Bando di concorso per l assegnazione di contributi per le attività studentesche per l'anno 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bando di concorso per l assegnazione di contributi per le attività studentesche per l'anno 2015"

Transcript

1 Bando di concorso per l assegnazione di contributi per le attività studentesche per l'anno 2015 Articolo 1 Attività finanziabili Sono ammesse a contributo le seguenti attività rientranti in sette tipologie: 1. conferenze, seminari, mostre 2. pubblicazioni, riviste e giornali studenteschi 3. rassegne cinematografiche a tema 4. attività teatrali 5. attività musicali dal vivo 6. prodotti video cinematografici 7. attività sportive. Articolo 2 Destinatari dei contributi Possono presentare domanda di assegnazione dei contributi per le attività studentesche: associazioni non riconosciute (di cui all articolo 36 e seguenti del Codice civile) senza scopo di lucro, registrate e munite di codice fiscale, i cui legali rappresentanti e almeno il 70% dei soci siano studenti iscritti all Università di Pisa; gruppi formati esclusivamente da cinque studenti iscritti all Università di Pisa di cui uno svolge il ruolo di Referente. Non è consentito agli studenti di far parte contemporaneamente di organi decisionali (presidente, delegato, tesoriere, ecc.) di più associazioni o gruppi, richiedenti la concessione di contributi. I componenti del Consiglio degli Studenti non possono assumere incarichi in organi decisionali di associazioni, che siano beneficiari di contributi da parte dell Università di Pisa, ad eccezione dell associazione Servizi attività studentesche Unipi. Il referente di ciascun gruppo assegnatario di contributo, entra di diritto a far parte, in qualità di socio, dell associazione Servizi attività studentesche Unipi per la durata dell esercizio finanziario di riferimento. Uno studente non può essere componente di più di un gruppo. Sul sito dell Università di Pisa sono pubblicate, le linee guida per l attivazione e la gestione delle associazioni studentesche. Ogni associazione può presentare domanda per una o più iniziative, per un massimo di cinque per ogni tipologia di attività. Ogni gruppo, può presentare domanda per una sola attività. Tutte le iniziative promosse dalle associazioni, o dai gruppi dovranno avere comunque l adesione di almeno 20 studenti universitari ad eccezione dei concerti di musica dal vivo per i quali tale soglia minima è di 60. Non è consentito al componente di un gruppo aderire a più di una attività. Per quanto riguarda le attività proposte dai gruppi, le prime 5 adesioni devono obbligatoriamente essere dei cinque fondatori del gruppo stesso.

2 Sono stabilite due scadenze distinte: Articolo 3 Modalità e termini di presentazione delle domande 1) Inserimento attività dal 20 ottobre 2014 fino alle ore 23,59 del 17 novembre Il presidente dell associazione o referente di ciascun gruppo dovrà compilare on-line la domanda per l assegnazione dei contributi, collegandosi all indirizzo: ed utilizzando le credenziali personali necessarie per l accesso al portale Alice. Per ciascuna attività per la quale si chiedono i finanziamenti dovrà essere inserito il programma dettagliato e l entità del finanziamento che si vuole richiedere. Le varie voci di spesa previste dovranno essere adeguatamente motivate prevedendo tutte le spese, compresi i rimborsi e gli oneri di ospitalità a favore di terze persone. Dovrà essere prevista anche la spesa per affitto di locali e strutture esterne all Ateneo. Contestualmente all inserimento delle iniziative, le associazioni dovranno caricare sul portale tramite upload il libro dei soci dell associazione aggiornato, in modo che possa essere controllata dall ufficio, la correttezza della composizione ai sensi di quanto previsto dall art. 3 comma 1 del regolamento in materia. Non sarà consentito l inserimento di attività senza aver caricato prima il libro dei soci. 2) Adesioni alle iniziative dal 19 novembre fino alle ore 23,59 del 31 gennaio Tutti gli studenti dell Università di Pisa (iscritti a corsi di laurea, dottorato o specializzazione) potranno aderire ad una sola iniziativa collegandosi all indirizzo: utilizzando le credenziali personali necessarie per l accesso al portale Alice. La validità delle proposte presentate dalle associazioni è subordinata, oltre al rispetto delle condizioni suddette, all avvenuta registrazione presso l Agenzia delle entrate, che deve essere effettuata entro la data di scadenza del termine d inserimento delle iniziative sul portale da parte del Presidente dell associazione (punto 1). I Presidenti delle associazioni che faranno richiesta per la prima volta di contributi all Università di Pisa, dovranno caricare sul portale, oltre al libro dei soci, anche l atto costitutivo, lo statuto, il certificato di attribuzione del codice fiscale e il modello F23 attestante l avvenuto pagamento della quota d iscrizione all Agenzia delle Entrate. Tutta la documentazione da caricare sul portale, tramite upload, deve essere riunita in un unico file pdf. Il predetto comma non vale per i gruppi che non sono tenuti a tali adempimenti. Per quanto riguarda le modalità per la registrazione delle associazioni e comitati si fa riferimento alla sezione del sito Documenti per la costituzione di associazioni o comitati Articolo 4 Rapporti tra Università, associazioni e gruppi I rapporti tra l'università di Pisa e le associazioni (compresa l associazione Servizi attività studentesche Unipi ) sono definiti nell apposito contratto di servizio dove sono specificate le modalità di utilizzazione degli spazi universitari, le eventuali forme di agevolazione relative a beni e servizi (come le spese di apertura, gestione e chiusura di un conto corrente) messi a gratuitamente a disposizione delle associazioni e dei comitati.

3 L Università mette a disposizione delle associazioni la consulenza del proprio ufficio fiscale per gli adempimenti contabili e dichiarativi relativi alle attività esercitate dalle associazioni. L attività dei gruppi è gestita direttamente dall associazione: Servizi attività studentesche Unipi. Articolo 5 Utilizzo del finanziamento Per ciascuna delle sottoelencate tipologie di attività, almeno il 70% del finanziamento deve essere utilizzato per le relative voci di spesa sotto indicate: Conferenze, seminari e mostre: spese legate all'ospitalità del relatore e all allestimento della mostra stessa Pubblicazioni, riviste e giornali studenteschi: spese di stampa Rassegne cinematografiche a tema (cineforum): spese per l'affitto di pellicole Prodotti video cinematografici: noleggio attrezzature Attività teatrali e musicali dal vivo: compenso artisti Attività sportive: spese di affitto di palestre, campi sportivi o attrezzature per lo svolgimento delle attività stesse I fondi assegnati NON potranno essere utilizzati per: Retribuire o rimborsare i soggetti proponenti le attività. Effettuare feste o attività ludiche ad eccezione dei concerti di musica dal vivo e delle attività sportive. Acquistare cibi e bevande da distribuire ai partecipanti all'evento, ad esclusione di quanto già previsto nel regolamento in relazione agli oneri relativi all'ospitalità di coloro che abbiano prestato la loro opera all'interno dell'attività finanziata. Acquistare servizi fotografici. Acquistare gadget e premi da distribuire ai partecipanti all evento. Acquistare strumenti o attrezzature di qualsiasi tipo. Le spese non documentabili possono ammontare fino ad un massimo di 75,00 ad iniziativa, ma comunque devono essere elencate dal presidente che deve altresì attestarne l'inerenza all'attività svolta. Qualora, per la particolare natura dell'attività, sia necessario l utilizzo di specifici spazi ed aree, il budget assegnato potrà essere utilizzato per spese di locazione di tali spazi limitatamente allo svolgimento delle singole iniziative. Nel caso in cui l'iniziativa si realizzi in locali che svolgono attività commerciale (quali quelli in cui vengono somministrati cibi e bevande) i contenuti dell'attività svolta devono essere tali da risultare prevalenti rispetto alla normale attività commerciale del luogo in cui si svolgono. Le eventuali necessità di utilizzo di materiali, strumenti, apparecchi e attrezzature, necessarie per lo svolgimento dell'iniziativa, possono essere effettuati per mezzo di noleggio di durata massima annuale. Gli eventi non dovranno prevedere biglietti d ingresso.

4 Articolo 6 Attribuzione dei contributi In relazione alle istanze pervenute e nei limiti della disponibilità finanziaria, il Consiglio degli Studenti, coadiuvato nella fase istruttoria, dal Prorettore per gli studenti e dal Dirigente della Direzione Didattica e servizi agli studenti, o da un suo Delegato, entro il 3 marzo 2015, delibererà previa determinazione dei criteri di distribuzione, in merito alla ripartizione dei fondi da utilizzarsi entro il 31 dicembre La determinazione dell'ammontare del contributo da assegnare a ciascun ente sarà effettuata, in base alla tipologia della iniziativa presentata, dalla apposita commissione del Consiglio degli Studenti. Ciascuna iniziativa non potrà ricevere finanziamenti superiori a da parte dell Università di Pisa, ma potrà avere un cofinanziamento da parte di soggetti terzi, compresi i dipartimenti universitari, purché non si configuri come attività curriculare, ma abbia carattere divulgativo. Ferma restando l obbligatorietà della realizzazione integrale del programma approvato e finanziato è consentito ad ogni associazione o comitato (esclusa l associazione Servizi attività studentesche Unipi ) che realizzasse economie sulle singole iniziative programmate, utilizzarle per integrare eventuali costi non previsti di altre iniziative della stessa associazione finanziate dal Consiglio degli Studenti. Non è consentito finanziare con i risparmi della singola iniziativa, ulteriori iniziative non presenti nel provvedimento di ripartizione dei fondi, anche se collegate all'iniziativa finanziata. In caso di mancato utilizzo delle economie nei modi previsti, le stesse vanno restituite. Entro un anno dal provvedimento di ripartizione dei fondi saranno rimborsate le spese di registrazione soltanto per quelle associazioni che si sono iscritte per la prima volta al fine di ottenere i contributi per l anno L eventuale spesa di cancellazione dell associazione non sarà invece rimborsata. Il piano di ripartizione dei finanziamenti sarà pubblicato sul sito dell Ateneo. Articolo 7 Erogazione dei contributi e rendicontazione delle attività svolte Sulla base della ripartizione effettuata dal Consiglio degli Studenti, l'ufficio competente provvederà all'erogazione dell'intero contributo assegnato alle attività finanziate entro trenta giorni dal provvedimento di ripartizione dei fondi. I fondi saranno attribuiti esclusivamente per mezzo di un versamento sul conto corrente intestato a ciascuna associazione. Qualora non venissero comunicate le coordinate bancarie entro settantacinque giorni dal provvedimento di ripartizione dei fondi, il contributo verrà revocato. Il presidente di ogni associazione o comitato dovrà rendicontare tutte le spese sostenute per la realizzazione di attività svolte nell anno 2015, entro il 31 gennaio 2016, avendo cura di darne completa e dettagliata documentazione (con particolare attenzione alle fatture intestate all associazione) nonché dimostrare, tramite una relazione illustrativa, la corrispondenza delle stesse all attività programmata e svolta. Articolo 8 Pubblicità delle iniziative approvate Le associazioni comitati che hanno ottenuto i contributi devono apporre, sul materiale di illustrazione e pubblicizzazione delle varie manifestazioni, la dizione "Con il patrocinio del

5 Consiglio degli Studenti dell'università di Pisa". Tale materiale dovrà essere inviato alla Direzione Generale, Ufficio stampa e comunicazione all indirizzo entro i 5 giorni precedenti lo svolgimento dell'attività stessa. Il predetto ufficio inserirà l attività nello spazio dedicato della pagina web riservata alle attività studentesche. Nei casi di: Articolo 9 Sanzioni mancato rispetto delle finalità istitutive delle associazioni e comitati inosservanza dei principi previsti dal codice etico della comunità universitaria mancata presentazione dei documenti giustificativi di spesa mancata restituzione degli importi non utilizzati in tutti i casi di violazione delle disposizioni di cui al regolamento in materia il Consiglio degli Studenti potrà escludere o penalizzare l associazione ed i suoi singoli associati nella fruizione dei contributi per gli anni successivi. Nel caso di mancato rispetto delle previsioni dell art. 7 del Regolamento per l assegnazione di contributi per le attività e i viaggi studenteschi verrà comminata una sanzione pari ad un terzo del finanziamento per l attività corrispondente. Nel caso di beni impropriamente acquistati, dovrà essere rimborsato all Ateneo il relativo importo o, solo in caso di attribuzione di nuovo finanziamento l anno successivo, dovrà essere decurtato dallo stesso. Nel caso di mancata pubblicizzazione dell evento sarà applicata una sanzione pari al 2% del contributo ricevuto. Le associazioni e i comitati che nell'anno 2014 non abbiano utilizzato almeno il 50% dei fondi assegnati o che abbiano fatto un uso dei fondi non conforme a quanto autorizzato, non possono usufruire di finanziamenti per iniziative dell anno Sono comunque fatti salvi i casi di mancata o parziale utilizzazione dei fondi per cause non imputabili all'associazione. L'Università di Pisa si riserva di intraprendere le azioni legali nelle suddette ipotesi di violazione delle disposizioni del Regolamento vigente. I presidenti di ciascuna associazione rispondono direttamente della correttezza e diligenza nella gestione dei fondi, pertanto in caso di mancato rispetto delle norme contenute nel bando e nel regolamento, potranno essere applicate nei loro confronti anche sanzioni di carattere disciplinare, amministrativo, civile e penale in base a quanto previsto dalle norme e le leggi vigenti. Il Consiglio degli Studenti provvederà tramite la calendarizzazione delle attività e resoconti periodici, resi dai responsabili, a controllare il corretto uso dei fondi destinati alle singole iniziative e a segnalare eventuali discrepanze fra l'utilizzo autorizzato e quello effettuato. Gli eventuali adempimenti da parte delle associazioni, derivanti dalle sanzioni comminate, dovranno essere effettuati entro 180 giorni dalla comunicazione delle stesse. Articolo 10 Disposizioni finali Il bando sarà pubblicato sul sito web dell Ateneo.

1 DISPONIBILITÀ FINANZIARIA

1 DISPONIBILITÀ FINANZIARIA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI ATTIVITÀ CULTURALI, SPORTIVE E RICREATIVE ORGANIZZATE DA RAGGRUPPAMENTI DI STUDENTI ISCRITTI ALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA -ANNO 2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI L'Università degli Studi del Molise, in conformità a quanto disposto

Dettagli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario ft.di.s.u. PfiRTHENOPE Prot. 00000327 del 18-04-201;:* PflRTENZft A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario Dell' Università degli Studi di Napoli "Parthenope BANDO DI CONCORSO PER L'EROGAZIONE

Dettagli

CONTRIBUTI FINANZIARI PER INIZIATIVE DI ASSOCIAZIONI/GRUPPI STUDENTESCHI BANDO - ANNO 2015

CONTRIBUTI FINANZIARI PER INIZIATIVE DI ASSOCIAZIONI/GRUPPI STUDENTESCHI BANDO - ANNO 2015 - Approvato con Determina Dirigenziale n. 140 del 14.04.2015 Il presente avviso è emanato in conformità al Regolamento per la concessione di contributi e agevolazioni economiche a favore di Gruppi studenteschi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali (ESERCIZIO FINANZIARIO 2012)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali (ESERCIZIO FINANZIARIO 2012) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE ANNO ACCADEMICO 2012-2013 (ESERCIZIO FINANZIARIO

Dettagli

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.)

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) ALLEGATO A INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE INIZIATIVE PER LA

Dettagli

Emanato con D.R. n. 170 del 26 marzo 2009

Emanato con D.R. n. 170 del 26 marzo 2009 Regolamento per l'utilizzazione dei fondi destinati alle iniziative e alle attività culturali e sociali degli studenti dell Università degli Studi della Basilicata Emanato con D.R. n. 170 del 26 marzo

Dettagli

Avviso PUBBLICO Promosso dall'associazione Università per la pace finalizzato alla presentazione di proposte progettuali per la

Avviso PUBBLICO Promosso dall'associazione Università per la pace finalizzato alla presentazione di proposte progettuali per la LEGGE REGIONALE n. 9 del 18/06/2002 e successive modificazioni: Attività regionali per la promozione dei diritti umani, della cultura della pace, della cooperazione allo sviluppo e della solidarietà Art.

Dettagli

Linee guida per la Gestione, la Rendicontazione e la Comunicazione delle attività sostenute dalla Compagnia di San Paolo

Linee guida per la Gestione, la Rendicontazione e la Comunicazione delle attività sostenute dalla Compagnia di San Paolo Linee guida per la Gestione, la Rendicontazione e la Comunicazione delle attività sostenute dalla Compagnia di San Paolo La Compagnia di San Paolo vuole condividere con gli enti destinatari dei propri

Dettagli

Decreto n. 70254 (540) Anno 2015

Decreto n. 70254 (540) Anno 2015 Decreto n. 70254 (540) Anno 2015 Bando di concorso per l attribuzione di fondi per Iniziative Studentesche Culturali e Sociali a favore degli studenti dell'università degli Studi di Firenze a.a. 2014/2015

Dettagli

Regolamento delle attività culturali e ricreative autogestite dagli studenti

Regolamento delle attività culturali e ricreative autogestite dagli studenti Regolamento 20 maggio 2008, n.13 Regolamento delle attività culturali e ricreative autogestite dagli studenti TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità 1. L'Università di Messina, nell'esercizio dei

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA AVVISO Criteri e modalità di presentazione delle istanze relative al sostegno di iniziative e manifestazioni culturali, artistiche, musicali, coreutiche, teatrali, ricreative,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE ANNO ACCADEMICO 2014-15 (Budget 2014) Art. 1 (Assegnazione

Dettagli

Manuale per la gestione del finanziamento di attività formative autogestite da parte degli studenti

Manuale per la gestione del finanziamento di attività formative autogestite da parte degli studenti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Manuale per la gestione del finanziamento di attività formative autogestite da parte degli studenti 1 Attività formative autogestite 1. L Università di Genova promuove

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI TORRI DEL BENACO PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Delibera di Consiglio Comunale n. 6

Dettagli

COMUNE DI ORBASSANO INDICE

COMUNE DI ORBASSANO INDICE COMUNE DI ORBASSANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E COMITATI OPERANTI NEL CAMPO CULTURALE, DELLA STORIA, DELLA SOLIDARIETA, TURISTICO, SPORTIVO, RICREATIVO E DEL TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI ALBIATE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 38 del 11/7/1991) CAPO

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

BANDO PER CONCORRERE AL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE AUTOGESTITE DAGLI STUDENTI DA SVOLGERSI NELL'ANNO 2015

BANDO PER CONCORRERE AL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE AUTOGESTITE DAGLI STUDENTI DA SVOLGERSI NELL'ANNO 2015 D.D.G. N. 41 / 2015 Prot. N. 5118 V/10 BANDO PER CONCORRERE AL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE AUTOGESTITE DAGLI STUDENTI DA SVOLGERSI NELL'ANNO 2015 Art. 1 Indizione... 2 Art. 2 Soggetti richiedenti...

Dettagli

(approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 5 del 31 gennaio 2005)

(approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 5 del 31 gennaio 2005) REGOLAMENTO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA PER LA CONCESSIONE DI PROVVIDENZE ECONOMICHE E DEL PATROCINIO DELLA PROVINCIA ALLE ATTIVITA CULTURALI, SOCIALI, SPORTIVE E RICREATIVE (approvato con deliberazione

Dettagli

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.)

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) ALLEGATO B/1 INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE INIZIATIVE PER

Dettagli

ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI

ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI Il presente documento disciplina le procedure per lo svolgimento dell attività istituzionale riferita alla presentazione di progetti da

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. del Pratica trattata da: Barbara

Dettagli

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 2

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 2 Allegato n. 2 Bando per la concessione di contributi per la realizzazione di eventi e manifestazioni, anche transnazionali, attinenti ai fatti della Prima guerra mondiale Art. 1 finalità Art. 1 finalità

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005)

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005) REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005) ART 1 - Istituzione dell Albo delle Associazioni Studentesche 1. Il Presente Regolamento disciplina le modalità di iscrizione

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI

REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI INDICE: Art. 1

Dettagli

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione.

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. Bandi di concorso e regolamenti Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. In applicazione dell

Dettagli

COMUNE DI OTRICOLI PROVINCIA DI TERNI

COMUNE DI OTRICOLI PROVINCIA DI TERNI COMUNE DI OTRICOLI PROVINCIA DI TERNI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, AUSILI FINANZIARI, IN RELAZIONE ALLE INIZIATIVE SPORTIVE, TURISTICHE, CULTURALI E RICREATIVE DI

Dettagli

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche (Allegato al Decreto n. 762/LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015) Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche Art.

Dettagli

ALLEGATO A) alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n.113 del 15.07.2010

ALLEGATO A) alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n.113 del 15.07.2010 ALLEGATO A) alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n.113 del 15.07.2010 Criteri e direttive per l attuazione da parte del Consiglio regionale della L.R. 30 novembre 1973, n. 43. Il presente atto,

Dettagli

REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO CONCESSIONE FINANZIAMENTI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 119 DEL 18.10.1991) I N D I C

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI, SEGUITO MODIFICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI, SEGUITO MODIFICHE CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI, SEGUITO MODIFICHE 1 INDICE

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

COMUNE DI MASSA. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE di PROVVIDENZE

COMUNE DI MASSA. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE di PROVVIDENZE COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE di PROVVIDENZE Approvato con Delibera di C.C. n. 59 del 20/12/2005 Capo I Definizione e ambito di applicazione Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

FONDAZIONE UNIVERSITA MAGNA GRECIA DI CATANZARO

FONDAZIONE UNIVERSITA MAGNA GRECIA DI CATANZARO FONDAZIONE UNIVERSITA MAGNA GRECIA DI CATANZARO REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE E PER LA PROMOZIONE E IL SOSTEGNO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E RICREATIVE DEGLI STUDENTI

Dettagli

Città di Gardone Val Trompia. CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23

Città di Gardone Val Trompia. CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23 Città di Gardone Val Trompia CRITERI PER L UTILIZZO DEI LOCALI POLIFUNZIONALI PRESSO I CAPANNONCINI PARCO DEL MELLA Via Grazioli n 23 Documento approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n.151 del

Dettagli

REGOLAMENTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO

REGOLAMENTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO REGOLAMENTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO TITOLO 1 Premessa Art. 1 Finalità oggetto del Regolamento 1. L Associazione EBN Italia stabilisce con il presente Regolamento i criteri, le modalità e le procedure

Dettagli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli REGOLAMENTO Contributi per attività culturali ricreative e sportive Articolo n. 1 OGGETTO L'Azienda

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente a in via in qualità di Legale Rappresentante pro-tempore dell Associazione/Istituzione/Ente

Il sottoscritto nato a il residente a in via in qualità di Legale Rappresentante pro-tempore dell Associazione/Istituzione/Ente AL COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO via Roma 18 SAN GIOVANNI LUPATOTO ALL'ASSESSORE Richiesta di contributo per singole iniziative. (SCRIVERE IN STAMPATELLO E COMPILARE TUTTI I CAMPI) Il sottoscritto nato

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. PRESO ATTO che, con la suddetta Deliberazione n. 989/07, è stato approvato:

LA GIUNTA REGIONALE. PRESO ATTO che, con la suddetta Deliberazione n. 989/07, è stato approvato: OGGETTO: Modifica della D.G.R. 7 dicembre 2007, n. 989: Revoca deliberazione di Giunta regionale 8 febbraio 2000, n. 294. Approvazione dei criteri e delle modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO Provincia di Caserta

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO Provincia di Caserta COMUNE DI SANTA MARIA A VICO Provincia di Caserta Regolamento dell Albo delle Associazioni e della concessione di benefici finanziari e vantaggi economici ad Enti ed Associazioni Titolo I - FINALITÀ E

Dettagli

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive COMUNE DI SERRENTI Provincia del Medio Campidano Regolamento per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive Approvato dal Consiglio Comunale con atto

Dettagli

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ VADEMECUM PER ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE E GRUPPI DI STUDENTI Gli studenti di Ca Foscari hanno la possibilità di organizzare attività formative autogestite (iniziative come conferenze, seminari, cineforum,

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO

COMUNE DI MONTEMILETTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI NONCHE DI BENI MOBILI ED IMMOBILI AD ASSOCIAZIONI, ENTI O ALTRI ORGANISMI PRIVATI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON GLI ENTI NO-PROFIT E IL TERZO SETTORE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON GLI ENTI NO-PROFIT E IL TERZO SETTORE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON GLI ENTI NO-PROFIT E IL TERZO SETTORE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. del. TITOLO 1 Albo delle Associazioni Art. 1 - Istituzione

Dettagli

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Premessa Nel rispetto delle direttive del Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato e della normativa vigente,

Dettagli

Ogni soggetto può presentare una sola domanda di contributo relativa ad una sola delle fattispecie previste.

Ogni soggetto può presentare una sola domanda di contributo relativa ad una sola delle fattispecie previste. ALLEGATO A BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LE ATTIVITA DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E CULTURALE DELLE VESTIGIA E DELLE MEMORIE RISORGIMENTALI PRESENTI NEL TERRITORIO REGIONALE -

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento stabilisce

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA ASSESSORATO DEMANIO E PATRIMONIO A.G.C. DEMANIO E PATRIMONIO DISCIPLINARE D USO PER LE SALE CONVEGNI. Art.

GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA ASSESSORATO DEMANIO E PATRIMONIO A.G.C. DEMANIO E PATRIMONIO DISCIPLINARE D USO PER LE SALE CONVEGNI. Art. DISCIPLINARE D USO PER LE SALE CONVEGNI Art. 1 La Regione Campania, compatibilmente con le esigenze dell amministrazione regionale, concede l'uso temporaneo delle Sale Convegni ad Enti, Associazioni, Istituti,

Dettagli

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO ANNO 2014 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI. SETTORE D INTERVENTO : CULTURA. PRENOTAZIONE IMPEGNO

Dettagli

Comune di Novedrate Provincia di Como

Comune di Novedrate Provincia di Como Comune di Novedrate Provincia di Como REGOLAMENTO DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE CONCESSIONI DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI, GRUPPI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152 BANDO PROMOZIONE Programma operativo 2014 www.csvbasilicata.it p. 1 di 18 INDICE Art. 1 Finalità del Bando... 3 Art. 2 Oggetto delle proposte progettuali... 3 Art. 3 Destinatari e termini di presentazione

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco

Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comune di Casatenovo Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E SENZA FINI DI LUCRO, DELLA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI AD ENTI, GRUPPI ED ASSOCIAZIONI E DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE Art.1 Oggetto REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO ECONOMALE DELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE (emanato con Decreto del Direttore n. 237 del 05.06.2014, pubblicato in pari data all Albo Ufficiale on-line

Dettagli

COMUNE DI PONTERANICA

COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo Regolamento comunale per l utilizzo delle palestre comunali e degli spazi pubblici adibiti all attività sportiva (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE di NOVARA Via F.lli Rosselli n. 1

COMUNE di NOVARA Via F.lli Rosselli n. 1 COMUNE di NOVARA Via F.lli Rosselli n. 1 Prot. N. 40900 RI 14/ 1100 Novara, 23/06/2015 INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI INTERESSATI ALL ORGANIZZAZIONE DI UNA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI, ENTI, ISTITUZIONI E PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI, ENTI, ISTITUZIONI E PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI BOFFALORA SOPRA TICINO Provincia di Milano REGOLAMENTO DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI, ENTI, ISTITUZIONI E PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI Decreto emanazione D.R. 74 DEL 03/04/1998 Decreto aggiornamento D.R. n. 63 del 17/02/1999

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani Siciliana ia Regionale di Trapani REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SPORTIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 02 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI ART. 1 1. Con il presente Regolamento il Comune di Peio nell esercizio dei suoi poteri

Dettagli

Art. 4. Durata dei progetti e tutte le attività concluse entro la data del 30 maggio 2016. Art. 5. Importo del finanziamento assegnato

Art. 4. Durata dei progetti e tutte le attività concluse entro la data del 30 maggio 2016. Art. 5. Importo del finanziamento assegnato Pianeta Galileo Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione scientifica promossi e realizzati da Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, della regione

Dettagli

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 WWW.CSVROVIGO.IT Centro di Servizio per il Volontariato di Rovigo CSV 2 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI 1. INTRODUZIONE Il Centro

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE UNIVERSITÀ degli STUDI di CATANIA IL DIRETTORE GENERALE - Visto lo Statuto d'ateneo, emanato con D.R. n. 4957 del 28 novembre 2011 e successive modifiche e integrazioni; - Vista la legge 3 agosto 1985

Dettagli

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE

REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Comune di Spilamberto REGOLAMENTO SPESE DI RAPPRESENTANZA CONCESSIONE PATROCINI ADESIONE A COMITATI D ONORE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 28.05.2012, divenuta esecutiva ai

Dettagli

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE D. R. Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE VISTO lo Statuto di Autonomia dell Università Ca Foscari Venezia; VISTO il Regolamento

Dettagli

Comune di Cogorno (prov. di Genova)

Comune di Cogorno (prov. di Genova) Comune di Cogorno (prov. di Genova) Piazza A. Moro 1 16040 S. SALVATORE (Ge) C.F. 00412900102 P. IVA 00168110997 Telefono 0185. Centralino 38571 servizi amministrativi 385734 Fax 0185-380825 CRITERI E

Dettagli

2 SOGGETTI AMMISSIBILI

2 SOGGETTI AMMISSIBILI Allegato alla Deliberazione di G.C. n. 34 del 9.4.2014 CRITERI GENERALI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI, ASSOCIAZIONI, COMITATI, ORGANISMI PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA, MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport

Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Allegato A Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Avviso Pubblico ai sensi della Legge Regionale n. 15/02 e s.m.i., articolo 33 comma 1 Contributi

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 37 DD. 26.09.2013. Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4.

MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 37 DD. 26.09.2013. Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI ED ENTI PUBBLICI E PRIVATI, AI SENSI DELL ART. 7 DELLA L. R. 31. 07. 1993. N. 13. MODIFICATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it SETTORE V CULTURA - TURISMO SPORT - TEMPO LIBERO - POLITICHE GIOVANILI

Dettagli

Alla PROVINCIA DI COMO Via Borgovico, 148 22100 COMO

Alla PROVINCIA DI COMO Via Borgovico, 148 22100 COMO MODELLO A. Alla PROVINCIA DI COMO Via Borgovico, 148 22100 COMO Oggetto: Domanda di Patrocinio ai sensi della delibera G. P. n. 75 / 8753 del 28/02/2008 _1_ sottoscritt _...,legale rappresentante dell'ente/associazione

Dettagli

C O M U N E D I V A L B R E M B I L L A Provincia di Bergamo www.comune.valbrembilla.bg.it

C O M U N E D I V A L B R E M B I L L A Provincia di Bergamo www.comune.valbrembilla.bg.it C O M U N E D I V A L B R E M B I L L A Provincia di Bergamo www.comune.valbrembilla.bg.it BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI, GRUPPI E ASSOCIAZIONI SPORTIVE PER LE ATTIVITÀ SVOLTE NELL ANNO

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA DI RAPPRESENTANZA ISTITUZIONALE DEL SINDACO E DELLA GIUNTA DEL COMUNE DI FIRENZE

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA DI RAPPRESENTANZA ISTITUZIONALE DEL SINDACO E DELLA GIUNTA DEL COMUNE DI FIRENZE DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA DI RAPPRESENTANZA ISTITUZIONALE DEL SINDACO E DELLA GIUNTA DEL COMUNE DI FIRENZE 1 SOMMARIO Capo I Finalità e ambiti di applicazione Art. 1 Oggetto del Disciplinare Capo II

Dettagli

Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO

Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO Comune di Troia ( P r o v incia di F o g g ia) REGOLAMENTO FUNZIONAMENTO E GESTIONE DEL CINE-TEATRO COMUNALE PIDOCCHIETTO Approvato con delibera C.C. n. 23 del 16 ottobre 2013 1 Art. 1 Oggetto 1. Il cinema

Dettagli

www.retedellaconoscenza.it GRUPPO PROGETTAZIONE

www.retedellaconoscenza.it GRUPPO PROGETTAZIONE www.retedellaconoscenza.it GRUPPO PROGETTAZIONE www.udsbari.it www.linkbari.it DEFINIZIONE DI PROGETTO Una serie di atti con una precisa scansione temporale e volto ad innovare l'esistente caratteristiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE. INDICE Art. 1 - Disciplina regolamentare Pag. 1 Art. 2 Criterio disciplinare Pag. 1 Art. 3 Tipi di concessione Pag.

Dettagli

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita.

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita. Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l Innovazione dell Agricoltura del Lazio AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI PER IL FINANZIAMENTO TOTALE O PARZIALE DI PROGETTI DI PROMOZIONE AGRICOLA

Dettagli

Bando per la concessione di contributi

Bando per la concessione di contributi Allegato A 2015 Bando per la concessione di contributi L Assessorato alle Politiche scolastiche e giovani intende promuovere la realizzazione di iniziative a favore del protagonismo giovanile attraverso

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 117 del 10.12.2002 Modificato con delibera di Consiglio Provinciale n. 19 del 1.4.2004 1 REGOLAMENTO

Dettagli

Risorse messe a bando Per il 2010 le risorse finanziarie messe a bando ammontano a euro 1.000.000,00.

Risorse messe a bando Per il 2010 le risorse finanziarie messe a bando ammontano a euro 1.000.000,00. BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE REGIONALE - ANNO FINANZIARIO 2010. (l.r. 26 febbraio 1993, n.9 Interventi per attività di promozione educativa e

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA ART. 1 PREMESSA E FINALITA DELL INIZIATIVA Il Comune di Santa Marinella,

Dettagli

Pianeta Galileo. Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione

Pianeta Galileo. Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione Pianeta Galileo Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione scientifica presentati da Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, della Toscana 1. Finalità

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI 32 7.9.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 36 COMUNE DI QUARRATA (Pistoia) Selezione pubblica, per prove selettive, per chiamata nominativa di n. 1 Collaboratore Professionale Amministrativo

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) Settore Servizi Sociali e Cultura REGOLAMENTO COMUNALE PER l ISTITUZIONE DELL Albo delle Associazioni E PER I Rapporti con le Associazioni Approvato con

Dettagli

PIANO REGIONALE PER LE RISORSE UMANE PIANO D AZIONE 2008

PIANO REGIONALE PER LE RISORSE UMANE PIANO D AZIONE 2008 PIANO REGIONALE PER LE RISORSE UMANE PIANO D AZIONE 2008 AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI BUONI PREMIO PER I MIGLIORI STUDENTI UNIVERSITARI CALABRESI DOMANDE FREQUENTI (aggiornamento 4 luglio 2008)

Dettagli

COMUNE DI VILLAFALLETTO

COMUNE DI VILLAFALLETTO COMUNE DI VILLAFALLETTO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507 Testo coordinato del regolamento approvato

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche BANDO DI CONCORSO PER LA PRESENTAZIONE DI RICHIESTE DI UTILIZZO DEI FONDI PER LE ATTIVITA' CULTURALI STUDENTESCHE - a. a. 2014/2015 - Art. 1 SOGGETTI RICHIEDENTI E TERMINI a) Le Liste di rappresentanza

Dettagli