Attività formative per i dipendenti e gli amministratori degli Enti Locali Corsi di formazione in-house

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività formative per i dipendenti e gli amministratori degli Enti Locali Corsi di formazione in-house"

Transcript

1 Amministrativa e legale Personale Strategie organizzative Servizi pubblici locali Comunicazione istituzionale Controlli Fiscale Contabile Finanziamenti europei Tributi locali Attività produttive Ambiente, urbanistica e sicurezza Innovazione e dematerializzazione P.A. Informatica & internet Terzo Settore e rapporti con la P.A. Speciale Legge di stabilità e Bilancio degli Enti Locali Attività formative per i dipendenti e gli amministratori degli Enti Locali Corsi di formazione in-house 1

2 2

3 Introduzione In un contesto di grandi cambiamenti legislativi, la formazione ed il continuo aggiornamento professionale dei dipendenti costituisce uno dei principali strumenti per migliorare la funzionalità e l efficienza delle Pubbliche Amministrazioni. L acquisizione di competenze ha assunto oggi un ruolo fondamentale negli Enti pubblici, tuttavia, se la formazione è attuata in maniera episodica ed estemporanea, rischia di diventare solo un ulteriore occasione per sprecare risorse. Sulla base dell esperienza maturata nel progettare e realizzare interventi formativi specialistici per Amministrazioni locali, il Centro Studi Enti Locali propone ai Responsabili della formazione di Comuni, Province, Unioni di Comuni, Comunità Montane, società, enti e aziende partecipate il proprio programma di Corsi di formazione in-house. In particolare gli esperti dei Centro Studi Enti Locali sono a disposizione della clientela per la rilevazione dei bisogni formativi e per attività di progettazione e di elaborazione di piani formativi annuali e pluriennali su misura delle specifiche esigenze di ciascuna amministrazione pubblica locale. Aree tematiche Con l obiettivo quindi, di favorire la promozione e il miglioramento dei servizi, il sostegno all innovazione e allo sviluppo organizzativo e assicurare il costante adeguamento delle competenze dei dipendenti inseriti in ogni categoria di appartenenza il Centro Studi propone oltre 100 corsi di formazione che toccano le seguenti aree: Amministrativa e legale, personale, strategie organizzative, Servizi pubblici locali, comunicazione istituzionale, controlli, fiscale, contabile, tributi locali, attività produttive, ambiente urbanistica e sicurezza, informatica e internet, terzo settore. Qualità e metodologie didattiche Ciascuna delle proposte formative di seguito riportate è caratterizzata da: Flessibilità È possibile intervenire in specifici fattori di criticità all interno dell Ente, oppure sviluppare processi trasversali di crescita professionale dei dipendenti. Adattabilità Ogni programma può essere adattato alle particolari esigenze dell Ente 1

4 Economicità La spesa per la realizzazione dei Corsi in-house è sicuramente minore rispetto a quella a cui l Ente andrebbe incontro autorizzando la partecipazione dei propri dipendenti ai convegni fuori sede Praticità I Corsi sono articolati avendo particolare riguardo agli aspetti pratico-operativi e alla disamina di casi concreti, oltre al necessario inquadramento teorico-normativo Autorevolezza Il gruppo docenti è costituito da professionisti del settore pubblico con una pluriennale esperienza maturata nell attività didattica e consulenziale Interattività In ciascuna lezione alla tradizionale parte frontale seguirà una parte interattiva volta a favorire il trasferimento di eccellenze e best practies, analisi e approfondimenti di case-study, esercitazioni e applicazioni pratiche in modo da permettere visione globale delle problematiche affrontate durante i vari corsi. Valutazione Attività di valutazione e monitoraggio effettuate in conformità alle procedure previste dal Sistema di gestione della Qualità, UNI EN ISO 9001:2008 attraverso l applicazione di indicatori di performance diversificati e specifici per valutare l efficacia e l efficienza dell azione formativa Rilevamento e analisi del fabbisogno formativo E possibile effettuare il rilevamento e la conseguente analisi del fabbisogno formativo dei dipendenti dell Ente, configurando gli interventi formativi necessari alla crescita professionale e al raggiungimento degli obiettivi di medio lungo periodo dell Amministrazione. 2

5 Novità 1) Area Merito e performance Centro Studi Enti Locali ha attivato un area dedicata alla formazione di tecnici esperti dei nuovi Organismi indipendenti di valutazione (Odv) introdotti dall art. 7 del Dlgs. n. 150/09 nell Ordinamento degli Enti Locali. 2) Centro Studi Enti Locali propone di abbinare alle iniziative formative a carattere frontale anche alcuni strumenti innovativi, come la Formazione a distanza (Fad). La Fad è infatti un supporto tecnologico e di affiancamento alle tradizionali modalità formative, che permette un servizio di aggiornamento continuo audio-video fruibile direttamente dal proprio pc, autogestito, in grado di limitare i tempi e le spese invece connesse con le modalità formative frontali. Gli operatori dell Ente Locale potranno così usufruire di un canale innovativo per lezioni e corsi incentrati sulle principali tematiche connesse con la propria funzione e professione. All interno del ns. catalogo dei corsi, abbiamo selezionato un percorso formativo, specificatamente diretto all aggiornamento professionale dei professionisti Revisori degli Enti Locali, predisposto tenendo conto delle variegate esigenze professionali che un Revisore incontra quando si trova ad intraprendere l attività in un Ente Locale, accreditato presso l Ordine dei Dottori commercialisti ed Esperti contabili di Pisa, valido ai fini del riconoscimento dei Crediti formativi professionali (Cfp), per il periodo gennaio-dicembre 2010, per tutti i professionisti iscritti all Albo. 3

6 Indice Area Amministrativa e Legale pag.11 - Il nuovo procedimento amministrativo dopo la riforma attuata con la Legge n. 69/09 pag.13 - La redazione degli atti amministrativi alla luce della riforma della Legge 69/09 pag.14 - La P.A. che verrà: la Riforma Brunetta tra innovazione e difficoltà applicative pag.15 - Inquadramento generale della normativa a tutela della privacy e il diritto di accesso agli atti pag.16 - Studio e applicazione della Legge negli Enti locali: nozioni di diritto amministrativo e diritto costituzionale pag.17 - Diritto amministrativo pag.18 - Diritto costituzionale pag.19 - La stipula degli atti pubblici e delle scritture private autenticate pag.20 - Contratti nell Ente Locale pag.21 - Codice della strada pag.22 - La gestione del contenzioso negli Enti Locali pag.23 - Gestione e recupero crediti nella P.A. pag.24 - Il nuovo albo elettronico degli Enti Locali (art. 32 della Legge n. 69/09) pag.25 - Le notificazioni: le principali novità legislative pag.26 - Corso per Amministratori degli Enti Locali - Corso Base pag.27 - Corso per Amministratori degli Enti Locali - Corso Avanzato pag.28 - Il Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture alla luce delle ultime novità legislative introdotte pag.29 - Il Documento Unico di Regolarità Contributiva: aspetti normativi e problematiche concrete pag.30 - L attività contrattuale minore degli Enti Pubblici pag.31 - Modalità di affidamento di appalti di forniture di beni e servizi in ambito culturale nel nuovo Codice dei contratti pag.32 - Le figure innovative del Dlgs. n. 163: accordo quadro, dialogo competitivo e le nuove strategie di acquisto della PA pag.33 - I processi di sponsorizzazione pag.34 4 Area personale - Le responsabilità penali civili e amministrative dei Responsabili di servizio, del Direttore generale, e degli Amministratori pag.35 pag.37

