A PROPOSITO DI STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A PROPOSITO DI STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE"

Transcript

1 A PROPOSITO DI STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE Tullio Fanelli, Federico Testa 1. Dalla politica per l energia e l ambiente alla politica industriale, energetica e ambientala È ormai scontato che la definizione di una Strategia energetica nazionale debba rispondere all esigenza, molto sentita nel Paese, di disporre di uno strumento che dia indicazioni in merito agli obiettivi dello Stato non solo nel settore energetico ma anche in quello ambientale. Sin dagli anni 80 la politica ha preso atto dello stretto rapporto tra energia ed ambiente: il Piano energetico nazionale del 1988, varato dal Ministro Battaglia, fu il primo a sancire tale interdipendenza; la successiva e più recente iniziativa in materia, la Conferenza nazionale energia e ambiente del 1998, promossa dal Ministro Bersani, fu impostata proprio per trattare congiuntamente i due settori. Per molti anni si è ritenuto che l insieme dei due settori fosse sufficientemente completo per assumere decisioni prescindendo dal contesto delle altre politiche settoriali del Paese. Oggi questo non è più vero: oggi non è più possibile trattare di energia e ambiente senza occuparsi di industria e sviluppo. Tre eventi hanno modificato drasticamente la situazione: l ingresso dell Italia nell Euro nel 1999; l ingresso della Cina nella World Trade Organization (WTO) nel 2001; l ampliamento dell UE da 15 a 25 Paesi nel 2004, divenuti poi 27 nel Come è evidente a tutti, questi eventi hanno esposto l Italia alla concorrenza non solo dei Paesi industrializzati ma anche di quelli di nuova indu- Tullio Fanelli e Federico Testa sono, rispettivamente, dirigente ENEA ed ex componente del Collegio dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas e professore di Economia e Gestione delle Imprese nell Università di Verona e componente della Commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati. Economics and policy of energy and the environment, n. 1/2012

2 strializzazione e hanno sottratto ai governi lo strumento della svalutazione per fronteggiarla. È meno evidente a tutti che tali eventi hanno anche determinato una minore efficacia delle politiche di sviluppo basate sulla incentivazione dei consumi, parzialmente vanificate dall attivazione di importazioni aggiuntive; di fatto, gli unici interventi che nel nuovo contesto assicurano una crescita del PIL sono quelli tesi ad incrementare il valore aggiunto dei processi produttivi di beni e servizi. Oggi è chiaramente in corso un processo di depauperamento dell industria attraverso delocalizzazioni o, peggio, fallimenti a causa della concorrenza estera. I motivi sono naturalmente molti: costo del lavoro, costi ambientali, fiscalità, burocrazia amministrativa, legalità, ma anche costo dell energia. In questo contesto non è possibile fare una strategia energetica se non è chiara la strategia-paese, se non è chiaro quale Italia vogliamo. Non è possibile perché ogni ipotesi sulla domanda di energia dei prossimi anni non può essere solo un esercizio contabile fondato su presupposti di mera continuità rispetto al passato, ignorando l evidente discontinuità che invece abbiamo di fronte. Il bivio è tra una politica industriale, che operi delle scelte sulle quali sia lo Stato che le imprese possano concentrare le loro (tutt altro che infinite) risorse, e una politica assente che lasci che si realizzi ciò che nessuno può desiderare, ovvero un impoverimento del Paese. Politica assente vuol dire affidare tutto al mercato; ma vuol dire anche immaginare, senza alcuna credibilità, di poter intervenire a sostegno di tutto e senza alcuna scelta. Senza politica industriale le imprese non sanno se e come il Paese le sosterrà; è quindi maggiore il rischio che anche quelle che non decidono di chiudere o di andarsene non investano e che quelle che vogliono lanciare nuove attività vadano da qualche altra parte. Politica industriale vuol dire invece agire attivamente per difendere, mantenere e eventualmente sviluppare tutta la parte migliore dell industria che abbiamo e per promuovere una nuova industria meno energy intensive e più knowledge and labour intensive che concorra ad assicurare lo sviluppo del Paese. Ciò non implica affatto un incremento del ruolo pubblico nell economia e tantomeno un ritorno al sistema delle partecipazioni statali, ma significa rendere noti, in modo chiaro, credibile e duraturo, gli strumenti (organizzativi, fiscali, di incentivazione) che lo Stato mette in campo a favore del modello di sviluppo industriale che ha scelto. Il primo e forse maggiore obiettivo conseguibile è la riduzione del rischio-paese, che oggi vuol dire rimuovere un formidabile freno agli investimenti. 20

3 Se esiste una politica industriale allora esiste anche una politica energetica ed ambientale che deve non solo soddisfare la domanda (di energia e di ambiente) ma concorrere, in piena coerenza, a perseguire il modello di sviluppo. Superando ogni ambiguità: nell energia e nell ambiente forse fino ad alcuni anni or sono era ancora possibile immaginare di avere le risorse necessarie per incentivare tutto; oggi certamente non è più così ed occorre scegliere ciò che è funzionale allo sviluppo. La logica della Strategia energetica (o di ogni altro nome si voglia attribuire allo strumento programmatico) è quindi quella di fornire indicazioni ai cittadini, ma soprattutto alle imprese, non solo del settore energetico, sulle iniziative che lo Stato intende assumere e sulle conseguenze, in termini di disponibilità, di prezzi, di impatto sull ambiente, che da esse potranno derivare. 2. Gli obiettivi Compito della politica è assumere tempestivamente le decisioni necessarie ai fini di: assicurare la disponibilità di energia in piena sicurezza, ora non adeguata a causa dell insufficiente dotazione infrastrutturale e dell instabilità di alcuni Paesi fornitori; ridurre l impatto sull ambiente sia per concorrere alle iniziative su scala globale per contrastare i drammatici effetti del cambiamento climatico sia per dare soluzione al problema dell elevato livello di inquinamento dei centri urbani; operare per un Italia che tragga dall efficienza energetica e dalle fonti rinnovabili un vantaggio competitivo, e non un onere, per le imprese; proporre l energia come contributo allo sviluppo, occasione di innovazione, di nuova imprenditorialità e nuova occupazione ad elevata qualificazione professionale. garantire mercati energetici liberi, competitivi e trasparenti, governati da Istituzioni forti e indipendenti che assicurino ai consumatori servizi di elevata qualità al minimo costo attraverso l eliminazione di rendite ed inefficienze; creare un Governo dell energia che lasci al centro la definizione delle strategie e agli enti locali l attuazione delle stesse, ma al tempo stesso un Governo dell energia nel quale ad ogni potere corrisponda una responsabilità ed una conseguenza e nel quale vengano superati i conflitti tra industria e ambiente, tra stato azionista e mercato. 21

4 3. Gli scenari di medio e lungo termine I consumi energetici italiani nel 2010 sono risultati pari a circa 185,2 Mtep dei quali il 39% petrolio, il 37% metano, il 12% fonti rinnovabili, il 7% carbone ed il 5% importazioni di energia elettrica. In termini di usi finali il consumo nel 2010 è risultato pari a circa 137,5 Mtep dei quali gli usi civili ed i trasporti assorbono ciascuno il 31,5%, il settore industriale il 26,5%, mentre il 5,7% è destinato ad usi non energetici, in particolare nell industria petrolchimica; la parte rimanente è impiegata dal settore agricolo e per i bunkeraggi. In assenza di una efficace politica industriale, uno scenario di medio termine non potrebbe che prevedere una sensibile riduzione della domanda determinata principalmente dalla diminuzione di quella industriale, in un quadro di crescita del PIL, al più, minima. L alternativa è uno scenario, senz altro possibile, in cui vengano poste in atto le iniziative (sui fronti della fiscalità, dell organizzazione e del costo della pubblica amministrazione, della legalità e delle incentivazioni) necessarie a restituire competitività al sistema industriale, affinché l Italia rimanga un Paese con una forte industria della trasformazione. In questo scenario alternativo le iniziative sul fronte energetico ed ambientale hanno un ruolo centrale. Il traguardo complessivo delle politiche, che saranno declinate più in dettaglio nei successivi paragrafi, deve essere quello di: assicurare alle imprese un costo dell energia per unità di prodotto paragonabile a quello dei Paesi concorrenti; ciò è conseguibile non solo attraverso una riduzione dei prezzi unitari dell energia (agendo sulle liberalizzazioni e la fiscalità energetica per le imprese), ma soprattutto attraverso una riduzione della quantità di energia utilizzata nella produzione dei beni e servizi (con forti misure a favore dell efficienza energetica); consentire alle imprese di valorizzare sul mercato la superiore qualità, in termini di impatto sull ambiente, dei consumi energetici dei propri processi produttivi rispetto a quella dei Paesi concorrenti; ciò è possibile attraverso una progressiva etichettatura dei beni e servizi che consenta ai consumatori di esplicare la loro propensione verso prodotti più ecocompatibili; creare le infrastrutture, fisiche e di conoscenza, che determinino quel vantaggio competitivo necessario a indurre la scelta dell Italia rispetto ad altri Paesi per l insediamento di nuovi stabilimenti di produzione di prodotti e componenti energetici e ambientali innovativi. 22

5 Deve essere chiaro che tali misure rappresentano una scelta netta a favore delle imprese che, attraverso investimenti in efficienza energetica adeguatamente incentivati, possono recuperare il gap di costo dell energia rispetto alla concorrenza internazionale; ciò è possibile in moltissimi settori industriali, ma non in tutti. Tuttavia se tale traguardo sarà conseguito, diventa possibile uno scenario in cui, a fronte di una crescita del PIL almeno in linea con il contesto europeo, la domanda di energia si riduce non per effetto della contrazione dell industria ma per effetto dell efficienza e di una progressiva sostituzione di produzioni industriali con altre meno energy intensive. Tenendo conto anche dei vincoli europei 1 al 2020 su emissioni, rinnovabili ed efficienza, un possibile scenario al 2020 è un consumo energetico pari a circa 182 Mtep dei quali il 33% petrolio, il 36% metano, il 20% fonti rinnovabili, il 7% carbone ed il 4% importazioni di energia elettrica. Il maggior contributo delle fonti rinnovabili andrà a sostituire, sia nel settore elettrico che in quello del riscaldamento, prevalentemente quello del metano, mentre nel settore dei trasporti sostituirà consumi di prodotti petroliferi; tuttavia il metano continuerà a subentrare ai prodotti petroliferi sia nei residui consumi per il riscaldamento e per la produzione elettrica sia, in misura minore, nel settore dei trasporti; in definitiva è quindi prevedibile che al 2020 i consumi di metano superino quelli di petrolio. 4. Le fonti fossili La massima parte dell energia utilizzata oggi in Italia deriva da fonti fossili, ovvero petrolio, metano e, in minor misura, carbone. Nessuna di queste fonti è in via di esaurimento, almeno in questo secolo, ma tutte pongono problemi in termini di costi e di impatto sull ambiente. Il gas naturale svolgerà nel mondo il ruolo di principale fonte di transizione verso le fonti rinnovabili. Il rapido sviluppo del gas non convenzionale (che peraltro presenta notevoli ricadute ambientali nella fase estrattiva) ha determinato un forte in- 1 Tali vincoli implicano per l Italia un obiettivo di riduzione di gas serra di almeno il 21% per i settori ETS e del 13% per gli altri, un consumo finale di energia non superiore a 133 Mtep e almeno il 17% del consumo finale proveniente da fonti rinnovabili; quest ultimo obiettivo, tenuto conto delle diverse metodologie di calcolo della Commissione europea (nel 2010 la percentuale del consumo finale proveniente da fonti rinnovabili calcolata secondo la metodologia UE è pari a circa l 8% a fronte del 12% calcolato sui consumi globali), corrisponde ad un peso delle rinnovabili pari ad almeno il 20% dei consumi energetici totali, ed al 30% dei consumi di energia elettrica. 23

6 cremento delle riserve mondiali recuperabili 2 ; esse hanno superato, rapportate agli attuali livelli di consumo, i 250 anni 3. Tale incremento delle disponibilità ha causato un irreversibile disaccoppiamento dei prezzi del gas da quelli del petrolio salvo i residui effetti, in particolare in Europa, dei contratti di lungo termine. In un contesto in cui i prezzi nel Nord America sono pari alla metà di quelli europei, il problema dei contratti di lungo termine indicizzati al petrolio non può essere affrontato solo in una logica di normali revisioni dei prezzi: è indispensabile una revisione della struttura contrattuale che si allontani dall ancoraggio al petrolio e si avvicini ai mercati spot; solo in questo modo si può valorizzare la componente positiva di tali contratti, che è per gli acquirenti la garanzia di approvvigionamento di lungo termine e per i venditori la garanzia di copertura dei costi di investimento. L Italia, in questo quadro, si trova in una situazione potenzialmente favorevole, avendo spostato gran parte dei propri consumi, in particolare nel settore civile e nella produzione elettrica, verso il gas. Tuttavia in Italia le infrastrutture di importazione non sono adeguate né per garantire un appropriato grado di sicurezza degli approvvigionamenti, come hanno dimostrato le ricorrenti situazioni di emergenza, né, tantomeno, per attivare una seria concorrenza. Per conseguire sia l obiettivo della sicurezza che quello dell economicità dei prezzi occorre operare per fare diventare l Italia il mercato di riferimento per gli approvvigionamenti di metano dai Paesi produttori africani ed asiatici verso l Europa centrale. Sul fronte degli utilizzi del gas naturale deve essere realizzato il completamento della metanizzazione, con particolare riferimento alla Sardegna, e deve essere favorita la penetrazione di veicoli a metano (di cui l industria italiana possiede la leadership tecnologica mondiale). 2 Le riserve recuperabili (recoverable resources) sono definite come le riserve che si ritiene possano essere messe in produzione con profitto ai prezzi attuali e con le attuali tecnologie. 3 Le riserve recuperabili di gas convenzionale e non convenzionale sono valutate pari a oltre miliardi di metri cubi a fronte di consumi pari a poco più di miliardi di metri cubi/anno (IEA International Energy Agency World Energy Outlook Special Report Are we entering a golden age of gas?). I costi dei nuovi giacimenti sono attesi essere compresi in un intervallo tra gli 8 ed i 20 centesimi di euro a metro cubo corrispondenti, a parità di contenuto energetico, a $/barile di petrolio.in quasi tutte le aree geografiche del pianeta è attesa una rapida crescita della domanda e della produzione di gas non convenzionale, in particolare in Cina, India e Australia; in Europa, nonostante le importanti attività esplorative, ad esempio in Polonia, l evoluzione dell offerta potrà essere frenata dall impatto sull ambiente di tali produzioni, ma in ogni caso gli effetti dell abbondanza di offerta mondiale si rifletteranno sulla riduzione dei prezzi anche per l Italia. 24

7 Per quanto riguarda il petrolio, a fronte di una crisi sempre più evidente del settore della raffinazione e della logistica a causa della riduzione della domanda e della concorrenza internazionale, la soluzione non è certamente la chiusura degli impianti. Occorre invece procedere in parallelo, e senza pericolosi sfasamenti, ad un programma di interventi sia lato domanda sia lato offerta: lato domanda occorre accelerare la sostituzione dei residui utilizzi di prodotti petroliferi nel riscaldamento con fonti rinnovabili (biocombustibili) o pompe di calore, lo spostamento su rotaia e su acqua del trasporto di merci e passeggeri, la progressiva riduzione dei consumi specifici dei veicoli, l incremento della percentuale di utilizzo di biocarburanti, la penetrazione di veicoli elettrici e ibridi; ma occorre anche incentivare l uso di benzine e gasoli di qualità ambientale superiore a quella imposta dalle regole europee: ciò può indurre non solo benefici sull inquinamento urbano ma anche un vantaggio competitivo della raffinazione nazionale; lato offerta occorre riconvertire la raffinazione verso la produzione di carburanti di nuova generazione con tecnologie, già disponibili, che consentono l utilizzo totale (impianti gas to liquids) o parziale del metano, e procedere con determinazione nel progetto di riconversione alla chimica verde, basata sull utilizzo delle biomasse. Quanto al carbone, vanno ricordati l assenza di rischio geopolitico relativo agli approvvigionamenti, prezzi della materia prima bassi e poco legati al petrolio, limitata elasticità di utilizzo, relativa diffusione di tecnologie per l abbattimento delle polveri in fase di escavazione, trasporto, utilizzo, emissioni di CO 2 elevate. In prospettiva l utilizzo di tale fonte deve essere esclusivamente accoppiato alle tecnologie di CCS (carbon capture and storage), sulle quali le nostre imprese hanno le competenze per poter competere anche a livello internazionale, sempre che le sperimentazioni in atto portino a risultati positivi in termini economici e ambientali. 5. Le liberalizzazioni Nell energia non si possono affidare al mercato la salute e la sicurezza, che devono essere garantite non solo dalle norme ma anche da un efficace azione di indirizzo, di incentivazione e di controllo delle Istituzioni. Ma, fermo restando tale essenziale ruolo pubblico, per assicurare ai consumatori servizi energetici di elevata qualità al minimo costo ci vogliono mercati che funzionino senza monopoli, corporazioni, posizioni di dominio. 25

8 L Italia non è ricca di risorse energetiche fossili; questa è una ragione in più perché sia ricca di mercati energetici liberi, competitivi e trasparenti, governati da Autorità forti e indipendenti che inducano lo sviluppo efficiente di infrastrutture materiali ed immateriali per il trasporto, lo stoccaggio e le negoziazioni di prodotti energetici e di CO 2. Le prime liberalizzazioni nel settore energetico hanno dimostrato che con la concorrenza e con una regolazione affidabile è possibile attivare ingenti investimenti privati a beneficio dei consumatori e dell economia del Paese senza risorse del bilancio pubblico e senza gravare sui consumatori con nuove imposte o con tariffe più alte. La liberalizzazione dei mercati energetici è ormai da molti anni entrata a far parte a pieno titolo della politica europea: le prime direttive sul mercato unico dell energia, quando ancora l energia non era inclusa nei Trattati, erano infatti basate sul tema della concorrenza. Nonostante l approvazione del Terzo pacchetto energia, che definisce un nuovo quadro di riferimento istituzionale e regolatorio per il mercato interno, l unificazione dei mercati energetici europei è ancora un percorso lungo e difficile nel quale spesso hanno prevalso le resistenze aziendalistiche nei confronti della concorrenza e dell apertura dei mercati. Confondere gli interessi aziendali con quelli del Paese è stato tuttavia il più grave errore commesso non solo dall Italia ma anche da altri importanti Paesi europei. L Italia e l Europa hanno bisogno di imprese forti, ma questa forza deve essere solo il frutto dell efficienza e della competitività, non di mercati protetti e di rendite a spese dei consumatori: l interesse degli azionisti non sempre coincide con l interesse del Paese. Nuove iniziative di liberalizzazione devono quindi essere assunte in Italia almeno in tre settori energetici: energia elettrica, gas naturale e prodotti petroliferi. A) Energia elettrica Che la liberalizzazione dell energia elettrica abbia giovato all Italia è certamente un fatto. Nel 1999, quando varò il decreto legislativo di liberalizzazione, le condizioni di questo settore erano molto critiche 4 ; oggi l Italia ha un parco di 4 La situazione infrastrutturale nel settore elettrico era non solo al limite del collasso ma ingessata dalla difficoltà di realizzare nuove centrali e nuove linee di trasmissione; non esisteva un mercato ma solo grandi e piccoli monopoli; i prezzi erano ben superiori a quelli degli altri Paesi europei nonostante un prezzo del petrolio che viaggiava intorno ai $/barile; non esisteva una diffusa consapevolezza da parte dei consumatori. Gli effetti delle liberalizzazioni non furono, peraltro, immediati; basti ricordare che il 2003 fu un anno orri- 26

9 generazione completamente rinnovato tra i più efficienti del mondo, un mercato competitivo e un gestore indipendente della rete di trasmissione che investe cinque volte di più rispetto a quando era una costola dell ENEL. I consumatori godono di un servizio migliore in termini di sicurezza, di minori interruzioni e di maggiori diritti verso i propri fornitori; gli utenti sono diventati clienti; milioni di clienti hanno cambiato il loro fornitore e le associazioni dei consumatori sono diventate un riferimento affidabile e competente. Ma la liberalizzazione ha garantito risultati tangibili anche sotto il profilo economico 5 : i prezzi dell energia elettrica continuano ad essere superiori rispetto a quelli di molti Paesi europei, ma, nonostante il prezzo del petrolio sia cresciuto di almeno 5 volte è ormai in corso un percorso di progressiva riduzione del differenziale di prezzo con Paesi come la Francia e la Germania dove è ben più ampio il ricorso a fonti diverse dagli idrocarburi. Ormai da alcuni anni l Italia non è più importatrice di energia elettrica per necessità ma solo per convenienza, ed anzi in particolari periodi di punta è l Italia che esporta energia verso l Europa. Tale processo subirà certamente un accelerazione in conseguenza della chiusure e delle manutenzioni di numerose centrali nucleari in Europa: è possibile che presto le centrali italiane svolgano una funzione essenziale per il sistema elettrico europeo e i prezzi europei si avvicinino ulteriormente a quelli italiani. Tutto ciò è senza dubbio un buon risultato per il settore elettrico, frutto di una regolazione molto avanzata, di meccanismi tariffari evoluti e della maggiore concorrenza; basti pensare che si è ridotta a meno del 30% la quota dell operatore ex monopolista Enel, che ha comunque saputo compensare con una significativa penetrazione nel più vasto mercato internazionale. Se oggi il settore elettrico potesse approvvigionarsi di gas ai prezzi del mercato USA, i prezzi del mercato elettrico all ingrosso italiano non sarebbero significativamente diversi da quelli dei mercati francesi o tedeschi: intervenire nell assetto del sistema del gas è la via maestra per risolvere anche il problema della competitività dell energia elettrica. Va comunque sottolineato come l attuale sovradimensionamento del parco termoelettrico, se da una parte comporta un sottoutilizzo di molte bile per l energia elettrica: il black out di settembre fu solo il tragico culmine di una lunga serie di criticità. 5 L Autorità per l energia elettrica e il gas ha valutato che nel settore elettrico del nostro Paese si è ottenuta una riduzione di oneri stimabile in più di 4,5 miliardi di euro all anno, rispetto al 1999, in termini di minor consumo di combustibili, di minori emissioni di CO2 e di efficienze gestionali. 27

10 centrali, dall altra fornisce una garanzia sul fronte del backup in uno scenario di diffusione più spinta delle rinnovabili. Ma altre iniziative possono essere assunte in Italia per rendere il settore elettrico più efficiente e per perseguire la riduzione dei prezzi dell elettricità. In particolare: proseguire il programma di realizzazione delle nuove linee di trasmissione che consentiranno di ridurre gli oneri di congestione e di incrementare gli scambi non solo con l Europa ma anche con i Paesi del Mediterraneo; accelerare i programmi di investimento verso una smart grid, ovvero una rete che disponga della capacità di accumulo per gestire le fonti rinnovabili e dei dispositivi tecnologici necessari per cogliere compiutamente gli effetti di efficienza connessi al coinvolgimento della domanda grazie alla telegestione e ai prezzi biorari, temi sui quali l Italia è già in una situazione di leadership a livello internazionale; completare il mercato elettrico con strumenti capaci di guardare non solo al giorno dopo o all anno dopo ma anche al lungo e lunghissimo termine, per supportare tutti gli investimenti di produzione di energia ad alta intensità di capitale, come ad esempio gli impianti a carbone con stoccaggio delle emissioni di CO 2 o l idroelettrico o la geotermia o altre tipologie innovative di rinnovabili; accelerare il percorso di accoppiamento del mercato con quelli dei principali Paesi europei, per fornire al parco produttivo italiano più opportunità di utilizzo. B) Gas naturale Anche il settore del gas non è certamente rimasto immobile in Italia dopo il varo nel 2001del decreto legislativo liberalizzazione: molto è stato fatto in tema di tariffe, di regolazione delle attività di vendita e soprattutto di regolazione della qualità dei servizi gas. Tuttavia il sistema del gas appare ancora bisognoso di interventi radicali. Più volte negli ultimi anni si sono avute evidenti e amare dimostrazioni della povertà infrastrutturale del sistema di approvvigionamento e stoccaggio: non si possono scordare le gravi crisi di approvvigionamento innescate o da picchi di domanda invernale o da temporanee indisponibilità di importazioni per cause tecniche o politiche; ancora oggi il Paese convive con le incertezze connesse con la crisi dei Paesi del Nord Africa. I problemi maggiori legati al mercato del gas oggi in Italia sono legati al numero ridotto di investimenti in infrastrutture di trasporto e trasformazione che, se realizzati, permetterebbero di sfruttare le opportunità che si sono 28

11 create nel mercato internazionale di approvvigionamento di gas a prezzi ben più favorevoli. Questi scarsi investimenti sono la diretta conseguenza di un mercato ancora poco liberalizzato (a differenza del mercato elettrico) in cui l incumbent, oltre a dominare il mercato, possiede ancora le reti in ragione di un sostanziale non risolto disaccoppiamento. Date queste premesse, è necessario adottare tutte quelle misure per incentivare la liberalizzazione e per permettere al mercato di esprimersi secondo le sue possibilità, e quindi puntare non solo al soddisfacimento dei fabbisogni nazionali, ma, sfruttando la favorevole posizione geografica ed il significativo potenziale di sviluppo di infrastrutture di stoccaggio, anche all obiettivo di trasformare l Italia in un hub del gas, in grado non solo di importare, ma anche di riesportare gas verso il resto dell Europa, dove la domanda potrebbe aumentare anche a seguito della riduzione della produzione nucleare. A tale riguardo occorrere creare un significativo eccesso di offerta (rispetto alla domanda nazionale) sia tramite nuovi gasdotti (principalmente quelli relativi al corridoio sud ecc.), sia soprattutto tramite nuovi terminali di rigassificazione, in grado di incrementare la diversificazione delle fonti di approvvigionamento e di dare accesso ai mercati spot, favorendo quindi il disaccoppiamento tra prezzi del gas e prezzi del petrolio, tipici dei contratti di lungo termine. Gli operatori che attualmente controllano il mercato sono legittimamente non interessati alla realizzazione di nuove infrastrutture che consentano l ingresso di nuovi venditori ed incrementino il livello dell offerta, ma questo legittimo interesse degli operatori non coincide con l interesse dei consumatori. In tale contesto il primo intervento da porre in atto è la separazione proprietaria della rete di trasporto e degli stoccaggi: un soggetto indipendente consentirebbe infatti di superare quel conflitto di interessi che oggi impedisce a Snamretegas di partecipare alla realizzazione di nuovi metanodotti di importazione, rigassificatori e stoccaggi aperti a tutti gli operatori, e non solo a chi li realizza. Tale intervento è reso ancora più urgente dal fatto che nel frattempo l Antitrust europea, con numerosi interventi, l ultimo dei quali proprio nei confronti dell ENI, sta procedendo verso la separazione proprietaria di alcune rilevanti infrastrutture di trasporto europeo; tali interventi, se da una parte confermano ovviamente ancora una volta l importanza della separazione degli interessi dei soggetti che operano nei settori regolati della filiera dai singoli operatori di mercato, dall altra riducono le opportunità di Snamretegas di svilupparsi anche oltre i confini nazionali diventando così uno degli operatori portanti della rete europea di trasporto. 29

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 I vantaggi del carbone Pag. 3 Il carbone e l ambiente Pag. 8 Le centrali a carbone in Italia

Dettagli

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation

WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI. Italian translation WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 SINTESI Italian translation SINTESI WORLD ENERGY OUTLOOK 2012 Il World Energy Outlook (WEO) 2012 è uno strumento indispensabile per i decision maker della politica e dell industria

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame 2009. Sintesi

Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame 2009. Sintesi Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Sintesi Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Il Governo Italiano ha segnato progressi sostanziali in numerosi

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Le proposte di KiteGen Resarch per un Nuovo Piano Energetico Nazionale basato sugli obiettivi UE 20-20-20

Le proposte di KiteGen Resarch per un Nuovo Piano Energetico Nazionale basato sugli obiettivi UE 20-20-20 Le proposte di KiteGen Resarch per un Nuovo Piano Energetico Nazionale basato sugli obiettivi UE 20-20-20 Di Eugenio Saraceno Luglio 2010 eugeniosaraceno@yahoo.it eugeniosaraceno@gmail.com 335 8269960

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA

ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA ASSESSORADU DE S INDÚSTRIA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA PIANO ENERGETICO ED AMBIENTALE DELLA REGIONE SARDEGNA 2014-2020 PROPOSTA TECNICA GENNAIO 2014 Gruppo di lavoro: Assessorato Industria Servizio Energia

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 31 marzo 2013 VOLUME I Stato dei servizi Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE

Dettagli

FARE DI PIÙ CON MENO

FARE DI PIÙ CON MENO FARE DI PIÙ CON MENO Libro verde sull efficienza energetica Direzione generale dell'energia e dei trasporti COMMISSIONE EUROPEA Fotografie: per gentile concessione di Comunità europee e Wärtsilä FARE DI

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

RAPPORTO SULL ENERGIA

RAPPORTO SULL ENERGIA RAPPORTO SULL ENERGIA 2010 RAPPORTO SULL ENERGIA Novembre 2010 Assessorato provinciale all Ambiente Assessore: Roberto Ronco Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria, Direttore: Francesco Pavone Testi

Dettagli

L azione dell UE contro il cambiamento climatico

L azione dell UE contro il cambiamento climatico L azione dell UE contro il cambiamento climatico Alla guida dell azione globale in vista del 2020 e oltre Edizione 2008 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Società Italiana di Fisica Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Uno studio a cura della Società Italiana di Fisica - SIF aprile 2008 Indice PREMESSA p. 6 1. L ITALIA E LE SFIDE ENERGETICHE

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Materiale didattico di supporto al corso di Complementi di macchine Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Michele Manno Dipartimento di Ingegneria Industriale Università

Dettagli

DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA. A cura di Carlo Manna. Workshop

DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA. A cura di Carlo Manna. Workshop DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA A cura di Carlo Manna Workshop ENEA PER LA TECNOLOGIA, IL SISTEMA PRODUTTIVO E IL TERRITORIO Roma, 17 maggio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli