Il nucleare di oggi e di domani: fissione e fusione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nucleare di oggi e di domani: fissione e fusione"

Transcript

1 #1/47 Il nucleare di oggi e di domani: fissione e fusione Fabio Villone Associazione EURATOM/ENEA/CREATE DAEIMI Università degli Studi di Cassino

2 #2/47 Sommario La fissione nucleare Che cos è la fusione Aspetti scientifici e tecnici della fusione La ricerca: breve storia, stato attuale e prospettive future

3 #3/47 La fissione nucleare

4 La fissione nucleare #4/47 La fissione nucleare /1 Questo processo produce energia (cinetica) grazie al difetto di massa La fissione nucleare consiste nello spaccare un atomo pesante (uranio- 235) in prodotti più leggeri bombardandolo con neutroni di opportuna energia E una reazione a catena: autosostenuta dai neutroni prodotti da ogni fissione (opportunamente rallentati dai cosiddetti moderatori)

5 La fissione nucleare #5/47 La fissione nucleare /2 Boiling Water Reactor (Fukushima): l acqua viene fatta bollire nel vessel L energia cinetica viene estratta con un opportuno liquido refrigerante (e.g. acqua) che aziona turbine

6 La fissione nucleare #6/47 Problemi con la fissione /1 Problema#1. L uranio ed i prodotti della fissione sono radioattivi Risposta#1: in condizioni normali il pubblico subisce dosi di radiazioni non superiori al sottofondo naturale (praticamente nullo incremento di rischio) Problema#2. Esiste la possibilità di incidenti con rilascio di sostanze radioattive Risposta#2: Negli ultimi 50 anni tre incidenti seri: Three Mile Island (1979, USA), Chernobyl (1986, URSS), Fukushima (2011, Giappone)

7 La fissione nucleare #7/47 Problemi con la fissione /2 Three Mile Island: praticamente nessuna conseguenza sul pubblico Chernobyl: l incidente perfetto Errori di progetto del reattore Mancanza di elementari misure di sicurezza (contenimento) Malfunzionamento di vari dispositivi Errori umani ed irresponsabilità degli operatori Fukushima: dovuto ad un evento catastrofico (forse non la conseguenza più grave?)

8 La fissione nucleare #8/47 Problemi con la fissione /3 Elementi radioattivi: decadono spontaneamente (si trasformano in altri elementi) emettendo particelle α (nuclei di elio), particelle β (elettroni), raggi γ (radiazioni energetiche) Pericolose per l uomo: A dosi massicce: radiation sickness (morte entro pochi giorni) A dosi basse : aumentato rischio di contrarre malattie mortali (tumori) Che significa dosi basse? Indicazioni molto contraddittorie Statistiche difficili (se non impossibili)

9 La fissione nucleare #9/47 Qualche provocazione Fumo passivo: decine di migliaia di morti all anno nell unione europea (Societa' europea di pneumologia, Fondazione britannica per la ricerca sul cancro, Institut national du cancer in Francia) Incidenti automobilistici: morti (www.aci.it) nell Unione Europea nel solo 2008 (4731 in Italia) Incidente di Bophal (impianto chimico in India, dic. 1994): 3000 morti immediatamente, forse altri ad oggi Disastro del golfo del Messico (BP): danni ambientali di miliardi di dollari Esiste una tecnologia intrinsecamente sicura?

10 I problemi energetici e la fissione #10/47 Problemi con la fissione /4 Problema#3. Le scorie sono radioattive con lunghi tempi di decadimento Risposta#3: il problema dello stoccaggio delle scorie è effettivamente quello più serio che affligge la fissione nucleare. Dal punto di vista tecnico esso è risolubile. Serve però una forte volontà politica per individuare i siti idonei e convincere la popolazione. Altrove è stato fatto - e.g. in Svezia (http://www.youtube.com/watch?v=2usyuvfzhmi) - impossibile in Italia?

11 #11/47 Problemi con la fissione /5 Problema#4. L energia da fissione costa Risposta#4: il costo è in linea con quello di altre fonti di energia US Energy Information Administration, Annual Energy Outlook 2009

12 La fissione nucleare #12/47 La fissione può essere utile? /1 Combustibili fossili Inquinamento (gas serra, piogge acide) Impianti pericolosi (centrali tradizionali, rigassificatori) Risorse limitate (modello di Hubbert) Localizzazione geografica delle risorse Rinnovabili Limiti geografici Incremento limitato (vedi oltre) Impatto ambientale non nullo Eolico: paesaggistico ed acustico Geotermico: terremoti!

13 La fissione nucleare #13/47 La fissione può essere utile? /2 US Energy Information Administration, Annual Energy Outlook 2009 Possiamo realisticamente pensare ad un incremento più rapido per le fonti rinnovabili?

14 La fissione nucleare #14/47 La fissione può essere utile? /3 CO2 emissions reach a record high in 2010; 80% of projected 2020 emissions from the power sector are already locked in (International Energy Agengy, 30 May 2011) (http://www.iea.org/index_info.asp?id=1959) A cosa può contribuire la fissione? -Contenimento emissioni di gas serra -Diversificazione delle fonti primarie -Diversificazione dei fornitori (non solo gas libico ) Scelte politiche (impopolari) di visione generale: c è chi ha la forza o la credibilità per farle in Italia? Perché la questione è così politicizzata tra sinistra e destra?

15 #15/47 Che cos è la fusione

16 Che cos è la fusione #16/47 Le reazioni di fusione La fusione nucleare é il processo nel quale nuclei di elementi leggeri si fondono insieme per formare nuclei più pesanti Il difetto di massa viene trasformato in energia (cinetica) secondo la formula più famosa del mondo: E=mc 2 di Albert Einstein (premio Nobel per la fisica nel 1921)

17 Che cos è la fusione #17/47 Deuterio (D) Trizio (T) Le reazioni di fusione più facili : D + T -----> 4 He + n D + D -----> 3 He + n D + D -----> T+ H coinvolgono gli isotopi dell idrogeno Il Deuterio è contenuto nell acqua Il Trizio si produce dal Litio con la reazione 6 Li + n --> 4 He + T 7 Li + n --> 4 He + T + n

18 Che cos è la fusione #18/47 Come avviene la fusione /1 + Per far avvenire la fusione occorre avvicinare i reagenti a distanza subatomica (forze nucleari forti) + Per ottenere ciò bisogna superare la repulsione elettrostatica tra cariche dello stesso segno

19 Che cos è la fusione #19/47 Come avviene la fusione /2 Prima possibilità: confinamento inerziale Possibile in principio: ci si sta lavorando Si colpisce una pallina di D e T con dei laser potentissimi per comprimerla a sufficienza da far avvenire la reazione di fusione

20 Che cos è la fusione #20/47 Come avviene la fusione /3 Seconda possibilità: fusione fredda Si favoriscono le reazioni grazie ad un catalizzatore (Palladio) Pochi ricercatori sono riusciti a replicare gli esperimenti originari: molto controversa Fleischmann - Pons, 1989

21 Che cos è la fusione #21/47 Come avviene la fusione /4 Terza possibilità: fusione termonucleare Le temperature richieste sono di 100 milioni di gradi Si riscalda il D e il T fino a che la velocità di agitazione termica delle particelle è tale da far avvenire urti abbastanza violenti da vincere la repulsione ed avvicinarli abbastanza

22 #22/47 La fusione termonucleare controllata: aspetti scientifici e tecnici

23 La fusione termonucleare controllata #23/47 Il plasma A temperature così alte si raggiunge il quarto stato della materia: il plasma (un gas ionizzato) I nuclei e gli elettroni diventano indipendenti ma come produrre e dove contenere un plasma così caldo?

24 La fusione termonucleare controllata #24/47 Il riscaldamento Si fa percorrere il plasma da una corrente elettrica di alcuni MA tramite un opportuno trasformatore (riscaldamento ohmico per effetto Joule) Si utilizzano radiazioni elettromagnetiche (riscaldamento a radiofrequenza)

25 La fusione termonucleare controllata #25/47 Il confinamento magnetico Le particelle cariche in presenza di un campo magnetico non sono libere nel loro moto, ma spiralizzano lungo le linee di forza In questo modo possiamo confinare il plasma senza che urti le pareti circostanti

26 La fusione termonucleare controllata #26/47 Il tokamak Si dà al plasma una forma a ciambella (toroidale) per evitare la fuoriuscita di particelle тороидальная камера с магнитными катушками Camera toroidale a bobine magnetiche Inventato negli anni dal fisico russo Andrei Sakharov (premio Nobel per la pace nel 1975)

27 La fusione termonucleare controllata #27/47 Componenti di un reattore Vessel Blanket Magneti Sistemi di riscaldamento Alimentazioni Scambiatori di calore e turbine

28 La fusione termonucleare controllata #28/47 I potenziali vantaggi /1 La fusione utilizza combustibili che sono abbondanti ed ampiamente disponibili in tutto il mondo. La fusione non produce gas responsabili dell effetto serra (C0 2 ) o delle piogge acide (S0 2, N0 2 ) La fusione è adatta alla produzione di energia elettrica su larga scala

29 La fusione termonucleare controllata #29/47 I potenziali vantaggi /2 Pone (relativamente) pochi problemi di sicurezza: Scorie radioattive poco preoccupanti (He innocuo, strutture potenzialmente attivate ma solo in prossimità del plasma) Materiali radioattivi (T) a basso tempo di decadimento e prodotti in loco Sicurezza intrinseca (solo pochi g di combustibile nel reattore, reazione non a catena che si spegne in pochi secondi in caso di problemi) Rischio bassissimo di rilascio di sostanze radioattive nell ambiente

30 #30/47 La ricerca sulla fusione: breve storia, stato attuale e prospettive future

31 La ricerca sulla fusione #31/47 Capire la fusione Fino al XIX secolo, non si sapeva come il sole producesse energia (combustione, collasso gravitazionale, ) 1905 (annus mirabilis): equivalenza massa energia (E=mc 2 ) A. Einstein, Ist die Trägheit eines Körpers von seinem Energieinhalt abhängig?, Annalen der Physik 18, : Sir Arthur Eddington ipotizzò che la produzione di energia nelle stelle fosse collegata alla conversione di idrogeno in elio 1928: Irving Langmuir propose il termine plasma per descrivere a region containing balanced charges of ions and electrons 1938: Hans Bethe introdusse una teoria che spiega la produzione di energia tramite fusione nelle stelle (premio Nobel per la fisica nel 1967)

32 La ricerca sulla fusione #32/47 Realizzare la fusione /1 Anni 30: primi esperimenti di fusione al Cavendish laboratory (Cambridge, UK) 1946: Sir George Thomson (premio Nobel per la fisica nel 1937) e Moses Blackman depositano un brevetto per un reattore a fusione : prime bombe H (prima USA e poi URSS) 1961: Bomba Zar, la bomba H più potente mai fatta esplodere (URSS) pari a 57 megatoni ( 4500 volte più potente di quella di Hiroshima)

33 La ricerca sulla fusione #33/47 Realizzare la fusione /2 1951: Spitzer fondò il Princeton Plasma Physics Laboratory (USA) proponendo la configurazione magnetica stellarator 1952: magnetic pinch device a Los Alamos National Laboratory (USA) 1954: ZETA (magnetic pinch device) ad Harwell, vicino Oxford (UK) 1958: Atoms for peace conference in Ginevra: parziale declassificazione degli studi sulla fusione. Gli studiosi russi, americani e britannici cominciano a condividere le ricerche.

34 La ricerca sulla fusione #34/47 Realizzare la fusione /3 1968: configurazione magnetica tokamak, inventata da Andreij Sacharov (premio Nobel per la pace nel 1975) e Igor Tamm. Risultati straordinari in termini di temperatura, densità e tempo di confinamento rispetto alle altre macchine. Anni 70: grosso interesse per i dispositivi tokamak, che vengono progettati e costruiti in tutto il mondo 1983: primo plasma al JET (Joint European Torus), vicino Oxford (UK) 1985: primo plasma al JT-60 (Giappone) 1988: primo plasma a Tore Supra (Francia) Anni 80 e 90: altri dispositivi (più piccoli) entrano in funzione in tutto il mondo (Europa è leader!)

35 La ricerca sulla fusione #35/47 Alcuni record della fusione

36 La ricerca sulla fusione #36/47 La macchina del record Alcune peculiarità tecniche lo rendono ancora oggi pressoché unico nel panorama della ricerca sulla fusione Progettato negli anni 70 Iniziato a costruire nel 1978 Operativo dal 1983 Soggetto a molte migliorie per seguire lo stato delle conoscenze

37 La ricerca sulla fusione #37/47 Il prossimo passo: ITER /1 International Thermonuclear Experimental Reactor Obiettivo: to demonstrate the scientific and technological feasibility of fusion power for peaceful purposes Per raggiungere ciò, ITER: produrrà più potenza di quanta ne consumi (Q 10, potenza da fusione 500 MW) implementerà e testerà le tecnologie chiave necessarie per un reattore a fusione (magneti superconduttori, materiali a bassa attivazione, lithium breeding, remote handling, )

38 La ricerca sulla fusione #38/47 Il prossimo passo: ITER /2 Una cooperazione internazionale per fare un balzo in avanti

39 La ricerca sulla fusione #39/47 Il prossimo passo: ITER /3 1985: Michail Gorbaciov propose a Ronald Reagan di perseguire un progetto per lo sfruttamento pacifico della fusione 1988: inizio del progetto concettuale : progetto ingegneristico (con molte peripezie ) 2005: Selezione del sito (Cadarache, Provenza, Francia) 2008: inizio costruzione (il cantiere è in funzione) Costo previsto: 10 miliardi di EUR (Costoso? Certamente in assoluto, no se paragonato ai bilanci statali di USA e Europa) è stata una scelta vincente? Ai posteri l ardua sentenza

40 La ricerca sulla fusione #40/47 La fusione in Italia /1 FTU (Frascati Tokamak Upgrade) è funzionante a Frascati (Roma) presso il Centro di Ricerca ENEA (Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente)

41 La ricerca sulla fusione #41/47 La fusione in Italia /2 RFX (nella linea dei Reversed Field Pinches) è funzionante a Padova, presso il Centro di Ricerca del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche)

42 La ricerca sulla fusione #42/47 La fusione a Cassino /1 L Università di Cassino fa parte a pieno titolo dell Associazione EURATOM tramite il Consorzio CREATE (Consorzio di Ricerca per l Energia le Applicazioni Tecnologiche dell Elettromagnetismo) Di cosa ci occupiamo? Modelli matematici e numerici dell interazione plasma /campi elettromagnetici (e.g. analisi e controllo di instabilità MHD) Modellistica numerica elettromagnetica di dispositivi fusionistici (calcolo correnti, forze, carichi termici etc.) Parte del team di progetto di ITER Contributo alle campagne sperimentali del JET Collaborazione modellistica e sperimentale con RFX e FTU

43 La ricerca sulla fusione #43/47 La fusione a Cassino /2 I nostri punti di forza: Modelli numerici innovativi e dedicati ai dispositivi fusionistici Tecniche numeriche di avanguardia (edge elements, parallelizzazione, GPU-acceleration, metodi veloci) (applicabili anche in altri contesti) Codici fatti in casa con caratteristiche uniche nel panorama internazionale Risorse computazionali di avanguardia (cluster CUDALINUX) (applicabili anche in altri contesti) Integrazione di competenze fisiche, numeriche ed ingegneristiche (applicabile anche in altri contesti) Contributi importanti ad esperimenti attualmente funzionanti (e.g. sviluppo del sistema XSC extreme Shape Controller del dispositivo JET) e in fase di progetto (ITER, JT60SA) Parte di una rete di ricerca nazionale ed internazionale

44 La ricerca sulla fusione #44/47 La fusione a Cassino /3

45 La ricerca sulla fusione #45/47 La fusione a Cassino /4 Alcune pubblicazioni del periodo PUSTOVITOV V, VILLONE F. (2010). Effect of ferromagnetic structures on RWM growth rates: a cylindrical model and a verification on JET. PLASMA PHYSICS AND CONTROLLED FUSION, vol. 52; p G. RUBINACCI, S. VENTRE, VILLONE F., Y. LIU (2009). A fast technique applied to the analysis of Resistive Wall Modes with 3D conducting structures. JOURNAL OF COMPUTATIONAL PHYSICS, vol. 228; p , ISSN: M. FURNO PALUMBO, Y. Q. LIU, G. RUBINACCI, S. VENTRE, VILLONE F. (2009). Application of a SVD-Based Fast Technique for the Analysis of 3D Instabilities of Fusion Plasmas. IEEE TRANSACTIONS ON MAGNETICS, vol. 45; p , ISSN: R. FRESA, G. RUBINACCI, S. VENTRE, VILLONE F., W. ZAMBONI (2009). Fast Solution of a 3-D Integral Model for the Analysis of ITER Superconducting Coils. IEEE TRANSACTIONS ON MAGNETICS, vol. 45; p , ISSN: Y. LIU, VILLONE F. (2009). A rigorous approach to study kinetic and 3D effects on resistive wall mode. PLASMA PHYSICS AND CONTROLLED FUSION, vol. 51; p , ISSN: A. PORTONE, VILLONE F., Y. Q. LIU, R. ALBANESE, G. RUBINACCI (2008). Linearly perturbed MHD equilibria and 3D eddy current coupling via the control surface method. PLASMA PHYSICS AND CONTROLLED FUSION, vol. 50; p , ISSN: VILLONE F., Y. Q. LIU, R. PACCAGNELLA, T. BOLZONELLA, G. RUBINACCI (2008). Effects of Three- Dimensional Electromagnetic Structures on Resistive-Wall-Mode Stability of Reversed Field Pinches. PHYSICAL REVIEW LETTERS, vol. 100; p , ISSN: PORTONE A, RUBINACCI G, VILLONE F., ZAMBONI W (2007). Electromagnetic 3D analysis of an ITER fullsize cable-in-conduit conductor sample. SUPERCONDUCTOR SCIENCE & TECHNOLOGY, vol. 20; p , ISSN:

46 La ricerca sulla fusione #46/47 Quando la fusione? Rebus sic stantibus, qual è la prospettiva? 2020: fine costruzione ITER 2015: in operazione un satellite di ITER (certamente in Giappone: JT60SA, forse anche in Italia: FAST) : operazione di ITER Dopo ITER: DEMO Dimostrare l effettiva produzione di energia elettrica tramite fusione Sviluppare la parte di impianto convenzionale (scambiatori di calore, turbine etc.) Produrre in loco il trizio Se/quando? Dipende dal successo di ITER

47 #47/47 Fusion will be there when society needs it (Lev Artsimovich) Grazie per l attenzione Fabio Villone,

48 #48/47 Backup slides

49 Le prospettive future #49/47 Quando la fusione? /1 1933: Lord Rutherford (premio Nobel per la chimica nel 1908): anyone who looks for a source of power in the transformation of the atom is talking moonshine Anni 70: un pamphlet della General Atomics (USA) riportava: several commercial fusion reactors are expected to be online by the year 2000 In generale, fino agli anni 80 inoltrati, le prospettive apparivano rosee alla luce degli sviluppi rapidissimi e molto promettenti della linea tokamak Cosa è successo?

50 Le prospettive future #50/47 Quando la fusione? /2 La prospettiva di realizzare ITER ha bloccato per oltre un decennio l avanzamento nella realizzazione di ulteriori dispositivi per problemi politici ed economici Gli unici dispositivi che attualmente sono in costruzione o all inizio delle operazioni sono o alternativi (stellarator) o di taglia medio-piccola nei paesi dell estremo oriente (Cina e Corea) L Europa ha bloccato a fine anni 80 il progetto di NET (Next European Torus), che a conti fatti sarebbe stato simile ad ITER (ma forse con 15 anni di vantaggio ) What if?

51 Le prospettive future #51/47 Per riassumere Anni 20 40: comprensione del fenomeno Anni 50 60: studi sperimentali pioneristici Anni 70 80: the tokamak era Anni : Aspettando Godot Anni : ITER & satellite Anni 2030 e oltre: DEMO & more?

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, Imbrigliare l energia delle stelle

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, Imbrigliare l energia delle stelle ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, Imbrigliare l energia delle stelle SOMMARIO Il sole la materia diventa energia L Energia della fusione sulla Terra Un gas ma non solo! Uguale ma diverso Una gabbia magnetica

Dettagli

Macchine per! fusione a confinamento magnetico! Cenni su principî, risultati, prospettive!

Macchine per! fusione a confinamento magnetico! Cenni su principî, risultati, prospettive! Macchine per! fusione a confinamento magnetico! Cenni su principî, risultati, prospettive! per il Corso di Fisica dei Plasmi, C. L. M. in Ingegneria Energetica! S. Atzeni! 11 maggio 2010, rev. 16 maggio

Dettagli

Energia da processi nucleari

Energia da processi nucleari Energia da processi nucleari G. Bosia Dipartimento di Fisica Università di Torino Produzione di energia nucleare La possibilità di estrarre energia da processi nucleari è legata all eccesso di massa. Fusion

Dettagli

L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno. R Cesario

L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno. R Cesario L elettromagnetismo nella ricerca per l energia da fusione nucleare di plasma d idrogeno R Cesario R Cesario I primi tesisti di Roma Tre a Frascati (2005-2006) Sommario del corso integrativo di Progetto

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Varie forme di energia

Varie forme di energia ENERGIA DAL NUCLEO La fissione nucleare : il processo Teoria della fissione nucleare I reattori nucleari Un reattore naturale La fusione nucleare : il processo Fusione nucleare nelle stelle Fusione nucleare

Dettagli

Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare

Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare Christian Ferrari Liceo di Locarno Il nucleo atomico: aspetti storici 1 L ipotesi del nucleo atomico risale al 1911 e fu formulata da Rutherford

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Le centrali elettriche

Le centrali elettriche Le centrali elettriche Prof. Giuseppe Capuano Presentazione realizzata nell a.s. 2000/2001 dagli alunni della S.M. di Navacchio e aggiornata negli anni seguenti Vantaggi uso energia elettrica 1. L energia

Dettagli

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Parte 1 - La questione energetica Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Gilio Cambi INFN Bologna & Dipartimento di Fisica ed Astronomia Università di Bologna Pesaro, 22

Dettagli

PARTE II - Radioattività naturale ed energia nucleare. 1. Decadimenti naturali del nucleo

PARTE II - Radioattività naturale ed energia nucleare. 1. Decadimenti naturali del nucleo PARTE II - Radioattività naturale ed energia nucleare 1. Decadimenti naturali del nucleo Escludendo gli elementi più leggeri (idrogeno ed elio), tutti gli altri sono stati prodotti da reazioni nucleari

Dettagli

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio:

LA RADIOATTIVITA. Nel caso degli isotopi dell idrogeno: Nel caso degli isotopi del Carbonio: LA RADIOATTIVITA Gli atomi di un elemento non sono in realtà tutti uguali, una piccola percentuale di essi ha un numero di neutroni differente, questi atomi si chiamano isotopi di quell elemento. Il 99,9%

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

GLOSSARIO. ), l Americio-243 (Am

GLOSSARIO. ), l Americio-243 (Am GLOSSARIO ADS (Accelerator Driven System). Sistemi costituiti dalla combinazione di un acceleratore di particelle con un reattore nucleare a fissione sottocritico. AGR (Advanced Gas-cooled Reactor, reattore

Dettagli

L ENERGIA NUCLEARE ATTUALITÀ E PROSPETTIVE

L ENERGIA NUCLEARE ATTUALITÀ E PROSPETTIVE L ENERGIA NUCLEARE ATTUALITÀ E PROSPETTIVE G. Giorgio Bombi Dipartimento di Scienze Chimiche Little Boy Hiroshima, 6 agosto 1945 IL FENOMENO DELLA RADIOATTIVITÀ Fat Man Nagasaki, 9 agosto 1945 Le particelle

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione. Gilio Cambi

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione. Gilio Cambi Parte 1 - La questione energetica Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Gilio Cambi INFN Bologna & Dipartimento di Fisica Università di Bologna Pesaro, 23 e 30 Maggio 2012

Dettagli

LA NASCITA E GLI SVILUPPI DELLA RICERCA SUI PLASMI E SULLA FUSIONE NUCLEARE IN ITALIA *

LA NASCITA E GLI SVILUPPI DELLA RICERCA SUI PLASMI E SULLA FUSIONE NUCLEARE IN ITALIA * LA NASCITA E GLI SVILUPPI DELLA RICERCA SUI PLASMI E SULLA FUSIONE NUCLEARE IN ITALIA * di Luisa Bonolis e Franca Magistrelli In questo articolo viene brevemente riportata la storia della nascita e dello

Dettagli

L energia nucleare: pro e contro

L energia nucleare: pro e contro I problemi energetici in Italia L energia nucleare: pro e contro Arese, 12 Marzo 2009 1 Alcune premesse Non sono uno specialista Desiderio di capire Non pretendo di essere infallibile 2 3 4 5 L energia

Dettagli

INTERAZIONE NON LINEARE DELLE ONDE DI LOWER HYBRID CON IL PLASMA DI BORDO DI UN TOKAMAK

INTERAZIONE NON LINEARE DELLE ONDE DI LOWER HYBRID CON IL PLASMA DI BORDO DI UN TOKAMAK SCUOLA DOTTORALE DI INGEGNERIA SEZIONE DI INGEGNERIA DELL ELETTRONICA BIOMEDICA, DELL ELETTROMAGNETISMO E DELLE TELECOMUNICAZIONI XXVI Ciclo INTERAZIONE NON LINEARE DELLE ONDE DI LOWER HYBRID CON IL PLASMA

Dettagli

Aumento costante del consumo di energia nel mondo (+ 50 % nel 2020):

Aumento costante del consumo di energia nel mondo (+ 50 % nel 2020): La produzione di energia nel mondo Passato e presente Futuro Aumento della popolazione mondiale (10 miliardi nel 2050) Miglioramento generale degli standard di vita (soprattutto nell area BRIC) Aumento

Dettagli

TOTEDA FRANCESCO 2 OPA

TOTEDA FRANCESCO 2 OPA TOTEDA FRANCESCO 2 OPA Che cos è l energia Che cosa sono le fonti rinnovabili Energia solare Pannello solare termico Pannello fotovoltaico Energia eolica Centrali idroelettriche Forme di energia non rinnovabili

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

CACCIA AL PROGETTO ITER

CACCIA AL PROGETTO ITER CACCIA AL PROGETTO ITER Capitolo I Giovedì 20 settembre 2028 - base di Cadarache, Francia meridionale. Stasera, finalmente, festeggeremo il raggiungimento del nostro obiettivo: il nuovo laboratorio è ormai

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE Ing. Mauro Venturini Ing. Mauro Venturini Dipartimento di Ingegneria Sommario Produzione di energia da fonte fossile Impianti a vapore d acqua Turbine

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO DI GEOGRAFIA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO GEOGRAFIA CLASSI PRIME Tecnico Grafico a.s. 2014 / 2015 COGNOME : NOME: CLASSE:. Il

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

FUSIONE NUCLEARE E CONFINAMENTO Tokamak

FUSIONE NUCLEARE E CONFINAMENTO Tokamak 10b_EAIEE_FUSIONE_NUCLEARE_TOKAMAK (ultima modifica 03/12/2013) FUSIONE NUCLEARE E CONFINAMENTO Tokamak 1 Premessa Teoria della Relatività di Einstein In una trasformazione nucleare la riduzione della

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

Quali sono i problemi delle energie rinnovabili?

Quali sono i problemi delle energie rinnovabili? Quali sono i problemi delle energie rinnovabili? 1. Continuità della produzione (sole e vento non ci sono sempre), superabile in varie maniere: Accumulo (termico, chimico, gravitazionale) Rete elettrica

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO Prof. Ing. Ciro Aprea Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Salerno DEFINIZIONE SI POSSONO DEFINIRE

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Paolo Montagna, Paolo Vitulo Dipartimento di Fisica Università di Pavia INFN Sezione di Pavia paolo.montagna@unipv.it, it paolo.vitulo@unipv.it http://fisica.unipv.it/fisnucl/

Dettagli

Ambiente e territorio

Ambiente e territorio Ambiente e territorio I vantaggi del nucleare A parità di elettricità prodotta, l'energia nucleare viene considerata una delle risorse a minor impatto ambientale. Infatti, non è fonte di emissioni inquinanti,

Dettagli

Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro:

Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro: ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE LABORATORI NAZIONALI DI LEGNARO INFN - LNL Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro: previsione dei costi e dei tempi A.

Dettagli

Prospettive della Fusione Termonucleare Controllata

Prospettive della Fusione Termonucleare Controllata Prospettive della Fusione Termonucleare Controllata Massimiliano Romé Dipartimento di Fisica, Università degli Studi di Milano, Via Celoria 16, 20133 Milano (Italy) Fabbisogno energetico Fabbisogno energetico

Dettagli

I processi di fusione nucleare e le loro applicazioni per la produzione di energia. Ivan Gnesi INFN

I processi di fusione nucleare e le loro applicazioni per la produzione di energia. Ivan Gnesi INFN I processi di fusione nucleare e le loro applicazioni per la produzione di energia Ivan Gnesi INFN I processi di Fusione Nucleare: un fenomeno naturale FUSIONE FISSIONE Nella figura viene riportata l'energia

Dettagli

Nuova energia nella scuola

Nuova energia nella scuola ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L ENERGIA E L AMBIENTE Progetto Ecoinnovazione Sicilia Nuova energia nella scuola FAVIGNANA 10 aprile 2014 Ing. Francesco Cappello Responsabile ENEA CCEI Sicilia Promotore

Dettagli

TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. Introduzione

TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. Introduzione TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI Introduzione Giuseppe Franchini Dipartimento di Ingegneria e Scienze Applicate Università degli Studi di Bergamo 1 Principi di conversione dell energia Energia PRIMARIA

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Fisica e ingegneria della fusione: la ricerca verso una nuova fonte di energia

Fisica e ingegneria della fusione: la ricerca verso una nuova fonte di energia Fisica e ingegneria della fusione: la ricerca verso una nuova fonte di energia Consorzio RFX Associazione Euratom-ENEA sulla Fusione Soci: CNR, ENEA, Università di Padova, INFN, Acciaierie Venete S.p.A.

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA SOLARE: Centrali fotovoltaiche e termosolari L A V E R A N A T U R A D E L L A L U C E La luce, sia naturale sia artificiale, è una forma di energia fondamentale per la nostra esistenza e per quella

Dettagli

L ingegnere elettronico nella ricerca sulla produzione controllata di energia da fusione nucleare

L ingegnere elettronico nella ricerca sulla produzione controllata di energia da fusione nucleare Ciclo di Seminari Multidisciplinari Roma, 22/04/2015 L ingegnere elettronico nella ricerca sulla produzione controllata di energia da fusione nucleare Silvio Ceccuzzi Unità Tecnica Fusione EUROfusion 1

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

ISOTOPI DELL IDROGENO

ISOTOPI DELL IDROGENO IDROGENO CARATTERISTICHE È il primo elemento della tavola periodica e il più leggero. esiste come molecola biatomica (formato da due atomi) cioè H₂ - Diidrogeno ha un unico protone nel nucleo e un elettrone

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

Introduzione al convegno

Introduzione al convegno Workshop Il mercato elettrico: struttura, meccanismi e formazione del prezzo dell'energia elettrica. Ferrara, 29 giugno 2011 Introduzione al convegno Prof. Michele Pinelli Dipartimento di Ingegneria Introduzione

Dettagli

g{x XÇxÜzç V{tÄÄxÇzx Nella società moderna l energia è uno dei parametri essenziali per garantire un buon livello di vita della popolazione

g{x XÇxÜzç V{tÄÄxÇzx Nella società moderna l energia è uno dei parametri essenziali per garantire un buon livello di vita della popolazione Physics Today, Aprile 2002 g{x XÇxÜzç V{tÄÄxÇzx Nella società moderna l energia è uno dei parametri essenziali per garantire un buon livello di vita della popolazione L energia è un settore in cui è importante

Dettagli

TECNOLOGIA DEI MATERIALI PER LA PRODUZIONE INNOVATIVA DI ENERGIA

TECNOLOGIA DEI MATERIALI PER LA PRODUZIONE INNOVATIVA DI ENERGIA TECNOLOGIA DEI MATERIALI PER LA PRODUZIONE INNOVATIVA DI ENERGIA A.A. 2007/2008 Dott. Ing. Vincenzo Esposito Dipartimento Scienze e tecnologie Chimiche Università di Roma Tor Vergata La grande crescita

Dettagli

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra!

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra! L ENERGIA 1 COS E L ENERGIA? L energia è una cosa astratta, non si tocca e non si vede, ma se ne conoscono gli aspetti e gli effetti. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una

Dettagli

Come funzionano le centrali nucleari. Domanda Come funzionano le centrali nucleari? Posta da Luca Signoretti Ricevuta il 25 maggio 2004

Come funzionano le centrali nucleari. Domanda Come funzionano le centrali nucleari? Posta da Luca Signoretti Ricevuta il 25 maggio 2004 Come funzionano le centrali nucleari Domanda Come funzionano le centrali nucleari? Posta da Luca Signoretti Ricevuta il 25 maggio 2004 Risposta Il nome completo della centrale elettrica nucleare è Centrale

Dettagli

CAP. 8 I nuovi sistemi di generazione

CAP. 8 I nuovi sistemi di generazione CAP. 8 I nuovi sistemi di generazione 1. Celle a combustibile 1.1. Generalità Il panorama della produzione di energia elettrica, tradizionalmente caratterizzato da un ampia articolazione dei sistemi di

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Inghilterra, Cina, USA, India, Sud Africa, Australia, Russia, Polonia, Colombia e Ucraina sono i maggiori produttori.

Inghilterra, Cina, USA, India, Sud Africa, Australia, Russia, Polonia, Colombia e Ucraina sono i maggiori produttori. Mondo - Scheda informativa 1 Carbone Come si è formato? I giacimenti di carbone si sono formati più di 300 milioni di anni fa durante il periodo Carbonifero. Allora la terra era ricoperta da foresta tropicale.

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

C'È VENTO DI CAMBIAMENTO

C'È VENTO DI CAMBIAMENTO C'È VENTO DI CAMBIAMENTO classe 4^E liceo scientifico A. Pesenti, Cascina Alice e Riccardo sono due amici che si incontrano al parco. Riccardo sta leggendo il giornale in cui ritiene non ci sia niente

Dettagli

Energia nucleare e reazioni a catena

Energia nucleare e reazioni a catena Energia nucleare e reazioni a catena L'energia nucleare nasce ufficialmente alle 15 del 22 ottobre 1934 con gli esperimenti portati avanti da un gruppo di scienziati italiani sotto la guida del fisico

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

STUDIO IN REGIME DINAMICO DELL'INFLUENZA SULLA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE DELL IMPIANTO IGNITOR

STUDIO IN REGIME DINAMICO DELL'INFLUENZA SULLA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE DELL IMPIANTO IGNITOR STUDIO IN REGIME DINAMICO DELL'INFLUENZA SULLA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE DELL IMPIANTO IGNITOR B. Coppi Massachusetts Institute of Technology, D. Baraldi ENEA, M. Sforna, R. Salvati, R. Zaottini GRTN,

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature. Ing. Giuseppe Sedda

Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature. Ing. Giuseppe Sedda Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature Ing. Giuseppe Sedda Allegato I: Attività di cui all articolo 2, lettera a, punto iv Ciascuno Stato rilascia all Agenzia.: iv) una descrizione

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2. Exergia Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 2 REVERSIBILITÀ

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Anno: 1 Semestre: 1 Corso integrato: MATEMATICA, FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof.

Dettagli

ENERGIA COMBUSTIBILI FOSSILI

ENERGIA COMBUSTIBILI FOSSILI ENERGIA COMBUSTIBILI FOSSILI COMBUSTIBILI FOSSILI CARBONE, PETROLIO, GAS METANO COMBUSTIBILI: bruciano in presenza di ossigeno e producono calore FOSSILI: si sono formati nel corso di milioni di anni nel

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero

Unità Didattica 1. La radiazione di Corpo Nero Diapositiva 1 Unità Didattica 1 La radiazione di Corpo Nero Questa unità contiene informazioni sulle proprietà del corpo nero, fondamentali per la comprensione dei meccanismi di emissione delle sorgenti

Dettagli

UNO SGUARDO SULL ENERGIA

UNO SGUARDO SULL ENERGIA UNO SGUARDO SULL ENERGIA Staff Scienza Attiva Centro Interuniversitario Agorà Scienza Facciamounpo d ordine Checos èl energia? Comesimanifestaconcretamente? Qualiformepuòassumere? E possibilepassaredaunaformadienergiaall

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas?

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas? ENERGIA.. Agenda Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 2 Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 3 Quanta energia consumiamo

Dettagli

Energia, ambiente ed efficienza

Energia, ambiente ed efficienza Energia, ambiente ed efficienza Collegio Gregorianum, Padova 21 maggio 2008 Arturo Lorenzoni Introduzione Il settore energetico ha un incidenza di primaria importanza sull economia nazionale. È il primo

Dettagli

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità 1.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE 1.1.1 Crescita della domanda di elettricità In Italia, come in tutti i paesi industrializzati, la domanda di energia elettrica continua ad aumentare

Dettagli

Curriculum Vitae di Antonio Zoccoli. Aprile 2014

Curriculum Vitae di Antonio Zoccoli. Aprile 2014 Curriculum Vitae di Antonio Zoccoli Aprile 2014 Nome: Antonio Zoccoli Età: nato a Bologna il 16 Agosto 1961. Curriculum Accademico: 1980 Maturità classica press oil liceo L. Galvani di Bologna 1980-1985

Dettagli

IL DECADIMENTO RADIOATTIVO

IL DECADIMENTO RADIOATTIVO IL DECADIMENTO RADIOATTIVO Principi di fisica sub-nucleare Le interazioni fondamentali Principi di fisica nucleare Stabilità dei nuclei Tipi di decadimento Bilancio energetico Attività Legge del decadimento

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI I rifiuti sono materiali di scarto o avanzo di svariate attività umane IL RIFIUTO I rifiuti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

1. FISICA NUCLEARE E RADIOATTIVITÀ. 1.1 Al cuore della materia

1. FISICA NUCLEARE E RADIOATTIVITÀ. 1.1 Al cuore della materia 9 1. FISICA NUCLEARE E RADIOATTIVITÀ 1.1 Al cuore della materia 1.1.1 L atomo Nel mondo in cui viviamo tutta la materia, sia vivente che inanimata, è costituita da atomi. Questi hanno dimensioni molto

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

Energia e sostenibilità: fonti fossili e rinnovabili, vettori energetici e politiche energetiche

Energia e sostenibilità: fonti fossili e rinnovabili, vettori energetici e politiche energetiche Panorama energetico attuale Energia e sostenibilità: fonti fossili e rinnovabili, vettori energetici e politiche energetiche Consumo mondiale di energia fino al 2012 Fabio Peron Università IUAV - Venezia

Dettagli

Da dove viene l energia per produrre l idrogeno?

Da dove viene l energia per produrre l idrogeno? CONVEGNO Da dove viene l energia per produrre l idrogeno? Ing. Fabrizio Mattotea (H2IT) H 2 IT - L associazione Italiana Nasce come Associazione nel 2003 Ha sede all interno della FAST (Federazione Associazioni

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

Standard di sicurezza e nuove frontiere tecnologiche per l energia nucleare

Standard di sicurezza e nuove frontiere tecnologiche per l energia nucleare BERNARD BIGOT, High Commissioner for atomic energy CEA, Francia. Signor presidente, se mi consente, parlerò in francese perché sono convinto che il vostro interprete sarà in grado di tradurre meglio di

Dettagli

Studiare Ingegneria Nucleare in Italia ed in Europa

Studiare Ingegneria Nucleare in Italia ed in Europa Università di Pisa Studiare Ingegneria Nucleare in Italia ed in Europa W. Ambrosini PROFESSORE ASSOCIATO DI IMPIANTI NUCLEARI presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Nucleare e della Produzione

Dettagli

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20 Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì Il pacchetto clima energia 20-20-20 Sessione 1 La strategia 20-20-20: cos è e a quali problemi

Dettagli

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari Progetto Società Relatore : Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari INTRODUZIONE Nelle pagine successive verranno velocemente illustrate le caratteristiche

Dettagli

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore?

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore? 1 ) Volendo calcolare di quanto è aumentata la temperatura di un corpo al quale è stata somministrata una certa quantità di calore, è necessario conoscere: A. Il calore specifico e la massa del corpo.

Dettagli

Progetto grafico e ricerche di: Carmine Filippelli IV A/Geometri Supervisione del Prof./Ing. : Francesco Bernardini 1 L energia: L'energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro. L unità di misura

Dettagli

Contesto: Energia presente e futura

Contesto: Energia presente e futura www.atmosphere.mpg.de/enid/accentit > No 3 Settembre 2005 > C: Contesto (2) Contesto: Energia presente e futura Quali sono le alternative? Energia nucleare L'energia nucleare, benché relativamente economica,

Dettagli

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE Il Sole Sfera di gas riscaldato da reazioni di fusione termonucleare che, come tutti i corpi caldi emette una radiazione elettromagnetica o solare. L energia solare è

Dettagli