APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI"

Transcript

1 APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI

2 Indice 1 L insieme N dei numeri naturali Introduzione Caratteristiche dell insieme N L addizione nei numeri naturali La moltiplicazione nei numeri naturali La sottrazione nei numeri naturali La divisione nei numeri naturali Confronti e considerazioni sulle quattro operazioni La priorità delle operazioni e le parentesi L uso delle lettere, e la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla somma Le potenze Divisori, multipli, e numeri primi Criteri di divisibilità Il Massimo comun Divisore e il minimo comune multiplo Il sistema di numerazione posizionale in base dieci Domande Esercizi Problemi L insieme Z dei numeri interi La nascita dei numeri interi Caratteristiche dell insieme Z Le operazioni coi numeri interi L addizione nei numeri interi La sottrazione nei numeri interi La moltiplicazione nei numeri interi La divisione nei numeri interi Le potenze nei numeri interi

3 2.9 La priorità delle operazioni, le parentesi e le espressioni Identificazione fra i numeri interi non negativi e i numeri naturali Domande Esercizi L insieme Q dei numeri razionali L insieme delle frazioni di numeri Naturali Significato descrittivo delle frazioni Frazioni equivalenti Frazioni ridotte ai minimi termini Addizioni e sottrazioni fra frazioni Frazione di numeri interi La moltiplicazione fra frazioni La divisione fra frazioni La potenza di frazioni Espressioni con le frazioni Semplificazioni fra potenze Potenze con esponente negativo La notatazione scientifica Le frazioni e i numeri razionali Le proporzioni Le percentuali Le frazioni e i numeri decimali I numeri reali Errore assoluto, errore relativo e errore percentuale Esercizi Problemi Gli insiemi (cenni) Notazioni Rappresentazione degli insiemi Cardinalità di un insieme, l insieme vuoto e l insieme Universo I sottoinsiemi Operazioni fra insiemi Rappresentazione delle operazioni fra insiemi tramite i diagrammi di Eulero-Venn Alcuni risultati importanti

4 4.8 Il prodotto cartesiano fra insiemi Domande Esercizi

5 Capitolo 1 L insieme N dei numeri naturali 1.1 Introduzione L esigenza di contare e quantificare è presente nella vita quotidiana sin dalle origini dell umanità: il concetto di numero ha sempre accompagnato l uomo durante la sua evoluzione. Le proprietà, le notazioni e i risultati che incontreremo sono frutto del lavoro di studiosi nel corso dei secoli. Quanto ci apprestiamo ad affrontare è una sintesi di una parte di questo lungo e paziente lavoro ed ha lo scopo di porre le basi di una scienza in continua evoluzione: la matematica. 1.2 Caratteristiche dell insieme N L insieme dei numeri naturali è costituito da: N = {0; 1; 2; 3; 4;...} Evidenziamo alcune caratteristiche dell insieme N: 1. L insieme N ammette naturalmente una relazione d ordine, cioé un criterio che ci permette di stabilire, presa una qualunque coppia di elementi di N, quale elemento viene prima. La relazione d ordine in questo caso è: essere minore di... Ad esempio, scelti gli elementi 3 e 27, l elemento 3 viene prima dell elemento 27 in quanto 3 è minore di 27; 2. L insieme N è costituito da infiniti elementi. 3. L insieme N è illimitato, cioé non esiste un elemento di N che non è minore di nessun altro elemento di N. Osservazione. In base alle caratteristiche di N possiamo affermare che esiste il primo elemento dell insieme (cioé lo zero che è minore di tutti gli altri) ma non esiste l ultimo. Osservazione. La migliore rappresentazione grafica dell insieme N è, in base alle sue caratteristiche, una semiretta orientata (cioè che ha un ordine in cui cresce indicato dalla freccia) come quella rappresentata in figura 1.1.

6 Alessandro Bocconi Figura 1.1: La semiretta dei numeri Naturali 1.3 L addizione nei numeri naturali Il concetto di addizione di due numeri naturali è così intuitivo che, darne qui una definizione, risulterebbe soltanto un inutile appesantimento. Quindi non spiegheremo ad esempio cosa vuol dire e perché il suo risultato sia 8, lasciando a queste domande l intuitiva risposta che il lettore può darsi. Ci soffermeremo però sulla terminologia: il risultato di un addizione si dice somma, e i due numeri che compongono l addizione si dicono addendi. Prendendo ad esempio l addizione 3 + 5; 3 e 5 sono addendi, e 8 è la somma. Anche se l addizione è un operazione fra due numeri, si utilizza spesso l espressione somma di più numeri. Con tale espressione si intende il risultato che si ottiene sommando i primi due addendi, al risultato si somma il terzo e così via. Proprietà dell addizione: 1. Proprietà commutativa: scambiando fra di loro i due addendi la somma non cambia (o la somma di 3+5 è uguale alla somma di 5+3) 2. Proprietà associativa: La somma di più numeri non cambia, cambiando l ordine in cui le addizioni vengono eseguite. o: Eseguiamo prima l addizione fra 3 e 7 che ha risultato 10: = = 15 Adesso eseguiamo prima la seconda addizione (fra 7 e 5) che ha come risultato 12: = = 15 Si osserva che il risultato finale non cambia e conferma la proprietà associativa dell addizione. Osservazione. La proprietà associativa può risultare estremamente utile per facilitare il calcolo di una somma. Si consideri ad esempio:

7 Alessandro Bocconi 6 Effettuare, come viene naturale, prima la somma fra 49 e 97 non è molto semplice soprattutto se dobbiamo eseguirla a mente. Molto più semplice è determinare = 100 e poi effettuare la somma con 49: = 149. Osservazione. Se in un addizione uno dei due addendi è zero la somma è l altro addendo. : = 5; = La moltiplicazione nei numeri naturali Chiariamo con un esempio l espressione sommare un numero più volte che ci servirà per la definizione di moltiplicazione: sommare 4 volte il numero 3 significa: } {{ } 4 volte La definizione di moltiplicazione deriva dall addizione: Definizione di moltiplicazione: moltiplicare fra loro due numeri vuol dire sommare il primo numero tante volte quanto è il secondo numero. : 5 3 = } {{ } 3 volte = = } {{ } = 42 6 volte I due numeri che compongono una moltiplicazione si chiamano fattori, mentre il risultato di una moltiplicazione si dice prodotto. Nel primo esempio 5 e 3 sono i fattori mentre 15 è il prodotto. Problema Mettendo delle palline una sopra l altra abbiamo formato delle colonne costituite da queste palline (supponiamo che le palline stiano in equilibrio una sull altra). Ciascuna colonna è formata da 3 palline, e le colonne sono 5 (figura 1.2). Quante palline ci sono in tutto? La risposta è molto semplice: 3 palline nella prima colonna, più 3 palline nella seconda e così via fino ad arrivare alla quinta. Quindi: numero di palline = } {{ } = 15 5 colonne Ma sommare 5 volte il numero 3 è, per definizione, il prodotto 3 5. Quindi il problema è risolto moltiplicando il numero delle palline in ciascuna colonna (primo fattore) col numero delle colonne (secondo fattore).

8 Alessandro Bocconi 7.. Figura 1.2: 3 palline per ciascuna delle 5 colonne Osservazione importante. La definizione di moltiplicazione perde chiarezza nei casi in cui il secondo fattore è 1, oppure 0. L esempio delle palline messe in colonna ci aiuta ad analizzare questi due casi: Secondo fattore uguale a 1. Il prodotto è equivalente al seguente problema: abbiamo un certo numero di palline (primo fattore) messe in un unica colonna (secondo fattore). Quante palline abbiamo in tutto? Ovviamente la risposta è che abbiamo tante palline quante ci sono nell unica colonna. Quindi il prodotto di due fattori di cui il secondo è 1 è uguale al primo fattore. o: 8 1 = 8 Secondo fattore uguale a 0. Considerando come prima le palline e le colonne, in questo caso, dato che il secondo fattore è 0, non abbiamo nessuna colonna. Se non ci sono colonne non ci sono neppure palline (cioè 0 palline), e quindi il prodotto è uguale a 0. o: 8 0 = 0 Come per la somma, definiamo il prodotto di più fattori, come il risultato che si ottiene moltiplicando i primi due fattori fra loro, al risultato si moltiplica il terzo e così via. Proprietà della moltiplicazione: 1. Proprietà commutativa: scambiando fra di loro i due fattori il prodotto non cambia. Verifichiamolo ancora con l aiuto delle palline: in figura 1.2 abbiamo messo 3 palline in ciascuna delle 5 colonne, e abbiamo visto che il numero totale di palline è data dal prodotto 3 5. Supponiamo adesso di ruotare il rettangolo dove sono contenute le palline, in modo da appoggiarlo sul lato più corto (figura 1.3). Adesso abbiamo 5 palline per ciascuna colonna, e le colonne sono 3. Quante sono le palline? La risposta è data dal prodotto 5 3. Ma ovviamente il numero delle palline è rimasto lo stesso nelle due figure, e quindi i due prodotti devono dare lo stesso risultato, quindi: 3 5 = 5 3 Considerando che tale procedimento è indipendente dalla scelta del numero delle palline e delle colonne, abbiamo verificato la proprietà commutativa della moltiplicazione.

9 .. Alessandro Bocconi 8 Figura 1.3: 5 palline per ciascuna delle 3 colonne 2. Proprietà associativa: il prodotto di più fattori non cambia, cambiando l ordine con cui le moltiplicazioni vengono eseguite. Verifichiamolo con un esempio: ad un istruttore viene commissionato un corso che gli verrà retribuito 20 euro all ora, e dovrà lavorare per 5 ore al giorno, per 3 giorni. Quanto guadagnerà l istruttore? Riscriviamo l accordo con l istruttore: 20 euro all ora per 5 ore al giorno per 3 giorni. Il problema si traduce quindi in In realtà a noi non interessa quanto guadagna, ma che allo stesso risultato possiamo arrivarci in (almeno) 2 modi diversi. (a) Calcoliamo quanto guadagna al giorno e poi si moltiplica per il numero dei giorni: visto che guadagna 20 euro all ora e lavora 5 ore in un giorno, al giorno guadagna 20 5 = 100 euro. I giorni di lavoro sono 3 quindi il guadagno totale è = 300. (b) Calcoliamo quante ore di lavoro effettua nei 3 giorni, e poi moltiplichiamo per il compenso orario: visto che lavora 5 ore al giorno per 3 giorni, il numero di ore lavorative è 5 3 = 15 ore. Dal momento che riceve 20 euro all ora, il guadagno totale è = 300. Nel primo caso abbiamo effettuato prima la prima moltiplicazione (20 5) e poi abbiamo moltiplicato il risultato per 3. Nel secondo caso abbiamo effettuato prima la seconda moltiplicazione (5 3) e poi abbiamo moltiplicato il risultato per 20. Dal momento che il risultato è lo stesso nei 2 casi (e non potrebbe essere altrimenti visto che il compenso finale deve essere lo stesso comunque lo si calcoli), abbiamo dimostrato che il risultato non cambia, cambiando l ordine in cui vengono effettuate le moltiplicazioni. Osservazione. Come già visto per l addizione, la proprietà associativa può risultare estremamente utile anche per calcolare un prodotto. Si consideri ad esempio:

10 Alessandro Bocconi 9 Effettuare, come viene naturale, prima il prodotto fra 79 e 5 non è molto semplice soprattutto se dobbiamo eseguirlo a mente. Molto più semplice è determinare 5 2 = 10 e poi effettuare il prodotto con 79: = 790. Tenuto conto dell osservazione importante e della proprietà commutativa della moltiplicazione possiamo affermare che: 1. Se uno dei due fattori di una moltiplicazione è 1, il prodotto è uguale all altro fattore. 2. Se uno dei due fattori di una moltiplicazione è 0, il prodotto è La sottrazione nei numeri naturali Anche la definizione di sottrazione deriva dall addizione: Definizione di sottrazione: eseguire una sottrazione fra due numeri vuol dire determinare quel numero che sommato al secondo dei due, ha come risultato il primo. o: eseguire la sottrazione 10-6 vuol dire determinare quel numero la cui somma con 6 è uguale a 10. È corretto quindi affermare che il motivo per cui 10 6 = 4 è dato dal fatto che = 10. Il primo numero di una sottrazione si chiama minuendo, il secondo sottraendo e il risultato differenza. Nell esempio precedente 10 è il minuendo, 6 il sottraendo e 4 la differenza. 7 2 = 5 infatti = 7; 6 6 = 0 infatti = 6; 9 0 = 9 infatti = 9; 5 8 non si può fare perché non esiste nessun numero naturale che sommato a 8 ha come risultato 5. Dall ultimo esempio si ricava la seguente importante: Osservazione. Si può eseguire una sottrazione nei numeri naturali solo se il minuendo non è minore del sottraendo. Per la sottrazione non valgono né la proprietà commutativa, né quella associativa. Verifichiamolo con degli esempi: 7 5 = 2, se valesse la proprietà commutativa dovrebbe risultare che, invertendo il minuendo col sottraendo, la differenza rimane la stessa, mentre invece 5 7 non ha nessun risultato.

11 Alessandro Bocconi 10 Per vedere che non vale la proprietà associativa consideriamo se eseguiamo prima la prima sottrazione (11 5 = 6) otteniamo: = 6 2 = 4 Se valesse la proprietà associativa il risultato finale non dovrebbe cambiare invertendo l ordine delle sottrazioni, mentre invece eseguendo prima la seconda sottrazione (5 2 = 3) si ottiene = 11 3 = 8 che è un risultato finale diverso dal precedente. 1.6 La divisione nei numeri naturali La definizione di divisione deriva dalla moltiplicazione (che, come ricorderemo, a sua volta derivava dall addizione): Definizione di divisione: Eseguire una divisione fra due numeri vuol dire determinare quel numero che moltiplicato al secondo dei due, ha come risultato il primo. o: eseguire la divisione 10 : 5 vuol dire determinare quel numero che moltiplicato per 5 ha come risultato 10. È corretto quindi affermare che il motivo per cui 10 : 5 = 2 è dato dal fatto che 2 5 = 10. Il primo numero di una divisione si chiama dividendo, il secondo divisore e il risultato quoziente. Nell esempio precedente 10 è il dividendo, 5 il divisore e 2 il quoziente. Osservazione: È importante notare che, come per la sottrazione, non sempre è possibile effettuare la divisione fra due numeri: ad esempio 8 : 3 non ha alcun risultato nei numeri naturali, in quanto non esiste un numero naturale che moltiplicato per 3 ha come risultato : 3 = 5, infatti 3 5 = : 9 = 1, infatti 9 1 = : 1 = 8, infatti 1 8 = : 5 = 0, infatti 5 0 = : 5 non ha risultato perché non esiste un numero che moltiplicato per 5 ha come risultato 16

12 Alessandro Bocconi 11 Osservazioni. Dalla definizione di divisione possiamo concludere che: La divisione di un numero (diverso da 0) per se stesso ha sempre quoziente 1 (secondo esempio). La divisione di un numero per 1 ha sempre come quoziente il numero stesso (terzo esempio). 0 diviso qualunque numero (diverso da 0) ha sempre come quoziente 0 (quarto esempio). La divisione per zero. Consideriamo adesso una divisione in cui il dividendo sia diverso da zero e il divisore uguale a zero, ad esempio 5 : 0. Il quoziente di questa divisione, se esistesse, dovrebbe essere un numero che moltiplicato per 0 ha come risultato 5, mentre sappiamo che qualunque numero naturale moltiplicato per 0 ha come risultato 0 (vedi paragrafo 1.4). Studiamo ora il caso in cui anche il dividendo è 0, cioé la divisione 0 : 0. In questo caso siamo di fronte a una forma indeterminata: infatti potremmo affermare che 0 : 0 = 1 infatti 0 1 = 0, ma potremmo anche dire che 0 : 0 = 2 infatti 0 2 = 0, oppure 0 : 0 = 18 infatti 0 18 = 0, oppure 0 : 0 = 0 infatti 0 0 = 0 e così via per tutti i numeri naturali. In altre parole la divisione 0 : 0 non ha un unico risultato ma ne ha infiniti. Per questo viene chiamata forma indeterminata: perché non è possibile determinare un unica soluzione dato che qualunque numero è soluzione di quella divisione. In ogni caso quindi non è mai possibile eseguire una divisione in cui il divisore sia 0. Per la divisione, come per la sottrazione, non valgono né la proprietà commutativa, né quella associativa. Verifichiamolo con degli esempi: 16 : 2 = 8, se valesse la proprietà commutativa dovrebbe risultare che, invertendo il dividendo col divisore, il quoziente rimane lo stesso, mentre invece 2 : 16 non ha nessun risultato. Per vedere che non vale la proprietà associativa consideriamo 24 : 6 : 2 se eseguiamo prima la prima divisione (24 : 6 = 4) otteniamo 24 : 6 : 2 = 4 : 2 = 2 Se valesse la proprietà associativa il risultato finale non dovrebbe cambiare invertendo l ordine delle divisioni, mentre invece eseguendo prima 6 : 2 = 3 si ottiene: cioé un risultato finale diverso dal precedente. 24 : 6 : 2 = 24 : 3 = 8

13 Alessandro Bocconi Confronti e considerazioni sulle quattro operazioni. È utile effettuare un confronto fra le varie caratteristiche e proprietà che hanno le quattro operazioni. Innanzitutto presa una qualunque coppia di numeri naturali é sempre possibile effettuare la loro addizione e la loro moltiplicazione. Lo stesso non si può dire per la sottrazione e le divisione in quanto esistono coppie di numeri per le quali non esiste né la differenza né il quoziente. Inoltre la moltiplicazione e l addizione godono sia della proprietà commutativa che quella associativa, a differenza della divisione e della sottrazione che non godono di nessuna delle due. Si osservi a tal proposito che per l addizione e la moltiplicazione i due numeri si chiamano allo stesso modo (addendi per l addizione e fattori per la moltiplicazione), mentre per la sottrazione e la divisione il primo numero ha un nome diverso dal secondo (minuendo e sottraendo per la sottrazione e dividendo e divisore per la divisione). Ciò è dovuto al fatto che, godendo della proprietà commutativa, i termini della moltiplicazione e dell addizione possono essere scambiati, mentre quelli della divisione e sottrazione no. Se ad un numero addizioniamo o sottraiamo 0 il numero rimane invariato. Per questo si dice che 0 è l elemento neutro per l addizione e la sottrazione. Se moltiplichiamo o dividiamo un numero per 1 il numero rimane invariato. Per questo si dice che 1 è l elemento neutro per la moltiplicazione e la divisione. 1.8 La priorità delle operazioni e le parentesi. Chiameremo espressione numerica, una serie di numeri legati fra di loro da delle operazioni. Affrontiamo ora il caso di dover risolvere un espressione, partendo da un esempio: È facile osservare che il risultato di tale espressione cambia a seconda dell ordine in cui effettuiamo le singole operazioni; se ad esempio scegliamo di partre da sinistra a destra si ottiene: = = 32 1 = 31 Se invece scegliamo l ordine inverso otteniamo: = = = 14 E avremmo ottenuto ancora un risultato diverso se avessimo scelto un ordine differente rispetto ai due precedenti (ad esempio prima la moltiplicazione poi la sottrazione e infine l addizione). Dal momento che in matematica le espressioni devono avere un unico risultato (altrimenti perderebbero senso), si è reso necessario fissare una priorità delle operazioni, cioé una classifica dell ordine in cui le operazioni devono venire effettuate. E questa è la classifica: Primo posto: moltiplicazione e divisione a pari merito.

14 Alessandro Bocconi 13 Secondo posto: addizione e sottrazione a pari merito. Con la regola che, se due operatori hanno la stessa priorità (cioé lo stesso posto in classifica) si effettua prima quello più a sinistra. Quindi per risolvere un espressione si risolvono prima tutte le moltiplicazioni e le divisioni presenti, una per ogni passaggio, partendo da sinistra a destra. Quando non ci sono più né moltiplicazioni né divisioni si passa alle addizioni e sottrazioni, sempre una per volta, e sempre da sinistra a destra. Risolvere la seguente espressione: = c é un unica moltiplicazione che ha priorità maggiore degli altri operatori e quindi si svolge per prima: = ci sono due operatori di uguale priorità, si effettua quindi per primo quello più a sinistra: 17 1 = 16 Quindi il risultato finale è 16. Risolvere la seguente espressione: 18 8 : 2 4 = Le moltiplicazioni e le divisioni hanno priorità maggiore, si effettua in questo caso prima la divisione perché è più a sinistra: = Adesso la moltiplicazione: = 2 Quindi il risultato finale è 2. Risolvere le seguenti espressioni: : 4 : = = = : 4 : 2 = : 2 = = 12 Per cambiare l ordine delle operazioni, l unico strumento che esiste è l uso delle parentesi. Infatti se un espressione contiene delle parentesi, prima si risolvono le parti di espressione dentro le parentesi fino a che non rimane solo un numero. A quel punto si tolgono le parentesi e si procede come prima. o Risolvere la seguente espressione: 6 + (7 2 3) 4 =

15 Alessandro Bocconi 14 prima si risolve la parte di espressione dentro le parentesi, ricordando che, all interno di una parentesi valgono le priorità descritte in precedenza, quindi: 6 + (7 6) 4 = 6 + (1) 4 dentro le parentesi è rimasto solo un numero e quindi possono essere tolte: Quindi il risultato finale è = = 10 Può essere necessario, all interno di una parentesi aprirne e chiuderne altre. In questo caso, per evitare confusione, si usano parentesi diverse da quelle tonde, e precisamente le parentesi quadre e, se necessario, le parentesi graffe. Per convenzione le parentesi tonde stanno dentro le quadre che a loro volta stanno dentro le graffe. In un espressione con parentesi graffe, quadre e tonde, prima si risolvono tutte le tonde, poi tutte le quadre, e in ultimo tutte le graffe. o Risolvere la seguente espressione: 12 + {20 : [(7 5) 8 6] + 4 3} : 7 = 12 + {20 : [(2) 8 6] + 4 3} : 7 = 12 + {20 : [2 8 6] + 4 3} : 7 = 12 + {20 : [16 6] + 4 3} : 7 = 12 + {20 : [10] + 4 3} : 7 = 12 + {20 : } : 7 = 12 + { } : 7 = 12 + {2 + 12} : 7 = 12 + {14} : 7 = : 7 = = L uso delle lettere, e la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto alla somma. In matematica si usano molto frequentemente le lettere al posto dei numeri. Il motivo risiede nel fatto che con le lettere possiamo effettuare delle affermazioni che hanno carattere generale, cosa non possibile usando invece i numeri. Chiariamo quanto detto con un esempio: presi i numeri 3 e 5 vale che: 3 5 = 5 3 Quanto appena scritto afferma che la moltiplicazione gode della proprietà commutativa? La risposta è no, perché si potrebbe obiettare che ciò che vale per i numeri 3 e 5, non necessariamente deve valere per tutti i numeri.

16 Alessandro Bocconi 15 Se invece scriviamo: siano a e b due numeri naturali qualunque. Vale che: a b = b a In questo modo abbiamo enunciato la proprietà commutativa della moltiplicazione, in quanto a e b sono due qualunque numeri naturali, e quindi l uguaglianza vale per tutti i numeri naturali. Tale esempio dimostra quanto può essere conveniente usare le lettere al posto dei numeri. Possiamo adesso enunciare una proprietà estremamente importante che lega la moltiplicazione con l addizione: La proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto all addizione: il prodotto di una somma per un fattore è equivalente alla somma dei prodotti fra ciascun addendo e il fattore stesso. In formule: (a + b + c +...) k = a k + b k + c k... dove i puntini stanno a significare che la somma può essere composta da un qualsiasi numero di addendi. Chiariamo, e verifichiamo, questa proprietà tramite un esempio. o ( ) 4 (si noti che tale espressione deriva dalla formula letterale scritta sopra, scegliendo al posto di a il numero 5, al posto di b il numero 2, al posto di c il numero 8 e al posto di k il numero 4). Per la proprietà distributiva deve valere che il risultato della precedente espressione è uguale a quello della seguente espressione: (cioè, riprendendo sempre la formula letterale, a k + b k + c k). Verifichiamolo: e quindi la proprietà è verificata. ( ) 4 = 15 4 = = = Le potenze. Consideriamo la seguente espressione: } {{ } 5 volte Osserviamo che si tratta di un prodotto in cui i fattori sono tutti 2. È possibile, e preferibile, scrivere tale espressione in forma più compatta che prende il nome di potenza, cioé 2 5. Si dice che 2 5 è una potenza di base 2 ed esponente 5. Il concetto di potenza è fondamentale nella matematica, ed è così definito:

17 Alessandro Bocconi 16 Definizione di potenza nei numeri naturali: sia a un numero naturale e n un numero naturale maggiore di zero. Con l espressione a n (che si legge a elevato ad enne, o più semplicemente a alla enne) si intende una potenza di base a ed esponente n, che equivale a: a n = a a a a... } {{ } n volte : è una potenza di base 3 ed esponente 4, si legge tre alla quarta ed equivale a: 3 4 = } 3 3 {{ 3 3} = 81 4 volte è una potenza di base 7 ed esponente 2, si legge sette alla seconda ed equivale a: 7 2 = }{{} volte = è una potenza di base 1 ed esponente 4, si legge uno alla quarta ed equivale a: 1 4 = } 1 1 {{ 1 1} = 1 4 volte è una potenza di base 0 ed esponente 5, si legge zero alla quinta ed equivale a: 0 5 = } 0 0 {{ 0 0 0} = 0 5 volte è una potenza di base 8 ed esponente 1, si legge otto alla prima ed equivale a: 8 1 = }{{} 8 1 volta = 8 Osservazioni: Dalla definizione di potenza e dagli esempi possiamo facilmente osservare che: Qualsiasi numero naturale elevato alla prima equivale al numero stesso (vedi esempio 5). Quindi qualsiasi numero naturale può essere visto come una potenza avente come base il numero stesso e come esponente uno (ad esempio 7 è equivalente alla potenza 7 1 ). Zero elevato a qualunque numero maggiore di zero è uguale a zero (vedi quarto esempio). Uno elevato a qualunque numero maggiore di zero è uguale a uno (terzo esempio). Si noti inoltre che tramite le potenze possiamo esprimere con numeri relativamente piccoli, anche numeri molto elevati, ad esempio: 6 7 = A tal proposito si legga con attenzione il seguente racconto. La nascita degli scacchi e i chicchi di riso. Narra la leggenda che gli scacchi furono inventati in India da un bramino (un sacerdote) di nome Sissa. Egli era così orgoglioso della sua invenzione che la portò in dono al suo sovrano. Anche il sovrano rimase entusiasta del nuovo gioco e, per ricompensare il bramino, disse che avrebbe potuto chiedergli in dono qualunque cosa: denaro, stoffe preziose, terre, gemme ecc. Il bramino fece una richiesta piuttosto insolita: mio sovrano per determinare la mia ricompensa dovrà essere messo un chicco di riso nella prima casella della scacchiera, 2 nella seconda, 4 nella

18 Alessandro Bocconi 17 terza, 8 nella quarta e così via fino all ultima casella. Quello che ti chiedo è di darmi il contenuto dell ultima casella Il re rise a quell insolita richiesta pensando di essersela cavata con pochi chicchi di riso. Quando però i suoi consiglieri determinarono la quantità di riso che spettava al bramino non ebbe più alcuna voglia di sorridere: per esaudire la richiesta non sarebbero state sufficienti le scorte di riso di tutto il regno. Vediamo perché: innanzitutto sappiamo che le caselle di una scacchiera sono 64. La richiesta del bramino era di un chicco sulla prima casella, 2 sulla seconda, 4 sulla terza e così via. Mettiamo questi dati in tabella: casella numero di chicchi Si osserva che nell colonna a destra sono tutte potenze del 2 (a cominciare da 1 che è 2 0 come vedremo nel prossimo paragrafo) quindi possiamo riscrivere la tabella come: casella numero di chicchi quindi la 64-esima casella corrisponde a 2 63 chicchi di riso cioè chicchi. Per rendersi conto dell enormità di tale numero si pensi che un chicco di riso pesa circa un quarantacinquesimo di grammo, quindi il peso di tutti quei chicchi è superiore a 200 miliardi di tonnellate. Considerando che nel 2006 la produzione annuale di riso del pianeta è stata di 636 milioni di tonnellate ci sarebbero voluti più di 300 anni per produrre una tale quantità di riso!! Capiamo bene quindi che se dovessimo effettuare il prodotto calcolando prima 6 7 poi 6 10, e poi moltiplicando fra loro i numeri ottenuti, avremmo come minimo bisogno di una calcolatrice (e anche piuttosto potente). Per questo ci vengono in aiuto le fondamentali proprietà delle potenze. Le proprietà delle potenze. 1. Il prodotto fra due potenze aventi la stessa base è una potenza che ha per base la stessa base e per esponente la somma degli esponenti. Verifichiamo tale proprietà con un esempio:

19 Alessandro Bocconi = } 3 3 {{ 3 3 3} 5 volte 3 3 }{{} 2 volte = } {{ } = volte Quindi il risultato ha la stessa base dei fattori (cioé 3) e come esponente la somma degli esponenti (cioé = 7). 2. Il quoziente fra due potenze aventi la stessa base, in cui la prima (dividendo) deve avere l esponente maggiore della seconda (divisore), è una potenza che ha per base la stessa base e per esponente la differenza degli esponenti. Verifichiamo con un esempio: 5 7 : 5 4 Dal momento che il quoziente è quel numero che moltiplicato per il divisore ha come risultato il dividendo, dobbiamo trovare un numero che moltiplicato per 5 4 ha come risultato 5 7. Grazie alla prima proprietà possiamo affermare che = 5 7, e quindi 5 3 è il risultato cercato. Quindi il risultato ha la stessa base del dividendo e del divisore (cioé 5) e come esponente la differenza degli esponenti (cioé 7 4 = 3). 3. La potenza di una potenza è una potenza che ha per base la stessa base e per esponente il prodotto degli esponenti. Verifichiamo tale proprietà con un esempio: (3 5 ) 2 = } 3 5 {{ 3} 5 = per la prima proprietà = = volte dove la parentesi iniziale sta a indicare che prima si determina 3 5 e poi si eleva alla seconda. Quindi il risultato ha la stessa base iniziale (cioé 3) e come esponente il prodotto degli esponenti (cioé 5 2 = 10). 4. Il prodotto fra due potenze aventi lo stesso esponente è una potenza che ha per esponente lo stesso esponente e per base il prodotto delle basi. Verifichiamo tale proprietà con un esempio: = } 2 2 {{ 2 2} 3 } 3 {{ 3 3} = per la proprietà commutativa della moltiplicazione 4 volte 4 volte = (2 3) (2 3) (2 3) (2 3) } {{ } 4 volte = } 6 6 {{ 6 6} = volte Quindi il risultato ha la stesso esponente dei fattori (cioé 4) e come base il prodotto delle basi (cioé 2 3 = 6). 5. Il quoziente fra due potenze aventi lo stesso esponente è una potenza che ha per esponente lo stesso esponente e per base il quoziente delle basi. Verifichiamo con un esempio: 8 7 : 2 7 Dal momento che il quoziente è quel numero che moltiplicato per il divisore ha come risultato il dividendo, dobbiamo trovare un numero che moltiplicato per 2 7 ha come risultato 8 7. Grazie alla quarta proprietà possiamo affermare che = 8 7, e quindi 4 7 è il risultato cercato. Quindi il risultato ha lo stesso esponente del dividendo e del divisore (cioé 7) e come base il quoziente delle basi (cioé 8 : 2 = 4). Potenza con esponente zero. Dalla definizione che abbiamo dato di potenza risulta che non ha senso una potenza con esponente zero: infatti, nella stessa definizione, abbiamo specificato che l esponente fosse un numero naturale maggiore di zero. Risulta però estremamente utile dare un significato, e quindi un valore, ad una potenza, di base maggiore di zero, il cui esponente è zero.

20 Alessandro Bocconi 19 Si è deciso di adottare la seguente convenzione: Convenzione. La potenza avente come esponente 0 e come base un qualunque numero naturale maggiore di 0 vale = 1; 3 0 = 1; 1 0 = 1 Osservazione. La scelta di attribuire il valore 1, ad una potenza di esponente 0 è, come già detto, una convenzione. Risulta però estremamente utile osservare che, fra tutti i valori che avremmo potuto attribuire, 1 risulta la scelta migliore per conservare alcune proprietà delle potenze estendendole all esponente 0. Chiariamo quanto detto con due esempi. Ammettiamo l esistenza di una potenza ad esponente 0, ad esempio 3 0, e consideriamo il seguente prodotto: applicando la prima proprietà delle potenze risulta: = = 3 5 quindi 3 5 (ma avrebbe funzionato con qualunque potenza del 3) moltiplicata per 3 0 resta 3 5, quindi 3 0 funziona come elemento neutro della moltiplicazione. Allora, essendo 1 l unico elemento neutro della moltiplicazione, deve risultare che 3 0 = 1. Come secondo esempio consideriamo la divisione 2 5 : 2 5. La divisione fra due numeri uguali (siano essi potenze o meno), ha come risultato 1 (vedi paragrafo 1.6). Quindi deve risultare: 2 5 : 2 5 = 1 Ma se vogliamo estendere la seconda proprietà delle potenze al fatto che dividendo e divisore possano avere lo stesso esponente deve risultare che: 2 5 : 2 5 = = 2 0 Quindi la divisione 2 5 : 2 5 ha come risultato sia 1, sia 2 0. Dal momento che il risultato deve essere unico, l unica possibilità per non entrare in contraddizione è che 2 0 = 1, in accordo con la nostra convenzione. 0 elevato a 0. Attribuire un valore a 0 0, qualunque esso sia, porterebbe a delle contraddizioni con altri risultati della matematica (purtroppo non abbiamo strumenti sufficienti per dimostrare questa affermazione e dobbiamo prenderla per buona). Per questo si è stabilito che: 0 0 non ha significato (cioé non vale nessun numero).

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Anche se spesso si afferma che il sistema binario, o in base 2, fu inventato in

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre.

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre. MULTIPLO: IL NUMERO CHE CONTIENE UN ALTRO NUMERO UN CERTO NUMERO DI VOLTE ESATTAMENTE. LI ( I MULTIPLI) OTTENGO MOLTIPLICANDO UN NUMERO PER QUALSIASI ALTRO NUMERO: IL PRODOTTO é IL MULTIPLO. IL MULTIPLO

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE LE AZIONI DEL FARE MATEMATICA OSSERVARE OSSERVARE Dalla spontanea formazione dei concetti nella mente del bambino fino alla concezione

Dettagli

1 Sistema additivo e sistema posizionale

1 Sistema additivo e sistema posizionale Ci sono solamente 10 tipi di persone nel mondo: chi comprende il sistema binario e chi no. Anonimo I sistemi di numerazione e la numerazione binaria 1 Sistema additivo e sistema posizionale Contare per

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI I numeri relativi sono l insieme dei numeri negativi (preceduti dal segno -) numeri positivi (il segno + è spesso omesso) lo zero. Valore assoluto di un numero relativo

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE Le equazioni di primo grado Le disequazioni di primo grado I sistemi di primo grado ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le equazioni di primo grado 3 1.1 Le uguaglianze.......................................

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

MATEMATICA - CLASSE TERZA

MATEMATICA - CLASSE TERZA MATEMATICA - CLASSE TERZA I NUMERI NATURALI E LE 4 OPERAZIONI U. A. 1 - IL NUMERO 1. Comprendere la necessità di contare e usare i numeri. 2. Conoscere la struttura dei numeri naturali. 3. Conoscere e

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

E costituito da un indice.

E costituito da un indice. Questo semplice quaderno di matematica è pensato sia per bambini e bambine che hanno problemi specifici di apprendimento sia per quei bambini e bambine che hanno solo bisogno di un ripasso prima di un

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO Il sistema di numerazione decimale (o base dieci) possiede dieci possibili valori (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 o 9) utili a rappresentare i numeri. Le cifre possiedono

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA MATEMATICA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Raggruppa e ordina secondo criteri diversi. Confronta e valuta quantità. Utilizza semplici simboli per registrare. Compie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA 1. : PADRONEGGIARE ABILITÀ DI CALCOLO ORALE E SCRITTO 1.1 Leggere, scrivere, comporre, scomporre, confrontare, ordinare i numeri fino a 20 1.2 Eseguire

Dettagli

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Aritmetica 1 trevisini EDITORE 2 Excel: la matematica con i fogli di calcolo Excel è il programma di fogli di calcolo, o fogli elettronici, più

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA MATEMATICA AREA DISCIPLINARE: MATEMATICO- SCIENTIFICO-TECNOLOGICA COMPETENZA DI Mettere in relazione il

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 90.1 Sistemi di numerazione.................................................... 605 90.1.1 Sistema decimale..................................................

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE La base del sistema decimale è 10 I simboli del sistema decimale sono: 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Il sistema di numerazione decimale è un sistema posizionale. L aggettivo

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDA E TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA SETTEMBRE 2003 COMPETENZE IN NUMERO Obiettivi: - Contare, eseguire semplici operazioni

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

NUMERI E SUCCESSIONI

NUMERI E SUCCESSIONI NUMERI E SUCCESSIONI Giovanni Maria Troianiello 1 Notazioni insiemistiche. Numeri naturali, interi, razionali Notazioni insiemistiche Si sa cosa s intende quando si parla di insieme (o famiglia, o classe)

Dettagli

Rita Fazzello. Le operazioni fondamentali in N e le

Rita Fazzello. Le operazioni fondamentali in N e le Le operazioni fondamentali in N e le proprieta' 1 Le operazioni fondamentali - Insieme N Clicca qui per effettuare il download dell'e-book in formato pdf 2 Le operazioni aritmetiche Le prime operazioni

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Le equazioni Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Definizione e caratteristiche Chiamiamo equazione l uguaglianza tra due espressioni algebriche,

Dettagli

Guida all uso del software e delle schede operative

Guida all uso del software e delle schede operative 4 Guida all uso del software e delle schede operative Avvio e struttura del software Dopo aver installato il software sul pc, viene visualizzata la videata del menu principale con le icone di accesso alle

Dettagli

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH) CURRICOLO A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI Sviluppa

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Un po di teoria dei numeri

Un po di teoria dei numeri Un po di teoria dei numeri Applicazione alla crittografia RSA Christian Ferrari Liceo di Locarno Matematica Sommario 1 L aritmetica modulare di Z n Le congruenze L anello Z n Le potenze in Z n e algoritmo

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA

CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/2013 TEMA CORSO BIELLA CONCETTI FONDAMENTALI DI ARITMETICA, ALGEBRA E GEOMETRIA PER LA SCUOLA DELL OBBLIGO MARTEDI 19/02/201 TEMA OPERAZIONI CON I NUMERI E LORO PROPRIETA. NASCONO LE STRUTTURE ALGEBRICHE. 1 TESTO

Dettagli

MATEMATICA: COMPETENZA 1 TERMINE DEL PRIMO BIENNIO ( classe seconda scuola primaria) COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

MATEMATICA: COMPETENZA 1 TERMINE DEL PRIMO BIENNIO ( classe seconda scuola primaria) COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE MATEMATICA: COMPETENZA 1 TERMINE DEL PRIMO BIENNIO ( classe seconda scuola primaria) Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico scritto e mentale partendo da contesti reali Rappresentare

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

Corso basilare di programmazione

Corso basilare di programmazione Parte vi Corso basilare di programmazione Introduzione............................................ 947 Programma didattico.................................. 947 Strumenti per la compilazione..........................

Dettagli

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Campo/ area/ materia Periodo di riferimento Nucleo tematico??? Macroindicato re??? Traguardo di competenza Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Scuola primaria: classe 1^ NUMERI L alunno

Dettagli

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE IL NUMERO PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare Utilizzare i numeri naturali fino a 100 per contare e per eseguire operazioni aritmetiche di addizione e sottrazione, sia nel calcolo mentale che scritto. Raggruppare

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

E solo questione di metodo:

E solo questione di metodo: E solo questione di metodo: problemi e algoritmi di matematica elementare Progetto Lauree Scientifiche Scuola Estiva di Matematica (4092015) Stefano Finzi Vita Dipartimento di Matematica - Sapienza Università

Dettagli

Dispense di Informatica per l ITG Valadier

Dispense di Informatica per l ITG Valadier La notazione binaria Dispense di Informatica per l ITG Valadier Le informazioni dentro il computer All interno di un calcolatore tutte le informazioni sono memorizzate sottoforma di lunghe sequenze di

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

scaricato da www.risorsedidattiche.net

scaricato da www.risorsedidattiche.net MOLTIPLICA E DIVIDI PER 10, 100, 1.000 A. Osserva, scrivi i risultati e poi completa la regola. X10 X1.000 X100 1 X 10 = 1 X 100 = 1 X 1.000 = Regola Se moltiplico un numero per 10 scrivo questo numero

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

II.f. Altre attività sull euro

II.f. Altre attività sull euro Altre attività sull euro II.f È consigliabile costruire modelli in carta o cartoncino di monete e banconote, e farli usare ai bambini in varie attività di classe fin dal primo o al più dal secondo anno.

Dettagli

PRIMAVERA IN BICOCCA

PRIMAVERA IN BICOCCA PRIMAVERA IN BICOCCA 1. Numeri primi e fattorizzazione Una delle applicazioni più rilevanti della Teoria dei Numeri si ha nel campo della crittografia. In queste note vogliamo delineare, in particolare,

Dettagli

Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1

Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1 Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1 Indice / Terminologia addendo x L'addizione, la somma, l'addendo, più 1 2a 24 addizionare x L'addizione, la somma, l'addendo, più

Dettagli

Corso basilare di programmazione «

Corso basilare di programmazione « Parte iv Corso basilare di programmazione Introduzione................................................................... 601 Programma didattico.......................................................

Dettagli

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria MATEMATICA CLASSE I Indicatori Competenze Contenuti e processi NUMERI Contare oggetti o eventi con la voce in senso progressivo e regressivo Riconoscere e utilizzare

Dettagli

MATEMATICA C 3 ALGEBRA 1. Testo per il primo biennio della Scuola Superiore di II grado

MATEMATICA C 3 ALGEBRA 1. Testo per il primo biennio della Scuola Superiore di II grado MATEMATICA C ALGEBRA 1 Testo per il primo biennio della Scuola Superiore di II grado Matematicamente.it 5 Edizione - 014 Matematica C Algebra 1 Copyright 014 Matematicamente.it Questo libro, eccetto dove

Dettagli

I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se.

I Polinomi. Michele Buizza. L'insieme dei numeri interi lo indicheremo con Z. è domenica = non vado a scuola. signica se e solo se. I Polinomi Michele Buizza 1 Insiemi In questa prima sezione ricordiamo la simbologia che useremo in questa breve dispensa. Iniziamo innanzitutto a ricordare i simboli usati per i principali insiemi numerici.

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre Pagina 1 di 5 DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi 1 I numeri Naturali, Interi e Razionali Addizione,

Dettagli

INDICE. MOD. 5 L INDAGINE STATISTICA Come si svolge un indagine statistica... Verifica...» 121

INDICE. MOD. 5 L INDAGINE STATISTICA Come si svolge un indagine statistica... Verifica...» 121 Prefazione Si racconta che il re Tolomeo stava cercando di leggere il libro di matematica di Euclide, un grande matematico greco dei tempi antichi che visse intorno al 3 a.c. ad Alessandria d Egitto. Euclide

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI Il Sistema di Numerazione Decimale Il sistema decimale o sistema di numerazione a base dieci usa dieci cifre, dette cifre decimali, da O a 9. Il sistema decimale è un sistema

Dettagli

Indovina il numero pensato

Indovina il numero pensato Indovina il numero pensato Le operazioni inverse Ivana Sacchi - ivana@ivana.it Giocare con i bambini. Chiedere loro di pensare un numero e spiegare che è possibile indovinare quale numero hanno pensato

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi. Identifica alcune proprietà dei materiali. Confronta e valuta quantità. Utilizza simboli per registrare

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA Fo.Svi.Co International s.a.s. Formazione Sviluppo Competenze (per la competitività in campo internazionale) SEDE LEGALE Corso Magenta, 83 20 123 Milano SEDE OPERATIVA 00100 ROMA, via Arduino, 46 SEDE

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Codifica binaria dei numeri

Codifica binaria dei numeri Codifica binaria dei numeri Caso più semplice: in modo posizionale (spesso detto codifica binaria tout court) Esempio con numero naturale: con 8 bit 39 = Codifica in virgola fissa dei numeri float: si

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi. Identifica alcune proprietà dei materiali. Confronta e valuta quantità. Utilizza simboli per registrare materiali e quantità.

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE Ottobre/Novembre Unità 1 MISURE E FORME - LA QUANTITA Prerequisiti: Acquisizione dei concetti relativi all orientamento

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA IL NUMERO CLASSE PRIMA Operare con il numero e impiegare specifiche abilità disciplinari come strumenti per affrontare esperienze di vita quotidiana. Comprende il significato

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni

LA CONOSCENZA DEL MONDO SCUOLA DELL INFANZIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA DEL MONDO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni Riconoscere la quantità. Ordinare piccole quantità. Riconoscere la quantità. Operare e ordinare piccole

Dettagli

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Macroindicatori di conoscenze/abilità Comprensione: -del significato dei numeri -dei modi per rappresentarli -della notazione posizionale dei traguardi per

Dettagli

Sistemi di Numerazione

Sistemi di Numerazione Fondamenti di Informatica per Meccanici Energetici - Biomedici 1 Sistemi di Numerazione Sistemi di Numerazione I sistemi di numerazione sono abitualmente posizionali. Gli elementi costitutivi di un sistema

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DI CALCOLO ARITMETICO SCRITTO E MENTALE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI Stabilire

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI ATTIVITA OBIETTIVI SPECIFICI

MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI ATTIVITA OBIETTIVI SPECIFICI MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI Acquisire maggiore capacità di osservare, di problematizzare, di ordinare, di quantificare e di misurare fatti e fenomeni della realtà; sviluppare le abilità necessarie per

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ NUMERI 1. Opera con i numeri 1a. Contare in senso progressivo o regressivo fino a 20 1b. Leggere

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

Matematica classe 1^

Matematica classe 1^ NUCLEO TEMATICO 1 Numeri 1 L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. 7 legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici. NUCLEO TEMATICO 2

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli