RMI. Prova pratica di Sistemi Distribuiti:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RMI. Prova pratica di Sistemi Distribuiti:"

Transcript

1 Prova pratica di Sistemi Distribuiti: RMI Di Nicola Milella Al fine di toccare con mano queste tecnologie e capirne i rispettivi pro e contro si è deciso di sviluppare un applicazione distribuita sfruttando RPC e RMI, scrivendola rispettivamente in C e in Java. In particolare quest applicazione ha il compito,banale, di eseguire delle operazioni matematiche sugli elementi di un vettore per poi calcolarne la media. Se avessimo trattato un applicazione per uso locale, quindi con chiamate a procedura locali, avrebbe avuto davvero poco senso anche solo parlarne. Infatti, l utilità di questa sperimentazione si basa sulla comprensione degli aspetti principali che caratterizzano il calcolo distribuito, in particolare delle chiamate a procedura remote gestite rispettivamente da RPC e Java RMI, e non del compito specifico. In principio si era concordato di calcolare soltanto la media degli elementi ma, considerati i tempi di esecuzione molto ridotti, è stato aumentato il carico computazionale aggiungendo il calcolo di altre operazioni (arcotantangente,potenza,radice) sugli elementi del vettore ottenendo tempi più larghi(nell ordine dei millisecondi). Si è cercato, per quanto possibile, di rendere il codice dei due programmi server quanto più simile possibile onde evitare imprecisioni delle misurazioni derivanti dall'esecuzione di più o meno istruzioni (es. eliminando la stampa degli elementi del vettore si è scesi da circa 60ms a circa 5ms). In questa parte della relazione si introducono le Java RMI che utilizzano l ambiente di elaborazione omogeneo costituito dalla Java Virtual Machine (JVM). In Java RMI un applicazione è costituita da processi server che creano oggetti accessibili remotamente, registrandone il nome nell apposito registro RMIregistry e si pongono in attesa di invocazione dei metodi sugli oggetti remoti da parte dei clienti. Un client ottiene il riferimento ad un oggetto, effettuando una ricerca nel registro RMIregistry sull host remoto e successivamete invoca i metodi remoti. E il middleware RMI che si occupa dei dettagli della comunicazione: agli occhi del utente l invocazione remota appare come un invocazione standard di un metodo su un oggetto nel linguaggio Java tradizionale. Nell invocare un metodo, è possibile scambiare oggetti come parametri o valori di ritorno; RMI fornisce anche i meccanismi necessari per caricare su

2 richiesta il codice di un oggetto, e per serializzarne e trasmetterne lo stato. Lo strato middleware della piattaforma Java basato sulla tecnologia RMI (Remote Method Invocation) è molto simile al middleware RPC. Implementazione di Rmi In questo paragrafo si introducono tutti gli strumenti necessari per creare ed eseguire un applicazione java rmi. In questo caso non è necessario scrivere un file dei servizi utilizzando un linguaggio IDL, come accade in RPC, in quanto l IDL è proprio java. Compito dell utente L utente ha il compito di scrivere una classe client, in questo caso, la classe contenuta nel file RmiClient.java contiene le chiamate ai metodi remoti. Inoltre l utente deve scrivere una classe server anche in questo caso inserita nel file RMIServerImpl.java nella quale troviamo oggetti che saranno eseguiti in remoto come in RPC (in quel caso i file erano client.c e server.c). La struttura dei due programmi è conforme allo stile di programmazione java. Rispetto ad un programma scritto in java tradizionale è necessario importare i nomi del package java.rmi. Descrizione di RmiClient La classe RmiClient contiene : String registration = "rmi://" + registry +"/testrmi"; Remote remoteservice = Naming.lookup (registration); RmiIfaces service = (RmiIfaces) remoteservice; il quale interroga l rmiregistry per vedere se il servizio testrmi è in esecuzione sull host richiesto come in RPC il client attraverso la clnt create(...) interroga il portmap sull host passato come parametro; attraverso l invocazione del metodo... = service.mediarmi(vett)... (notare che per l utente è come chiamare un metodo tradizionale java in locale) avviene la connessione alla diretta alla classe RmiServer sull host remoto. Descrizione di RmiRegistration In questo caso le differenze sostanziali consistono nell importare i nomi dei package java.rmi e java.rmi.server, e nel chiamare il metodo Naming.rebind(registration, service ) che comunica all rmiregistry che tale oggetto è disponibile. Inoltre, non meno importante, tutti i dati coinvolti devono essere serializzati.

3 Quando si instaura un collegamento virtuale tra stub e skeleton (o stub e server) questo è un tipo di collegamento sequenziale, per questo tali dati devono essere serializzati. Compilazione con rmic Per supportare la trasparenza della rete in JavaRMI come in RPC c è un compilatore, rmic, che genera lo stub e lo skeleton dell oggetto remoto. L unica differenza tra i due compilatori è che rpcgen compila un file scritto in un linguaggio simile al C (file.x) mentre rmic compila direttamente i file (server) generati dal compilatore javac (file.class). Notare che in questo caso l IDL è proprio il linguaggio java. Una volta avvenuta la compilazione per eseguire il client e il server si utilizza il comando java nome file da eseguire come nelle tradizionali applicazioni java. Dalla versione 2.0 del JDK il file di skeleton non viene più generato. Lo stub generato da rmic fornisce una simulazione locale sulla JVM del client dell oggetto remoto, inoltre non viene inviato direttamente l oggetto ma una rappresentazione serializzata e successivamente, sulla JVM target viene ricreata una copia identica dell oggetto (deserializzazione). Nell appendice B sono riportate le istruzioni di compilazione per il caso di studio in questione. Rmiregistry Nel caso di Java RMI come in RPC viene utilizzatto un servizio binder, per avere a disposizione tutti gli oggetti disponibili su un nodo. rmiregistry è un applicazione che si occupa di registrare all interno di un registro il nome logico dell oggetto remoto dalla classe Naming presente nel package java.rmi. Come nel caso del portmap RPC l oggetto server si registra su rmiregistry e il client può interrogare tale applicazione per vedere se l oggetto è disponibile su quel nodo. Come il portmap di RPC, rmiregistry e sempre in ascolto su una porta, che di default è la Test e risultati In quest ultima parte viene spiegato il test effettuato e i risultati ottenuti, in linea con le aspettative. Di seguito sono elencate le condizioni, l ambiente di test, mezzi utilizzati ecc: Ambiente di test: rete locale casalinga Collegamento: ethernet Macchina Server: toshiba satellite m70 cpu Intel centrino 1.73 ghz ram 1gb S.O. Ubuntu bit

4 Condizioni: programma server eseguito subito dopo l'avvio completo della macchina evitando di avviare altre applicazioni; carico di rete costante ridotto agli unici host coinvolti nel test Misurazioni: effettuate via codice, nei rispettivi programmi client, catturando il tempo pre e post esecuzione dell istruzione di chiamata di procedura remota. Registrate in un file di testo automaticamente e successivamente importate in excel per eseguire i calcoli. Richiesta: è stato scelto di passare vettori da 2000 elementi. Risultati: su un campione di richieste è emerso che i tempi di esecuzione di una chiamata di procedura remota gestita da RPC sono nettamente inferiori(meno della metà, precisamente 2, in rapporto) dell analoga chiamata gestita da Java RMI. Infatti, in studi ben più articolati, RPC viene considerato come baseline per comparare le altre tecniche e risulta essere, sotto altre condizioni di test, addirittura dalle 4 alle 6 volte più performante di java RMI come si evince dall articolo A PERFORMANCE EVALUATION OF RPC, JAVA RMI, MPI AND PVM di Kalim Qureshi (Department of Math and Computer Science University of Kuwait ) e Haroon Rashid (COMSATS Institute of Information Technology Abbattabad Pakistan). In particolare è emerso che RPC, nel trattare una richiesta (tempo totale), ha impiegato mediamente 2,179 ms mentre Java Rmi 4,636 ms. Il tempo, come detto precedentemente, è stato misurato lato client considerato che nell ambiente in cui si è svolto il test il tempo di trasmissione della richiesta è stato trascurabile. Quindi il tempo totale è per lo più formato dal tempo di esecuzione, composto a sua volta da: 1) Tempo delle operazioni preliminari sulla richiesta ricevuta 2) Tempo di esecuzione della procedura 3) Tempo di costruzione della risposta Il tempo di esecuzione della procedura/metodo remota è risultato essere costante per entrambi gli approcci mantenendo la differenza derivante alla maggior efficienza del programma server scritto in C (un vantaggio intrinseco di Rpc). Installazione/configurazione ambiente java rmi su ubuntu

5 Verificare la presenza di un'istallazione java (Openjdk o Oracle-java) con il comando java -version, in caso non fosse installato neanche uno dei due ambienti procedere all'installazione tramite il software center per Openjdk, mentre per Oracle-java importare un ppa che contenga tutti i pacchetti necessari e proseguire all installazione. In questo caso l'ambiente utilizzato è java 7 di Oracle. Compilazione 1) javac RmiIface.java RmiSrvImpl.java 2) javac RmiRegistration.java 3) javac RmiClient.java Esecuzione 1) java RmiRegistration <host> sulla macchina server 2) java RmiClient <server host> <dimensione vettore> <path file di report> <numero richieste> sulla macchina client Normalmente è necessario avviare il processo rmiregistry o quanto meno accertarsi che sia in esecuzione altrimenti bisogna avviarlo tramite il comando rmiregistry &, ma in questo caso è stato gestito tutto da codice; alla terminazione del server terminerà anche rmiregistry in quanto sotto processo del server, quindi se si necessita tenerlo sempre in esecuzione bisogna avviarlo da linea di comando.

RMI. Java RMI RMI. G. Prencipe prencipe@di.unipi.it

RMI. Java RMI RMI. G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Java Remote Method Invocation -- RMI G. Prencipe prencipe@di.unipi.it RMI RMI è una tecnologia JAVA che permette a una JVM di comunicare con un altra JVM per farle eseguire metodi È possibile che oggetti

Dettagli

RMI Remote Method Invocation

RMI Remote Method Invocation RMI Remote Method Invocation [Pagina intenzionalmente vuota] (1 12 2004) slide 4:1/18 (p.106) Un applicazione RMI è un applicazione distribuita ad oggetti. Applicazione RMI tipica, strutturata in: server:

Dettagli

Programmazione di sistemi distribuiti

Programmazione di sistemi distribuiti Programmazione di sistemi distribuiti I Sistemi Distribuiti, per loro natura, prevedono che computazioni differenti possano essere eseguite su VM differenti, possibilmente su host differenti, comunicanti

Dettagli

Introduzione a Java Remote Method Invocation (RMI)

Introduzione a Java Remote Method Invocation (RMI) Introduzione a Java Remote Method Invocation (RMI) SAPIENZA Università di Roma Corso di Architetture Software Orientate ai Servizi E risuona il mio barbarico yawp sopra i tetti del mondo ( I sound my barbaric

Dettagli

Programmazione distribuita

Programmazione distribuita Programmazione distribuita 1 Architettura client-server È il modo classico di progettare applicazioni distribuite su rete Server offre un servizio "centralizzato" attende che altri (client) lo contattino

Dettagli

Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro

Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro Socket & RMI Ingegneria del Software - San Pietro Socket È possibile trattare la comunicazione di rete allo stesso modo con cui è possibile trattare la lettura da file. La classe Socket rappresenta la

Dettagli

Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI

Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI Esercitazione di Sistemi Distribuiti: Java RMI Anno Accademico 2007-08 Marco Comerio comerio@disco.unimib.it Richiami Teorici Oggetti distribuiti 2-16 Usuale organizzazione di un oggetto remoto con un

Dettagli

Java Remote Method Invocation

Java Remote Method Invocation Java Remote Method Invocation Programmazione in Rete e Laboratorio Comunicazione distribuita Port1 Java VM1 Java VM2 Port 2 Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica Universita` degli Studi di Torino

Dettagli

Registri RMI. Massimo Merro Univ. Verona Programmazione di Rete 90 / 247

Registri RMI. Massimo Merro Univ. Verona Programmazione di Rete 90 / 247 Registri RMI Per poter interagire con un server remoto, un client deve essere in possesso di una sua referenza remota (ovvero un oggetto stub). Un servizio di Naming è una risorsa centralizzata che può

Dettagli

Il linguaggio Java. Oggetto remoto. Remote Method Invocation (RMI) Oggetto remoto: oggetto i cui metodi possono essere invocati attraverso la rete

Il linguaggio Java. Oggetto remoto. Remote Method Invocation (RMI) Oggetto remoto: oggetto i cui metodi possono essere invocati attraverso la rete Il linguaggio Java Remote Method Invocation (RMI) Oggetto remoto Oggetto remoto: oggetto i cui metodi possono essere invocati attraverso la rete Client Server 2 Schema di principio oggetto client oggetto

Dettagli

Contesto e motivazioni Architettura e concetti di base Componenti di RMI RMIRegistry Interfacce, eccezioni e classi Lo sviluppo di una applicazione L

Contesto e motivazioni Architettura e concetti di base Componenti di RMI RMIRegistry Interfacce, eccezioni e classi Lo sviluppo di una applicazione L CEFRIEL Consorzio per la Formazione e la Ricerca in Ingegneria dell Informazione Politecnico di Milano Programmazione Object Oriented in Java Java Remote Method Invocation Docente: Diego Peroni CEFRIEL

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori LS

Corso di Reti di Calcolatori LS Università degli Studi di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di Reti di Calcolatori LS CORBA - Implementazione Naming Service e Interface Repository Luca Foschini Anno accademico 2008/2009 Agenda CORBA

Dettagli

Remote Method Invocation (RMI)

Remote Method Invocation (RMI) (RMI) Remote Method Invocation (RMI) in Java. Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università à degli Studi di Milano. e-mail: cazzola@disi disi.unige.it Walter Cazzola Java: Remote

Dettagli

Chiamate a Procedure Remote

Chiamate a Procedure Remote FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Anno Accademico 2012/2013 Relazione sullo sviluppo di Chiamate a Procedure Remote

Dettagli

Comunicazione tra Processi

Comunicazione tra Processi Comunicazione tra Processi Comunicazioni in un Sistema Distribuito Un sistema software distribuito è realizzato tramite un insieme di processi che comunicano, si sincronizzano, cooperano. Il meccanismo

Dettagli

Comunicazione tra Processi

Comunicazione tra Processi Comunicazione tra Processi Comunicazioni in un Sistema Distribuito Un sistema software distribuito è realizzato tramite un insieme di processi che comunicano, si sincronizzano, cooperano. Il meccanismo

Dettagli

Sistemi Distribuiti Multiagente A.A.2010-11 Informatica Magistrale Università di Bari

Sistemi Distribuiti Multiagente A.A.2010-11 Informatica Magistrale Università di Bari Java RMI I lucidi che seguono sono stati prodotti sulla base dei seguenti riferimenti: - Sistemi Distribuiti Dip. Informatica (S.Pizzutilo) - Seminario Java RMI di G.Cozzolongo Java RMI: Remote Method

Dettagli

RMI: metodi equals e hashcode

RMI: metodi equals e hashcode RMI: metodi equals e hashcode Per verificare se due oggetti remoti contengono gli stessi dati, la chiamata indirizzata al metodo equals() avrebbe bisogno di contattare i server dove si trovano gli oggetti

Dettagli

RMI. Introduzione DI GIOVANNI PULITI

RMI. Introduzione DI GIOVANNI PULITI 2001 proprietà di MokaByte s.r.l. tutti i diritti riservati è vietata la riproduzione non autorizzata anche parziale RMI DI GIOVANNI PULITI Introduzione La programmazione distribuita è tra gli argomenti

Dettagli

InterProcess Communication (IPC)

InterProcess Communication (IPC) CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2013-2014 corso di Sistemi Distribuiti 5. IPC (Inter Process Communication) (parte 2): da RPC a RMI Prof. S.Pizzutilo InterProcess Communication (IPC) Modelli e tecnologie

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

Comunicazione fra oggetti distribuiti

Comunicazione fra oggetti distribuiti Comunicazione fra oggetti distribuiti RMI RPC invocazione di metodo remoto - gli oggetti remoti ricevono le RMI interfaccia remota meccanismo per la comunicazione cliente servente come primitiva di un

Dettagli

Ingegneria del Software 1: Eclipse

Ingegneria del Software 1: Eclipse Ingegneria del Software 1: Eclipse Da completare entro Aprile 21, 2015 Srđan Krstić and Marco Scavuzzo 1 Contents 1 Introduzione 3 1.1 Java (JRE vs JDK).......................................... 3 1.2

Dettagli

Programmazione con Oggetti Distribuiti: Java RMI. Vittorio Scarano

Programmazione con Oggetti Distribuiti: Java RMI. Vittorio Scarano Programmazione con Oggetti Distribuiti: Java RMI Vittorio Scarano II edizione - Marzo 2010 ii iii A mio padre e a mia madre, ispiratori A mia moglie, dolce compagna, amica e confidente Ai miei tre figli,

Dettagli

Organizzazione della lezione. 15. Java Remote Method Invocation (3) Lo schema del Factory Design Pattern - 1. Factory design pattern

Organizzazione della lezione. 15. Java Remote Method Invocation (3) Lo schema del Factory Design Pattern - 1. Factory design pattern Organizzazione della lezione 15. Java Remote Method Invocation (3) Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno Il design pattern

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Installazione SOFTWARE JDK ECLIPSE 03/03/2011 2 ALGORITMI E PROGRAMMI PROBLEMA ALGORITMO PROGRAMMA metodo risolutivo linguaggio di

Dettagli

Analisi, progettazione e implementazione di un repository di componenti distribuite in Java basato su JNDI.

Analisi, progettazione e implementazione di un repository di componenti distribuite in Java basato su JNDI. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA TESI DI LAUREA IN SCIENZE DELL INFORMAZIONE Analisi, progettazione e implementazione di un repository di componenti distribuite in Java basato su JNDI. Relatore:

Dettagli

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services I. Marra M. Ciampi RT-ICAR-NA-06-04

Dettagli

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli

JBoss Application Server e Sviluppo di Applicazioni Distribuite in J2EE. Concetti di Base ed Esempi.

JBoss Application Server e Sviluppo di Applicazioni Distribuite in J2EE. Concetti di Base ed Esempi. SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale e Ingegneria Informatica Dispensa didattica JBoss Application Server e Sviluppo di Applicazioni Distribuite in

Dettagli

CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) Le specifiche più conosciute sono UML e CORBA

CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) Le specifiche più conosciute sono UML e CORBA CORBA ( Common Object Request Broker Architecture ) consiste in un insieme di specifiche promosse e curate da OMG (Object Management Group). L OMG è un consorzio internazionale no-profit di industrie nel

Dettagli

Java RMI (Remote Method Invocation)

Java RMI (Remote Method Invocation) Java RMI (Remote Method Invocation) Accesso ad oggetti remoti In Java non sono possibili riferimenti remoti RPC in JAVA Le RMI introducono la possibilità di richiedere esecuzione di metodi remoti in JAVA

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

Organizzazione della lezione. Lezione 18 Remote Method Invocation - 6. (con callback) L accesso al registry per il rebind()

Organizzazione della lezione. Lezione 18 Remote Method Invocation - 6. (con callback) L accesso al registry per il rebind() Organizzazione della lezione Lezione 18 Remote Method Invocation - 6 Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita (2003-2004) Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno

Dettagli

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996

Broker. [POSA1] Pattern-Oriented Software Architecture, 1996 Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 420 ottobre 2014 Tutti sanno che una certa cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa. Albert Einstein 1

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli

Comunicazione nei Sistemi Distribuiti

Comunicazione nei Sistemi Distribuiti Università degli Studi di Roma Tor Vergata Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Comunicazione nei Sistemi Distribuiti Corso di Sistemi Distribuiti e Cloud Computing A.A. 2014/15 Valeria

Dettagli

Mobilità di Codice. Massimo Merro Programmazione di Rete 128 / 144

Mobilità di Codice. Massimo Merro Programmazione di Rete 128 / 144 Mobilità di Codice Abbiamo già visto come un dato host possa trasmettere un oggetto (serializzabile) ad un altro host. Quest ultimo potrà eseguire l oggetto pur non possedendo il bytecode della classe

Dettagli

INFORMATICA. INFORmazione automatica

INFORMATICA. INFORmazione automatica INFORMATICA INFORmazione automatica Insieme di discipline e tecniche per rappresentare, elaborare e trasmettere automaticamente delle informazioni. Computer - Elaboratore elettronico: e macchina concepita

Dettagli

SSL VPN Accesso Remoto Sicuro

SSL VPN Accesso Remoto Sicuro SSL VPN Accesso Remoto Sicuro Accesso con Network Connect per Linux Pagina 1 I l Servizio SSL VPN permette agli utenti istituzionali di realizzare una connessione da qualsiasi parte del mondo (Internet)

Dettagli

Panoramica: che cosa è necessario

Panoramica: che cosa è necessario Scheda 02 L installazione dell SDK G IOVANNI PULITI Panoramica: che cosa è necessario Per poter lavorare con applicazioni Java o crearne di nuove, il programmatore deve disporre di un ambiente di sviluppo

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Microsoft Windows 7 Service Pack 1 (32/64 bit) Microsoft Windows XP Service Pack 3 (solo 32 bit)

Microsoft Windows 7 Service Pack 1 (32/64 bit) Microsoft Windows XP Service Pack 3 (solo 32 bit) Requisiti Desktop/Client 1 1 - Requisiti Desktop/Client In questa sezione sono riassunti i requisiti di sistema necessari per il funzionamento di CEM4 Desktop e di CEM4 Client. I requisiti per il Server

Dettagli

Programmazione ad Oggetti. Java Parte I

Programmazione ad Oggetti. Java Parte I Programmazione ad Oggetti Java Parte I Overview Caratteristiche generali 1 Caratteristiche generali Un moderno linguaggio orientato agli oggetti Pensato per lo sviluppo di applicazioni che devono essere

Dettagli

Servers Activatable. Massimo Merro Programmazione di Rete 166 / 193

Servers Activatable. Massimo Merro Programmazione di Rete 166 / 193 Servers Activatable Nelle lezioni precedenti abbiamo detto che una referenza remota ad un server di tipo UnicastRemoteObject rimane valida finchè il server è in esecuzione. Quando il server termina, o

Dettagli

UnicastRemoteObject. Massimo Merro Programmazione di Rete 103 / 124

UnicastRemoteObject. Massimo Merro Programmazione di Rete 103 / 124 UnicastRemoteObject Java RMI fornisce diverse classi base per definire server remoti: UnicastRemoteObject < RemoteServer < RemoteObject dove A < B significa che A è una sottoclasse di B. UnicastRemotObject

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

Protezione. Sistemi Operativi mod. B 16.1

Protezione. Sistemi Operativi mod. B 16.1 Protezione Scopi della Protezione Dominio di Protezione Matrice d Accesso Implementazione della Matrice d Accesso Revoca dei Diritti d Accesso Sistemi Basati su Abilitazioni Protezione basata sul linguaggio

Dettagli

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Ing. Giovanni Ponti DEIS Università della Calabria gponti@deis.unical.it La piattaforma Java mette a disposizione una serie

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Anno Accademico 2005-06 Prof. Flavio De Paoli. Il modello ad oggetti

Sistemi Distribuiti. Anno Accademico 2005-06 Prof. Flavio De Paoli. Il modello ad oggetti Sistemi Distribuiti Anno Accademico 2005-06 Prof. Flavio De Paoli 1 Il modello ad oggetti 2 Distributed Objects 2-16 Common organization of a remote object with client-side proxy. 3 Caratteristiche Oggetti

Dettagli

Introduzione alla Virtualizzazione

Introduzione alla Virtualizzazione Introduzione alla Virtualizzazione Dott. Luca Tasquier E-mail: luca.tasquier@unina2.it Virtualizzazione - 1 La virtualizzazione è una tecnologia software che sta cambiando il metodo d utilizzo delle risorse

Dettagli

Java? Sì, grazie. Scopo del corso

Java? Sì, grazie. Scopo del corso Modulo di Java? Sì, grazie Il linguaggio di Internet? Portabilità su qualunque piattaforma (non solo calcolatori): It works everywhere Supporto e disponibilità di strumenti, librerie e documentazione garantiti

Dettagli

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD La prima applicazione Java con NetBeans IDE Dott. Ing. M. Banci, PhD Creare la prima applicazione 1. Creare un progetto: Quando si crea un progetto IDE occorre creare un ambiente nel quale costruire e

Dettagli

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o

Navigare verso il cambiamento. La St r a d a. p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Navigare verso il cambiamento La St r a d a p i ù semplice verso il ca m b i a m e n t o Le caratteristiche tecniche del software La Tecnologia utilizzata EASY è una applicazione Open Source basata sul

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

Approccio stratificato

Approccio stratificato Approccio stratificato Il sistema operativo è suddiviso in strati (livelli), ciascuno costruito sopra quelli inferiori. Il livello più basso (strato 0) è l hardware, il più alto (strato N) è l interfaccia

Dettagli

Architetture software. Virtualizzazione

Architetture software. Virtualizzazione Sistemi Distribuiti Architetture software 1 Virtualizzazione 2 1 Virtualizzazione (motivazioni) Sullo stesso elaboratore possono essere eseguiti indipendentemente d t e simultaneamente t sistemi i operativi

Dettagli

b phoops Manuale Installazione Software GIS per gestione toponomastica, grafo strade, numeri civici information management & design

b phoops Manuale Installazione Software GIS per gestione toponomastica, grafo strade, numeri civici information management & design information management & design p h o o p s s. r. l. v ia de l la T o r r e t t a 1 4-5 0 1 3 7 F ire n z e T e l + 3 9. 0 5 5. 3 9 8 5 6 7 0 F a x + 3 9. 0 5 5. 5 6 0 9 7 3 0 e - m a il : info @ p h o

Dettagli

INDICE. Indice. Introduzione

INDICE. Indice. Introduzione V Indice Introduzione XIII Capitolo 1 La programmazione multithread 1 1.1 Cosa sono i thread 2 Utilizzare i thread per dare una possibilità ad altri task 9 Avvio ed esecuzione dei thread 10 Esecuzione

Dettagli

Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing

Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing tesi di laurea Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore ing. Marcello Cinque candidato Vittorio

Dettagli

Outline. Remote Method Invocation in Java. Remote Procedure Call (RPC) Introduzione Storica. Remote Procedure Call (RPC) Remote Procedure Call (RPC)

Outline. Remote Method Invocation in Java. Remote Procedure Call (RPC) Introduzione Storica. Remote Procedure Call (RPC) Remote Procedure Call (RPC) Outline Remote Method Invocation in Java Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli Studi di Milano 1 2 3 Walter Cazzola Remote Method Invocation in Java Slide 1 of 33

Dettagli

Architetture a oggetti distribuiti

Architetture a oggetti distribuiti Luca Cabibbo Architetture Software Architetture a oggetti distribuiti Dispensa ASW 420 ottobre 2014 Tutti sanno che una certa cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo

Dettagli

Linguaggi di Programmazione: Paradigmi di Programmazione

Linguaggi di Programmazione: Paradigmi di Programmazione Linguaggi di Programmazione: Paradigmi di Programmazione Socket, Servlet e Remote Method Invocation Matteo Baldoni Dipartimento di Informatica - Universita` degli Studi di Torino C.so Svizzera, 185 - I-10149

Dettagli

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Identificativo del progetto: CA Nome documento: System Design(SD) Identificativo del documento: 6 CA_SD_E1_R1 Data del documento: 21/05/2012 Prima

Dettagli

Manuale Utente Prerequisiti per DigitalSign Lite Sistema Operativo Linux a 64 bit

Manuale Utente Prerequisiti per DigitalSign Lite Sistema Operativo Linux a 64 bit - Carta Regionale dei Servizi e Certificati Qualificati di Firma Digitale Manuale Utente Prerequisiti per DigitalSign Lite Sistema Operativo Linux a 64 bit Codice del Documento: CRS-CA-MES#05 Revisione

Dettagli

Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita

Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita Java RMI: Esempio Completo di un Applicazione Distribuita Il Problema Produttore/Consumatore in Ambiente Distribuito* *a cura del Prof. L. Nigro, Università della Calabria Java RMI (Remote Method Invocation)

Dettagli

Sistemi Operativi MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 13.1

Sistemi Operativi MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 13.1 MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 Protezione Obiettivi della Protezione Dominio di Protezione Matrice di Accesso Implementazione della Matrice di Accesso Revoca dei Diritti di Accesso Sistemi basati

Dettagli

MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1

MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 MECCANISMI E POLITICHE DI PROTEZIONE 13.1 Protezione Obiettivi della Protezione Dominio di Protezione Matrice di Accesso Implementazione della Matrice di Accesso Revoca dei Diritti di Accesso Sistemi basati

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP DISPENSA LEZIONE 1 Autore D. Mondello Transazione di dati in una richiesta di sito web Quando viene effettuata la richiesta di un sito Internet su un browser, tramite

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Interprocess Communication Processi (e thread) cooperanti Il paradigma produttore-consumatore Shared Memory e Inter Process Communication (IPC) facility Proprietà caratteristiche della comunicazione

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

Manuale Utente CryptoClient

Manuale Utente CryptoClient Codice Documento: CERTMOB1.TT.DPMU12005.01 Firma Sicura Mobile Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. - Documento Pubblico Tutti i diritti riservati Indice degli argomenti... 1 Firma Sicura Mobile...

Dettagli

WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI DOMOTICA. Fig. 1 - Architettura di un web server embedded

WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI DOMOTICA. Fig. 1 - Architettura di un web server embedded WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI Cristian Randieri Per far fronte alle esigenze di sviluppatori che intendono gestire applicazioni professionali per la domotica e la home building automation sfruttando

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015. corso di Sistemi Distribuiti. Le Socket

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015. corso di Sistemi Distribuiti. Le Socket CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di Sistemi Distribuiti 6. Strumenti per l IPC : dalle socket a RPC/RMI Prof. S.Pizzutilo Le Socket Una socket è una astrazione software rappresentante

Dettagli

Linguaggi 2 e laboratorio

Linguaggi 2 e laboratorio Linguaggi 2 e laboratorio Docente: Leonardo Badia Contatti: leonardo.badia@gmail.com Pagina web del corso: www.unife.it/scienze/informatica/ insegnamenti/linguaggi-2-laboratorio Argomenti del corso: Java

Dettagli

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013 Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4-7 - 13 Definizioni e Principali Caratteristiche

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE

INGEGNERIA DEL SOFTWARE INGEGNERIA DEL SOFTWARE MIDDLEWARE Avvertenza: gli appunti si basano sul corso di Ingegneria del Software tenuto dal prof. Picco della facoltà di Ingegneria del Politecnico di Milano (che ringrazio per

Dettagli

Ingegneria del Software. Presentazione del pattern Proxy

Ingegneria del Software. Presentazione del pattern Proxy Ingegneria del Software Presentazione del pattern Proxy 1 Il pattern Proxy (1/6) Nome Proxy Synopsis Pattern molto generale che occorre in molti altri pattern, ma raramente nella sua forma pura. Il pattern

Dettagli

Activation In sintesi: è inutile avere attivi degli oggetti se non vengono utilizzati

Activation In sintesi: è inutile avere attivi degli oggetti se non vengono utilizzati Activation In generale i Sistemi ad oggetti distribuiti sono progettati per lavorare con oggetti persistenti. Dato che questi sistemi saranno composti da migliaia (forse milioni) di tali oggetti, sarebbe

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Contenuti del Corso Riferimenti Regole del Corso Materiale Didattico Scheduling Esami Strumenti Software 16/01/2013 2 Contenuti

Dettagli

L infrastruttura tecnologica del cnr irpi di perugia

L infrastruttura tecnologica del cnr irpi di perugia Sabato 8 marzo 2014 Aula Magna ITTS «A. Volta» - Perugia L infrastruttura tecnologica del cnr irpi di perugia VINICIO BALDUCCI Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica Consiglio Nazionale delle

Dettagli

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità:

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità: 7 Esercitazione (svolta): due possibilità: Java RMI: callback Molte applicazioni richiedono un meccanismo publish/subscribe I partecipanti (client) necessitano di notifiche da parte del coordinatore (server)

Dettagli

Fattorizzazione di numeri interi con Java RMI

Fattorizzazione di numeri interi con Java RMI Università degli Studi di Salerno Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di laurea Magistrale in Informatica Corso di SISTEMI OPERATIVI II Fattorizzazione di numeri interi con Java RMI

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica)

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica) 20/9/06 Elenco Tesi Disponibili Applied Research & Technology Dept. La Società MBDA La MBDA Italia è un azienda leader nella realizzazione di sistemi di difesa che con i suoi prodotti è in grado di soddisfare

Dettagli

Modulo 1.3 Reti e servizi

Modulo 1.3 Reti e servizi Modulo 1.3 Reti e servizi 1. Introduzione al Networking Connettere il PC in rete; schede di rete e modem; Panoramica sulle reti ad alta velocita' e reti dial-up; Testare la connettivita' con ping; Introduzione

Dettagli

Java Security Model e RMI

Java Security Model e RMI Java Security Model e RMI Da Java 2 in poi la politica di sicurezza di Java impone all utente di definire espressamente i permessi di cui deve disporre un applicazione. Tali permessi definiscono una sandbox,

Dettagli

- SIAU - Specifiche di Interfaccia Applicativi Utente

- SIAU - Specifiche di Interfaccia Applicativi Utente SISS - Sistema Informativo Socio Sanitario - SIAU - Specifiche di Interfaccia Applicativi Utente Configurazione del PdL Operatore Codice documento: CRS-ISAU-SIAU#05 Versione: 09 PVCS: 14 Data di emissione:

Dettagli

Programmazione in Java Parte I: Fondamenti

Programmazione in Java Parte I: Fondamenti Programmazione in Java Parte I: Fondamenti Lezione 1 Dott. Marco Faella Riferimenti Testi consigliati: Progettazione del software e design pattern in Java di C.S. Horstmann Apogeo Gli esempi di codice

Dettagli

OnLine Italiano Manuale dell utente

OnLine Italiano Manuale dell utente OnLine Italiano Manuale dell utente Versione documentazione: ITA2005-a Informazioni sul Copyright Il software descritto in questo documento e tutti i dati inclusi nel pacchetto di installazione sono forniti

Dettagli

Tecniche per il calcolo scientifico distribuito in Java

Tecniche per il calcolo scientifico distribuito in Java Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Tecniche per il calcolo scientifico distribuito in Java Sintesi della tesi di Laurea in Matematica di Cristiana Vigliaroli Relatore: Prof. Marco

Dettagli

Applicazioni distribuite

Applicazioni distribuite Applicazioni distribuite Maurizio Cozzetto 1 agosto 2009 Un pò di teoria Ricordiamo che un'applicazione distribuita è un'applicazione composta da più programmi (almeno 2) posti in esecuzione su macchine

Dettagli

TEST SULLA VELOCITÀ DEI SISTEMI WINDOWS E LINUX CON GLI APPLICATIVI TEAMSYSTEM

TEST SULLA VELOCITÀ DEI SISTEMI WINDOWS E LINUX CON GLI APPLICATIVI TEAMSYSTEM TEST SULLA VELOCITÀ DEI SISTEMI WINDOWS E LINUX CON GLI APPLICATIVI TEAMSYSTEM Revisione 18.12.9 È più veloce Windows o Linux? Questo test è stato eseguito proprio per rispondere a questo semplice quesito.

Dettagli

Joomla! e la virtualizzazione in locale... pro e contro

Joomla! e la virtualizzazione in locale... pro e contro Joomla! e la virtualizzazione in locale... pro e contro Relatori: Andrea Adami Francesco Craglietto Lavorare in locale...pro presentazioni di siti congelati (siti più scattanti, nessuna interferenza di

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Server 15per Windows IBM SPSS Modeler Server può essere installato e configurato per l esecuzione in modalità di analisi distribuita insieme ad altre installazioni

Dettagli

Multisentry ASE-V (v. 1.0) - Guida rapida all installazione

Multisentry ASE-V (v. 1.0) - Guida rapida all installazione Multisentry ASE-V (v. 1.0) - Guida rapida all installazione 2012 Multisentry Solutions S.r.l. 1 di 15 Sommario 1 Multisentry ASE-V... 3 2 A chi è rivolto il manuale... 3 3 Prerequisiti... 3 3.1 VMware...

Dettagli