NOTIZIE LÕASSOCIAZIONE UNIVER- SITARIA ÒLUIGI LA VISTAÓ BASILICATA REGIONE CULTURA. Giuseppe Settembrino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIE LÕASSOCIAZIONE UNIVER- SITARIA ÒLUIGI LA VISTAÓ BASILICATA REGIONE CULTURA. Giuseppe Settembrino"

Transcript

1 BASILICATA REGIONE NOTIZIE CULTURA LÕASSOCIAZIONE UNIVER- SITARIA ÒLUIGI LA VISTAÓ Giuseppe Settembrino Sto lavorando anche per l Ass. Studi in senso buono per noi : così Rocco Scotellaro scriveva a Tommaso Pedio, principale referente negli anni del suo iniziale impegno politico, in una lettera 1 risalente ai primi di gennaio del Lo informa così dell attività profusa per arrivare a costituire l associazione universitaria Luigi La Vista, significativamente intitolata al giovane venosino che nato nel 1826 fu fucilato dai mercenari svizzeri al soldo di Ferdinando II sulle barricate napoletane il 15 Maggio Anche nel mondo universitario della Lucania regione da sempre priva di sede universitaria, si può dire venivano maturando aperti atteggiamenti critici di antifascismo nutrito nella clandestinità di rapporti, di discussioni, di militanza politica. Era però un attività limitata a singole personalità sia locali che esterne cresciute in altre realtà urbane extraregionali, dove avevano potuto stringere contatti con esponenti politici italiani clandestini e confinati, presenti in numero consistente anche in Basilicata. D altra parte in luoghi e città da sempre elettivi per la formazione della gioventù lucana universitaria (ad esempio la città di Napoli), quella parte di giovani già orientata verso l antifascismo aveva potuto trovare occasione di dibattito non solo letterario, ma anche politico in diverse manifestazioni ufficiali indette dal fascismo. Ai Littoriali della città partenopea nel 1937 ed a Palermo nel 1938 avevano partecipato, ad esempio, Bruno Zevi e Mario Alicata 2, quest ultimo responsabile della Gioventù Universitaria Fascista (GUF) di Lettere a Roma, prima dell inizio della sua militanza attiva (1940) nel nucleo antifascista comunista romano di cui facevano parte, tra gli altri, Lucio Lombardo Radice, Bruno Sanguinetti, Aldo Natoli, Pietro Amendola, Paolo Bufalini, Pietro Ingrao. Nella città di Potenza, nel 1940, era stato stampato un numero unico GUF da parte di un gruppo di giovani universitari fascisti 3, mentre agli inizi del 1942 e sino al 1943 venne editato il quindicinale 59

2 governo, trasferitisi a Brindisi dopo i tragici fatti di Roma dell 8 settembre 1943, ebbero competenza (sino al 10 febbraio 1944) solo nelle province di Bari, Brindisi, Lecce, Taranto. con il trasferimento della capitale del regno del sud a Salerno vennero lasciate alla sua amministrazione anche le province siciliane, sarde, calabresi, lucane e la provincia di Salerno. 7 Vi è da tener presente, inoltre, che il meridione e le isole erano sottoposte al regime di occupazione bellica, dopo l armistizio firmato a Cassabile (Sicilia) il 3 settembre del Nei territori occupati agiva il Governo Militare Alleato (AMGOT, poi AMG), con vastissimi poteri sul governo italiano da parte della Commissione Alleata di Controllo (ACC, poi AC). In tale situazione, mentre da parte del Comitato di Liberazione Nazionale si stava preparando a Bari per il 28 Gennaio 1944, il primo congresso dei comitati di liberazione dell Italia meridionale e delle isole (dopo il divieto opposto dalle autorità militari alleate a svolgerlo per il 20 Dicembre 1943 a Napoli, per la vicinanza della città al fronte di guerra) e i partiti avevano già ripreso a riorganizzare le fila della propria organizzazione politica nonostante persistesse nel Meridione l ostilità del governo monarchico e degli alleati, a Potenza si perseguì anche la ricostruzione nella regione di un nuovo assetto associativo nel mondo studentesco universitario e giovanile, esplicitamente rifondandolo sui valori dell antifascismo, su cui gli stessi partiti aderenti al CLN ormai basavano la propria azione per la ricostruzione morale e materiale del Paese. L iniziativa della costituzione di un nuova associazione universitaria venne assunta da un gruppo di studenti antifascisti (Claudio Merenda, Giuseppe Ciranna, Rocco Scotellaro ed altri), un movimento di giovani intellettuali con l intento di promuovere una revisione dei valori morali,culturali e politici della gioventù lucana. Raggruppava al proprio interno in sindacato libero gli studenti universitari della regione per la difesa degli interessi materiali e culturali della classe studentesca lucana. 8 Preannunciata 9 e seguita con interesse negli ambienti politici del capoluogo di regione, l attività dell associazione trova ancora riscontro in diverse cronache dei periodici dell epoca. 10 L associazione universitaria Luigi La Vista venne costituita a Potenza il 20 gennaio In una movimentata riunione 11 svoltasi in un aula del regio Istituto Magistrale fu approvato lo statuto e si provvide alla elezione delle cariche sociali. Nell assemblea generale dei soci il 5 marzo furono assunte diverse deliberazioni di carattere organizzativo e venne eletto il comitato Potenza Fascista, diretto prima da Franco Luongo, poi da Nino Popolizio, il cui capo-redattore era il direttore del Museo Archeologico provinciale, Concetto Valente. Su questo periodico è possibile rinvenire ancora, nel numero del 25 aprile 1943, notizie sullo svolgimento dei ludi lucani, campani e pugliesi, tra cui Rocco Scotellaro (classificatosi secondo al convegno letterario per il Guf di Matera), al quale il periodico Il Meridiano di Roma 5, aveva pubblicato alcuni giorni prima un altra poesia dopo quella apparsa l anno prima sul periodico. 6 Al fine di introdurre velocemente e solo per cenni il quadro degli avvenimenti determinatisi in Italia dopo la destituzione di Mussolini, la formazione del primo governo Badoglio e lo scioglimento del Partito nazionale Fascista, occorrerà ricordare che, firmato l armistizio con i nuovi alleati anglo-americani, la cosiddetta Italia del Re dichiarò guerra alla Germania il 13 ottobre del 1943, mentre il Comitato di Liberazione nazionale (vi aderivano i sei partiti antifascisti) immediatamente pose il problema della legittimazione della monarchia a rappresentare il Paese nella lotta di liberazione, chiedendo al governo l impegno di convocare il popolo al cessare delle ostilità per decidere sulla forma istituzionale dello Stato. Il re ed il suo 60

3 direttivo. In quella sede venne approvato tra l altro, un ordine del giorno così formulato: L assemblea della Luigi La Vista, convinta che solo una salda coscienza politica possa dare ai suoi membri il giusto senso delle civiche libertà, che sono un diritto e un dovere nello stesso tempo, e consapevole del grave senso di responsabilità che le incombe in una svolta così decisiva della storia nazionale, prima di chiudere i suoi lavori, indirizza a tutti gli antifascisti d intelligenza e di cuore un doveroso saluto e un pressante appello, chiedendo loro di collaborare serenamente e spassionatamente alla opera di rieducazione politica e sociale della gioventù lucana avvilita, come il resto del popolo italiano, da un ventennio di coercizione e di oscurantismo dittatoriale. 12 Netto e chiaro fu dunque il giudizio espresso sul ventennio fascista dall associazione degli universitari lucani e l impegno di collaborare alla rieducazione politica e sociale della gioventù lucana. Le cronache dell epoca 13 riferiscono, inoltre, della pubblicazione, da parte dell associazione sindacale degli studenti universitari, di un numero unico, Universitario, edito nel marzo del 1944, mentre in quello stesso periodo venne assunta dall associazione l iniziativa di farsi promotrice di una sottoscrizione pro studenti profughi rifugiati in Lucania 14. vennero in tal senso stilate apposite liste e si raccolsero anche libri per i fratelli prigionieri che languiscono nei campi di concentramento. Il 14 maggio 1944, una settimana prima della celebrazione del primo congresso comunista a Potenza (21-22 maggio) con la partecipazione di Palmiro Togliatti, venne editato inoltre, dall associazione sindacale degli studenti universitari lucani, il periodico Battaglie Goliardiche 15, una pubblicazione diretta dal ventitreenne Claudio Merenda, uno dei fondatori della DC potentina, proveniente dalle fila dell azione cattolica, dirigente diocesano e ispettore regionale dei comitati civici. 16 L attività dell associazione proseguì in quei mesi con alcune conversazioni e incontri con esponenti politici 17, mentre da parte dei partiti iniziavano gli appelli ai giovani per ricostruire nella libertà la martoriata Italia. 18 Sta di fatto che alle proteste degli studenti contro i deliberati del ministro della pubblica istruzione Adolfo Omodeo (facente parte del secondo governo Badoglio) vi furono a Potenza fermi arbitrari di alcuni studenti da parte della Questura. Furono commentati sul periodico potentino del partito comunista Azione Proletaria così: Non comprendiamo (...) il bisogno delle misure adottate nei confronti di questi giovani che aspirano ad essere compresi nei loro bisogni, sorretti nell opera faticosa della ricostruzione della scuola, sollecitati verso la riabilitazione dei valori intellettuali. Sugli organi dello Stato sovrasta il dovere di prendere in esame tutti i problemi che si affacciano in quest angosciosa ripresa della vita della nazione, tutte le proteste che non sempre rivelano indisciplina inconsulta o rivolta arbitraria e che non è lecito a nessuno soffocare con metodi che ricordano il troppo recente passato. 19 La lunga mano della repressione di una base associativa fondata sui valori dell antifascismo era giunta fino a Potenza, che nel capoluogo di regione aveva avuto il proprio sottosegretario e poi Ministro degli Interni, Vito Reale (dal 16 dicembre 1943 al 22 aprile 1944, durante il primo governo Badoglio), aderente alla Democrazia del Lavoro. E vero d altronde che il prosieguo delle vicende politico-istituzionali nel corso del 1944 (dopo la svolta di Salerno con il succedersi del governo Bardoglio, l istituzione dell Alto Commissariato per l epurazione nazionale dal fascismo, la formazione del governo presieduto da Ivanoe Bonomi, primo governo di unità antifascista dei partiti nella storia italiana e primo governo d Europa che includeva rappresentanti comunisti) vide impegnati diversamente, e in partiti distinti, i dirigenti universitari antifascisti che avevano dato vita alla associazione universitaria sindacale Luigi La Vista. 61

4 A distanza di un anno circa dalla sua costituzione, sul periodico della democrazia cristiana edito a Potenza si lamentava che l associazione dopo breve, varia ed intelligente attività, si fosse spenta silenziosamente, come a significare che i nostri universitari, presi dagli innumerevoli diversivi della vita cittadina, non avessero tempo ogni tanto di riunirsi per trattare di Marx o di Mazzini, di dittature o di democrazie, per organizzare una data iniziativa, per stare insomma un po insieme. 20 In quella cronaca si sollecitavano nuovamente gli universitari a riunirsi per conoscersi ed affratellarsi in modo da saper lottare con lealtà, con onestà, con sincerità per il loro bene e forse anche per quello della collettività. L invito, che già sottintendeva forme diverse di impegno, non restò inascoltato. Due giorni dopo in un aula dell Istituto magistrale di Potenza, un congruo numero di universitari, iscritti e non iscritti all associazione si riunì per considerare la possibilità di ripresa dell attività organizzativa, ormai abbandonata dai soci 21 In quella riunione domenicale, dopo ampie discussioni, con una deliberazione di carattere provvisorio, venne nominata una giunta temporanea con il compito di riallacciarsi alla passata attività riordinando la situazione esistente e formulando al più presto un piano di iniziative a carattere finanziario ed organizzativo. Allo stato delle ricerche non è possibile evincere se vi furono ulteriori riunioni dal momento che sui giornali dell epoca non si riscontrano informazioni in tal senso. Altra cosa è la notizia del giugno 1945, riportata sul settimanale della federazione socialista provinciale edito a Potenza, riguardante la costituzione nel capoluogo di regione di un club universitario destinato a raccogliere tutti gli studenti universitari, i laureati ed i diplomati, di età non superiore ai trentadue anni allo scopo di svolgere una attività culturale, assistenziale, sportiva e ricreativa creando vincoli di affettuosa solidarietà tra tutti i giovani studenti. 22 Come si può evincere chiaramente gli intenti e le finalità associative risultavano ormai completamente mutati rispetto a quanto perseguito a livello sindacale e culturale dai giovani universitari lucani che si erano associati nella prima metà del NOTE 1) R. SCOTELLARO, Lettere a Tommaso Pedio, a cura di Raffaele Nigro, ed. Osanna, Venosa (d ora in poi L.T.P., pp Già in altra lettera del tricaricese a Tommaso Pedio, del 26 dicembre 1943, in cui si fa cenno, tra l altro, alla riunione svoltasi in casa di Scotellaro per la costituzione della sezione socialista, si può leggere: la riunione fu imponente. La stanza non era troppo più larga di quella di Potenza in cui si sarebbe dovuto lavorare per L Ass. Stud. (R. Scotellaro, L.T.P., ivi, p. 45). 2) P. SALVETTI, M. ALICATA, in AA.VV., Il Parlamento Italiano, , Il Centrismo, Apogeo e caduta di De Gasperi, ed. Nuova Cei informatica, Milano, 1991, vol. 16, pp ) M. RESTIVO, Origine e sviluppo della stampa in Basilicata, Pietro Lacaita ed., Manduria (Lecce) 1993, pp ) AA.VV., Un poeta come Scotellaro, ed. Cometa, Roma ) Tra il Mario Alicata (Reggio Calabria, 8 maggio 1918 Roma, 6 dicembre 1966) prestava la sua firma a Il Meridiano di Roma con Mario Socrate, Sotgiu, Antonello Trombadori nella rubrica di polemica letteraria. Dall aprile del 1940 al maggio del 1941 fu nel comitato di redazione della rivista La Ruota assieme a Trombadori, Giuliano Briganti, Carlo Muscetta, Guglielmo Petroni, quando le divergenze politico redazionali con il direttore della rivista Meschini lo indussero a troncare quell esperienza. A partire dal 1940 Alicata collaborò inoltre come critico letterario a Primato, diretto da Giuseppe Bottai e da Giorgio Vecchietti, e ad Oggi, diretto da Arrigo Benedetti e Mario Pannunzio. Si era laureato, nell estate del 1940, con una tesi in letteratura italiana, dive- 62

5 nendo assistente di Natalino Sapegno. Nel 1941 Alicata estese i propri interessi al campo cinematografico, lavorando come sceneggiatore per la realizzazione del film Ossessione di Lucchino Visconti e iniziò a collaborare alla casa editrice Einaudi, quale redattore della sede romana. Aveva l incarico di proporre nuovi autori e scrittori di letteratura italiana contemporanea, collaborando con Cesare Pavese nella proposta di autori stranieri per la collana Biblioteca dello Struzzo e di curare i rapporti con il Ministero della Cultura popolare per ottenere l approvazione dei titoli proposti. Arrestato il 29 dicembre del 1942 per avere avuto contatti con il gruppo comunista romano Scintilla, rimase in carcere a Regina Coeli per oltre sette mesi sino al 6 agosto Dopo l 8 settembre 1943 e fin dopo la liberazione di Roma (giugno 1944) diresse L Unità clandestina di Roma nei mesi dell occupazione nazista della città. Scrisse lui l articolo che rivendicava con orgoglio ai GAP (Gruppi di azione patriottica) comunisti romani la responsabilità dell attacco contro una colonna tedesca di polizia in via Rasella il 23 marzo Nell attentato a cui parteciparono dieci persone (Rosario Bentivegna, Carla Capponi., Carlo Salinari, Franco Calamandrei, Raoul Falcioni, Francesco Currelli, Silvio Serra, Pasquale Balsamo, Fernando Vitaliano, Guglielmo Blasi) perirono 13 civili, 33 soldati del battaglione Bozen ed un agente di pubblica sicurezza autista del questore. L attentato portò alla rappresaglia nazista delle Fosse Ardeatine, con l uccisione di 335 persone. Nell ottobre 1944 Alicata fu inviato a Napoli per dirigere, assieme al socialista L. Porzio, La Voce, giornale diretto in condominio da comunisti e socialisti, sostituendo Eugenio Reale, nominato sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri nel secondo governo presieduta da Ivanoe Bonomi. Dal 23 gennaio 1946 fu nominato condirettore de L Unità a Roma, accanto a Velio Sapano, combinando l attività di consigliere comunale a Napoli e di membro del comitato direttivo della Federazione comunista nella stessa città. Nel luglio 1946 fu nuovamente inviato a Napoli per assumere la direzione de La Voce, periodico che cessò le pubblicazioni nel ) La poesia di Rocco Scotellaro Letargo fu pubblicata su Il meridiano di Roma l 11 ottobre Sullo stesso periodico apparve l 11 aprile 1943 la poesia Ultimo Ottobre. 7) Sempre nel corso del 1944 il 20 luglio furono trasferite all amministrazione italiana le altre province campane, Foggia e Campobasso; il 15 agosto le province di Roma, Latina e Frosinone; il 16 ottobre le altre province laziali e quelle abruzzesi; il 9 maggio 1945 le province umbre, marchigiane e quelle di Arezzo, Grosseto e Siena; il 18 giugno le altre province toscane; il 31 dicembre tutte le province dell Italia settentrionale meno Bolzano, Udine, Gorizia, Trieste, Pola e Fiume; il 14 dicembre 1947, data di entrata in vigore del Trattato di pace e di termine del regime armistiziale, passarono all amministrazione italiana anche queste ultime province, salvo quelle interessate al cosiddetto territorio libero di Trieste. Cfr. Ugo Siervo, Il nodo istituzionale ( ), in AA. VV., Il Parlamento italiano, : Dalla resistenza alla democrazia. Da Badoglio a De Gasperi, ed. Nuova Cei informatica, Milano 1989, vol. 13, pp ) Da Potenza. Associazione Sindacale Universitaria L. La Vista, L Ordine, periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 15 marzo 1944, a. 3, n. 4, numero speciale, p. 6; 9) L Ordine, periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 15 febbraio 1944, a. 3, n. 1, p ) Il Gazzettino dell 8 e del 28 marzo 1944; L Ordine del 15 marzo e del 30 maggio 1944, del 12 e del 25 gennaio 1945; Azione Proletaria del 21 maggio e del 4 giugno ) La costituzione di un associazione universitaria, il Gazzettino, Potenza 8 marzo a- 1. n. 3. p ) Cfr. nota 8. 13) Il primo giornale sindacale, il Gazzettino, Potenza 28 marzo 1944, a. 1, n. 5, p ) Nel Sindacato Universitari, Il Gazzettino, Potenza 28 marzo 1944, a. 1, n. 5, p ) Il numero Battaglie Goliardiche del 14 maggio 1944, contenente l articolo di Rocco Scotellaro Memoria di Prampolini è posseduto dallo studioso Pietro Varuolo, di Pomarico, nella sua biblioteca privata, come documenta Maurizio Restivo, nel suo testo già citato (alla nostra nota 3) alle pp. 133 e succ. Sullo stesso argomento cfr. inoltre: Saluto agli studenti, Azione Proletaria, settimanale del Partito Comunista, Potenza 21 maggio 1944, a. 1, n. 1, p

6 16) G. ARCIERI (a cura di), 40 anni di democrazia. Uomini della Basilicata Tecnica Eliografica, Potenza, 1986, pp ) Conversazioni nella L. La Vista, L Ordine, periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 30 maggio 1944, a. 3, n. 9, p. 3, Il compagno Pellicani parla agli studenti, Azione Proletaria, settimanale del Partito Comunista, Potenza 4 giugno 1944, a. 1, n. 3, p ) Un appello ai giovani, L Ordine, periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 30 maggio 1944, a. 1, n. 3, p ) Le proteste degli studenti e i metodi della Questura, Azione Proletaria, settimanale del Partito Comunista, Potenza 4 giugno 1944, a. 1, n. 3, p ) Associazione Universitaria L. La Vista, L Ordine periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 12 gennaio 1945, a. 4, n. 27, p ) Associazione Universitaria L. La Vista, L Ordine periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 25 gennaio 1945, a. 4, n. 28, p ) Attività Universitaria, Il Lavoratore, settimanale della Federazione Socialista provinciale, Potenza 2 giugno 1945, a. XVII, n. 13, p

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

(N.132) Legge sulla divisione ed amministrazione delle province del regno.

(N.132) Legge sulla divisione ed amministrazione delle province del regno. (N.132) Legge sulla divisione ed amministrazione delle province del regno. Napoli 8 Agosto GIUSEPPE NAPOLEONE per la grazia di Dio Re di Napoli e di Sicilia, Principe Francese, Grand Elettore dell Impero.

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Antonino Gaudesi. Curriculum vitae. Informazioni personali. Settore professionalegaudesi. Esperienza professionale. Data di nascita 21/07/1961

Antonino Gaudesi. Curriculum vitae. Informazioni personali. Settore professionalegaudesi. Esperienza professionale. Data di nascita 21/07/1961 Curriculum vitae Antonino Gaudesi Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) GAUDESI ANTONINO Cittadinanza ITALIANA Data di nascita 21/07/1961 Sesso MASCHILE Settore professionalegaudesi COMUNICAZIONE/PUBBLICHE

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario

Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Elenco enti, istituti e aziende per il diritto allo studio universitario Ancona Ente regionale per il diritto allo studio universitario (Ersu), Vicolo della Serpe 1, 60121 Ancona, tel. 071-227411 (centr.),

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Le donne della Costituente

Le donne della Costituente Biblioteca del Senato Emeroteca Le donne della Costituente Ottobre 2008 Tutti i quotidiani e i periodici riprodotti fanno parte della raccolta della Biblioteca del Senato. Per ogni titolo è indicata la

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

MOVIMENTO STUDENTESCO E SINDACALE A ROVERETO CENSIMENTO

MOVIMENTO STUDENTESCO E SINDACALE A ROVERETO CENSIMENTO MOVIMENTO STUDENTESCO E SINDACALE A ROVERETO CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo «Movimento studentesco e sindacale a Rovereto» raccoglie materiali versati congiuntamente da Quinto Antonelli,

Dettagli

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi.

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. 6 maggio 2013 Perché l embrione umano è già uno di noi Comitato italiano UNO DI NOI Lungotevere dei Vallati 10, 00186

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015

Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015 Intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia celebrativa del 70 Anniversario della Liberazione Milano, 25 aprile 2015 Come è bella Milano, imbandierata a festa, che si unisce

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

LO STATUTO DELLA CGIL (APPROVATO AL XVI CONGRESSO - RIMINI 5-8 MAGGIO 2010)

LO STATUTO DELLA CGIL (APPROVATO AL XVI CONGRESSO - RIMINI 5-8 MAGGIO 2010) LO STATUTO DELLA CGIL (APPROVATO AL XVI CONGRESSO - RIMINI 5-8 MAGGIO 2010) INDICE TITOLO I Principi costitutivi Articolo 1 - Definizione Articolo 2 - Principi fondamentali Articolo 3 - Iscrizione alla

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL

PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL PER CONOSCERE L ITAL Breve storia del Patronato della UIL di Gianni Salvarani Vice Presidente dell Istituto di Studi Sindacali UIL Solo con l avvento della Repubblica, conquistata con la Resistenza, anche

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli