A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario"

Transcript

1 ft.di.s.u. PfiRTHENOPE Prot del ;:* PflRTENZft A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario Dell' Università degli Studi di Napoli "Parthenope BANDO DI CONCORSO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER ATTIVITÀ CULTURALI, RICREATIVE, FORMATIVE E SPORTIVE. ANNO ACCADEMICO 2013/2014 ARTICOLO 1 Finalità L'Azienda per il Diritto allo Studio dell'università degli studi di Napoli "Parthenope", di seguito indicata A.DI.S.U, promuove e sostiene iniziative ed attività culturali, ricreative e sportive destinate ai propri studenti e finalizzate a: Contribuire alla loro formazione culturale, sociale ed alla maturazione personale; Promuovere e sostenere la conoscenza e la fruizione dei beni culturali presenti sul territorio nazionale ed internazionale, nonché di manifestazioni ed iniziative culturali volte alla crescita sociale; Promuovere l'aggregazione e la maturazione degli studenti anche attraverso attività sportive, ricreative e/o comunque attività culturali aventi carattere di interesse generale. ARTICOLO 2 Fondi L'azienda regionale per il diritto allo studio A.Di.S.U., nell'ambito della programmazione delle proprie attività, compatibilmente con le disponibilità finanziarie iscritte in bilancio al capitolo 1435, bandisce il concorso per l'erogazione di contributi per attività culturali, ricreative, formative e sportive per Panno accademico 2013 / 2014, per un importo pari a Euro ,00, a norma delle disposizioni contenute nella legge Regionale 21/2002 comma 6, punto h. ARTICOLO 3 Soggetti richiedenti 1. Possono presentare domanda le associazioni studentesche, le cooperative studentesche e i gruppi di studenti dell' Ateneo Parthenope, questi ultimi, composti da almeno 50 persone, che hanno presentato le liste alle elezioni studentesche per la nomina di organismi universitari dell'università degli studi di Napoli "Parthenope"e dell' A.Di.S.U. stessa.

2 2. Ai fini della presentazione della domanda da parte di gruppi di studenti, ogni studente può figurare nella presentazione di una sola richiesta. Qualora venga accertata l'appartenenza di uno studente a due o più gruppi, il relativo nominativo non verrà preso in considerazione ai fini della determinazione del quorum delle cinquanta persone, relativamente a tutti i gruppi di appartenenza. 3. Le associazioni studentesche: a) devono essere regolarmente costituite; b) devono essere dotate di statuto uniformato ai criteri della democraticità e della libera partecipazione; 4. Per cooperative studentesche s'intendono quelle che svolgono attività mutualistiche rivolte agli studenti dell' Ateneo, avvalendosi del lavoro volontario dei propri soci studenti. Le cariche sociali devono essere ricoperte in maggioranza da studenti iscritti ali' Università Parmenope. 5. Le Associazioni e/o Cooperative di studenti della PARTHENOPE devono essere regolarmente registrate e non devono avere finalità contrastanti con quelle dell'a. Di. S. U. La cura della promozione e realizzazione delle citate attività spetta alle medesime associazioni e/o cooperative e/o gruppi. Il materiale relativo alla pubblicità deve riportare, qualsiasi forma esso assuma, la dicitura ben visibile "INIZIATIVA REALIZZATA CON IL FINANZIAMENTO DELL'AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DELL'UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI NAPOLI "PARTHENOPE" ed il logo dell'a. Di. S. U. Le associazioni e le cooperative e/o Gruppi individuano un responsabile, o un loro delegato, per la regolare esecuzione dell'iniziativa. ARTICOLO 4 Commissione giudicatrice La selezione delle iniziative da ammettere al finanziamento e il relativo riparto dello stanziamento spettano al Consiglio di Amministrazione dell'adisu su proposta di una Commissione istituita presso l'adisu e composta da un minimo di tre componenti. La Commissione sarà preposta all'esame ed alla valutazione delle richieste di finanziamento pervenute alla segreteria dell'a.di.s.u., nonché all'assegnazione dei fondi,secondo le modalità di seguito previste. La Commissione è convocata dal Presidente dell'adisu entro 5 giorni dalla scadenza della presentazione delle istanze. La Commissione in sede di riunione procede alla valutazione delle richieste presentate dalle associazioni e/o Cooperative e/o Gruppi proponenti e istruite dall'ufficio competente in materia ed alla conseguente formulazione per ciascuna di esse di una motivata proposta di approvazione e/o di non approvazione. La Commissione si riserva la facoltà di procedere all'audizione del legale rappresentante delle associazioni e cooperative studentesche o del referente responsabile dei gruppi di studenti, ai fini di acquisire ulteriori elementi utili alla valutazione dei progetti. Le proposte della Commissione sono quindi sottoposte per l'approvazione al Consiglio di Amministrazione che adotta le conseguenti delibere. A conclusione dei lavori della Commissione, l'adisu da comunicazione scritta dei risultati sia ai soggetti risultati beneficiari del finanziamento, fornendo tutte le necessarie indicazioni sulle modalità di erogazione del finanziamento, sia ai soggetti non ammessi a finanziamento. ARTICOLO 5

3 Presentazione delle domande Le domande, debitamente compilate secondo il fac-simile pubblicato sul sito internet delfadisu Parthenope, devono essere consegnate: A mano entro il termine del ventesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del bando sull'albo delle ADISU, in busta chiusa all'adisu, via Depretis Napoli; A mezzo raccomandata A/R ( in questo caso ha valore la data di spedizione e fa fede il timbro postale); sulla busta deve essere riportata, a pena di esclusione, l'indicazione del mittente e la dizione recante "Bando per iniziative a carattere formativo, culturale e sportive - anno 2013/2014". 2. Le domande delle associazioni studentesche e delle cooperative studentesche dovranno recare la firma del legale rappresentante o del promotore, quelle dei gruppi di studenti dovranno recare la firma del Referente responsabile del gruppo stesso. 3. Le associazioni studentesche e le cooperative studentesche sono tenute a presentare, a pena di esclusione, in allegato alla domanda, copia dell'atto costitutivo regolarmente registrato, corredato dello Statuto. Le loro domande devono contenere i seguenti dati: denominazione, indirizzo, codice fiscale, telefono, fax ed dell'associazione/ cooperativa; nome e cognome, codice fiscale, del rappresentante legale dell'associazione/cooperativa; elenco contenente i nominativi degli attuali componenti degli organi direttivi dell'associazione o cooperativa, corredati dall'indicazione del codice fiscale, del numero di matricola, Facoltà di appartenenza qualora si tratti di studenti. 4. Le domande presentate dai gruppi di studenti devono contenere i seguenti dati: la dicitura "gruppo"; nome e cognome, indirizzo, codice fiscale, telefono, fax ed del referente responsabile del gruppo; i nominativi dei componenti il gruppo, dattiloscritti o scritti in stampatello leggibile, nel numero previsto all'art. 3 comma 2, accompagnati da relativa firma e con l'indicazione del codice fiscale. I nominativi privi di firma e di codice fiscale non saranno presi in considerazione. 5. Le richieste vanno presentate per una delle seguenti aree tematiche: a) attività culturali; b) servizi agli studenti, II budget a disposizione per l'erogazione dei contributi a progetti riguardanti ciascuna delle suddette aree tematiche sarà stabilito in base alle disponibilità iscritte in bilancio, di cui art. 2. e sarà così ripartito: 50% per le attività culturali. 50% per i servizi agli studenti. Qualora nel procedere all'assegnazione dei contributi a favore dei progetti aventi in oggetto le aree tematiche di cui all'art. 5 comma 5 lettere a) b) si registri un residuo del relativo budget complessivo, la Commissione si riserva la facoltà di procedere ad una redistribuzione dei contributi,

4 eventualmente anche superando la quota inizialmente riservata a ciascuna delle due aree tematiche. In nessun caso la Commissione è vincolata all'esaurimento del budget complessivo del fondo destinato alle attività culturali. 6. Le domande di cui ai punti a) e b) devono tutte indistintamente contenere le seguenti indicazioni: area tematica, titolo, oggetto, finalità e illustrazione dettagliata dell'iniziativa. periodo di svolgimento dell'iniziativa e cronoprogramma; previsione di ricaduta dell'iniziativa sulla popolazione studentesca; modalità di pubblicizzazione dell'iniziativa; relazione illustrativa dettagliata dell'iniziativa di cui si chiede il finanziamento, piano finanziario con indicazione di altri eventuali soggetti finanziatori e preventivo di spesa, suddiviso per tipologia di costi, e indicazione dell'importo di altri finanziamenti ottenuti o richiesti per la stessa iniziativa, comprese le sponsorizzazioni. Qualora per il progetto vengano richiesti contributi ad Enti diversi, il totale dei contributi richiesti non deve superare il budget di spesa totale per il progetto. 7. Alla versione cartacea del progetto deve essere allegata la relativa copia conforme in formato elettronico, caricata su supporto informatico, in modo da consentire la pubblicizzazione dei progetti finanziati ai sensi dell'art. 6 comma 3 del presente bando. ARTICOLO 6 Spese ammesse I finanziamenti concessi potranno essere utilizzati preferibilmente per le seguenti voci di spesa: 1. stampa e pubblicità(ideazione, progettazione, realizzazione) 2. Ufficio stampa; 3. affitto locali; 4. impianti tecnici di diffusione, registrazione; 5. allestimenti scenografici; 6. rimborso spese vive (di viaggio, vitto, alloggio) relative all'ospitalità di esperti e relatori esterni;; 8. noleggio mezzi; 9. spese connesse alla realizzazione dell'iniziativa; 10. servizio hostess ed accoglienza; 11. addobbi floreali; 12. servizio fotografico; 13. servizio catering; 14. segreteria organizzativa. ARTICOLO 7 CRITERI DI SELEZIONE DEI PROGETTI 1. Costituiscono criteri generali di valutazione: - la ricaduta dell'iniziativa sull'intera popolazione studentesca o su quella di una Facoltà o comunque su una porzione ampia di studenti; - l'innovatività e creatività dei progetti presentati; la congruità economica fra il progetto e il piano finanziario presentato. 2. Costituiscono elementi integrativi della valutazione: - la collaborazione all'attività istituzionale dell'adisu, da effettuarsi sentiti gli uffici competenti;

5 - la realizzazione del progetto in copartenariato con associazioni e gruppi studenteschi di altri atenei o di altre sedi universitarie; - la promozione della mobilità e dell'internazionalizzazione degli studenti; - il coinvolgimento attivo di docenti universitari nella realizzazione del progetto; - la diffusione del progetto sul territorio regionale; - la collaborazione con le strutture universitarie competenti per materia o dell'adisti per settori di sua competenza; - eventuali cofinanziamenti acquisiti o acquisibili; - il piano di comunicazione dell'iniziativa; - per le richieste che propongono progetti già finanziati con i bandi degli anni precedenti, la verifica dell'efficacia dei risultati raggiunti e, per la nuova edizione, la presenza di elementi di evoluzione o forme di integrazione con altri progetti o comunque indicazioni utili a giustificarne una ulteriore edizione. 3. Non sono ammessi a finanziamento i progetti di ricerca scientifica, le iniziative collegate o inserite in manifestazioni promosse e organizzate da soggetti diversi da quelli indicati all'art. 2 del presente bando. 4. Non sono ammesse le domande: - dei soggetti che, alla data di scadenza prevista dal presente bando per la presentazionene delle domande, non abbiano presentato il rendiconto finale relativo alle iniziative finanziate ai sensi del Bando precedente; - per progetti, già finanziati ai sensi del Bando precedente e non rendicontati alla data di scadenza prevista dal presente bando per la presentazione delle domande, anche se proposti da soggetto diverso. 5. Non sono ammessi a finanziamento i progetti esclusi dalla Commissione con adeguata motivazione. 6. Ai fini dell'attribuzione del finanziamento, i costi derivanti da compensi a docenti non possono essere superiori al 30% del costo complessivo del progetto. Agli studenti impegnati nel progetto è riconosciuto un compenso massimo di Euro 7,23 all'ora per un massimo di 50 ore per ciascuno studente retribuito, per un numero massimo di 150 ore. 7. Possono essere finanziate le iniziative avviate in data successiva a quella di pubblicazione del bando. 8. Le iniziative debbono concludersi entro il termine previsto nel cronoprogramma e comunque non oltre un anno dalla data di pubblicazione del bando. In caso di mancata realizzazione del progetto entro il termine il soggetto beneficiario del contributo deve restituire all'adisu la somma eventualmente ricevuta in anticipo ai sensi delfart. 8 del presente bando, presentando comunque una relazione illustrativa. ARTICOLO 8 MODALITÀ DI EROGAZIONE DEL FINANZIAMENTO E MONITORAGGIO DEI RISULTATI 1. Le spese contemplate nel progetto approvato relative alla fornitura di beni e servizi vanno proposte dal promotore e vanno effettuate dalfadisu nel rispetto delle norme in materia di spese in economia contenute nel vigente Regolamento di amministrazione, contabilità e finanza delfadisu Parthenope.

6 2. L'ADISU, dopo l'approvazione specifica del progetto da parte del Consiglio, può liquidare, per spese di minuta entità, un fondo spese anticipato soggetto a puntuale rendicontazione, per un importo pari al 15% sul totale del progetto fino a 5.000,00 euro e pari ad 750,00 (in misura fissa) per progetti eccedenti l'importo sopra descritto, dietro presentazione di tutti i giustificativi di spesa, sebbene a consuntivo. Il progetto totale, inoltre, sarò soggetto a rendicontazione dettagliata delle spese sostenute e di tutte le entrate, sponsorizzazioni comprese, di analitica relazione illustrativa dell'iniziativa svolta e di quattro copie degli eventuali materiali prodotti, l'eventuale rassegna stampa. Nella relazione va documentata l'effettiva ricaduta dell'iniziativa sulla popolazione studentesca e sul territorio, nonché indicati i comprovati elementi di innovatività delle iniziative. 3. Le attrezzature e gli altri beni strumentali durevoli, eventualmente acquistati per lo svolgimento dell'iniziativa finanziata, rimangono di proprietà dell'adisu che, con appositi accordi, può valutare l'opportunità di continuare a concederli in uso ai beneficiari stessi. 4. I proponenti dei progetti ammessi al finanziamento devono presentare alfadisu a pena di decadenza dal saldo del finanziamento, un sintetico aggiornamento quadrimestrale dello stato di avanzamento del progetto. Alla liquidazione del saldo al termine dell'iniziativa provvede il direttore delfadisu sentito il parere della Commissione per le attività culturali costituita in seno al Consiglio di Amministrazione dell'adisu Napoli Parthenope. ARTICOLO 9 MODALITÀ DI PUBBLICIZZAZIONE DEL BANDO E DEGLI ESITI DI SELEZIONE 1. L'ADISU provvede all'affissione del presente bando presso tutte le proprie sedi nonché alla sua diffusione sul proprio sito internet. 2. L'ADISU pubblica presso le sedi in cui è stato esposto il presente bando nonché sul proprio sito intemet l'elenco dei soggetti beneficiari, con l'indicazione dell'iniziativa finanziata e dell'importo assegnato, e l'elenco dei soggetti non ammessi. 3.1 progetti dei soggetti beneficiari saranno pubblicati sul sito internet dell'azienda. ARTICOLO IO ONERI A CARICO DEI BENEFICIARI DEI CONTRIBUTI I soggetti beneficiari dei contributi sono tenuti ad indicare sul materiale realizzato che l'iniziativa è finanziata dall'adisu Napoli Parthenope ai sensi del bando per la realizzazione nell'anno 2013 di iniziative a carattere formativo, culturale e sociale promosse dagli studenti dell'università Parthenope. ARTICOLO 11 Esclusione dalle domande o dalle iniziative

7 Sono escluse dal finanziamento: 1. Le Associazioni e/o le Cooperative e/o i Gruppi che non si attengano agli obblighi previsti dal presente Regolamento e dal Regolamento delfa.di.s.u. dell' in materia di finanza e contabilità; 2. le Associazioni e/o le Cooperative e/o i Gruppi che non abbiano realizzato, nell'ambito dell'anno precedente, le iniziative approvate e finanziate. 3. Le Associazioni e/o le Cooperative e/o i Gruppi che non rispettano il programma presentato ed approvato dalla Commissione. Il Presidente Aw. Maurizio Zuccaro Pubblicato all'albo in data / /2013 prot.n.

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli REGOLAMENTO Contributi per attività culturali ricreative e sportive Articolo n. 1 OGGETTO L'Azienda

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione di contributi per le attività studentesche per l'anno 2015

Bando di concorso per l assegnazione di contributi per le attività studentesche per l'anno 2015 Bando di concorso per l assegnazione di contributi per le attività studentesche per l'anno 2015 Articolo 1 Attività finanziabili Sono ammesse a contributo le seguenti attività rientranti in sette tipologie:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITÀ STUDENTESCHE E PER LA GESTIONE DELLE INIZIATIVE A FAVORE DEGLI STUDENTI L'Università degli Studi del Molise, in conformità a quanto disposto

Dettagli

Avviso PUBBLICO Promosso dall'associazione Università per la pace finalizzato alla presentazione di proposte progettuali per la

Avviso PUBBLICO Promosso dall'associazione Università per la pace finalizzato alla presentazione di proposte progettuali per la LEGGE REGIONALE n. 9 del 18/06/2002 e successive modificazioni: Attività regionali per la promozione dei diritti umani, della cultura della pace, della cooperazione allo sviluppo e della solidarietà Art.

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE UNIVERSITÀ degli STUDI di CATANIA IL DIRETTORE GENERALE - Visto lo Statuto d'ateneo, emanato con D.R. n. 4957 del 28 novembre 2011 e successive modifiche e integrazioni; - Vista la legge 3 agosto 1985

Dettagli

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione.

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. Bandi di concorso e regolamenti Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. In applicazione dell

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA T:\Borse di Studio\ATTCULSTUD\REGATTCULTSTUD.DOC Decreto Rettorale n. Prot. n. Classif. z 43 y k / ~ 1 ; del 1/{4 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell università di Verona approvato con D.R. n. 6435 del 7/10/1994

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali (ESERCIZIO FINANZIARIO 2012)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali (ESERCIZIO FINANZIARIO 2012) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE ANNO ACCADEMICO 2012-2013 (ESERCIZIO FINANZIARIO

Dettagli

Bando per la concessione di contributi

Bando per la concessione di contributi Allegato A 2015 Bando per la concessione di contributi L Assessorato alle Politiche scolastiche e giovani intende promuovere la realizzazione di iniziative a favore del protagonismo giovanile attraverso

Dettagli

1 DISPONIBILITÀ FINANZIARIA

1 DISPONIBILITÀ FINANZIARIA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI ATTIVITÀ CULTURALI, SPORTIVE E RICREATIVE ORGANIZZATE DA RAGGRUPPAMENTI DI STUDENTI ISCRITTI ALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA -ANNO 2011

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. PRESO ATTO che, con la suddetta Deliberazione n. 989/07, è stato approvato:

LA GIUNTA REGIONALE. PRESO ATTO che, con la suddetta Deliberazione n. 989/07, è stato approvato: OGGETTO: Modifica della D.G.R. 7 dicembre 2007, n. 989: Revoca deliberazione di Giunta regionale 8 febbraio 2000, n. 294. Approvazione dei criteri e delle modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Generale Coordinamento Affari Generali BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE ANNO ACCADEMICO 2014-15 (Budget 2014) Art. 1 (Assegnazione

Dettagli

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152 BANDO PROMOZIONE Programma operativo 2014 www.csvbasilicata.it p. 1 di 18 INDICE Art. 1 Finalità del Bando... 3 Art. 2 Oggetto delle proposte progettuali... 3 Art. 3 Destinatari e termini di presentazione

Dettagli

Regolamento delle attività culturali e ricreative autogestite dagli studenti

Regolamento delle attività culturali e ricreative autogestite dagli studenti Regolamento 20 maggio 2008, n.13 Regolamento delle attività culturali e ricreative autogestite dagli studenti TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità 1. L'Università di Messina, nell'esercizio dei

Dettagli

Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport

Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Allegato A Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Avviso Pubblico ai sensi della Legge Regionale n. 15/02 e s.m.i., articolo 33 comma 1 Contributi

Dettagli

SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE SPORT CULTURA TEMPO LIBERO UNIVERSITA REGOLAMENTO ART.1

SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE SPORT CULTURA TEMPO LIBERO UNIVERSITA REGOLAMENTO ART.1 COMUNE DI BRINDISI SETTORE PUBBLICA ISTRUZIONE SPORT CULTURA TEMPO LIBERO UNIVERSITA REGOLAMENTO Oggetto: Concessione contributi a Società sportive ART.1 1) Con il presente regolamento il Comune determina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI

REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA IN FAVORE DEGLI STUDENTI EX LEGE N. 390/91 POLITECNICO DI BARI Decreto emanazione D.R. 74 DEL 03/04/1998 Decreto aggiornamento D.R. n. 63 del 17/02/1999

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

Decreto n. 70254 (540) Anno 2015

Decreto n. 70254 (540) Anno 2015 Decreto n. 70254 (540) Anno 2015 Bando di concorso per l attribuzione di fondi per Iniziative Studentesche Culturali e Sociali a favore degli studenti dell'università degli Studi di Firenze a.a. 2014/2015

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI

REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI INDICE: Art. 1

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO GIOVANI PROTAGONISTI DELL'ESTATE ARETINA 2015

AVVISO PUBBLICO BANDO GIOVANI PROTAGONISTI DELL'ESTATE ARETINA 2015 AVVISO PUBBLICO BANDO GIOVANI PROTAGONISTI DELL'ESTATE ARETINA 2015 1 - OGGETTO DEL BANDO Uno dei principali obiettivi dell'assessorato alle Politiche Giovanili del, è quello di rendere i giovani protagonisti

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

ALLEGATO A) alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n.113 del 15.07.2010

ALLEGATO A) alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n.113 del 15.07.2010 ALLEGATO A) alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n.113 del 15.07.2010 Criteri e direttive per l attuazione da parte del Consiglio regionale della L.R. 30 novembre 1973, n. 43. Il presente atto,

Dettagli

Vista la legge 10 aprile 1991, n.125, concernente azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro;

Vista la legge 10 aprile 1991, n.125, concernente azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro; DECRETO 15 MARZO 2001 (Pubblicato sulla G.U. del 9.6. 2001- Serie generale n. 132) Disciplina delle modalità di presentazione, valutazione e finanziamento dei progetti di azione positiva per la parità

Dettagli

e, p.c. AGLI UFFICI TERRITORIALI DI GOVERNO - PREFETTURE DELL'ISOLA

e, p.c. AGLI UFFICI TERRITORIALI DI GOVERNO - PREFETTURE DELL'ISOLA PRESIDENZA CIRCOLARE 20 marzo 2006, n. 1. Contributi per l'anno 2006 del dipartimento regionale della protezione civile alle organizzazioni di volontariato di protezione civile regolarmente iscritte al

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 969/2014 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di giugno dell' anno 2014 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta

Provincia Regionale di Caltanissetta Provincia Regionale di Caltanissetta REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL FONDO PER IL SOSTEGNO ANNUALE ALLE ASSOCIAZIONI ANTIRACKET ED ANTIUSURA DI CUI ALL ART.13 DELLA LEGGE N.44/99 CON SEDE LEGALE ED OPERANTI

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO

COMUNE DI SPILIMBERGO COMUNE DI SPILIMBERGO (PROVINCIA DI PORDENONE) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI, CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI. ART. 1 FINALITA'. Con

Dettagli

FONDAZIONE UNIVERSITA MAGNA GRECIA DI CATANZARO

FONDAZIONE UNIVERSITA MAGNA GRECIA DI CATANZARO FONDAZIONE UNIVERSITA MAGNA GRECIA DI CATANZARO REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE E PER LA PROMOZIONE E IL SOSTEGNO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E RICREATIVE DEGLI STUDENTI

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1110/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di luglio dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.)

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) ALLEGATO B/1 INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE INIZIATIVE PER

Dettagli

Al Sindaco del Comune di:

Al Sindaco del Comune di: Prot. n.1225 del 16/01/13 Al Sindaco del Comune di: 1. Caivano (NA) 2. Cesa (CE) 3. Ottaviano (NA) 4. Calvizzano (NA) Oggetto: LETTERA DI INVITO PER EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AI COMUNI CONSORZIATIPER

Dettagli

Azione 1: Partecipazione a programmi comunitari di ricerca e/o di cooperazione

Azione 1: Partecipazione a programmi comunitari di ricerca e/o di cooperazione DISCIPLINA SPECIFICA DELLE AZIONI RELATIVE AI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITÀ INTERNAZIONALI DELL ATENEO Il presente documento detta la disciplina specifica delle seguenti azioni istituite

Dettagli

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche

Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche (Allegato al Decreto n. 762/LAVFOR.ISTR dd. 8 aprile 2015) Bando per il finanziamento delle attività didattiche relative all insegnamento delle Lingue e Culture delle Minoranze Linguistiche Storiche Art.

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELL'INIZIATIVA

1. DESCRIZIONE DELL'INIZIATIVA IL COMUNE DI CREMONA SERVIZIO POLITICHE GIOVANILI PROMUOVE IL BANDO THINK TOWN seconda edizione per l assegnazione di contributi a gruppi ed associazioni giovanili per la realizzazione di progetti innovativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI SOLARUSSA COTANO_ Provincia di Oristano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO CONTRIBUTI

Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO CONTRIBUTI Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO CONTRIBUTI Sommario CAPO I - OGGETTO DELLA CONCESSIONE... 3 ART. 1... 3 CAPO II - SOSTEGNO DI ATTIVITÀ DI RILEVANZA SOCIALE, CULTURALE, RICREATIVA,

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005)

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005) REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005) ART 1 - Istituzione dell Albo delle Associazioni Studentesche 1. Il Presente Regolamento disciplina le modalità di iscrizione

Dettagli

C O M U N E D I BURCEI

C O M U N E D I BURCEI C O M U N E D I BURCEI Provincia di Cagliari BANDO DI CONCORSO Per la concessione di: - contributi a sostegno delle spese sostenute dalle famiglie per l istruzione nell anno scolastico 2013/2014 (legge

Dettagli

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 WWW.CSVROVIGO.IT Centro di Servizio per il Volontariato di Rovigo CSV 2 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI 1. INTRODUZIONE Il Centro

Dettagli

COMUNE DI MASSA. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE di PROVVIDENZE

COMUNE DI MASSA. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE di PROVVIDENZE COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE di PROVVIDENZE Approvato con Delibera di C.C. n. 59 del 20/12/2005 Capo I Definizione e ambito di applicazione Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Il benessere della comunità:

Il benessere della comunità: Il benessere della comunità: Volontariato, Territorio e Relazioni! Linea di finanziamento per favorire la coesione sociale e il benessere delle comunità attraverso processi di progettazione partecipata.

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento Comunale per la promozione e la valorizzazione delle Libere Forme Associative Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n 24 del 27.06.2007 1/5

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI TORRI DEL BENACO PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Delibera di Consiglio Comunale n. 6

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

Emanato con D.R. n. 170 del 26 marzo 2009

Emanato con D.R. n. 170 del 26 marzo 2009 Regolamento per l'utilizzazione dei fondi destinati alle iniziative e alle attività culturali e sociali degli studenti dell Università degli Studi della Basilicata Emanato con D.R. n. 170 del 26 marzo

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA Lì, 19/10/2011 Prot.n. 72634 ALLEGATO A alla determinazione dirigenziale n. 914 del 28/09/2011 BANDO PER LA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO ALLE ASSOCIAZIONI DI STRANIERI PRESENTI NEL

Dettagli

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE D. R. Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE VISTO lo Statuto di Autonomia dell Università Ca Foscari Venezia; VISTO il Regolamento

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it SETTORE V CULTURA - TURISMO SPORT - TEMPO LIBERO - POLITICHE GIOVANILI

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete.

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete. ALLEGATO A BANDO 2014 PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEI PROGETTI PRESENTATI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ISCRITTE ALLA SEZIONE REGIONALE E ALLE SEZIONI PROVINCIALI DEL REGISTRO GENERALE

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA AVVISO Criteri e modalità di presentazione delle istanze relative al sostegno di iniziative e manifestazioni culturali, artistiche, musicali, coreutiche, teatrali, ricreative,

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi

DIPARTIMENTO PER L'IMPRESA E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto Legge 22 giugno 2012 n. 83, convertito nella legge 7 agosto 2012, n. 134, concernente Misure urgenti per la crescita del Paese ; VISTO in particolare l articolo 42,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani BANDO DI CONCORSO CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani INDICE: Art. 1 Finalità Art. 2 Indirizzi di programma ed obiettivi Art. 3 Procedure e termini di presentazione delle domande Art. 4 Requisiti

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente a in via in qualità di Legale Rappresentante pro-tempore dell Associazione/Istituzione/Ente

Il sottoscritto nato a il residente a in via in qualità di Legale Rappresentante pro-tempore dell Associazione/Istituzione/Ente AL COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO via Roma 18 SAN GIOVANNI LUPATOTO ALL'ASSESSORE Richiesta di contributo per singole iniziative. (SCRIVERE IN STAMPATELLO E COMPILARE TUTTI I CAMPI) Il sottoscritto nato

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Art. 6 - Spese ammissibili non sono ammesse Art. 7 - Presentazione delle domande

Art. 6 - Spese ammissibili non sono ammesse Art. 7 - Presentazione delle domande REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 - Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive COMUNE DI SERRENTI Provincia del Medio Campidano Regolamento per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive Approvato dal Consiglio Comunale con atto

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI (Art. 12, legge 7 Agosto 1990, n. 241 e s.m.) Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA PER I CEAS NON ACCREDITATI

BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA PER I CEAS NON ACCREDITATI BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGETTI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA PER I CEAS NON ACCREDITATI ART. 1 - OGGETTO E FINALITÀ L Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sostenibilità

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche BANDO DI CONCORSO PER LA PRESENTAZIONE DI RICHIESTE DI UTILIZZO DEI FONDI PER LE ATTIVITA' CULTURALI STUDENTESCHE - a. a. 2014/2015 - Art. 1 SOGGETTI RICHIEDENTI E TERMINI a) Le Liste di rappresentanza

Dettagli

Avviso Pubblico a presentare proposte per il finanziamento di progetti aventi ad oggetto Servizi in favore degli studenti universitari

Avviso Pubblico a presentare proposte per il finanziamento di progetti aventi ad oggetto Servizi in favore degli studenti universitari Avviso Pubblico a presentare proposte per il finanziamento di progetti aventi ad oggetto Servizi in favore degli studenti universitari Finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità Allegato parte integrante ALLEGATO A CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI Articolo 1 Finalità L articolo 38 della legge provinciale 27 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI, ENTI, ISTITUZIONI E PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI, ENTI, ISTITUZIONI E PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI BOFFALORA SOPRA TICINO Provincia di Milano REGOLAMENTO DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI, ENTI, ISTITUZIONI E PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Dettagli

BANDO - REGOLAMENTO n. 1/2011 PER L ATTIVITA DI SOSTEGNO E PARTNERSHIP NEI PROGETTI E NELLE INIZIATIVE DELLE ASSOCIAZIONI

BANDO - REGOLAMENTO n. 1/2011 PER L ATTIVITA DI SOSTEGNO E PARTNERSHIP NEI PROGETTI E NELLE INIZIATIVE DELLE ASSOCIAZIONI BANDO - REGOLAMENTO n. 1/2011 PER L ATTIVITA DI SOSTEGNO E PARTNERSHIP NEI PROGETTI E NELLE INIZIATIVE DELLE ASSOCIAZIONI Premessa Il Centro Servizi per il Volontariato della Provincia di Pescara (d ora

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO Provincia di Caserta

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO Provincia di Caserta COMUNE DI SANTA MARIA A VICO Provincia di Caserta Regolamento dell Albo delle Associazioni e della concessione di benefici finanziari e vantaggi economici ad Enti ed Associazioni Titolo I - FINALITÀ E

Dettagli

Ripartizione Politiche Educative Giovanili

Ripartizione Politiche Educative Giovanili AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA II^ EDIZIONE DEL CONCORSO SOFT ECONOMY START - UP DI MICROIMPRESA INNOVATIVA GIOVANILE NELL AMBITO DEL PIANO LOCALE GIOVANI DIFFERENZE GENERAZIONALI Art. 1 - Descrizione dell

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLE ATTIVITA DI PROMOZIONE PROBER L.R. 28/97 (procedure tecniche - amministrative)

GUIDA SINTETICA ALLE ATTIVITA DI PROMOZIONE PROBER L.R. 28/97 (procedure tecniche - amministrative) GUIDA SINTETICA ALLE ATTIVITA DI PROMOZIONE PROBER L.R. 28/97 (procedure tecniche - amministrative) La possibilità di accedere ai contributi previsti sulle iniziative promozionali condotte da Prober (LR

Dettagli

CONTRIBUTI FINANZIARI PER INIZIATIVE DI ASSOCIAZIONI/GRUPPI STUDENTESCHI BANDO - ANNO 2015

CONTRIBUTI FINANZIARI PER INIZIATIVE DI ASSOCIAZIONI/GRUPPI STUDENTESCHI BANDO - ANNO 2015 - Approvato con Determina Dirigenziale n. 140 del 14.04.2015 Il presente avviso è emanato in conformità al Regolamento per la concessione di contributi e agevolazioni economiche a favore di Gruppi studenteschi

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani

Provincia Regionale di Trapani Provincia Regionale di Trapani Settore Sviluppo Economico, Turismo, politiche agricole e cultura AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI RELATIVI AL SOSTEGNO DI INIZIATIVE/PROGETTI E MANIFESTAZIONI

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO SCHEMA PRESENTAZIONE AZIONI DI PROMOZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO SCHEMA PRESENTAZIONE AZIONI DI PROMOZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ALLEGATO SCHEMA PRESENTAZIONE PROGETTI Organizzazioni di volontariato ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO SCHEMA PRESENTAZIONE AZIONI DI PROMOZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Il presente modulo deve

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

L.R. 2/1985, artt. 1 e 2 B.U.R. 1/12/2010, n. 48. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 novembre 2010, n. 0251/Pres.

L.R. 2/1985, artt. 1 e 2 B.U.R. 1/12/2010, n. 48. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 novembre 2010, n. 0251/Pres. L.R. 2/1985, artt. 1 e 2 B.U.R. 1/12/2010, n. 48 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 novembre 2010, n. 0251/Pres. Regolamento per la concessione dei finanziamenti per interventi straordinari di disinfestazione

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 2

Art. 1 finalità. Art. 2 definizioni. Allegato n. 2 Allegato n. 2 Bando per la concessione di contributi per la realizzazione di eventi e manifestazioni, anche transnazionali, attinenti ai fatti della Prima guerra mondiale Art. 1 finalità Art. 1 finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

CHIEDE L ASSEGNAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER REALIZZARE LE SEGUENTI ATTIVITÀ:

CHIEDE L ASSEGNAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER REALIZZARE LE SEGUENTI ATTIVITÀ: ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI DEGLI STUDENTI Modulo richiesta erogazione fondi Al Magnifico Rettore dell'università degli Studi di Trieste Piazzale pa, 1 34127 - Trieste Oggetto: Domanda di contributo per

Dettagli

REGOLAMENTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO

REGOLAMENTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO REGOLAMENTO CONCESSIONE DEL PATROCINIO TITOLO 1 Premessa Art. 1 Finalità oggetto del Regolamento 1. L Associazione EBN Italia stabilisce con il presente Regolamento i criteri, le modalità e le procedure

Dettagli

a) Obiettivi b) Destinatari dei finanziamenti

a) Obiettivi b) Destinatari dei finanziamenti ALLEGATO 1 CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON GLI ENTI NO-PROFIT E IL TERZO SETTORE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON GLI ENTI NO-PROFIT E IL TERZO SETTORE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON GLI ENTI NO-PROFIT E IL TERZO SETTORE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. del. TITOLO 1 Albo delle Associazioni Art. 1 - Istituzione

Dettagli

BANDO PER CONCORRERE AL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE AUTOGESTITE DAGLI STUDENTI DA SVOLGERSI NELL'ANNO 2015

BANDO PER CONCORRERE AL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE AUTOGESTITE DAGLI STUDENTI DA SVOLGERSI NELL'ANNO 2015 D.D.G. N. 41 / 2015 Prot. N. 5118 V/10 BANDO PER CONCORRERE AL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE AUTOGESTITE DAGLI STUDENTI DA SVOLGERSI NELL'ANNO 2015 Art. 1 Indizione... 2 Art. 2 Soggetti richiedenti...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato

Dettagli

ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI

ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI Il presente documento disciplina le procedure per lo svolgimento dell attività istituzionale riferita alla presentazione di progetti da

Dettagli

BANDO. POR OB 3 MISURA C3: VOUCHER PER MASTER POST LAUREA E DOTTORATI DI RICERCA a.a. 2005/2006

BANDO. POR OB 3 MISURA C3: VOUCHER PER MASTER POST LAUREA E DOTTORATI DI RICERCA a.a. 2005/2006 Allegato A) Premessa BANDO POR OB 3 MISURA C3: VOUCHER PER MASTER POST LAUREA E DOTTORATI DI RICERCA a.a. 2005/2006 La Regione Toscana adotta il presente avviso in coerenza ed attuazione: - del Regolamento

Dettagli

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.)

INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO. (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) ALLEGATO A INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DEL CINEMA E DELL AUDIOVISIVO (Legge regionale 13 Aprile 2012, n.2 e s.m.i.) MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LE INIZIATIVE PER LA

Dettagli

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO D VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA 1 Principi

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

TITOLO II ACCESSO AI FONDI PER LA MOBILITA

TITOLO II ACCESSO AI FONDI PER LA MOBILITA REGOLAMENTO D ATENEO PER LA STIPULA DEGLI ACCORDI INTERNAZIONALI E L ACCESSO AI FONDI PER LA MOBILITA Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di stipula degli accordi internazionali

Dettagli

PROT. N. FR 2015/101180

PROT. N. FR 2015/101180 Settore Risorse Finanziarie e Affari Istituzionali Ufficio Quartieri e Centro Storico, Pari Opportunità, Partecipazione, Lavoro e Formazione Professionale PROT. N. FR 2015/101180 AVVISO PUBBLICO PER L'ASSEGNAZIONE

Dettagli

Comune di Baselga di Piné Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE DELL'ATTIVITA' SPORTIVA

Comune di Baselga di Piné Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE DELL'ATTIVITA' SPORTIVA Comune di Baselga di Piné Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE DELL'ATTIVITA' SPORTIVA Il PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.to Alfonso Giovannini

Dettagli