero dell inflazione, occupazione e contrasto delle precarietà, relazioni sindacali, qualità della vita lavorativa e tutele professionali, politiche sociali, sono i cinque pilastri su cui è costruita la piattaforma per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro. Di particolare interesse la parte in cui si pone al centro della trattativa la questione dell occupazione e del ricambio generazionale. Infatti, con questa piattaforma la strategia sindacale fa un importante salto di qualità perché, con grande senso di responsabilità, le organizzazioni sindacali sostengono che per cambiare il modello di banca e innovare modelli organizzativi, canali distributivi e profili professionali sia necessario partire dai giovani. Infatti, il piano per una buona stabile occupazione per i giovani nel settore bancario punta a favorire la realizzazione, nel triennio, di 30/40mila nuove assunzioni a tempo indeterminato attraverso l introduzione di un parametro professionale d inserimento nell ambito della seconda area professionale. In questo modo si concretizza, in modo innovativo, quella flexsecurity tanto discussa nei consessi non solo italiani ma anche europei e finalizzata a favorire l aumento degli occupati in cambio di una flessibilità contrattata e regolata. Una filosofia, questa, che a nostro avviso deve integrarsi con l ampliamento dell area contrattuale

7 7 e con l introduzione effettiva nel settore dei contratti complementari proposto in piattaforma nella parte dedicata alle relazioni sindacali nella quale sono presenti importanti novità. La richiesta riguarda il rafforzamento delle procedure d informativa e di confronto (a livello nazionale, aziendale e di gruppo) con l obiettivo di rafforzare gli strumenti per la gestione dei processi di riorganizzazione e di ristrutturazione che nel settore continueranno a realizzarsi e che potranno avere evidentemente ricadute sul personale. In questo senso è strategica la richiesta dell ampliamento del perimetro dell area contrattuale, insieme a una maggiore identificazione delle attività appaltabili cui applicare i contratti complementari anche al fine di contenere i processi di esternalizzazione e/o delocalizzazione di attività all estero e, nello stesso tempo, favorire il mantenimento o il rientro di alcune lavorazioni in Italia e nell alveo di applicazione del CCNL del credito. Novità importanti sono, inoltre, la richiesta di rafforzare l attuale normativa su: a) ristrutturazioni e riorganizzazioni, trasferimento di azienda (art. 15) con la previsione dell ampliamento dell informativa preventiva alla fase decisionale riguardo ai progetti e alla presentazione formale dei piani industriali; b) nuove forme societarie e piani industriali anche a livello transazionale; c) maggiori garanzie per cessioni di ramo d azienda attraverso l ampliamento del confronto a caratteristiche, normative economiche e occupazionali; d) distacchi di personale (ex art.16) prevedendo l informativa preventiva sulle motivazioni, la precedenza alla volontarietà, la formazione al rientro e un attenzione particolare al riavvicinamento alla piazza di origine; e) appalti, con l obbligo per l impresa appaltatrice di consegnare il documento unico di regolarità contributiva e il documento unico di valutazione dei rischi interferenti con l informativa parallela dovuta alle organizzazioni sindacali e ai rappresentati dei lavoratori per la sicurezza; f) occupazione, con la

8 8 previsione del rafforzamento della procedura di cui all art.18 del vigente CCNL (in modo preventivo alla legge 1991 n. 223) e di un momento di verifica circa la sospensione dei sistemi incentivanti nel caso di tensione occupazionale e la coerenza, in questo senso, dei criteri distributivi tra stock options per i manager e dividendi per gli azionisti; g) contrattazione in azienda. Anche al fine di rafforzare il ruolo del sindacato saranno ampliate le materie affidate: alla contrattazione di secondo livello: part time, buono pasto, provvidenze, inquadramenti professionali; - agli incontri semestrali: provvedimenti disciplinari, trasferimenti, applicazione del part time, eliminazione delle barriere architettoniche; infine, l osservatorio nazionale dovrà elaborare congiuntamente un documento di analisi sulla contrattazione di secondo livello e sulle politiche redistributive e nell ambito dell incontro annuale si prevede l ampliamento dell informativa sulle politiche redistributive e sui sistemi incentivanti. Il terzo argomento trattato nella piattaforma è evidentemente di particolare importanza e riguarda il sistema retributivo e incentivante. La richiesta salariale è costruita tenendo a riferimento l inflazione reale attesa. Infatti, si prevede un incremento tabellare pari al 7,1%, con un recupero inflattivo per gli anni di valenza del CCNL 2007 (1,6%) e l inflazione attesa per il triennio (5,5% per un totale che, con l effetto trascinamento, diventa 7,29%). La richiesta è quindi per la figura media (3 A 4 L con 7 scatti di anzianità) di 205 euro. A questo va poi aggiunto il punto percentuale relativo alla revisione della scala parametrale, per un importo pari a 29 euro. Inoltre, sotto il profilo dell equità distributiva, si avanzano richieste di grande importanza per quanto riguarda i sistemi d incentivazione che dovranno: a) rispettare un equilibrio nella distribuzione della ricchezza prodotta tra azionisti, top manager e lavoratori; b) essere orientati a risultati di lungo periodo; c) indicare un rapporto tra salario discrezionale e premio aziendale; d) realizzare la piena estensione a tutti i contributi diretti e indiretti; e) individuare una precisa casistica che ne determini la sospensione (ad esempio la riduzione dell occupazione mediante l attivazione della legge 223 o la mancata conferma di personale con contratto a termine per oltre il 20%). Il quarto pilastro attiene alle tematiche della qualità

9 9 della vita e delle tutele professionali che sono affrontati in modo compiuto ed innovativo, in continuità con quanto previsto già nel CCNL 8/12/2007. Infatti, il percorso prevede l insediamento della commissione paritetica ABI-Organizzazioni Sindacali finalizzata a realizzare una profonda revisione dei profili e dei percorsi professionali e degli inquadramenti per renderli coerenti con le modifiche intervenute in questi anni nella struttura organizzativa delle aziende di credito. Alla contrattazione aziendale verrà affidato il compito di adeguare gli effetti della riforma alle peculiarità aziendali recuperando, in particolare, piena titolarità negoziale per il riconoscimento professionale e di responsabilità che stanno in capo ai Quadri Direttivi (quasi il 40% della categoria), ivi compresa la negoziazione dei ruoli chiave. In questo percorso, inoltre, si prevede l attivazione di una clausola di garanzia per le lavoratrici oggi penalizzate dalle regole che nei fatti attengono allo sviluppo professionale e di carriera. Infatti, i dati forniti dall Abi evidenziano che oggi i Quadri Direttivi donne sono solo il 26.6% rispetto al 46,3% degli uomini, ma a livello di QD3 e QD4 la soglia si abbassa notevolmente collocando le donne all 8% rispetto al 23% di uomini. La proposta è quella di individuare una quota pari al 40% da riservare alle lavoratrici almeno nell ambito delle candidature al ruolo. dipendente anche in caso di colpa grave e l accollo, da parte dell azienda, delle spese legali per il lavoratore sottoposto ad azioni penali o civili. La prestazione lavorativa dei quadri direttivi va delimitata rispetto all attuale previsione in quanto per le aziende si traduce, di fatto, in lavoro straordinario obbligatorio e non retribuito. In questo senso la proposta è quella di prevedere un tetto dell orario annuo, pari a circa 100 ore, oltre il quale scatti un indennizzo forfettario o un recupero certo anche attraverso il recupero a giornate intere. Per Ia banca delle ore il meccanismo di recupero viene rafforzato prevedendo alla fine dell iter la remunerazione delle ore non recuperate. Analogamente la piattaforma dedica grande attenzione al tema delle tutele professionali, dei rischi professionali e delle responsabilità individuali, soprattutto per le violazioni in materia di antiriciclaggio, Mifid, usura e privacy; si prevede che venga garantita adeguata e specifica informativa unitamente ad un livello di formazione appropriata su tutte le normative che hanno ricadute sull attività quotidiana e, infine, che trovi piena applicazione la legge 190/1985 che tiene indenne il

10 10 L ultimo argomento sviluppato nella piattaforma attiene ai temi delle politiche sociali e della salute e sicurezza rispetto alle quali si prevedono importanti adeguamenti alla normativa e l introduzione di un articolo ad hoc sulla responsabilità sociale. In particolare si richiede la costituzione di alcuni organismi bilaterali: a) sulla responsabilità sociale d impresa, come ambito di confronto sul bilancio sociale, codici etici e diffusione di buone pratiche; b) sulla salute e sicurezza, finalizzato a garantire una piena attuazione del decreto legislativo 81 nell ambito di un processo che preveda il benessere e la salute nei luoghi di lavoro come elemento costitutivo della vita dell azienda e della responsabilità sociale dell impresa. In questo senso il ruolo dei rappresentanti dei lavoratori deve esprimersi anche nelle fasi preventive e non solo nelle fasi di controllo. Particolare attenzione è poi dedicata alla situazione del Mezzogiorno d Italia con l obiettivo di favorire la crescita di questa area del Paese. Per questo la nostra iniziativa dovrà essere più stringente per: a) rendere possibile la localizzazione di attività e servizi ad alto valore aggiunto nel mezzogiorno; b) progettare prodotti finanziari che indirizzino il risparmio verso progetti specifici per le realtà meridionali. È prevista, inoltre, l attivazione di commissioni miste, a livello aziendale e di gruppo, sulle pari opportunità con una verifica annuale su importanti temi quali: occupazione, inquadramenti, formazione e sviluppo professionale. Sulle politiche di welfare si richiede: a) l inserimento delle tutele previste dall avviso comune del 7 marzo 2011, come azioni a sostegno delle politiche di conciliazione tra famiglia e lavoro (part time, assistenza a familiari, orari, permessi); b) di ampliare la copertura della Long Term Care (LTC), che tutela i casi di gravi inabilità e di non autosufficienza, portando il contributo aziendale a 100 euro ed estendendola anche ai familiari; c) di garantire la previdenza complementare ai lavoratori che non hanno forme previdenziali aziendali attraverso una soluzione di settore. Una piattaforma responsabile, completa ed equilibrata finalizzata a favorire un rinnovo contrattuale che metta al centro un nuovo modello di banca, utile non solo ai lavoratori ma all intero paese e per il paese. L Abi in queste ore risponde disdettando unilateralmente l accordo del gennaio 2001 che prevedeva l utilizzo volontario del fondo esuberi. È un fatto grave che implica la rottura del modello concertativo che ha segnato gli ultimi 20 anni di relazioni sindacali. Da parte nostra riaffermiamo e riaffermeremo con forza che tale impostazione é stata decisiva per il superamento dei diversi momenti di difficoltà che le aziende e il settore hanno affrontato e superato dal 1990 ad oggi, trovando soluzioni positive per il sistema e per i lavoratori. E questo a partire dal lodo Donat Cattin, allora Ministro del Lavoro, con il quale si stabilì, per la prima volta, il principio dell area contrattuale che ha, sino ad ora, garantito nel tempo che la quasi totalità delle attività delle banche rimanesse all interno del ciclo produttivo e, di conseguenza, che alle lavoratrici e ai lavoratori fosse applicato il contratto del credito per poi proseguire, nel 1997 e nel 1999, con la creazione del fondo di solidarietà per il sostegno del reddito, dell occupazione e della riconversione e riqualificazione professionale del personale del credito, con i percorsi nelle aziende e nei gruppi dopo il 2001 con cui abbiamo gestito le eccedenze di personale per le ristrutturazioni e le riorganizzazioni aziendali. La decisione unilaterale dell Abi è provocatoria ed apre sotto i peggiori auspici la stagione contrattuale. Il sindacato e la Fiba Cisl faranno fino in fondo la propria parte per difendere e tutelare i lavoratori del credito.

11 contratti 11 Respinta con lo sciopero l arroganza dell Ania Si evidenzia una trattativa difficile in un quadro generale sempre più oscuro che i lavoratori hanno debitamente contrastato. di Giovanni Casiroli // Segretario Nazionale Fiba Cisl Lo sciopero nazionale degli Assicurativi indetto per il 28 marzo è stato la naturale risposta all attuale stato della trattativa per il rinnovo del contratto nazionale Ania. L interruzione degli incontri si è resa necessaria a seguito della totale assenza di risposte positive alla nostra piattaforma che l Ania ormai continuava a ripetere da più tempo. Non solo. Per l Associazione delle Imprese questo rinnovo di contratto deve essere l occasione concreta per smantellare una serie di diritti acquisiti al fine di avere mano libera nelle relazioni industriali e nella gestione del personale. Se andiamo per ordine nel ricostruire i tratti essenziali di questi mesi di trattativa, emerge chiaramente che la volontà dell Ania si concretizza in una serie precisa di richieste. Ad esempio la necessità - mai emersa in alcuna azienda - di voler introdurre nel contratto due nuovi tipi di rapporto di lavoro: la somministrazione a tempo indeterminato che di fatto è un affitto del lavoratore per sempre e il lavoro a chiamata. A quest aspetto strutturale si aggiunge la proposta di modificare l area contrattuale - ormai consolidata da anni - prevedendo le attività (quasi tutte) che possono essere date in appalto. Inoltre, la richiesta di ridimensionare fortemente le tutele previste nei casi di gravi malattie, eliminando gli attuali quattro mesi d intervallo che oggi consentono di azzerare la sommatoria dei giorni di assenza per malattia. Infine, ma ci sarebbe altro da riportare, la negazione di Ania delle nostre richieste economiche offrendo un misero 5,43% di aumento per un contratto di tre anni. Si evidenzia una trattativa difficile in un quadro generale sempre più oscuro che i lavoratori hanno debitamente contrastato con l ottima riuscita dello sciopero nazionale. I lavoratori hanno dimostrato con determinazione che non si torna indietro sul terreno delle garanzie, dei diritti e della tutela delle retribuzioni. La ripresa della trattativa non potrà che tener conto dell esito dello sciopero e concretamente procedere riprendendo le richieste della piattaforma per giungere al rinnovo contrattuale.

12 12 contratti Il Credito Cooperativo è a una svolta e la Fiba ha le idee chiare Più coinvolgimento e partecipazione rappresentano la naturale evoluzione del modello di cooperazione di Alessandro Spaggiari // Segretario Nazionale Fiba Cisl Le tappe di avvicinamento alla predisposizione della piattaforma di rinnovo del ccnl delle Bcc sono oramai concluse ed è prossimo l avvio del cantiere. Avremo modo di tornare quanto prima sull argomento per approfondirlo ed illustrarne i contenuti, ma è importante capire qual è l analisi a cui rifarsi per valutare la bontà dell impostazione, l utilità degli obiettivi e l esigibilità degli impegni che si chiedono a tutti a partire dalla classe dirigente del Credito Cooperativo. Per questo serve domandarsi oggi qual é il contesto generale e di settore con il quale dovrà misurarsi questa tornata contrattuale. In riferimento al contesto, si può affermare che ci si trovi nella terza fase della crisi (la prima fase è stata quella dei titoli tossici iniziata negli Usa e diffusasi in Europa attraverso la rete di veicoli del sistema bancario tradizionale e di quello ombra ; la seconda fase si è caratterizzata per la imponente recessione economica a partire dal 2009) iniziata con la scoperta della disastrosa condizione della finanza pubblica greca all inizio del 2010 e la successiva, rapida contaminazione della gran parte del debito sovrano europeo. La situazione della finanza pubblica europea è mediamente meno allarmante di quella di molte grandi economie tra le quali gli Stati Uniti. Il rapporto deficit/ pil Eu era infatti del 6,3% nel 2009 e dovrebbe attestarsi al 3,9% nel 2012, contro rispettivamente il 12,9% e 6,7% per gli Usa e il 10,2% e il 8,1% del Giappone (stimato però precedentemente la grave calamità che lo ha coinvolto). Nel 2012 il rapporto debito pubblico/pil previsto nell eurozona dovrebbe essere all 88%, rispetto il 103% degli Usa e il 239% del Giappone (per il quale andranno stimati gli effetti di quanto accaduto). Ciò nonostante, alcuni stati della zona Euro hanno un problema legato ai disavanzi ed ai debiti molto elevati. La crisi globale è tutt altro che superata. Ci sono forti tensioni nei sistemi bancari e nelle finanze pubbliche da un lato e condizioni di volatilità connotate da una evidente impronta speculativa sui mercati finanziari. Si prevede una ripresa dell attività economica nel 2011 molto disomogenea. In Italia sarà comunque debole e trainata essenzialmente dalle esportazioni. In ogni caso la ripresa subirà una decelerazione complessiva già nel 2012 includendo la Germania e gli Usa. Il contesto rimane evidentemente difficile e spiccano le contraddizioni palesi tra una stagione regolativa in divenire (Basilea III e la riforma dell architettura di vigilanza) e il riaffacciarsi di comportamenti altamente speculativi, che originano utili non sostenibili e conseguenti, intollerabili, crescite abnormi delle remunerazioni dei top manager. In Italia il fenomeno è meno marcato, ma nel contesto globale è evidente la resistenza al cambiamento di tutto un sistema interpretato e promosso dai seguaci del Washington consensus (la teoria neo classica o liberista), che hanno accettato di buon grado gli aiuti pubblici senza gridare all eresia, ma continuano a pensare che la crisi sia stata alimentata da una serie di decisioni erronee, che non incidono su una valutazione di fondo positiva sulla stabilità delle economie di mercato. La situazione domestica oltre a non presentare una

13 13 intonazione della crescita apprezzabile, mantiene gravi deficit strutturali, profonde divaricazioni territoriali e difficoltà evidenti del mercato interno anche in ragione della perdurante crisi occupazionale e della conseguente crisi da domanda. Le Banche di Credito Cooperativo vivono pienamente e direttamente tale contesto ma, e a maggior ragione, hanno la responsabilità di avviare e realizzare le riforme che aumentino la solidità patrimoniale, la capacità sistemica, l adeguatezza dei profili manageriali e degli strumenti di funzionamento interno, le competenze distintive in funzione di una missione autenticamente differente. Chiedere e pretendere questi cambiamenti in parallelo ad un rinnovo contrattuale non ordinario, significa esigere mutamenti che possano fondare le uniche garanzie di lungo periodo realmente in grado di garantire un futuro al modello e conseguentemente ai lavoratori. Nell immediato, ci sono ragioni più volte rimarcate per ritenere che le Bcc subiranno complessivamente più a lungo gli effetti della crisi. Tra le altre, ad esempio, l attuale contrazione della liquidità che se rapportata alle previsioni sugli investimenti delle piccole e medie imprese (da 20 a 49 addetti), clientela di riferimento per le Bcc, che sono per il 40% subordinate alla concessione di prestiti bancari, evidenzia con chiarezza tale condizione. In attesa dei dati di bilancio al 31 dicembre 2010, occorre evidenziare, ad ulteriore conferma, alcuni trend significativi da noi rilevati a settembre 2010 e rapportati a settembre 2009: la raccolta cresce all incirca del 3% a fronte di un +12% del sistema delle banche, mentre gli impieghi crescono con percentuali analoghe.

14 14 Per giugno 2010, rapportandolo a giugno 2009, rileviamo una diminuzione dell utile di sistema delle Bcc nell ordine del 40% a fronte di un incremento superiore all 8% del complesso delle banche, accompagnato da un maggior incremento nelle Bcc delle sofferenze e dei costi operativi. Tali dati, ampiamente prevedibili, caratterizzano in parte un modello di banca tradizionale collegata al territorio e apprezzabilmente vocata a rapporti di lungo periodo. La funzione anticiclica svolta durante la crisi si colloca certamente in questa dimensione. Tuttavia, sarebbe sbagliato immaginare da parte della classe dirigente del credito cooperativo, in analogia alla corrente di pensiero restauratrice sul piano globale già richiamata in precedenza, che sia sufficiente pagare un prezzo sostenibile e resistere fino a quando tutto sarà terminato. Sarebbe un errore gravissimo, che avvierebbe un progressivo e inesorabile declino del modello di banca di credito cooperativo e della sua insostituibile funzione, predeterminando le condizioni per una tendenziale e insanabile criticità occupazionale. Sono queste le ragioni per le quali, senza titubanza, chiediamo a gran voce i cambiamenti necessari e più volte rappresentati, tra i quali una efficace ristrutturazione del gruppo creditizio che dovrà svolgere un ruolo fondamentale di prospettiva. Oggi siamo in grado di traguardare importanti cambiamenti in condizione di equilibrio sociale per i lavoratori, come dimostra l accompagnamento all uscita regolato contrattualmente nel gruppo creditizio. Avvertiamo tuttavia sacche di resistenza, anche in alcune aree manageriali del gruppo, che per mantenere piccoli spazi di potere autoreferenziali sviluppano comportamenti ostativi. Quanto avviene evidenzia una grave responsabilità, perché se da un lato confonde i lavoratori e li espone ad un rischio di prospettiva insinuando più o meno esplicitamente possibili ulteriori benefici futuri che lo scenario non può consentire, dall altro complica un cambiamento necessario a discapito, come sempre, dei più deboli. In altri casi e contesti abbiamo assistito a comportamenti analoghi, ma con chiarezza li abbiamo sempre condannati perché scorretti e implicitamente strumentali. La stagione delle necessarie riforme richiede serietà ed emarginazione degli irresponsabili. I lavoratori e le comunità che potrebbero pagare domani le scelte sbagliate o i comportamenti conservativi di oggi non potranno chiederne conto in futuro e per ciò è richiesto, oggi, un alto profilo di lungimiranza nelle scelte e nelle coerenze conseguenti. Per queste ragioni il rinnovo del ccnl non sarà ordinario. Se da un lato occorre promuovere ed accompagnare i cambiamenti per garantirne l efficacia e tutelare per l avvenire i lavoratori, dall altro debbono essere aumentati e qualificati gli strumenti a disposizione per favorire la crescita ulteriore delle relazioni sindacali ed una fattiva partecipazione dei lavoratori nell ambito di un articolato processo di democrazia economica. Più coinvolgimento e partecipazione rappresentano il bilanciamento della responsabilità e la naturale evoluzione del modello di cooperazione del credito, per il quale operiamo con determinazione e con la consapevolezza del ruolo che compete al lavoro.

15 iniziative 15 Per rispondere alle sfide della contemporaneità La necessità di una formazione sindacale adeguata. L esperienza del corso Lumsa di Pier Luigi Ledda // Responsabile dipartimento Comunicazione, Informazione, Formazione e Ricerca Si è concluso lo scorso febbraio il Corso di Formazione Universitaria in Scienze del Lavoro e Relazioni Industriali organizzato dalla Lumsa (Libera Università Maria SS. Assunta) in collaborazione con la Fiba Cisl e la Flaei Cisl. Si è trattato di un vero e proprio corso lungo, di durata pluriennale e strutturato in diversi moduli e 160 ore di lezione nelle aree storiche, giuridiche, economiche e sociologiche gestionali, attraverso il quale circa 30 giovani quadri sindacali con la discussione della tesina finale hanno acquisito 26 crediti formativi universitari unitamente all attestato di qualifica rilasciato dall università. Durante la cerimonia finale il segretario generale della Fiba Cisl, Giuseppe Gallo, ha espresso la piena soddisfazione della federazione per la qualità e per la piena riuscita di questa seconda edizione, anche grazie all impegno profuso da tutti i partecipanti, docenti ed allievi, sottolineando inoltre come questa esperienza confermi la bontà della scelta della Fiba di sviluppare efficaci sinergie con il mondo accademico anche al fine di garantire la migliore formazione dei futuri dirigenti sindacali. Attraverso lo studio, infatti, i dirigenti sindacali possono acquisire gli strumenti di analisi adeguati a comprendere appieno la complessità della realtà in cui operano; i valori che animano la Cisl e la contraddistinguono; l importanza di saper comunicare in modo efficace con gli iscritti all organizzazione, i lavoratori e la società nel suo complesso. Quanto affermato trova conferma nelle materie e nelle diverse aree didattiche approfondite nel corso: un area storica (Storia dell organizzazione sindacale nei settori produttivi, Storia delle relazioni sociali internazionali..); un area giuridica (Profili interpretativi contrattazione collettiva, Profili del rapporto di lavoro..); un area economica (Economia delle Aziende, Economia delle imprese a rete, Economia e sviluppo del territorio..); un area sociale e tecnica (Sociologia politica, Azionariato etico e sociale, Teoria e tecnica della comunicazione..). La struttura del corso ha cercato di rispecchiare e rispettare l importanza che da sempre la Cisl e la Fiba attribuiscono alla conoscenza ed alla formazione, interpretandola rispetto alle sfide del nostro tempo. Sfide, per molteplici aspetti, ben diverse da quelle che si presentavano ai dirigenti sindacali solo qualche decennio fa. Oggi, infatti, i cambiamenti nella società avvengono continuamente e rapidamente e di conseguenza anche i problemi del mondo del lavoro devono essere affrontati con strategie e tempi adeguati. Questo rende ancora più necessaria, per le organizzazioni sindacali, l adozione di una politica di formazione continua, anche valorizzando l apporto ed il contributo del mondo universitario ed accademico. In questo senso, per la Fiba, la formazione è una funzione strategica. Lo testimonia l intensa attività che ha caratterizzato l azione formativa in termini di corsi realizzati nel quadriennio, di partecipazione di quadri sindacali, di numero di ore di formazione erogata. È evidente che ogni esperienza può e deve essere migliorata. Riteniamo che la strada intrapresa sia quella giusta e il nuovo piano di formazione non potrà, quindi, che fare tesoro delle esperienze accumulate per proporre un azione formativa adeguata, di livello anche universitario, per garantire all organizzazione le capacità di rispondere alle sfide della contemporaneità.

16 16 assicurativi Verso un Sindacato protagonista delle scelte Euler Hemes - gruppo Allianz: prime esperienze di ristrutturazioni aziendali condivise. di Mauro Spatocco // Sas Fiba Euler Hemes gruppo Allianz Con la chiusura dell anno 2010, dopo ben onorati 28 anni di servizio, non pensavo assolutamente di dover affrontare nuove sfide, così impegnative e soprattutto di così ampio respiro; cercherò di riassumerle di seguito in breve. La Euler Hemes, con un notevole sforzo e impegno da parte dei lavoratori, è riuscita ad uscire in breve tempo dalla profonda crisi che si era profilata all orizzonte per tutto il 2009 e che ha portato - come i nostri fidati iscritti sanno - ad un doloroso piano di down-sizing, l uscita di circa 40 lavoratori tra la fine del 2009 ed il 2010, senza contare i numerosi colleghi che hanno visto chiudersi il contratto a tempo determinato senza l agognato rinnovo. Sembrava che lo sforzo fosse stato sufficiente e si profilava all orizzonte soltanto un periodo di normale assestamento, proprio di ogni azienda che - uscendo da un periodo di crisi - vuole mettere a profitto gli insegnamenti che dalla crisi si potevano trarre. Qui si apre il nuovo ed inaspettato scenario, al quale - per una serie di circostanze fortuite - ho potuto partecipare in prima persona. Infatti, prima che ogni Azienda coinvolta potesse incontrare le RSA per entrare nel merito della disamina delle problematiche, che il progetto come ogni ristrutturazione si pone, era necessario che si svolgesse, ed ancor più importante terminasse, la consultazione a livello Europeo tra la Delegazione Sindacale e la Rappresentanza Aziendale Eueler del Progetto. Invece, già con la ripresa dell attività dopo le ferie estive, ecco non attesi comunicati aziendali da parte del Presidente del Gruppo, che sempre più spesso fanno riferimento ad un nuovo progetto globale di ristrutturazione del Gruppo stesso. La presentazione del Progetto - denominato ambiziosamente Excellence - avviene in contemporanea, il 3 Novembre, da parte delle Direzioni Aziendali alle Rappresentanze Sindacali Aziendali di tutte le aziende europee. Entriamo dunque come Azienda in una fase prevista dal protocollo Allianz, che in occasione di piani di ristrutturazione prevede preliminarmente la consultazione delle Rappresentanze Sindacali Europee da parte della Società Euler Hemes, in quanto trattasi S.E..

17 17 Ed è così che mi sono trovato ad essere partecipe alle riunioni svoltesi a Monaco di Baviera, presso la sede dell Allianz, grazie alla fiducia dimostratami da tutti i miei colleghi sindacalisti aziendali, che mi hanno permesso così di essere il delegato autorizzato a rappresentarli... spero di non avere mancato nella mission. Durante le sessioni svoltesi a Monaco, sia quella del 18 e 19 novembre che quella definiva del 13 dicembre, è stata fortemente sottolineata la necessità di agire con estrema cautela per non penalizzare in alcun modo i dipendenti e si è percepita la disponibilità da parte del Gruppo Euler a voler raggiungere i risultati del progetto tramite la condivisione di metodologie e strumenti. Ovviamente, non tutto è stato recepito da entrambe le parti, ma la stesura del documento finale - prevista dalle consultazioni - un risultato di sicuro lo ha raggiunto: non è stato possibile trovare strumenti comuni alle varie BU, ma si è fortemente voluto il fatto che la metodologia debba avere come fondamento in tutte le fasi della ristrutturazione che si operi secondo la responsabilità sociale e che tutto ciò non nuoccia in alcun modo ai dipendenti. Con questo risultato - comunicato il 30 dicembre 2010 da parte del Presidente del WC SE Allianz Rolf Zimmerman a firma congiunta con il Presidente Verstraete si è chiusa la parte della consultazione a livello Europeo ed stato dato il via alle consultazioni locali. Già il 14 gennaio la nostra RSA è stata convocata da EH Siac per le ricadute del Progetto Excellence sulla nostra azienda. Sarà sicuramente un percorso lungo stimato in circa 3 anni. Nel frattempo -anche senza scendere nei dettagli e nei commenti che si possono a profusione fare su tale piano- una riflessione mi accompagna sempre più pressantemente in questi giorni. Non era mai accaduto che un piano di ristrutturazione aziendale venisse illustrato fin nei minimi dettagli alle OOSS e che a queste venisse chiesto di condividere delle soluzioni nella logica, ripeto, della piena responsabilità sociale dell attività di impresa. E dunque una occasione da non perdere, l essere chiamati ad un tavolo di lavoro, dove si parla di sviluppo e non solo, come spesso in tali occasioni accade, di meri tagli del personale, come se questa fosse l unica soluzione per risolvere ogni tipo di problema aziendale è una vera novità. Il prosieguo non sarà sicuramente facile, anche perché si dovrà affrontare la possibilità che la nostra azienda venga assorbita in una nuova entità legale per fare fronte alle richieste della prossima subentrante normativa europea Solvency II, a garanzia della solidità di impresa e a garanzia dei clienti assicurati. Ma, questo tema forse sarà il caso di affrontarlo più in dettaglio in un altra occasione. Voglio ricordare che questo approccio e questa apertura di credito che esprimo verso l azienda viene da lontano, viene da quella inesauribile storia che è la storia della Cisl, un incontro di molteplici personalità ed esperienze umane, un luogo dove si impara da subito che per affrontare i problemi occorre mettersi in gioco, non avere preconcetti, affrontare il reale ed i problemi per quelli che sono e non con le scorciatoie degli scontri ideologici, che non fanno assolutamente parte del nostro Dna.

18 18 legale a cura di Luigi Verde Il ginepraio della responsabilità raddoppiata Di cui al d.lgs. 231/01 e d.lgs. 231/07: questioni di legittimità costituzionale e possibili vie di uscita. di Domenico Iodice // Ufficio studi e ricerca Fiba Cisl Il combinato disposto degli artt. : 6 D.Lgs. 231/2001, 2392 c.c., 20 e 41 D. Lgs. 231/2007 pone stringenti problemi di compatibilità del risultante tessuto normativo con il quadro costituzionale vigente. In estrema sintesi, e con qualche inevitabile approssimazione dovuta alla necessità di fare chiarezza nell esposizione, accade oggi che, con riferimento al tema dell antiriciclaggio, il principio della responsabilità personale non trova uguale applicazione per tutte le persone, ceteris paribus, all interno delle imprese. Infatti, ai sensi dell art. 6 del D. Lgs. 231/01 (che riguarda il tema più generale della responsabilità di impresa) l imprenditore, e dunque l amministratore d impresa, può essere esentato da responsabilità di natura penale se fornisce la prova di avere efficacemente adottato, prima della commissione del fatto, modelli di organizzazione, gestione, controllo e sanzione idonei a prevenire la commissione di reati (compresi quelli legati al riciclaggio). E sufficiente tale elemento per integrare la fattispecie della manleva giuridica per sé e dell elusione fraudolenta del modello, da parte di soggetti altri. Ciò comporta, altresì, che anche sotto il profilo civilistico (art c.c.) gli amministratori d impresa possano evitare la responsabilità per i danni causati alla società semplicemente fornendo la prova di aver adottato ed attuato il modello. Rispetto alle complesse responsabilità giuridiche scaturenti dalla normativa antiriciclaggio, questo quadro ordinamentale di manleva per gli amministratori realizza un inopinato trasferimento di imputazioni giuridiche dagli amministratori agli operatori d impresa (lavoratori dipendenti). Vediamo in che modo ciò accade, rispetto alla materia dell antiriciclaggio. La legge antiriciclaggio non qualifica l obbligo di segnalazione di operazioni sospette in termini prescrittivi (casi di doverosa segnalazione), ma preferisce definire lo stesso come valutazione discrezionale del rischio riciclaggio. Tale filosofia, mutuata dalla terza direttiva comunitaria, ascrive tale valutazione al cosiddetto rischio d impresa, tracciando evidenti affinità tra discrezionalità e rischio d impresa. Ricordiamo che tali implicazioni connotano tipicamente la figura giuridica di imprenditore, ex art c.c.. La scelta comunitaria, condivisibile sul piano teorico, impatta tuttavia in Italia con un quadro legislativo letteralmente stravolto dal Decreto 231/2001. Ciò si può agevolmente comprendere, ad esempio, considerando quanto disposto dall art. 20 della Legge antiriciclaggio: l approccio basato sul rischio associato al tipo di cliente declina e traduce gli obblighi di adeguata verifica della clientela commisurandoli al rischio associato: A) al tipo di cliente (natura giur., attività, comportamento, area geografica di residenza); B) al tipo di operazione (rapporto continuativo, prestazione professionale, ammontare, frequenza, ragionevolezza, area geografica di destinazione del prodotto). Tale valutazione del rischio, tuttavia, non rimane in capo all imprenditore, in persona dell amministratore; al contrario, essa incombe, mediante una reazione a catena a ritroso, sempre più giù: dalle figure apicali fino all anello più debole e meno tutelato: l operatore di front office. Al quale si chiede di assumere un ingiustificato rischio d impresa nella dimensione della valutazione discrezionale dell operatività sospetta. Gli obblighi di segnalazione all UIF (che pure interagisce istituzionalmente solo con la figura del Delegato aziendale), si intensificano

19 ed interpretano (per il principio di tracciabilità della filiera della segnalazione) al punto da porre qualunque operatore bancario e postale (dal cassiere al responsabile di sportello) di fronte al dilemma scaturente dalla discrezionalità amministrativa. E, soprattutto, di fronte alle conseguenti responsabilità di natura penalistica, in caso di omessa segnalazione. La questione è resa ancora più complessa e contraddittoria dalla valutazione d impatto della normativa di cui sopra sull assetto normativo giuslavoristico vigente. Se consideriamo che il lavoro dipendente si caratterizza per il vincolo di subordinazione, che da un lato esclude in capo al lavoratore il rischio d impresa, e dall altro si connota per l assunzione di crescenti livelli di discrezionalità/responsabilità a fronte di crescenti livelli di inquadramento professionale, prendiamo bene come il coacervo di norme scaturenti dai due Decreti 231 (quello sulla responsabilità d impresa e quello sull antiriciclaggio) crei meccanismi distorti e perniciosi di trasferimento di responsabilità. Fino ai seguenti paradossi: a) che il livello più basso della catena gerarchica all interno di un impresa sia anche quello con più elevate responsabilità civili e penali (in termini sia assoluti sia relativi); che, per il principio di tracciabilità nella filiera della segnalazione di operazioni sospette, il livello gerarchico più basso (lì dove le direttive dell imprenditore dovrebbero al contrario comprimere l ambito di discrezionalità operativa) sia anche quello che assuma il rischio giuridico d impresa per un eventuale valutazione discrezionale che si traduca in omessa segnalazione. A questa paradossale situazione giuridica, tutta italiana, occorre rispondere sia con una proposta di modifica legislativa tout court, sia con la proposizione di una questione di legittimità costituzionale per violazione dell art. 3, da proporre incidenter tantum nei giudizi pendenti. La strada maestra è quella di una proposta di legge che, da un lato, specifichi meglio i soggetti esposti al rischio d impresa, controbilanciando l attuale sistema, realizzando cioè l effetto opposto rispetto a quello portato dal Decreto 231/2001 e, dall altro, riducendo al massimo la discrezionalità, introduca norme di significato precettivo e cogente, su cui far convergere i comportamenti diligenti richiesti ai lavoratori dipendenti. La seconda strada ha il vantaggio di non richiedere una preventiva polarizzazione del consenso parlamentare, e dunque una dispendiosa, se non infruttuosa, ricerca di ampie convergenze, potendo ottenere dalla Corte costituzionale un immediato riassetto dei valori in gioco, mediante il giusto riconoscimento dei diversi profili di responsabilità che devono incombere a lavoratori subordinati e imprenditori.

20 20 finanza comparata a cura di Fausto Fasciani Moskva City, un cantiere aperto Il punto sul progetto di un centro finanziario di livello internazionale lanciato da Putin. Il grande obiettivo di Vladimir Putin è quello di creare in Russia un mercato finanziario di livello internazionale e rendere il rublo una moneta di primaria importanza al fine di attirare gli investimenti esteri anche in altri settori che non siano solo quello delle materie prime. Il progetto, partito nel 2008 nel pieno della crisi mondiale, è stato affidato ad un team di esperti scelti e coordinati da Alexander Voloshin già consulente di Boris Eltsin ed ex presidente della compagnia mineraria Norilsk Nickel. Al recente forum economico di Davos il presidente russo Dmitrij Medvedev ha dichiarato che il centro finanziario internazionale ( a Mosca) deve diventare non solo il centro del sistema finanziario russo, ma anche un acceleratore dei mercati finanziari di tutto lo spazio post-sovietico. In tal senso la Russia ha già avviato dei colloqui con la Bielorussia ed il Kazakhstan per un accordo di associazione. Nei piani del Cremlino, Mosca è al centro del progetto per diventare una delle principali piazze finanziarie del pianeta come dichiarò lo stesso Putin nel suo discorso programmatico al suo insediamento da primo ministro. Ma a circa tre anni di distanza dal varo dell iniziativa Moskva City, il quartiere degli affari fatto di grattacieli in vetro-cemento è ancora un cantiere aperto e, secondo il rapporto dell istituto di ricerca Z/Y che ogni due anni a settembre stila la classifica dei centri finanziari mondiali, Mosca è al 68esimo posto su 75 piazzandosi molto dietro rispetto a Milano, Varsavia e Glasgow. Per accelerare il processo di trasformazione della capitale russa in un centro finanziario Putin e Medvedev, sfruttando la recente elezione a sindaco di Mosca di Sergey Sobanin, molto vicino al governo centrale a differenza del suo predecessore Luzhkov, stanno valutando l ipotesi di istituire un fondo d investimento da 10 miliardi di dollari che dovrebbe coinvolgere, secondo alcune indiscrezioni rilanciate dal Financial Times e non confermate dal governo russo, importanti soggetti finanziari quali la banca d affari Goldman Sachs in qualità di capofila ed i fondi di private equity Apollo Management, Blackstone e Carlyle. Inoltre è prevista anche la costituzione di un comitato

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 di rinnovo del CCNL delle Attività Ferroviarie del 16 aprile 2003 1 PREMESSA (Nuovo CCNL della Mobilità) Le parti, visto il

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli