Sveva Avveduto, Loredana Cerbara e Adriana Valente, Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR (Capitolo II).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sveva Avveduto, Loredana Cerbara e Adriana Valente, Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR (Capitolo II)."

Transcript

1

2 Il presente Rapporto è stato realizzato a cura di Cotec - Fondazione per l Innovazione Tecnologica e Wired, in collaborazione con l Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR I capitoli I e II sono stati rispettivamente redatti da: Fabio Del Missier e Francesco Marcatto, Università degli Studi di Trieste (Capitolo I). Sveva Avveduto, Loredana Cerbara e Adriana Valente, Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR (Capitolo II). La fonte dei dati di cui alle tabelle e alle figure del capitolo II è l Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del CNR. Progetto grafico: BACKUP comunicazione Giuliano Vittori, Pasquale Cimaroli, Claudia Pacelli

3 Indice Prefazione di Riccardo Luna /5 Introduzione. L innovazione in Italia in alcuni settori chiave /7 Capitolo 1. Ragione ed emozione nella valutazione dei rischi tecnologici /19 Valutare tecnologie complesse: un compito molto arduo /22 Il giudizio dell esperto /27 Le emozioni nella valutazione del rischio: ostacolo o aiuto? /28 Le emozioni nell analisi costi-benefici /31 Emozioni e nucleare in Italia /36 Conclusioni /37 Bibliografia /38 Capitolo 2. La cultura dell innovazione in Italia: risultati dell indagine /43 L indagine /45 Il campione /47 Idee e parole /48 Identikit dei critici : ambientalisti, colti, trasversali /50 Ma il rischio cos è? /56 Perché le donne sono più caute, ovvero perché i conservatori lo sono meno? /57 Chi dovrebbe decidere? /59 Tecnologia e società /61 1. Alternative per la gestione dei rifiuti /61 2. Termovalorizzatore nel comune /64 3. Il solare la fa da padrone e il nucleare... /66 4. Veicoli elettrici /75 5. Cellule staminali /76 6. OGM /77 Confronto rischio-beneficio a tre anni /79 Internet /80

4 Accesso alla rete /81 La questione della privacy /82 Rappresentatività e partecipazione /84 Bibliografia /87 Il punto di vista degli esperti /93 Valorizzazione dei rifiuti Carla Poli /95 Nucleare e rinnovabili Chicco Testa /96 Giuseppe Onufrio /96 Veicoli elettrici Nevio Di Giusto /97 Francesco Profumo /98 Cellule staminali Camillo Ricordi /98 Angelo Vescovi /99 OGM Chiara Tonelli /100 Claudio Malagoli /101 Internet e nuove generazioni Giorgia Meloni /101 Sandro Gozi /102 David Bevilacqua /103 Postfazione di Riccardo Viale /105

5 5 Prefazione Gli italiani sono migliori, molto migliori del dibattito politico in corso e della quotidiana rappresentazione che ne fanno i media. Sono contrari a questo nucleare non per paura della tecnologia ma perché ritengono più intelligente - adesso - produrre energia con il sole e il vento. Non si tratta di una scelta emotiva o dettata dalla sfiducia nella scienza: è proprio la fiducia nella scienza a far guardare con speranza alle rinnovabili. Allo stesso modo sono favorevoli all uso delle cellule staminali in campo medico; e alla raccolta differenziata e al riciclo dei rifiuti piuttosto che ai termovalorizzatori; e ai mezzi pubblici elettrici; e a un utilizzo finalmente pervasivo di Internet, senza differenze sostanziali di età, adolescenti e nonni ugualmente digitali. La terza foto dell annuale Rapporto Wired-Cotec sulla cultura della innovazione degli italiani ci restituisce l immagine di un paese che non ha più paura del futuro anche grazie al fatto che si sta stabilendo un nuovo patto con la scienza. Le tante innovazioni annunciate vengono infatti viste con favore ma anche con un forte spirito critico: non basta un evidente vantaggio economico affinché vengano adottate, ma serve un concreto miglioramento della vita delle persone. Ne è un esempio lampante la questione dei cibi geneticamente modificati sui quali si registra una disponibilità a credere che possano - forse - contribuire a risolvere la questione della fame nel terzo mondo ma su cui resta una ferma contrarietà per levare i divieti in Italia dove la filiera alimentare è imperniata sulla qualità e la unicità dei prodotti. È questo l unico caso in cui si registra una sindrome riconducibile al nimby ovvero fatelo pure ma lontano dal mio cortile. Nel caso del nucleare infatti la contrarietà è totale, senza scorciatoie furbette. E anche chi è contrario ai termovalorizzatori non li vuole nemmeno lontani: semplicemente perché ritiene che una tecnologia alternativa unita a comportamenti virtuosi sia la vera soluzione al problema dei rifiuti. C è poi la questione della partecipazione alla vita politica, anch essa legata alla cultura dell innovazione evidentemente, in un paese che invecchia inesorabilmente anno dopo anno. Proprio mentre in Parlamento si avanzano faticosamente propo-

6 6 La cultura dell innovazione in Italia 2011 ste per abbassare l età dell elettorato attivo e passivo, abbiamo registrato la misura del possibile consenso. Non sono rimasto stupito di scoprire che si tratta ancora di una posizione largamente minoritaria, ma mi ha invece colpito leggere che nemmeno i giovani e i giovanissimi ritengono importante una modifica legislativa di questo tipo. Pensando alle storiche battaglie fatte e vinte in passato per allargare il suffragio, si tratta di un segnale di distacco dalla politica su cui occorre riflettere per porvi rimedio al più presto. Riccardo Luna Direttore Responsabile, Wired

7

8

9 9 La necessità di conciliare, specie nei Paesi a forti tassi di sviluppo, l incremento dell attività economica e il relativo avanzamento tecnologico con il contenimento dell impatto ambientale e sociale sta spingendo i responsabili politici a mettere in campo azioni per lo sviluppo sostenibile, anche attraverso investimenti pubblici in ricerca e innovazione, nonché mediante incentivi fiscali. Il volume di conoscenza scientifica e tecnologica prodotta per la riduzione dell inquinamento, la gestione del ciclo di smaltimento dei rifiuti e l utilizzo delle energie rinnovabili rappresenta una misura significativa del contributo dei Paesi all innovazione in materia ambientale. Nuove tecnologie e ambiti applicativi - sovente relativi a importanti sfide pubbliche come la sostenibilità della produzione energetica, il ciclo di smaltimento e riutilizzo dei rifiuti, la capacità di sfruttare nuovi modelli di produzioni in campo agricolo e l efficienza dei servizi di rete - sono caratterizzati da forti prospettive di sviluppo e, al tempo stesso, da un variabile profilo di criticità in relazione alla loro adozione. Il presente Rapporto si incarica di valutare la percezione dei cittadini, nonché la loro propensione all adozione, in relazione agli ambiti tecnologici e applicativi precedentemente esposti. Risulta a tal fine utile operare una sintetica ricognizione del loro attuale stato di avanzamento in Italia, a confronto con i principali Paesi europei, mediante l esposizione di alcune recenti evidenze statistiche. Ambiente La Figura 1.1 riporta la percentuale di brevetti relativi a tecnologie ambientali sul totale delle richieste depositate a livello internazionale mediante gli strumenti offerti dal Patent Co-operation Treaty (PCT) 1. In totale, i brevetti ambientali rappresentano nel 2007 il 3,7% del portafoglio mondiale, con un incremento rispetto al 2,9% del Nel complesso dell Unione Europea ammonta nel

10 10 La cultura dell innovazione in Italia 2011 al 2% la percentuale di brevetti di tecnologie per la riduzione dell inquinamento e la gestione dei rifiuti, proporzione superiore al 2,5% registrato nel In quest ambito tecnologico, è il Giappone a presentare il più elevato livello di specializzazione, con il 2,3% del proprio insieme di brevetti. Per quanto riguarda le energie rinnovabili passa, tra il 1999 e il 2007, dallo 0,4% all 1,2% la percentuale di brevetti sull insieme delle invenzioni prodotte in Paesi dell Unione Europea. Più ridotto, in senso complessivo, è tuttora il peso relativo alle invenzioni nell ambito dei veicoli elettrici e ibridi e dell efficienza energetica, con una percentuale rispettivamente pari allo 0,4% e allo 0,9% dell insieme dei brevetti depositati a livello mondiale nel Le Figure 1.2, 1.3 e 1.4 approfondiscono la performance brevettuale italiana in alcuni dei più rilevanti campi tecnologici legati alle sfide ambientali, confrontandola con quella di alcuni dei principali Paesi industrializzati e pesando i dati in relazione al volume di popolazione, al fine di neutralizzare effetti di scala. Come illustrato nella Figura 1.2, nel 2008 l Italia presenta un numero di richieste di brevetto per la copertura di invenzioni nel campo delle energie rinnovabili pari a 0,8 per milione di abitanti, valore sensibilmente inferiore a quello di Germania (3,8 richieste per milione di abitanti), Stati Uniti (2,3), Regno Unito (1,7) e Spagna (1.6). Figura 1.1 Percentuale di brevetti* in tecnologie ambientali sul totale del portafoglio brevettuale, Riduzione dell'inquinamento e gestione dei rifiuti Veicoli elettrici e ibridi Energie rinnovabili Efficienza energetica (edifici e illuminazione) 2,3 0,5 1 1,1 2 1,2 0,7 0,5 1,8 0,9 0,6 0,4 1,6 1,1 1,3 0,7 0,4 0,3 0,3 0,2 Giappone UE (27) Totale BRIICS Stati Uniti * nell'ambito del Patent Co-operation Treaty - Fonte: OECD Science, Technology and Industry Outlook, OCSE (2010)

11 Introduzione - L innovazione in Italia in alcuni settori chiave 11 Guardando ai brevetti relativi all efficienza energetica, l Italia, con 0,2 richieste brevettuali per milione di abitanti, presenta un risultato in linea con quello di Paesi come Stati Uniti, Francia e Regno Unito, pur rimanendo distanziata dalla Germania, che nel 2008 presenta 1,5 domande di brevetto per milione di abitanti per invenzioni relative all efficienza energetica (Figura 1.3). Anche nell ambito delle tecnologie per la riduzione delle emissioni nocive la graduatoria brevettuale è guidata dalla Germania, con 8 richieste PCT per milione di abitanti nel 2008 (Figura 1.4). Segue a distanza l Italia, che presenta 0,3 richieste di brevetto per milione di abitanti in questo specifico campo, risultato sensibilmente anche rispetto a quello della Francia (2,5) e degli Stati Uniti (1,2). Figura 1.2 Numero di richieste di brevetto* nel campo delle energie rinnovabili nei principali paesi industrializzati, per milione di abitanti, ,8 2 2,3 1,7 1,6 1,1 0,8 0 Germania Stati Uniti Regno Unito Spagna Francia Italia * nell'ambito del Patent Co-operation Treaty - Fonte: "OECD Patents database", OCSE (2011) Figura 1.3 Numero di richieste di brevetto* nel campo dell'efficienza energetica (edifici e illuminazione) nei principali paesi industrializzati, per milione di abitanti, ,5 1 0,4 0,4 0,3 0,2 0,1 0 Germania Stati Uniti Francia Regno Unito Italia Spagna * nell'ambito del Patent Co-operation Treaty - Fonte: "OECD Patents database", OCSE (2011)

12 12 La cultura dell innovazione in Italia 2011 Figura 1.4 Numero di richieste di brevetto* nel campo della riduzione delle emissioni nocive per l'ambiente nei principali paesi industrializzati, per milione di abitanti, ,5 2 1,2 0,8 0,3 0,1 0 Germania Francia Stati Uniti Regno Unito Italia Spagna * nell'ambito del Patent Co-operation Treaty - Fonte: "OECD Patents database", OCSE (2011) Energia Al tema dell efficienza energetica e della sostenibilità ambientale dei processi si affianca a quello delle forme di approvvigionamento e generazione di energia. In quest ottica, il crescente dibattito in merito alle politiche pubbliche più appropriate, soprattutto in relazione ai modelli da adottare nei futuri decenni, ha permesso di isolare due strade, eventualmente complementari, per il superamento dell utilizzo di fonti fossili: la produzione di energia nucleare e l impiego di fonti rinnovabili (geotermica, idroelettrica, solare, eolica e marina). L Internatio- Figura 1.5 Percentuale di utilizzo di energia nucleare e da fonti rinnovabili sul totale dell'energia elettrica generata: scenari di previsione a partire dai nuovi scenari di policy Nucleare Rinnovabili 60 Mondo OCSE Non OCSE Fonte: "World Energy Outlook 2010", International Energy Agency (2010)

13 Introduzione - L innovazione in Italia in alcuni settori chiave 13 nal Energy Agency ha elaborato una proiezione, riportata nella Figura 1.5, della possibile ripartizione di utilizzo di energia di natura nucleare e da fonti rinnovabili nel caso dell attuazione di un nuovo scenario di politiche pubbliche che confermi gli orientamenti annunciati dai principali governi in merito alla riduzione dell emissione di gas serra e all affrancamento, almeno parziale, dall utilizzo di fonti fossili per la produzione di energia. In tale contesto crescerebbe a livello mondiale il ricorso alle energie rinnovabili, per coprire il 32% del fabbisogno di energia elettrica nel 2032, a fronte del 19% del 2008, mantenendo invece inalterata la proporzione relativa all energia nucleare. Rifiuti Ulteriore tema di particolare rilevanza in relazione ai modelli di sviluppo, presenti e futuri, della società è quello - anch esso affrontato nel seguito del presente Rapporto - del ciclo di smaltimento e riutilizzo dei rifiuti. Nel 2008, la percentuale del volume di rifiuti smaltiti entro un processo volto alla generazione di nuova energia è pari 68,6%, in leggera crescita rispetto al 65,3% del 2006 (Figura 1.6). Guida questa particolare graduatoria la Germania, con il 94,8% dei volume di rifiuti inserito in un processo di smaltimento e produzione di energia presso impianti dedicati. Come illustrato nella Figura 1.7 la stessa Germania è leader, tra i principali Paesi europei, per ciò che concerne la percentuale del volume di rifiuti sottoposta a riciclo, pari al 70,5% nel Questa percentuale ammonta nello stesso anno in Italia al 59,6%, con una crescita rispetto al 57,5% del Per questo particolare indicatore, il valore relativo all Italia è in linea con quello di Regno Unito e Spagna, e superiore a quello registrato in Francia. Figura 1.6 Tasso di smaltimento o incenerimento (presso inceneritori) di rifiuti con obiettivi di produzione energetica ,4 94, ,3 68, ,1 65,5 60,7 65,4 64,1 65, Germania Italia Regno Unito Spagna Francia Fonte: Eurostat (2011)

14 14 La cultura dell innovazione in Italia 2011 Figura 1.7 Percentuale del volume di rifiuti sottoposto a riciclo ,5 70, ,5 61,5 54,9 59,6 59, ,8 55,2 0 Germania Regno Unito Italia Spagna Francia Fonte: Eurostat (2011) OGM Quello degli organismi geneticamente modificati (OGM) e, più in generale, dell ingegneria genetica, è un campo in cui lo sviluppo scientifico mostra una particolare vivacità. Ciononostante, i potenziali rischi per l ambiente e la salute umana e animale rendono, nonché l eventuale impatto economio-sociali sui modelli tradizionali, rendono questa traiettoria di sviluppo particolarmente critica. Come riportato nella Figura 1.8, relativamente all ambito scientifico degli OGM l Italia presenta un volume di invenzioni inferiore rispetto a quello dei principali Paesi europei, pari a 0,5 per milione di abitanti nel 2007 (dato in diminuzione rispetto al 2005, tendenza peraltro comune agli altri Paesi considerati), contro i 3 della Germania e i 2 della Francia. Figura 1.8 Numero di richiesto di brevetto su OGM presso lo European Patent Office, per milione di abitanti 8 6, ,1 2 0,8 1,2 1,3 0,6 0,5 0 Germania Francia Regno Unito Spagna Italia Fonte: Eurostat (2011)

15 Introduzione - L innovazione in Italia in alcuni settori chiave 15 Internet Va infine considerato, quale ulteriore campo di analisi in questo caso nel novero dell ampio e articolato settore ICT, quello della rete e dei nuovi servizi digitali costituisce uno degli ambiti dotati delle maggiori potenzialità, non solamente in termini puramente tecnologici, ma anche relativamente all efficienza dei processi - ad ogni livello di astrazione (dalle singole realtà alle grandi aggregazioni) - soprattutto nel settore pubblico e all opportunità di una migliore interazione tra istituzioni e cittadini. Non solamente il paradigma IT as a service, entro il quale trovano sviluppo modelli in grado di mutare, anche sensibilmente, la curva di costo delle imprese in materia ICT, con un incremento di efficienza dovuto a una migliore allocazione delle risorse, ma anche la nuova generazione di servizi digitali basati su ingenti flussi di dati poggiano la loro capacità di creazione di valore di Internet. Se tale aspetto investe l attività di imprese e organismi della pubblica amministrazione, va inoltre considerato come gli stessi cittadini possano beneficiare delle nuove opportunità della rete. Come illustrato nella Figura 1.9, la percentuale accesso a collegamenti a banda larga permane in Italia sensibilmente inferiore rispetto a quella dei principali Paesi industrializzati. Nel 2009, la percentuale di sottoscrittori di un contratto accesso a Internet di tipo broadband è pari al 19,8% degli abitanti, contro percentuali di circa il 29% per Francia, Germania e Regno Unito e una media europea del 22,8%. Figura 1.9 Numero di sottoscrittori di un contratto Internet a banda larga per 100 abitanti nei principali paesi industrializzati, ,3 29,1 28,9 Media OCSE 22,8 26,7 20,8 19,8 Germania Francia Regno Unito Stati Uniti Spagna Italia Fonte: "Measuring Innovation: A New Perspective", OCSE (2010)

16 16 La cultura dell innovazione in Italia 2011 Figura 1.10 Percentuale di cittadini per attività svolta via Internet, Comunicazione Internet banking Interagire con la PA Regno Unito Germania UE (25) Francia Spagna Italia Fonte: Eurostat (2011) In molti dei principali Paesi europei appartiene tuttora al campo della comunicazione (Figura 1.10). In Italia il 44% degli utenti impiega la rete per comunicare con altri utenti, con una media europea del 65%. Ancora ridotta, rispetto agli altri Paesi considerati, è la percentuale di cittadini con accesso a Internet che utilizzano servizi per l interazione con la Pubblica Amministrazione, pari al 17% del 2010, con una media europea che sfiora un valore doppio.

17 17 Riferimenti Commissione Europea, 2010, Innovation Union Scoreboard Eurostat, 2011, Agricultural statistics Eurostat, 2011, Environment and Energy statistics Eurostat, 2011, Information Society statistics International Energy Agency, 2010, World Energy Outlook OCSE, 2010, Measuring Innovation: a New Perspective OCSE, 2010, Science, Technology and Industry Outlook OCSE, 2011, Patents database

18

19

20

21 21 Controlla le tue emozioni, o loro controlleranno te (Anonimo) Le emozioni sono sempre state maestre di raziocinio per l umanità (Luc de Clapiers, marchese di Vauvenargues) È proprio vero che un bravo decisore deve essere freddo, cioè capace di separare dall oggetto dell analisi sentimenti che lo porterebbero a fare scelte irrazionali? L idea che emozione e ragione siano entità opposte è una posizione che ha da sempre caratterizzato il dibattito sulla razionalità (si veda ad esempio Cartesio, 1649), sviluppatosi storicamente nelle scienze umane e sociali. La presunta dicotomia tra ragione ed emozione è tornata di grande attualità in seguito al disastro nucleare avvenuto nel marzo 2011 a Fukushima, in Giappone. Nello specifico, particolarmente significativa risulta essere la decisione del Governo Italiano di rimandare ogni decisione sul programma nucleare a un futuro prossimo, in quanto in questo periodo sarebbe difficile analizzarne costi e benefici in modo puramente razionale, senza cioè farsi influenzare dalla forte reazione emotiva conseguente alla tragedia giapponese. La convinzione secondo cui le decisioni importanti dovrebbero essere prese non facendosi influenzare dalle reazioni affettive è la conseguenza di un idea diffusa e radicata che considera le emozioni come un ostacolo alla razionalità. Secondo questa concezione, quindi, noi faremmo scelte migliori alienando i nostri sentimenti dalla ragione. Esiste però una vasta letteratura scientifica sul ruolo delle emozioni nella decisione e nella percezione del rischio che contraddice questa idea e mostra che il ragionamento analitico e razionale non può essere efficace se non è integrato da valutazioni affettive delle conseguenze, portando quindi a una più moderna e costruttiva concezione funzionale dell emozione (Mazzocco, 2008; Savadori e Rubaltelli, 2008). La ricerca attuale sembra corroborare un quadro molto più sfumato rispetto alla dicotomia ragione-emozione: se è pur vero che le emozioni, in certe circostanze, possono condurre a cattive decisioni, è altrettanto vero che non esistono decisioni che prescindano da giudizi sul

22 22 La cultura dell innovazione in Italia 2011 valore soggettivo e affettivo delle conseguenze. Senza queste valutazioni, non saremmo, infatti, nemmeno in grado di dire se certi eventi (ad esempio, vincere un premio alla lotteria o subire una perdita economica) hanno un valore positivo o negativo per noi. Inoltre, almeno in alcuni casi, sembra che le emozioni siano indispensabili per decidere in modo adeguato. In questo capitolo vedremo innanzitutto in che cosa consista la valutazione del rischio associato alle nuove tecnologie, evidenziando che la complessità dei processi di giudizio in questo ambito sfugge a concettualizzazioni troppo semplicistiche. Successivamente ci occuperemo delle valutazioni fatte dagli esperti di rischio, mostrando come anche i loro giudizi possano essere soggetti a errori sistematici tanto quanto accade alle persone non esperte. Infine, cercheremo di capire se il ruolo delle emozioni e quello della ragione siano conciliabili nell ambito delle decisioni sulle nuove tecnologie, approfondendo in particolare il caso della percezione del rischio associato alla produzione di energia nucleare. Valutare tecnologie complesse: un compito molto arduo Le nuove tecnologie vengono sviluppate con l intento di migliorare la nostra vita. Possono semplificare alcune attività altrimenti più complesse (si pensi ad esempio a come l introduzione dei veicoli a motore abbia reso più facili i nostri spostamenti), oppure permettere la diagnosi di patologie difficilmente osservabili (come nel caso della tomografia assiale computerizzata, la famosa TAC ), o incrementare le possibilità di conoscenze ed esperienza che ci vengono offerte (si pensi a com era la nostra vita prima della diffusione di internet e del world wide web!). Gli indubbi benefici offerti dalle nuove tecnologie sono però spesso accompagnati anche da possibili conseguenze negative, che possono coinvolgere sia i singoli individui, come nel caso delle radiazioni dovute alla TAC e al furto di dati sensibili in rete, ma anche l ambiente e la collettività, si pensi all inquinamento prodotto dagli autoveicoli alimentati a benzina. In alcuni casi le nuove tecnologie possono anche sollevare dubbi etici di non facile soluzione, come ad esempio nel caso dell uso delle cellule staminali. Per decidere se accettare o meno una nuova tecnologia o innovazione è necessario un processo di valutazione che tenga conto dei costi e dei benefici ad essa associati (cfr., Rumiati & Del Missier, 2009; 2010). Una valutazione razionale di una nuova tecnologia dovrebbe considerare tutti i potenziali rischi e benefici, nel breve e nel lungo termine, e integrare questi aspetti con ulteriori considerazione di ordine tecnico ed economico. Una tale analisi è un operazione piuttosto complessa e potenzialmente controversa, in quanto richiede una quantificazione

23 Ragione ed emozione nella valutazione dei rischi tecnologici 23 oggettiva, imparziale e basata su evidenze scientifiche delle conseguenze e dei potenziali rischi. Risulta quindi evidente che per questo tipo di valutazione è necessaria una conoscenza approfondita e specialistica della tecnologia in oggetto. Tuttavia, come vedremo in seguito, non sempre i pareri degli esperti sono accurati, non sempre gli esperti convergono nei loro giudizi, e la valutazione esperta non può essere considerata indipendente da considerazioni di ordine non strettamente tecnico (Slovic, Malmfors, Mertz, Neil, & Purchase, 1997). Inoltre, non è necessario possedere un esperienza specialistica o avere condotto degli approfondimenti di natura professionale per formarsi un opinione ed esprimere un giudizio su una nuova tecnologia. Il fatto che l opinione di persone non esperte sia di grande importanza è evidente se si pensa che il parere degli individui non esperti (solitamente la maggioranza della popolazione) è fondamentale per determinare non solo l accettazione o il rifiuto di una nuova tecnologia, ad esempio attraverso il voto in un referendum, ma anche la sua effettiva diffusione, tramite l acquisto o la fruizione dei prodotti dell innovazione oppure attraverso il boicottaggio o le azioni di protesta. Inoltre, come opportunamente segnalato da Paul Slovic, la concezione ampia che gli inesperti hanno sui rischi tecnologici può essere utile per individuare alcune dimensioni di rischio che talvolta vengono sottovalutate dagli esperti, spesso focalizzati su una concezione ristretta alla probabilità di conseguenze per la salute delle persone (Slovic, 1999). Diversi studi diventati ormai classici hanno indagato come le persone non esperte si rappresentino il rischio e quali siano le strategie usate per arrivare a esprimere giudizi e valutazioni su fonti di rischio legate alle nuove tecnologie (si veda anche Savadori & Rumiati, 2005; Del Missier & Rumiati, 2008). Le caratteristiche che definiscono la rappresentazione del rischio sono state studiate in particolare dal gruppo di ricerca guidato da Paul Slovic tramite una metodologia che ha preso il nome di paradigma psicometrico (ad esempio, Fischhoff, Slovic, Lichtenstein, Read, & Combs, 1978; Slovic, 1987; Slovic, 2000). Tale metodologia permette di identificare i fattori che caratterizzano la rappresentazione cognitiva del rischio e di evidenziare le caratteristiche che determinano la percezione di rischiosità legata a singole situazioni o attività. L applicazione di tecniche statistiche di analisi fattoriale ha mostrato che la struttura cognitiva del rischio può essere rappresentata da due grandi fattori che sono stati denominati rischio terrificante (dread risk) e rischio sconosciuto (unknown risk). Il primo fattore include caratteristiche quali la gravità delle conseguenze, la mancanza di controllo personale del rischio e più in generale la paura per le possibili conseguenze; sono solitamente giudicati terrificanti tecnologie come il nucleare ed eventi come le guerre. Il secondo fattore riguarda i rischi giudicati non osservabili, non

24 24 La cultura dell innovazione in Italia 2011 Figura 1.11 Il modello dell amplificazione sociale del rischio Amplificazione e attenuazione Fonti di informazione Canali di informazione Emittenti sociali Esperienza personale Organi di senso Opinioni leaders Gruppi culturali e sociali Rischio ed eventi rischiosi Comunicazione diretta Reti sociali informali Agenzie governative Organizzazioni di volontariato Comunicazione indiretta Professionisti dell informazione News media Feedback e iterazione Nota: figura adattata da Pidgeon, Kasperson, & Slovic, 2003

25 Ragione ed emozione nella valutazione dei rischi tecnologici 25 Emittenti individuali Filtro attentivo Decodifica Comportamento istituzionale e sociale Atteggiamenti e loro atteggiamenti Azioni politiche e sociali Effetti di espansione Gruppi Società Gruppo degli Comunità stakeholder professionali locali Impatti Calo nelle vendite Perdite finanziarie Interventi normativi Euristiche intuitive Valutazione e interpretazione Cognizione nel contesto sociale Risposte organizzative Protesta sociale Persone direttamente interessate Altr e Azie n de In d u s tr ie t e c n ologie S ocietà Cambiamenti organizzativi Controversie legali Aumento o diminuzione del rischio fisico Preoccupazione nelle comunità Perdita di fiducia nelle istituzioni

26 26 La cultura dell innovazione in Italia 2011 conosciuti e con effetti differiti nel tempo; esempi di rischi giudicati sconosciuti sono i pesticidi, i fertilizzanti e i raggi X. Mentre il fattore rischio sconosciuto si riferisce a una valutazione più cognitiva dei rischi, il fattore rischio terrificante è chiaramente più legato a una valutazione maggiormente emotiva, dovuta alle reazioni espresse dal nostro sistema affettivo. Vari ricercatori hanno ipotizzato che, per esprimere un giudizio o prendere una decisione, le persone siano in grado di utilizzare sia processi di tipo analitico sia processi di tipo intuitivo (teorie del doppio processo, si vedano ad esempio Epstein, Lipson, Holstein, & Huh, 1992; Evans, 2008; Kahneman, 2002). I processi analitici si baserebbero sull applicazione di algoritmi e regole normative, come ad esempio il calcolo delle probabilità, di conseguenza tenderebbero a essere lenti e dispendiosi in termini di risorse cognitive. I processi intuitivi, viceversa, sarebbero basati principalmente sull uso di semplici strategie intuitive chiamate euristiche, di conseguenza sarebbero veloci, automatici e necessiterebbero di minori risorse cognitive. Secondo questa prospettiva, le persone userebbero delle scorciatoie di ragionamento più semplici e veloci rispetto a un analisi sistematica quando devono effettuare delle valutazioni sui rischi associati a una nuova tecnologia e non dispongono delle conoscenze o del tempo necessari per una valutazione di tipo analitico. Questo non implica necessariamente che queste valutazioni siano irrazionali o sempre peggiori rispetto alle valutazioni analitiche: l uso di strategie euristiche è infatti il migliore compromesso per affrontare la complessità del mondo in modo ragionevolmente efficace nonostante i vincoli imposti dal nostro sistema cognitivo (cfr. le Nobel Lecture di Herbert Simon, 1978, e Daniel Kahneman, 2002). Le valutazioni espresse tramite processi intuitivi si basano in alcuni casi prevalentemente sulle reazioni emotive, come vedremo in seguito. In altri casi, tali valutazioni possono dipendere anche dalla rappresentazione in memoria di eventi e di esperienze passate. In particolare, una delle più note strategie intuitive usate per esprimere giudizi probabilistici, l euristica della disponibilità (Tversky & Kahneman, 1973), si basa proprio sulla disponibilità degli eventi della memoria: tanto è più facile recuperare dalla memoria o immaginare un evento, tanto più la sua occorrenza in futuro verrà giudicata probabile, se viceversa il ricordo è poco accessibile, anche la probabilità verrà ritenuta bassa. Solitamente la disponibilità in memoria e la facilità a immaginare un evento sono buoni indici di frequenza, in quanto in genere è più facile recuperare eventi più comuni che eventi più rari. Tuttavia si tende a sovrastimare l occorrenza di eventi fortunatamente rari ma che è facile recuperare della memoria (anche perché molto presenti sui mezzi di informazione), mentre vengono spesso sottostimati i rischi associati a eventi che è meno facile ricordare, ma in realtà più frequenti, come il diabete (Lichtenstein, Slovic, Fischhoff, Layman,

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI

ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ ESPERIMENTO PSICOLOGIA E INVESTIMENTI ETICI Corso di Psicologia Cognitiva (Prof. Lorella Lotto) Facoltà di Lettere e Filosofia Corso

Dettagli

Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE. Overview. Education Policy Analysis. Analisi delle politiche educative

Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE. Overview. Education Policy Analysis. Analisi delle politiche educative Nota di sintesi ANALISI DELLE POLITICHE EDUCATIVE Overview Education Policy Analysis Analisi delle politiche educative Le note di sintesi sono degli stralci di pubblicazioni dell OCSE. Sono disponibili

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo

Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo - DPSS - Università degli Studi di Padova http://decision.psy.unipd.it/ Teoria del Prospetto: avversione alle perdita, framing e status quo Corso di Psicologia del Rischio e della Decisione Facoltà di

Dettagli

Il data warehouse nelle aziende italiane

Il data warehouse nelle aziende italiane Byte Italia n.10 - vembre 1998 di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Il nuovo ruolo dell Information Technology aziendale è quello di fornire al top management informazioni rapide ed efficaci sulle quali

Dettagli

Gestione della stampa aziendale Non consentite a situazioni esistenti di ostacolare il vantaggio aziendale

Gestione della stampa aziendale Non consentite a situazioni esistenti di ostacolare il vantaggio aziendale Gestione della stampa aziendale Non consentite a situazioni esistenti di ostacolare il vantaggio aziendale La realtà della gestione della stampa nelle grandi aziende oggi In una tipica grande organizzazione,

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE

EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE EMH E FINANZA COMPORTAMENTALE Il materiale di questa ultima parte del corso è tratto da: Inefficient Markets. An Introduction to Behavioral Finance, Andrei Shleifer, Oxford University Press (2000), cap.

Dettagli

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali

Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali Il processo decisionale di copertura del «cash flow interest rate risk» nelle imprese industriali di Giuseppe Zillo e Elisabetta Cecchetto (*) La valutazione degli effetti delle variazioni dei tassi di

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA L attribuzione causale Attribuzione causale Nel processo di formazione di impressioni siamo altresì interessati a cogliere le cause, le determinanti di un comportamento ATTRIBUZIONE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

Crescita. Sostenibilità Ottimizzazione. Investimenti

Crescita. Sostenibilità Ottimizzazione. Investimenti Crescita Sostenibilità Ecologia Efficienza Ottimizzazione Sviluppo Competitività Investimenti Il futuro viaggia sulle strade dell efficienza energetica Efficienza: un obiettivo da raggiungere Parlare di

Dettagli

Energia nucleare: convenienza economica, gas serra e liberalizzazione del mercato elettrico

Energia nucleare: convenienza economica, gas serra e liberalizzazione del mercato elettrico Energia nucleare: convenienza economica, gas serra e liberalizzazione del mercato elettrico Luigi De Paoli, Università Bocconi, Milano RITORNO AL NUCLEARE. Conviene? Risolve? Convegno promosso da Parlamentari

Dettagli

Gli italiani e il solare V RAPPORTO

Gli italiani e il solare V RAPPORTO Gli italiani e il solare V RAPPORTO Focus su Città e bioedilizia Settembre 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso,

Dettagli

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0)

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0) TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile Milano 3/20141 (R.0) Perché il Fotovoltaico? La storia dell Umanità ci conferma la stretta correlazione che ha legato e lega sempre di più lo sviluppo socio-economico

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

La gestione del rischio: se i meno contano più dei più

La gestione del rischio: se i meno contano più dei più 1 La gestione del rischio: se i meno contano più dei più Aggiornato il 20/02/2008 Introduzione Quanti di noi si metterebbero al volante di un auto essendo consapevoli che i freni sono guasti? Probabilmente

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.07.2005 COM(2005) 312 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Sviluppi e implicazioni del diritto dei brevetti nel settore

Dettagli

La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica

La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica La Svizzera non ha bisogno di una politica industriale dossierpolitica 6 maggio 201 Numero 8 Politica industriale Dopo lo scoppio della crisi finanziaria, si rincorrono ripetutamente voci che affermano

Dettagli

Una delle domande ricorrenti di chi vuole acquistare casa è se conviene comprare oggi oppure aspettare ancora.

Una delle domande ricorrenti di chi vuole acquistare casa è se conviene comprare oggi oppure aspettare ancora. ACQUISTARE CASA OGGI Un rischio o l'occasione di una vita? Una delle domande ricorrenti di chi vuole acquistare casa è se conviene comprare oggi oppure aspettare ancora. In caso di acquisto oggi il mercato

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino Pianezzola Giulia In questi ultimi anni le adozioni nazionali

Dettagli

SINTESI LE AZIENDE FAMILIARI ITALIANE E LA CORPORATE REPUTATION, Una ricerca ISPO per Ketchum

SINTESI LE AZIENDE FAMILIARI ITALIANE E LA CORPORATE REPUTATION, Una ricerca ISPO per Ketchum SINTESI LE AZIENDE FAMILIARI ITALIANE E LA CORPORATE REPUTATION, Una ricerca ISPO per Ketchum Offre un quadro molto ampio ed attuale lo studio sulla corporate reputation commissionato da Ketchum ad ISPO.

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Ricerca sull atteggiamento degli investitori nella provincia di Parma

Ricerca sull atteggiamento degli investitori nella provincia di Parma Ricerca sull atteggiamento degli investitori nella provincia di Parma Struttura del campione Il campione di 1425 individui intervistati è per il 48,7% costituito da persone di età compresa tra i 40 e i

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione AUDIZIONE COVIP (Presidente facente funzione dott. Bruno Mangiatordi) TESTO DELL'INTERVENTO Indagine conoscitiva sulla crisi finanziaria internazionale

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi. Energie Rinnovabili. Cesena

Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi. Energie Rinnovabili. Cesena Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Energie Rinnovabili Cesena 1 Sapete perchè ci troviamo tutti qui oggi a discutere di energie rinnovabili? La risposta più banale è questa: perchè i cambiamenti

Dettagli

Mappa dell impatto delle droghe sulla salute pubblica in un mercato europeo in evoluzione

Mappa dell impatto delle droghe sulla salute pubblica in un mercato europeo in evoluzione Sintesi Mappa dell impatto delle droghe sulla salute pubblica in un mercato europeo in evoluzione Le principali conclusioni della nuova analisi dell EMCDDA sul problema europeo della droga restano coerenti

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

DELLA SITUAZIONE NEL 2003

DELLA SITUAZIONE NEL 2003 IL MIX ENERGETICO ITALIANO: ANALISI DELLA SITUAZIONE NEL 2003 Enea Bari 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. ENERGIA ELETTRICA...4 3. ENERGIA TERMICA...11 4. CONCLUSIONI...13 Enea Bari 2 1. Introduzione Ogni

Dettagli

CONIUGARE FAMIGLIA E LAVORO: LE SOLUZIONI LAVORATIVE DI DONNE E UOMINI

CONIUGARE FAMIGLIA E LAVORO: LE SOLUZIONI LAVORATIVE DI DONNE E UOMINI CONIUGARE FAMIGLIA E LAVORO: LE SOLUZIONI LAVORATIVE DI DONNE E UOMINI Opzioni di lavoro nel futuro Durante l estate e l autunno del 1998, la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di

Dettagli

L azionario vince sempre nel lungo periodo?

L azionario vince sempre nel lungo periodo? 1 L azionario vince sempre nel lungo periodo? Redatto il 03/08/2007 Introduzione Spesso accade di ascoltare la celebre ed inflazionata massima secondo la quale l azionario vince sempre nel lungo periodo.

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi

Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Dipartimento di Sanità Pubblica Sezione di Medicina del Lavoro Valutazione delle fonti di rischio stress-lavoro correlato presso il Consiglio regionale della Toscana indagine dati soggettivi Report conclusivo:

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe Research Report Series ISSN 2036 1785 Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe Research Report n. 10 March 2012 Studio

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di Laurea Specialistica in INGEGNERIA ENERGETICA STRATEGIE DI OTTIMIZZAZIONE PER L INCREMENTO DELLA PENETRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI IN UN SISTEMA ENERGETICO

Dettagli

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI Ing. Daniele TESTI Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi (DESE) Università di Pisa Definizione di Green Job secondo l ILO (International Labour Organization)

Dettagli

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute

2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute Adelaide (Australia), 5-9 aprile 1988 Conferenza Internazionale Le Raccomandazioni di Adelaide The Adelaide Recommendations 2 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute L adozione della Dichiarazione

Dettagli

La valutazione delle prestazioni

La valutazione delle prestazioni di Maria Soldati Che cosa è? La valutazione delle prestazioni E un sistema orientato allo sviluppo e alla valorizzazione delle persone e non una drammatica resa dei conti. Ha come campo di definizione,

Dettagli

Orientamenti. Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID. 25 giugno 2012 ESMA/2012/387

Orientamenti. Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID. 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Orientamenti Orientamenti su alcuni aspetti dei requisiti di adeguatezza della direttiva MiFID 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Data: 25 giugno 2012 ESMA/2012/387 Sommario I. Ambito di applicazione 3 II. Definizioni

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica

Capitolo 34: Informazione Asimmetrica Capitolo 34: Informazione Asimmetrica 34.1: Introduzione Fino ad ora abbiamo assunto che tutti gli agenti abbiano accesso alle stesse informazioni sul bene scambiato nel mercato. In questo capitolo studiamo

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Pierluigi Monceri Cagliari, 10 ottobre 2012. Produzione Energetica degli Impianti da Fonte Rinnovabile: i Numeri in Sardegna.

Pierluigi Monceri Cagliari, 10 ottobre 2012. Produzione Energetica degli Impianti da Fonte Rinnovabile: i Numeri in Sardegna. Pierluigi Monceri Cagliari, 10 ottobre 2012 Produzione Energetica degli Impianti da Fonte Rinnovabile: i Numeri in Sardegna. Le Fonti Rinnovabili: Dati di Scenario. In un confronto a livello mondiale,

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali

Variabili situazionali e differenze individuali nei processi decisionali Seconda Università di Napoli Facoltà di Economia - Dipartimento di Diritto ed Economia Facoltà di Psicologia - Dipartimento di Psicologia 20 e 21 maggio 2010 Economia cognitiva e sperimentale: decisioni

Dettagli

CORPORATE RESPONSIBILITY

CORPORATE RESPONSIBILITY CORPORATE RESPONSIBILITY Mario Molteni Alta Scuola Impresa e Società Milano, 21 giugno 2005 1. CSR: DIMENSIONE DELLA STRATEGIA AZIENDALE Natura della CSR l integrazione volontaria delle preoccupazioni

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY DOTT. ALESSANDRO LEGA, CPP Managing Director di Traicon S.r.l. (Gruppo DAB) Nel percorrere il vasto territorio professionale che caratterizza

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

studi e analisi finanziarie PREZZI CASE MILANO

studi e analisi finanziarie PREZZI CASE MILANO PREZZI CASE MILANO I prezzi delle case a Milano stanno aumentando: la considerazione è che la qualità degli immobili in vendita sia bassa ed i prezzi richiesti siano elevati: tutti cercano casa, ma pochi

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

Formazione e-learning: uno stato dell Arte

Formazione e-learning: uno stato dell Arte Highlight Formazione e-learning: uno stato dell arte 189 Formazione e-learning: uno stato dell Arte Laura Nespeca L odierna evoluzione dei processi formativi indica una tendenza all individuazione e al

Dettagli

Differenze uomo donna

Differenze uomo donna Differenze uomo donna Una vastissima letteratura documenta che in numerosi domini, soprattutto nella sfera economica, donne e uomini differiscono sistematicamente. Dibattito intenso sul perché 1. Perché

Dettagli

Una rete di tecnici ed aziende pronta, qualitativa ed efficiente

Una rete di tecnici ed aziende pronta, qualitativa ed efficiente Una rete di tecnici ed aziende pronta, qualitativa ed efficiente FORNITORI Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti. Charles Darwin

Dettagli

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Dott. Gabriele Sabato Abstract Nel corso del processo di evoluzione della nostra società moderna si è riscontrato sempre più l insorgere di

Dettagli

UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza

UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI ECONOMIA Convegno su Mercati finanziari, risparmio e trasparenza Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Previdenza e trasparenza Bologna, 19 ottobre 2012

Dettagli

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna

Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Indagine sul grado di consenso sociale nei confronti dello sviluppo dell energia eolica in Italia e in particolare in Sardegna Giugno 2007 Indice Indagine sul consenso sociale dell energia eolica in Italia

Dettagli

7. Le infrastrutture

7. Le infrastrutture 77 le infrastrutture 7. Le infrastrutture 7.1 LA SPESA PUBBLICA NEL MEZZOGIORNO Alcune recenti analisi e valutazioni strutturali (1) hanno evidenziato che a partire dal 2000 gli investimenti fissi lordi

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo

Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Un cervello, due lingue: vantaggi linguistici e cognitivi del bilinguismo infantile Antonella Sorace Università di Edimburgo Il mantenimento della diversità linguistica, in Italia e nel resto dell Europa,

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

80 è il nuovo. Uno studio sul comportamento previdenziale della Svizzera

80 è il nuovo. Uno studio sul comportamento previdenziale della Svizzera 80 è il nuovo 60 Uno studio sul comportamento previdenziale della Svizzera Quando siamo considerati «vecchi»? Come abitiamo quando siamo anziani? Cosa ci aspettiamo dalla nostra previdenza? Come investiamo

Dettagli

Breve excursus sulla recente normativa in materia di energia nucleare

Breve excursus sulla recente normativa in materia di energia nucleare Francesca Scardina Università di Palermo f.scardina@libero.it Data di pubblicazione: 21 dicembre Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente Francesca Scardina Breve excursus sulla

Dettagli

Indebitamento netto diretto e indiretto come % delle entrate correnti 105.0 105.0 111.2 103.7 98.9

Indebitamento netto diretto e indiretto come % delle entrate correnti 105.0 105.0 111.2 103.7 98.9 PROVINCIA DI AREZZO Italia Valutazione del credito / Graduazione di affidabilità Categoria Outlook / Situazione Rating Valutazione di Moody s Stabile Aa3 Contatti Analista Francesco Soldi / Milano 39.02.9148.1100

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5

SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5 settembre 2012 listed product SG CERTIFICATE su FTSE MIB a LEVA FISSA 5 SG FTSE MIB +5x DAILY LEVERAGE CERTIFICATE Codice ISIN: IT0006723263 - Codice di Negoziazione: S13435 SG FTSE MIB -5x DAILY SHORT

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE E COMUNICAZIONE DEL RISCHIO

COMUNICAZIONE AZIENDALE E COMUNICAZIONE DEL RISCHIO COMUNICAZIONE AZIENDALE E COMUNICAZIONE DEL RISCHIO Tecniche e principi di comunicazione aziendale L arte di comunicare Riuscire a formare e informare non è semplice facile. Alla base di una corretta comunicazione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

C'È VENTO DI CAMBIAMENTO

C'È VENTO DI CAMBIAMENTO C'È VENTO DI CAMBIAMENTO classe 4^E liceo scientifico A. Pesenti, Cascina Alice e Riccardo sono due amici che si incontrano al parco. Riccardo sta leggendo il giornale in cui ritiene non ci sia niente

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli