Via Divino Amore 129, Frattocchie, Marino (Roma) --- Italiana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Via Divino Amore 129,00040 - Frattocchie, Marino (Roma) rinaldiplm@tiscali.it --- paolo.rinaldi@ingpec.eu Italiana"

Transcript

1 -. FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VIT AE ALLEGATO 1 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Nazionalità Data di nascita SINTESI PAOLO RINALDI Via Divino Amore 129, Frattocchie, Marino (Roma) Italiana 05 luglio 1969 Ingegnere ambientale impegnato da circa 15 anni nel settore dei rifiuti e delle bonifiche ambientali con esperienza sia tecnica che manageriale. Ha avuto modo di progettare e seguire la costituzione e lo start-up (studio di fattibilità, business plan, budget, organizzazione e gestione fase di avvio, programmazione servizi integrati di raccolta rifiuti) di Società impegnate nel settore ambientale (rifiuti e bonifiche). Ha operato nel settore bonifiche nel SIN "Litorale Domitio Flegreo ed Agro Aversano". Ha gestito aziende di piccole (30 unità), medie e grandi dimensioni (2.400 unità) in posizioni apicali di supporto ai vertici aziendali (Quadro, Responsabile tecnico, Responsabile di area, Direttore) partecipando direttamente alla direzione (Membro del C.d.A. e Direttore Generale). Ha ricoperto incarichi apicali e fiduciari per Strutture di Governo (Commissariato per l'emergenza rifiuti in Campania). Si occupa anche della programmazione e del controllo delle attività (reingegnerizzazione dei processi e delle procedure) quale strumento di supporto al Top Management in vari settori. Dal 20 Il al 2013 ha operato nel settore del danno ambientale in casi di rilevanza nazionale in qualità di consulente ISPRA. Ha completato la formazione con un Master (MBA) in Gestione e Strategia di Impresa. Ha forte propensione all'organizzazione ed al controllo dei processi per il miglioramento delle performance aziendali. Aftì-ontale "sfide" con interesse sia tecnico che normativo ricercando soluzioni concrete ed innovative. Collabora con il network di professionisti Lab&Lab.it con particolare riferimento al settore rifiuti (www.rifiutilab.it). ESPERIENZA LAVORATIVA ESSENZIALE Riferim. del datare di lavoro Committente e incarico svolto DAL21 MARZO2010 LIBEROPROFESSIONISTA Consulenze ambientali, gestione rifiuti, bonifiche ambientali, danno ambientale.../ Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA): consulenza specialistica e collaborazione per il progetto "Gestione degli Illeciti Ambientali" e per la Consulenza all'a vvocatura dello Stato in materia di Danno Ambientale. L'attività consistente nella analisi della documentazione processuale di rilevanti procedimenti penali e civili per la valutazione della presenza di danno ambientaie e per la sua quantificazione [attività svolta dal settembre 2011 al settembre 2013]. Per l'attività in oggetto il settore EME ha costituito uno specifico Gruppo di Lavoro. Il lavoro è stato svolto per i seguenti casi/procedimenti:../ ENI- Syndial: Stabilimento di Pieve Vergonte. Procedimento presso il Tribunale di Verbania per la contaminazione da DDT del fiume Toce e del Lago Maggiore; P::min:a 1 _ ~"rri(,lllllm IIit;:,,::arli P:m/n R;nç,lrli Ppr 1.llprinri infnrrn;'7inni' rin"lrlin/rntnlfior,,1i if rpll.14r..1r'i'i47'i

2 .../ ASM - Temi: Impianto di incenerimento di Temi. Il caso ha riguardato gli impatti ambientali conseguenti la gestione del Termovalorizzatore dell' ASM e dell'impianto di selezione per rifiuti urbani. Procedimento presso il Tribunale di Temi RGNR 1410/06 e 664/07 R.G. GIP. Protocollo ISPRA di uscita n del 23/02/2012;./ Caso "Di Romano": emissioni da impianti di trattamento galvanico. Procedimento presso il Tribunale di Frosinone RGNR 4114 e RGNR Protocollo ISPRA di uscita n del 8/03/2012;./ Caso "Fontana Bleu": impatti conseguenti la realizzazione e gestione del complesso turistico-residenziale noto come "Villaggio Coppola" nel Comune di Castevoltumo (CE);./ Caso "Patimo" relativo agli effetti dell'utilizzo agronomico di fanghi da depurazione di acque reflue contaminati da idrocarburi pesanti e toluene. Procedimento presso il Tribunale di Trani RGNR 66183/05. Protocollo ISPRA di uscita n del 17/07/2012;./ Caso "Regina" relativo alle conseguenze ambientali conseguenti la non corretta bonifica del SIN Litorale Domitio Flegreo ed Agro Aversano e alle non corrette procedure di recupero-smaltimento dei rifiuti. Procedimento presso il Tribunale di Napoli (sez. dist. Pozzuoli) RGNR 50653/04. Protocollo ISPRA di uscita n del 17/05/12;./ Caso "Cordioli" riguardante gli impatti della gestione di uno stabilimento per la lavorazione dell'alluminio. Procedimento presso il Tribunale di Novara RGNR 2305/08. Protocollo ISPRA di uscita n del 31/05/2012;./ Caso "Aureli" relativo agli effetti della non corretta gestione del depuratore di Olevano Romano. Tribunale di Tivoli RGNR 2326/08. Protocollo ISPRA di uscita n del 12/06/2012;./ Caso "Cavinato" relativo agli effetti del recupero di vetro contaminato da piombo e dei conseguenti impatti sull'ambiente nei processi di rifusione. Procedimento presso il Tribunale di Venezia RGRN 13371/09. Protocollo ISPRA di uscita n del 04/07/2012;./ Caso "Bolzonella" riguardante gli effetti dell'utilizzo di inerti riciclati contenenti manufatti di amianto. Procedimento presso il Tribunale di Venezia RGNR 11989/09. Protocollo ISPRA di uscita n del 29/08/2012;./ Caso "Bevegni" riguardante la realizzazione di una discarica abusiva di materiali contenenti amianto. Procedimento presso il Tribunale di Genova RGNR 8151/11. Protocollo ISPRA di uscita n del 17/09/2012;./ Caso "Paccanaro" riguardante la non corretta gestione di un depuratore consortile rappresentante il recapito degli scarichi del polo conciario di Vicenza. Procedimento presso il Tribunale di Venezia (successivamente trasferito a Vicenza) RGNR 6547/12;./ Caso "Buonincontri" riguardante il traffico illecito di rifiuti nella zona di Caserta. Tribunale di S.M. Capua Vetere RGNR 5313/12. Protocollo ISPRA di uscita n del 24/10/2012;./ Caso "Bettelli" inerente alla non corretta gestione di un impianto di recupero di rifiuti. Procedimento presso il Tribunale di Modena RGNR 2074/08. Protocollo ISPRA di uscita n del 17/07/2012;./ Caso "Squarcialupi" riguardante diverse fattispecie di danno ambientale causate dell'esercizio dell'impianto di smaltimento rifiuti P"nin"? _r.llrrirllillmliit"" rlip"nln Rin,,'rli P"r 1I11"rinri infnrm"7inni' rin"lrlin/mtmfi.r,,1it r"ii.~4r_.~r'i'i47'i

3 e di recupero di metalli preziosi della ditta Chimet. Procedimento presso il Tribunale di Arezzo 714/08 RGNR. Istruttoria in corso../ Caso "Siena" inerente alla gestione illecita di un impianto di trattamento e recupero (per il successivo riutilizzo a fini agronomici) di reflui zootecnici e di acque di vegetazione nella provincia di Perugia. Procedimento presso il Tribunale di Perugia RGNR 1082/07. Protocollo ISPRA di uscita n. 319 del 4/0 l12013;./ Caso "Ariano" inerente al traffico illecito ed il recupero di rifiuti in Campania. Procedimento presso il Tribunale di Napoli RGNR 21327/12. Protocollo ISPRA di uscita n del 29101/2013;./ Caso "Debolini" riguardante la illecita attività di raccolta, trasporto, recupero e smaltimento di rifiuti pericolosi in violazione delle prescrizioni imposte nell'autorizzazione. Procedimento presso il Tribunale di Arezzo RGNR 107/10. Protocollo ISPRA di uscita n del 4103/2013;./ Caso "Agizza" riguardante la raccolta e l'illecito smaltimento in fogna di rifiuti liquidi nella zona di Napoli. Procedimento presso il Tribunale di Napoli RGNR 51786/07. Protocollo ISPRA di uscita n del 29103/2013;./ Caso "Romiti" riguardante i danni ambientali causati nella realizzazione e gestione del sistema integrato di trattamento e smaltimento dei rifiuti urbani nella regione Campania. Procedimento presso il Tribunale di Napoli RGNR Protocollo ISPRA di uscita n del 24/05/2013;./ Caso "Bertolino" inerente ai danni ambientali conseguenti lo sversamento accidentale in mare di olio combustibile nei pressi di Porto Torres (SS) che ha interessato la zona costiera compresa tra La Maddalena e l'asinara. Procedimento presso il Tribunale di Sassari RGNR 678/11. Protocollo ISPRA di uscita n del 24/05/2013;./ Caso "Cammarata" riguardante i danni ambientaii dovuti alla non idonea gestione dell'impianto di discarica di Bellolampo (PA). Procedimento presso il Tribunale di Palermo RGNR 19521/09. Protocollo ISPRA di uscita n del 14106/2013;./ Caso "Noschese" riguardante i danni ambientali provocati alla costa dall'esercizio non autorizzato di una zincheria nei pressi di Salerno. Procedimento penale presso il Tribunale di Salerno RGNR n. 9012/11;./ Caso "Alberti" inerente al danno ambientale conseguente la realizzazione di una serie di abusi edilizi in una zona protetta (SIC e SIR). Procedimento presso il Tribunale di Siena RGNR 11861/06. Protocollo ISPRA di uscita n del 28/08/2013;./ Caso "Comper" inerente ai danni ambientali conseguenti l'illecita gestione dei rifiuti effettuata presso alcune aree dello stabilimento della Lucchini S.p.A. di Trieste e gli illeciti connessi alle operazioni di rimozione e invio a destinazioni esterne di una quota di tali rifiuti. Procedimento presso il Tribunale di Trieste RGNR 729/12. Protocollo ISPRA di uscita n del 20106/2013. Sono inoltre state elaborate specifiche relazioni tecniche sul danno ambientale relativamente ai seguenti casi:. Costa Concordia: Relazione preliminare per la stima del danno ambientale presente ed emergente dal naufragio della nave da crociera Costa Concordia;. Costa Concordia: Relazione di approfondimento per la stima del P"nin".~_ r."rrir"l"m vit".. rli P"nln {?in"lrli P..r "It..rinriinfnrm:uinn;' rin"lrlinlmlfilfior,,/il r..1f.~i1r_.~rfifii17fi

4 danno ambientaie presente ed emergente dal naufragio della nave da crociera Costa Concordia;. Italiana Energia Servizi s.p.a. (Mantova): Relazione di verifica delle conclusioni peritali del CTU del Tribunale di Brescia. Verifica della completezza delle determinazioni assunte dal CTU nell'ambito della perizia riguardante la contaminazione della falda dallo stabilimento IES Mantova;. Lucchini: supporto per la stesura della relazione di analisi della documentazione di bonifica. Definizione degli interventi di riparazione e stima dei costi. Sono state effettuate presso le sedi dei Tribunali e delle Procure n. lo trasferte per l'analisi e l'acquisizione della documentazione necessaria allo svolgimento delle attività dell'ente. È stato in ultimo fornito supporto per le attività peritali seguenti: ~ Procedimento "Cavagnoli" presso il Tribunale di Napoli. Il procedimento riguarda la presunta contaminazione del suolo e del sottosuolo prodotta dalla gestione di depositi giudiziari di auto localizzati nel Comune di Napoli. Le attività sono state svolte sul campo con l'assistenza ai carotaggi presso i siti e la formazione dei campioni per le analisi; ~ Procedimento "Agrimonda" nel Comune di Mariglianella (NA). Il caso riguarda le problematiche relative alle conseguenze dell'incendio del deposito di fitofarmaci e gli impatti relativi alla mancata rimozione dei cumuli di materiale combusto. ~ Procedimento relativo al SIN Bussi sul Tirino. Le attività di supporto hanno riguardato la predisposizione di 3 diverse relazioni con l'analisi della documentazione prodotta dalla controparte e la approfondita analisi della documentazione tecnica di riferimento../ Jeco S.r.l.: Direzione tecnica di azienda operante nel settore bonifiche e nella gestione del ciclo dei rifiuti (cat. SOA OG l, OG 12, OS 24). [attività svolta dal dicembre 2010];./ Progetto Green-Future - Attuazione dell'operazione rifiuti-risorsa finanziata dal Fondo Sociale Europeo. Obiettivo 2 - Asse Occupabilità- Provincia di Nuoro. Ricerca di mercato nel settore dei RAEE in Sardegna e docenze;./ 3A LATTEARBOREA S. COOP. P.A. (OR): di consulenza per l'analisi del progetto V.I.A. presentato da industria pretrolifera nell'ambito della Procedura di Valutazione di Impatto Ambientale per la Realizzazione di un Pozzo Esplorativo "Eleonora Ol Dir" nel Comune di Arborea (Or);./ Consorzio Italiano Compostatori: Consulenza per il progetto Rifiuto = risorsa. Azioni integrate a favore della sostenibilità ambientale e dello sviluppo economico attraverso la creazione di impresa. Azioni integrate a favore della sostenibilità ambientale e dello sviluppo economico attraverso la creazione di impresa. Attività svolta con il contributo del fondo Sociale Europeo. P.O.R della Regione Autonoma della Sardegna../ Sogesid S.p.A.: Consulenza specialistica per la gestione dei rifiuti urbani nell' ambito della Convenzione con il MATTM per il supporto tecnico al progetto "Azioni di sistema e assistenza tecnica per gli Obiettivi di servizio ;./ EcoAmbiente (Società provinciale per la gestione dei rifiuti a Salemo) tramite Planet Solution: Studio di fattibilità per la gestione dei RAEE I U ~ P"lIin" 4 _ rjlfri""i"m vit"" rli P"n/n ~ill"lrli p", "It"rinri infnrm"7inni' rin"irlin/m/!,i\ti.""fi it """.~4R_.~R'i";47'i L _

5 .- nella provincia di Salerno;./ PRIV ~TO: Studio di fattibilità per la messa in sicurezza di emergenza della discarica comunale di Skopje (Macedonia) e per lo sfruttamento del biogas. Elaborato che costituisce parte integrante della proposta di partnership con l'ente competente per la costituzione di una società mista di gestione dell'impianto;./ Soc. Jeco srl : ricerca di mercato nel settore bonifiche. Principali mansioni e responsabilità DAL16 APRILE2007 AL20 MARZO20l O Jacorossi Imprese S.p.A., via di Valleranello 82, Roma. Gestione rifiuti, Gestione impianti di trattamento rifiuti, Bonifiche ambientali. A tempo indeterminato (dal 3 novembre 2008): qualifica di Quadro. Responsabile del controllo di gestione operativa: organizzazione aziendale, reingegnerizzazione dei processi e delle procedure per le attività di bonifica del Sito di Interesse Nazionale "Litorale Domitio Flegreo ed Agro Aversano" in diretta collaborazione con l'a.d. e il Direttore Generale. Coordinatore Tecnico: elaborazione tecnica di commesse complesse, analisi e controllo degli interventi di bonifica ambientale di siti contaminati (discariche abbandonate e sversamenti incontrollati) e coordinamento tecnico-operativo di un impianto di trattamento dei rifiuti di azienda controllata (Ilside). Responsabile per le procedure di richiesta di autorizzazione (compresa procedura V.LA.) ai sensi dell'art. 208 D.Lgs. 152/2006 per la realizzazione di un impianto per il trattamento e lo stoccaggio di rifiuti pericolosi e non pericolosi (potenzialità di circa ton/anno). Dal 24 giugno co-direttore Tecnico per l'albo Nazionale dei gestori rifiuti per le categorie: ld ord., 2C sempi., 3C ord., 4C ord., 5E, 9C ord., 10A- E ord.. Membro dell'organismo di Vigilanza istituito ai sensi del D.Lgs. 231/01. Principali mansioni e responsabilità Principali mansioni e responsabilità DAGENNAIOA DICEMBRE2008 Ilside srl (sede in Bellona - CE) Trattamento e stoccaggio di rifiuti pericolosi e non pericolosi. Collaboratore (co) Direttore Tecnico per l'albo Nazionale dei gestori rifiuti e gestione operativa della produzione. Categorie: 10A C, 10B C, 2 D, 4 E, 5 E. Pianificazione, controllo e gestione delle linee di produzione. Responsabile per le procedure di richiesta di autorizzazione (compresa procedura V.LA.) ai sensi dell'art. 208 D.Lgs. 152/2006 per l'ampliamento dell'impianto per il trattamento e lo stoccaggio di rifiuti pericolosi e non pericolosi per una potenzialità di circa ton/anno e per l'autorizzazione di nuovi cicli produttivi. Membro del C.d.A. DANOVEMBRE2003 AL15APRILE2007 Presidenza del Consiglio dei Ministri, (da ottobre 2006: Dipartimento della Protezione Civile). Commissariato per l'emergenza rifiuti nella Regione Campania. Da novembre 2003 al 31 dicembre 2005: Coordinatore Tecnico: Quadro (posizione di comando); Dal IO gennaio 2006 al 15 aprile 2007: Responsabile f.f. dell' Area Tecnico Operativa e incarico di Supporto al Responsabile dell' Area Tecnico Impiantistica. Da Aprile Settembre 2004: Responsabile ufficio Impianti e Tecnologie a supporto della Raccolta Differenziata e C.d.R. nella Struttura Tecnico- P"nin" 'i. r,iirrii"iiiiim\lit"" rli P"nln Rin"frli P"r IIlt"rinriinlnrm"7inni' rin"frlinfmli'ì\fiol",,/i il 1",,((.,dR..,R'i'id7'i

6 Scientifica del Commissariato di Governo. Attività di autorizzazione degli impianti a supporto della raccolta differenziata nella regione sia in termini di pianificazionè fabbisogni e progettazione sia gestionali (autorizzazione, regolamentazione e controllo flussi). Da Settembre Dicembre 2005: Coordinatore dell' AREA Tecnico- Scientifica del Commissariato di Governo per Gestione delle attività tecniche e progettuali dei progetti in corso di realizzazione e finanziamento. Da Gennaio Aprile 2007: Responsabile f.f. dell'area Tecnico- Operativa del Commissariato di Governo per (Decreto Legge no 245/05, OPCM 3479, OPCM 3481 e successivi provv. Commissariali). Coordinamento delle attività inerenti la progettazione, il finanziamento e la realizzazione degli impianti per la raccolta differenziata nella regione Campania. Programmazione dello sviluppo della raccolta differenziata. Coordinamento delle attività di finanziamento degli impianti per la raccolta differenziata della intera Regione con relazioni con le Amministrazioni locali. Elaborazione tecnica di contratti complessi con amministrazioni pubbliche e società private. Controllo dei principali flussi di informazione sulla raccolta differenziata. Supporto tecnico operativo per la struttura commissariale. Principali mansioni e responsabilità Principali mansioni e responsabilità DALIOMAGGIO2001 AL31 DICEMBRE2008 Azienda Speciale Igiene Ambientale (A.S.LA. - Napoli). Azienda Speciale del Comune di Napoli per la raccolta dei rifiuti urbani e la gestione dell'igiene urbana (partecipata ali 00% dal Comune di Napoli). A tempoindeterminato(dal lo gennaio 2002): 80 livello funzionale. Responsabile Programmazione e Controllo. Funzioni di vice Direttore Operativo per il coordinamento di circa unità e 350 automezzi. Programmazione delle attività di gestione e sviluppo di nuovi cicli di lavorazione. Controllo delle fasi operative di intervento. Raccordo tecnico con le altre Funzioni aziendali. DALIOMAGGIO1998 AL30 APRILE2001 Azienda Multiservizi Intercomunale (A.M.L) di Imola. Multiservizi: raccolta e smaltimento rifiuti, trattamento acque, gestione idrica, Consulente per la progettazione e la gestione di Società Miste per la gestione dei servizi di raccolta e trattamento rifiuti nei Comuni e nei Consorzi di Bacino. Progettazione di sistemi di raccolta rifiuti ed avvio della raccolta differenziata a livello locale (Comuni e città) o territoriale (Provincia o Consorzio fra Comuni). Studi di fattibilità tecnico-economica per la realizzazione di Società Miste pubblico-privato per la gestione del servizio di Igiene Urbana in Comuni e Consorzi di Comuni. P"nin",;_r./Irrir/ll/lmlIit"" rlip"nln Rin,,'rli Gestione delle Società Miste costituite (in Campania) con incarico di Direttore Tecnico per il servizio di raccolta differenziata nel Comune di Acerra (dal 1/05/1999 al 31/08/2000), Consulente (per Leucopetra S.p.A. - Portici) e Direttore Generale del Consorzio Costa d'amalfi Ambiente (circa 1 anno dall'aprile 2000). Responsabile Tecnico [ ] e Consigliere nel C.d.A della Penisolaverde S.p.a., società mista per lo svolgimento del servizio di igiene urbana nel Comune di Sorrento. Il Responsabile Tecnico ha costituito l'unico riferimento tecnico aziendale per la progettazione, gestione ed implementazione del servizio di raccolta e lo sviluppo della raccolta differenziata, nonché l'interfaccia tra Comune e società. O Tecnico designato per la partecipazione al gruppo di coordinamento CISPEL ~

7 '. SERVICES per il progetto LPU del Ministero dell' Ambiente "Raccolta Differenziata Multimateriale" [ ]. Tipo di settore Principali attività DAAGOSTO1997 Ditta individuale. Libera professione di Ingegnere. Ambientale, Sicurezza del Lavoro, Qualità, Programmazione e Controllo. Tra le attività svolte: Progetti di avvio del ciclo integrato di raccolta per Comuni e Consorzi e studi di fattibilità per costituzione aziende miste. Progetto di sistemazione finale di una discarica per rifiuti urbani (CE), Coordinatore per la sicurezza per la realizzazione di isola ecologica (BO), piano comunale per l'avvio della raccolta differenziata (NA), perizie giurate per l'idoneità degli automezzi per il trasporto dei rifiuti (BN, AV, CE, NA). AL TRE ESPERIENZE LAVORATIVE DAL17 NOVEMBRE2006 AL15 APRILE2007 Presidenza del Consiglio dei Ministri: Dipartimento della Protezione Civile. Commissariato per l'emergenza rifiuti nella Regione Campania. di esecutore contrattuale del contratto relativo al servizio di trasporto e smaltimento dei rifiuti prodotti dagli impianti di CDR e della frazione organica prodotti in Campania. DALIOGIUGNO2005 AL29 MARZO2007 Regione Campania - Presidente della Regione. Membro, su espressa nomina del Presidente della Regione Campania, del Comitato Tecnico di Vigilanza e Controllo previsto dall'accordo di Programma per il Trattamento dei Rifiuti Speciali di origine industriale della Regione Campania. Il Comitato Tecnico è istituito tra il Ministro dell' Ambiente e della Tutela del Territorio, il Ministro delle Attività Produttive, il Presidente della Giunta Regionale della Campania, il Commissario delegato per l'emergenza rifiuti in Campania, la Confindustria - Federindustria Campania, l'unioncamere Campania. DA26 MAGGIO2005 A 14 LUGLIO2008 Collaudatore statico dei lavori di intervento di integrazione e miglioramento delle infrastrutture di collegamento con l'impianto di produzione di CDR di Tufino (NA). Importo complessivo dei lavori: ~I DA7 MARZO2005 A 14LUGLIO2008 Presidente della Commissione di Collaudo tecnico-amministrativa nel procedimento per la realizzazione del Progetto Esecutivo di sistemazione finale, messa in sicurezza e ripristino ambientale della discarica consortile SA2 di lo categoria sita in Montecorvino Pugliano (SA) in località Parapoti. Importo dei lavori: DICEMBRE GENNAIO 2006 P,min" 7. r./irril'/ii/lm vii"" rl; P"nln Rin,,/rl; P"r "I!"rinri infnrm"7inni' rin,,/rlinlmlfflfi<i',,1i it 1',,1/,~4R_,~R";!i47";

8 .. Rife'rim. àel dato re di lavoro Commissariato per l'emergenza rifiuti nella Regione Campania. Supporto al Responsabile Unico del Procedimento per la realizzazione del "Sistema Informatico Regionale Emergenza Rifiuti Network e Tecnologia Ambientale": S.I.R.E.Net.T.A. Il sistema rappresenta un moderno strumento per il controllo costante dei flussi veicolari dei mezzi impegnati quotidianamente nel ciclo integrato dei rifiuti. Importo appalto superiore a NOVEMBRE2004 Consulente tecnico per il Commissariato di Governo per l'emergenza rifiuti in Campania nel procedimento penale relativo alla gestione di una discarica per rifiuti urbani e speciali in Campania. DA SETIEMBRE2004 ADICEMBRE2004 Responsabile Unico del Procedimento per la fornitura e messa in opera di centraline di rilevamento da realizzare nei dintorni degli impianti di produzione e valorizzazione dei C.d.R. nella Regione Campania. Importo appalto: SETIEMBRE 2004 Supporto tecnico-amministrativo al Comitato di Rientro istituito con provvedimento del Ministro dell'ambiente e della Tutela del Territorio no GAB/DEC/055/2004. DAAGOSTO2004 AAPRILE2007 Direttore operativo dei lavori e successivamente Responsabile Unico del Procedimento per la realizzazione dell'ampliamento dell'impianto di compostaggio del Comune di Pomigliano d'arco. Importo dei lavori: Date (da-a) DA GIUGNO2004 AMARZO2006 Membro del Comitato Tecnico per la valutazione delle attività progettuali e di esercizio per lo smaltimento dei materiali di scarto e di quelli recuperati dagli impianti di produzione di CdR. Il Comitato esamina le progettazioni presentate dall' Affidataria del servizio di smaltimento dei rifiuti in Campania relative al sistema di smaltimento dei residui degli impianti di produzione di CdR e fornisce il proprio parere tecnico per la successiva approvazione. Il Comitato è costituito da esimi esperti nella materia tra i quali rappresentanti del Dipartimento di Protezione Civile, dell' APAT, dell'ordine Nazionale dei Geologi, e di Docenti Universitari. PAninA R. f'./irri,,/ii/lm l/ita" rli PAnln RinAlrli P"r 1,lt"rinri infnrma7inni' rinalrlin/mtn1li."afj it ""II.~dR_.~R'i'id7'i

9 .. DOCENZE Principali mansioni e responsabilità Riferimento Evento o progetto Attività svolta Riferimento Evento o progetto Attività svolta Riferimento Evento o progetto Attività svolta Riferimento Evento o progetto Attività svolta APRILE - MAGGIO2013 Consorzio Italiano Compostatori Progetto Rifiuto = risorsa. Azioni integrate a favore della sostenibilità ambientale e dello sviluppo economico attraverso la creazione di impresa. Attività svolta con il contributo del fondo Sociale Europeo. P.O.R della Regione Autonoma della Sardegna. consulenza per lo Start Up di impresa. FEBBRAIO-MARZO2013 Techne Scpa. Progetto Green Future finanziato dalla Regione Sardegna: Esperto nella gestione del ciclo dei rifiuti Moduli didattici per un totale di 16 ore sui seguenti temi: Strategia per lo sviluppo di impresa e piano di marketing, Codificazione ed identificazione dei rifiuti. Moduli di 18 ore sui seguenti temi: Membro della commissione di esame e collaborazione alla preparazione dei test di verifica. LUGLIO2012 Techne Scpa. Formazione nel progetto Green Future finanziato dalla Regione Sardegna: Esperto nella gestione del ciclo dei rifiuti Moduli didattici per un totale di 39 ore sui seguenti temi: Discariche, Inceneritori, Sistri, RAEE, procedure VIA e VAS, Danno Ambientale, Recupero Inerti, Gestione ciclo dei rifiuti. MARZO 2012 Techne Scpa. Corso di Alta formazione inserito nel Catalogo Interregionale dell' Alta Formazione della Sardegna: Esperto nella gestione del ciclo dei rifiuti Moduli didattici per un totale di 34 ore sui seguenti temi: Discariche, Inceneritori, Sistri, RAEE, procedure VIA evas, Danno Ambientale, Recupero Inerti, Gestione ciclo dei rifiuti. FEBBRAIO- MARZO2010 Techne Scpa. Corso di Alta specializzazione sulla corretta gestione dei rifiuti tenutosi a Cagliari Moduli didattici per un totale di 20 ore sui seguenti temi: Discariche, Inceneritori, Sistri, RAEE, procedure di autorizzazione per impianti (VAS, VIA, art. 208 DLgs 152/06). Riferimento Evento o progetto Attività svolta 2 MARZO 2009 Università degli Studi di Cagliari. Master di 20 Livello in "Comunicazione della Scienza". Modulo didattico di 4 ore sul tema: Ciclo dei rifiuti e risanamento ambientale: sistemi di gestione dei rifiuti, impianti di trattamento e smaltimento, procedure di autorizzazione (VAS, VIA, art. 208 del d.lgs 152/06). PAninAQ. r",rirlllllm llila" rli PAn/n RinAlrli p", """nnn infnrma7;nn;' rinalrlin/mfi'j)fi.ra/i il r,,/i.~4r_.~r!i!;47!;

10 ISTRUZIONE, FORMAZIONE E QUALIFICHE Istituto di formazione Argomenti affrontati Istituto di formazione Argomenti affrontati Istituto di formazione Istituto di formazione Argomenti affrontati 20 SETTEMBRE2013 REMTECH Corso di Alta Formazione sull'accertamento di illeciti ambientali - MODULO GIURIDICO-CIVILE. La normativa comunitaria in tema di recepimento a livello nazionale. Tutela dell' ambiente; responsabilità ambientale e il penale, civile e amministrativa. I reati ambientali. Struttura, sanzioni e tecniche d'indagine;. I soggetti responsabili delle attività di controllo. Competenze e coordinamento tra gli organi di controllo amministrativi e gli organi investigativi;. L'accertamento degli illeciti nel campo delle bonifiche: casi studio. 20 SETTEMBRE2013 REMTECH Corso di Alta Formazione sull'accertamento di illeciti ambientali - MODULO TECNICO-AMMINISTRATIVO. La normativa inerente la bonifica dei siti contaminati: aspetti tecnici e procedurali;. I compiti amministrativi degli Enti di Controllo;. Aspetti tecnici connessi alle attività di controllo sui siti contaminati nelle fasi di caratterizzazione, analisi di rischio e bonifica;. Le attività di controllo in siti interessati dalla presenza di materiali radioattivi e NORM;. I controlli ispettivi;. La certificazione delle attività di bonifica e i relativi controlli;. Le ordinanze e le denunce. APRILE - MAGGIO2013 UNIVERSITÀDEGLISTUDIROMATRE CORSO di aggiornamento professionale per coordinatori della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili ai sensi dell'ali. XIV del D.Lgs 81/08 e s.m. i. DAGENNAIO2009 A DICEMBRE2010 FORMAZIONE240RE-BUSINESSSCHOOL Master MBA "Gestione e Strategia di Impresa" COMPETENZEMANAGERIALI:public speaking e leadership; SISTEMAAZIENDA:fondamenti di management, Economia d'impresa, Gestione delle risorse umane, operations; PMI: GESTIONE DELL'IMPRESA FAMILIARE E PASSAGGIO GENERAZIONALE; GUIDA ALL'EUROPA E INTERNAZIONALIZZAZIONE D'IMPRESA. Istituto di istruzione Istituto di istruzione GENNAIO 2009 Quadrifor: Istituto bilaterale per lo sviluppo della formazione dei quadri del terziario Corso di formazione teorico e pratico sull'applicativo Microsoft Office Project Manager SETTEMBRE2007 Business International. Formazione e consulenza Corso di formazione: "Agro - Energie. Nuove opportunità per la

11 valorizzazione delle risorse energetiche del settore agricolo" Istituto di istruzione DAL25 OTTOBREAL17NOVEMBRE2004 Università degli Studi di Napoli Federico II. Centro di Ateneo per l'orientamento, la Formazione e la Teledidattica. Corso di Formazione in Materia Ambientale (32 ore con esame di valutazione). Istituto di formazione Istituto di formazione Qualifica conseguita GIUGNO 2003 Multicenter School. Centro Formazione Professionale Telematica Multimediale. Corso di Formazione Informatica - Microsoft Access (30 ore ed esame finale). FEBBRAIO1998 Ordine degli Architetti delle Province di Cagliari ed Oristano. Corso di Formazione per la sicurezza del lavoro nel settore edile. Corso di 120 ore predisposto ai sensi del D.Lgs. del 14/08/1996, n 494. Coordinatore della Progettazione (ai sensi dell'art. 2 comma e); Coordinatore per l'esecuzione dei lavori (ai sensi dell'art. 2, comma 1). Date (da-a) Soggetto Qualifica conseguita Istituto di istruzione Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio Qualifica conseguita Livello nella classificazione nazionale 28 LUGLIO 1997 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cagliari. Iscrizione ali' Albo professionale. 15 FEBBRAIO 1997 Università degli studi di Cagliari - Facoltà di Ingegneria. Ingegneria sanitaria ambientale, impianti di trattamento reflui, impianti di trattamento effluenti gassosi, impianti di trattamento rifiuti solidi, idraulica, idrogeologia, sicurezza sul lavoro, acustica) Laurea in Ingegneria per l'ambiente ed il Territorio. Corso di laurea vecchio ordinamento (5 anni).

12 PUBBLICAZIONI E RICERCA Ente o Società Ruolo e ANNO 2013 Rifiuti lab. Primo Autore Articolo: Il danno ambientale alla luce del Decreto del Fare. Ente o Società Ruolo e NOTE Ente o Società Ruolo e Ente o Società Ruolo e Ente o Società Ruolo e Ente o Società Ruolo e Ente o Società Finanziatrice Ruolo e ANNO 2013 The third International conference on the issue W ASTE MANAGEMENT AND CLIMA TE CHANGE September 19-21, 2013, SKOPJE Primo Autore. Articolo: Focus on environmental damage: toward a common definition oj compensation measures Contributo inviato per la pubblicazione sugli atti del Congresso. ANNO 2013 Rifiuti lab. Primo Autore Articolo: I rifiuti abbandonati (anche se a prevalente matrice inerte) devono essere classificati con CER. 20 [Sintesi della sentenza del Tribunale di Napoli depositata il 6/6/2013]. ANNO 2010 Ambiente Hi- Tech Primo Autore. Articolo: Riflessioni sull 'evoluzione del servizio di raccolta rifiuti. Una teoria induttiva. ANNO 2009 Geoitalia VII Forum italiano di Scienze della Terra. Primo Autore. Abstract: The Role OJ The Geologist In Site Remediation Using Visual Modj/ow. ANNO 2009 Geoitalia VII Forum italiano di Scienze della Terra. Primo Autore. Abstract: Preliminary investigation on a municipal solid waste landfill: an indispensable step. Anno th International Conference of Safety in mines research institutes Autore Abstract: Acoustic impact of hand drilling on working and neighbouring in quarrying operations. P"nin" 1?. r."rri""/"m liit"" rli P"nln Rin,,/rli P"r 1I11..rinri infnrm"7inni' rin"/rlin/m/(1)li.",,fi il ",,/I.14R..1R'i'i47'i

13 CAPACITÀ E COMPETENZE PERSONALI MADRELINGUA ALTRE LINGUE.Capacità di lettura.capacità di scrittura.capacità di espressione orale ITALIANA INGLESE [Test oj English as a Foreign Language MOLTOBUONA(Cl) BUONA BUONA (TOEFL)] CAPACITÀ E COMPETENZE RELAZIONALI Ottima capacità di motivazione del Team di lavoro per il raggiungimento degli obiettivi. Esperienza nell'interazione con soggetti privati e funzionari della Pubblica Amministrazione anche di elevato livello e responsabilità. Esperienza nella gestione dei rapporti con i clienti e i fomitori. CAPACITÀ E COMPETENZE ORGANIZZA TIVE CAPACITÀ E COMPETENZE TECNICHE Ottima capacità di programmazione e gestione di attività complesse anche con grande numero di risorse (umane e materiali) coinvolte. Spiccata capacità di problem solving. Ottima capacità di razionalizzare i processi aziendali e le relative procedure per contribuire fattivamente all'implementazione del processo, ottimizzando i tempi e riducendo i costi. Ampia esperienza di gestione in stretta collaborazione con i vertici aziendali. Ottima conoscenza del settore ambientale e delle normative di riferimento. Buona conoscenza delle dinamiche di realizzazione di progetti complessi. Ottima conoscenza delle attività di controllo e gestione budget di commessa. Grande dinamicità nell'apprendimento e capacità di innovazione. Eccellente conoscenza dei principali applicativi MS Office ed esperienze nell'uso di programmi di Project Management. Marino, 23 /o P/~j) Le dichiarazioni di cui sopra sono rilasciate ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 445/2000 e s.m.i.. Autorizzo al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 675/96 e del D.Lgs. 196 del 2003 per le finalità relative alla selezione per la quale il CV è trasmesso. p", IIIt"rinri infnrm"7inni" riml.lrlinlmlii'llio",,/i il ""Il.~4R_.~R!i!i47!i

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Europass. Esperienza. Nome / Cognome. Cellulare. Cittadinanza. Date. 07 Sett 03. Funzionario Architetto. Nome e indirizzo. di attività o settore

Europass. Esperienza. Nome / Cognome. Cellulare. Cittadinanza. Date. 07 Sett 03. Funzionario Architetto. Nome e indirizzo. di attività o settore Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Via S. Domenico 93, 80127 Napoli (Italia) Telefono 081 7962009 E-mail dinetti.antonio@tiscali.it Cittadinanza italianaa Data di

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

ART. 1 Ente appaltante

ART. 1 Ente appaltante La Scuola è sede di progetti Istituto Omnicomprensivo Statale San Demetrio Corone (CS) Dirigenza ed Uffici Amministrativi Via Dante Alighieri, n. 146 87069 San Demetrio Corone (CS) Tel. +39 0984 956086

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera Ulteriora mirari, praesentia sequi. (Guardare al futuro, stare

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli