Sveva Avveduto, Loredana Cerbara e Adriana Valente, Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR (Capitolo II).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sveva Avveduto, Loredana Cerbara e Adriana Valente, Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR (Capitolo II)."

Transcript

1

2 Il presente Rapporto è stato realizzato a cura di Cotec - Fondazione per l Innovazione Tecnologica e Wired, in collaborazione con l Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR I capitoli I e II sono stati rispettivamente redatti da: Fabio Del Missier e Francesco Marcatto, Università degli Studi di Trieste (Capitolo I). Sveva Avveduto, Loredana Cerbara e Adriana Valente, Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR (Capitolo II). La fonte dei dati di cui alle tabelle e alle figure del capitolo II è l Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR. Progetto grafico: BACKUP comunicazione Giuliano Vittori, Pasquale Cimaroli, Claudia Pacelli

3 Indice Prefazione di Riccardo Luna /5 Introduzione. L innovazione in Italia in alcuni settori chiave /7 Capitolo 1. Ragione ed emozione nella valutazione dei rischi tecnologici /19 Valutare tecnologie complesse: un compito molto arduo /22 Il giudizio dell esperto /27 Le emozioni nella valutazione del rischio: ostacolo o aiuto? /28 Le emozioni nell analisi costi-benefici /31 Emozioni e nucleare in Italia /36 Conclusioni /37 Bibliografia /38 Capitolo 2. La cultura dell innovazione in Italia: risultati dell indagine /43 L indagine /45 Il campione /47 Idee e parole /48 Identikit dei critici : ambientalisti, colti, trasversali /50 Ma il rischio cos è? /56 Perché le donne sono più caute, ovvero perché i conservatori lo sono meno? /57 Chi dovrebbe decidere? /59 Tecnologia e società /61 1. Alternative per la gestione dei rifiuti /61 2. Termovalorizzatore nel comune /64 3. Il solare la fa da padrone e il nucleare... /66 4. Veicoli elettrici /75 5. Cellule staminali /76 6. OGM /77 Confronto rischio-beneficio a tre anni /79 Internet /80

4 Accesso alla rete /81 La questione della privacy /82 Rappresentatività e partecipazione /84 Bibliografia /87 Il punto di vista degli esperti /93 Valorizzazione dei rifiuti Carla Poli /95 Nucleare e rinnovabili Chicco Testa /96 Giuseppe Onufrio /96 Veicoli elettrici Nevio Di Giusto /97 Francesco Profumo /98 Cellule staminali Camillo Ricordi /98 Angelo Vescovi /99 OGM Chiara Tonelli /100 Claudio Malagoli /101 Internet e nuove generazioni Giorgia Meloni /101 Sandro Gozi /102 David Bevilacqua /103 Postfazione di Riccardo Viale /105

5 5 Prefazione Gli italiani sono migliori, molto migliori del dibattito politico in corso e della quotidiana rappresentazione che ne fanno i media. Sono contrari a questo nucleare non per paura della tecnologia ma perché ritengono più intelligente - adesso - produrre energia con il sole e il vento. Non si tratta di una scelta emotiva o dettata dalla sfiducia nella scienza: è proprio la fiducia nella scienza a far guardare con speranza alle rinnovabili. Allo stesso modo sono favorevoli all uso delle cellule staminali in campo medico; e alla raccolta differenziata e al riciclo dei rifiuti piuttosto che ai termovalorizzatori; e ai mezzi pubblici elettrici; e a un utilizzo finalmente pervasivo di Internet, senza differenze sostanziali di età, adolescenti e nonni ugualmente digitali. La terza foto dell annuale Rapporto Wired-Cotec sulla cultura della innovazione degli italiani ci restituisce l immagine di un paese che non ha più paura del futuro anche grazie al fatto che si sta stabilendo un nuovo patto con la scienza. Le tante innovazioni annunciate vengono infatti viste con favore ma anche con un forte spirito critico: non basta un evidente vantaggio economico affinché vengano adottate, ma serve un concreto miglioramento della vita delle persone. Ne è un esempio lampante la questione dei cibi geneticamente modificati sui quali si registra una disponibilità a credere che possano - forse - contribuire a risolvere la questione della fame nel terzo mondo ma su cui resta una ferma contrarietà per levare i divieti in Italia dove la filiera alimentare è imperniata sulla qualità e la unicità dei prodotti. È questo l unico caso in cui si registra una sindrome riconducibile al nimby ovvero fatelo pure ma lontano dal mio cortile. Nel caso del nucleare infatti la contrarietà è totale, senza scorciatoie furbette. E anche chi è contrario ai termovalorizzatori non li vuole nemmeno lontani: semplicemente perché ritiene che una tecnologia alternativa unita a comportamenti virtuosi sia la vera soluzione al problema dei rifiuti. C è poi la questione della partecipazione alla vita politica, anch essa legata alla cultura dell innovazione evidentemente, in un paese che invecchia inesorabilmente anno dopo anno. Proprio mentre in Parlamento si avanzano faticosamente propo-

6 6 La cultura dell innovazione in Italia 2011 ste per abbassare l età dell elettorato attivo e passivo, abbiamo registrato la misura del possibile consenso. Non sono rimasto stupito di scoprire che si tratta ancora di una posizione largamente minoritaria, ma mi ha invece colpito leggere che nemmeno i giovani e i giovanissimi ritengono importante una modifica legislativa di questo tipo. Pensando alle storiche battaglie fatte e vinte in passato per allargare il suffragio, si tratta di un segnale di distacco dalla politica su cui occorre riflettere per porvi rimedio al più presto. Riccardo Luna Direttore Responsabile, Wired

7

8

9 9 La necessità di conciliare, specie nei Paesi a forti tassi di sviluppo, l incremento dell attività economica e il relativo avanzamento tecnologico con il contenimento dell impatto ambientale e sociale sta spingendo i responsabili politici a mettere in campo azioni per lo sviluppo sostenibile, anche attraverso investimenti pubblici in ricerca e innovazione, nonché mediante incentivi fiscali. Il volume di conoscenza scientifica e tecnologica prodotta per la riduzione dell inquinamento, la gestione del ciclo di smaltimento dei rifiuti e l utilizzo delle energie rinnovabili rappresenta una misura significativa del contributo dei Paesi all innovazione in materia ambientale. Nuove tecnologie e ambiti applicativi - sovente relativi a importanti sfide pubbliche come la sostenibilità della produzione energetica, il ciclo di smaltimento e riutilizzo dei rifiuti, la capacità di sfruttare nuovi modelli di produzioni in campo agricolo e l efficienza dei servizi di rete - sono caratterizzati da forti prospettive di sviluppo e, al tempo stesso, da un variabile profilo di criticità in relazione alla loro adozione. Il presente Rapporto si incarica di valutare la percezione dei cittadini, nonché la loro propensione all adozione, in relazione agli ambiti tecnologici e applicativi precedentemente esposti. Risulta a tal fine utile operare una sintetica ricognizione del loro attuale stato di avanzamento in Italia, a confronto con i principali Paesi europei, mediante l esposizione di alcune recenti evidenze statistiche. Ambiente La Figura 1.1 riporta la percentuale di brevetti relativi a tecnologie ambientali sul totale delle richieste depositate a livello internazionale mediante gli strumenti offerti dal Patent Co-operation Treaty (PCT) 1. In totale, i brevetti ambientali rappresentano nel 2007 il 3,7% del portafoglio mondiale, con un incremento rispetto al 2,9% del Nel complesso dell Unione Europea ammonta nel

10 10 La cultura dell innovazione in Italia 2011 al 2% la percentuale di brevetti di tecnologie per la riduzione dell inquinamento e la gestione dei rifiuti, proporzione superiore al 2,5% registrato nel In quest ambito tecnologico, è il Giappone a presentare il più elevato livello di specializzazione, con il 2,3% del proprio insieme di brevetti. Per quanto riguarda le energie rinnovabili passa, tra il 1999 e il 2007, dallo 0,4% all 1,2% la percentuale di brevetti sull insieme delle invenzioni prodotte in Paesi dell Unione Europea. Più ridotto, in senso complessivo, è tuttora il peso relativo alle invenzioni nell ambito dei veicoli elettrici e ibridi e dell efficienza energetica, con una percentuale rispettivamente pari allo 0,4% e allo 0,9% dell insieme dei brevetti depositati a livello mondiale nel Le Figure 1.2, 1.3 e 1.4 approfondiscono la performance brevettuale italiana in alcuni dei più rilevanti campi tecnologici legati alle sfide ambientali, confrontandola con quella di alcuni dei principali Paesi industrializzati e pesando i dati in relazione al volume di popolazione, al fine di neutralizzare effetti di scala. Come illustrato nella Figura 1.2, nel 2008 l Italia presenta un numero di richieste di brevetto per la copertura di invenzioni nel campo delle energie rinnovabili pari a 0,8 per milione di abitanti, valore sensibilmente inferiore a quello di Germania (3,8 richieste per milione di abitanti), Stati Uniti (2,3), Regno Unito (1,7) e Spagna (1.6). Figura 1.1 Percentuale di brevetti* in tecnologie ambientali sul totale del portafoglio brevettuale, Riduzione dell'inquinamento e gestione dei rifiuti Veicoli elettrici e ibridi Energie rinnovabili Efficienza energetica (edifici e illuminazione) 2,3 0,5 1 1,1 2 1,2 0,7 0,5 1,8 0,9 0,6 0,4 1,6 1,1 1,3 0,7 0,4 0,3 0,3 0,2 Giappone UE (27) Totale BRIICS Stati Uniti * nell'ambito del Patent Co-operation Treaty - Fonte: OECD Science, Technology and Industry Outlook, OCSE (2010)

11 Introduzione - L innovazione in Italia in alcuni settori chiave 11 Guardando ai brevetti relativi all efficienza energetica, l Italia, con 0,2 richieste brevettuali per milione di abitanti, presenta un risultato in linea con quello di Paesi come Stati Uniti, Francia e Regno Unito, pur rimanendo distanziata dalla Germania, che nel 2008 presenta 1,5 domande di brevetto per milione di abitanti per invenzioni relative all efficienza energetica (Figura 1.3). Anche nell ambito delle tecnologie per la riduzione delle emissioni nocive la graduatoria brevettuale è guidata dalla Germania, con 8 richieste PCT per milione di abitanti nel 2008 (Figura 1.4). Segue a distanza l Italia, che presenta 0,3 richieste di brevetto per milione di abitanti in questo specifico campo, risultato sensibilmente anche rispetto a quello della Francia (2,5) e degli Stati Uniti (1,2). Figura 1.2 Numero di richieste di brevetto* nel campo delle energie rinnovabili nei principali paesi industrializzati, per milione di abitanti, ,8 2 2,3 1,7 1,6 1,1 0,8 0 Germania Stati Uniti Regno Unito Spagna Francia Italia * nell'ambito del Patent Co-operation Treaty - Fonte: "OECD Patents database", OCSE (2011) Figura 1.3 Numero di richieste di brevetto* nel campo dell'efficienza energetica (edifici e illuminazione) nei principali paesi industrializzati, per milione di abitanti, ,5 1 0,4 0,4 0,3 0,2 0,1 0 Germania Stati Uniti Francia Regno Unito Italia Spagna * nell'ambito del Patent Co-operation Treaty - Fonte: "OECD Patents database", OCSE (2011)

12 12 La cultura dell innovazione in Italia 2011 Figura 1.4 Numero di richieste di brevetto* nel campo della riduzione delle emissioni nocive per l'ambiente nei principali paesi industrializzati, per milione di abitanti, ,5 2 1,2 0,8 0,3 0,1 0 Germania Francia Stati Uniti Regno Unito Italia Spagna * nell'ambito del Patent Co-operation Treaty - Fonte: "OECD Patents database", OCSE (2011) Energia Al tema dell efficienza energetica e della sostenibilità ambientale dei processi si affianca a quello delle forme di approvvigionamento e generazione di energia. In quest ottica, il crescente dibattito in merito alle politiche pubbliche più appropriate, soprattutto in relazione ai modelli da adottare nei futuri decenni, ha permesso di isolare due strade, eventualmente complementari, per il superamento dell utilizzo di fonti fossili: la produzione di energia nucleare e l impiego di fonti rinnovabili (geotermica, idroelettrica, solare, eolica e marina). L Internatio- Figura 1.5 Percentuale di utilizzo di energia nucleare e da fonti rinnovabili sul totale dell'energia elettrica generata: scenari di previsione a partire dai nuovi scenari di policy Nucleare Rinnovabili 60 Mondo OCSE Non OCSE Fonte: "World Energy Outlook 2010", International Energy Agency (2010)

13 Introduzione - L innovazione in Italia in alcuni settori chiave 13 nal Energy Agency ha elaborato una proiezione, riportata nella Figura 1.5, della possibile ripartizione di utilizzo di energia di natura nucleare e da fonti rinnovabili nel caso dell attuazione di un nuovo scenario di politiche pubbliche che confermi gli orientamenti annunciati dai principali governi in merito alla riduzione dell emissione di gas serra e all affrancamento, almeno parziale, dall utilizzo di fonti fossili per la produzione di energia. In tale contesto crescerebbe a livello mondiale il ricorso alle energie rinnovabili, per coprire il 32% del fabbisogno di energia elettrica nel 2032, a fronte del 19% del 2008, mantenendo invece inalterata la proporzione relativa all energia nucleare. Rifiuti Ulteriore tema di particolare rilevanza in relazione ai modelli di sviluppo, presenti e futuri, della società è quello - anch esso affrontato nel seguito del presente Rapporto - del ciclo di smaltimento e riutilizzo dei rifiuti. Nel 2008, la percentuale del volume di rifiuti smaltiti entro un processo volto alla generazione di nuova energia è pari 68,6%, in leggera crescita rispetto al 65,3% del 2006 (Figura 1.6). Guida questa particolare graduatoria la Germania, con il 94,8% dei volume di rifiuti inserito in un processo di smaltimento e produzione di energia presso impianti dedicati. Come illustrato nella Figura 1.7 la stessa Germania è leader, tra i principali Paesi europei, per ciò che concerne la percentuale del volume di rifiuti sottoposta a riciclo, pari al 70,5% nel Questa percentuale ammonta nello stesso anno in Italia al 59,6%, con una crescita rispetto al 57,5% del Per questo particolare indicatore, il valore relativo all Italia è in linea con quello di Regno Unito e Spagna, e superiore a quello registrato in Francia. Figura 1.6 Tasso di smaltimento o incenerimento (presso inceneritori) di rifiuti con obiettivi di produzione energetica ,4 94, ,3 68, ,1 65,5 60,7 65,4 64,1 65, Germania Italia Regno Unito Spagna Francia Fonte: Eurostat (2011)

14 14 La cultura dell innovazione in Italia 2011 Figura 1.7 Percentuale del volume di rifiuti sottoposto a riciclo ,5 70, ,5 61,5 54,9 59,6 59, ,8 55,2 0 Germania Regno Unito Italia Spagna Francia Fonte: Eurostat (2011) OGM Quello degli organismi geneticamente modificati (OGM) e, più in generale, dell ingegneria genetica, è un campo in cui lo sviluppo scientifico mostra una particolare vivacità. Ciononostante, i potenziali rischi per l ambiente e la salute umana e animale rendono, nonché l eventuale impatto economio-sociali sui modelli tradizionali, rendono questa traiettoria di sviluppo particolarmente critica. Come riportato nella Figura 1.8, relativamente all ambito scientifico degli OGM l Italia presenta un volume di invenzioni inferiore rispetto a quello dei principali Paesi europei, pari a 0,5 per milione di abitanti nel 2007 (dato in diminuzione rispetto al 2005, tendenza peraltro comune agli altri Paesi considerati), contro i 3 della Germania e i 2 della Francia. Figura 1.8 Numero di richiesto di brevetto su OGM presso lo European Patent Office, per milione di abitanti 8 6, ,1 2 0,8 1,2 1,3 0,6 0,5 0 Germania Francia Regno Unito Spagna Italia Fonte: Eurostat (2011)

15 Introduzione - L innovazione in Italia in alcuni settori chiave 15 Internet Va infine considerato, quale ulteriore campo di analisi in questo caso nel novero dell ampio e articolato settore ICT, quello della rete e dei nuovi servizi digitali costituisce uno degli ambiti dotati delle maggiori potenzialità, non solamente in termini puramente tecnologici, ma anche relativamente all efficienza dei processi - ad ogni livello di astrazione (dalle singole realtà alle grandi aggregazioni) - soprattutto nel settore pubblico e all opportunità di una migliore interazione tra istituzioni e cittadini. Non solamente il paradigma IT as a service, entro il quale trovano sviluppo modelli in grado di mutare, anche sensibilmente, la curva di costo delle imprese in materia ICT, con un incremento di efficienza dovuto a una migliore allocazione delle risorse, ma anche la nuova generazione di servizi digitali basati su ingenti flussi di dati poggiano la loro capacità di creazione di valore di Internet. Se tale aspetto investe l attività di imprese e organismi della pubblica amministrazione, va inoltre considerato come gli stessi cittadini possano beneficiare delle nuove opportunità della rete. Come illustrato nella Figura 1.9, la percentuale accesso a collegamenti a banda larga permane in Italia sensibilmente inferiore rispetto a quella dei principali Paesi industrializzati. Nel 2009, la percentuale di sottoscrittori di un contratto accesso a Internet di tipo broadband è pari al 19,8% degli abitanti, contro percentuali di circa il 29% per Francia, Germania e Regno Unito e una media europea del 22,8%. Figura 1.9 Numero di sottoscrittori di un contratto Internet a banda larga per 100 abitanti nei principali paesi industrializzati, ,3 29,1 28,9 Media OCSE 22,8 26,7 20,8 19,8 Germania Francia Regno Unito Stati Uniti Spagna Italia Fonte: "Measuring Innovation: A New Perspective", OCSE (2010)

16 16 La cultura dell innovazione in Italia 2011 Figura 1.10 Percentuale di cittadini per attività svolta via Internet, Comunicazione Internet banking Interagire con la PA Regno Unito Germania UE (25) Francia Spagna Italia Fonte: Eurostat (2011) In molti dei principali Paesi europei appartiene tuttora al campo della comunicazione (Figura 1.10). In Italia il 44% degli utenti impiega la rete per comunicare con altri utenti, con una media europea del 65%. Ancora ridotta, rispetto agli altri Paesi considerati, è la percentuale di cittadini con accesso a Internet che utilizzano servizi per l interazione con la Pubblica Amministrazione, pari al 17% del 2010, con una media europea che sfiora un valore doppio.

17 17 Riferimenti Commissione Europea, 2010, Innovation Union Scoreboard Eurostat, 2011, Agricultural statistics Eurostat, 2011, Environment and Energy statistics Eurostat, 2011, Information Society statistics International Energy Agency, 2010, World Energy Outlook OCSE, 2010, Measuring Innovation: a New Perspective OCSE, 2010, Science, Technology and Industry Outlook OCSE, 2011, Patents database

18

19

20

21 21 Controlla le tue emozioni, o loro controlleranno te (Anonimo) Le emozioni sono sempre state maestre di raziocinio per l umanità (Luc de Clapiers, marchese di Vauvenargues) È proprio vero che un bravo decisore deve essere freddo, cioè capace di separare dall oggetto dell analisi sentimenti che lo porterebbero a fare scelte irrazionali? L idea che emozione e ragione siano entità opposte è una posizione che ha da sempre caratterizzato il dibattito sulla razionalità (si veda ad esempio Cartesio, 1649), sviluppatosi storicamente nelle scienze umane e sociali. La presunta dicotomia tra ragione ed emozione è tornata di grande attualità in seguito al disastro nucleare avvenuto nel marzo 2011 a Fukushima, in Giappone. Nello specifico, particolarmente significativa risulta essere la decisione del Governo Italiano di rimandare ogni decisione sul programma nucleare a un futuro prossimo, in quanto in questo periodo sarebbe difficile analizzarne costi e benefici in modo puramente razionale, senza cioè farsi influenzare dalla forte reazione emotiva conseguente alla tragedia giapponese. La convinzione secondo cui le decisioni importanti dovrebbero essere prese non facendosi influenzare dalle reazioni affettive è la conseguenza di un idea diffusa e radicata che considera le emozioni come un ostacolo alla razionalità. Secondo questa concezione, quindi, noi faremmo scelte migliori alienando i nostri sentimenti dalla ragione. Esiste però una vasta letteratura scientifica sul ruolo delle emozioni nella decisione e nella percezione del rischio che contraddice questa idea e mostra che il ragionamento analitico e razionale non può essere efficace se non è integrato da valutazioni affettive delle conseguenze, portando quindi a una più moderna e costruttiva concezione funzionale dell emozione (Mazzocco, 2008; Savadori e Rubaltelli, 2008). La ricerca attuale sembra corroborare un quadro molto più sfumato rispetto alla dicotomia ragione-emozione: se è pur vero che le emozioni, in certe circostanze, possono condurre a cattive decisioni, è altrettanto vero che non esistono decisioni che prescindano da giudizi sul

22 22 La cultura dell innovazione in Italia 2011 valore soggettivo e affettivo delle conseguenze. Senza queste valutazioni, non saremmo, infatti, nemmeno in grado di dire se certi eventi (ad esempio, vincere un premio alla lotteria o subire una perdita economica) hanno un valore positivo o negativo per noi. Inoltre, almeno in alcuni casi, sembra che le emozioni siano indispensabili per decidere in modo adeguato. In questo capitolo vedremo innanzitutto in che cosa consista la valutazione del rischio associato alle nuove tecnologie, evidenziando che la complessità dei processi di giudizio in questo ambito sfugge a concettualizzazioni troppo semplicistiche. Successivamente ci occuperemo delle valutazioni fatte dagli esperti di rischio, mostrando come anche i loro giudizi possano essere soggetti a errori sistematici tanto quanto accade alle persone non esperte. Infine, cercheremo di capire se il ruolo delle emozioni e quello della ragione siano conciliabili nell ambito delle decisioni sulle nuove tecnologie, approfondendo in particolare il caso della percezione del rischio associato alla produzione di energia nucleare. Valutare tecnologie complesse: un compito molto arduo Le nuove tecnologie vengono sviluppate con l intento di migliorare la nostra vita. Possono semplificare alcune attività altrimenti più complesse (si pensi ad esempio a come l introduzione dei veicoli a motore abbia reso più facili i nostri spostamenti), oppure permettere la diagnosi di patologie difficilmente osservabili (come nel caso della tomografia assiale computerizzata, la famosa TAC ), o incrementare le possibilità di conoscenze ed esperienza che ci vengono offerte (si pensi a com era la nostra vita prima della diffusione di internet e del world wide web!). Gli indubbi benefici offerti dalle nuove tecnologie sono però spesso accompagnati anche da possibili conseguenze negative, che possono coinvolgere sia i singoli individui, come nel caso delle radiazioni dovute alla TAC e al furto di dati sensibili in rete, ma anche l ambiente e la collettività, si pensi all inquinamento prodotto dagli autoveicoli alimentati a benzina. In alcuni casi le nuove tecnologie possono anche sollevare dubbi etici di non facile soluzione, come ad esempio nel caso dell uso delle cellule staminali. Per decidere se accettare o meno una nuova tecnologia o innovazione è necessario un processo di valutazione che tenga conto dei costi e dei benefici ad essa associati (cfr., Rumiati & Del Missier, 2009; 2010). Una valutazione razionale di una nuova tecnologia dovrebbe considerare tutti i potenziali rischi e benefici, nel breve e nel lungo termine, e integrare questi aspetti con ulteriori considerazione di ordine tecnico ed economico. Una tale analisi è un operazione piuttosto complessa e potenzialmente controversa, in quanto richiede una quantificazione

23 Ragione ed emozione nella valutazione dei rischi tecnologici 23 oggettiva, imparziale e basata su evidenze scientifiche delle conseguenze e dei potenziali rischi. Risulta quindi evidente che per questo tipo di valutazione è necessaria una conoscenza approfondita e specialistica della tecnologia in oggetto. Tuttavia, come vedremo in seguito, non sempre i pareri degli esperti sono accurati, non sempre gli esperti convergono nei loro giudizi, e la valutazione esperta non può essere considerata indipendente da considerazioni di ordine non strettamente tecnico (Slovic, Malmfors, Mertz, Neil, & Purchase, 1997). Inoltre, non è necessario possedere un esperienza specialistica o avere condotto degli approfondimenti di natura professionale per formarsi un opinione ed esprimere un giudizio su una nuova tecnologia. Il fatto che l opinione di persone non esperte sia di grande importanza è evidente se si pensa che il parere degli individui non esperti (solitamente la maggioranza della popolazione) è fondamentale per determinare non solo l accettazione o il rifiuto di una nuova tecnologia, ad esempio attraverso il voto in un referendum, ma anche la sua effettiva diffusione, tramite l acquisto o la fruizione dei prodotti dell innovazione oppure attraverso il boicottaggio o le azioni di protesta. Inoltre, come opportunamente segnalato da Paul Slovic, la concezione ampia che gli inesperti hanno sui rischi tecnologici può essere utile per individuare alcune dimensioni di rischio che talvolta vengono sottovalutate dagli esperti, spesso focalizzati su una concezione ristretta alla probabilità di conseguenze per la salute delle persone (Slovic, 1999). Diversi studi diventati ormai classici hanno indagato come le persone non esperte si rappresentino il rischio e quali siano le strategie usate per arrivare a esprimere giudizi e valutazioni su fonti di rischio legate alle nuove tecnologie (si veda anche Savadori & Rumiati, 2005; Del Missier & Rumiati, 2008). Le caratteristiche che definiscono la rappresentazione del rischio sono state studiate in particolare dal gruppo di ricerca guidato da Paul Slovic tramite una metodologia che ha preso il nome di paradigma psicometrico (ad esempio, Fischhoff, Slovic, Lichtenstein, Read, & Combs, 1978; Slovic, 1987; Slovic, 2000). Tale metodologia permette di identificare i fattori che caratterizzano la rappresentazione cognitiva del rischio e di evidenziare le caratteristiche che determinano la percezione di rischiosità legata a singole situazioni o attività. L applicazione di tecniche statistiche di analisi fattoriale ha mostrato che la struttura cognitiva del rischio può essere rappresentata da due grandi fattori che sono stati denominati rischio terrificante (dread risk) e rischio sconosciuto (unknown risk). Il primo fattore include caratteristiche quali la gravità delle conseguenze, la mancanza di controllo personale del rischio e più in generale la paura per le possibili conseguenze; sono solitamente giudicati terrificanti tecnologie come il nucleare ed eventi come le guerre. Il secondo fattore riguarda i rischi giudicati non osservabili, non

24 24 La cultura dell innovazione in Italia 2011 Figura 1.11 Il modello dell amplificazione sociale del rischio Amplificazione e attenuazione Fonti di informazione Canali di informazione Emittenti sociali Esperienza personale Organi di senso Opinioni leaders Gruppi culturali e sociali Rischio ed eventi rischiosi Comunicazione diretta Reti sociali informali Agenzie governative Organizzazioni di volontariato Comunicazione indiretta Professionisti dell informazione News media Feedback e iterazione Nota: figura adattata da Pidgeon, Kasperson, & Slovic, 2003

25 Ragione ed emozione nella valutazione dei rischi tecnologici 25 Emittenti individuali Filtro attentivo Decodifica Comportamento istituzionale e sociale Atteggiamenti e loro atteggiamenti Azioni politiche e sociali Effetti di espansione Gruppi Società Gruppo degli Comunità stakeholder professionali locali Impatti Calo nelle vendite Perdite finanziarie Interventi normativi Euristiche intuitive Valutazione e interpretazione Cognizione nel contesto sociale Risposte organizzative Protesta sociale Persone direttamente interessate Altr e Azie n de In d u s tr ie t e c n ologie S ocietà Cambiamenti organizzativi Controversie legali Aumento o diminuzione del rischio fisico Preoccupazione nelle comunità Perdita di fiducia nelle istituzioni

26 26 La cultura dell innovazione in Italia 2011 conosciuti e con effetti differiti nel tempo; esempi di rischi giudicati sconosciuti sono i pesticidi, i fertilizzanti e i raggi X. Mentre il fattore rischio sconosciuto si riferisce a una valutazione più cognitiva dei rischi, il fattore rischio terrificante è chiaramente più legato a una valutazione maggiormente emotiva, dovuta alle reazioni espresse dal nostro sistema affettivo. Vari ricercatori hanno ipotizzato che, per esprimere un giudizio o prendere una decisione, le persone siano in grado di utilizzare sia processi di tipo analitico sia processi di tipo intuitivo (teorie del doppio processo, si vedano ad esempio Epstein, Lipson, Holstein, & Huh, 1992; Evans, 2008; Kahneman, 2002). I processi analitici si baserebbero sull applicazione di algoritmi e regole normative, come ad esempio il calcolo delle probabilità, di conseguenza tenderebbero a essere lenti e dispendiosi in termini di risorse cognitive. I processi intuitivi, viceversa, sarebbero basati principalmente sull uso di semplici strategie intuitive chiamate euristiche, di conseguenza sarebbero veloci, automatici e necessiterebbero di minori risorse cognitive. Secondo questa prospettiva, le persone userebbero delle scorciatoie di ragionamento più semplici e veloci rispetto a un analisi sistematica quando devono effettuare delle valutazioni sui rischi associati a una nuova tecnologia e non dispongono delle conoscenze o del tempo necessari per una valutazione di tipo analitico. Questo non implica necessariamente che queste valutazioni siano irrazionali o sempre peggiori rispetto alle valutazioni analitiche: l uso di strategie euristiche è infatti il migliore compromesso per affrontare la complessità del mondo in modo ragionevolmente efficace nonostante i vincoli imposti dal nostro sistema cognitivo (cfr. le Nobel Lecture di Herbert Simon, 1978, e Daniel Kahneman, 2002). Le valutazioni espresse tramite processi intuitivi si basano in alcuni casi prevalentemente sulle reazioni emotive, come vedremo in seguito. In altri casi, tali valutazioni possono dipendere anche dalla rappresentazione in memoria di eventi e di esperienze passate. In particolare, una delle più note strategie intuitive usate per esprimere giudizi probabilistici, l euristica della disponibilità (Tversky & Kahneman, 1973), si basa proprio sulla disponibilità degli eventi della memoria: tanto è più facile recuperare dalla memoria o immaginare un evento, tanto più la sua occorrenza in futuro verrà giudicata probabile, se viceversa il ricordo è poco accessibile, anche la probabilità verrà ritenuta bassa. Solitamente la disponibilità in memoria e la facilità a immaginare un evento sono buoni indici di frequenza, in quanto in genere è più facile recuperare eventi più comuni che eventi più rari. Tuttavia si tende a sovrastimare l occorrenza di eventi fortunatamente rari ma che è facile recuperare della memoria (anche perché molto presenti sui mezzi di informazione), mentre vengono spesso sottostimati i rischi associati a eventi che è meno facile ricordare, ma in realtà più frequenti, come il diabete (Lichtenstein, Slovic, Fischhoff, Layman,

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0)

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0) TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile Milano 3/20141 (R.0) Perché il Fotovoltaico? La storia dell Umanità ci conferma la stretta correlazione che ha legato e lega sempre di più lo sviluppo socio-economico

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA L attribuzione causale Attribuzione causale Nel processo di formazione di impressioni siamo altresì interessati a cogliere le cause, le determinanti di un comportamento ATTRIBUZIONE

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Gli italiani e il solare V RAPPORTO

Gli italiani e il solare V RAPPORTO Gli italiani e il solare V RAPPORTO Focus su Città e bioedilizia Settembre 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso,

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8)

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) RAZIONALITÀ LIMITATA Secondo Herbert Simon, gli individui non sono in grado di comportarsi come i soggetti perfettamente razionali

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito La finanza etica Idea di sovversivi o segmento di mercato? 1. La finanza etica, per alcuni, è la strada per una obiezione finanziaria. Tutto il mondo della

Dettagli

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca

SUMMARY REPORT MOPAmbiente. I principali risultati della ricerca SUMMARY REPORT MOPAmbiente I principali risultati della ricerca VI Rapporto Periodo di rilevazione: 3 9 Novembre 2010 Metodologia: CATI; campione n=1000 casi, rappresentativo degli italiani dai 18 anni

Dettagli

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città

I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città I flussi elettorali fra le elezioni europee del 2009 e le regionali del 2010 in nove grandi città Anche se l espressione flussi elettorali viene spesso usata impropriamente per intendere qualsiasi analisi

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) La definizione del cambio obiettivo nell azienda industriale non è solo

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria 19 novembre 2013 Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria Studio su Scuola, Università e Lavoro dei giovani Milanesi tra il 1985 e il 2011 Autori: Massimo Anelli e Giovanni Peri (UC Davis) Introduzione

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali

Cap. 1. Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali Cap. 1 Cap. 1.1 La valutazione del rischio ambientale dei prodotti chimici nei processi decisionali 1.1.1 Quadro di riferimento: la valutazione del rischio ambientale e l analisi del rischio Il rapido

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

Energia nucleare: convenienza economica, gas serra e liberalizzazione del mercato elettrico

Energia nucleare: convenienza economica, gas serra e liberalizzazione del mercato elettrico Energia nucleare: convenienza economica, gas serra e liberalizzazione del mercato elettrico Luigi De Paoli, Università Bocconi, Milano RITORNO AL NUCLEARE. Conviene? Risolve? Convegno promosso da Parlamentari

Dettagli

La comunicazione del rischio

La comunicazione del rischio La comunicazione del rischio Di Mauro Palazzi (modificata) A cura di Luigi Triggiano Medico di medicina generale 1 OBIETTIVI DEL CORSO migliorare le conoscenze sulla comunicazione e sulle sue criticità

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

Il primo approccio: la fase dell ingaggio

Il primo approccio: la fase dell ingaggio FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Diritto Pubblico 27100 PAVIA Viale Golgi, 19 La relazione terapeutica col paziente sovrappeso obeso: Il

Dettagli

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose,

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, IL METODO DELPHI Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, in ogni caso impegnative. L importanza

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE. Roma, 27/03/2007 2006 117RS.

REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE. Roma, 27/03/2007 2006 117RS. REPUBBLICA - SOMEDIA INDAGINE SU LA DIFFUSIONE E L AFFERMAZIONE DELLE ENERGIE ALTERNATIVE Roma, 27/03/2007 2006 117RS Presentazione 02 PRESENTAZIONE DELLA RICERCA Autore: Format Srl - ricerche di mercato

Dettagli

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63

Relatori. Dott.ssa Donatella Cajano. Dott. Paolo Pepe. Dott. Enrico Ales. Tel 06.45.48.10.63 Relatori Dott.ssa Donatella Cajano Dott. Paolo Pepe Dott. Enrico Ales Analisi & Mercati Fee Only S.r.l. Tel 06.45.48.10.63 1 Analisi & Mercati Fee Only s.r.l. è una società di consulenza finanziaria indipendente

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro.

Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Henry Hansmann Voglio concentrare il mio intervento sul ruolo delle cooperative nell economia moderna, riassumendo alcuni dei punti centrali trattati nel libro. Prima di tutto è bene iniziare da una distinzione

Dettagli

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico

L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico L integrazione delle fonti rinnovabili non programmabili e della generazione distribuita nel sistema elettrico Milano, 6 febbraio 2014 Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed

Dettagli

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE

Allegato 3.1 PROCEDURE DI VALUTAZIONE Allegato. PROCEDURE DI VALUTAZIONE Procedura di valutazione della performance individuale del DG Data inizio validità: gennaio 0 Data fine validità: n.d. SOMMARIO Soggetti coinvolti... Procedura di valutazione....

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata Filippo BUBBICO Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata che non si limita presentare il suo

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO IL GIOCO DELL INTERRELAZIONE annalisa amadi Latina Scalo 22-23 giugno 2013 1 il conflitto si esprime attraverso i comportamenti 2 il comportamento è la manifestazione

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Energia: indici e misurazione

Energia: indici e misurazione nergia: indici e misurazione Introduzione La richiesta energetica di un processo produttivo incide in maniera sostanziale sul suo impatto ambientale; le ragioni alla base di questa affermazione vanno ricercate

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento ITALIA, il futuro nei sistemi di pagamento All alba di una nuova tecnologia nei sistemi di pagamento, indagine sulla propensione all utilizzo del telefonino come strumento d acquisto. 90 Nuove frontiere

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli