AZIONARIO: SETTORI Abbiamo accentuato il nostro orientamento ciclico sovrappesando industria e informatica.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONARIO: SETTORI Abbiamo accentuato il nostro orientamento ciclico sovrappesando industria e informatica."

Transcript

1 ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il sovrappeso del mercato azionario alla luce di una ripresa economica sempre più solida in tutti i Paesi avanzati, con effetti positivi per gli utili delle aziende. AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Giappone ed Europa restano le nostre aree preferite, in quanto beneficiano degli stimoli monetari e dell accelerazione congiunturale. AZIONARIO: SETTORI Abbiamo accentuato il nostro orientamento ciclico sovrappesando industria e informatica. REDDITO FISSO Ora che molti titoli di Stato presentano tassi negativi, il profilo di rischio-rendimento del debito high yield è migliorato; manteniamo pertanto una posizione di sovrappeso. SOTTOPESO USA NEUTRALE Liquidità Obbligazioni Petrolio USD Azioni Oro Giappone Paesi Europa Paesi Pacifico Paesi emergenti Mid & Small Cap Value Energia Materiali Industria Beni voluttuari Beni di prima necessità Sanità Finanza Informatica Telecomunicazioni Utilities Obbligazioni governative EUR Obbligazioni Corp. Invest. Grade EUR Obbligazioni Corp. High Yield EUR Debito Emerg. Hard Curr. (USD) Debito Emerg. Local Currency EM Corporate SOVRAPPESO + VARIAZIONE MENSILE Variazione massima Mercato azionario sostenuto da migliori prospettive economiche Pictet Asset Management Strategy Unit Aggiornamento mensile per gli investitori in euro: prospettive a tre mesi Aprile 2015

2 Aggiornamento mensile Pictet Asset Management Strategy Unit Pubblicato il 30 marzo 2015 Il mercato globale Calo dei corsi azionari dopo il rally In marzo i listini azionari hanno subito una flessione, dopo il rally favorito dagli stimoli monetari di diverse banche centrali. Hanno perso terreno soprattutto energia, materiali e America Latina. Le piazze obbligazionarie, pur chiudendo il mese in territorio negativo, sono andate meglio di quelle azionarie. In ambito azionario si è distinto il Giappone, il cui indice di riferimento si è avvicinato al massimo degli ultimi 15 anni grazie alle crescenti attese di costante ripresa della terza economia mondiale e di graduale aumento dei rendimenti azionari. Anche le borse europee, trainate da quella tedesca, hanno battuto l indice globale in un clima di generale ottimismo: gli investitori sperano infatti che il piano di acquisto di asset della BCE rilancerà la crescita e che il recente calo dell euro sosterrà gli utili aziendali. Le piazze azionarie emergenti hanno invece registrato una brusca flessione, a cominciare da quelle latinoamericane. Sul mercato dei cambi, il dollaro si è rafforzato rispetto alle principali valute, raggiungendo il livello più alto in 12 anni in termini ponderati per l interscambio. Il rialzo del 21%, sempre in termini ponderati per l interscambio, registrato negli ultimi nove mesi rappresenta il maggior guadagno mai conseguito dal dollaro. Nelle scorse settimane, IL DOLLARO COMINCIA A PERDERE SLANCIO Tasso di cambio EUR/USD 2014 però, la moneta americana ha rallentato il passo (si veda grafico), in quanto la Fed ha tagliato le previsioni di inflazione e crescita dell economia USA e adottato una linea meno aggressiva circa i tempi del previsto aumento dei tassi di interesse, inducendo molti investitori a credere in un rinvio del ciclo di inasprimento. Sul fronte obbligazionario, il cambiamento delle valutazioni della Fed ha sostenuto i Treasury, che hanno offerto la performance mensile migliore nell ambito del debito governativo. Dopo la riunione del FOMC di marzo, il rendimento del Treasury biennale ha evidenziato il calo giornaliero più marcato da maggio Il continuo vigore del dollaro ha pesato sui mercati obbligazionari emergenti. Il Brasile ha subito le perdite più consistenti, registrando una flessione del real e dei bond in valuta locale di oltre il 10% per effetto della fuga di capitali provocata dai timori di recessione, dalla riduzione del rating e dal caso di corruzione che ha coinvolto la compagnia petrolifera statale Petrobras. I prezzi del greggio Brent sono scesi del 10% circa nel quadro del preoccupante aumento delle scorte a livello mondiale Fonte: Thomson Reuters Datastream Asset allocation Preferenza per i titoli azionari; ancora neutrali su bond e USD Confermiamo il sovrappeso del mercato azionario in quanto gli stimoli monetari forniti da diverse banche centrali a livello mondiale dovrebbero sostenere le asset class più rischiose e stimolare la crescita economica, sia nei Paesi avanzati che in quelli emergenti. È incoraggiante anche l andamento degli utili aziendali. Come mostra il grafico di seguito, la proporzione di società che alzano le stime degli utili è in notevole aumento rispetto a quella delle società che le tagliano. Manteniamo un posizionamento neutrale sulle obbligazioni, prevedendo rendimenti abbastanza stabili in assenza di pressioni inflazionistiche; anche il dollaro resta su un livello neutrale alla luce del rallentamento delle ultime settimane. I nostri indicatori del ciclo economico sono tuttora positivi a livello globale, come sottolinea il rialzo degli indicatori anticipatori dell attività mondiale ben al di sopra della media di lungo periodo. A trainare la ripresa potrebbero essere Europa e Giappone. Gli ultimi dati USA appaiono invece complessivamente deludenti. L economia americana evidenzia infatti una continua decelerazione sia nel settore manifatturiero che in quello della distribuzione al dettaglio. Il calo degli indici manifatturieri per il quarto mese consecutivo e l ulteriore contrazione degli investimenti tecnici indicano debolezza dell attività industriale. In seguito alla flessione dei prezzi del petrolio, le famiglie americane hanno visto ridursi i costi energetici, ma hanno preferito risparmiare anziché spendere di più in beni di consumo. Una dinamica che ha pesato sulle vendite al dettaglio. Allo stesso tempo, il vigore del dollaro ha frenato, sia pur lievemente, le esportazioni: secondo i nostri calcoli, un aumento del 10% del valore del dollaro ponderato per l intercambio riduce l export nazionale del 6% circa. A nostro parere, però, l attuale debolezza dell economia USA è un fenomeno di breve durata. Nella seconda 2 BAROMETER APRIL 2015

3 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream / JPM and BoA Merrill Lynch PRINCIPALI ASSET CLASS PERFORMANCE: ASSET CLASS OBBLIGAZIONI: SPREAD ASSET CLASS MSCI Global Equities equities JPM Global Bonds bonds Indice GSCI Index GSCI USD In percentage punti percentuali points 5 Mercati EM Hard emergenti Currency vs in US valuta Treasuries forte vs Treasury USA Obbligazioni Euro Investment investment Grade vs grade Bunds in euro vs. Bund Obbligazioni Euro High Yield high vs yield Bunds in euro vs. Bund ROTAZIONE DEI SETTORI AZIONARI E PERFORMANCE VALUTARIA ROTAZIONE DEI SETTORI AZIONARI GLOBALI: PERFORMANCE TITOLI CICLICI E DIFENSIVI PERFORMANCE: VALUTE VS USD USA UEM EMU MERCATI EM EMERGENTI GIAPPONE JP EUR GBP CHF JPY BAROMETER APRIL

4 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream INDICATORI PROPENSIONE AL RISCHIO VARIAZIONE MENSILE Variazione massima AVVERSIONE AL RISCHIO ASSETTO NEUTRALE PROPENSIONE AL RISCHIO + Ciclo economico Liquidità Valutazione Sentiment Strategia PAM CICLO ECONOMICO: CONTINUA ESPANSIONE DELL ECONOMIA MONDIALE INDICE DELL ATTIVITÀ MONDIALE E CRESCITA DEL PIL REALE % 2 15 Indice Leading tendenza index (Q/Q (Q/Q annualised) an.) Indice Leading tendenza index (Y/Y) (Y/Y) Crescita World GDP PIL growth mondiale (Y/Y) CRESCITA SEQUENZIALE DELL ATTIVITÀ MONDIALE (M/M) %m/m 0.7 World Indicatore leading tendenza indicator mondiale 0.6 Average Media (dal (since 1999) 99) ULTERIORE ACCELERAZIONE ECONOMICA NEI G10; RITARDO DEI MERCATI EMERGENTI INDICATORE DI TENDENZA G10: CRESCITA M/M %m/m 0.7 G10 Indicatore leading indicator tendenza G Average Media (dal (since 1999) 99) INDICATORE DI TENDENZA MERCATI EMERGENTI: CRESCITA M/M %m/m 0.8 EM Indicatore leading di indicator tendenza mercati emergenti Average Media (dal (since 1999) 99) BAROMETER APRILE 2015

5 Fonte: Pictet Asset Management, Thomson Reuters Datastream VALUTAZIONE: MERCATI E SETTORI AZIONARI PAESI E SETTORI REGIONI MSCI CRESCITA EPS CRESCITA FATTURATO P/E P/BV P/FATTURATO DY M 2015E 2015E 2015E USA 1% 13% -1% 6% 17,6 17,0 2,6 1,8 2,1% Europa 3% 13% -1% 5% 17,3 16,7 1,9 1,3 3,2% UEM 15% 14% 2% 5% 16,8 16,2 1,7 1,1 3,0% Svizzera -5% 9% 0% 4% 18,4 18,0 2,6 2,4 3,1% Regno Unito -9% 14% -7% 7% 16,1 15,6 1,8 1,2 3,9% Giappone 15% 9% 3% 3% 17,7 15,4 1,5 0,8 1,8% Mercati Emergenti 9% 12% 2% 8% 12,3 11,9 1,5 0,8 2,8% Asia ex Giappone 11% 10% 3% 8% 12,5 12,2 1,5 0,7 2,7% Globale 3% 13% 0% 6% 16,9 16,4 2,1 1,4 2,4% SETTORI GLOBALI MSCI CRESCITA EPS CRESCITA FATTURATO P/E P/BV P/FATTURATO DY M 2015E 2015E 2015E Energia -45% 37% -21% 13% 21,4 19,6 1,3 0,8 3,5% Materiali 1% 17% -1% 5% 16,7 16,0 1,8 1,0 2,7% Industria 12% 10% 3% 4% 16,9 16,5 2,3 1,0 2,2% Beni voluttuari 16% 14% 6% 6% 18,0 17,4 2,9 1,2 1,8% Beni di prima necessità 2% 10% 4% 5% 21,2 20,6 3,9 1,3 2,6% Sanità 7% 13% 6% 6% 20,3 19,6 3,9 2,3 1,7% Finanza 11% 11% 5% 6% 13,3 13,0 1,3 1,8 3,0% Informatica 9% 11% 7% 5% 16,8 16,1 3,2 2,2 1,6% Telecomunicazioni 8% 9% 3% 3% 16,8 16,6 2,3 1,4 3,9% Utility 7% -1% 0% 2% 15,2 15,2 1,5 1,0 3,7% LIQUIDITÀ: LA FED PONE FINE AL QE MA GLI STIMOLI MONETARI CONTINUANO NEL RESTO DEL MONDO INDICATORE DEL SENTIMENT ORA NEUTRALE DIMENSIONI DEI BILANCI DELLE BANCHE CENTRALI INDICE DEL CICLO DEL SENTIMENT PICTET Indexed Fed ECB BoE BoJ SNB Indice Pictet Sentiment del sentiment Index Pictet (LHS) (sx.) S&P 500 COMPOSITE - PRICE INDEX (RHS) (RHS) +/- 1 STD SEGNALE DI ACQUISTO SEGNALE DI VENDITA BAROMETER APRILE

6 metà dell anno è probabile un rimbalzo del 3% (annualizzato), decisamente al di sopra del trend di lungo termine. Nel terzo trimestre, inoltre, è prevedibile una ripresa della crescita salariale al 2,5%, che consentirebbe alla Fed di cominciare ad alzare i tassi di interesse verso fine anno. L economia dell eurozona continua a mostrare segni di miglioramento. Gli indicatori anticipatori hanno subito un ulteriore accelerazione grazie alla spesa retail, soprattutto in Germania. La fiducia dei consumatori dell area euro si attesta al punto più alto da settembre 2007 e la crescita del credito, in particolare alle famiglie, si conferma robusta. Il programma della BCE, che prevede l acquisto mensile di 60 miliardi di euro di asset, dovrebbe, a nostro parere, dare ulteriore impulso ai prestiti. Inoltre, il recente calo dell euro dovrebbe favorire le esportazioni, incrementando gli utili aziendali. Il Giappone, dopo la recessione dell anno scorso, è protagonista di una costante ripresa. Gli indicatori di tendenza sono saliti per il secondo mese consecutivo, mentre la produzione industriale ha evidenziato una ripresa grazie alla debolezza dello yen, che contribuisce a rilanciare le esportazioni. Dato il continuo calo dell inflazione, la BoJ potrebbe ampliare il programma di stimoli monetari per far salire i prezzi e difendere così la propria credibilità. In Cina l attività economica rallenta, frenata da industria, costruzioni e settore immobiliare. Nei prossimi mesi è probabile un accelerazione grazie alla solidità dell export (le esportazioni nominali hanno registrato un aumento del 20% semestrale su base annualizzata) e alla resilienza della domanda interna, che dovrebbe essere ulteriormente sostenuta dagli stimoli monetari della banca centrale. Un altro segnale positivo è la decisione del governo di allentare la pressione sulle amministrazioni locali indebitate con un programma di swap obbligazionario. PREVISIONI DI UTILI AZIENDALI: PIÙ REVISIONI AL RIALZO Percentuale netta di società che alzano le stime di utile* Le economie dei mercati emergenti continuano a evidenziare una divergenza fra chi, come l India, consuma energia e beneficia quindi di un calo dei costi, e chi invece esporta materie prime. Particolarmente vulnerabile è il Brasile, dove inasprimento fiscale e tassi di interesse più elevati gravano sull economia interna. In futuro, la ripresa della domanda estera dovrebbe favorire la crescita delle esportazioni dai Paesi emergenti, soprattutto alla luce della forte sottovalutazione delle monete di tali aree, che secondo il nostro modello si attestano al di sotto del fair value di lungo termine del 26% circa. Le condizioni di liquidità sono favorevoli a livello globale. I nostri indicatori europei hanno raggiunto il massimo storico grazie al programma di allentamento della BCE. Il contesto di liquidità è migliorato anche negli USA in seguito alla ripresa della crescita del credito, ma potrebbe peggiorare nel corso dell anno, quando la Fed alzerà i tassi di *Calcolo: numero di società che alzano le stime numero di società che tagliano le stime / totale delle società x Fonte: Thomson Reuters Datastream, Pictet Asset Management, componenti MSCI AC World (EPS a 12 mesi) interesse. Segnali incoraggianti arrivano dai mercati emergenti, dove varie banche centrali hanno tagliato il costo del denaro. Il quadro è positivo soprattutto in Asia. Gli indicatori del sentiment sono passati a un livello neutrale su scala globale, in quanto gli investitori hanno assunto un posizionamento meno ottimista sul mercato azionario statunitense. In Europa, però, dopo un generale rialzo delle borse della regione e un marcato aumento dei flussi di investimento, gli indicatori del sentiment sono scesi al di sotto dello zero. Le valutazioni sono meno favorevoli all investimento sul mercato azionario. I principali indici di borsa sono prossimi ai massimi storici, con multipli degli utili al di sopra dei picchi del A livello globale, i titoli azionari scambiano a un P/E prospettico a 12 mesi di 16,4. L asset class si conferma comunque allettante rispetto alle obbligazioni, dato un premio di rischio implicito 1 molto al di sopra della media di lungo termine in tutte le piazze più importanti. 1 Il premio di rischio implicito di un titolo azionario misura l extrarendimento che l investitore può ricevere per essersi assunto un rischio più elevato rispetto a quello di un obbligazione. Il nostro modello ERP integra le stime di utile aziendali e la crescita tendenziale del PIL. 6 BAROMETER APRILE 2015

7 Allocazione azionaria regionale e settoriale Europa e Giappone restano i nostri mercati preferiti; sovrappesiamo il settore industriale La nostra allocazione regionale resta invariata, con il sovrappeso dei mercati azionari di Europa e Giappone. I listini europei, pur avendo superato quelli statunitensi nei mesi scorsi, possono ancora salire nel breve periodo. Il miglioramento congiunturale in atto nell unione monetaria rappresenta un ulteriore vantaggio. Le vendite al dettaglio in Germania, depurate dell inflazione, sono aumentate del 5% su base annua, il livello più alto in 20 anni. Il recente accordo salariale relativo al settore metalmeccanico dovrebbe portare a un forte incremento del potere di acquisto dei consumatori. Il calo dell euro, inoltre, rende più competitive le aziende sudeuropee, in particolare le aziende di export spagnole e italiane, e il credito alle società non finanziarie è aumentato. LA RIPRESA CONGIUNTURALE FAVORISCE LE BORSE EUROPEE RISPETTO AL MERCATO AMERICANO L indice di sorpresa economica dell eurozona che misura la differenza per eccesso o per difetto fra i dati e le attese si attesta sul livello più incoraggiante degli ultimi due anni. E prima degli effetti del quantitative easing della BCE. La maggiore solidità del contesto congiunturale comincia a riflettersi negli utili aziendali: le revisioni delle previsioni di profitto migliorano rapidamente in tutta Europa. Dal rapporto fra revisioni al rialzo e al ribasso risulta che la percentuale netta di società che alzano le stime è passata al -7%, contro il -18% dell anno scorso. La situazione europea appare più favorevole rispetto a quella degli Stati Uniti, dove il dollaro forte comincia a intaccare la redditività degli esportatori e le valutazioni azionarie risultano onerose Indice di sorpresa economica - eurozona vs USA Sconto azionario eurozona vs USA in base a vari parametri. Il P/E dell indice S&P 500, depurato degli effetti ciclici, si attesta appena al di sotto di 28, vale a dire allo stesso livello del 1999, prima che scoppiasse la bolla tecnologica. Tutto considerato, lo sconto offerto dal mercato azionario europeo rispetto a quello statunitense attualmente intorno al 10% in base al P/E (si veda grafico) dovrebbe ridursi ulteriormente. Anche il listino giapponese, a nostro parere, conserva la sua attrattiva. Le riforme economiche, una politica monetaria ancora accomodante e la debolezza dello yen continueranno probabilmente a sostenere gli utili aziendali. In tutto il Paese vediamo inoltre concreti progressi in materia di corporate governance che dovrebbero tradursi in politiche più favorevoli agli azionisti come l aumento dei dividendi, il riacquisto di azioni proprie e le acquisizioni finalizzate alla crescita. Il nostro posizionamento stilistico e settoriale è cambiato alla luce di migliori prospettive di crescita dell economia mondiale. Oltre a sovrappesare i segmenti small e mid cap, assumiamo una posizione lunga nel comparto industriale, un modo economico di puntare su una probabile ripresa congiunturale. Rafforziamo l orientamento ciclico sovrappesando la tecnologia, un area caratterizzata da fondamentali solidi e quotazioni ragionevoli. Sottopesiamo invece i beni di prima necessità, essenzialmente per motivi di valutazione. Riduciamo l energia a un peso neutrale in previsione di una certa stabilità dei prezzi del petrolio. Dopo il calo degli utili per azione, i titoli energetici non appaiono più convenienti. In base alla nostra analisi, il settore più sottovalutato è quello dei materiali, ma preferiamo mantenere un posizionamento neutrale finché la ripresa dell economia cinese non sarà evidente. Fonte: Thomson Reuters Datastream BAROMETER APRILE

8 Pictet Asset Management Limited Succursale Italiana Via della Moscova Milano Reddito fisso L attrattiva del debito high yield in un mondo di rendimenti negativi In seguito al programma di quantitative easing della BCE, sul mercato fixed income europeo sono sempre più diffuse le emissioni con tassi negativi e i titoli di Stato vedono peggiorare il loro profilo di rischio-rendimento. A marzo, a un certo momento, circa miliardi di dollari di titoli dell indice obbligazionario globale di JP Morgan e quasi un bond su quattro dell indice Euro Credit della società offrivano rendimenti negativi. Il rally dei titoli di Stato dell eurozona ha inoltre portato lo spread fra Bund e Treasury a 10 anni al livello più ampio dalla nascita dell euro, vale a dire circa 160 punti base (si veda grafico). In tale contesto, ribadiamo un giudizio positivo sul debito high yield. In vista di un ulteriore miglioramento dell economia dell eurozona nei prossimi mesi e di un solo aumento dei tassi sui Fed funds nel corso dell anno, il segmento sub-investment grade offre un extrarendimento interessante. Gli spread dell asset class compensano ampiamente il rischio di default, che dovrebbe diminuire in un contesto di ripresa economica e di condizioni del credito ancora positive. Anche il quadro tecnico è positivo. Se gli emittenti high yield continuano ad attingere al mercato obbligazionario, gli investitori reinvestono cedole e proventi dei rimborsi nell asset class. Quanto al debito corporate dei mercati emergenti, confermiamo un posizionamento neutrale. Per quanto il dollaro forte e l aumento dei tassi USA possano rendere più difficile il servizio del debito, non prevediamo un escalation dei casi di insolvenza o un generale peggioramento del merito di credito dell asset class. La debolezza delle valute locali non implica necessariamente una maggiore instabilità finanziaria degli emittenti. Diverse aziende, anzi, beneficiano del rialzo del dollaro. Le società asiatiche, che rappresentano un ampia fetta del mercato obbligazionario dei Paesi emergenti, sembrano particolarmente avvantaggiate in quanto i loro utili sono denominati per lo più in USD. Inoltre, le imprese attive nel settore minerario, nella produzione di zucchero e carne bovini e nell industria della carta e della cellulosa generano i propri ricavi in dollari a fronte di una base di costi prevalentemente in valuta locale. Per tutte queste aziende, un dollaro più forte significa margini di profitto più alti. Detto AMPLIAMENTO DELLO SPREAD FRA TREASURY E BUND SULL ONDA DEL QE DELLA BCE Differenziale di rendimento, punti base, Treasury vs Bund a 10 anni Fonte: Bloomberg ciò, non intendiamo ampliare l esposizione all asset class né al debito emergente in valuta locale finché non saremo più convinti della ripresa delle economie di queste aree. Nell ambito dei titoli di Stato, la nostra preferenza va sempre alle emissioni italiane e spagnole a lunga scadenza. Il differenziale di rendimento fra tali bond e quelli di riferimento tedeschi nel segmento a lunghissima scadenza è a nostro parere eccessivo, dato che uno degli obiettivi del QE è il contenimento dei costi di finanziamento nell Europa meridionale. Olivier Ginguené, Chairman Pictet Asset Management Strategy Unit Luca Paolini, Chief strategist Pictet Asset Management PICTET STRATEGY UNIT Pictet Asset Management Strategy Unit (PSU) è il gruppo di investimento responsabile delle linee guida di asset allocation in ambito azionario e obbligazionario, nonché in materia di valute e commodity. Ogni mese, la PSU definisce una politica generale in base all analisi dei seguenti fattori: ciclo economico: indicatori di tendenza proprietari, inflazione liquidità: politica monetaria, variabili creditizie/ monetarie valutazioni: premio di rischio azionario, divario di rendimento, multipli e dati storici aspettative: indice del sentiment Pictet (indagini fra gli investitori, indicatori tattici) Il presente materiale è destinato esclusivamente agli investitori professionali. Esso non è comunque concepito per la distribuzione a persone o entità aventi cittadinanza o residenza in una località, Stato, paese o altra giurisdizione in cui tale distribuzione, pubblicazione o utilizzo sono in contrasto con norme di legge o regolamentari. Le informazioni utilizzate per la preparazione del presente documento sono basate su fonti ritenute attendibili, ma non si rilascia alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro accuratezza o completezza. Tutte le opinioni, stime e previsioni sono suscettibili di modifica in qualsiasi momento senza preavviso. Si invitano gli investitori a leggere il prospetto informativo o il memorandum d offerta prima di effettuare sottoscrizioni nei fondi gestiti da Pictet. Il trattamento fiscale dipende dalla situazione individuale di ciascun investitore e può essere soggetto a cambiamenti in futuro. Le performance del passato non sono indicative dei rendimenti futuri. Il valore degli investimenti e il reddito che ne deriva possono tanto aumentare quanto diminuire, e non sono garantiti. Potete non ottenere in restituzione l importo originariamente investito. Il presente documento è stato emesso in Svizzera da Pictet Asset Management SA, e nel resto del mondo da Pictet Asset Management Limited, società autorizzata e soggetta alla regolamentazione della Financial Conduct Authority, e non può essere riprodotto o distribuito, in tutto o in parte, senza la loro preventiva autorizzazione. Per gli investitori britannici, le SICAV multicomparto Pictet e Pictet Total Return domiciliate in Lussemburgo sono considerate «recognized collective investment schemes» ai sensi della section 264 del Financial Services and Markets Act I fondi svizzeri di Pictet, autorizzati per la distribuzione unicamente in Svizzera ai sensi della Legge federale sugli investimenti collettivi di capitale, sono considerati «unregulated collective investment schemes» nel Regno Unito. Il Gruppo Pictet gestisce hedge funds, fondi di hedge funds e fondi di fondi di private equity non autorizzati per la distribuzione al pubblico nell ambito dell Unione Europea e considerati «unregulated collective investment schemes» nel Regno Unito. Per gli investitori australiani, Pictet Asset Management Limited (ARBN ) è esonerata dall obbligo di possedere una licenza per i servizi finanziari australiani ai sensi del Corporate Act Per gli investitori statunitensi, la vendita di azioni negli Stati Uniti o a US Persons avverrà unicamente tramite collocamento privato ad «accredited investors» in base all esenzione dalla registrazione presso la SEC ai sensi della section 4(2) e della Regulation D Private placement exemptions della legge del 1933 nonché ai clienti qualificati secondo la definizione della legge del Le azioni dei fondi Pictet non sono state registrate ai sensi della legge del 1933 e pertanto, ad eccezione delle transazioni non in contrasto con la legislazione statunitense in materia di titoli, esse non possono essere offerte o vendute direttamente o indirettamente negli Stati Uniti o a US Persons. Le società di gestione di fondi d investimento del Gruppo Pictet non saranno registrate ai sensi della legge del Copyright 2015 Pictet - Emesso a Aprile BAROMETER APRILE 2015

Mercati azionari più promettenti. Marzo 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Mercati azionari più promettenti. Marzo 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo una posizione di sovrappeso sul mercato azionario alla luce dell accelerazione congiunturale e degli ingenti stimoli monetari; aumentiamo la ponderazione dei titoli obbligazionari

Dettagli

Pronti per la prossima mossa della Fed. Dicembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Pronti per la prossima mossa della Fed. Dicembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il posizionamento neutrale sull azionario in vista del primo rialzo dei tassi di interesse statunitensi e riduciamo l esposizione obbligazionaria a un sottopeso in ragione

Dettagli

Prudenza nella fase di ripresa del mercato. Novembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Prudenza nella fase di ripresa del mercato. Novembre 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Nonostante il rimbalzo dei mercati dopo il difficile periodo estivo, per ora abbiamo evitato di aumentare il rischio, in attesa di segnali di migliori prospettive per gli utili aziendali.

Dettagli

Rally azionario sostenuto dalle banche centrali. Maggio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

Rally azionario sostenuto dalle banche centrali. Maggio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo la posizione di sovrappeso sull azionario, contando sul proseguimento della ripresa economica alimentata dagli stimoli monetari. AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO

Dettagli

Fed e Cina pesano sul futuro delle borse. Pictet Asset Management Strategy Unit

Fed e Cina pesano sul futuro delle borse. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Riduciamo l esposizione azionaria a livello neutrale e aumentiamo il peso della liquidità poiché i nostri indicatori suggeriscono possibili pressioni sugli asset rischiosi. AZIONARIO:

Dettagli

L intervento della BCE aumenta l appeal dei titoli azionari. Febbraio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit

L intervento della BCE aumenta l appeal dei titoli azionari. Febbraio 2015. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo un giudizio positivo sul mercato azionario dato il continuo miglioramento delle condizioni economiche; i titoli obbligazionari restano sottopesati per motivi di valutazione.

Dettagli

AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Prediligiamo ancora le azioni giapponesi e dei mercati emergenti, che presentano valutazioni allettanti.

AZIONARIO: REGIONI E STILI DI INVESTIMENTO Prediligiamo ancora le azioni giapponesi e dei mercati emergenti, che presentano valutazioni allettanti. ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo un posizionamento neutrale nelle asset class rischiose; confermiamo il sottopeso dei bond, poiché il calo dei rendimenti obbligazionari appare insostenibile. AZIONARIO: REGIONI

Dettagli

Le azioni eclisseranno le obbligazioni a fine anno. Dicembre 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit

Le azioni eclisseranno le obbligazioni a fine anno. Dicembre 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Manteniamo un giudizio positivo sulle azioni per via dell accelerazione congiunturale e delle prospettive di un ulteriore sostegno monetario da parte delle banche centrali; abbiamo

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza.

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza. ASSET CLASS GLOBALI Dopo il crollo subito in agosto e settembre, le valutazioni ci sembrano allettanti, ma aspettiamo un segnale di acquisto più forte sul mercato azionario. AZIONARIO: REGIONI E STILI

Dettagli

Il moltiplicarsi dei rischi impone una maggiore cautela. Pictet Asset Management Strategy Unit

Il moltiplicarsi dei rischi impone una maggiore cautela. Pictet Asset Management Strategy Unit SOTTOPESARE NEUTRALE SOVRAPPESARE + CAMBIAMENTO MENSILE Massimo cambiamento ASSET CLASS GLOBALI Ridimensioniamo l esposizione azionaria, passando al sottopeso, e aumentiamo la liquidità. Ci attendiamo

Dettagli

Il sentiment volge a favore dei mercati emergenti. Aprile 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit

Il sentiment volge a favore dei mercati emergenti. Aprile 2014. Pictet Asset Management Strategy Unit ASSET CLASS GLOBALI Confermiamo il posizionamento neutrale sulle asset class rischiose; nonostante le previsioni di una ripresa economica, la crescita non è ancora così forte da far decollare gli utili

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza.

AZIONARIO: SETTORI Confermiamo un modesto orientamento ciclico con una preferenza per i settori più convenienti come tecnologia e finanza. ASSET CLASS GLOBALI Nel breve termine manteniamo un allocazione neutrale ad azioni e obbligazioni, in attesa della conferma di un graduale rialzo dei tassi di interesse USA e di una ripresa degli utili.

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007

Piano Economico Finanziario 2008. Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Piano Economico Finanziario 2008 e previsioni anni 2009 e 2010 Consiglio Generale: seduta del 26 Ottobre 2007 Indice Scenario & Previsioni PIANO ANNUALE 2008 1Fonti di finanziamento 2Impieghi 3Ricavi 4Costi

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Prospettive 2015 - Divergenze

Prospettive 2015 - Divergenze NOVEMBRE 2014 Prospettive 2015 - Divergenze Jean-Sylvain Perrig, CIO Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

06/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Giugno 2014 2011

06/14. Anthilia Capital Partners SGR. Analisi di scenario Maggio Giugno 2014 2011 06/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Giugno 2014 2011 Giugno 2014 Analisi di scenario Mercati 19/06/2014 2 Analisi di scenario Giudizi sintetici Azionario US Europa Giappone Emergenti

Dettagli

Scenario economico e politiche

Scenario economico e politiche Scenario economico e politiche Fedele De Novellis Bergamo, 14 giugno 2013 www.refricerche.it Schema generale Rallentamento economia globale nel 2012 (crisi della periferia europea) Reazione politiche monetarie

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net 10 otto, 2010 Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Il mercato azionario ha avuto un impennata a metà settimana per poi consolidarsi durante gli ultimi giorni dal momento

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities

Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Pictet - MAGO Multi Asset Global Opportunities Marco Piersimoni Roma 30 Settembre 2014 Indice 1. Problema di investimento del risparmiatore italiano 2. Una possibile soluzione: Pictet Multi Asset Global

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

UBS Dynamic. Portfolio Solution

UBS Dynamic. Portfolio Solution Dynamic 30 giugno 2013 UBS Dynamic Linee di Gestione di UBS (Italia) S.p.A. Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced Linea Equity Linea Global Credit Linea Income Linea Yield Linea Balanced

Dettagli

Europa: Ripresa o deflazione?

Europa: Ripresa o deflazione? Europa: Ripresa o deflazione? 1 Cosa è successo quest anno? Ripresa in rallentamento 2 Cosa è successo quest anno? Inflazione verso lo zero 3 Cosa è successo quest anno? Tensioni geopolitiche 4 Impatto

Dettagli

Schroders Private Banking

Schroders Private Banking Schroders Private Banking Weekly newsletter Schroders Italy SIM S.p.A. Via della Spiga, 30-20121 Milano Tel: 0276377.1 Fax: 0276377300 www.schroders.it 1 Il Mercato Europeo Andamento dei principali indici

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC. Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 ASSET DYNAMIC Fondo Comune di Investimento Aperto destinato alla Generalità del Pubblico ASSET SG S.p.A. A SOCIO UNICO Via Tre Settembre, 210 47891 Dogana R.S.M.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI

ETICA AZIONARIO SISTEMA VALORI RESPONSABILI Società di Gestione del Risparmio appartenente al Gruppo Banca Popolare Etica Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Petrolio, progressivo rialzo... Brent dal 2010 Fonte: Bloomberg 2 Tassi, in aumento l interbancario... Euribor 3 mesi e tasso Bce a confronto Fonte: Bloomberg

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 5 - Maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Regolamento dei Fondi Interni

Regolamento dei Fondi Interni Regolamento dei Fondi Interni Art.1 Istituzione dei Fondi Interni Intesa Sanpaolo Vita S.p.A., di seguito denominata Compagnia, ha istituito e gestisce, al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio

Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Emerging Market Corporate Debt: rischio o opportunità? Lugano fund forum, 26 novembre Relatore: Andrea Praderio Via Calprino 18, 6900 Paradiso www.compass-am.com Novembre 2013 - Pagina 1 Indice 1. Fondamentali

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID)

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI (KIID) : Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo fondo. Non si tratta di un documento

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS

REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI OPPORTUNITA' REDDITO E OPPORTUNITA' REDDITO PLUS 1. ISTITUZIONE E DENOMINAZIONE DEI FONDI INTERNI Eurovita Assicurazioni S.p.A. ha istituito, secondo le modalità previste

Dettagli

2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI

2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI Centro Studi 2008, UN ANNO DIFFICILE: LE PREVISIONI E I RISCHI Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria 10 INDICATORE ANTICIPATORE OCSE (Variazioni % su sei mesi annualizzate) 8 6 4 2 0-2 -4-6

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

Morning Call 18 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70

Morning Call 18 DICEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70 Morning Call 18 DICEMBRE 2015 Sotto i riflettori Curva a scadenza dei Treasury: oggi e al 30 settembre 2015 I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: Ifo tedesco in calo a dicembre a 108,70 Mercati

Dettagli

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund

Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Fidelity Funds - Fidelity Global Global Strategic Bond Fund Stabilizza i tuoi investimenti Tutti i vantaggi dell'obbligazionario flessibile globale Prima della sottoscrizione leggere attentamente il documento

Dettagli

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Data Pubblicazione 04/06/2015 Sito Web www.impresamia.com MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Commento mensile di Giugno 2015 a firma di Alessandro

Dettagli

2014 meglio del 2013?

2014 meglio del 2013? S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica 2014 meglio del 2013? Roberto Cesarini Intesa Sanpaolo Private Banking 20 marzo 2014 - Milano Contesto 1/2 Quadro economico in lento

Dettagli

AZIONARIO: SETTORI Manteniamo un orientamento ciclico in ragione dell accelerazione della crescita globale e di valutazioni interessanti.

AZIONARIO: SETTORI Manteniamo un orientamento ciclico in ragione dell accelerazione della crescita globale e di valutazioni interessanti. ASSET CLASS GLOBALI Aumentiamo il peso della componente azionaria a un livello neutrale, riduciamo il sovrappeso della liquidità e confermiamo il sottopeso delle obbligazioni. AZIONARIO: REGIONI E STILI

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION

Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION Zurich Investments Life S.p.A. Fondo pensione aperto ZURICH CONTRIBUTION INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE (Dati aggiornati al 31.12.2009) Alla gestione delle risorse provvede la Zurich Investments

Dettagli

Allianz Flexible Bond Strategy

Allianz Flexible Bond Strategy Allianz Flexible Bond Strategy In un mondo che cambia rapidamente è importante essere flessibili Ottobre 2012 Documento con finalità promozionali destinato al cliente al dettaglio e al potenziale cliente

Dettagli

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale No. 4 - Giugno 2013 Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Nelle ultime settimane si sono verificati importanti

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice FtseMib: andamento I temi del giorno Macro: Pmi dei servizi (Area euro) in miglioramento, Ism non manifatturiero (Usa) in calo sotto i 60 punti Bce:

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014

FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 FIDELITY FUNDS Supplemento del novembre 2014 al Prospetto del giugno 2014 Il presente supplemento è parte integrante del Prospetto di Fidelity Funds del giugno 2014 e comprendente il supplemento dell agosto

Dettagli