Principi di economia Politica economica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principi di economia Politica economica"

Transcript

1 Principi di economia Politica economica 6. Risparmio, investimento e sistema finanziario Giuseppe Vittucci Marzetti 1 Corso di laurea in Sociologia Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano-Bicocca A.A Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Via Bicocca degli Arcimboldi 8, 20126, Milano, Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 1/59

2 Layout Mercati finanziari e istituzioni finanziarie 1 Mercati finanziari e istituzioni finanziarie Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari 2 Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili 3 Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 2/59

3 Sistema finanziario Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Sistema finanziario: insieme delle istituzioni finalizzate al coordinamento di prestatori e prestatari; finanziamento diretto attraverso i mercati finanziari: mercato obbligazionario; mercato azionario. finanziamento indiretto attraverso gli intermediari finanziari: intermediari finanziari bancari; intermediari finanziari non bancari. Esempi: compagnie di assicurazione, Società di Intermediazione Mobiliare (SIM), società di leasing. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 3/59

4 Obbligazioni Mercati finanziari e istituzioni finanziarie Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Obbligazione (bond o fixed-income security): titolo di credito, emesso da società o enti pubblici, che attribuisce al suo possessore (obbligazionista o investitore, investor) il diritto a: rimborso in unica soluzione da parte dell emittente (issuer) alla scadenza (maturity date) del valore nominale del titolo (face value); interessi su tale somma (cedola, o coupon), liquidati periodicamente (trimestralmente, semestralmente o annualmente). Emissione obbligazionaria finalizzata a reperire liquidità da parte dell emittente; Esempio: obbligazione con valore nominale 1000e, cedola 8% semestrale e durata 10 anni paga 40e due volte l anno (1000e 0.08 = 80e) per 10 anni; dopo 10 anni rimborso del valore nominale di 1000e. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 4/59

5 Caratteristiche delle obbligazioni Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Valore nominale (nominal, principal, par o face value): valore che l emittente si impegna a rimborsare alla scadenza (maturity date); Prezzo di emissione (issue price): prezzo pagato dall investitore per l acquisto del titolo all emissione; Prezzo di mercato (market price): prezzo per l acquisto del titolo sul mercato; Durata (tenor o maturity); Cedola (coupon): tasso di interesse corrisposto all obbligazionista obbligazioni a tasso fisso (straight, plain vanilla o fixed-rate bonds), calcolato in percentuale del valore nominale; obbligazioni a tasso variabile (floaters); obbligazioni a cedola nulla (zero-coupon); Frequenza dei pagamenti: trimestrale; semestrale; annuale. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 5/59

6 Caratteristiche delle obbligazioni Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Emittente: obbligazioni statali, o titoli pubblici (government bond): obbligazioni societarie (corporate bond); Rischio emittente, valutato in genere sulla base del rating dato dalle agenzie di rating ( big three : Standard & Poor s, Moody s, Fitch) junk bond (o high-yield bond): bond sotto l investment grade; Opzionalità (optionality): obbligazioni callable: rimborsabili prima della scadenza da parte dell emittente; obbligazioni puttable: da rimborsare prima della scadenza in caso di richiesta da parte dell obbligazionista; obbligazioni convertibili (convertible bond): convertibili in azioni. Priorità: obbligazioni senior; obbligazioni junior (o subordinate): con rimborso, in caso di fallimento, successivo ai creditori privilegiati o chirografari. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 6/59

7 Obbligazioni statali Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Obbligazioni statali, o titoli pubblici, o titoli di stato: in Italia, emesse dal Ministero dell Economia e delle Finanze: Buoni Ordinari del Tesoro (BOT): obbligazione a cedola nulla a breve termine (3, 6 o 12 mesi); Certificati del Tesoro Zero Coupon (CTZ): obbligazione a cedola nulla a 24 mesi; Certificati di Credito del Tesoro (CCT): obbligazioni a tasso variabile (legate al tasso Euribor a 6 mesi) a 7 anni; Buoni del Tesoro Poliennali (BTP): obbligazioni a tasso fisso con cedole semestrali a 3, 5, 10, 15 o 30 anni. negli Stati Uniti: Treasury bills (T-Bills): obbligazioni a cedola nulla di durata uguale o inferiore all anno; Treasury notes (T-Notes): obbligazioni a tasso fisso con cedole semestrali di durata da uno a 10 anni; Treasury bonds (T-Bonds): obbligazioni a tasso fisso con cedole semestrali di durata maggiore di 10 anni. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 7/59

8 Yield-To-Maturity Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Rendimento a scadenza (Yield-To-Maturity): tasso di rendimento interno (internal rate of return) delle obbligazioni (tasso che rende nullo il valore scontato dei flussi). P: prezzo di acquisto dell obbligazione; M: valore nominale; C t : pagamenti per interessi al tempo t. T C t P (1+YTM) t + M (1+YTM) T = 0 t=1 Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 8/59

9 Prezzo delle obbligazioni Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Prezzo di mercato dell obbligazione (prezzo tel quel, dirty price) dato dalla somma dei flussi finanziari attualizzati (al tasso d interesse i): P = T t=1 C t (1+i) t + M (1+i) T Nota: tolti i ratei maturati ma non ancora riscossi si ottiene il corso secco (clean price). Nelle obbligazioni a tasso fisso (con tasso cedolare r = C/M) si ha: P = T t=1 C (1+i) t + M (1+i) T = 1 (1+i) T i = 1 (1+i) T i r M + M (1+i) T = (( 1 M C + (1+i) T ) 1 r (1+i) T + i ) 1 (1+i) T M Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 9/59

10 Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Prezzo e valore nominale delle obbligazioni Prezzo dell obbligazione: superiore al valore nominale (sopra la pari): obbligazione a premio, o sopra la pari (premium bond) tasso cedolare maggiore del tasso d interesse di mercato (r > i); uguale al valore nominale: obbligazione alla pari (par bond) tasso cedolare uguale al tasso d interesse di mercato (r = i); inferiore al valore nominale: obbligazione a sconto, o sotto la pari (discount bond) tasso cedolare minore del tasso d interesse di mercato (r < i). Titoli zero-coupon sono obbligazioni a sconto puro, sotto la pari: P = M (1+i) T Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 10/59

11 Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Prezzo delle obbligazioni e tasso d interesse Relazione negativa tra tasso d interesse sul mercato (i) e prezzo delle obbligazioni (già emesse) (P): i P Prezzo Rendimento Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 11/59

12 Curva dei rendimenti Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Curva dei rendimenti (yield curve), o struttura a termine dei tassi di interesse (term structure of interest rates): relazione che lega i rendimenti dei titoli alle rispettive maturità (scadenze). Curva dei rendimenti normale: rendimenti crescenti al crescere della maturità. Con aspettative di tassi d inflazione e crescita economica costanti, gli investitori richiedono rendimenti più alti per compensare un posticipo nel rimborso del capitale; Curva dei rendimenti invertita: rendimenti decrescenti al crescere della maturità del titolo. Inclinazione negativa della curva dei rendimenti rara e dovuta alle aspettative degli investitori circa l andamento dei tassi di interesse a breve: gli investitori pensano che i tassi a breve diminuiranno, a seguito, ad esempio, di politiche monetarie espansive volte a fronteggiare una recessione. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 12/59

13 Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Obbligazioni garantite e altri strumenti finanziari Obbligazioni garantite (secured bond): obbligazioni dotate di specifiche garanzie, fornite dall emittente, per il pagamento delle cedole e il rimborso del capitale; Cartolarizzazione (securitization): operazione finalizzata alla creazione di titoli negoziabili (securities) i titoli derivano i flussi di cassa che remunerano i sottoscrittori da un portafoglio di attività illiquide: prestiti ipotecari (Mortgage-Backed Securities, MBS); crediti commerciali,... (in generale Asset-Backed Securities, ABS). a garanzia degli investitori, tale portafoglio assume soggettività autonoma attraverso il conferimento a un ente autonomo (Special Purpose Vehicle, SPV). Se lo SPV emette diverse tranche di titoli caratterizzati da diversi gradi di rischio e priorità nei rimborsi (senior tranche, junior tranche, equity tranche), si hanno, con portafoglio costituito da: mutui ipotecari: Collateralized Mortgage Obligation (CMO); junk bond: Collateralized Bond Obligation (CBO); più in generale, obbligazioni, strumenti di debito e altri titoli: Collateralized Debt Obligation (CDO); Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 13/59

14 CDO come asset tossici Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Asset tossici (toxic asset): termine utilizzato per indicare particolari asset finanziari il cui valore è diminuito drasticamente e per cui non c è più un mercato funzionante; Con la crisi dei mercati subprime nel 2007 aumento delle insolvenze (delinquencies) nei prestiti concessi a persone considerate non del tutto solvibili diminuzione considerevole del valore di CDO e CMO; Scoppio della bolla immobiliare e diminuzione del valore delle garanzie ipotecarie a tutela dei rimborsi; Aumento dei mancati rimborsi anche per le senior tranche, con rating di tripla A. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 14/59

15 Azioni Mercati finanziari e istituzioni finanziarie Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Azionista (shareholder) di una società è il possessore di almeno un azione della società; Azione (stock, equity o shares): titolo rappresentativo di una quota della proprietà di una società Azioni ordinarie (common stock), che assegnano: diritti patrimoniali: rimborso del capitale in caso di scioglimento della società, una volta che i creditori siano stati soddisfatti; diritto al dividendo laddove venga decisa la distribuzione degli utili; diritto di opzione in caso di aumento del capitale; diritto di voto nelle assemblee societarie (ordinarie e straordinarie). Azioni privilegiate (preferred stock): azioni che assicurano precedenza nella ripartizione degli utili e nel rimborso del capitale rispetto agli azionisti ordinari, ma con limitazioni al diritto di voto (precluso nelle assemblee ordinarie). Le azioni rispetto alle obbligazioni hanno un rischio più elevato, cui fa seguito un rendimento in media più elevato. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 15/59

16 Prezzo delle azioni Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Prezzo di mercato delle azioni determinato sui mercati dall interazione tra domanda e offerta; Valore dell azione (P 0 ) riflette il flusso scontato dei dividendi futuri attesi: + D t P 0 = (1+r) t t=1 dove D t è il dividendo atteso al tempo t e r il tasso di rendimento richiesto. In caso di vendita dell azione al tempo T si ha: P 0 = T t=1 D t (1+r) t + P T (1+r) T dove P T è il prezzo atteso dell azione al tempo T. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 16/59

17 Valore delle azioni Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Assumendo tasso di crescita costante dei dividendi: D t = (1+g)D t 1 = (1+g) t D 0 Se g < r, il valore di un azione in 0 sarà dato da: P 0 = Rendimento: r = + t=1 = (1+g)D 0 1+r (1+g) t D 0 (1+r) t = (1+g)D 0 1+r g 1+r + t=0 = (1+g)D 0 r g ( ) t 1+g 1+r = D 1 r g D 1 + g P }{{} 0 }{{} Rendimento da capital gain Rendimento del dividendo Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 17/59

18 Prezzo delle azioni Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Prezzo delle azioni determinato da aspettative circa: utili (earnings) futuri: maggiori gli utili futuri attesi, maggiori i dividendi futuri attesi, maggiore il valore dell azione; tasso di interesse di mercato: maggiore il tasso di interesse sul mercato, maggiore il fattore di sconto, e quindi minore il valore dell azione; cambiamenti di prezzo futuri dell azione: guadagni/perdite in conto capitale (capital gains/losses). Capitalizzazione (capitalization): valore di mercato del capitale di rischio di una società (numero delle azioni per il prezzo di mercato di ciascuna azione). Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 18/59

19 Listini azionari Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Prezzi delle azioni consultabili online: Yahoo Finance; Google Finance; MilanoFinanza; Borsa Italiana;... Indicazioni: Nome della società (company name); Codice (ticker symbol): codice identificativo dell azione (es. in Google Finance BIT:ENI codice delle azioni ENI quotate sulla Borsa di Milano); Dividendo per azione (Dividend per share, Div.); Rendimento del dividendo (dividend yield, Yield): dividendo annuale per azione in percentuale del prezzo medio dell azione; Rapporto prezzo-utili (Price/Earnings ratio, P/E): rapporto tra il prezzo dell azione e gli utili per azione come risultano dagli ultimi quattro trimestri (valore normale : 15); Volume: numero di azioni scambiate; Range: prezzo minimo e massimo intraday; Open: prezzo di apertura; Close: prezzo di chiusura;... Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 19/59

20 Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Quotazione ENI 1 Aprile Aprile 2013 Fonte: Google Finance. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 20/59

21 Borse valori Mercati finanziari e istituzioni finanziarie Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Molte azioni e obbligazioni scambiate nelle Borse valori (Stock exchange), mercati secondari (secondary market) regolamentati; Esempi di borse valori: New York Stock Exchange (NYSE): indice azionario più importante: Dow Jones; Nasdaq: mercato virtuale Over-The-Counter (OTC); importante nel settore high-tech. London Stock Exchange: indice azionario più importante: FTSE 100 (pronuncia futsi ); Borsa di Tokyo: indice azionario Nikkei; Borsa di Francoforte: indice più importante: DAX 30; Borsa Italiana: indice azionario più importante: FTSE MIB, comprende le maggiori 40 società per capitalizzazione; nel 2007 si è fusa con la London Stock Exchange. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 21/59

22 Gli animali della Borsa Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Bulls make money, bears make money, but pigs just get slaughtered! Mercato toro (bull market): mercato in salita; Mercato orso (bear market): mercato in discesa; Parco buoi: massa di piccoli e medi risparmiatori, che si muovono spesso a traino di coloro che conducono il gioco ; Chickens: investitori eccessivamente timorosi; Pigs: investitori con atteggiamento altamente speculativo che si accollano rischi alti in cerca del colpaccio. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 22/59

23 Intermediari finanziari Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Intermediari finanziari: istituzioni attraverso cui i risparmiatori forniscono indirettamente fondi a chi ne fa richiesta; Tra gli intermediari finanziari vi sono in particolare: Banche; Fondi comuni di investimento. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 23/59

24 Banche Mercati finanziari e istituzioni finanziarie Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Banche: istituzioni finanziarie risultato di due processi evolutivi dalla custodia dei fondi all attività creditizia (funzione creditizia): raccolta fondi con operazioni di credito passivo (depositi) ed erogazione fondi con operazioni di credito attivo (impieghi) intermediazione creditizia; miglioramento della qualità del credito: le banche vantano crediti di qualità normale, ma sono prestatari di qualità alta per diversificazione delle attività; trasformazione della scadenza: la banche prendono a prestito con depositi a vista o a breve termine e prestano a lungo termine. consenso graduale nel far accettare i propri debiti come mezzi di pagamento (funzione monetaria): depositi bancari in conto corrente (checkable deposits) fungono da moneta su base fiduciaria Emissione di moneta; Creazione di moneta nel sistemi bancari a riserva frazionaria. Proventi attività bancaria (margine di intermediazione) risultato di: margine di interesse: differenza fra interessi attivi e passivi; commissioni e provvigioni per servizi finanziari: attività di consulenza e valutazione del rischio; assistenza alle imprese in operazioni di finanziamento sul mercato; operazioni su valori mobiliari e derivati (swaps, options, futures); ecc. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 24/59

25 Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Margine di intermediazione di Intesa Sanpaolo Figura: Margine di intermediazione da bilancio riclassificato di Intesa Sanpaolo Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 25/59

26 Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Fondi comuni di investimento e altri investitori istituzionali Investitori istituzionali: strumenti di gestione collettiva del risparmio: Fondi comuni; Società di Investimento a Capitale Variabile (SICAV). Fondi pensione; Società di assicurazione. Fondi comuni di investimento (mutual funds): patrimoni autonomi, suddivisi in quote dei singoli partecipanti, gestiti da Società di Gestione del Risparmio (SGR) per conto dei partecipanti al fondo e a loro rischio. Fondi suddivisi, a seconda del: tipo in Fondi chiusi (closed-end fund): quote predeterminate; Fondi aperti (open-end fund): patrimonio (Net Asset Value, NAV) variabile in funzione di nuove sottoscrizioni e rimborsi. SGR deve accettare sempre le sottoscrizioni o le richieste di rimborso. dell oggetto in: i) mobiliari; ii) immobiliari; iii) speculativi (hedge funds). Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 26/59

27 Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Attività finanziarie delle famiglie in Europa Fonte: Eurostat, Attività finanziarie Biglietti e depositi Biglietti Depositi Titoli (escluse azioni) Prestiti Azioni e partecipazioni Azioni quotate Azioni non quotate Altre partecipazioni Quote di fondi comuni Riserva per premi assicurativi Altre attività Tabella: Attività delle famiglie nello stato patrimoniale consolidato nell EU27 (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 27/59

28 Obbligazioni e mercato obbligazionario Azioni e mercato azionario Borse valori Intermediari finanziari Attività finanziarie delle famiglie in Italia Fonte: Eurostat, Figura: Composizione delle attività finanziarie delle famiglie in Italia nel 2011 (somma delle attività finanziarie pari al 226.3% del PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 28/59

29 Risparmio Mercati finanziari e istituzioni finanziarie Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Risparmio: reddito disponibile al netto dei consumi; Tasso di risparmio: rapporto tra risparmio e reddito; Risparmio nazionale somma di: Risparmio privato nazionale: reddito disponibile meno spese per consumi finali dei residenti; Risparmio pubblico (o del settore pubblico): entrate (tutte le imposte) meno uscite (compresi i trasferimenti e i pagamenti per interessi), a tutti i livelli della pubblica amministrazione. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 29/59

30 Determinanti del risparmio privato Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Nelle economie di mercato, risparmio privato derivante da decisioni individuali basate su un confronto di utilità tra: desiderio di anticipare il consumo (sostituzione intertemporale); desiderio di provvedere ai bisogni futuri, personali, familiari e degli eredi (risparmio a scopo di eredità), bisogni certi (sostituzione intertemporale); bisogni incerti (risparmio precauzionale). Decisione determinata da: valore del patrimonio individuale; aspettative circa i redditi futuri in ogni periodo; grado di impazienza; spirito di previdenza; autocontrollo; premura per i propri discendenti. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 30/59

31 Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Ciclo di vita e consumption smoothing Decisioni di risparmio collegate all allocazione intertemporale del consumo; In base alla teoria del reddito permanente (permanent income theory) di Friedman (1956) e del ciclo di vita (life-cycle theory) di Modigliani e Brumberg (1954), la compresenza di: agenti forward-looking (che formano aspettative circa il futuro e agiscono in accordo con tali aspettative); il desiderio di avere un path tendenzialmente stabile di consumo nel tempo (consumption smoothing); il path dei redditi attesi: bassi in gioventù; più alti nella maturità; più bassi nella vecchiaia; determinano tassi di risparmio: negativi in gioventù, con ricorso al debito; positivi nella maturità: con restituzione dei debiti e formazione di un patrimonio; negativi nella vecchiaia, in cui si dilapida in tutto o in parte il patrimonio accumulato. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 31/59

32 Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Analisi della relazione tra risparmio e tasso d interesse Un agente vive due periodi e non ha patrimonio; L utilità complessiva è funzione del consumo nei due periodi: con C t consumo nel periodo t; U = u(c 1,C 2 ) I consumi nei due periodi sono sostituti imperfetti; Vincolo di bilancio intertemporale: (1+r)(Y 1 C 1 ) = C 2 Y 2 C 2 = (1+r)Y 1 +Y 2 (1+r)C 1 dove: Y t: reddito reale guadagnato nel periodo t; r: tasso d interesse reale. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 32/59

33 Pattern di consumo di equilibrio Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili C 2 (1+r)Y 1 +Y 2 C 2 C 1 Y 1 + Y2 1+r C 1 Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 33/59

34 Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Effetto di un aumento del tasso d interesse Aumento di r fa ruotare il vincolo di bilancio; Aumento del tasso d interesse (r > r) provoca un aumento del prezzo del consumo presente in termini di consumo futuro ((1+r ) > (1+r)), con conseguente effetto sostituzione: il consumo presente, diventato relativamente più caro, viene sostituito con quello futuro; Se C 1 diminuisce, il risparmio (S = Y 1 C 1 ) aumenta. Nota: vi può essere anche un effetto reddito: effetto reddito aumenta il consumo presente e futuro; se effetto sostituzione prevalente, il risparmio comunque aumenta. r S Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 34/59

35 Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Effetto di un aumento del tasso d interesse C 2 C 2 C 2 C 1 C 1 C 1 Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 35/59

36 Tasso di risparmio delle famiglie Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Fonte: OECD, Figura: Risparmio delle famiglie in percentuale del reddito disponibile Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 36/59

37 Investimenti Mercati finanziari e istituzioni finanziarie Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Investimenti reali: domanda di beni di investimento, come immobili, impianti e macchinari, ecc.; Dato il tasso di interesse reale r, Valore Attuale Netto (VAN) di un progetto di investimento pari alla somma dei flussi reali scontati generati dall investimento: VAN = T t=0 V e t (1+i) t con Vt e ricavo (+) o costo ( ) in termini reali atteso al tempo t; Saggio di rendimento interno (Internal Rate of Return, IRR) reale di un progetto di investimento, o efficienza marginale del capitale (marginal efficiency of capital): tasso d interesse reale che rende nullo il VAN T Vt e (1+IRR) t = 0 t=0 Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 37/59

38 Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Relazione tra investimenti e tasso d interesse Conveniente intraprendere solo gli investimenti con tasso di rendimento interno maggiore del tasso di interesse di mercato; Dati i progetti di investimento, un aumento del tasso di interesse reale riduce il numero di progetti profittevoli, e quindi il livello di investimenti programmati: r I Dato il tasso di interesse, un miglioramento delle aspettative degli imprenditori aumenta il livello di investimenti programmati. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 38/59

39 Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Identità risparmi-investimenti nella contabilità nazionale Assumendo economia chiusa e senza settore pubblico: Y C +I Y C I S I Y: PIL reddito totale spesa totale; C: consumi di beni e servizi finali; I: investimenti lordi (inclusi investimenti in scorte); S: risparmio. Nella contabilità nazionale l uguaglianza risparmi-investimenti è un identità contabile (sempre vera per definizione), poiché gli investimenti lordi includono gli investimenti in scorte non programmati; Possibili in teoria differenze tra risparmio e investimenti reali programmati? Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 39/59

40 Mercato dei fondi mutuabili Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Mercato dei fondi mutuabili: luogo d incontro tra domanda di fondi mutuabili: richiesta di prestiti per investimenti programmati; offerta di fondi mutuabili: offerta di prestiti derivanti da risparmi (eccedenza del reddito sui consumi). Sul mercato del credito si determina il tasso d interesse reale; Determinando contemporaneamente il livello di: investimenti, e quindi ammontare del reddito destinato ad usi produttivi che aumentano il reddito futuro; risparmio, e quindi livello dei consumi aggregati nel periodo corrente; i mercati del credito collegano presente e futuro: tasso di crescita del prodotto interno (attraverso variazioni del tasso di accumulazione del capitale fisico); allocazione intertemporale del consumo. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 40/59

41 Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Equilibrio sul mercato dei fondi mutuabili r S r I S = I Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 41/59

42 Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Equilibrio sul mercato dei fondi mutuabili Domanda di fondi prestabili (investimenti): tendenzialmente più elastica dell offerta di fondi prestabili; dipendente anche dalle aspettative degli imprenditori: un miglioramento delle aspettative sposta la curva di domanda verso destra. Offerta di fondi prestabili (risparmi): dipendente anche dalla distribuzione del reddito: poiché il tasso di risparmio tende ad aumentare all aumentare del reddito, un aumento della diseguaglianza distributiva sposta verso destra la curva di offerta; non necessariamente sempre con inclinazione positiva. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 42/59

43 Risparmio Investimenti Identità risparmi-investimenti Mercato dei fondi mutuabili Equilibri e disequilibri sul mercato dei fondi mutuabili Con offerta abbondante e molto rigida, e imprenditori molto pessimisti, tasso d interesse reale di equilibrio possibilmente negativo: affinché r < 0, tasso d inflazione atteso (π e ) positivo e maggiore del tasso di interesse nominale (i 0); Assumendo: risparmio e investimenti funzione del tasso d interesse reale; tasso d interesse reale libero di muoversi; sempre assicurata comunque l uguaglianza tra risparmi e investimenti programmati nell aggregato; Possibili squilibri settoriali, ma non recessioni; La macroeconomia keynesiana mette in dubbio l esistenza di un meccanismo di mercato che assicura sempre l uguaglianza tra risparmi e investimenti: in un economia monetaria non tutto il risparmio monetario viene investito: preferenza per la liquidità e possibilità di tesaurizzazione; livello di risparmio dipendente dal reddito e non dal tasso di interesse; prezzi di beni e fattori rigidi (sticky prices). Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 43/59

44 Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Identità I-S in un economia aperta con settore pubblico Reddito Nazionale Disponibile Lordo (RNDL) somma di: consumi (C); investimenti (I); spesa pubblica (G); saldo delle partite correnti (CAB). RNDL C +I +G +CAB Investimenti somma di risparmio: privato (delle famiglie e delle imprese); pubblico; resto del mondo. I RNDL C G CAB I (RNDL+F T C)+(T F G) CAB I S privato +S pubblico +S estero F: trasferimenti netti dal settore pubblico alle famiglie (compresi interessi pagati sul debito pubblico); T: imposte. Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 44/59

45 Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Investimenti e risparmio nazionale negli Stati Uniti Fonte: Eurostat, Figura: Risparmio nazionale, investimenti e saldo delle partite correnti (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 45/59

46 Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Investimenti e risparmio nazionale in Giappone Fonte: Eurostat, Figura: Risparmio nazionale, investimenti e saldo delle partite correnti (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 46/59

47 Investimenti e risparmio nazionale in Italia Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Fonte: Eurostat, Figura: Risparmio nazionale, investimenti e saldo delle partite correnti (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 47/59

48 Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Investimenti e risparmio nazionale in Germania Fonte: Eurostat, Figura: Risparmio nazionale, investimenti e saldo delle partite correnti (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 48/59

49 Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Investimenti e risparmio nazionale nel Regno Unito Fonte: Eurostat, Figura: Risparmio nazionale, investimenti e saldo delle partite correnti (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 49/59

50 Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Entrate e uscite del settore pubblico negli Stati Uniti Fonte: IMF World Economic Outlook, Figura: Entrate, uscite e deficit del settore pubblico (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 50/59

51 Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Entrate e uscite del settore pubblico in Giappone Fonte: IMF World Economic Outlook, Figura: Entrate, uscite e deficit del settore pubblico (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 51/59

52 Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Entrate e uscite del settore pubblico in Italia Fonte: Eurostat, Figura: Entrate, uscite e deficit del settore pubblico (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 52/59

53 Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Entrate e uscite del settore pubblico in Germania Fonte: Eurostat, Figura: Entrate, uscite e deficit del settore pubblico (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 53/59

54 Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Entrate e uscite del settore pubblico nel Regno Unito Fonte: Eurostat, Figura: Entrate, uscite e deficit del settore pubblico (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 54/59

55 Andamento dei tre saldi negli Stati Uniti Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Fonte: Eurostat, 2011 e IMF World Economic Outlook, Figura: Eccedenza del risparmio privato sugli investimenti, risparmio pubblico e saldo delle partite correnti (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 55/59

56 Andamento dei tre saldi in Giappone Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Fonte: Eurostat, 2011 e IMF World Economic Outlook, Figura: Eccedenza del risparmio privato sugli investimenti, risparmio pubblico e saldo delle partite correnti (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 56/59

57 Andamento dei tre saldi in Italia Formazione del capitale in economia aperta con settore pubblico Risparmio e investimenti nazionali Risparmio pubblico Andamento dei tre saldi Fonte: Eurostat, Figura: Eccedenza del risparmio privato sugli investimenti, risparmio pubblico e saldo delle partite correnti (% PIL) Giuseppe Vittucci Marzetti Principi di economia Politica economica 57/59

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi. kpmg.com/it

Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi. kpmg.com/it Finanza per la crescita: corporate bond e strumenti alternativi kpmg.com/it Indice 1 Lo scenario di riferimento 4 2 Le opportunità del Decreto Sviluppo 2012 6 Obiettivi e finalità generali Strumenti di

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria

La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria CAPIRE LA FINANZA La cartolarizzazione e l esplosione della crisi finanziaria Indice I. Il sistema di cartolarizzazione dei crediti I.1. Chi ha inventato il sistema di cartolarizzazione? II. La genesi

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

5.70% p.a. Barrier Reverse Convertible su ABB Osservazione continua della barriera

5.70% p.a. Barrier Reverse Convertible su ABB Osservazione continua della barriera Termsheet indicativo del' 23.04.2015 Offerta al pubblico: CH Prodotti per l incremento dei rendimenti Tipo di prodotto secondo ASPS: 1230 Imposta preventiva 5.70% p.a. Barrier Reverse Convertible su ABB

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA RELATIVA AL PRESENTE PROSPETTO DI BASE

NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA RELATIVA AL PRESENTE PROSPETTO DI BASE NOTA DI SINTESI DEL PROGRAMMA RELATIVA AL PRESENTE PROSPETTO DI BASE Le note di sintesi sono composte dagli elementi informativi richiesti dalla normativa applicabile noti come "Elementi". Detti Elementi

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli