NOTIZIE LÕASSOCIAZIONE UNIVER- SITARIA ÒLUIGI LA VISTAÓ BASILICATA REGIONE CULTURA. Giuseppe Settembrino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIE LÕASSOCIAZIONE UNIVER- SITARIA ÒLUIGI LA VISTAÓ BASILICATA REGIONE CULTURA. Giuseppe Settembrino"

Transcript

1 BASILICATA REGIONE NOTIZIE CULTURA LÕASSOCIAZIONE UNIVER- SITARIA ÒLUIGI LA VISTAÓ Giuseppe Settembrino Sto lavorando anche per l Ass. Studi in senso buono per noi : così Rocco Scotellaro scriveva a Tommaso Pedio, principale referente negli anni del suo iniziale impegno politico, in una lettera 1 risalente ai primi di gennaio del Lo informa così dell attività profusa per arrivare a costituire l associazione universitaria Luigi La Vista, significativamente intitolata al giovane venosino che nato nel 1826 fu fucilato dai mercenari svizzeri al soldo di Ferdinando II sulle barricate napoletane il 15 Maggio Anche nel mondo universitario della Lucania regione da sempre priva di sede universitaria, si può dire venivano maturando aperti atteggiamenti critici di antifascismo nutrito nella clandestinità di rapporti, di discussioni, di militanza politica. Era però un attività limitata a singole personalità sia locali che esterne cresciute in altre realtà urbane extraregionali, dove avevano potuto stringere contatti con esponenti politici italiani clandestini e confinati, presenti in numero consistente anche in Basilicata. D altra parte in luoghi e città da sempre elettivi per la formazione della gioventù lucana universitaria (ad esempio la città di Napoli), quella parte di giovani già orientata verso l antifascismo aveva potuto trovare occasione di dibattito non solo letterario, ma anche politico in diverse manifestazioni ufficiali indette dal fascismo. Ai Littoriali della città partenopea nel 1937 ed a Palermo nel 1938 avevano partecipato, ad esempio, Bruno Zevi e Mario Alicata 2, quest ultimo responsabile della Gioventù Universitaria Fascista (GUF) di Lettere a Roma, prima dell inizio della sua militanza attiva (1940) nel nucleo antifascista comunista romano di cui facevano parte, tra gli altri, Lucio Lombardo Radice, Bruno Sanguinetti, Aldo Natoli, Pietro Amendola, Paolo Bufalini, Pietro Ingrao. Nella città di Potenza, nel 1940, era stato stampato un numero unico GUF da parte di un gruppo di giovani universitari fascisti 3, mentre agli inizi del 1942 e sino al 1943 venne editato il quindicinale 59

2 governo, trasferitisi a Brindisi dopo i tragici fatti di Roma dell 8 settembre 1943, ebbero competenza (sino al 10 febbraio 1944) solo nelle province di Bari, Brindisi, Lecce, Taranto. con il trasferimento della capitale del regno del sud a Salerno vennero lasciate alla sua amministrazione anche le province siciliane, sarde, calabresi, lucane e la provincia di Salerno. 7 Vi è da tener presente, inoltre, che il meridione e le isole erano sottoposte al regime di occupazione bellica, dopo l armistizio firmato a Cassabile (Sicilia) il 3 settembre del Nei territori occupati agiva il Governo Militare Alleato (AMGOT, poi AMG), con vastissimi poteri sul governo italiano da parte della Commissione Alleata di Controllo (ACC, poi AC). In tale situazione, mentre da parte del Comitato di Liberazione Nazionale si stava preparando a Bari per il 28 Gennaio 1944, il primo congresso dei comitati di liberazione dell Italia meridionale e delle isole (dopo il divieto opposto dalle autorità militari alleate a svolgerlo per il 20 Dicembre 1943 a Napoli, per la vicinanza della città al fronte di guerra) e i partiti avevano già ripreso a riorganizzare le fila della propria organizzazione politica nonostante persistesse nel Meridione l ostilità del governo monarchico e degli alleati, a Potenza si perseguì anche la ricostruzione nella regione di un nuovo assetto associativo nel mondo studentesco universitario e giovanile, esplicitamente rifondandolo sui valori dell antifascismo, su cui gli stessi partiti aderenti al CLN ormai basavano la propria azione per la ricostruzione morale e materiale del Paese. L iniziativa della costituzione di un nuova associazione universitaria venne assunta da un gruppo di studenti antifascisti (Claudio Merenda, Giuseppe Ciranna, Rocco Scotellaro ed altri), un movimento di giovani intellettuali con l intento di promuovere una revisione dei valori morali,culturali e politici della gioventù lucana. Raggruppava al proprio interno in sindacato libero gli studenti universitari della regione per la difesa degli interessi materiali e culturali della classe studentesca lucana. 8 Preannunciata 9 e seguita con interesse negli ambienti politici del capoluogo di regione, l attività dell associazione trova ancora riscontro in diverse cronache dei periodici dell epoca. 10 L associazione universitaria Luigi La Vista venne costituita a Potenza il 20 gennaio In una movimentata riunione 11 svoltasi in un aula del regio Istituto Magistrale fu approvato lo statuto e si provvide alla elezione delle cariche sociali. Nell assemblea generale dei soci il 5 marzo furono assunte diverse deliberazioni di carattere organizzativo e venne eletto il comitato Potenza Fascista, diretto prima da Franco Luongo, poi da Nino Popolizio, il cui capo-redattore era il direttore del Museo Archeologico provinciale, Concetto Valente. Su questo periodico è possibile rinvenire ancora, nel numero del 25 aprile 1943, notizie sullo svolgimento dei ludi lucani, campani e pugliesi, tra cui Rocco Scotellaro (classificatosi secondo al convegno letterario per il Guf di Matera), al quale il periodico Il Meridiano di Roma 5, aveva pubblicato alcuni giorni prima un altra poesia dopo quella apparsa l anno prima sul periodico. 6 Al fine di introdurre velocemente e solo per cenni il quadro degli avvenimenti determinatisi in Italia dopo la destituzione di Mussolini, la formazione del primo governo Badoglio e lo scioglimento del Partito nazionale Fascista, occorrerà ricordare che, firmato l armistizio con i nuovi alleati anglo-americani, la cosiddetta Italia del Re dichiarò guerra alla Germania il 13 ottobre del 1943, mentre il Comitato di Liberazione nazionale (vi aderivano i sei partiti antifascisti) immediatamente pose il problema della legittimazione della monarchia a rappresentare il Paese nella lotta di liberazione, chiedendo al governo l impegno di convocare il popolo al cessare delle ostilità per decidere sulla forma istituzionale dello Stato. Il re ed il suo 60

3 direttivo. In quella sede venne approvato tra l altro, un ordine del giorno così formulato: L assemblea della Luigi La Vista, convinta che solo una salda coscienza politica possa dare ai suoi membri il giusto senso delle civiche libertà, che sono un diritto e un dovere nello stesso tempo, e consapevole del grave senso di responsabilità che le incombe in una svolta così decisiva della storia nazionale, prima di chiudere i suoi lavori, indirizza a tutti gli antifascisti d intelligenza e di cuore un doveroso saluto e un pressante appello, chiedendo loro di collaborare serenamente e spassionatamente alla opera di rieducazione politica e sociale della gioventù lucana avvilita, come il resto del popolo italiano, da un ventennio di coercizione e di oscurantismo dittatoriale. 12 Netto e chiaro fu dunque il giudizio espresso sul ventennio fascista dall associazione degli universitari lucani e l impegno di collaborare alla rieducazione politica e sociale della gioventù lucana. Le cronache dell epoca 13 riferiscono, inoltre, della pubblicazione, da parte dell associazione sindacale degli studenti universitari, di un numero unico, Universitario, edito nel marzo del 1944, mentre in quello stesso periodo venne assunta dall associazione l iniziativa di farsi promotrice di una sottoscrizione pro studenti profughi rifugiati in Lucania 14. vennero in tal senso stilate apposite liste e si raccolsero anche libri per i fratelli prigionieri che languiscono nei campi di concentramento. Il 14 maggio 1944, una settimana prima della celebrazione del primo congresso comunista a Potenza (21-22 maggio) con la partecipazione di Palmiro Togliatti, venne editato inoltre, dall associazione sindacale degli studenti universitari lucani, il periodico Battaglie Goliardiche 15, una pubblicazione diretta dal ventitreenne Claudio Merenda, uno dei fondatori della DC potentina, proveniente dalle fila dell azione cattolica, dirigente diocesano e ispettore regionale dei comitati civici. 16 L attività dell associazione proseguì in quei mesi con alcune conversazioni e incontri con esponenti politici 17, mentre da parte dei partiti iniziavano gli appelli ai giovani per ricostruire nella libertà la martoriata Italia. 18 Sta di fatto che alle proteste degli studenti contro i deliberati del ministro della pubblica istruzione Adolfo Omodeo (facente parte del secondo governo Badoglio) vi furono a Potenza fermi arbitrari di alcuni studenti da parte della Questura. Furono commentati sul periodico potentino del partito comunista Azione Proletaria così: Non comprendiamo (...) il bisogno delle misure adottate nei confronti di questi giovani che aspirano ad essere compresi nei loro bisogni, sorretti nell opera faticosa della ricostruzione della scuola, sollecitati verso la riabilitazione dei valori intellettuali. Sugli organi dello Stato sovrasta il dovere di prendere in esame tutti i problemi che si affacciano in quest angosciosa ripresa della vita della nazione, tutte le proteste che non sempre rivelano indisciplina inconsulta o rivolta arbitraria e che non è lecito a nessuno soffocare con metodi che ricordano il troppo recente passato. 19 La lunga mano della repressione di una base associativa fondata sui valori dell antifascismo era giunta fino a Potenza, che nel capoluogo di regione aveva avuto il proprio sottosegretario e poi Ministro degli Interni, Vito Reale (dal 16 dicembre 1943 al 22 aprile 1944, durante il primo governo Badoglio), aderente alla Democrazia del Lavoro. E vero d altronde che il prosieguo delle vicende politico-istituzionali nel corso del 1944 (dopo la svolta di Salerno con il succedersi del governo Bardoglio, l istituzione dell Alto Commissariato per l epurazione nazionale dal fascismo, la formazione del governo presieduto da Ivanoe Bonomi, primo governo di unità antifascista dei partiti nella storia italiana e primo governo d Europa che includeva rappresentanti comunisti) vide impegnati diversamente, e in partiti distinti, i dirigenti universitari antifascisti che avevano dato vita alla associazione universitaria sindacale Luigi La Vista. 61

4 A distanza di un anno circa dalla sua costituzione, sul periodico della democrazia cristiana edito a Potenza si lamentava che l associazione dopo breve, varia ed intelligente attività, si fosse spenta silenziosamente, come a significare che i nostri universitari, presi dagli innumerevoli diversivi della vita cittadina, non avessero tempo ogni tanto di riunirsi per trattare di Marx o di Mazzini, di dittature o di democrazie, per organizzare una data iniziativa, per stare insomma un po insieme. 20 In quella cronaca si sollecitavano nuovamente gli universitari a riunirsi per conoscersi ed affratellarsi in modo da saper lottare con lealtà, con onestà, con sincerità per il loro bene e forse anche per quello della collettività. L invito, che già sottintendeva forme diverse di impegno, non restò inascoltato. Due giorni dopo in un aula dell Istituto magistrale di Potenza, un congruo numero di universitari, iscritti e non iscritti all associazione si riunì per considerare la possibilità di ripresa dell attività organizzativa, ormai abbandonata dai soci 21 In quella riunione domenicale, dopo ampie discussioni, con una deliberazione di carattere provvisorio, venne nominata una giunta temporanea con il compito di riallacciarsi alla passata attività riordinando la situazione esistente e formulando al più presto un piano di iniziative a carattere finanziario ed organizzativo. Allo stato delle ricerche non è possibile evincere se vi furono ulteriori riunioni dal momento che sui giornali dell epoca non si riscontrano informazioni in tal senso. Altra cosa è la notizia del giugno 1945, riportata sul settimanale della federazione socialista provinciale edito a Potenza, riguardante la costituzione nel capoluogo di regione di un club universitario destinato a raccogliere tutti gli studenti universitari, i laureati ed i diplomati, di età non superiore ai trentadue anni allo scopo di svolgere una attività culturale, assistenziale, sportiva e ricreativa creando vincoli di affettuosa solidarietà tra tutti i giovani studenti. 22 Come si può evincere chiaramente gli intenti e le finalità associative risultavano ormai completamente mutati rispetto a quanto perseguito a livello sindacale e culturale dai giovani universitari lucani che si erano associati nella prima metà del NOTE 1) R. SCOTELLARO, Lettere a Tommaso Pedio, a cura di Raffaele Nigro, ed. Osanna, Venosa (d ora in poi L.T.P., pp Già in altra lettera del tricaricese a Tommaso Pedio, del 26 dicembre 1943, in cui si fa cenno, tra l altro, alla riunione svoltasi in casa di Scotellaro per la costituzione della sezione socialista, si può leggere: la riunione fu imponente. La stanza non era troppo più larga di quella di Potenza in cui si sarebbe dovuto lavorare per L Ass. Stud. (R. Scotellaro, L.T.P., ivi, p. 45). 2) P. SALVETTI, M. ALICATA, in AA.VV., Il Parlamento Italiano, , Il Centrismo, Apogeo e caduta di De Gasperi, ed. Nuova Cei informatica, Milano, 1991, vol. 16, pp ) M. RESTIVO, Origine e sviluppo della stampa in Basilicata, Pietro Lacaita ed., Manduria (Lecce) 1993, pp ) AA.VV., Un poeta come Scotellaro, ed. Cometa, Roma ) Tra il Mario Alicata (Reggio Calabria, 8 maggio 1918 Roma, 6 dicembre 1966) prestava la sua firma a Il Meridiano di Roma con Mario Socrate, Sotgiu, Antonello Trombadori nella rubrica di polemica letteraria. Dall aprile del 1940 al maggio del 1941 fu nel comitato di redazione della rivista La Ruota assieme a Trombadori, Giuliano Briganti, Carlo Muscetta, Guglielmo Petroni, quando le divergenze politico redazionali con il direttore della rivista Meschini lo indussero a troncare quell esperienza. A partire dal 1940 Alicata collaborò inoltre come critico letterario a Primato, diretto da Giuseppe Bottai e da Giorgio Vecchietti, e ad Oggi, diretto da Arrigo Benedetti e Mario Pannunzio. Si era laureato, nell estate del 1940, con una tesi in letteratura italiana, dive- 62

5 nendo assistente di Natalino Sapegno. Nel 1941 Alicata estese i propri interessi al campo cinematografico, lavorando come sceneggiatore per la realizzazione del film Ossessione di Lucchino Visconti e iniziò a collaborare alla casa editrice Einaudi, quale redattore della sede romana. Aveva l incarico di proporre nuovi autori e scrittori di letteratura italiana contemporanea, collaborando con Cesare Pavese nella proposta di autori stranieri per la collana Biblioteca dello Struzzo e di curare i rapporti con il Ministero della Cultura popolare per ottenere l approvazione dei titoli proposti. Arrestato il 29 dicembre del 1942 per avere avuto contatti con il gruppo comunista romano Scintilla, rimase in carcere a Regina Coeli per oltre sette mesi sino al 6 agosto Dopo l 8 settembre 1943 e fin dopo la liberazione di Roma (giugno 1944) diresse L Unità clandestina di Roma nei mesi dell occupazione nazista della città. Scrisse lui l articolo che rivendicava con orgoglio ai GAP (Gruppi di azione patriottica) comunisti romani la responsabilità dell attacco contro una colonna tedesca di polizia in via Rasella il 23 marzo Nell attentato a cui parteciparono dieci persone (Rosario Bentivegna, Carla Capponi., Carlo Salinari, Franco Calamandrei, Raoul Falcioni, Francesco Currelli, Silvio Serra, Pasquale Balsamo, Fernando Vitaliano, Guglielmo Blasi) perirono 13 civili, 33 soldati del battaglione Bozen ed un agente di pubblica sicurezza autista del questore. L attentato portò alla rappresaglia nazista delle Fosse Ardeatine, con l uccisione di 335 persone. Nell ottobre 1944 Alicata fu inviato a Napoli per dirigere, assieme al socialista L. Porzio, La Voce, giornale diretto in condominio da comunisti e socialisti, sostituendo Eugenio Reale, nominato sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri nel secondo governo presieduta da Ivanoe Bonomi. Dal 23 gennaio 1946 fu nominato condirettore de L Unità a Roma, accanto a Velio Sapano, combinando l attività di consigliere comunale a Napoli e di membro del comitato direttivo della Federazione comunista nella stessa città. Nel luglio 1946 fu nuovamente inviato a Napoli per assumere la direzione de La Voce, periodico che cessò le pubblicazioni nel ) La poesia di Rocco Scotellaro Letargo fu pubblicata su Il meridiano di Roma l 11 ottobre Sullo stesso periodico apparve l 11 aprile 1943 la poesia Ultimo Ottobre. 7) Sempre nel corso del 1944 il 20 luglio furono trasferite all amministrazione italiana le altre province campane, Foggia e Campobasso; il 15 agosto le province di Roma, Latina e Frosinone; il 16 ottobre le altre province laziali e quelle abruzzesi; il 9 maggio 1945 le province umbre, marchigiane e quelle di Arezzo, Grosseto e Siena; il 18 giugno le altre province toscane; il 31 dicembre tutte le province dell Italia settentrionale meno Bolzano, Udine, Gorizia, Trieste, Pola e Fiume; il 14 dicembre 1947, data di entrata in vigore del Trattato di pace e di termine del regime armistiziale, passarono all amministrazione italiana anche queste ultime province, salvo quelle interessate al cosiddetto territorio libero di Trieste. Cfr. Ugo Siervo, Il nodo istituzionale ( ), in AA. VV., Il Parlamento italiano, : Dalla resistenza alla democrazia. Da Badoglio a De Gasperi, ed. Nuova Cei informatica, Milano 1989, vol. 13, pp ) Da Potenza. Associazione Sindacale Universitaria L. La Vista, L Ordine, periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 15 marzo 1944, a. 3, n. 4, numero speciale, p. 6; 9) L Ordine, periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 15 febbraio 1944, a. 3, n. 1, p ) Il Gazzettino dell 8 e del 28 marzo 1944; L Ordine del 15 marzo e del 30 maggio 1944, del 12 e del 25 gennaio 1945; Azione Proletaria del 21 maggio e del 4 giugno ) La costituzione di un associazione universitaria, il Gazzettino, Potenza 8 marzo a- 1. n. 3. p ) Cfr. nota 8. 13) Il primo giornale sindacale, il Gazzettino, Potenza 28 marzo 1944, a. 1, n. 5, p ) Nel Sindacato Universitari, Il Gazzettino, Potenza 28 marzo 1944, a. 1, n. 5, p ) Il numero Battaglie Goliardiche del 14 maggio 1944, contenente l articolo di Rocco Scotellaro Memoria di Prampolini è posseduto dallo studioso Pietro Varuolo, di Pomarico, nella sua biblioteca privata, come documenta Maurizio Restivo, nel suo testo già citato (alla nostra nota 3) alle pp. 133 e succ. Sullo stesso argomento cfr. inoltre: Saluto agli studenti, Azione Proletaria, settimanale del Partito Comunista, Potenza 21 maggio 1944, a. 1, n. 1, p

6 16) G. ARCIERI (a cura di), 40 anni di democrazia. Uomini della Basilicata Tecnica Eliografica, Potenza, 1986, pp ) Conversazioni nella L. La Vista, L Ordine, periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 30 maggio 1944, a. 3, n. 9, p. 3, Il compagno Pellicani parla agli studenti, Azione Proletaria, settimanale del Partito Comunista, Potenza 4 giugno 1944, a. 1, n. 3, p ) Un appello ai giovani, L Ordine, periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 30 maggio 1944, a. 1, n. 3, p ) Le proteste degli studenti e i metodi della Questura, Azione Proletaria, settimanale del Partito Comunista, Potenza 4 giugno 1944, a. 1, n. 3, p ) Associazione Universitaria L. La Vista, L Ordine periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 12 gennaio 1945, a. 4, n. 27, p ) Associazione Universitaria L. La Vista, L Ordine periodico della Democrazia Cristiana, Potenza 25 gennaio 1945, a. 4, n. 28, p ) Attività Universitaria, Il Lavoratore, settimanale della Federazione Socialista provinciale, Potenza 2 giugno 1945, a. XVII, n. 13, p

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 18 del 18.05.05

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

STATUTO. DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1. "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste

STATUTO. DELLA FONDAZIONE proposta ARTICOLO 1. Assidipost-Federmanager (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste STATUTO DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1 "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste Italiane) aderente a "Federmanager" e "CIDA" (Confederazione Italiana Dirigenti

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO

FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO FEDERAZIONE TRA LE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELLE PERSONE CON DISABILITA STATUTO E REGOLAMENTO Avvertenze: Il presente testo contiene alternativamente gli articoli dello Statuto della Federazione e del Regolamento.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Finalità e attività

ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Finalità e attività ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANIMALCORTILE ATTO COSTITUTIVO E STATUTO Art. 1 Costituzione E costituita tra i sottoscriventi una libera associazione di volontariato avente la seguente denominazione: Associazione

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 a cura di Marco Giovanella Il fondo di Paolo Toniolatti (Trento 1941- ) è pervenuto al Centro di documentazione «Mauro Rostagno»

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE "ARCHIVIO NAZIONALE CINEMATOGRAFICO DELLA RESISTENZA O.N.L.U.S."

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ARCHIVIO NAZIONALE CINEMATOGRAFICO DELLA RESISTENZA O.N.L.U.S. Allegato "A" al numero 18596 di raccolta STATUTO DELL ASSOCIAZIONE "ARCHIVIO NAZIONALE CINEMATOGRAFICO DELLA RESISTENZA O.N.L.U.S." Articolo 1) Denominazione E costituita un associazione senza scopo di

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO

COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO COMITATO METODOLOGIE di ASSICURAZIONE della QUALITA' REGOLAMENTO Titolo I Denominazione, Funzionamento, Sede, Scopo, Durata Art. 1 - Denominazione Nell ambito dell Associazione Italiana Cultura Qualità

Dettagli

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO

MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO MOVIMENTO PER LA VITA ITALIANO Federazione dei Movimenti per la Vita e dei Centri di Aiuto alla Vita d Italia STATUTO Art. 1 E costituito il Movimento per la vita italiano, Federazione dei Movimenti per

Dettagli

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA 70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA A Ravenna, dal 7 al 21 novembre 2014, si è tenuta la mostra «AL TABÁCHI» per descrivere il ruolo delle donne durante la Seconda Guerra Mondiale e in particolare

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Art. 1 Istituzione 1. Il Comune di Bari istituisce la Consulta comunale degli Studenti Universitari della Città di Bari,

Dettagli

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Alino Ducceschi, sestese di origini toscane, sindacalista della Fiom, tecnico dell azienda Oronzio De Nora Impianti elettrochimici, ha versato alla Fondazione

Dettagli

Associazione Italiana dei Centri Linguistici Universitari AICLU Riunione Assemblea Generale del 30/05/ 2013

Associazione Italiana dei Centri Linguistici Universitari AICLU Riunione Assemblea Generale del 30/05/ 2013 Associazione Italiana dei Centri Linguistici Universitari AICLU Riunione Assemblea Generale del 30/05/ 2013 Verbale Il giorno 30 maggio 2013 alle ore 17.45 presso l Aula Magna del Dipartimento di Giurisprudenza

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA

STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011. A.I.C.C.R.E. Associazione dei Comuni e delle Regioni d Europa EMILIA-ROMAGNA Associazione Italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d Europa Federazione dell Emilia-Romagna STATUTO APPROVATO NELLA SEDUTA CONGRESSUALE AICCRE DEL 14 FEBBRAIO 2011 A.I.C.C.R.E. Associazione

Dettagli

ALLEGATO "C" DELLA RACCOLTA N.18826 STATUTO DELL ENTE BILATERALE NAZIONALE

ALLEGATO C DELLA RACCOLTA N.18826 STATUTO DELL ENTE BILATERALE NAZIONALE ALLEGATO "C" DELLA RACCOLTA N.18826 STATUTO DELL ENTE BILATERALE NAZIONALE Art. 1 Costituzione, denominazione e Soci Fondatori 1. In ottemperanza a quanto disposto dall art. 3 del Contratto Collettivo

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma, Largo Jacobini,

Dettagli

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO 3 4 Capo I Natura e scopi dell A.N.S.I. Art. 1 È costituita l Associazione Nazionale Scuola Italiana (A.N.S.I.) con sede centrale in Roma. Art. 2 L A.N.S.I.

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma. L Associazione

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA 1 STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 La Federconsumatori di Pavia ha sede a Pavia in via G.Cavallini 9 Art. 2 La Federconsumatori di Pavia è una Associazione senza fini

Dettagli

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO

Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO Comitato civico cittadino CENTRO STORICO Genzano di Roma STATUTO ART. 1 Costituzione - Denominazione - Sede È costituito un Comitato civico cittadino denominato Centro Storico, di seguito chiamato anche

Dettagli

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Istituzione della Consulta La Consulta Provinciale delle studentesse e degli studenti

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO APERTO POLIVALENTE ANZIANI ART. 1

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE

STATUTO DELLA FONDAZIONE STATUTO DELLA FONDAZIONE Art. 1 Scopi Tra i costituiti, che si sono proposti di dare un impulso vivo e concreto allo sviluppo dell Europa e dell unità politica europea, attraverso progetti di studio, di

Dettagli

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n.

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 156 del 29/11/08) ART. 1 Ai sensi di quanto previsto dall art. 40 dello Statuto è istituito

Dettagli

E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in

E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in Associazione Universitaria Studentesca DISMI_cREw COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 E costituita il giorno l Associazione Universitaria denominata DISMI SQUAD, con sede legale in Reggio Emilia, via Amendola

Dettagli

A.I.C.S. - Solidarietà

A.I.C.S. - Solidarietà STATUTO ART.1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E costituita l Associazione Regionale fra Comitati Provinciali della Toscana dell A.I.C.S. che operano nel campo delle attività culturali, sportive e sociali

Dettagli

S T A T U T O. Dell Associazione Filatelica Numismatica LA LANTERNA

S T A T U T O. Dell Associazione Filatelica Numismatica LA LANTERNA S T A T U T O Dell Associazione Filatelica Numismatica LA LANTERNA ARTICOLO 1 COSTITUZIONE L Associazione Filatelico Numismatica LA LANTERNA, costituita a Genova con atto notarile registrato all Ufficio

Dettagli

Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo. Associazione Italiana di Mineralogia

Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo. Associazione Italiana di Mineralogia Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo Associazione Italiana di Mineralogia Titolo I Denominazione, oggetto, durata e sede Art.1 Il Gruppo Mineralogico Lombardo è stato fondato nel 1965 presso il Museo

Dettagli

Federazione Sindacale Italiana Osteopati

Federazione Sindacale Italiana Osteopati Fe.S.I.Os. FEDERAZIONE SINDACALE ITALIANA OSTEOPATI Associazione no profit STATUTO ART.1- DENOMINAZIONE È costituita una Associazione denominata Federazione Sindacale - con la sigla Fe.S.I.Os.. Essa è

Dettagli

CURRICULUM DELL ATTIVITA DIDATTICA E SCIENTIFICA DELLA PROF. MARIA RITA SAULLE

CURRICULUM DELL ATTIVITA DIDATTICA E SCIENTIFICA DELLA PROF. MARIA RITA SAULLE CURRICULUM DELL ATTIVITA DIDATTICA E SCIENTIFICA DELLA PROF. MARIA RITA SAULLE Laureata in giurisprudenza nell Università di Roma il 13 Marzo 1958 con voti 110/110 e lode. Assistente volontaria alla Cattedra

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Costituzione e denominazione dell Associazione art. 1 E costituita una Associazione scientifico-culturale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

Statuto Aggiornato 07 maggio 2011

Statuto Aggiornato 07 maggio 2011 CENTRO NAZIONALE PER IL VOLONTARIATO Studi ricerche e collegamento fra le Associazioni Statuto Aggiornato 07 maggio 2011 Art. 1 - COSTITUZIONE E' costituita l'associazione denominata "Centro Nazionale

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO salvadanaio per i boschi ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: assume la forma giuridica di

Dettagli

STATUTO. A.N.P.I. ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D ITALIA Ente Morale D.L. 5 aprile 1945, n. 224

STATUTO. A.N.P.I. ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D ITALIA Ente Morale D.L. 5 aprile 1945, n. 224 A.N.P.I. ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D ITALIA Ente Morale D.L. 5 aprile 1945, n. 224 STATUTO Testo approvato con D.L. 5 aprile 1945, n. 224 pubblicato sulla G.U. n. 61 del 22 maggio 1945 Modificato

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE «CENTRO ANTIMOBBING RODOLFO DEGOLI» STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione, sede, durata E costituita, ai sensi degli artt. 36 e seguenti del codice civile, l

Dettagli

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO

RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO SEGRETERIA GENERALE UFFICIO AFFARI GENERALI RACCOLTA DEGLI STATUTI E REGOLAMENTI IN VIGORE NEL COMUNE DI AREZZO ULTIMA MODIFICA EFFETTUATA CON DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N. 120 DEL 26.06.2007. COORDINAMENTO

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

ASSOCIAZIONE LAVORATORI STRANIERI MCL STATUTO PROVINCIALE

ASSOCIAZIONE LAVORATORI STRANIERI MCL STATUTO PROVINCIALE ASSOCIAZIONE LAVORATORI STRANIERI MCL STATUTO PROVINCIALE Titolo 1 Art 1 costituzione e denominazione Art 2 soci di diritto Art 3 soci Art 4 durata Art 5 scopi e attività Titolo 2 Art 6 organi sociali

Dettagli

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 1. Denominazione STATUTO ALLEGATO A È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 2. Sede L Associazione ha sede legale in Pisa

Dettagli

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo)

Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Regolamento nazionale ANPI (in attuazione dell art. 5 comma 2 lettera f dello Statuto associativo) Art. 1 L iscrizione 1. Tutti possono chiedere l iscrizione all ANPI, alle condizioni previste dallo Statuto

Dettagli

STATUTO DENOMINAZIONE SEDE SCOPO

STATUTO DENOMINAZIONE SEDE SCOPO Art. 1 STATUTO DENOMINAZIONE SEDE SCOPO E' costituita l'associazione culturale (o anche ) di seguito denominata Associazione. La

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore:

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: - RE DONATELLA, nata ad Arezzo il10/04/1970 e residente a M.Montemarciano

Dettagli

STATUTO. Associazione Il Larice Club

STATUTO. Associazione Il Larice Club STATUTO Associazione Il Larice Club Art. 1 - L associazione non riconosciuta denominata Associazione IL LARICE CLUB con sede in Carezzate (VA), Via al Lago n.449, è retta dal seguente statuto. La denominazione

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

STATUTO. Capo I. Generalità - Costituzione - Sede Scopi-durata

STATUTO. Capo I. Generalità - Costituzione - Sede Scopi-durata STATUTO Capo I Generalità - Costituzione - Sede Scopi-durata Art.1- E costituita l Associazione denominata ALTER-MERIDIA. L Associazione è regolata dal presente Statuto, ha sede in Roma, e potrà costituire

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD REGOLAMENTO DEL ROTARY CLUB LECCE SUD tratto dal Manuale di Procedura 2007 ed approvato dall assemblea dei soci il 19 novembre 2009 Articolo 1 - Definizioni 1. Consiglio:

Dettagli

Art. 4 - DIRITTI E DOVERI DEGLI ADERENTI

Art. 4 - DIRITTI E DOVERI DEGLI ADERENTI Art. 1 - COSTITUZIONE 1.1 E costituita l associazione Immagine Pensiero il Prato di Assio che in seguito sarà denominata l associazione. L associazione adotta come riferimento la legge quadro del volontariato

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

La Casa di Margherita

La Casa di Margherita La Casa di Margherita Associazione di Solidarietà Familiare Via Trento Trieste 1-20043 Arcore (MI) www.lacasadimargherita.org Statuto dell Associazione Art. 1 Costituzione 2.1. É costituita l Associazione

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO STATUTO

ATTO COSTITUTIVO E STATUTO STATUTO ATTO COSTITUTIVO E STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE E VOLONTARIATO GIOVANI, ANZIANI INSIEME AGLI STRANIERI GAIAS 15020 Camino AL Via Roma 37 In data 17 luglio 2009 presso i locali della

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

FormaFarma. Associazione culturale senza scopo di lucro S T A T U T O

FormaFarma. Associazione culturale senza scopo di lucro S T A T U T O FormaFarma Associazione culturale senza scopo di lucro Art 1 Denominazione e sede S T A T U T O È costituita l Associazione culturale sotto la denominazione: FormaFarma - Associazione culturale senza scopo

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

Associazione di Volontariato ARCI 690.

Associazione di Volontariato ARCI 690. STATUTO Art 1 E costituita con sede in Cascina, presso i locali della Pubblica Assistenza, Via Comaschi, 46 un Associazione di Volontariato che assume la denominazione di Associazione di Volontariato ARCI

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata

Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata STATUTO FEDERALBERGHI SIENA ASSOCIAZIONE SENESE ALBERGATORI Premessa E costituita nell ambito della provincia di Siena l Associazione Provinciale Imprese Alberghiere denominata FEDERALBERGHI SIENA - ASSOCIAZIONE

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

Decreto 11 settembre 2014 - Sessione di esami per l iscrizione negli albi degli Avvocati anno 2014

Decreto 11 settembre 2014 - Sessione di esami per l iscrizione negli albi degli Avvocati anno 2014 Decreto 11 settembre 2014 - Sessione di esami per l iscrizione negli albi degli Avvocati anno 2014 11 settembre 2014 (pubblicato nella G.U. 4^ Serie Speciale - n.71 del 12 settembre 2014) IL MINISTRO DELLA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE STATUTO

PROVINCIA DI LECCE STATUTO PROVINCIA DI LECCE FORUM PROVINCIALE DEI GIOVANI STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE FINALITÀ E PRINCIPI GENERALI ART. 1 COSTITUZIONE E istituito il Forum Provinciale dei Giovani, di seguito Forum, della Provincia

Dettagli

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo Giancarlo Salmini è stato tra i primi a essere conferito al Centro di documentazione «Mauro Rostagno», alla fine degli anni ottanta.

Dettagli

VIA GIOVANNI AMENDOLA

VIA GIOVANNI AMENDOLA VIA GIOVANNI AMENDOLA Via Giovanni Amendola unisce Via Indipendenza a Via F.lli Cervi. Si tratta di una via situata nel centro del paese.costeggia Piazza dei Quartieri e dopo una curva a destra si immette

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova.

L Associazione ha sede legale in Mantova - Piazza Sordello 43 - l Amministrazione Provinciale di Mantova. Art. 1 COSTITUZIONE E costituita una Associazione ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C. che ha carattere aconfessionale e apartitico, avente la denominazione Collegamento Provinciale del Volontariato

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

STATUTO Statuto di Associazione Circolo Ricreativo Territoriale Cilento affiliato FITeL

STATUTO Statuto di Associazione Circolo Ricreativo Territoriale Cilento affiliato FITeL STATUTO Statuto di Associazione Circolo Ricreativo Territoriale Cilento affiliato FITeL Art. 1 È costituita un associazione ricreativo-culturale denominata: Circolo Ricreativo Territoriale Cilento (Vallo

Dettagli

Statuto dell Associazione sportiva Motoclub S.S. 309 Chioggia-Associazione dilettantistica

Statuto dell Associazione sportiva Motoclub S.S. 309 Chioggia-Associazione dilettantistica Statuto dell Associazione sportiva Motoclub S.S. 309 Chioggia-Associazione dilettantistica Titolo I Denominazione, Sede, Scopo, Durata Art. 1) E costituita con sede in Chioggia, l Associazione Motoclub

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.03.2008) (MODIFICATO CON DELIBERA C.C. NR. 8 DEL 10.03.2009). I N D I C E CAPO I NORME

Dettagli

SARDEGNA SIAPAV REGOLAMENTO SEZIONI REGIONALI - 2008 Pagina 1 di 6

SARDEGNA SIAPAV REGOLAMENTO SEZIONI REGIONALI - 2008 Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO DELLE SEZIONI REGIONALI Approvato Napoli, giorno 11 Dicembre 1998, alla fine dell Assemblea Straordinaria convocata per la modifica di Statuto Modificato Roma, Consiglio Direttivo,nella seduta

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB S T A T U T O Articolo 1 - Denominazione e sede E costituita in Azzano San Paolo (Bg), Via I Maggio n.15, l associazione sportiva denominata: ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB. Articolo

Dettagli

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi Via C. Colombo n. 1 72020 Tel. 0831/622085 Fax 0831/620672 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSOCIAZIONISMO LOCALE Approvato con deliberazione di CC n. 46 del 04/12/2012

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

Statuto dell Associazione ABA Associazione per lo studio, la promozione e la pratica della negoziazione, della conciliazione e della mediazione

Statuto dell Associazione ABA Associazione per lo studio, la promozione e la pratica della negoziazione, della conciliazione e della mediazione Statuto dell Associazione ABA Associazione per lo studio, la promozione e la pratica della negoziazione, della conciliazione e della mediazione Art. 1 Costituzione 1.1 E' costituita l'associazione denominata

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE

STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE STATUTO ASSOCIAZIONE PESCHIERA BENE COMUNE ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE E costituita l associazione culturale apartitica denominata PESCHIERA BENE COMUNE, associazione di fatto, libera, non riconosciuta

Dettagli

L anno millenovecentonovantotto e questo dì venti del mese di ottobre, in Siena, Via Aldo Moro n 2, si sono riuniti/e i/le Sigg.

L anno millenovecentonovantotto e questo dì venti del mese di ottobre, in Siena, Via Aldo Moro n 2, si sono riuniti/e i/le Sigg. ATTO COSTITUTIVO DEL CIRCOLO LEGAMBIENTE DI SIENA L anno millenovecentonovantotto e questo dì venti del mese di ottobre, in Siena, Via Aldo Moro n 2, si sono riuniti/e i/le Sigg.re/re 1 Isidori Paola,

Dettagli

4) Domanda di ammissione.

4) Domanda di ammissione. STATUTO 1) Denominazione e sede. Il 26 settembre 2001 presso il Circolo Sottufficiali di Udine in vicolo d Arcano 5 è costituita l Associazione non riconosciuta denominata TANGHITUDINE con sede a Udine,

Dettagli