7 - Le nuove linee guida del sistema di valutazione del personale: le performance e il sistema premiante pag.38 - Comportamenti organizzativi e orientamenti al risultato pag.39 - Il personale tra opportunità di assunzione e vincoli di spesa pag.40 - Come si legge una busta paga. Lettura semplificata del cedolino pag.41 - La contrattazione e la concertazione pag.42 - La costituzione e l utilizzo del fondo pag.43 - La disciplina degli incarichi esterni presso gli enti locali pag.44 - Le Modalità di erogazione dei compensi per gli incarichi esterni presso gli enti locali pag.45 - L analisi del fabbisogno formativo e il piano formativo pag.46 Area strategie organizzative pag.47 - Modelli direzionali e politiche di gestione delle risorse umane: il ruolo e l attività del Dirigente pag.48 - Customer satisfaction pag.49 - L evoluzione della Pubblica Amministrazione: le aspettative dei cittadini, i nuovi servizi pag.50 - La motivazione del personale pag.51 - L organizzazione per processi pag.52 - Determinazione dei carichi di lavoro pag.53 - La Citizen Satisfaction tra visibilità, trasparenza e semplificazione: l istituzione degli URP e dei Call-Center pag.54 - Dalla gestione per obiettivi al sistema della qualità totale pag.55 Area servizi pubblici locali pag.56 - Le società partecipate degli Enti Locali: gestione dei rapporti e Control Governance come strumento strategico pag.57 - La Governance delle partecipate: programmazione e controlli pag.58 - Servizi Pubblici Locali: le prospettive di riforma e il monitoraggio delle società partecipate pag.59 - La gestione dei servizi culturali e del tempo libero in affidamento a fondazioni, associazioni, onlus, pro-loco pag.60 - La gestione dei servizi pubblici locali privi di rilevanza economica: la gestione dei servizi sociali, le istituzioni e il sistema integrato di servizi pag.61 - Sistemi di valutazione del bisogno nell erogazione di contributi e servizi assistenziali pag.62 5

8 Area comunicazione istituzionale pag.63 - Il Bilancio sociale come comunicazione: i nuovi strumenti di partecipazione e rendicontazione nell Ente Locale pag.64 - L attività di informazione e comunicazione: la partecipazione attiva pag.65 - La responsabilità sociale nell Ente Locale pag.66 - Operatore di Front Office pag.67 - Public speaking: come parlare in pubblico pag.68 - Lingua inglese pag.69 - Lingua francese pag.70 Area Controlli pag.71 - I controlli interni, la Corte dei Conti e i controlli della Ragioneria Generale dello Stato sull attività degli Enti Locali pag.73 - I controlli interni ed il controllo di gestione pag.74 Area Fiscale pag.75 - La gestione fiscale ai fini IVA del patrimonio immobiliare degli Enti Locali come nuova risorsa di bilancio pag.77 - Federalismo fiscale e finanza locale: problematiche e opportunità pag.78 - L Isee: disciplina generale e sua utilizzazione per l accesso ai servizi comunali e per la compartecipazione alle spese pag.79 - L applicazione dell Irap nei principali servizi degli Enti Locali pag.80 - L applicazione dell Iva nei principali servizi degli Enti Locali pag.81 - Le novità Irpef introdotte dalla Legge Finanziaria e le novità per i sostituti d imposta pag.82 - Il trattamento fiscale delle diverse tipologie di contributi erogati da un Amministrazione comunale pag.83 - Il trattamento fiscale dei rimborsi spese a dipendenti e professionisti esterni pag.84 Area Contabile - La cessione dei crediti degli Enti Locali: tra sana e corretta gestione di bilancio e opportunità economica - La gestione attiva dell indebitamento: ristrutturazione del debito e strumenti di finanza derivata - La gestione del patrimonio: disciplina amministrativa ed aspetti contabili pag.85 pag.87 pag.88 pag.89 6

9 - La relazione previsionale e programmatica ed il piano esecutivo di gestione: predisposizione, gestione e rendicontazione pag.90 - La gestione degli investimenti: le fonti di finanziamento pag.91 - I rapporti economici e finanziari tra Ente Locale e Istituzioni Scolastiche pag.92 - I Principi contabili per gli Enti Locali pag.93 - Pianificazione e programmazione locale: il Piano generale di sviluppo, la Relazione previsionale e programmatica, il Piano esecutivo di gestione e la Programmazione strategica pag.94 - Il Piano generale di sviluppo pag.95 - Dalla contabilità finanziaria alla contabilità economica pag.96 - Bonus straordinario per famiglie, lavoratori, pensionati e non autosufficienti pag.97 Area finanziamenti europei pag.98 - I finanziamenti dell Unione europea: come accedervi, come utilizzarli pag.99 - Tecniche e metodi di progettazione pag La gestione e rendicontazione di un progetto finanziato pag.101 Area Tributi Locali pag La riforma delle riscossioni e l impatto sulla gestione dei tributi locali pag La gestione dell Ici in tutte le sue fasi: gestione, riscossione, contenzioso pag Corso di formazione e aggiornamento in materia di tributi locali pag Ingiunzione fiscale e riscossione coattiva pag.106 Area attività produttive pag Lo sportello unico per le attività produttive e lo sportello unico per l edilizia pag L attività di promozione dello sviluppo economico pag che può esercitare l Ente Locale pag Il marketing territoriale pag Commercio su aree pubbliche, in sede fissa ed itinerante pag Commercio ed Esercizi Pubblici finalizzato al controllo degli agriturismi pag.113 7

10 Area Ambiente, urbanistica e sicurezza pag Il Testo unico sulle espropriazioni di pubblica utilità pag I beni pubblici: beni demaniali e beni patrimoniali pag Project financing e le novità introdotte dal terzo decreto correttivo pag Perequazione urbanistica pag L urbanistica partecipata pag Il piano casa pag L housing sociale pag La sicurezza nei luoghi di lavoro pag La Gestione Ambientale negli Enti Locali pag Le competenze ambientali dell Ente Locale pag La valutazione ambientale di politiche, piani e programmi pag Manutenzione del verde pubblico pag Progettazione strade, rotatorie e barriere di sicurezza pag La sicurezza nei cantieri pag Il codice dell ambiente pag Problematiche inerenti all ERP pag Corso per addetti al pronto soccorso pag Corso di approfondimento per responsabili ed addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione pag Strumenti volontari per l ambiente: un modello operativo, Agenda 21 Locale - simulazione Forum pag Abusivismo edilizio e ambientale pag.133 Area Innovazione e dematerializzazione P.A. pag Posta elettronica, posta elettronica sicura e PEC: autenticità e trasmissione del documento informatico pag Dematerializzazione della documentazione amministrativa: documento informatico, fascicolo elettronico e conservazione a norma pag Il servizio archivio e protocollo ed il Manuale di Gestione pag La PA che verrà: amministrazione digitale e documento informatico pag La sicurezza informatica dei dati e l applicazione del codice della privacy pag Area informatica & internet pag Excel di base ed avanzato per la pubblica amministrazione pag Word di base ed avanzato per la pubblica amministrazione pag Banche dati e web mailing con Excel ed Outlook pag.143

11 - marketing sviluppato con software tipo web-editor e Outlook per la pubblicizzazione di eventi (convegni, seminari) organizzati dall Ente pag Guida a internet e motori di ricerca pag La corretta manutenzione del PC pag Organizzarsi con Outlook pag Difendersi dai virus informatici pag.149 Area Terzo Settore e rapporti con la P.A. pag La costituzione e la partecipazione a organizzazioni non profit pag Il rapporto diretto tra ente pubblico ed organizzazioni non profit pag.152 Speciale Legge di stabilità e Bilancio degli Enti Locali Coupon di richiesta informazioni pag.153 pag.155 9

12 10

13 Area Amministrativa e Legale Relatori: Dott. Massimiliano Atelli Magistrato di Corte dei Conti, Consulente Presidenza del Consiglio dei Ministri Avv. Eleonora Barneschi Avvocato amministrativista, consulente di Enti Pubblici Avv. Alberto Benedetti Specialista nel Diritto dell Amministrazione Pubblica Avv. Alberto Bicocchi Avvocato, Consulente di Enti Pubblici, Enti Locali e Amministrazioni pubbliche Avv. Gionata Billi Avvocato, consulente di Enti pubblici Dott. Antonino Borzumati Dirigente/Comandante - Settore Polizia locale e Protezione Civile di Cinisello Balsamo (MI) Dott.ssa Arianna Buti Esperta in programmazione e progettazione europea Avv. Silvia Carlini Avvocato,consulente di Enti Pubblici Avv. Stefano Ciulli Avvocato, consulente di Enti Pubblici Dott. Claudio Galtieri Magistrato di Corte dei Conti, Consulente Presidenza del Consiglio dei Ministri Prof.ssa Daniela Gasparrini Avvocato, Docente di Diritto Amministrativo all Università di Macerata 11

14 Avv. Valentina Giomi Avvocato, Docente a contratto presso l Università di PISA Facoltà di Giurisprudenza Luciano Legnazzi Comandante della Polizia Locale del Comune di Cilavegna (PV), docente I.R.E.F. di Milano in materia di Codice della strada e legislazione commerciale Dott. Marco Panaro Dipendente del Comune di Trezzano sul Naviglio, con ruolo di istruttore amministrativo responsabile di unità organizzativa. Titolare dell Ufficio Gare e Contratti Dott. Michele Parenti Segretario generale Provincia di La Spezia esperto nelle materie giuridiche, collaboratore di primarie società ed istituzioni formative di rilievo nazionale Dott. Giuseppe Carmine Pinelli Avvocato, ricercatore Università di Pisa, Facoltà di giurisprudenza Dott.ssa Alessia Rinaldi Consulente di Enti Pubblici, Enti Locali ed Amministrazioni pubbliche Dott. Tiziano Tessaro Segretario Generale del Tar Veneto, Professore a contratto di Diritto regionale e degli Enti Locali Università di Padova Dott. Nicola Tonveronachi Dottore Commercialista, Consulente Amministrazioni ed Enti Pubblici, Revisore contabile, Presidente Commissione Fiscalità Enti pubblici Cndcec Avv. Giovanni Vaglio Avvocato, ricercatore presso l Università di Pisa Facoltà di Giurisprudenza 12

15 Il nuovo procedimento amministrativo dopo la riforma attuata con la Legge n. 69/09 Le novità: Il procedimento amministrativo: principi generali e inquadramento normativo Le modifiche introdotte alla Legge n. 241/90 dalla Legge n. 15/05 e dalla Legge n. 80/05 Introduzione alle principali novità introdotte dalla Legge n. 69/09 La disciplina del procedimento, le nuove norme sull azione amministrativa Il ruolo del responsabile del procedimento La partecipazione al procedimento Il coordinamento dell azione amministrativa (le conferenze di servizi) La nuova articolazione per fasi del procedimento amministrativo: - Le novità in tema di fase preparatoria - Le novità in tema di fase costitutiva - La fase integrativa dell efficacia Il collegamento tra organi ed Enti nello svolgimento dell azione amministrativa Il nuovo regime del termine per la conclusione del procedimento e la certezza dei tempi di conclusione del procedimento(art. 7 Legge n. 69/09) Il risarcimento dei danni e le responsabilità (art. 10 della Legge n. 69/09). Il comportamento silenzioso dell Amministrazione. Cenni sul diritto di accesso agli atti (Legge n. 241/90, così come modificata dalla Legge n. 15/05) e sulle norme a tutela della privacy (Dlgs. n. 196/03) n. 1 giornata di 6 ore 13

16 La redazione degli atti amministrativi alla luce della riforma della Legge n. 69/09 Elementi di Diritto Amministrativo: requisiti dell atto Elementi essenziali e accidentali e struttura formale dell atto Principi operativi e tipologie di atti: autorizzazioni, concessioni, comunicazioni Le deliberazioni del Consiglio e della Giunta: definizione, forme e contenuti, istruttoria e pareri, la motivazione, la verbalizzazione, l impegno di spesa, la pubblicazione, l esecutività, l impugnazione, le deliberazioni d urgenza della Giunta Le determinazioni dei dirigenti e dei responsabili dei servizi: disciplina generale e normativa di riferimento, le competenze dei dirigenti, natura, forma e contenuti delle determinazioni, la pubblicazione e l esecutività Termini di chiusura dei procedimenti Il silenzio amministrativo e la tutela per il privato Il contraddittorio fra privato e amministrazione interno al procedimento: l art. 10 bis Il decreti e le ordinanze del Sindaco: le competenze del Sindaco, natura e forma dell attività di decretazione Il potere di ordinanza, le ordinanze ordinarie, contingibili ed urgenti I vizi degli atti amministrativi Le sanatorie legali n. 1 giornata di 6 ore 14

17 La P.A. che verrà: la Riforma Brunetta tra innovazione e difficoltà applicative Dal Dl. n. 112/08 convertito con Legge n. 133/08 (Manovra d Estate 2008) al Dl. n. 78/09 convertito con Legge n. 102/09 (Manovra d Estate 2009) alla Legge n. 15/09 ed al Dlgs. n. 150/09 Le novità in materia di incarichi esterni: - Presupposti per l affidamento, limiti e vincoli - L attività di programmazione - Distinzioni tra incarichi esterni e lavoro subordinato - Distinzione tra incarichi e prestazioni di servizio - Le fattispecie escluse - Procedure comparative: obbligo o facoltà per gli Enti - Gli adempimenti dei Revisori - Interventi della giurisprudenza e della Corte dei conti Le novità in materia di assenze per malattia e lavoro flessibile Le nuove linee guida del sistema di valutazione Il ciclo di gestione della performance: - Trasparenza e rendicontazione della performance - Soggetti del processo di misurazione e valutazione della performance Il nuovo sistema di merito per premi Le novità in materia di contrattazione nazionale e integrativa I criteri meritocratici e selettivi e le modalità concrete di loro applicazione nella contrattazione decentrata integrativa La nuova configurazione della responsabilità disciplinare - Il nuovo procedimento disciplinare - Poteri e responsabilità del dirigente - Illeciti e sanzioni: assenze e controlli La determinazione della spesa di personale ed i riflessi su di essa di quelle sostenute dalle Società partecipate dall Ente Locale La verifica del rispetto dell obiettivo di contenimento della spesa pubblica per Enti Locali e Società partecipate n. 1 giornata di 6/7 ore 15

18 Inquadramento generale della normativa a tutela della privacy e il diritto di accesso agli atti Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, ultime novità legislative in tema di Privacy e Circolari del Garante sulla Privacy Diritto alla protezione dei dati personali, il principio di necessità nel trattamento dei dati, la definizione di dati personali, dati sensibili, dati giudiziari I soggetti incaricati del trattamento I Diritti dell interessato Regole generali per il trattamento dei dati: come trattare i dati sensibili, come trattare dati giudiziari Registri pubblici e albi professionali Il trattamento dati per finalità di rilevante interesse pubblico Il trattamento dati per finalità storiche, statistiche e di ricerca scientifica La particolare disciplina di accesso ai dati anagrafici, elettorali e di stato civile Il regime sanzionatorio Attività di controllo e ispettive Attività sanzionatorie e di tutela La particolare disciplina di accesso ai dati anagrafici, elettorali e di stato civile Il regime sanzionatorio Notificazione del trattamento al Garante Le ultime circolari attuative del Garante della Privacy Procedure per l adozione delle nomine per incaricati e responsabili. Il diritto di accesso agli atti e ai documenti amministrativi: L art. 10 del Tuel e la Legge n. 241/90, così come modificata dalla Legge n. 15/05 Il regolamento comunale Il diritto di accesso agli atti Il diritto all informazione Il diritto al rilascio di copia Il rifiuto, il differimento e le limitazioni all accesso n. 2 giornate di 6 ore 16

19 Studio e applicazione della Legge negli Enti locali: nozioni di diritto amministrativo e diritto costituzionale Definizioni: legge, fonti normative Il contrasto tra norme:criteri di gerarchia, cronologico e di competenza Le fonti legislative: costituzionale, primarie, secondarie Leggi costituzionali, Decreti- Legge, Decreti Legislativi, Leggi Regionali, Regolamenti, Circolari amministrative, consuetudini Fonti di origine comunitaria: regolamenti, direttive, decisioni, raccomandazioni, pareri Costituzione e ordinamento giuridico: la riforma del Titolo V della Costituzione Costituzione e Amministrazione: i principi costituzionali dell Amministrazione Aggiornamento normativo: studio della legge nell ottica della competenza L applicazione della normativa: i problemi applicativi, contrasti tra fonti, interpretazioni Verso il superamento delle consuetudini: la risposta competente e il cittadino competente Il pubblico impiego Il procedimento, il provvedimento e invalidità degli atti amministrativi I servizi pubblici La giustizia amministrativa Le regole costituzionali dell adesione all Unione Europea Cenni al federalismo fiscale n. 1 giornata di n. 6 ore 17

20 Diritto amministrativo Il diritto amministrativo e le sue fonti La P.A. nell ordinamento italiano Le organizzazioni pubbliche La disciplina generale della pubblica amministrazione Il pubblico impiego Il procedimento, il provvedimento e invalidità degli atti amministrativi I servizi pubblici La giustizia amministrativa n. 1 giornata di 5 ore 18

21 Diritto costituzionale Il nuovo procedimento amministrativo La Costituzione come regola del processo decisionale pubblico Il sistema delle fonti del diritto Il controllo di costituzionalità La tutele e le garanzie dei diritti fondamentali Le regole costituzionali dell adesione all Unione Europea 1 giornata di 5 ore 19

22 La stipula degli atti pubblici e delle scritture private autenticate Le attività preordinate alla stipula dell atto pubblico - Il segretario generale e la sua funzione di Notaio dell Ente: suoi compiti specifici - Adempimenti anteriori alla stipula: 1. Verifica della capacità e delle legittimazione ad essere parte contrattuale dello stipulante 2. Verifica della documentazione presentata 3. Visure catastali, ipotecarie e camerali Le tecniche di redazione dell atto pubblico ai sensi della legge notarile e successive modifiche: 1. La comparizione 2. Parte centrale dell atto 3. La Chiusa 4. Le postille Adempimenti successivi alla stipula: registrazione, trascrizione e volturazione La nullità dell atto pubblico e la responsabilità dell Ufficiale rogante Il carattere tassativo degli atti rogabili n. 1 giornata di 6 ore 20

23 Contratti nell Ente Locale Varie tipologie di contratti Contratto di appalto di lavori, forniture e servizi: tecniche redazionali e regime fiscale Contratto di Project financing: tecniche redazionali e regime fiscale Atti costitutivi di società, Consorzi, Associazioni L atto pubblico relativo ai trasferimenti di diritti reali immobiliari Contratti di compravendita Contratti di permuta Contratto di cessione bonaria a seguito di procedura espropriativa Contratti di trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà di aree PEEP e PIP Le clausole necessarie e clausole opportune L atto pubblico e la scrittura privata autenticata Redazione dell autentica Responsabilità dell Ufficiale rogante nella scrittura privata autenticata Sostanziale equiparazione dopo l entrata in vigore della Legga n. 246/05 n. 1 giornata di 6 ore 21

24 Codice della strada Legge n.160/07 e le ultime modifiche apportate al Codice della strada La natura del verbale/ preavviso, la redazione del verbale La fase della contestazione e della notificazione, gli errori da evitare Gli strumenti elettronici per il controllo delle violazioni stradali anche alla luce dei recenti problemi legati alla taratura delle apparecchiature La gestione del contenzioso La patente a punti, la patente di servizio L attività di controllo dei documenti di guida, fermo e sequestro dei veicoli La circolazione dei ciclomotori con particolare riferimento alla nuova disciplina del fermo e del sequestro ed alla luce di un percorso operativo tecnicogiuridico relativo ai ciclomotori maggiorati La disciplina dei veicoli abbandonati Un attività particolare di controllo di Polizia Stradale: il trasporto dei rifiuti n. 2 giornate di 6 ore 22

25 La gestione del contenzioso negli Enti Locali Il nuovo contenzioso amministrativo e gli strumenti difensivi per l impresa: L interpello Effetti della certificazione dei contratti di lavoro Scritti difensivi e audizione Ricorso alla Direzione regionale del lavoro Ricorso al Comitato regionale per i rapporti di lavoro Ricorso in opposizione dinanzi al Tribunale Ambito soggettivo: la legittimazione processuale dell Ente Locale Gli strumenti deflativi del contenzioso: autotutela, accertamento con adesione, conciliazione giudiziale n. 1 giornata di 6 ore Il contenzioso tributario degli Enti Locali: Ambito oggettivo: gli atti impugnabili 23

26 Gestione e recupero crediti nella P.A. Acquisizione degli atti di credito Strumenti di riscossione: - La riscossione spontanea - La riscossione a mezzo ruolo - La riscossione coattiva effettuata dal concessionario e da soggetti diversi dal concessionario - L ingiunzione fiscale La potestà regolamentare degli Enti Locali in materia di riscossione Spese per il recupero Notifica del debitore ceduto Il recupero crediti in via stragiudiziale La prevenzione in fase contrattuale Il recupero crediti in via giudiziale: - Panoramica delle procedure giudiziali - Cenni alle procedure concorsuali - I riflessi penali dell insoluto Il diritto agli interessi legali ed alla rivalutazione monetaria n. 1 giornata di 5 ore La notifica degli atti impositivi: - La notificazione secondo il codice di procedura civile - I principali vizi della notificazione alla luce della normativa e della più recente giurisprudenza in materia 24

27 Il nuovo albo elettronico degli Enti Locali (art. 32 della Legge n. 69/09) Il percorso normativo dalle origini dell albo pretorio al nuovo art. 32 della Legge n. 69/09 Una rivoluzione copernicana: la nuova pubblicità legale degli atti La pubblicità notizia, dichiarativa e costitutiva Il documento informatico Le varie fasi del procedimento amministrativo la fase integrativa dell efficacia La pubblicazione come fase del procedimento amministrativo La pubblicazione all albo pretorio delle delibere e delle determine: gli artt. 124 e 151 Tuel L efficacia e l esecutivita delle delibere e delle determine Pubblicazione degli atti e provvedimenti restrittivi: l art. 21-bis della Legge n. 241/90 la necessarietà della comunicazione L abrogazione implicita delle modalità cartacee di pubblicazione di cui all art. 26 della Legge n. 241/90 Pubblicazione, accesso e informazione alla luce delle linee guida del Garante della Privacy adottate con la Deliberazione del 19 aprile 2007 Gli accorgimenti operativi per la pubblicazione all albo informatico Albo pretorio e privacy Il regolamento sull informazione e riepilogo dei vari regolamenti dell ente locale Il rapporto tra l art. 10 Tuel, l art. 22 della Legge n. 241/90 e il nuovo art. 11 Dlgs. n. 150/09 Pubblicazione informatica e (differente ) modalità di redazione degli atti La sicurezza del documento informatico e le sue modalità di conservazione Il piano di sicurezza interno e la governance del patrimonio informativo interno all ente I nuovi responsabili della pubblicazione all albo pretorio elettronico Le norme di sicurezza e il documento programmatico sulla sicurezza Rapporto tra art. 15 Codice privacy e art c.c.: trattamento dei dati e attività pericolose n. 1 giornata di 5 ore 25

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione consiliare n. 45 del 27.9.2010 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI - ARTICOLO 1 FINALITA ED AMBITO

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLI CRISTINA Telefono Uff. 050 509750 Fax 050 509471 E-mail c.cappelli@sns.it Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli