Software testing. Lezione 8 Configuration Management Federica Spiga A.A Autori: F.Spiga

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Software testing. Lezione 8 Configuration Management Federica Spiga federica_spiga@yahoo.it. A.A. 2010-2011 Autori: F.Spiga"

Transcript

1 1 Software testing Lezione 8 Configuration Management Federica Spiga A.A Autori: F.Spiga

2 2 Configuration Management Attività ausiliaria che abbraccia tutto il processo software. Un cambiamento può avvenire in qualunque momento. Le attività di Software Configuration Management hanno lo scopo di: 1. Riconoscere il cambiamento 2. Controllarlo 3. Garantire che sia opportunamente implementato 4. Riferire agli interessati l avvenuto cambiamento

3 3 Definizione (1) Secondo lo standard IEEE, la CM (Configuration Management) è il processo di identificazione e definizione di tutte le entità presenti nel sistema controllo del cambiamento di queste entità in tutto il loro ciclo di vita registrazione e rilevazione dello stato delle entità e delle richieste di cambiamento verifica della completezza e della correttezza delle entità La definizione dello standard IEEE oggi, però, deve essere ampliata per includere nuove funzionalità extra dei sistemi CM: Manufacturing: gestione della creazione del prodotto software Ad esempio: Quali versioni di file e tool sono stati usati per creare questa versione? Process Management: assicurazione dell esecuzione corretta delle procedure e del modello del ciclo di vita Ad esempio: Tutti i file sono stati testati per verificarne la qualità prima di essere consegnati al cliente? Team Work: controllo del lavoro e delle interazioni tra più sviluppatori su un prodotto Ad esempio: Tutti i cambiamenti dei programmatori apportati localmente sono stati riuniti nell ultima versione del prodotto?

4 4 Definizione (2) Manufacturing Environment setup è necessario per assicurare un applicazione corretta delle politiche e favorire la standardizzazione Creazione della directory root per il progetto e, all interno di essa, le directory per lo sviluppo del codice, per la documentazione, per la gestione ecc. Definizione dell accesso al repository, chi può accedere a esso e con quali diritti nei vari sottoalberi Definizione di un ambiente standard di sviluppo Definizione di una politica di packaging globale per il prodotto Gestione della Build Impone l uso di dipendenze centralizzate, evitando di includere più versioni dello stesso COTS all interno di un unico build Evita dipendenze circolari Packaging una volta completato un build, CM integra i componenti in un pacchetto d installazione comune Definire ciò che deve essere compattato è compito degli sviluppatori; ogni componente deve avere il proprio file di descrizione del packaging, oltre a tutti gli script post installazione necessari il pacchetto finale deve essere rilasciato dal Configuration Manager, che identifica e tiene traccia anche degli strumenti consegnati

5 5 Lo scopo del Configuration Management Lo scopo della gestione della configurazione software è stabilire e mantenere l integrità dei prodotti software in tutto il loro ciclo di vita La gestione della configurazione software comprende: l identificazione della configurazione del software (cioè quali sono i prodotti di software selezionati e le loro descrizioni) in un dato momento il controllo dei cambiamenti il mantenimento dell integrità e della tracciabilità della configurazione per tutto il ciclo di vita del software CM risponde a domande come: Quali sono i componenti del prodotto? Come posso assicurare che non vengano fatti cambiamenti disastrosi? CM si prende cura del cliente (interno o esterno al progetto), che deve avere la sicurezza che la versione del prodotto a lui consegnata possa essere mantenuta correttamente

6 6 Changes Cambiamenti nei requisiti Dati Altri Documenti Codice Documenti progetto

7 7 Configuration Item Un Configuration Item (CI) è uno specifico e documentato work product risultante o usato durante il ciclo di vita Un work product è un qualsiasi artifatto tangibile risultante da una attività di sviluppo. Es: Piani di progetto, documentazione test, script di test, codice sorgente, ecc

8 8 Baseline Una Baseline è un insieme di uno o più Configuration Item il cui contenuto è stato sottoposto a revisione tecnica e accettato, in una fase del ciclo di vita. E la fotografia del progetto in quel determinato istante. Per ogni Baseline va documentato: L evento che ha creato la baseline I CI associati a quella baseline Le modifiche fatte alla baseline dalla creazione in poi Le procedure usate per definire e modificare la baseline i sui CI Differenti tipi di Baseline Functional Allocated Development Product

9 9 Functional Baseline Descrive quali funzioni eseguirà il sistema ed è la configurazione stabilita dopo la revisione dei requisiti di sistema e la recisione del design di sistema: Insieme iniziale di documenti che specificano le caratteristiche funzionali dei CI, test di sistema richiesti per verificarle, caratteristiche delle insterfacce, design constraints, performance richieste E la prima Baseline che viene costruita (documenti che descrivono le specifiche del sistema) Può essere considerato un Contratto tra il team di sviluppo e il Cliente

10 10 Allocated Baseline e Development Baseline Allocated Baseline: Documenta quali funzioni il software dal sviluppare eseguirà ed è la configurazione stabilita dopo la revisione dei requirements. Il termine allocated vuole indicare il concetto che i requisiti sono stati allocati dalle specifiche di sistema della funcional baseline Development Baseline: E una baseline interna (le altre sono esterne) Evolve tra la allocated e la product Costruita incrementalmente Incorpora tutti i semilavorati del processo di produzione (documenti di design, codice sorgente, eseguibili, casi di test, ) Diverse baseline di sviluppo in tempi diversi, sempre più complete e stabili

11 11 Product Baseline E la configurazione stabilita dopo le attività di verifica e validazione a livello sistema che confermano il soddisfacimento dei requisiti (SRS e SDD). E la baseline che documenta in modo completo la versione finale del software. E usata per supportare le versioni rilasciate del prodotto; è il punto di partenza per lo sviluppo delle release successive. Codice sorgente e tutto ciò (documentazione e tool di supporto) che serve per ricostruire il prodotto e manutenere il codice Costituita dopo il test di accettazione del prodotto Costituisce ciò che viene rilasciato al cliente

12 12 Configuration Control Board Persona o commissione che coordina ed autorizza le modifiche da apportare ad una baseline per cui è competente Effettua le valutazioni dell impatto di cambiamenti (non solo da un punto di vista tecnico ma anche logistico, strategico, economico e organizzazionale) alla baseline L obiettivo è di mantenere una visione globale e valutare l impatto al di la della baseline in questione Più CCB, ognuna competente per una particolare baseline, eventualmente organizzate gerarchicamente Istituite in modo da assegnare precise responsabilità e ridurre il numero di persone da riunire per discutere le possibili soluzioni ad un problema

13 13 Le attività di CM Configuration Identification Configuration Control Configuration Status Accounting Configurations Audits & Review Interface Control Subcontractor Vendor Control

14 14 Configuration Identification Attività in cui i software configuration items sono determinati Univocamente identificati e nominati catalogati Descrive come i meccanismi di revisione e rilascio sono usati per porre il sw sotto il controllo di configurazion Due livelli di identificazione Logica: Codice/Nome del documento, modulo, sorgente, Fisica: Nome del file contenente il testo del documento, modulo,

15 15 Configuration Identification Esempi: Sorgente C++ Identificazione logica: modulo = classe, nome della classe Identificazione fisica (nome del file): file header con dichiarazione: nome della classe. h file con implementazione: stesso nome dell header. Cxx un modulo => 2 file Documento di Specifica Definizione di regole per asseganzione identificatori/nomi <codice autore> - <codice del progetto> - <versione> - <stato> <titolo> - <tipo di doc> - <versione> + <stato> - <codice progetto>

16 16 Configuration Control Descrive le procedure che sono utilizzate per il controllo del cambiamento della documentazione e del codice conseguente da porre sotto il controllo della configurazione. Descrive le revisioni per le richieste di cambiamento fatte da un organismo di revisione, quale il CCB, della configurazione e include la lista dei componenti di tale commissione e loro eventuali alternative

17 17 Configuration Control Richieste di modifiche Classificazione richiesta Identificazione Validazione della richiesta Valutazione della richiesta Software change classification Technical Impact Analysis Interface Impact Analysis Schedule Impact Analysis Budget Impact Analysis Approvazione/Non approvazione della modifica Decision (if approved) Implementation Assignment Verification Assignment Release/Installation Assignment Version upadate Implementazione della modifica Check-out Controlled Baseline Change Implementation Implementation testing & verification Implementation approval Check-in Controlled Baseline

18 Check In & Check Out Check IN Deposita una nuova versione di un CI nel repository Possibile una serializzazione del lavoro Si può decidere se solo uno sviluppatore alla volta può effettuare dei cambiamenti (mettendo un lock al file) oppure più sviluppatori possono lavorare in parallelo e si effettua il merge delle versioni Check OUT preleva una copia di una versione di un modulo da un repository e la deposita nello spazio di lavoro criteri per la selezione della versione (ultima, x.y, data, ) possibilità di porre o meno un lock sulla specifica versione (lock = modifica possibile) Modifica della copia nello spazio di lavoro (isolamento) 18

19 19 Modello Lock/Modify/Unlock In principio, l unico modello secondo il quale più programmatori accedevano in concorrenza ai diversi file di un progetto era il modello lock/modify/unlock. Secondo questo modello un utente che vuole modificare un file del progetto, prima di tutto lo blocca (lock), impedendo a chiunque altro di modificarlo, dopodichè, quando ha terminato le modifiche lo sblocca (unlock). Questa strategia, per quanto garantisca la massima sicurezza da problemi di manomissione contemporanea involontaria, non ottimizza nel modo migliore le operazioni. Adoperando questo modello, si tende a spezzettare il più possibile un progetto, in modo da ridurre gli impedimenti al lavoro causati dai lock.

20 20 Modello Copy/Modify/Merge Il modello Copy/Modify/Merge prevede che: Lo sviluppatore A scarica una copia del progetto (working copy o sandbox) dal repositpry centrale; Applica liberamente tutte le modifiche. Nel frattempo altri programmatori (B) potrebbero fare lo stesso; Al termine del suo lavoro il programmatore A aggiorna il progetto sul repository centrale (commit); Altri programmatori potrebbero richiedere aggiornamenti della loro working copy (update) al repository o generare delle ulteriori versioni (commit).

21 21 Software Configuration Management Versione Stato di un elemento in un istamte di tempo Configurazione Insieme di CI utilizzati per costruire un prodotto Release Una istanza di un sistema distribuita agli utenti esterni

22 22 Identificazione della Versione Le procedure per l identificazione delle versioni devono definire un modo non ambiguo per identificare le componenti della versione Una tecnica base per la identificazione delle componenti è Numerazione delle versione V1, V1.1, V2, V2.1 ecc Può portare ad errori in quanto i nomi non sono significativi Meglio utilizzare un a struttura ad albero piuttosto che una sequenza

23 23 Identificazione multi-livello Identificazione gerarchica di Configuration Item Un esempio: la terminologia corretta definita è obbligatoria

24 24 Revisione e Variazione Revisione la versione M di un modulo è una revisione di M se M sostituisce M in tutte le configurazioni cui M appartiene a partire dal momento in cui M risulta disponibile (es. correzione di errori) Variazione la versione M è una variazione di M se M è un alternativa ad M in situazioni particolari (es. supporto periferiche diverse) Due configurazioni differiscono se contengono elementi diversi Due configurazioni differiscono anche se contengono due versioni più o meno diverse dello stesso modulo (contenuto diverso) Lo stesso modulo può far parte di più configurazioni Versioni delle configurazioni

25 25 Gestione dello stato Viene fornita a tutti una descrizione costantemente aggiornata dello stato degli artefatti su cui si sta lavorando Ogni azione sui Configuration Item deve archiviare il nuovo stato degli item così che tutti ne siano avvisati (in tempo reale, ad esempio attraverso la pagina Web del progetto) Vengono generati report dello stato della configurazione del progetto CM consegna periodicamente il Configuration Report che fornisce una panoramica dello stato della configurazione del progetto

26 26 Configuration Audits & Reviews Configuration Audits & Reviews Conduzione di riunioni formali in cui il sistema, o sue parti, sotto SWCM è controllato, verificato e validato rispetto alle attività di SWCM Configuration Status Accounting Processo per esaminare il sistema di SWCM ed i suoi contenuti, inclusa la cronistoria dei cambiamenti Informazioni minime da registrare: La versione iniziale di un SCI Lo stato di tutte le modifiche richieste per ogni SCI Lo stato di implementazione di tutte le modifiche approvate per gli SCI

27 27 Tool di Configuration Management Due tipologie principali: Workbench aperti Si tratta di strumenti stand-alone che si occupano di uno degli aspetti della gestione delle versioni e delle release Spesso si tratta di strumenti open source Strumenti di bug-tracking (es.: Bugzilla) Strumenti di gestione delle versioni (es. CVS) Strumenti per il build (es. make, ant) Workbench integrati Si tratta di strumenti che vanno a integrarsi con gli ambienti di sviluppo in modo da supportare la gestione di versioni e release contestualmente allo sviluppo Rational Clear Case e Clear Quest Microsoft Source Safe Strumenti integrati in NetBeans, Eclipse, Dev

28 28 CVS: Concurrent Version System Sistema di controllo delle versioni di un progetto legato alla produzione e alla modifica di file. In pratica, permette a un gruppo di persone di lavorare simultaneamente sullo stesso gruppo di file (generalmente si tratta di sorgenti di un programma), mantenendo il controllo dell'evoluzione delle modifiche che vengono apportate. Per attuare questo obiettivo, il sistema CVS mantiene un deposito centrale (repository) dal quale i collaboratori di un progetto possono ottenere una copia di lavoro. I collaboratori modificano i file della loro copia di lavoro e sottopongono le loro modifiche al sistema CVS che le integra nel deposito. ll compito di un sistema CVS non si limita a questo; per esempio è sempre possibile ricostruire la storia delle modifiche apportate a un gruppo di file, oltre a essere anche possibile ottenere una copia che faccia riferimento a una versione passata di quel lavoro.

29 29 CVS: Concurrent Version System Il sistema CVS è un software, presente per diversi sistemi operativi, che consente di gestire a linea di comando le principali operazioni previste dai modelli lock/modify/unlock e copy/modify/merge. Il lato server gestisce il repository, contenente sia tutti I file da gestire che tutte le informazioni sulle versioni. In alternativa il deposito potrebbe anche trovarsi sulla macchina client. Il lato client consente di effettuare tutte le operazioni riguardanti la copia locale (sandbox) del progetto.

30 30 CVS- Gestione Conflitti Nel caso in cui due programmatori modificano lo stesso file, il sistema CVS può fondere (merge) le due versioni, sovrapponendo le modifiche, allorchè si riferiscano a linee di codice diverse. Se invece ci sono modifiche alle stesse righe di codice si verifica un conflitto. La soluzione del conflitto è in questo caso demandata ai singoli programmatori: la versione unificata che viene generata diventa la nuova versione di riferimento. In alternativa si potrebbe scegliere di mantenere entrambe le versioni come alternative, generando un branch.

31 31 CVS- Operazioni Ogni persona coinvolta nel progetto, ha una copia locale dei file (sandbox). Chi avvia il progetto crea per la prima volta il repository (Make new module), indicando anche quali directory dovranno essere gestite. Successivamente un qualsiasi collaboratore può aggiungere nuovi file/directory al CVS (add). Un collaboratore che voglia inserirsi nel CVS dovrà per prima cosa effettuare il Checkout per prelevare dal repository le versioni più recenti di ogni file.

32 32 CVS- Operazioni Sui file presenti nella propria sandbox si possono effettuare le seguenti operazioni: Checkout (o update): preleva una copia aggiornata dal repository; Se copia locale e copia del repository non coincidono viene segnalato un conflict; Dopo il checkout, la copia locale è in stato di lock e non può essere modificata. Edit: richiede il permesso di scrivere sul file locale Se il file è già in stato di edit da parte di qualche altro utente, viene segnalato il rischio di modifiche concorrenti (nel caso di file binari o di politica di lock/modify/unlock viene impedito l accesso). Commit: rende pubbliche a tutti le proprie modifiche al file Le modifiche vengono propagate al repository. Il repository incamera il file ricevuto come nuova versione; le versioni precedenti rimangono reperibili.

33 33 CVS- Operazioni Gestione conflitti Se due utenti vanno a modificare in concorrenza lo stesso file, e il primo di essi effettua il commit, verrà impedito al secondo di fare lo stesso In questo caso si consiglia al secondo di fare un update: il sistema nota la differenza tra la versione sul repository e quella locale e popone alcune soluzioni semiautomatiche (merge) per la soluzione dei conflitti. Al termine, il secondo utente avrà una versione locale che tiene conto sia delle proprie modifiche che di quelle degli altri utenti. Di questa versione potrà essere fatto il commit, ottenendo quindi una versione successiva. Generazione branch Genera un ramo alternativo nella storia del file (se ne terrà conto nella diversa numerazione: ad esempio dopo 1.2 ci sarà anzichè 1.3) Sono disponibili funzionalità per vedere graficamente tutta la storia delle versioni del files. Fusione tra versioni diverse. Eliminazione copia locale. Eliminazione originale (da operare direttamente sul repository).

34 34 CVS- Tag Ogni versione può essere annotata e ad essa possono essere aggiunte delle informazioni dette tag. I tag sono particolarmente utili per distinguere tra loro le release di un software

35 35 TortoiseCVS TortoiseCVS è un front-end client che rende l uso di CVS pù semplice, più intuitivo e più produttivo. Si interfaccia direttamente con Windows Explorer. One dei maggiori vantaggi è quello di mostrare, per ogni comando dato da interfaccia, le corrispondenti operazioni a linea di comando effettuate. TortoiseCVS non include un CVS Server ma supporta la creazione di repository CVS locali. Tortoise CVS supporta anche una serie di operazioni di più alto livello Gestione dei conflitti Cronologia delle versioni Grafo delle versioni Creazione di patch Scelta delle politiche di accesso Operazioni in batch

36 36 SubVersion Subversion è un sistema di controllo versione progettato da CollabNet Inc. con lo scopo di essere il naturale successore di CVS Caratteristiche principali: Comprende gran parte delle caratteristiche di CVS. Novità rispetto a CVS Le directory, i cambi di nome, e i metadati dei file sono sotto controllo versione. Il controllo di versione avviene anche sulle directory Un file che era stato precedentemente rimossopuò essere aggiunto nuovamente I file binari sono gestiti efficientemente Il protocollo client/server invia solo le differenze in entrambe le direzioni I commit sono atomici Diverse modalità di accesso al repository

37 37 SubVersion Sito Ufficiale Subversion: Sito Italiano Subversion: Al seguente link può essere scaricato l ebook Controllo di versione con SubVersion Esiste TortoiseSVN, analoga a TortoiseCVS che abilita le funzionalità SVN direttamente da Windows Explorer

38 38 Best Practice I [Merge] vanno fatti sempre in locale, poi si spedisce il risultato sul server Eseguire [Update] di frequente e integrare spesso le modifiche sul server Eseguire il [Commit] solo di codice perfettamente compilabile Testare a fondo prima del commit

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti

APRS su Linux con Xastir, installazione dai sorgenti APRS su Linux con Xastir Installazione dai sorgenti L installazione di Xastir Per installare Xastir non è richiesto essere un guru di Linux, anche se una conoscenza minima della piattaforma è necessaria.

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità Gemma Catolino, Elisa D Eugenio, Davide De Chiara, Alessandro Longo Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali - Management & Information

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Principali funzionalità di Tustena CRM

Principali funzionalità di Tustena CRM Principali funzionalità di Tustena CRM Importazione dati o Importazione da file dati di liste sequenziali per aziende, contatti, lead, attività e prodotti. o Deduplica automatica dei dati importati con

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software

Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software Ciclo e Processo di Sviluppo: approcci tradizionali, evolutivi, agili, free open source software 1 Ingegneria del software L istituzione e l impiego di principi ingegneristici fondati, allo scopo di ottenere

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli